5 February 2023

Investimenti e intelligenza artificiale, Sojern: così capiamo il turismo

[ 0 ]
Dati, tendenze e investimenti mirati per anticipare e capire l’andamento del turismo. Questo l’obiettivo della piattaforma di Travel Marketing con 10.000 clienti tra hotel, piccole imprese e destinazioni.
 
“Dobbiamo partire dai dati per capire le grandi potenzialità dei viaggiatori sia per intercettare la ricerca e la pianificazione del viaggio, cosa stanno cercando i consumatori ma soprattutto l’offerta, che sia l’hotel o la destinazione deve essere veloce a proporsi – spiega Luca Romozzi, direttore commerciale Europa -. Il nostro sistema viene alimentato da dati in tempo reale come le ricerche effettuate, le intenzioni di viaggio e le prenotazioni grazie all’intelligenza artificiale profiliamo il cliente, e successivamente possiamo offrire soluzioni di marketing digitale, con campagne molto mirate ideale per i nostri clienti. Per esempio, in questo momento di criticità economica proponiamo il pay on stay per gli hotel, permette, ad esempio, di investire solo quando si riceve il soggiorno, oppure le possibilità di advertising  integrate con le smart tv”.
 
Sojern ha curato le campagne per la Toscana e il Friuli Venezia Giulia, due case history di successo. In un contesto di ripresa dove la meta Italia sta registrando buoni risultati, nel primo caso ha portato a un miglioramento del 7% nella considerazione della Toscana come destinazione turistica; nel secondo caso, il risultato della campagna ha visto aumento di visite al sito turismofvg.it di oltre il 50% soprattutto legate al tema dell’enogastronomia in sinergia con i consorzi. 
 
Inoltre, ha anche elaborato un quadro previsionale per il periodo natalizio. Sul fronte degli hotel emerge che sia italiani sia stranieri nel 7% dei casi stanno già cercando una destinazione italiana per le vacanze natalizie. L’Italia è la meta più ricercata dagli stessi italiani (25.5%), seguiti dal mercato Usa (12%), in base alle ricerche di voli. Tra gli aeroporti di partenza spicca Milano (7%), Londra (5,4%) e Roma (5,3%). Per quanto riguarda le ricerche di hotel in Italia al primo posto c’è il mercato USA (30.3%), seguito da quello italiano (13,5%) e francese (11,2%).



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350850" align="alignleft" width="300"] Luca Riminucci[/caption] E' online la nuova piattaforma di Albatravel, con un'interfaccia più bella e leggibile, ma anche con schede hotel dalle informazioni complete e con la geolocalizzazione delle strutture, per una ricerca ancora più precisa. Non solo: i risultati delle ricerche ora sono migliori e, grazie a tecnologie sviluppate dall’azienda stessa, senza ripetizioni inutili di strutture o tipologia di camere, ma soprattutto veloci come mai prima e senza inutili attese. Il nuovo sistema di filtri dei risultati di ricerca personalizzati consente in particolare alle agenzie di proporre ai clienti proprio quello che stanno cercando e, una volta selezionata una soluzione, evita sgradite sorprese perché la disponibilità è sempre reale. Sul piano dell’offerta, invece, il nuovo sistema si interfaccia con molti più fornitori, anche locali, e catene alberghiere selezionate, per avere una maggiore scelta e prezzi più competitivi. “Il mondo intorno a noi evolve vorticosamente; la tecnologia corre trasformando giorno dopo giorno le modalità in cui i viaggi vengono proposti - spiega il direttore vendite di Albatravel - Whl, Luca Riminucci  -. La piattaforma vuole essere un reale strumento a beneficio delle agenzie clienti, che oggi dispongono di un prodotto unico grazie all’intelligenza artificiale, che permetterà loro di incrementare l’offerta e i volumi di vendita.” Per ora è possibile accedere al portale per prenotare hotel, voli, treni, trasferimenti e activities ma a breve saranno disponibili anche i tour e itinerari nel mondo, l’autonoleggio, i pacchetti volo/hotel e le assicurazioni. Assieme alla piattaforma, Albatravel ha anche presentato il nuovo marchio, per accompagnare il cambiamento con un modo di presentarsi, più moderno e adeguato ai tempi e alla rivoluzione digitale che la vede protagonista. “Invitiamo tutte le agenzie a unirsi a quella che noi definiamo la rivoluzione Albatravel - conclude Riminucci - e a provare subito i vantaggi di un operatore sicuro e affidabile, che opera da più di 30 anni nel settore e che ha deciso di affidarsi alle più avanzate tecnologie al servizio delle agenzie”.       [post_title] => Albatravel cambia logo e lancia la nuova piattaforma b2b [post_date] => 2023-02-02T10:32:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675333933000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono sette le novità a marchio Nicolaus Club e una quella Valtur della prossima estate del gruppo di Ostuni capitano dai fratelli Pagliara. Il tutto per un'offerta complessiva di 23 Nicolaus Club, inclusi tre Prime, e dieci resort Valtur, compresi due Escape e l'Italian Lifestyle Collection di Cervinia. Oltre 300, inoltre, le strutture generaliste a marchio Raro e Turchese nel mondo e più di 80 quelle generaliste del mare Italia. Un'offerta variegata, adatta a soddisfare target molto diversi tra loro: da chi è in cerca di un viaggio tutta sostanza e no frills, grazie alle proposte del Turchese, agli amanti delle esperienze upscale, con un soggiorno di tipo sartoriale, legate, in particolate, ai brand Valtur e Raro. Nel mezzo abitano comodamente le famiglie, le coppie in cerca di romanticismo, i senior in viaggio da soli o con i nipoti, gli sport-addicted e gli amanti delle eccellenze gourmet. In tema di novità, la programmazione estiva Valtur, oltre all'inedito prodotto montagna, si arricchisce quest'anno del Sharm el Sheikh Albatros Laguna Vista. In casa Nicolaus Club si annoverano invece le new entry Quattro Lune, a Cala Liberotto, in Sardegna, il Magna Grecia a Metaponto, in Basilicata e il greco Labranda Kiotari Miraluna a Rodi. In Egitto invece arrivano il Sunrise Remal di Sharm El Sheikh, nonché il Prime Sunrise Remal Beach e il Three Corners Sea Beach a Marsa Alam. Infine, in Spagna, si aggiunge a Palma di Mallorca il Sol Barbados. “Prendendo in considerazione dettagliatamente la programmazione, il fattore che ci dà maggior soddisfazione, oltre alla qualità, frutto di un costante lavoro di scouting, è la capacità di coprire ottimamente sia aree geografiche diverse, sia differenti segmenti di mercato - spiega il direttore prodotto del gruppo Nicolaus, Gaetano Stea -. Abbiamo lavorato e stiamo lavorando per situarci con sempre maggiore evidenza nell’ambito del posizionamento upscale, soprattutto con il brand alberghiero Valtur ma, come abbiamo sempre fatto, crediamo che sia importante presidiare ambiti differenti ed essere in grado di interfacciarsi in modo convincente con più target. Come è nelle nostre corde, ingenti le risorse dedicate anche al piano trasporti, che si moltiplicano con le opzioni del dynamic packaging, pensate anche per uscire dalla logica dei multipli settimanali”. [post_title] => Sette nuovi Nicolaus Club e una new entry Valtur per l'estate del gruppo di Ostuni [post_date] => 2023-02-02T09:50:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675331458000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438328 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437301" align="alignleft" width="300"] Dina Ravera[/caption] Destination Italia, leader nel turismo incoming esperienziale nel segmento Luxury B2B, e Portale Sardegna, specializzata nel settore incoming turistico nella destinazione Sardegna ed anche Puglia, Sicilia e resto d’Italia, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, annunciano che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L’operazione è stata approvata in esecuzione dell’accordo vincolante sottoscritto dalle parti in data 25 novembre 2022. L’obiettivo dell’operazione è quello di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C con i principali big player in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala, la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Da un punto di vista del mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross-selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (tour operator internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. Da un punto di vista tecnologico, il portafoglio delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentiranno di intermediare e gestire prenotazioni massive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle migliaia di fornitori di servizi turistici sul territorio italiano. Con l’operazione, Portale Sardegna apporterà tecnologie e competenze complementari al patrimonio tecnologico di Destination Italia. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia, ha ricordato che la business combinatio è «un’idea nata circa un anno fa con due obiettivi primari; da un lato offrire una soluzione al problema della frammentazione del mercato degli operatori turistici, dall’altro far crescere il turismo verso il nostro Paese forti di una struttura e di una dimensione in grado di affrontare i mercati internazionali ed i grandi player di settore operanti worldwide». Per Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna, «le due aziende per percorsi diversi maturati nel corso del tempo presentano una complementarietà che di fatto rende questa fusione un matrimonio perfetto in grado di creare benefici per tutti gli stakeholder a partire dai nostri azionisti». La stipula dell’atto di fusione, essendosi verificate tutte le condizioni necessarie al proseguimento dell’operazione, è prevista entro la prima metà del mese di giugno 2023, previo decorso del termine per l’opposizione da parte dei creditori sociali delle due società, ed è subordinata all’approvazione del progetto comune di fusione da parte delle rispettive Assemblee dei soci, previste indicativamente entro il mese di marzo 2023. A seguito del perfezionamento dell’operazione, quindi, il capitale sociale di Destination Italia, come risultante dalla fusione, sarà detenuto per circa il 75% dagli attuali azionisti di Destination Italia e per circa il 25% dagli attuali azionisti di Portale Sardegna, fatto salvo quanto riportato al successivo punto. Gli attuali soci di Portale Sardegna Massimiliano Cossu, Marco Demurtas, Acacia Travel Holding e Flexagon contestualmente alla stipula dell’atto di fusione, si obbligheranno a sottoscrivere un accordo di lock-up avente ad oggetto il 90% delle azioni di Destination Italia che saranno assegnate ai medesimi per effetto del perfezionamento dell’Operazione. Tale impegno sarà valido sino alla data dell’Assemblea dei soci di Destination Italia, quale società risultante dall’Operazione, chiamata a deliberare sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2025. [post_title] => Destination Italia-Portale Sardegna: i cda approvano la fusione [post_date] => 2023-01-31T11:58:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675166291000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438246 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una conferenza stampa al di fuori del normale: itinerante. Così è stata presentata la Bit 2023, a bordo di un tram nel centro di Milano; presentata e aperta da Simona Greco direttrice manifestazioni FieraMilano. A prendere la parola per primo è stato Luca Palermo amministratore delegato di FieraMilano. Ha annunciato i temi più importanti tra cui: il metaverso, il turismo naturalistico, di Made in Italy, senza spostare l'attenzione dalla grande internazionalizzazione al quale il settore va sempre più in corso. La tanto temuta quanto amata tecnologia, che si pensava potesse rubare lavoro, si è dimostrata invece estremamente utile e efficiente, spingendo verso un utilizzo intelligente di piattaforme e mezzi tecnologici. [caption id="attachment_438254" align="alignleft" width="300"] Luca Palermo[/caption] 500 top buyer «Quest'anno ci si aspetta che le affluenze tornino allo standard pre-pandemia, avremo una grande rappresentanza delle regioni italiane e 45 paesi esteri, in più si presenteranno 500 top buyer dall'estero», afferma l'ad oltre alla grande notizia che la Cina ha recentemente aperto le frontiere. Ha proseguito il discorso Franco Gattinoni presidente Fto:«le agenzie puntano a una maggiore digitalizzazione nel campo delle prenotazioni e dell'assistenza, servono però investimenti importanti , così da poter creare un'assistenza al cliente per emergenze e imprevisti in tempo reale e immediata, ovunque esso sia».  [caption id="attachment_438255" align="alignleft" width="207"] Franco Gattinoni[/caption] Ha aggiunto Gattinoni:« questo è un momento per riallacciare i rapporti e per stravolgere lo standard che la pandemia ha imposto». Il ministro Santanchè inaugurerà la Bit e sarà presente nei giorni della fiera.       [post_title] => Bit 2023: si prevedono affluenze allo standard pre-pandemia [post_date] => 2023-01-30T14:32:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675089149000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437760 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Entra nella fase due il progetto per la transizione digitale nel turismo co-finanziato dal programma Cosme dell’Unione europea (COmpetitiveness of Small and Medium-sized Enterprises). Si sono, infatti, aperte le candidature per il bando di accelerazione e finanziamento promosso da EuDigiTour, che porterà 30 realtà innovative, selezionate tra startup e pmi con sede in Italia, Germania, Croazia e Slovenia, ad accedere a un programma di coaching e mentoring di tre mesi dedicato al modello di business e alla maturità tecnologica, con la possibilità di ricevere un voucher di finanziamento di 10 mila euro. Le candidature si chiudono il 15 febbraio e saranno inizialmente aperte a 45 realtà del turismo nei paesi membri del progetto. Successivamente, solo 30 aziende verranno selezionate, con il duplice vantaggio dell’accelerazione gratuita verso soluzioni innovative e del finanziamento, che consentirà di integrare le tecnologie necessarie. A questo si aggiunge la visibilità e il networking di respiro europeo che apre le porte a nuove opportunità di business. Il progetto EuDigiTour è stato concepito per aiutare la prossima generazione di pmi turistiche dell’Ue a sfruttare le potenzialità del digitale, rafforzando la cooperazione nell’ecosistema turistico per lo sviluppo di soluzioni turistiche nuove, innovative e intelligenti, prodotti, servizi, competenze e nuovi modelli di business: a disposizione delle pmi mentor nazionali e internazionali, esperti nell’uso di intelligenza artificiale (Ai), Internet delle cose (IoT), realtà virtuale e aumentata (vr/ar) e big data, nonché un percorso totalmente gratuito che si articola in diversi step. La prima fase di formazione si è svolta in particolare tra settembre e novembre 2022 con il supporto di X23 (Centro di ricerca coordinatore del progetto), Associazione startup turismo e altri partner europei. In Italia, la Transformation Academy è stata condotta in partnership con Isnart e ha visto la partecipazione di 132 realtà, ben oltre l’obiettivo indicato dall’Unione europea di raggiungere 80 aziende. “Le startup sono un naturale game changer. Ed è stato facile per noi giocare un ruolo attivo in questo progetto, perché è parte integrante della nostra mission supportare la transizione delle pmi del turismo verso la tecnologia digitale", sottolinea Karin Venneri, presidente Associazione startup turismo.   [post_title] => Al via il bando EuDigiTour per le startup del turismo. Si chiuderà il 15 febbraio [post_date] => 2023-01-23T11:19:40+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674472780000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437530 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Brasile a rinnovata guida Lula, ha nominato Marcelo Freixo nuovo presidente di Embratur: obiettivo dichiarato quello di recuperare l'immagine della destinazione all'estero per attirare più turisti, portare investimenti e creare posti di lavoro. Primo passo del neo presidente sarà la riorganizzazione interna dell'Ente Brasiliano per il Turismo:"Realizzeremo una gestione tecnica e trasparente, basata sulle buone pratiche di mercato. Riprenderemo a concentrarci sul marketing, sulla promozione e sul sostegno alla commercializzazione del Brasile all'estero, basandoci su data intelligence e big data, su partnership con il settore pubblico e privato, su investimenti nell'innovazione, sull'inserimento dell'agenda della sostenibilità e delle azioni per il clima e sull'attenzione ai risultati". Il nuovo presidente intende collaborare con i ministri il cui lavoro è direttamente collegato alla modernizzazione delle politiche pubbliche e dei programmi volti a promuovere il turismo all'estero. "Oltre a integrare le nostre azioni nell'agenda di politica estera e in quella dei vari ministeri del governo Lula, riprenderemo il dialogo con il mercato e gli enti che svolgono azioni di promozione internazionale. Costruiremo un Embratur moderno, professionale, efficiente e impegnato nello sviluppo sostenibile". Freixo, 55 anni, è insegnante di storia ed è nato in una comunità povera di São Gonçalo, città della regione metropolitana di Rio de Janeiro. E' stato eletto deputato dello Stato di Rio de Janeiro per la prima volta nel 2006 e si è candidato due volte a sindaco di Rio de Janeiro, nel 2012 e nel 2016, e al governo dello Stato nel 2022. Eletto deputato federale nel 2018, lo stesso anno in cui Jair Bolsonaro è diventato presidente della Repubblica, è stato leader dell'opposizione al governo. [post_title] => Brasile: Marcelo Freixo è il nuovo presidente di Embratur [post_date] => 2023-01-18T12:54:08+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674046448000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Allora guardiamo bene cosa c'è dentro la legge di bilancio per il turismo come riportato fedelmente dal Sole 24 Ore. Con il fine di promuovere l'attrattività turistica e di incentivare i flussi turistici nei luoghi montani e nei comprensori sciistici garantendo la sicurezza degli impianti, l’articolo 1, comma 592 istituisce un fondo destinato alle imprese esercenti attività di risalita a fune e di innevamento artificiale, anche dismettendo impianti non più utilizzati o obsoleti (comma 593). Lo stanziamento deve essere destinato a realizzare interventi di ristrutturazione, ammodernamento e manutenzione. Il Fondo ha una dotazione complessiva di 200 milioni: 30 per l’anno 2023, 50 milioni per l’anno 2024, 70 milioni per l’anno 2025 e 50 milioni per l’anno 2026. Le altre voci Vediamo quali sono le altre voci a cui hanno assegnato finanziamenti: istituzione di 3 nuovi fondi presso il ministero del turismo per accrescere il livello e l’offerta professionale nel settore (commi 603-606), sostegno ai piccoli comuni a vocazione turistica (commi 607- 609), per i cammini religiosi (comma 610) e per il turismo sostenibile (commi 611-612). La legge di Bilancio tende la mano al turismo garantendo investimenti per milioni di euro, in alcuni casi destinati a protrarsi fino al 2026. Insomma come al solito il turismo organizzato rimane fuori. Non si capisce il motivo per il quale migliaia di aziende che hanno perso tutto o quasi in due anni di lockdown debbano essere messe così da parte quando si tratta di scelte finanziarie e di risorse. Qualcuno lo chieda al ministro.   [post_title] => Legge bilancio: 200 milioni per la montagna. Per il turismo organizzato niente [post_date] => 2023-01-13T10:53:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673607217000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436828 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435500" align="alignleft" width="300"] Il ministro del turismo Daniela Santanchè[/caption] Abruzzo. Non è delle migliori la situazione nelle stazioni sciistiche abruzzesi che fanno i conti con la mancanza di neve. Per gli imprenditori e gli operatori turistici il rischio è quello di vedere la stagione saltare. Molte le disdette arrivate nei giorni delle feste a causa della mancanza di neve. L’assessore regionale al turismo Daniele D’Amario si è attivato già per le prime azioni da mettere in campo Dopo le sollecitazioni degli operatori turistici e della politica regionale, con richieste per la “proroga dei mutui e fondi per l’innevamento artificiale”, già nelle prossime ore dal ministero potrebbero far sapere il giorno di un tavolo congiunto per l’Appennino a cui parteciperanno anche i colleghi di Emilia Romagna e Toscana. Proprio ieri il ministro del turismo, Daniela Santanchè, ha risposto all’appello arrivato dalle Regioni dell’Appennino senza neve che chiedono interventi straordinari per aiutare il settore in crisi: “Al più presto un tavolo di lavoro congiunto per definire un piano straordinario per l’Appennino senza neve. Il mio gabinetto è già al lavoro sul tema”. D’Amario parla anche della possibilità di avere cannoni sparaneve di ultima generazione in grado di funzionare anche con temperature lontane dallo zero termico. Insomma, l’assenza di neve per gli operatori turistici è un bel problema, e sull’Appennino le piste da sci sono tutte senza la coltre bianca.  Sul fronte meteo, anche se i meteorologi non possono fare previsioni a lungo termine, sembra che qualcosa possa muoversi la prossima settimana ma è ancora troppo presto. Si continua a pensare, intanto, allo Skipass unico per l’Abruzzo, terra di mare e di monti. Ora bisognerà attendere l’esito dell’incontro con il ministro, già nei prossimi giorni amministratori e operatori sperano in buone notizie sotto la…neve. [post_title] => Abruzzo senza neve. Santanchè: "Presto un piano straordinario" [post_date] => 2023-01-05T11:12:11+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672917131000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436744 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways alza il sipario sul primo Airbus A320neo con la nuova livrea azzurra che fa il suo ingresso in flotta, dopo aver concluso le operazioni di painting nell’hangar dell’aeroporto di Shannon, in Irlanda. Il velivolo porta il nome di Giacinto Facchetti, straordinario terzino e capitano della Nazionale Italiana di calcio a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta. Sfoggia dettagli unici di design come la Zorro mask e le winglets, e da fine gennaio andrà e servire le rotte di medio raggio della compagnia. L'Airbus A320neo consente consumi di carburante ed emissioni di CO2 per passeggero inferiori del 20% rispetto agli aeromobili di precedente generazione. Ita potrà così ampliare ulteriormente la flotta moderna ed environment-friendly, che entro il 2026 sarà composta per l'80% da aerei di nuova generazione con la conseguente riduzione di 1,3 milioni di tonnellate di emissioni di CO2. Inoltre, grazie al disegno innovativo della cabina, il nuovo A320neo offrirà ai passeggeri una esperienza di viaggio di riferimento, con sedili più moderni e confortevoli. [post_title] => Ita Airways: ecco il primo A320neo con la livrea azzurra, dedicato a Giacinto Facchetti [post_date] => 2023-01-04T10:19:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672827550000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "investimenti e intelligenza artificiale sojern cosi capiamo il turismo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":70,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":209,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_350850\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Riminucci[/caption]\r\n\r\nE' online la nuova piattaforma di Albatravel, con un'interfaccia più bella e leggibile, ma anche con schede hotel dalle informazioni complete e con la geolocalizzazione delle strutture, per una ricerca ancora più precisa. Non solo: i risultati delle ricerche ora sono migliori e, grazie a tecnologie sviluppate dall’azienda stessa, senza ripetizioni inutili di strutture o tipologia di camere, ma soprattutto veloci come mai prima e senza inutili attese. Il nuovo sistema di filtri dei risultati di ricerca personalizzati consente in particolare alle agenzie di proporre ai clienti proprio quello che stanno cercando e, una volta selezionata una soluzione, evita sgradite sorprese perché la disponibilità è sempre reale.\r\nSul piano dell’offerta, invece, il nuovo sistema si interfaccia con molti più fornitori, anche locali, e catene alberghiere selezionate, per avere una maggiore scelta e prezzi più competitivi.\r\n\r\n“Il mondo intorno a noi evolve vorticosamente; la tecnologia corre trasformando giorno dopo giorno le modalità in cui i viaggi vengono proposti - spiega il direttore vendite di Albatravel - Whl, Luca Riminucci  -. La piattaforma vuole essere un reale strumento a beneficio delle agenzie clienti, che oggi dispongono di un prodotto unico grazie all’intelligenza artificiale, che permetterà loro di incrementare l’offerta e i volumi di vendita.”\r\n\r\nPer ora è possibile accedere al portale per prenotare hotel, voli, treni, trasferimenti e activities ma a breve saranno disponibili anche i tour e itinerari nel mondo, l’autonoleggio, i pacchetti volo/hotel e le assicurazioni. Assieme alla piattaforma, Albatravel ha anche presentato il nuovo marchio, per accompagnare il cambiamento con un modo di presentarsi, più moderno e adeguato ai tempi e alla rivoluzione digitale che la vede protagonista. “Invitiamo tutte le agenzie a unirsi a quella che noi definiamo la rivoluzione Albatravel - conclude Riminucci - e a provare subito i vantaggi di un operatore sicuro e affidabile, che opera da più di 30 anni nel settore e che ha deciso di affidarsi alle più avanzate tecnologie al servizio delle agenzie”.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Albatravel cambia logo e lancia la nuova piattaforma b2b","post_date":"2023-02-02T10:32:13+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675333933000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono sette le novità a marchio Nicolaus Club e una quella Valtur della prossima estate del gruppo di Ostuni capitano dai fratelli Pagliara. Il tutto per un'offerta complessiva di 23 Nicolaus Club, inclusi tre Prime, e dieci resort Valtur, compresi due Escape e l'Italian Lifestyle Collection di Cervinia. Oltre 300, inoltre, le strutture generaliste a marchio Raro e Turchese nel mondo e più di 80 quelle generaliste del mare Italia. Un'offerta variegata, adatta a soddisfare target molto diversi tra loro: da chi è in cerca di un viaggio tutta sostanza e no frills, grazie alle proposte del Turchese, agli amanti delle esperienze upscale, con un soggiorno di tipo sartoriale, legate, in particolate, ai brand Valtur e Raro. Nel mezzo abitano comodamente le famiglie, le coppie in cerca di romanticismo, i senior in viaggio da soli o con i nipoti, gli sport-addicted e gli amanti delle eccellenze gourmet.\r\n\r\nIn tema di novità, la programmazione estiva Valtur, oltre all'inedito prodotto montagna, si arricchisce quest'anno del Sharm el Sheikh Albatros Laguna Vista. In casa Nicolaus Club si annoverano invece le new entry Quattro Lune, a Cala Liberotto, in Sardegna, il Magna Grecia a Metaponto, in Basilicata e il greco Labranda Kiotari Miraluna a Rodi. In Egitto invece arrivano il Sunrise Remal di Sharm El Sheikh, nonché il Prime Sunrise Remal Beach e il Three Corners Sea Beach a Marsa Alam. Infine, in Spagna, si aggiunge a Palma di Mallorca il Sol Barbados.\r\n\r\n“Prendendo in considerazione dettagliatamente la programmazione, il fattore che ci dà maggior soddisfazione, oltre alla qualità, frutto di un costante lavoro di scouting, è la capacità di coprire ottimamente sia aree geografiche diverse, sia differenti segmenti di mercato - spiega il direttore prodotto del gruppo Nicolaus, Gaetano Stea -. Abbiamo lavorato e stiamo lavorando per situarci con sempre maggiore evidenza nell’ambito del posizionamento upscale, soprattutto con il brand alberghiero Valtur ma, come abbiamo sempre fatto, crediamo che sia importante presidiare ambiti differenti ed essere in grado di interfacciarsi in modo convincente con più target. Come è nelle nostre corde, ingenti le risorse dedicate anche al piano trasporti, che si moltiplicano con le opzioni del dynamic packaging, pensate anche per uscire dalla logica dei multipli settimanali”.","post_title":"Sette nuovi Nicolaus Club e una new entry Valtur per l'estate del gruppo di Ostuni","post_date":"2023-02-02T09:50:58+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675331458000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438328","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437301\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Ravera[/caption]\r\n\r\nDestination Italia, leader nel turismo incoming esperienziale nel segmento Luxury B2B, e Portale Sardegna, specializzata nel settore incoming turistico nella destinazione Sardegna ed anche Puglia, Sicilia e resto d’Italia, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, annunciano che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L’operazione è stata approvata in esecuzione dell’accordo vincolante sottoscritto dalle parti in data 25 novembre 2022.\r\n\r\nL’obiettivo dell’operazione è quello di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C con i principali big player in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala, la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDa un punto di vista del mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross-selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (tour operator internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. Da un punto di vista tecnologico, il portafoglio delle due società è fortemente sinergico.\r\n\r\nDa parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentiranno di intermediare e gestire prenotazioni massive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle migliaia di fornitori di servizi turistici sul territorio italiano. Con l’operazione, Portale Sardegna apporterà tecnologie e competenze complementari al patrimonio tecnologico di Destination Italia.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia, ha ricordato che la business combinatio è «un’idea nata circa un anno fa con due obiettivi primari; da un lato offrire una soluzione al problema della frammentazione del mercato degli operatori turistici, dall’altro far crescere il turismo verso il nostro Paese forti di una struttura e di una dimensione in grado di affrontare i mercati internazionali ed i grandi player di settore operanti worldwide».\r\n\r\nPer Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna, «le due aziende per percorsi diversi maturati nel corso del tempo presentano una complementarietà che di fatto rende questa fusione un matrimonio perfetto in grado di creare benefici per tutti gli stakeholder a partire dai nostri azionisti».\r\n\r\nLa stipula dell’atto di fusione, essendosi verificate tutte le condizioni necessarie al proseguimento dell’operazione, è prevista entro la prima metà del mese di giugno 2023, previo decorso del termine per l’opposizione da parte dei creditori sociali delle due società, ed è subordinata all’approvazione del progetto comune di fusione da parte delle rispettive Assemblee dei soci, previste indicativamente entro il mese di marzo 2023.\r\n\r\nA seguito del perfezionamento dell’operazione, quindi, il capitale sociale di Destination Italia, come risultante dalla fusione, sarà detenuto per circa il 75% dagli attuali azionisti di Destination Italia e per circa il 25% dagli attuali azionisti di Portale Sardegna, fatto salvo quanto riportato al successivo punto.\r\n\r\nGli attuali soci di Portale Sardegna Massimiliano Cossu, Marco Demurtas, Acacia Travel Holding e Flexagon contestualmente alla stipula dell’atto di fusione, si obbligheranno a sottoscrivere un accordo di lock-up avente ad oggetto il 90% delle azioni di Destination Italia che saranno assegnate ai medesimi per effetto del perfezionamento dell’Operazione. Tale impegno sarà valido sino alla data dell’Assemblea dei soci di Destination Italia, quale società risultante dall’Operazione, chiamata a deliberare sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2025.","post_title":"Destination Italia-Portale Sardegna: i cda approvano la fusione","post_date":"2023-01-31T11:58:11+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1675166291000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438246","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una conferenza stampa al di fuori del normale: itinerante. Così è stata presentata la Bit 2023, a bordo di un tram nel centro di Milano; presentata e aperta da Simona Greco direttrice manifestazioni FieraMilano.\r\n\r\nA prendere la parola per primo è stato Luca Palermo amministratore delegato di FieraMilano. Ha annunciato i temi più importanti tra cui: il metaverso, il turismo naturalistico, di Made in Italy, senza spostare l'attenzione dalla grande internazionalizzazione al quale il settore va sempre più in corso.\r\n\r\nLa tanto temuta quanto amata tecnologia, che si pensava potesse rubare lavoro, si è dimostrata invece estremamente utile e efficiente, spingendo verso un utilizzo intelligente di piattaforme e mezzi tecnologici.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_438254\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Palermo[/caption]\r\n500 top buyer\r\n«Quest'anno ci si aspetta che le affluenze tornino allo standard pre-pandemia, avremo una grande rappresentanza delle regioni italiane e 45 paesi esteri, in più si presenteranno 500 top buyer dall'estero», afferma l'ad oltre alla grande notizia che la Cina ha recentemente aperto le frontiere.\r\n\r\nHa proseguito il discorso Franco Gattinoni presidente Fto:«le agenzie puntano a una maggiore digitalizzazione nel campo delle prenotazioni e dell'assistenza, servono però investimenti importanti , così da poter creare un'assistenza al cliente per emergenze e imprevisti in tempo reale e immediata, ovunque esso sia». \r\n\r\n[caption id=\"attachment_438255\" align=\"alignleft\" width=\"207\"] Franco Gattinoni[/caption]\r\n\r\nHa aggiunto Gattinoni:« questo è un momento per riallacciare i rapporti e per stravolgere lo standard che la pandemia ha imposto».\r\n\r\nIl ministro Santanchè inaugurerà la Bit e sarà presente nei giorni della fiera.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Bit 2023: si prevedono affluenze allo standard pre-pandemia","post_date":"2023-01-30T14:32:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675089149000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437760","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Entra nella fase due il progetto per la transizione digitale nel turismo co-finanziato dal programma Cosme dell’Unione europea (COmpetitiveness of Small and Medium-sized Enterprises). Si sono, infatti, aperte le candidature per il bando di accelerazione e finanziamento promosso da EuDigiTour, che porterà 30 realtà innovative, selezionate tra startup e pmi con sede in Italia, Germania, Croazia e Slovenia, ad accedere a un programma di coaching e mentoring di tre mesi dedicato al modello di business e alla maturità tecnologica, con la possibilità di ricevere un voucher di finanziamento di 10 mila euro.\r\n\r\nLe candidature si chiudono il 15 febbraio e saranno inizialmente aperte a 45 realtà del turismo nei paesi membri del progetto. Successivamente, solo 30 aziende verranno selezionate, con il duplice vantaggio dell’accelerazione gratuita verso soluzioni innovative e del finanziamento, che consentirà di integrare le tecnologie necessarie. A questo si aggiunge la visibilità e il networking di respiro europeo che apre le porte a nuove opportunità di business.\r\n\r\nIl progetto EuDigiTour è stato concepito per aiutare la prossima generazione di pmi turistiche dell’Ue a sfruttare le potenzialità del digitale, rafforzando la cooperazione nell’ecosistema turistico per lo sviluppo di soluzioni turistiche nuove, innovative e intelligenti, prodotti, servizi, competenze e nuovi modelli di business: a disposizione delle pmi mentor nazionali e internazionali, esperti nell’uso di intelligenza artificiale (Ai), Internet delle cose (IoT), realtà virtuale e aumentata (vr/ar) e big data, nonché un percorso totalmente gratuito che si articola in diversi step.\r\n\r\nLa prima fase di formazione si è svolta in particolare tra settembre e novembre 2022 con il supporto di X23 (Centro di ricerca coordinatore del progetto), Associazione startup turismo e altri partner europei. In Italia, la Transformation Academy è stata condotta in partnership con Isnart e ha visto la partecipazione di 132 realtà, ben oltre l’obiettivo indicato dall’Unione europea di raggiungere 80 aziende. “Le startup sono un naturale game changer. Ed è stato facile per noi giocare un ruolo attivo in questo progetto, perché è parte integrante della nostra mission supportare la transizione delle pmi del turismo verso la tecnologia digitale\", sottolinea Karin Venneri, presidente Associazione startup turismo.\r\n\r\n ","post_title":"Al via il bando EuDigiTour per le startup del turismo. Si chiuderà il 15 febbraio","post_date":"2023-01-23T11:19:40+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1674472780000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437530","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Brasile a rinnovata guida Lula, ha nominato Marcelo Freixo nuovo presidente di Embratur: obiettivo dichiarato quello di recuperare l'immagine della destinazione all'estero per attirare più turisti, portare investimenti e creare posti di lavoro.\r\nPrimo passo del neo presidente sarà la riorganizzazione interna dell'Ente Brasiliano per il Turismo:\"Realizzeremo una gestione tecnica e trasparente, basata sulle buone pratiche di mercato. Riprenderemo a concentrarci sul marketing, sulla promozione e sul sostegno alla commercializzazione del Brasile all'estero, basandoci su data intelligence e big data, su partnership con il settore pubblico e privato, su investimenti nell'innovazione, sull'inserimento dell'agenda della sostenibilità e delle azioni per il clima e sull'attenzione ai risultati\".\r\nIl nuovo presidente intende collaborare con i ministri il cui lavoro è direttamente collegato alla modernizzazione delle politiche pubbliche e dei programmi volti a promuovere il turismo all'estero. \"Oltre a integrare le nostre azioni nell'agenda di politica estera e in quella dei vari ministeri del governo Lula, riprenderemo il dialogo con il mercato e gli enti che svolgono azioni di promozione internazionale. Costruiremo un Embratur moderno, professionale, efficiente e impegnato nello sviluppo sostenibile\".\r\nFreixo, 55 anni, è insegnante di storia ed è nato in una comunità povera di São Gonçalo, città della regione metropolitana di Rio de Janeiro. E' stato eletto deputato dello Stato di Rio de Janeiro per la prima volta nel 2006 e si è candidato due volte a sindaco di Rio de Janeiro, nel 2012 e nel 2016, e al governo dello Stato nel 2022. Eletto deputato federale nel 2018, lo stesso anno in cui Jair Bolsonaro è diventato presidente della Repubblica, è stato leader dell'opposizione al governo.","post_title":"Brasile: Marcelo Freixo è il nuovo presidente di Embratur","post_date":"2023-01-18T12:54:08+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674046448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Allora guardiamo bene cosa c'è dentro la legge di bilancio per il turismo come riportato fedelmente dal Sole 24 Ore. Con il fine di promuovere l'attrattività turistica e di incentivare i flussi turistici nei luoghi montani e nei comprensori sciistici garantendo la sicurezza degli impianti, l’articolo 1, comma 592 istituisce un fondo destinato alle imprese esercenti attività di risalita a fune e di innevamento artificiale, anche dismettendo impianti non più utilizzati o obsoleti (comma 593). Lo stanziamento deve essere destinato a realizzare interventi di ristrutturazione, ammodernamento e manutenzione. Il Fondo ha una dotazione complessiva di 200 milioni: 30 per l’anno 2023, 50 milioni per l’anno 2024, 70 milioni per l’anno 2025 e 50 milioni per l’anno 2026.\r\nLe altre voci\r\nVediamo quali sono le altre voci a cui hanno assegnato finanziamenti: istituzione di 3 nuovi fondi presso il ministero del turismo per accrescere il livello e l’offerta professionale nel settore (commi 603-606), sostegno ai piccoli comuni a vocazione turistica (commi 607- 609), per i cammini religiosi (comma 610) e per il turismo sostenibile (commi 611-612). La legge di Bilancio tende la mano al turismo garantendo investimenti per milioni di euro, in alcuni casi destinati a protrarsi fino al 2026.\r\nInsomma come al solito il turismo organizzato rimane fuori. Non si capisce il motivo per il quale migliaia di aziende che hanno perso tutto o quasi in due anni di lockdown debbano essere messe così da parte quando si tratta di scelte finanziarie e di risorse. Qualcuno lo chieda al ministro.\r\n ","post_title":"Legge bilancio: 200 milioni per la montagna. Per il turismo organizzato niente","post_date":"2023-01-13T10:53:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1673607217000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436828","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435500\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il ministro del turismo Daniela Santanchè[/caption]\r\n\r\nAbruzzo. Non è delle migliori la situazione nelle stazioni sciistiche abruzzesi che fanno i conti con la mancanza di neve. Per gli imprenditori e gli operatori turistici il rischio è quello di vedere la stagione saltare. Molte le disdette arrivate nei giorni delle feste a causa della mancanza di neve. L’assessore regionale al turismo Daniele D’Amario si è attivato già per le prime azioni da mettere in campo\r\n\r\nDopo le sollecitazioni degli operatori turistici e della politica regionale, con richieste per la “proroga dei mutui e fondi per l’innevamento artificiale”, già nelle prossime ore dal ministero potrebbero far sapere il giorno di un tavolo congiunto per l’Appennino a cui parteciperanno anche i colleghi di Emilia Romagna e Toscana. Proprio ieri il ministro del turismo, Daniela Santanchè, ha risposto all’appello arrivato dalle Regioni dell’Appennino senza neve che chiedono interventi straordinari per aiutare il settore in crisi: “Al più presto un tavolo di lavoro congiunto per definire un piano straordinario per l’Appennino senza neve. Il mio gabinetto è già al lavoro sul tema”.\r\n\r\nD’Amario parla anche della possibilità di avere cannoni sparaneve di ultima generazione in grado di funzionare anche con temperature lontane dallo zero termico. Insomma, l’assenza di neve per gli operatori turistici è un bel problema, e sull’Appennino le piste da sci sono tutte senza la coltre bianca.  Sul fronte meteo, anche se i meteorologi non possono fare previsioni a lungo termine, sembra che qualcosa possa muoversi la prossima settimana ma è ancora troppo presto. Si continua a pensare, intanto, allo Skipass unico per l’Abruzzo, terra di mare e di monti. Ora bisognerà attendere l’esito dell’incontro con il ministro, già nei prossimi giorni amministratori e operatori sperano in buone notizie sotto la…neve.","post_title":"Abruzzo senza neve. Santanchè: \"Presto un piano straordinario\"","post_date":"2023-01-05T11:12:11+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1672917131000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436744","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways alza il sipario sul primo Airbus A320neo con la nuova livrea azzurra che fa il suo ingresso in flotta, dopo aver concluso le operazioni di painting nell’hangar dell’aeroporto di Shannon, in Irlanda. Il velivolo porta il nome di Giacinto Facchetti, straordinario terzino e capitano della Nazionale Italiana di calcio a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta. Sfoggia dettagli unici di design come la Zorro mask e le winglets, e da fine gennaio andrà e servire le rotte di medio raggio della compagnia.\r\nL'Airbus A320neo consente consumi di carburante ed emissioni di CO2 per passeggero inferiori del 20% rispetto agli aeromobili di precedente generazione. Ita potrà così ampliare ulteriormente la flotta moderna ed environment-friendly, che entro il 2026 sarà composta per l'80% da aerei di nuova generazione con la conseguente riduzione di 1,3 milioni di tonnellate di emissioni di CO2. Inoltre, grazie al disegno innovativo della cabina, il nuovo A320neo offrirà ai passeggeri una esperienza di viaggio di riferimento, con sedili più moderni e confortevoli.","post_title":"Ita Airways: ecco il primo A320neo con la livrea azzurra, dedicato a Giacinto Facchetti","post_date":"2023-01-04T10:19:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1672827550000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti