2 October 2022

Lugano Airport: cinque gruppi interessati ad investire

[ 0 ]

Aeroporto-Lugano-AgnoSarebbero cinque i gruppi interessati ad investire nello sviluppo dell’aeroporto di Lugano Agno, in collaborazione con la Città di Lugano. Secondo quanto scrive oggi il Corriere del Ticino, oltre alla cordata ticinese (coordinata da Enrico Meneghetti, della quale fanno parte Silvio Tarchini, Dario Kessel e in qualità di consulente Giorgio Giudici) ve ne sarebbero anche una del Regno Unito, una del Lussemburgo, una di Nizza e una del bergamasco. E vi sarebbero pure contatti embrionali con un gruppo di oltre oceano. Molti interessati, quindi, anche se i dettagli restano nel massimo riserbo. Nei prossimi mesi il municipio di Lugano aprirà il concorso per scegliere con quale partner privato gestire e sviluppare l’aeroporto di Agno.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431415 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via la seconda edizione del Festival del Turismo Esperienziale. In occasione della 42ª Giornata mondiale del turismo, proclamata dalla Organizzazione mondiale del turismo (Unwto), la manifestazione arriva alla sua seconda edizione con un format ricco di attività e novità, tese a favorire non solo la promozione ma anche la commercializzazione dell'offerta turistica esperienziale  italiana ed internazionale.   «Raccontiamo come il mercato si sta adeguando a rispondere in maniera sempre più positiva e aderente alle richieste di nuovo turismo - spiega Nicola Ucci, creatore e organizzatore della manifestazione -. Oggi il visitatore si sente protagonista, prova delle emozioni e questo non è altro che un modo per creare un passaparola positivo».    Nella due giorni dell'evento, oltre 100 buyers avranno l'opportunità di scoprire l'offerta dei seller ed espositori accreditati e sarà possibile partecipare a workshop, incontri, momenti di networking,  tavole rotonde e opportunità formative.    Tra gli eventi in programma, anche la presentazione del libro "Storie di una antica Caupona" con l'imprenditore Francesco Di Martino, Salvatore Visciano, professore e presidente di Skal Pompei, e lo storico Flavio Russo, segiota dall'incontro "I canali di vendita del turismo esperienziale" con Antonino Percario, former president Skal Roma e Paolo Bartolozzi di Hotel GoGo.   Le opportunità delle esperienze   Il turismo esperienziale risponde alla necessità di ridistribuire i flussi e di destagionalizzare, grazie ad una tipologia di offerta che "è spalmata sul territorio - continua Ucci -, e crea appeal con prodotti pluristagionali".    Tra i prodotti più gettonati, quelli del turismo all'aria aperta, cicloturismo e trekking, oppure i cammini, non più solo spirituali ma di scoperta delle bellezze naturalistiche, degli aspetti tradizionali, degli usi e costumi dei luoghi attraversati. "Si tratta di un'offerta che, paradossalmente, arricchisce sia domanda che offerta se ben organizzata", riflette Ucci.   Tra i mercati stranieri più interessati al prodotto esperienziale, Ucci evidenzia la richiesta del "mercato nordamericano e nordeuropeo, ma anche il Giappone, grazie all'appeal che questo tipo di mercato ha sui turisti repeaters".      Il turismo esperienziale valorizza i territori, anche quelli normalmente poco battuti, e permette di scoprire fino in fondo il territorio, l'ambiente naturale, l'enogastronomia, i piatti tipici, l'artigianato artistico. Un fenomeno importante, che riesce ad attivare nuove economie e nuove figure professionali".   [post_title] => Festival del turismo Esperienziale: a Roma l'Italia delle esperienze [post_date] => 2022-09-30T10:34:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664534040000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431391 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione in ripresa per Tahiti, Polinesia e le sue isole che hanno accolto nuovamente i turisti italiani sfruttando i collegamenti da Parigi, Los Angeles e San Francisco. "Abbiamo registrato dati interessanti tenendo conto che abbiamo iniziato a lavorare da aprile-maggio e che i dati sono ancora in ribasso ovviamente sul 2019, nonostante tutto i mesi di ottobre e novembre sono andati molto bene - ha commentato  Gabriele Cavallotti, rappresentante in Italia per Tahiti Tourisme, in occasione del roadshow organizzato a Milano e Roma -. La destinazione è trainata dalla Francia e dagli Usa, ma il mercato italiano potrebbe arrivare intorno ai 4.000 ospiti a chiusura anno; siamo senza dubbio ancora distanti dai livelli passati, ma siamo certi dell'alto potenziale". La promozione punta a nuovi segmenti ma anche su nuovi prodotti, "per esempio sull'accoglienza delle guesthouse, le ville e le pensioni familiari, valorizzando anche le isole minore che richiedono una spesa più ridotta. Quindi andremo a lavorare su nuove fasce di clientela, non possiamo più limitarci ai viaggi di nozze, certamente  strategico, ma soprattutto intendiamo allargare la stagione, tranne febbraio e marzo". Per il 2023 gli impegni dell'ente prevedono investimenti  con campagne verso  determinati segmenti di viaggio per valorizzare le differenti esperienze in destinazione verso gli high-end spenders, famiglie, ai senior e ai clienti LGBTQIA, accanto ad un focus per promuovere turismo sostenibile, ma anche charter nautici e crociere. La capacità ricettiva della destinazione si attesta a 71.400 camere che corrisponde al 93% del 2019.  Al momento gli hotel stanno registrando occupazioni medie dell'84%, mentre è tornata a pieno regime la capacità aerea.  Le agenzie e trade restano al centro delle strategie della commercializzazione. "Il  2023 segnerà una stabilità in termini di numeri dal mercato italiano rafforzando il nostro impegno sul trade - spiega Cavallotti- oggi il 60,5% di emissione biglietteria aerea sulla destinazione proviene dalla adv e questo numero conferma l’importanza che riveste il segmento per la nostra destinazione. Infine, con il Tahiti Specialist Program dedicato alle agenzie abbiamo tra l’altro già raggiunto i 400 iscritti e moltissimi hanno ricevuto la certificazione. [post_title] => Tahiti Tourism punta sul trade per attrarre nuovi target [post_date] => 2022-09-30T09:32:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664530335000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431364 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431369" align="alignleft" width="300"] La Msc Bellissima[/caption] Dopo Costa anche Msc ha deciso di allentare, a partire dal 1° ottobre, i protocolli anti-Covid per le sue crociere nel Mediterraneo, nonché in Nord Europa, nel Mar Rosso, ai Caraibi e alle Antille. La misura, che era già stata introdotta nel mercato Usa, permette ai passeggeri completamente vaccinati (due dosi, o una dose di Johnson & Johnson), di imbarcarsi senza dover presentare l’esito negativo del tampone, che rimane tuttavia consigliato. Tolto anche l'obbligo di vaccinazione, ma pure in questo caso rimane la forte raccomandazione. La necessità di presentare un certificato con esito negativo di un test antigenico o molecolare, effettuato entro le 48 ore dall’imbarco, rimane solo per gli ospiti che non sono completamente vaccinati, che sono guariti dal Covid-19 senza nessuna dose di vaccino, oppure che hanno un’esenzione dal vaccino a causa di condizioni mediche con Qr code. Per tutti coloro che andranno in crociera, invece, negli Emirati Arabi Uniti o in Qatar, resta obbligatoria la vaccinazione completa da Covid-19 a partire dai 16 anni. Anche per queste crociere decade l’obbligo del tampone entro le 48 ore dall’imbarco (tranne per chi imbarca da Doha), che resta comunque fortemente consigliato, mentre viene richiesto obbligatoriamente solo ai minori di 16 anni non in possesso del certificato di vaccinazione completa. Infine, per i viaggiatori in partenza per una delle Msc World Cruise o per i Grand Voyages, resta vigente l’obbligatorietà del vaccino da Covid 19 dai 12 anni in su e del test antigenico o molecolare da effettuare nelle 48 ore prima dell’imbarco (dai cinque anni in su). [post_title] => Niente più obbligo di test pre-imbarco anche per gli ospiti vaccinati di Msc [post_date] => 2022-09-29T14:58:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664463487000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431326 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Imbarcherà l'equipaggio a Dubai, per poi dirigersi verso l'Australia, dove inizierà il suo primo ciclo di crociere in veste Carnival. La ex Cosa Luminosa ha lasciato in questi giorni il bacino di Fincantieri di Palermo, dove è andata incontro a un processo di restyling che ha visto l'introduzione di una nuova livrea per lo scafo, pur mantenendo lo stile del vecchio fumaiolo i cui colori si sono allineati al rosso, bianco e blu di Carnival. I lavori hanno inoltre interessato anche alcuni spazi interni, per adeguarne i servizi al modello del brand americano. La Luminosa, recita una nota Gioco Viaggi, salperà da Brisbane con una varietà di itinerari stagionali dal 6 novembre 2022 al 13 aprile 2023 da sette e undici notti, proponendo scali in luoghi come Cairns, Nuova Caledonia e le isole Fiji, per poi riposizionarsi a Seattle per la stagione in Alaska a partire da maggio 2023. Con la sua capacità di 2.260 passeggeri, questo trasferimento da Costa a Carnival Cruise Line, aiuterà ad aumentare la capacità del brand Usa dopo che questi ha visto la cessione di sei navi dal 2020 a oggi. Contemporaneamente, Carnival introdurrà anche il marchio Costa by Carnival, unendo l'atmosfera e il design italiano della Venezia e della Firenze, con il servizio, il cibo e l'intrattenimento Carnival, tanto apprezzato dal mercato nordamericano. Le due navi verranno posizionate rispettivamente a New York nella primavera del 2023 e a Long Beach nella primavera del 2024. [post_title] => La Costa Luminosa in rotta verso Dubai: ultima tappa prima del suo debutto in Australia in veste Carnival [post_date] => 2022-09-29T10:53:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664448804000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431313 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424188" align="alignleft" width="277"] Beppe Pellegrino[/caption] Sono sette le nuove destinazioni di Amo il Mondo. C'è aria di novità nella programmazione del tour operator tailor made di casa Uvet, che arricchisce la propria offerta con alcune proposte inedite che diversificano ulteriormente il prodotto (India, Giordania, Corea, Islanda, Israele, Laos, Algeria), a cui si aggiunge anche un nuovo catalogo dedicato agli honeymooners.  “La sensibilità di chi, da sempre, lavora al fianco delle agenzie di viaggio, come Amo il Mondo – afferma Beppe Pellegrino, direttore generale di Uvet Viaggi Turismo – serve a soddisfare, e a volte anticipare, le esigenze del trade. L’obiettivo è quello di intercettare i desiderata di un’utenza desiderosa di vivere una vacanza lontana dalle rotte più classiche e dai tour di impostazione tradizionale. Per valorizzare al meglio le novità, frutto di un grande lavoro di squadra, supporteremo strategicamente il lancio con un piano articolato e impattante di azioni che conta una campagna social e cover Facebook dedicata, un pieghevole, webinar tematici, banner, dem e offerte promozionali". “Oltre alle sette novità di prodotto, abbiamo elaborato un nuovo catalogo viaggi di nozze, che continua a essere il target più importante per noi – aggiunge Roberto Servetti, direttore prodotto di Amo il Mondo –. Tra le proposte più caratteristiche il tour del Laos in treno veloce, per ammirare risaie e la foresta pluviale da un altro punto di vista, la visita della Giordania che include il pernottamento nel deserto sotto le stelle, una interessante proposta con visita a Los Angeles e isole Fiji più crociera culturale alla scoperta delle genti e delle tradizioni del Pacifico e, infine, un molto apprezzato itinerario fra Bali, Java e Kura Kura". Oltre alle novità già citate, confermata e rinnovata la programmazione delle altre destinazioni. A fianco a Stati Uniti, Canada, Messico e Caraibi, sempre molto richieste sono Kenya e Tanzania, Sudafrica e Namibia, nonché Seychelles, Mauritius, Maldive, Madagascar e Sri Lanka, oltre alle intramontabili Thailandia, Indonesia, Malesia, Indocina e Indonesia fino ad Australia, Nuova Zelanda, Polinesia, Fiji e Cook. [post_title] => Amo il Mondo amplia l'offerta con sette nuove destinazioni e un catalogo honeymooners inedito [post_date] => 2022-09-29T09:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664444967000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431312 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aer Lingus torna a investire sulle rotte transatlantiche e, per l'estate 2023, aprirà un nuovo collegamento da Dublino per Cleveland, Ohio. Dal prossimo 19 maggio la rotta sarà servita da quattro voli alla settimana, operati da un Airbus A321neoLR: sarà la 15ª rotta transatlantica di Aer Lingus nonché l'unico servizio europeo diretto verso Cleveland. Durante la prossima stagione estiva la compagni aerea opererà 15 rotte transatlantiche tra l'Irlanda e il Nord America, oltre a tre servizi a lungo raggio dalla base di Manchester. Ricostruire la connettività e far crescere la rete transatlantica è fondamentale per la strategia di crescita a lungo termine di Aer Lingus, che continua la sua ripresa dopo la pandemia. I viaggiatori provenienti da Cleveland non solo potranno beneficiare di un collegamento diretto con l'Irlanda, ma potranno anche fruire di collegamenti ininterrotti con più di 20 città europee: Londra, Parigi, Manchester, Dusseldorf, Bruxelles, Lione, Amsterdam ed Edimburgo, tra le altre. [post_title] => Aer Lingus vola a Cleveland, da maggio 2023: sarà la 15ª rotta transatlantica [post_date] => 2022-09-29T09:45:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664444723000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431282 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il bilancio della stagione 2022 è positivo per l'operatore ligure Volver Viaggi. «I numeri dell’outgoing sono importanti ed il trend è positivo – sottolinea Giada Marabotto, titolare di Volver – ma le cifre sono ancora lontane dal 2019. Tra le destinazioni di punta Usa, ma anche Maldive e Mauritius.  Molto Sud Africa abbinato ai soggiorni mare, costruito sempre tailor made, sia per la nostra clientela storica, sia per i viaggi di nozze. Prima del 2019 vendevamo Australia e Giappone, che sono ancora in standby. Attendiamo quindi un’ulteriore ripresa». Per quanto concerne l’incoming Volver ha faticato nei primi mesi dell’anno, caratterizzati da molte disdette e numeri non raggiunti. Ma da aprile/maggio sono arrivati tantissimi gruppi e anche richieste di Incentive per le aziende. Dall’estero le richieste sono arrivate soprattutto da francesi, americani e canadesi e le previsioni sono molto positive. Il brand Luxury Italian Riviera, nato durante la pandemia, sta crescendo: Volver continuerà ad investire puntando su fiere, work shop e promozioni. «Siamo stati scelti da Google – conclude Marabotto - per organizzare un loro incentive aziendale (primavera 2023). Si tratta di un gruppo di ingegneri provenienti da tutto il mondo che ha scelto la Liguria. I partecipanti faranno diverse attività in città e sul territorio, con servizi di alto livello». [post_title] => Volver Viaggi, un trend positivo sia per il settore Incoming che per l'Outgoing [post_date] => 2022-09-29T09:39:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664444382000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431304 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair avanza su Genova e per l'inverno in arrivo aggiunge al network 5 nuove rotte, che porteranno a quota 13 il totale: la low cost offrirà così oltre il 400% di posti in più rispetto all’operativo invernale del 2019, supportando oltre 500 posti di lavoro nell'aviazione in Regione. Le cinque new entry sono: Cagliari, Dublino, Lamezia, Manchester e Vienna; complessivamente Ryanair opererà 60 voli a settimana.  "Abbiamo lavorato a stretto contatto con i nostri partner dell'aeroporto di Genova per garantire questa crescita e migliorare i servizi per coloro che vivono, lavorano o desiderano visitare Genova e la Liguria" ha dichiarato il country manager di Ryanair per l'Italia, Mauro Bolla. “Ryanair dimostra di credere nel nostro territorio e prosegue il suo percorso di crescita sullo scalo - ha sottolineato il direttore generale del Genova City Airport, Piero Righi -. Ricordo che nelle stagioni invernali pre-Covid la compagnia operava 2 rotte, contro le 13 che saranno attive tra ottobre 2022 e marzo 2023. Questi collegamenti consentiranno ai liguri di volare verso mete di grande interesse turistico e di business, ma anche a tanti viaggiatori italiani e stranieri di visitare la Liguria contribuendo in maniera significativa all’economia della nostra regione anche in un’ottica di destagionalizzazione del turismo”. [post_title] => Ryanair amplia il network invernale da Genova con cinque nuove rotte [post_date] => 2022-09-29T08:47:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664441244000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431124 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sempre alta l’attenzione di Corsica Sardinia Ferries sul green per ridurre l'impatto sull'ambiente. Non solo, ma la compagnia è anche molto attiva sul fronte di opzioni e servizi, allo scopo di facilitare la scelta di tariffe. Molte le tariffe ad hoc, le promozioni in tutte le stagioni. Di recente la compagnia fondata da Pascal Lota ha lanciato una nuova app per migliorare l’esperienza digitale dei viaggiatori, i quali  avranno il loro viaggio a portata di mano, grazie alle notifiche che saranno inviate in tempo reale e alla possibilità di ricevere la carta d’imbarco digitale, da mostrare il giorno della partenza. Non sarà, quindi, più necessario stampare il biglietto. Tra gli obiettivi della compagnia, continuare a investire nella direzione della transizione ecologica e della riduzione dell’impronta ambientale di tutte le attività, attraverso azioni, tecnologie e progetti, ma anche promuovere il turismo sostenibile ed essere sempre più green oriented. «Le Navi Gialle non sono solo un mezzo confortevole per raggiungere le destinazioni delle vacanze – sottolinea Cristina Pizzutti, responsabile comunicazione e marketing -ma veri e propri laboratori galleggianti, che partecipano allo sforzo collettivo, per la difesa del mare e dell’ecosistema». Corsica Sardinia Ferries è uno dei principali interlocutori degli enti di ricerca, che supporta da oltre 15 anni nei progetti di monitoraggio, studio e analisi. [post_title] => Corsica Ferries, obiettivo continuare ad investire verso la transizione ecologica [post_date] => 2022-09-28T11:10:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664363459000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lugano airport cinque gruppi interessati ad investire" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":91,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1641,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431415","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via la seconda edizione del Festival del Turismo Esperienziale. In occasione della 42ª Giornata mondiale del turismo, proclamata dalla Organizzazione mondiale del turismo (Unwto), la manifestazione arriva alla sua seconda edizione con un format ricco di attività e novità, tese a favorire non solo la promozione ma anche la commercializzazione dell'offerta turistica esperienziale  italiana ed internazionale.\r\n \r\n\r\n«Raccontiamo come il mercato si sta adeguando a rispondere in maniera sempre più positiva e aderente alle richieste di nuovo turismo - spiega Nicola Ucci, creatore e organizzatore della manifestazione -. Oggi il visitatore si sente protagonista, prova delle emozioni e questo non è altro che un modo per creare un passaparola positivo». \r\n \r\nNella due giorni dell'evento, oltre 100 buyers avranno l'opportunità di scoprire l'offerta dei seller ed espositori accreditati e sarà possibile partecipare a workshop, incontri, momenti di networking,  tavole rotonde e opportunità formative. \r\n\r\n \r\nTra gli eventi in programma, anche la presentazione del libro \"Storie di una antica Caupona\" con l'imprenditore Francesco Di Martino, Salvatore Visciano, professore e presidente di Skal Pompei, e lo storico Flavio Russo, segiota dall'incontro \"I canali di vendita del turismo esperienziale\" con Antonino Percario, former president Skal Roma e Paolo Bartolozzi di Hotel GoGo.\r\n \r\nLe opportunità delle esperienze\r\n \r\nIl turismo esperienziale risponde alla necessità di ridistribuire i flussi e di destagionalizzare, grazie ad una tipologia di offerta che \"è spalmata sul territorio - continua Ucci -, e crea appeal con prodotti pluristagionali\". \r\n\r\n\r\n \r\n\r\nTra i prodotti più gettonati, quelli del turismo all'aria aperta, cicloturismo e trekking, oppure i cammini, non più solo spirituali ma di scoperta delle bellezze naturalistiche, degli aspetti tradizionali, degli usi e costumi dei luoghi attraversati. \"Si tratta di un'offerta che, paradossalmente, arricchisce sia domanda che offerta se ben organizzata\", riflette Ucci.\r\n \r\nTra i mercati stranieri più interessati al prodotto esperienziale, Ucci evidenzia la richiesta del \"mercato nordamericano e nordeuropeo, ma anche il Giappone, grazie all'appeal che questo tipo di mercato ha sui turisti repeaters\". \r\n \r\n\r\n \r\n\r\nIl turismo esperienziale valorizza i territori, anche quelli normalmente poco battuti, e permette di scoprire fino in fondo il territorio, l'ambiente naturale, l'enogastronomia, i piatti tipici, l'artigianato artistico. Un fenomeno importante, che riesce ad attivare nuove economie e nuove figure professionali\".\r\n \r\n","post_title":"Festival del turismo Esperienziale: a Roma l'Italia delle esperienze","post_date":"2022-09-30T10:34:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664534040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431391","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione in ripresa per Tahiti, Polinesia e le sue isole che hanno accolto nuovamente i turisti italiani sfruttando i collegamenti da Parigi, Los Angeles e San Francisco. \"Abbiamo registrato dati interessanti tenendo conto che abbiamo iniziato a lavorare da aprile-maggio e che i dati sono ancora in ribasso ovviamente sul 2019, nonostante tutto i mesi di ottobre e novembre sono andati molto bene - ha commentato  Gabriele Cavallotti, rappresentante in Italia per Tahiti Tourisme, in occasione del roadshow organizzato a Milano e Roma -. La destinazione è trainata dalla Francia e dagli Usa, ma il mercato italiano potrebbe arrivare intorno ai 4.000 ospiti a chiusura anno; siamo senza dubbio ancora distanti dai livelli passati, ma siamo certi dell'alto potenziale\".\r\n\r\nLa promozione punta a nuovi segmenti ma anche su nuovi prodotti, \"per esempio sull'accoglienza delle guesthouse, le ville e le pensioni familiari, valorizzando anche le isole minore che richiedono una spesa più ridotta. Quindi andremo a lavorare su nuove fasce di clientela, non possiamo più limitarci ai viaggi di nozze, certamente  strategico, ma soprattutto intendiamo allargare la stagione, tranne febbraio e marzo\".\r\n\r\nPer il 2023 gli impegni dell'ente prevedono investimenti  con campagne verso  determinati segmenti di viaggio per valorizzare le differenti esperienze in destinazione verso gli high-end spenders, famiglie, ai senior e ai clienti LGBTQIA, accanto ad un focus per promuovere turismo sostenibile, ma anche charter nautici e crociere.\r\n\r\nLa capacità ricettiva della destinazione si attesta a 71.400 camere che corrisponde al 93% del 2019.  Al momento gli hotel stanno registrando occupazioni medie dell'84%, mentre è tornata a pieno regime la capacità aerea. \r\n\r\nLe agenzie e trade restano al centro delle strategie della commercializzazione. \"Il  2023 segnerà una stabilità in termini di numeri dal mercato italiano rafforzando il nostro impegno sul trade - spiega Cavallotti- oggi il 60,5% di emissione biglietteria aerea sulla destinazione proviene dalla adv e questo numero conferma l’importanza che riveste il segmento per la nostra destinazione. Infine, con il Tahiti Specialist Program dedicato alle agenzie abbiamo tra l’altro già raggiunto i 400 iscritti e moltissimi hanno ricevuto la certificazione.","post_title":"Tahiti Tourism punta sul trade per attrarre nuovi target","post_date":"2022-09-30T09:32:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664530335000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431364","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431369\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Msc Bellissima[/caption]\r\n\r\nDopo Costa anche Msc ha deciso di allentare, a partire dal 1° ottobre, i protocolli anti-Covid per le sue crociere nel Mediterraneo, nonché in Nord Europa, nel Mar Rosso, ai Caraibi e alle Antille. La misura, che era già stata introdotta nel mercato Usa, permette ai passeggeri completamente vaccinati (due dosi, o una dose di Johnson & Johnson), di imbarcarsi senza dover presentare l’esito negativo del tampone, che rimane tuttavia consigliato. Tolto anche l'obbligo di vaccinazione, ma pure in questo caso rimane la forte raccomandazione. La necessità di presentare un certificato con esito negativo di un test antigenico o molecolare, effettuato entro le 48 ore dall’imbarco, rimane solo per gli ospiti che non sono completamente vaccinati, che sono guariti dal Covid-19 senza nessuna dose di vaccino, oppure che hanno un’esenzione dal vaccino a causa di condizioni mediche con Qr code.\r\n\r\nPer tutti coloro che andranno in crociera, invece, negli Emirati Arabi Uniti o in Qatar, resta obbligatoria la vaccinazione completa da Covid-19 a partire dai 16 anni. Anche per queste crociere decade l’obbligo del tampone entro le 48 ore dall’imbarco (tranne per chi imbarca da Doha), che resta comunque fortemente consigliato, mentre viene richiesto obbligatoriamente solo ai minori di 16 anni non in possesso del certificato di vaccinazione completa. Infine, per i viaggiatori in partenza per una delle Msc World Cruise o per i Grand Voyages, resta vigente l’obbligatorietà del vaccino da Covid 19 dai 12 anni in su e del test antigenico o molecolare da effettuare nelle 48 ore prima dell’imbarco (dai cinque anni in su).","post_title":"Niente più obbligo di test pre-imbarco anche per gli ospiti vaccinati di Msc","post_date":"2022-09-29T14:58:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664463487000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431326","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Imbarcherà l'equipaggio a Dubai, per poi dirigersi verso l'Australia, dove inizierà il suo primo ciclo di crociere in veste Carnival. La ex Cosa Luminosa ha lasciato in questi giorni il bacino di Fincantieri di Palermo, dove è andata incontro a un processo di restyling che ha visto l'introduzione di una nuova livrea per lo scafo, pur mantenendo lo stile del vecchio fumaiolo i cui colori si sono allineati al rosso, bianco e blu di Carnival. I lavori hanno inoltre interessato anche alcuni spazi interni, per adeguarne i servizi al modello del brand americano.\r\n\r\nLa Luminosa, recita una nota Gioco Viaggi, salperà da Brisbane con una varietà di itinerari stagionali dal 6 novembre 2022 al 13 aprile 2023 da sette e undici notti, proponendo scali in luoghi come Cairns, Nuova Caledonia e le isole Fiji, per poi riposizionarsi a Seattle per la stagione in Alaska a partire da maggio 2023. Con la sua capacità di 2.260 passeggeri, questo trasferimento da Costa a Carnival Cruise Line, aiuterà ad aumentare la capacità del brand Usa dopo che questi ha visto la cessione di sei navi dal 2020 a oggi.\r\n\r\nContemporaneamente, Carnival introdurrà anche il marchio Costa by Carnival, unendo l'atmosfera e il design italiano della Venezia e della Firenze, con il servizio, il cibo e l'intrattenimento Carnival, tanto apprezzato dal mercato nordamericano. Le due navi verranno posizionate rispettivamente a New York nella primavera del 2023 e a Long Beach nella primavera del 2024.","post_title":"La Costa Luminosa in rotta verso Dubai: ultima tappa prima del suo debutto in Australia in veste Carnival","post_date":"2022-09-29T10:53:24+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664448804000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431313","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424188\" align=\"alignleft\" width=\"277\"] Beppe Pellegrino[/caption]\r\n\r\nSono sette le nuove destinazioni di Amo il Mondo. C'è aria di novità nella programmazione del tour operator tailor made di casa Uvet, che arricchisce la propria offerta con alcune proposte inedite che diversificano ulteriormente il prodotto (India, Giordania, Corea, Islanda, Israele, Laos, Algeria), a cui si aggiunge anche un nuovo catalogo dedicato agli honeymooners. \r\n\r\n“La sensibilità di chi, da sempre, lavora al fianco delle agenzie di viaggio, come Amo il Mondo – afferma Beppe Pellegrino, direttore generale di Uvet Viaggi Turismo – serve a soddisfare, e a volte anticipare, le esigenze del trade. L’obiettivo è quello di intercettare i desiderata di un’utenza desiderosa di vivere una vacanza lontana dalle rotte più classiche e dai tour di impostazione tradizionale. Per valorizzare al meglio le novità, frutto di un grande lavoro di squadra, supporteremo strategicamente il lancio con un piano articolato e impattante di azioni che conta una campagna social e cover Facebook dedicata, un pieghevole, webinar tematici, banner, dem e offerte promozionali\".\r\n\r\n“Oltre alle sette novità di prodotto, abbiamo elaborato un nuovo catalogo viaggi di nozze, che continua a essere il target più importante per noi – aggiunge Roberto Servetti, direttore prodotto di Amo il Mondo –. Tra le proposte più caratteristiche il tour del Laos in treno veloce, per ammirare risaie e la foresta pluviale da un altro punto di vista, la visita della Giordania che include il pernottamento nel deserto sotto le stelle, una interessante proposta con visita a Los Angeles e isole Fiji più crociera culturale alla scoperta delle genti e delle tradizioni del Pacifico e, infine, un molto apprezzato itinerario fra Bali, Java e Kura Kura\".\r\n\r\nOltre alle novità già citate, confermata e rinnovata la programmazione delle altre destinazioni. A fianco a Stati Uniti, Canada, Messico e Caraibi, sempre molto richieste sono Kenya e Tanzania, Sudafrica e Namibia, nonché Seychelles, Mauritius, Maldive, Madagascar e Sri Lanka, oltre alle intramontabili Thailandia, Indonesia, Malesia, Indocina e Indonesia fino ad Australia, Nuova Zelanda, Polinesia, Fiji e Cook.","post_title":"Amo il Mondo amplia l'offerta con sette nuove destinazioni e un catalogo honeymooners inedito","post_date":"2022-09-29T09:49:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664444967000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431312","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aer Lingus torna a investire sulle rotte transatlantiche e, per l'estate 2023, aprirà un nuovo collegamento da Dublino per Cleveland, Ohio. Dal prossimo 19 maggio la rotta sarà servita da quattro voli alla settimana, operati da un Airbus A321neoLR: sarà la 15ª rotta transatlantica di Aer Lingus nonché l'unico servizio europeo diretto verso Cleveland.\r\n\r\nDurante la prossima stagione estiva la compagni aerea opererà 15 rotte transatlantiche tra l'Irlanda e il Nord America, oltre a tre servizi a lungo raggio dalla base di Manchester.\r\n\r\nRicostruire la connettività e far crescere la rete transatlantica è fondamentale per la strategia di crescita a lungo termine di Aer Lingus, che continua la sua ripresa dopo la pandemia. I viaggiatori provenienti da Cleveland non solo potranno beneficiare di un collegamento diretto con l'Irlanda, ma potranno anche fruire di collegamenti ininterrotti con più di 20 città europee: Londra, Parigi, Manchester, Dusseldorf, Bruxelles, Lione, Amsterdam ed Edimburgo, tra le altre.","post_title":"Aer Lingus vola a Cleveland, da maggio 2023: sarà la 15ª rotta transatlantica","post_date":"2022-09-29T09:45:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664444723000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431282","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il bilancio della stagione 2022 è positivo per l'operatore ligure Volver Viaggi.\r\n\r\n«I numeri dell’outgoing sono importanti ed il trend è positivo – sottolinea Giada Marabotto, titolare di Volver – ma le cifre sono ancora lontane dal 2019. Tra le destinazioni di punta Usa, ma anche Maldive e Mauritius.  Molto Sud Africa abbinato ai soggiorni mare, costruito sempre tailor made, sia per la nostra clientela storica, sia per i viaggi di nozze. Prima del 2019 vendevamo Australia e Giappone, che sono ancora in standby. Attendiamo quindi un’ulteriore ripresa».\r\n\r\nPer quanto concerne l’incoming Volver ha faticato nei primi mesi dell’anno, caratterizzati da molte disdette e numeri non raggiunti. Ma da aprile/maggio sono arrivati tantissimi gruppi e anche richieste di Incentive per le aziende. Dall’estero le richieste sono arrivate soprattutto da francesi, americani e canadesi e le previsioni sono molto positive.\r\n\r\nIl brand Luxury Italian Riviera, nato durante la pandemia, sta crescendo: Volver continuerà ad investire puntando su fiere, work shop e promozioni.\r\n\r\n«Siamo stati scelti da Google – conclude Marabotto - per organizzare un loro incentive aziendale (primavera 2023). Si tratta di un gruppo di ingegneri provenienti da tutto il mondo che ha scelto la Liguria. I partecipanti faranno diverse attività in città e sul territorio, con servizi di alto livello».","post_title":"Volver Viaggi, un trend positivo sia per il settore Incoming che per l'Outgoing","post_date":"2022-09-29T09:39:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664444382000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431304","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair avanza su Genova e per l'inverno in arrivo aggiunge al network 5 nuove rotte, che porteranno a quota 13 il totale: la low cost offrirà così oltre il 400% di posti in più rispetto all’operativo invernale del 2019, supportando oltre 500 posti di lavoro nell'aviazione in Regione.\r\n\r\nLe cinque new entry sono: Cagliari, Dublino, Lamezia, Manchester e Vienna; complessivamente Ryanair opererà 60 voli a settimana.  \"Abbiamo lavorato a stretto contatto con i nostri partner dell'aeroporto di Genova per garantire questa crescita e migliorare i servizi per coloro che vivono, lavorano o desiderano visitare Genova e la Liguria\" ha dichiarato il country manager di Ryanair per l'Italia, Mauro Bolla.\r\n\r\n“Ryanair dimostra di credere nel nostro territorio e prosegue il suo percorso di crescita sullo scalo - ha sottolineato il direttore generale del Genova City Airport, Piero Righi -. Ricordo che nelle stagioni invernali pre-Covid la compagnia operava 2 rotte, contro le 13 che saranno attive tra ottobre 2022 e marzo 2023. Questi collegamenti consentiranno ai liguri di volare verso mete di grande interesse turistico e di business, ma anche a tanti viaggiatori italiani e stranieri di visitare la Liguria contribuendo in maniera significativa all’economia della nostra regione anche in un’ottica di destagionalizzazione del turismo”.","post_title":"Ryanair amplia il network invernale da Genova con cinque nuove rotte","post_date":"2022-09-29T08:47:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664441244000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431124","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sempre alta l’attenzione di Corsica Sardinia Ferries sul green per ridurre l'impatto sull'ambiente. Non solo, ma la compagnia è anche molto attiva sul fronte di opzioni e servizi, allo scopo di facilitare la scelta di tariffe. Molte le tariffe ad hoc, le promozioni in tutte le stagioni.\r\n\r\nDi recente la compagnia fondata da Pascal Lota ha lanciato una nuova app per migliorare l’esperienza digitale dei viaggiatori, i quali  avranno il loro viaggio a portata di mano, grazie alle notifiche che saranno inviate in tempo reale e alla possibilità di ricevere la carta d’imbarco digitale, da mostrare il giorno della partenza. Non sarà, quindi, più necessario stampare il biglietto.\r\n\r\nTra gli obiettivi della compagnia, continuare a investire nella direzione della transizione ecologica e della riduzione dell’impronta ambientale di tutte le attività, attraverso azioni, tecnologie e progetti, ma anche promuovere il turismo sostenibile ed essere sempre più green oriented.\r\n\r\n«Le Navi Gialle non sono solo un mezzo confortevole per raggiungere le destinazioni delle vacanze – sottolinea Cristina Pizzutti, responsabile comunicazione e marketing -ma veri e propri laboratori galleggianti, che partecipano allo sforzo collettivo, per la difesa del mare e dell’ecosistema».\r\n\r\nCorsica Sardinia Ferries è uno dei principali interlocutori degli enti di ricerca, che supporta da oltre 15 anni nei progetti di monitoraggio, studio e analisi.","post_title":"Corsica Ferries, obiettivo continuare ad investire verso la transizione ecologica","post_date":"2022-09-28T11:10:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664363459000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti