16 June 2024

Gruppo Gattinoni: avanti tutta per diventare impresa carbon neutral

[ 0 ]

Franco Gattinoni, presidente gruppo Gattinoni

Non esiste attività al mondo che non produca biossido di carbonio. Ma le emissioni di CO2 si possono – e si devono – compensare, così da svolgere il proprio business con un impatto neutro sul pianeta. Il Gruppo Gattinoni ha scelto di impegnarsi in questo percorso, insieme alla startup Up2You, azienda B Corp fra le uniche 3 in Italia autorizzate a ritirare e gestire Carbon Credit VCS (Verified Carbon Standard) attraverso progetti certificati internazionalmente e su Blockchain.

L’avvio di questo percorso del Gruppo Gattinoni è in concomitanza della partecipazione alla manifestazione fieristica Ttg Travel Experience, con il primo e unico Neutral Stand. La startup greentech Up2You ha certificato le emissioni di CO2 dello stand e chi si recherà nel Padiglione C3/150-171, riceverà un braccialetto in carta biodegradabile, che potrà essere piantato e generare fiori, unitamente a un codice QR da utilizzare per aderire a uno dei progetti sostenibili certificati, selezionati dal Gruppo Gattinoni, che mirano a compensare le emissioni di CO2 dello stand. Tutti coloro che aderiranno riceveranno un certificato personalizzato con nome, logo dell’azienda e progetto supportato.

«Noi guardiamo sempre al futuro, in ogni scelta che facciamo – ha commentato Franco Gattinoni, presidente Gruppo Gattinoni –. È arrivato il momento di iniziare anche il percorso di sostenibilità aziendale che riguarderà tutto il Gruppo, attraverso lo studio di soluzioni che vanno verso la riduzione dell’inquinamento. Un progetto che coinvolgerà più reparti dell’azienda: Risorse Umane, Logistica, Comunicazione, Prodotto, Business Travel, Mice; tutti i dipendenti dovranno sentirsi parte di un cambiamento culturale importante. Ci attiveremo nelle sedi e nelle agenzie di proprietà, augurandoci in un secondo momento di coinvolgere tutte le agenzie del network. La crescita del business e la tutela del patrimonio ambientale non devono essere percepiti come obiettivi in antitesi, specialmente nel nostro settore, dove far scoprire alle persone la bellezza del mondo è il cardine delle nostre attività”.

Il progetto Carbon Neutral interesserà tutte le Business Unit del Gruppo e procederà per step.

Sul fronte Mice, il gruppo Gattinoni propone ai propri clienti Neutral Events ovvero eventi in cui viene calcolato l’impatto ambientale e viene analizzata la strategia di coinvolgimento dei partecipanti per la neutralizzazione delle emissioni. Il primo evento Carbon Neutral è già stato realizzato per MetLife; è stato calcolato l’impatto ambientale dell’evento che si è svolto presso il ristorante di Carlo Cracco “Carlo al Naviglio”, e si sono neutralizzate le emissioni di CO2 attraverso l’adesione a un progetto green certificato internazionalmente, la conversione di un’area forestale, che ha visto come parte attiva i 70 business partner dell’azienda.

In ambito Business Travel l’impegno è di certificare le emissioni delle trasferte aziendali e di proporre ai clienti opzioni di trasferte sostenibili e pacchetti di compensazione. In tema Viaggi saranno proposti viaggi certificati Zero Emissioni: il consumatore, attraverso l’acquisto di specifici tour Travel Experience, avrà la possibilità di compensare le emissioni prodotte dal viaggio e dalla permanenza nelle strutture e di scegliere a quali progetti aderire.

Anche le persone del Gruppo Gattinoni non si sottrarranno alla sfida. A breve inizierà il percorso dedicato a tutti i dipendenti del Gruppo attraverso PlaNet, la piattaforma di green engagement aziendale che permette ai colleghi di sfidarsi con quiz e missioni green in un percorso mirato verso la sostenibilità ambientale.

Commenta Isabella Maggi, direttore marketing & comunicazione gruppo Gattinoni: «Sul fronte della comunicazione l’impegno di Gattinoni sarà monitorabile attraverso una landing page dedicata su Up2You, attraverso il logo Carbon Neutral che sarà messo sui progetti (Up2You Certified), il widget di impatto e la Climate Map dove sono dislocati tutti i progetti sostenuti. La nostra natura si basa sulla concretezza; non ci interessa un greenwashing per darci lustro ma al contrario assumerci una maggiore responsabilità. Le nuove generazioni hanno il diritto di vivere in condizioni idonee alla loro crescita».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469523 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La prossima Fifa World Cup verrà giocata in tre Paesi diversi del Nord America, Stati Uniti, Canada e Messico, ma il match più importante, la finale, sarà nella città di New York. In vista dei Mondiali 2026, Alidays ha quindi deciso di rafforzare la proprie programmazione sugli Usa e in particolare sulla città della Grande Mela.  New York è sempre stata peraltro una città importante anche per altri eventi: le grandi mostre d'arte, i long running show di Broadway, i concerti leggendari in Central Park e le ormai tradizionali parate come quella di Macy's il giorno del Thanksgiving e la sempre più attesa Pride March che a fine giugno ogni anno, chiude il Pride Month della comunità Lgbtqia+. Alidays, che segue da sempre i cambiamenti della città, luogo di stimoli continui che solleticano l’attenzione del viaggiatore, propone quindi un tour di quattro notti / cinque giorni disegnato dal destination manager, Giuseppe Gerevini, per far conoscere i luoghi iconici della metropoli. Il pernottamento include alloggio in hotel 4 stelle, prima colazione, trasferimenti da/per l’aeroporto, visita della città in bus con guida, ingresso alla terrazza osservatorio The Edge, una cena in un ristorante di Manhattan. Partenze giornaliere tutto l’anno con quota per persona in doppia a partire da 976 euro (1° luglio – 21 agosto). [post_title] => Alidays rafforza la programmazione Usa e New York in vista dei Mondiali nordamericani del 2026 [post_date] => 2024-06-14T14:37:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718375869000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469389 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Situato nel cuore della storica piazza Karlsplatz, detta Stachus, di Monaco, il Koenigshof è la struttura di debutto del brand The Luxury Collection di casa Marriott in Germania. Progettato dall'architetto di fama internazionale Nieto Sobejano, l'hotel mira a catturare  la raffinatezza della destinazione attraverso un design innovativo e contemporaneo, che incorpora le storie e la cultura della capitale bavarese. La proprietà dispone di 106 camere e suite caratterizzate da pareti rivestite in legno scuro, tessuti dai toni neutri e viste sui paesaggi metropolitani grazie a finestre a tutta altezza. Ma c'è pure un tocco di fascino locale, come per esempio i biglietti di benvenuto illustrati dalla designer Alexandra von Frankenberg, il profumo su misura Koenigshof e il tè Munich Serenity, prodotto esclusivamente per l'hotel in collaborazione con Samova Tea, che mixa più di dodici erbe locali. Fiore all'occhiello del Koenigshof è la Presidential suite di 250 metri quadrati su due livelli, situata all'ottavo e al nono piano, che vanta una sauna e una spa privata, più una piscina con vista panoramica L'offerta f&b si declina in tre locali, tra cui il ristorante latino-americano Greta Oto Munich, situato al nono piano con vista panoramica sulla città guidato dallo chef peruviano Michael Cánepa. The Green è invece una lounge che serve specialità locali, tra cui il tè Koenigshof appositamente preparato e la stravagante Koenigshof-Torte: un omaggio alla famosa Prinzregentorte bavarese. The Gold lounge è poi un ambiente tranquillo, in stile residenziale, al terzo piano, in cui rilassarsi con una collezione selezionata di libri e opere d'arte. Provvista di una terrazza all'aperto con vista sulla città e sulle Alpi bavaresi, permette agli ospiti di assaporare una versione speciale del Koenigshof Bellini, preparato con purea di pesche di montagna, olio di limone della costiera Amalfitana e Ruinart Brut Champagne. Se si desidera organizzare eventi privati, The View al nono piano può ospitare fino a 50 persone e dispone di un bar privato, una lounge e un accesso alla terrazza. Per le riunioni più riservate, che non superano i 12 invitati, al terzo piano si trova The Studio, un bar privato ideale anche per i momenti di relax. All'interno dell'hotel, infine, l'arte gioca un ruolo fondamentale in quanto parte dell'esperienza degli ospiti, riflettendo la storia della House of Wittelsbach, l'ex famiglia reale bavarese, che nel sedicesimo secolo fu appassionata collezionista d'arte. Nell'albergo sono perciò esposte opere di artisti di fama locale e internazionale come Joseph Beuys, Christo und Jeanne-Claude, David John Flynn e molti altri, a complemento dell'architettura e del design interno. [gallery ids="469394,469395,469396"] [post_title] => Il brand The Luxury Collection debutta in Germania con il Koenigshof di Monaco [post_date] => 2024-06-13T10:30:44+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718274644000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468730 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468736" align="alignleft" width="300"] Sabrina Nadaletti[/caption] Lanciato nel 2013, il progetto Best Performer del gruppo Gattinoni,  si è evoluto negli anni, concretizzando con sempre maggiore vigore alcuni cardini del business: la forza di contrattazione dell’azienda nei confronti dei partner, la libertà delle agenzie del network di aderire o meno al piano, l’indipendenza di chi aderisce nello scegliere con chi concentrare i propri volumi, il riconoscimento di una doppia over, da parte dei partner e da parte del Gruppo.    Le agenzie hanno sposato con convinzione il Best Performer: dalle 600 adesioni del 2019 - anno pre pandemia – sono passate a 800 nel 2023. I partner, dal canto loro, sono aumentati da 19 a 24 (di cui 20 tour operator), includendo brand di nicchia e specialisti. Oltre al prodotto messo a disposizione dai fornitori, le agenzie del network Gattinoni hanno accesso alle linee interne. Una rosa così ampia di prodotto e di partnership ha consentito anche un’operazione decisiva: l’attuazione, nel corso del 2023, di oltre 90 campagne trade e consumer sul mercato, alcune delle quali in esclusiva per il Gruppo Gattinoni. Campagne che riservavano sconti fino a 400 euro a pratica, frutto di accordi con i vari partner del network, per un ammontare complessivo di circa 300.000 euro.    I risultati economici del Best Performer 2023 hanno segnato l’erogazione tramite la sede network di circa 400.000 euro di over commission alle agenzie. Commenta Sabrina Nadaletti, Head of Leisure Gattinoni Travel: “Questi incentivi sono stati un ulteriore stimolo per le agenzie, che hanno colto nuove opportunità di incremento della loro marginalità. La multicanalità non è più un’opzione, ma una necessità all’interno del network. Da un lato questa si integra con l’attuazione di molteplici campagne mirate per le agenzie, dall’altro con i piani di incentivazione, primo tra tutti il Best Performer, che nel 2023 ha registrato uno dei migliori risultati commerciali degli ultimi 10 anni”.    Per il 2024 Gattinoni ha pianificato un programma di incentivazione ancora più ambizioso. Best Performer e MyChallenge 2024 ha già ottenuto l’adesione di oltre 800 agenzie e 24 fornitori disposti a fare rete riconoscendo condizioni commerciali particolarmente favorevoli. Il progetto si sviluppa nell’intero anno, coprendo ogni mese, aggiungendo alle programmazioni sempre disponibili molte iniziative accattivanti, come i Summer Days, attualmente attivi, e la Campagna Sposi, con una dozzina di partner e top partner aderenti. [post_title] => Gattinoni Best Performer: 400 mila euro di over commission alle adv nel 2023 [post_date] => 2024-06-04T10:29:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717496978000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468682 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Il numero dei visitatori a Berlino sta crescendo»: Carlo Carbone, responsabile di VisitBerlin per il mercato italiano, sottolinea il buon momento della destinazione, supportato dai numeri. «Abbiamo raggiunto circa l’80% del dato del 2019, che era stato un anno record. Nel 2023 l'Italia si è classificata al quarto posto tra i paesi europei che raggiungono Berlino per turismo. Dalle città italiane sono arrivati oltre 216.000 ospiti, che hanno trascorso 637.074 notti negli hotel della città, con un aumento del 23% dei pernottamenti. In questa prima parte del 2024 sta poi crescendo il numero dei collegamenti aerei da tutta la penisola, con una capacità di 250.000 posti». Tanti gli highlights della stagione estiva. «Il campionato di calcio Uefa Euro 2024 sarà uno dei momenti più significativi dell’anno. Lo Stadio Olimpico di Berlino ospiterà infatti cinque partite e la finale del campionato. La città ha pianificato un grande festival culturale presso la Porta di Brandeburgo: negli spazi vicino al maestoso monumento verrà organizzata una Fan Zone. Sulla Straße des 17.Juni un tappeto verde accoglierà gratuitamente tifosi, berlinesi e ospiti internazionali - fino a 40.000 persone - per 4 settimane di celebrazione con musica, cinema all’aperto, stand gastronomici e tante attività davanti alla porta di calcio più grande del mondo, dove uno schermo permetterà di seguire tutti gli incontri». Il secondo grande tema del 2024 è un anniversario: «I 35 anni dalla caduta del Muro. In un momento storico tanto complesso abbiamo voluto inviare un messaggio al mondo. Ricordando che una rivoluzione può essere pacifica: il Muro e la dittatura sono stati abbattuti pacificamente. La ricorrenza è l’occasione per allestire installazioni piene di significato. Quest’anno a novembre la città ha pensato a qualcosa di speciale e interattivo. Lungo il percorso del muro saranno collocati dei grandi tabelloni dove ciascuno potrà attaccare e condividere il proprio ricordo, al ritmo della musica Techno di Berlino, la colonna sonora della riunificazione, ora Patrimonio Culturale dell'Unesco. Per conoscere la storia del Muro è importante il Berlin Wall Memorial, un luogo in cui comprendere la divisione che rappresentava grazie alle parole di guide che hanno vissuto un tempo tanto difficile. La stessa sensazione che si prova visitando la mostra allestita presso il Museo della Stasi - la polizia segreta della Ddr – o il Tränen Palast, il palazzo delle lacrime presso la stazione di Friedenstrasse: luogo iconico della divisione di Berlino, dove si separavano le famiglie». Tanti i grandi eventi culturali: resterà aperta fino al 4 agosto la mostra dedicata al pittore romantico tedesco Caspar David Friedrich nei 250 anni della sua nascita, presso la Alte Nationalgalerie. La Neue Nationalgalerie ospita invece una mostra di Andy Warhol fino al 6 ottobre. Un percorso intenso che trova nuova luce nella proposta estiva di Berlino che, secondo la classifica "Best cities in the world 2024" della rivista TimeOut, è al terzo posto dopo New York e Città del Capo. Berlino è per il 35% una città verde, dove parchi e giardini sono attraversati da fiumi e laghi e dove è bello vivere all’aperto, magari sostando in una delle piccole e numerose birrerie aperte da imprenditori indipendenti, prima di visitare uno dei mercati alimentari che permettono di vivere un percorso culinario intorno al mondo. «Per dare la possibilità ai visitatori di trovare prodotti unici abbiamo lanciato la campagna “Crafted in Berlin”: piccoli produttori che realizzano specialità locali e tradizionali. Una prospettiva completamente nuova? Scoprire la città dall’acqua, percorrendo fiumi e canali a bordo di una canoa». [post_title] => Berlino: numeri al rialzo dall'Italia. Ricco programma estivo fra storia, cultura e natura [post_date] => 2024-06-03T13:36:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717421795000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468301 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un comparto ricettivo in costante fermento quello che caratterizza Dubai sia in termini di nuove aperture sia a livello di peculiarità delle singole strutture. Nei primi tre mesi del 2024 gli hotel dell'emirato hanno registrato un tasso di occupazione media delle camere dell'83%, un risultato significativo considerando l'aumento del 2% anno su anno dell'offerta complessiva di camere, arrivata oggi a più di 152.000 unità. Complessivamente il numero delle strutture alla fine del primo trimestre si è attestato a quota 832 rispetto alle 814 dello stesso periodo dell'anno scorso. Particolarmente significativa la quota di strutture a 4 e 5 stelle: 96.484 camere, che rappresentano il 64% delle camere d'albergo presenti in città.  Ecco alcune delle più recenti novità dell'offerta alberghiera della destinazione. Siro One Za'abeel  Inaugurato lo scorso febbraio, è il primo hotel del nuovo marchio (Siro, appunto) di Kerzner International, che propone esperienze di soggiorno focalizzate sul fitness e il recupero fisico, la cui espansione nei prossimi anni toccherà destinazioni tra cui Boka Place (Montenegro), Tokyo e Cabo (Messico). Ospitato all’interno del complesso architettonico One Za'abeel a Dubai, Siro combina una proposta benessere trasformativa, strategia digitale integrata e consulenze personalizzate di esperti del settore, fissando nuovi standard per i viaggiatori internazionali alla ricerca di soluzioni complete per l’allenamento e il mantenimento. L’impegno verso l’ottimizzazione di un benessere fisico e mentale si sviluppa nella fusione di scienza e tecnologia che abbraccia i 5 pilasti fondamentali del biohacking: nutrizione, fitness, sonno, recupero e mindfulness. Con un Recovery Lab dedicato a pratiche mindfulness e trattamenti avanzati, e un Fitness Lab dotato di attrezzature di ultima generazione, la struttura offre programmi completamente personalizzati in base alle esigenze specifiche degli ospiti grazie al supporto di professionisti del settore e a strumentazioni avanzate per l'analisi corporea. Sono 120 le camere, caratterizzate da un design minimalista e toni neutri che creano un'atmosfera rilassante. [gallery ids="468392,468393,468391"] Bab Al Shams Desert Resort La struttura, anch'essa operativa dallo scorso febbraio, è parte della Rare Finds di Kerzner International, che celebra il carattere distintivo di ogni proprietà esaltandone l’unicità, la posizione e l’eccellenza del servizio, il resort conserva la sua eredità come il più longevo rifugio nel deserto degli Emirati Arabi Uniti. L'architettura e il design degli interni di Bab Al Shams Desert Resort, che in arabo significa "Porta del Sole", si ispirano alle tonalità del deserto integrandosi perfettamente con l’ambiente circostante. Con 115 camere e suite ospitate in 16 edifici a due piani, il resort è una vera e propria oasi moderna, ripensato come un rifugio rilassante con un sottile accento moresco. La proposta gastronomica si articola attraverso il ristorante Al Hadheerah, con un'esperienza culinaria multisensoriale e un vivace intrattenimento: al suo interno si trovano infatti un souk, una cucina a vista e danzatori e musicisti che intratterranno gli ospiti durante la cena. Il ristorante d'autore del resort, Zala, che significa "baldacchino", riprende i dettagli architettonici del resort e trasporta gli ospiti in un ambiente contemporaneo, di ispirazione ottomana e greca. Infine, il cigar bar Ya Hala e Anwā Sunset Lounge, che, con un’ambientazione panoramica sul deserto, fonde diverse tradizioni culinarie dell'estremo Oriente e del Sud-est asiatico. [gallery ids="468389,468388,468387"] One&Only One Za'abeel Lo scorso dicembre ha invece aperto i battenti, a pochi passi dal World Trade Center e a soli 10 minuti di auto dal centro di Dubai, il primo resort urbano verticale del gruppo One&Only: il One&Only One Za'abeel rappresenta un luogo in cui l’indescrivibile fascino di Dubai incontra l'energia vibrante della città più futuristica della Terra, dove il giardino incontra il cielo e dove il tradizionale resort orizzontale viene reinventato un capolavoro architettonico verticale. Le ampie camere, le suite e l'attico sono tra le soluzioni di soggiorno più ampie disponibili a Dubai. Gli interni, progettati da Jean-Michel Gathy, sono ispirati alla località di Za'abeel – che nel dialetto locale degli Emirati significa "sabbia bianca" – e caratterizzati da una palette di colori neutri e rilassanti corredata da leggeri motivi che richiamano la sabbia nei tessuti, nelle opere d'arte e nell'illuminazione. L'offerta culinaria include il moderno The Link, ispira alle vivaci strade di New York e Hong Kong, il bar Tapasake, il ristorante StreetXO dello chef Dabiz Muñoz e uno di cucina indonesiana di alto livello firmata Andaliman.  Non manca naturalmente una Spa Clinic Clinic, un centro fitness all'avanguardia, un KidsOnly Club per intrattenere gli ospiti più giovani e sale meeting. (q.f.) [gallery ids="468381,468379,468380"]   [post_title] => Dubai: le ultime novità del ricettivo firmate Kerzner International [post_date] => 2024-05-30T09:45:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717062304000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468402 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal accende i riflettori sul trade con i tradizionali Tap Awards, che anche nel 2024 hanno premiato gli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nella vendita di biglietti del vettore nei principali mercati in cui opera la compagnia aerea portoghese.   L'evento, presieduto dal presidente e ceo della compagnia Luís Rodrigues, ha visto la partecipazione adv provenienti da Portogallo, Brasile, Stati Uniti e dai principali mercati europei. L'attore portoghese e ambasciatore Tap, Ricardo Pereira, è stato il maestro di cerimonie della serata, che si è conclusa con un'esibizione musicale della cantante di fado portoghese Cuca Roseta.   I riconoscimenti sono stati assegnati agli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nel 2023 per il volume di vendite realizzate sui voli Tap, che ha così rafforzato il riconoscimento dell'importanza dei propri partner commerciali privilegiati nello sviluppo dell'attività e nel potenziamento dell'industria dei viaggi e del turismo e del contributo che questi danno al consolidamento delle vendite e della sostenibilità del vettore.   Per l’Italia, i premi sono stati assegnati a Gattinoni, in qualità di Top Seller, e a Welcome Travel Group, in qualità di Top Seller Business Class.   [post_title] => I Tap Awards hanno premiato quest'anno Gattinoni e Welcome Travel Group [post_date] => 2024-05-30T09:25:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717061127000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France ha svelato le nuove cabine che saranno installate su tutti gli Embraer 190 in flotta alla filiale regionale Hop!, in linea con la standardizzazione di prodotti e servizi sul network di corto e medio raggio. Il primo di questi aeromobili rinnovati prenderà il volo nell'autunno del 2024. L'Embraer 190 sarà dotato di 110 sedili disposti in una configurazione 2-2, ciascuno rivestito in pelle e dotato di imbottitura ergonomica, per maggiore comfort e sostenibilità. Il sedile, che può essere reclinato fino a tre pollici, avrà un ampio piano di seduta di 46 cm, un tavolino, comodi braccioli rimovibili e un appendiabiti. Il poggiatesta del sedile è regolabile in altezza con ali regolabili. Nello schienale di ogni sedile sarà integrato un supporto retrattile con una superficie rigata e antiscivolo per ospitare in modo sicuro uno smartphone o un tablet. Il sedile sarà dotato di porte Usb A e C, per consentire ai clienti di ricaricare i propri dispositivi personali. I passeggeri che scelgono di volare in classe business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile: per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa porzione di cabina dal resto dei passeggeri e, da gennaio 2025, ogni passeggero business avrà un posto vuoto accanto a sé. clienti Business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile. Per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa classe di cabina dal resto della cabina e, a partire da gennaio 2025, ogni cliente Business avrà un posto vuoto accanto a sé. Come l'Airbus A220, la cabina dell'Embraer 190 sarà caratterizzata dai colori tipici di Air France: sfumature di blu, una forte presenza di bianco per dare luce e contrasto e tocchi di rosso, che rappresentano l'eccellenza e il know-how della compagnia aerea. Realizzata in fibra di carbonio e titanio, la struttura del sedile è ultraleggera ed estremamente robusta: ogni nuovo sedile è più leggero del 30% rispetto al modello attuale, contribuendo a ridurre il peso complessivo dell'aeromobile per diminuire il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Progettati su misura in linea con le specifiche della compagnia, questi sedili saranno prodotti ad Angers, in Francia. Il rinnovo delle cabine degli Embraer 190 inizierà dopo l'estate presso il sito di manutenzione Hop! di Clermont-Ferrand.   [post_title] => Air France rinnova gli interni degli Embraer 190 della filiale regionale Hop! [post_date] => 2024-05-29T09:45:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716975900000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467855 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467856" align="alignleft" width="300"] Elena Carlino[/caption] È trascorso poco più di un anno dall’apertura della filiale Business Travel a Treviso. Era il febbraio 2023, con tre persone dedicate. Oggi le risorse sono salite a 17, di cui tre commerciali. Un anno fa è stato fatto l’investimento, che conteneva anche una scommessa, guadagnare la fiducia di un tessuto fortemente produttivo, composto da piccole e medie imprese, in gran parte storiche. Gattinoni Business Travel non solo ha vinto la scommessa ma non si aspettava che avvenisse in tempi così rapidi. Una delle chiavi del successo è stata la presenza di persone molto conosciute - e stimate - in ambito regionale, a partire da Alessandra Trevisan, area manager triveneto. La presenza fisica, la conoscenza delle dinamiche, il coordinamento locale si sono rivelati valore aggiunto agli occhi delle aziende. Commenta Elena Carlino, direttrice commerciale Gattinoni Business Travel: «Siamo riusciti ad acquisire ampie quote di mercato, anche grazie alle ottime referenze ricevute, che sul territorio hanno una forte valenza. In questa parte d’Italia c’è grande spazio per fare un buon lavoro e i nostri progetti sono di espanderci e crescere». Obiettivo In tema di numeriche, nel 2023 il fatturato di Gattinoni Business Travel Triveneto è aumentato del 51% rispetto al 2022; l’obiettivo è far sì che questi notevoli risultati siano sono l’inizio, e che nell’arco del triennio la business unit conquisti una significativa quota di mercato delle aziende presenti nel territorio. Gattinoni Business Travel ha rotto gli schemi, penetrando un sentiment di leggera ritrosia attraverso competenza e serietà, apportando la visibilità di un brand sempre più forte a livello nazionale e la capacità sul campo.  Continua Elena Carlino: «Il Triveneto è punteggiato da piccole e medie imprese, ma noi abbiamo adottato le modalità che applichiamo alle grandi aziende; abbiamo garantito interlocutori e referenti costanti, con un approccio molto diretto e molto umano. Con questa convinzione avevamo inaugurato la filiale di Treviso e il passaparola è stato più rapido rispetto ai nostri piani. Un segnale molto incoraggiante che ci fa guardare al 2024 con ottimismo. «Un ringraziamento speciale va a tutto lo staff operativo di Gattinoni Business Travel, il cui impegno, dedizione e professionalità sono stati fondamentali per il successo finora conquistato su questo importante territorio. Senza il loro costante sforzo e la loro passione, non avremmo potuto raggiungere questi risultati straordinari. La loro competenza e il loro spirito di squadra hanno permesso di superare le sfide e di creare solide relazioni con le aziende locali, contribuendo in modo significativo alla nostra crescita e affermazione sul mercato». [post_title] => Gattinoni Business: in Triveneto il fatturata è cresciuto del 51% [post_date] => 2024-05-22T12:13:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716380039000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467571 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467574" align="alignleft" width="300"] Alberto Piantoni[/caption] Una sala gremita presso l’ambasciata italiana a Pechino ha ospitato ieri la presentazione della prima edizione di 1000 Miglia Experience China: l'evento che dal 14 al 17 novembre 2024 porterà per la prima volta la Freccia Rossa nel Paese del Dragone. Alla presenza del primo consigliere dell’ambasciata, Marco Midolo, l’amministratore delegato e il direttore generale di 1000 Miglia, Alberto Piantoni e Francesca Parolin, hanno siglato l’accordo di licenza con i rappresentanti della Federation Classic Car China che organizzerà la manifestazione per i prossimi due anni. La 1000 Miglia Experience China 2024 si svilupperà nella provincia di Guangdong, la prima regione cinese ad avere relazioni commerciali con l’Europa, e più precisamente nell’area di Canton (o Guangzhou), e sarà aperta a sei diverse classi di auto, a partire da quelle appartenenti alla classe 1000 Miglia Era che comprende gli esemplari e i modelli che hanno preso parte alla 1000 Miglia di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. In occasione della presentazione, e per i prossimi due giorni, uno degli edifici più rappresentativi di Canton rimarrà illuminato con i simboli della 1000 Miglia e dell'evento, le cui iscrizioni apriranno a breve. [post_title] => La 1000 Miglia sbarca in Cina: la corsa si terrà a novembre nel Guangdong [post_date] => 2024-05-17T10:56:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715943412000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gruppo gattinoni carbon neutral" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":28,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":295,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469523","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La prossima Fifa World Cup verrà giocata in tre Paesi diversi del Nord America, Stati Uniti, Canada e Messico, ma il match più importante, la finale, sarà nella città di New York. In vista dei Mondiali 2026, Alidays ha quindi deciso di rafforzare la proprie programmazione sugli Usa e in particolare sulla città della Grande Mela. \r\n\r\nNew York è sempre stata peraltro una città importante anche per altri eventi: le grandi mostre d'arte, i long running show di Broadway, i concerti leggendari in Central Park e le ormai tradizionali parate come quella di Macy's il giorno del Thanksgiving e la sempre più attesa Pride March che a fine giugno ogni anno, chiude il Pride Month della comunità Lgbtqia+. Alidays, che segue da sempre i cambiamenti della città, luogo di stimoli continui che solleticano l’attenzione del viaggiatore, propone quindi un tour di quattro notti / cinque giorni disegnato dal destination manager, Giuseppe Gerevini, per far conoscere i luoghi iconici della metropoli.\r\n\r\nIl pernottamento include alloggio in hotel 4 stelle, prima colazione, trasferimenti da/per l’aeroporto, visita della città in bus con guida, ingresso alla terrazza osservatorio The Edge, una cena in un ristorante di Manhattan. Partenze giornaliere tutto l’anno con quota per persona in doppia a partire da 976 euro (1° luglio – 21 agosto).","post_title":"Alidays rafforza la programmazione Usa e New York in vista dei Mondiali nordamericani del 2026","post_date":"2024-06-14T14:37:49+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718375869000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469389","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Situato nel cuore della storica piazza Karlsplatz, detta Stachus, di Monaco, il Koenigshof è la struttura di debutto del brand The Luxury Collection di casa Marriott in Germania. Progettato dall'architetto di fama internazionale Nieto Sobejano, l'hotel mira a catturare  la raffinatezza della destinazione attraverso un design innovativo e contemporaneo, che incorpora le storie e la cultura della capitale bavarese. La proprietà dispone di 106 camere e suite caratterizzate da pareti rivestite in legno scuro, tessuti dai toni neutri e viste sui paesaggi metropolitani grazie a finestre a tutta altezza. Ma c'è pure un tocco di fascino locale, come per esempio i biglietti di benvenuto illustrati dalla designer Alexandra von Frankenberg, il profumo su misura Koenigshof e il tè Munich Serenity, prodotto esclusivamente per l'hotel in collaborazione con Samova Tea, che mixa più di dodici erbe locali. Fiore all'occhiello del Koenigshof è la Presidential suite di 250 metri quadrati su due livelli, situata all'ottavo e al nono piano, che vanta una sauna e una spa privata, più una piscina con vista panoramica\r\n\r\nL'offerta f&b si declina in tre locali, tra cui il ristorante latino-americano Greta Oto Munich, situato al nono piano con vista panoramica sulla città guidato dallo chef peruviano Michael Cánepa. The Green è invece una lounge che serve specialità locali, tra cui il tè Koenigshof appositamente preparato e la stravagante Koenigshof-Torte: un omaggio alla famosa Prinzregentorte bavarese. The Gold lounge è poi un ambiente tranquillo, in stile residenziale, al terzo piano, in cui rilassarsi con una collezione selezionata di libri e opere d'arte. Provvista di una terrazza all'aperto con vista sulla città e sulle Alpi bavaresi, permette agli ospiti di assaporare una versione speciale del Koenigshof Bellini, preparato con purea di pesche di montagna, olio di limone della costiera Amalfitana e Ruinart Brut Champagne. Se si desidera organizzare eventi privati, The View al nono piano può ospitare fino a 50 persone e dispone di un bar privato, una lounge e un accesso alla terrazza. Per le riunioni più riservate, che non superano i 12 invitati, al terzo piano si trova The Studio, un bar privato ideale anche per i momenti di relax.\r\n\r\nAll'interno dell'hotel, infine, l'arte gioca un ruolo fondamentale in quanto parte dell'esperienza degli ospiti, riflettendo la storia della House of Wittelsbach, l'ex famiglia reale bavarese, che nel sedicesimo secolo fu appassionata collezionista d'arte. Nell'albergo sono perciò esposte opere di artisti di fama locale e internazionale come Joseph Beuys, Christo und Jeanne-Claude, David John Flynn e molti altri, a complemento dell'architettura e del design interno.\r\n\r\n[gallery ids=\"469394,469395,469396\"]","post_title":"Il brand The Luxury Collection debutta in Germania con il Koenigshof di Monaco","post_date":"2024-06-13T10:30:44+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718274644000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468730","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_468736\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sabrina Nadaletti[/caption]\r\n\r\nLanciato nel 2013, il progetto Best Performer del gruppo Gattinoni,  si è evoluto negli anni, concretizzando con sempre maggiore vigore alcuni cardini del business: la forza di contrattazione dell’azienda nei confronti dei partner, la libertà delle agenzie del network di aderire o meno al piano, l’indipendenza di chi aderisce nello scegliere con chi concentrare i propri volumi, il riconoscimento di una doppia over, da parte dei partner e da parte del Gruppo. \r\n\r\n \r\nLe agenzie hanno sposato con convinzione il Best Performer: dalle 600 adesioni del 2019 - anno pre pandemia – sono passate a 800 nel 2023. I partner, dal canto loro, sono aumentati da 19 a 24 (di cui 20 tour operator), includendo brand di nicchia e specialisti. Oltre al prodotto messo a disposizione dai fornitori, le agenzie del network Gattinoni hanno accesso alle linee interne. Una rosa così ampia di prodotto e di partnership ha consentito anche un’operazione decisiva: l’attuazione, nel corso del 2023, di oltre 90 campagne trade e consumer sul mercato, alcune delle quali in esclusiva per il Gruppo Gattinoni. Campagne che riservavano sconti fino a 400 euro a pratica, frutto di accordi con i vari partner del network, per un ammontare complessivo di circa 300.000 euro. \r\n \r\nI risultati economici del Best Performer 2023 hanno segnato l’erogazione tramite la sede network di circa 400.000 euro di over commission alle agenzie. Commenta Sabrina Nadaletti, Head of Leisure Gattinoni Travel: “Questi incentivi sono stati un ulteriore stimolo per le agenzie, che hanno colto nuove opportunità di incremento della loro marginalità. La multicanalità non è più un’opzione, ma una necessità all’interno del network. Da un lato questa si integra con l’attuazione di molteplici campagne mirate per le agenzie, dall’altro con i piani di incentivazione, primo tra tutti il Best Performer, che nel 2023 ha registrato uno dei migliori risultati commerciali degli ultimi 10 anni”. \r\n \r\nPer il 2024 Gattinoni ha pianificato un programma di incentivazione ancora più ambizioso. Best Performer e MyChallenge 2024 ha già ottenuto l’adesione di oltre 800 agenzie e 24 fornitori disposti a fare rete riconoscendo condizioni commerciali particolarmente favorevoli. Il progetto si sviluppa nell’intero anno, coprendo ogni mese, aggiungendo alle programmazioni sempre disponibili molte iniziative accattivanti, come i Summer Days, attualmente attivi, e la Campagna Sposi, con una dozzina di partner e top partner aderenti.","post_title":"Gattinoni Best Performer: 400 mila euro di over commission alle adv nel 2023","post_date":"2024-06-04T10:29:38+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1717496978000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468682","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Il numero dei visitatori a Berlino sta crescendo»: Carlo Carbone, responsabile di VisitBerlin per il mercato italiano, sottolinea il buon momento della destinazione, supportato dai numeri. «Abbiamo raggiunto circa l’80% del dato del 2019, che era stato un anno record. Nel 2023 l'Italia si è classificata al quarto posto tra i paesi europei che raggiungono Berlino per turismo. Dalle città italiane sono arrivati oltre 216.000 ospiti, che hanno trascorso 637.074 notti negli hotel della città, con un aumento del 23% dei pernottamenti. In questa prima parte del 2024 sta poi crescendo il numero dei collegamenti aerei da tutta la penisola, con una capacità di 250.000 posti».\r\n\r\nTanti gli highlights della stagione estiva. «Il campionato di calcio Uefa Euro 2024 sarà uno dei momenti più significativi dell’anno. Lo Stadio Olimpico di Berlino ospiterà infatti cinque partite e la finale del campionato. La città ha pianificato un grande festival culturale presso la Porta di Brandeburgo: negli spazi vicino al maestoso monumento verrà organizzata una Fan Zone. Sulla Straße des 17.Juni un tappeto verde accoglierà gratuitamente tifosi, berlinesi e ospiti internazionali - fino a 40.000 persone - per 4 settimane di celebrazione con musica, cinema all’aperto, stand gastronomici e tante attività davanti alla porta di calcio più grande del mondo, dove uno schermo permetterà di seguire tutti gli incontri».\r\n\r\nIl secondo grande tema del 2024 è un anniversario: «I 35 anni dalla caduta del Muro. In un momento storico tanto complesso abbiamo voluto inviare un messaggio al mondo. Ricordando che una rivoluzione può essere pacifica: il Muro e la dittatura sono stati abbattuti pacificamente. La ricorrenza è l’occasione per allestire installazioni piene di significato. Quest’anno a novembre la città ha pensato a qualcosa di speciale e interattivo. Lungo il percorso del muro saranno collocati dei grandi tabelloni dove ciascuno potrà attaccare e condividere il proprio ricordo, al ritmo della musica Techno di Berlino, la colonna sonora della riunificazione, ora Patrimonio Culturale dell'Unesco.\r\n\r\nPer conoscere la storia del Muro è importante il Berlin Wall Memorial, un luogo in cui comprendere la divisione che rappresentava grazie alle parole di guide che hanno vissuto un tempo tanto difficile. La stessa sensazione che si prova visitando la mostra allestita presso il Museo della Stasi - la polizia segreta della Ddr – o il Tränen Palast, il palazzo delle lacrime presso la stazione di Friedenstrasse: luogo iconico della divisione di Berlino, dove si separavano le famiglie». \r\n\r\nTanti i grandi eventi culturali: resterà aperta fino al 4 agosto la mostra dedicata al pittore romantico tedesco Caspar David Friedrich nei 250 anni della sua nascita, presso la Alte Nationalgalerie. La Neue Nationalgalerie ospita invece una mostra di Andy Warhol fino al 6 ottobre. Un percorso intenso che trova nuova luce nella proposta estiva di Berlino che, secondo la classifica \"Best cities in the world 2024\" della rivista TimeOut, è al terzo posto dopo New York e Città del Capo.\r\n\r\nBerlino è per il 35% una città verde, dove parchi e giardini sono attraversati da fiumi e laghi e dove è bello vivere all’aperto, magari sostando in una delle piccole e numerose birrerie aperte da imprenditori indipendenti, prima di visitare uno dei mercati alimentari che permettono di vivere un percorso culinario intorno al mondo. «Per dare la possibilità ai visitatori di trovare prodotti unici abbiamo lanciato la campagna “Crafted in Berlin”: piccoli produttori che realizzano specialità locali e tradizionali. Una prospettiva completamente nuova? Scoprire la città dall’acqua, percorrendo fiumi e canali a bordo di una canoa».\r\n\r\n","post_title":"Berlino: numeri al rialzo dall'Italia. Ricco programma estivo fra storia, cultura e natura","post_date":"2024-06-03T13:36:35+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1717421795000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468301","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un comparto ricettivo in costante fermento quello che caratterizza Dubai sia in termini di nuove aperture sia a livello di peculiarità delle singole strutture.\r\nNei primi tre mesi del 2024 gli hotel dell'emirato hanno registrato un tasso di occupazione media delle camere dell'83%, un risultato significativo considerando l'aumento del 2% anno su anno dell'offerta complessiva di camere, arrivata oggi a più di 152.000 unità. Complessivamente il numero delle strutture alla fine del primo trimestre si è attestato a quota 832 rispetto alle 814 dello stesso periodo dell'anno scorso. Particolarmente significativa la quota di strutture a 4 e 5 stelle: 96.484 camere, che rappresentano il 64% delle camere d'albergo presenti in città. \r\nEcco alcune delle più recenti novità dell'offerta alberghiera della destinazione.\r\n\r\nSiro One Za'abeel \r\n\r\nInaugurato lo scorso febbraio, è il primo hotel del nuovo marchio (Siro, appunto) di Kerzner International, che propone esperienze di soggiorno focalizzate sul fitness e il recupero fisico, la cui espansione nei prossimi anni toccherà destinazioni tra cui Boka Place (Montenegro), Tokyo e Cabo (Messico). Ospitato all’interno del complesso architettonico One Za'abeel a Dubai, Siro combina una proposta benessere trasformativa, strategia digitale integrata e consulenze personalizzate di esperti del settore, fissando nuovi standard per i viaggiatori internazionali alla ricerca di soluzioni complete per l’allenamento e il mantenimento.\r\n\r\nL’impegno verso l’ottimizzazione di un benessere fisico e mentale si sviluppa nella fusione di scienza e tecnologia che abbraccia i 5 pilasti fondamentali del biohacking: nutrizione, fitness, sonno, recupero e mindfulness. Con un Recovery Lab dedicato a pratiche mindfulness e trattamenti avanzati, e un Fitness Lab dotato di attrezzature di ultima generazione, la struttura offre programmi completamente personalizzati in base alle esigenze specifiche degli ospiti grazie al supporto di professionisti del settore e a strumentazioni avanzate per l'analisi corporea. Sono 120 le camere, caratterizzate da un design minimalista e toni neutri che creano un'atmosfera rilassante.\r\n\r\n[gallery ids=\"468392,468393,468391\"]\r\n\r\nBab Al Shams Desert Resort\r\n\r\nLa struttura, anch'essa operativa dallo scorso febbraio, è parte della Rare Finds di Kerzner International, che celebra il carattere distintivo di ogni proprietà esaltandone l’unicità, la posizione e l’eccellenza del servizio, il resort conserva la sua eredità come il più longevo rifugio nel deserto degli Emirati Arabi Uniti.\r\nL'architettura e il design degli interni di Bab Al Shams Desert Resort, che in arabo significa \"Porta del Sole\", si ispirano alle tonalità del deserto integrandosi perfettamente con l’ambiente circostante. Con 115 camere e suite ospitate in 16 edifici a due piani, il resort è una vera e propria oasi moderna, ripensato come un rifugio rilassante con un sottile accento moresco.\r\n\r\nLa proposta gastronomica si articola attraverso il ristorante Al Hadheerah, con un'esperienza culinaria multisensoriale e un vivace intrattenimento: al suo interno si trovano infatti un souk, una cucina a vista e danzatori e musicisti che intratterranno gli ospiti durante la cena.\r\nIl ristorante d'autore del resort, Zala, che significa \"baldacchino\", riprende i dettagli architettonici del resort e trasporta gli ospiti in un ambiente contemporaneo, di ispirazione ottomana e greca. Infine, il cigar bar Ya Hala e Anwā Sunset Lounge, che, con un’ambientazione panoramica sul deserto, fonde diverse tradizioni culinarie dell'estremo Oriente e del Sud-est asiatico.\r\n\r\n[gallery ids=\"468389,468388,468387\"]\r\n\r\nOne&Only One Za'abeel\r\n\r\nLo scorso dicembre ha invece aperto i battenti, a pochi passi dal World Trade Center e a soli 10 minuti di auto dal centro di Dubai, il primo resort urbano verticale del gruppo One&Only: il One&Only One Za'abeel rappresenta un luogo in cui l’indescrivibile fascino di Dubai incontra l'energia vibrante della città più futuristica della Terra, dove il giardino incontra il cielo e dove il tradizionale resort orizzontale viene reinventato un capolavoro architettonico verticale.\r\n\r\nLe ampie camere, le suite e l'attico sono tra le soluzioni di soggiorno più ampie disponibili a Dubai. Gli interni, progettati da Jean-Michel Gathy, sono ispirati alla località di Za'abeel – che nel dialetto locale degli Emirati significa \"sabbia bianca\" – e caratterizzati da una palette di colori neutri e rilassanti corredata da leggeri motivi che richiamano la sabbia nei tessuti, nelle opere d'arte e nell'illuminazione.\r\n\r\nL'offerta culinaria include il moderno The Link, ispira alle vivaci strade di New York e Hong Kong, il bar Tapasake, il ristorante StreetXO dello chef Dabiz Muñoz e uno di cucina indonesiana di alto livello firmata Andaliman. \r\n\r\nNon manca naturalmente una Spa Clinic Clinic, un centro fitness all'avanguardia, un KidsOnly Club per intrattenere gli ospiti più giovani e sale meeting.\r\n\r\n(q.f.)\r\n\r\n[gallery ids=\"468381,468379,468380\"]\r\n\r\n ","post_title":"Dubai: le ultime novità del ricettivo firmate Kerzner International","post_date":"2024-05-30T09:45:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1717062304000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468402","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal accende i riflettori sul trade con i tradizionali Tap Awards, che anche nel 2024 hanno premiato gli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nella vendita di biglietti del vettore nei principali mercati in cui opera la compagnia aerea portoghese.\r\n \r\nL'evento, presieduto dal presidente e ceo della compagnia Luís Rodrigues, ha visto la partecipazione adv provenienti da Portogallo, Brasile, Stati Uniti e dai principali mercati europei. L'attore portoghese e ambasciatore Tap, Ricardo Pereira, è stato il maestro di cerimonie della serata, che si è conclusa con un'esibizione musicale della cantante di fado portoghese Cuca Roseta.\r\n \r\nI riconoscimenti sono stati assegnati agli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nel 2023 per il volume di vendite realizzate sui voli Tap, che ha così rafforzato il riconoscimento dell'importanza dei propri partner commerciali privilegiati nello sviluppo dell'attività e nel potenziamento dell'industria dei viaggi e del turismo e del contributo che questi danno al consolidamento delle vendite e della sostenibilità del vettore.\r\n \r\nPer l’Italia, i premi sono stati assegnati a Gattinoni, in qualità di Top Seller, e a Welcome Travel Group, in qualità di Top Seller Business Class.\r\n ","post_title":"I Tap Awards hanno premiato quest'anno Gattinoni e Welcome Travel Group","post_date":"2024-05-30T09:25:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717061127000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France ha svelato le nuove cabine che saranno installate su tutti gli Embraer 190 in flotta alla filiale regionale Hop!, in linea con la standardizzazione di prodotti e servizi sul network di corto e medio raggio. Il primo di questi aeromobili rinnovati prenderà il volo nell'autunno del 2024.\r\n\r\nL'Embraer 190 sarà dotato di 110 sedili disposti in una configurazione 2-2, ciascuno rivestito in pelle e dotato di imbottitura ergonomica, per maggiore comfort e sostenibilità. Il sedile, che può essere reclinato fino a tre pollici, avrà un ampio piano di seduta di 46 cm, un tavolino, comodi braccioli rimovibili e un appendiabiti. Il poggiatesta del sedile è regolabile in altezza con ali regolabili.\r\n\r\nNello schienale di ogni sedile sarà integrato un supporto retrattile con una superficie rigata e antiscivolo per ospitare in modo sicuro uno smartphone o un tablet. Il sedile sarà dotato di porte Usb A e C, per consentire ai clienti di ricaricare i propri dispositivi personali.\r\n\r\nI passeggeri che scelgono di volare in classe business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile: per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa porzione di cabina dal resto dei passeggeri e, da gennaio 2025, ogni passeggero business avrà un posto vuoto accanto a sé.\r\n\r\nclienti Business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile. Per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa classe di cabina dal resto della cabina e, a partire da gennaio 2025, ogni cliente Business avrà un posto vuoto accanto a sé.\r\n\r\nCome l'Airbus A220, la cabina dell'Embraer 190 sarà caratterizzata dai colori tipici di Air France: sfumature di blu, una forte presenza di bianco per dare luce e contrasto e tocchi di rosso, che rappresentano l'eccellenza e il know-how della compagnia aerea.\r\n\r\nRealizzata in fibra di carbonio e titanio, la struttura del sedile è ultraleggera ed estremamente robusta: ogni nuovo sedile è più leggero del 30% rispetto al modello attuale, contribuendo a ridurre il peso complessivo dell'aeromobile per diminuire il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Progettati su misura in linea con le specifiche della compagnia, questi sedili saranno prodotti ad Angers, in Francia.\r\n\r\nIl rinnovo delle cabine degli Embraer 190 inizierà dopo l'estate presso il sito di manutenzione Hop! di Clermont-Ferrand.\r\n\r\n ","post_title":"Air France rinnova gli interni degli Embraer 190 della filiale regionale Hop!","post_date":"2024-05-29T09:45:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716975900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467855","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467856\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Elena Carlino[/caption]\r\nÈ trascorso poco più di un anno dall’apertura della filiale Business Travel a Treviso. Era il febbraio 2023, con tre persone dedicate. Oggi le risorse sono salite a 17, di cui tre commerciali.\r\nUn anno fa è stato fatto l’investimento, che conteneva anche una scommessa, guadagnare la fiducia di un tessuto fortemente produttivo, composto da piccole e medie imprese, in gran parte storiche. Gattinoni Business Travel non solo ha vinto la scommessa ma non si aspettava che avvenisse in tempi così rapidi.\r\nUna delle chiavi del successo è stata la presenza di persone molto conosciute - e stimate - in ambito regionale, a partire da Alessandra Trevisan, area manager triveneto. La presenza fisica, la conoscenza delle dinamiche, il coordinamento locale si sono rivelati valore aggiunto agli occhi delle aziende.\r\nCommenta Elena Carlino, direttrice commerciale Gattinoni Business Travel: «Siamo riusciti ad acquisire ampie quote di mercato, anche grazie alle ottime referenze ricevute, che sul territorio hanno una forte valenza. In questa parte d’Italia c’è grande spazio per fare un buon lavoro e i nostri progetti sono di espanderci e crescere».\r\n\r\nObiettivo\r\nIn tema di numeriche, nel 2023 il fatturato di Gattinoni Business Travel Triveneto è aumentato del 51% rispetto al 2022; l’obiettivo è far sì che questi notevoli risultati siano sono l’inizio, e che nell’arco del triennio la business unit conquisti una significativa quota di mercato delle aziende presenti nel territorio.\r\nGattinoni Business Travel ha rotto gli schemi, penetrando un sentiment di leggera ritrosia attraverso competenza e serietà, apportando la visibilità di un brand sempre più forte a livello nazionale e la capacità sul campo.  Continua Elena Carlino: «Il Triveneto è punteggiato da piccole e medie imprese, ma noi abbiamo adottato le modalità che applichiamo alle grandi aziende; abbiamo garantito interlocutori e referenti costanti, con un approccio molto diretto e molto umano. Con questa convinzione avevamo inaugurato la filiale di Treviso e il passaparola è stato più rapido rispetto ai nostri piani. Un segnale molto incoraggiante che ci fa guardare al 2024 con ottimismo.\r\n«Un ringraziamento speciale va a tutto lo staff operativo di Gattinoni Business Travel, il cui impegno, dedizione e professionalità sono stati fondamentali per il successo finora conquistato su questo importante territorio. Senza il loro costante sforzo e la loro passione, non avremmo potuto raggiungere questi risultati straordinari. La loro competenza e il loro spirito di squadra hanno permesso di superare le sfide e di creare solide relazioni con le aziende locali, contribuendo in modo significativo alla nostra crescita e affermazione sul mercato».","post_title":"Gattinoni Business: in Triveneto il fatturata è cresciuto del 51%","post_date":"2024-05-22T12:13:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1716380039000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467571","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467574\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Piantoni[/caption]\r\n\r\nUna sala gremita presso l’ambasciata italiana a Pechino ha ospitato ieri la presentazione della prima edizione di 1000 Miglia Experience China: l'evento che dal 14 al 17 novembre 2024 porterà per la prima volta la Freccia Rossa nel Paese del Dragone. Alla presenza del primo consigliere dell’ambasciata, Marco Midolo, l’amministratore delegato e il direttore generale di 1000 Miglia, Alberto Piantoni e Francesca Parolin, hanno siglato l’accordo di licenza con i rappresentanti della Federation Classic Car China che organizzerà la manifestazione per i prossimi due anni.\r\n\r\nLa 1000 Miglia Experience China 2024 si svilupperà nella provincia di Guangdong, la prima regione cinese ad avere relazioni commerciali con l’Europa, e più precisamente nell’area di Canton (o Guangzhou), e sarà aperta a sei diverse classi di auto, a partire da quelle appartenenti alla classe 1000 Miglia Era che comprende gli esemplari e i modelli che hanno preso parte alla 1000 Miglia di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. In occasione della presentazione, e per i prossimi due giorni, uno degli edifici più rappresentativi di Canton rimarrà illuminato con i simboli della 1000 Miglia e dell'evento, le cui iscrizioni apriranno a breve.","post_title":"La 1000 Miglia sbarca in Cina: la corsa si terrà a novembre nel Guangdong","post_date":"2024-05-17T10:56:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1715943412000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti