5 February 2023

Gruppo Gattinoni: avanti tutta per diventare impresa carbon neutral

[ 0 ]

Franco Gattinoni, presidente gruppo Gattinoni

Non esiste attività al mondo che non produca biossido di carbonio. Ma le emissioni di CO2 si possono – e si devono – compensare, così da svolgere il proprio business con un impatto neutro sul pianeta. Il Gruppo Gattinoni ha scelto di impegnarsi in questo percorso, insieme alla startup Up2You, azienda B Corp fra le uniche 3 in Italia autorizzate a ritirare e gestire Carbon Credit VCS (Verified Carbon Standard) attraverso progetti certificati internazionalmente e su Blockchain.

L’avvio di questo percorso del Gruppo Gattinoni è in concomitanza della partecipazione alla manifestazione fieristica Ttg Travel Experience, con il primo e unico Neutral Stand. La startup greentech Up2You ha certificato le emissioni di CO2 dello stand e chi si recherà nel Padiglione C3/150-171, riceverà un braccialetto in carta biodegradabile, che potrà essere piantato e generare fiori, unitamente a un codice QR da utilizzare per aderire a uno dei progetti sostenibili certificati, selezionati dal Gruppo Gattinoni, che mirano a compensare le emissioni di CO2 dello stand. Tutti coloro che aderiranno riceveranno un certificato personalizzato con nome, logo dell’azienda e progetto supportato.

«Noi guardiamo sempre al futuro, in ogni scelta che facciamo – ha commentato Franco Gattinoni, presidente Gruppo Gattinoni –. È arrivato il momento di iniziare anche il percorso di sostenibilità aziendale che riguarderà tutto il Gruppo, attraverso lo studio di soluzioni che vanno verso la riduzione dell’inquinamento. Un progetto che coinvolgerà più reparti dell’azienda: Risorse Umane, Logistica, Comunicazione, Prodotto, Business Travel, Mice; tutti i dipendenti dovranno sentirsi parte di un cambiamento culturale importante. Ci attiveremo nelle sedi e nelle agenzie di proprietà, augurandoci in un secondo momento di coinvolgere tutte le agenzie del network. La crescita del business e la tutela del patrimonio ambientale non devono essere percepiti come obiettivi in antitesi, specialmente nel nostro settore, dove far scoprire alle persone la bellezza del mondo è il cardine delle nostre attività”.

Il progetto Carbon Neutral interesserà tutte le Business Unit del Gruppo e procederà per step.

Sul fronte Mice, il gruppo Gattinoni propone ai propri clienti Neutral Events ovvero eventi in cui viene calcolato l’impatto ambientale e viene analizzata la strategia di coinvolgimento dei partecipanti per la neutralizzazione delle emissioni. Il primo evento Carbon Neutral è già stato realizzato per MetLife; è stato calcolato l’impatto ambientale dell’evento che si è svolto presso il ristorante di Carlo Cracco “Carlo al Naviglio”, e si sono neutralizzate le emissioni di CO2 attraverso l’adesione a un progetto green certificato internazionalmente, la conversione di un’area forestale, che ha visto come parte attiva i 70 business partner dell’azienda.

In ambito Business Travel l’impegno è di certificare le emissioni delle trasferte aziendali e di proporre ai clienti opzioni di trasferte sostenibili e pacchetti di compensazione. In tema Viaggi saranno proposti viaggi certificati Zero Emissioni: il consumatore, attraverso l’acquisto di specifici tour Travel Experience, avrà la possibilità di compensare le emissioni prodotte dal viaggio e dalla permanenza nelle strutture e di scegliere a quali progetti aderire.

Anche le persone del Gruppo Gattinoni non si sottrarranno alla sfida. A breve inizierà il percorso dedicato a tutti i dipendenti del Gruppo attraverso PlaNet, la piattaforma di green engagement aziendale che permette ai colleghi di sfidarsi con quiz e missioni green in un percorso mirato verso la sostenibilità ambientale.

Commenta Isabella Maggi, direttore marketing & comunicazione gruppo Gattinoni: «Sul fronte della comunicazione l’impegno di Gattinoni sarà monitorabile attraverso una landing page dedicata su Up2You, attraverso il logo Carbon Neutral che sarà messo sui progetti (Up2You Certified), il widget di impatto e la Climate Map dove sono dislocati tutti i progetti sostenuti. La nostra natura si basa sulla concretezza; non ci interessa un greenwashing per darci lustro ma al contrario assumerci una maggiore responsabilità. Le nuove generazioni hanno il diritto di vivere in condizioni idonee alla loro crescita».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438639 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tour operator italiani a tu per tu con l'offerta turistica della Polinesia Francese: una delegazione di operatori specializzati sulla destinazione  - composta da Alidays, Aquadiving, Discover Australia, Gattinoni, Go Australia, Idee per Viaggiare, Kia Ora, Mappamondo, Tinky Winky e Turisanda - ha partecipato al Parau Parau Tahiti 2023. Polinesia sinonimo di una riserva di biodiversità da sempre impegnata nella sostenibilità e attenta alle esigenze degli abitanti. Fondamentale il ruolo del Gstc (Global Sustainable Tourism Council), che mette a punto i Criteri Globali del Turismo Sostenibile e sta lavorando con Tahiti Tourisme. Nell’ambito del Parau Parau 2023, David Emen, trainer&consultant del gruppo, ha parlato di “Turismo responsabile nella Polinesia Francese”. «Il turismo è una cosa molto buona per la Polinesia Francese, ma dev’esserci un equilibrio, la certezza che porti benefici per la comunità locale, preservi la cultura e rispetti la natura. Guardando al 2027 Gstc è stata messa a punto una strategia puntuale e coesiva che potrà essere adottata dalle Isole di Tahiti. Un impegno volto a risolvere elementi fondamentali, come la stagionalità. Vogliamo ampliare il mercato attirando i viaggiatori nella bassa stagione e rendere accessibili al turismo nuove isole dell’arcipelago. Ma tutto dev’essere fatto incontrando le organizzazioni locali e favorendo il loro confronto con il turismo». «Il viaggiatore è cambiato - evidenzia Emen -. Sceglie spostamenti più brevi; è più responsabile e pensa al proprio impatto sulla destinazione, all’autenticità e alla sostenibilità; cerca un turismo più vicino alla natura e si preoccupa degli aspetti assicurativi e sanitari del proprio viaggio. Scopre la destinazione con visite culturali, percorsi naturali e l’incontro con l’ambiente che lo circonda. Inoltre la sostenibilità sta diventando sempre più importante e il turista è pronto a compensare le emissioni di carbonio del suo viaggio. Il Gstc è un’organizzazione indipendente che indica un percorso di recupero ma non offre la soluzione - spiega il trainer&consultant -. Il suo focus è su quello che dovrebbe essere fatto e offre criteri di valutazione sia per le destinazioni che per le industrie. L’attenzione del Gstc va alla gestione della sostenibilità e al suo impatto socio-economico, culturale e ambientale». David Emen ha concluso la sua presentazione con una bella frase del presidente della Polinesia Francese Édouard Fritch, che ha compreso l’importanza di “rafforzare legami autentici e sinceri tra coloro che vengono da lontano e coloro che abitano qui e li accolgono». [post_title] => Parau Parau 2023: il futuro di Tahiti parla di sostenibilità e di attenzione al popolo [post_date] => 2023-02-03T13:06:22+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675429582000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438246 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una conferenza stampa al di fuori del normale: itinerante. Così è stata presentata la Bit 2023, a bordo di un tram nel centro di Milano; presentata e aperta da Simona Greco direttrice manifestazioni FieraMilano. A prendere la parola per primo è stato Luca Palermo amministratore delegato di FieraMilano. Ha annunciato i temi più importanti tra cui: il metaverso, il turismo naturalistico, di Made in Italy, senza spostare l'attenzione dalla grande internazionalizzazione al quale il settore va sempre più in corso. La tanto temuta quanto amata tecnologia, che si pensava potesse rubare lavoro, si è dimostrata invece estremamente utile e efficiente, spingendo verso un utilizzo intelligente di piattaforme e mezzi tecnologici. [caption id="attachment_438254" align="alignleft" width="300"] Luca Palermo[/caption] 500 top buyer «Quest'anno ci si aspetta che le affluenze tornino allo standard pre-pandemia, avremo una grande rappresentanza delle regioni italiane e 45 paesi esteri, in più si presenteranno 500 top buyer dall'estero», afferma l'ad oltre alla grande notizia che la Cina ha recentemente aperto le frontiere. Ha proseguito il discorso Franco Gattinoni presidente Fto:«le agenzie puntano a una maggiore digitalizzazione nel campo delle prenotazioni e dell'assistenza, servono però investimenti importanti , così da poter creare un'assistenza al cliente per emergenze e imprevisti in tempo reale e immediata, ovunque esso sia».  [caption id="attachment_438255" align="alignleft" width="207"] Franco Gattinoni[/caption] Ha aggiunto Gattinoni:« questo è un momento per riallacciare i rapporti e per stravolgere lo standard che la pandemia ha imposto». Il ministro Santanchè inaugurerà la Bit e sarà presente nei giorni della fiera.       [post_title] => Bit 2023: si prevedono affluenze allo standard pre-pandemia [post_date] => 2023-01-30T14:32:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675089149000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438242 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma Adv Overview, lanciata lo scorso luglio 2022, è nata con lo scopo di diventare la base anagrafica di Astoi.  I soci Astoi, infatti, hanno conferito formale mandato all’Associazione per raccogliere, in nome e per conto degli stessi, informazioni sul possesso dei requisiti per svolgere l’attività di agenzia di viaggio. Il conferimento di tale mandato ad Astoi, attribuisce all’Associazione la legittimità a reperire le informazioni nel pieno rispetto delle norme e ciò lo si evidenzia anche in risposta ad alcune affermazioni, prive di fondamento, sulla presunta mancanza di titolarità dell’Associazione stessa. Si tratta quindi di un’attività demandata dai tour operator soci ad Astoi, allo scopo di ottenere 2 vantaggi fondamentali: per le agenzie di viaggio, la possibilità di inviare ad un unico interlocutore -  in modo semplice e intuitivo - le suddette informazioni, anziché doverle trasmettere singolarmente a ciascun associato. Per i to, la certezza di poter distribuire il proprio prodotto solo attraverso realtà in linea con i requisiti di legge, semplificando tutte le procedure di raccolta interna di questi documenti. Il meccanismo, come detto, è molto semplice: una volta che l’agenzia si sia iscritta sulla piattaforma all’indirizzo https://area-agenzie.astoi.com/signup/ ed abbia caricato quanto richiesto - ovvero autorizzazione amministrativa, polizza RC e copertura per fallimento e insolvenza - i documenti vengono sottoposti a verifica e, qualora gli stessi risultino formalmente corretti, l’Agenzia ottiene lo status di “Compliant”. Ovviamente, alla scadenza di uno dei documenti (es. polizza RC o copertura fallimento e insolvenza), sarà necessario aggiornare nuovamente il documento e rinnovare lo status di Compliant. Va inoltre precisato che tale status dipende solo dalla correttezza di questi 3 documenti e non da altre informazioni, che possono essere inserite facoltativamente nella piattaforma a fini statistici, come ad esempio l’adesione a un Network o ad una determinata Associazione. Per quanto riguarda i to, tali informazioni vengono rese pubbliche nella scheda tecnica delle Condizioni Generali di Contratto presenti sui siti e nei cataloghi. L’importanza di uno strumento come Adv Overview, che consente di reperire elementi imprescindibili per la scelta di partner commerciali che dispongano di tutti i requisiti di legge per operare, è testimoniata dal fatto che i Tour Operator aderenti al progetto hanno provveduto - o provvederanno - ad inserire nei contratti stipulati con la propria rete di Agenzie di Viaggio una clausola che preveda l’iscrizione e la Compliance ottenuta sulla piattaforma Adv Overview. Gli associati Astoi metteranno inoltre in campo specifiche azioni di comunicazione a supporto del progetto.  Al fine di far comprendere in modo più puntale ed esaustivo scopi, meccanismi e funzionalità della piattaforma, è stato previsto un “Info point Adv Overview” all’interno del “Villaggio Astoi” in Bit e in Bmt e, nel mese di febbraio, sono stati organizzati  in collaborazione con i principali Network  - Welcome Travel Group, Uvet Travel System, Blunet, Gattinoni - una serie di webinar dedicati alle agenzie di viaggio, nel corso dei quali le stesse potranno avere evidenza del valore del progetto e della facilità di utilizzo della piattaforma, diventando così parte attiva di un meccanismo virtuoso che ha il solo scopo di tutelare consumatori ed operatori del settore. Si tratta quindi dell’avvio di un percorso che si protrarrà nel tempo e che prevede il coinvolgimento anche di altre realtà - come ad esempio altri player della distribuzione, associazioni, etc. - oltre a quelle la cui collaborazione è stata già definita.   [post_title] => Astoi/Adv Overview: info point alla Bit e alla Bmt [post_date] => 2023-01-30T13:34:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675085683000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I soldi per il turismo organizzato, quei famosi 39 milioni di euro promessi da Garavaglia e mai arrivati, dovrebbero essere sbloccati a marzo. Questo il pensiero di Franco Gattinoni, presidente di Fto, che abbiamo sentito a margine della conferenza stampa di presentazione della Bit 2023. Presidente il ministro proprio durante il vostro incontro Fto, il ministro aveva garantito quelle risorse per fine gennaio... «E si ricorda cosa ho risposto? Ho detto che secondo me i tempi erano troppo stretti e che il ministero non ce l'avrebbe fatta. Adesso pensiamo che la data sicura sarà marzo. Naturalmente stiamo cercando di fare pressing sul ministero affinché si possa arrivare a questa risoluzione che per tutto il settore è necessaria». Siamo d'accordo con Gattinoni e lanciamo anche da questo giornale online l'appello a fare il più presto possibile, specialmente per quelle agenzie che nei due anni di lockdown hanno dovuto rivolgeri alle banche per continuare a vivere e che sono eccessivamente indebitate. [post_title] => Gattinoni: «A marzo i 39 milioni per il turismo organizzato» [post_date] => 2023-01-30T13:16:53+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675084613000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comprendere e calcolare l’impatto ambientale della propria impresa. Grazie a majorian, piattaforma all-in-one multiservizi di cui fa parte lo stesso brand alberghiero, les Collectionneurs mette a disposizione Clorofil, uno strumento ad hoc per valutare l’impronta di carbonio del proprio ristorante e hotel. Il tool è fornito gratuitamente ai propri affiliati ma è aperto anche a tutti gli altri imprenditori. “Siamo convinti che gli imprenditori indipendenti siano l’avvenire di un’economia umana e di un mondo che avrà futuro - spiega la ceo di majorian, e già alla direzione generale del brand les Collectionneurs, Carole Pourchet -. Per questo motivo siamo noi stessi impegnati quotidianamente a unire, sostenere e liberare questi attori del dinamismo territoriale per permettere loro di progredire serenamente”. La piattaforma Clorofil.eco è stata sviluppata in partnership con ClimateSeed (ente esperto nella misurazione e riduzione di Co2, secondo il metodo Bilan Carbone dell’Agenzia per la transizione ecologica francese - Ademe) e consente di misurare l’insieme delle emissioni, dirette e indirette, generate dalla propria struttura in base a cinque macrocategorie: energia, acquisti, rifiuti, prestazioni legate all’hotellerie/ristorazione, mobilità. [post_title] => Les Collectionneurs (gruppo majorian) introduce Clorofil per misurare l’impronta di carbonio degli hotel [post_date] => 2023-01-26T13:45:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674740719000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437557 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand Jw Marriott raddoppia in Germania con l'apertura di un nuovo indirizzo a Berlino entro il 2025. Di proprietà della società d'investimento Al Rayyan Tourism Investment Company (Artic), la struttura sarà il frutto del restyling e contemporaneo rebranding dell'ex hotel Berlin Central District. Situato nella centralissima via Stauffenbergstraße, il Jw Marriott Hotel Berlin con le sue 505 camere si trova a pochi passi dal Tiergarten, uno dei più grandi parchi pubblici in Germania. Gli interni sono stati curati dallo studio di design El Ghoneimi e sono ispirati proprio al Tiergarten, con una palette cromatica dominata dal verde scuro e dai toni caldi del marrone, insieme al bianco brillante dei marmi. L'offerta culinaria, sotto la guida dello chef Friedemann Heinrich, permetterà agli ospiti la possibilità di scegliere tra otto ristoranti.  A disposizione anche una proposta mice tra le più ampie della città, con oltre 48 spazi per eventi su una superficie di 6.290 metri quadrati, tra cui la ballroom più grande di Berlino, in grado di accogliere oltre 2.300 ospiti. Presente pure una spa completa di piscina, sauna, bagno turco e due sale per trattamenti, per un totale di 347 metri quadrati di spazio dedicato al relax e al benessere. [post_title] => Jw Marriott raddoppia in Germania: nuova struttura a Berlino [post_date] => 2023-01-19T09:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674118820000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437535 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi investimenti in impianti solari del gruppo Soneva che, grazie a un finanziamento da 10 milioni di dollari fornito dalla banca tedesca Aareal Bank, aumenterà l'energia generata da fonti rinnovabili nei suoi resort maldiviani Fushi e Jani a oltre il 50% del fabbisogno totale di entrambe le strutture. Dal 2012 le strutture Soneva sono carbon neutral: a ogni soggiorno viene in particolare applicata una tassa ambientale del 2%, il cui ricavato contribuisce a compensare le emissioni di carbonio. Il Soneva Fushi è stato peraltro il primo resort a installare un impianto a energia solare alle Maldive nell'ormai lontano 2008. "La partnership con Aareal Bank è una pietra miliare della nostra storia - sottolinea il chief financial officer e deputy ceo di Soneva, Bruce Bromley -. Questa linea di credito ci consentirà di compiere un passo importante verso il traguardo di un'operatività senza emissioni di carbonio nei nostri resort alle Maldive". Una volta completati i lavori, il Soneva Fushi avrà installato un totale di 2,1 megawatt di potenza (MWp) e un accumulo di batterie di 2.500 chilowattora (kWh), che gli consentirà di raggiungere una penetrazione fotovoltaica combinata di circa il 55% del fabbisogno energetico entro la metà del 2023. Al Jani le installazioni ammonteranno a 2,8 MWp e, insieme all'accumulo di batterie di 2 mila kWh, permetteranno una penetrazione fotovoltaica di circa il 52%. "Siamo lieti di aver potuto sostenere Soneva con una soluzione di finanziamento per l'ammodernamento del suo gruppo di hotel, che porterà a significativi miglioramenti nell'efficienza energetica di queste proprietà - aggiunge Thomas Adaemmer, ceo di Aareal Bank Asia -. Dal punto di vista della sostenibilità, questo tipo di iniziative di ammodernamento sta assumendo un'importanza sempre maggiore per le proprietà esistenti. Siamo lieti perciò di sostenerne l'attuazione con le nostre soluzioni di finanziamento, oggi e in futuro". [post_title] => Soneva: nuovo investimento green da 10 mln di dollari ai maldiviani Fushi e Jani [post_date] => 2023-01-18T13:38:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674049117000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437485 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437487" align="alignleft" width="300"] Valerio Duchini, presidente e a.d. di B&B Hotels Italia[/caption] Una certificazione pensata appositamente per il comparto dell'ospitalità. Lo ha chiesta B&B Hotels all'ente indipendente Socotec, che ha messo a punto un indice di misurazione ad hoc capace al contempo di contare sul riconoscimento del Global sustainable tourism council’s (Gstc) e sull’integrazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni unite. Nel corso del 2022, gli auditor di Socotec hanno quindi ispezionato la sede centrale di B&B Hotels e 87 strutture in Francia, Germania, Italia e Spagna. Sono stati valutati oltre 125 elementi in cinque categorie (sistema di gestione sostenibile, governance, sociale, cultura e ambiente): dalla strategia alle azioni attuate per preservare la biodiversità, gli ecosistemi e i paesaggi, passando alla creazione di occupazione sul territorio locale, al coinvolgimento del personale e alla promozione delle attività culturali e del patrimonio locale. Una task force dedicata a B&B Hotels ha verificato 117 iniziative di corporate social responsability esistenti, analizzando il divario tra lo stato attuale e i requisiti della certificazione csr (125 voci) e intervistando 70 mila persone tra le parti interessate (clienti, hotel manager, proprietari, fornitori, dipendenti) in quattro Paesi, al fine di monitorare la quantità di emissioni di carbonio prodotte. Dopo oltre 120 giorni di audit, B&B Hotels Francia, Italia, Spagna e Germania hanno quindi ottenuto la certificazione del Sistema di gestione della sostenibilità per tre anni. Si tratta infatti di un processo continuo. Ogni anno verranno eseguiti audit di sorveglianza in 100 hotel selezionati casualmente e verranno riviste la strategia e i piani d'azione csr di B&B Hotels. Tutte le nuove aperture (circa 100 all'anno) si impegnano inoltre a essere conformi ai requisiti della certificazione csr e i progressi saranno valutati e comunicati in modo trasparente. La certificazione è disponibile per tutti gli attori dell'ospitalità. [post_title] => B&B Hotels si aggiudica la prima certificazione di sostenibilità ad hoc per l'ospitalità [post_date] => 2023-01-18T09:45:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674035119000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saudi Arabian Airlines investe sul futuro green con una serie di progetti sostenibili e nuove iniziative ecologiche: obiettivo diventare una compagnia aerea leader nel settore che riconosce la propria responsabilità nei confronti dell’ambiente e della società, e che considera il tema della sostenibilità come parte integrante della sua strategia aziendale.  Si parte dal Green Points Program: Saudia è stata la prima ad implementare i Green Points, un programma che premia i passeggeri che si impegnano a proteggere l’ambiente. Il programma è stato implementato su un volo in partenza da Jeddah e diretto a Madrid il 12 maggio durante il Sustainable Flight Challenge presentato da SkyTeam Alliance. Voluntary Carbon Market Initiative vede Saudia quale prima compagnia partner dell’area Mena partecipare all’iniziativa avviata un anno fa. A proposito dell’obiettivo dell'Arabia Saudita di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060 e di ridurre il suo impatto sul cambiamento climatico, il Fondo pubblico per gli investimenti (PIF) ha istituito il mercato volontario del carbonio. Il progetto riflette l’interesse delle compagnie aeree che cercano di ridurre a piccoli passi l’utilizzo di carbonio attraverso iniziative e innovazioni come l'espansione delle energie rinnovabili o la promozione dell'idrogeno verde.  Sustainability Flight Challenge: un’altra iniziativa sostenibile che ha lo scopo di ridurre la produzione di emissioni, è il coinvolgimento attivo dei clienti attraverso un loro feedback. Sul volo SV590 da Jeddah a Dubai dell'8 ottobre 2022, agli ospiti a bordo sono state chieste idee per un viaggio aereo più ecologico, che coprisse i momenti precedenti alla partenza in aeroporto e l'arrivo a destinazione. I passeggeri e i membri del team Saudia hanno raccolto in totale 150 idee interessanti.  eVTOL: in collaborazione con la start-up Lilium di Monaco di Baviera, l'Arabia Saudita sta investendo nel trasporto aereo ad emissioni zero per promuovere l'indipendenza dal petrolio come parte della sua Vision 2030. A tal fine, la compagnia di bandiera saudita ha in programma l'acquisto di 100 taxi aerei a propulsione elettrica Lilium-Jet per servire i collegamenti da punto a punto e con gli hub senza soluzione di continuità per i clienti della classe Business all'interno dell'Arabia Saudita. La Formula E: in qualità di partner ufficiale della prima serie di corse automobilistiche elettriche e partner principale dell'inaugurale Saudia Ad Diriyah E-Prix, il vettore quest’anno ha lanciato una nuova campagna per mettere in contatto i fan della Formula E di tutto il mondo e promuovere uno sport sostenibile. A questo scopo Saudia e i suoi partner SkyTeam voleranno in tutte le città che ospiteranno la gara il prossimo anno. Le città di Roma, Berlino, New York, Londra e Seul saranno presenti nel programma di volo. [post_title] => Saudia rilancia gli investimenti sulla sostenibilità ambientale: ecco i progetti green [post_date] => 2023-01-17T13:12:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673961132000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gruppo gattinoni carbon neutral" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":29,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":279,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438639","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tour operator italiani a tu per tu con l'offerta turistica della Polinesia Francese: una delegazione di operatori specializzati sulla destinazione  - composta da Alidays, Aquadiving, Discover Australia, Gattinoni, Go Australia, Idee per Viaggiare, Kia Ora, Mappamondo, Tinky Winky e Turisanda - ha partecipato al Parau Parau Tahiti 2023.\r\n\r\nPolinesia sinonimo di una riserva di biodiversità da sempre impegnata nella sostenibilità e attenta alle esigenze degli abitanti. Fondamentale il ruolo del Gstc (Global Sustainable Tourism Council), che mette a punto i Criteri Globali del Turismo Sostenibile e sta lavorando con Tahiti Tourisme. Nell’ambito del Parau Parau 2023, David Emen, trainer&consultant del gruppo, ha parlato di “Turismo responsabile nella Polinesia Francese”.\r\n\r\n«Il turismo è una cosa molto buona per la Polinesia Francese, ma dev’esserci un equilibrio, la certezza che porti benefici per la comunità locale, preservi la cultura e rispetti la natura. Guardando al 2027 Gstc è stata messa a punto una strategia puntuale e coesiva che potrà essere adottata dalle Isole di Tahiti. Un impegno volto a risolvere elementi fondamentali, come la stagionalità. Vogliamo ampliare il mercato attirando i viaggiatori nella bassa stagione e rendere accessibili al turismo nuove isole dell’arcipelago. Ma tutto dev’essere fatto incontrando le organizzazioni locali e favorendo il loro confronto con il turismo».\r\n\r\n«Il viaggiatore è cambiato - evidenzia Emen -. Sceglie spostamenti più brevi; è più responsabile e pensa al proprio impatto sulla destinazione, all’autenticità e alla sostenibilità; cerca un turismo più vicino alla natura e si preoccupa degli aspetti assicurativi e sanitari del proprio viaggio. Scopre la destinazione con visite culturali, percorsi naturali e l’incontro con l’ambiente che lo circonda. Inoltre la sostenibilità sta diventando sempre più importante e il turista è pronto a compensare le emissioni di carbonio del suo viaggio. Il Gstc è un’organizzazione indipendente che indica un percorso di recupero ma non offre la soluzione - spiega il trainer&consultant -. Il suo focus è su quello che dovrebbe essere fatto e offre criteri di valutazione sia per le destinazioni che per le industrie. L’attenzione del Gstc va alla gestione della sostenibilità e al suo impatto socio-economico, culturale e ambientale». David Emen ha concluso la sua presentazione con una bella frase del presidente della Polinesia Francese Édouard Fritch, che ha compreso l’importanza di “rafforzare legami autentici e sinceri tra coloro che vengono da lontano e coloro che abitano qui e li accolgono».","post_title":"Parau Parau 2023: il futuro di Tahiti parla di sostenibilità e di attenzione al popolo","post_date":"2023-02-03T13:06:22+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675429582000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438246","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una conferenza stampa al di fuori del normale: itinerante. Così è stata presentata la Bit 2023, a bordo di un tram nel centro di Milano; presentata e aperta da Simona Greco direttrice manifestazioni FieraMilano.\r\n\r\nA prendere la parola per primo è stato Luca Palermo amministratore delegato di FieraMilano. Ha annunciato i temi più importanti tra cui: il metaverso, il turismo naturalistico, di Made in Italy, senza spostare l'attenzione dalla grande internazionalizzazione al quale il settore va sempre più in corso.\r\n\r\nLa tanto temuta quanto amata tecnologia, che si pensava potesse rubare lavoro, si è dimostrata invece estremamente utile e efficiente, spingendo verso un utilizzo intelligente di piattaforme e mezzi tecnologici.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_438254\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Palermo[/caption]\r\n500 top buyer\r\n«Quest'anno ci si aspetta che le affluenze tornino allo standard pre-pandemia, avremo una grande rappresentanza delle regioni italiane e 45 paesi esteri, in più si presenteranno 500 top buyer dall'estero», afferma l'ad oltre alla grande notizia che la Cina ha recentemente aperto le frontiere.\r\n\r\nHa proseguito il discorso Franco Gattinoni presidente Fto:«le agenzie puntano a una maggiore digitalizzazione nel campo delle prenotazioni e dell'assistenza, servono però investimenti importanti , così da poter creare un'assistenza al cliente per emergenze e imprevisti in tempo reale e immediata, ovunque esso sia». \r\n\r\n[caption id=\"attachment_438255\" align=\"alignleft\" width=\"207\"] Franco Gattinoni[/caption]\r\n\r\nHa aggiunto Gattinoni:« questo è un momento per riallacciare i rapporti e per stravolgere lo standard che la pandemia ha imposto».\r\n\r\nIl ministro Santanchè inaugurerà la Bit e sarà presente nei giorni della fiera.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Bit 2023: si prevedono affluenze allo standard pre-pandemia","post_date":"2023-01-30T14:32:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675089149000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438242","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma Adv Overview, lanciata lo scorso luglio 2022, è nata con lo scopo di diventare la base anagrafica di Astoi.  I soci Astoi, infatti, hanno conferito formale mandato all’Associazione per raccogliere, in nome e per conto degli stessi, informazioni sul possesso dei requisiti per svolgere l’attività di agenzia di viaggio. Il conferimento di tale mandato ad Astoi, attribuisce all’Associazione la legittimità a reperire le informazioni nel pieno rispetto delle norme e ciò lo si evidenzia anche in risposta ad alcune affermazioni, prive di fondamento, sulla presunta mancanza di titolarità dell’Associazione stessa.\r\n\r\nSi tratta quindi di un’attività demandata dai tour operator soci ad Astoi, allo scopo di ottenere 2 vantaggi fondamentali: per le agenzie di viaggio, la possibilità di inviare ad un unico interlocutore -  in modo semplice e intuitivo - le suddette informazioni, anziché doverle trasmettere singolarmente a ciascun associato. Per i to, la certezza di poter distribuire il proprio prodotto solo attraverso realtà in linea con i requisiti di legge, semplificando tutte le procedure di raccolta interna di questi documenti.\r\n\r\nIl meccanismo, come detto, è molto semplice: una volta che l’agenzia si sia iscritta sulla piattaforma all’indirizzo https://area-agenzie.astoi.com/signup/ ed abbia caricato quanto richiesto - ovvero autorizzazione amministrativa, polizza RC e copertura per fallimento e insolvenza - i documenti vengono sottoposti a verifica e, qualora gli stessi risultino formalmente corretti, l’Agenzia ottiene lo status di “Compliant”.\r\n\r\nOvviamente, alla scadenza di uno dei documenti (es. polizza RC o copertura fallimento e insolvenza), sarà necessario aggiornare nuovamente il documento e rinnovare lo status di Compliant. Va inoltre precisato che tale status dipende solo dalla correttezza di questi 3 documenti e non da altre informazioni, che possono essere inserite facoltativamente nella piattaforma a fini statistici, come ad esempio l’adesione a un Network o ad una determinata Associazione.\r\n\r\nPer quanto riguarda i to, tali informazioni vengono rese pubbliche nella scheda tecnica delle Condizioni Generali di Contratto presenti sui siti e nei cataloghi. L’importanza di uno strumento come Adv Overview, che consente di reperire elementi imprescindibili per la scelta di partner commerciali che dispongano di tutti i requisiti di legge per operare, è testimoniata dal fatto che i Tour Operator aderenti al progetto hanno provveduto - o provvederanno - ad inserire nei contratti stipulati con la propria rete di Agenzie di Viaggio una clausola che preveda l’iscrizione e la Compliance ottenuta sulla piattaforma Adv Overview.\r\n\r\nGli associati Astoi metteranno inoltre in campo specifiche azioni di comunicazione a supporto del progetto.\r\n\r\n Al fine di far comprendere in modo più puntale ed esaustivo scopi, meccanismi e funzionalità della piattaforma, è stato previsto un “Info point Adv Overview” all’interno del “Villaggio Astoi” in Bit e in Bmt e, nel mese di febbraio, sono stati organizzati  in collaborazione con i principali Network  - Welcome Travel Group, Uvet Travel System, Blunet, Gattinoni - una serie di webinar dedicati alle agenzie di viaggio, nel corso dei quali le stesse potranno avere evidenza del valore del progetto e della facilità di utilizzo della piattaforma, diventando così parte attiva di un meccanismo virtuoso che ha il solo scopo di tutelare consumatori ed operatori del settore. Si tratta quindi dell’avvio di un percorso che si protrarrà nel tempo e che prevede il coinvolgimento anche di altre realtà - come ad esempio altri player della distribuzione, associazioni, etc. - oltre a quelle la cui collaborazione è stata già definita.\r\n\r\n ","post_title":"Astoi/Adv Overview: info point alla Bit e alla Bmt","post_date":"2023-01-30T13:34:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675085683000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I soldi per il turismo organizzato, quei famosi 39 milioni di euro promessi da Garavaglia e mai arrivati, dovrebbero essere sbloccati a marzo. Questo il pensiero di Franco Gattinoni, presidente di Fto, che abbiamo sentito a margine della conferenza stampa di presentazione della Bit 2023.\r\n\r\nPresidente il ministro proprio durante il vostro incontro Fto, il ministro aveva garantito quelle risorse per fine gennaio...\r\n\r\n«E si ricorda cosa ho risposto? Ho detto che secondo me i tempi erano troppo stretti e che il ministero non ce l'avrebbe fatta. Adesso pensiamo che la data sicura sarà marzo. Naturalmente stiamo cercando di fare pressing sul ministero affinché si possa arrivare a questa risoluzione che per tutto il settore è necessaria».\r\n\r\nSiamo d'accordo con Gattinoni e lanciamo anche da questo giornale online l'appello a fare il più presto possibile, specialmente per quelle agenzie che nei due anni di lockdown hanno dovuto rivolgeri alle banche per continuare a vivere e che sono eccessivamente indebitate.","post_title":"Gattinoni: «A marzo i 39 milioni per il turismo organizzato»","post_date":"2023-01-30T13:16:53+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1675084613000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comprendere e calcolare l’impatto ambientale della propria impresa. Grazie a majorian, piattaforma all-in-one multiservizi di cui fa parte lo stesso brand alberghiero, les Collectionneurs mette a disposizione Clorofil, uno strumento ad hoc per valutare l’impronta di carbonio del proprio ristorante e hotel. Il tool è fornito gratuitamente ai propri affiliati ma è aperto anche a tutti gli altri imprenditori.\r\n\r\n“Siamo convinti che gli imprenditori indipendenti siano l’avvenire di un’economia umana e di un mondo che avrà futuro - spiega la ceo di majorian, e già alla direzione generale del brand les Collectionneurs, Carole Pourchet -. Per questo motivo siamo noi stessi impegnati quotidianamente a unire, sostenere e liberare questi attori del dinamismo territoriale per permettere loro di progredire serenamente”.\r\n\r\nLa piattaforma Clorofil.eco è stata sviluppata in partnership con ClimateSeed (ente esperto nella misurazione e riduzione di Co2, secondo il metodo Bilan Carbone dell’Agenzia per la transizione ecologica francese - Ademe) e consente di misurare l’insieme delle emissioni, dirette e indirette, generate dalla propria struttura in base a cinque macrocategorie: energia, acquisti, rifiuti, prestazioni legate all’hotellerie/ristorazione, mobilità.","post_title":"Les Collectionneurs (gruppo majorian) introduce Clorofil per misurare l’impronta di carbonio degli hotel","post_date":"2023-01-26T13:45:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674740719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437557","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand Jw Marriott raddoppia in Germania con l'apertura di un nuovo indirizzo a Berlino entro il 2025. Di proprietà della società d'investimento Al Rayyan Tourism Investment Company (Artic), la struttura sarà il frutto del restyling e contemporaneo rebranding dell'ex hotel Berlin Central District.\r\n\r\nSituato nella centralissima via Stauffenbergstraße, il Jw Marriott Hotel Berlin con le sue 505 camere si trova a pochi passi dal Tiergarten, uno dei più grandi parchi pubblici in Germania. Gli interni sono stati curati dallo studio di design El Ghoneimi e sono ispirati proprio al Tiergarten, con una palette cromatica dominata dal verde scuro e dai toni caldi del marrone, insieme al bianco brillante dei marmi. L'offerta culinaria, sotto la guida dello chef Friedemann Heinrich, permetterà agli ospiti la possibilità di scegliere tra otto ristoranti.  A disposizione anche una proposta mice tra le più ampie della città, con oltre 48 spazi per eventi su una superficie di 6.290 metri quadrati, tra cui la ballroom più grande di Berlino, in grado di accogliere oltre 2.300 ospiti. Presente pure una spa completa di piscina, sauna, bagno turco e due sale per trattamenti, per un totale di 347 metri quadrati di spazio dedicato al relax e al benessere.","post_title":"Jw Marriott raddoppia in Germania: nuova struttura a Berlino","post_date":"2023-01-19T09:00:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674118820000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437535","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi investimenti in impianti solari del gruppo Soneva che, grazie a un finanziamento da 10 milioni di dollari fornito dalla banca tedesca Aareal Bank, aumenterà l'energia generata da fonti rinnovabili nei suoi resort maldiviani Fushi e Jani a oltre il 50% del fabbisogno totale di entrambe le strutture. Dal 2012 le strutture Soneva sono carbon neutral: a ogni soggiorno viene in particolare applicata una tassa ambientale del 2%, il cui ricavato contribuisce a compensare le emissioni di carbonio. Il Soneva Fushi è stato peraltro il primo resort a installare un impianto a energia solare alle Maldive nell'ormai lontano 2008.\r\n\r\n\"La partnership con Aareal Bank è una pietra miliare della nostra storia - sottolinea il chief financial officer e deputy ceo di Soneva, Bruce Bromley -. Questa linea di credito ci consentirà di compiere un passo importante verso il traguardo di un'operatività senza emissioni di carbonio nei nostri resort alle Maldive\". Una volta completati i lavori, il Soneva Fushi avrà installato un totale di 2,1 megawatt di potenza (MWp) e un accumulo di batterie di 2.500 chilowattora (kWh), che gli consentirà di raggiungere una penetrazione fotovoltaica combinata di circa il 55% del fabbisogno energetico entro la metà del 2023. Al Jani le installazioni ammonteranno a 2,8 MWp e, insieme all'accumulo di batterie di 2 mila kWh, permetteranno una penetrazione fotovoltaica di circa il 52%.\r\n\r\n\"Siamo lieti di aver potuto sostenere Soneva con una soluzione di finanziamento per l'ammodernamento del suo gruppo di hotel, che porterà a significativi miglioramenti nell'efficienza energetica di queste proprietà - aggiunge Thomas Adaemmer, ceo di Aareal Bank Asia -. Dal punto di vista della sostenibilità, questo tipo di iniziative di ammodernamento sta assumendo un'importanza sempre maggiore per le proprietà esistenti. Siamo lieti perciò di sostenerne l'attuazione con le nostre soluzioni di finanziamento, oggi e in futuro\".","post_title":"Soneva: nuovo investimento green da 10 mln di dollari ai maldiviani Fushi e Jani","post_date":"2023-01-18T13:38:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674049117000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437485","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437487\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Valerio Duchini, presidente e a.d. di B&B Hotels Italia[/caption]\r\n\r\nUna certificazione pensata appositamente per il comparto dell'ospitalità. Lo ha chiesta B&B Hotels all'ente indipendente Socotec, che ha messo a punto un indice di misurazione ad hoc capace al contempo di contare sul riconoscimento del Global sustainable tourism council’s (Gstc) e sull’integrazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni unite.\r\nNel corso del 2022, gli auditor di Socotec hanno quindi ispezionato la sede centrale di B&B Hotels e 87 strutture in Francia, Germania, Italia e Spagna. Sono stati valutati oltre 125 elementi in cinque categorie (sistema di gestione sostenibile, governance, sociale, cultura e ambiente): dalla strategia alle azioni attuate per preservare la biodiversità, gli ecosistemi e i paesaggi, passando alla creazione di occupazione sul territorio locale, al coinvolgimento del personale e alla promozione delle attività culturali e del patrimonio locale.\r\n\r\nUna task force dedicata a B&B Hotels ha verificato 117 iniziative di corporate social responsability esistenti, analizzando il divario tra lo stato attuale e i requisiti della certificazione csr (125 voci) e intervistando 70 mila persone tra le parti interessate (clienti, hotel manager, proprietari, fornitori, dipendenti) in quattro Paesi, al fine di monitorare la quantità di emissioni di carbonio prodotte. Dopo oltre 120 giorni di audit, B&B Hotels Francia, Italia, Spagna e Germania hanno quindi ottenuto la certificazione del Sistema di gestione della sostenibilità per tre anni. Si tratta infatti di un processo continuo. Ogni anno verranno eseguiti audit di sorveglianza in 100 hotel selezionati casualmente e verranno riviste la strategia e i piani d'azione csr di B&B Hotels. Tutte le nuove aperture (circa 100 all'anno) si impegnano inoltre a essere conformi ai requisiti della certificazione csr e i progressi saranno valutati e comunicati in modo trasparente. La certificazione è disponibile per tutti gli attori dell'ospitalità.","post_title":"B&B Hotels si aggiudica la prima certificazione di sostenibilità ad hoc per l'ospitalità","post_date":"2023-01-18T09:45:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674035119000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saudi Arabian Airlines investe sul futuro green con una serie di progetti sostenibili e nuove iniziative ecologiche: obiettivo diventare una compagnia aerea leader nel settore che riconosce la propria responsabilità nei confronti dell’ambiente e della società, e che considera il tema della sostenibilità come parte integrante della sua strategia aziendale.  Si parte dal Green Points Program: Saudia è stata la prima ad implementare i Green Points, un programma che premia i passeggeri che si impegnano a proteggere l’ambiente. Il programma è stato implementato su un volo in partenza da Jeddah e diretto a Madrid il 12 maggio durante il Sustainable Flight Challenge presentato da SkyTeam Alliance.\r\n\r\nVoluntary Carbon Market Initiative vede Saudia quale prima compagnia partner dell’area Mena partecipare all’iniziativa avviata un anno fa. A proposito dell’obiettivo dell'Arabia Saudita di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060 e di ridurre il suo impatto sul cambiamento climatico, il Fondo pubblico per gli investimenti (PIF) ha istituito il mercato volontario del carbonio. Il progetto riflette l’interesse delle compagnie aeree che cercano di ridurre a piccoli passi l’utilizzo di carbonio attraverso iniziative e innovazioni come l'espansione delle energie rinnovabili o la promozione dell'idrogeno verde. \r\n\r\nSustainability Flight Challenge: un’altra iniziativa sostenibile che ha lo scopo di ridurre la produzione di emissioni, è il coinvolgimento attivo dei clienti attraverso un loro feedback. Sul volo SV590 da Jeddah a Dubai dell'8 ottobre 2022, agli ospiti a bordo sono state chieste idee per un viaggio aereo più ecologico, che coprisse i momenti precedenti alla partenza in aeroporto e l'arrivo a destinazione. I passeggeri e i membri del team Saudia hanno raccolto in totale 150 idee interessanti. \r\n\r\neVTOL: in collaborazione con la start-up Lilium di Monaco di Baviera, l'Arabia Saudita sta investendo nel trasporto aereo ad emissioni zero per promuovere l'indipendenza dal petrolio come parte della sua Vision 2030. A tal fine, la compagnia di bandiera saudita ha in programma l'acquisto di 100 taxi aerei a propulsione elettrica Lilium-Jet per servire i collegamenti da punto a punto e con gli hub senza soluzione di continuità per i clienti della classe Business all'interno dell'Arabia Saudita.\r\n\r\nLa Formula E: in qualità di partner ufficiale della prima serie di corse automobilistiche elettriche e partner principale dell'inaugurale Saudia Ad Diriyah E-Prix, il vettore quest’anno ha lanciato una nuova campagna per mettere in contatto i fan della Formula E di tutto il mondo e promuovere uno sport sostenibile. A questo scopo Saudia e i suoi partner SkyTeam voleranno in tutte le città che ospiteranno la gara il prossimo anno. Le città di Roma, Berlino, New York, Londra e Seul saranno presenti nel programma di volo.","post_title":"Saudia rilancia gli investimenti sulla sostenibilità ambientale: ecco i progetti green","post_date":"2023-01-17T13:12:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673961132000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti