18 April 2024

Bluvacanze: l’IA aiuta i viaggiatori a trovare il proprio viaggio

[ 0 ]

Marco Orlandi, chief digital consumer experience officer gruppo Bluvacanze

L’Intelligenza Artificiale si ritaglia un posto d’onore su Bluvacanze.it: da oggi, una nuova funzionalità collabora con gli utenti del sito e-commerce del network di punti vendita del Gruppo Bluvacanze, per trovare il proprio viaggio dei sogni. La piattaforma web, infatti, si è dotata di una tecnologia che interpreta le richieste dei viaggiatori in termini sia concettuali sia dietro l’input di destinazioni specifiche o parole-chiave, restituendo programmi di viaggio prenotabili.

«L’AI si sta rapidamente affermando anche a supporto dei booking engine nel Travel e non ha tardato a comparire in Bluvacanze.it – commenta Marco Orlandi, digital consumer experience officer del Gruppo Bluvacanze -: inserendo all’interno della customer journey un BOT generativo, in grado di costruire esperienze di viaggio sulla base di una effettiva interazione, vogliamo rendere il processo di pianificazione delle vacanze non solo più efficiente, ma anche emozionale, stimolando Il gioco di auto comporsi il progetto».

Come funziona? Intuitiva per definizione, la funzionalità invita il viaggiatore a “Descrivere il viaggio dei propri sogni” suggerendo alcuni esempi come “Nuotare in acque cristalline”, per citarne uno. All’inserimento di una prima richiesta segue un risultato via via perfezionabile, formulando ulteriori interrogazioni, in una sorta di dialogo finalizzato a realizzare una proposta concreta e acquistabile immediatamente oppure lasciando ai punti vendita Bluvacanze e Vivere&Viaggiare la facoltà di un ulteriore ‘taglio su misura’.

«L’aspetto che ci ha convinti ad adottare questa soluzione di AI, sviluppata da un team di esperti anche nel settore dei viaggi e non solo di user experience e machine learning, risiede nell’ingaggio dell’utente: è fondamentale incrementarne il coinvolgimento. Vogliamo rendere il viaggiatore libero di formulare un desiderio e di seguire le proprie inclinazioni», conclude Orlandi.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465647 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Countdown aperto per il decollo di Beond sulla rotta da Milano Malpensa alle Maldive, previsto per il prossimo 3 luglio. L'A319 della compagnia premium leisure è stato protagonista oggi di un evento presso l'aeroporto milanese, che ha consentito a numerosi agenti di viaggio e to di visitare l'aeromobile, configurato con sole 44 poltrone lie-flat all business. La neonata compagnia, già operativa sulle rotte da Zurigo, Monaco, Riyad e Dubai verso Malé, servirà la rotta italiana con un volo diretto operato due volte alla settimana, lungo tutto l'arco dell'anno. Elevate le aspettative dal mercato Italia, come conferma il regional sales manager Europe, Lukas Hofmeister: "Siamo convinti che la proposta di Beond rappresenti un gran bel prodotto da vendere per gli operatori e contiamo molto sul supporto dal trade per la distribuzione, coadiuvata dal nostro gsa in Italia, Discover the World. A Zurigo, in occasione del medesimo evento, abbiamo avuto un riscontro estremamente positivo dal trade, che ha particolarmente apprezzato il design e l'atmosfera che si respira appena saliti a bordo di questo nostro aereo che ci piace definire 'black beauty'. Tengo anche a sottolineare come ci sia un tocco di italianità nel dna della compagnia, grazie agli interni made in Italy che portano la firma di prestigiosi produttori quali Optimares e La Ferrari". Un ambiente certamente esclusivo, raffinato, con servizi servizi complementari particolari anche prima e dopo il volo, come per esempio la possibilità di imbarcarsi velocemente e quasi sotto l’orario di partenza. In attesa del debutto italiano, i piani di sviluppo del vettore - il secondo a offrire una proposta all business da Milano Malpensa, dopo La Compagnie, che opera su New York - puntano ad una flotta di 32 aeromobili operativi su un network di 60 destinazioni entro i prossimi cinque anni.  La tabella di marcia prevede la consegna di un Airbus A321ceo a metà 2024, che sarà configurato con 68 poltrone lie-flat; a seguire entreranno in servizio, auspicabilmente dal 2025, nuovi Airbus A321Lr/Xlr, sempre con la medesima capacità da 68 posti. [gallery ids="465648,465657,465653,465652,465655,465650,465651,465654,465656"] [post_title] => Beond a Malpensa con l'A319 che collegherà Milano alle Maldive dal 3 luglio [post_date] => 2024-04-16T14:36:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713278211000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’arte di viaggiare. L’Italia e il Grand Tour , a cura di Andrea Marmori con il contributo di Barbara Viale, è l’evento museale dell’anno della Città della Spezia, una mostra che intende porre l’attenzione sul gran viaggio di formazione e istruzione che tra Sette e Ottocento prevedeva il raggiungimento dei luoghi carichi di memoria, dove trovare confronto con il passato e ristoro per anima e corpo.  La mostra è pertanto un’ulteriore occasione di valorizzazione della collezione Lia, posta in dialogo con straordinarie opere in prestito provenienti da tutta Italia, fra gli altri, dalla Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini di Roma, dai Musei Civici di Padova, dal Museo di Roma e dalla Collezione d’Arte della Fondazione Cariplo. La mostra sarà inaugurata il 15 giugno e rimarrà esposta al pubblico fino al 27 ottobre 2024. «Una straordinaria mostra che ci porterà sulle orme dei percorsi tracciati dai viaggiatori tra Settecento e Ottocento alla scoperta del Bel Paese tra Venezia, Firenze, Roma e Napoli e, in periodo successivo, il Golfo della Spezia– dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - Un’esposizione di altissimo livello che vanta capolavori eccezionali e prestigiosi prestiti provenienti da tutta Italia e che saprà affascinare e richiamare un pubblico internazionale che potrà immergersi nell’esperienza formativa ed d’istruzione di questi primi visitatori, provenienti dalle case aristocratiche di tutta Europa, alla ricerca del buon vivere italiano». La mostra comprenderà quasi cinquanta opere e coinvolgerà tutto lo spazio museale prendendo avvio da un nucleo di opere collegate direttamente o di riflesso al Grand Tour conservate al Museo Lia. La sezione dei dipinti settecenteschi si compone difatti di importanti episodi figurativi che illustrano massimamente due delle soste irrinunciabili per i viaggiatori del XVIII secolo, Roma e Venezia, modelle infaticabili offerte allo sguardo stupefatto del visitatore erudito. Accanto alla sezione principale, trova luogo un percorso che illustra la scoperta e l’interesse turistico del Golfo della Spezia e della Riviera con il suo immediato entroterra. Una terza sezione, in dialogo con il percorso dedicato all’esposizione dei dipinti, riguarda gli aspetti materiali del viaggio, a iniziare dal corredo del viaggiatore.   [post_title] => L’arte di viaggiare. L’Italia e il Grand Tour , alla Spezia dal 15 giugno al 27 ottobre [post_date] => 2024-04-16T11:54:04+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713268444000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465499 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Settore crociere con il vento in poppa. Non solo nuove navi, crocieristi e fatturati in crescita ma soprattutto una domanda che cambia e segue nuove tendenze, legate ad un pubblico giovane. Il rapporto annuale sullo stato del settore, lo State of the Cruise Industry, diffuso da CLIA, associazione internazionale delle compagnie da crociera, durante il Seatrade di Miami, evidenzia come la “domanda di crociera” sia in aumento del 6% rispetto al 2019 e con un picco rilevante tra i Millennials. Aumentano i repeaters infatti l’82% dei crocieristi ha intenzione di tornare a bordo entro un anno. Infine, il 63% dei crocieristi dichiara che è poi ritornato autonomamente nelle destinazioni visitate durante la crociera.   In rapido sviluppo le crociere dedicate all’esplorazione e ad itinerari legati all’avventura, con un +72% registrato tra 2019 e 2023. Inoltre, sale la quota dei “novizi della crociera” che nel 2023 sono stati il 27% del totale (+12% rispetto al 2022). Con il varo previsto di 56 nuove navi nei prossimi 5 anni, la capacità aumenterà del 10%, passando dai 677mila posti letto attuali ai 745mila del 2028. Si tratta di un processo di rinnovamento continuo della flotta, che ogni anno diventa più verde ed efficiente, anche perché le compagnie investono in tecnologie di propulsione che in futuro utilizzeranno carburanti alternativi e puliti. [post_title] => Crociere, cresce la domanda da parte dei Millennials e dei repeaters [post_date] => 2024-04-15T10:16:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713176176000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465303 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465305" align="alignleft" width="300"] Kelly Craighead, presidente e ceo di Clia[/caption] Clia durante il Seatrade di Miami ha diffuso il rapporto annuale sullo stato del settore, lo State of the Cruise Industry, dal quale emerge che nel 2023 ben 31,7 milioni di persone sono salite a bordo di una nave da crociera, con un aumento del 7% rispetto al 2019, e con la previsione di arrivare a 35,7 milioni durante quest’anno. Già nel 2022, anno che ancora risentiva dell’impatto negativo della pandemia, nel mondo il settore ha generato un contributo economico di 138 miliardi di dollari e 1,2 milioni di posti di lavoro. Nel 2023 si prevede che l’impatto sia ancora maggiore, considerato che il numero dei passeggeri è aumentato del 50% rispetto al 2022. Comunque, con il varo previsto di 56 nuove navi nei prossimi 5 anni (e 8 solo nel 2024), la capacità di ospitare persone a bordo aumenterà del 10%, passando dai 677mila posti letto attuali ai 745mila del 2028. Si tratta di un processo di rinnovamento continuo della flotta, che ogni anno diventa più verde ed efficiente, anche perché le compagnie investono in tecnologie di propulsione che in futuro utilizzeranno carburanti alternativi e puliti. Lo studio Clia evidenzia anche come sia in crescita la “domanda di crociera”, in aumento del 6% rispetto al 2019 e con un picco rilevante tra i Millennials. In generale, l’82% dei crocieristi ha intenzione di tornare a bordo entro un anno e il 72% dei viaggiatori internazionali prende in considerazione una vacanza in crociera. In rapido sviluppo le crociere dedicate all’esplorazione e ad itinerari legati all’avventura, con un +72% registrato tra 2019 e 2023. Inoltre, sale la quota dei “novizi della crociera” che nel 2023 sono stati il 27% del totale (+12% rispetto al 2022). Infine, il 63% dei crocieristi dichiara che è poi ritornato autonomamente nelle destinazioni visitate durante la crociera.   "Le crociere continuano a essere uno dei settori a più alto ritmo di sviluppo e con una capacità di ripresa molto più veloce di tutto il comparto turistico, tra l’altro generando impatti positivi per le economie locali e nazionali. Nel 2022 il nostro settore ha generato un impatto economico pari al 90% rispetto al 2019, nonostante il volume dei passeggeri si sia fermato al 70%. Da decenni il comparto ha dimostrato di avere la leadership sia per quanto riguardo il turismo organizzato, sia per ciò che concerne le possibilità di crescita, tanto più che rappresenta meno del 2% del turismo globale” ha dichiarato Kelly Craighead, presidente e ceo di Clia. [post_title] => Clia previsione 2024: 35,7 milioni di persone in crociera [post_date] => 2024-04-11T10:29:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712831361000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464393 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_464394" align="alignleft" width="300"] Lea Cardinale con il ceo di Adalte, Davide Galleri[/caption] Un catalogo che già oggi comprende oltre agli Stati Uniti anche il Canada e che offre ai tour operator partner collegati alla piattaforma di Adalte, Community.Travel, un accesso unico ed esclusivo per le partenze di gruppo. Ma che presto sarà destinato a crescere ulteriormente. Lo rivela la sales director della stessa Adalte, Lea Cardinali: “È una delle destinazioni che vive di modernità e che spesso fa scuola in ottica di ricettività. Per questo la nostra offerta sulla destinazione è così completa. E presto speriamo lo sia ancora di più: contiamo di ampliare il numero di fornitori che, al momento, non hanno ancora abbracciato il concetto di distribuzione globale. È la prima destinazione che gestiamo quasi interamente tramite connessioni tecnologiche con i sistemi degli operatori, cosa che risulta più difficile su altri mercati meno avvezzi alla tecnologia”. Attualmente, i fornitori che collaborano con Adalte in Nord America, per il mercato italiano, sono Allied TPro, American Tours International e Team America per Stati Uniti e Canada; Opentours per i soli Stati Uniti e Jonview, specialista per il Canada. Tutti i servizi sono prenotabili online con un'offerta di tour guidati, molti pacchetti per esempio su New York e i self drive per scoprire l’America on the road. Ogni dmc e realtà ricettiva presente in Community.Travel garantisce soluzioni di viaggio per differenti target di clientela. “Collaborare con Adalte non significa cambiare le proprie modalità operative, quanto piuttosto modernizzarle - aggiunge Lea Cardinali -. Infatti i nostri buyer non iniziano a lavorare con fornitori con cui non collaboravano prima solo perché presenti nel portfolio di Adalte, ma utilizzano piuttosto i nostri servizi perché siamo in grado di offrire le migliori soluzioni (anche direttamente sui propri siti) ai loro passeggeri, continuando a lavorare con i propri fornitori selezionati”. [post_title] => Cresce il catalogo Nord America del marketplace Community.Travel [post_date] => 2024-03-27T10:47:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711536455000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464178 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In prossimità delle vacanze di Pasqua e dei ponti festivi della primavera 2024 l’Osservatorio Astoi Confindustria - l’Associazione del tour operating italiano - è già in grado di confermare una crescita dei ricavi del comparto. I fatturati relativi alle partenze del periodo che va da Pasqua al 1°maggio realizzano una crescita dell’8% rispetto al pari periodo del 2023. La tipologia di viaggio preferita verte da un lato sulla formula villaggio all inclusive, ideale per il segmento famiglie, dall’altro su tour itineranti a medio o lungo raggio, comprensivi di guide ed esperienze. Balzo in avanti del cosiddetto advance booking - la prenotazione anticipata - mai così preponderante negli ultimi quattro anni: per il periodo di Pasqua il 35% delle pratiche è stato prenotato con oltre 90 giorni di anticipo. Una Pasqua anticipata rispetto allo scorso anno spinge i connazionali a prediligere in generale mete estere; tuttavia, si riscontra ancora un’importante richiesta per la montagna in Italia. Europa, lungo raggio e crociere In Europa, l’Islanda è una riconferma, cui si aggiungono Irlanda, Paesi scandinavi e Portogallo. Nel medio raggio, il conflitto in Medio Oriente continua ad impattare sulle destinazioni colpite e sulle zone limitrofe, tra cui l’Egitto, anche se l’appeal di questa destinazione resta molto rilevante; in riduzione le crociere sul Nilo mentre si registrano prenotazioni consistenti (seppur in calo rispetto allo scorso anno) per i soggiorni balneari nel Mar Rosso, nei resort a Sharm el Sheikh e Marsa Alam. Nelle festività primaverili del 2024 non mancano le mete evergreen, Canarie e Capo Verde in primis, che salgono nel ranking sfruttando a proprio favore il calo del Mar Rosso. Il lungo raggio si muove sempre su un doppio binario: da un lato i soggiorni nei mari caldi, come Repubblica Dominicana, Maldive ed East Africa, dall’altro i viaggi di scoperta, gli itinerari, sia nella versione classica che in quella tailor made. Stati Uniti e Giappone sono sempre nel cuore degli italiani, ma suscitano molto interesse anche Thailandia, Sudafrica e tutto il Sudamerica. Iniziano nuovamente le prenotazioni sulla Cina dopo un lungo periodo di blackout. Nel settore crocieristico la primavera conferma l’andamento in crescita delle prenotazioni che sta caratterizzando il 2024. Secondo CLIA, l’Associazione che riunisce le principali Compagnie di crociera, quest’anno in Italia si supererà la quota di 14 milioni di passeggeri movimentati contro i 13,8 del 2023, il che conferma il Belpaese come principale meta europea. Tra le destinazioni preferite della primavera molto apprezzati sono il Mediterraneo Occidentale e Orientale, fino alle crociere più lunghe (sino a due settimane) in Portogallo, Marocco, Turchia, Grecia, isole Canarie e Azzorre. Ezhaya «Le prenotazioni per il periodo di Pasqua e ponti primaverili registrano una crescita dei ricavi dell’8% sul 2023 e la quasi totalità delle destinazioni coinvolte evidenzia un trend positivo. Il turismo organizzato registra crescite percentualmente più alte del turismo in generale, segno che è finalmente scelto dai consumatori per gli insostituibili valori che lo caratterizzano. «Infatti, è percepito dalle persone come fonte di garanzie, ma anche come canale dove riuscire a prenotare esperienze più personalizzate e difficilmente reperibili individualmente - commenta Pier Ezhaya, presidente Astoi Confindustria Viaggi - considerando la forte incidenza della prenotazione anticipata rilevata per le vacanze di Pasqua e visto l’incremento dei ricavi registrato per questo periodo, possiamo guardare con fiducia anche all’imminente estate: stimiamo infatti una crescita dei ricavi pari al 10% per il periodo estivo che contribuirà a consolidare la già buona stagione estiva del 2023 e a rafforzare l’intero comparto”» L’Osservatorio Astoi rileva che la durata media del viaggio durante i ponti festivi della primavera 2024 è di circa 8 giorni. I costi medi per persona vanno da 1.150 euro per il prodotto generalista, a 1.600 euro per una vacanza in villaggio, salendo a 3.500 euro quando si tratta di viaggi su misura. Rincari Il rincaro dei servizi, rispetto al 2023, è stato più contenuto, pari a circa +5% sull’anno scorso e ha riguardato essenzialmente la componente voli. Va detto che chi si affida al Turismo Organizzato oggi è meno sensibile agli incrementi. Questa tipologia di clientela non ha come primo o unico parametro la convenienza; piuttosto si affida ad agenzie di viaggio e tour operator perché ricerca una vacanza distintiva; nel caso del format villaggio, chiede forme di intrattenimento sempre al passo con i nuovi trend e con le diverse modalità di divertimento, mentre per quanto riguarda i viaggi su misura desidera esperienze difficilmente prenotabili individualmente, soluzioni che gli operatori sono in grado di proporre grazie alla radicata conoscenza dei territori e all’impiego di  personale locale. Il cliente che viaggia con i tour operator richiede garanzie, tutele, assistenza e la certezza di vivere esperienze distintive.         [post_title] => Astoi: per Pasqua aumento di ricavi. Il turista sceglie l'organizzazione [post_date] => 2024-03-25T10:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711362294000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463977 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Forte presa di posizione di Clia sul futuro delle crociere a Venezia e in tutto l'Adriatico: "Sono quasi tre anni che l’intero comparto è costretto a operare in una situazione di incertezza e precarietà, visto che gli impegni assunti dal governo italiano nel 2021 (al momento dello stop alle grandi navi in Laguna, ndr) rispetto a un piano alternativo per il settore non sono finora stati rispettati o implementati", si legge infatti in una nota ufficiale dell'associazione internazionale delle crocieristica. “Purtroppo, ancora una volta, una situazione provvisoria rischia di diventare permanente. E questo penalizza l’intera industria del turismo crocieristico, comparto che opera sempre con largo anticipo e con rigorosa programmazione - ribadisce il direttore Clia Italia, Francesco Galietti -. Agire senza certezza di quale sarà la situazione nei prossimi anni mette a rischio la presenza delle crociere a Venezia". “Al momento solo due compagnie, tra mille difficoltà e con grande sforzo economici, logistici e organizzativi, hanno deciso di confermare i loro scali – prosegue Galietti –, ma se gli impegni non dovessero essere rispettati non è escluso che lascino definitivamente la città. Questo significherebbe sia perdere lo status di homeport da parte di Venezia, sia un calo strutturale del traffico crocieristico e quindi del turismo in tutto l’Adriatico, visto che la città lagunare rappresenta da sempre un polo di attrazione. L’attuale mancanza di certezze ha indotto molti armatori a dirottare le proprie navi su altri scali e altri Paesi”. “Le compagnie hanno sempre ribadito, ben prima del 2021, di essere favorevoli a non transitare più dalla Giudecca e hanno chiesto con convinzione la predisposizione di una soluzione alternativa, ma finora non è stato avviato nessun confronto concreto - conclude Galietti –. Le crociere rappresentano meno del 2% del traffico in Laguna, ma sono il settore tecnologicamente più avanzato e innovativo del comparto marittimo. Anche per questo  possono fornire un contributo importante a sviluppare soluzioni che siano contemporaneamente in grado di preservare l’ecosistema lagunare e lo sviluppo economico sostenibile della città. Inoltre, mettere in discussione la permanenza delle crociere a Venezia equivale a mettere in discussione anche l’intera esistenza della portualità veneziana”. [post_title] => Clia: l'inerzia del governo mette a rischio il futuro delle crociere a Venezia [post_date] => 2024-03-20T14:37:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710945456000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463969 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un Carsten Spohr che si auto definisce "ottimista" quello che oggi in occasione dell'Aviation Summit di Airlines for Europe, interviene sulla futura decisione dell'Ue sull'ingresso di Lufthansa nel capitale di Ita Airways con una quota iniziale del 41%. Il ceo del gruppo tedesco si è infatti detto "ottimista" sulla possibilità che Lufthansa si assicuri una partecipazione nella compagnia aerea italiana, mentre la Commissione europea si avvicina a una fase cruciale dell'indagine. «Vogliamo chiudere l'accordo" con Ita, ottenendo il via libera della Commissione europea, il prima possibile e sono ancora ottimista perché ogni politico con cui parlo a Berlino, a Roma e anche a Bruxelles capisce che Ita merita un futuro, l'economia italiana merita di essere collegata anche in futuro, e la cooperazione tra Lufthansa e Ita è la risposta». Interpellato direttamente sulle possibilità di Lufthansa di portare a termine l'accordo, Spohr ha semplicemente affermato: «Non lavorerei nel settore dell'aviazione se non fossi ottimista». Le dichiarazioni arrivano nella settimana in cui Lufthansa potrebbe scoprire quali rimedi sarebbero necessari affinché la Commissione dia il via libera all'agognata intesa. [post_title] => Lufthansa: Spohr resta «ottimista su Ita Airways, vogliamo l'ok dall'Ue al più presto» [post_date] => 2024-03-20T13:03:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710939806000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’ADSP del Mar Ligure Orientale è presente all’ European Cruise Summit CLIA a Genova, nel padiglione Jean Nouvel, assieme a Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e AdSP del Mar Ligure Occidentale.   Forte del primato nazionale che si è conquistata negli anni e che registra nel 2023 tre milioni e centomila passeggeri sul totale di 13 milioni e ottocentomila totali che hanno scelto di visitare il nostro Paese a bordo di navi da crociere, la Liguria ha deciso di fare sistema per presentarsi ai partecipanti al Summit biennale provenienti da tutto il mondo. Del resto La Spezia, che nel 2023 ha raggiunto i 185 scali con 710.000 passeggeri (Marina di Carrara 20 scali e 15.000 passeggeri) contribuisce in modo importante all’andamento record del settore cruise della nostra Regione.   «Il porto della Spezia ha raggiunto il record storico di attracchi di navi passeggeri, superando abbondantemente i livelli di traffico prepandemici – spiega Federica Montaresi, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale - E molto ci aspettiamo dal prossimo futuro, che prevede la realizzazione entro il 2026 del nuovo molo crociere su Calata Paita, in grado di offrire nuovi accosti per navi da crociere in aggiunta al Molo Garibaldi, e la nuova Stazione Marittima, che verrà realizzata sul nuovo molo e in parte su Calata Paita, area oggi parte del porto commerciale che sarà interessata dal waterfront cittadino. Abbiamo investito non solo in infrastrutture, ma anche molto in sostenibilità. Fermo restando che anche nel contesto di questo summit sono stati mostrati i più innovativi sistemi per rendere sempre più ecologiche le navi passeggeri, l’AdSP sta avanzando con i lavori per l’elettrificazione di tutte le banchine che consentiranno lo spegnimento dei motori delle navi in sosta. Collaboriamo attivamente con la Capitaneria e l’amministrazione comunale per tenere monitorato il livello delle emissioni. Un futuro di nuove energie, non solo quelle legate all’efficientamento energetico e alla diversificazione delle fonti, ma anche quelle che verranno sprigionate con i nuovi investimenti e le importanti trasformazioni che interesseranno il nuovo waterfront per un migliore rapporto tra il porto e la città».     [post_title] => L’Adsp del Mar Ligure Orientale all’European Cruise Summit Clia, “importante fare sistema” [post_date] => 2024-03-15T09:46:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710496011000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "bluvacanze lia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":51,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":141,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465647","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Countdown aperto per il decollo di Beond sulla rotta da Milano Malpensa alle Maldive, previsto per il prossimo 3 luglio. L'A319 della compagnia premium leisure è stato protagonista oggi di un evento presso l'aeroporto milanese, che ha consentito a numerosi agenti di viaggio e to di visitare l'aeromobile, configurato con sole 44 poltrone lie-flat all business.\r\n\r\nLa neonata compagnia, già operativa sulle rotte da Zurigo, Monaco, Riyad e Dubai verso Malé, servirà la rotta italiana con un volo diretto operato due volte alla settimana, lungo tutto l'arco dell'anno.\r\n\r\nElevate le aspettative dal mercato Italia, come conferma il regional sales manager Europe, Lukas Hofmeister: \"Siamo convinti che la proposta di Beond rappresenti un gran bel prodotto da vendere per gli operatori e contiamo molto sul supporto dal trade per la distribuzione, coadiuvata dal nostro gsa in Italia, Discover the World. A Zurigo, in occasione del medesimo evento, abbiamo avuto un riscontro estremamente positivo dal trade, che ha particolarmente apprezzato il design e l'atmosfera che si respira appena saliti a bordo di questo nostro aereo che ci piace definire 'black beauty'. Tengo anche a sottolineare come ci sia un tocco di italianità nel dna della compagnia, grazie agli interni made in Italy che portano la firma di prestigiosi produttori quali Optimares e La Ferrari\".\r\n\r\nUn ambiente certamente esclusivo, raffinato, con servizi servizi complementari particolari anche prima e dopo il volo, come per esempio la possibilità di imbarcarsi velocemente e quasi sotto l’orario di partenza.\r\n\r\nIn attesa del debutto italiano, i piani di sviluppo del vettore - il secondo a offrire una proposta all business da Milano Malpensa, dopo La Compagnie, che opera su New York - puntano ad una flotta di 32 aeromobili operativi su un network di 60 destinazioni entro i prossimi cinque anni. \r\n\r\nLa tabella di marcia prevede la consegna di un Airbus A321ceo a metà 2024, che sarà configurato con 68 poltrone lie-flat; a seguire entreranno in servizio, auspicabilmente dal 2025, nuovi Airbus A321Lr/Xlr, sempre con la medesima capacità da 68 posti.\r\n\r\n[gallery ids=\"465648,465657,465653,465652,465655,465650,465651,465654,465656\"]","post_title":"Beond a Malpensa con l'A319 che collegherà Milano alle Maldive dal 3 luglio","post_date":"2024-04-16T14:36:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713278211000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’arte di viaggiare. L’Italia e il Grand Tour , a cura di Andrea Marmori con il contributo di Barbara Viale, è l’evento museale dell’anno della Città della Spezia, una mostra che intende porre l’attenzione sul gran viaggio di formazione e istruzione che tra Sette e Ottocento prevedeva il raggiungimento dei luoghi carichi di memoria, dove trovare confronto con il passato e ristoro per anima e corpo. \r\n\r\n La mostra è pertanto un’ulteriore occasione di valorizzazione della collezione Lia, posta in dialogo con straordinarie opere in prestito provenienti da tutta Italia, fra gli altri, dalla Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini di Roma, dai Musei Civici di Padova, dal Museo di Roma e dalla Collezione d’Arte della Fondazione Cariplo. La mostra sarà inaugurata il 15 giugno e rimarrà esposta al pubblico fino al 27 ottobre 2024.\r\n\r\n«Una straordinaria mostra che ci porterà sulle orme dei percorsi tracciati dai viaggiatori tra Settecento e Ottocento alla scoperta del Bel Paese tra Venezia, Firenze, Roma e Napoli e, in periodo successivo, il Golfo della Spezia– dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - Un’esposizione di altissimo livello che vanta capolavori eccezionali e prestigiosi prestiti provenienti da tutta Italia e che saprà affascinare e richiamare un pubblico internazionale che potrà immergersi nell’esperienza formativa ed d’istruzione di questi primi visitatori, provenienti dalle case aristocratiche di tutta Europa, alla ricerca del buon vivere italiano».\r\n\r\nLa mostra comprenderà quasi cinquanta opere e coinvolgerà tutto lo spazio museale prendendo avvio da un nucleo di opere collegate direttamente o di riflesso al Grand Tour conservate al Museo Lia. La sezione dei dipinti settecenteschi si compone difatti di importanti episodi figurativi che illustrano massimamente due delle soste irrinunciabili per i viaggiatori del XVIII secolo, Roma e Venezia, modelle infaticabili offerte allo sguardo stupefatto del visitatore erudito.\r\n\r\nAccanto alla sezione principale, trova luogo un percorso che illustra la scoperta e l’interesse turistico del Golfo della Spezia e della Riviera con il suo immediato entroterra.\r\n\r\nUna terza sezione, in dialogo con il percorso dedicato all’esposizione dei dipinti, riguarda gli aspetti materiali del viaggio, a iniziare dal corredo del viaggiatore.\r\n\r\n ","post_title":"L’arte di viaggiare. L’Italia e il Grand Tour , alla Spezia dal 15 giugno al 27 ottobre","post_date":"2024-04-16T11:54:04+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713268444000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465499","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Settore crociere con il vento in poppa. Non solo nuove navi, crocieristi e fatturati in crescita ma soprattutto una domanda che cambia e segue nuove tendenze, legate ad un pubblico giovane.\r\n\r\nIl rapporto annuale sullo stato del settore, lo State of the Cruise Industry, diffuso da CLIA, associazione internazionale delle compagnie da crociera, durante il Seatrade di Miami, evidenzia come la “domanda di crociera” sia in aumento del 6% rispetto al 2019 e con un picco rilevante tra i Millennials.\r\n\r\nAumentano i repeaters infatti l’82% dei crocieristi ha intenzione di tornare a bordo entro un anno. Infine, il 63% dei crocieristi dichiara che è poi ritornato autonomamente nelle destinazioni visitate durante la crociera.  \r\n\r\nIn rapido sviluppo le crociere dedicate all’esplorazione e ad itinerari legati all’avventura, con un +72% registrato tra 2019 e 2023. Inoltre, sale la quota dei “novizi della crociera” che nel 2023 sono stati il 27% del totale (+12% rispetto al 2022).\r\n\r\nCon il varo previsto di 56 nuove navi nei prossimi 5 anni, la capacità aumenterà del 10%, passando dai 677mila posti letto attuali ai 745mila del 2028. Si tratta di un processo di rinnovamento continuo della flotta, che ogni anno diventa più verde ed efficiente, anche perché le compagnie investono in tecnologie di propulsione che in futuro utilizzeranno carburanti alternativi e puliti.","post_title":"Crociere, cresce la domanda da parte dei Millennials e dei repeaters","post_date":"2024-04-15T10:16:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713176176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465303","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465305\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Kelly Craighead, presidente e ceo di Clia[/caption]\r\nClia durante il Seatrade di Miami ha diffuso il rapporto annuale sullo stato del settore, lo State of the Cruise Industry, dal quale emerge che nel 2023 ben 31,7 milioni di persone sono salite a bordo di una nave da crociera, con un aumento del 7% rispetto al 2019, e con la previsione di arrivare a 35,7 milioni durante quest’anno.\r\nGià nel 2022, anno che ancora risentiva dell’impatto negativo della pandemia, nel mondo il settore ha generato un contributo economico di 138 miliardi di dollari e 1,2 milioni di posti di lavoro. Nel 2023 si prevede che l’impatto sia ancora maggiore, considerato che il numero dei passeggeri è aumentato del 50% rispetto al 2022.\r\nComunque, con il varo previsto di 56 nuove navi nei prossimi 5 anni (e 8 solo nel 2024), la capacità di ospitare persone a bordo aumenterà del 10%, passando dai 677mila posti letto attuali ai 745mila del 2028. Si tratta di un processo di rinnovamento continuo della flotta, che ogni anno diventa più verde ed efficiente, anche perché le compagnie investono in tecnologie di propulsione che in futuro utilizzeranno carburanti alternativi e puliti.\r\nLo studio Clia evidenzia anche come sia in crescita la “domanda di crociera”, in aumento del 6% rispetto al 2019 e con un picco rilevante tra i Millennials. In generale, l’82% dei crocieristi ha intenzione di tornare a bordo entro un anno e il 72% dei viaggiatori internazionali prende in considerazione una vacanza in crociera.\r\nIn rapido sviluppo le crociere dedicate all’esplorazione e ad itinerari legati all’avventura, con un +72% registrato tra 2019 e 2023. Inoltre, sale la quota dei “novizi della crociera” che nel 2023 sono stati il 27% del totale (+12% rispetto al 2022). Infine, il 63% dei crocieristi dichiara che è poi ritornato autonomamente nelle destinazioni visitate durante la crociera.  \r\n\"Le crociere continuano a essere uno dei settori a più alto ritmo di sviluppo e con una capacità di ripresa molto più veloce di tutto il comparto turistico, tra l’altro generando impatti positivi per le economie locali e nazionali. Nel 2022 il nostro settore ha generato un impatto economico pari al 90% rispetto al 2019, nonostante il volume dei passeggeri si sia fermato al 70%. Da decenni il comparto ha dimostrato di avere la leadership sia per quanto riguardo il turismo organizzato, sia per ciò che concerne le possibilità di crescita, tanto più che rappresenta meno del 2% del turismo globale” ha dichiarato Kelly Craighead, presidente e ceo di Clia.","post_title":"Clia previsione 2024: 35,7 milioni di persone in crociera","post_date":"2024-04-11T10:29:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712831361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464393","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_464394\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Lea Cardinale con il ceo di Adalte, Davide Galleri[/caption]\r\n\r\nUn catalogo che già oggi comprende oltre agli Stati Uniti anche il Canada e che offre ai tour operator partner collegati alla piattaforma di Adalte, Community.Travel, un accesso unico ed esclusivo per le partenze di gruppo. Ma che presto sarà destinato a crescere ulteriormente. Lo rivela la sales director della stessa Adalte, Lea Cardinali: “È una delle destinazioni che vive di modernità e che spesso fa scuola in ottica di ricettività. Per questo la nostra offerta sulla destinazione è così completa. E presto speriamo lo sia ancora di più: contiamo di ampliare il numero di fornitori che, al momento, non hanno ancora abbracciato il concetto di distribuzione globale. È la prima destinazione che gestiamo quasi interamente tramite connessioni tecnologiche con i sistemi degli operatori, cosa che risulta più difficile su altri mercati meno avvezzi alla tecnologia”.\r\n\r\nAttualmente, i fornitori che collaborano con Adalte in Nord America, per il mercato italiano, sono Allied TPro, American Tours International e Team America per Stati Uniti e Canada; Opentours per i soli Stati Uniti e Jonview, specialista per il Canada. Tutti i servizi sono prenotabili online con un'offerta di tour guidati, molti pacchetti per esempio su New York e i self drive per scoprire l’America on the road. Ogni dmc e realtà ricettiva presente in Community.Travel garantisce soluzioni di viaggio per differenti target di clientela.\r\n\r\n“Collaborare con Adalte non significa cambiare le proprie modalità operative, quanto piuttosto modernizzarle - aggiunge Lea Cardinali -. Infatti i nostri buyer non iniziano a lavorare con fornitori con cui non collaboravano prima solo perché presenti nel portfolio di Adalte, ma utilizzano piuttosto i nostri servizi perché siamo in grado di offrire le migliori soluzioni (anche direttamente sui propri siti) ai loro passeggeri, continuando a lavorare con i propri fornitori selezionati”.","post_title":"Cresce il catalogo Nord America del marketplace Community.Travel","post_date":"2024-03-27T10:47:35+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1711536455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464178","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In prossimità delle vacanze di Pasqua e dei ponti festivi della primavera 2024 l’Osservatorio Astoi Confindustria - l’Associazione del tour operating italiano - è già in grado di confermare una crescita dei ricavi del comparto. I fatturati relativi alle partenze del periodo che va da Pasqua al 1°maggio realizzano una crescita dell’8% rispetto al pari periodo del 2023.\r\nLa tipologia di viaggio preferita verte da un lato sulla formula villaggio all inclusive, ideale per il segmento famiglie, dall’altro su tour itineranti a medio o lungo raggio, comprensivi di guide ed esperienze.\r\nBalzo in avanti del cosiddetto advance booking - la prenotazione anticipata - mai così preponderante negli ultimi quattro anni: per il periodo di Pasqua il 35% delle pratiche è stato prenotato con oltre 90 giorni di anticipo.\r\nUna Pasqua anticipata rispetto allo scorso anno spinge i connazionali a prediligere in generale mete estere; tuttavia, si riscontra ancora un’importante richiesta per la montagna in Italia.\r\n\r\nEuropa, lungo raggio e crociere\r\nIn Europa, l’Islanda è una riconferma, cui si aggiungono Irlanda, Paesi scandinavi e Portogallo. Nel medio raggio, il conflitto in Medio Oriente continua ad impattare sulle destinazioni colpite e sulle zone limitrofe, tra cui l’Egitto, anche se l’appeal di questa destinazione resta molto rilevante; in riduzione le crociere sul Nilo mentre si registrano prenotazioni consistenti (seppur in calo rispetto allo scorso anno) per i soggiorni balneari nel Mar Rosso, nei resort a Sharm el Sheikh e Marsa Alam.\r\nNelle festività primaverili del 2024 non mancano le mete evergreen, Canarie e Capo Verde in primis, che salgono nel ranking sfruttando a proprio favore il calo del Mar Rosso.\r\nIl lungo raggio si muove sempre su un doppio binario: da un lato i soggiorni nei mari caldi, come Repubblica Dominicana, Maldive ed East Africa, dall’altro i viaggi di scoperta, gli itinerari, sia nella versione classica che in quella tailor made. Stati Uniti e Giappone sono sempre nel cuore degli italiani, ma suscitano molto interesse anche Thailandia, Sudafrica e tutto il Sudamerica. Iniziano nuovamente le prenotazioni sulla Cina dopo un lungo periodo di blackout.\r\nNel settore crocieristico la primavera conferma l’andamento in crescita delle prenotazioni che sta caratterizzando il 2024. Secondo CLIA, l’Associazione che riunisce le principali Compagnie di crociera, quest’anno in Italia si supererà la quota di 14 milioni di passeggeri movimentati contro i 13,8 del 2023, il che conferma il Belpaese come principale meta europea.\r\nTra le destinazioni preferite della primavera molto apprezzati sono il Mediterraneo Occidentale e Orientale, fino alle crociere più lunghe (sino a due settimane) in Portogallo, Marocco, Turchia, Grecia, isole Canarie e Azzorre.\r\n\r\nEzhaya\r\n«Le prenotazioni per il periodo di Pasqua e ponti primaverili registrano una crescita dei ricavi dell’8% sul 2023 e la quasi totalità delle destinazioni coinvolte evidenzia un trend positivo. Il turismo organizzato registra crescite percentualmente più alte del turismo in generale, segno che è finalmente scelto dai consumatori per gli insostituibili valori che lo caratterizzano.\r\n\r\n«Infatti, è percepito dalle persone come fonte di garanzie, ma anche come canale dove riuscire a prenotare esperienze più personalizzate e difficilmente reperibili individualmente - commenta Pier Ezhaya, presidente Astoi Confindustria Viaggi - considerando la forte incidenza della prenotazione anticipata rilevata per le vacanze di Pasqua e visto l’incremento dei ricavi registrato per questo periodo, possiamo guardare con fiducia anche all’imminente estate: stimiamo infatti una crescita dei ricavi pari al 10% per il periodo estivo che contribuirà a consolidare la già buona stagione estiva del 2023 e a rafforzare l’intero comparto”»\r\nL’Osservatorio Astoi rileva che la durata media del viaggio durante i ponti festivi della primavera 2024 è di circa 8 giorni. I costi medi per persona vanno da 1.150 euro per il prodotto generalista, a 1.600 euro per una vacanza in villaggio, salendo a 3.500 euro quando si tratta di viaggi su misura.\r\n\r\nRincari\r\nIl rincaro dei servizi, rispetto al 2023, è stato più contenuto, pari a circa +5% sull’anno scorso e ha riguardato essenzialmente la componente voli.\r\nVa detto che chi si affida al Turismo Organizzato oggi è meno sensibile agli incrementi. Questa tipologia di clientela non ha come primo o unico parametro la convenienza; piuttosto si affida ad agenzie di viaggio e tour operator perché ricerca una vacanza distintiva; nel caso del format villaggio, chiede forme di intrattenimento sempre al passo con i nuovi trend e con le diverse modalità di divertimento, mentre per quanto riguarda i viaggi su misura desidera esperienze difficilmente prenotabili individualmente, soluzioni che gli operatori sono in grado di proporre grazie alla radicata conoscenza dei territori e all’impiego di  personale locale. Il cliente che viaggia con i tour operator richiede garanzie, tutele, assistenza e la certezza di vivere esperienze distintive.\r\n \r\n \r\n \r\n ","post_title":"Astoi: per Pasqua aumento di ricavi. Il turista sceglie l'organizzazione","post_date":"2024-03-25T10:24:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711362294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463977","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Forte presa di posizione di Clia sul futuro delle crociere a Venezia e in tutto l'Adriatico: \"Sono quasi tre anni che l’intero comparto è costretto a operare in una situazione di incertezza e precarietà, visto che gli impegni assunti dal governo italiano nel 2021 (al momento dello stop alle grandi navi in Laguna, ndr) rispetto a un piano alternativo per il settore non sono finora stati rispettati o implementati\", si legge infatti in una nota ufficiale dell'associazione internazionale delle crocieristica.\r\n\r\n“Purtroppo, ancora una volta, una situazione provvisoria rischia di diventare permanente. E questo penalizza l’intera industria del turismo crocieristico, comparto che opera sempre con largo anticipo e con rigorosa programmazione - ribadisce il direttore Clia Italia, Francesco Galietti -. Agire senza certezza di quale sarà la situazione nei prossimi anni mette a rischio la presenza delle crociere a Venezia\".\r\n\r\n“Al momento solo due compagnie, tra mille difficoltà e con grande sforzo economici, logistici e organizzativi, hanno deciso di confermare i loro scali – prosegue Galietti –, ma se gli impegni non dovessero essere rispettati non è escluso che lascino definitivamente la città. Questo significherebbe sia perdere lo status di homeport da parte di Venezia, sia un calo strutturale del traffico crocieristico e quindi del turismo in tutto l’Adriatico, visto che la città lagunare rappresenta da sempre un polo di attrazione. L’attuale mancanza di certezze ha indotto molti armatori a dirottare le proprie navi su altri scali e altri Paesi”.\r\n\r\n“Le compagnie hanno sempre ribadito, ben prima del 2021, di essere favorevoli a non transitare più dalla Giudecca e hanno chiesto con convinzione la predisposizione di una soluzione alternativa, ma finora non è stato avviato nessun confronto concreto - conclude Galietti –. Le crociere rappresentano meno del 2% del traffico in Laguna, ma sono il settore tecnologicamente più avanzato e innovativo del comparto marittimo. Anche per questo  possono fornire un contributo importante a sviluppare soluzioni che siano contemporaneamente in grado di preservare l’ecosistema lagunare e lo sviluppo economico sostenibile della città. Inoltre, mettere in discussione la permanenza delle crociere a Venezia equivale a mettere in discussione anche l’intera esistenza della portualità veneziana”.","post_title":"Clia: l'inerzia del governo mette a rischio il futuro delle crociere a Venezia","post_date":"2024-03-20T14:37:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1710945456000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463969","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un Carsten Spohr che si auto definisce \"ottimista\" quello che oggi in occasione dell'Aviation Summit di Airlines for Europe, interviene sulla futura decisione dell'Ue sull'ingresso di Lufthansa nel capitale di Ita Airways con una quota iniziale del 41%.\r\n\r\nIl ceo del gruppo tedesco si è infatti detto \"ottimista\" sulla possibilità che Lufthansa si assicuri una partecipazione nella compagnia aerea italiana, mentre la Commissione europea si avvicina a una fase cruciale dell'indagine.\r\n\r\n«Vogliamo chiudere l'accordo\" con Ita, ottenendo il via libera della Commissione europea, il prima possibile e sono ancora ottimista perché ogni politico con cui parlo a Berlino, a Roma e anche a Bruxelles capisce che Ita merita un futuro, l'economia italiana merita di essere collegata anche in futuro, e la cooperazione tra Lufthansa e Ita è la risposta».\r\n\r\nInterpellato direttamente sulle possibilità di Lufthansa di portare a termine l'accordo, Spohr ha semplicemente affermato: «Non lavorerei nel settore dell'aviazione se non fossi ottimista».\r\n\r\nLe dichiarazioni arrivano nella settimana in cui Lufthansa potrebbe scoprire quali rimedi sarebbero necessari affinché la Commissione dia il via libera all'agognata intesa.","post_title":"Lufthansa: Spohr resta «ottimista su Ita Airways, vogliamo l'ok dall'Ue al più presto»","post_date":"2024-03-20T13:03:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710939806000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’ADSP del Mar Ligure Orientale è presente all’ European Cruise Summit CLIA a Genova, nel padiglione Jean Nouvel, assieme a Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e AdSP del Mar Ligure Occidentale.\r\n \r\nForte del primato nazionale che si è conquistata negli anni e che registra nel 2023 tre milioni e centomila passeggeri sul totale di 13 milioni e ottocentomila totali che hanno scelto di visitare il nostro Paese a bordo di navi da crociere, la Liguria ha deciso di fare sistema per presentarsi ai partecipanti al Summit biennale provenienti da tutto il mondo. Del resto La Spezia, che nel 2023 ha raggiunto i 185 scali con 710.000 passeggeri (Marina di Carrara 20 scali e 15.000 passeggeri) contribuisce in modo importante all’andamento record del settore cruise della nostra Regione.\r\n \r\n«Il porto della Spezia ha raggiunto il record storico di attracchi di navi passeggeri, superando abbondantemente i livelli di traffico prepandemici – spiega Federica Montaresi, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale - E molto ci aspettiamo dal prossimo futuro, che prevede la realizzazione entro il 2026 del nuovo molo crociere su Calata Paita, in grado di offrire nuovi accosti per navi da crociere in aggiunta al Molo Garibaldi, e la nuova Stazione Marittima, che verrà realizzata sul nuovo molo e in parte su Calata Paita, area oggi parte del porto commerciale che sarà interessata dal waterfront cittadino. Abbiamo investito non solo in infrastrutture, ma anche molto in sostenibilità. Fermo restando che anche nel contesto di questo summit sono stati mostrati i più innovativi sistemi per rendere sempre più ecologiche le navi passeggeri, l’AdSP sta avanzando con i lavori per l’elettrificazione di tutte le banchine che consentiranno lo spegnimento dei motori delle navi in sosta. Collaboriamo attivamente con la Capitaneria e l’amministrazione comunale per tenere monitorato il livello delle emissioni. Un futuro di nuove energie, non solo quelle legate all’efficientamento energetico e alla diversificazione delle fonti, ma anche quelle che verranno sprigionate con i nuovi investimenti e le importanti trasformazioni che interesseranno il nuovo waterfront per un migliore rapporto tra il porto e la città».\r\n \r\n ","post_title":"L’Adsp del Mar Ligure Orientale all’European Cruise Summit Clia, “importante fare sistema”","post_date":"2024-03-15T09:46:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710496011000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti