22 February 2024

Quality group oltre la soglia dei 200 mln di fatturato: +84% sul 2022

[ 0 ]

Quality Group conferma le previsioni dello scorso inizio ottobre e chiude il 2023 superando di slancio quota 200 milioni, raggiungendo i 205 milioni di euro di fatturato complessivo. Un risultato dell’84% superiore a quello dell’anno precedente, ottenuto anche grazie a una crescita del 70% dei passeggeri, che hanno oltrepassato quota 60 mila.

“Siamo molto soddisfatti del risultato conseguito nel 2023, che è frutto soprattutto del carico di energia, impegno ed entusiasmo per la ripartenza offerto da tutte le persone che fanno parte del nostro gruppo – sottolinea il direttore commerciale, Marco Peci -. Il risultato finale è stato persino rallentato dalle inefficienze di alcuni fornitori, dalla scarsità di voli e dalla situazione geopolitica determinatasi da ottobre in avanti. Malgrado questo siamo riusciti a crescere sensibilmente, a gestire in maniera brillante le difficoltà della ripartenza e a consolidare la nostra posizione sul mercato”.

L’andamento delle prenotazioni 2023 per la compagnia si è concentrato prevalentemente tra gennaio e maggio e le destinazioni che hanno performato meglio sono state Egitto, Giordania, Marocco, Stati Uniti, Nord Europa, Giappone, Polinesia, Uzbekistan e Indonesia. Il 2023 ha visto in particolare l’affermarsi in modo preponderante delle prenotazioni in advance booking, che rappresentano all’incirca il 70% del fatturato totale, per una media registrata di quattro mesi d’anticipo dalla data partenza. È cresciuto inoltre in maniera considerevole il segmento di clientela alto spendente e anche la fascia d’età si è ampliata e oggi spazia dai 30 agli over 75 anni.

Per il 2024 Quality Group prevede di consolidare l’eccellente risultato dell’anno appena concluso: “Le complessità dovute alla situazione geopolitica internazionale ci fanno guardare con cautela alle ulteriori potenzialità di crescita del nostro gruppo. Quindi, pur registrando a oggi trend molto positivi, ci aspettiamo di chiudere il nuovo anno consolidando l’eccezionale risultato del 2023”. Le destinazioni che stanno performando meglio in questo inizio di 2024 sono Usa, Messico, Sudafrica, Oman, Indonesia, Giappone, Islanda. Vietnam, Giappone, India, Sudafrica e Messico sono in particolare le mete più richieste sul lungo raggio per la Pasqua, mentre sull’estate crescono molto paesi come Turchia, Usa, Islanda, Indonesia. Quality Group prevede inoltre risultati molto positivi dalla ripartenza della Cina. che dalla pandemia si è rifatta il look, rendendosi ancora più attraente, evoluta, tecnologica e fruibile. Questo Paese, inoltre, per la prima volta nella storia, ha liberalizzato i visti d’ingresso per il mercato italiano, facilitando quindi l’accesso nel paese.

Per il nuovo anno Quality Group rinnova e arricchisce infine la propria programmazione allargando il focus dei suoi itinerari dalle nazioni ai territori: “Siamo sempre alla ricerca di nuove occasioni di scoperta da proporre ai nostri clienti, siano queste nuovi paesi o nuovi territori – conclude Peci -. Per il 2024 abbiamo lavorato molto sui territori perché ci sono tesori nascosti, fuori dagli itinerari classici, che meritano di essere conosciuti. Ciò ci permette di valorizzare aree e proporre un turismo che sia sostenibile, contenendo gli effetti dell’overtourism”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462020" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption] Towns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività). Fondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%. "Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti". La neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area aziendale all’interno di Towns of Italy. [post_title] => A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel [post_date] => 2024-02-21T15:38:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708529887000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461998 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Msc lancia un nuovo programma di prenotazioni chiamato Open booking e dedicato a quei passeggeri che vogliono acquistare una crociera futura, mentre sono a bordo di una nave della compagnia. L'iniziativa dà la possibilità ai clienti di assicurarsi un nuovo viaggio con un deposito di appena 100 euro a persona e senza necessariamente scegliere subito nave e itinerario. Gli ospiti che aderiranno al programmo avranno quindi 12 mesi di tempo per decidere quale crociera intraprendere, ricevendo 200 euro di crediti a bordo per cabina, se la selezione del tour avviene entro 60 giorni dalla prenotazione. Tale bonus scende invece a 100 euro se la decisione avviene oltre i due mesi dall'acquisto. L'Open booking può essere utilizzato anche per fare un regalo ad amici e familiari. Per quanto riguarda il trade, agli agenti che hanno effettuato la prenotazione della crociera originaria verrà riconosciuta la commissione del nuovo viaggio, non appena i clienti selezioneranno data e nava. [post_title] => Nuovo programma Open booking per le prenotazioni a bordo delle navi Msc [post_date] => 2024-02-21T12:20:19+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708518019000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461995 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%. Nel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023. “Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”. Tra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero. [post_title] => Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid [post_date] => 2024-02-21T11:52:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708516329000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461964 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si svolgerà a  Firenze dal 23 al 25 febbraio prossimi la X edizione di tourismA - Salone Archeologia e Turismo Culturale.  «Un’iniziativa, ideata da Piero Pruneti - spiega il presidente di Regione Toscana Eugenio Giani -  che festeggia il decimo anno di vita e alla quale mi sento particolarmente legato perché vi ho partecipato fin dall’inizio. L’archeologia non è soltanto lo studio dei ritrovamenti in determinati siti, appartenenti al passato, ma è un elemento di estrema vitalità perché arricchisce il nostro patrimonio storico e di conoscenze, consente di capire chi siamo e da dove veniamo. La rassegna nel corso degli anni ha acquistato sempre maggiore importanza e visibilità, grazie ad un calendario di attività e relatori di primissimo piano. Un vero e proprio festival dell’archeologia, strettamente legato al turismo culturale e che vede coinvolta l’agenzia Toscana Promozione Turistica. Non dimentichiamo – conclude Giani - che il prossimo 5 marzo a Roma verrà scelta la Capitale italiana della cultura 2026 che vede tra le dieci finaliste l’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, proprio in virtù della straordinaria scoperta di San Casciano dei Bagni del 2022». «Dieci anni – aggiunge il direttore di Archeologia Viva e del Salone Piero Pruneti  - sono un grande traguardo. La manifestazione è diventata punto di riferimento per gli operatori turistici alla ricerca di sempre nuove proposte in arrivo dal mondo dell’archeologia e del patrimonio ambientale. Al tempo stesso è una grande festa della cultura, aperta e gratuita per tutti».   [post_title] => Firenze, tra turismo e archeologia con TourismA dal 23 al 25 febbraio [post_date] => 2024-02-21T10:55:39+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512939000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461983" align="alignleft" width="300"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption] L'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022. Con gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno). Al Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo. [post_title] => CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu [post_date] => 2024-02-21T10:54:38+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512878000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461985 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Capodanno cinese, anche conosciuto come Festa di Primavera, ha innescato "un nuovo ciclo di boom dei consumi". Lo scrive Xinhua, agenzia di stampa della Repubblica Popolare Cinese, ricordando che le vacanze ufficiali del Festival di Primavera di quest'anno sono durate dal 10 al 17 febbraio, un giorno in più rispetto agli anni precedenti. Gli otto giorni di vacanza hanno visto più persone in viaggio, più acquisti di articoli per le vacanze e più tempo di qualità trascorso in famiglia in attività ricreative. Secondo i dati del ministero della cultura e del turismo, durante le vacanze del Festival di Primavera sono stati effettuati 474 milioni di viaggi turistici, un aumento del 34,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e un aumento del 19% su base comparabile rispetto al periodo precedente il livello pandemico nel 2019. I turisti nazionali hanno speso in totale circa 632,69 miliardi di yuan (circa 89,07 miliardi di dollari), in aumento del 7,7% rispetto allo stesso periodo di vacanza del 2019. Dopo quattro anni, il Festival di Primavera è tornato a rappresentare il picco del consumo di viaggi globale. Secondo un rapporto pubblicato da Trip.com, gli ordini turistici in entrata e in uscita della Cina hanno entrambi superato lo stesso periodo del 2019, in particolare il turismo in entrata, che è aumentato del 48% rispetto al 2019. Secondo l'amministrazione nazionale per l'immigrazione, durante le vacanze sono state effettuate complessivamente 13,52 milioni di visite in entrata e in uscita. Il numero di visite medie giornaliere è stato di 1,69 milioni, un aumento di 2,8 volte rispetto allo stesso periodo festivo dell'anno scorso. [post_title] => Il turismo cinese riprende con il boom. 474 milioni di viaggi turistici [post_date] => 2024-02-21T10:54:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512846000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461969 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Due flyer dedicati a Giappone e Malesia a completare la nuova programmazione Oriente di Going. Una destinazione che il to di casa Msc sta spingendo per il 2024, insieme all'Africa subsahariana. Quello italiano, in particolare, risulta il secondo mercato del turismo europeo verso il paese del Sol levante secondo le ultime analisi della Japan national tourism organization; inoltre, le facilitazioni delle connessioni aeree, grazie al code share tra Ita Airways e All Nippon Airways, non potranno che rafforzare il trend. Quanto alla Malesia, l’arrivo di brand di alto profilo dell’hospitality si allinea alla ricerca di qualità che Going attua in ogni proposta di viaggio, così come la missione della destinazione di essere riconosciuta come hotspot globale dell’ecoturismo esprime la volontà di mettere al primo posto il tema della protezione degli habitat naturali come cultura del viaggio. Il flyer Giappone, in particolare, si presenta con due tour pronti a soddisfare sia viaggiatori che per la prima volta si affacciano alla destinazione, sia coloro che vogliono approfondire. I tesori del Giappone di 12 giorni invita a un colpo d’occhio su antico e moderno, su tradizione e innovazione: dalle cime del monte Fuji a Tokyo, dalle terme di Kaga Onsen alla food experience di Osaka, da Hiroshima a Kyoto. Con le Meraviglie del Sol levante, di 14 giorni, si va più a fondo nella storia millenaria e nel caleidoscopio del paese: partendo da Hiroshima, il viaggio tra passato e futuro sull’altissima velocità dei treni Shinkansen prosegue verso Kyoto, Nagoya e Tokyo, lungo l’antica strada commerciale Nakasendo. L’opuscolo sulla Malesia invece porta con sé l’itinerario di nove giorni il Meglio della penisola: dai grattacieli di Kuala Lumpur fino a Penang passando per il Taman Negara national park, tra le foreste pluviali più antiche del pianeta e il paesaggio collinare delle Cameron Highlands. Infine, un Grand Tour del Borneo di dieci giorni che parte da Kuching, capitale del Sarawak con i padiglioni cinesi, prosegue per Kota Kinabalu, si avventura lungo il fiume Kinabatangan, per concludersi a Sepilok. [post_title] => Giappone e Malesia tra le destinazioni top dell'Oriente di Going [post_date] => 2024-02-21T10:40:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512057000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461877 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali. I numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore. Tra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera. Un evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«. «Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«. Nei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.   ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori [post_date] => 2024-02-21T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509719000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "quality group oltre la soglia dei 200 mln di fatturato 84 sul 2022" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":62,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":6860,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462020\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption]\r\n\r\nTowns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività).\r\n\r\nFondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%.\r\n\r\n\"Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti\".\r\n\r\nLa neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area\r\naziendale all’interno di Towns of Italy.","post_title":"A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel","post_date":"2024-02-21T15:38:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708529887000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461998","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Msc lancia un nuovo programma di prenotazioni chiamato Open booking e dedicato a quei passeggeri che vogliono acquistare una crociera futura, mentre sono a bordo di una nave della compagnia. L'iniziativa dà la possibilità ai clienti di assicurarsi un nuovo viaggio con un deposito di appena 100 euro a persona e senza necessariamente scegliere subito nave e itinerario.\r\n\r\n Gli ospiti che aderiranno al programmo avranno quindi 12 mesi di tempo per decidere quale crociera intraprendere, ricevendo 200 euro di crediti a bordo per cabina, se la selezione del tour avviene entro 60 giorni dalla prenotazione. Tale bonus scende invece a 100 euro se la decisione avviene oltre i due mesi dall'acquisto. L'Open booking può essere utilizzato anche per fare un regalo ad amici e familiari.\r\n\r\nPer quanto riguarda il trade, agli agenti che hanno effettuato la prenotazione della crociera originaria verrà riconosciuta la commissione del nuovo viaggio, non appena i clienti selezioneranno data e nava.","post_title":"Nuovo programma Open booking per le prenotazioni a bordo delle navi Msc","post_date":"2024-02-21T12:20:19+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708518019000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461995","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%.\r\n\r\nNel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023.\r\n\r\n“Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”.\r\n\r\nTra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero.","post_title":"Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid","post_date":"2024-02-21T11:52:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708516329000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461964","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si svolgerà a  Firenze dal 23 al 25 febbraio prossimi la X edizione di tourismA - Salone Archeologia e Turismo Culturale.\r\n\r\n «Un’iniziativa, ideata da Piero Pruneti - spiega il presidente di Regione Toscana Eugenio Giani -  che festeggia il decimo anno di vita e alla quale mi sento particolarmente legato perché vi ho partecipato fin dall’inizio. L’archeologia non è soltanto lo studio dei ritrovamenti in determinati siti, appartenenti al passato, ma è un elemento di estrema vitalità perché arricchisce il nostro patrimonio storico e di conoscenze, consente di capire chi siamo e da dove veniamo. La rassegna nel corso degli anni ha acquistato sempre maggiore importanza e visibilità, grazie ad un calendario di attività e relatori di primissimo piano. Un vero e proprio festival dell’archeologia, strettamente legato al turismo culturale e che vede coinvolta l’agenzia Toscana Promozione Turistica. Non dimentichiamo – conclude Giani - che il prossimo 5 marzo a Roma verrà scelta la Capitale italiana della cultura 2026 che vede tra le dieci finaliste l’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, proprio in virtù della straordinaria scoperta di San Casciano dei Bagni del 2022».\r\n\r\n«Dieci anni – aggiunge il direttore di Archeologia Viva e del Salone Piero Pruneti  - sono un grande traguardo. La manifestazione è diventata punto di riferimento per gli operatori turistici alla ricerca di sempre nuove proposte in arrivo dal mondo dell’archeologia e del patrimonio ambientale. Al tempo stesso è una grande festa della cultura, aperta e gratuita per tutti».\r\n\r\n ","post_title":"Firenze, tra turismo e archeologia con TourismA dal 23 al 25 febbraio","post_date":"2024-02-21T10:55:39+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708512939000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461983\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption]\r\n\r\nL'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022.\r\n\r\nCon gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno).\r\n\r\nAl Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo.","post_title":"CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu","post_date":"2024-02-21T10:54:38+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708512878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461985","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Capodanno cinese, anche conosciuto come Festa di Primavera, ha innescato \"un nuovo ciclo di boom dei consumi\". Lo scrive Xinhua, agenzia di stampa della Repubblica Popolare Cinese, ricordando che le vacanze ufficiali del Festival di Primavera di quest'anno sono durate dal 10 al 17 febbraio, un giorno in più rispetto agli anni precedenti. Gli otto giorni di vacanza hanno visto più persone in viaggio, più acquisti di articoli per le vacanze e più tempo di qualità trascorso in famiglia in attività ricreative.\r\n\r\nSecondo i dati del ministero della cultura e del turismo, durante le vacanze del Festival di Primavera sono stati effettuati 474 milioni di viaggi turistici, un aumento del 34,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e un aumento del 19% su base comparabile rispetto al periodo precedente il livello pandemico nel 2019.\r\n\r\nI turisti nazionali hanno speso in totale circa 632,69 miliardi di yuan (circa 89,07 miliardi di dollari), in aumento del 7,7% rispetto allo stesso periodo di vacanza del 2019.\r\n\r\nDopo quattro anni, il Festival di Primavera è tornato a rappresentare il picco del consumo di viaggi globale. Secondo un rapporto pubblicato da Trip.com, gli ordini turistici in entrata e in uscita della Cina hanno entrambi superato lo stesso periodo del 2019, in particolare il turismo in entrata, che è aumentato del 48% rispetto al 2019.\r\n\r\nSecondo l'amministrazione nazionale per l'immigrazione, durante le vacanze sono state effettuate complessivamente 13,52 milioni di visite in entrata e in uscita. Il numero di visite medie giornaliere è stato di 1,69 milioni, un aumento di 2,8 volte rispetto allo stesso periodo festivo dell'anno scorso.","post_title":"Il turismo cinese riprende con il boom. 474 milioni di viaggi turistici","post_date":"2024-02-21T10:54:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708512846000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461969","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Due flyer dedicati a Giappone e Malesia a completare la nuova programmazione Oriente di Going. Una destinazione che il to di casa Msc sta spingendo per il 2024, insieme all'Africa subsahariana. Quello italiano, in particolare, risulta il secondo mercato del turismo europeo verso il paese del Sol levante secondo le ultime analisi della Japan national tourism organization; inoltre, le facilitazioni delle connessioni aeree, grazie al code share tra Ita Airways e All Nippon Airways, non potranno che rafforzare il trend. Quanto alla Malesia, l’arrivo di brand di alto profilo dell’hospitality si allinea alla ricerca di qualità che Going attua in ogni proposta di viaggio, così come la missione della destinazione di essere riconosciuta come hotspot globale dell’ecoturismo esprime la volontà di mettere al primo posto il tema della protezione degli habitat naturali come cultura del viaggio.\r\n\r\nIl flyer Giappone, in particolare, si presenta con due tour pronti a soddisfare sia viaggiatori che per la prima volta si affacciano alla destinazione, sia coloro che vogliono approfondire. I tesori del Giappone di 12 giorni invita a un colpo d’occhio su antico e moderno, su tradizione e innovazione: dalle cime del monte Fuji a Tokyo, dalle terme di Kaga Onsen alla food experience di Osaka, da Hiroshima a Kyoto. Con le Meraviglie del Sol levante, di 14 giorni, si va più a fondo nella storia millenaria e nel caleidoscopio del paese: partendo da Hiroshima, il viaggio tra passato e futuro sull’altissima velocità dei treni Shinkansen prosegue verso Kyoto, Nagoya e Tokyo, lungo l’antica strada commerciale Nakasendo.\r\n\r\nL’opuscolo sulla Malesia invece porta con sé l’itinerario di nove giorni il Meglio della penisola: dai grattacieli di Kuala Lumpur fino a Penang passando per il Taman Negara national park, tra le foreste pluviali più antiche del pianeta e il paesaggio collinare delle Cameron Highlands. Infine, un Grand Tour del Borneo di dieci giorni che parte da Kuching, capitale del Sarawak con i padiglioni cinesi, prosegue per Kota Kinabalu, si avventura lungo il fiume Kinabatangan, per concludersi a Sepilok.","post_title":"Giappone e Malesia tra le destinazioni top dell'Oriente di Going","post_date":"2024-02-21T10:40:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708512057000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461877","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali.\r\n\r\nI numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore.\r\n\r\nTra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera.\r\n\r\nUn evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«.\r\n\r\n«Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«.\r\n\r\nNei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.\r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori","post_date":"2024-02-21T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708509719000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti