3 February 2023

Ryanair e Shell firmano un accordo per il carburante sostenibile

[ 0 ]

Thomas Fowler Ryanair, Michael OLeary Ryanair, Jan Toschka Shell and Ashleigh McDougall Shell

Ryanair e Shell hanno firmato un memorandum of understanding per promuovere la fornitura di carburante sostenibile per l’aviazione in oltre 200 aeroporti Ryanair in tutta Europa, con particolare attenzione alla fornitura Saf per le più grandi basi di Ryanair come Dublino e Londra Stansted.

Sebbene il Saf sia un fattore chiave per la decarbonizzazione dell’aviazione, attualmente rappresenta solo una piccola parte consumo mondiale di carburante per aerei. Questo accordo con Shell offre a Ryanair un potenziale accesso a 360.000 tonnellate (120 milioni di galloni) di Saf tra il 2025 e il 2030, risparmiando oltre ca. 900.000 tonnellate di emissioni di CO2 (pari a oltre 70.000 voli da Dublino a Milano). Il Saf coperto da questo accordo potrebbe potenzialmente essere realizzato attraverso più processi tecnologici diversi e con un’ampia gamma di materie prime sostenibili.

Questo accordo dimostra l’impegno sia di Ryanair sia di Shell a lavorare insieme per investire nella fornitura di carburanti SAF. Ryanair si è posta obiettivi ambiziosi puntando al 12,5% di SAF entro il 2030 e zero emissioni nette entro il 2050.

«Il SAF svolge un ruolo chiave nella nostra strategia Pathway to Net Zero e anche nel nostro impegno per un obiettivo del 12,5% di SAF entro il 2030 – ha detto Thomas Fowler, director of sustainability di Ryanair -. L’accordo odierno con Shell aiuta Ryanair avere accesso a circa il 20% di questo ambizioso obiettivo. Shell è un partner chiave per la sostenibilità di Ryanair e non vediamo l’ora di rafforzare questa collaborazione con Shell mentre il nostro Gruppo cresce in modo sostenibile, con l’obiettivo di trasportare 225 milioni di passeggeri all’anno entro il FY26».

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438532 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hong Kong ha lanciato una nuova campagna di promozione globale - 'Hello, Hong Kong' - che prevede la distribuzione gratuita di 500.000 biglietti aerei nell'intento di attrarre un maggior numero di visitatori. Il leader della città John Lee ha dichiarato che si tratta "probabilmente del più grande benvenuto del mondo".  La maggior parte dei biglietti - per un valore di 2 miliardi di dollari di Hong Kong (210 milioni di sterline) - verrà offerta gratuitamente da tre compagnie aeree (Cathay Pacific Airways, la divisione low cost HK Express e Hong Kong Airlines International Holdings) attraverso varie attività promozionali, ha sottolineato Fred Lam, amministratore delegato dell'Autorità aeroportuale della città. L'offerta prenderà il via all'inizio di marzo e durerà sei mesi durante i quali ci saranno diversi modi per vincere i biglietti, come dalla lotteria agli acquisti due per uno. "Crediamo che l'iniziativa possa contribuire a portare a Hong Kong oltre 1,5 milioni di visitatori" ha dichiarato Lam. Le compagnie aeree distribuiranno i biglietti in fasi successive, con i mercati del Sud-est asiatico che ne beneficeranno per primi. Altri 80.000 biglietti aerei saranno regalati ai residenti di Hong Kong durante l'estate. Il governo sta cercando di rilanciare l'economia e di ricostruire l'immagine globale di Hong Kong, penalizzata dagli eventi del 2019, dall'imposizione di severe leggi sulla sicurezza nel 2020 e dai tre anni di isolamento autoimposto durante la pandemia. Il prodotto interno lordo si è ridotto del 3,5% lo scorso anno, la terza contrazione in quattro anni. Secondo l'ente del turismo, nel 2022 Hong Kong ha accolto circa 605.000 visitatori grazie alla progressiva riduzione delle restrizioni Covid, rispetto ai 91.000 del 2021. Il dato si confronta con i quasi 56 milioni del 2019, prima dell'arrivo della pandemia. [post_title] => 'Hello, Hong Kong': 500.000 biglietti aerei gratuiti per attrarre visitatori nella città [post_date] => 2023-02-02T12:49:57+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675342197000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438522 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair aveva scommesso sull'Ucraina prima della guerra. E ora si prepara a tornare  nel Paese appena possibile, per questo sta reclutando piloti e personale di cabina per riportare la normalità.  Michael O'Leary, capo della compagnia aerea low cost, ha dichiarato che «attualmente stiamo reclutando un gran numero di piloti e membri dell'equipaggio di cabina in Ucraina, in modo da poter lanciare le nostre basi nel Paese. Ci impegniamo a tornare in Ucraina il prima possibile». I voli per l'Ucraina sono stati sospesi durante il mese di febbraio dello scorso anno, dopo l'invasione russa. O'Leary, all'epoca, disse che Ryanair sarebbe stata la prima compagnia aerea a tornare, non appena la guerra fosse finita. Piani di espansione Ryanair, che in Ucraina era in concorrenza con Wizz Air e con le due compagnie aeree locali, operava prima del conflitto in cinque aeroporti, poi ha annunciato l'intenzione di raggiungere tutti i dodici aeroporti e dedicare venti aerei alle proprie basi. In questi momenti, il personale ucraino può essere, intanto, una buona risorsa pe4r sostenere il personale in altre parti d'Europa. Ryanair, come British Airways ed Easyjet, ha subito offerto lavoro ai dipendenti della defunta Flybe che, in teoria, a questo punto avrebbero già dovuto essere collocati presso una delle compagnie aeree rivali. [post_title] => Ryanair recluta personale ucraino e punta a ritornare nel Paese [post_date] => 2023-02-02T11:54:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675338894000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438476 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair aggiunge Liverpool al network delle destinazioni servite da Roma Ciampino: la nuova destinazione sarà servita da due collegamenti alla settimana, a partire dal prossimo aprile. "Con l'avvicinarsi della Pasqua e dell'estate 2023, siamo lieti di offrire ancora più scelta e valore ai nostri clienti italiani con l'aggiunta di questa nuova rotta per Liverpool al nostro operativo per l'estate 2023, offrendo ai clienti di Roma una scelta ancora più ampia per programmare le tanto attese vacanze estive - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager per l'Italia della low cost -. Per l'occasione abbiamo lanciato una promozione a tempo limitato dedicata a coloro che vogliono prenotare in anticipo le vacanze estive 2023, con tariffe a partire da 29,99 euro". [post_title] => Ryanair collegherà Roma Ciampino a Liverpool, dal prossimo aprile [post_date] => 2023-02-02T09:04:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675328664000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438367 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438368" align="alignleft" width="300"] Neal McMahon[/caption] Ryanair ha chiesto ancora una volta alla Commissione europea di agire immediatamente per proteggere i sorvoli durante l'ennesimo sciopero dei controllori del traffico aereo francese che si terrà dalle 17 del 30 gennaio alle 06 del 1° febbraio, come già avvenuto in Grecia e in Italia, e per evitare inutili disagi ai piani di viaggio dei cittadini europei provenienti da Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna e Regno Unito. Secondo Ryanair "La Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen ha ripetutamente fallito nel proteggere il mercato unico europeo dei viaggi aerei, consentendo che i voli che sorvolano la Francia venissero dirottati di volta in volta dai piccoli sindacati francesi dei controllori di volo, i quali chiudono i cieli sopra la Francia per i passeggeri dell'Ue che viaggiano da/verso Paesi al di fuori della Francia, mentre proteggono i voli dei cittadini francesi e i voli nazionali francesi. Centinaia di migliaia di passeggeri delle compagnie aeree hanno subito ritardi l'estate scorsa a causa degli scioperi dell'ATC francese, un problema che potrebbe essere facilmente risolto con l'intervento della Commissione europea per proteggere i sorvoli quando l'ATC dei singoli Stati membri sciopera, come già accade in Grecia e in Italia, e impedire che gli inutili disagi per i passeggeri dell'UE dell'estate scorsa si ripetano nell'estate 2023". «È inspiegabile che la Commissione europea continui a starsene con le mani in mano e a ignorare l'impatto diffuso che questi scioperi degli ATC francesi hanno sui passeggeri dell'Ue che non viaggiano nemmeno da/per la Francia, mentre il governo francese utilizza la sua politica di servizi minimi per proteggere i voli nazionali francesi per i cittadini francesi - ha commentato Neal McMahon, director of operation di Ryanair. Ryanair invita ancora una volta la Commissione Europea guidata da Ursula Von Der Leyen ad agire immediatamente per proteggere i cittadini europei che viaggiano da Irlanda, Italia, Spagna, Portogallo e Regno Unito, i cui piani di viaggio saranno inutilmente interrotti oggi (31 gennaio) a causa della ripetuta inazione della Commissione Europea per proteggere i sorvoli quando i controllori del traffico aereo francesi scioperano». Ryanair ha confermato di essere stata costretta a cancellare un piccolo numero di voli da/per la Francia oggi (31 gennaio) a causa di questo sciopero ingiustificato degli ATC e consiglia ai passeggeri che viaggiano da/per la Francia in questo periodo di controllare il sito web o l'app di Ryanair per gli aggiornamenti sullo stato dei voli prima di recarsi in aeroporto.     [post_title] => Ryanair: l'Ue intervenga per proteggere i sorvoli sui cieli francesi [post_date] => 2023-02-01T10:05:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675245918000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati.  "Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)". "Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023", ha aggiunto. Ryanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi). [post_title] => Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate [post_date] => 2023-01-30T08:41:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675068068000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850.  Ulteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. "Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi. "La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”. Nel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester. Da Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza. [post_title] => Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione [post_date] => 2023-01-25T15:33:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674660839000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437752 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record.  La settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale. Ma più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell'anno scorso. E ora si trova a 54 euro. O'Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest'estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari. L'amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese. Le buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O'Leary ha indicato di avere l'impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta. Secondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell'anno appena concluso. [post_title] => Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti [post_date] => 2023-01-23T10:52:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674471130000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437707 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da una parte l'attesa per il via libera del Mef che porterà all'avvio della trattativa in esclusiva con Lufthansa. Dall'altra l'inasprirsi dei rapporti con i sindacati sul fronte delle retribuzioni del personale navigante. Ita Airways affronta l'ennesimo ostacolo dopo l'incontro dello scorso venerdì con le rappresentanze sociali. Secondo queste ultime gli stipendi sono stati dimezzati rispetto a quelli di Alitalia. Che al tempo del passaggio a Cai erano ampiamente al di sotto a quelli della compagnia di bandiera. In pratica, come evidenzia il Sole 24 Ore, la retribuzione sarebbe sul livello di una start up. Nell’accordo raggiunto con i sindacati il 2 dicembre 2021, su valori inferiori anche rispetto a quanto percepito dai colleghi delle low cost.  Chiesta l'applicazione del ccnl del trasporto Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglta nel sollecitare un aumento delle retribuzioni, con la piena applicazione del Ccnl del trasporto aereo, hanno prodotto delle slides al tavolo con l’azienda. Un comandante di Ita Airways con 15 anni di anzianità 18 giorni di lavoro in un mese e 70 ore di volo ha una retribuzione lorda di 6.500 euro (93 euro per ora volata). Contro le 11.520 di Ryanair (165 euro per ora di volo), 15.200 di easyJet (217 euro per ora), 8.700 di Wizz Air (124 euro), 13.900 di Vueling (199 euro). I sindacati spiegano che, rispetto a dicembre 2021, quando era stato siglato l’accordo start up di Ita Airways, la realtà è del tutto cambiata. Il settore è ripartito, recuperando quasi i livelli di traffico pre pandemia. Di conseguenza questi livelli retributivi non sono più giustificati né accettabili. Tutte le sigle hanno quindi deciso di attivare una forma di allarme. «Le procedure di raffreddamento e conciliazione - quelle che anticipano la dichiarazione di uno sciopero - per rivendicare formalmente quanto richiesto. Ricorrendo a tutte le azioni per traguardare i risultati attesi, coerenti con le aspettative e a tutela di tutti i dipendenti». Il nuovo incontro è programmato per il prossimo 31 gennaio.   [post_title] => Ita: scontro coi sindacati su stipendi. Piloti pagati meno delle low cost [post_date] => 2023-01-23T09:30:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674466258000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437628 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair amplia il network da Genova per l'estate con due due nuove per Cagliari e Dublino che portano a 12 il totale delle destinazioni servite. Saranno così oltre 80 i voli settimanali; tra le novità anche un aumento delle frequenze sulla tratta per Londra Stansted, in risposta all'aumento della domanda. "Siamo orgogliosi di continuare a spingere la ripresa economica dell'Italia incrementando il turismo incoming tutto l'anno, investimenti regionali e contributi verso milioni di posti di lavoro locali - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager Italia della low cost -. Con l'apertura delle nuove rotte per Cagliari e Dublino, dimostriamo ulteriormente il nostro impegno nei confronti di Genova, dove festeggiamo il nostro 24° anno di attività sull’aeroporto, dopo aver trasportato 4 milioni di ospiti dal nostro arrivo nel 1999". “Ryanair si conferma partner strategico per l’Aeroporto di Genova - ha sottolineato il direttore generale dell’Aeroporto di Genova, Piero Righi -.  Le nuove rotte consentiranno ai liguri di volare verso 12 importanti destinazioni italiane ed estere, ma anche a decine di migliaia di turisti di visitare la nostra regione. Nel 2022 le rotte internazionali della compagnia verso Genova hanno generato una spesa turistica sul territorio di decine di milioni di euro, a dimostrazione che la presenza di Ryanair rappresenta un’enorme opportunità per l’economia e il turismo".     [post_title] => Ryanair rilancia da Genova con due nuove rotte per Cagliari e Dublino [post_date] => 2023-01-20T08:49:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674204592000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ryanair e shell" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":20,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":461,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438532","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Hong Kong ha lanciato una nuova campagna di promozione globale - 'Hello, Hong Kong' - che prevede la distribuzione gratuita di 500.000 biglietti aerei nell'intento di attrarre un maggior numero di visitatori. Il leader della città John Lee ha dichiarato che si tratta \"probabilmente del più grande benvenuto del mondo\". \r\n\r\nLa maggior parte dei biglietti - per un valore di 2 miliardi di dollari di Hong Kong (210 milioni di sterline) - verrà offerta gratuitamente da tre compagnie aeree (Cathay Pacific Airways, la divisione low cost HK Express e Hong Kong Airlines International Holdings) attraverso varie attività promozionali, ha sottolineato Fred Lam, amministratore delegato dell'Autorità aeroportuale della città. L'offerta prenderà il via all'inizio di marzo e durerà sei mesi durante i quali ci saranno diversi modi per vincere i biglietti, come dalla lotteria agli acquisti due per uno.\r\n\r\n\"Crediamo che l'iniziativa possa contribuire a portare a Hong Kong oltre 1,5 milioni di visitatori\" ha dichiarato Lam. Le compagnie aeree distribuiranno i biglietti in fasi successive, con i mercati del Sud-est asiatico che ne beneficeranno per primi. Altri 80.000 biglietti aerei saranno regalati ai residenti di Hong Kong durante l'estate.\r\n\r\nIl governo sta cercando di rilanciare l'economia e di ricostruire l'immagine globale di Hong Kong, penalizzata dagli eventi del 2019, dall'imposizione di severe leggi sulla sicurezza nel 2020 e dai tre anni di isolamento autoimposto durante la pandemia. Il prodotto interno lordo si è ridotto del 3,5% lo scorso anno, la terza contrazione in quattro anni.\r\n\r\nSecondo l'ente del turismo, nel 2022 Hong Kong ha accolto circa 605.000 visitatori grazie alla progressiva riduzione delle restrizioni Covid, rispetto ai 91.000 del 2021. Il dato si confronta con i quasi 56 milioni del 2019, prima dell'arrivo della pandemia.","post_title":"'Hello, Hong Kong': 500.000 biglietti aerei gratuiti per attrarre visitatori nella città","post_date":"2023-02-02T12:49:57+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675342197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438522","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair aveva scommesso sull'Ucraina prima della guerra. E ora si prepara a tornare  nel Paese appena possibile, per questo sta reclutando piloti e personale di cabina per riportare la normalità. \r\n\r\nMichael O'Leary, capo della compagnia aerea low cost, ha dichiarato che «attualmente stiamo reclutando un gran numero di piloti e membri dell'equipaggio di cabina in Ucraina, in modo da poter lanciare le nostre basi nel Paese. Ci impegniamo a tornare in Ucraina il prima possibile».\r\n\r\nI voli per l'Ucraina sono stati sospesi durante il mese di febbraio dello scorso anno, dopo l'invasione russa. O'Leary, all'epoca, disse che Ryanair sarebbe stata la prima compagnia aerea a tornare, non appena la guerra fosse finita.\r\nPiani di espansione\r\nRyanair, che in Ucraina era in concorrenza con Wizz Air e con le due compagnie aeree locali, operava prima del conflitto in cinque aeroporti, poi ha annunciato l'intenzione di raggiungere tutti i dodici aeroporti e dedicare venti aerei alle proprie basi.\r\n\r\nIn questi momenti, il personale ucraino può essere, intanto, una buona risorsa pe4r sostenere il personale in altre parti d'Europa. Ryanair, come British Airways ed Easyjet, ha subito offerto lavoro ai dipendenti della defunta Flybe che, in teoria, a questo punto avrebbero già dovuto essere collocati presso una delle compagnie aeree rivali.","post_title":"Ryanair recluta personale ucraino e punta a ritornare nel Paese","post_date":"2023-02-02T11:54:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675338894000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438476","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair aggiunge Liverpool al network delle destinazioni servite da Roma Ciampino: la nuova destinazione sarà servita da due collegamenti alla settimana, a partire dal prossimo aprile.\r\n\"Con l'avvicinarsi della Pasqua e dell'estate 2023, siamo lieti di offrire ancora più scelta e valore ai nostri clienti italiani con l'aggiunta di questa nuova rotta per Liverpool al nostro operativo per l'estate 2023, offrendo ai clienti di Roma una scelta ancora più ampia per programmare le tanto attese vacanze estive - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager per l'Italia della low cost -. Per l'occasione abbiamo lanciato una promozione a tempo limitato dedicata a coloro che vogliono prenotare in anticipo le vacanze estive 2023, con tariffe a partire da 29,99 euro\".","post_title":"Ryanair collegherà Roma Ciampino a Liverpool, dal prossimo aprile","post_date":"2023-02-02T09:04:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675328664000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438367","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438368\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Neal McMahon[/caption]\r\n\r\nRyanair ha chiesto ancora una volta alla Commissione europea di agire immediatamente per proteggere i sorvoli durante l'ennesimo sciopero dei controllori del traffico aereo francese che si terrà dalle 17 del 30 gennaio alle 06 del 1° febbraio, come già avvenuto in Grecia e in Italia, e per evitare inutili disagi ai piani di viaggio dei cittadini europei provenienti da Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna e Regno Unito.\r\nSecondo Ryanair \"La Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen ha ripetutamente fallito nel proteggere il mercato unico europeo dei viaggi aerei, consentendo che i voli che sorvolano la Francia venissero dirottati di volta in volta dai piccoli sindacati francesi dei controllori di volo, i quali chiudono i cieli sopra la Francia per i passeggeri dell'Ue che viaggiano da/verso Paesi al di fuori della Francia, mentre proteggono i voli dei cittadini francesi e i voli nazionali francesi.\r\nCentinaia di migliaia di passeggeri delle compagnie aeree hanno subito ritardi l'estate scorsa a causa degli scioperi dell'ATC francese, un problema che potrebbe essere facilmente risolto con l'intervento della Commissione europea per proteggere i sorvoli quando l'ATC dei singoli Stati membri sciopera, come già accade in Grecia e in Italia, e impedire che gli inutili disagi per i passeggeri dell'UE dell'estate scorsa si ripetano nell'estate 2023\".\r\n«È inspiegabile che la Commissione europea continui a starsene con le mani in mano e a ignorare l'impatto diffuso che questi scioperi degli ATC francesi hanno sui passeggeri dell'Ue che non viaggiano nemmeno da/per la Francia, mentre il governo francese utilizza la sua politica di servizi minimi per proteggere i voli nazionali francesi per i cittadini francesi - ha commentato Neal McMahon, director of operation di Ryanair.\r\n\r\nRyanair invita ancora una volta la Commissione Europea guidata da Ursula Von Der Leyen ad agire immediatamente per proteggere i cittadini europei che viaggiano da Irlanda, Italia, Spagna, Portogallo e Regno Unito, i cui piani di viaggio saranno inutilmente interrotti oggi (31 gennaio) a causa della ripetuta inazione della Commissione Europea per proteggere i sorvoli quando i controllori del traffico aereo francesi scioperano».\r\nRyanair ha confermato di essere stata costretta a cancellare un piccolo numero di voli da/per la Francia oggi (31 gennaio) a causa di questo sciopero ingiustificato degli ATC e consiglia ai passeggeri che viaggiano da/per la Francia in questo periodo di controllare il sito web o l'app di Ryanair per gli aggiornamenti sullo stato dei voli prima di recarsi in aeroporto.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ryanair: l'Ue intervenga per proteggere i sorvoli sui cieli francesi","post_date":"2023-02-01T10:05:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675245918000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati. \r\n\r\n\"Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)\".\r\n\r\n\"Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023\", ha aggiunto.\r\n\r\nRyanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi).","post_title":"Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate","post_date":"2023-01-30T08:41:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675068068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850. \r\nUlteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. \"Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi.\r\n\"La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”.\r\nNel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester.\r\n\r\nDa Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza.","post_title":"Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione","post_date":"2023-01-25T15:33:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674660839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437752","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record. \r\n\r\nLa settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale.\r\n\r\nMa più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell'anno scorso. E ora si trova a 54 euro.\r\n\r\nO'Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest'estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari.\r\n\r\nL'amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese.\r\n\r\nLe buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O'Leary ha indicato di avere l'impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta.\r\n\r\nSecondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell'anno appena concluso.","post_title":"Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti","post_date":"2023-01-23T10:52:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674471130000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437707","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da una parte l'attesa per il via libera del Mef che porterà all'avvio della trattativa in esclusiva con Lufthansa. Dall'altra l'inasprirsi dei rapporti con i sindacati sul fronte delle retribuzioni del personale navigante. Ita Airways affronta l'ennesimo ostacolo dopo l'incontro dello scorso venerdì con le rappresentanze sociali. Secondo queste ultime gli stipendi sono stati dimezzati rispetto a quelli di Alitalia. Che al tempo del passaggio a Cai erano ampiamente al di sotto a quelli della compagnia di bandiera. In pratica, come evidenzia il Sole 24 Ore, la retribuzione sarebbe sul livello di una start up. Nell’accordo raggiunto con i sindacati il 2 dicembre 2021, su valori inferiori anche rispetto a quanto percepito dai colleghi delle low cost. \r\n\r\nChiesta l'applicazione del ccnl del trasporto\r\nFilt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglta nel sollecitare un aumento delle retribuzioni, con la piena applicazione del Ccnl del trasporto aereo, hanno prodotto delle slides al tavolo con l’azienda. Un comandante di Ita Airways con 15 anni di anzianità 18 giorni di lavoro in un mese e 70 ore di volo ha una retribuzione lorda di 6.500 euro (93 euro per ora volata). Contro le 11.520 di Ryanair (165 euro per ora di volo), 15.200 di easyJet (217 euro per ora), 8.700 di Wizz Air (124 euro), 13.900 di Vueling (199 euro).\r\nI sindacati spiegano che, rispetto a dicembre 2021, quando era stato siglato l’accordo start up di Ita Airways, la realtà è del tutto cambiata. Il settore è ripartito, recuperando quasi i livelli di traffico pre pandemia. Di conseguenza questi livelli retributivi non sono più giustificati né accettabili. Tutte le sigle hanno quindi deciso di attivare una forma di allarme. «Le procedure di raffreddamento e conciliazione - quelle che anticipano la dichiarazione di uno sciopero - per rivendicare formalmente quanto richiesto. Ricorrendo a tutte le azioni per traguardare i risultati attesi, coerenti con le aspettative e a tutela di tutti i dipendenti».\r\n\r\nIl nuovo incontro è programmato per il prossimo 31 gennaio.\r\n ","post_title":"Ita: scontro coi sindacati su stipendi. Piloti pagati meno delle low cost","post_date":"2023-01-23T09:30:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674466258000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437628","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair amplia il network da Genova per l'estate con due due nuove per Cagliari e Dublino che portano a 12 il totale delle destinazioni servite. Saranno così oltre 80 i voli settimanali; tra le novità anche un aumento delle frequenze sulla tratta per Londra Stansted, in risposta all'aumento della domanda.\r\n\r\n\"Siamo orgogliosi di continuare a spingere la ripresa economica dell'Italia incrementando il turismo incoming tutto l'anno, investimenti regionali e contributi verso milioni di posti di lavoro locali - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager Italia della low cost -. Con l'apertura delle nuove rotte per Cagliari e Dublino, dimostriamo ulteriormente il nostro impegno nei confronti di Genova, dove festeggiamo il nostro 24° anno di attività sull’aeroporto, dopo aver trasportato 4 milioni di ospiti dal nostro arrivo nel 1999\".\r\n\r\n“Ryanair si conferma partner strategico per l’Aeroporto di Genova - ha sottolineato il direttore generale dell’Aeroporto di Genova, Piero Righi -.  Le nuove rotte consentiranno ai liguri di volare verso 12 importanti destinazioni italiane ed estere, ma anche a decine di migliaia di turisti di visitare la nostra regione. Nel 2022 le rotte internazionali della compagnia verso Genova hanno generato una spesa turistica sul territorio di decine di milioni di euro, a dimostrazione che la presenza di Ryanair rappresenta un’enorme opportunità per l’economia e il turismo\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ryanair rilancia da Genova con due nuove rotte per Cagliari e Dublino","post_date":"2023-01-20T08:49:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674204592000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti