3 February 2023

Moby: omologato il concordato della compagnia dal tribunale di Milano

[ 0 ]

Pare arrivare finalmente la parola fine sulla lunga vicenda di Moby da ormai più di due anni impegnata in una difficile trattativa con i creditori. Il tribunale di Milano ha infatti approvato il piano di concordato preventivo presentato dalla stessa Moby, insieme alla controllata Cin, del gruppo Onorato. L’approvazione rappresenta un passaggio fondamentale per avviare il processo di ristrutturazione finanziaria della compagnia. “Con il decreto di omologa, il tribunale ha rigettato l’unica opposizione promossa dalla Grimaldi Euromed, condannandola al pagamento delle spese”, si legge in una nota ufficiale di Moby.

Ora si attende l’avvio del piano di salvataggio, che dovrebbe concludersi entro il 2025. Nel frattempo, però, si sa già che il debito di Cin nei confronti della ex Tirrenia verrà risolto con la formula del saldo e stralcio per una somma complessiva di 82 milioni di euro.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437547 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Il Gruppo Lufthansa ha presentato una lettera di intenti al Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano (per l'ingresso nel capitale di Ita Airways, ndr) . Qualora entrambe le parti decidano di firmare il memorandum d'intesa, ulteriori negoziati e discussioni saranno condotti su base esclusiva": con questa nota ufficiale il colosso tedesco conferma l'inoltro dell'attesa offerta per una partecipazione nel capitale di Ita. Partecipazione che dovrebbe attestarsi inizialmente al 40%, anche Lufthansa non cita numeri nella propria comunicazione: le indiscrezioni degli ultimi giorni indicano un valore dell'operazione di circa 300 milioni di euro. "Inizialmente - prosegue la nota Lufthansa - verrà definito l’acquisto di una quota di minoranza e saranno concordate opzioni per il successivo acquisto delle azioni rimanenti. Gli ulteriori colloqui di approfondimento andranno quindi a concentrarsi principalmente sulle forme e modalità del possibile investimento azionario, sull'integrazione commerciale e operativa di Ita nel Gruppo Lufthansa e sulle sinergie che ne deriveranno. Nell’eventualità di un raggiungimento di un accordo contrattuale, l’effettiva attuazione sarà soggetta all'approvazione delle autorità competenti". Nei prossimi mesi, quindi, l'investimento del gruppo potrebbe salire al 100% del capitale Ita. Il mercato più importante La comunicazione dei tedeschi ribadisce poi come per il Gruppo Lh l'Italia rappresenti "il mercato più importante al di fuori dei mercati domestici e degli Stati Uniti. La volontà di integrare Ita Airways all’interno delle compagnie del Gruppo risiede nel forte interscambio del Paese a livello globale, tramite viaggi d'affari e privati, nella sua forte economia orientata all'esportazione e nel suo essere uno dei luoghi turisticamente più attrattivi in Europa. Dal Tesoro è confermato il ricevimento della missiva dalla Germania: "Il Mef si riserva di esaminare la congruità dell’offerta nel rispetto dei requisiti previsti dal Dpcm. Non sono arrivate altre offerte alla scadenza dei termini prevista per le ore 18 di oggi (ieri per chi legge, ndr)". [post_title] => Lufthansa conferma: c'è la lettera d'intenti per l'ingresso in Ita Airways [post_date] => 2023-01-19T05:02:15+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674104535000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Siamo molto positivi sul prossimo futuro e prevediamo un altro anno di crescita per noi di Rcl".  Gianni Rotondo guarda con fiducia alla prossima estate, confortato da trend di mercato globali in crescita per tutto il mercato delle crociere: "La domanda per i nostri prodotti rimane alta pure in Italia - spiega il general manager Emea region, international representative office di Royal Caribbean International -, mentre tornano ad allargarsi le finestre di prenotazione in tutta Europa: dopo il recente caos dei viaggi, l’advance booking è infatti nuovamente alla ribalta. E ciò ci conforta in vista di uno schieramento di prodotti che nel Vecchio continente sarà consistente anche la prossima estate, tra cui ricordo la Symphony of the Seas e la Odyssey of the Seas: due tra le più recenti new entry della nostra flotta, destinate a fare base a Civitavecchia". Certo, le sfide non mancano. A partire dall’inflazione, che sta erodendo una quota non trascurabile del potere d’acquisto dei consumatori. "Siamo profondamente consapevoli delle pressioni esercitate sui nostri ospiti dall’aumento del costo della vita – aggiunge Rotondo -. Come azienda globale anche noi non siamo affatto immuni da problemi come questi. Ma durante il Covid abbiamo imparato a essere resilienti e flessibili". Un approccio che tra le altre cose sta aiutando la compagnia a far fronte alla questione caro petrolio: "Abbiamo già coperto il 54% del nostro fabbisogno per il 2023 a prezzi inferiori a quelli di mercato – rivela sempre Rotondo -. Al momento non abbiamo perciò intenzione di imporre alcun supplemento carburante. E tutto ciò anche grazie ai recenti investimenti per l’efficientamento dei consumi sulle nostre navi: il design innovativo della prua, l’ottimizzazione energetica e più in generale una complessiva riduzione delle necessità di carburante per l’alimentazione dei nostri motori". [post_title] => Rcl: fiducia sull'estate e nessun adeguamento carburante in vista [post_date] => 2023-01-18T12:21:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674044508000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436863 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia vs Volotea. Cieli di Sardegna ancora territorio di conquista delle compagnie aeree, con una disputa sulle rotte in continuità territoriale che non trova tregua. Torna infatti all'attacco Aeroitalia che in una nota ufficiale, ripresa dall'Ansa, rende noto di aver dato mandato ai propri legali per ricorrere alle autorità competenti circa l'evoluzione del bando sulla Ct della Regione Sardegna in relazione alla tratta Olbia-Roma. Proprio su questa rotta il vettore italiano chiede di poter volare senza compensazioni economiche, così come già annunciato la scorsa settimana da Volotea. Accuse "Aeroitalia chiederà al tribunale Amministrativo regionale la sospensione del bando sulla rotta in questione nell'attesa della pronuncia della Regione Sardegna e della Comunità europea circa il comportamento della compagnia aerea spagnola Volotea - si legge nel comunicato - Nelle more di tali decisioni la compagnia italiana informa che verrà trasmessa all'assessorato ai Trasporti della Regione Sardegna la volontà di operare la tratta Olbia-Roma senza alcun compenso. Tale manifestata volontà non preclude il convincimento di Aeroitalia di aver diritto all'aggiudicazione in quanto vincitrice del bando sulla tratta. Aeroitalia - conclude la nota - ha informato anche l'Enac sollecitando i dovuti controlli circa il comportamento della compagnia aerea Volotea". La compagnia spagnola aveva presentato offerte per i voli con la compensazione economica, ma nella graduatoria era stata superata da Ita Airways e Aeroitalia, con quest'ultima che si era aggiudicata il primo posto su entrambe le rotte di Olbia (Milano e Roma) con un ribasso d'asta del 75%. [post_title] => Aeroitalia sfida Volotea sulla Roma-Olbia: ricorso al Tar e voli senza compensazioni [post_date] => 2023-01-09T09:00:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673254837000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436820 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_436821" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Salem Obaidalla, svp Commercial Operations for the Americas di Emirates; Tony Joudi, ambasciatore delle Bahamas negli Emirati Arabi e Qatar; Ahmed bin Saeed Al Maktoum, presidente e ceo del gruppo Emirates; Adnan Kazim, cco della compagnia.[/caption] Emirates fa coppia con il Ministero degli Affari Esteri delle Bahamas per promuovere il turismo nell'arcipelago caraibico. Le due parti hanno siglato un accordo che darà il via ad iniziative congiunte per incrementare il traffico di visitatori verso le isole dai mercati chiave del network Emirates. In base al protocollo d'intesa, saranno sviluppate campagne promozionali congiunte per favorire la compagnia aerea e incrementare gli arrivi turistici alle Bahamas. L'accordo prevede anche attività di marketing, tra cui fam trip con i media e gli operatori del settore, nel primo trimestre del 2023, e lo sviluppo di pacchetti turistici su misura, attraverso Emirates Holidays. Entrambe le parti hanno anche concordato di esplorare le opportunità di collaborare a campagne pubblicitarie congiunte per promuovere la destinazione Indie Occidentali. La compagnia di Dubai vola attualmente verso 12 destinazioni negli Stati Uniti oltre a Toronto. I passeggeri, provenienti da tutto il network globale, possono utilizzare questi collegamenti per volare verso destinazioni statunitensi come Houston, Chicago o Newark prima di collegarsi a Nassau con United, grazie alla partnership tra le due compagnie aeree. I viaggiatori possono anche volare alle Bahamas via Toronto, con Air Canada, che ha attivato la sua partnership in codeshare a novembre. Sebbene la maggior parte del traffico di visitatori alle Bahamas sia costituito da viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti e dal Canada, le Bahamas attraggono anche turisti da altri punti internazionali del network di Emirates, tra cui gli Emirati Arabi Uniti, la Grecia, l'India, la Cina, le Filippine e Singapore. [post_title] => Emirates: patto con le Bahamas per la promozione del turismo verso l'arcipelago [post_date] => 2023-01-05T11:06:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672916779000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Unione europea assume una posizione comune sulla vicenda Covid in Cina: gli Stati Ue sono "fortemente incoraggiati a introdurre per tutti i passeggeri in partenza dalla Cina agli Stati membri il requisito di un test Covid-19 effettuato non oltre le 48 ore prima dalla partenza dalla Cina". Come riportato dall'Ansa, è questa la decisione presa dal meccanismo integrato europeo di risposta alle crisi (Ipcr), comunicata dalla Presidenza svedese di turno dell'Ue. "I Paesi membri hanno concordato di raccomandare a tutti i passeggeri in viaggio da e per la Cina di portare mascherine Ffp2" . I Paesi membri hanno concordato di tornare a incontrarsi per un aggiornamento entro la metà di gennaio. Intanto, oltre alla "forte raccomandazione" a tutti i 27 di introdurre l'obbligo di test pre-partenza da Pechino, la riunione del Meccanismo integrato di risposta alle crisi "incoraggia" i Paesi membri a "effettuare test anti-Covid a campione a chi arriva dalla Cina" e "esaminare e sequenziare le acque reflue degli scali dove sono previsti voli in arrivo dalla Cina" e a "continuare a promuovere le vaccinazioni, incluse le dosi booster e in particolare ai più vulnerabili". [post_title] => L'Ue raccomanda l'obbligo di test per i viaggiatori in partenza dalla Cina [post_date] => 2023-01-05T10:50:28+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672915828000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436608 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il protagonista dei dibattiti sulle tecnologie che domineranno lo sviluppo del settore turistico e dell'ospitalità nei prossimi anni è senza dubbio il metaverso. Si tratta di un concetto che si sta consolidando nelle strategie di alcuni grandi brand, come catene alberghiere o ota, ma gli scenari da delineare, le applicazioni e le visioni sul futuro del turismo risultano ancora fumosi. A cercare di mettere a fuoco prospettive e opportunità sono arrivati gli interventi degli speaker che hanno partecipato all'edizione 2022 di BTO. Uno degli aspetti su cui concordano è che il metaverso rappresenterà un'importante occasione per il turismo. Secondo Simone Puorto, founder di Travel Singularity ed esperto di innovazione turistica, "si prevede che nel 2030 il 25 per cento della popolazione trascorrerà almeno un'ora al giorno nel metaverso, che questo rappresenterà un mercato da un trilione di dollari e che il suo PIL supererà quello del mondo fisico". Ma cos'è esattamente il metaverso (o cosa sono i metaversi)? Uno dei primi errori da evitare è quello di confondere il metaverso con la realtà virtuale, che rappresenta solo una parte di questa dimensione. “Il metaverso non è solo virtuale, aumentato o reale, ma è tutte queste cose". Rappresenta il fisico e il digitale insieme e non è specificatamente innovativo, perché nasce dalla convergenza di tante e diverse tecnologie preesistenti, utilizzate da anni nel settore. Tecnologie che permetteranno di superare alcune logiche strette del 2.0, che oggi vincolano gli operatori a un rapporto decentralizzato e non sempre democratico. “Il nostro è un settore altamente intermediato – spiega Puorto -, in cui spesso perdiamo la proprietà dei nostri contenuti a favore di ota o social: è ora di riprendere in mano il valore di ciò che creiamo e questo è possibile attraverso il metaverso, che supera le logiche della centralizzazione e dell’intermediazione per arrivare a una distribuzione più democratica della proprietà sul web”. Una efficace distribuzione, infatti, rappresenta oggi un’impresa complessa per un albergatore. “È necessario scegliere il giusto mix di distribuzione – spiega Anna De Simone, business development di Italian Hotel Group -: noi abbiamo scelto non solo il canale b2c, che va al cliente online, ma anche prodotti che ci permettessero di distribuire nel b2b,  ad esempio attraverso bridge dal channel manager su più canali oppure attraverso famtrip virtuali, organizzati su piattaforme dove gli operatori di tutto il mondo possono incontrarsi e scoprire altri operatori, strutture, destinazioni e territori circostanti”.   I consigli per diventare imprenditori nel metaverso L’albergatore è destinato a diventare un imprenditore del metaverso, dove, attraverso combinazioni efficaci di tecnologie, riuscirà a gestire e monetizzare la relazione con il cliente-turista prima, durante e dopo il viaggio. “Si tratta di tre fasi importanti – spiega Francesco Redi, fondatore di Twissen -, in cui il turista investe il budget in maniera diversa. Si può ad esempio ricreare il proprio environment in una dimensione virtuale (che permetta di visitare ad esempio la struttura prima del viaggio), oppure esaltare la shopping experience e proporre nel metaverso, durante il viaggio, una serie di esperienze che possono essere acquistate direttamente o provate. Un’altra possibilità per le destinazioni, ad esempio, è quella di affittare o vendere delle porzioni del proprio spazio virtuale, valorizzando il proprio brand o ambiente in maniera esponenziale”. Tra i consigli utili per chi vuole già iniziare ad approcciare a questo mondo, c'è quello di "scegliere con accuratezza la tecnologia adatta - continua Redi - perché posizionerà tutto il progetto imprenditoriale e sarà fondamentale, anche dal punto di vista della sicurezza". Un altro suggerimento per gli imprenditori turistici è quello di considerare quella attuale come una fase preliminare, di studio e analisi: "Valutiamo bene le nostre strategie e il business model - spiega l'esperto - e consideriamo che non dobbiamo trovarci senza risorse nel 'momento zero', quando tutto sarà pronto per partire". Oltre allo studio e al posizionamento del brand in questi nuovi 'ambienti', è possibile anche attuare delle strategie di promozione dedicate. “Entrare nel metaverso oggi può significare anche solo decidere di fare advertising in metaversi che già esistono – sottolinea Puorto -, attraverso un avatar ad esempio, oppure in maniera ‘digital to fisical’ o ‘fisical to digital’, ossia mandando all’acquirente un equivalente dell’articolo che ha acquistato nel mondo fisico anche nel mondo digitale”. Una particolarità rilevante dei metaversi riguarda il processo di acquisto dei prodotti e dei servizi che risulta istantaneo e completamente immersivo: non si ha bisogno di aprire un’app o di toccare il proprio smartphone per procedere al check-out. Inoltre, i prodotti “possono essere acquistati e i prezzi confrontati attraverso un unico wallet” conclude Simone Puorto, rendendo l’esperienza di acquisto molto più semplice ed efficace.     Claudiana Di Cesare    [post_title] => Metaverso e turismo: i consigli per gli operatori [post_date] => 2023-01-02T15:12:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672672370000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436414 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il crollo della compagnia aerea italiana Blue Panorama era evidente da qualche mese, ma ora il vettore si è dovuto arrendere perché i giudici del tribunale di Milano non hanno ammesso la procedura di concordato preventivo, che poteva essere un'estrema formula per la sua salvezza.  La crisi è scoppiata nell'ottobre dello scorso anno e durante lo scorso anno la compagnia aerea ha cercato di trovare una nicchia nel mercato. Ma ora i giochi sembrano arrivati alla conclusione. Preoccupazioni per il lavoro Rimangono in strada 270 dipendenti, di cui 45 di terra, 55 piloti e 170 assistenti di volo. Dopo essere passato per diverse mani, l'ultima opportunità gli è stata data dal fondo di investimento americano Bateleur Capital. Tuttavia, gli americani, conoscendo in dettaglio la situazione finanziaria, hanno abbandonato l'idea. Blue Panorama, nata nel 1998, era una compagnia charter specializzata nell'offrire voli ai grossisti. Arrivò ad avere fino a 35 velivoli di tipo B737 a corto raggio e due velivoli di tipo B767 a lungo raggio. [post_title] => Anche per Blue Panorama è arrivata la fine della corsa [post_date] => 2022-12-22T10:24:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671704651000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436212 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un investimento da 27,5 milioni di dollari per ristrutturare le 537 suite Grand Palladium Jamaica Resort & Spa di Montego Bay, nonché diverse aree comuni come la lobby, uno dei ristoranti show-cooking e uno dei bar. I lavori, appena conclusi, seguono quelli già effettuati nel 2016 per rinnovare il Grand Palladium Lady Hamilton Resort & Spa, situato nello stesso complesso. L'idea principale dell'intera ristrutturazione, progettata ed eseguita da Urcoisa Interior Design (Uid), è stata quella di richiamare lo stile coloniale inglese dell'intero resort, nonché di integrare la natura nel design e nella decorazione degli interni attraverso colori, texture e materiali naturali. Il primo obiettivo della ristrutturazione è stato quindi il rinnovo completo delle 537 camere che compongono il Grand Palladium Jamaica. Tra queste, spiccano due nuove categorie di 48 suite con vista sul mare: 40 superior junior suite private pool ocean view e otto superior suite private pool oceanfront view. Per quanto riguarda le aree comuni, la ristrutturazione si è concentrata principalmente sulla valorizzazione di alcuni degli spazi chiave. Tra questi, l’Infinity Saloon bar, centro nevralgico e punto d’incontro per eccellenza del resort da cui godere di una vista a 180 gradi sul mar dei Caraibi, oltre che di spettacoli e musica dal vivo. Nella lobby, lo stile coloniale inglese del resort è stato ulteriormente valorizzato. In quest'area è stata data importanza al legno massiccio e agli arredi comodi e spaziosi. Inoltre, nell'area della reception, le pareti sono state rivestite di tralicci bianchi e specchi che richiamano anch'essi un'ispirazione coloniale e che si combinano con le grandi lampade nere installate nell'area. Per quanto riguarda gli spazi gastronomici, infine, lo show-cooking MoBay, aperto per colazione, pranzo e cena, ha aumentato la propria capacità in modo da ospitare un totale di 286 commensali. Suddiviso in quattro aree, è stata data priorità al comfort e alla spaziosità degli arredi; l’area dispone ora di due nuove postazioni di ristorazione per offrire una maggiore varietà di piatti e prodotti. In termini di design predominano la vegetazione, i tessuti diversi e i colori chiari, ma anche verde e nero. [post_title] => Restyling da 27,5 mln di dollari per il Grand Palladium Jamaica Resort & Spa [post_date] => 2022-12-19T11:55:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671450900000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436025 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una serie di fondi sarebbero sulle tracce del gruppo Uvet, ma il presidente Luca Patanè per ora chiude le porte all'ipotesi dell'entrata di un partner finanziario in società. Lo rivela il Sole 24 Ore, che spiega anche come la compagnia al momento sia impegnata su più fronti. A cominciare dalle banche, con le quali il gruppo è oggi esposto per 120 milioni di euro, di cui 85 milioni garanti da Sace. Dopo la profonda crisi generata dalla pandemia, Uvet è tuttavia sostanzialmente ripartita: i viaggi d'affari, storico core business del gruppo, sono tornati ai livelli pre-Covid e anche la divisioni mice è in buona salute con oltre 3 mila eventi organizzati, a cui si aggiungono 2.200 congressi farmaceutici. Pure il to Settemari è ripartito e ora viaggi su livelli pre-pandemia. Il problema principale rimane però Blue Panorama che in vista del concordato ha visto il ritiro del possibile investitore, il fondo Bateleur. [post_title] => I fondi mettono nel mirino il gruppo Uvet. Patanè per ora chiude [post_date] => 2022-12-15T11:25:45+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671103545000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "moby omologato il concordato della compagnia dal tribunale di milano" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":70,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":219,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437547","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Il Gruppo Lufthansa ha presentato una lettera di intenti al Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano (per l'ingresso nel capitale di Ita Airways, ndr) . Qualora entrambe le parti decidano di firmare il memorandum d'intesa, ulteriori negoziati e discussioni saranno condotti su base esclusiva\": con questa nota ufficiale il colosso tedesco conferma l'inoltro dell'attesa offerta per una partecipazione nel capitale di Ita.\r\n\r\nPartecipazione che dovrebbe attestarsi inizialmente al 40%, anche Lufthansa non cita numeri nella propria comunicazione: le indiscrezioni degli ultimi giorni indicano un valore dell'operazione di circa 300 milioni di euro.\r\n\r\n\"Inizialmente - prosegue la nota Lufthansa - verrà definito l’acquisto di una quota di minoranza e saranno concordate opzioni per il successivo acquisto delle azioni rimanenti. Gli ulteriori colloqui di approfondimento andranno quindi a concentrarsi principalmente sulle forme e modalità del possibile investimento azionario, sull'integrazione commerciale e operativa di Ita nel Gruppo Lufthansa e sulle sinergie che ne deriveranno. Nell’eventualità di un raggiungimento di un accordo contrattuale, l’effettiva attuazione sarà soggetta all'approvazione delle autorità competenti\".\r\n\r\nNei prossimi mesi, quindi, l'investimento del gruppo potrebbe salire al 100% del capitale Ita.\r\nIl mercato più importante\r\nLa comunicazione dei tedeschi ribadisce poi come per il Gruppo Lh l'Italia rappresenti \"il mercato più importante al di fuori dei mercati domestici e degli Stati Uniti. La volontà di integrare Ita Airways all’interno delle compagnie del Gruppo risiede nel forte interscambio del Paese a livello globale, tramite viaggi d'affari e privati, nella sua forte economia orientata all'esportazione e nel suo essere uno dei luoghi turisticamente più attrattivi in Europa.\r\n\r\nDal Tesoro è confermato il ricevimento della missiva dalla Germania: \"Il Mef si riserva di esaminare la congruità dell’offerta nel rispetto dei requisiti previsti dal Dpcm. Non sono arrivate altre offerte alla scadenza dei termini prevista per le ore 18 di oggi (ieri per chi legge, ndr)\".","post_title":"Lufthansa conferma: c'è la lettera d'intenti per l'ingresso in Ita Airways","post_date":"2023-01-19T05:02:15+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674104535000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437517","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Siamo molto positivi sul prossimo futuro e prevediamo un altro anno di crescita per noi di Rcl\".  Gianni Rotondo guarda con fiducia alla prossima estate, confortato da trend di mercato globali in crescita per tutto il mercato delle crociere: \"La domanda per i nostri prodotti rimane alta pure in Italia - spiega il general manager Emea region, international representative office di Royal Caribbean International -, mentre tornano ad allargarsi le finestre di prenotazione in tutta Europa: dopo il recente caos dei viaggi, l’advance booking è infatti nuovamente alla ribalta. E ciò ci conforta in vista di uno schieramento di prodotti che nel Vecchio continente sarà consistente anche la prossima estate, tra cui ricordo la Symphony of the Seas e la Odyssey of the Seas: due tra le più recenti new entry della nostra flotta, destinate a fare base a Civitavecchia\".\r\n\r\nCerto, le sfide non mancano. A partire dall’inflazione, che sta erodendo una quota non trascurabile del potere d’acquisto dei consumatori. \"Siamo profondamente consapevoli delle pressioni esercitate sui nostri ospiti dall’aumento del costo della vita – aggiunge Rotondo -. Come azienda globale anche noi non siamo affatto immuni da problemi come questi. Ma durante il Covid abbiamo imparato a essere resilienti e flessibili\".\r\n\r\nUn approccio che tra le altre cose sta aiutando la compagnia a far fronte alla questione caro petrolio: \"Abbiamo già coperto il 54% del nostro fabbisogno per il 2023 a prezzi inferiori a quelli di mercato – rivela sempre Rotondo -. Al momento non abbiamo perciò intenzione di imporre alcun supplemento carburante. E tutto ciò anche grazie ai recenti investimenti per l’efficientamento dei consumi sulle nostre navi: il design innovativo della prua, l’ottimizzazione energetica e più in generale una complessiva riduzione delle necessità di carburante per l’alimentazione dei nostri motori\".","post_title":"Rcl: fiducia sull'estate e nessun adeguamento carburante in vista","post_date":"2023-01-18T12:21:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674044508000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436863","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia vs Volotea. Cieli di Sardegna ancora territorio di conquista delle compagnie aeree, con una disputa sulle rotte in continuità territoriale che non trova tregua. Torna infatti all'attacco Aeroitalia che in una nota ufficiale, ripresa dall'Ansa, rende noto di aver dato mandato ai propri legali per ricorrere alle autorità competenti circa l'evoluzione del bando sulla Ct della Regione Sardegna in relazione alla tratta Olbia-Roma. Proprio su questa rotta il vettore italiano chiede di poter volare senza compensazioni economiche, così come già annunciato la scorsa settimana da Volotea.\r\nAccuse\r\n\"Aeroitalia chiederà al tribunale Amministrativo regionale la sospensione del bando sulla rotta in questione nell'attesa della pronuncia della Regione Sardegna e della Comunità europea circa il comportamento della compagnia aerea spagnola Volotea - si legge nel comunicato - Nelle more di tali decisioni la compagnia italiana informa che verrà trasmessa all'assessorato ai Trasporti della Regione Sardegna la volontà di operare la tratta Olbia-Roma senza alcun compenso. Tale manifestata volontà non preclude il convincimento di Aeroitalia di aver diritto all'aggiudicazione in quanto vincitrice del bando sulla tratta. Aeroitalia - conclude la nota - ha informato anche l'Enac sollecitando i dovuti controlli circa il comportamento della compagnia aerea Volotea\".\r\n\r\nLa compagnia spagnola aveva presentato offerte per i voli con la compensazione economica, ma nella graduatoria era stata superata da Ita Airways e Aeroitalia, con quest'ultima che si era aggiudicata il primo posto su entrambe le rotte di Olbia (Milano e Roma) con un ribasso d'asta del 75%.","post_title":"Aeroitalia sfida Volotea sulla Roma-Olbia: ricorso al Tar e voli senza compensazioni","post_date":"2023-01-09T09:00:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673254837000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436820","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_436821\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Salem Obaidalla, svp Commercial Operations for the Americas di Emirates; Tony Joudi, ambasciatore delle Bahamas negli Emirati Arabi e Qatar; Ahmed bin Saeed Al Maktoum, presidente e ceo del gruppo Emirates; Adnan Kazim, cco della compagnia.[/caption]\r\n\r\nEmirates fa coppia con il Ministero degli Affari Esteri delle Bahamas per promuovere il turismo nell'arcipelago caraibico. Le due parti hanno siglato un accordo che darà il via ad iniziative congiunte per incrementare il traffico di visitatori verso le isole dai mercati chiave del network Emirates.\r\n\r\nIn base al protocollo d'intesa, saranno sviluppate campagne promozionali congiunte per favorire la compagnia aerea e incrementare gli arrivi turistici alle Bahamas. L'accordo prevede anche attività di marketing, tra cui fam trip con i media e gli operatori del settore, nel primo trimestre del 2023, e lo sviluppo di pacchetti turistici su misura, attraverso Emirates Holidays. Entrambe le parti hanno anche concordato di esplorare le opportunità di collaborare a campagne pubblicitarie congiunte per promuovere la destinazione Indie Occidentali.\r\n\r\nLa compagnia di Dubai vola attualmente verso 12 destinazioni negli Stati Uniti oltre a Toronto. I passeggeri, provenienti da tutto il network globale, possono utilizzare questi collegamenti per volare verso destinazioni statunitensi come Houston, Chicago o Newark prima di collegarsi a Nassau con United, grazie alla partnership tra le due compagnie aeree. I viaggiatori possono anche volare alle Bahamas via Toronto, con Air Canada, che ha attivato la sua partnership in codeshare a novembre.\r\n\r\nSebbene la maggior parte del traffico di visitatori alle Bahamas sia costituito da viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti e dal Canada, le Bahamas attraggono anche turisti da altri punti internazionali del network di Emirates, tra cui gli Emirati Arabi Uniti, la Grecia, l'India, la Cina, le Filippine e Singapore.","post_title":"Emirates: patto con le Bahamas per la promozione del turismo verso l'arcipelago","post_date":"2023-01-05T11:06:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1672916779000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Unione europea assume una posizione comune sulla vicenda Covid in Cina: gli Stati Ue sono \"fortemente incoraggiati a introdurre per tutti i passeggeri in partenza dalla Cina agli Stati membri il requisito di un test Covid-19 effettuato non oltre le 48 ore prima dalla partenza dalla Cina\".\r\n\r\nCome riportato dall'Ansa, è questa la decisione presa dal meccanismo integrato europeo di risposta alle crisi (Ipcr), comunicata dalla Presidenza svedese di turno dell'Ue. \"I Paesi membri hanno concordato di raccomandare a tutti i passeggeri in viaggio da e per la Cina di portare mascherine Ffp2\" .\r\n\r\nI Paesi membri hanno concordato di tornare a incontrarsi per un aggiornamento entro la metà di gennaio.\r\n\r\nIntanto, oltre alla \"forte raccomandazione\" a tutti i 27 di introdurre l'obbligo di test pre-partenza da Pechino, la riunione del Meccanismo integrato di risposta alle crisi \"incoraggia\" i Paesi membri a \"effettuare test anti-Covid a campione a chi arriva dalla Cina\" e \"esaminare e sequenziare le acque reflue degli scali dove sono previsti voli in arrivo dalla Cina\" e a \"continuare a promuovere le vaccinazioni, incluse le dosi booster e in particolare ai più vulnerabili\".","post_title":"L'Ue raccomanda l'obbligo di test per i viaggiatori in partenza dalla Cina","post_date":"2023-01-05T10:50:28+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1672915828000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436608","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il protagonista dei dibattiti sulle tecnologie che domineranno lo sviluppo del settore turistico e dell'ospitalità nei prossimi anni è senza dubbio il metaverso.\r\nSi tratta di un concetto che si sta consolidando nelle strategie di alcuni grandi brand, come catene alberghiere o ota, ma gli scenari da delineare, le applicazioni e le visioni sul futuro del turismo risultano ancora fumosi.\r\n\r\nA cercare di mettere a fuoco prospettive e opportunità sono arrivati gli interventi degli speaker che hanno partecipato all'edizione 2022 di BTO. Uno degli aspetti su cui concordano è che il metaverso rappresenterà un'importante occasione per il turismo. Secondo Simone Puorto, founder di Travel Singularity ed esperto di innovazione turistica, \"si prevede che nel 2030 il 25 per cento della popolazione trascorrerà almeno un'ora al giorno nel metaverso, che questo rappresenterà un mercato da un trilione di dollari e che il suo PIL supererà quello del mondo fisico\".\r\n\r\nMa cos'è esattamente il metaverso (o cosa sono i metaversi)?\r\n\r\nUno dei primi errori da evitare è quello di confondere il metaverso con la realtà virtuale, che rappresenta solo una parte di questa dimensione. “Il metaverso non è solo virtuale, aumentato o reale, ma è tutte queste cose\". Rappresenta il fisico e il digitale insieme e non è specificatamente innovativo, perché nasce dalla convergenza di tante e diverse tecnologie preesistenti, utilizzate da anni nel settore.\r\n\r\nTecnologie che permetteranno di superare alcune logiche strette del 2.0, che oggi vincolano gli operatori a un rapporto decentralizzato e non sempre democratico. “Il nostro è un settore altamente intermediato – spiega Puorto -, in cui spesso perdiamo la proprietà dei nostri contenuti a favore di ota o social: è ora di riprendere in mano il valore di ciò che creiamo e questo è possibile attraverso il metaverso, che supera le logiche della centralizzazione e dell’intermediazione per arrivare a una distribuzione più democratica della proprietà sul web”.\r\n\r\nUna efficace distribuzione, infatti, rappresenta oggi un’impresa complessa per un albergatore. “È necessario scegliere il giusto mix di distribuzione – spiega Anna De Simone, business development di Italian Hotel Group -: noi abbiamo scelto non solo il canale b2c, che va al cliente online, ma anche prodotti che ci permettessero di distribuire nel b2b,  ad esempio attraverso bridge dal channel manager su più canali oppure attraverso famtrip virtuali, organizzati su piattaforme dove gli operatori di tutto il mondo possono incontrarsi e scoprire altri operatori, strutture, destinazioni e territori circostanti”.\r\n\r\n \r\n\r\nI consigli per diventare imprenditori nel metaverso\r\n\r\nL’albergatore è destinato a diventare un imprenditore del metaverso, dove, attraverso combinazioni efficaci di tecnologie, riuscirà a gestire e monetizzare la relazione con il cliente-turista prima, durante e dopo il viaggio. “Si tratta di tre fasi importanti – spiega Francesco Redi, fondatore di Twissen -, in cui il turista investe il budget in maniera diversa. Si può ad esempio ricreare il proprio environment in una dimensione virtuale (che permetta di visitare ad esempio la struttura prima del viaggio), oppure esaltare la shopping experience e proporre nel metaverso, durante il viaggio, una serie di esperienze che possono essere acquistate direttamente o provate. Un’altra possibilità per le destinazioni, ad esempio, è quella di affittare o vendere delle porzioni del proprio spazio virtuale, valorizzando il proprio brand o ambiente in maniera esponenziale”.\r\n\r\nTra i consigli utili per chi vuole già iniziare ad approcciare a questo mondo, c'è quello di \"scegliere con accuratezza la tecnologia adatta - continua Redi - perché posizionerà tutto il progetto imprenditoriale e sarà fondamentale, anche dal punto di vista della sicurezza\". Un altro suggerimento per gli imprenditori turistici è quello di considerare quella attuale come una fase preliminare, di studio e analisi: \"Valutiamo bene le nostre strategie e il business model - spiega l'esperto - e consideriamo che non dobbiamo trovarci senza risorse nel 'momento zero', quando tutto sarà pronto per partire\".\r\n\r\nOltre allo studio e al posizionamento del brand in questi nuovi 'ambienti', è possibile anche attuare delle strategie di promozione dedicate. “Entrare nel metaverso oggi può significare anche solo decidere di fare advertising in metaversi che già esistono – sottolinea Puorto -, attraverso un avatar ad esempio, oppure in maniera ‘digital to fisical’ o ‘fisical to digital’, ossia mandando all’acquirente un equivalente dell’articolo che ha acquistato nel mondo fisico anche nel mondo digitale”.\r\n\r\nUna particolarità rilevante dei metaversi riguarda il processo di acquisto dei prodotti e dei servizi che risulta istantaneo e completamente immersivo: non si ha bisogno di aprire un’app o di toccare il proprio smartphone per procedere al check-out. Inoltre, i prodotti “possono essere acquistati e i prezzi confrontati attraverso un unico wallet” conclude Simone Puorto, rendendo l’esperienza di acquisto molto più semplice ed efficace.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nClaudiana Di Cesare \r\n\r\n ","post_title":"Metaverso e turismo: i consigli per gli operatori","post_date":"2023-01-02T15:12:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1672672370000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436414","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il crollo della compagnia aerea italiana Blue Panorama era evidente da qualche mese, ma ora il vettore si è dovuto arrendere perché i giudici del tribunale di Milano non hanno ammesso la procedura di concordato preventivo, che poteva essere un'estrema formula per la sua salvezza. \r\n\r\nLa crisi è scoppiata nell'ottobre dello scorso anno e durante lo scorso anno la compagnia aerea ha cercato di trovare una nicchia nel mercato. Ma ora i giochi sembrano arrivati alla conclusione.\r\nPreoccupazioni per il lavoro\r\nRimangono in strada 270 dipendenti, di cui 45 di terra, 55 piloti e 170 assistenti di volo.\r\n\r\nDopo essere passato per diverse mani, l'ultima opportunità gli è stata data dal fondo di investimento americano Bateleur Capital. Tuttavia, gli americani, conoscendo in dettaglio la situazione finanziaria, hanno abbandonato l'idea.\r\n\r\nBlue Panorama, nata nel 1998, era una compagnia charter specializzata nell'offrire voli ai grossisti. Arrivò ad avere fino a 35 velivoli di tipo B737 a corto raggio e due velivoli di tipo B767 a lungo raggio.","post_title":"Anche per Blue Panorama è arrivata la fine della corsa","post_date":"2022-12-22T10:24:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1671704651000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436212","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un investimento da 27,5 milioni di dollari per ristrutturare le 537 suite Grand Palladium Jamaica Resort & Spa di Montego Bay, nonché diverse aree comuni come la lobby, uno dei ristoranti show-cooking e uno dei bar. I lavori, appena conclusi, seguono quelli già effettuati nel 2016 per rinnovare il Grand Palladium Lady Hamilton Resort & Spa, situato nello stesso complesso.\r\n\r\nL'idea principale dell'intera ristrutturazione, progettata ed eseguita da Urcoisa Interior Design (Uid), è stata quella di richiamare lo stile coloniale inglese dell'intero resort, nonché di integrare la natura nel design e nella decorazione degli interni attraverso colori, texture e materiali naturali. Il primo obiettivo della ristrutturazione è stato quindi il rinnovo completo delle 537 camere che compongono il Grand Palladium Jamaica. Tra queste, spiccano due nuove categorie di 48 suite con vista sul mare: 40 superior junior suite private pool ocean view e otto superior suite private pool oceanfront view.\r\n\r\nPer quanto riguarda le aree comuni, la ristrutturazione si è concentrata principalmente sulla valorizzazione di alcuni degli spazi chiave. Tra questi, l’Infinity Saloon bar, centro nevralgico e punto d’incontro per eccellenza del resort da cui godere di una vista a 180 gradi sul mar dei Caraibi, oltre che di spettacoli e musica dal vivo. Nella lobby, lo stile coloniale inglese del resort è stato ulteriormente valorizzato. In quest'area è stata data importanza al legno massiccio e agli arredi comodi e spaziosi. Inoltre, nell'area della reception, le pareti sono state rivestite di tralicci bianchi e specchi che richiamano anch'essi un'ispirazione coloniale e che si combinano con le grandi lampade nere installate nell'area. Per quanto riguarda gli spazi gastronomici, infine, lo show-cooking MoBay, aperto per colazione, pranzo e cena, ha aumentato la propria capacità in modo da ospitare un totale di 286 commensali. Suddiviso in quattro aree, è stata data priorità al comfort e alla spaziosità degli arredi; l’area dispone ora di due nuove postazioni di ristorazione per offrire una maggiore varietà di piatti e prodotti. In termini di design predominano la vegetazione, i tessuti diversi e i colori chiari, ma anche verde e nero.","post_title":"Restyling da 27,5 mln di dollari per il Grand Palladium Jamaica Resort & Spa","post_date":"2022-12-19T11:55:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671450900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436025","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una serie di fondi sarebbero sulle tracce del gruppo Uvet, ma il presidente Luca Patanè per ora chiude le porte all'ipotesi dell'entrata di un partner finanziario in società. Lo rivela il Sole 24 Ore, che spiega anche come la compagnia al momento sia impegnata su più fronti. A cominciare dalle banche, con le quali il gruppo è oggi esposto per 120 milioni di euro, di cui 85 milioni garanti da Sace.\r\n\r\nDopo la profonda crisi generata dalla pandemia, Uvet è tuttavia sostanzialmente ripartita: i viaggi d'affari, storico core business del gruppo, sono tornati ai livelli pre-Covid e anche la divisioni mice è in buona salute con oltre 3 mila eventi organizzati, a cui si aggiungono 2.200 congressi farmaceutici. Pure il to Settemari è ripartito e ora viaggi su livelli pre-pandemia. Il problema principale rimane però Blue Panorama che in vista del concordato ha visto il ritiro del possibile investitore, il fondo Bateleur.","post_title":"I fondi mettono nel mirino il gruppo Uvet. Patanè per ora chiude","post_date":"2022-12-15T11:25:45+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1671103545000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti