21 May 2024

Idee per Viaggiare: dopo Marcelletti arriva ora l’acquisizione di Chinasia

[ 0 ]

Prosegue la politica di espansione di Idee per Viaggiare che aggiunge un altro operatore specializzato, dopo l’acquisizione di poco più di un anno fa di Marcelletti. Il to capitolino ha infatti rilevato marchio, dominio e risorse umane di Chinasia, realtà monoprodotto Cina da 35 anni. L’idea del ceo IpV, Danilo Curzi, è quella di creare una struttura di team di lavoro super competenti in aree specifiche, a rappresentare valore agli occhi di viaggiatori e agenzie. Relativamente alla destinazione Cina, la scelta è virata quindi su un operatore fortemente specialistico, affidabile, esperto conoscitore, con un’affermata rete di fornitori e contatti.

L’entrata in Idee per Viaggiare consentirà dunque a Chinasia, duramente colpito dalla pandemia, di non disperdere il patrimonio di know how maturato in 35 anni di esperienza sul campo. L’operatore co-fondato da Laura Grassi ha infatti iniziato l’attività nel 1988 e fu fra i primi a esplorare il Gigante asiatico, contribuendo allo sviluppo del turismo italiano in Cina. Negli anni ha quindi impostato una ricca programmazione che, oltre alle partenze di gruppo, include pure tour per individuali. I diversi itinerari combinano aspetti monumentali e archeologici, religiosi e paesaggistici, in un contesto nel quale antico e contemporaneo convivono in buon equilibrio. Un impegno che è stato suggellato nel 2010 dall’assegnazione del premio Unesco quale riconoscimento per l’attenta selezione dei luoghi di visita previsti nei tour.

“Siamo felici di annunciare questa operazione, che amplia la nostra programmazione in Estremo Oriente – commenta lo stesso Curzi –. Lo facciamo attraverso un brand di grande prestigio, acquisendone la comprovata professionalità. Crediamo nel valore della specializzazione, nelle competenze maturate sul campo. Laura Grasso ha sposato il nostro progetto, entrando a far parte del nostro team”. La programmazione attuale Chinasia by Idee per Viaggiare si trova online sul sito ideeperviaggiare.it e a breve verrà ulteriormente arricchita. La proposta include tour di gruppo che permettono di scoprire le bellezze del Paese, con possibilità di estensioni in diverse destinazioni quali Thailandia, Emirati Arabi o Singapore.

“Ho cominciato a viaggiare in Cina nel lontano 1980 quando ancora il paese non si era completamente aperto al turismo internazionale e i primi gruppetti arrivavano sotto forma di delegazioni per rinforzare i legami di amicizia e collaborazione con l’Italia – aggiunge Laura Grassi -: un’esperienza esaltante da veri precursori, attraverso la quale abbiamo aperto e testato i primi itinerari, gli alberghi e i servizi in un’atmosfera di grande entusiasmo. Da allora molto è cambiato, la Cina si è attestata fra le più grandi potenze mondiali e anche dal punto di vista turistico ha allineato la qualità e l’efficienza dei suoi prodotti ai più alti standard internazionali, divenendo meta privilegiata per quanti credono che il viaggio sia ancora e soprattutto scoperta e meraviglia, ma anche comfort e relax. La terribile pandemia che abbiamo vissuto sembrava dovesse interrompere per sempre il filo che ci univa alla nostra destinazione d’elezione ma, come spesso accade nella vita, si è profilata ben presto una nuova possibilità di ripresa rappresentata da Idee per Viaggiare. Il progetto Chinasia by Idee per Viaggiare ha finalmente preso forma ed è diventata una realtà. Una sinergia che sono certa porterà buoni frutti garantendo continuità al nostro marchio, rispettando pienamente la qualità e la cura con la quale abbiamo sempre lavorato nel nome e nell’esempio di colui che ne è stato fondatore e anima, e al quale vogliamo dedicare questo nuovo inizio: Giancarlo Monaco”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412861" align="alignleft" width="217"] Maria Carmela Colaiacovo[/caption] Dal prossimo 30 giugno non sarà più possibile beneficiare dell’esonero contributivo previsto da Decontribuzione Sud. Una misura operativa dal 2021 che ha contribuito al mantenimento e rilancio dell’occupazione nel settore per le regioni del sud Italia. «La notizia arriva proprio alla vigilia dell’avvio della stagione turistica quando imprese e lavoratori sono nella fase di massimo impegno. L’esonero contributivo del 30% ha giocato un ruolo importante nel settore alberghiero dove impegno e risorse umane hanno un ruolo centrale. Imprese labour intensive che si misurano, in particolare proprio nel sud Italia con una concorrenza internazionale sostenuta da un sistema di costi fortemente competitivo». «È necessario un ripensamento, le misure previste nel Decreto Coesione, che dovrebbero surrogare all’assenza di Decontribuzione Sud, non si adattano alle esigenze del settore alberghiero» ha dichiarato Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.” [post_title] => Dal 30 giugno stop a Decontribuzione Sud. Preoccupazione di Aica [post_date] => 2024-05-20T14:34:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716215682000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467702 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumenta a doppia cifra il numero dei visitatori italiani a Malta: tra gennaio a marzo 2024 il dato ha registrato un +24,3% rispetto allo stesso periodo del 2023. In parallelo cresce anche la spesa totale degli italiani che raggiunge i 46,184 milioni di euro solo nel primo trimestre, pari a +20,2%. L’Italia resta uno dei mercati principali, registrando il 15,6% di share. A livello globale l'Isola ha centrato un aumento complessivo degli arrivi del +31,31% rispetto al primo trimestre 2023, che già aveva superato il miglior risultato precedente risalente al 2019. Interessanti anche i dati relativi all’incremento dei soggiorni con pernottamento a Gozo, seconda isola dell’arcipelago, sempre più riconosciuta quale meta a sé stante (+43,7% di turisti internazionali), così come la crescita omogenea di tutte le fasce di età, con un incremento maggiore segnato dal target 0-24 che, nei primi 3 mesi del 2024, è aumentato del 46,7%, dimostrando l’ampia gamma di offerte destinate ad ogni tipo di età. A supportare la parabola positiva degli arrivi italiani c'è sicuramente anche la raggiungibilità di Malta: meno di 2 ore con voli diretti da ben 20 aeroporti italiani operati da 5 compagnie differenti. «Tra le tendenze in atto di maggior successo, abbiamo osservato un interessante aumento di viaggiatori che si muovono in piccoli gruppi e che scelgono Malta per le ampie possibilità di personalizzazione del proprio itinerario. Grazie a questa possibilità, il turista si sente maggiormente coccolato, potendo godere di un’esperienza di livello superiore a parità di costo, concedendosi piccoli lussi su misura -  spiega Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia, che prosegue - una tendenza che viene sottolineata anche dai dati relativi a Gozo, che noi consideriamo una meta nella meta e che promuoviamo come destinazione votata al benessere in senso olistico, dove natura, cultura e servizi si fondono per accogliere una clientela che cerca un luogo autentico ma, al contempo, in grado di offrire un’accoglienza esperta e competente, perfettamente in grado a trovare soluzioni ad hoc per ogni tipo di esigenza». [post_title] => Malta, nuovo record di visitatori italiani: primo trimestre a +24,3% [post_date] => 2024-05-20T14:25:57+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716215157000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467660" align="alignleft" width="300"] Il cda di Terme di Sirmione[/caption] Cresce il fatturato di Terme di Sirmione. La controllata del gruppo Franco Gnutti Holding ha infatti chiuso il 2023 a quota 43,7 milioni di euro, pari a un +8,7% rispetto al 2022. L’utile è stato di 3,5 milioni, al netto di ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti per 3,4 milioni e imposte per 1,4 milioni. Margini operativi lordi (ebitda) per 9,1 milioni di euro, pari al 20,89% dei ricavi, completano il quadro dell’esercizio. Tutte le aree di business hanno contribuito alla crescita del fatturato. In particolare il settore salute, comparto che prima del Covid aveva sofferto di un progressivo declino e che la pandemia aveva particolarmente colpito, ha chiuso in sensibile miglioramento . Nonostante i numeri positivi, l’esercizio 2023 è stato comunque negativamente influenzato da alcuni fattori esogeni: la riduzione degli arrivi dalla Germania, mercato primario sul lago di Garda; eventi atmosferici non favorevoli; e soprattutto l’ormai cronica difficoltà di reperimento del personale. Per essere attrattiva in un mercato ancora caratterizzato da lavoro sommerso, Terme di Sirmione continua perciò a investire nella stabilizzazione del personale, che ha raggiunto una punta massima di 462 dipendenti di cui 270 a tempo indeterminato, nonché nella formazione attraverso una academy aziendale. E' stato anche mplementato un piano di welfare dedicato e rinnovate le certificazioni integrate di qualità, ambiente e sicurezza. Nel 2023, l'azienda ha effettuato investimenti pari a 4,3 milioni di euro, destinati per la maggior parte al completo restyling dello storico hotel Fonte Boiola e del reparto termale fortemente legato alla salute e alla cura. Ulteriori investimenti sono in corso nel comparto benessere e particolare attenzione è riservata all’area digitale e all’information technology, che governano non solo le attività di gestione e controllo ma sono sempre più connesse alle attività di marketing e comunicazione, oltre che di vendita con il supporto del sistema crm Salesforce in piena funzione ed efficacia di azione. Ad oggi tale strumento ha permesso di mappare quasi 800 mila clienti e di raggiungere 3,8 milioni di contatti in un anno. Superano i 14 milioni le pagine del sito visualizzate. [post_title] => Cresce il fatturato di Terme di Sirmione. Marginalità operative al 20,89% [post_date] => 2024-05-20T11:25:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716204345000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467649 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mancano soli cinque giorni al debutto di Delta Air Lines sulla Napoli-New York Jfk: da sabato, 25 maggio, decollerà infatti il nuovo collegamento giornaliero che consentirà inoltre ai passeggeri di proseguire il proprio viaggio dal Jfk verso oltre 70 destinazioni in tutto il Nord America. «Dopo Roma, Milano e Venezia, Napoli sarà la quarta città italiana servita da Delta dagli Stati Uniti - afferma Matteo Curcio, senior vice president Delta per l’Europa, il Medio Oriente, l’Africa e l’India -. La città partenopea, con la regione Campania e la Costiera Amalfitana, è una meta molto richiesta dal mercato statunitense, e siamo convinti che il nostro servizio avvantaggerà l’economia della regione per quanto riguarda il turismo in arrivo, oltre ad offrire una maggiore connettività da Napoli verso gli Stati Uniti rispetto a qualsiasi altro vettore. L’Italia è un mercato molto importante per Delta e quest’estate voleremo il nostro network transatlantico più grande di sempre». Quest'estate infatti la compagnia aerea aumenta l'offerta voli dall’Italia per gli Stati Uniti del 17% anno su anno, dopo aver trasportato nel 2023 Delta più di un milione di passeggeri tra i due Paesi. «Siamo entusiasti di aver riattivato, grazie a Delta, il volo giornaliero Napoli - New York Jfk ed orgogliosi dell’enorme lavoro svolto per incrementare la connettività dello scalo partenopeo - ha commentato Roberto Barbieri, amministratore delegato di Gesac -. La nuova rotta risponde ad una visione strategica che predilige un network di qualità, composto da 116 destinazioni, di cui 20 hub dai quali, grazie alla capillarità dei collegamenti, è possibile raggiungere, con un solo transito, qualsiasi parte del mondo. Con l’ingresso di Delta, si rafforza la partnership con il gruppo Air France-Klm e si consolida il segmento di mercato intercontinentale, fondamentale per lo sviluppo dei flussi turistici tra il Mezzogiorno e gli Stati Uniti»  «Da americana che vive e lavora a Napoli da quasi due anni – ha osservato la Console Generale degli Stati Uniti Tracy Roberts-Pounds - mi accorgo che c'è un legame speciale tra Napoli e New York, quindi mi congratulo con Delta Air Lines per aver fatto una scelta sicuramente vincente. Consiglierei a tutti coloro che viaggeranno su questo nuovo volo di considerare New York non soltanto come destinazione finale, ma anche una porta d’accesso verso tante altre mete negli Stati Uniti. Il nostro è un paese vasto, e ogni stato, ogni città ha caratteristiche diverse e ugualmente affascinanti». Sulla Napoli-New York Delta impiegherà un Boeing 767-300 da 211 posti, configurato con le classi Delta One - con poltrone completamente reclinabili -, Delta Premium Select, Delta Comfort+ e Main Cabin.  Nel picco della summer 2024, il vettore opererà fino a 94 voli settimanali tra l’Italia e gli Stati Uniti. In aggiunta alla rotta per Napoli, l’orario complessivo Delta includerà i collegamenti diretti da Roma Fiumicino per New York-Jfk, Atlanta, Boston e Detroit, da Milano Malpensa per New York-Jfk e Atlanta, e da Venezia Marco Polo per New York-Jfk e per Atlanta. [post_title] => Delta Air Lines: tra cinque giorni decolla il nuovo volo diretto Napoli-New York Jfk [post_date] => 2024-05-20T10:47:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716202052000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467647 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo nome per il VRetretas hotel Roma di Siracusa. D'ora in avanti si chiamerà infatti Palazzo Artemide, per sottolineare l'opera di rinnovamento della struttura condotta dal brand di Voihotels di casa Alpitour. Il gruppo ha infatti deciso di intervenire intervenire con l’obiettivo di rivisitare l'albergo in chiave contemporanea, pur operando nel rispetto della sua identità nativa. Nello specifico, la ristrutturazione ha interessato il piano terra con la nuova sistemazione degli ambienti interni comuni legati all’accoglienza, resi più spaziosi e armoniosi, rideterminati in base al rapporto con le diverse aperture dell’edificio su piazza Minerva. Particolare attenzione è stata rivolta al nuovo sistema di illuminazione, che valorizza le colonne preesistenti, le arcate e le volte interne, disposte su tutta l’area d’ingresso e alla conservazione dell’intera pavimentazione in marmo color ocra. Inoltre, sono stati rinnovati i vani destinati alle camere, aperti su due lati con ampie balconate e riorganizzati nei loro effetti decorativi con lavorazioni di cornici e campiture in gesso, tipiche della tradizione locale. A questa fase si è unito, contestualmente, l’intervento sull’edificio esterno che si affaccia su via Roma e su piazza Minerva, oltre che sullo spazio destinato al dehors. Fondato nel 18800, grazie alla sua posizione privilegiata sull'isola di Ortigia, incastonato per due lati tra la cattedrale e l’arcivescovado, Palazzo Artemide dispone di 40 camere, tra cui tre suite e sei Junior suite, nonché di un ristorante e di un bar che hanno a loro volta cambiato nome e sono ora conosciuti come Amunì, simbolo di una tradizione rinnovata che si ritrova anche nei piatti proposti. [post_title] => VRetreats: l'hotel Roma di Siracusa cambia nome e diventa Palazzo Artemide [post_date] => 2024-05-20T10:40:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716201617000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuotata nel lago nel silenzio del mattino. Il profumo di un giardino dopo il temporale. Un giro in città animate da arte e musica. Un bicchiere di vino sotto le stelle. È questo il “Lebensgefühl”, la “capacità di capovolgere le prospettive” che è al centro della campagna di comunicazione globale dell’Austria per il 2024. Lebensgefühl è una parola che identifica lo stile di vita austriaco, capace di apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Su queste note positive e mentre Vienna ospita la prima Biennale del Clima - un momento interdisciplinare e interattivo sui temi dell’arte e all’ecologia, volto a trovare risposte comuni alla crisi climatica e a lanciare nuove idee per il futuro - l’Austria si propone come destinazione privilegiata per la stagione estiva. Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, presenta i dati dell’andamento turistico e delle connessioni tra i due paesi: «I numeri del turismo stanno crescendo molto bene. Nel 2023 abbiamo avuto una crescita del 20% nei pernottamenti di ospiti italiani e anche gli ultimi mesi sono andati molto bene. Speriamo che il trend prosegua positivo. Abbiamo ottime connessioni ferroviarie in particolare tra Verona e Innsbruck. La Öbb ha nuovi Nightjet (servizi di treni passeggeri notturni) molto moderni e innovativi. È il nostro nuovo standard qualitativo. In settembre sarà disponibile un ulteriore collegamento. Al momento sono attivi quelli tra Genova e Vienna e tra Roma e Vienna, a cui verranno aggiunti nuovi vagoni per aumentare la disponibilità di posti. La connessione dovrebbe diventare operativa anche da Milano nel 2026». E poi uno sguardo alla ricca offerta della destinazione. «Quest’anno la capitale della cultura è Bad Ischl, che si trova in un’area rurale. È la prima volta che accade. La regione del Salzkammergut è molto nota in Austria, ma dev’essere ancora scoperta dai turisti italiani; abbiamo l’opportunità di rendere questa zona più popolare. Per diversificare la nostra proposta offriamo ai nostri ospiti affascinanti festival musicali - come quello noto di Salisburgo - eventi come la Designweek di Vienna e anche il festival Ars Electronica di Linz, che ci aiuta nell’intento di promuovere destinazioni meno popolari ma molto interessanti, le cosiddette “second cities” come, appunto, Linz, Graz e Innsbruck. Un tema molto importante per l’Austria è la sostenibilità. «La nostra visione è quella di diventare la destinazione più sostenibile al mondo e tutto il nostro sforzo è rivolto a rendere il turismo un settore che guardi alla sostenibilità e in cui tutti possano impegnarsi, dagli austriaci ai turisti». Quest’anno, all’approssimarsi della stagione estiva l’Austria promuove, in particolare, la Carinzia e l’area di Salisburgo. La Carinzia è una destinazione dove immergersi nella natura. Ideale per famiglie e per chi ama il turismo attivo. Da vivere su due ruote lungo il Gran Tour dei Laghi lungo ben 420km, oppure godendo di quel turismo “slow”, anche gastronomico, che ha fatto della Carinzia la prima Slow Food Travel Destination al mondo. La città di Salisburgo è invece un gioiello del barocco e patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Racconta una ricca offerta culturale e architettonica, oltre ai numerosi festival musicali, teatrali ed interpretati dalle note marionette. In queste settimane, al sopraggiungere della bella stagione, il centro cittadino ha ripreso vita con l’apertura dei giardini della birra - di cui Salisburgo è la capitale in Austria - e si celebra proprio il Lebensgefül. [post_title] => Austria: andamento positivo e impegno per l’ambiente. Focus Carinzia e Salisburgo [post_date] => 2024-05-20T09:32:06+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716197526000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467592 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Conto alla rovescia iniziato per Azores Airlines che, in vista della prossima summer season, aprirà il nuovo volo diretto per collegare l’Italia con le isole dell’oceano Atlantico. La compagnia aerea avvierà dal 5 giugno 2024 i voli diretti tra Milano Malpensa e Ponta Delgada: i voli opereranno il mercoledì e il venerdì, con partenza da Milano alle 14:10 (ora locale) e arrivo a Ponta Delgada alle 16:50 (ora locale). Nella direzione opposta, i voli partiranno da Ponta Delgada alle 7:15 e raggiungeranno a Milano alle 13:15. Milano è una destinazione importante per la confluenza di traffico e per i nuovi flussi turistici e Malpensa è il secondo aeroporto italiano in termini di traffico passeggeri e serve una delle aree metropolitane più grandi dell’Unione europea. Inoltre, rappresenta il quinto mercato di origine dei turisti che visitano l'arcipelago delle Azzorre. Fondata nel 1941, Azores Airlines è la compagnia aerea con il maggior numero di voli per le Azzorre e collega l'arcipelago al nord America, al continente europeo (compresi il Portogallo continentale e l'arcipelago di Madeira) e all'arcipelago di Capo Verde. L'offerta della compagnia aerea si abbina a quella di Sata Air Açores, che collega internamente le nove isole dell'arcipelago. La flotta è stata rinnovata con l’introduzione di nuovi modelli, A320neo, A321neo e A321neoLr. «Il nostro gruppo ci tiene particolarmente ad avere velivoli di ultima generazione, perché hanno un minor impatto sull’ambiente. E considerato che le isole Azzorre sono certificate come una destinazione sostenibile, di conseguenza vogliamo che lo sia anche la nostra compagnia aerea»  ha commentato Elena Negri, sales manager Sata. Le Azzorre sono una destinazione prevalentemente estiva, e per l’estate 2024 sono previsti 846 voli settimanali su 47 rotte, per collegare 10 paesi con 19 velivoli. E la stima è di circa 2 milioni di passeggeri. I voli internazionali operano sull'aeroporto di Ponta Delgada, da cui partono poi i collegamenti interni verso le altre isole dell'arcipelago. Le rotte internazionali principali includono i collegamenti sia verso gli Stati Uniti, su Boston, Toronto, New York e Montreal. Che verso l’Europa, con destinazioni come Lisbona, Parigi, Francoforte, Londra, Barcellona e dal 5 giugno Milano.  «Con questa operazione, Azores Airlines continua a rafforzare i suoi investimenti nel continente europeo. Anche se siamo solo alla fase di lancio, la domanda registrata finora ci permette già di prevedere un’ottima operatività estiva, durante la quale scommettiamo su un mercato con un grande potenziale di crescita» ha dichiarato Graça Silva, sales, marketing and communication director del vettore. Gli ultimi dati raccolti dal Azores Tourism Observatory mostrano che la compagnia aerea è stata la prima scelta dei passeggeri che hanno visitato l'arcipelago delle Azzorre durante l'alta stagione del 2023 ed è stata recentemente nominata compagnia aerea leader in Europa per i collegamenti con il Nord America 2024. La nuova rotta consente non solo il volo diretto tra Milano e Ponta Delgada, ma anche un breve scalo per raggiungere la città di Boston, oppure uno scalo più lungo, fino a sette giorni, in una destinazione intermedia prima di raggiungere la tappa finale. [post_title] => Azores Airlines: countodown per il nuovo volo Milano Malpensa-Ponta Delgada [post_date] => 2024-05-20T09:26:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => aerei [1] => azzorre ) [post_tag_name] => Array ( [0] => aerei [1] => Azzorre ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716197188000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467584 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via pochi giorni fa il BluPadel Tour, torneo di Bluvacanze e Vivere&Viaggiare dedicato allo sport a più rapido sviluppo negli ultimi anni. La competizione si divide in due progetti che vedono l’attuazione fino a fine anno e coinvolgeranno complessivamente 2 mila giocatori: anzitutto, le tappe del torneo City disputato nei circoli italiani, abbracciando tutto lo Stivale, dal Trentino al Piemonte e fino alla Calabria, con la finale nazionale a Rivoli (Torino), più una grand finale a Sharm el Sheikh al Valtur Reef Oasis Blue Bay Resort. «L’idea è nata da alcuni nostri punti vendita i cui gestori praticano il padel e l’hanno promossa con successo insieme ai circoli del proprio territorio, aggregando in poco tempo una community di appassionati con i quali condividere anche progetti di viaggio – spiega Antimo Russo della direzione network del gruppo Bluvacanze -: si pensi che è stato organizzato un gruppo di giocatori persino alle Maldive e molti altri stanno nascendo, grazie a resort e operatori che offrono ottime attrezzature». Il programma Padel ha subito attecchito nel network ed è presto diventato un prodotto di viaggio a tema sportivo, accessibile alla totalità dei 300 punti vendita del gruppo Bluvacanze attraverso il software gestionale. Nella destinazione egiziana, l'appuntamento è quindi per tutti i clienti, per una settimana all’insegna della vacanza attiva: il BluPadel Tour Village sarà infatti un evento aperto a ogni appassionato della disciplina; una nuova sfida dove si giocheranno diversi match per una settimana intera nei campi del Valtur Reef Oasis Blue Bay Resort e partenze aeree da tutta Italia. Nello specifico, il 16 novembre con volo da Verona e il 17 novembre da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Napoli e Bari. [post_title] => Partito il BluPadel Tour di Bluvacanze: gran finale al Valtur di Sharm con un evento aperto a tutti [post_date] => 2024-05-17T12:15:23+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715948123000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467579 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le prime indiscrezioni erano filtrate già più di due anni fa, ma ora arriva la conferma ufficiale: i Villini Sallustiani di Roma, che Merope Asset Management ha acquistato nel 2021 da Colony Capital, diventeranno la quinta proprietà Mandarin Oriental in Italia. La novità, la cui inaugurazione è prevista per il 2026, seguirà infatti gli hotel già operativi di Milano, del lago di Como e le già annunciate aperture di Cortina d’Ampezzo e Porto Cervo. Il complesso si trova all'interno del sito archeologico dei Giardini di Sallustio, situato tra le vie Piemonte e Sallustiana. Il Mandarin Oriental, Rome si svilupperà su un'area di oltre 18 mila metri quadrati, che ospita dieci villini del diciannovesimo secolo immersi in un parco. Le ville a loro volta ospiteranno 108 camere e suite, alcune dotate di giardino e terrazza privata. Nell’ambito dell’accordo raggiunto con Mandarin Oriental, Merope si occuperà degli interventi di riqualificazione e restauro, per un investimento complessivo di circa 100 milioni di euro, così come della gestione pluriennale della nuova struttura. Dopo un lungo lavoro di interlocuzione con l’amministrazione comunale, l’assemblea capitolina ha infatti recentemente approvato la proposta di permesso di costruire in deroga, con relativo cambio d’uso dell’area, da residenziale a ricettiva un passaggio determinante per la realizzazione del progetto. Il masterplan del progetto e l’intervento di riqualificazione e restauro dei villini, che verrà eseguito preservandone lo stile architettonico tipico del diciannovesimo secolo, è stato affidato a Bms, mentre l’interior design sarà curato dal duo francese Gilles&Boissier. L’f&b sarà affidato a DimoreStudio; P'arcnouveau è infine lo studio internazionale di architettura paesaggistica che si occuperà del verde. All’interno del complesso, gli ospiti potranno provare sei ristoranti e bar in diversi ambienti, a cui si aggiungerà la possibilità di scegliere se cenare all’aperto, oppure all’interno delle ville. Il Mandarin Bar sarà situato su un’ampia terrazza panoramica con vista sulla città. La Spa at Mandarin Oriental proporrà un’ampia gamma di esperienze benessere del gruppo. Gli amanti del fitness avranno a disposizione macchinari di ultima generazione, un’ampia piscina coperta oltre a quelle esterne che sorgeranno nel cuore dei giardini. Sei sale per i trattamenti, una suite vip, stanze termali e una terrazza completano l’offerta di benessere. [post_title] => Mandarin Oriental sbarca a Roma: aprirà nel 2026 nel complesso dei Villini Sallustiani [post_date] => 2024-05-17T11:54:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715946854000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "idee per viaggiare dopo marcelletti arriva ora lacquisizione di chinasia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":43,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3400,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412861\" align=\"alignleft\" width=\"217\"] Maria Carmela Colaiacovo[/caption]\r\n\r\nDal prossimo 30 giugno non sarà più possibile beneficiare dell’esonero contributivo previsto da Decontribuzione Sud. Una misura operativa dal 2021 che ha contribuito al mantenimento e rilancio dell’occupazione nel settore per le regioni del sud Italia.\r\n\r\n«La notizia arriva proprio alla vigilia dell’avvio della stagione turistica quando imprese e lavoratori sono nella fase di massimo impegno. L’esonero contributivo del 30% ha giocato un ruolo importante nel settore alberghiero dove impegno e risorse umane hanno un ruolo centrale. Imprese labour intensive che si misurano, in particolare proprio nel sud Italia con una concorrenza internazionale sostenuta da un sistema di costi fortemente competitivo».\r\n\r\n«È necessario un ripensamento, le misure previste nel Decreto Coesione, che dovrebbero surrogare all’assenza di Decontribuzione Sud, non si adattano alle esigenze del settore alberghiero» ha dichiarato Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.”","post_title":"Dal 30 giugno stop a Decontribuzione Sud. Preoccupazione di Aica","post_date":"2024-05-20T14:34:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1716215682000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467702","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aumenta a doppia cifra il numero dei visitatori italiani a Malta: tra gennaio a marzo 2024 il dato ha registrato un +24,3% rispetto allo stesso periodo del 2023.\r\nIn parallelo cresce anche la spesa totale degli italiani che raggiunge i 46,184 milioni di euro solo nel primo trimestre, pari a +20,2%.\r\nL’Italia resta uno dei mercati principali, registrando il 15,6% di share. A livello globale l'Isola ha centrato un aumento complessivo degli arrivi del +31,31% rispetto al primo trimestre 2023, che già aveva superato il miglior risultato precedente risalente al 2019. Interessanti anche i dati relativi all’incremento dei soggiorni con pernottamento a Gozo, seconda isola dell’arcipelago, sempre più riconosciuta quale meta a sé stante (+43,7% di turisti internazionali), così come la crescita omogenea di tutte le fasce di età, con un incremento maggiore segnato dal target 0-24 che, nei primi 3 mesi del 2024, è aumentato del 46,7%, dimostrando l’ampia gamma di offerte destinate ad ogni tipo di età.\r\nA supportare la parabola positiva degli arrivi italiani c'è sicuramente anche la raggiungibilità di Malta: meno di 2 ore con voli diretti da ben 20 aeroporti italiani operati da 5 compagnie differenti.\r\n«Tra le tendenze in atto di maggior successo, abbiamo osservato un interessante aumento di viaggiatori che si muovono in piccoli gruppi e che scelgono Malta per le ampie possibilità di personalizzazione del proprio itinerario. Grazie a questa possibilità, il turista si sente maggiormente coccolato, potendo godere di un’esperienza di livello superiore a parità di costo, concedendosi piccoli lussi su misura -  spiega Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia, che prosegue - una tendenza che viene sottolineata anche dai dati relativi a Gozo, che noi consideriamo una meta nella meta e che promuoviamo come destinazione votata al benessere in senso olistico, dove natura, cultura e servizi si fondono per accogliere una clientela che cerca un luogo autentico ma, al contempo, in grado di offrire un’accoglienza esperta e competente, perfettamente in grado a trovare soluzioni ad hoc per ogni tipo di esigenza».","post_title":"Malta, nuovo record di visitatori italiani: primo trimestre a +24,3%","post_date":"2024-05-20T14:25:57+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716215157000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467660\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il cda di Terme di Sirmione[/caption]\r\n\r\nCresce il fatturato di Terme di Sirmione. La controllata del gruppo Franco Gnutti Holding ha infatti chiuso il 2023 a quota 43,7 milioni di euro, pari a un +8,7% rispetto al 2022. L’utile è stato di 3,5 milioni, al netto di ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti per 3,4 milioni e imposte per 1,4 milioni. Margini operativi lordi (ebitda) per 9,1 milioni di euro, pari al 20,89% dei ricavi, completano il quadro dell’esercizio. Tutte le aree di business hanno contribuito alla crescita del fatturato. In particolare il settore salute, comparto che prima del Covid aveva sofferto di un progressivo declino e che la pandemia aveva particolarmente colpito, ha chiuso in sensibile miglioramento .\r\n\r\nNonostante i numeri positivi, l’esercizio 2023 è stato comunque negativamente influenzato da alcuni fattori esogeni: la riduzione degli arrivi dalla Germania, mercato primario sul lago di Garda; eventi atmosferici non favorevoli; e soprattutto l’ormai cronica difficoltà di reperimento del personale. Per essere attrattiva in un mercato ancora caratterizzato da lavoro sommerso, Terme di Sirmione continua perciò a investire nella stabilizzazione del personale, che ha raggiunto una punta massima di 462 dipendenti di cui 270 a tempo indeterminato, nonché nella formazione attraverso una academy aziendale. E' stato anche mplementato un piano di welfare dedicato e rinnovate le certificazioni integrate di qualità, ambiente e sicurezza.\r\n\r\nNel 2023, l'azienda ha effettuato investimenti pari a 4,3 milioni di euro, destinati per la maggior parte al completo restyling dello storico hotel Fonte Boiola e del reparto termale fortemente legato alla salute e alla cura. Ulteriori investimenti sono in corso nel comparto benessere e particolare attenzione è riservata all’area digitale e all’information technology, che governano non solo le attività di gestione e controllo ma sono sempre più connesse alle attività di marketing e comunicazione, oltre che di vendita con il supporto del sistema crm Salesforce in piena funzione ed efficacia di azione. Ad oggi tale strumento ha permesso di mappare quasi 800 mila clienti e di raggiungere 3,8 milioni di contatti in un anno. Superano i 14 milioni le pagine del sito visualizzate.","post_title":"Cresce il fatturato di Terme di Sirmione. Marginalità operative al 20,89%","post_date":"2024-05-20T11:25:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716204345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467649","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mancano soli cinque giorni al debutto di Delta Air Lines sulla Napoli-New York Jfk: da sabato, 25 maggio, decollerà infatti il nuovo collegamento giornaliero che consentirà inoltre ai passeggeri di proseguire il proprio viaggio dal Jfk verso oltre 70 destinazioni in tutto il Nord America.\r\n\r\n«Dopo Roma, Milano e Venezia, Napoli sarà la quarta città italiana servita da Delta dagli Stati Uniti - afferma Matteo Curcio, senior vice president Delta per l’Europa, il Medio Oriente, l’Africa e l’India -. La città partenopea, con la regione Campania e la Costiera Amalfitana, è una meta molto richiesta dal mercato statunitense, e siamo convinti che il nostro servizio avvantaggerà l’economia della regione per quanto riguarda il turismo in arrivo, oltre ad offrire una maggiore connettività da Napoli verso gli Stati Uniti rispetto a qualsiasi altro vettore. L’Italia è un mercato molto importante per Delta e quest’estate voleremo il nostro network transatlantico più grande di sempre».\r\n\r\nQuest'estate infatti la compagnia aerea aumenta l'offerta voli dall’Italia per gli Stati Uniti del 17% anno su anno, dopo aver trasportato nel 2023 Delta più di un milione di passeggeri tra i due Paesi.\r\n\r\n«Siamo entusiasti di aver riattivato, grazie a Delta, il volo giornaliero Napoli - New York Jfk ed orgogliosi dell’enorme lavoro svolto per incrementare la connettività dello scalo partenopeo - ha commentato Roberto Barbieri, amministratore delegato di Gesac -. La nuova rotta risponde ad una visione strategica che predilige un network di qualità, composto da 116 destinazioni, di cui 20 hub dai quali, grazie alla capillarità dei collegamenti, è possibile raggiungere, con un solo transito, qualsiasi parte del mondo. Con l’ingresso di Delta, si rafforza la partnership con il gruppo Air France-Klm e si consolida il segmento di mercato intercontinentale, fondamentale per lo sviluppo dei flussi turistici tra il Mezzogiorno e gli Stati Uniti» \r\n\r\n«Da americana che vive e lavora a Napoli da quasi due anni – ha osservato la Console Generale degli Stati Uniti Tracy Roberts-Pounds - mi accorgo che c'è un legame speciale tra Napoli e New York, quindi mi congratulo con Delta Air Lines per aver fatto una scelta sicuramente vincente. Consiglierei a tutti coloro che viaggeranno su questo nuovo volo di considerare New York non soltanto come destinazione finale, ma anche una porta d’accesso verso tante altre mete negli Stati Uniti. Il nostro è un paese vasto, e ogni stato, ogni città ha caratteristiche diverse e ugualmente affascinanti».\r\n\r\nSulla Napoli-New York Delta impiegherà un Boeing 767-300 da 211 posti, configurato con le classi Delta One - con poltrone completamente reclinabili -, Delta Premium Select, Delta Comfort+ e Main Cabin. \r\n\r\nNel picco della summer 2024, il vettore opererà fino a 94 voli settimanali tra l’Italia e gli Stati Uniti. In aggiunta alla rotta per Napoli, l’orario complessivo Delta includerà i collegamenti diretti da Roma Fiumicino per New York-Jfk, Atlanta, Boston e Detroit, da Milano Malpensa per New York-Jfk e Atlanta, e da Venezia Marco Polo per New York-Jfk e per Atlanta.","post_title":"Delta Air Lines: tra cinque giorni decolla il nuovo volo diretto Napoli-New York Jfk","post_date":"2024-05-20T10:47:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716202052000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467647","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo nome per il VRetretas hotel Roma di Siracusa. D'ora in avanti si chiamerà infatti Palazzo Artemide, per sottolineare l'opera di rinnovamento della struttura condotta dal brand di Voihotels di casa Alpitour. Il gruppo ha infatti deciso di intervenire intervenire con l’obiettivo di rivisitare l'albergo in chiave contemporanea, pur operando nel rispetto della sua identità nativa.\r\n\r\nNello specifico, la ristrutturazione ha interessato il piano terra con la nuova sistemazione degli ambienti interni comuni legati all’accoglienza, resi più spaziosi e armoniosi, rideterminati in base al rapporto con le diverse aperture dell’edificio su piazza Minerva. Particolare attenzione è stata rivolta al nuovo sistema di illuminazione, che valorizza le colonne preesistenti, le arcate e le volte interne, disposte su tutta l’area d’ingresso e alla conservazione dell’intera pavimentazione in marmo color ocra. Inoltre, sono stati rinnovati i vani destinati alle camere, aperti su due lati con ampie balconate e riorganizzati nei loro effetti decorativi con lavorazioni di cornici e campiture in gesso, tipiche della tradizione locale. A questa fase si è unito, contestualmente, l’intervento sull’edificio esterno che si affaccia su via Roma e su piazza Minerva, oltre che sullo spazio destinato al dehors.\r\n\r\nFondato nel 18800, grazie alla sua posizione privilegiata sull'isola di Ortigia, incastonato per due lati tra la cattedrale e l’arcivescovado, Palazzo Artemide dispone di 40 camere, tra cui tre suite e sei Junior suite, nonché di un ristorante e di un bar che hanno a loro volta cambiato nome e sono ora conosciuti come Amunì, simbolo di una tradizione rinnovata che si ritrova anche nei piatti proposti.","post_title":"VRetreats: l'hotel Roma di Siracusa cambia nome e diventa Palazzo Artemide","post_date":"2024-05-20T10:40:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716201617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuotata nel lago nel silenzio del mattino. Il profumo di un giardino dopo il temporale. Un giro in città animate da arte e musica. Un bicchiere di vino sotto le stelle. È questo il “Lebensgefühl”, la “capacità di capovolgere le prospettive” che è al centro della campagna di comunicazione globale dell’Austria per il 2024.\r\n\r\nLebensgefühl è una parola che identifica lo stile di vita austriaco, capace di apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Su queste note positive e mentre Vienna ospita la prima Biennale del Clima - un momento interdisciplinare e interattivo sui temi dell’arte e all’ecologia, volto a trovare risposte comuni alla crisi climatica e a lanciare nuove idee per il futuro - l’Austria si propone come destinazione privilegiata per la stagione estiva.\r\n\r\nHerwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, presenta i dati dell’andamento turistico e delle connessioni tra i due paesi: «I numeri del turismo stanno crescendo molto bene. Nel 2023 abbiamo avuto una crescita del 20% nei pernottamenti di ospiti italiani e anche gli ultimi mesi sono andati molto bene. Speriamo che il trend prosegua positivo. Abbiamo ottime connessioni ferroviarie in particolare tra Verona e Innsbruck. La Öbb ha nuovi Nightjet (servizi di treni passeggeri notturni) molto moderni e innovativi. È il nostro nuovo standard qualitativo. In settembre sarà disponibile un ulteriore collegamento. Al momento sono attivi quelli tra Genova e Vienna e tra Roma e Vienna, a cui verranno aggiunti nuovi vagoni per aumentare la disponibilità di posti. La connessione dovrebbe diventare operativa anche da Milano nel 2026».\r\n\r\nE poi uno sguardo alla ricca offerta della destinazione. «Quest’anno la capitale della cultura è Bad Ischl, che si trova in un’area rurale. È la prima volta che accade. La regione del Salzkammergut è molto nota in Austria, ma dev’essere ancora scoperta dai turisti italiani; abbiamo l’opportunità di rendere questa zona più popolare. Per diversificare la nostra proposta offriamo ai nostri ospiti affascinanti festival musicali - come quello noto di Salisburgo - eventi come la Designweek di Vienna e anche il festival Ars Electronica di Linz, che ci aiuta nell’intento di promuovere destinazioni meno popolari ma molto interessanti, le cosiddette “second cities” come, appunto, Linz, Graz e Innsbruck.\r\n\r\nUn tema molto importante per l’Austria è la sostenibilità. «La nostra visione è quella di diventare la destinazione più sostenibile al mondo e tutto il nostro sforzo è rivolto a rendere il turismo un settore che guardi alla sostenibilità e in cui tutti possano impegnarsi, dagli austriaci ai turisti». \r\n\r\nQuest’anno, all’approssimarsi della stagione estiva l’Austria promuove, in particolare, la Carinzia e l’area di Salisburgo. La Carinzia è una destinazione dove immergersi nella natura. Ideale per famiglie e per chi ama il turismo attivo. Da vivere su due ruote lungo il Gran Tour dei Laghi lungo ben 420km, oppure godendo di quel turismo “slow”, anche gastronomico, che ha fatto della Carinzia la prima Slow Food Travel Destination al mondo.\r\n\r\nLa città di Salisburgo è invece un gioiello del barocco e patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Racconta una ricca offerta culturale e architettonica, oltre ai numerosi festival musicali, teatrali ed interpretati dalle note marionette. In queste settimane, al sopraggiungere della bella stagione, il centro cittadino ha ripreso vita con l’apertura dei giardini della birra - di cui Salisburgo è la capitale in Austria - e si celebra proprio il Lebensgefül.","post_title":"Austria: andamento positivo e impegno per l’ambiente. Focus Carinzia e Salisburgo","post_date":"2024-05-20T09:32:06+00:00","category":["senza-categoria"],"category_name":["Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1716197526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467592","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Conto alla rovescia iniziato per Azores Airlines che, in vista della prossima summer season, aprirà il nuovo volo diretto per collegare l’Italia con le isole dell’oceano Atlantico.\r\n\r\n\r\nLa compagnia aerea avvierà dal 5 giugno 2024 i voli diretti tra Milano Malpensa e Ponta Delgada: i voli opereranno il mercoledì e il venerdì, con partenza da Milano alle 14:10 (ora locale) e arrivo a Ponta Delgada alle 16:50 (ora locale). Nella direzione opposta, i voli partiranno da Ponta Delgada alle 7:15 e raggiungeranno a Milano alle 13:15.\r\n\r\nMilano è una destinazione importante per la confluenza di traffico e per i nuovi flussi turistici e Malpensa è il secondo aeroporto italiano in termini di traffico passeggeri e serve una delle aree metropolitane più grandi dell’Unione europea. Inoltre, rappresenta il quinto mercato di origine dei turisti che visitano l'arcipelago delle Azzorre.\r\n\r\nFondata nel 1941, Azores Airlines è la compagnia aerea con il maggior numero di voli per le Azzorre e collega l'arcipelago al nord America, al continente europeo (compresi il Portogallo continentale e l'arcipelago di Madeira) e all'arcipelago di Capo Verde. L'offerta della compagnia aerea si abbina a quella di Sata Air Açores, che collega internamente le nove isole dell'arcipelago.\r\nLa flotta è stata rinnovata con l’introduzione di nuovi modelli, A320neo, A321neo e A321neoLr.\r\n\r\n«Il nostro gruppo ci tiene particolarmente ad avere velivoli di ultima generazione, perché hanno un minor impatto sull’ambiente. E considerato che le isole Azzorre sono certificate come una destinazione sostenibile, di conseguenza vogliamo che lo sia anche la nostra compagnia aerea»  ha commentato Elena Negri, sales manager Sata.\r\n\r\n\r\nLe Azzorre sono una destinazione prevalentemente estiva, e per l’estate 2024 sono previsti 846 voli settimanali su 47 rotte, per collegare 10 paesi con 19 velivoli. E la stima è di circa 2 milioni di passeggeri. I voli internazionali operano sull'aeroporto di Ponta Delgada, da cui partono poi i collegamenti interni verso le altre isole dell'arcipelago.\r\nLe rotte internazionali principali includono i collegamenti sia verso gli Stati Uniti, su Boston, Toronto, New York e Montreal. Che verso l’Europa, con destinazioni come Lisbona, Parigi, Francoforte, Londra, Barcellona e dal 5 giugno Milano. \r\n\r\n«Con questa operazione, Azores Airlines continua a rafforzare i suoi investimenti nel continente europeo. Anche se siamo solo alla fase di lancio, la domanda registrata finora ci permette già di prevedere un’ottima operatività estiva, durante la quale scommettiamo su un mercato con un grande potenziale di crescita» ha dichiarato Graça Silva, sales, marketing and communication director del vettore.\r\n\r\nGli ultimi dati raccolti dal Azores Tourism Observatory mostrano che la compagnia aerea è stata la prima scelta dei passeggeri che hanno visitato l'arcipelago delle Azzorre durante l'alta stagione del 2023 ed è stata recentemente nominata compagnia aerea leader in Europa per i collegamenti con il Nord America 2024.\r\n\r\nLa nuova rotta consente non solo il volo diretto tra Milano e Ponta Delgada, ma anche un breve scalo per raggiungere la città di Boston, oppure uno scalo più lungo, fino a sette giorni, in una destinazione intermedia prima di raggiungere la tappa finale.","post_title":"Azores Airlines: countodown per il nuovo volo Milano Malpensa-Ponta Delgada","post_date":"2024-05-20T09:26:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["aerei","azzorre"],"post_tag_name":["aerei","Azzorre"]},"sort":[1716197188000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467584","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha preso il via pochi giorni fa il BluPadel Tour, torneo di Bluvacanze e Vivere&Viaggiare dedicato allo sport a più rapido sviluppo negli ultimi anni. La competizione si divide in due progetti che vedono l’attuazione fino a fine anno e coinvolgeranno complessivamente 2 mila giocatori: anzitutto, le tappe del torneo City disputato nei circoli italiani, abbracciando tutto lo Stivale, dal Trentino al Piemonte e fino alla Calabria, con la finale nazionale a Rivoli (Torino), più una grand finale a Sharm el Sheikh al Valtur Reef Oasis Blue Bay Resort.\r\n\r\n«L’idea è nata da alcuni nostri punti vendita i cui gestori praticano il padel e l’hanno promossa con successo insieme ai circoli del proprio territorio, aggregando in poco tempo una community di appassionati con i quali condividere anche progetti di viaggio – spiega Antimo Russo della direzione network del gruppo Bluvacanze -: si pensi che è stato organizzato un gruppo di giocatori persino alle Maldive e molti altri stanno nascendo, grazie a resort e operatori che offrono ottime attrezzature».\r\n\r\nIl programma Padel ha subito attecchito nel network ed è presto diventato un prodotto di viaggio a tema sportivo, accessibile alla totalità dei 300 punti vendita del gruppo Bluvacanze attraverso il software gestionale. Nella destinazione egiziana, l'appuntamento è quindi per tutti i clienti, per una settimana all’insegna della vacanza attiva: il BluPadel Tour Village sarà infatti un evento aperto a ogni appassionato della disciplina; una nuova sfida dove si giocheranno diversi match per una settimana intera nei campi del Valtur Reef Oasis Blue Bay Resort e partenze aeree da tutta Italia. Nello specifico, il 16 novembre con volo da Verona e il 17 novembre da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Napoli e Bari.","post_title":"Partito il BluPadel Tour di Bluvacanze: gran finale al Valtur di Sharm con un evento aperto a tutti","post_date":"2024-05-17T12:15:23+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1715948123000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467579","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le prime indiscrezioni erano filtrate già più di due anni fa, ma ora arriva la conferma ufficiale: i Villini Sallustiani di Roma, che Merope Asset Management ha acquistato nel 2021 da Colony Capital, diventeranno la quinta proprietà Mandarin Oriental in Italia. La novità, la cui inaugurazione è prevista per il 2026, seguirà infatti gli hotel già operativi di Milano, del lago di Como e le già annunciate aperture di Cortina d’Ampezzo e Porto Cervo. Il complesso si trova all'interno del sito archeologico dei Giardini di Sallustio, situato tra le vie Piemonte e Sallustiana.\r\n\r\nIl Mandarin Oriental, Rome si svilupperà su un'area di oltre 18 mila metri quadrati, che ospita dieci villini del diciannovesimo secolo immersi in un parco. Le ville a loro volta ospiteranno 108 camere e suite, alcune dotate di giardino e terrazza privata. Nell’ambito dell’accordo raggiunto con Mandarin Oriental, Merope si occuperà degli interventi di riqualificazione e restauro, per un investimento complessivo di circa 100 milioni di euro, così come della gestione pluriennale della nuova struttura. Dopo un lungo lavoro di interlocuzione con l’amministrazione comunale, l’assemblea capitolina ha infatti recentemente approvato la proposta di permesso di costruire in deroga, con relativo cambio d’uso dell’area, da residenziale a ricettiva un passaggio determinante per la realizzazione del progetto.\r\n\r\nIl masterplan del progetto e l’intervento di riqualificazione e restauro dei villini, che verrà eseguito preservandone lo stile architettonico tipico del diciannovesimo secolo, è stato affidato a Bms, mentre l’interior design sarà curato dal duo francese Gilles&Boissier. L’f&b sarà affidato a DimoreStudio; P'arcnouveau è infine lo studio internazionale di architettura paesaggistica che si occuperà del verde.\r\n\r\nAll’interno del complesso, gli ospiti potranno provare sei ristoranti e bar in diversi ambienti, a cui si aggiungerà la possibilità di scegliere se cenare all’aperto, oppure all’interno delle ville. Il Mandarin Bar sarà situato su un’ampia terrazza panoramica con vista sulla città. La Spa at Mandarin Oriental proporrà un’ampia gamma di esperienze benessere del gruppo. Gli amanti del fitness avranno a disposizione macchinari di ultima generazione, un’ampia piscina coperta oltre a quelle esterne che sorgeranno nel cuore dei giardini. Sei sale per i trattamenti, una suite vip, stanze termali e una terrazza completano l’offerta di benessere.","post_title":"Mandarin Oriental sbarca a Roma: aprirà nel 2026 nel complesso dei Villini Sallustiani","post_date":"2024-05-17T11:54:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715946854000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti