22 February 2024

Ana: transfer più veloci tra voli domestici e internazionali al Terminal 2 di Tokyo Haneda

[ 0 ]

Ana ha riconfermato per la stagione invernale i suoi collegamenti per Tokyo dai principali scali europei di Francoforte, Monaco di Baviera, Londra, Parigi e Bruxelles.

«I passeggeri italiani possono raggiungere l’aeroporto di Tokyo Haneda via Francoforte o Monaco di Baviera grazie a comode coincidenze da numerose città italiane, fra cui Roma, Milano, Firenze, Bologna, Venezia, Napoli e Torino – ricorda Viviana Reali, country manager di Ana -. Dal prossimo 29 ottobre, inoltre, i voli in partenza da Tokyo Haneda per Francoforte e Monaco di Baviera decolleranno dal Terminal 2, e non più dal 3, e il tempo di trasferimento dai voli nazionali a quelli internazionali scenderà a 55 minuti, garantendo comode e più veloci coincidenze dalle città del Giappone alle destinazioni europee».

La compagnia aerea giapponese sarà presente alla prossima fiera di Rimini (pad.C3 – stand 131-210), per presentare le ultime novità e incontrare operatori e agenzie di viaggio.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461969 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Due flyer dedicati a Giappone e Malesia a completare la nuova programmazione Oriente di Going. Una destinazione che il to di casa Msc sta spingendo per il 2024, insieme all'Africa subsahariana. Quello italiano, in particolare, risulta il secondo mercato del turismo europeo verso il paese del Sol levante secondo le ultime analisi della Japan national tourism organization; inoltre, le facilitazioni delle connessioni aeree, grazie al code share tra Ita Airways e All Nippon Airways, non potranno che rafforzare il trend. Quanto alla Malesia, l’arrivo di brand di alto profilo dell’hospitality si allinea alla ricerca di qualità che Going attua in ogni proposta di viaggio, così come la missione della destinazione di essere riconosciuta come hotspot globale dell’ecoturismo esprime la volontà di mettere al primo posto il tema della protezione degli habitat naturali come cultura del viaggio. Il flyer Giappone, in particolare, si presenta con due tour pronti a soddisfare sia viaggiatori che per la prima volta si affacciano alla destinazione, sia coloro che vogliono approfondire. I tesori del Giappone di 12 giorni invita a un colpo d’occhio su antico e moderno, su tradizione e innovazione: dalle cime del monte Fuji a Tokyo, dalle terme di Kaga Onsen alla food experience di Osaka, da Hiroshima a Kyoto. Con le Meraviglie del Sol levante, di 14 giorni, si va più a fondo nella storia millenaria e nel caleidoscopio del paese: partendo da Hiroshima, il viaggio tra passato e futuro sull’altissima velocità dei treni Shinkansen prosegue verso Kyoto, Nagoya e Tokyo, lungo l’antica strada commerciale Nakasendo. L’opuscolo sulla Malesia invece porta con sé l’itinerario di nove giorni il Meglio della penisola: dai grattacieli di Kuala Lumpur fino a Penang passando per il Taman Negara national park, tra le foreste pluviali più antiche del pianeta e il paesaggio collinare delle Cameron Highlands. Infine, un Grand Tour del Borneo di dieci giorni che parte da Kuching, capitale del Sarawak con i padiglioni cinesi, prosegue per Kota Kinabalu, si avventura lungo il fiume Kinabatangan, per concludersi a Sepilok. [post_title] => Giappone e Malesia tra le destinazioni top dell'Oriente di Going [post_date] => 2024-02-21T10:40:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512057000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461940 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Rafforzare i propri sistemi di sicurezza e l'efficienza operativa. E' questo l'obiettivo dell'implementazione della Mass notification suite di Everbridge all'interno del Maritime support centre di Grandi Navi Veloci. Il sistema è stato infatti ideato per fornire una risposta rapida ed efficace durante gli eventi critici. "Il nuovo strumento ci offre la possibilità di avvisare immediatamente le persone attraverso diversi metodi - spiega Paolo Astarita, chief nautical operations officer di Gnv -. Il nostro Maritime support centre, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, assiste la flotta in qualsiasi circostanza, in navigazione e nei porti che operiamo. Utilizzando Everbridge, abbiamo stabilito una serie di modelli basati sul livello di gravità degli incidenti. Abbiamo un gran numero di utenti sia nei porti sia in sede. È importante che tutto il nostro team utilizzi il sistema di notifica per contribuire a garantire la sicurezza sulle nostre rotte marittime. Tra i vantaggi dell'uso di questo sistema vi è innanzitutto il risparmio di tempo, perché impostando un modello di base è possibile attivare immediatamente un gran numero di persone. Inoltre, con Everbridge possiamo gestire attivamente e automaticamente l'intera emergenza, compresi tutti gli aggiornamenti". Nel dettaglio, la Mass notification suite comprende strumenti di comunicazione automatizzati che consentono la rapida diffusione di informazioni critiche alle principali parti interessate, sia all'interno del Maritime support centre sia all'esterno. La piattaforma facilita inoltre una gestione efficiente degli incidenti, consentendo il coordinamento delle risorse, della comunicazione e degli sforzi di risposta per mitigare i rischi potenziali e garantire la sicurezza delle operazioni marittime. Rafforza infine la resilienza di Gnv nei confronti delle varie sfide operative, consentendo al Maritime support centre di affrontare in modo proattivo gli incidenti e minimizzarne l'impatto. [post_title] => Gnv rafforza la sicurezza con la Mass notification suite di Everbridge [post_date] => 2024-02-20T12:45:29+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708433129000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461882 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018. Con 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato. L'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali. Lo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori. Va sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi. Tokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).   [post_title] => L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023 [post_date] => 2024-02-20T10:54:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426448000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Capitanata da Giovanni Toti, presidente della Regione, istituzioni di città e province e ben tre chef stellati, la Liguria ha presentato alla recente Bit molteplici spunti. “Un anno straordinario - ha dichiarato Toti -  sempre più incline alla destagionalizzazione e a un modello di sviluppo integrato, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare”.  “Chiuso il 2023 con 16 milioni di visitatori (+3,5% rispetto al 2022) di cui oltre 7 milioni di stranieri (+9,4% sul 2022)”  ha riferito  Augusto Sartori, assessore regionale al turismo “ora speriamo di crescere ulteriormente grazie anche a importanti eventi a cadenza mensile”. Oltre alla prevista riapertura della Via dell’Amore, sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre nuovamente fruibile grazie a interventi di recupero e messa in sicurezza, La Spezia e provincia saranno fra le protagoniste.  “La città”, hanno annunciato il Sindaco Pierluigi Peracchini e l’assessore al turismo Mariagrazia Frija , “ospiterà la Borsa del turismo esperienziale, la seconda Fiera dell’ostrica italiana ( 17 -19 maggio ) e in giugno i Campionati assoluti di atletica leggera. Per diversificare l’offerta e spalmarla su più zone, la città è poi capofila di un progetto che coinvolge 64 comuni  fra spezzino e Lunigiana”. Per Genova, Capitale Europea dello sport e in marzo set della prima Clia European Cruise Week, summit del mondo crocieristico mondiale e dell’indotto , il 2024 non è da meno. “Nel 2023  il nostro terminal ha visto  1,7 milioni di crocieristi ”  ha osservato l’assessore al Turismo e Sport del Comune di Genova Alessandra Bianchi “Stiamo ora consolidando il settore congressuale e l’appeal culturale dei Rolli e botteghe storiche, espressione più autentica della genovesità. In settembre, dal 12 al 14, la città accoglierà il 15° World Tourism Event, borsa per la valorizzazione di siti Unesco”. [post_title] => La Liguria scommette sugli eventi per crescere ancora e destagionalizzare [post_date] => 2024-02-15T12:43:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708001024000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono il sudafricano Reuben Riffe, il brasiliano Allan Vila Espejo e lo stellato svedese Niklas Ekstedt i tre chef di fama mondiale che saliranno a bordo della seconda tappa della World Cruise 2024 griffata Msc. Il viaggio è attualmente in corso e a oggi la Poesia ha già circumnavigato l'Africa. L'itinerario di quest'anno include in totale 52 diverse destinazioni in 31 paesi differenti. I tre saliranno a bordo in momenti diversi, per preparare menu completi composti da tre o quattro portate, con i migliori e più rappresentativi piatti del proprio Paese. Riffe proporrà in particolare un menu ispirato ai sapori locali, offrendo agli ospiti l'opportunità di assaporare ricette come il pesce marinato al sapore del Capo, l'agnello al pepe di Karoo e il malva pudding. Vila Espejo servirà invece un menu che include un’autentica zuppa di manioca, lo stufato di pesce alla Bahia con verdure e latte di cocco, nonché una tradizionale torta brasiliana al cioccolato e cocco. Ekstedt presenterà infine piatti ispirati agli ingredienti naturali, tra cui aragosta in camicia e salmone confit. Tutti e tre gli chef saranno presenti di persona per accogliere gli ospiti nei ristoranti principali della nave. Chi desidera vivere questa esperienza può ancora prenotare le ultime cabine disponibili per i segmenti più brevi delle Msc World Cruise 2024. Ma è anche già possibile prenotare il giro del mondo del 2025 e del 2026. L'anno prossimo la Magnifica partirà per un itinerario completamente nuovo, che include 50 destinazioni in 21 paesi diversi. La rotta attraverserà il Mediterraneo, l'Africa, il Sud America, la Nuova Zelanda, l'Australia, l'Asia e il mar Rosso, per poi ritornare in Europa, passando per la Giordania e l'Egitto. La World Cruise 2026 invece toccherà 47 destinazioni e 32 paesi con soste notturne a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai.   [post_title] => Tre chef di fama mondiale salgono a bordo della seconda tappa della World Cruise Msc [post_date] => 2024-02-15T11:55:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707998111000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461357 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taglio del nastro per il nuovo terminal dell'aeroporto di Gode Ugaas Miraad e del parcheggio degli aeromobili con la costruzione della via di rullaggio. Il nuovo terminal aeroportuale (situato nell'Etiopia orientale) ha richiesto tre anni per la realizzazione su un'area totale di 3.500 mq, con un nuovo piazzale in grado di gestire quattro aerei De Havilland Q400 o B737 alla volta, edifici accessori come la stazione di soccorso e antincendio dell'aeroporto, un serbatoio d'acqua e aree di parcheggio. «L'inaugurazione di questo nuovo terminal dimostra il nostro impegno a migliorare le nostre operazioni nazionali insieme a quelle internazionali - ha dichiarato l'amministratore delegato di Ethiopian Airlines Group, Mesfin Tasew -. Gode non sarà né l'unico né l'ultimo aeroporto che costruiremo e/o ristruttureremo. La costruzione di terminal aeroportuali simili sta procedendo bene negli scali di Jinka, Kombolcha, Goba/Robe e Bahir Dar. Questi progetti ci consentono di fare la nostra parte nella crescita turistica e socio-economica del nostro Paese». Ethiopian Airlines svolge un ruolo significativo nella connettività regionale con le sue oltre 22 destinazioni domestiche, con voli giornalieri da/per Gode. Essendo Gode il terzo aeroporto dello stato, accanto a Jigjiga e Kebridahar, i passeggeri possono viaggiare tra Jigjiga e Gode direttamente senza dover passare per Addis Abeba.        [post_title] => Ethiopian Airlines: inaugurato il nuovo terminal dello scalo di Gode [post_date] => 2024-02-13T11:16:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822960000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   In occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024. “Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”. L’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali. Da gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi. Ottima prospettiva di crescita per il 2024. Parola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono. “Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”. Numeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente. Si osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia. Si osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria. [post_title] => Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso [post_date] => 2024-02-12T12:14:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => enit [1] => isnart [2] => proiezioni-2024 [3] => tenedenze-2023 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Enit [1] => Isnart [2] => proiezioni 2024 [3] => tenedenze 2023 ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707740048000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sceglie Roma per l'apertura del suo secondo centro per l'addestramento dei piloti. “Si tratta di un investimento importante - spiega Tamara Nikiforova, corporate communication manager della compagnia - che supererà i 38 milioni di euro ed evidenzia la rilevanza del mercato italiano per il nostro business". Fiumicino, in particolare, rappresenta per la compagnia la prima base per importanza in Italia. "Dei 13 milioni di posti che offriamo nell'estate 2024 dall'Italia verso 40 Paesi, ben 4,5 milioni riguardano le rotte da Fiumicino e Ciampino", precisa Nikiforova. Nella nuova struttura, che sorgerà a pochi passi dal terminal 1 dell’aeroporto di Roma Fiumicino, ci saranno spazi destinati all'insegnamento teorico e alle sale per le riunioni che si estenderanno su 1.290 metri quadrati distribuiti su due livelli, mentre circa 600 metri quadrati saranno riservati all'allenamento pratico, dotati di tre simulatori di volo all'avanguardia per Airbus A320. Ogni simulatore ha la capacità di accogliere fino a 135 piloti mensilmente, permettendo così l'addestramento periodico di più di 4800 piloti ogni anno. "Grazie a questo investimento - continua Nikiforova -, Wizz Air fornirà opportunità di lavoro a livello locale, ampliando il team in Italia con circa mille nuovi dipendenti". L'espansione sul mercato Italia I piani di sviluppo sulla Penisola vedono l'introduzione di sei nuove rotte per l'estate: da Roma Fiumicino verso Berlino, Amburgo (Germania), Alicante (Spagna) e Copenaghen (Danimarca), con quest'ultima disponibile da settembre, e da Milano Malpensa verso Parigi Beauvais (Francia) e Tenerife (Spagna). [post_title] => Wizz Air apre a Roma un centro per l'addestramento piloti: previsti mille nuovi dipendenti. [post_date] => 2024-02-09T15:55:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707494119000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ana transfer piu veloci tra voli domestici e internazionali al terminal 2 di tokyo haneda" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":89,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":957,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461969","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Due flyer dedicati a Giappone e Malesia a completare la nuova programmazione Oriente di Going. Una destinazione che il to di casa Msc sta spingendo per il 2024, insieme all'Africa subsahariana. Quello italiano, in particolare, risulta il secondo mercato del turismo europeo verso il paese del Sol levante secondo le ultime analisi della Japan national tourism organization; inoltre, le facilitazioni delle connessioni aeree, grazie al code share tra Ita Airways e All Nippon Airways, non potranno che rafforzare il trend. Quanto alla Malesia, l’arrivo di brand di alto profilo dell’hospitality si allinea alla ricerca di qualità che Going attua in ogni proposta di viaggio, così come la missione della destinazione di essere riconosciuta come hotspot globale dell’ecoturismo esprime la volontà di mettere al primo posto il tema della protezione degli habitat naturali come cultura del viaggio.\r\n\r\nIl flyer Giappone, in particolare, si presenta con due tour pronti a soddisfare sia viaggiatori che per la prima volta si affacciano alla destinazione, sia coloro che vogliono approfondire. I tesori del Giappone di 12 giorni invita a un colpo d’occhio su antico e moderno, su tradizione e innovazione: dalle cime del monte Fuji a Tokyo, dalle terme di Kaga Onsen alla food experience di Osaka, da Hiroshima a Kyoto. Con le Meraviglie del Sol levante, di 14 giorni, si va più a fondo nella storia millenaria e nel caleidoscopio del paese: partendo da Hiroshima, il viaggio tra passato e futuro sull’altissima velocità dei treni Shinkansen prosegue verso Kyoto, Nagoya e Tokyo, lungo l’antica strada commerciale Nakasendo.\r\n\r\nL’opuscolo sulla Malesia invece porta con sé l’itinerario di nove giorni il Meglio della penisola: dai grattacieli di Kuala Lumpur fino a Penang passando per il Taman Negara national park, tra le foreste pluviali più antiche del pianeta e il paesaggio collinare delle Cameron Highlands. Infine, un Grand Tour del Borneo di dieci giorni che parte da Kuching, capitale del Sarawak con i padiglioni cinesi, prosegue per Kota Kinabalu, si avventura lungo il fiume Kinabatangan, per concludersi a Sepilok.","post_title":"Giappone e Malesia tra le destinazioni top dell'Oriente di Going","post_date":"2024-02-21T10:40:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708512057000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461940","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Rafforzare i propri sistemi di sicurezza e l'efficienza operativa. E' questo l'obiettivo dell'implementazione della Mass notification suite di Everbridge all'interno del Maritime support centre di Grandi Navi Veloci. Il sistema è stato infatti ideato per fornire una risposta rapida ed efficace durante gli eventi critici.\r\n\r\n\"Il nuovo strumento ci offre la possibilità di avvisare immediatamente le persone attraverso diversi metodi - spiega Paolo Astarita, chief nautical operations officer di Gnv -. Il nostro Maritime support centre, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, assiste la flotta in qualsiasi circostanza, in navigazione e nei porti che operiamo. Utilizzando Everbridge, abbiamo stabilito una serie di modelli basati sul livello di gravità degli incidenti. Abbiamo un gran numero di utenti sia nei porti sia in sede. È importante che tutto il nostro team utilizzi il sistema di notifica per contribuire a garantire la sicurezza sulle nostre rotte marittime. Tra i vantaggi dell'uso di questo sistema vi è innanzitutto il risparmio di tempo, perché impostando un modello di base è possibile attivare immediatamente un gran numero di persone. Inoltre, con Everbridge possiamo gestire attivamente e automaticamente l'intera emergenza, compresi tutti gli aggiornamenti\".\r\n\r\nNel dettaglio, la Mass notification suite comprende strumenti di comunicazione automatizzati che consentono la rapida diffusione di informazioni critiche alle principali parti interessate, sia all'interno del Maritime support centre sia all'esterno. La piattaforma facilita inoltre una gestione efficiente degli incidenti, consentendo il coordinamento delle risorse, della comunicazione e degli sforzi di risposta per mitigare i rischi potenziali e garantire la sicurezza delle operazioni marittime. Rafforza infine la resilienza di Gnv nei confronti delle varie sfide operative, consentendo al Maritime support centre di affrontare in modo proattivo gli incidenti e minimizzarne l'impatto.","post_title":"Gnv rafforza la sicurezza con la Mass notification suite di Everbridge","post_date":"2024-02-20T12:45:29+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708433129000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461882","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nNel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018.\r\n\r\nCon 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato.\r\n\r\nL'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali.\r\n\r\nLo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori.\r\n\r\nVa sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi.\r\n\r\nTokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).\r\n\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023","post_date":"2024-02-20T10:54:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708426448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Capitanata da Giovanni Toti, presidente della Regione, istituzioni di città e province e ben tre chef stellati, la Liguria ha presentato alla recente Bit molteplici spunti. “Un anno straordinario - ha dichiarato Toti -  sempre più incline alla destagionalizzazione e a un modello di sviluppo integrato, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare”.\r\n\r\n “Chiuso il 2023 con 16 milioni di visitatori (+3,5% rispetto al 2022) di cui oltre 7 milioni di stranieri (+9,4% sul 2022)”  ha riferito  Augusto Sartori, assessore regionale al turismo “ora speriamo di crescere ulteriormente grazie anche a importanti eventi a cadenza mensile”.\r\n\r\nOltre alla prevista riapertura della Via dell’Amore, sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre nuovamente fruibile grazie a interventi di recupero e messa in sicurezza, La Spezia e provincia saranno fra le protagoniste.  “La città”, hanno annunciato il Sindaco Pierluigi Peracchini e l’assessore al turismo Mariagrazia Frija , “ospiterà la Borsa del turismo esperienziale, la seconda Fiera dell’ostrica italiana ( 17 -19 maggio ) e in giugno i Campionati assoluti di atletica leggera. Per diversificare l’offerta e spalmarla su più zone, la città è poi capofila di un progetto che coinvolge 64 comuni  fra spezzino e Lunigiana”.\r\n\r\nPer Genova, Capitale Europea dello sport e in marzo set della prima Clia European Cruise Week, summit del mondo crocieristico mondiale e dell’indotto , il 2024 non è da meno. “Nel 2023  il nostro terminal ha visto  1,7 milioni di crocieristi ”  ha osservato l’assessore al Turismo e Sport del Comune di Genova Alessandra Bianchi “Stiamo ora consolidando il settore congressuale e l’appeal culturale dei Rolli e botteghe storiche, espressione più autentica della genovesità. In settembre, dal 12 al 14, la città accoglierà il 15° World Tourism Event, borsa per la valorizzazione di siti Unesco”.","post_title":"La Liguria scommette sugli eventi per crescere ancora e destagionalizzare","post_date":"2024-02-15T12:43:44+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708001024000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono il sudafricano Reuben Riffe, il brasiliano Allan Vila Espejo e lo stellato svedese Niklas Ekstedt i tre chef di fama mondiale che saliranno a bordo della seconda tappa della World Cruise 2024 griffata Msc. Il viaggio è attualmente in corso e a oggi la Poesia ha già circumnavigato l'Africa. L'itinerario di quest'anno include in totale 52 diverse destinazioni in 31 paesi differenti. I tre saliranno a bordo in momenti diversi, per preparare menu completi composti da tre o quattro portate, con i migliori e più rappresentativi piatti del proprio Paese.\r\n\r\nRiffe proporrà in particolare un menu ispirato ai sapori locali, offrendo agli ospiti l'opportunità di assaporare ricette come il pesce marinato al sapore del Capo, l'agnello al pepe di Karoo e il malva pudding. Vila Espejo servirà invece un menu che include un’autentica zuppa di manioca, lo stufato di pesce alla Bahia con verdure e latte di cocco, nonché una tradizionale torta brasiliana al cioccolato e cocco. Ekstedt presenterà infine piatti ispirati agli ingredienti naturali, tra cui aragosta in camicia e salmone confit. Tutti e tre gli chef saranno presenti di persona per accogliere gli ospiti nei ristoranti principali della nave. Chi desidera vivere questa esperienza può ancora prenotare le ultime cabine disponibili per i segmenti più brevi delle Msc World Cruise 2024.\r\n\r\nMa è anche già possibile prenotare il giro del mondo del 2025 e del 2026. L'anno prossimo la Magnifica partirà per un itinerario completamente nuovo, che include 50 destinazioni in 21 paesi diversi. La rotta attraverserà il Mediterraneo, l'Africa, il Sud America, la Nuova Zelanda, l'Australia, l'Asia e il mar Rosso, per poi ritornare in Europa, passando per la Giordania e l'Egitto. La World Cruise 2026 invece toccherà 47 destinazioni e 32 paesi con soste notturne a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai.\r\n\r\n ","post_title":"Tre chef di fama mondiale salgono a bordo della seconda tappa della World Cruise Msc","post_date":"2024-02-15T11:55:11+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707998111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461357","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taglio del nastro per il nuovo terminal dell'aeroporto di Gode Ugaas Miraad e del parcheggio degli aeromobili con la costruzione della via di rullaggio. Il nuovo terminal aeroportuale (situato nell'Etiopia orientale) ha richiesto tre anni per la realizzazione su un'area totale di 3.500 mq, con un nuovo piazzale in grado di gestire quattro aerei De Havilland Q400 o B737 alla volta, edifici accessori come la stazione di soccorso e antincendio dell'aeroporto, un serbatoio d'acqua e aree di parcheggio.\r\n\r\n«L'inaugurazione di questo nuovo terminal dimostra il nostro impegno a migliorare le nostre operazioni nazionali insieme a quelle internazionali - ha dichiarato l'amministratore delegato di Ethiopian Airlines Group, Mesfin Tasew -. Gode non sarà né l'unico né l'ultimo aeroporto che costruiremo e/o ristruttureremo. La costruzione di terminal aeroportuali simili sta procedendo bene negli scali di Jinka, Kombolcha, Goba/Robe e Bahir Dar. Questi progetti ci consentono di fare la nostra parte nella crescita turistica e socio-economica del nostro Paese».\r\n\r\nEthiopian Airlines svolge un ruolo significativo nella connettività regionale con le sue oltre 22 destinazioni domestiche, con voli giornalieri da/per Gode. Essendo Gode il terzo aeroporto dello stato, accanto a Jigjiga e Kebridahar, i passeggeri possono viaggiare tra Jigjiga e Gode direttamente senza dover passare per Addis Abeba. \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ethiopian Airlines: inaugurato il nuovo terminal dello scalo di Gode","post_date":"2024-02-13T11:16:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707822960000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461252","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nIn occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024.\r\n\r\n“Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”.\r\n\r\nL’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali.\r\n\r\nDa gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi.\r\nOttima prospettiva di crescita per il 2024.\r\nParola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono.\r\n\r\n“Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”.\r\n\r\nNumeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente.\r\n\r\nSi osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia.\r\n\r\nSi osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria.","post_title":"Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso","post_date":"2024-02-12T12:14:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["enit","isnart","proiezioni-2024","tenedenze-2023"],"post_tag_name":["Enit","Isnart","proiezioni 2024","tenedenze 2023"]},"sort":[1707740048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461236","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sceglie Roma per l'apertura del suo secondo centro per l'addestramento dei piloti. “Si tratta di un investimento importante - spiega Tamara Nikiforova, corporate communication manager della compagnia - che supererà i 38 milioni di euro ed evidenzia la rilevanza del mercato italiano per il nostro business\".\r\n\r\nFiumicino, in particolare, rappresenta per la compagnia la prima base per importanza in Italia. \"Dei 13 milioni di posti che offriamo nell'estate 2024 dall'Italia verso 40 Paesi, ben 4,5 milioni riguardano le rotte da Fiumicino e Ciampino\", precisa Nikiforova.\r\n\r\nNella nuova struttura, che sorgerà a pochi passi dal terminal 1 dell’aeroporto di Roma Fiumicino, ci saranno spazi destinati all'insegnamento teorico e alle sale per le riunioni che si estenderanno su 1.290 metri quadrati distribuiti su due livelli, mentre circa 600 metri quadrati saranno riservati all'allenamento pratico, dotati di tre simulatori di volo all'avanguardia per Airbus A320. Ogni simulatore ha la capacità di accogliere fino a 135 piloti mensilmente, permettendo così l'addestramento periodico di più di 4800 piloti ogni anno.\r\n\r\n\"Grazie a questo investimento - continua Nikiforova -, Wizz Air fornirà opportunità di lavoro a livello locale, ampliando il team in Italia con circa mille nuovi dipendenti\".\r\n\r\nL'espansione sul mercato Italia\r\n\r\nI piani di sviluppo sulla Penisola vedono l'introduzione di sei nuove rotte per l'estate: da Roma Fiumicino verso Berlino, Amburgo (Germania), Alicante (Spagna) e Copenaghen (Danimarca), con quest'ultima disponibile da settembre, e da Milano Malpensa verso Parigi Beauvais (Francia) e Tenerife (Spagna).","post_title":"Wizz Air apre a Roma un centro per l'addestramento piloti: previsti mille nuovi dipendenti.","post_date":"2024-02-09T15:55:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707494119000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti