29 January 2023

Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti

[ 0 ]

Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record. 

La settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale.

Ma più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell’anno scorso. E ora si trova a 54 euro.

O’Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest’estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari.

L’amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese.

Le buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O’Leary ha indicato di avere l’impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta.

Secondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell’anno appena concluso.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più. Tra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: "L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso". Un'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: "Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione". Hilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: "Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità". Infine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019). [post_title] => Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso [post_date] => 2023-01-27T09:26:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674811589000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438023 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Roma Fiumicino ottiene un nuovo, significativo riconoscimento a ulteriore conferma del percorso di qualità che ha caratterizzato l'evoluzione dello scalo negli ultimi anni. Ecco quindi che dopo essere stato valutato miglior aeroporto europeo per la qualità da 5 anni, ha conquistato le 5 stelle Skytrax, il massimo riconoscimento assegnato dall'organizzazione internazionale di rating del trasporto aereo. La valutazione a 5 stelle riconosce al “Leonardo da Vinci” standard eccellenti nella qualità del servizio erogato ai passeggeri e nell’attività del personale.  Negli ultimi 2 anni, nonostante gli effetti della crisi pandemica, lo scalo di Fiumicino ha costantemente mantenuto elevatissimi standard qualitativi, anche nel periodo di forte ripresa del traffico. Allo stesso tempo, è stata garantita la prosecuzione degli investimenti di sviluppo che hanno consentito, tra l’altro, l'apertura della nuova area di imbarco A per una capacità ulteriore di 6 milioni di passeggeri, il potenziamento dell’offerta di servizi operativi, con nuove zone riservate ai controlli di sicurezza e all’immigrazione, e l’ampliamento dell’offerta commerciale, grazie a nuove aree per lo shopping e la ristorazione. “Questo riconoscimento – ha dichiarato l'ad di Aeroporti di Roma, Marco Troncone – dimostra ancora una volta la determinazione dell'azienda per la effettiva realizzazione dell’aeroporto del futuro con massimo ricorso all’innovazione e nuove tecnologie, ulteriore affidabilità, sicurezza e tanto comfort e servizi a valore aggiunto per i nostri passeggeri, oltre che attenzione all’ambiente e al nostro territorio. Ora che Fiumicino è a pieno titolo nel gotha dei migliori scali mondiali, intendiamo confermare il nostro impegno per lo sviluppo di lungo termine dello scalo della Capitale, affinché Roma e l’Italia consolidino la loro centralità nel panorama internazionale”. Le 5 stelle portano il Leonardo da Vinci all'interno di un gruppo particolarmente esclusivo, a livello mondiale: "Solo dodici hub al mondo e di cui due in Europa sono riusciti a ottenere questo risultato - ha precisato Edward Plaisted, ceo di Skytrax -. L'aeroporto di Fiumicino ha implementato un piano molto chiaro di miglioramento della qualità negli ultimi 6-7 anni, e ora stiamo assistendo a miglioramenti molto tangibili delle strutture per i passeggeri e dell'esperienza del cliente. Il livello di dettaglio nei cambiamenti è encomiabile e l'aeroporto non solo offre un ottimo standard internazionale ma soprattutto contribuisce a valorizzare Roma, e più in generale l'Italia".   [post_title] => L'aeroporto di Roma Fiumicino conquista le 5 stelle Skytrax [post_date] => 2023-01-26T14:52:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674744750000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437970 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boeing chiude in rosso l'esercizio 2022: una perdita di oltre 5 miliardi di dollari, malgrado l'aumento del 7% del fatturato complessivo, il  miglioramento del settore Commercial Airplanes e il ritorno ad un cash flow positivo, per la prima volta dal 2018. Sebbene l'impatto della crisi del 737 Max e i problemi di produzione del 787 Dreamliner devono ancora essere superati, è proprio la divisione Bca (Boeing Commercial Airplanes) della casa costruttrice americana ad aver registrato i risultati di gran lunga migliori. "Abbiamo avuto un quarto trimestre forte e il 2022 è stato importante per la nostra svolta - ha dichiarato Dave Calhoun, presidente e ceo di Boeing -. La domanda per il nostro portafoglio prodotti è forte e continuiamo a concentrarci sull'accelerazione della stabilità della nostra attività e della nostra catena di fornitori per rispettare i nostri impegni nel 2023 e oltre. Stiamo investendo, innovando e dando priorità alla sicurezza, alla qualità e alla trasparenza in tutto ciò che facciamo. Anche se le sfide rimangono, siamo ben posizionati e sulla buona strada per ripristinare la nostra forza operativa e finanziaria". Per il 2023, Boeing conferma la sua guidance finanziaria di 4,5-6,5 miliardi di dollari di cash flow operativo; le consegne del 737 Max dovrebbero raggiungere i 400-450 aeromobili, rispetto ai 375 del 2022. [post_title] => Boeing in rosso per oltre 5 mld di dollari nel 2022. Ma le prospettive migliorano [post_date] => 2023-01-26T09:53:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674726807000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850.  Ulteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. "Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi. "La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”. Nel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester. Da Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza. [post_title] => Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione [post_date] => 2023-01-25T15:33:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674660839000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437920 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air ha trasportato oltre 16 milioni di passeggeri in Italia nel 2022, su un totale di più di 45 milioni a livello globale, il doppio rispetto al 2021 (27,1 milioni di passeggeri) e il 10% in più rispetto al 2019 (41 milioni di passeggeri). Il dato sull'Italia conferma per la low cost la posizione di terza compagnia aerea sul nostro mercato: "Si tratta di un numero tre volte superiore a quello dei clienti che hanno prenotato biglietti Wizz Air prima della pandemia nel 2019" spiega una nota del vettore. Wizz Air conta 5 basi in Italia con oltre 900 membri di equipaggio, che operano con 21 aeromobili verso 92 destinazioni. Il network di Wizz Air per, da e all'interno dell'Italia è cresciuto del 91% nel 2022, portando più di 4,5 milioni di posti aggiuntivi in vendita sul mercato. Inoltre, l'assegnazione di tre aeromobili a Roma Fiumicino e Milano Malpensa consente a Wizz Air di introdurre nove nuove rotte dall'Italia e di aumentare le frequenze su altre 12 rotte nell'estate 2023. I passeggeri potranno ora volare da Roma a Funchal, Memmingen, Castellon, Lussemburgo, Baku, Abu Dhabi, Kuwait City, e da Milano ad Abu Dhabi e Madrid. [post_title] => Wizz Air: 16 milioni i passeggeri trasportati in Italia nel 2022, più del triplo del 2019 [post_date] => 2023-01-25T11:53:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674647630000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437899 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Guiness Travel riparte da due delle destinazioni che hanno riscosso più successo nella scorsa stagione e apre le vendite 2023-23 su Turchia e Portogallo. Sono cinque in particolare gli itinerari dedicati al Paese euro-asiatico, con un totale di 55 partenze dispiegate durante tutto l’anno e che intercettano i ponti e le festività del 2023. Da segnalare il nuovo tour Il meglio della Turchia Prestige, con inizio delle visite a Izmir, proseguimento per la Cappadocia e infine arrivo a Istanbul. La capitale storica e culturale del paese è al centro della variegata proposta del to., con servizi 5 stelle, pensione completa, un articolato pacchetto di visite diurne e by night esclusivi. In tutti gli itinerari i gruppi saranno accompagnati da una guida itinerante parlante italiano. Da non perdere anche, per gli amanti dell’arte e dell’archeologia, il Gran Tour Turchia Orientale Prestige di 13 giorni caratterizzato dalla scelta di privilegiare le realtà locali, attraverso l’organizzazione di degustazioni e di pranzi presso famiglie di contadini turchi. La programmazione sul Portogallo prevede invece otto itinerari con 75 partenze. Dal nord al sud della terra lusitana si potranno ammirare i tesori d’arte e di cultura, i villaggi nell’entroterra e quelli sul mare, con visite a tema enogastronomico selezionate nel ricco patrimonio delle tradizioni locali. La capitale Lisbona è oggetto di un secondo nuovo itinerario di cinque giorni, Lisbona à la carte, con hotel 5 stelle e un ricco programma di escursioni diurne e serali. Porto e i suoi dintorni nel Nord, il fascino incontaminato dell’Alentejo e dell’Algarve completano quindi il mosaico dell’offerta sul Portogallo, che include anche gli arcipelaghi di Madeira e delle Azzorre. Come in tutti gli itinerari Guiness, ogni partenza prevede l’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia e una selezione di serviziin ogni fase del viaggio. Per incentivare l’early booking, Guiness Travel mette infine in campo una campagna scontistica dedicata: il Prenota Prima. Riproposta a grande richiesta, garantisce il prezzo bloccato senza nessun adeguamento valutario e tutta una serie di riduzioni legate al tipo di destinazione scelta. [post_title] => Guiness Travel: aperte le vendite 2023-24 su Turchia e Portogallo. Attivo il Prenota Prima [post_date] => 2023-01-25T10:33:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674642813000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437817 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Forbes, una fra le più importanti riviste internazionali, posiziona la Basilicata fra le prime cinque destinazioni turistiche in Italia da raggiungere nel 2023. Nei giorni scorsi Vogue aveva inserito la Basilicata tra le 12 migliori destinazioni al mondo da visitare nel 2023 inserendola nella sua speciale short list insieme a Giappone, Scozia, Patagonia e Singapore. d esprimere un nuovo giudizio positivo oggi è il magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle: Forbes. La giornalista della rivista Catherine Sabino riserva la sua attenzione ai due mari della Basilicata, dal Tirreno, con Maratea, alla costa Metapontina. Per il presidente della regione Basilicata, Vito Bardi, "l'impegno profuso per la promozione del brand Basilicata consta di azioni che giorno dopo giorno, come sistema regionale, stiamo mettendo in campo. è un lavoro sostenuto da risorse straordinarie mobilitate via via dai diversi dipartimenti, e che sta portando i suoi risultati grazie alla passione e competenza di tutti gli attori di un settore strategico come il turismo, e di cui tutti dobbiamo ritenerci orgogliosi".  [post_title] => Forbes: Basilicata fra le prime 5 destinazioni italiane nel 2023 [post_date] => 2023-01-24T11:31:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674559878000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437804 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il turismo culturale ha sempre attirato viaggiatori, ma sembra che stia per arrivare un ulteriore boom per questo segmenti di mercato. Specialmente in Europa, con una previsione di 12 miliardi di fatturato entro il 2028, con Italia e Germania che trainano il mercato.  E' ciò che emerge da una ricerca effettuata per la Fondazione Città Identitarie, stabilendo che uno dei principali traini dell'industria turistica globale è proprio la cultura: secondo il portale GlobeNewswire il settore raggiungerà i 12 miliardi di dollari di fatturato entro il 2028, dopo aver sfiorato i 5 miliardi nel 2021. Il Vecchio Continente genera la metà delle entrate totali grazie alla presenza sul territorio di musei, borghi e attrazioni uniche; in particolare il nostro Paese punta alla valorizzazione delle bellezze del patrimonio culturale con attività mirate ed efficaci come i festival, i premi e le iniziative didattiche.   Le città d'arte italiane sono diventate trend virali sui social: su Instagram le 3 città culturali più gettonate sono Milano, dove #milano conta circa 39 milioni di contenuti; Roma, con 36 milioni di post pubblicati e Napoli con 21 milioni. Fuori dal podio Firenze con 12 milioni di contenuti e Venezia con quasi 11 milioni. Tik Tok, invece, ribalta la situazione: Napoli è al primo posto con 17 miliardi di views, poi Roma con 11 miliardi e Milano con 7,5 miliardi. Non cambia, invece, la situazione di Firenze, che conta un miliardo di visualizzazioni e Venezia con circa 980 milioni. [post_title] => Turismo culturale: 12 miliardi di fatturato entro il 2028 [post_date] => 2023-01-24T10:40:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674556801000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437782 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France ha scelto i 17 chef con cui collaborerà quest'anno: la compagnia, in occasione dell'evento Bocuse d'Or 2023, ha svelato i nomi di coloro che si alterneranno per firmare piatti eccezionali nelle cabine La Première e Business e nelle lounge degli aeroporti. Tra questi, 5 chef si uniscono per la prima volta al team: Amandine Chaignot, Mauro Colagreco, Thierry Marx, Angelo Musa e Olivier Perret. A bordo dei voli a lungo raggio in partenza da Parigi, gli chef stellati francesi Arnaud Lallement, Régis Marcon, Anne-Sophie Pic, Emmanuel Renaut e Michel Roth si alterneranno quest'anno per firmare piatti esclusivi per Air France nei menu delle cabine La Première e Business. Per la prima volta, anche Mauro Colagreco e Thierry Marx contribuiranno con le loro competenze uniche a questa eccezionale squadra di chef. Con composizioni vegetariane, carni bianche e rosse francesi e pesce proveniente da pesca sostenibile, tutti gli chef si impegnano a valorizzare i prodotti locali delle loro regioni francesi e a condividere il loro patrimonio e la loro passione culinaria.  Nelle suite La Première, le cabine di viaggio più esclusive della compagnia, i pasticceri Meilleur Ouvrier de France Philippe Urraca e, per la prima volta, Angelo Musa daranno un tocco elegante e dolce ai menu di questa cabina. La compagnia continua a collaborare con lo chef tre stelle Michelin Julien Royer nelle cabine La Première e Business in partenza da Singapore. In partenza dall'Isola della Riunione, nella cabina Business, i menu sono firmati dallo chef Jofrane Dailly, originario dell'Isola della Riunione. Nel 2023, Air France offrirà menu firmati dallo chef Olivier Perret sui voli in partenza dalle destinazioni di Air France in Canada (Montreal, Toronto, Quebec e Vancouver).  Sulla rete di medio raggio, nella cabina Business, lo chef aziendale di Servair François Adamski, Meilleur Ouvrier de France e vincitore del Bocuse d'Or, firma i piatti del pranzo o della cena serviti a bordo tutto l'anno. Air France collabora anche con diversi chef anche nelle lounge degli aeroporti parigini. [post_title] => Air France: cinque novità nel team dei 17 chef che firmano i menù nel 2023 [post_date] => 2023-01-24T09:30:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674552638000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ryanair 5" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":14,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1594,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438050","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più.\r\n\r\nTra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: \"L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso\".\r\n\r\nUn'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: \"Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione\".\r\n\r\nHilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: \"Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità\".\r\n\r\nInfine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019).","post_title":"Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso","post_date":"2023-01-27T09:26:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674811589000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438023","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Roma Fiumicino ottiene un nuovo, significativo riconoscimento a ulteriore conferma del percorso di qualità che ha caratterizzato l'evoluzione dello scalo negli ultimi anni. Ecco quindi che dopo essere stato valutato miglior aeroporto europeo per la qualità da 5 anni, ha conquistato le 5 stelle Skytrax, il massimo riconoscimento assegnato dall'organizzazione internazionale di rating del trasporto aereo.\r\nLa valutazione a 5 stelle riconosce al “Leonardo da Vinci” standard eccellenti nella qualità del servizio erogato ai passeggeri e nell’attività del personale. \r\nNegli ultimi 2 anni, nonostante gli effetti della crisi pandemica, lo scalo di Fiumicino ha costantemente mantenuto elevatissimi standard qualitativi, anche nel periodo di forte ripresa del traffico. Allo stesso tempo, è stata garantita la prosecuzione degli investimenti di sviluppo che hanno consentito, tra l’altro, l'apertura della nuova area di imbarco A per una capacità ulteriore di 6 milioni di passeggeri, il potenziamento dell’offerta di servizi operativi, con nuove zone riservate ai controlli di sicurezza e all’immigrazione, e l’ampliamento dell’offerta commerciale, grazie a nuove aree per lo shopping e la ristorazione.\r\n\r\n“Questo riconoscimento – ha dichiarato l'ad di Aeroporti di Roma, Marco Troncone – dimostra ancora una volta la determinazione dell'azienda per la effettiva realizzazione dell’aeroporto del futuro con massimo ricorso all’innovazione e nuove tecnologie, ulteriore affidabilità, sicurezza e tanto comfort e servizi a valore aggiunto per i nostri passeggeri, oltre che attenzione all’ambiente e al nostro territorio. Ora che Fiumicino è a pieno titolo nel gotha dei migliori scali mondiali, intendiamo confermare il nostro impegno per lo sviluppo di lungo termine dello scalo della Capitale, affinché Roma e l’Italia consolidino la loro centralità nel panorama internazionale”.\r\nLe 5 stelle portano il Leonardo da Vinci all'interno di un gruppo particolarmente esclusivo, a livello mondiale: \"Solo dodici hub al mondo e di cui due in Europa sono riusciti a ottenere questo risultato - ha precisato Edward Plaisted, ceo di Skytrax -. L'aeroporto di Fiumicino ha implementato un piano molto chiaro di miglioramento della qualità negli ultimi 6-7 anni, e ora stiamo assistendo a miglioramenti molto tangibili delle strutture per i passeggeri e dell'esperienza del cliente. Il livello di dettaglio nei cambiamenti è encomiabile e l'aeroporto non solo offre un ottimo standard internazionale ma soprattutto contribuisce a valorizzare Roma, e più in generale l'Italia\".\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Roma Fiumicino conquista le 5 stelle Skytrax","post_date":"2023-01-26T14:52:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674744750000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437970","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Boeing chiude in rosso l'esercizio 2022: una perdita di oltre 5 miliardi di dollari, malgrado l'aumento del 7% del fatturato complessivo, il  miglioramento del settore Commercial Airplanes e il ritorno ad un cash flow positivo, per la prima volta dal 2018.\r\n\r\nSebbene l'impatto della crisi del 737 Max e i problemi di produzione del 787 Dreamliner devono ancora essere superati, è proprio la divisione Bca (Boeing Commercial Airplanes) della casa costruttrice americana ad aver registrato i risultati di gran lunga migliori.\r\n\r\n\"Abbiamo avuto un quarto trimestre forte e il 2022 è stato importante per la nostra svolta - ha dichiarato Dave Calhoun, presidente e ceo di Boeing -. La domanda per il nostro portafoglio prodotti è forte e continuiamo a concentrarci sull'accelerazione della stabilità della nostra attività e della nostra catena di fornitori per rispettare i nostri impegni nel 2023 e oltre. Stiamo investendo, innovando e dando priorità alla sicurezza, alla qualità e alla trasparenza in tutto ciò che facciamo. Anche se le sfide rimangono, siamo ben posizionati e sulla buona strada per ripristinare la nostra forza operativa e finanziaria\".\r\n\r\nPer il 2023, Boeing conferma la sua guidance finanziaria di 4,5-6,5 miliardi di dollari di cash flow operativo; le consegne del 737 Max dovrebbero raggiungere i 400-450 aeromobili, rispetto ai 375 del 2022.","post_title":"Boeing in rosso per oltre 5 mld di dollari nel 2022. Ma le prospettive migliorano","post_date":"2023-01-26T09:53:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674726807000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850. \r\nUlteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. \"Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi.\r\n\"La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”.\r\nNel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester.\r\n\r\nDa Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza.","post_title":"Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione","post_date":"2023-01-25T15:33:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674660839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437920","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air ha trasportato oltre 16 milioni di passeggeri in Italia nel 2022, su un totale di più di 45 milioni a livello globale, il doppio rispetto al 2021 (27,1 milioni di passeggeri) e il 10% in più rispetto al 2019 (41 milioni di passeggeri).\r\n\r\nIl dato sull'Italia conferma per la low cost la posizione di terza compagnia aerea sul nostro mercato: \"Si tratta di un numero tre volte superiore a quello dei clienti che hanno prenotato biglietti Wizz Air prima della pandemia nel 2019\" spiega una nota del vettore.\r\n\r\nWizz Air conta 5 basi in Italia con oltre 900 membri di equipaggio, che operano con 21 aeromobili verso 92 destinazioni. Il network di Wizz Air per, da e all'interno dell'Italia è cresciuto del 91% nel 2022, portando più di 4,5 milioni di posti aggiuntivi in vendita sul mercato. Inoltre, l'assegnazione di tre aeromobili a Roma Fiumicino e Milano Malpensa consente a Wizz Air di introdurre nove nuove rotte dall'Italia e di aumentare le frequenze su altre 12 rotte nell'estate 2023. I passeggeri potranno ora volare da Roma a Funchal, Memmingen, Castellon, Lussemburgo, Baku, Abu Dhabi, Kuwait City, e da Milano ad Abu Dhabi e Madrid.","post_title":"Wizz Air: 16 milioni i passeggeri trasportati in Italia nel 2022, più del triplo del 2019","post_date":"2023-01-25T11:53:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674647630000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437899","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Guiness Travel riparte da due delle destinazioni che hanno riscosso più successo nella scorsa stagione e apre le vendite 2023-23 su Turchia e Portogallo. Sono cinque in particolare gli itinerari dedicati al Paese euro-asiatico, con un totale di 55 partenze dispiegate durante tutto l’anno e che intercettano i ponti e le festività del 2023. Da segnalare il nuovo tour Il meglio della Turchia Prestige, con inizio delle visite a Izmir, proseguimento per la Cappadocia e infine arrivo a Istanbul. La capitale storica e culturale del paese è al centro della variegata proposta del to., con servizi 5 stelle, pensione completa, un articolato pacchetto di visite diurne e by night esclusivi. In tutti gli itinerari i gruppi saranno accompagnati da una guida itinerante parlante italiano. Da non perdere anche, per gli amanti dell’arte e dell’archeologia, il Gran Tour Turchia Orientale Prestige di 13 giorni caratterizzato dalla scelta di privilegiare le realtà locali, attraverso l’organizzazione di degustazioni e di pranzi presso famiglie di contadini turchi.\r\n\r\nLa programmazione sul Portogallo prevede invece otto itinerari con 75 partenze. Dal nord al sud della terra lusitana si potranno ammirare i tesori d’arte e di cultura, i villaggi nell’entroterra e quelli sul mare, con visite a tema enogastronomico selezionate nel ricco patrimonio delle tradizioni locali. La capitale Lisbona è oggetto di un secondo nuovo itinerario di cinque giorni, Lisbona à la carte, con hotel 5 stelle e un ricco programma di escursioni diurne e serali. Porto e i suoi dintorni nel Nord, il fascino incontaminato dell’Alentejo e dell’Algarve completano quindi il mosaico dell’offerta sul Portogallo, che include anche gli arcipelaghi di Madeira e delle Azzorre. Come in tutti gli itinerari Guiness, ogni partenza prevede l’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia e una selezione di serviziin ogni fase del viaggio.\r\n\r\nPer incentivare l’early booking, Guiness Travel mette infine in campo una campagna scontistica dedicata: il Prenota Prima. Riproposta a grande richiesta, garantisce il prezzo bloccato senza nessun adeguamento valutario e tutta una serie di riduzioni legate al tipo di destinazione scelta.","post_title":"Guiness Travel: aperte le vendite 2023-24 su Turchia e Portogallo. Attivo il Prenota Prima","post_date":"2023-01-25T10:33:33+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674642813000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437817","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Forbes, una fra le più importanti riviste internazionali, posiziona la Basilicata fra le prime cinque destinazioni turistiche in Italia da raggiungere nel 2023. Nei giorni scorsi Vogue aveva inserito la Basilicata tra le 12 migliori destinazioni al mondo da visitare nel 2023 inserendola nella sua speciale short list insieme a Giappone, Scozia, Patagonia e Singapore.\r\n\r\nd esprimere un nuovo giudizio positivo oggi è il magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle: Forbes. La giornalista della rivista Catherine Sabino riserva la sua attenzione ai due mari della Basilicata, dal Tirreno, con Maratea, alla costa Metapontina.\r\n\r\nPer il presidente della regione Basilicata, Vito Bardi, \"l'impegno profuso per la promozione del brand Basilicata consta di azioni che giorno dopo giorno, come sistema regionale, stiamo mettendo in campo. è un lavoro sostenuto da risorse straordinarie mobilitate via via dai diversi dipartimenti, e che sta portando i suoi risultati grazie alla passione e competenza di tutti gli attori di un settore strategico come il turismo, e di cui tutti dobbiamo ritenerci orgogliosi\". ","post_title":"Forbes: Basilicata fra le prime 5 destinazioni italiane nel 2023","post_date":"2023-01-24T11:31:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674559878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437804","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il turismo culturale ha sempre attirato viaggiatori, ma sembra che stia per arrivare un ulteriore boom per questo segmenti di mercato. Specialmente in Europa, con una previsione di 12 miliardi di fatturato entro il 2028, con Italia e Germania che trainano il mercato.\r\n E' ciò che emerge da una ricerca effettuata per la Fondazione Città Identitarie, stabilendo che uno dei principali traini dell'industria turistica globale è proprio la cultura: secondo il portale GlobeNewswire il settore raggiungerà i 12 miliardi di dollari di fatturato entro il 2028, dopo aver sfiorato i 5 miliardi nel 2021. Il Vecchio Continente genera la metà delle entrate totali grazie alla presenza sul territorio di musei, borghi e attrazioni uniche; in particolare il nostro Paese punta alla valorizzazione delle bellezze del patrimonio culturale con attività mirate ed efficaci come i festival, i premi e le iniziative didattiche.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n \r\nLe città d'arte italiane sono diventate trend virali sui social: su Instagram le 3 città culturali più gettonate sono Milano, dove #milano conta circa 39 milioni di contenuti; Roma, con 36 milioni di post pubblicati e Napoli con 21 milioni. Fuori dal podio Firenze con 12 milioni di contenuti e Venezia con quasi 11 milioni. Tik Tok, invece, ribalta la situazione: Napoli è al primo posto con 17 miliardi di views, poi Roma con 11 miliardi e Milano con 7,5 miliardi. Non cambia, invece, la situazione di Firenze, che conta un miliardo di visualizzazioni e Venezia con circa 980 milioni.\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Turismo culturale: 12 miliardi di fatturato entro il 2028","post_date":"2023-01-24T10:40:01+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674556801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437782","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France ha scelto i 17 chef con cui collaborerà quest'anno: la compagnia, in occasione dell'evento Bocuse d'Or 2023, ha svelato i nomi di coloro che si alterneranno per firmare piatti eccezionali nelle cabine La Première e Business e nelle lounge degli aeroporti. Tra questi, 5 chef si uniscono per la prima volta al team: Amandine Chaignot, Mauro Colagreco, Thierry Marx, Angelo Musa e Olivier Perret.\r\n\r\nA bordo dei voli a lungo raggio in partenza da Parigi, gli chef stellati francesi Arnaud Lallement, Régis Marcon, Anne-Sophie Pic, Emmanuel Renaut e Michel Roth si alterneranno quest'anno per firmare piatti esclusivi per Air France nei menu delle cabine La Première e Business. Per la prima volta, anche Mauro Colagreco e Thierry Marx contribuiranno con le loro competenze uniche a questa eccezionale squadra di chef. Con composizioni vegetariane, carni bianche e rosse francesi e pesce proveniente da pesca sostenibile, tutti gli chef si impegnano a valorizzare i prodotti locali delle loro regioni francesi e a condividere il loro patrimonio e la loro passione culinaria. \r\n\r\nNelle suite La Première, le cabine di viaggio più esclusive della compagnia, i pasticceri Meilleur Ouvrier de France Philippe Urraca e, per la prima volta, Angelo Musa daranno un tocco elegante e dolce ai menu di questa cabina.\r\n\r\nLa compagnia continua a collaborare con lo chef tre stelle Michelin Julien Royer nelle cabine La Première e Business in partenza da Singapore. In partenza dall'Isola della Riunione, nella cabina Business, i menu sono firmati dallo chef Jofrane Dailly, originario dell'Isola della Riunione. Nel 2023, Air France offrirà menu firmati dallo chef Olivier Perret sui voli in partenza dalle destinazioni di Air France in Canada (Montreal, Toronto, Quebec e Vancouver). \r\n\r\nSulla rete di medio raggio, nella cabina Business, lo chef aziendale di Servair François Adamski, Meilleur Ouvrier de France e vincitore del Bocuse d'Or, firma i piatti del pranzo o della cena serviti a bordo tutto l'anno. Air France collabora anche con diversi chef anche nelle lounge degli aeroporti parigini.","post_title":"Air France: cinque novità nel team dei 17 chef che firmano i menù nel 2023","post_date":"2023-01-24T09:30:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674552638000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti