8 December 2022

India: Monografia Viaggi dell’Elefante, Jet Airways

Monografia sull’India realizzata dal giornale Travel Quotidiano per presentare le meraviglie dell’India e le proposte di viaggio del tour operator Viaggi dell’Elefante e tutte le informazioni sui voli della compagnia aerea Jet Airways. Al suo interno anche un’intervista al direttore dell’Ente per il Turismo Indiano in Italia, Gobind C. Bhuyan.

L’India è un Paese dai numeri enormi che le fanno sprigionare un’energia fortissima. Un’energia che ritroviamo nelle costruzioni, nella vita della gente, nella profondità spirituale e mistica di alcune forme di vita, ma sopratutto che ritroviamo nei suoi contrasti. L’estremamente povero e il ricco sfacciato, sono le due componenti della stessa medaglia, esattamente come lo sono la tigre e l’elefante, i due animali simbolo di questo Paese. Due “pachiderma” pur se di due razze totalmente diverse, ma due modi opposti di vivere il rapporto con l’uomo: l’uno servizievole, di sostegno, l’altra più schiva e magari pericolosa. Un Paese dove forse la prima cosa che ci colpisce in assoluto è l’odore, come diceva anche Pasolini nel suo libro “L’odore dell’India”. Gli odori provengono da tutte le direzioni: è un odore forte quello del clima, caldo umido tipicamente tropicale; è odore il sudore delle tante persone che vivono questi spazi. Profumano le spezie che vengono vendute o cucinate. Odorano le candele accese e gli incensi che bruciano. Ma l’India non è comunque solo questo.

india

L’India dei grandi contrasti, della popolazione infinita, dei colori e dei palazzi dei Maharajà, è solo la parte del Paese che meglio si presta a farsi conoscere. Non dimentichiamo infatti che il subcontinente conta oltre 5 mila chilometri di spiagge, il 50% delle quali basse e sabbiose. Ma il mare qui, è pur sempre l’oceano, quindi freddo e pericoloso. Ma è ancora India quando, a meno di un’ora di volo, ci troviamo immersi nel paradiso delle isole Andamane, Laccadive o, spingendosi un po’ più là, delle più famose Maldive. È un viaggio nel mondo dell’influenza indiana anche un’estensione in Kashmir o in Nepal, a nord, oppure in Bhutan, nel nord ovest o nel vicino Sri Lanka a sud. Un viaggio in India, insomma, è molto più di una vacanza, è un percorso nelle emozioni, nei colori e negli odori. È un viaggio che va pianificato. Tradizionalmente, per comodità turistiche, distinguiamo 3 indie: quella a nord, monumentale, più conosciuta, con una forte penetrazione di cultura islamica, ma anche quella delle grandi città e dei grandi contrasti. In questo spazio distinguiamo, anche qui per comodità turi-stiche, il Rajasthan, uno degli Stati della Repubblica, grande almeno come la Francia. È lo stato dei grandi palazzi dei Maharajà, dei colori e della ricchezza. Forse, anche per questo, il Rajasthan è l’impatto meno duro per un turista che per la prima volta visita l’India. Infine troviamo il sud, pieno di natura, patria delle spezie, forse la parte più autentica del Paese. L’India, quindi, come un luogo da vivere e da scoprire in più viaggi, sapendo però di avere un piccolo vantaggio. Pur nella lontananza, infatti, e nelle grandi differenze, gli indiani ci somigliano più di quello che immaginiamo, e proprio come noi amano ridere, mangiare, scherzare, emozionarsi con la vita. Benvenuti in India.


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_309863" align="alignleft" width="300"] Stefano Gargiulo[/caption] Anche quest’anno, per la sesta edizione consecutiva, l’indagine “Migliori in Italia - Campioni del servizio” realizzata dall’Istituto tedesco di qualità e finanza, premia Europcar Mobility Group Italy come il Miglior autonoleggio in Italia per l’eccellente servizio offerto con il suo brand Europcar. La chiave per fidelizzare i clienti? Senza dubbio un servizio eccellente. Ed è proprio sulla Customer Satisfaction, da sempre una priorità per Europcar Mobility Group, che si basa “Migliori in Italia – Campioni del Servizio”, la più ampia indagine sul livello del servizio offerto dalle aziende in Italia che, quest’anno, ha raccolto il giudizio dei consumatori di quasi 2.000 aziende suddivise in 190 diversi settori.  Per ciascuno dei 190 settori del mercato analizzati è stato calcolato un punteggio “Service Experience Score” (SES) che indica la quota media degli italiani che hanno dato un giudizio positivo al servizio ricevuto dalle aziende appartenenti a quel settore. Europcar, con un punteggio SES del 78,2% si è collocato al primo posto nel mercato di appartenenza ricevendo il sigillo “N.1 Servizio”.  «Aggiudicarsi un premio prestigioso è sempre motivo di grande orgoglio, ma nulla ci gratifica più della soddisfazione dei nostri Ccienti che con costanza, anno dopo anno, scelgono di premiare Europcar - ha detto Stefano Gargiulo, managing director di Europcar Mobility Group Italia -. Il Sigillo di Qualità che ci viene riconosciuto dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, non rappresenta un traguardo, ma un invito a continuare a fare il massimo per garantire un servizio sempre più innovativo, con la qualità che contraddistingue un brand Premium come Europcar». [post_title] => Europcar premiato come miglior autonoleggio italiano [post_date] => 2022-12-07T12:00:15+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670414415000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023. Ancora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti.  Il metaturismo non è mai in competizione con il viaggio Il metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è "un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione. Si tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  "il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire". Non un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica. "Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio".   [gallery ids="435565,435564,435563"] Gli altri focus dell'edizione 2022 Una delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore. Le stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco. I driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%). Secondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.   Il fenomeno Great Resignation Un altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.   [post_title] => BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023 [post_date] => 2022-12-06T14:59:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie [1] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie [1] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670338745000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435366 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha inaugurato il 3 dicembre la nuova rotta da Roma Fiumicino a Nuova Delhi: il collegamento, operato con Airbus A330 decollato lo scorso sabato con un load factor del 100%, avrà tre frequenze settimanali, con partenza alle 14:10 ogni lunedì, mercoledì e sabato da Roma Fiumicino; il volo di ritorno è previsto da Nuova Delhi ogni martedì, giovedì e domenica alle 3:50. Il volo intercontinentale si aggiunge ai sette già operati dalla compagnia su New York, Los Angeles, Boston, Miami, Buenos Aires, San Paolo e Tokyo. L’espansione nel mercato Asia continuerà a dicembre con l’apertura della rotta Roma-Malè, che sarà operata dal 17 dicembre e fino al 15 aprile 2023 “Ita Airways, con l’apertura di questa nuova rotta, unico volo diretti tra le capitali dei due Paesi, intende contribuire ulteriormente all’integrazione culturale e allo sviluppo della relazione economica tra i due Paesi - ha dichiarato Emiliana Limosani, cco del vettore e ceo di Volare - che negli ultimi anni hanno sviluppato un solido partenariato politico e commerciale, con la presenza di più di 600 imprese italiane in India e con un interscambio bilaterale che nel 2021 ha raggiunto un valore record di più di 10 miliardi di euro". “L’India, con oltre 230.000 passeggeri trasportati nel corso del 2019, rappresenta un mercato di primaria importanza per la connettività intercontinentale del nostro scalo - ha aggiunto Ivan Bassato chief aviation officer di Aeroporti di Roma -. e l’apertura di questa rotta testimonia l’importanza del principale aeroporto italiano nella strategia di sviluppo di Ita, oltre che i livelli di attrattività raggiunti dall’hub romano nei confronti di compagnie aeree e passeggeri, dopo due anni di stop dovuti alle restrizioni per il Covid”. Al taglio del nastro per il decollo del volo hanno partecipato anche l’Ambasciatrice dell’India presso la Repubblica Italiana e San Marino, Neena Malhotra, il presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma e la neo ceo di Enit, Ivana Jelinic: "Il volo segna una ripresa che è una boccata d’ossigeno per il comparto che così si proietta in prospettiva e si apre a nuove frontiere - ha sottolineato quest'ultima -. Il mercato indiano ha una capacità di spesa elevata ed è alla ricerca di eventi esclusivi e l’Italia ha tutti gli elementi per porsi come naturale attrattore di riferimento. Si punta su sfide di competitività internazionale che riposizionino la Penisola in un mercato con un forte potenziale. Quella di oggi è un'opportunità significativa per incrementare il turismo tra i due Paesi”.   [post_title] => Ita Airways ed Enit inaugurano la Roma-Nuova Delhi: nona destinazione long haul [post_date] => 2022-12-05T10:12:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670235142000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435378 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Thai Airways e Singapore Airlines hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) volto alla creazione di una nuova partnership strategica. Nel mirino una più estesa condivisione dei rispettivi codici di volo e una futura collaborazione commerciale di ampio respiro che offra ai passeggeri più scelta, oltre a maggiori vantaggi e a una migliore esperienza di viaggio. Inizialmente Thai e Sia applicheranno il codeshare sui rispettivi collegamenti tra Singapore e Bangkok. Thai opererà in codeshare anche sui voli di Sia verso Città del Capo e Johannesburg in Sudafrica; Houston, Los Angeles, New York (Jfk e Newark Liberty), San Francisco e Seattle negli Stati Uniti, nonché Vancouver in Canada, entro il primo trimestre del 2023, previa approvazione delle autorità. Saranno esplorati ulteriori accordi di codeshare verso destinazioni dei network di entrambe le compagnie aeree per supportare una maggiore connettività aerea verso la Thailandia e Singapore, nonché verso città in Europa, India e rotte del Pacifico sud-occidentale.     [post_title] => Thai Airways in codeshare con Singapore Airlines, nuova partnership strategica [post_date] => 2022-12-05T09:54:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670234087000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435331" align="alignleft" width="300"] Francesco di Cesare[/caption] Segnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio. «Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo. Nella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese. Dall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture. Significativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale. Con l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio». [post_title] => Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema [post_date] => 2022-12-02T11:34:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980899000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Singapore Airlines e il Gruppo Tata hanno confermato la prossima fusione della joint venture Vistara in Air India; nell'ambito dell'accordo Sia acquisirà una partecipazione del 25,1% in Air India. Oltre a conferire la propria quota di Vistara, Sia investirà 250 milioni di dollari nella nuova compagnia aerea. Le due parti mirano a completare la fusione entro marzo 2024, previa approvazione delle autorità di regolamentazione. L'accordo creerà un rivale più forte per il vettore dominante del Paese, IndiGo, e darà alla compagnia aerea di Singapore, che non ha un mercato nazionale, un punto d'appoggio più solido in uno dei mercati dell'aviazione in più rapida crescita al mondo. Inoltre, consentirà al conglomerato indiano di consolidare i propri marchi attorno al servizio completo Air India e alla low cost Air India Express. Singapore e Tata avevano creato Vistara nel 2013: ora, con l'annunciato merger, il marchio probabilmente sarà eliminato. E' altresì possibile che a seguito della fusione la stessa Air India potrebbe cambiare a breve la propria livrea. [post_title] => Air India: entro marzo 2024 la fusione con Vistara [post_date] => 2022-11-30T09:20:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669800058000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2022 sono aumentati i flussi turistici a Roma, mentre il mercato del lavoro stenta ancora a superare lo “choc Covid”. Questi i dati presentati al recente incontro capitolino per celebrare il Trentennale dell’Ente bilaterale turismo del lazio (Ebtl)   Da un’analisi dell’Ebtl sulle difficoltà di incontro domanda-offerta di lavoro nel comparto seguito al Covid, un report fatto dall’Università di Roma ha messo in evidenza come “in Italia si fatica a tornare ai livelli di contrattualizzazioni pre-Covid, con i 1.4 milioni circa nel 2022 rispetto ai 1.5 milioni del 2019 (-7,2%) dopo i drastici cali 2020 e 2021”.  La giornata, tenutasi nel Salone delle Fontane di Roma, è stata aperta con il ricordo dei 30 anni di attività dell’Ente e il saluto dell’Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino. Tre i panel tematici tenutisi nel corso della giornata che hanno visto la presenza degli assessori al turismo di regione Lazio e Roma Capitale, Valentina Corrado e Alessandro Onorato, e della presidente della IX commissione lavoro e formazione della regione Lazio Eleonora Mattia, che hanno dialogato con i rappresentanti datoriali e sindacali del settore.  Una prima proiezione sui dati di chiusura di fine 2022 indica che Roma Capitale chiuderà l’anno turistico con circa 15.000.000 arrivi e circa 34.460.000 presenze, con un recupero, rispetto al 2019, del 77,00% degli arrivi e del 74,00% delle presenze, in miglioramento rispetto ai primi dieci mesi dell’anno.  Nonostante le attuali difficoltà domanda-offerta di lavoro, e il fatto che per “molte imprese del turismo la chiusura dell’anno sarà comunque negativa a causa dei primi tre mesi del 2022 caratterizzati da chiusure e restrizioni”, il presidente dell’Ebtl Tommaso Tanzilli si è espresso positivamente per la ripresa dei flussi soprattutto dall’estero che hanno registrato 6.035.906 arrivi e 14.559.252 presenze. “La ripresa importante dei flussi, gli sforzi dell’amministrazione capitolina sui grandi eventi e di quella regionale sulla promozione rendono ora possibile un futuro prossimo positivo per il nostro settore a Roma e nel Lazio.”  [post_title] => Ebtl: il lavoro ancora in difficoltà. Ma buone le prospettive del turismo nel Lazio [post_date] => 2022-11-29T11:25:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669721138000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434883 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air India prosegue lungo la rotta dell'espansione del network intercontinentale con l'aggiunta di sei destinazioni tra Europa e Stati Uniti. La compagnia aerea tornerà così anche a Milano Malpensa, dal 1° febbraio 2023; riprenderanno anche i voli da Nuova Delhi per Copenhagen  Vienna, come pure da Mumbai a Parigi e Francoforte. Negli Usa il vettore inaugurerà la nuova rotta da Mumbai verso New York. Sulla Nuova Delhi-Milano i collegamenti decolleranno il 1° febbraio 2023 con quattro frequenze alla settimana, mentre i voli saranno tre alla settimana su ciascuna delle rotte Delhi-Vienna e Delhi-Copenaghen a partire rispettivamente dal 18 febbraio e dal 1° marzo 2023. La compagnia aerea ha inoltre pianificato tre nuovi voli settimanali sulla rotta Mumbai-Parigi e quattro nuovi voli settimanali sulla Mumbai-Francoforte. Su queste rotte saranno impiegati B787-8 Dreamliner di Air India con 18 posti in Business Class e 238 in Economy Class. Il nuovo servizio Mumbai-New York inizierà il 14 febbraio 2023 e opererà ogni giorno verso il Jfk con aeromobili B777-200LR. Il nuovo volo si aggiungerà all'attuale servizio giornaliero di Air India da Delhi al Jfk e ai 4 voli settimanali per il Newark Liberty, portando le frequenze del vettore sulla tratta India-Usa a 47 voli diretti alla settimana.       "Un elemento chiave del nostro piano di trasformazione quinquennale, Vihaan.AI, è quello di rafforzare il network globale, collegando le principali città del Paese con un numero ancora maggiore di destinazioni - ha commentato Campbell Wilson, ceo di Air India -. L'introduzione di questi nuovi voli non-stop per New York, Milano, Vienna, Copenaghen, Parigi e Francoforte è un altro passo in questo percorso, che si accelererà con l'espansione della nostra flotta di aeromobili".     [post_title] => Air India: sei nuove rotte verso Europa e Usa. Ritorno a Milano dal 1° febbraio [post_date] => 2022-11-28T09:12:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669626764000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434606 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'India ha rimosso da ieri, 22 novembre, l'obbligo per i viaggiatori di presentare una certificazione di vaccinazione per il Covid, nonché l'autodichiarazione Air Suvidha, introdotta per il tracciamento dei contatti durante la pandemia. Il Ministero indiano della Salute ha annunciato la revisione dei protocolli di viaggio "alla luce del percorso di flessione continuo del Covid-19 e dei progressi significativi ottenuti nella copertura vaccinale, nel mondo e in India".  I viaggiatori possono dunque tornare a un'esperienza di viaggio "normale", come prevedono le nuove linee guida del governo: ai passeggeri in arrivo non è più richiesto di essere vaccinati né di sottoporsi al test Covid-19. Tuttavia, dovrebbero "preferibilmente essere completamente vaccinati secondo il programma primario di vaccinazione contro la Covid-19 approvato nel loro Paese". Le mascherine non sono obbligatorie durante i voli, ma solo raccomandate. I passeggeri con sintomi Covid devono essere isolati e indossare una mascherina durante il viaggio e recarsi in una struttura di isolamento per il trattamento. All'aeroporto, i viaggiatori saranno sottoposti a controlli termici e, se presentano sintomi, saranno isolati e indirizzati a una struttura medica. [post_title] => L'India ha rimosso le ultime restrizioni di viaggio legate al Covid [post_date] => 2022-11-23T09:17:02+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669195022000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia india" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":14,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":325,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_309863\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Stefano Gargiulo[/caption]\r\n\r\nAnche quest’anno, per la sesta edizione consecutiva, l’indagine “Migliori in Italia - Campioni del servizio” realizzata dall’Istituto tedesco di qualità e finanza, premia Europcar Mobility Group Italy come il Miglior autonoleggio in Italia per l’eccellente servizio offerto con il suo brand Europcar.\r\n\r\nLa chiave per fidelizzare i clienti? Senza dubbio un servizio eccellente. Ed è proprio sulla Customer Satisfaction, da sempre una priorità per Europcar Mobility Group, che si basa “Migliori in Italia – Campioni del Servizio”, la più ampia indagine sul livello del servizio offerto dalle aziende in Italia che, quest’anno, ha raccolto il giudizio dei consumatori di quasi 2.000 aziende suddivise in 190 diversi settori.\r\n\r\n Per ciascuno dei 190 settori del mercato analizzati è stato calcolato un punteggio “Service Experience Score” (SES) che indica la quota media degli italiani che hanno dato un giudizio positivo al servizio ricevuto dalle aziende appartenenti a quel settore. Europcar, con un punteggio SES del 78,2% si è collocato al primo posto nel mercato di appartenenza ricevendo il sigillo “N.1 Servizio”.\r\n\r\n «Aggiudicarsi un premio prestigioso è sempre motivo di grande orgoglio, ma nulla ci gratifica più della soddisfazione dei nostri Ccienti che con costanza, anno dopo anno, scelgono di premiare Europcar - ha detto Stefano Gargiulo, managing director di Europcar Mobility Group Italia -. Il Sigillo di Qualità che ci viene riconosciuto dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, non rappresenta un traguardo, ma un invito a continuare a fare il massimo per garantire un servizio sempre più innovativo, con la qualità che contraddistingue un brand Premium come Europcar».","post_title":"Europcar premiato come miglior autonoleggio italiano","post_date":"2022-12-07T12:00:15+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670414415000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023.\r\nAncora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti. \r\n\r\nIl metaturismo non è mai in competizione con il viaggio\r\n\r\nIl metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è \"un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare\", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione.\r\n\r\nSi tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  \"il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire\".\r\n\r\nNon un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica.\r\n\"Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio\".\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"435565,435564,435563\"]\r\n\r\nGli altri focus dell'edizione 2022\r\n\r\nUna delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore.\r\n\r\nLe stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco.\r\n\r\nI driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%).\r\n\r\nSecondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.\r\n\r\n \r\n\r\nIl fenomeno Great Resignation\r\n\r\nUn altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.\r\n\r\n ","post_title":"BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023","post_date":"2022-12-06T14:59:05+00:00","category":["mercato_e_tecnologie","senza-categoria"],"category_name":["Mercato e tecnologie","Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1670338745000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435366","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha inaugurato il 3 dicembre la nuova rotta da Roma Fiumicino a Nuova Delhi: il collegamento, operato con Airbus A330 decollato lo scorso sabato con un load factor del 100%, avrà tre frequenze settimanali, con partenza alle 14:10 ogni lunedì, mercoledì e sabato da Roma Fiumicino; il volo di ritorno è previsto da Nuova Delhi ogni martedì, giovedì e domenica alle 3:50. Il volo intercontinentale si aggiunge ai sette già operati dalla compagnia su New York, Los Angeles, Boston, Miami, Buenos Aires, San Paolo e Tokyo. L’espansione nel mercato Asia continuerà a dicembre con l’apertura della rotta Roma-Malè, che sarà operata dal 17 dicembre e fino al 15 aprile 2023\r\n“Ita Airways, con l’apertura di questa nuova rotta, unico volo diretti tra le capitali dei due Paesi, intende contribuire ulteriormente all’integrazione culturale e allo sviluppo della relazione economica tra i due Paesi - ha dichiarato Emiliana Limosani, cco del vettore e ceo di Volare - che negli ultimi anni hanno sviluppato un solido partenariato politico e commerciale, con la presenza di più di 600 imprese italiane in India e con un interscambio bilaterale che nel 2021 ha raggiunto un valore record di più di 10 miliardi di euro\".\r\n“L’India, con oltre 230.000 passeggeri trasportati nel corso del 2019, rappresenta un mercato di primaria importanza per la connettività intercontinentale del nostro scalo - ha aggiunto Ivan Bassato chief aviation officer di Aeroporti di Roma -. e l’apertura di questa rotta testimonia l’importanza del principale aeroporto italiano nella strategia di sviluppo di Ita, oltre che i livelli di attrattività raggiunti dall’hub romano nei confronti di compagnie aeree e passeggeri, dopo due anni di stop dovuti alle restrizioni per il Covid”.\r\nAl taglio del nastro per il decollo del volo hanno partecipato anche l’Ambasciatrice dell’India presso la Repubblica Italiana e San Marino, Neena Malhotra, il presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma e la neo ceo di Enit, Ivana Jelinic: \"Il volo segna una ripresa che è una boccata d’ossigeno per il comparto che così si proietta in prospettiva e si apre a nuove frontiere - ha sottolineato quest'ultima -. Il mercato indiano ha una capacità di spesa elevata ed è alla ricerca di eventi esclusivi e l’Italia ha tutti gli elementi per porsi come naturale attrattore di riferimento. Si punta su sfide di competitività internazionale che riposizionino la Penisola in un mercato con un forte potenziale. Quella di oggi è un'opportunità significativa per incrementare il turismo tra i due Paesi”.\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Ita Airways ed Enit inaugurano la Roma-Nuova Delhi: nona destinazione long haul","post_date":"2022-12-05T10:12:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670235142000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435378","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Thai Airways e Singapore Airlines hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) volto alla creazione di una nuova partnership strategica. Nel mirino una più estesa condivisione dei rispettivi codici di volo e una futura collaborazione commerciale di ampio respiro che offra ai passeggeri più scelta, oltre a maggiori vantaggi e a una migliore esperienza di viaggio.\r\n\r\nInizialmente Thai e Sia applicheranno il codeshare sui rispettivi collegamenti tra Singapore e Bangkok. Thai opererà in codeshare anche sui voli di Sia verso Città del Capo e Johannesburg in Sudafrica; Houston, Los Angeles, New York (Jfk e Newark Liberty), San Francisco e Seattle negli Stati Uniti, nonché Vancouver in Canada, entro il primo trimestre del 2023, previa approvazione delle autorità.\r\n\r\nSaranno esplorati ulteriori accordi di codeshare verso destinazioni dei network di entrambe le compagnie aeree per supportare una maggiore connettività aerea verso la Thailandia e Singapore, nonché verso città in Europa, India e rotte del Pacifico sud-occidentale.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Thai Airways in codeshare con Singapore Airlines, nuova partnership strategica","post_date":"2022-12-05T09:54:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670234087000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435331\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco di Cesare[/caption]\r\n\r\nSegnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio.\r\n\r\n«Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo.\r\n\r\nNella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese.\r\n\r\nDall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture.\r\n\r\nSignificativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale.\r\n\r\nCon l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio».","post_title":"Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema","post_date":"2022-12-02T11:34:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669980899000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Singapore Airlines e il Gruppo Tata hanno confermato la prossima fusione della joint venture Vistara in Air India; nell'ambito dell'accordo Sia acquisirà una partecipazione del 25,1% in Air India. Oltre a conferire la propria quota di Vistara, Sia investirà 250 milioni di dollari nella nuova compagnia aerea. Le due parti mirano a completare la fusione entro marzo 2024, previa approvazione delle autorità di regolamentazione.\r\n\r\nL'accordo creerà un rivale più forte per il vettore dominante del Paese, IndiGo, e darà alla compagnia aerea di Singapore, che non ha un mercato nazionale, un punto d'appoggio più solido in uno dei mercati dell'aviazione in più rapida crescita al mondo.\r\n\r\nInoltre, consentirà al conglomerato indiano di consolidare i propri marchi attorno al servizio completo Air India e alla low cost Air India Express.\r\n\r\nSingapore e Tata avevano creato Vistara nel 2013: ora, con l'annunciato merger, il marchio probabilmente sarà eliminato. E' altresì possibile che a seguito della fusione la stessa Air India potrebbe cambiare a breve la propria livrea.","post_title":"Air India: entro marzo 2024 la fusione con Vistara","post_date":"2022-11-30T09:20:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669800058000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2022 sono aumentati i flussi turistici a Roma, mentre il mercato del lavoro stenta ancora a superare lo “choc Covid”. Questi i dati presentati al recente incontro capitolino per celebrare il Trentennale dell’Ente bilaterale turismo del lazio (Ebtl)  \r\n\r\nDa un’analisi dell’Ebtl sulle difficoltà di incontro domanda-offerta di lavoro nel comparto seguito al Covid, un report fatto dall’Università di Roma ha messo in evidenza come “in Italia si fatica a tornare ai livelli di contrattualizzazioni pre-Covid, con i 1.4 milioni circa nel 2022 rispetto ai 1.5 milioni del 2019 (-7,2%) dopo i drastici cali 2020 e 2021”. \r\n\r\nLa giornata, tenutasi nel Salone delle Fontane di Roma, è stata aperta con il ricordo dei 30 anni di attività dell’Ente e il saluto dell’Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino. Tre i panel tematici tenutisi nel corso della giornata che hanno visto la presenza degli assessori al turismo di regione Lazio e Roma Capitale, Valentina Corrado e Alessandro Onorato, e della presidente della IX commissione lavoro e formazione della regione Lazio Eleonora Mattia, che hanno dialogato con i rappresentanti datoriali e sindacali del settore. \r\n\r\nUna prima proiezione sui dati di chiusura di fine 2022 indica che Roma Capitale chiuderà l’anno turistico con circa 15.000.000 arrivi e circa 34.460.000 presenze, con un recupero, rispetto al 2019, del 77,00% degli arrivi e del 74,00% delle presenze, in miglioramento rispetto ai primi dieci mesi dell’anno. \r\n\r\nNonostante le attuali difficoltà domanda-offerta di lavoro, e il fatto che per “molte imprese del turismo la chiusura dell’anno sarà comunque negativa a causa dei primi tre mesi del 2022 caratterizzati da chiusure e restrizioni”, il presidente dell’Ebtl Tommaso Tanzilli si è espresso positivamente per la ripresa dei flussi soprattutto dall’estero che hanno registrato 6.035.906 arrivi e 14.559.252 presenze. “La ripresa importante dei flussi, gli sforzi dell’amministrazione capitolina sui grandi eventi e di quella regionale sulla promozione rendono ora possibile un futuro prossimo positivo per il nostro settore a Roma e nel Lazio.” ","post_title":"Ebtl: il lavoro ancora in difficoltà. Ma buone le prospettive del turismo nel Lazio","post_date":"2022-11-29T11:25:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669721138000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434883","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air India prosegue lungo la rotta dell'espansione del network intercontinentale con l'aggiunta di sei destinazioni tra Europa e Stati Uniti. La compagnia aerea tornerà così anche a Milano Malpensa, dal 1° febbraio 2023; riprenderanno anche i voli da Nuova Delhi per Copenhagen  Vienna, come pure da Mumbai a Parigi e Francoforte. Negli Usa il vettore inaugurerà la nuova rotta da Mumbai verso New York.\r\n\r\nSulla Nuova Delhi-Milano i collegamenti decolleranno il 1° febbraio 2023 con quattro frequenze alla settimana, mentre i voli saranno tre alla settimana su ciascuna delle rotte Delhi-Vienna e Delhi-Copenaghen a partire rispettivamente dal 18 febbraio e dal 1° marzo 2023. La compagnia aerea ha inoltre pianificato tre nuovi voli settimanali sulla rotta Mumbai-Parigi e quattro nuovi voli settimanali sulla Mumbai-Francoforte. Su queste rotte saranno impiegati B787-8 Dreamliner di Air India con 18 posti in Business Class e 238 in Economy Class.\r\n\r\nIl nuovo servizio Mumbai-New York inizierà il 14 febbraio 2023 e opererà ogni giorno verso il Jfk con aeromobili B777-200LR. Il nuovo volo si aggiungerà all'attuale servizio giornaliero di Air India da Delhi al Jfk e ai 4 voli settimanali per il Newark Liberty, portando le frequenze del vettore sulla tratta India-Usa a 47 voli diretti alla settimana.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n\"Un elemento chiave del nostro piano di trasformazione quinquennale, Vihaan.AI, è quello di rafforzare il network globale, collegando le principali città del Paese con un numero ancora maggiore di destinazioni - ha commentato Campbell Wilson, ceo di Air India -. L'introduzione di questi nuovi voli non-stop per New York, Milano, Vienna, Copenaghen, Parigi e Francoforte è un altro passo in questo percorso, che si accelererà con l'espansione della nostra flotta di aeromobili\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Air India: sei nuove rotte verso Europa e Usa. Ritorno a Milano dal 1° febbraio","post_date":"2022-11-28T09:12:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669626764000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434606","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'India ha rimosso da ieri, 22 novembre, l'obbligo per i viaggiatori di presentare una certificazione di vaccinazione per il Covid, nonché l'autodichiarazione Air Suvidha, introdotta per il tracciamento dei contatti durante la pandemia.\r\n\r\nIl Ministero indiano della Salute ha annunciato la revisione dei protocolli di viaggio \"alla luce del percorso di flessione continuo del Covid-19 e dei progressi significativi ottenuti nella copertura vaccinale, nel mondo e in India\". \r\n\r\nI viaggiatori possono dunque tornare a un'esperienza di viaggio \"normale\", come prevedono le nuove linee guida del governo: ai passeggeri in arrivo non è più richiesto di essere vaccinati né di sottoporsi al test Covid-19. Tuttavia, dovrebbero \"preferibilmente essere completamente vaccinati secondo il programma primario di vaccinazione contro la Covid-19 approvato nel loro Paese\".\r\nLe mascherine non sono obbligatorie durante i voli, ma solo raccomandate.\r\nI passeggeri con sintomi Covid devono essere isolati e indossare una mascherina durante il viaggio e recarsi in una struttura di isolamento per il trattamento. All'aeroporto, i viaggiatori saranno sottoposti a controlli termici e, se presentano sintomi, saranno isolati e indirizzati a una struttura medica.","post_title":"L'India ha rimosso le ultime restrizioni di viaggio legate al Covid","post_date":"2022-11-23T09:17:02+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669195022000]}]}}