23 February 2024

India: Monografia Viaggi dell’Elefante, Jet Airways

Monografia sull’India realizzata dal giornale Travel Quotidiano per presentare le meraviglie dell’India e le proposte di viaggio del tour operator Viaggi dell’Elefante e tutte le informazioni sui voli della compagnia aerea Jet Airways. Al suo interno anche un’intervista al direttore dell’Ente per il Turismo Indiano in Italia, Gobind C. Bhuyan.

L’India è un Paese dai numeri enormi che le fanno sprigionare un’energia fortissima. Un’energia che ritroviamo nelle costruzioni, nella vita della gente, nella profondità spirituale e mistica di alcune forme di vita, ma sopratutto che ritroviamo nei suoi contrasti. L’estremamente povero e il ricco sfacciato, sono le due componenti della stessa medaglia, esattamente come lo sono la tigre e l’elefante, i due animali simbolo di questo Paese. Due “pachiderma” pur se di due razze totalmente diverse, ma due modi opposti di vivere il rapporto con l’uomo: l’uno servizievole, di sostegno, l’altra più schiva e magari pericolosa. Un Paese dove forse la prima cosa che ci colpisce in assoluto è l’odore, come diceva anche Pasolini nel suo libro “L’odore dell’India”. Gli odori provengono da tutte le direzioni: è un odore forte quello del clima, caldo umido tipicamente tropicale; è odore il sudore delle tante persone che vivono questi spazi. Profumano le spezie che vengono vendute o cucinate. Odorano le candele accese e gli incensi che bruciano. Ma l’India non è comunque solo questo.

india

L’India dei grandi contrasti, della popolazione infinita, dei colori e dei palazzi dei Maharajà, è solo la parte del Paese che meglio si presta a farsi conoscere. Non dimentichiamo infatti che il subcontinente conta oltre 5 mila chilometri di spiagge, il 50% delle quali basse e sabbiose. Ma il mare qui, è pur sempre l’oceano, quindi freddo e pericoloso. Ma è ancora India quando, a meno di un’ora di volo, ci troviamo immersi nel paradiso delle isole Andamane, Laccadive o, spingendosi un po’ più là, delle più famose Maldive. È un viaggio nel mondo dell’influenza indiana anche un’estensione in Kashmir o in Nepal, a nord, oppure in Bhutan, nel nord ovest o nel vicino Sri Lanka a sud. Un viaggio in India, insomma, è molto più di una vacanza, è un percorso nelle emozioni, nei colori e negli odori. È un viaggio che va pianificato. Tradizionalmente, per comodità turistiche, distinguiamo 3 indie: quella a nord, monumentale, più conosciuta, con una forte penetrazione di cultura islamica, ma anche quella delle grandi città e dei grandi contrasti. In questo spazio distinguiamo, anche qui per comodità turi-stiche, il Rajasthan, uno degli Stati della Repubblica, grande almeno come la Francia. È lo stato dei grandi palazzi dei Maharajà, dei colori e della ricchezza. Forse, anche per questo, il Rajasthan è l’impatto meno duro per un turista che per la prima volta visita l’India. Infine troviamo il sud, pieno di natura, patria delle spezie, forse la parte più autentica del Paese. L’India, quindi, come un luogo da vivere e da scoprire in più viaggi, sapendo però di avere un piccolo vantaggio. Pur nella lontananza, infatti, e nelle grandi differenze, gli indiani ci somigliano più di quello che immaginiamo, e proprio come noi amano ridere, mangiare, scherzare, emozionarsi con la vita. Benvenuti in India.


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462039 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte. La manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri. Il clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta. Le compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina. Le novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.   [post_title] => Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore [post_date] => 2024-02-23T09:12:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708679554000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote. Diversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano. Non mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro. È uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi.  La Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po.  Per i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo. Si chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto. Arte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia. Pedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.         [post_title] => Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France [post_date] => 2024-02-16T09:45:37+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076737000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461585 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' entrata in vigore a Bali la nuova tassa di ingresso per i turisti stranieri, che ammonta a 150.000 rupie (9,60 dollari) con lo scopo, secondo quanto dichiarato dalle autorità indonesiane, di proteggere l'ambiente e la cultura dell'isola. I dati ufficiali mostrano che quasi 4,8 milioni di turisti hanno visitato Bali tra gennaio e novembre del 2023. La tassa di soggiorno, annunciata per la prima volta l'anno scorso ed entrata in vigore dal 14 febbraio, si applica ai turisti stranieri che entrano nella provincia dall'estero o da altre parti del Paese, mentre i turisti indonesiani ne sono esenti. I viaggiatori sono invitati a pagare prima dell'arrivo, attraverso il sito web Love Bali. Prima della pandemia, il turismo contribuiva per circa il 60% al Pil annuale di Bali. Secondo l'ufficio statistico della provincia, nel novembre 2023 l'Australia è stata il maggior contributore di turisti stranieri a Bali, con oltre 100.000 arrivi. Seguono i turisti provenienti da India, Cina e Singapore. [post_title] => Bali: in vigore la nuova tassa di ingresso per i turisti stranieri [post_date] => 2024-02-16T09:20:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708075237000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461285 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quality Group conferma le previsioni dello scorso inizio ottobre e chiude il 2023 superando di slancio quota 200 milioni, raggiungendo i 205 milioni di euro di fatturato complessivo. Un risultato dell'84% superiore a quello dell'anno precedente, ottenuto anche grazie a una crescita del 70% dei passeggeri, che hanno oltrepassato quota 60 mila. “Siamo molto soddisfatti del risultato conseguito nel 2023, che è frutto soprattutto del carico di energia, impegno ed entusiasmo per la ripartenza offerto da tutte le persone che fanno parte del nostro gruppo - sottolinea il direttore commerciale, Marco Peci -. Il risultato finale è stato persino rallentato dalle inefficienze di alcuni fornitori, dalla scarsità di voli e dalla situazione geopolitica determinatasi da ottobre in avanti. Malgrado questo siamo riusciti a crescere sensibilmente, a gestire in maniera brillante le difficoltà della ripartenza e a consolidare la nostra posizione sul mercato". L’andamento delle prenotazioni 2023 per la compagnia si è concentrato prevalentemente tra gennaio e maggio e le destinazioni che hanno performato meglio sono state Egitto, Giordania, Marocco, Stati Uniti, Nord Europa, Giappone, Polinesia, Uzbekistan e Indonesia. Il 2023 ha visto in particolare l’affermarsi in modo preponderante delle prenotazioni in advance booking, che rappresentano all’incirca il 70% del fatturato totale, per una media registrata di quattro mesi d'anticipo dalla data partenza. È cresciuto inoltre in maniera considerevole il segmento di clientela alto spendente e anche la fascia d’età si è ampliata e oggi spazia dai 30 agli over 75 anni. Per il 2024 Quality Group prevede di consolidare l’eccellente risultato dell’anno appena concluso: “Le complessità dovute alla situazione geopolitica internazionale ci fanno guardare con cautela alle ulteriori potenzialità di crescita del nostro gruppo. Quindi, pur registrando a oggi trend molto positivi, ci aspettiamo di chiudere il nuovo anno consolidando l’eccezionale risultato del 2023”. Le destinazioni che stanno performando meglio in questo inizio di 2024 sono Usa, Messico, Sudafrica, Oman, Indonesia, Giappone, Islanda. Vietnam, Giappone, India, Sudafrica e Messico sono in particolare le mete più richieste sul lungo raggio per la Pasqua, mentre sull’estate crescono molto paesi come Turchia, Usa, Islanda, Indonesia. Quality Group prevede inoltre risultati molto positivi dalla ripartenza della Cina. che dalla pandemia si è rifatta il look, rendendosi ancora più attraente, evoluta, tecnologica e fruibile. Questo Paese, inoltre, per la prima volta nella storia, ha liberalizzato i visti d’ingresso per il mercato italiano, facilitando quindi l’accesso nel paese. Per il nuovo anno Quality Group rinnova e arricchisce infine la propria programmazione allargando il focus dei suoi itinerari dalle nazioni ai territori: “Siamo sempre alla ricerca di nuove occasioni di scoperta da proporre ai nostri clienti, siano queste nuovi paesi o nuovi territori - conclude Peci -. Per il 2024 abbiamo lavorato molto sui territori perché ci sono tesori nascosti, fuori dagli itinerari classici, che meritano di essere conosciuti. Ciò ci permette di valorizzare aree e proporre un turismo che sia sostenibile, contenendo gli effetti dell’overtourism”. [post_title] => Quality group oltre la soglia dei 200 mln di fatturato: +84% sul 2022 [post_date] => 2024-02-12T10:52:05+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707735125000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461263 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461267" align="alignleft" width="300"] Le pagine iniziali del nuovo catalogo Giappone di Amo il Mondo[/caption] Si chiama More than a travel ed è il nuovo concept del to di casa Uvet specializzato nel lungo raggio tailor made, Amo il Mondo. Una proposta concentrata sui prodotti esperienziali, pensato per fa vivere ai viaggiatori le destinazioni a 360 gradi. Ma sono tante le novità 2024 dell'operatore divise in tre linee di prodotto. Si comincia dalla Classici, che comprende le rotte tradizionali e intramontabili. Sono i tour più amati dai clienti Amo il Mondo, costruiti anche con l'obiettivo di garantire l'equilibrio tra prezzo e qualità dei servizi. Ci sono poi gli Experience Tour, che permettono di vivere esperienze suggestive, viaggi autentici, per chi non si accontenta delle rotte tradizionali. Infine, ecco, le Luxury Temptation: esperienze e strutture selezionate che si contraddistinguono per la cura nei servizi, il comfort e le location uniche. Rimangono inoltre protagonisti indiscussi della programmazione tailor made di Amo il Mondo, i viaggi di nozze. La programmazione si declina infine in ben sette nuovi cataloghi per il 2024 e 2025, in parte già online. Ai pilastri della programmazione del to, Oriente, Africa, India e Oceano Indiano, Australia e Oceano Pacifico, Stati Uniti, Messico e Caraibi, si aggiungono in particolare i nuovi volumi dedicati a Centro e Sud America, Medio Oriente e Giappone. [post_title] => Amo il Mondo presenta i cataloghi 2024-24: novità Centro e Sud America, Medio Oriente e Giappone [post_date] => 2024-02-12T10:06:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707732405000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460827 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gulf Air guarda all'estate 2024 con la conferma dei collegamenti dall'Italia e un bilancio sostanzialmente positivo del 2023 appena chiuso. "Lo scorso anno abbiamo offerto 67.000 posti da Milano Malpensa con circa 400 voli" ha dichiarato Paolo Pausini, country manager della compagnia che in Italia è rappresentata da Rephouse Gsa, ricordando che il vettore è ad operare nel nostro Paese nel "giugno 2022 con 5 frequenze da Malpensa che dal marzo successivo sono diventate giornaliere: di questi 7 voli, quattro sono diretti per il Bahrain e tre sono via Roma Fiumicino. Dal prossimo 2 luglio le frequenze saliranno a dieci alla settimana, con l'aggiunta di tre voli sempre via Roma ". I collegamenti italiani vengono operati da Airbus A321neo configurati con 16 posti in Falcon Gold Class, dotati di flat bed. L'estate 2024 conterà su un network di 54 destinazioni, di cui naturalmente alcune stagionali, "con un focus oltre che sul Golfo, su Arabia Saudita (con ben sei destinazioni collegate), India e destinazioni di lungo raggio leisure, dalla Thailandia a Singapore e Maldive, oltre che tratte interessanti per un traffico più tipicamente vfr come Filippine e Sri Lanka". Da sottolineare che anche per la prossima summer verrà operata la Milano-Nizza e precisamente tra il 2 giugno e il 29 settembre "con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica".   [post_title] => Rilancio Gulf Air sulle rotte Italia-Bahrain: dal 2 luglio 10 voli settimanali [post_date] => 2024-02-06T10:50:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707216640000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460672 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_443101" align="alignleft" width="300"] Il Radisson Collection Santa Sofia Milan[/caption] C'è anche il Santa Sofia Milan tra le aperture di un 2023 da sviluppi record per Radisson. Negli scorsi 12 mesi il gruppo ha infatti inaugurato ben 250 strutture in tutto il mondo, per un totale di oltre 30 mila camere. "Il numero più alto di sempre", sottolinea l'executive vice president e global chief development officer, Elie Younes. La compagnia, che può contare oggi su un portfolio di dieci brand, ha visto peraltro aumentare le dimensioni della propria offerta del 50% negli ultimi cinque anni. Tra le novità 2023, si segnala anche l'hotel Berlin, prima proprietà Radisson Individuals nella capitale tedesca, che ha aperto i battenti come quarto albergo più grande della città con oltre 700 camere e suite. Il brand ha segnato il proprio debutto pure a Parigi e in Thailandia, con le inaugurazioni dello Yac Paris Clichy e del Lewit Hotel Pattaya. In India, sono invece due i nuovi Radisson Individuals: l'Uday Palace Navsari e il Palchan Hotel & Spa di Manali. Anche la Radisson Collection ha debuttato in India, nonché in Nigeria, Egitto e Lituania, espandendosi poi in mercati già presidiati quali il Belgio, con l’acquisizione del The National Hotel, così come in Italia, proprio con il Santa Sofia Milan, seconda proprietà nella capitale del design e della moda tricolore e quinta struttura nella Penisola. Dopo l’annuncio iniziale nel maggio 2022, nel 2023 il gruppo ha quindi accelerato la crescita globale del marchio lifestyle premium art'otel, in collaborazione con Pphe. Dopo il London Battersea Power Station e la più recente inaugurazione a Zagabria, lo sviluppo del brand prevede ora nuove aperture a Roma e a Londra Hoxton. A novembre è stata la volta del Radisson Blu Hotel at Porsche Design Tower Stuttgart, nonché dell’acquisizione di un ulteriore Radisson Blu nell’ambito del progetto Triangle a Parigi, ideato per diventare la nuova destinazione multifunzionale della città. Tra le altre new entry in pipeline si segnalano anche inediti Radisson Blu in Giordania, Marocco, India, Turchia, Polonia, Arabia Saudita e Nigeria. Ma è l'eponimo Radisson a rimanere il marchio in più rapida espansione. Nel 2023, il brand ha infatti registrato l'arrivo di quasi 40 nuove proprietà nel proprio portfolio: in Svizzera, il gruppo ha in particolare aperto il più grande hotel di Zurigo. Indirizzi inediti sono stati aggiunti pure nel Regno Unito, così come è stata rafforzata la presenza del marchio in India grazie all'inaugurazione del Sonamarg, settimo hotel nella regione del Kashmir. I debutti hanno invece riguardato l’isola tropicale della Riunione, Budapest e Baku Il brand Radisson Red ha fatto poi il suo ingresso in Serbia, a Belgrado, così come a Helsinki, a Tbilisi e a Phuket. Infine il capitolo resort, con le new entry Radisson Blu Resort, Mani in Grecia, Radisson Blu Resort, Kumbhalgarh in India e Fridays Boracay, a Radisson Collection Resort nelle Filippine, oltre a nuove aperture alle Fiji, in Turchia e in Polonia. [post_title] => Gruppo Radisson: sviluppo record nel 2023 con oltre 30 mila nuove camere [post_date] => 2024-02-02T11:54:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706874844000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Singapore è la Porta dell’Oriente, una città-stato che si sviluppa su un arcipelago formato da 58 isole, separate dalla Malesia da uno stretto e ad essa collegata da un ponte. Un luogo dove nel corso del tempo la cultura malese, quella cinese e quella indiana hanno incontrato lo stile di vita europeo creando un melting-pot affascinante. Una città che è il quarto centro finanziario del mondo, dove la modernità si confronta con l’architettura e la gastronomia tradizionale. E, soprattutto, un’isola immersa nella natura tropicale, ideale per l’ecotourism. Si raggiunge con Singapore Airlines ed è il luogo ideale dove fare uno stop-over di qualche giorno prima di proseguire un viaggio verso il South Asia, l’Australia (con diversi voli giornalieri verso Sydney, Brisbane, Melbourne, Cairns, Darwin, Adelaide e Perth) o la Nuova Zelanda. La compagnia di bandiera ha il suo hub nella città e fedele al claim: “World class is everything we do” offre un grande comfort al passeggero a bordo dei nuovi Airbus 350 e garantisce 7 voli settimanali dall’aeroporto di Milano e 3 da Roma, che diventeranno 4 a partire dal 3 aprile. «Il nostro obiettivo è quello di continuare ad aumentare la capacità richiesta dalla forte domanda - afferma Dale Woodhouse, general manager Italy della compagnia -. Singapore Airlines risponde così alla crescita costante del leisure travel e al desiderio del viaggiatore di vivere nuove esperienze. A Singapore si respira il profumo dell’Asia, un aroma tropicale unico che non si dimentica più. Singapore è unica; per la difesa dell’ambiente sono stati anche realizzati dei corridoi ecologici che permettono il passaggio della fauna. Specie rare ed esotiche di animali si spostano da una parte all’altra ed è bellissimo osservarle». «Il mio consiglio è quello di fermarsi a Singapore per 3, 4 giorni, perché c’è veramente tanto da scoprire. - prosegue infatti Melissa Thompson, area director Western Europe del Singapore Tourism Board -. La città è un’introduzione al Sud-est dell’Asia: offre una grande diversità culturale e questo le dona un’identità unica. Riserve naturali e giardini coprono il 50% del territorio: a soli 15’ dalla città si possono vedere i coccodrilli. È facile da esplorare, grazie a un’efficiente sistema di trasporti Anche le lingue si incontrano per andare a formare una versione dell’inglese tipica dell’area e chiamata “Senglish”». Singapore è anche gastronomia al top, che passa dai vivaci Hawker centres (oggi patrimonio dell’Unesco) ai 55 ristoranti stellati Michelin. Il suo passato di colonia britannica ne ha fatto un punto di incontro di popoli e tradizioni. Dalla locale Chinatown a Little India, al pittoresco quartiere coloniale di Katong. Senza dimenticare la modernissima Orchard Road, ideale per lo shopping o Marina Bay, l’area bonificata e sottratta al mare per costruire edifici futuristici e l’incredibile Marina Bay Sands, il resort inaugurato nel 2010 e costituito da tre torri sovrastate da una piattaforma con piscine e ristoranti. Tutto questo viene raccontato anche nella campagna “Made in Singapore” lanciata dal Singapore Tourism Board per ispirare i viaggiatori. [gallery ids="460681,460679,460680"] [post_title] => Singapore tutta da scoprire con Singapore Airlines, che aumenta la capacità dall'Italia [post_date] => 2024-02-02T11:38:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706873897000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia india" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":14,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":377,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462039","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte.\r\n\r\nLa manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri.\r\n\r\nIl clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta.\r\n\r\nLe compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina.\r\n\r\nLe novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.\r\n\r\n ","post_title":"Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore","post_date":"2024-02-23T09:12:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708679554000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote.\r\n\r\nDiversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano.\r\n\r\nNon mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro.\r\n\r\nÈ uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi. \r\n\r\nLa Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po. \r\n\r\nPer i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo.\r\n\r\nSi chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto.\r\n\r\nArte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia.\r\n\r\nPedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France","post_date":"2024-02-16T09:45:37+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708076737000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461585","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' entrata in vigore a Bali la nuova tassa di ingresso per i turisti stranieri, che ammonta a 150.000 rupie (9,60 dollari) con lo scopo, secondo quanto dichiarato dalle autorità indonesiane, di proteggere l'ambiente e la cultura dell'isola.\r\n\r\nI dati ufficiali mostrano che quasi 4,8 milioni di turisti hanno visitato Bali tra gennaio e novembre del 2023. La tassa di soggiorno, annunciata per la prima volta l'anno scorso ed entrata in vigore dal 14 febbraio, si applica ai turisti stranieri che entrano nella provincia dall'estero o da altre parti del Paese, mentre i turisti indonesiani ne sono esenti. I viaggiatori sono invitati a pagare prima dell'arrivo, attraverso il sito web Love Bali.\r\n\r\nPrima della pandemia, il turismo contribuiva per circa il 60% al Pil annuale di Bali. Secondo l'ufficio statistico della provincia, nel novembre 2023 l'Australia è stata il maggior contributore di turisti stranieri a Bali, con oltre 100.000 arrivi. Seguono i turisti provenienti da India, Cina e Singapore.","post_title":"Bali: in vigore la nuova tassa di ingresso per i turisti stranieri","post_date":"2024-02-16T09:20:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708075237000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461285","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quality Group conferma le previsioni dello scorso inizio ottobre e chiude il 2023 superando di slancio quota 200 milioni, raggiungendo i 205 milioni di euro di fatturato complessivo. Un risultato dell'84% superiore a quello dell'anno precedente, ottenuto anche grazie a una crescita del 70% dei passeggeri, che hanno oltrepassato quota 60 mila.\r\n\r\n“Siamo molto soddisfatti del risultato conseguito nel 2023, che è frutto soprattutto del carico di energia, impegno ed entusiasmo per la ripartenza offerto da tutte le persone che fanno parte del nostro gruppo - sottolinea il direttore commerciale, Marco Peci -. Il risultato finale è stato persino rallentato dalle inefficienze di alcuni fornitori, dalla scarsità di voli e dalla situazione geopolitica determinatasi da ottobre in avanti. Malgrado questo siamo riusciti a crescere sensibilmente, a gestire in maniera brillante le difficoltà della ripartenza e a consolidare la nostra posizione sul mercato\".\r\n\r\nL’andamento delle prenotazioni 2023 per la compagnia si è concentrato prevalentemente tra gennaio e maggio e le destinazioni che hanno performato meglio sono state Egitto, Giordania, Marocco, Stati Uniti, Nord Europa, Giappone, Polinesia, Uzbekistan e Indonesia. Il 2023 ha visto in particolare l’affermarsi in modo preponderante delle prenotazioni in advance booking, che rappresentano all’incirca il 70% del fatturato totale, per una media registrata di quattro mesi d'anticipo dalla data partenza. È cresciuto inoltre in maniera considerevole il segmento di clientela alto spendente e anche la fascia d’età si è ampliata e oggi spazia dai 30 agli over 75 anni.\r\n\r\nPer il 2024 Quality Group prevede di consolidare l’eccellente risultato dell’anno appena concluso: “Le complessità dovute alla situazione geopolitica internazionale ci fanno guardare con cautela alle ulteriori potenzialità di crescita del nostro gruppo. Quindi, pur registrando a oggi trend molto positivi, ci aspettiamo di chiudere il nuovo anno consolidando l’eccezionale risultato del 2023”. Le destinazioni che stanno performando meglio in questo inizio di 2024 sono Usa, Messico, Sudafrica, Oman, Indonesia, Giappone, Islanda. Vietnam, Giappone, India, Sudafrica e Messico sono in particolare le mete più richieste sul lungo raggio per la Pasqua, mentre sull’estate crescono molto paesi come Turchia, Usa, Islanda, Indonesia. Quality Group prevede inoltre risultati molto positivi dalla ripartenza della Cina. che dalla pandemia si è rifatta il look, rendendosi ancora più attraente, evoluta, tecnologica e fruibile. Questo Paese, inoltre, per la prima volta nella storia, ha liberalizzato i visti d’ingresso per il mercato italiano, facilitando quindi l’accesso nel paese.\r\n\r\nPer il nuovo anno Quality Group rinnova e arricchisce infine la propria programmazione allargando il focus dei suoi itinerari dalle nazioni ai territori: “Siamo sempre alla ricerca di nuove occasioni di scoperta da proporre ai nostri clienti, siano queste nuovi paesi o nuovi territori - conclude Peci -. Per il 2024 abbiamo lavorato molto sui territori perché ci sono tesori nascosti, fuori dagli itinerari classici, che meritano di essere conosciuti. Ciò ci permette di valorizzare aree e proporre un turismo che sia sostenibile, contenendo gli effetti dell’overtourism”.","post_title":"Quality group oltre la soglia dei 200 mln di fatturato: +84% sul 2022","post_date":"2024-02-12T10:52:05+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707735125000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461263","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461267\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Le pagine iniziali del nuovo catalogo Giappone di Amo il Mondo[/caption]\r\n\r\nSi chiama More than a travel ed è il nuovo concept del to di casa Uvet specializzato nel lungo raggio tailor made, Amo il Mondo. Una proposta concentrata sui prodotti esperienziali, pensato per fa vivere ai viaggiatori le destinazioni a 360 gradi. Ma sono tante le novità 2024 dell'operatore divise in tre linee di prodotto. \r\n\r\nSi comincia dalla Classici, che comprende le rotte tradizionali e intramontabili. Sono i tour più amati dai clienti Amo il Mondo, costruiti anche con l'obiettivo di garantire l'equilibrio tra prezzo e qualità dei servizi. Ci sono poi gli Experience Tour, che permettono di vivere esperienze suggestive, viaggi autentici, per chi non si accontenta delle rotte tradizionali. Infine, ecco, le Luxury Temptation: esperienze e strutture selezionate che si contraddistinguono per la cura nei servizi, il comfort e le location uniche. Rimangono inoltre protagonisti indiscussi della programmazione tailor made di Amo il Mondo, i viaggi di nozze.\r\n\r\nLa programmazione si declina infine in ben sette nuovi cataloghi per il 2024 e 2025, in parte già online. Ai pilastri della programmazione del to, Oriente, Africa, India e Oceano Indiano, Australia e Oceano Pacifico, Stati Uniti, Messico e Caraibi, si aggiungono in particolare i nuovi volumi dedicati a Centro e Sud America, Medio Oriente e Giappone.","post_title":"Amo il Mondo presenta i cataloghi 2024-24: novità Centro e Sud America, Medio Oriente e Giappone","post_date":"2024-02-12T10:06:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707732405000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460827","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gulf Air guarda all'estate 2024 con la conferma dei collegamenti dall'Italia e un bilancio sostanzialmente positivo del 2023 appena chiuso.\r\n\r\n\"Lo scorso anno abbiamo offerto 67.000 posti da Milano Malpensa con circa 400 voli\" ha dichiarato Paolo Pausini, country manager della compagnia che in Italia è rappresentata da Rephouse Gsa, ricordando che il vettore è ad operare nel nostro Paese nel \"giugno 2022 con 5 frequenze da Malpensa che dal marzo successivo sono diventate giornaliere: di questi 7 voli, quattro sono diretti per il Bahrain e tre sono via Roma Fiumicino. Dal prossimo 2 luglio le frequenze saliranno a dieci alla settimana, con l'aggiunta di tre voli sempre via Roma \". I collegamenti italiani vengono operati da Airbus A321neo configurati con 16 posti in Falcon Gold Class, dotati di flat bed.\r\n\r\nL'estate 2024 conterà su un network di 54 destinazioni, di cui naturalmente alcune stagionali, \"con un focus oltre che sul Golfo, su Arabia Saudita (con ben sei destinazioni collegate), India e destinazioni di lungo raggio leisure, dalla Thailandia a Singapore e Maldive, oltre che tratte interessanti per un traffico più tipicamente vfr come Filippine e Sri Lanka\".\r\n\r\nDa sottolineare che anche per la prossima summer verrà operata la Milano-Nizza e precisamente tra il 2 giugno e il 29 settembre \"con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica\".\r\n\r\n ","post_title":"Rilancio Gulf Air sulle rotte Italia-Bahrain: dal 2 luglio 10 voli settimanali","post_date":"2024-02-06T10:50:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707216640000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460672","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_443101\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Radisson Collection Santa Sofia Milan[/caption]\r\n\r\nC'è anche il Santa Sofia Milan tra le aperture di un 2023 da sviluppi record per Radisson. Negli scorsi 12 mesi il gruppo ha infatti inaugurato ben 250 strutture in tutto il mondo, per un totale di oltre 30 mila camere. \"Il numero più alto di sempre\", sottolinea l'executive vice president e global chief development officer, Elie Younes. La compagnia, che può contare oggi su un portfolio di dieci brand, ha visto peraltro aumentare le dimensioni della propria offerta del 50% negli ultimi cinque anni.\r\n\r\nTra le novità 2023, si segnala anche l'hotel Berlin, prima proprietà Radisson Individuals nella capitale tedesca, che ha aperto i battenti come quarto albergo più grande della città con oltre 700 camere e suite. Il brand ha segnato il proprio debutto pure a Parigi e in Thailandia, con le inaugurazioni dello Yac Paris Clichy e del Lewit Hotel Pattaya. In India, sono invece due i nuovi Radisson Individuals: l'Uday Palace Navsari e il Palchan Hotel & Spa di Manali.\r\n\r\nAnche la Radisson Collection ha debuttato in India, nonché in Nigeria, Egitto e Lituania, espandendosi poi in mercati già presidiati quali il Belgio, con l’acquisizione del The National Hotel, così come in Italia, proprio con il Santa Sofia Milan, seconda proprietà nella capitale del design e della moda tricolore e quinta struttura nella Penisola.\r\n\r\nDopo l’annuncio iniziale nel maggio 2022, nel 2023 il gruppo ha quindi accelerato la crescita globale del marchio lifestyle premium art'otel, in collaborazione con Pphe. Dopo il London Battersea Power Station e la più recente inaugurazione a Zagabria, lo sviluppo del brand prevede ora nuove aperture a Roma e a Londra Hoxton. A novembre è stata la volta del Radisson Blu Hotel at Porsche Design Tower Stuttgart, nonché dell’acquisizione di un ulteriore Radisson Blu nell’ambito del progetto Triangle a Parigi, ideato per diventare la nuova destinazione multifunzionale della città. Tra le altre new entry in pipeline si segnalano anche inediti Radisson Blu in Giordania, Marocco, India, Turchia, Polonia, Arabia Saudita e Nigeria.\r\n\r\nMa è l'eponimo Radisson a rimanere il marchio in più rapida espansione. Nel 2023, il brand ha infatti registrato l'arrivo di quasi 40 nuove proprietà nel proprio portfolio: in Svizzera, il gruppo ha in particolare aperto il più grande hotel di Zurigo. Indirizzi inediti sono stati aggiunti pure nel Regno Unito, così come è stata rafforzata la presenza del marchio in India grazie all'inaugurazione del Sonamarg, settimo hotel nella regione del Kashmir. I debutti hanno invece riguardato l’isola tropicale della Riunione, Budapest e Baku\r\n\r\nIl brand Radisson Red ha fatto poi il suo ingresso in Serbia, a Belgrado, così come a Helsinki, a Tbilisi e a Phuket. Infine il capitolo resort, con le new entry Radisson Blu Resort, Mani in Grecia, Radisson Blu Resort, Kumbhalgarh in India e Fridays Boracay, a Radisson Collection Resort nelle Filippine, oltre a nuove aperture alle Fiji, in Turchia e in Polonia.","post_title":"Gruppo Radisson: sviluppo record nel 2023 con oltre 30 mila nuove camere","post_date":"2024-02-02T11:54:04+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706874844000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Singapore è la Porta dell’Oriente, una città-stato che si sviluppa su un arcipelago formato da 58 isole, separate dalla Malesia da uno stretto e ad essa collegata da un ponte. Un luogo dove nel corso del tempo la cultura malese, quella cinese e quella indiana hanno incontrato lo stile di vita europeo creando un melting-pot affascinante.\r\nUna città che è il quarto centro finanziario del mondo, dove la modernità si confronta con l’architettura e la gastronomia tradizionale. E, soprattutto, un’isola immersa nella natura tropicale, ideale per l’ecotourism. \r\nSi raggiunge con Singapore Airlines ed è il luogo ideale dove fare uno stop-over di qualche giorno prima di proseguire un viaggio verso il South Asia, l’Australia (con diversi voli giornalieri verso Sydney, Brisbane, Melbourne, Cairns, Darwin, Adelaide e Perth) o la Nuova Zelanda. La compagnia di bandiera ha il suo hub nella città e fedele al claim: “World class is everything we do” offre un grande comfort al passeggero a bordo dei nuovi Airbus 350 e garantisce 7 voli settimanali dall’aeroporto di Milano e 3 da Roma, che diventeranno 4 a partire dal 3 aprile.\r\n«Il nostro obiettivo è quello di continuare ad aumentare la capacità richiesta dalla forte domanda - afferma Dale Woodhouse, general manager Italy della compagnia -. Singapore Airlines risponde così alla crescita costante del leisure travel e al desiderio del viaggiatore di vivere nuove esperienze. A Singapore si respira il profumo dell’Asia, un aroma tropicale unico che non si dimentica più. Singapore è unica; per la difesa dell’ambiente sono stati anche realizzati dei corridoi ecologici che permettono il passaggio della fauna. Specie rare ed esotiche di animali si spostano da una parte all’altra ed è bellissimo osservarle».\r\n «Il mio consiglio è quello di fermarsi a Singapore per 3, 4 giorni, perché c’è veramente tanto da scoprire. - prosegue infatti Melissa Thompson, area director Western Europe del Singapore Tourism Board -. La città è un’introduzione al Sud-est dell’Asia: offre una grande diversità culturale e questo le dona un’identità unica. Riserve naturali e giardini coprono il 50% del territorio: a soli 15’ dalla città si possono vedere i coccodrilli. È facile da esplorare, grazie a un’efficiente sistema di trasporti Anche le lingue si incontrano per andare a formare una versione dell’inglese tipica dell’area e chiamata “Senglish”».\r\n Singapore è anche gastronomia al top, che passa dai vivaci Hawker centres (oggi patrimonio dell’Unesco) ai 55 ristoranti stellati Michelin. Il suo passato di colonia britannica ne ha fatto un punto di incontro di popoli e tradizioni. Dalla locale Chinatown a Little India, al pittoresco quartiere coloniale di Katong. Senza dimenticare la modernissima Orchard Road, ideale per lo shopping o Marina Bay, l’area bonificata e sottratta al mare per costruire edifici futuristici e l’incredibile Marina Bay Sands, il resort inaugurato nel 2010 e costituito da tre torri sovrastate da una piattaforma con piscine e ristoranti. Tutto questo viene raccontato anche nella campagna “Made in Singapore” lanciata dal Singapore Tourism Board per ispirare i viaggiatori.\r\n[gallery ids=\"460681,460679,460680\"]","post_title":"Singapore tutta da scoprire con Singapore Airlines, che aumenta la capacità dall'Italia","post_date":"2024-02-02T11:38:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706873897000]}]}}