18 April 2024

Emirates: i timori di Clark su nuovi ritardi nelle consegne Boeing

[ 0 ]

EmiratesQuesta volta è Tim Clark, presidente di Emirates, a esprimere più di un timore sulla possibilità che Boeing riesca a mantenere gli impegni presi per le consegne dei 777X entro fine 2025. 

“La consegna del 777X avverrà probabilmente alla fine del prossimo anno e forse nel 2026, se saremo sfortunati“, ha dichiarato Clark a Reuters. La consegna del 777X a Emirates era inizialmente prevista per il 2020, ma dopo successivi ritardi è stata posticipata a ottobre 2025. “Ovviamente ci sono dei problemi”, ha sottolineato Clark, aggiungendo che anche le difficoltà della catena di fornitori stanno rallentando la produzione di Airbus.

Clark ha sottolineato che la Boeing deve fare dei cambiamenti, ma non ha chiesto una revisione della sua governance. “L’Amministrazione federale dell’aviazione degli Stati Uniti ha dichiarato che c’è una disconnessione tra il management e il sistema di sicurezza. Tutto questo è qualcosa che alcuni di noi dicono da molto tempo”, ha aggiunto Clark, che tuttavia ha cercato di rassicurare affermando che “l’intera situazione è recuperabile”.

Emirates ha ordinato complessivamente 170 B777-9 e 35 B777-8. Ha anche modificato il precedente ordine per 30 B787-9, convertendoli invece in 15 B787-10 e 20 B787-8. Per quanto riguarda Airbus, ha ordinato un totale di 65 A350-900, con un ordine per la versione -1000 ancora in sospeso.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465762 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Turkish Airlines ha aperto le vendite per il nuovo volo da Torino a Istanbul, che decollerà il prossimo 10 luglio con frequenze giornaliere, operate con un narrow body.  Il capoluogo piemontese diventa così la nona destinazione servita in Italia dalla compagnia di bandiera turca. La nuova rotta consente l'accesso diretto a Istanbul, oltre all'opportunità di proseguire il viaggio verso altre 348 destinazioni sia in Turchia che in Africa, Americhe, Medio Oriente ed Estremo Oriente, tutte incluse nell'ampio network di Turkish Airlines. «L’apertura da parte di Turkish Airlines della rotta per Istanbul rappresenta un ampliamento del network di grande valore per Torino - commenta Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Si aggiunge così un hub verso Oriente che per la sua collocazione geografica rappresenta un ottimo punto di transito per le connessioni. I piemontesi avranno infatti l’opportunità di volare non solo ad Istanbul e in tutta la Turchia, ma attraverso questo grande hub verso tutto il resto del mondo. Allo stesso modo, questo volo costituisce un’opportunità di ulteriore crescita turistica per il Piemonte, che potrà essere raggiunto da tutte le destinazioni facenti parte del network di Turkish Airlines». L'operativo prevede nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e sabato la partenza da Istanbul alle 7:15, con arrivo a Torino alle 9:20; partenza da Torino alle 10:15, con arrivo a Istanbul alle 14:10. Nei giorni di mercoledì, venerdì e domenica la partenza da Istanbul è invece programmata alle 17:00, con arrivo a Torino alle 19:05; partenza da Torino alle 20:00, con arrivo a Istanbul alle 23:55.   [post_title] => Turkish Airlines atterra a Torino con un volo giornaliero dal prossimo 10 luglio [post_date] => 2024-04-17T14:53:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713365623000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465744 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo Milano, che ospitò la prima edizione nel 2022, Casa Vallonia ha scelto Torino per presentare la regione più interna del Belgio. L’appuntamento biennale, organizzato dalla Rappresentanza Economica della Vallonia  (AWEx), in collaborazione con Wallonie-Bruxelles International (Wbi) e VisitWallonia, ha offerto una visione a 360° in ambito turistico, accademico, culturale ed economico a riconferma dei legami fra Belgio e Italia, Paesi fondatori dell’Unione europea. Introdotti da Pierre-Emmanuel De Bauw, ambasciatore del Belgio in Italia, Silvia Lenzi e Romano Simonelli, rispettivamente italian market manager e trade development account VisitWallonia, affiancati dal ceo di VisitWallonia, Etienne Claude, hanno presentato una destinazione che nel 2023 ha registrato un +14,3% di pernottamenti dei turisti italiani rispetto al 2022 (dato provvisorio), confermando l’Italia come quinto mercato di provenienza. Charleroi, aeroporto collegato a 23 scali italiani, è una delle porte di accesso di questa regione di circa 17.000 kmq incastonata fra Francia, Belgio e Lussemburgo. Meta trendy che, grazie alla sua versatilità, è congeniale a turisti dai molteplici interessi. Dalla storia che spazia dai campi di Waterloo, il cui nome rimanda alla disfatta di Napoleone alle foreste delle Ardenne, teatro di molti scontri della Prima e della Seconda Guerra Mondiale ma anche scenario unico di percorsi trekking e di cicloturismo; ai richiami mistici dei 7 Cammini per Santiago e delle abbazie trappiste. E ancora i 50 beni materiali ed immateriali del Patrimonio Unesco, e 1500 castelli e dimore storiche privati ma visitabili, in parte trasformati in hotel. Punta di diamante di una ricettività dal buon rapporto qualità – prezzo che contempla anche confortevoli ostelli, campeggi classici o glamping, ma anche originali soluzioni in lodges, carovane circensi e case galleggianti. Capace di sorprendere, la Vallonia punta a rafforzare la propria identità fidelizzando la clientela ed aumentando i pernottamenti e la spesa procapite. Obiettivo che impegna VisitWallonia su più fronti. «Stiamo implementando il sito con pagine dedicate a chi viaggia in moto e offerte per i camperisti - dichiara Silva Lenzi - al tempo stesso, lavoriamo a prodotti per tutti, dalle famiglie alle coppie. Per tour operator e agenzie di viaggi, optiamo per una formazione “one to one” che consente di seguirli costantemente». [post_title] => La Vallonia punta ad aumentare pernottamenti e spesa dei turisti italiani [post_date] => 2024-04-17T12:26:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713356792000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465721 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United Airlines archivia il primo trimestre 2024 con un rosso di 200 milioni di dollari e punta il dito contro Boeing, ritenendola direttamente responsabile della perdita subita.  La compagnia aerea è stata infatti costretta a bloccare la propria flotta di Boeing 737 Max 9 per tre settimane in seguito all'incidente che lo scorso gennaio aveva coinvolto un velivolo della Alaska Airlines. United ha registrato una perdita ante imposte di 164 milioni di dollari nel primo trimestre e ha dichiarato che altrimenti «avrebbe registrato un utile trimestrale». Il vettore statunitense conta 79 Boeing 737 Max 9 nella sua flotta, più di qualsiasi altra compagnia aerea e seconda solo ad Alaska Airlines. Le due sono state costrette a cancellare migliaia di voli a causa delle ispezioni effettuate a gennaio prima che l'autorità di regolamentazione dell'aviazione statunitense autorizzasse i velivoli a riprendere il volo.     Scott Kirby, ceo di United, ha dichiarato: «Abbiamo modificato il nostro piano di flotta per rispecchiare al meglio la realtà di ciò che i produttori sono in grado di consegnare». I ritardi nella consegna degli aerei hanno indotto United a sospendere le assunzioni di piloti e a offrire ai suoi piloti un congedo volontario non retribuito. Nonostante l'interruzione dell'attività del Boeing, il vettore ha registrato una forte domanda di voli nazionali e transatlantici, oltre a una ripresa della spesa per i viaggi aziendali. [post_title] => United Airlines accusa Boeing per la chiusura in rosso del primo trimestre [post_date] => 2024-04-17T11:35:15+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713353715000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465708 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le piogge torrenziali che hanno investito i Paesi del Golfo hanno bloccato le operazioni nei principali aeroporti della regione: in particolare, ieri, a Dubai si sono verificate le peggiori precipitazioni degli ultimi 75 anni e le perturbazioni proseguono anche oggi. L'aeroporto internazionale di Dubai, uno degli hub più trafficati al mondo, questa mattina ha sconsigliato ai passeggeri di raggiungere l'aeroporto: «Stiamo lavorando duramente - spiega una nota ufficiale - con le nostre squadre di pronto intervento e con i nostri partner di servizio per ripristinare le normali operazioni il più rapidamente possibile e fornire supporto agli ospiti».  Numerosi voli di Emirates da e per l'aeroporto internazionale di Dubai stanno subendo ritardi: «Stiamo operando per portare tutti i passeggeri coinvolti dai ritardi alla loro destinazione finale in modo sicuro e forniremo aggiornamenti non appena possibile”. La compagnia ha confermato la sospensione dei check-in per i passeggeri in partenza dall'hub di Dubai dalle 8:00 di oggi fino a mezzanotte, citando le «cattive condizioni meteorologiche e stradali» e invitando i passeggeri a monitorare gli aggiornamenti degli orari dei voli. Un portavoce di Flydubai ha dichiarato che le condizioni meteorologiche avverse hanno causato notevoli disagi alle operazioni della compagnia aerea presso il Dubai International: «Di conseguenza, molti voli Flydubai sono stati cancellati o hanno subito forti ritardi. Si prevede che le condizioni meteorologiche avverse continueranno per tutta la notte (16 aprile) e per oggi (17 aprile)». [post_title] => Dubai: ritardi e cancellazione dei voli a causa delle piogge torrenziali [post_date] => 2024-04-17T10:38:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713350287000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465493 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quella di Qc Spa of Wonders è una realtà in continuo divenire, che fino al 21 aprile si racconterà negli spazi di Casa Qc sui Navigli, interagendo con gli ospiti della Milano Design Week e presentando la nuova campagna Wonder makes memories realizzata con gli artisti Jacopo di Cera e Pietro Terzini. Qc persegue quello che è stato sempre il suo obiettivo: portare qualità di vita ai propri ospiti. «Cerchiamo contenuti originali per arricchire le persone con un approccio umanista - afferma Andrea Quadrio Curzio, a.d. della società - A partire dall’aspetto biologico, siamo andati sempre più verso quello psicologico e sociale, guardando alla persona nella sua interezza. Lasciamo a ciascuno la possibilità di trovare il proprio spazio. Per questo siamo efficaci tra le diverse generazioni: partiamo dalla consapevolezza che ciascuno di noi vive un’evoluzione interiore, un cambiamento delle esigenze di benessere». Frattanto Qc Spa of Wonders continua a crescere, realizzando progetti che declinano il benessere in modo diverso. «A fine anno è in previsione l’apertura di un albergo a Milano in via Sabotino. È un Qc Room, secondo il nostro concetto di smart-hotel. L’appendice o il prologo ideale da aggiungere a Terme Milano, che sono a soli 800 metri. Intendiamo sviluppare il concetto di smart-hotel e investire in questa direzione, anche alla luce della diminuzione della manodopera e delle maestranze. L’industry dell’ospitalità è stata fortemente penalizzata dai lockdown. Tuttora c’è una situazione di affaticamento nel trovare il personale. Abbiamo quindi selezionato i servizi per noi più importanti e li abbiamo resi più efficienti, automatizzandoli dove possibile, come nel check-in e check-out. Le camere sono molto belle, di livello 4, 5 stelle, sempre con grande comfort, in chiave esperienziale. Offriamo tutto quello che serve all’ospite, perché la cosa che sappiamo fare bene è realizzare delle esperienze di benessere. Al momento abbiamo sei alberghi. La grande richiesta di camere ci consente di ampliare la catchment-area, rispondendo alle esigenze di chi non vive in prossimità delle strutture e vuole fare una breve vacanza congeniale al tipo di vita che abbiamo adesso. È un trend molto forte nel pubblico di ogni età, che cerca un equilibrio tra i tempi privati e il lavoro. Una tendenza che è stata favorita dallo smart working». Numerosi i progetti in corso: «È in stato avanzato un progetto sul lago di Como: la ristrutturazione di un vellutificio storico del 1700 che affaccia direttamente sul lago. Nella prima parte del 2025 apriremo a Salsomaggiore Terme: è un lavoro molto impegnativo con il recupero dello stabilimento Berzieri: un’icona del liberty in Italia e una struttura storica monumentale. Dopo questa espansione in Emilia, verso la fine dell’anno prossimo apriremo in Svizzera, a Pontresina, e anche a Ponzano Veneto, dove sta prendendo il via un progetto in un’antica villa veneta, che oggi è un albergo e verrà ristrutturata. Sono previsti anche dei lavori di allargamento nelle strutture già esistenti - conclude Quadrio Curzio -. All’estero il prossimo mese di luglio raddoppieremo a New York, aprendo un secondo edificio e stiamo guardando due location a Parigi».   [post_title] => Prosegue la crescita di Qc Spa of Wonders: tutti i progetti in cantiere [post_date] => 2024-04-17T09:16:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713345381000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465666 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo del Western Australia ed Emirates hanno siglato una nuova partnership attraverso Tourism Western Australia. Un patto che nasce dall'aumento della domanda da parte dei visitatori provenienti dall’Italia: il confronto anno su anno (1° trimestre 2024 rispetto al 1° trimestre 2023) emerge che il vettore di Dubai ha registrato un aumento dell’11% dei passeggeri italiani interessati a questa destinazione. Di conseguenza la compagnia aerea ha ampliato la capacità della rotta da Dubai a Perth, con la ripresa di un secondo servizio giornaliero a partire dal 1° dicembre 2024. Emirates e Tourism Western Australia collaboreranno quindi per aumentare la visibilità dello Stato attraverso campagne di marketing congiunte. L'interesse degli italiani per la destinazione è in crescita: alla del 2023, sono stati 11 mila i nostri connazionali che hanno visitato il Western Australia, spendendo in totale 26 milioni di euro e usufruendo di 711 mila pernottamenti, con un incremento del 37% rispetto al 2019.  L'offerta di esperienze e attrazioni è destinata ad aumentare nel 2024: chi vuole conoscere meglio la cultura aborigena potrà recarsi al Murujuga National Park, nominato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e sede della più grande collezione di petroglifi al mondo. L'area è un importante sito aborigeno che vanta un’arte rupestre risalente a 50.000 anni fa. Per coloro che desiderano vedere da vicino la fauna marina e le meravigliose coste del nord, le crociere Kimberley Expedition hanno dato il benvenuto ai nuovi operatori di lusso Seabourn e Scenic. Il Kimberley è una delle ultime terre selvagge rimaste al mondo e le sue crociere sono state descritte alla stregua di quelle operate in Antartide. Anche le strutture ricettive in tutto lo Stato sono in aumento, dagli hotel più esclusivi di Perth, la capitale più soleggiata del Paese, ai lodge di lusso come il nuovo Wadjemup Lodge di Rottnest Island, che aprirà a fine 2024.   [post_title] => Western Australia fa coppia con Emirates: cresce la domanda dall'Italia verso la destinazione [post_date] => 2024-04-16T15:28:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713281289000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465647 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Countdown aperto per il decollo di Beond sulla rotta da Milano Malpensa alle Maldive, previsto per il prossimo 3 luglio. L'A319 della compagnia premium leisure è stato protagonista oggi di un evento presso l'aeroporto milanese, che ha consentito a numerosi agenti di viaggio e to di visitare l'aeromobile, configurato con sole 44 poltrone lie-flat all business. La neonata compagnia, già operativa sulle rotte da Zurigo, Monaco, Riyad e Dubai verso Malé, servirà la rotta italiana con un volo diretto operato due volte alla settimana, lungo tutto l'arco dell'anno. Elevate le aspettative dal mercato Italia, come conferma il regional sales manager Europe, Lukas Hofmeister: "Siamo convinti che la proposta di Beond rappresenti un gran bel prodotto da vendere per gli operatori e contiamo molto sul supporto dal trade per la distribuzione, coadiuvata dal nostro gsa in Italia, Discover the World. A Zurigo, in occasione del medesimo evento, abbiamo avuto un riscontro estremamente positivo dal trade, che ha particolarmente apprezzato il design e l'atmosfera che si respira appena saliti a bordo di questo nostro aereo che ci piace definire 'black beauty'. Tengo anche a sottolineare come ci sia un tocco di italianità nel dna della compagnia, grazie agli interni made in Italy che portano la firma di prestigiosi produttori quali Optimares e La Ferrari". Un ambiente certamente esclusivo, raffinato, con servizi servizi complementari particolari anche prima e dopo il volo, come per esempio la possibilità di imbarcarsi velocemente e quasi sotto l’orario di partenza. In attesa del debutto italiano, i piani di sviluppo del vettore - il secondo a offrire una proposta all business da Milano Malpensa, dopo La Compagnie, che opera su New York - puntano ad una flotta di 32 aeromobili operativi su un network di 60 destinazioni entro i prossimi cinque anni.  La tabella di marcia prevede la consegna di un Airbus A321ceo a metà 2024, che sarà configurato con 68 poltrone lie-flat; a seguire entreranno in servizio, auspicabilmente dal 2025, nuovi Airbus A321Lr/Xlr, sempre con la medesima capacità da 68 posti. [gallery ids="465648,465657,465653,465652,465655,465650,465651,465654,465656"] [post_title] => Beond a Malpensa con l'A319 che collegherà Milano alle Maldive dal 3 luglio [post_date] => 2024-04-16T14:36:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713278211000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465590 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Astana ha siglato una partnership con Neos che prevede un codeshare e la cooperazione sui voli operati con Boeing 787, dal prossimo anno. Le due compagnie aeree hanno infatti firmato un memorandum of understanding in base al quale il vettore kazako opererà in codeshare sui voli Neos che collegano Milano Malpensa ad Almaty. I partner stanno anche valutando la creazione di una joint venture che copra le rotte tra Italia e Kazakistan, laddove le autorità regolamentari, antitrust e governative lo consentano. Air Astana si avvarrà anche dell'esperienza di Neos nell'utilizzo dei Dreamliner, mentre si prepara a introdurre in flotta tre B787-9, nel 2025. «Siamo impazienti di esplorare iniziative comuni per servire al meglio i nostri passeggeri - ha dichiarato l'amministratore delegato di Air Astana, Peter Foster -. Questo accordo offrirà ai passeggeri di Air Astana maggiore flessibilità, convenienza e scelta di voli tra il Kazakistan e l'Italia».   [post_title] => Air Astana sigla una partnership strategica con Neos: codeshare sulle rotte Italia-Kazakistan [post_date] => 2024-04-16T09:00:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713258028000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465571 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «I voli da e per la Giordania sono tornati regolari» dopo che ieri, domenica 14 aprile, avevano subito alcuni ritardi a causa della temporanea chiusura dello spazio aereo sopra il paese tra sabato sera e domenica mattina. In una nota diffusa dal Jordan Tourism Board viene confermato che «Lo spazio aereo è stato riaperto domenica mattina e tutte le operazioni negli aeroporti e nei siti turistici della Giordania sono riprese regolarmente. Questo evento evidenzia l'efficacia delle misure collaborative intraprese dalle autorità regionali per garantire la sicurezza di viaggiatori e residenti». La decisione dalle autorità dell'aviazione civile della Giordania di chiudere temporaneamente lo spazio aereo giordano «è stata presa in conformità con le normative internazionali e in seguito a recenti eventi, al fine di garantire la massima sicurezza per tutti i viaggiatori. Si sottolinea che tale chiusura è durata solo poche ore e non ha causato danni a nessuno sul suolo giordano. Misure precauzionali simili sono state adottate anche nei paesi vicini». Il Jordan Tourism Board, infine, «ribadisce il proprio impegno nel fornire un'esperienza sicura e piacevole a tutti i visitatori del paese». [post_title] => Jordan Tourism Board: «I voli da e per la Giordania sono tornati regolari» [post_date] => 2024-04-15T14:59:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713193155000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "emirates i timori di clark su nuovi ritardi nelle consegne boeing" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":70,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1417,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465762","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Turkish Airlines ha aperto le vendite per il nuovo volo da Torino a Istanbul, che decollerà il prossimo 10 luglio con frequenze giornaliere, operate con un narrow body. \r\nIl capoluogo piemontese diventa così la nona destinazione servita in Italia dalla compagnia di bandiera turca. La nuova rotta consente l'accesso diretto a Istanbul, oltre all'opportunità di proseguire il viaggio verso altre 348 destinazioni sia in Turchia che in Africa, Americhe, Medio Oriente ed Estremo Oriente, tutte incluse nell'ampio network di Turkish Airlines.\r\n\r\n«L’apertura da parte di Turkish Airlines della rotta per Istanbul rappresenta un ampliamento del network di grande valore per Torino - commenta Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Si aggiunge così un hub verso Oriente che per la sua collocazione geografica rappresenta un ottimo punto di transito per le connessioni. I piemontesi avranno infatti l’opportunità di volare non solo ad Istanbul e in tutta la Turchia, ma attraverso questo grande hub verso tutto il resto del mondo. Allo stesso modo, questo volo costituisce un’opportunità di ulteriore crescita turistica per il Piemonte, che potrà essere raggiunto da tutte le destinazioni facenti parte del network di Turkish Airlines».\r\n\r\nL'operativo prevede nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e sabato la partenza da Istanbul alle 7:15, con arrivo a Torino alle 9:20; partenza da Torino alle 10:15, con arrivo a Istanbul alle 14:10. Nei giorni di mercoledì, venerdì e domenica la partenza da Istanbul è invece programmata alle 17:00, con arrivo a Torino alle 19:05; partenza da Torino alle 20:00, con arrivo a Istanbul alle 23:55.\r\n ","post_title":"Turkish Airlines atterra a Torino con un volo giornaliero dal prossimo 10 luglio","post_date":"2024-04-17T14:53:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713365623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465744","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo Milano, che ospitò la prima edizione nel 2022, Casa Vallonia ha scelto Torino per presentare la regione più interna del Belgio. L’appuntamento biennale, organizzato dalla Rappresentanza Economica della Vallonia  (AWEx), in collaborazione con Wallonie-Bruxelles International (Wbi) e VisitWallonia, ha offerto una visione a 360° in ambito turistico, accademico, culturale ed economico a riconferma dei legami fra Belgio e Italia, Paesi fondatori dell’Unione europea.\r\n\r\nIntrodotti da Pierre-Emmanuel De Bauw, ambasciatore del Belgio in Italia, Silvia Lenzi e Romano Simonelli, rispettivamente italian market manager e trade development account VisitWallonia, affiancati dal ceo di VisitWallonia, Etienne Claude, hanno presentato una destinazione che nel 2023 ha registrato un +14,3% di pernottamenti dei turisti italiani rispetto al 2022 (dato provvisorio), confermando l’Italia come quinto mercato di provenienza.\r\n\r\nCharleroi, aeroporto collegato a 23 scali italiani, è una delle porte di accesso di questa regione di circa 17.000 kmq incastonata fra Francia, Belgio e Lussemburgo. Meta trendy che, grazie alla sua versatilità, è congeniale a turisti dai molteplici interessi. Dalla storia che spazia dai campi di Waterloo, il cui nome rimanda alla disfatta di Napoleone alle foreste delle Ardenne, teatro di molti scontri della Prima e della Seconda Guerra Mondiale ma anche scenario unico di percorsi trekking e di cicloturismo; ai richiami mistici dei 7 Cammini per Santiago e delle abbazie trappiste.\r\n\r\nE ancora i 50 beni materiali ed immateriali del Patrimonio Unesco, e 1500 castelli e dimore storiche privati ma visitabili, in parte trasformati in hotel. Punta di diamante di una ricettività dal buon rapporto qualità – prezzo che contempla anche confortevoli ostelli, campeggi classici o glamping, ma anche originali soluzioni in lodges, carovane circensi e case galleggianti.\r\n\r\nCapace di sorprendere, la Vallonia punta a rafforzare la propria identità fidelizzando la clientela ed aumentando i pernottamenti e la spesa procapite. Obiettivo che impegna VisitWallonia su più fronti. «Stiamo implementando il sito con pagine dedicate a chi viaggia in moto e offerte per i camperisti - dichiara Silva Lenzi - al tempo stesso, lavoriamo a prodotti per tutti, dalle famiglie alle coppie. Per tour operator e agenzie di viaggi, optiamo per una formazione “one to one” che consente di seguirli costantemente».","post_title":"La Vallonia punta ad aumentare pernottamenti e spesa dei turisti italiani","post_date":"2024-04-17T12:26:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713356792000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465721","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United Airlines archivia il primo trimestre 2024 con un rosso di 200 milioni di dollari e punta il dito contro Boeing, ritenendola direttamente responsabile della perdita subita. \r\n\r\nLa compagnia aerea è stata infatti costretta a bloccare la propria flotta di Boeing 737 Max 9 per tre settimane in seguito all'incidente che lo scorso gennaio aveva coinvolto un velivolo della Alaska Airlines.\r\n\r\nUnited ha registrato una perdita ante imposte di 164 milioni di dollari nel primo trimestre e ha dichiarato che altrimenti «avrebbe registrato un utile trimestrale».\r\n\r\nIl vettore statunitense conta 79 Boeing 737 Max 9 nella sua flotta, più di qualsiasi altra compagnia aerea e seconda solo ad Alaska Airlines. Le due sono state costrette a cancellare migliaia di voli a causa delle ispezioni effettuate a gennaio prima che l'autorità di regolamentazione dell'aviazione statunitense autorizzasse i velivoli a riprendere il volo.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nScott Kirby, ceo di United, ha dichiarato: «Abbiamo modificato il nostro piano di flotta per rispecchiare al meglio la realtà di ciò che i produttori sono in grado di consegnare».\r\n\r\nI ritardi nella consegna degli aerei hanno indotto United a sospendere le assunzioni di piloti e a offrire ai suoi piloti un congedo volontario non retribuito.\r\n\r\nNonostante l'interruzione dell'attività del Boeing, il vettore ha registrato una forte domanda di voli nazionali e transatlantici, oltre a una ripresa della spesa per i viaggi aziendali.","post_title":"United Airlines accusa Boeing per la chiusura in rosso del primo trimestre","post_date":"2024-04-17T11:35:15+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713353715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465708","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le piogge torrenziali che hanno investito i Paesi del Golfo hanno bloccato le operazioni nei principali aeroporti della regione: in particolare, ieri, a Dubai si sono verificate le peggiori precipitazioni degli ultimi 75 anni e le perturbazioni proseguono anche oggi.\r\n\r\nL'aeroporto internazionale di Dubai, uno degli hub più trafficati al mondo, questa mattina ha sconsigliato ai passeggeri di raggiungere l'aeroporto: «Stiamo lavorando duramente - spiega una nota ufficiale - con le nostre squadre di pronto intervento e con i nostri partner di servizio per ripristinare le normali operazioni il più rapidamente possibile e fornire supporto agli ospiti». \r\n\r\nNumerosi voli di Emirates da e per l'aeroporto internazionale di Dubai stanno subendo ritardi: «Stiamo operando per portare tutti i passeggeri coinvolti dai ritardi alla loro destinazione finale in modo sicuro e forniremo aggiornamenti non appena possibile”. La compagnia ha confermato la sospensione dei check-in per i passeggeri in partenza dall'hub di Dubai dalle 8:00 di oggi fino a mezzanotte, citando le «cattive condizioni meteorologiche e stradali» e invitando i passeggeri a monitorare gli aggiornamenti degli orari dei voli.\r\n\r\nUn portavoce di Flydubai ha dichiarato che le condizioni meteorologiche avverse hanno causato notevoli disagi alle operazioni della compagnia aerea presso il Dubai International: «Di conseguenza, molti voli Flydubai sono stati cancellati o hanno subito forti ritardi. Si prevede che le condizioni meteorologiche avverse continueranno per tutta la notte (16 aprile) e per oggi (17 aprile)».","post_title":"Dubai: ritardi e cancellazione dei voli a causa delle piogge torrenziali","post_date":"2024-04-17T10:38:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713350287000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465493","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quella di Qc Spa of Wonders è una realtà in continuo divenire, che fino al 21 aprile si racconterà negli spazi di Casa Qc sui Navigli, interagendo con gli ospiti della Milano Design Week e presentando la nuova campagna Wonder makes memories realizzata con gli artisti Jacopo di Cera e Pietro Terzini. Qc persegue quello che è stato sempre il suo obiettivo: portare qualità di vita ai propri ospiti. \r\n«Cerchiamo contenuti originali per arricchire le persone con un approccio umanista - afferma Andrea Quadrio Curzio, a.d. della società - A partire dall’aspetto biologico, siamo andati sempre più verso quello psicologico e sociale, guardando alla persona nella sua interezza. Lasciamo a ciascuno la possibilità di trovare il proprio spazio. Per questo siamo efficaci tra le diverse generazioni: partiamo dalla consapevolezza che ciascuno di noi vive un’evoluzione interiore, un cambiamento delle esigenze di benessere». \r\nFrattanto Qc Spa of Wonders continua a crescere, realizzando progetti che declinano il benessere in modo diverso. «A fine anno è in previsione l’apertura di un albergo a Milano in via Sabotino. È un Qc Room, secondo il nostro concetto di smart-hotel. L’appendice o il prologo ideale da aggiungere a Terme Milano, che sono a soli 800 metri. Intendiamo sviluppare il concetto di smart-hotel e investire in questa direzione, anche alla luce della diminuzione della manodopera e delle maestranze. L’industry dell’ospitalità è stata fortemente penalizzata dai lockdown. Tuttora c’è una situazione di affaticamento nel trovare il personale. Abbiamo quindi selezionato i servizi per noi più importanti e li abbiamo resi più efficienti, automatizzandoli dove possibile, come nel check-in e check-out. Le camere sono molto belle, di livello 4, 5 stelle, sempre con grande comfort, in chiave esperienziale. Offriamo tutto quello che serve all’ospite, perché la cosa che sappiamo fare bene è realizzare delle esperienze di benessere. Al momento abbiamo sei alberghi. La grande richiesta di camere ci consente di ampliare la catchment-area, rispondendo alle esigenze di chi non vive in prossimità delle strutture e vuole fare una breve vacanza congeniale al tipo di vita che abbiamo adesso. È un trend molto forte nel pubblico di ogni età, che cerca un equilibrio tra i tempi privati e il lavoro. Una tendenza che è stata favorita dallo smart working». \r\nNumerosi i progetti in corso: «È in stato avanzato un progetto sul lago di Como: la ristrutturazione di un vellutificio storico del 1700 che affaccia direttamente sul lago. Nella prima parte del 2025 apriremo a Salsomaggiore Terme: è un lavoro molto impegnativo con il recupero dello stabilimento Berzieri: un’icona del liberty in Italia e una struttura storica monumentale. Dopo questa espansione in Emilia, verso la fine dell’anno prossimo apriremo in Svizzera, a Pontresina, e anche a Ponzano Veneto, dove sta prendendo il via un progetto in un’antica villa veneta, che oggi è un albergo e verrà ristrutturata. Sono previsti anche dei lavori di allargamento nelle strutture già esistenti - conclude Quadrio Curzio -. All’estero il prossimo mese di luglio raddoppieremo a New York, aprendo un secondo edificio e stiamo guardando due location a Parigi».\r\n ","post_title":"Prosegue la crescita di Qc Spa of Wonders: tutti i progetti in cantiere","post_date":"2024-04-17T09:16:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713345381000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465666","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il governo del Western Australia ed Emirates hanno siglato una nuova partnership attraverso Tourism Western Australia. Un patto che nasce dall'aumento della domanda da parte dei visitatori provenienti dall’Italia: il confronto anno su anno (1° trimestre 2024 rispetto al 1° trimestre 2023) emerge che il vettore di Dubai ha registrato un aumento dell’11% dei passeggeri italiani interessati a questa destinazione. Di conseguenza la compagnia aerea ha ampliato la capacità della rotta da Dubai a Perth, con la ripresa di un secondo servizio giornaliero a partire dal 1° dicembre 2024.\r\nEmirates e Tourism Western Australia collaboreranno quindi per aumentare la visibilità dello Stato attraverso campagne di marketing congiunte.\r\nL'interesse degli italiani per la destinazione è in crescita: alla del 2023, sono stati 11 mila i nostri connazionali che hanno visitato il Western Australia, spendendo in totale 26 milioni di euro e usufruendo di 711 mila pernottamenti, con un incremento del 37% rispetto al 2019. \r\n\r\nL'offerta di esperienze e attrazioni è destinata ad aumentare nel 2024: chi vuole conoscere meglio la cultura aborigena potrà recarsi al Murujuga National Park, nominato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e sede della più grande collezione di petroglifi al mondo. L'area è un importante sito aborigeno che vanta un’arte rupestre risalente a 50.000 anni fa. Per coloro che desiderano vedere da vicino la fauna marina e le meravigliose coste del nord, le crociere Kimberley Expedition hanno dato il benvenuto ai nuovi operatori di lusso Seabourn e Scenic. Il Kimberley è una delle ultime terre selvagge rimaste al mondo e le sue crociere sono state descritte alla stregua di quelle operate in Antartide.\r\n\r\nAnche le strutture ricettive in tutto lo Stato sono in aumento, dagli hotel più esclusivi di Perth, la capitale più soleggiata del Paese, ai lodge di lusso come il nuovo Wadjemup Lodge di Rottnest Island, che aprirà a fine 2024.\r\n\r\n ","post_title":"Western Australia fa coppia con Emirates: cresce la domanda dall'Italia verso la destinazione","post_date":"2024-04-16T15:28:09+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713281289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465647","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Countdown aperto per il decollo di Beond sulla rotta da Milano Malpensa alle Maldive, previsto per il prossimo 3 luglio. L'A319 della compagnia premium leisure è stato protagonista oggi di un evento presso l'aeroporto milanese, che ha consentito a numerosi agenti di viaggio e to di visitare l'aeromobile, configurato con sole 44 poltrone lie-flat all business.\r\n\r\nLa neonata compagnia, già operativa sulle rotte da Zurigo, Monaco, Riyad e Dubai verso Malé, servirà la rotta italiana con un volo diretto operato due volte alla settimana, lungo tutto l'arco dell'anno.\r\n\r\nElevate le aspettative dal mercato Italia, come conferma il regional sales manager Europe, Lukas Hofmeister: \"Siamo convinti che la proposta di Beond rappresenti un gran bel prodotto da vendere per gli operatori e contiamo molto sul supporto dal trade per la distribuzione, coadiuvata dal nostro gsa in Italia, Discover the World. A Zurigo, in occasione del medesimo evento, abbiamo avuto un riscontro estremamente positivo dal trade, che ha particolarmente apprezzato il design e l'atmosfera che si respira appena saliti a bordo di questo nostro aereo che ci piace definire 'black beauty'. Tengo anche a sottolineare come ci sia un tocco di italianità nel dna della compagnia, grazie agli interni made in Italy che portano la firma di prestigiosi produttori quali Optimares e La Ferrari\".\r\n\r\nUn ambiente certamente esclusivo, raffinato, con servizi servizi complementari particolari anche prima e dopo il volo, come per esempio la possibilità di imbarcarsi velocemente e quasi sotto l’orario di partenza.\r\n\r\nIn attesa del debutto italiano, i piani di sviluppo del vettore - il secondo a offrire una proposta all business da Milano Malpensa, dopo La Compagnie, che opera su New York - puntano ad una flotta di 32 aeromobili operativi su un network di 60 destinazioni entro i prossimi cinque anni. \r\n\r\nLa tabella di marcia prevede la consegna di un Airbus A321ceo a metà 2024, che sarà configurato con 68 poltrone lie-flat; a seguire entreranno in servizio, auspicabilmente dal 2025, nuovi Airbus A321Lr/Xlr, sempre con la medesima capacità da 68 posti.\r\n\r\n[gallery ids=\"465648,465657,465653,465652,465655,465650,465651,465654,465656\"]","post_title":"Beond a Malpensa con l'A319 che collegherà Milano alle Maldive dal 3 luglio","post_date":"2024-04-16T14:36:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713278211000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465590","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Astana ha siglato una partnership con Neos che prevede un codeshare e la cooperazione sui voli operati con Boeing 787, dal prossimo anno.\r\n\r\nLe due compagnie aeree hanno infatti firmato un memorandum of understanding in base al quale il vettore kazako opererà in codeshare sui voli Neos che collegano Milano Malpensa ad Almaty. I partner stanno anche valutando la creazione di una joint venture che copra le rotte tra Italia e Kazakistan, laddove le autorità regolamentari, antitrust e governative lo consentano.\r\n\r\nAir Astana si avvarrà anche dell'esperienza di Neos nell'utilizzo dei Dreamliner, mentre si prepara a introdurre in flotta tre B787-9, nel 2025.\r\n\r\n«Siamo impazienti di esplorare iniziative comuni per servire al meglio i nostri passeggeri - ha dichiarato l'amministratore delegato di Air Astana, Peter Foster -. Questo accordo offrirà ai passeggeri di Air Astana maggiore flessibilità, convenienza e scelta di voli tra il Kazakistan e l'Italia».\r\n\r\n ","post_title":"Air Astana sigla una partnership strategica con Neos: codeshare sulle rotte Italia-Kazakistan","post_date":"2024-04-16T09:00:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713258028000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465571","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«I voli da e per la Giordania sono tornati regolari» dopo che ieri, domenica 14 aprile, avevano subito alcuni ritardi a causa della temporanea chiusura dello spazio aereo sopra il paese tra sabato sera e domenica mattina. In una nota diffusa dal Jordan Tourism Board viene confermato che «Lo spazio aereo è stato riaperto domenica mattina e tutte le operazioni negli aeroporti e nei siti turistici della Giordania sono riprese regolarmente. Questo evento evidenzia l'efficacia delle misure collaborative intraprese dalle autorità regionali per garantire la sicurezza di viaggiatori e residenti».\r\n\r\nLa decisione dalle autorità dell'aviazione civile della Giordania di chiudere temporaneamente lo spazio aereo giordano «è stata presa in conformità con le normative internazionali e in seguito a recenti eventi, al fine di garantire la massima sicurezza per tutti i viaggiatori. Si sottolinea che tale chiusura è durata solo poche ore e non ha causato danni a nessuno sul suolo giordano. Misure precauzionali simili sono state adottate anche nei paesi vicini».\r\n\r\nIl Jordan Tourism Board, infine, «ribadisce il proprio impegno nel fornire un'esperienza sicura e piacevole a tutti i visitatori del paese».","post_title":"Jordan Tourism Board: «I voli da e per la Giordania sono tornati regolari»","post_date":"2024-04-15T14:59:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713193155000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti