26 May 2024

Su Costa Smeralda un fam trip alla scoperta del prodotto Cruise&Golf

[ 0 ] Informazione PR

Lucidati i ferri e preparata la sacca da golf, si è tenuto a bordo di Costa Smeralda dal 2 al 6 giugno Discovery Cruise&Golf, il fam trip alla scoperta del nuovo progetto di Costa Crociere dedicato interamente al golf. Giornalisti di settore, tour operator specializzati e tecnici della Federazione italiana golf sono saliti a bordo insieme alle agenzie di viaggio partner di Costa per cinque giorni di sport, relax e divertimento. Il programma, ricco di eventi, ha permesso di vivere un’esperienza completa di crociera su una delle navi più innovative della flotta Costa. Tra i partecipanti, proprio le agenzie di viaggio legate principalmente al golf, ma anche quelle che lavorano con passione con il mondo dello sport in generale, in modo da poter testare in prima persona un’offerta pensata per i loro clienti di riferimento.

Imbarcati a Palermo il 2 giugno e sbarcati a Barcellona il 6, i partecipanti hanno potuto mostrare il proprio swing nei principali campi da golf delle tappe della crociera (Roma, Savona, Marsiglia, Barcellona). E non è mancato l’intrattenimento anche per gli accompagnatori dei golfisti, oltre alla completa esperienza di crociera a bordo e a terra che tutti gli ospiti hanno potuto assaporare a pieno.

La nuova formula Cruise&Golf

La nuova formula Cruise&Golf è dedicata agli appassionati che vogliono godersi una vacanza unica tra relax, gusto e green, con la garanzia di Costa, che il prossimo anno sarà official cruise line della Ryder Cup 2023, la più importante competizione al mondo di golf tra il team Usa e il team europeo che si svolgerà per la prima volta in Italia, al Marco Simone Golf & Country Club di Roma dal 29 settembre al 1° ottobre 2023.

Quando non giocano a golf, gli ospiti hanno poi la possibilità di immergersi nella cultura dei luoghi toccati dalla crociera, grazie alle escursioni più lunghe di sempre, oltre a vivere il meglio dell’Italia a bordo, scoprendo i gusti di 21 tra ristoranti e aree dedicate alla gastronomia e proposte di menu gourmet, e rilassarsi nella spa Solemio, con i suoi 4.500 metri quadrati di puro benessere.

Riccardo Fantoni

“Perché scegliere quando si può avere tutto? Cruise&Golf – spiega il direttore vendite della compagnia, Riccardo Fantoni prevede, infatti, di associare a sette giorni di crociera nel Mediterraneo Occidentale a bordo di Costa Smeralda speciali pacchetti grazie ai quali gli ospiti possono godere dell’esperienza di gioco su tre o quattro tra 23 prestigiosi percorsi golf in Italia, Francia e Spagna, appositamente selezionati da Costa, che si occuperà anche della prenotazione e dei trasferimenti privati da e per i campi. Uno speciale ringraziamento va a tutti i partner che sono stati nostri ospiti in occasione del fam trip, animando questi giorni di presentazione di una nuova proposta di vacanza che unisce lo sport al divertimento e al relax e che ci aspettiamo incontri il favore dei Clienti”.

Costa Smeralda, una vacanza italiana

Costa Smeralda è l’emblema della vacanza italiana, con le sue atmosfere e architetture ispirate al meglio del Belpaese: dal Colosseo, cuore di spettacolo e divertimento, a Piazza di Spagna, con la grande scalinata di poppa sul mare. A bordo la tavola è celebrata in ogni sfumatura, dalla pizzeria Pummid’Oro all’Oosteria Frescobaldi, dall’Aperol Spritz bar al ristorante Archipelago, con i menu degli chef di fama mondiale Bruno Barbieri, Hélène Darroze e Ángel León.

Alimentata a Lng, la tecnologia attualmente più avanzata nel settore marittimo per abbattere le emissioni, Costa Smeralda è anche simbolo di attenzione all’ambiente, innovazione responsabile e viaggio sostenibile. E, infine, splendide spiagge, città e borghi d’arte e cultura, luoghi di natura meravigliosa, sapori tipici da gustare: è proprio un Mediterraneo per tutti i gusti quello che propone Costa Smeralda, scoprendo l’Italia da nord a sud, toccando la Liguria, Roma e la Sicilia, Marsiglia e la Provenza, Barcellona e le Baleari, con cinque soste lunghe oltre dieci ore per godersi una vacanza a terra senza fretta.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467999 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Tuscia continua a emergere come destinazione turistica virtuosa grazie alle iniziative della DMO Expo Tuscia, che recentemente ha organizzato un press tour per mettere in luce le ricchezze culturali, naturali ed enogastronomiche della regione. La manifestazione si è aperta al Palazzo dei Papi di Viterbo per l'inaugurazione di Assaggi, il salone che celebra l'enogastronomia laziale e ospita alcune delle più virtuose realtà produttive del territorio. La mattina si è svolta tra visite agli stand gastronomici e incontri con le autorità locali, offrendo un'immersione diretta nelle tradizioni culinarie della Tuscia e un preludio perfetto alla due giorni di press tour. Successivamente, un tour del centro storico di Viterbo ha permesso di apprezzare il patrimonio culturale e architettonico della Città dei Papi. Il pomeriggio è stato dedicato alla presentazione del libro "I Sapori della Tuscia – Viaggio Enogastronomico attraverso le Sagre e Feste di paese" di Antonio Castello, un vademecum alla scoperta delle manifestazioni enogastronomiche che i Comuni, le Associazioni e le Pro Loco promuovono nel corso dell’anno, arricchito da informazioni sulle attività economiche prevalenti, sulla gastronomia, sulla storia e sulle attrattive turistiche dei vari territori raccontati. [gallery ids="468001,468002,468003,468004,468005,468006"] Successivamente, il gruppo si è trasferito a Montefiascone, accolti da Alessandra Di Tommaso, presidente della rete di impresa Montefiascone in Vetrina, e da Giulia De Santis, sindaco della città, che ha espresso il suo apprezzamento per le iniziative capaci di valorizzare il territorio con autenticità, permettendo anche alle persone, alle aziende, alle imprese e agli artigiani di potersi raccontare. «Vogliamo che le eccellenze di Montefiascone possano essere conosciute sempre di più e anche esportate. Non abbiamo meno di altri territori, dobbiamo solo avere il coraggio di osare». Nel ristorante dell'hotel La Carrozza d’Oro, sulle affascinanti rive del Lago di Bolsena, sono stati serviti prodotti di eccellenza come il vino “Est! Est!! Est!!!”, la mozzarella di bufala, formaggi e salumi dell’antica tradizione. «Unendo le forze possiamo aiutare a intercettare un turismo di qualità, alla ricerca delle eccellenze - ha detto Alessandra Di Tommaso -, valorizzando il lavoro di quanti ancora insistono e credono nel nostro territorio, come artigiani, produttori, coltivatori». [gallery columns="5" ids="468009,468008,468011,468007,468010"] Il giorno dopo, la guida turistica Marcello Forgia ha condotto i partecipanti attraverso i monumenti storici della città, inclusa la cattedrale di Santa Margherita, celebre per la sua maestosa cupola, terza per grandezza in Italia. Il tour è proseguito verso Bolsena, dove Riccardo Peparello e Patrizia Crosta di Visit Bolsena hanno illustrato l'importanza della collaborazione tra le reti d'impresa per il sostegno allo sviluppo economico e culturale. La visita ha toccato la Basilica di Santa Cristina con le sue catacombe e l'affascinante centro storico, dove è stato enfatizzato il Miracolo Eucaristico del 1263, un evento che continua a influenzare profondamente il patrimonio spirituale del luogo. [gallery columns="5" ids="468012,468016,468015,468014,468013"] In ogni tappa, "sono state presentate realtà produttive virtuose del territorio - spiega il presidente di Expo Tuscia Vincenzo Peparello - e l'integrazione tra il settore pubblico e quello privato è stata evidenziata come elemento fondamentale per sostenere l'industria turistica". Questa sinergia è la chiave individuata dalla Dmo per il rilancio della Tuscia "non solo come meta di viaggio - conclude Peparello - ma come esperienza da vivere intensamente, tra storia, arte, gastronomia, tradizioni e vivida autenticità".   [post_title] => L'impegno della dmo Expo Tuscia per la valorizzazione del territorio [post_date] => 2024-05-24T11:30:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716550240000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467970 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gioco Viaggi punta sul prodotto Montagna. Un ricco catalogo, hotels selezionati, servizi ad hoc per tutti i target, destinazioni tra Valle d’Aosta, Trentino, Austria e Francia, un prodotto completo che l’operatore genovese ha presentato ad alcune agenzie selezionate in occasione di un Eductour in Austria, nella Valle dello Stubai. Il tour di tre giorni ha visto la collaborazione del Gruppo Stat, Stubai Touristik, Austria Turismo, Innsbruck Tourismus, Tirol Werbung e Swarovski. Le agenzie di viaggio hanno toccato con mano l’offerta ricettiva della vallata, in grado di soddisfare, in ogni periodo dell’anno, qualsiasi tipo di esigenza, dai gruppi, alle famiglie, ai giovani,  fino agli individuali che puntano sullo sport e anche sul relax. Escursioni in bici o sul ghiacciaio dello Stubai a 2.600 metri, esperienza in slittino su monorotaia, passeggiata in direzione del ponte sospeso con punto panoramico “Neustiftblick” o per la cascata “Grawa Wasserfall”, visita di Innsbruck e del Museo Swarosky: il programma dell’eductour ha offerto uno spaccato di alcune delle attività che possono caratterizzare una vacanza nella Valle dello Stubai. Gli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski), per esempio, sono una vera chicca, una meta unica in Tirolo, la terza per visitatori in Austria,  che celebra la brillantezza e il fascino dei cristalli di Swarovski in tutte le loro sfaccettature. Il catalogo Montagna Collection di Gioco Viaggi è nato qualche anno fa sulla scia dell’organizzazione del ritiro della storica squadra del Genoa, che su proposta dell’operatore Aldo Sacco, ha deciso di portare i propri giocatori  a Neustift im Stubaital per ben 15 anni. L’iniziativa ha attirato l’attenzione di migliaia di tifosi che hanno così scelto la vallata austriaca sia per seguire la squadra ma anche per trascorre alcuni giorni di vacanza con la famiglia. «Lo Stubai è un concentrato di accoglienza, servizi e attività – commenta Piero Trobetta, titolare Gioco Viaggi - Il punto di forza dell’operatore è la consulenza a 360 gradi, per offrire ai viaggiatori, in base alle esigenze dei diversi target, un panorama completo di tutte le strutture ricettive, le attività ed i servizi a disposizione». La Vallata, che dista 40 minuti dal Brennero, è ideale per chi cerca vacanze nella natura, tra sport come sci, trekking, rafting, parapendio, grazie ai 4 impianti di risalita e ai sentieri che si snodano per oltre 200 chilometri. Molte sono le località da visitare, in primis Innsbruck, ricche di testimonianze storiche e culturali. «Il catalogo Montagna Collection si è arricchito negli anni – aggiunge Fulvia Ottonello, responsabile prodotto Montagna per Gioco Viaggi – Molte le novità e le proposte, tra le quali anche i pacchetti di sole 4 notti e programmi per famiglie con bambini (Parco per Bimbi e Multisport in Val di Sole), con attività da personalizzare. Dal 29 giugno al 25 agosto torna Alpibus, un’iniziativa nata insieme al Gruppo Stat, che ha collaborato con noi nell’organizzazione dell’Eductour». Il Gruppo Stat, è un’azienda che opera dal 1919 e che dall’Autotrasporto si è evoluta fino ad essere presente con proprie strutture in Piemonte e Liguria operando sul territorio nazionale per l'Europa e per il mondo. Impiega 180 persone, con una flotta di oltre 100 bus, 1 tour operator e 6 agenzie Viaggio. Anche quest’anno viene riproposto nel Catalogo Montagna di Gioco Viaggi, l’AlpiBus, un pacchetto che comprende oltre all'hotel anche il Bus della Stat da diverse città del nord Italia per molte destinazioni di montagna. Tra i punti di forza della Valle dello Stubai c’è sicuramente la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata. Il mercato italiano occupa la quarta posizione per gli arrivi nello Stubai (in totale 1 milione 800 mila all’anno.) «In percentuale si tratta del 5% - sottolinea Gebhard Schopf, delegato amministrativo Consorzio Val Stubai – che sale al 20% nel periodo estivo quando gli italiani sono numerosi. Nel Tirolo Austriaco ogni impresa della Valle (14 mila abitanti) per legge è socia del nostro consorzio e partecipa con un contributo proporzionato al reddito e al coinvolgimento della propria attività nel settore». Il Consorzio è nato 100 anni fa e comprende 1.600 soci. Dispone di un budget di 10 milioni di euro, dei quali 1/3 viene destinato alle infrastrutture, 1/3 nel marketing ed il restante per il personale». [post_title] => Gioco Viaggi, la Valle dello Stubai protagonista del catalogo Montagna Collection [post_date] => 2024-05-24T10:53:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716548023000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467954 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche il nuovo Aki Plose tra le ultime quattro new entry del network Familienhotels Südtirol. La prima struttura a vocazione famiglia del gruppo Adler aprirà il prossimo novembre in valle Isarco, includendo al proprio interno anche un'area spa e wellness con ambienti dedicati adults only e un padiglione Yoga. L’offerta enogastronomica unirà inoltre i sapori del territorio e l'innovazione, per un prodotto a pensione completa, bevande analcoliche incluse. A disposizione degli ospiti anche un kids club e una nursery. Gli altri arrivi in casa Familienhotels Südtirol sono poi il Viktoria della val d'Ultimo, il Movi Apart Hotel di Corvara e il Familiamus sull'altopiano di Maranza. Il primo comprende 29 camere, terrazza solarium, giardino con ampia zona fango, parco giochi con scivoli, trampolino e piccola pista go-kart, piscina e sauna per famiglie; il Movi, oltre agli appartamenti, offre uno spazio benessere con Acqua Fun World, nonché saune adults only e per famiglie. Il Familiamus, infine, è un 5 stelle da 70 camere, che dispone pure del Magolix Club: uno spazio di mille metri quadrati, dove trovano posto un laboratorio di magia, un atelier creativo, un laboratorio del legno e una zona per l’attività fisica. [post_title] => Il nuovo Aki Plose tra le new entry del network Familienhotels Südtirol [post_date] => 2024-05-23T13:40:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716471609000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'annuncio risale a un paio di anni fa: l'apertura a Rimini di un albergo (quasi) senza personale, completamente vocato alla digitalizzazione del servizio. E non aveva neppure mancato di destare una vivace discussione (qui e qui il botta e risposta tra il presidente di Th Resorts, Graziano Debellini, e Nardo Filippetti). Ora però arriva l'inaugurazione ufficiale. E' infatti operativo a Rimini Homie, l'hotel all digital del gruppo Lindbergh, primo indirizzo in Emilia - Romagna della compagnia pesarese fondata dallo stesso Filippetti. La struttura nasce a seguito di un importante lavoro di riqualificazione dell’hotel Naiade, storico hotel della riviera situata a Marina centro, a soli tre minuti dal mare e dal parco del Mare di Rimini. Ancora prima di arrivare in hotel l’ospite l’ospite, una volta scaricata l’app Homie, potrà selezionare e prenotare il tipo di camera di cui ha bisogno e pagare il soggiorno direttamente online; una volta giunto in struttura, non dovrà più passare dalla reception ma, tramite una chiave digitale, potrà accedere alla propria stanza. [caption id="attachment_467952" align="alignright" width="300"] Un momento dell'inaugurazione[/caption] Minimalismo ed essenzialità contraddistinguono l’albergo e si riflettono anche nelle sue 41 camere, ispirate a uno stile nordeuropeo e più precisamente scandinavo e danese. Materassi alti 30 centimetri garantiscono un’ottima qualità del sonno, mentre nei bagni sono presenti docce ampie e spaziose; le tv in camera sono dotate di abbonamento Sky. Anche per quanto riguarda la colazione, Homie propone un’esperienza innovativa, grazie alla Breakfast Box Homie: un vero e proprio cestino della colazione contenente prodotti dolci e salati e succo d’arancia. Nelle aree comuni è poi presente un’ampia zona di co-living e co-working, aperta a tutti, non solo agli ospiti dell’hotel, dove ci si potrà pure concedere una pausa caffè grazie alla Starbucks coffee station e a food vending machine. L’obiettivo di Homie è infatti quello di intercettare anche una clientela business ed è per questo motivo che  sarà un hotel con apertura annuale. “Siamo molto orgogliosi di Homie - sottolinea Filippetti -. Questa new entry inaugura una nuova linea di prodotto per noi, che si fonda sulla totale digitalizzazione dei servizi. Viviamo in un mondo in continua evoluzione, ogni giorno è una sfida. E quindi eccoci qui con Homie, nato proprio dalla necessità di offrire al mercato un prodotto con eccellenti caratteristiche a un prezzo super competitivo”. [post_title] => Lindbergh inaugura Homie: l'hotel all digital di Rimini [post_date] => 2024-05-23T13:14:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716470080000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ottimi risultati per l'Argentina di Latitud Patagonia nel primo trimestre dell'anno: l'operatore di casa Quality Group mette infatti a segno sulla destinazione un +20% rispetto allo stesso periodo del 2023. A trainare la meta, il Gran Tour della Patagonia: itinerario di 15 giorni fra Argentina e Cile per un minimo di due e un massimo di 16 partecipanti (+30%). Ma risultati eccellenti arrivano anche dalle soluzioni di soggiorno ecochic Pristine Camps, esclusiva Latitud Patagonia per l’Italia. Al di là del successo dei prodotti luxury, l’offerta Latitud Patagonia resta comunque attenta alla delicata situazione economica internazionale. Se il costo dei voli domestici risente dei crescenti effetti dell’inflazione, le esperienze di viaggio self drive guadagnano sempre più consensi: sia i programmi Patagonia Nord & Ruta 40, sia Patagonia Nord & Sud, ma soprattutto i due Best of Patagonia riescono oggi a garantire maggior libertà di movimento ed economicità. Altro fattore di successo per il brand di Quality Group è il ricorso a soli due voli interni per raggiungere l’estremo Sud e tornare alla capitale, come avviene proprio nel caso del Gran Tour della Patagonia (contro una media di sei voli per un itinerario classico in Argentina). D'altronde grazie alla notevole esposizione mediatica del cinquecentesimo anniversario della prima circumnavigazione del globo terrestre da parte di Magellano (1519-1522), la Patagonia sta vivendo un vero e proprio boom turistico. A esso contribuisce il concomitante cinquantesimo anniversario dall’uscita del più importante film della storia argentina: Patagonia Rebelde, premiato a Berlino nel 1974 con l’Orso d’argento, dopo la censura e il sequestro dell’omonimo saggio scritto da Osvaldo Bayer. La maggior parte delle località toccate dal Gran Tour della Patagonia sono tra l'altro scenario dell’eroica resistenza dei peones, dei gauchos e dei sindacalisti anarchici che nel 1921 si rivoltarono contro il governo dei grandi capitali sotto la guida di due leggendari emigrati italiani: Alfredo Fonte, detto El Toscano, e il suo compare piemontese José Aicardi, noto come El 68, per via del numero assegnatogli in carcere. “Nonostante tutti i tour classici della nostra programmazione siano disponibili sul sito di Quality Group - spiega il titolare e responsabile del prodotto di Latitud Patagonia, Francesco Vitali -, e benché continuino a rappresentare i viaggi più venduti per coloro che desiderino andare alla scoperta della Patagonia, questo fantastico itinerario si è decisamente affermato come uno dei nostri best seller: permette infatti di conoscere la Patagonia argentina e cilena seguendo le orme di esploratori intramontabili come Ferdinando Magellano e Antonio Pigafetta. Confido dunque che il Gran Tour della Patagonia continui a guadagnare mercato tra i viaggiatori affascinati dalle terre della Fine del Mondo”. “Il collegamento da Roma con volo Ita Airways su Buenos Aires e avvicinamento da ogni aeroporto servito dalla compagnia è uno dei plus di questo viaggio - conclude ancora Vitali -, anche in virtù del fatto che la compagnia italiana opera su questa rotta con nuovissimi A350: veicoli configurati in modo tale da permettere ai nostri passeggeri di scegliere fra le classi economy, premium economy o business”. [post_title] => Boom dell'Argentina griffata Latitud Patagonia: +20% nel primo trimestre [post_date] => 2024-05-23T11:29:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716463753000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Treni e turismo corrono lungo un unico binario in casa Trenord: una scommessa per nulla scontata che nella Lombardia post pandemia ha trovato terreno fertile per poi mettere radici sempre più profonde in un territorio dalle innumerevoli potenzialità. Il tutto permeato da una vocazione alla sostenibilità che, se intrinseca nel mezzo di trasporto treno, proprio post Covid è diventata sempre più un’urgenza per i turisti stessi. E per le nuove generazioni in particolare. Per questo occorre «fare cultura del treno» sostiene il direttore commerciale di Trenord, Leonardo Cesarini: treno che in questo caso conduce alla scoperta di luoghi e realtà spesso sconosciute agli abitanti stessi delle città lombarde. Occorre un treno che sia «uno spazio che si riempie di contenuti» osserva Simona Tedesco, direttrice di Dove e testimonial in occasione della presentazione di ieri a Milano delle novità legate al prodotto Gite in Treno. “Un viaggio in cui la sostenibilità è anche la ricerca del benessere di sé, una sorta di travel therapy fatta di lentezza e magari di digital detox”. E viaggio in treno che ben si lega alla vision dell’Agenda 2030, «per la promozione e la salvaguardia del patrimonio storico e naturale – puntualizza Monica Morazzoni, prof. associato Iulm Milano -. Una forma turismo partecipativo che consente proprio attraverso il viaggio, di conoscere non solo l’altrove ma anche l’altro». «Il turismo di prossimità sostenibile - prosegue Cesarini - è una nuova forma di turismo che, post pandemia, abbiamo deciso di cavalcare in una Lombardia che, dopo Expo, è diventata tra le più cool e la quarta più visitata in Italia grazie al bleisure. I giovani, in particolare, gradiscono il treno più dell’auto e di conseguenza il suo utilizzo è in crescita vertiginosa». Ed ecco la conferma dei numeri: «Nel 2024 2,8 milioni di passeggeri hanno viaggiato con Trenord per turismo nei weekend e festivi, mentre oltre 21.000 persone hanno acquistato i biglietti treno+esperienza, +44% rispetto all’analogo periodo 2023 – e di questi 12.000 hanno scelto l’opzione treno+ battello sui laghi. Il dato complessivo dello scorso anno si attesta a 10,6 milioni di passeggeri che hanno generato sul territorio una ricaduta economica di 304 milioni di euro, +64% rispetto al 2022». Numeri che si sommano «al traffico evitato sulle strade al tempo guadagnato a bordo per leggere o lavorare, al risparmio in termini ambientali». Le Gite in Treno In questo solco prosegue la collaborazione con partner d’eccezione quali «Lonely Planet per le proposte Gite in Treno che, lanciate nel 2021, sono cresciute in termini di proposte e di fruitori: nel 2023 oltre 46.000 passeggeri hanno scelto il treno+ esperienza verso le mete turistiche lombarde e il 65% ha scelto come destinazione i grandi laghi». Ma le possibilità sono molteplici: «Oltre ai treni dei laghi ci sono i treni della neve e quelli dei parchi divertimento. Macro cluster che offrono un portafoglio di offerte per tutte le età». Novità per le corse verso i laghi (Como, Maggiore, Garda e Iseo oltre che Lugano, convenzione in fase di rinnovo in quest’ultimo caso) che hanno venduto ben 35.000 biglietti, quest’anno «si aggiungono il Salò Tour, Bellagio Tour con rientro da Varenna, e il Viandante via lago (due giorni)». Interessanti anche i numeri dei treni legati agli «eventi più cult: dal GP di F1 a Monza ai concerti di Springsteen, fino ai mercatini di Trento. Ben 35.000 biglietti complessivi nel 2023». Altra novità il lancio, da giugno, “di una serie di podcast dedicati – aggiunte Angelo Pritto, direttore Italia Lonely Planet -: un modo nuovo di raccontare un mezzo di trasporto ‘vecchio’. Comunicazione social per raggiungere tutti i target di pubblico E c’è anche una comunicazione in evoluzione, come spiega Rita Cammarano, head of digital, social & customer communication (una nuova figura all'interno di Trenord): «La nostra offerta vuole essere il viaggio stesso in treno e non solo la destinazione. E vogliamo arrivare a tutti i target, alle generazioni 'Z' e Alfa: i canali social consentono la viralità del messaggio e a un brand come Trenord di raggiungere un pubblico ampio». Da qui la nuova presenza «su Pintarest e prossimamente su Tik Tok, mentre presidiamo i canali Meta e Linkedin e da poco realizziamo attività di influencer marketing. Primi ad essere coinvolti gli influencer Acchiammappa e Miprendoemiportovia».   [post_title] => Trenord: leisure protagonista della crescita, già 2,8 mln di passeggeri nel 2024 [post_date] => 2024-05-23T10:07:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716458820000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467766 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo la legge, i professionisti soggetti all’iscrizione a un ordine oppure a un albo professionale sono tenuti a sottoscrivere delle assicurazioni a tutela del cliente, per coprire i rischi legati alla loro attività professionale, come ad esempio danni, errori, controversie di diverso tipo. Le clausole claims made Prima di spiegare cosa sono le polizze Rc professionali, è bene chiarire fin da subito cosa sono le clausole claims made. Queste sono una caratteristica di tali polizze, ma di cosa si tratta esattamente? Letteralmente significa “a richiesta fatta”, oppure a “prima richiesta” ed è un termine usato per individuare la clausola di estensione della garanzia assicurativa. La norma di riferimento è chiaramente la Legge Gelli Bianco (ex art. 11) la quale prevede che le polizze in questione debbano prevedere un’operatività temporale anche per gli eventi accaduti nei dieci anni antecedenti la conclusione del contratto assicurativo, purché denunciati all’impresa di assicurazione durante la vigenza delle polizze. Se si vuole approfondire l’argomento, è possibile leggere qui maggiori informazioni sulla clausola claims made delle polizze professionali e capire qual è la loro reale importanza Cos’è la polizza Rc Professionale? Come anticipato, determinati professionisti sono tenuti per legge a sottoscrivere la polizza RC per poter svolgere correttamente la propria attività. Più precisamente, lo scopo della suddetta polizza è quella di coprire eventuali danni che derivano dall’attività professionale causati da negligenza, omissioni, distrazioni o intenzionalmente da collaboratori poco fedeli. Tale assicurazione, dunque, permette di tutelarsi da possibili responsabilità civili e richieste di risarcimento danni derivate da disattenzioni o errori propri o altrui. Chiaramente va sottoscritta non appena il professionista entra a far parte di un albo professionale e da allora andrà sempre rinnovata.  Cosa copre una polizza Rc professionale? La polizza in esame copre, entro un preciso massimale, tutte le responsabilità professionali che sono previste dalla legge. Ad esempio, copre i danni materiali e patrimoniali, garantendo la sicurezza finanziaria del professionista, ancora, protegge in caso di dolo dei propri dipendenti oppure dei propri collaboratori, in modo da ridurre le preoccupazioni. La polizza in esame copre sia la colpa lieve che grave, poiché nessuno è immune da errori, pertanto, è necessario mettere in conto che qualche piccolo errore potrebbe verificarsi ed è proprio in questi casi che la polizza Rc torna molto utile. Infine, offre sicurezza contro le interruzioni dell’attività, perdita accidentale di documenti importanti per la propria attività e persino in caso di violazione della privacy dei clienti. Quanto costa l’assicurazione professionale? Il costo di un’assicurazione professionale dipende da molteplici fattori. In genere, varia principalmente a seconda dell’attività svolta dall’assicurato e dal suo fatturato. Infatti, attività ad alto rischio possono comportare premi più elevati, mentre aziende con un alto fatturato potrebbero pagare di più per coperture più estese. Inoltre, bisogna considerare il massimale e la franchigia. Il primo termine indica la somma massima per la quale la polizza fornisce la copertura all’assicurato. Più è alto questo valore, maggiore è il premio da corrispondere. La franchigia, invece, è l’importo fisso che in caso di sinistro l’assicurato deve pagare. La compagnia assicurativa paga solo le somme eccedenti la franchigia. In questo caso, più è alta la franchigia minore è il premio assicurativo. Ovviamente, bisogna considerare che ogni compagnia assicurativa pratica un prezzo differente. [post_title] => Polizza professionale RC: cos’è e come funziona [post_date] => 2024-05-23T08:00:49+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => assicurazione-auto [1] => clausole-claims-made [2] => estensione-della-garanzia-assicurativa [3] => legge-gelli-bianco [4] => polizza-auto [5] => polizza-rc [6] => polizze-rc-professionali ) [post_tag_name] => Array ( [0] => assicurazione auto [1] => clausole claims made [2] => estensione della garanzia assicurativa [3] => Legge Gelli Bianco [4] => polizza auto [5] => polizza RC [6] => polizze Rc professionali ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716451249000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467853 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467857" align="alignleft" width="300"] L'area della masseria Maviglia - Foto di Tommaso1963 - Licenza Creative Commons[/caption] Nuovo progetto a 5 stelle lusso in Puglia. Quello che già alcuni etichettano come il concorrente ionico di Borgo Egnazia sorgerà a Maruggio, in provincia di Taranto, nella terra dove viene prodotto il Primitivo. La Maviglia Golf & Spa Resort è un'iniziativa della società svizzera Ultimate Collection, a sua volta guidata dall’ex banchiere italo-svizzero e proprietario del Southampton, Nicola Cortese. Progettato da Oppenheim Architecture e dagli architetti paesaggisti Enea, il resort si svilupperà all'interno di una tenuta di 202 ettari che comprende oltre 40 trulli saraceni e alcuni uliveti. La proprietà sarebbe stata acquistata nel 2023 per 12 milioni di euro, mentre l'investimento complessivo per l'intera operazione raggiungerebbe i 200 milioni. Al termine dei lavori, previsti per il 2027, il complesso includerà un resort da 70 suite, di superficie compresa tra i 55 e i 150 mq, nonché un campo da golf a 18 buche sviluppato su oltre 75 ettari di terreno, a cui si affiancherà un Golfer's Lodge dotato di 20 camere di circa 35 mq. Sarà realizzata pure una clubhouse con ristorante, bar, lounge e sale conferenze. I piani prevedono inoltre la costruzione di ulteriori 35 ville da una a sei camere da letto, con living e dining area, ambienti esterni e piscine, per superfici che spazieranno dai 90 ai 450 mq. A tutto ciò si aggiungeranno altri quattro ristoranti e una medical spa da 5 mila mq.   [post_title] => L'ex presidente del Southampton apre un 5 stelle in Puglia: sarà il concorrente ionico di Borgo Egnazia [post_date] => 2024-05-22T12:27:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716380848000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467823 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quattro cene a Milano, Torino, Roma e Bologna per presentare agli agenti di viaggio l'offerta i nuovi Tour2000AmericaLatina, sia di gruppo che con accompagnatore dall’Italia. E' la serie di eventi che l'operatore marchigiano ha organizzato in questo mese di maggio in collaborazione con Air Europa. La compagnia collega l'Italia all'America Latina attraverso l'hub di Madrid. “Ringraziamo Air Europa per essere, da sempre, un partner presente e attivo - sottolinea il general manager del to, Marino Pagni -. Siamo molto soddisfatti dall’entusiasmo che gli agenti hanno dimostrato e dell’interesse per la nostra nuova collezione di viaggi con accompagnatore dall’Italia del 2024. Sono sempre più convinto che l’organizzazione di mini eventi itineranti nelle città e province italiane restituisca al rapporto con l’agente di viaggio quell’immediatezza e quel calore umano, che sono alla base di una solida relazione professionale". “Grazie a Tour2000AmericaLatina per l’opportunità che ci ha offerto nel permetterci di incontrare i professionisti del settore - aggiunge il general manager per l'Italia di Air Europa, Renato Scaffidi -. In occasione di questo roadshow abbiamo presentato le novità della stagione estiva, su tutte la riapertura della rotta Venezia-Madrid e il ritorno della terza frequenza da Milano Malpensa, oltre a un aggiornamento del prodotto Air Europa”. [post_title] => Le novità 2024 protagoniste di quattro cene griffate Tour2000AmericaLatina - Air Europa [post_date] => 2024-05-22T10:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716374210000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "su costa smeralda un fam trip alla scoperta del prodotto cruisegolf" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":68,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2222,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467999","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Tuscia continua a emergere come destinazione turistica virtuosa grazie alle iniziative della DMO Expo Tuscia, che recentemente ha organizzato un press tour per mettere in luce le ricchezze culturali, naturali ed enogastronomiche della regione.\r\n\r\nLa manifestazione si è aperta al Palazzo dei Papi di Viterbo per l'inaugurazione di Assaggi, il salone che celebra l'enogastronomia laziale e ospita alcune delle più virtuose realtà produttive del territorio. La mattina si è svolta tra visite agli stand gastronomici e incontri con le autorità locali, offrendo un'immersione diretta nelle tradizioni culinarie della Tuscia e un preludio perfetto alla due giorni di press tour. Successivamente, un tour del centro storico di Viterbo ha permesso di apprezzare il patrimonio culturale e architettonico della Città dei Papi.\r\n\r\nIl pomeriggio è stato dedicato alla presentazione del libro \"I Sapori della Tuscia – Viaggio Enogastronomico attraverso le Sagre e Feste di paese\" di Antonio Castello, un vademecum alla scoperta delle manifestazioni enogastronomiche che i Comuni, le Associazioni e le Pro Loco promuovono nel corso dell’anno, arricchito da informazioni sulle attività economiche prevalenti, sulla gastronomia, sulla storia e sulle attrattive turistiche dei vari territori raccontati.\r\n\r\n[gallery ids=\"468001,468002,468003,468004,468005,468006\"]\r\n\r\n\r\nSuccessivamente, il gruppo si è trasferito a Montefiascone, accolti da Alessandra Di Tommaso, presidente della rete di impresa Montefiascone in Vetrina, e da Giulia De Santis, sindaco della città, che ha espresso il suo apprezzamento per le iniziative capaci di valorizzare il territorio con autenticità, permettendo anche alle persone, alle aziende, alle imprese e agli artigiani di potersi raccontare. «Vogliamo che le eccellenze di Montefiascone possano essere conosciute sempre di più e anche esportate. Non abbiamo meno di altri territori, dobbiamo solo avere il coraggio di osare».\r\n\r\nNel ristorante dell'hotel La Carrozza d’Oro, sulle affascinanti rive del Lago di Bolsena, sono stati serviti prodotti di eccellenza come il vino “Est! Est!! Est!!!”, la mozzarella di bufala, formaggi e salumi dell’antica tradizione. «Unendo le forze possiamo aiutare a intercettare un turismo di qualità, alla ricerca delle eccellenze - ha detto Alessandra Di Tommaso -, valorizzando il lavoro di quanti ancora insistono e credono nel nostro territorio, come artigiani, produttori, coltivatori».\r\n\r\n[gallery columns=\"5\" ids=\"468009,468008,468011,468007,468010\"]\r\n\r\nIl giorno dopo, la guida turistica Marcello Forgia ha condotto i partecipanti attraverso i monumenti storici della città, inclusa la cattedrale di Santa Margherita, celebre per la sua maestosa cupola, terza per grandezza in Italia.\r\n\r\nIl tour è proseguito verso Bolsena, dove Riccardo Peparello e Patrizia Crosta di Visit Bolsena hanno illustrato l'importanza della collaborazione tra le reti d'impresa per il sostegno allo sviluppo economico e culturale. La visita ha toccato la Basilica di Santa Cristina con le sue catacombe e l'affascinante centro storico, dove è stato enfatizzato il Miracolo Eucaristico del 1263, un evento che continua a influenzare profondamente il patrimonio spirituale del luogo.\r\n\r\n[gallery columns=\"5\" ids=\"468012,468016,468015,468014,468013\"]\r\n\r\nIn ogni tappa, \"sono state presentate realtà produttive virtuose del territorio - spiega il presidente di Expo Tuscia Vincenzo Peparello - e l'integrazione tra il settore pubblico e quello privato è stata evidenziata come elemento fondamentale per sostenere l'industria turistica\". Questa sinergia è la chiave individuata dalla Dmo per il rilancio della Tuscia \"non solo come meta di viaggio - conclude Peparello - ma come esperienza da vivere intensamente, tra storia, arte, gastronomia, tradizioni e vivida autenticità\".\r\n\r\n ","post_title":"L'impegno della dmo Expo Tuscia per la valorizzazione del territorio","post_date":"2024-05-24T11:30:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1716550240000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467970","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gioco Viaggi punta sul prodotto Montagna.\r\n\r\nUn ricco catalogo, hotels selezionati, servizi ad hoc per tutti i target, destinazioni tra Valle d’Aosta, Trentino, Austria e Francia, un prodotto completo che l’operatore genovese ha presentato ad alcune agenzie selezionate in occasione di un Eductour in Austria, nella Valle dello Stubai.\r\n\r\nIl tour di tre giorni ha visto la collaborazione del Gruppo Stat, Stubai Touristik, Austria Turismo, Innsbruck Tourismus, Tirol Werbung e Swarovski.\r\n\r\nLe agenzie di viaggio hanno toccato con mano l’offerta ricettiva della vallata, in grado di soddisfare, in ogni periodo dell’anno, qualsiasi tipo di esigenza, dai gruppi, alle famiglie, ai giovani,  fino agli individuali che puntano sullo sport e anche sul relax.\r\n\r\nEscursioni in bici o sul ghiacciaio dello Stubai a 2.600 metri, esperienza in slittino su monorotaia, passeggiata in direzione del ponte sospeso con punto panoramico “Neustiftblick” o per la cascata “Grawa Wasserfall”, visita di Innsbruck e del Museo Swarosky: il programma dell’eductour ha offerto uno spaccato di alcune delle attività che possono caratterizzare una vacanza nella Valle dello Stubai.\r\n\r\nGli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski), per esempio, sono una vera chicca, una meta unica in Tirolo, la terza per visitatori in Austria,  che celebra la brillantezza e il fascino dei cristalli di Swarovski in tutte le loro sfaccettature.\r\n\r\nIl catalogo Montagna Collection di Gioco Viaggi è nato qualche anno fa sulla scia dell’organizzazione del ritiro della storica squadra del Genoa, che su proposta dell’operatore Aldo Sacco, ha deciso di portare i propri giocatori  a Neustift im Stubaital per ben 15 anni. L’iniziativa ha attirato l’attenzione di migliaia di tifosi che hanno così scelto la vallata austriaca sia per seguire la squadra ma anche per trascorre alcuni giorni di vacanza con la famiglia.\r\n\r\n«Lo Stubai è un concentrato di accoglienza, servizi e attività – commenta Piero Trobetta, titolare Gioco Viaggi - Il punto di forza dell’operatore è la consulenza a 360 gradi, per offrire ai viaggiatori, in base alle esigenze dei diversi target, un panorama completo di tutte le strutture ricettive, le attività ed i servizi a disposizione».\r\n\r\nLa Vallata, che dista 40 minuti dal Brennero, è ideale per chi cerca vacanze nella natura, tra sport come sci, trekking, rafting, parapendio, grazie ai 4 impianti di risalita e ai sentieri che si snodano per oltre 200 chilometri. Molte sono le località da visitare, in primis Innsbruck, ricche di testimonianze storiche e culturali.\r\n\r\n«Il catalogo Montagna Collection si è arricchito negli anni – aggiunge Fulvia Ottonello, responsabile prodotto Montagna per Gioco Viaggi – Molte le novità e le proposte, tra le quali anche i pacchetti di sole 4 notti e programmi per famiglie con bambini (Parco per Bimbi e Multisport in Val di Sole), con attività da personalizzare. Dal 29 giugno al 25 agosto torna Alpibus, un’iniziativa nata insieme al Gruppo Stat, che ha collaborato con noi nell’organizzazione dell’Eductour».\r\n\r\nIl Gruppo Stat, è un’azienda che opera dal 1919 e che dall’Autotrasporto si è evoluta fino ad essere presente con proprie strutture in Piemonte e Liguria operando sul territorio nazionale per l'Europa e per il mondo. Impiega 180 persone, con una flotta di oltre 100 bus, 1 tour operator e 6 agenzie Viaggio. Anche quest’anno viene riproposto nel Catalogo Montagna di Gioco Viaggi, l’AlpiBus, un pacchetto che comprende oltre all'hotel anche il Bus della Stat da diverse città del nord Italia per molte destinazioni di montagna.\r\n\r\nTra i punti di forza della Valle dello Stubai c’è sicuramente la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata.\r\n\r\nIl mercato italiano occupa la quarta posizione per gli arrivi nello Stubai (in totale 1 milione 800 mila all’anno.)\r\n\r\n«In percentuale si tratta del 5% - sottolinea Gebhard Schopf, delegato amministrativo Consorzio Val Stubai – che sale al 20% nel periodo estivo quando gli italiani sono numerosi. Nel Tirolo Austriaco ogni impresa della Valle (14 mila abitanti) per legge è socia del nostro consorzio e partecipa con un contributo proporzionato al reddito e al coinvolgimento della propria attività nel settore». Il Consorzio è nato 100 anni fa e comprende 1.600 soci. Dispone di un budget di 10 milioni di euro, dei quali 1/3 viene destinato alle infrastrutture, 1/3 nel marketing ed il restante per il personale».","post_title":"Gioco Viaggi, la Valle dello Stubai protagonista del catalogo Montagna Collection","post_date":"2024-05-24T10:53:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716548023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467954","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche il nuovo Aki Plose tra le ultime quattro new entry del network Familienhotels Südtirol. La prima struttura a vocazione famiglia del gruppo Adler aprirà il prossimo novembre in valle Isarco, includendo al proprio interno anche un'area spa e wellness con ambienti dedicati adults only e un padiglione Yoga. L’offerta enogastronomica unirà inoltre i sapori del territorio e l'innovazione, per un prodotto a pensione completa, bevande analcoliche incluse. A disposizione degli ospiti anche un kids club e una nursery.\r\n\r\nGli altri arrivi in casa Familienhotels Südtirol sono poi il Viktoria della val d'Ultimo, il Movi Apart Hotel di Corvara e il Familiamus sull'altopiano di Maranza. Il primo comprende 29 camere, terrazza solarium, giardino con ampia zona fango, parco giochi con scivoli, trampolino e piccola pista go-kart, piscina e sauna per famiglie; il Movi, oltre agli appartamenti, offre uno spazio benessere con Acqua Fun World, nonché saune adults only e per famiglie. Il Familiamus, infine, è un 5 stelle da 70 camere, che dispone pure del Magolix Club: uno spazio di mille metri quadrati, dove trovano posto un laboratorio di magia, un atelier creativo, un laboratorio del legno e una zona per l’attività fisica.","post_title":"Il nuovo Aki Plose tra le new entry del network Familienhotels Südtirol","post_date":"2024-05-23T13:40:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716471609000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'annuncio risale a un paio di anni fa: l'apertura a Rimini di un albergo (quasi) senza personale, completamente vocato alla digitalizzazione del servizio. E non aveva neppure mancato di destare una vivace discussione (qui e qui il botta e risposta tra il presidente di Th Resorts, Graziano Debellini, e Nardo Filippetti). Ora però arriva l'inaugurazione ufficiale. E' infatti operativo a Rimini Homie, l'hotel all digital del gruppo Lindbergh, primo indirizzo in Emilia - Romagna della compagnia pesarese fondata dallo stesso Filippetti.\r\n\r\nLa struttura nasce a seguito di un importante lavoro di riqualificazione dell’hotel Naiade, storico hotel della riviera situata a Marina centro, a soli tre minuti dal mare e dal parco del Mare di Rimini. Ancora prima di arrivare in hotel l’ospite l’ospite, una volta scaricata l’app Homie, potrà selezionare e prenotare il tipo di camera di cui ha bisogno e pagare il soggiorno direttamente online; una volta giunto in struttura, non dovrà più passare dalla reception ma, tramite una chiave digitale, potrà accedere alla propria stanza.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_467952\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Un momento dell'inaugurazione[/caption]\r\n\r\nMinimalismo ed essenzialità contraddistinguono l’albergo e si riflettono anche nelle sue 41 camere, ispirate a uno stile nordeuropeo e più precisamente scandinavo e danese. Materassi alti 30 centimetri garantiscono un’ottima qualità del sonno, mentre nei bagni sono presenti docce ampie e spaziose; le tv in camera sono dotate di abbonamento Sky. Anche per quanto riguarda la colazione, Homie propone un’esperienza innovativa, grazie alla Breakfast Box Homie: un vero e proprio cestino della colazione contenente prodotti dolci e salati e succo d’arancia.\r\n\r\nNelle aree comuni è poi presente un’ampia zona di co-living e co-working, aperta a tutti, non solo agli ospiti dell’hotel, dove ci si potrà pure concedere una pausa caffè grazie alla Starbucks coffee station e a food vending machine. L’obiettivo di Homie è infatti quello di intercettare anche una clientela business ed è per questo motivo che  sarà un hotel con apertura annuale.\r\n\r\n“Siamo molto orgogliosi di Homie - sottolinea Filippetti -. Questa new entry inaugura una nuova linea di prodotto per noi, che si fonda sulla totale digitalizzazione dei servizi. Viviamo in un mondo in continua evoluzione, ogni giorno è una sfida. E quindi eccoci qui con Homie, nato proprio dalla necessità di offrire al mercato un prodotto con eccellenti caratteristiche a un prezzo super competitivo”.","post_title":"Lindbergh inaugura Homie: l'hotel all digital di Rimini","post_date":"2024-05-23T13:14:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716470080000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ottimi risultati per l'Argentina di Latitud Patagonia nel primo trimestre dell'anno: l'operatore di casa Quality Group mette infatti a segno sulla destinazione un +20% rispetto allo stesso periodo del 2023. A trainare la meta, il Gran Tour della Patagonia: itinerario di 15 giorni fra Argentina e Cile per un minimo di due e un massimo di 16 partecipanti (+30%). Ma risultati eccellenti arrivano anche dalle soluzioni di soggiorno ecochic Pristine Camps, esclusiva Latitud Patagonia per l’Italia.\r\n\r\nAl di là del successo dei prodotti luxury, l’offerta Latitud Patagonia resta comunque attenta alla delicata situazione economica internazionale. Se il costo dei voli domestici risente dei crescenti effetti dell’inflazione, le esperienze di viaggio self drive guadagnano sempre più consensi: sia i programmi Patagonia Nord & Ruta 40, sia Patagonia Nord & Sud, ma soprattutto i due Best of Patagonia riescono oggi a garantire maggior libertà di movimento ed economicità. Altro fattore di successo per il brand di Quality Group è il ricorso a soli due voli interni per raggiungere l’estremo Sud e tornare alla capitale, come avviene proprio nel caso del Gran Tour della Patagonia (contro una media di sei voli per un itinerario classico in Argentina).\r\n\r\nD'altronde grazie alla notevole esposizione mediatica del cinquecentesimo anniversario della prima circumnavigazione del globo terrestre da parte di Magellano (1519-1522), la Patagonia sta vivendo un vero e proprio boom turistico. A esso contribuisce il concomitante cinquantesimo anniversario dall’uscita del più importante film della storia argentina: Patagonia Rebelde, premiato a Berlino nel 1974 con l’Orso d’argento, dopo la censura e il sequestro dell’omonimo saggio scritto da Osvaldo Bayer. La maggior parte delle località toccate dal Gran Tour della Patagonia sono tra l'altro scenario dell’eroica resistenza dei peones, dei gauchos e dei sindacalisti anarchici che nel 1921 si rivoltarono contro il governo dei grandi capitali sotto la guida di due leggendari emigrati italiani: Alfredo Fonte, detto El Toscano, e il suo compare piemontese José Aicardi, noto come El 68, per via del numero assegnatogli in carcere.\r\n\r\n“Nonostante tutti i tour classici della nostra programmazione siano disponibili sul sito di Quality Group - spiega il titolare e responsabile del prodotto di Latitud Patagonia, Francesco Vitali -, e benché continuino a rappresentare i viaggi più venduti per coloro che desiderino andare alla scoperta della Patagonia, questo fantastico itinerario si è decisamente affermato come uno dei nostri best seller: permette infatti di conoscere la Patagonia argentina e cilena seguendo le orme di esploratori intramontabili come Ferdinando Magellano e Antonio Pigafetta. Confido dunque che il Gran Tour della Patagonia continui a guadagnare mercato tra i viaggiatori affascinati dalle terre della Fine del Mondo”.\r\n\r\n“Il collegamento da Roma con volo Ita Airways su Buenos Aires e avvicinamento da ogni aeroporto servito dalla compagnia è uno dei plus di questo viaggio - conclude ancora Vitali -, anche in virtù del fatto che la compagnia italiana opera su questa rotta con nuovissimi A350: veicoli configurati in modo tale da permettere ai nostri passeggeri di scegliere fra le classi economy, premium economy o business”.","post_title":"Boom dell'Argentina griffata Latitud Patagonia: +20% nel primo trimestre","post_date":"2024-05-23T11:29:13+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716463753000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Treni e turismo corrono lungo un unico binario in casa Trenord: una scommessa per nulla scontata che nella Lombardia post pandemia ha trovato terreno fertile per poi mettere radici sempre più profonde in un territorio dalle innumerevoli potenzialità. Il tutto permeato da una vocazione alla sostenibilità che, se intrinseca nel mezzo di trasporto treno, proprio post Covid è diventata sempre più un’urgenza per i turisti stessi. E per le nuove generazioni in particolare.\r\n\r\nPer questo occorre «fare cultura del treno» sostiene il direttore commerciale di Trenord, Leonardo Cesarini: treno che in questo caso conduce alla scoperta di luoghi e realtà spesso sconosciute agli abitanti stessi delle città lombarde. Occorre un treno che sia «uno spazio che si riempie di contenuti» osserva Simona Tedesco, direttrice di Dove e testimonial in occasione della presentazione di ieri a Milano delle novità legate al prodotto Gite in Treno. “Un viaggio in cui la sostenibilità è anche la ricerca del benessere di sé, una sorta di travel therapy fatta di lentezza e magari di digital detox”. E viaggio in treno che ben si lega alla vision dell’Agenda 2030, «per la promozione e la salvaguardia del patrimonio storico e naturale – puntualizza Monica Morazzoni, prof. associato Iulm Milano -. Una forma turismo partecipativo che consente proprio attraverso il viaggio, di conoscere non solo l’altrove ma anche l’altro».\r\n\r\n«Il turismo di prossimità sostenibile - prosegue Cesarini - è una nuova forma di turismo che, post pandemia, abbiamo deciso di cavalcare in una Lombardia che, dopo Expo, è diventata tra le più cool e la quarta più visitata in Italia grazie al bleisure. I giovani, in particolare, gradiscono il treno più dell’auto e di conseguenza il suo utilizzo è in crescita vertiginosa».\r\n\r\nEd ecco la conferma dei numeri: «Nel 2024 2,8 milioni di passeggeri hanno viaggiato con Trenord per turismo nei weekend e festivi, mentre oltre 21.000 persone hanno acquistato i biglietti treno+esperienza, +44% rispetto all’analogo periodo 2023 – e di questi 12.000 hanno scelto l’opzione treno+ battello sui laghi. Il dato complessivo dello scorso anno si attesta a 10,6 milioni di passeggeri che hanno generato sul territorio una ricaduta economica di 304 milioni di euro, +64% rispetto al 2022». Numeri che si sommano «al traffico evitato sulle strade al tempo guadagnato a bordo per leggere o lavorare, al risparmio in termini ambientali».\r\n\r\nLe Gite in Treno\r\n\r\nIn questo solco prosegue la collaborazione con partner d’eccezione quali «Lonely Planet per le proposte Gite in Treno che, lanciate nel 2021, sono cresciute in termini di proposte e di fruitori: nel 2023 oltre 46.000 passeggeri hanno scelto il treno+ esperienza verso le mete turistiche lombarde e il 65% ha scelto come destinazione i grandi laghi». Ma le possibilità sono molteplici: «Oltre ai treni dei laghi ci sono i treni della neve e quelli dei parchi divertimento. Macro cluster che offrono un portafoglio di offerte per tutte le età».\r\n\r\nNovità per le corse verso i laghi (Como, Maggiore, Garda e Iseo oltre che Lugano, convenzione in fase di rinnovo in quest’ultimo caso) che hanno venduto ben 35.000 biglietti, quest’anno «si aggiungono il Salò Tour, Bellagio Tour con rientro da Varenna, e il Viandante via lago (due giorni)». Interessanti anche i numeri dei treni legati agli «eventi più cult: dal GP di F1 a Monza ai concerti di Springsteen, fino ai mercatini di Trento. Ben 35.000 biglietti complessivi nel 2023».\r\n\r\nAltra novità il lancio, da giugno, “di una serie di podcast dedicati – aggiunte Angelo Pritto, direttore Italia Lonely Planet -: un modo nuovo di raccontare un mezzo di trasporto ‘vecchio’.\r\n\r\nComunicazione social per raggiungere tutti i target di pubblico\r\n\r\nE c’è anche una comunicazione in evoluzione, come spiega Rita Cammarano, head of digital, social & customer communication (una nuova figura all'interno di Trenord): «La nostra offerta vuole essere il viaggio stesso in treno e non solo la destinazione. E vogliamo arrivare a tutti i target, alle generazioni 'Z' e Alfa: i canali social consentono la viralità del messaggio e a un brand come Trenord di raggiungere un pubblico ampio». Da qui la nuova presenza «su Pintarest e prossimamente su Tik Tok, mentre presidiamo i canali Meta e Linkedin e da poco realizziamo attività di influencer marketing. Primi ad essere coinvolti gli influencer Acchiammappa e Miprendoemiportovia».\r\n\r\n ","post_title":"Trenord: leisure protagonista della crescita, già 2,8 mln di passeggeri nel 2024","post_date":"2024-05-23T10:07:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1716458820000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467766","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Secondo la legge, i professionisti soggetti all’iscrizione a un ordine oppure a un albo professionale sono tenuti a sottoscrivere delle assicurazioni a tutela del cliente, per coprire i rischi legati alla loro attività professionale, come ad esempio danni, errori, controversie di diverso tipo.\r\nLe clausole claims made\r\nPrima di spiegare cosa sono le polizze Rc professionali, è bene chiarire fin da subito cosa sono le clausole claims made. Queste sono una caratteristica di tali polizze, ma di cosa si tratta esattamente? Letteralmente significa “a richiesta fatta”, oppure a “prima richiesta” ed è un termine usato per individuare la clausola di estensione della garanzia assicurativa.\r\n\r\nLa norma di riferimento è chiaramente la Legge Gelli Bianco (ex art. 11) la quale prevede che le polizze in questione debbano prevedere un’operatività temporale anche per gli eventi accaduti nei dieci anni antecedenti la conclusione del contratto assicurativo, purché denunciati all’impresa di assicurazione durante la vigenza delle polizze. Se si vuole approfondire l’argomento, è possibile leggere qui maggiori informazioni sulla clausola claims made delle polizze professionali e capire qual è la loro reale importanza\r\nCos’è la polizza Rc Professionale?\r\nCome anticipato, determinati professionisti sono tenuti per legge a sottoscrivere la polizza RC per poter svolgere correttamente la propria attività. Più precisamente, lo scopo della suddetta polizza è quella di coprire eventuali danni che derivano dall’attività professionale causati da negligenza, omissioni, distrazioni o intenzionalmente da collaboratori poco fedeli.\r\n\r\nTale assicurazione, dunque, permette di tutelarsi da possibili responsabilità civili e richieste di risarcimento danni derivate da disattenzioni o errori propri o altrui.\r\n\r\nChiaramente va sottoscritta non appena il professionista entra a far parte di un albo professionale e da allora andrà sempre rinnovata. \r\nCosa copre una polizza Rc professionale?\r\nLa polizza in esame copre, entro un preciso massimale, tutte le responsabilità professionali che sono previste dalla legge. Ad esempio, copre i danni materiali e patrimoniali, garantendo la sicurezza finanziaria del professionista, ancora, protegge in caso di dolo dei propri dipendenti oppure dei propri collaboratori, in modo da ridurre le preoccupazioni.\r\n\r\nLa polizza in esame copre sia la colpa lieve che grave, poiché nessuno è immune da errori, pertanto, è necessario mettere in conto che qualche piccolo errore potrebbe verificarsi ed è proprio in questi casi che la polizza Rc torna molto utile.\r\n\r\nInfine, offre sicurezza contro le interruzioni dell’attività, perdita accidentale di documenti importanti per la propria attività e persino in caso di violazione della privacy dei clienti.\r\nQuanto costa l’assicurazione professionale?\r\nIl costo di un’assicurazione professionale dipende da molteplici fattori. In genere, varia principalmente a seconda dell’attività svolta dall’assicurato e dal suo fatturato.\r\n\r\nInfatti, attività ad alto rischio possono comportare premi più elevati, mentre aziende con un alto fatturato potrebbero pagare di più per coperture più estese. Inoltre, bisogna considerare il massimale e la franchigia.\r\n\r\nIl primo termine indica la somma massima per la quale la polizza fornisce la copertura all’assicurato. Più è alto questo valore, maggiore è il premio da corrispondere. La franchigia, invece, è l’importo fisso che in caso di sinistro l’assicurato deve pagare. La compagnia assicurativa paga solo le somme eccedenti la franchigia. In questo caso, più è alta la franchigia minore è il premio assicurativo. Ovviamente, bisogna considerare che ogni compagnia assicurativa pratica un prezzo differente.","post_title":"Polizza professionale RC: cos’è e come funziona","post_date":"2024-05-23T08:00:49+00:00","category":["informazione-pr","mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Informazione PR","Mercato e tecnologie"],"post_tag":["assicurazione-auto","clausole-claims-made","estensione-della-garanzia-assicurativa","legge-gelli-bianco","polizza-auto","polizza-rc","polizze-rc-professionali"],"post_tag_name":["assicurazione auto","clausole claims made","estensione della garanzia assicurativa","Legge Gelli Bianco","polizza auto","polizza RC","polizze Rc professionali"]},"sort":[1716451249000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467853","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467857\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'area della masseria Maviglia - Foto di Tommaso1963 - Licenza Creative Commons[/caption]\r\n\r\nNuovo progetto a 5 stelle lusso in Puglia. Quello che già alcuni etichettano come il concorrente ionico di Borgo Egnazia sorgerà a Maruggio, in provincia di Taranto, nella terra dove viene prodotto il Primitivo. La Maviglia Golf & Spa Resort è un'iniziativa della società svizzera Ultimate Collection, a sua volta guidata dall’ex banchiere italo-svizzero e proprietario del Southampton, Nicola Cortese. Progettato da Oppenheim Architecture e dagli architetti paesaggisti Enea, il resort si svilupperà all'interno di una tenuta di 202 ettari che comprende oltre 40 trulli saraceni e alcuni uliveti. La proprietà sarebbe stata acquistata nel 2023 per 12 milioni di euro, mentre l'investimento complessivo per l'intera operazione raggiungerebbe i 200 milioni.\r\n\r\nAl termine dei lavori, previsti per il 2027, il complesso includerà un resort da 70 suite, di superficie compresa tra i 55 e i 150 mq, nonché un campo da golf a 18 buche sviluppato su oltre 75 ettari di terreno, a cui si affiancherà un Golfer's Lodge dotato di 20 camere di circa 35 mq. Sarà realizzata pure una clubhouse con ristorante, bar, lounge e sale conferenze. I piani prevedono inoltre la costruzione di ulteriori 35 ville da una a sei camere da letto, con living e dining area, ambienti esterni e piscine, per superfici che spazieranno dai 90 ai 450 mq. A tutto ciò si aggiungeranno altri quattro ristoranti e una medical spa da 5 mila mq.\r\n\r\n ","post_title":"L'ex presidente del Southampton apre un 5 stelle in Puglia: sarà il concorrente ionico di Borgo Egnazia","post_date":"2024-05-22T12:27:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716380848000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467823","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quattro cene a Milano, Torino, Roma e Bologna per presentare agli agenti di viaggio l'offerta i nuovi Tour2000AmericaLatina, sia di gruppo che con accompagnatore dall’Italia. E' la serie di eventi che l'operatore marchigiano ha organizzato in questo mese di maggio in collaborazione con Air Europa. La compagnia collega l'Italia all'America Latina attraverso l'hub di Madrid.\r\n\r\n“Ringraziamo Air Europa per essere, da sempre, un partner presente e attivo - sottolinea il general manager del to, Marino Pagni -. Siamo molto soddisfatti dall’entusiasmo che gli agenti hanno dimostrato e dell’interesse per la nostra nuova collezione di viaggi con accompagnatore dall’Italia del 2024. Sono sempre più convinto che l’organizzazione di mini eventi itineranti nelle città e province italiane restituisca al rapporto con l’agente di viaggio quell’immediatezza e quel calore umano, che sono alla base di una solida relazione professionale\".\r\n\r\n“Grazie a Tour2000AmericaLatina per l’opportunità che ci ha offerto nel permetterci di incontrare i professionisti del settore - aggiunge il general manager per l'Italia di Air Europa, Renato Scaffidi -. In occasione di questo roadshow abbiamo presentato le novità della stagione estiva, su tutte la riapertura della rotta Venezia-Madrid e il ritorno della terza frequenza da Milano Malpensa, oltre a un aggiornamento del prodotto Air Europa”.","post_title":"Le novità 2024 protagoniste di quattro cene griffate Tour2000AmericaLatina - Air Europa","post_date":"2024-05-22T10:36:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716374210000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti