23 June 2024

Msc: chiuso il deal per l’acquisizione del 49% di Moby

[ 0 ]

L’accordo era già stato stipulato qualche mese fa, ma ora arriva la chiusura ufficiale del deal. Il 49% della Moby di Vincenzo Onorato è in mano al gruppo Msc, fondato e controllato da Gianluigi Aponte. La conferma arriva da Shipping Italy, che ha consultato una visura camera in cui si attesta che la società lussemburghese Sas Shipping Agencies Services sarl (controllata al 100% dallo stesso Aponte) è entrata nel capitale della Balena blu, di cui controlla oggi quasi il 50% del capitale sociale complessivo, pari a 70,8 milioni di euro.

L’operazione mette definitivamente la parola fine alle complicate vicende che hanno riguardato la società di Vincenzo Onorato, in concordato preventivo dallo scorso novembre. Per l’acquisizione del 49%, la Sas Shipping ha versato 150 milioni di euro, di cui 82 milioni destinati al saldo e stralcio con Tirrenia in Amministrazione Straordinaria, che alla fine ha accettato una sostanziale riduzione del proprio credito nei confronti di Moby. Fino all’anno scorso quest’ultima vantava infatti debiti per un totale di circa 664 milioni, di cui 320 milioni a una serie di obbligazionisti, 180 milioni allo Stato e altri 163 milioni alle banche. Tali cifre hanno poi subito una decurtazione sensibile, pari rispettivamente a circa 59 milioni, 117 milioni e 98 milioni. Solo il debito verso Tirrenia A.S. verrà almeno parzialmente rimborsato (gli 82 milioni), mentre quello rimanente verso le banche (attorno a 104 milioni) e verso gli obbligazionisti (circa 204 milioni) sarà oggetto di rifinanziamento.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469944" align="alignleft" width="285"] Ph credits: Valais Wallis Promotion - Yves Garneau[/caption] L’ente del Turismo Svizzero ha illustrato alla stampa e agli operatori del settore il Canton Vallese. Attraverso una coinvolgente attività di Nordic Walking, nel parco di Villa Pamphili a Roma, sono state presentate le novità 2024/2025 della destinazione sempre più "quattro stagioni", che si conferma meta ideale per amanti della natura e delle esperienze all'aria aperta di ogni età. Grazie ai suoi paesaggi incontaminati e 45 picchi sopra i 4000 metri , il trekking si distingue fra le attività più popolari del Vallese. Con oltre 8000 chilometri di sentieri il Canton Vallese offre escursioni in alta quota, sentieri nel bosco, passeggiate adrenaliniche fra ponti sospesi e camminate fra i vigneti. I paesaggi del Vallese possono essere scoperti, dalle vallate alle vette, anche in bicicletta, che si sia amanti o professionisti del ciclismo e della mountain bike. Tra le novità estive dell'Aletsch Arena,  in collaborazione con la redazione della rivista specializzata Ride-Magazin, il nuovo bike Tour degli impianti. Grazie ai numerosi sistemi di risalita che consentono il trasporto delle bici, è possibile così apprezzare al massimo le lunghe discese su due ruote. Per la prima volta le destinazioni Aletsch Arena e Bellwald ospiteranno quest'estate un appuntamento della Coppa del Mondo di Mountain Bike. Dal 12 al 14 luglio le località accoglieranno la UCI Mountain Bike Enduro World Cup 2024 mentre, dal 30 agosto al 14 settembre 2025, i Campionati Mondiali di Mountain Bike UCI riuniranno per la prima volta le sette discipline della mountain bike in una sola regione ospitante che sarà, appunto, il Vallese. Sempre nella regione dell’Aletsch, è stato inaugurato quest’estate un nuovo sentiero didattico, il Giardino Alpino: un'occasione per conoscere oltre 200 piante alpine tipiche della zona. [caption id="attachment_469945" align="aligncenter" width="501"] ph credits: Valais Wallis Promotion - Pascal Gertschen[/caption] Tra le novità invernali, Magic Pass, il pass svizzero che consente l'accesso agli impianti di risalita per tutto l'anno, include per la prima volta tra le sue destinazioni due stazioni sciistiche italiane, quelle di San Domenico e Alpe Devero, raggiungibili in un’ora da Milano. Il pass garantisce in inverno, l'accesso illimitato a 80 comprensori sciistici, 21 nel Vallese, con 2800 chilometri di piste, mentre in estate apre 37 destinazioni. Come opzione a pagamento aggiuntiva del Magic Pass, la possibilità di rilassarsi in 15 bagni termali e piscine di montagna. Si distingue fra questi Leukerbad Therme, i bagni termali alpini più grandi d'Europa, adatti a tutte le età. Grazie ai suoi 300 giorni di sole all'anno, questa terra è particolarmente adatta alla produzione del vino. Con 5000 ettari di vigneti e una sessantina di varietà d'uva, il Vallese è la più grande regione del settore vitivinicolo svizzero. Qui il vigneto più piccolo del mondo, nel comune di Saillon, e quello più alto d'Europa, a Visperterminen, a 1000 metri d’altitudine. Il Canton Vallese è la destinazione ideale anche per le famiglie grazie alle numerose attività aperte a tutti i livelli. Fra le destinazioni principali del Cantone la Martigny  Région con il museo Barryland, dedicato al cane San Bernardo, con un ampliamento su due ettari di parco previsto nell'estate 2025. Si distinguono sempre in questa località le escursioni con il trenino Monte Bianco Express e con VerticAlp Emosson. Con partenza a Châtelard e arrivo al lago artificiale Lac d’Emosson, l'escursione VerticAlp consente di ammirare il Monte Bianco attraverso un percorso che comprende una funicolare tra le più ripide al mondo, un treno panoramico e una minifunicolare. Martigny ospita, inoltre, la Fondazione Pierre Gianadda e le sue prestigiose mostre d'arte. Di Elisa Biagioli [post_title] => Canton Vallese: turismo all'aria aperta fra mountain bike e sci [post_date] => 2024-06-21T14:01:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718978518000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469941 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2024 da incorniciare per il turismo in Francia: le ultime previsioni firmate dal Wttc indicano che il comparto è pronto a raggiungere il massimo storico di contributo all'economia nazionale, per un totale di 254,7 miliardi di euro. Con un aumento di quasi l'8% rispetto ai livelli del 2019, questo dato conferma il ruolo significativo del settore come forza economica, che rappresenta il 9% del Pil. Il settore è destinato a sostenere 2,93 milioni di posti di lavoro in Francia, con un aumento di oltre 76.000 posti di lavoro rispetto al punto più alto. Le stime mostrano inoltre che la spesa dei turisti internazionali e nazionali raggiunga livelli senza precedenti, raggiungendo quota 70,3 miliardi di euro e 138,8 miliardi di euro. Tutto ciò si somma al previsto successo di visitatori in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici che la Francia si appresta ad ospitare. Le prospettive elaborate dal Wttc sono altrettanto rosee, anzi forse anche di più, per il prossimo decennio: entro il 2034, si prevede che il settore rafforzerà notevolmente l'economia francese, con un contributo stimato di 310,5 miliardi di euro, pari al 9,6% del quadro economico globale. Nel 2023 il contributo del settore al Pil era aumentato di quasi il 6% rispetto all'anno precedente, raggiungendo la cifra record di 246 miliardi di euro. "La Francia sta centrando record senza precedenti nel settore dei viaggi e del turismo, consolidando il suo status di prima destinazione del mondo - ha commentato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. Sulla scia della trionfale Coppa del mondo di rugby, la Francia continua a catturare l'interesse dei visitatori in vista dei prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici che si terranno quest'anno".   [post_title] => Francia da record: nel 2024 il contributo del turismo al Pil crescerà dell'8% sul 2019 [post_date] => 2024-06-21T13:18:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718975933000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469939 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si prevede un luglio eccezionale per il turismo in Italia. Questo fa ben sperare in relazione all'intera economia del Paese, che da molto tempo vede la voce turismo con il più davanti, mentre altri settori fanno ancora motla fatica. Le previsioni sull'imminente mese di luglio dell'Istituto Demoskopika, pubblicate dall'Ansa, segnano infatti un incremento dei flussi turistici in Italia: ben 18,2 milioni di arrivi e 75,6 milioni di presenze, con una crescita rispettivamente pari all'1,5% e all'1,0% rispetto allo stesso periodo del 2023. In crescita i turisti stranieri: poco meno di 10 milioni (+3,6%) pari al 54,8% del totale degli arrivi previsti con 38,8 milioni di presenze (+2,0%). La spesa turistica dovrebbe toccare i 17,9 miliardi di euro con +3,2% rispetto allo stesso periodo del 2023. [post_title] => Turismo a luglio in Italia: 18 milioni di arrivi e 75 milioni di presenze [post_date] => 2024-06-21T12:50:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718974249000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Punta a chiudere l'anno a 200 milioni di euro di fatturato Voihotels, per una crescita di una ventina di milioni rispetto al 2023, quando il brand omonimo aveva registrato ricavi per 120 milioni e il marchio lusso VRetreats per 60 milioni. Sempre l'anno scorso i margini operativi lordi (ebitda) della divisione hospitality di Alpitour avevano raggiunto i 30 milioni, pari al 17% del fatturato (ebidta margin).  In tale contesto, ha raccontato alla stampa l'a.d. di Voihotels, Paolo Terrinoni, il gruppo ha recentemente completato l'acquisizione del Voi Arenella Resort di Siracusa, che la compagnia già gestiva da tempo. L'obiettivo è ora quello di ristrutturare il complesso da 60 ettari e 460 camere per riposizionarne verso l'alto il prodotto, aggiungendo pure una proposta congressuale grazie alla realizzazione di spazi dedicati. L'operazione in Sicilia si inserisce in un trend di generale accelerazione dell'impegno di Alpitour nel settore dell'ospitalità. Il gruppo ha infatti investito 135 milioni di euro tra 2019 e 2023 per l'acquisizione di nuove strutture e la riqualificazione di quelle già in portfolio. Al momento Voihotels gestisce un totale di 26 alberghi e resort, di cui otto a marchio VRetreats, che giusto l'anno scorso aveva annunciato l'ingresso di cinque nuove strutture alla propria collezione. Di queste, quattro sono già operative (Siracusa, Olbia, Cervinia e Firenze), mentre per la quinta, a Lecce, le trattative sono alle battute finali. L'obiettivo ora è quello di espandersi ulteriormente con particolare riguardo proprio al segmento lusso, che in breve tempo si punta a far raggiungere quota 12 indirizzi. Tra le destinazioni sotto scrutinio ci sono soprattutto città come Milano, Roma e Napoli. In tema di resort, invece, il focus è soprattutto sull'estero (a supporto anche dell'attività di tour operating, ndr), con tra l'altro il progetto di introdurre sul mercato italiano destinazioni nuove quali l'Eritrea o le Comore. La compagnia prosegue quindi nel suo lavoro di contatto con sgr, imprese familiari e investitori istituzionali per supportare i piani di sviluppo di una business unit che oggi rappresenta l’8% del fatturato del gruppo, ma contribuisce per circa il 20% al risultato netto. [post_title] => Voihotels verso i 200 mln di fatturato. Acquisito l'Arenella (già in gestione) [post_date] => 2024-06-21T11:19:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718968780000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469885 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La 21esima edizione di Festa a Vico si è conclusa con un ottimo bilancio: hanno partecipato 50mila persone e sono stati raccolti 255 mila euro da destinare alle onlus coinvolte. «Nel corso degli anni Festa a Vico è diventata una celebrazione della grande cucina italiana e della ricchezza culinaria della costiera Sorrentina, raccontata con chef e grandi artigiani del cibo» sottolinea l’ideatore dell’evento, lo chef Gennaro Esposito. Tra il 10 e il 12 giugno scorsi si è parlato di sentimento e di condivisione. Pino Daniele cantava “dove tutto ha senso, c’è sentimento”: un’emozione che ha preso vita nei tre giorni della storica kermesse, quando le strade, i palazzi e il lungomare di Vico Equense e di Seiano in Campania hanno visto succedersi degustazioni, una cena di gala, riflessioni, masterclass guidate da tre master of wine, la presentazione di piatti firmati da 500 chef italiani e internazionali e talk-show con ospiti internazionali come quello dal titolo La cucina italiana esiste (ed è un patrimonio di valori). Parliamo della candidatura all'Unesco, che ha visto intervenire Maddalena Fossati Dondero (direttrice della Cucina Italiana), Pierluigi Petrillo (direttore cattedra Unesci università Unitelma Sapienza), la chef Narda Lepes (nel 2020 premiata come miglior chef donna dell’America Latina 50 Best Restaurants), lo chef Davide Oldani (D'O di Cornaredo - 2 stelle Michelin), e lo chef Gennaro Esposito (Torre del Saracino di Vico Equense, 2 stelle Michelin). Il gran finale è stata la festa che si è tenuta tra le strade di Marina di Seiano e ha rappresentato un importante momento di condivisione. Quello stesso “sentimento” che ha voluto il coinvolgimento di importanti onlus, a cui sono stati destinati gli oltre 255 mila euro raccolti. Si tratta della fondazione Umberto Veronesi Ets, fondazione Sostenitori ospedale Santobono Ets, Alts Italia Ets Odv (Associazione per la lotta ai tumori del seno), Never give up (Associazione per lo studio e la cura comportamenti alimentari Onlus), la Bottega dei Semplici Pensieri Odv, Associazione Pandora artiste ceramiste e Oltre il guscio Odv. L’edizione 2024 di Festa a Vico ha visto anche la partnership con Be.Come e il suo wine club fondato da Gabriele Gorelli e Alessandra Montana, ceo di Allumeuse. Festa a Vico si conferma così come una delle kermesse culinarie più vivaci e importanti d’Italia e invita tutti a lasciarsi conquistare dalla bellezza di questa terra e dal suo straordinario patrimonio culinario. [post_title] => Festa a Vico: la celebrazione della cucina italiana porta sentimento e condivisione [post_date] => 2024-06-21T10:07:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718964456000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469891 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_451756" align="alignleft" width="300"] Il float out della Explora II lo scorso settembre[/caption] E' stata rinviata di circa un mese la consegna della seconda unità della flotta Explora Journeys. La nave sarà quindi disponibile dal prossimo 12 settembre, mentre il suo viaggio inaugurale inizierà quattro giorni dopo da Civitavecchia: un itinerario di sette giorni che toccherà Sorrento, Lipari, Trapani, Siracusa, La Valletta (Malta) e Tarragona (Spagna). Le crociere della Explora II avranno una durata iniziale di una settimana, che potrà essere estesa a 14 o 21 giorni, con partenze da porti facilmente accessibili come Civitavecchia e Barcellona, evitando inoltre la ripetizione di scali durante le crociere più lunghe. Il rinvio, si legge in una nota, è stato il frutto di una decisione congiunta tra il gruppo Msc e Fincantieri, presso il cui stabilimento di Sestri Ponente l'unità è attualmente in fase di costruzione: "Dopo un'attenta e dettagliata revisione di Explora II è stato concordato che occorre più tempo per le rifiniture finali della nave, onde garantire sia i più alti standard di qualità nel lusso, sia che la nuova unità mantenga al meglio la promessa del marchio". Explora Journeys sta contattando gli ospiti che hanno già prenotato i viaggi interessati dal rinvio, direttamente o tramite i propri consulenti di viaggio, per organizzare una crociera alternativa sulla stessa Explora II, oppure sulla nave gemella Explora I, anch'essa in navigazione nel mar Mediterraneo. La Explora II navigherà infatti quest'estate nel Mediterraneo occidentale visitando destinazioni crocieristiche meno esplorate come Portofino, Porto Cervo, Saint-Tropez, Calvi, Mahon e Monte Carlo, con partenze che includono pernottamenti e soggiorni più lunghi nei porti. [post_title] => Rinviata la consegna della Explora II: crociera di debutto il 16 settembre da Civitavecchia [post_date] => 2024-06-21T09:59:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718963960000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469866 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ue e voli. L’Europa ha appena approvato severi standard sulle emissioni per le compagnie aeree che operano nel continente, ma esclude da essi tutti i voli che hanno un altro continente come destinazione o origine. Vale cioè solo per i voli interni all'Europa. Questo controllo comporterà un costoso monitoraggio degli ossidi di azoto, delle emissioni di zolfo e delle scie di vapore lasciate dagli aerei, ma ciò riguarderà solo i voli interni e mai quelli che vanno fuori dal continente. Nemmeno nei casi in cui si attraversa tutta l’Europa, come nel caso di un volo Air France per l’India o Lufthansa o Lot per il Sud America. Low cost Le compagnie low cost europee temevano una cosa del genere, per questo avevano avvertito che non era serio concentrare lo studio su di loro, dato che operano con aerei più piccoli e rappresentano solo il 25% delle emissioni. D'altra parte, sembra che le emissioni sulle acque internazionali non interessino a nessuno, quindi se questo criterio fosse adottato in generale, le compagnie aeree a lungo raggio potrebbero facilmente inquinare. Anche se può sembrare strano, ciò che più preoccupa le compagnie aeree low cost europee è l'indagine sulle scie degli aerei, che può finire per creare problemi economici perché nessuno sa esattamente cosa succede con l'impatto di queste nubi di vapore. [post_title] => Ue: limiti di emissioni solo per i vettori che volano sull'Europa [post_date] => 2024-06-20T14:18:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718893109000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416026" align="alignleft" width="300"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption] Grandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale. Il gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta. L'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale. Partner Quest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo. Attualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025.  [post_title] => Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale) [post_date] => 2024-06-20T11:41:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718883709000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469819 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il trofeo dell'America's Cup a bordo della Explora I per un giorno. Ieri i passeggeri della nave hanno potuto ammirare da vicino uno dei premi più ambiti del mondo dello sport, in concomitanza con il lancio della partnership tra Explora Journeys e la trentasettesima edizione della 37a America's Cup Louis Vuitton. Durante l'evento, svoltosi nel porto di Barcellona, il brand di crociere di lusso del gruppo Msc ha anche annunciato la sponsorizzazione dell'Emirates Team New Zealand, attuale detentore del trofeo e squadra di maggior successo nella storia recente della competizione, avendola vinta quattro volte (1995, 2000, 2017 e 2021). "Siamo incredibilmente orgogliosi di collaborare con la trentasettesima edizione dell'America's Cup di Louis Vuitton - ha sottolineato l'executive chairman, cruise division del gruppo Msc, Pierfrancesco Vago -. Questa partnership si allinea perfettamente al nostro impegno per l'eccellenza e alla nostra profonda passione per il mare. Sia nella vela agonistica, sia nella costruzione di un nuovo marchio di viaggi oceanici di lusso, è solo grazie alla forza del nostro team che possiamo eccellere e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi. Inoltre, Emirates Team New Zealand incarna perfettamente la perseveranza e l'innovazione che sono alla base della vela agonistica. Siamo onorati di sostenere un team così distinto e attendiamo con ansia i loro successi nei prossimi eventi dell'America's Cup". [post_title] => Explora Journeys diventa partner dell'America's Cup e di team New Zealand [post_date] => 2024-06-20T10:49:02+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718880542000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "msc chiuso il deal per lacquisizione del 49 di moby" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":40,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2630,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469943","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469944\" align=\"alignleft\" width=\"285\"] Ph credits: Valais Wallis Promotion - Yves Garneau[/caption]\r\n\r\nL’ente del Turismo Svizzero ha illustrato alla stampa e agli operatori del settore il Canton Vallese. Attraverso una coinvolgente attività di Nordic Walking, nel parco di Villa Pamphili a Roma, sono state presentate le novità 2024/2025 della destinazione sempre più \"quattro stagioni\", che si conferma meta ideale per amanti della natura e delle esperienze all'aria aperta di ogni età.\r\n\r\nGrazie ai suoi paesaggi incontaminati e 45 picchi sopra i 4000 metri , il trekking si distingue fra le attività più popolari del Vallese. Con oltre 8000 chilometri di sentieri il Canton Vallese offre escursioni in alta quota, sentieri nel bosco, passeggiate adrenaliniche fra ponti sospesi e camminate fra i vigneti. I paesaggi del Vallese possono essere scoperti, dalle vallate alle vette, anche in bicicletta, che si sia amanti o professionisti del ciclismo e della mountain bike.\r\n\r\nTra le novità estive dell'Aletsch Arena,  in collaborazione con la redazione della rivista specializzata Ride-Magazin, il nuovo bike Tour degli impianti. Grazie ai numerosi sistemi di risalita che consentono il trasporto delle bici, è possibile così apprezzare al massimo le lunghe discese su due ruote. Per la prima volta le destinazioni Aletsch Arena e Bellwald ospiteranno quest'estate un appuntamento della Coppa del Mondo di Mountain Bike. Dal 12 al 14 luglio le località accoglieranno la UCI Mountain Bike Enduro World Cup 2024 mentre, dal 30 agosto al 14 settembre 2025, i Campionati Mondiali di Mountain Bike UCI riuniranno per la prima volta le sette discipline della mountain bike in una sola regione ospitante che sarà, appunto, il Vallese. Sempre nella regione dell’Aletsch, è stato inaugurato quest’estate un nuovo sentiero didattico, il Giardino Alpino: un'occasione per conoscere oltre 200 piante alpine tipiche della zona.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_469945\" align=\"aligncenter\" width=\"501\"] ph credits: Valais Wallis Promotion - Pascal Gertschen[/caption]\r\n\r\nTra le novità invernali, Magic Pass, il pass svizzero che consente l'accesso agli impianti di risalita per tutto l'anno, include per la prima volta tra le sue destinazioni due stazioni sciistiche italiane, quelle di San Domenico e Alpe Devero, raggiungibili in un’ora da Milano. Il pass garantisce in inverno, l'accesso illimitato a 80 comprensori sciistici, 21 nel Vallese, con 2800 chilometri di piste, mentre in estate apre 37 destinazioni. Come opzione a pagamento aggiuntiva del Magic Pass, la possibilità di rilassarsi in 15 bagni termali e piscine di montagna. Si distingue fra questi Leukerbad Therme, i bagni termali alpini più grandi d'Europa, adatti a tutte le età.\r\n\r\nGrazie ai suoi 300 giorni di sole all'anno, questa terra è particolarmente adatta alla produzione del vino. Con 5000 ettari di vigneti e una sessantina di varietà d'uva, il Vallese è la più grande regione del settore vitivinicolo svizzero. Qui il vigneto più piccolo del mondo, nel comune di Saillon, e quello più alto d'Europa, a Visperterminen, a 1000 metri d’altitudine.\r\n\r\nIl Canton Vallese è la destinazione ideale anche per le famiglie grazie alle numerose attività aperte a tutti i livelli. Fra le destinazioni principali del Cantone la Martigny  Région con il museo Barryland, dedicato al cane San Bernardo, con un ampliamento su due ettari di parco previsto nell'estate 2025. Si distinguono sempre in questa località le escursioni con il trenino Monte Bianco Express e con VerticAlp Emosson. Con partenza a Châtelard e arrivo al lago artificiale Lac d’Emosson, l'escursione VerticAlp consente di ammirare il Monte Bianco attraverso un percorso che comprende una funicolare tra le più ripide al mondo, un treno panoramico e una minifunicolare. Martigny ospita, inoltre, la Fondazione Pierre Gianadda e le sue prestigiose mostre d'arte.\r\n\r\nDi Elisa Biagioli","post_title":"Canton Vallese: turismo all'aria aperta fra mountain bike e sci","post_date":"2024-06-21T14:01:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718978518000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469941","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2024 da incorniciare per il turismo in Francia: le ultime previsioni firmate dal Wttc indicano che il comparto è pronto a raggiungere il massimo storico di contributo all'economia nazionale, per un totale di 254,7 miliardi di euro.\r\n\r\nCon un aumento di quasi l'8% rispetto ai livelli del 2019, questo dato conferma il ruolo significativo del settore come forza economica, che rappresenta il 9% del Pil. Il settore è destinato a sostenere 2,93 milioni di posti di lavoro in Francia, con un aumento di oltre 76.000 posti di lavoro rispetto al punto più alto.\r\n\r\nLe stime mostrano inoltre che la spesa dei turisti internazionali e nazionali raggiunga livelli senza precedenti, raggiungendo quota 70,3 miliardi di euro e 138,8 miliardi di euro. Tutto ciò si somma al previsto successo di visitatori in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici che la Francia si appresta ad ospitare.\r\n\r\nLe prospettive elaborate dal Wttc sono altrettanto rosee, anzi forse anche di più, per il prossimo decennio: entro il 2034, si prevede che il settore rafforzerà notevolmente l'economia francese, con un contributo stimato di 310,5 miliardi di euro, pari al 9,6% del quadro economico globale.\r\n\r\nNel 2023 il contributo del settore al Pil era aumentato di quasi il 6% rispetto all'anno precedente, raggiungendo la cifra record di 246 miliardi di euro.\r\n\r\n\"La Francia sta centrando record senza precedenti nel settore dei viaggi e del turismo, consolidando il suo status di prima destinazione del mondo - ha commentato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. Sulla scia della trionfale Coppa del mondo di rugby, la Francia continua a catturare l'interesse dei visitatori in vista dei prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici che si terranno quest'anno\".\r\n\r\n ","post_title":"Francia da record: nel 2024 il contributo del turismo al Pil crescerà dell'8% sul 2019","post_date":"2024-06-21T13:18:53+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718975933000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469939","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si prevede un luglio eccezionale per il turismo in Italia. Questo fa ben sperare in relazione all'intera economia del Paese, che da molto tempo vede la voce turismo con il più davanti, mentre altri settori fanno ancora motla fatica.\r\n\r\nLe previsioni sull'imminente mese di luglio dell'Istituto Demoskopika, pubblicate dall'Ansa, segnano infatti un incremento dei flussi turistici in Italia: ben 18,2 milioni di arrivi e 75,6 milioni di presenze, con una crescita rispettivamente pari all'1,5% e all'1,0% rispetto allo stesso periodo del 2023.\r\n\r\nIn crescita i turisti stranieri: poco meno di 10 milioni (+3,6%) pari al 54,8% del totale degli arrivi previsti con 38,8 milioni di presenze (+2,0%). La spesa turistica dovrebbe toccare i 17,9 miliardi di euro con +3,2% rispetto allo stesso periodo del 2023.","post_title":"Turismo a luglio in Italia: 18 milioni di arrivi e 75 milioni di presenze","post_date":"2024-06-21T12:50:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718974249000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Punta a chiudere l'anno a 200 milioni di euro di fatturato Voihotels, per una crescita di una ventina di milioni rispetto al 2023, quando il brand omonimo aveva registrato ricavi per 120 milioni e il marchio lusso VRetreats per 60 milioni. Sempre l'anno scorso i margini operativi lordi (ebitda) della divisione hospitality di Alpitour avevano raggiunto i 30 milioni, pari al 17% del fatturato (ebidta margin).  In tale contesto, ha raccontato alla stampa l'a.d. di Voihotels, Paolo Terrinoni, il gruppo ha recentemente completato l'acquisizione del Voi Arenella Resort di Siracusa, che la compagnia già gestiva da tempo. L'obiettivo è ora quello di ristrutturare il complesso da 60 ettari e 460 camere per riposizionarne verso l'alto il prodotto, aggiungendo pure una proposta congressuale grazie alla realizzazione di spazi dedicati.\r\n\r\nL'operazione in Sicilia si inserisce in un trend di generale accelerazione dell'impegno di Alpitour nel settore dell'ospitalità. Il gruppo ha infatti investito 135 milioni di euro tra 2019 e 2023 per l'acquisizione di nuove strutture e la riqualificazione di quelle già in portfolio. Al momento Voihotels gestisce un totale di 26 alberghi e resort, di cui otto a marchio VRetreats, che giusto l'anno scorso aveva annunciato l'ingresso di cinque nuove strutture alla propria collezione. Di queste, quattro sono già operative (Siracusa, Olbia, Cervinia e Firenze), mentre per la quinta, a Lecce, le trattative sono alle battute finali.\r\n\r\nL'obiettivo ora è quello di espandersi ulteriormente con particolare riguardo proprio al segmento lusso, che in breve tempo si punta a far raggiungere quota 12 indirizzi. Tra le destinazioni sotto scrutinio ci sono soprattutto città come Milano, Roma e Napoli. In tema di resort, invece, il focus è soprattutto sull'estero (a supporto anche dell'attività di tour operating, ndr), con tra l'altro il progetto di introdurre sul mercato italiano destinazioni nuove quali l'Eritrea o le Comore. La compagnia prosegue quindi nel suo lavoro di contatto con sgr, imprese familiari e investitori istituzionali per supportare i piani di sviluppo di una business unit che oggi rappresenta l’8% del fatturato del gruppo, ma contribuisce per circa il 20% al risultato netto.","post_title":"Voihotels verso i 200 mln di fatturato. Acquisito l'Arenella (già in gestione)","post_date":"2024-06-21T11:19:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718968780000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469885","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La 21esima edizione di Festa a Vico si è conclusa con un ottimo bilancio: hanno partecipato 50mila persone e sono stati raccolti 255 mila euro da destinare alle onlus coinvolte. «Nel corso degli anni Festa a Vico è diventata una celebrazione della grande cucina italiana e della ricchezza culinaria della costiera Sorrentina, raccontata con chef e grandi artigiani del cibo» sottolinea l’ideatore dell’evento, lo chef Gennaro Esposito.\r\n\r\nTra il 10 e il 12 giugno scorsi si è parlato di sentimento e di condivisione. Pino Daniele cantava “dove tutto ha senso, c’è sentimento”: un’emozione che ha preso vita nei tre giorni della storica kermesse, quando le strade, i palazzi e il lungomare di Vico Equense e di Seiano in Campania hanno visto succedersi degustazioni, una cena di gala, riflessioni, masterclass guidate da tre master of wine, la presentazione di piatti firmati da 500 chef italiani e internazionali e talk-show con ospiti internazionali come quello dal titolo La cucina italiana esiste (ed è un patrimonio di valori). Parliamo della candidatura all'Unesco, che ha visto intervenire Maddalena Fossati Dondero (direttrice della Cucina Italiana), Pierluigi Petrillo (direttore cattedra Unesci università Unitelma Sapienza), la chef Narda Lepes (nel 2020 premiata come miglior chef donna dell’America Latina 50 Best Restaurants), lo chef Davide Oldani (D'O di Cornaredo - 2 stelle Michelin), e lo chef Gennaro Esposito (Torre del Saracino di Vico Equense, 2 stelle Michelin).\r\n\r\nIl gran finale è stata la festa che si è tenuta tra le strade di Marina di Seiano e ha rappresentato un importante momento di condivisione. Quello stesso “sentimento” che ha voluto il coinvolgimento di importanti onlus, a cui sono stati destinati gli oltre 255 mila euro raccolti. Si tratta della fondazione Umberto Veronesi Ets, fondazione Sostenitori ospedale Santobono Ets, Alts Italia Ets Odv (Associazione per la lotta ai tumori del seno), Never give up (Associazione per lo studio e la cura comportamenti alimentari Onlus), la Bottega dei Semplici Pensieri Odv, Associazione Pandora artiste ceramiste e Oltre il guscio Odv. L’edizione 2024 di Festa a Vico ha visto anche la partnership con Be.Come e il suo wine club fondato da Gabriele Gorelli e Alessandra Montana, ceo di Allumeuse. Festa a Vico si conferma così come una delle kermesse culinarie più vivaci e importanti d’Italia e invita tutti a lasciarsi conquistare dalla bellezza di questa terra e dal suo straordinario patrimonio culinario.\r\n\r\n","post_title":"Festa a Vico: la celebrazione della cucina italiana porta sentimento e condivisione","post_date":"2024-06-21T10:07:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718964456000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469891","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_451756\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il float out della Explora II lo scorso settembre[/caption]\r\n\r\nE' stata rinviata di circa un mese la consegna della seconda unità della flotta Explora Journeys. La nave sarà quindi disponibile dal prossimo 12 settembre, mentre il suo viaggio inaugurale inizierà quattro giorni dopo da Civitavecchia: un itinerario di sette giorni che toccherà Sorrento, Lipari, Trapani, Siracusa, La Valletta (Malta) e Tarragona (Spagna). Le crociere della Explora II avranno una durata iniziale di una settimana, che potrà essere estesa a 14 o 21 giorni, con partenze da porti facilmente accessibili come Civitavecchia e Barcellona, evitando inoltre la ripetizione di scali durante le crociere più lunghe.\r\n\r\nIl rinvio, si legge in una nota, è stato il frutto di una decisione congiunta tra il gruppo Msc e Fincantieri, presso il cui stabilimento di Sestri Ponente l'unità è attualmente in fase di costruzione: \"Dopo un'attenta e dettagliata revisione di Explora II è stato concordato che occorre più tempo per le rifiniture finali della nave, onde garantire sia i più alti standard di qualità nel lusso, sia che la nuova unità mantenga al meglio la promessa del marchio\".\r\n\r\nExplora Journeys sta contattando gli ospiti che hanno già prenotato i viaggi interessati dal rinvio, direttamente o tramite i propri consulenti di viaggio, per organizzare una crociera alternativa sulla stessa Explora II, oppure sulla nave gemella Explora I, anch'essa in navigazione nel mar Mediterraneo. La Explora II navigherà infatti quest'estate nel Mediterraneo occidentale visitando destinazioni crocieristiche meno esplorate come Portofino, Porto Cervo, Saint-Tropez, Calvi, Mahon e Monte Carlo, con partenze che includono pernottamenti e soggiorni più lunghi nei porti.","post_title":"Rinviata la consegna della Explora II: crociera di debutto il 16 settembre da Civitavecchia","post_date":"2024-06-21T09:59:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718963960000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469866","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ue e voli. L’Europa ha appena approvato severi standard sulle emissioni per le compagnie aeree che operano nel continente, ma esclude da essi tutti i voli che hanno un altro continente come destinazione o origine. Vale cioè solo per i voli interni all'Europa.\r\n\r\nQuesto controllo comporterà un costoso monitoraggio degli ossidi di azoto, delle emissioni di zolfo e delle scie di vapore lasciate dagli aerei, ma ciò riguarderà solo i voli interni e mai quelli che vanno fuori dal continente. Nemmeno nei casi in cui si attraversa tutta l’Europa, come nel caso di un volo Air France per l’India o Lufthansa o Lot per il Sud America.\r\nLow cost\r\nLe compagnie low cost europee temevano una cosa del genere, per questo avevano avvertito che non era serio concentrare lo studio su di loro, dato che operano con aerei più piccoli e rappresentano solo il 25% delle emissioni. D'altra parte, sembra che le emissioni sulle acque internazionali non interessino a nessuno, quindi se questo criterio fosse adottato in generale, le compagnie aeree a lungo raggio potrebbero facilmente inquinare.\r\n\r\nAnche se può sembrare strano, ciò che più preoccupa le compagnie aeree low cost europee è l'indagine sulle scie degli aerei, che può finire per creare problemi economici perché nessuno sa esattamente cosa succede con l'impatto di queste nubi di vapore.","post_title":"Ue: limiti di emissioni solo per i vettori che volano sull'Europa","post_date":"2024-06-20T14:18:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718893109000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416026\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption]\r\n\r\nGrandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale.\r\n\r\nIl gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta.\r\n\r\nL'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale.\r\nPartner\r\nQuest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo.\r\n\r\nAttualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025. ","post_title":"Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale)","post_date":"2024-06-20T11:41:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718883709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469819","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il trofeo dell'America's Cup a bordo della Explora I per un giorno. Ieri i passeggeri della nave hanno potuto ammirare da vicino uno dei premi più ambiti del mondo dello sport, in concomitanza con il lancio della partnership tra Explora Journeys e la trentasettesima edizione della 37a America's Cup Louis Vuitton. Durante l'evento, svoltosi nel porto di Barcellona, il brand di crociere di lusso del gruppo Msc ha anche annunciato la sponsorizzazione dell'Emirates Team New Zealand, attuale detentore del trofeo e squadra di maggior successo nella storia recente della competizione, avendola vinta quattro volte (1995, 2000, 2017 e 2021).\r\n\r\n\"Siamo incredibilmente orgogliosi di collaborare con la trentasettesima edizione dell'America's Cup di Louis Vuitton - ha sottolineato l'executive chairman, cruise division del gruppo Msc, Pierfrancesco Vago -. Questa partnership si allinea perfettamente al nostro impegno per l'eccellenza e alla nostra profonda passione per il mare. Sia nella vela agonistica, sia nella costruzione di un nuovo marchio di viaggi oceanici di lusso, è solo grazie alla forza del nostro team che possiamo eccellere e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi. Inoltre, Emirates Team New Zealand incarna perfettamente la perseveranza e l'innovazione che sono alla base della vela agonistica. Siamo onorati di sostenere un team così distinto e attendiamo con ansia i loro successi nei prossimi eventi dell'America's Cup\".","post_title":"Explora Journeys diventa partner dell'America's Cup e di team New Zealand","post_date":"2024-06-20T10:49:02+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718880542000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti