9 December 2022

Le Boat, completato rinnovamento della flotta “vision” pronta per navigare sui fiumi d’Europa

[ 0 ]

Le Boat – leader nel turismo fluviale in Europa e Canada– annuncia che è in fase di completamento il progetto per il rinnovamento e l’ammodernamento delle houseboat della serie Vision, per le quali è stato stanziato un investimento multimilionario, pronte a navigare per la stagione 2020. Lanciata nel 2011, la serie Vision è una delle più avanzate tecnologicamente. In risposta al feedback dei clienti, Le Boat ha iniziato l’ammodernamento di 22 delle 82 imbarcazioni serie Vision nel 2017, ripensando completamente la parte elettronica e installando nuovi motori insieme a un nuovo propulsore e a un diverso sistema di guida che rende la navigazione più semplice e piacevole. Inoltre, in collaborazione con il costruttore navale francese Gruppo Bénéteau, sono stati apportati ulteriori miglioramenti tecnici ai sistemi di riscaldamento e raffreddamento dei motori e dei generatori, per creare un’imbarcazione più conveniente ed efficiente dal punto di vista energetico. Dopo il riscontro positivo da parte dei clienti che hanno provato le 22 unità già rinnovate, nel 2019 Le Boat ha deciso di procedere con le altre 60 imbarcazioni Vision della sua flotta.

«Abbiamo ascoltato i suggerimenti dei nostri clienti e il nostro team di ingegneri ha lavorato per migliorare ulteriormente la serie Vision, già molto amata – Cheryl Brown, direttore generale di Le Boat – così da offrire un’esperienza di navigazione ancora migliore. Sono particolarmente felice nel dire che i modelli rinnovati saranno pronti per l’inizio della stagione 2020, e sono convinta che chi già in passato ha gradito navigare su una unità di serie Vision, potrà apprezzare le migliorie che abbiamo apportato. Il continuo investimento nella nostra flotta garantisce ai clienti Le Boat di poter usufuire della migliore scelta di imbarcazioni e dei più alti livelli di qualità e servizio».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian ha archiviato novembre con 1,4 milioni di passeggeri trasportati, pari ad un aumento del 37% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il load factor è stato del 79,5% e le rotte verso le destinazioni balneari dell'Europa meridionale sono state particolarmente apprezzate con un load factor vicino al 90%, dalla Norvegia. "Anche se siamo in bassa stagione, la domanda di viaggi aerei continua ad essere persistente, in particolare verso le più popolari destinazioni balneari - ha dichiarato Geir Karlsen, ceo del vettore -. A novembre, il load factor sulle rotte verso le destinazioni più soleggiate ha sfiorato il 90% dalla Norvegia. Sono particolarmente soddisfatto della puntualità di questo mese, che si è rivelata la migliore di quest'anno ed è il risultato dell'impegno dei nostri numerosi colleghi che fanno del loro meglio per servire i nostri clienti ogni giorno". Sempre a novembre la compagnia ha operato con una media di 64 aeromobili e il 99,7% dei voli programmati è stato completato. La puntualità, misurata dal numero di voli in partenza entro 15 minuti dall'orario previsto, è stata del 90,3% a novembre. "Siamo ben posizionati per rispondere alle variazioni stagionali. Abbiamo adattato la nostra capacità per soddisfare la minore domanda durante la stagione invernale e abbiamo coperto un totale del 15% del nostro consumo di carburante stimato per il 2023. Guardando al futuro, continuiamo a vedere una domanda repressa di viaggi aerei, soprattutto verso destinazioni leisure. Di recente abbiamo lanciato diverse nuove rotte verso destinazioni in tutta Europa e prevediamo un'estate 2023 molto intensa". [post_title] => Norwegian, Karlsen: "Prevediamo un'estate 2023 molto intensa" [post_date] => 2022-12-09T09:35:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670578543000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435522 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Consiglio ha adottato conclusioni che definiscono l'agenda europea per il turismo 2030, comprendente un piano di lavoro pluriennale dell'Ue destinato ad aiutare gli Stati membri, le autorità pubbliche, la Commissione e i portatori di interessi a rendere il settore del turismo più verde e più sostenibile, resiliente e digitalizzato. L'Ue costituisce una delle principali destinazioni sia per i visitatori internazionali che per i suoi residenti. Tuttavia, la pandemia di Covid-19 ha avuto un effetto particolarmente devastante sull'ecosistema del turismo e ha comportato notevoli perdite di reddito e di posti di lavoro in tutta Europa: nel 2020 la pandemia ha colpito circa 11 milioni di posti di lavoro nel settore del turismo dell'Ue. Sebbene il settore abbia iniziato a mostrare segni di ripresa, l'aggressione militare russa nei confronti dell'Ucraina ha avuto un impatto negativo sulla fornitura e sull'accessibilità economica dei servizi di viaggio e di ospitalità, sia per le imprese che per i cittadini europei. Anche l'aumento dei prezzi dell'energia, l'inflazione elevata e i costi del carburante rendono i viaggi più costosi. Per questo motivo, l'Agenda europea per il turismo 2030 sottolinea la necessità di proteggere il settore turistico e, al tempo stesso, di sviluppare una visione lungimirante per approfittare della volontà di molti europei di cambiare le proprie abitudini in materia di viaggi e di turismo affinché diventino più sostenibili e responsabili. [post_title] => Ue: un nuovo piano pluriennale per proteggere il turismo in Europa [post_date] => 2022-12-07T11:09:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670411356000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435525 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce in tutta Europa l'interesse per lo student housing, che anche in Italia presente ampi margini di sviluppo grazie alla domanda potenziale e all’interesse mostrato da parte degli investitori. È quanto emerge dall’ultimo report di Jll. Lo slancio positivo del settore si riflette infatti nell'attività dei volumi di investimento: i primi nove mesi del 2022 hanno registrato 7,1 miliardi euro di iniziative legate al segmento in Europa (+10% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +17% rispetto alla media degli ultimi cinque anni). Il Regno Unito si conferma il Paese con il maggior numero di investimenti, seguito da Spagna e Danimarca. In Italia, il settore degli alloggi per studenti è un’asset class in via di sviluppo, con un grande potenziale di investimento e diversificazione geografica, soprattutto a causa della mancanza di un'offerta adeguata nelle vicinanze delle grandi università e del costante aumento di studenti, in particolare della componente internazionale. Nel dettaglio, negli ultimi anni il settore ha attirato investimenti in questo settore soprattutto a Torino, Milano, Roma e Firenze. Per quanto riguarda i volumi di investimento capital markets in student housing del 2022 si segnala un forward purchase a Torino, mentre potrebbero concretizzarsi nei prossimi mesi due operazioni su Milano e Firenze, che darebbero una ulteriore spinta agli investimenti nel settore. L'attuale offerta di posti letto in Italia in alloggi per studenti è stimata in oltre 60 mila unità: la maggior parte di essi (66%) è gestita da strutture regionali nell'ambito del Dsu (Diritto allo studio universitario), il 15% da operatori privati, l'11% direttamente dalle università, mentre il restante 8% è gestito da strutture private o pubbliche di student housing. Confrontando il dato relativo al numero di studenti fuori sede con l’offerta di posti letto in alloggi per studenti emerge come in Europa ci sia una domanda potenziale a cui non corrisponde un’offerta di questa tipologia per circa 2,2 milioni di posti letto. In Italia, in particolare, l’offerta di alloggi risponde attualmente a circa il 20% della domanda potenziale, con circa 260 mila posti letto che servirebbero per soddisfarla completamente. Da considerare poi l’eterogeneità dell’offerta che vede nella Penisola un numero limitato di studentati moderni, comparabili con quelli di altri mercati maturi a livello europeo. Considerando poi le principali città universitarie monitorate, Firenze presenta il dato di copertura più elevato (47%), mentre le città con una minore copertura, a fronte anche dell’elevato numero di studenti, sono Bologna (22%) e Roma (10%). Padova, Torino e Milano presentano una domanda soddisfatta poco al di sotto del 30%. In particolare, il caso del capoluogo lombardo va ponderato anche alla luce di un numero maggiore di studenti fuori sede e internazionali e dell’attrattività della città dal punto di vista universitario, elemento che ha favorito lo sviluppo di una pipeline significativa per i prossimi anni. Si stima che entro il 2025 verranno completati quasi 20 mila posti letto in tutte le principali città italiane: Milano e Torino registrano il più alto numero in pipeline, circa 7 mila a Milano e 4.100 a Torino, seguiti da Roma (2.700) e Firenze (circa 2.050). La futura disponibilità di alloggi per studenti entro il 2025 nelle principali città è stimata in quasi 49 mila posti letto: circa il 60% è già esistente, il 26% è pianificato, il 14% è in costruzione e una piccola parte in fase di ristrutturazione. “Rispetto al panorama internazionale il mercato dello student housing italiano è ancora giovane, ma con grandi potenzialità” commenta Antonio Fuoco, head of living capital markets di Jll Italia -. I posti letto che si prevede di aggiungere al mercato entro il 2025 sono quasi 20 mila, di cui il 34% già in costruzione. Più della metà della pipeline è concentrata a Milano e Torino, ma anche in altre città sono previsti diversi progetti entro i prossimi tre anni. Il gap tra la domanda e l'offerta offerta rimane ampio, soprattutto in località come Roma e Bologna, che presentano significative opportunità di sviluppo del settore. Sul fronte capital markets, il settore dello student housing è ancora agli inizi, anche se ci aspettiamo che la domanda degli investitori aumenti nei prossimi mesi. Tra le ragioni principali, la sua capacità di resistere a un'inflazione più elevata e il fatto di essere meno ciclica di altre asset class immobiliari, la crescita dei canoni e la maggiore facilità di implementazione di strategie esg. Infine, la crescita di questo mercato è estremamente importante in momenti di difficoltà dei mercati finanziari per la sua natura difensiva". [post_title] => Cresce lo student housing in Italia: in arrivo 20 mila nuovi posti letto entro il 2025 [post_date] => 2022-12-06T12:47:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670330878000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_338791" align="alignleft" width="300"] Andrea Incondi[/caption] In vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio. L’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente. Grazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima. Grazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km. Con «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia. Così, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa. «La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia. Le scelte personali contano Nonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque. Ciononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose. La ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti. Iniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più. Del resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale. [post_title] => Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas [post_date] => 2022-12-06T10:37:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670323040000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tokyo celebra le imminenti festività con atmosfere dal sapore magico. Meguro e Roppongi, in particolare, si riempiono di illuminazioni suggestive e un mercatino natalizio dai tratti mitteleuropei. Nonostante sia ormai l’apice del kōyō, il foliage autunnale, i sakura lungo il fiume Meguro tornano a essere protagonisti con il Megurogawa Minna no Illumination. Le schiere di ciliegi, che si estendono per circa due chilometri tra le stazioni di Gotanda e Osaki, sembrano rifiorire, illuminate da ben 350 mila luci Led. I sakura sul fiume Meguro diventano uno spettacolo che può essere ammirato fino all’11 gennaio 2023. Anche Roppongi Hills si veste di luce: come ogni anno, gli alberi di zelkova lungo la via Keiyakizaka si caricano di filari luminosi, creando una cornice intorno alla Tokyo Tower, che appare in fondo alla discesa. La passeggiata per Roppongi Hills può proseguire per Roku-Roku Plaza, per ammirare l’albero di Natale di 8 metri allestito da Cartier, e il Giardino Mohri, che per l’occasione delle feste è avvolto da un oceano sfavillante di illuminazioni blu. Nella vicina O-yane plaza, fino al giorno di Natale, si potranno vivere le atmosfere suggestive dell'Avvento tedesco in un mercatino che ricrea il famoso Weihnachtsmarkt di Stoccarda, il mercatino natalizio più grande del mondo. Durante manifestazione, organizzata da Mori Building Co., Ltd., con il sostegno dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania, dell’Ente Nazionale Germanico per il Turismo e di Goethe-Institut Tokyo, sarà possibile vivere l’esperienza quasi surreale di sorseggiare un buon bicchiere di caldo Glühwein e assaggiare sapori mitteleuropei, rimanendo nel centro di Tokyo. Attorno al fiume Meguro si sviluppa il quartiere di Nakameguro che, non lontano dalle zone trendy di Daikan’yama e Ebisu, ospita una miriade di caffè e ristoranti alla moda e il Nakameguro Koukashita, una galleria di negozi sotto i binari ferroviari. Roppongi Hills è invece l’area che si sviluppa attorno alla Mori Tower, con il Mori Art Museum, imperdibile per gli amanti dell’arte contemporanea,  e il Tokyo City View, da cui si può godere di una vista mozzafiato di tutta la città, anche di sera. [post_title] => Tokyo: il fascino e la magia delle festività natalizie avvolgono l'intera metropoli [post_date] => 2022-12-05T12:01:23+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670241683000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435417 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via nel weekend il nuovo collegamento tra Milano Malpensa e Jeddah targato Wizz Air, che viene operato due volte alla settimana. La tratta rientra nel più ampio network - ben 23 rotte - che la low cost ha annunciato verso l'Arabia Saudita, a conferma dell'impegno della compagnia nel sostenere il settore turistico in crescita del Paese, portando oltre un milione di passeggeri nel Regno. Nell'aprile 2023, Wizz Air inaugurerà voli da Milano Malpensa verso Riyadh. La crescente presenza di Wizz Air è in linea con il programma del regno saudita, Vision 2030, che mira a triplicare il traffico passeggeri in Arabia entro il 2030. "Con questa nuova rotta Wizz Air conferma ancora una volta il suo impegno verso l’Arabia Saudita, dove continuerà a innovare e a portare avanti la bandiera del volo low cost a beneficio dei residenti e dei visitatori sauditi e dell'economia in via di diversificazione del Paese” ha dichiarato Daria Sergeeva, corporate communications manager della low cost. "L’apertura  della rotta per Gedda, e il previsto lancio del volo per Riyadh ad aprile, segnano una tappa importante nella partnership tra Sea e Wizz Air che grazie agli sviluppi annunciati del network vede migliorata la connettività internazionale dello scalo - ha sottolineato Andrea Tucci, vice president Aviation Business Development di Sea -. Siamo contenti di essere il primo aeroporto italiano che Wizz Air ha scelto per aprire questa rotta, la 28esima destinazione operata dalla compagnia dall'aeroporto di Malpensa: una testimonianza di sviluppo della sua presenza a Milano, che porta a un’ulteriore crescita economica oltre che a collegare la città e il Nord Italia con i Paesi turistici e le destinazioni business ancora da scoprire.” Fahd Hamidaddin, ceo e membro del cda del Saudi Tourism Authority, ha concluso: “L’Arabia Saudita è la più grande nuova destinazione al mondo, inesplorata, unica e inaspettata. L'offerta turistica saudita è incomparabile, per ampiezza e diversità, dalla natura incontaminata, ai diversi paesaggi, alla ricca cultura, all'offerta di intrattenimento in rapida espansione e all'autentica ospitalità araba". [post_title] => Wizz Air ha aperto il volo Milano Malpensa-Jeddah. Da aprile si volerà anche a Riyadh [post_date] => 2022-12-05T11:24:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670239471000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. La mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre. La curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004. La mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia. All’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Tra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604. Oggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”. La Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023. [post_title] => Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte [post_date] => 2022-12-05T10:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236232000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435409" align="alignleft" width="300"] Una foto di Riad[/caption] L'Arabia Saudita si sta lanciando in una serie di macro progetti per incrementare la sua crescita turistica nei prossimi dieci anni.  Pertanto, intende costruire il più grande aeroporto del mondo, che potrebbe avere fino a quattro piste. Inoltre, investirà nel settore alberghiero con la costruzione di quasi mezzo milione di camere, oltre a un centro di sostenibilità globale dove verrà misurata l'impronta di carbonio. Con questo, cerca di raggiungere 100 milioni di turisti nel 2030 per garantire che il turismo rappresenti circa il 10% del Prodotto interno lordo (Pil) nazionale. Generalmente prevede anche quasi un milione di nuovi posti di lavoro. Il primo ministro e presidente del Consiglio per gli affari economici e di sviluppo dell'Arabia Saudita, Mohamed bin Salman bin Abdulaziz, ha sottolineato che questo «è il primo passo del nostro viaggio verso un futuro migliore e più luminoso per il nostro Paese e le nostre città. Abbiamo una visione completa e ambiziosa per l'Arabia Saudita fino al 2030». [post_title] => L'Arabia Saudita rilancia sul turismo. Vuole costruire l'aeroporto più grande del mondo [post_date] => 2022-12-05T10:29:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236187000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair, Air Europa, Iberia Express e Binter avvertono dell'impatto che l'introduzione di una nuova tassa sul cherosene nell'Unione Europea avrà per il settore aereo e, quindi, per i viaggiatori. Nell'ambito della Convenzione delle isole turistiche europee, tenutasi a Maspalomas, hanno avvertito che questa tassa "va nella direzione opposta" per ridurre le emissioni. Sostengono che la sua applicazione comporterà un taglio degli investimenti che dedicati alla decarbonizzazione. «Tutto ciò che viene imposto va nella direzione opposta e che impieghiamo più tempo per sviluppare queste tecnologie», avverte l'amministratore delegato di Iberia Express, Carlos Gómez, che influenza l'ambizioso piano di rinnovamento della flotta che la sua azienda sta portando avanti. Niente tasse Il presidente di Binter, Rodolfo Núñez, afferma che «la soluzione è non tassare l'attività. Vogliamo fare tutto il possibile e ne abbiamo la volontà, ma tassarlo impedirà alle aziende di spendere più soldi in innovazione e ricerca. Non si può legiferare contro un'attività che ci tiene in vita, che è il nostro stile di vita», dice. Da parte sua, l'amministratore delegato di Air Europa, Jesús Nuño de la Rosa, ricorda che «le compagnie aeree stanno facendo molto per innovare e ridurre le emissioni, ma da soli non possiamo». A suo avviso, le autorità dovrebbero «cambiare l'equazione», cercando una strategia per aiutare le compagnie aeree a ridurre i livelli di inquinamento invece di «tassare di più». Il presidente di ALA, Javier Gándara, e il responsabile della sostenibilità di Ryanair, Thomas Fowler, si esprimono in termini simili, avvertendo che la tassa sul cherosene porterà a una deviazione dei turisti verso destinazioni più economiche che non sono interessate dalla sua attuazione, come gli africani . [post_title] => Ipotesi di tassa sul cherosene della Ue. le compagnie non ci stanno [post_date] => 2022-12-05T10:20:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670235642000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "le boat completato rinnovamento della flotta vision pronta navigare sui fiumi deuropa" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":83,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1144,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian ha archiviato novembre con 1,4 milioni di passeggeri trasportati, pari ad un aumento del 37% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il load factor è stato del 79,5% e le rotte verso le destinazioni balneari dell'Europa meridionale sono state particolarmente apprezzate con un load factor vicino al 90%, dalla Norvegia.\r\n\r\n\"Anche se siamo in bassa stagione, la domanda di viaggi aerei continua ad essere persistente, in particolare verso le più popolari destinazioni balneari - ha dichiarato Geir Karlsen, ceo del vettore -. A novembre, il load factor sulle rotte verso le destinazioni più soleggiate ha sfiorato il 90% dalla Norvegia. Sono particolarmente soddisfatto della puntualità di questo mese, che si è rivelata la migliore di quest'anno ed è il risultato dell'impegno dei nostri numerosi colleghi che fanno del loro meglio per servire i nostri clienti ogni giorno\".\r\n\r\nSempre a novembre la compagnia ha operato con una media di 64 aeromobili e il 99,7% dei voli programmati è stato completato. La puntualità, misurata dal numero di voli in partenza entro 15 minuti dall'orario previsto, è stata del 90,3% a novembre.\r\n\r\n\"Siamo ben posizionati per rispondere alle variazioni stagionali. Abbiamo adattato la nostra capacità per soddisfare la minore domanda durante la stagione invernale e abbiamo coperto un totale del 15% del nostro consumo di carburante stimato per il 2023. Guardando al futuro, continuiamo a vedere una domanda repressa di viaggi aerei, soprattutto verso destinazioni leisure. Di recente abbiamo lanciato diverse nuove rotte verso destinazioni in tutta Europa e prevediamo un'estate 2023 molto intensa\".","post_title":"Norwegian, Karlsen: \"Prevediamo un'estate 2023 molto intensa\"","post_date":"2022-12-09T09:35:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670578543000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435522","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Consiglio ha adottato conclusioni che definiscono l'agenda europea per il turismo 2030, comprendente un piano di lavoro pluriennale dell'Ue destinato ad aiutare gli Stati membri, le autorità pubbliche, la Commissione e i portatori di interessi a rendere il settore del turismo più verde e più sostenibile, resiliente e digitalizzato.\r\n\r\nL'Ue costituisce una delle principali destinazioni sia per i visitatori internazionali che per i suoi residenti. Tuttavia, la pandemia di Covid-19 ha avuto un effetto particolarmente devastante sull'ecosistema del turismo e ha comportato notevoli perdite di reddito e di posti di lavoro in tutta Europa: nel 2020 la pandemia ha colpito circa 11 milioni di posti di lavoro nel settore del turismo dell'Ue.\r\n\r\nSebbene il settore abbia iniziato a mostrare segni di ripresa, l'aggressione militare russa nei confronti dell'Ucraina ha avuto un impatto negativo sulla fornitura e sull'accessibilità economica dei servizi di viaggio e di ospitalità, sia per le imprese che per i cittadini europei. Anche l'aumento dei prezzi dell'energia, l'inflazione elevata e i costi del carburante rendono i viaggi più costosi.\r\n\r\nPer questo motivo, l'Agenda europea per il turismo 2030 sottolinea la necessità di proteggere il settore turistico e, al tempo stesso, di sviluppare una visione lungimirante per approfittare della volontà di molti europei di cambiare le proprie abitudini in materia di viaggi e di turismo affinché diventino più sostenibili e responsabili.","post_title":"Ue: un nuovo piano pluriennale per proteggere il turismo in Europa","post_date":"2022-12-07T11:09:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670411356000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435525","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce in tutta Europa l'interesse per lo student housing, che anche in Italia presente ampi margini di sviluppo grazie alla domanda potenziale e all’interesse mostrato da parte degli investitori. È quanto emerge dall’ultimo report di Jll. Lo slancio positivo del settore si riflette infatti nell'attività dei volumi di investimento: i primi nove mesi del 2022 hanno registrato 7,1 miliardi euro di iniziative legate al segmento in Europa (+10% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +17% rispetto alla media degli ultimi cinque anni). Il Regno Unito si conferma il Paese con il maggior numero di investimenti, seguito da Spagna e Danimarca. In Italia, il settore degli alloggi per studenti è un’asset class in via di sviluppo, con un grande potenziale di investimento e diversificazione geografica, soprattutto a causa della mancanza di un'offerta adeguata nelle vicinanze delle grandi università e del costante aumento di studenti, in particolare della componente internazionale.\r\n\r\nNel dettaglio, negli ultimi anni il settore ha attirato investimenti in questo settore soprattutto a Torino, Milano, Roma e Firenze. Per quanto riguarda i volumi di investimento capital markets in student housing del 2022 si segnala un forward purchase a Torino, mentre potrebbero concretizzarsi nei prossimi mesi due operazioni su Milano e Firenze, che darebbero una ulteriore spinta agli investimenti nel settore. L'attuale offerta di posti letto in Italia in alloggi per studenti è stimata in oltre 60 mila unità: la maggior parte di essi (66%) è gestita da strutture regionali nell'ambito del Dsu (Diritto allo studio universitario), il 15% da operatori privati, l'11% direttamente dalle università, mentre il restante 8% è gestito da strutture private o pubbliche di student housing.\r\n\r\nConfrontando il dato relativo al numero di studenti fuori sede con l’offerta di posti letto in alloggi per studenti emerge come in Europa ci sia una domanda potenziale a cui non corrisponde un’offerta di questa tipologia per circa 2,2 milioni di posti letto. In Italia, in particolare, l’offerta di alloggi risponde attualmente a circa il 20% della domanda potenziale, con circa 260 mila posti letto che servirebbero per soddisfarla completamente. Da considerare poi l’eterogeneità dell’offerta che vede nella Penisola un numero limitato di studentati moderni, comparabili con quelli di altri mercati maturi a livello europeo. Considerando poi le principali città universitarie monitorate, Firenze presenta il dato di copertura più elevato (47%), mentre le città con una minore copertura, a fronte anche dell’elevato numero di studenti, sono Bologna (22%) e Roma (10%). Padova, Torino e Milano presentano una domanda soddisfatta poco al di sotto del 30%. In particolare, il caso del capoluogo lombardo va ponderato anche alla luce di un numero maggiore di studenti fuori sede e internazionali e dell’attrattività della città dal punto di vista universitario, elemento che ha favorito lo sviluppo di una pipeline significativa per i prossimi anni. Si stima che entro il 2025 verranno completati quasi 20 mila posti letto in tutte le principali città italiane: Milano e Torino registrano il più alto numero in pipeline, circa 7 mila a Milano e 4.100 a Torino, seguiti da Roma (2.700) e Firenze (circa 2.050). La futura disponibilità di alloggi per studenti entro il 2025 nelle principali città è stimata in quasi 49 mila posti letto: circa il 60% è già esistente, il 26% è pianificato, il 14% è in costruzione e una piccola parte in fase di ristrutturazione.\r\n\r\n“Rispetto al panorama internazionale il mercato dello student housing italiano è ancora giovane, ma con grandi potenzialità” commenta Antonio Fuoco, head of living capital markets di Jll Italia -. I posti letto che si prevede di aggiungere al mercato entro il 2025 sono quasi 20 mila, di cui il 34% già in costruzione. Più della metà della pipeline è concentrata a Milano e Torino, ma anche in altre città sono previsti diversi progetti entro i prossimi tre anni. Il gap tra la domanda e l'offerta offerta rimane ampio, soprattutto in località come Roma e Bologna, che presentano significative opportunità di sviluppo del settore. Sul fronte capital markets, il settore dello student housing è ancora agli inizi, anche se ci aspettiamo che la domanda degli investitori aumenti nei prossimi mesi. Tra le ragioni principali, la sua capacità di resistere a un'inflazione più elevata e il fatto di essere meno ciclica di altre asset class immobiliari, la crescita dei canoni e la maggiore facilità di implementazione di strategie esg. Infine, la crescita di questo mercato è estremamente importante in momenti di difficoltà dei mercati finanziari per la sua natura difensiva\".","post_title":"Cresce lo student housing in Italia: in arrivo 20 mila nuovi posti letto entro il 2025","post_date":"2022-12-06T12:47:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670330878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_338791\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Incondi[/caption]\r\n\r\nIn vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio.\r\n\r\nL’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente.\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima.\r\n\r\nGrazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km.\r\n\r\nCon «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia.\r\n\r\nCosì, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa.\r\n\r\n«La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia.\r\nLe scelte personali contano\r\nNonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque.\r\n\r\nCiononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose.\r\n\r\nLa ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti.\r\n\r\nIniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più.\r\n\r\nDel resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale.","post_title":"Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas","post_date":"2022-12-06T10:37:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670323040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435423","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tokyo celebra le imminenti festività con atmosfere dal sapore magico. Meguro e Roppongi, in particolare, si riempiono di illuminazioni suggestive e un mercatino natalizio dai tratti mitteleuropei.\r\nNonostante sia ormai l’apice del kōyō, il foliage autunnale, i sakura lungo il fiume Meguro tornano a essere protagonisti con il Megurogawa Minna no Illumination. Le schiere di ciliegi, che si estendono per circa due chilometri tra le stazioni di Gotanda e Osaki, sembrano rifiorire, illuminate da ben 350 mila luci Led. I sakura sul fiume Meguro diventano uno spettacolo che può essere ammirato fino all’11 gennaio 2023.\r\nAnche Roppongi Hills si veste di luce: come ogni anno, gli alberi di zelkova lungo la via Keiyakizaka si caricano di filari luminosi, creando una cornice intorno alla Tokyo Tower, che appare in fondo alla discesa. La passeggiata per Roppongi Hills può proseguire per Roku-Roku Plaza, per ammirare l’albero di Natale di 8 metri allestito da Cartier, e il Giardino Mohri, che per l’occasione delle feste è avvolto da un oceano sfavillante di illuminazioni blu. Nella vicina O-yane plaza, fino al giorno di Natale, si potranno vivere le atmosfere suggestive dell'Avvento tedesco in un mercatino che ricrea il famoso Weihnachtsmarkt di Stoccarda, il mercatino natalizio più grande del mondo. Durante manifestazione, organizzata da Mori Building Co., Ltd., con il sostegno dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania, dell’Ente Nazionale Germanico per il Turismo e di Goethe-Institut Tokyo, sarà possibile vivere l’esperienza quasi surreale di sorseggiare un buon bicchiere di caldo Glühwein e assaggiare sapori mitteleuropei, rimanendo nel centro di Tokyo.\r\nAttorno al fiume Meguro si sviluppa il quartiere di Nakameguro che, non lontano dalle zone trendy di Daikan’yama e Ebisu, ospita una miriade di caffè e ristoranti alla moda e il Nakameguro Koukashita, una galleria di negozi sotto i binari ferroviari. Roppongi Hills è invece l’area che si sviluppa attorno alla Mori Tower, con il Mori Art Museum, imperdibile per gli amanti dell’arte contemporanea,  e il Tokyo City View, da cui si può godere di una vista mozzafiato di tutta la città, anche di sera.","post_title":"Tokyo: il fascino e la magia delle festività natalizie avvolgono l'intera metropoli","post_date":"2022-12-05T12:01:23+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1670241683000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435417","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ha preso il via nel weekend il nuovo collegamento tra Milano Malpensa e Jeddah targato Wizz Air, che viene operato due volte alla settimana. La tratta rientra nel più ampio network - ben 23 rotte - che la low cost ha annunciato verso l'Arabia Saudita, a conferma dell'impegno della compagnia nel sostenere il settore turistico in crescita del Paese, portando oltre un milione di passeggeri nel Regno. Nell'aprile 2023, Wizz Air inaugurerà voli da Milano Malpensa verso Riyadh. La crescente presenza di Wizz Air è in linea con il programma del regno saudita, Vision 2030, che mira a triplicare il traffico passeggeri in Arabia entro il 2030.\r\n\r\n\"Con questa nuova rotta Wizz Air conferma ancora una volta il suo impegno verso l’Arabia Saudita, dove continuerà a innovare e a portare avanti la bandiera del volo low cost a beneficio dei residenti e dei visitatori sauditi e dell'economia in via di diversificazione del Paese” ha dichiarato Daria Sergeeva, corporate communications manager della low cost.\r\n\r\n\"L’apertura  della rotta per Gedda, e il previsto lancio del volo per Riyadh ad aprile, segnano una tappa importante nella partnership tra Sea e Wizz Air che grazie agli sviluppi annunciati del network vede migliorata la connettività internazionale dello scalo - ha sottolineato Andrea Tucci, vice president Aviation Business Development di Sea -. Siamo contenti di essere il primo aeroporto italiano che Wizz Air ha scelto per aprire questa rotta, la 28esima destinazione operata dalla compagnia dall'aeroporto di Malpensa: una testimonianza di sviluppo della sua presenza a Milano, che porta a un’ulteriore crescita economica oltre che a collegare la città e il Nord Italia con i Paesi turistici e le destinazioni business ancora da scoprire.”\r\n\r\nFahd Hamidaddin, ceo e membro del cda del Saudi Tourism Authority, ha concluso: “L’Arabia Saudita è la più grande nuova destinazione al mondo, inesplorata, unica e inaspettata. L'offerta turistica saudita è incomparabile, per ampiezza e diversità, dalla natura incontaminata, ai diversi paesaggi, alla ricca cultura, all'offerta di intrattenimento in rapida espansione e all'autentica ospitalità araba\".","post_title":"Wizz Air ha aperto il volo Milano Malpensa-Jeddah. Da aprile si volerà anche a Riyadh","post_date":"2022-12-05T11:24:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670239471000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435397","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.\r\n\r\nLa mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre.\r\n\r\nLa curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004.\r\n\r\nLa mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia.\r\n\r\nAll’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nTra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604.\r\n\r\nOggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”.\r\n\r\nLa Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023.","post_title":"Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte","post_date":"2022-12-05T10:30:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670236232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435403","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435409\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Una foto di Riad[/caption]\r\n\r\nL'Arabia Saudita si sta lanciando in una serie di macro progetti per incrementare la sua crescita turistica nei prossimi dieci anni. \r\n\r\nPertanto, intende costruire il più grande aeroporto del mondo, che potrebbe avere fino a quattro piste. Inoltre, investirà nel settore alberghiero con la costruzione di quasi mezzo milione di camere, oltre a un centro di sostenibilità globale dove verrà misurata l'impronta di carbonio.\r\n\r\nCon questo, cerca di raggiungere 100 milioni di turisti nel 2030 per garantire che il turismo rappresenti circa il 10% del Prodotto interno lordo (Pil) nazionale. Generalmente prevede anche quasi un milione di nuovi posti di lavoro.\r\n\r\nIl primo ministro e presidente del Consiglio per gli affari economici e di sviluppo dell'Arabia Saudita, Mohamed bin Salman bin Abdulaziz, ha sottolineato che questo «è il primo passo del nostro viaggio verso un futuro migliore e più luminoso per il nostro Paese e le nostre città. Abbiamo una visione completa e ambiziosa per l'Arabia Saudita fino al 2030».","post_title":"L'Arabia Saudita rilancia sul turismo. Vuole costruire l'aeroporto più grande del mondo","post_date":"2022-12-05T10:29:47+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1670236187000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435395","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair, Air Europa, Iberia Express e Binter avvertono dell'impatto che l'introduzione di una nuova tassa sul cherosene nell'Unione Europea avrà per il settore aereo e, quindi, per i viaggiatori.\r\n\r\nNell'ambito della Convenzione delle isole turistiche europee, tenutasi a Maspalomas, hanno avvertito che questa tassa \"va nella direzione opposta\" per ridurre le emissioni. Sostengono che la sua applicazione comporterà un taglio degli investimenti che dedicati alla decarbonizzazione.\r\n\r\n«Tutto ciò che viene imposto va nella direzione opposta e che impieghiamo più tempo per sviluppare queste tecnologie», avverte l'amministratore delegato di Iberia Express, Carlos Gómez, che influenza l'ambizioso piano di rinnovamento della flotta che la sua azienda sta portando avanti.\r\nNiente tasse\r\nIl presidente di Binter, Rodolfo Núñez, afferma che «la soluzione è non tassare l'attività. Vogliamo fare tutto il possibile e ne abbiamo la volontà, ma tassarlo impedirà alle aziende di spendere più soldi in innovazione e ricerca. Non si può legiferare contro un'attività che ci tiene in vita, che è il nostro stile di vita», dice.\r\n\r\nDa parte sua, l'amministratore delegato di Air Europa, Jesús Nuño de la Rosa, ricorda che «le compagnie aeree stanno facendo molto per innovare e ridurre le emissioni, ma da soli non possiamo». A suo avviso, le autorità dovrebbero «cambiare l'equazione», cercando una strategia per aiutare le compagnie aeree a ridurre i livelli di inquinamento invece di «tassare di più».\r\n\r\nIl presidente di ALA, Javier Gándara, e il responsabile della sostenibilità di Ryanair, Thomas Fowler, si esprimono in termini simili, avvertendo che la tassa sul cherosene porterà a una deviazione dei turisti verso destinazioni più economiche che non sono interessate dalla sua attuazione, come gli africani .","post_title":"Ipotesi di tassa sul cherosene della Ue. le compagnie non ci stanno","post_date":"2022-12-05T10:20:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670235642000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti