31 July 2021

Burgio, Alpitour: oggi si parla tanto di sostenibilità perché è una novità. Tra 20 anni sarà la normalità

[ 0 ]

Energia fotovoltaica in uffici realizzati per sfruttare al meglio la luce naturale, nonché costruiti con precisi criteri ambientali. Attenzione alla raccolta della plastica e della carta, con l’obiettivo di diventare una compagnia completamente paper free. Ma anche prodotti travel dedicati al segmento green e gli investimenti per i Boeing di ultima generazione, che assicurano una riduzione delle emissioni di oltre il 20%. Sono solo alcune delle attenzioni che il gruppo Alpitour dedica al tema della sostenibilità.

Come spesso accade, ha raccontato il presidente e amministratore delegato della compagnia, Gabriele Burgio, a SustainEconomy.24, report del Sole 24 Ore Radiocor e della Luiss Business School, di queste cose oggi si parla tanto perché si tratta di innovazioni. Tra una ventina d’anni non sarà più così perché saranno diventate parte della nostra normalità.

Certo qualsiasi cambiamento non è mai un processo lineare. La catena Voihotels, per esempio, aveva intrapreso una serie di iniziative per l’eliminazione della plastica monouso, ma l’arrivo della pandemia ha sostanzialmente imposto un passo indietro di 50 anni, ha sottolineato sempre Burgio. Ciò detto, la maggior parte delle strutture della compagnia alberghiera del gruppo vanta oggi la certificazione del Global sustainable tourism council, patrocinato tra gli altri dalla Unwto. E poi c’è la grande novità di quest’anno: l’introduzione negli hotel e nei resort del gruppo di saponi solidi, che sono più facilmente trasportabili e che soprattutto non necessitano di particolari impacchettamenti, garantendo in questo modo un risparmio di più di 2.800 chili di plastica.

La nuova fornitura è stata già testata in alcuni resort e la clientela, tutta italiana, non ha mostrato particolare reticenza nei suoi confronti, come si poteva temere inizialmente. Da qui la decisione di dotare tutte le strutture tricolori di saponi solidi per la prossima estate. Infine c’è grande attenzione anche all’enogastronomia, con una crescente offerta di prodotti a chilometri zero, bio e senza glutine.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti