20 May 2024

Sea, Tucci: “Il recupero degli aeroporti di Milano è nettamente superiore alla media europea”

[ 0 ]

Una stagione “positiva, con il ritorno di un buon numero di vettori e anche qualche novità”: Andrea Tucci, vp aviation business development di Sea Aeroporti, dà fiducia all’estate sottolineando come “Il tasso di recupero della capacità degli aeroporti di Milano è molto interessante, +101% rispetto al 2019, dato superiore alla media europea (91%)”. Un segnale “figlio delle aspettative delle compagnie aeree” tornate a presidiare lo scalo, tanto che per l’estate “Milano è il settimo polo aeroportuale in Europa, con un balzo in avanti di tre posizioni rispetto al passato. Nell’area servita dalle infrastrutture da noi gestite, i vettori possono contare sul più grande mercato per outgoing in Italia e sull’interesse crescente di quello incoming per il territorio servito”.

Sono 156 destinazioni servite in 70 paesi del mondo 69 compagnie che effettueranno regolari voli di linea. Protagonista assoluto della ripresa lungo raggio è sicuramente “il Nord America, che conta diverse novità: la Montreal di Air Canada, la Chicago di United Airlines, il debutto de La Compagnie con l’all business su New York. È ancora, Ita Airways con il volo su New York come pure Neos, sempre sulla Grande Mela. Complessivamente saranno 41 gli aeroporti collegati a Malpensa sulle rotte intercontinentali, 31 le compagnie aeree e 32 i Paesi serviti”.

Ed è veramente un “Grosso recupero” quello realizzato sul corto e medio raggio europeo, in questo caso “non solo leisure ma anche dal bt”, siamo al 106% dei livelli pre-crisi. L’Europa conta 40 vettori operativi su 106 destinazioni “per oltre 1.500 frequenze alla settimana”.

Ultima battuta su Linate, “che vede un’offerta più internazionale rispetto al passato”.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465101 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo importante ordine per Fincantieri, a cui il gruppo Norwegian Cruise Line Holdings ha commissionato due navi destinate al brand Regent Seven Seas Cruises e altrettante a Oceania Cruises. Le unità Regent, le cui consegne sono previste nel 2026 e nel 2029, avranno una stazza lorda di 77 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 860 passeggeri, mentre le Oceania Cruises, con consegna nel 2027 e nel 2028, avranno una stazza lorda di 85 mila tonnellate e ospiteranno circa 1.450 passeggeri. Il contratto per queste quattro nuove unità è effettivo e già garantito da finanziamento. Il gruppo Usa ha poi firmato una lettera di intenti con lo stesso armatore per lo studio della costruzione di ulteriori quattro unità che saranno le più grandi mai realizzate per il brand Norwegian Cruise Line. Le navi, previste in consegna nel 2030, 2032, 2034 e 2036, avranno una stazza lorda di circa 200 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 5 mila passeggeri. Attraverso questo ordine strategico, per ciascun marchio si progetterà la propria classe di navi nuove. In linea con le politiche di sostenibilità della società, si prevede che i nuovi progetti contribuiranno ad avanzare nel percorso verso la decarbonizzazione. Questa seconda intesa, che è soggetta a finanziamento e ad altri termini e condizioni, apre una nuova fase nella partnership di lungo periodo tra i due gruppi. “Siamo particolarmente orgogliosi di questo nuovo imponente accordo e della partnership con un cliente prestigioso come Ncl Holdings, a conferma di una continuità di rapporti strategici che consideriamo un grande valore industriale - commenta l'amministratore delegato e direttore generale di Fincantieri, Pierroberto Folgiero -. Un traguardo importante per i nostri cantieri e un accordo storico per il gruppo, a conferma della robusta ripartenza del mercato e degli investimenti che avevamo previsto nel nostro nuovo piano industriale”.   [post_title] => Fincantieri: mega ordine dal gruppo Ncl per quattro navi più quattro in opzione [post_date] => 2024-04-09T10:10:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712657437000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461324 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo.  La compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica. «Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili». Le entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.   «Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività». Play ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che "un diverso profilo di aeromobile è più adatto" per la crescita futura. «Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.   [post_title] => Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento [post_date] => 2024-02-13T09:15:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707815751000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’aviazione sta affrontando sfide senza precedenti. Il rapido cambiamento nelle dinamiche di mercato, il ripristino progressivo delle rotte, la gestione della capacità, il personale, l’obiettivo Net Zero 2050 e i ritardi nella consegna dei nuovi velivoli hanno generato scenari di concorrenza e forti oscillazioni nei prezzi dei biglietti. Nel corso del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”, che si è tenuto durante l'ultima Bit, ci si è chiesti come superare questa fase complessa e garantire al settore un futuro prospero. «Gli impegni e le sfide del settore - ha sottolineato Michele Mauri, managing director di AlixPartners - sono quelli di mantenere la profittabilità del momento, anche se l’impegno per la decarbonizzazione porterà a una crescita dei prezzi per l’utente finale, visti anche i costi del Saf e la difficoltà nel reperirlo. Sarà difficile raggiungere il target del Net Zero nel 2050: le compagnie si attrezzano acquistando nuovi aeromobili, ma la lista di attesa fa sì che un velivolo ordinato oggi venga consegnato solo nel 2029». Positivo lo sguardo di Tommaso Fumelli, vp sales Italy di Ita Airways che afferma: «Il 2024 sarà un anno di grandi cambiamenti e di riequilibrio tra domanda e offerta. Per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità lavoriamo al massimo riempimento dei nostri voli, c’è una grande attenzione alle tariffe. Inoltre siamo molto legati al sostegno del trade: su 100 passeggeri 65 sono generati attraverso i nostri partner. Per noi è cruciale il sostegno degli agenti di viaggio. Tutto questo si traduce in una crescita. Nel 2024 è previsto un incremento del 25% dell’offerta sui tre settori di rete e di oltre il 40% sull’intercontinentale. Ci sono rotte in partenza sulla summer come la Roma-Chicago ad aprile e la Roma-Toronto a partire da maggio e c’è un forte focus coll’apertura di 3 rotte sull’area del Golfo e 2 sull'Arabia Saudita, poi Djerba ad agosto, Kuwait-City e quindi la West Africa. Abbiamo anche un’attenzione sui prodotti storici di lungo raggio come la Roma-Buenos Aires, dove aggiungeremo due frequenze durante l'estate. In più c’è la riapertura del Tel Aviv, che è un segnale di speranza perché il conflitto in corso arrivi a una soluzione definitiva». Tra le voci dei relatori, fondamentale lo sguardo di chi si occupa del supporto al cliente. «Abbiamo parlato di numeri, retailing e ancillary, ma noi stiamo vivendo un periodo davvero difficile, inedito nella storia dell’aviazione civile. - afferma Claudio Cristofaro, ceo di Contur - Le complessità del passato hanno portato alla nascita di tecnologie adatte alla vendita, che hanno però causato un aumento delle problematiche. Quelle che prima erano emergenze che venivano gestite facilmente, adesso richiedono più impegno. Noi siamo sempre rimasti “in azione”. Dalla pandemia a oggi la situazione non si è normalizzata e il numero dei nostri interventi è molto elevato e superiore al passato. Sono problematiche globali, non legate a una singola compagnia. L’aviazione è un organismo complesso: in aeroporto ci sono la sicurezza, l’handling, le compagnie… un piccolo contrattempo può portare grandi problematiche. Ma fornendo supporto la nostra clientela si è fidelizzata. Noi trattiamo perlopiù con agenzie e stiamo crescendo, non solo perché le tariffe sono alle stelle, ma perché le adv si sentono più sicure nel vendere, sapendo che hanno una struttura alle spalle». [post_title] => Il futuro dell’aviazione fra nuove dinamiche di mercato e sfide pressanti [post_date] => 2024-02-12T11:22:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707736933000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460933 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è ottimismo in casa Eva Air a quasi un anno e mezzo di attività sulla Milano-Taipei, sia per i risultati finora conseguiti sia a livello di aspettative per i prossimi mesi. "Abbiamo debuttato sulla rotta nell'ottobre 2022 con due voli settimanali che in breve tempo sono raddoppiati a quattro, con load factor che si è attestato al 90% - osserva Eric Hsueh, general manager Italia della compagnia aerea taiwanese - con una strategica componente di traffico corporate. Attualmente la percentuale di passeggeri provenienti da Taiwan e dall'Italia si aggira rispettivamente intorno al 70% e al 30%. La maggior parte dei passeggeri taiwanesi viaggia verso l'Italia, mentre la gran parte degli italiani è diretta a Taiwan (30%), Giappone (27%), Filippine (21%) e altri Paesi asiatici (22%). Guardando al 2024 siamo piuttosto ottimisti e prevediamo che l'attuale domanda di viaggio continui a crescere. Per quanto riguarda il cargo, gli ultimi dati dicono che l'interscambio commerciale tra i due Paesi Italia-Asia rimane forte, consapevoli che il made in Italy non passa mai di moda. Come scalo milanese, il nostro punto di forza rimane il volo diretto Milano-Taipei, ma questo non esclude una grande richiesta per il resto dell'Asia, come ad esempio il Giappone. L'export si conferma un solido motore di sviluppo dell'economia italiana". Il vettore continua a lavorare sul rafforzamento della brand awareness nel nostro Paese, ad esempio con "la campagna che ha preso il via a inizio febbraio e che per tutto il mese vede 40 taxi brandizzati Eva Air che circolano per la città di Milano. Oltre al dipinto all'esterno del taxi, anche all'interno il passeggero potrà leggere informazioni e acquistare i biglietti scansionando il codice QR. Fondamentale il rapporto  con le agenzie di viaggio, che sono nostri partner strategici. La promozione non è comunque concentrata solo su Milano, ma si allarga a tutto il Nord Italia, da Bergamo, Torino, Verona, Bologna fino a Lugano, per incontrare gli agenti di viaggio. Adv che coinvolgiamo anche in fam trip per toccare con mano il prodotto Eva Air e scoprire la destinazione Taiwan". Sulla Milano-Taipei la compagnia opera con Boeing 787-9 (configurato con la Royal Laurel Class e la Economy Class): "I piani di rinnovo della flotta includono l'arrivo di 18 Airbus A350-1000, in consegna dal 2026 al 2030, e abbiamo opzioni di acquisto per altri sei. In ordine ci sono poi ulteriori 15 Airbus A321neos con consegne dal 2029 al 2032. L'investimento per questi 33 nuovi velivoli ammonta a 10,1 miliardi di dollari". [post_title] => Eva Air: bilancio positivo sulla Milano-Taipei. "Vogliamo aumentare la brand awareness in Italia" [post_date] => 2024-02-07T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707299158000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458069 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458071" align="alignleft" width="300"] Massimo Borelli, direttore commerciale di AMI Assistance[/caption] AMI Assistance lancia il restyling di Amierrecì, la polizza che tutela gli operatori turistici, sia gli organizzatori che gli intermediari, da tutti i rischi connessi alla loro attività, coprendo tutte le responsabilità previste dalla legge. La nuova versione di Amierrecì mantiene le peculiarità distintive del prodotto, come, ad esempio, il calcolo del premio sulla base del fatturato dell’agenzia di viaggio, pur introducendo alcune importanti novità. Tra queste un premio minimo di ingresso di 400 euro per tutte le nuove aperture, che sale a 500 euro per le agenzie già attive, e soprattutto l’introduzione della garanzia facoltativa “Misure Sanitarie”, che tutela gli operatori in caso di eventuali sanzioni dovute all’inosservanza dei provvedimenti restrittivi in ambito sanitario, anche connessi alla pandemia da Covid-19 o ad obblighi vaccinali non rispettati che possono compromettere l’ingresso in un determinato paese «Dopo aver eliminato l’obbligo per gli operatori di inviare alla compagnia la documentazione attestante il fatturato, in questa nuova versione del prodotto abbiamo voluto abbattere il premio minimo per tutte le nuove aperture, rendendolo tra i più competitivi sul mercato -sottolinea Massimo Borelli, direttore commerciale di AMI Assistance- con la garanzia facoltativa ‘Misure Sanitarie’, che va ad aggiungersi alle altre coperture obbligatorie della polizza, assicuriamo inoltre la migliore serenità agli operatori nel caso in cui, per una valutazione errata o per semplice mancanza di informazioni, si ritrovino a non rispettare eventuali misure o provvedimenti imposti dalle autorità in ambito sanitario». Amierrecì è una polizza conforme alla Direttiva UE 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati del 25 novembre 2015 ed è perfettamente allineata alle nuove responsabilità in capo agli operatori turistici, quali la Responsabilità in caso di errore di prenotazione (art. 51 DLG 21.5.18 n62). Tre sono le garanzie principali che caratterizzano la polizza e che vantano un massimale di 2,2 milioni di euro ciascuna: la Responsabilità civile professionale che copre i danni cagionati ai clienti per eventuali inadempienze professionali dell’assicurato, oltre che per “mancanze” di fornitori, dipendenti e collaboratori occasionali. La Responsabilità civile verso terzi che tutela l’assicurato dai danni accidentalmente arrecati a terzi, compresi clienti e collaboratori, nel corso dell’attività di agenzia e in occasione di fiere e mostre e infine la Responsabilità civile verso i prestatori di lavoro che indennizza l’assicurato nel caso in cui possa essere chiamato a pagare per gli infortuni occorsi ai suoi dipendenti. [post_title] => AMI Assistance presenta il restyling della polizza Amierrecì [post_date] => 2023-12-14T11:00:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702551655000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «La domanda di viaggio per il prossimo anno rimarrà sostenuta, nonostante tutto»: Lorenzo Lagorio, country manager di easyJet Italia, delinea un 2024 di ulteriore consolidamento per la compagnia. «La crescita dell'offerta sarà del 9% in media, con un +11% nella stagione invernale e un +8% in quella estiva». A fronte del contesto geopolitico internazionale, ad oggi il vettore ha «interrotto i collegamenti verso la Giordania, e sospeso - per ora fino al prossimo 8 gennaio - quelli verso Tel Aviv. La situazione sull'Egitto è diversa, abbiamo rivisto l'operativo perché la domanda è chiaramente inferiore, ma sia da Milano Malpensa sia da Napoli continuiamo a servire la destinazione; sospeso il collegamento da Venezia su Sharm, che però ripartirà quando le condizioni lo permetteranno». L'investimento 2024 del vettore muove anche dal rinnovo della flotta, sempre nel segno della sostenibilità: «In Italia arriveranno a Malpensa quattro A321neo e altrettanti A320neo dalla prossima estate; a Napoli due A320neo, già da quest'inverno. A livello globale, è già confermato un ordine per 158 velivoli (90 A320neo e 68 A321neo) in consegna tra il 2025  e il 2029 cui si aggiunge un altra commessa, anche se ancora da confermare, per 157 aeromobili (56 A320 e 101 A3219 da consegnare tra il 2029 e il 2034».   Il network italiano Tra le novità dell'espansione del network italiano ci sono le rotte Napoli-Gran Canaria (dal 29 ottobre 20), Pisa-Porto (dal 1 novembre 23), Napoli-Marrakech (dal 16 dicembre prossimo), Napoli-rovaniemi (sempre dal 16 dicembre), Pisa-Barcellona (da 26 giugno prossimo). [post_title] => EasyJet Italia: "Nel 2024 l'offerta crescerà in media del 9%" [post_date] => 2023-11-29T08:30:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701246655000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 454139 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pegasus Airlines pianifica l'espansione al di fuori dei confini della Turchia. La compagnia aerea, la cui flotta crescerà nei prossimi cinque anni dagli attuali 100 a oltre 170 aeromobili, starebbe infatti valutando la possibilità di ottenere certificati di operatore aereo in altri Paesi. A svelare i piani di Pegasus è stata la ceo, Güliz Öztürk, in occasione di Routes World, dove ha spiegato come il vettore potrebbe utilizzare la sua esperienza di low cost in Turchia per creare compagnie aeree in altri Paesi. «La nostra crescita può essere accelerata guardando a queste opportunità. Abbiamo creato una piccola compagnia aerea in Kirghizistan, che abbiamo gestito per circa tre o quattro anni, quindi sappiamo come gestire una compagnia sorella separata. Finché ci saranno queste opportunità, siamo pronti a esplorarle». Pegasus ha iniziato come compagnia aerea charter, prima di utilizzare cinque aeromobili per lanciare le operazioni di linea low cost nel 2005. Dopo 18 anni di crescita costante, alla fine di settembre Pegasus ha preso in consegna il suo 100° aeromobile e ora serve 130 destinazioni in 49 Paesi. I piani di ampliamento della flotta prevedono l'arrivo di ulteriori 74 A321 entro il 2029, di cui 16 quest'anno. «Stiamo cercando altre rotte in Europa, in Medio Oriente e soprattutto nei Paesi della Csi. Vogliamo crescere di più sul fronte orientale. Vogliamo crescere anche in Europa orientale e includere più destinazioni nel nostro network, sia da Istanbul che da Antalya». Uno sviluppo strettamente legato alla nascita di nuove partnership o dall'ottenimento di nuovi Coa. [post_title] => Pegasus Airlines studia l'espansione: nel mirino nuovi Coa al di fuori della Turchia [post_date] => 2023-10-17T09:25:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697534726000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453345 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo l’edizione 2022 Genova sarà ancora protagonista, ospitando la Clia European Cruise Week che si svolgerà dall’11 al 14 marzo 2024 al Padiglione Jean Nouvel del Porto Antico. L’evento è organizzato in partnership con Regione Liguria, Comune di Genova, Autorità di Sistema Portuale e Camera di Commercio e vedrà la partecipazione di circa 700 rappresentanti di governi e istituzioni internazionali, e nazionali, esponenti del gotha crocieristico mondiale, oltre a centinaia di fornitori e aziende del comparto. Per la prima volta si svolgeranno contemporaneamente sia la terza edizione del CLIA European Summit che l’inedito CLIA Innovation EXPO, dedicato alla lunga filiera del comparto. L'industria crocieristica ha infatti una delle catene di fornitura più diversificate d'Europa, con aziende di ogni tipo che spaziano dalla progettazione e costruzione delle navi all'intrattenimento a bordo, dai collegamenti satellitari alle scialuppe di salvataggio, dal Food and Beverage fino agli equipaggiamenti tecnologici più innovativi. Uno degli obiettivi dell’appuntamento, grazie a centinaia di stand e incontri, è proprio permettere un contatto diretto aziende fornitrici e compagnie. «Un evento epocale che vede Genova capitale delle crociere nel Mediterraneo – commenta Pierfrancesco Vago, Global Chairman CLIA – l’unico settore che unisce le civiltà del Mare nostro, un ponte ideale di popoli e culture. Raggrupperà tutti i più importanti stakeholder del comparto a livello globale: armatori, autorità marittime, istituzioni politiche, regolatori, ma anche responsabili degli uffici acquisti e dei settori tecnici delle compagnie, insieme all’intero mondo dei fornitori del settore crociere. Questi ultimi potranno entrare così direttamente in contatto con i decision maker delle compagnie per sviluppare notevoli opportunità di business, ascoltando le loro necessità e proponendo, a loro volta, prodotti, servizi, soluzioni e progetti». Una settimana dedicata alla crocieristica che imprime ulteriore impulso ad un settore che sta viaggiando già oggi oltre le aspettative. Per la prima volta nel 2023 il numero di passeggeri movimentati in Italia dovrebbe infatti arrivare a quota 13 milioni, con un incremento rispetto al 2019 che potrebbe a segnare anche +15% (dati CLIA su elaborazione di Risposte Turismo). «L’impatto economico di una nave non si esaurisce con la costruzione ma prosegue per decenni sul territorio – aggiunge Vago – In media ogni passeggero spende a terra 150 euro a crociera. La ricaduta economica della crociera tocca diversi aspetti, a cominciare da tutti i rifornimenti a terra. Sono ben 60 i porti italiani toccati ogni anno». Dal momento che Genova è porto leader per le crociere, nonché primario centro della cantieristica e dello sviluppo di tecnologie in ambito marittimo, l’obiettivo è quello di proseguire con questo tipo di Summit, dopo la fortunata edizione del 2022 e quella in programma nel 2024, con cadenza biennale. «Oggi Genova è capitale del mondo crocieristico – sottolinea Marco Bucci, sindaco di Genova - Vuol non vuol dire solo avere tante persone in giro in città ma essere in grado di gestire tutti i crocieristi con servizi adeguati, parlando e dialogando insieme a tutti i protagonisti del settore, compagnie, equipaggi, aziende, fino a chi si occupa dei rifornimenti. Siamo certi che l’evento sarà un successo per tutti». Genova dovrebbe chiudere il 2023 con 1,5 milioni di crocieristi, numeri che, se confermati, supereranno quelli del 2029. «I porti liguri si confermano un approdo internazionale, tanto che la Liguria è la prima regione d’Italia per numero di crocieristi. Una tradizione di lunga data consolidata non solo a Genova, ma anche a Savona e La Spezia. Ospitare una nuova edizione del gotha delle crociere, dopo il successo del 2022, sarà occasione di crescita e dimostrerà che abbiamo raggiunto la piena ripresa post-covid – sottolinea il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - Regione Liguria sarà protagonista del summit attraverso Liguria International, trovando spazio nei focus dedicati alla filiera blue economy sulla quale stiamo investendo molte energie in collaborazione con le stazioni marittime, i poli universitari di ricerca e le associazioni di categoria. Il summit rappresenta per il sistema ligure un ottimo esempio di cooperazione tra enti, visto il coinvolgimento di Camera di Commercio di Genova, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Regione Liguria e Comune di Genova». In Liguria sono oltre 14 mila le imprese attive nei servizi di ospitalità/ristorazione (6mila delle quali solo a Genova) e oltre 7mila imprese nelle coltivazioni agricole e nell’industria alimentare. «Queste imprese sono pronte a proporsi come fornitori dell’industria crocieristica globale: per questo l’appuntamento con la CLIA European Cruise Week è importantissimo non soltanto per la nostra blue economy ma anche per l’intera filiera dell’agroalimentare – spiega Luigi Attanasio, Presidente Camera di Commercio di Genova – e stiamo parlando di una filiera su cui le Camere di Commercio hanno investito molto grazie ai marchi della famiglia “Genova Liguria Gourmet”, che certificano l’origine e l’eccellenza nel campo della ristorazione, del catering, dei bartender e delle produzioni agricole, e che contiamo di far emergere durante la “cruise week”». [post_title] => Clia European Cruise Week, a Genova la 3a edizione del Summit che rilancia con l’Innovation Expo [post_date] => 2023-10-05T11:04:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1696503882000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Piani ambiziosi per Club del Sole che rivela a Milano Finanza i propri progetti futuri. L'operatore open air starebbe infatti lavorando a un aumento di capitale da oltre 50 milioni di euro, pensato anche per consentire l'ingresso nella compagine di un nuovo fondo, destinato ad affiancarsi a Nb Aurora. Le quote di quest'ultimo diminuiranno quindi un po', mentre al timone dell'azienda rimarrà la famiglia fondatrice Giondi. Le risorse così ottenute, ha spiegato l'amministratore delegato, Francesco Giondi, saranno utilizzate per favorire l'ulteriore sviluppo della compagnia. Si punta, in particolare, sia a investimenti per il riposizionamento dell'offerta, sia a nuove acquisizioni per un totale di due o tre new entry all'anno da qui al 2029. L'idea è quella di espandersi soprattutto in Veneto, Friuli, Marche, Toscana e Abruzzo, nonché di entrare in destinazioni inedite per il gruppo come il Trentino - Alto Adige e il Salento. [post_title] => Club del Sole pensa in grande: aumento di capitale e nuovo fondo in arrivo [post_date] => 2023-09-29T15:02:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1695999779000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "423029" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":20,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465101","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo importante ordine per Fincantieri, a cui il gruppo Norwegian Cruise Line Holdings ha commissionato due navi destinate al brand Regent Seven Seas Cruises e altrettante a Oceania Cruises. Le unità Regent, le cui consegne sono previste nel 2026 e nel 2029, avranno una stazza lorda di 77 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 860 passeggeri, mentre le Oceania Cruises, con consegna nel 2027 e nel 2028, avranno una stazza lorda di 85 mila tonnellate e ospiteranno circa 1.450 passeggeri. Il contratto per queste quattro nuove unità è effettivo e già garantito da finanziamento.\r\n\r\nIl gruppo Usa ha poi firmato una lettera di intenti con lo stesso armatore per lo studio della costruzione di ulteriori quattro unità che saranno le più grandi mai realizzate per il brand Norwegian Cruise Line. Le navi, previste in consegna nel 2030, 2032, 2034 e 2036, avranno una stazza lorda di circa 200 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 5 mila passeggeri. Attraverso questo ordine strategico, per ciascun marchio si progetterà la propria classe di navi nuove. In linea con le politiche di sostenibilità della società, si prevede che i nuovi progetti contribuiranno ad avanzare nel percorso verso la decarbonizzazione.\r\n\r\nQuesta seconda intesa, che è soggetta a finanziamento e ad altri termini e condizioni, apre una nuova fase nella partnership di lungo periodo tra i due gruppi. “Siamo particolarmente orgogliosi di questo nuovo imponente accordo e della partnership con un cliente prestigioso come Ncl Holdings, a conferma di una continuità di rapporti strategici che consideriamo un grande valore industriale - commenta l'amministratore delegato e direttore generale di Fincantieri, Pierroberto Folgiero -. Un traguardo importante per i nostri cantieri e un accordo storico per il gruppo, a conferma della robusta ripartenza del mercato e degli investimenti che avevamo previsto nel nostro nuovo piano industriale”.\r\n\r\n ","post_title":"Fincantieri: mega ordine dal gruppo Ncl per quattro navi più quattro in opzione","post_date":"2024-04-09T10:10:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712657437000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461324","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo. \r\n\r\nLa compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica.\r\n\r\n«Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili».\r\n\r\nLe entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.\r\n\r\n \r\n\r\n«Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività».\r\n\r\nPlay ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che \"un diverso profilo di aeromobile è più adatto\" per la crescita futura.\r\n\r\n«Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025\". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.\r\n\r\n ","post_title":"Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento","post_date":"2024-02-13T09:15:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707815751000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461278","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’aviazione sta affrontando sfide senza precedenti. Il rapido cambiamento nelle dinamiche di mercato, il ripristino progressivo delle rotte, la gestione della capacità, il personale, l’obiettivo Net Zero 2050 e i ritardi nella consegna dei nuovi velivoli hanno generato scenari di concorrenza e forti oscillazioni nei prezzi dei biglietti.\r\nNel corso del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”, che si è tenuto durante l'ultima Bit, ci si è chiesti come superare questa fase complessa e garantire al settore un futuro prospero.\r\n«Gli impegni e le sfide del settore - ha sottolineato Michele Mauri, managing director di AlixPartners - sono quelli di mantenere la profittabilità del momento, anche se l’impegno per la decarbonizzazione porterà a una crescita dei prezzi per l’utente finale, visti anche i costi del Saf e la difficoltà nel reperirlo. Sarà difficile raggiungere il target del Net Zero nel 2050: le compagnie si attrezzano acquistando nuovi aeromobili, ma la lista di attesa fa sì che un velivolo ordinato oggi venga consegnato solo nel 2029».\r\nPositivo lo sguardo di Tommaso Fumelli, vp sales Italy di Ita Airways che afferma: «Il 2024 sarà un anno di grandi cambiamenti e di riequilibrio tra domanda e offerta. Per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità lavoriamo al massimo riempimento dei nostri voli, c’è una grande attenzione alle tariffe. Inoltre siamo molto legati al sostegno del trade: su 100 passeggeri 65 sono generati attraverso i nostri partner. Per noi è cruciale il sostegno degli agenti di viaggio. Tutto questo si traduce in una crescita. Nel 2024 è previsto un incremento del 25% dell’offerta sui tre settori di rete e di oltre il 40% sull’intercontinentale. Ci sono rotte in partenza sulla summer come la Roma-Chicago ad aprile e la Roma-Toronto a partire da maggio e c’è un forte focus coll’apertura di 3 rotte sull’area del Golfo e 2 sull'Arabia Saudita, poi Djerba ad agosto, Kuwait-City e quindi la West Africa. Abbiamo anche un’attenzione sui prodotti storici di lungo raggio come la Roma-Buenos Aires, dove aggiungeremo due frequenze durante l'estate. In più c’è la riapertura del Tel Aviv, che è un segnale di speranza perché il conflitto in corso arrivi a una soluzione definitiva».\r\nTra le voci dei relatori, fondamentale lo sguardo di chi si occupa del supporto al cliente. «Abbiamo parlato di numeri, retailing e ancillary, ma noi stiamo vivendo un periodo davvero difficile, inedito nella storia dell’aviazione civile. - afferma Claudio Cristofaro, ceo di Contur - Le complessità del passato hanno portato alla nascita di tecnologie adatte alla vendita, che hanno però causato un aumento delle problematiche. Quelle che prima erano emergenze che venivano gestite facilmente, adesso richiedono più impegno. Noi siamo sempre rimasti “in azione”. Dalla pandemia a oggi la situazione non si è normalizzata e il numero dei nostri interventi è molto elevato e superiore al passato. Sono problematiche globali, non legate a una singola compagnia. L’aviazione è un organismo complesso: in aeroporto ci sono la sicurezza, l’handling, le compagnie… un piccolo contrattempo può portare grandi problematiche. Ma fornendo supporto la nostra clientela si è fidelizzata. Noi trattiamo perlopiù con agenzie e stiamo crescendo, non solo perché le tariffe sono alle stelle, ma perché le adv si sentono più sicure nel vendere, sapendo che hanno una struttura alle spalle».","post_title":"Il futuro dell’aviazione fra nuove dinamiche di mercato e sfide pressanti","post_date":"2024-02-12T11:22:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707736933000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460933","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è ottimismo in casa Eva Air a quasi un anno e mezzo di attività sulla Milano-Taipei, sia per i risultati finora conseguiti sia a livello di aspettative per i prossimi mesi.\r\n\r\n\"Abbiamo debuttato sulla rotta nell'ottobre 2022 con due voli settimanali che in breve tempo sono raddoppiati a quattro, con load factor che si è attestato al 90% - osserva Eric Hsueh, general manager Italia della compagnia aerea taiwanese - con una strategica componente di traffico corporate. Attualmente la percentuale di passeggeri provenienti da Taiwan e dall'Italia si aggira rispettivamente intorno al 70% e al 30%. La maggior parte dei passeggeri taiwanesi viaggia verso l'Italia, mentre la gran parte degli italiani è diretta a Taiwan (30%), Giappone (27%), Filippine (21%) e altri Paesi asiatici (22%).\r\n\r\nGuardando al 2024 siamo piuttosto ottimisti e prevediamo che l'attuale domanda di viaggio continui a crescere. Per quanto riguarda il cargo, gli ultimi dati dicono che l'interscambio commerciale tra i due Paesi Italia-Asia rimane forte, consapevoli che il made in Italy non passa mai di moda. Come scalo milanese, il nostro punto di forza rimane il volo diretto Milano-Taipei, ma questo non esclude una grande richiesta per il resto dell'Asia, come ad esempio il Giappone. L'export si conferma un solido motore di sviluppo dell'economia italiana\".\r\n\r\nIl vettore continua a lavorare sul rafforzamento della brand awareness nel nostro Paese, ad esempio con \"la campagna che ha preso il via a inizio febbraio e che per tutto il mese vede 40 taxi brandizzati Eva Air che circolano per la città di Milano. Oltre al dipinto all'esterno del taxi, anche all'interno il passeggero potrà leggere informazioni e acquistare i biglietti scansionando il codice QR. Fondamentale il rapporto  con le agenzie di viaggio, che sono nostri partner strategici. La promozione non è comunque concentrata solo su Milano, ma si allarga a tutto il Nord Italia, da Bergamo, Torino, Verona, Bologna fino a Lugano, per incontrare gli agenti di viaggio. Adv che coinvolgiamo anche in fam trip per toccare con mano il prodotto Eva Air e scoprire la destinazione Taiwan\".\r\n\r\nSulla Milano-Taipei la compagnia opera con Boeing 787-9 (configurato con la Royal Laurel Class e la Economy Class): \"I piani di rinnovo della flotta includono l'arrivo di 18 Airbus A350-1000, in consegna dal 2026 al 2030, e abbiamo opzioni di acquisto per altri sei. In ordine ci sono poi ulteriori 15 Airbus A321neos con consegne dal 2029 al 2032. L'investimento per questi 33 nuovi velivoli ammonta a 10,1 miliardi di dollari\".","post_title":"Eva Air: bilancio positivo sulla Milano-Taipei. \"Vogliamo aumentare la brand awareness in Italia\"","post_date":"2024-02-07T09:45:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707299158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458069","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458071\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimo Borelli, direttore commerciale di AMI Assistance[/caption]\r\n\r\nAMI Assistance lancia il restyling di Amierrecì, la polizza che tutela gli operatori turistici, sia gli organizzatori che gli intermediari, da tutti i rischi connessi alla loro attività, coprendo tutte le responsabilità previste dalla legge.\r\n\r\nLa nuova versione di Amierrecì mantiene le peculiarità distintive del prodotto, come, ad esempio, il calcolo del premio sulla base del fatturato dell’agenzia di viaggio, pur introducendo alcune importanti novità. Tra queste un premio minimo di ingresso di 400 euro per tutte le nuove aperture, che sale a 500 euro per le agenzie già attive, e soprattutto l’introduzione della garanzia facoltativa “Misure Sanitarie”, che tutela gli operatori in caso di eventuali sanzioni dovute all’inosservanza dei provvedimenti restrittivi in ambito sanitario, anche connessi alla pandemia da Covid-19 o ad obblighi vaccinali non rispettati che possono compromettere l’ingresso in un determinato paese\r\n\r\n«Dopo aver eliminato l’obbligo per gli operatori di inviare alla compagnia la documentazione attestante il fatturato, in questa nuova versione del prodotto abbiamo voluto abbattere il premio minimo per tutte le nuove aperture, rendendolo tra i più competitivi sul mercato -sottolinea Massimo Borelli, direttore commerciale di AMI Assistance- con la garanzia facoltativa ‘Misure Sanitarie’, che va ad aggiungersi alle altre coperture obbligatorie della polizza, assicuriamo inoltre la migliore serenità agli operatori nel caso in cui, per una valutazione errata o per semplice mancanza di informazioni, si ritrovino a non rispettare eventuali misure o provvedimenti imposti dalle autorità in ambito sanitario».\r\n\r\nAmierrecì è una polizza conforme alla Direttiva UE 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati del 25 novembre 2015 ed è perfettamente allineata alle nuove responsabilità in capo agli operatori turistici, quali la Responsabilità in caso di errore di prenotazione (art. 51 DLG 21.5.18 n62).\r\n\r\nTre sono le garanzie principali che caratterizzano la polizza e che vantano un massimale di 2,2 milioni di euro ciascuna: la Responsabilità civile professionale che copre i danni cagionati ai clienti per eventuali inadempienze professionali dell’assicurato, oltre che per “mancanze” di fornitori, dipendenti e collaboratori occasionali. La Responsabilità civile verso terzi che tutela l’assicurato dai danni accidentalmente arrecati a terzi, compresi clienti e collaboratori, nel corso dell’attività di agenzia e in occasione di fiere e mostre e infine la Responsabilità civile verso i prestatori di lavoro che indennizza l’assicurato nel caso in cui possa essere chiamato a pagare per gli infortuni occorsi ai suoi dipendenti.","post_title":"AMI Assistance presenta il restyling della polizza Amierrecì","post_date":"2023-12-14T11:00:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1702551655000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«La domanda di viaggio per il prossimo anno rimarrà sostenuta, nonostante tutto»: Lorenzo Lagorio, country manager di easyJet Italia, delinea un 2024 di ulteriore consolidamento per la compagnia. «La crescita dell'offerta sarà del 9% in media, con un +11% nella stagione invernale e un +8% in quella estiva».\r\n\r\nA fronte del contesto geopolitico internazionale, ad oggi il vettore ha «interrotto i collegamenti verso la Giordania, e sospeso - per ora fino al prossimo 8 gennaio - quelli verso Tel Aviv. La situazione sull'Egitto è diversa, abbiamo rivisto l'operativo perché la domanda è chiaramente inferiore, ma sia da Milano Malpensa sia da Napoli continuiamo a servire la destinazione; sospeso il collegamento da Venezia su Sharm, che però ripartirà quando le condizioni lo permetteranno».\r\nL'investimento 2024 del vettore muove anche dal rinnovo della flotta, sempre nel segno della sostenibilità: «In Italia arriveranno a Malpensa quattro A321neo e altrettanti A320neo dalla prossima estate; a Napoli due A320neo, già da quest'inverno. A livello globale, è già confermato un ordine per 158 velivoli (90 A320neo e 68 A321neo) in consegna tra il 2025  e il 2029 cui si aggiunge un altra commessa, anche se ancora da confermare, per 157 aeromobili (56 A320 e 101 A3219 da consegnare tra il 2029 e il 2034».\r\n \r\nIl network italiano\r\nTra le novità dell'espansione del network italiano ci sono le rotte Napoli-Gran Canaria (dal 29 ottobre 20), Pisa-Porto (dal 1 novembre 23), Napoli-Marrakech (dal 16 dicembre prossimo), Napoli-rovaniemi (sempre dal 16 dicembre), Pisa-Barcellona (da 26 giugno prossimo).","post_title":"EasyJet Italia: \"Nel 2024 l'offerta crescerà in media del 9%\"","post_date":"2023-11-29T08:30:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1701246655000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"454139","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Pegasus Airlines pianifica l'espansione al di fuori dei confini della Turchia. La compagnia aerea, la cui flotta crescerà nei prossimi cinque anni dagli attuali 100 a oltre 170 aeromobili, starebbe infatti valutando la possibilità di ottenere certificati di operatore aereo in altri Paesi.\r\n\r\nA svelare i piani di Pegasus è stata la ceo, Güliz Öztürk, in occasione di Routes World, dove ha spiegato come il vettore potrebbe utilizzare la sua esperienza di low cost in Turchia per creare compagnie aeree in altri Paesi.\r\n\r\n«La nostra crescita può essere accelerata guardando a queste opportunità. Abbiamo creato una piccola compagnia aerea in Kirghizistan, che abbiamo gestito per circa tre o quattro anni, quindi sappiamo come gestire una compagnia sorella separata. Finché ci saranno queste opportunità, siamo pronti a esplorarle».\r\n\r\nPegasus ha iniziato come compagnia aerea charter, prima di utilizzare cinque aeromobili per lanciare le operazioni di linea low cost nel 2005. Dopo 18 anni di crescita costante, alla fine di settembre Pegasus ha preso in consegna il suo 100° aeromobile e ora serve 130 destinazioni in 49 Paesi. I piani di ampliamento della flotta prevedono l'arrivo di ulteriori 74 A321 entro il 2029, di cui 16 quest'anno.\r\n\r\n«Stiamo cercando altre rotte in Europa, in Medio Oriente e soprattutto nei Paesi della Csi. Vogliamo crescere di più sul fronte orientale. Vogliamo crescere anche in Europa orientale e includere più destinazioni nel nostro network, sia da Istanbul che da Antalya». Uno sviluppo strettamente legato alla nascita di nuove partnership o dall'ottenimento di nuovi Coa.","post_title":"Pegasus Airlines studia l'espansione: nel mirino nuovi Coa al di fuori della Turchia","post_date":"2023-10-17T09:25:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1697534726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453345","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo l’edizione 2022 Genova sarà ancora protagonista, ospitando la Clia European Cruise Week che si svolgerà dall’11 al 14 marzo 2024 al Padiglione Jean Nouvel del Porto Antico. L’evento è organizzato in partnership con Regione Liguria, Comune di Genova, Autorità di Sistema Portuale e Camera di Commercio e vedrà la partecipazione di circa 700 rappresentanti di governi e istituzioni internazionali, e nazionali, esponenti del gotha crocieristico mondiale, oltre a centinaia di fornitori e aziende del comparto.\r\n\r\nPer la prima volta si svolgeranno contemporaneamente sia la terza edizione del CLIA European Summit che l’inedito CLIA Innovation EXPO, dedicato alla lunga filiera del comparto. L'industria crocieristica ha infatti una delle catene di fornitura più diversificate d'Europa, con aziende di ogni tipo che spaziano dalla progettazione e costruzione delle navi all'intrattenimento a bordo, dai collegamenti satellitari alle scialuppe di salvataggio, dal Food and Beverage fino agli equipaggiamenti tecnologici più innovativi. Uno degli obiettivi dell’appuntamento, grazie a centinaia di stand e incontri, è proprio permettere un contatto diretto aziende fornitrici e compagnie.\r\n\r\n«Un evento epocale che vede Genova capitale delle crociere nel Mediterraneo – commenta Pierfrancesco Vago, Global Chairman CLIA – l’unico settore che unisce le civiltà del Mare nostro, un ponte ideale di popoli e culture. Raggrupperà tutti i più importanti stakeholder del comparto a livello globale: armatori, autorità marittime, istituzioni politiche, regolatori, ma anche responsabili degli uffici acquisti e dei settori tecnici delle compagnie, insieme all’intero mondo dei fornitori del settore crociere. Questi ultimi potranno entrare così direttamente in contatto con i decision maker delle compagnie per sviluppare notevoli opportunità di business, ascoltando le loro necessità e proponendo, a loro volta, prodotti, servizi, soluzioni e progetti».\r\n\r\nUna settimana dedicata alla crocieristica che imprime ulteriore impulso ad un settore che sta viaggiando già oggi oltre le aspettative. Per la prima volta nel 2023 il numero di passeggeri movimentati in Italia dovrebbe infatti arrivare a quota 13 milioni, con un incremento rispetto al 2019 che potrebbe a segnare anche +15% (dati CLIA su elaborazione di Risposte Turismo).\r\n\r\n«L’impatto economico di una nave non si esaurisce con la costruzione ma prosegue per decenni sul territorio – aggiunge Vago – In media ogni passeggero spende a terra 150 euro a crociera. La ricaduta economica della crociera tocca diversi aspetti, a cominciare da tutti i rifornimenti a terra. Sono ben 60 i porti italiani toccati ogni anno».\r\n\r\nDal momento che Genova è porto leader per le crociere, nonché primario centro della cantieristica e dello sviluppo di tecnologie in ambito marittimo, l’obiettivo è quello di proseguire con questo tipo di Summit, dopo la fortunata edizione del 2022 e quella in programma nel 2024, con cadenza biennale.\r\n\r\n«Oggi Genova è capitale del mondo crocieristico – sottolinea Marco Bucci, sindaco di Genova - Vuol non vuol dire solo avere tante persone in giro in città ma essere in grado di gestire tutti i crocieristi con servizi adeguati, parlando e dialogando insieme a tutti i protagonisti del settore, compagnie, equipaggi, aziende, fino a chi si occupa dei rifornimenti. Siamo certi che l’evento sarà un successo per tutti».\r\n\r\nGenova dovrebbe chiudere il 2023 con 1,5 milioni di crocieristi, numeri che, se confermati, supereranno quelli del 2029.\r\n\r\n«I porti liguri si confermano un approdo internazionale, tanto che la Liguria è la prima regione d’Italia per numero di crocieristi. Una tradizione di lunga data consolidata non solo a Genova, ma anche a Savona e La Spezia. Ospitare una nuova edizione del gotha delle crociere, dopo il successo del 2022, sarà occasione di crescita e dimostrerà che abbiamo raggiunto la piena ripresa post-covid – sottolinea il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - Regione Liguria sarà protagonista del summit attraverso Liguria International, trovando spazio nei focus dedicati alla filiera blue economy sulla quale stiamo investendo molte energie in collaborazione con le stazioni marittime, i poli universitari di ricerca e le associazioni di categoria. Il summit rappresenta per il sistema ligure un ottimo esempio di cooperazione tra enti, visto il coinvolgimento di Camera di Commercio di Genova, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Regione Liguria e Comune di Genova».\r\n\r\nIn Liguria sono oltre 14 mila le imprese attive nei servizi di ospitalità/ristorazione (6mila delle quali solo a Genova) e oltre 7mila imprese nelle coltivazioni agricole e nell’industria alimentare.\r\n\r\n«Queste imprese sono pronte a proporsi come fornitori dell’industria crocieristica globale: per questo l’appuntamento con la CLIA European Cruise Week è importantissimo non soltanto per la nostra blue economy ma anche per l’intera filiera dell’agroalimentare – spiega Luigi Attanasio, Presidente Camera di Commercio di Genova – e stiamo parlando di una filiera su cui le Camere di Commercio hanno investito molto grazie ai marchi della famiglia “Genova Liguria Gourmet”, che certificano l’origine e l’eccellenza nel campo della ristorazione, del catering, dei bartender e delle produzioni agricole, e che contiamo di far emergere durante la “cruise week”».","post_title":"Clia European Cruise Week, a Genova la 3a edizione del Summit che rilancia con l’Innovation Expo","post_date":"2023-10-05T11:04:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1696503882000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Piani ambiziosi per Club del Sole che rivela a Milano Finanza i propri progetti futuri. L'operatore open air starebbe infatti lavorando a un aumento di capitale da oltre 50 milioni di euro, pensato anche per consentire l'ingresso nella compagine di un nuovo fondo, destinato ad affiancarsi a Nb Aurora. Le quote di quest'ultimo diminuiranno quindi un po', mentre al timone dell'azienda rimarrà la famiglia fondatrice Giondi.\r\n\r\nLe risorse così ottenute, ha spiegato l'amministratore delegato, Francesco Giondi, saranno utilizzate per favorire l'ulteriore sviluppo della compagnia. Si punta, in particolare, sia a investimenti per il riposizionamento dell'offerta, sia a nuove acquisizioni per un totale di due o tre new entry all'anno da qui al 2029. L'idea è quella di espandersi soprattutto in Veneto, Friuli, Marche, Toscana e Abruzzo, nonché di entrare in destinazioni inedite per il gruppo come il Trentino - Alto Adige e il Salento.","post_title":"Club del Sole pensa in grande: aumento di capitale e nuovo fondo in arrivo","post_date":"2023-09-29T15:02:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1695999779000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti