22 April 2024

Iberia e Iberia Express sui primi gradini del podio dei vettori più puntuali d’Europa

[ 0 ]

Ennesimo riconoscimento alla puntualità per Iberia e Iberia Express, premiate a livello europeo anche nel 2023. Iberia Express occupa il primo posto del podio con l’84,58% dei suoi voli arrivati in orario, oltre ad essere la quinta compagnia aerea low-cost più puntuale al mondo, secondo l’On-Time Performance Report di Cirium, il principale rapporto annuale del settore sulla puntualità.

Iberia, invece, è stata la seconda compagnia aerea più puntuale in Europa e la quinta nel mondo, con l’84,38% dei suoi voli arrivati in orario, su un totale di 170.750 voli.

«La puntualità è uno dei valori più apprezzati dai nostri passeggeri e uno dei nostri principali obiettivi – ha dichiarato Fernando Candela, presidente di Iberia -. Continueremo a lavorare per perfezionare i complicati sistemi che fanno decollare e atterrare gli aerei in orario. È un lavoro di squadra, quindi mi congratulo con tutte le persone di Iberia che lo rendono possibile ogni giorno e garantiscono che la compagnia aerea raggiunga costantemente i più alti standard di qualità».

«In un anno caratterizzato da operazioni molto impegnative e in cui abbiamo operato un numero record di voli, quasi 41.000, siamo riusciti ad essere la compagnia aerea low-cost più puntuale in Europa e la quinta al mondo. Non potrei essere più orgoglioso di questo grande risultato, che è il riflesso di un team impegnato, professionale e laborioso come quello di Iberia Express, in cui lavoriamo per raggiungere i più alti standard di efficienza ed eccellenza operativa, con il fermo proposito di offrire, su ogni volo, la migliore esperienza ai nostri clienti» ha sottolineato Carlos Gómez, ceo di Iberia Express. 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dalle sponde dei laghi di Garda, Iseo ed Idro ai monti della Valle Camonica, della Valle Sabbia e della valle Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta alla verde pianura solcata dallo scorrere lento del fiume Oglio, la provincia di Brescia, con la sua incredibile varietà di paesaggi,propone attività ed eventi tra parchi, giardini, limonaie e orti botanici. Il lago di Garda è in primavera un’esplosione di fioriture, una cornice perfetta per tonificanti giornate nella natura, in uno dei contesti paesaggistici più affascinanti del Belpaese. Ben quattro i siti del circuito Grandi Giardini Italiani. A Gardone Riviera si trovano il Giardino Botanico André Heller e i giardini del Vittoriale degli Italiani, dimora di Gabriele D’Annunzio.  Rientrano nel circuito dei Grandi Giardini Italiani anche l’Isola del Garda - gioiello circondato d’acqua con la villa in neogotico veneziano e sontuosi giardini - e la Rocca di Lonato abbracciata da un grande parco, straordinario esempio di bosco ceduo con olivi, vigne e specie spontanee e scenografici pendii erbosi. Di grande fascino anche i giardini all’italiana con scalinate, statue, fontane e i resti dell’antica limonaia, inseriti in un parco di oliveti e agrumeti, di Villa Bettoni a Gargnano. Una chicca per veri appassionati è l’Orto botanico G.E.Ghirardi di Toscolano Maderno. Tutelate e ristrutturate come si deve a un patrimonio storico e culturale di grande valore, le caratteristiche limonaie dell’Alto Garda costituiscono già da sole motivo di una o più escursioni di primavera in riva al lago. Colline, vigneti e molto di più: la Franciacorta è la meta perfetta per una giornata tra verde, storia, cultura, cantine eccellenti dove sostare. In primavera, poi, ci sono piacevoli motivi in più, legati al verde e alla natura, per visitarla. Castello Quistini - Rovato: a partire dal primo weekend di maggio, tutti i fine settimana riapre al pubblico lo storico roseto dell’antica dimora franciacortina. Tra mura secolari sembra di entrare in un’oasi senza tempo, con una collezione unica di rose di ogni colore, profumo e specie. Tra le tante varietà, quelle inglesi di David Austin. Nella cornice già spettacolare delle celebri colline di Franciacorta, ammantate di pregiati vigneti, la mostra-mercato di rose ed erbacee perenni nell’antico borgo di Bornato (Cazzago San Martino) è diventata un appuntamento primaverile imperdibile. Quella in calendario dal 17 al 19 maggio è la 25° edizione. Anche il lago d’Iseo e la Valle Camonica e fanno da scenari ad aree botaniche, oasi naturali e parchi tutti da godere. Dove il lago d’Iseo incontra la Franciacorta, la magnifica Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino è  un luogo magico dove l’incontro tra acqua e terra dà vita a una zona di grande interesse naturalistico. Risalendo dal lago alla Valle Camonica, a Paisco Loveno, nella laterale Valle Allione, il Giardino Botanico Alpino Vivione è un’area di divulgazione scientifica con oltre 400 specie tipiche delle Orobie orientali, una xiloteca (raccolta di legni) e un’aula didattica arricchita da oggetti curiosi sul mondo degli insetti e dei minerali. Con i suoi panorami aperti, punteggiati di castelli ben conservati e da antichi borghi, la Bassa Bresciana si offre alla primavera come una tela da riempire di ogni colore, in cui immergersi durante un’escursione all’insegna del relax. Tra gli spazi verdi con le loro sorprese da non farsi sfuggire, il Parco Angelo e Lina Nocivelli a Verolanuova con i suoi coreografici giochi d’acqua, l’area attorno al Castello Bonoris a Montichiari con 3 ettari di  parco all’inglese dagli alberi secolari e l’armonioso giardino pensile “segreto” con vista, l’imponente Castello di Padernello circondato dalle acque e il vicino Ponte San Vigilio di Giuliano Mauri (il “tessitore del bosco”, primo artista italiano entrato a far parte nel 1981 del movimento Art in Nature), un’installazione artistica di grande suggestione per una coinvolgente esperienza olistica a stretto contatto con la natura. Con i suoi grandi parchi, le colline ricche di sentieri panoramici e il mitico Monte Maddalena (“la montagna dei bresciani”), Brescia è un luogo dove ci si può svagare in relax nella natura con la famiglia e praticare sport e trekking lontani dal traffico e dalla calca.     ­   ­ [post_title] => Visit Brescia, escursioni ed eventi tra parchi, giardini e limonaie [post_date] => 2024-04-19T12:47:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713530872000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465886 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tra le mete più richieste di quest’estate certamente spicca la Francia, che ha archiviato un 2023 con 100 milioni di visitatori stranieri e 8 milioni di visitatori italiani, per una spesa turistica pari a 3,8 miliardi di euro. Parigi è chiaramente in pole position come palcoscenico turistico-sportivo internazionale in vista dei Giochi Olimpici, che si terranno dal 26 luglio all’11 agosto e dei Paralimpici, in scena dal 28 agosto all’8 settembre. Eventi dalla forte connotazione sostenibile, resi quest’anno ancor più spettacolari perché oltre che negli stadi si terranno in luoghi simbolo del Paese: gli Champs de Mars, sotto la Torre Eiffel, diventeranno un campo da beach volley, Place du Trocadéro una pista da BMX, l’Esplanade des Invalides e il Grand Palais ospiteranno le gare di tiro con l'arco e di scherma, mentre il triathlon si svolgerà sotto il Pont Alexandre III.  Un anno all’insegna dello sport che permetterà dunque di conoscere il Paese come destinazione turistica sportiva con Vendee Globe, tour del mondo in barca a vela in solitario, che partirà il 10 novembre 2024 da Les Sables d’Olonnes in Vandea e il Tour de France che partirà da Firenze per terminare a Nizza in Costa Azzurra. Il tutto condito con l’attesa riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame, il prossimo 8 dicembre, il giorno della Festa dell’Immacolata Concezione, dopo cinque anni dall’incendio. A trainare il turismo anche i numerosi festival ed eventi culturali in calendario, come il Festival Impressionista della Normandia (dal 22 marzo al 22 settembre), il Festival di Cannes (dal 14 al 25 maggio), la biennale che celebra i vini di Bordeaux e della Nouvelle-Aquitaine (dal 27 al 30 giugno), mostre, esposizioni, spettacoli teatrali, concerti, ma anche numerose iniziative gratuite durante gli Olimpiadi in spazi aperti a tutti: cerimonie lungo la Senna e club per seguire gli eventi su grandi schermi. «Il mercato italiano è al 4° posto del mercato internazionale francese - ha sottolineato Frédéric Meyer, direttore Atout France nel nostro paese - e nel 2023 abbiamo registrato un incremento del 10% di turisti italiani, che apprezzano la Francia non solo nelle destinazioni più iconiche e conosciute, ma anche nelle altre regioni, grazie anche alla comodità dei trasporti, con oltre 1.000 collegamenti aerei settimanali e circa 20 collegamenti ferroviari”. Gli italiani potranno scegliere comodi collegamenti ferroviari dalle principali città italiane come Roma, Venezia, Bologna, Genova, Firenze e Verona con cambio a Milano e treni da Torino a Parigi Gare de Lyon ad alta velocità Frecciarossa e TGV. Sul fronte aereo, Air France è il partner ufficiale dei Giochi Olimpici e Paralimpici: “metteremo in evidenza il meglio della Francia per il mondo, promuovendo l'eccellenza, il rispetto e l'inclusione - commenta Benjamin Smith, direttore esecutivo del gruppo Air France-KLM”. Le Olimpiadi saranno un’occasione quindi per concedersi una vacanza tra le ricchezze storico-culturali di Parigi, visitando le principali attrattive turistiche, come il Museo del Louvre, la Torre Eiffel, gli Champs-Elysées, il Centro Pompidou e molto altro, per poi proseguire il viaggio alla scoperta dei magnifici dintorni: il Palazzo e i giardini di Versailles, Giverny, la casa e i giardini di Claude Monet, il Castello di Fontainebleau, Rouen, la città di Chartres, Auvers-sur-Oise, il piccolo paese degli impressionisti, le cantine di Reims, il Castello di Chantilly, la Valle della Loira e i suoi castelli fiabeschi, la città medievale di Provins, Lione o Disneyland Paris, meta ideale se si viaggia con la famiglia. [post_title] => Parigi al top, tra sport, sostenibilità e cultura [post_date] => 2024-04-19T09:37:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( [0] => francia [1] => omio-parigi [2] => omio-viaggi-in-treno [3] => parigi [4] => parigi-giochi-olimpici-e-paralimpici [5] => parigi-olimpiadi [6] => treni-da-torino-a-parigi [7] => treni-per-parigi [8] => vacanza-a-parigi [9] => viaggio-in-treno-a-parigi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => francia [1] => omio parigi [2] => omio viaggi in treno [3] => parigi [4] => parigi giochi olimpici e paralimpici [5] => parigi olimpiadi [6] => treni da torino a parigi [7] => treni per parigi [8] => vacanza a parigi [9] => viaggio in treno a parigi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713519473000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465830 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fiavet-Confcommercio non si ferma  nella sua battaglia contro la politica “zero commission” sulla biglietteria aerea. A seguito della vittoria del contenzioso contro Lufthansa, che ha consentito a tutte le agenzie, non solo le associate Fiavet-Confcommercio,  di  avviare la richiesta di differenza per le commissioni non pagate, la Federazione  ha verificato tutte le posizioni delle compagnie aeree che negli ultimi dieci anni hanno comunicato l’azzeramento della commissione, decisione puntualmente contestata da Fiavet-Confcommercio  nell’interesse dei propri associati, partendo dal presupposto normativo che l’intermediazione ha un valore e va riconosciuto.  “Stiamo concretizzando anni di battaglie: avendo da sempre un rapporto commerciale di vendita di biglietteria  aerea per conto dei vettori, contestiamo la decisione unilaterale, da parte loro, della improvvisa politica a commissioni zero” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi. Fiavet-Confcommercio ha ripreso in mano tutte le posizioni in cui era stata contestata come illegittima la riduzione a zero della commissione, fornendo ai suoi associati uno schema di richiesta da inviare per poter ottenere il rispetto del principio espresso nella causa di Lufthansa. “Ci aspettiamo che le compagnie aeree prendano atto di questa situazione e, piuttosto che arroccarsi in posizioni di difesa ad oltranza per non riconoscere i diritti delle agenzie di viaggio, versino il dovuto e finalmente concordino con le associazioni di categoria un livello commissionale minimo” afferma Giuseppe Ciminnisi. I vettori che hanno applicato la “zero commission” si vedranno quindi recapitare, nei prossimi giorni, una imponente quantità di richieste di riportare la commissione all’1%  o al maggiore valore prima dell’azzeramento, con restituzione della commissione non versata. “È una richiesta legittima -  afferma Federico Lucarelli, consulente legale Fiavet che ha seguito il contenzioso con Lufthansa  - in quanto si fonda sul principio espresso nel giudizio Lufthansa, in particolare sulla nullità dichiarata in quel contenzioso della clausola disciplinante il regime commissionale del PSAA, che è il contratto uniforme che lega i vettori alle Agenzie IATA per la vendita della biglietteria aerea, e quindi replicabile per tutti i rapporti tra compagnie aeree e agenti di viaggio IATA”. [post_title] => Fiavet: continua la battaglia contro i vettori a commissioni zero [post_date] => 2024-04-18T12:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => ryanair ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Ryanair ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713443094000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465817 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Roma Fiumicino ha conquistato il gradino più alto del podio come migliore scalo al mondo per la sicurezza aeroportuale, in occasione dei World Airport Awards 2024 di Skytrax. Lo scalo di Fiumicino, gestito da Aeroporti di Roma, società del gruppo Mundys, ha ottenuto il riconoscimento Skytrax grazie all’attenzione sempre crescente nei confronti dei diversi aspetti della sicurezza aeroportuale, in costante coordinamento con le Forze dell’ordine, considerati dall’organizzazione di rating in fase di valutazione – i.e., controlli, tempi di attesa, sistemi di monitoraggio delle code, fast track e corsie prioritarie, tecnologie utilizzate, cortesia ed efficienza del personale aeroportuale. "L'Aeroporto di Roma Fiumicino ha investito in modo significativo nelle tecnologie e nei servizi con l’obiettivo di garantire ai passeggeri un’esperienza di viaggio efficiente e sicura" ha dichiarato Edward Plaisted, ceo di Skytrax. I World Airport Awards vengono assegnati sulla base di un sondaggio con cui i passeggeri possono annualmente valutare la propria esperienza aeroportuale su una vasta gamma di servizi ed infrastrutture aeroportuali, dal check-in agli arrivi, dallo shopping alla sicurezza fino alle partenze, in oltre 550 aeroporti in tutto il mondo. "Questo conferimento dimostra il nostro grande impegno nel quotidiano miglioramento dei servizi e delle infrastrutture presenti in aeroporto per garantire un’esperienza di viaggio da ricordare ai milioni di passeggeri che partono o arrivano nella Capitale d’Italia. E’ anche dalla promozione e implementazione della sicurezza in tutti i suoi aspetti che passa la nostra missione di delineare l’aeroporto del futuro” ha commentato Marco Stramaccioni, managing director di Adr Security.  [post_title] => Roma Fiumicino premiato da Skytrax come migliore scalo al mondo per la sicurezza [post_date] => 2024-04-18T12:10:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713442252000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465780 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà l’elegante Venaria Reale, gioiello nel cuore del Piemonte, la protagonista della grande partenza della 107° edizione del Giro d’Italia 2024 il prossimo 4 maggio. La città, che nel 2025 sarà anche Capitale europea dello sport, offre una combinazione unica di patrimonio culturale e natura, da scoprire in occasione del grande appuntamento sportivo (e non solo) con itinerari da percorrere a piedi o in bici. Si parte all’esplorazione della città dalla Reggia di Venaria Reale, grandioso complesso che con i suoi 80mila metri quadrati di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, è uno dei luoghi iconici del nostro Paese. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997, è aperta al pubblico dal 2007 dopo essere stata il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali. La Reggia vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale: l'incantevole scenario della Sala di Diana progettato da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con l’immenso complesso delle Scuderie, opere settecentesche di Filippo Juvarra, le fastose decorazioni, il celebre Bucintoro e la spettacolare Fontana del Cervo nella Corte d’onore rappresentano la cornice ideale del Teatro di Storia e Magnificenza, il percorso espositivo dedicato ai Savoia che accompagna il visitatore lungo quasi 2.000 metri, tra piano interrato e piano nobile della Reggia. In occasione della partenza del Giro d’Italia la Reggia di Venaria propone per la visita delle tariffe speciali. La visita prosegue nel centro storico: uscendo dalla Torre dell’orologio della Reggia, si attraversa Piazza a Esedra (oggi Piazza della Repubblica) e ci si incammina lungo via Mensa, animata da locali e caffè dove sostare per uno spuntino o assaggiare i prodotti enogastronomici del territorio. Da qui si giunge nella Piazza della SS. Annunziata, elegante piazza e cuore del seicentesco borgo di Venaria Reale. La piazza è dedicata all’Annunciazione di Maria, rappresentata dalle due statue, opera di Giuseppe Maria e Giovanni Domenico Carlone (1678), scultori luganesi, autori anche delle statue dei quattro Evangelisti collocate sempre sulla piazza. Sulla piazza un tempo si affacciavano due locali: Nuova Cernaia (tutt’oggi in attività) e Vecchia Cernaia (ora scomparso), denominati così in ricordo della guerra di Crimea, poiché l'artiglieria impegnata nel conflitto era partita proprio da Venaria. E' possibile spingersi alla scoperta delle vie che si snodano dal centro, cercando i molti scorsi ancora autentici della cittadina. In particolare Via Boglione, che era la sede di alcune attività artigianali com il maniscalco, la tipografia e l’erboristeria, e Via Pavesio, dove ci si immerge ancora una volta nel tempo passato camminando lungo l’edificio delle Corte pagliere, le scuderie e la Cavallerizza Lamarmora. In alternativa chi ama passeggiare nel verde urbano può percorrere i sentieri lungo la Ceronda, l’ampio torrente affluente della Stura che bagna Venaria. Un’esperienza totally green è il Parco della Mandria, un vasto parco naturale che offre splendide opportunità per escursioni, e osservazione della fauna selvatica e rappresenta il principale polmone verde dell’area torinese. Si tratta del più antico e conservato esempio di bosco planiziale (cioè in pianura) del Piemonte. Per la sera non mancano le proposte, tra cui spicca il Teatro della Concordia, cuore culturale dell’intero territorio nord ovest di Torino che compie venti anni di attività proprio nel 2024. Il suo cartellone spazia dalla stand up comedy alla grande prosa, dagli spettacoli per famiglie ai concerti. Ma non manca una tappa per i più golosi. Impossibile partire da Venaria Reale senza aver assaggiato il Canestrello di Altessano, dolce povero ma saporito che già un secolo fa faceva parlare di sé politici e letterati come Michele Lessona, venariese doc e senatore del Regno.         [post_title] => Venaria Reale, meta insolita da scoprire sulla scia del Giro d'Italia [post_date] => 2024-04-18T10:58:22+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713437902000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465794 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Occasione da non perdere in questi giorni a Venezia dove è visitabile L’Observatoire, l'esclusivo vagone del Venice Simplon-Orient-Express, A Belmond Train, disegnato dal famoso artista JR.  In concomitanza alla Biennale Arte di Venezia, fino al 19 aprile il vagone sarà esposto in Fondamenta San Giovanni (Hotel Cipriani, A Belmond Hotel, Venice) e sarà aperto al pubblico dalle 14:00 alle 17:00; dal 20 al 22 aprile, L’Observatoire sarà a Riva Dei Sette Martiri e sarà aperto al pubblico ogni giorno, dalle 11:00 alle 18:00.   Il pubblico potrà sbirciare all’interno di questa carrozza storica attraverso diversi punti di osservazione presenti sui finestrini e scoprire così la visione e il progetto di JR che si snoda attraverso diversi ambienti, tra cui una camera da letto, un bagno privato, un’area lounge, una biblioteca e una sala da tè segreta. Indizi nascosti e dettagli quasi invisibili si celano all’interno di un sofisticato intarsio e di spazi evocativi, pensati per risvegliare la curiosità e l’immaginazione negli osservatori.   Il nuovo vagone letto rappresenta un ulteriore traguardo nella storia di questo treno leggendario perché diventerà la carrozza più spaziosa a bordo e offrirà agli ospiti una vera esperienza immersiva in movimento, da vivere mentre attraversano l’Europa a bordo del Venice Simplon-Orient-Express. Il Venice Simplon-Orient-Express porta a Venezia L’Observatoire di JR, 42 anni dopo che James B. Sherwood (il fondatore di Belmond) aveva esposto in laguna la carrozza ristorante Étoile du Nord e uno dei vagoni letto.  [post_title] => Venice Simplon-Orient-Express: l'esclusivo vagone 'L'Observatoire' in mostra a Venezia [post_date] => 2024-04-18T10:57:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713437828000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465435 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggia lungo due binari paralleli la promozione 2024 della Svizzera: da una parte diversificare l’offerta e indirizzare la domanda, dall'altra destagionalizzare i flussi turistici. «Portare gli ospiti giusti nelle destinazioni giuste al momento giusto - afferma Martin Nydegger, ceo di Svizzera Turismo -. Orientare e promuovere è la formula magica. Orientiamo gli ospiti svizzeri, puntando, per esempio, sulle gemme nascoste e, parallelamente, promuoviamo il turismo in Europa sottolineando la facilità e la sostenibilità dei collegamenti in treno. Inoltre, non vogliamo solo aumentare il numero di ospiti provenienti dai mercati esteri, ma soprattutto governarne i flussi, per distribuire il turismo su tutto il territorio nazionale e durante tutto l’anno. A tal fine, stiamo puntando alle nicchie giuste e sui segmenti più interessanti in base ai mercati di origine». Intanto il 2023 viene archiviato con un totale di 41,8 milioni di pernottamenti, il +5,6% rispetto al 2019: un risultato che batte ogni record precedente grazie, in particolare, all'elevato numero di visitatori provenienti dal Nord America e dal Sud-est asiatico, alla rinnovata salute del mercato britannico e alla costante fedeltà dei clienti svizzeri. «Non siamo ancora ai livelli pre-pandemia - sottolinea Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo Italia commentando i dati del 2023 - ma siamo cresciuti costantemente soprattutto grazie ai soggiorni in città». Gli italiani apprezzano soprattutto la bellezza dei paesaggi svizzeri e la possibilità di vivere esperienze in contesti naturali sia che si scelga una vacanza in montagna, sia che si opti per un weekend in una delle nostre città, caratterizzate dalla presenza di parchi, giardini e di corsi d’acqua “puliti” e dalla capillarità dei trasporti che favorisce la mobilità green. Destagionalizzare resta la parola d'ordine, in abbinata alla promozione di esperienze insolite e su misura per rispondere a segmenti con esigenze e caratteristiche diverse. «Chi ci scopre per la prima volta rimane felicemente sorpreso - prosegue la direttrice -. Occorre quindi lavorare sull’acquisizione di nuovi clienti e sulla creazione di proposte alternative per chi è già stato in Svizzera ma vuole scoprire qualcosa di nuovo». Intanto, ha preso il via la scorsa settimana la nuova campagna “30 luoghi sorprendenti in Svizzera” che sono villaggi (come Sent o Morcote), monasteri (ad esempio l'abbazia di Hauterive) o edifici dalle architetture particolari (come Citè du Lignon, alle porte di Ginevra)   Proseguono le collaborazioni con gli Ambassador della destinazione: «Quella storica e decisamente lifestyle che vede protagonista Michelle Hunziker e quella più recente con il portiere Yann Sommer, che si rivolge ad un pubblico giovane e sportivo» precisa Francesca Rovati, media manager Northern Italy, che ricorda anche gli appuntamenti con il trade italiano, «attraverso incontri con le agenzie di viaggio da Roma a Brescia, Torino, oltre alla partecipazione alle principali fiere di settore, da Rimini a Napoli».   [post_title] => Svizzera 2024: indirizzare la domanda per destagionalizzare i flussi turistici [post_date] => 2024-04-15T14:51:11+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713192671000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465562 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="" align="alignright" width="300"] Luigi Bordoni, general manager, e Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly[/caption] «Offrire una supervisione totale sotto un aeromobile, da quando atterra a quando decolla e trasmettere la nostra professionalità a servizio dei tour operator e agenzie di viaggio, rappresentando le compagnie aeree di cui siamo gsa»: Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly, fotografa così la mission della società. «La nostra marcia in più è quella di essere il trait d'union fra la compagnia aerea e il tour operator, facendoci carico totalmente delle esigenze dei nostri clienti, cercando di arrivare a una soluzione direttamente con la sede laddove non riusciamo da soli, anche se questi casi sono veramente rari».   Attualmente Edograf rappresenta «una decina di compagnie, ma vorrei sottolineare con orgoglio anche la collaborazione con Wizz Air, per la quale curiamo le inspection per la supervisione dei voli.  La low cost che ha come obiettivo principale la puntualità, affida a noi il lavoro di capire meglio dove ci possano essere eventuali situazioni di stallo, che non permettano di raggiungere il 100% della puntualità, senza mai trascurare i tecnicismi sotto un aeromobile, il controllo totale dal check-in al gate, al monitoraggio della qualità servizi».   La società romana è anche gsa di Air Cairo, «he opera in diverse località egiziane, con un traffico in gran parte charterizzato su Sharm el Sheikh e Marsa Alam con molti tour operator. Zoccolo duro della nostra azienda ormai da anni è poi costituito dalla collaborazione con Air Albania che collega molte città italiane con Tirana e con la quale lavoriamo da numerosi aeroporti internazionali: per noi è un fiore all'occhiello  rappresentare questa compagnia aerea».   Ultima new entry è quella di «Turkmenistan Airlines, che ha affidato a noi lo sviluppo e la commercializzazione dei voli in partenza dall'Italia, a prezzi molto interessanti con buone coincidenze su alcune destinazioni del Sud-est asiatico. Un mercato diverso e di nicchia: a noi il compito di individuare i tour operator specializzati per questa tipologia di traffico».   Edograf, conclude la sales manager, «è presente in quasi in tutti gli aeroporti italiani con propri uffici, biglietterie e un call center a Pisa, operativo dalle 06.00 alle 23.00, che copre tutte le richieste dei nostri clienti». (q.f.)   [post_title] => Edograf: «Il nostro plus? Essere trait d'union fra le compagnie aeree e i tour operator» [post_date] => 2024-04-15T14:19:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713190759000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "iberia e iberia express sui primi gradini del podio dei vettori piu puntuali deuropa" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":78,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":682,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465943","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dalle sponde dei laghi di Garda, Iseo ed Idro ai monti della Valle Camonica, della Valle Sabbia e della valle Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta alla verde pianura solcata dallo scorrere lento del fiume Oglio, la provincia di Brescia, con la sua incredibile varietà di paesaggi,propone attività ed eventi tra parchi, giardini, limonaie e orti botanici.\r\n\r\nIl lago di Garda è in primavera un’esplosione di fioriture, una cornice perfetta per tonificanti giornate nella natura, in uno dei contesti paesaggistici più affascinanti del Belpaese.\r\n\r\nBen quattro i siti del circuito Grandi Giardini Italiani. A Gardone Riviera si trovano il Giardino Botanico André Heller e i giardini del Vittoriale degli Italiani, dimora di Gabriele D’Annunzio.  Rientrano nel circuito dei Grandi Giardini Italiani anche l’Isola del Garda - gioiello circondato d’acqua con la villa in neogotico veneziano e sontuosi giardini - e la Rocca di Lonato abbracciata da un grande parco, straordinario esempio di bosco ceduo con olivi, vigne e specie spontanee e scenografici pendii erbosi. Di grande fascino anche i giardini all’italiana con scalinate, statue, fontane e i resti dell’antica limonaia, inseriti in un parco di oliveti e agrumeti, di Villa Bettoni a Gargnano. Una chicca per veri appassionati è l’Orto botanico G.E.Ghirardi di Toscolano Maderno.\r\n\r\nTutelate e ristrutturate come si deve a un patrimonio storico e culturale di grande valore, le caratteristiche limonaie dell’Alto Garda costituiscono già da sole motivo di una o più escursioni di primavera in riva al lago.\r\n\r\nColline, vigneti e molto di più: la Franciacorta è la meta perfetta per una giornata tra verde, storia, cultura, cantine eccellenti dove sostare. In primavera, poi, ci sono piacevoli motivi in più, legati al verde e alla natura, per visitarla.\r\n\r\nCastello Quistini - Rovato: a partire dal primo weekend di maggio, tutti i fine settimana riapre al pubblico lo storico roseto dell’antica dimora franciacortina. Tra mura secolari sembra di entrare in un’oasi senza tempo, con una collezione unica di rose di ogni colore, profumo e specie. Tra le tante varietà, quelle inglesi di David Austin.\r\n\r\nNella cornice già spettacolare delle celebri colline di Franciacorta, ammantate di pregiati vigneti, la mostra-mercato di rose ed erbacee perenni nell’antico borgo di Bornato (Cazzago San Martino) è diventata un appuntamento primaverile imperdibile. Quella in calendario dal 17 al 19 maggio è la 25° edizione.\r\n\r\nAnche il lago d’Iseo e la Valle Camonica e fanno da scenari ad aree botaniche, oasi naturali e parchi tutti da godere. Dove il lago d’Iseo incontra la Franciacorta, la magnifica Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino è  un luogo magico dove l’incontro tra acqua e terra dà vita a una zona di grande interesse naturalistico.\r\n\r\nRisalendo dal lago alla Valle Camonica, a Paisco Loveno, nella laterale Valle Allione, il Giardino Botanico Alpino Vivione è un’area di divulgazione scientifica con oltre 400 specie tipiche delle Orobie orientali, una xiloteca (raccolta di legni) e un’aula didattica arricchita da oggetti curiosi sul mondo degli insetti e dei minerali.\r\n\r\nCon i suoi panorami aperti, punteggiati di castelli ben conservati e da antichi borghi, la Bassa Bresciana si offre alla primavera come una tela da riempire di ogni colore, in cui immergersi durante un’escursione all’insegna del relax. Tra gli spazi verdi con le loro sorprese da non farsi sfuggire, il Parco Angelo e Lina Nocivelli a Verolanuova con i suoi coreografici giochi d’acqua, l’area attorno al Castello Bonoris a Montichiari con 3 ettari di  parco all’inglese dagli alberi secolari e l’armonioso giardino pensile “segreto” con vista, l’imponente Castello di Padernello circondato dalle acque e il vicino Ponte San Vigilio di Giuliano Mauri (il “tessitore del bosco”, primo artista italiano entrato a far parte nel 1981 del movimento Art in Nature), un’installazione artistica di grande suggestione per una coinvolgente esperienza olistica a stretto contatto con la natura.\r\n\r\nCon i suoi grandi parchi, le colline ricche di sentieri panoramici e il mitico Monte Maddalena (“la montagna dei bresciani”), Brescia è un luogo dove ci si può svagare in relax nella natura con la famiglia e praticare sport e trekking lontani dal traffico e dalla calca.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Visit Brescia, escursioni ed eventi tra parchi, giardini e limonaie","post_date":"2024-04-19T12:47:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713530872000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465886","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tra le mete più richieste di quest’estate certamente spicca la Francia, che ha archiviato un 2023 con 100 milioni di visitatori stranieri e 8 milioni di visitatori italiani, per una spesa turistica pari a 3,8 miliardi di euro.\r\n\r\nParigi è chiaramente in pole position come palcoscenico turistico-sportivo internazionale in vista dei Giochi Olimpici, che si terranno dal 26 luglio all’11 agosto e dei Paralimpici, in scena dal 28 agosto all’8 settembre. Eventi dalla forte connotazione sostenibile, resi quest’anno ancor più spettacolari perché oltre che negli stadi si terranno in luoghi simbolo del Paese: gli Champs de Mars, sotto la Torre Eiffel, diventeranno un campo da beach volley, Place du Trocadéro una pista da BMX, l’Esplanade des Invalides e il Grand Palais ospiteranno le gare di tiro con l'arco e di scherma, mentre il triathlon si svolgerà sotto il Pont Alexandre III. \r\n\r\nUn anno all’insegna dello sport che permetterà dunque di conoscere il Paese come destinazione turistica sportiva con Vendee Globe, tour del mondo in barca a vela in solitario, che partirà il 10 novembre 2024 da Les Sables d’Olonnes in Vandea e il Tour de France che partirà da Firenze per terminare a Nizza in Costa Azzurra.\r\n\r\nIl tutto condito con l’attesa riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame, il prossimo 8 dicembre, il giorno della Festa dell’Immacolata Concezione, dopo cinque anni dall’incendio. A trainare il turismo anche i numerosi festival ed eventi culturali in calendario, come il Festival Impressionista della Normandia (dal 22 marzo al 22 settembre), il Festival di Cannes (dal 14 al 25 maggio), la biennale che celebra i vini di Bordeaux e della Nouvelle-Aquitaine (dal 27 al 30 giugno), mostre, esposizioni, spettacoli teatrali, concerti, ma anche numerose iniziative gratuite durante gli Olimpiadi in spazi aperti a tutti: cerimonie lungo la Senna e club per seguire gli eventi su grandi schermi.\r\n\r\n«Il mercato italiano è al 4° posto del mercato internazionale francese - ha sottolineato Frédéric Meyer, direttore Atout France nel nostro paese - e nel 2023 abbiamo registrato un incremento del 10% di turisti italiani, che apprezzano la Francia non solo nelle destinazioni più iconiche e conosciute, ma anche nelle altre regioni, grazie anche alla comodità dei trasporti, con oltre 1.000 collegamenti aerei settimanali e circa 20 collegamenti ferroviari”.\r\n\r\nGli italiani potranno scegliere comodi collegamenti ferroviari dalle principali città italiane come Roma, Venezia, Bologna, Genova, Firenze e Verona con cambio a Milano e treni da Torino a Parigi Gare de Lyon ad alta velocità Frecciarossa e TGV.\r\n\r\nSul fronte aereo, Air France è il partner ufficiale dei Giochi Olimpici e Paralimpici: “metteremo in evidenza il meglio della Francia per il mondo, promuovendo l'eccellenza, il rispetto e l'inclusione - commenta Benjamin Smith, direttore esecutivo del gruppo Air France-KLM”.\r\n\r\nLe Olimpiadi saranno un’occasione quindi per concedersi una vacanza tra le ricchezze storico-culturali di Parigi, visitando le principali attrattive turistiche, come il Museo del Louvre, la Torre Eiffel, gli Champs-Elysées, il Centro Pompidou e molto altro, per poi proseguire il viaggio alla scoperta dei magnifici dintorni: il Palazzo e i giardini di Versailles, Giverny, la casa e i giardini di Claude Monet, il Castello di Fontainebleau, Rouen, la città di Chartres, Auvers-sur-Oise, il piccolo paese degli impressionisti, le cantine di Reims, il Castello di Chantilly, la Valle della Loira e i suoi castelli fiabeschi, la città medievale di Provins, Lione o Disneyland Paris, meta ideale se si viaggia con la famiglia.","post_title":"Parigi al top, tra sport, sostenibilità e cultura","post_date":"2024-04-19T09:37:53+00:00","category":["estero","informazione-pr"],"category_name":["Estero","Informazione PR"],"post_tag":["francia","omio-parigi","omio-viaggi-in-treno","parigi","parigi-giochi-olimpici-e-paralimpici","parigi-olimpiadi","treni-da-torino-a-parigi","treni-per-parigi","vacanza-a-parigi","viaggio-in-treno-a-parigi"],"post_tag_name":["francia","omio parigi","omio viaggi in treno","parigi","parigi giochi olimpici e paralimpici","parigi olimpiadi","treni da torino a parigi","treni per parigi","vacanza a parigi","viaggio in treno a parigi"]},"sort":[1713519473000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465830","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fiavet-Confcommercio non si ferma  nella sua battaglia contro la politica “zero commission” sulla biglietteria aerea.\r\n\r\nA seguito della vittoria del contenzioso contro Lufthansa, che ha consentito a tutte le agenzie, non solo le associate Fiavet-Confcommercio,  di  avviare la richiesta di differenza per le commissioni non pagate, la Federazione  ha verificato tutte le posizioni delle compagnie aeree che negli ultimi dieci anni hanno comunicato l’azzeramento della commissione, decisione puntualmente contestata da Fiavet-Confcommercio  nell’interesse dei propri associati, partendo dal presupposto normativo che l’intermediazione ha un valore e va riconosciuto.\r\n\r\n “Stiamo concretizzando anni di battaglie: avendo da sempre un rapporto commerciale di vendita di biglietteria  aerea per conto dei vettori, contestiamo la decisione unilaterale, da parte loro, della improvvisa politica a commissioni zero” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi.\r\n\r\nFiavet-Confcommercio ha ripreso in mano tutte le posizioni in cui era stata contestata come illegittima la riduzione a zero della commissione, fornendo ai suoi associati uno schema di richiesta da inviare per poter ottenere il rispetto del principio espresso nella causa di Lufthansa.\r\n\r\n“Ci aspettiamo che le compagnie aeree prendano atto di questa situazione e, piuttosto che arroccarsi in posizioni di difesa ad oltranza per non riconoscere i diritti delle agenzie di viaggio, versino il dovuto e finalmente concordino con le associazioni di categoria un livello commissionale minimo” afferma Giuseppe Ciminnisi.\r\n\r\nI vettori che hanno applicato la “zero commission” si vedranno quindi recapitare, nei prossimi giorni, una imponente quantità di richieste di riportare la commissione all’1%  o al maggiore valore prima dell’azzeramento, con restituzione della commissione non versata.\r\n\r\n“È una richiesta legittima -  afferma Federico Lucarelli, consulente legale Fiavet che ha seguito il contenzioso con Lufthansa  - in quanto si fonda sul principio espresso nel giudizio Lufthansa, in particolare sulla nullità dichiarata in quel contenzioso della clausola disciplinante il regime commissionale del PSAA, che è il contratto uniforme che lega i vettori alle Agenzie IATA per la vendita della biglietteria aerea, e quindi replicabile per tutti i rapporti tra compagnie aeree e agenti di viaggio IATA”.","post_title":"Fiavet: continua la battaglia contro i vettori a commissioni zero","post_date":"2024-04-18T12:24:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza","ryanair"],"post_tag_name":["In evidenza","Ryanair"]},"sort":[1713443094000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465817","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Roma Fiumicino ha conquistato il gradino più alto del podio come migliore scalo al mondo per la sicurezza aeroportuale, in occasione dei World Airport Awards 2024 di Skytrax.\r\n\r\nLo scalo di Fiumicino, gestito da Aeroporti di Roma, società del gruppo Mundys, ha ottenuto il riconoscimento Skytrax grazie all’attenzione sempre crescente nei confronti dei diversi aspetti della sicurezza aeroportuale, in costante coordinamento con le Forze dell’ordine, considerati dall’organizzazione di rating in fase di valutazione – i.e., controlli, tempi di attesa, sistemi di monitoraggio delle code, fast track e corsie prioritarie, tecnologie utilizzate, cortesia ed efficienza del personale aeroportuale.\r\n\r\n\"L'Aeroporto di Roma Fiumicino ha investito in modo significativo nelle tecnologie e nei servizi con l’obiettivo di garantire ai passeggeri un’esperienza di viaggio efficiente e sicura\" ha dichiarato Edward Plaisted, ceo di Skytrax.\r\n\r\nI World Airport Awards vengono assegnati sulla base di un sondaggio con cui i passeggeri possono annualmente valutare la propria esperienza aeroportuale su una vasta gamma di servizi ed infrastrutture aeroportuali, dal check-in agli arrivi, dallo shopping alla sicurezza fino alle partenze, in oltre 550 aeroporti in tutto il mondo.\r\n\r\n\"Questo conferimento dimostra il nostro grande impegno nel quotidiano miglioramento dei servizi e delle infrastrutture presenti in aeroporto per garantire un’esperienza di viaggio da ricordare ai milioni di passeggeri che partono o arrivano nella Capitale d’Italia. E’ anche dalla promozione e implementazione della sicurezza in tutti i suoi aspetti che passa la nostra missione di delineare l’aeroporto del futuro” ha commentato Marco Stramaccioni, managing director di Adr Security. ","post_title":"Roma Fiumicino premiato da Skytrax come migliore scalo al mondo per la sicurezza","post_date":"2024-04-18T12:10:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713442252000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465780","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà l’elegante Venaria Reale, gioiello nel cuore del Piemonte, la protagonista della grande partenza della 107° edizione del Giro d’Italia 2024 il prossimo 4 maggio.\r\n\r\nLa città, che nel 2025 sarà anche Capitale europea dello sport, offre una combinazione unica di patrimonio culturale e natura, da scoprire in occasione del grande appuntamento sportivo (e non solo) con itinerari da percorrere a piedi o in bici.\r\n\r\nSi parte all’esplorazione della città dalla Reggia di Venaria Reale, grandioso complesso che con i suoi 80mila metri quadrati di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, è uno dei luoghi iconici del nostro Paese. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997, è aperta al pubblico dal 2007 dopo essere stata il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali. La Reggia vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale: l'incantevole scenario della Sala di Diana progettato da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con l’immenso complesso delle Scuderie, opere settecentesche di Filippo Juvarra, le fastose decorazioni, il celebre Bucintoro e la spettacolare Fontana del Cervo nella Corte d’onore rappresentano la cornice ideale del Teatro di Storia e Magnificenza, il percorso espositivo dedicato ai Savoia che accompagna il visitatore lungo quasi 2.000 metri, tra piano interrato e piano nobile della Reggia. In occasione della partenza del Giro d’Italia la Reggia di Venaria propone per la visita delle tariffe speciali.\r\n\r\nLa visita prosegue nel centro storico: uscendo dalla Torre dell’orologio della Reggia, si attraversa Piazza a Esedra (oggi Piazza della Repubblica) e ci si incammina lungo via Mensa, animata da locali e caffè dove sostare per uno spuntino o assaggiare i prodotti enogastronomici del territorio.\r\n\r\nDa qui si giunge nella Piazza della SS. Annunziata, elegante piazza e cuore del seicentesco borgo di Venaria Reale. La piazza è dedicata all’Annunciazione di Maria, rappresentata dalle due statue, opera di Giuseppe Maria e Giovanni Domenico Carlone (1678), scultori luganesi, autori anche delle statue dei quattro Evangelisti collocate sempre sulla piazza. Sulla piazza un tempo si affacciavano due locali: Nuova Cernaia (tutt’oggi in attività) e Vecchia Cernaia (ora scomparso), denominati così in ricordo della guerra di Crimea, poiché l'artiglieria impegnata nel conflitto era partita proprio da Venaria.\r\n\r\nE' possibile spingersi alla scoperta delle vie che si snodano dal centro, cercando i molti scorsi ancora autentici della cittadina. In particolare Via Boglione, che era la sede di alcune attività artigianali com il maniscalco, la tipografia e l’erboristeria, e Via Pavesio, dove ci si immerge ancora una volta nel tempo passato camminando lungo l’edificio delle Corte pagliere, le scuderie e la Cavallerizza Lamarmora.\r\n\r\nIn alternativa chi ama passeggiare nel verde urbano può percorrere i sentieri lungo la Ceronda, l’ampio torrente affluente della Stura che bagna Venaria.\r\n\r\nUn’esperienza totally green è il Parco della Mandria, un vasto parco naturale che offre splendide opportunità per escursioni, e osservazione della fauna selvatica e rappresenta il principale polmone verde dell’area torinese. Si tratta del più antico e conservato esempio di bosco planiziale (cioè in pianura) del Piemonte.\r\n\r\nPer la sera non mancano le proposte, tra cui spicca il Teatro della Concordia, cuore culturale dell’intero territorio nord ovest di Torino che compie venti anni di attività proprio nel 2024. Il suo cartellone spazia dalla stand up comedy alla grande prosa, dagli spettacoli per famiglie ai concerti.\r\n\r\nMa non manca una tappa per i più golosi. Impossibile partire da Venaria Reale senza aver assaggiato il Canestrello di Altessano, dolce povero ma saporito che già un secolo fa faceva parlare di sé politici e letterati come Michele Lessona, venariese doc e senatore del Regno.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Venaria Reale, meta insolita da scoprire sulla scia del Giro d'Italia","post_date":"2024-04-18T10:58:22+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713437902000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465794","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Occasione da non perdere in questi giorni a Venezia dove è visitabile L’Observatoire, l'esclusivo vagone del Venice Simplon-Orient-Express, A Belmond Train, disegnato dal famoso artista JR. \r\n\r\nIn concomitanza alla Biennale Arte di Venezia, fino al 19 aprile il vagone sarà esposto in Fondamenta San Giovanni (Hotel Cipriani, A Belmond Hotel, Venice) e sarà aperto al pubblico dalle 14:00 alle 17:00; dal 20 al 22 aprile, L’Observatoire sarà a Riva Dei Sette Martiri e sarà aperto al pubblico ogni giorno, dalle 11:00 alle 18:00.\r\n \r\nIl pubblico potrà sbirciare all’interno di questa carrozza storica attraverso diversi punti di osservazione presenti sui finestrini e scoprire così la visione e il progetto di JR che si snoda attraverso diversi ambienti, tra cui una camera da letto, un bagno privato, un’area lounge, una biblioteca e una sala da tè segreta. Indizi nascosti e dettagli quasi invisibili si celano all’interno di un sofisticato intarsio e di spazi evocativi, pensati per risvegliare la curiosità e l’immaginazione negli osservatori.\r\n \r\nIl nuovo vagone letto rappresenta un ulteriore traguardo nella storia di questo treno leggendario perché diventerà la carrozza più spaziosa a bordo e offrirà agli ospiti una vera esperienza immersiva in movimento, da vivere mentre attraversano l’Europa a bordo del Venice Simplon-Orient-Express.\r\n\r\nIl Venice Simplon-Orient-Express porta a Venezia L’Observatoire di JR, 42 anni dopo che James B. Sherwood (il fondatore di Belmond) aveva esposto in laguna la carrozza ristorante Étoile du Nord e uno dei vagoni letto. ","post_title":"Venice Simplon-Orient-Express: l'esclusivo vagone 'L'Observatoire' in mostra a Venezia","post_date":"2024-04-18T10:57:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713437828000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465435","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Viaggia lungo due binari paralleli la promozione 2024 della Svizzera: da una parte diversificare l’offerta e indirizzare la domanda, dall'altra destagionalizzare i flussi turistici. «Portare gli ospiti giusti nelle destinazioni giuste al momento giusto - afferma Martin Nydegger, ceo di Svizzera Turismo -. Orientare e promuovere è la formula magica. Orientiamo gli ospiti svizzeri, puntando, per esempio, sulle gemme nascoste e, parallelamente, promuoviamo il turismo in Europa sottolineando la facilità e la sostenibilità dei collegamenti in treno. Inoltre, non vogliamo solo aumentare il numero di ospiti provenienti dai mercati esteri, ma soprattutto governarne i flussi, per distribuire il turismo su tutto il territorio nazionale e durante tutto l’anno. A tal fine, stiamo puntando alle nicchie giuste e sui segmenti più interessanti in base ai mercati di origine».\r\n\r\nIntanto il 2023 viene archiviato con un totale di 41,8 milioni di pernottamenti, il +5,6% rispetto al 2019: un risultato che batte ogni record precedente grazie, in particolare, all'elevato numero di visitatori provenienti dal Nord America e dal Sud-est asiatico, alla rinnovata salute del mercato britannico e alla costante fedeltà dei clienti svizzeri.\r\n\r\n«Non siamo ancora ai livelli pre-pandemia - sottolinea Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo Italia commentando i dati del 2023 - ma siamo cresciuti costantemente soprattutto grazie ai soggiorni in città». Gli italiani apprezzano soprattutto la bellezza dei paesaggi svizzeri e la possibilità di vivere esperienze in contesti naturali sia che si scelga una vacanza in montagna, sia che si opti per un weekend in una delle nostre città, caratterizzate dalla presenza di parchi, giardini e di corsi d’acqua “puliti” e dalla capillarità dei trasporti che favorisce la mobilità green.\r\n\r\nDestagionalizzare resta la parola d'ordine, in abbinata alla promozione di esperienze insolite e su misura per rispondere a segmenti con esigenze e caratteristiche diverse. «Chi ci scopre per la prima volta rimane felicemente sorpreso - prosegue la direttrice -. Occorre quindi lavorare sull’acquisizione di nuovi clienti e sulla creazione di proposte alternative per chi è già stato in Svizzera ma vuole scoprire qualcosa di nuovo».\r\nIntanto, ha preso il via la scorsa settimana la nuova campagna “30 luoghi sorprendenti in Svizzera” che sono villaggi (come Sent o Morcote), monasteri (ad esempio l'abbazia di Hauterive) o edifici dalle architetture particolari (come Citè du Lignon, alle porte di Ginevra)\r\n \r\nProseguono le collaborazioni con gli Ambassador della destinazione: «Quella storica e decisamente lifestyle che vede protagonista Michelle Hunziker e quella più recente con il portiere Yann Sommer, che si rivolge ad un pubblico giovane e sportivo» precisa Francesca Rovati, media manager Northern Italy, che ricorda anche gli appuntamenti con il trade italiano, «attraverso incontri con le agenzie di viaggio da Roma a Brescia, Torino, oltre alla partecipazione alle principali fiere di settore, da Rimini a Napoli».\r\n\r\n ","post_title":"Svizzera 2024: indirizzare la domanda per destagionalizzare i flussi turistici","post_date":"2024-04-15T14:51:11+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713192671000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465562","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Luigi Bordoni, general manager, e Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly[/caption]\r\n\r\n«Offrire una supervisione totale sotto un aeromobile, da quando atterra a quando decolla e trasmettere la nostra professionalità a servizio dei tour operator e agenzie di viaggio, rappresentando le compagnie aeree di cui siamo gsa»: Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly, fotografa così la mission della società.\r\n«La nostra marcia in più è quella di essere il trait d'union fra la compagnia aerea e il tour operator, facendoci carico totalmente delle esigenze dei nostri clienti, cercando di arrivare a una soluzione direttamente con la sede laddove non riusciamo da soli, anche se questi casi sono veramente rari».\r\n \r\nAttualmente Edograf rappresenta «una decina di compagnie, ma vorrei sottolineare con orgoglio anche la collaborazione con Wizz Air, per la quale curiamo le inspection per la supervisione dei voli.  La low cost che ha come obiettivo principale la puntualità, affida a noi il lavoro di capire meglio dove ci possano essere eventuali situazioni di stallo, che non permettano di raggiungere il 100% della puntualità, senza mai trascurare i tecnicismi sotto un aeromobile, il controllo totale dal check-in al gate, al monitoraggio della qualità servizi».\r\n \r\nLa società romana è anche gsa di Air Cairo, «he opera in diverse località egiziane, con un traffico in gran parte charterizzato su Sharm el Sheikh e Marsa Alam con molti tour operator. Zoccolo duro della nostra azienda ormai da anni è poi costituito dalla collaborazione con Air Albania che collega molte città italiane con Tirana e con la quale lavoriamo da numerosi aeroporti internazionali: per noi è un fiore all'occhiello  rappresentare questa compagnia aerea».\r\n \r\nUltima new entry è quella di «Turkmenistan Airlines, che ha affidato a noi lo sviluppo e la commercializzazione dei voli in partenza dall'Italia, a prezzi molto interessanti con buone coincidenze su alcune destinazioni del Sud-est asiatico. Un mercato diverso e di nicchia: a noi il compito di individuare i tour operator specializzati per questa tipologia di traffico».\r\n \r\nEdograf, conclude la sales manager, «è presente in quasi in tutti gli aeroporti italiani con propri uffici, biglietterie e un call center a Pisa, operativo dalle 06.00 alle 23.00, che copre tutte le richieste dei nostri clienti». (q.f.)\r\n ","post_title":"Edograf: «Il nostro plus? Essere trait d'union fra le compagnie aeree e i tour operator»","post_date":"2024-04-15T14:19:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713190759000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti