7 December 2022

La divisione business travel di Gattinoni vince due premi all’italian Mission Award

[ 0 ]

La serata di gala dell’edizione 2020 di Italian Mission Awards ha sancito un doppio riconoscimento per la divisione business travel del gruppo Gattinoni.

Ha vinto nella categoria “Miglior Travel Management Company con fatturato sopra i 40 milioni di euro”. La giuria ha espresso come motivazione “Gattinoni business travel è una realtà in costante crescita, dimostra un’elevata cura del cliente, che viene seguito attraverso team dedicati. Investe inoltre nello sviluppo di nuovi strumenti tecnologici per il travel management”.

«Questi premi ci rendono estremamente orgogliosi e, in un momento difficile per tutto il comparto, ci danno la forza di guardare avanti con positività ed entusiasmo – ha commentato eros Candelotti, direttore business travel Gattinoni -. Il fatto che la giuria sia composta dai travel manager delle più importanti aziende italiane dà ancora più lustro ai premi e dimostra che i valori su cui abbiamo impostato il nostro modello di business – attenzione al cliente, disponibilità, competenza e continua evoluzione tecnologica – vengono apprezzati trasversalmente da aziende di tutte le dimensioni e dei vari settori merceologici. Ringrazio tutti i colleghi che hanno contribuito al raggiungimento di un risultato tanto prestigioso e ambito”.

L’azienda ha vinto anche nella categoria “Miglior call center/Business Travel Center” per “la cura del rapporto con il cliente, che si traduce nella gestione di call center affidati ad addetti che instaurano con gli interlocutori un rapporto personale e continuativo nel tempo”.

«Gli investimenti che abbiamo fatto ogni anno hanno generato frutti – ha affermato il rpesidente del gruppo Franco Gattinoni -. Il 2020 ha imposto anche a noi un blocco totale per diversi mesi, ma la nostra filosofia, e non da oggi, è di guardare sempre oltre. Ci auguriamo che il settore riparta al più presto; nel frattempo lavoriamo per progettare la reazione alla crisi, per essere pronti a rinnovare il nostro ruolo di leader. Grazie per questo premio e per la vostra fiducia».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435503 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre. "È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire verso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il turismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per stimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più recenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro. "Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore efficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto". [post_title] => Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente [post_date] => 2022-12-06T11:46:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670327169000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama 'One Click Away' il progetto nato dalla collaborazione tra Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos con l'obiettivo di semplificare e rendere pienamente accessibili i sistemi di prenotazione dell'assistenza in aeroporto e a bordo degli aeromobili e le informazioni utili per le persone con disabilità e a ridotta mobilità. L'iniziativa sarà pienamente operativa da domani, 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. Per la prima volta è stato realizzato un network costituito da istituzioni, compagnie aeree nazionali e associazioni del settore (FISH, FIABA, FAND, ANGLAT e ASSOFLY), con l’obiettivo comune di abbattere le barriere e rendere agevole e completamente accessibile il viaggio aereo a tutti i passeggeri, indistintamente, nessuno escluso. Le compagnie aeree aderenti hanno creato, sui loro siti web, dei percorsi immediati e intuitivi espressamente dedicati all’assistenza dei passeggeri con disabilità e a ridotta mobilità per permettere un accesso diretto e univoco, alle informazioni sull’organizzazione del viaggio aereo e relative ai propri diritti. “Il progetto - dichiara il presidente Enac, Pierluigi Di Palma - si inserisce nella più ampia strategia di Enac che punta a semplificare l’esperienza di volo per i passeggeri diversamente abili e a mobilità ridotta. Poter volare e spostarsi in un modo globalizzato, secondo la nostra mission, deve essere un diritto di tutti. Poter contare, con il coordinamento di IATA, su compagnie sensibili al tema, come ITA Airways, Air Dolomiti e Neos, è per noi motivo di orgoglio, poiché parliamo di tre vettori italiani. One Click Away è il biglietto da visita, la prima porta di accesso dei passeggeri disabili, verso il mondo aeroportuale e del trasporto aereo. Un modo per dire che siamo attenti alle loro esigenze e ai loro bisogni”. [post_title] => Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos: prenotazione dell'assistenza più semplice con One Click Away [post_date] => 2022-12-02T11:04:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669979068000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   È il Polo passeggeri il protagonista della Winter experience del Gruppo Fs. «Un attore unico capace di garantire la libertà di viaggiare ovunque con collegamenti sempre più capillari e vicini alle necessità del territorio. - Afferma Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia e capogruppo di settore del Polo passeggeri - .Il nostro impegno per il futuro è valorizzare e incentivare la scelta del treno, il mezzo green per eccellenza, favorendo modalità di trasporto collettive e interconnesse, abbinate con altri mezzi di trasporto. Grazie a un’offerta sempre più door-to-door, Trenitalia diventa così hub aggregatore del turismo nel nostro paese e oltre i suoi confini». Domenica 11 dicembre prenderà il via la Trenitalia Winter Experience 2022/23:  un’esperienza di viaggio integrata treno-bus che, a partire dalle esigenze dei clienti e dei territori serviti, garantirà un’offerta sempre più efficace, competitiva e sostenibile, con tante promozioni per contrastare il caro vita. «Il bilancio dell’anno trascorso segna una crescita positiva rispetto al 2019. - ha sottolineato Corradi - Nel 2022 si è tornati a viaggiare e i nostri progetti per il futuro sono pieni di passione e impegno. Tre i grandi temi al centro della visione del Gruppo FS: la sostenibilità e l’impegno per il futuro, l’intermodalità e, quindi, la libertà di viaggiare ovunque e la fiducia dei clienti insieme con la gioia di viaggiare insieme». Italia e Europa L’universo del Polo passeggeri guarda all’Italia e all’Europa: Frecce, Intercity, Eurocity, Euronight e Il Regionale garantiranno in Italia oltre 6.700 collegamenti in treno e più di 13.600 corse bus, mentre all’estero il nuovo mercato del Gruppo attiverà oltre 2.400 collegamenti complessivi al giorno via treno e 9.000 le corse in bus in Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Olanda e Grecia. Viaggiare in treno sarà ancora più divertente per tutti, soprattutto per i più piccoli, grazie alle diverse offerte firmate anche Disney. In queste settimane sono numerose le partenze programmate verso i mercatini natalizi e in direzione delle piste da sci, mentre continuano a essere in primo piano i collegamenti con gli aeroporti e i viaggi verso le città d'arte e gli eventi di cultura e musica. Senza dimenticare l’apertura agli amici a 4 zampe che da sempre viaggiano al 50%, ma dal primo dicembre all’8 gennaio viaggeranno gratis su Frecce e Intercity. [post_title] => Gruppo Fs: la Winter experience 22/23 al servizio del Polo passeggeri [post_date] => 2022-12-02T08:39:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669970385000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435091 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La riduzione delle emissioni di carbone, la minimizzazione dello spreco di acqua ed energia e il sostegno alle comunità locali sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso al Khaolak Merlin Resort di ottenere il Travellife gold certificate for accommodation sustainability come Responsible Thailand Award Best Hotel 2020. Ed è proprio questa struttura thailandese uno dei nuovi prodotti green che KiboTours propone in collaborazione con alcuni operatori locali. Ci troviamo nel sud estremo del Paese, ai confini con la Malesia, territorio naturalisticamente privilegiato, dove oltre al classico paradiso balneare c’è un mondo fatto di giungla, fauna selvaggia, cascate e specchi d’acqua. I parchi naturali di Khao Lak/ Lam Ru, Khao Sok e Phang-nga regalano giornate a strettissimo contatto con la flora e la fauna locale. Le diverse sistemazioni proposte, che vanno dalla camera superior alla luxury villa con due stanze da letto, sono realizzate in armonia con l’ambiente circostante e Khaolak Merlin mette a punto ogni accorgimento per garantire il minimo impatto inquinante. Nel dettaglio vengono utilizzati uno speciale sistema di trattamento dell’acqua con filtri naturali, che consente di riutilizzarla per irrigare i giardini e un sistema di compostaggio dei rifiuti solidi che permette di ridurre il consumo di energia e l’inquinamento. Alla plastica vengono preferiti materiali biodegradabili, come le cannucce di carta, o riutilizzabili, come borse in stoffa. Si è inoltre consolidata nel tempo una collaborazione con diverse organizzazioni ambientaliste per la conservazione della fauna e degli alberi sulla proprietà. Questo natural resort offre, oltre a una spiaggia e ad ampi spazi verdi, quattro piscine e una spa per rilassarsi, insieme a una ampia selezione di attività ed esperienze in chiave green. Tra queste il trekking e il rafting nel parco naturale di Lam Ru, il bagno con gli elefanti ed escursioni notturne alla scoperta degli animali (come lemuri, pappagalli, gufi e lucertole) che vivono nella foresta pluviale. Il boutique resort Khaolak Merlin è adatto anche a una vacanza in famiglia e offre avventure ed escursioni pensate per i più piccoli.   [post_title] => La Thailandia in chiave green di KiboTours si chiama Khaolak Merlin [post_date] => 2022-11-30T11:05:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669806342000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435087 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Incontro fra il ministro Daniela Santanchè e il presidente Fto Franco Gattinoni. Se fosse un pezzo di cronaca lo inizieremmo così: alla richiesta di Gattinoni dei famosi 39 milioni per ad e to promessi da Garavaglia e mai arrivati, il ministro Santanchè ha risposto: «Ci siamo battuti al ministero per recuperare questa cifra che ad un centro punto era scomparsa. Per cui posso affermare che i soldi ci sono e arriveranno a gennaio 2023». Se fosse un pezzo di costume invece questo sarebbe l'incipit: il ministro Santanchè toglie e inforca gli occhiali con una certa classe dirigendo lo sguardo verso l'uditorio e verso il presidente Gattinoni che ricambia lo sguardo con mezzi sorrisi, ma rimanendo tendenzialmente molto serio. Se fosse un pezzo di moda: outfit pressoché identico. Giacca per lei, giacca per lui, pantalone per lei e pantalone per lui. Stessa eleganza, ma colori di versi. Un crema delicato per il ministro Santanché, un grigio istituzionale per Gattinoni. Ho fatto questi tre incipit (ne potrei fare molti altri: sport, politica, ecc ecc) per far comprendere da quanti punti di vista si può leggere il rapporto fra una parte sociale del turismo e l'istituzione. Un rapporto di fiducia e non fiducia, di ascolto e di retropensieri, d'incanto e disincanto. Un rapporto che, visti i precedenti naviga da sempre in acque molto complesse e agitate. Richieste e risposte Comunque, a dire il vero alle richieste di Gattinoni (oltre i 39 milioni) il ministro ha risposto abbastanza puntualmente. Diciamo che ha imparato la lezione studiando il suo precedente e cercando di fare il contrario. Non ha promesso niente, ha fatto capire di conoscere i punti deboli della categoria: abusivismo e scarsa considerazione da parte della politica, e ha fatto capire che questi punti ce li ha ben presenti (non so se per esercizio retorico o realmente). Gattinoni ha delineato la sua strategia in quattro punti: la politica deve riconoscere il turismo organizzato. I 2,4 miliardi del Pnrr per il turismo sono troppo pochi. Accesso al credito, che francamente è una di quelle storture tutte italiane che non si riesce a sanare. E infine i contributi mai arrivati. Il ministro ha risposto a tono. Il ministero sta lavorando per la creazione di un Credito per il turismo sulla falsa riga del Credito per lo sport che ha funzionato. Ma la sua battaglia (quella del ministro) più ardua sarà quella contro i giganti tecnologici che secondo lei «hanno troppo vantaggi fiscali e fanno una concorrenza sleale». Per i 2,4 miliardi del Pnrr la Santanchè si è già pronunciata affermando che sono troppo pochi. vedremo cosa riuscirà ad ottenere.  Poi la solita giaculatoria sul reddito di cittadinanza e poi via a prendere il treno. Comunque è stato un incontro interessante. In qualche modo l'elegante schermaglia fra Gattinoni e Santanchè non mi è dispiaciuta. Fatene altre. Giuseppe Aloe   [post_title] => Santanchè: «I 39 milioni per adv e to arriveranno a gennaio» [post_date] => 2022-11-30T10:49:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669805346000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Austria corre verso il picco della stagione invernale forte di “indicazioni positive da parte degli operatori che segnalano una domanda molto forte, già in parte confermata dal numero delle prenotazioni” spiega il direttore dell’Ente nazionale austriaco per il turismo in Italia, Herwig Kolzer (nella foto). “Malgrado le difficoltà a livello economico e l’impossibilità di prevedere quel che accadrà nei prossimi mesi, siamo ottimisti per il 2023: l’Austria è una destinazione vicina all’Italia, sicura, con un riconosciuto buon rapporto qualità-prezzo, valido anche ora a dispetto di un certo aumento dei costi”. La natura da una parte, le città con i mercatini natalizi dall’altra - il tutto nel solco di una vacanza slow - trainano la domanda invernale, dopo un’estate che ha dato risultati concretamente positivi e che ha visto l'Italia "al quarto posto come paese di provenienza per il turismo in Austria da maggio ad ottobre, con 536.000 arrivi (+89%), 1,5 milioni di pernottamenti. Si tratta di un +77% sul 2021, e di un -13% sui dati 2019. Ma ci aspettiamo una nuova crescita per l'inverno. A livello globale, contiamo di chiudere bene il 2022, riducendo in modo significativo il gap con il periodo pre pandemia".  L'inverno da vivere in Austria è declinato in 12 proposte, rigeneranti e a stretto contatto con la natura, che spaziano dal tradizionale sci di fondo ad un bagno nel ghiaccio, dalla gita sulla slitta trainata dai cavalli al relax delle terme. Sempre in primo piano anche la proposta culturale, con mostre ed eventi: l'anniversario dei 300 anni del Belvedere, la riapertura a fine 2023 del Wien Museum. Riflettori già puntati, infine, sul 2024 quando "Salzkammergut con la cittadina di Bad Ischl (e altri 22 comuni) sarà Capitale europea della cultura: sarà la prima volta in cui una regione alpina viene insignita di questo titolo. Una grande occasione per far scoprire ai viaggiatori questo angolo di Austria, con il motto 'La cultura è il nuovo sale'". Novità e prodotti che una volta di più saranno al centro della relazione con il trade "Aumenteremo ulteriormente l'attività b2b - conclude il direttore - con due workshop programmati per il prossimo marzo, a Milano e Venezia, cui seguirà l'appuntamento di Rimini con Ttg. Fondamentale l'appuntamento con l'Atb a Vienna (maggio 2023), un'opportunità per condurre adv e tour operator a scoprire l'offerta 'oltre Vienna' grazie ai pre e post tours". Da segnalare, infine, la novità del collegamento notturno in treno sulla tratta "Genova-Vienna, operato da Obb che partirà il prossimo 12 dicembre: una possibilità in più per raggiungere il Paese e per farlo in modalità green".   [post_title] => Austria, Kolzer: "Forte domanda per l'inverno, all'insegna di natura, cultura e benessere" [post_date] => 2022-11-30T10:33:08+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669804388000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435056 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vueling ripristinerà da marzo 2023 le rotte da Roma Fiumicino e Firenze verso Bilbao grazie a due voli operati due volte a settimana, da ciascuno scalo. Da domenica 26 marzo 2023, i passeggeri provenienti dall’aeroporto di Firenze potranno volare per Bilbao tutti i martedì e le domeniche; la rotta per la capitale basca, rinnovata dopo una felice stagione estiva, è la terza per la Spagna dall’aeroporto fiorentino e si aggiunge a quelle di Barcellona e Madrid. Dall’hub di Fiumicino, invece, i voli diretti per Bilbao saranno disponibili a partire da sabato 1° luglio e verranno operati 1 volta al giorno ogni martedì e sabato. La rotta si unisce all’importante offerta di Vueling verso la Spagna, che comprende gli aeroporti di Malaga, Alicante, Barcellona, Ibiza, Gran Canaria, Minorca, Palma di Maiorca, Siviglia e Valencia. "Vueling continua a estendere la sua rete - ha dichiarato Jordi Pla Pintre, newtork director della compagnia -: nello specifico, sta lavorando per connettere la Spagna e i Paesi Baschi al resto del mondo, in particolare all’Italia. Qui, l’interesse per la regione e per la capitale Bilbao è cresciuto molto negli ultimi anni: Vueling è quindi ben felice di accogliere le richieste dei suoi passeggeri e collegare una delle mete del nuovo e ritrovato turismo.”   [post_title] => Vueling ripristinerà dal prossimo marzo le rotte da Roma e Firenze verso Bilbao [post_date] => 2022-11-30T08:24:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669796642000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434910 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412939" align="alignleft" width="300"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption] Destination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Destination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia. In termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna. [caption id="attachment_378624" align="alignleft" width="300"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption] Per far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”. Anche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando». Le parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società. [post_title] => Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna [post_date] => 2022-11-28T10:39:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669631961000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri.  Oltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.   «Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione».  E proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini».   «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.   Sulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”.  E Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare».    [post_title] => Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini [post_date] => 2022-11-24T10:19:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669285158000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gattinoni vince due premi allitalian mission award" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":72,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":634,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435503","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio\". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre.\r\n\r\n\"È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire\r\nverso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il\r\nturismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per\r\nstimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più\r\nrecenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro.\r\n\r\n\"Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore\r\nefficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto\".","post_title":"Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente","post_date":"2022-12-06T11:46:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670327169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435318","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama 'One Click Away' il progetto nato dalla collaborazione tra Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos con l'obiettivo di semplificare e rendere pienamente accessibili i sistemi di prenotazione dell'assistenza in aeroporto e a bordo degli aeromobili e le informazioni utili per le persone con disabilità e a ridotta mobilità.\r\n\r\nL'iniziativa sarà pienamente operativa da domani, 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. Per la prima volta è stato realizzato un network costituito da istituzioni, compagnie aeree nazionali e associazioni del settore (FISH, FIABA, FAND, ANGLAT e ASSOFLY), con l’obiettivo comune di abbattere le barriere e rendere agevole e completamente accessibile\r\nil viaggio aereo a tutti i passeggeri, indistintamente, nessuno escluso.\r\n\r\nLe compagnie aeree aderenti hanno creato, sui loro siti web, dei percorsi immediati e intuitivi espressamente dedicati all’assistenza dei passeggeri con disabilità e a ridotta mobilità per permettere un accesso diretto e univoco, alle informazioni sull’organizzazione del viaggio\r\naereo e relative ai propri diritti.\r\n\r\n“Il progetto - dichiara il presidente Enac, Pierluigi Di Palma - si inserisce nella più ampia strategia di Enac che punta a semplificare l’esperienza di volo per i passeggeri diversamente abili e a mobilità ridotta. Poter volare e spostarsi in un modo globalizzato, secondo la nostra mission, deve essere un diritto di tutti. Poter contare, con il coordinamento di IATA, su compagnie sensibili al tema, come ITA Airways, Air Dolomiti e Neos, è per noi motivo di orgoglio, poiché parliamo di tre vettori italiani. One Click Away è il biglietto da visita, la prima porta di accesso dei passeggeri disabili, verso il mondo aeroportuale e del trasporto aereo. Un modo per dire che siamo attenti alle loro esigenze e ai loro bisogni”.","post_title":"Enac, Iata, Ita Airways, Air Dolomiti e Neos: prenotazione dell'assistenza più semplice con One Click Away","post_date":"2022-12-02T11:04:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669979068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435256","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nÈ il Polo passeggeri il protagonista della Winter experience del Gruppo Fs. «Un attore unico capace di garantire la libertà di viaggiare ovunque con collegamenti sempre più capillari e vicini alle necessità del territorio. - Afferma Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia e capogruppo di settore del Polo passeggeri - .Il nostro impegno per il futuro è valorizzare e incentivare la scelta del treno, il mezzo green per eccellenza, favorendo modalità di trasporto collettive e interconnesse, abbinate con altri mezzi di trasporto. Grazie a un’offerta sempre più door-to-door, Trenitalia diventa così hub aggregatore del turismo nel nostro paese e oltre i suoi confini».\r\n\r\nDomenica 11 dicembre prenderà il via la Trenitalia Winter Experience 2022/23:  un’esperienza di viaggio integrata treno-bus che, a partire dalle esigenze dei clienti e dei territori serviti, garantirà un’offerta sempre più efficace, competitiva e sostenibile, con tante promozioni per contrastare il caro vita. «Il bilancio dell’anno trascorso segna una crescita positiva rispetto al 2019. - ha sottolineato Corradi - Nel 2022 si è tornati a viaggiare e i nostri progetti per il futuro sono pieni di passione e impegno. Tre i grandi temi al centro della visione del Gruppo FS: la sostenibilità e l’impegno per il futuro, l’intermodalità e, quindi, la libertà di viaggiare ovunque e la fiducia dei clienti insieme con la gioia di viaggiare insieme».\r\nItalia e Europa\r\nL’universo del Polo passeggeri guarda all’Italia e all’Europa: Frecce, Intercity, Eurocity, Euronight e Il Regionale garantiranno in Italia oltre 6.700 collegamenti in treno e più di 13.600 corse bus, mentre all’estero il nuovo mercato del Gruppo attiverà oltre 2.400 collegamenti complessivi al giorno via treno e 9.000 le corse in bus in Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Olanda e Grecia.\r\n\r\nViaggiare in treno sarà ancora più divertente per tutti, soprattutto per i più piccoli, grazie alle diverse offerte firmate anche Disney. In queste settimane sono numerose le partenze programmate verso i mercatini natalizi e in direzione delle piste da sci, mentre continuano a essere in primo piano i collegamenti con gli aeroporti e i viaggi verso le città d'arte e gli eventi di cultura e musica. Senza dimenticare l’apertura agli amici a 4 zampe che da sempre viaggiano al 50%, ma dal primo dicembre all’8 gennaio viaggeranno gratis su Frecce e Intercity.","post_title":"Gruppo Fs: la Winter experience 22/23 al servizio del Polo passeggeri","post_date":"2022-12-02T08:39:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669970385000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435091","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La riduzione delle emissioni di carbone, la minimizzazione dello spreco di acqua ed energia e il sostegno alle comunità locali sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso al Khaolak Merlin Resort di ottenere il Travellife gold certificate for accommodation sustainability come Responsible Thailand Award Best Hotel 2020. Ed è proprio questa struttura thailandese uno dei nuovi prodotti green che KiboTours propone in collaborazione con alcuni operatori locali. Ci troviamo nel sud estremo del Paese, ai confini con la Malesia, territorio naturalisticamente privilegiato, dove oltre al classico paradiso balneare c’è un mondo fatto di giungla, fauna selvaggia, cascate e specchi d’acqua. I parchi naturali di Khao Lak/ Lam Ru, Khao Sok e Phang-nga regalano giornate a strettissimo contatto con la flora e la fauna locale. Le diverse sistemazioni proposte, che vanno dalla camera superior alla luxury villa con due stanze da letto, sono realizzate in armonia con l’ambiente circostante e Khaolak Merlin mette a punto ogni accorgimento per garantire il minimo impatto inquinante.\r\n\r\nNel dettaglio vengono utilizzati uno speciale sistema di trattamento dell’acqua con filtri naturali, che consente di riutilizzarla per irrigare i giardini e un sistema di compostaggio dei rifiuti solidi che permette di ridurre il consumo di energia e l’inquinamento. Alla plastica vengono preferiti materiali biodegradabili, come le cannucce di carta, o riutilizzabili, come borse in stoffa. Si è inoltre consolidata nel tempo una collaborazione con diverse organizzazioni ambientaliste per la conservazione della fauna e degli alberi sulla proprietà.\r\n\r\nQuesto natural resort offre, oltre a una spiaggia e ad ampi spazi verdi, quattro piscine e una spa per rilassarsi, insieme a una ampia selezione di attività ed esperienze in chiave green. Tra queste il trekking e il rafting nel parco naturale di Lam Ru, il bagno con gli elefanti ed escursioni notturne alla scoperta degli animali (come lemuri, pappagalli, gufi e lucertole) che vivono nella foresta pluviale. Il boutique resort Khaolak Merlin è adatto anche a una vacanza in famiglia e offre avventure ed escursioni pensate per i più piccoli.\r\n\r\n ","post_title":"La Thailandia in chiave green di KiboTours si chiama Khaolak Merlin","post_date":"2022-11-30T11:05:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669806342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435087","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Incontro fra il ministro Daniela Santanchè e il presidente Fto Franco Gattinoni.\r\n\r\nSe fosse un pezzo di cronaca lo inizieremmo così: alla richiesta di Gattinoni dei famosi 39 milioni per ad e to promessi da Garavaglia e mai arrivati, il ministro Santanchè ha risposto: «Ci siamo battuti al ministero per recuperare questa cifra che ad un centro punto era scomparsa. Per cui posso affermare che i soldi ci sono e arriveranno a gennaio 2023».\r\n\r\nSe fosse un pezzo di costume invece questo sarebbe l'incipit: il ministro Santanchè toglie e inforca gli occhiali con una certa classe dirigendo lo sguardo verso l'uditorio e verso il presidente Gattinoni che ricambia lo sguardo con mezzi sorrisi, ma rimanendo tendenzialmente molto serio.\r\n\r\nSe fosse un pezzo di moda: outfit pressoché identico. Giacca per lei, giacca per lui, pantalone per lei e pantalone per lui. Stessa eleganza, ma colori di versi. Un crema delicato per il ministro Santanché, un grigio istituzionale per Gattinoni.\r\n\r\nHo fatto questi tre incipit (ne potrei fare molti altri: sport, politica, ecc ecc) per far comprendere da quanti punti di vista si può leggere il rapporto fra una parte sociale del turismo e l'istituzione. Un rapporto di fiducia e non fiducia, di ascolto e di retropensieri, d'incanto e disincanto. Un rapporto che, visti i precedenti naviga da sempre in acque molto complesse e agitate.\r\nRichieste e risposte\r\nComunque, a dire il vero alle richieste di Gattinoni (oltre i 39 milioni) il ministro ha risposto abbastanza puntualmente. Diciamo che ha imparato la lezione studiando il suo precedente e cercando di fare il contrario. Non ha promesso niente, ha fatto capire di conoscere i punti deboli della categoria: abusivismo e scarsa considerazione da parte della politica, e ha fatto capire che questi punti ce li ha ben presenti (non so se per esercizio retorico o realmente).\r\n\r\nGattinoni ha delineato la sua strategia in quattro punti: la politica deve riconoscere il turismo organizzato. I 2,4 miliardi del Pnrr per il turismo sono troppo pochi. Accesso al credito, che francamente è una di quelle storture tutte italiane che non si riesce a sanare. E infine i contributi mai arrivati.\r\n\r\nIl ministro ha risposto a tono. Il ministero sta lavorando per la creazione di un Credito per il turismo sulla falsa riga del Credito per lo sport che ha funzionato.\r\n\r\nMa la sua battaglia (quella del ministro) più ardua sarà quella contro i giganti tecnologici che secondo lei «hanno troppo vantaggi fiscali e fanno una concorrenza sleale».\r\n\r\nPer i 2,4 miliardi del Pnrr la Santanchè si è già pronunciata affermando che sono troppo pochi. vedremo cosa riuscirà ad ottenere. \r\n\r\nPoi la solita giaculatoria sul reddito di cittadinanza e poi via a prendere il treno.\r\n\r\nComunque è stato un incontro interessante. In qualche modo l'elegante schermaglia fra Gattinoni e Santanchè non mi è dispiaciuta. Fatene altre.\r\n\r\nGiuseppe Aloe\r\n\r\n ","post_title":"Santanchè: «I 39 milioni per adv e to arriveranno a gennaio»","post_date":"2022-11-30T10:49:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669805346000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Austria corre verso il picco della stagione invernale forte di “indicazioni positive da parte degli operatori che segnalano una domanda molto forte, già in parte confermata dal numero delle prenotazioni” spiega il direttore dell’Ente nazionale austriaco per il turismo in Italia, Herwig Kolzer (nella foto). “Malgrado le difficoltà a livello economico e l’impossibilità di prevedere quel che accadrà nei prossimi mesi, siamo ottimisti per il 2023: l’Austria è una destinazione vicina all’Italia, sicura, con un riconosciuto buon rapporto qualità-prezzo, valido anche ora a dispetto di un certo aumento dei costi”.\r\n\r\nLa natura da una parte, le città con i mercatini natalizi dall’altra - il tutto nel solco di una vacanza slow - trainano la domanda invernale, dopo un’estate che ha dato risultati concretamente positivi e che ha visto l'Italia \"al quarto posto come paese di provenienza per il turismo in Austria da maggio ad ottobre, con 536.000 arrivi (+89%), 1,5 milioni di pernottamenti. Si tratta di un +77% sul 2021, e di un -13% sui dati 2019. Ma ci aspettiamo una nuova crescita per l'inverno. A livello globale, contiamo di chiudere bene il 2022, riducendo in modo significativo il gap con il periodo pre pandemia\". \r\n\r\nL'inverno da vivere in Austria è declinato in 12 proposte, rigeneranti e a stretto contatto con la natura, che spaziano dal tradizionale sci di fondo ad un bagno nel ghiaccio, dalla gita sulla slitta trainata dai cavalli al relax delle terme. Sempre in primo piano anche la proposta culturale, con mostre ed eventi: l'anniversario dei 300 anni del Belvedere, la riapertura a fine 2023 del Wien Museum. Riflettori già puntati, infine, sul 2024 quando \"Salzkammergut con la cittadina di Bad Ischl (e altri 22 comuni) sarà Capitale europea della cultura: sarà la prima volta in cui una regione alpina viene insignita di questo titolo. Una grande occasione per far scoprire ai viaggiatori questo angolo di Austria, con il motto 'La cultura è il nuovo sale'\".\r\n\r\nNovità e prodotti che una volta di più saranno al centro della relazione con il trade \"Aumenteremo ulteriormente l'attività b2b - conclude il direttore - con due workshop programmati per il prossimo marzo, a Milano e Venezia, cui seguirà l'appuntamento di Rimini con Ttg. Fondamentale l'appuntamento con l'Atb a Vienna (maggio 2023), un'opportunità per condurre adv e tour operator a scoprire l'offerta 'oltre Vienna' grazie ai pre e post tours\".\r\n\r\nDa segnalare, infine, la novità del collegamento notturno in treno sulla tratta \"Genova-Vienna, operato da Obb che partirà il prossimo 12 dicembre: una possibilità in più per raggiungere il Paese e per farlo in modalità green\".\r\n ","post_title":"Austria, Kolzer: \"Forte domanda per l'inverno, all'insegna di natura, cultura e benessere\"","post_date":"2022-11-30T10:33:08+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669804388000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435056","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vueling ripristinerà da marzo 2023 le rotte da Roma Fiumicino e Firenze verso Bilbao grazie a due voli operati due volte a settimana, da ciascuno scalo.\r\nDa domenica 26 marzo 2023, i passeggeri provenienti dall’aeroporto di Firenze potranno volare per Bilbao tutti i martedì e le domeniche; la rotta per la capitale basca, rinnovata dopo una felice stagione estiva, è la terza per la Spagna dall’aeroporto fiorentino e si aggiunge a quelle di Barcellona e Madrid.\r\nDall’hub di Fiumicino, invece, i voli diretti per Bilbao saranno disponibili a partire da sabato 1° luglio e verranno operati 1 volta al giorno ogni martedì e sabato. La rotta si unisce all’importante offerta di Vueling verso la Spagna, che comprende gli aeroporti di Malaga, Alicante, Barcellona, Ibiza, Gran Canaria, Minorca, Palma di Maiorca, Siviglia e Valencia.\r\n\"Vueling continua a estendere la sua rete - ha dichiarato Jordi Pla Pintre, newtork director della compagnia -: nello specifico, sta lavorando per connettere la Spagna e i Paesi Baschi al resto del mondo, in particolare all’Italia. Qui, l’interesse per la regione e per la capitale Bilbao è cresciuto molto negli ultimi anni: Vueling è quindi ben felice di accogliere le richieste dei suoi passeggeri e collegare una delle mete del nuovo e ritrovato turismo.”\r\n ","post_title":"Vueling ripristinerà dal prossimo marzo le rotte da Roma e Firenze verso Bilbao","post_date":"2022-11-30T08:24:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669796642000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434910","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412939\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption]\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia.\r\n\r\nL'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia.\r\n\r\nIn termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_378624\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption]\r\n\r\nPer far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”.\r\n\r\nAnche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando».\r\n\r\nLe parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società.","post_title":"Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna","post_date":"2022-11-28T10:39:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669631961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri. \r\n\r\nOltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.  \r\n\r\n«Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione». \r\n\r\nE proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini». \r\n\r\n «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.  \r\n\r\nSulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”. \r\n\r\nE Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare». \r\n\r\n ","post_title":"Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini","post_date":"2022-11-24T10:19:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669285158000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti