5 August 2021

Thomas Cook: prove di ripartenza sul lungo raggio

[ 0 ]

Il nuovo operatore online Thomas Cook, ovvero ciò che è rimasto dello storico brand britannico dopo il fallimento e l’acquisizione del marchio da parte di Fosun a novembre 2019, ha annunciato l’intenzione di mettere presto in vendita una serie di pacchetti vacanza a lungo raggio.

Stando a quanto riporta Travelmole, l’iniziativa sarebbe resa possibile da alcune nuove partnership siglate con una ventina di aerolinee, comprese British Airways, Emirates, Virgin ed Etihad, e riguarderebbe destinazioni attualmente covid-free come Dubai e St. Lucia.

Thomas Cook ha inoltre aggiunto 43 mete inedite al proprio portfolio, tra cui Cancun, Punta Cana e le principali città Usa. L’operatore sta tuttavia adottando un approccio piuttosto cauto verso i Paesi dove sussistono ancora restrizioni ai viaggi. L’idea è quella di cominciare a vendere pacchetti per gli Stati Uniti a partire dal 1° maggio. Altre destinazioni attualmente non incluse nei corridoi di viaggio dal Regno Unito dovrebbero quindi seguire non appena possibile.

“Il nostro prossimo obiettivo – ha però dichiarato il ceo, Alan French – è quello di aprire il numero maggiore possibile di tratte domestiche in Gran Bretagna, in modo che sempre più persone possano partire con Thomas Cook dal proprio aeroporto locale”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti