20 June 2024

Academy Gattinoni, premi alle agenzie che si sono distinte

[ 0 ]

Antonella Ferrari

Si è tenuta a marzo, a Cortina d’Ampezzo, la tre giorni di eventi disegnati a beneficio degli agenti di viaggio che si sono distinti nella prima sessione dell’Academy Gattinoni, dedicata alle agenzie dei network Mondo di Vacanze e MYNetwork Viaggi & Vacanze, che si è svolta da settembre 2023 a febbraio 2024.

La tematica è quella cara al Gruppo Gattinoni: la formazione, continua e costante. Oltre 500 agenti si sono registrati alla piattaforma per seguire online i 16 appuntamenti in calendario, tenuti da formatori specializzati nelle singole aree.

Un progetto di costruzione dell’identità dell’agenzia, articolato in molteplici attività, concrete e utili nel business quotidiano.

Dalla presenza online con sito web e strategia sui social media, alle modalità di relazione con i clienti, dalle tecniche di vendita alle strategie volte a migliorare la soddisfazione del cliente, dall’analisi del business attraverso la stesura di un budget al monitoraggio dei risultati con il controlling finanziario.

Gli appuntamenti formativi hanno spaziato, inoltre, dagli importanti temi della privacy alla corretta compilazione del contratto di viaggio e di lavoro al recruiting digitale, dalle polizze assicurative a come intraprendere un percorso di sostenibilità aziendale. La conclusione è stata dedicata al tema del viaggio e alle tipologie attualmente più richieste. Questa sessione ha registrato il picco più alto di partecipazione da parte degli agenti, a testimonianza della profonda motivazione intrinseca che anima il loro lavoro.

Una selezione di professionisti si è distinta per aver completato l’intero ciclo di formazione dell’Academy; a loro, oltre all’attestato, è stato offerto da Gattinoni un soggiorno esperienziale di tre giorni e due notti a Cortina.

Commenta Antonella Ferrari, direttore Network di Gruppo Gattinoni “Per noi è sempre di grande di stimolo proporre questi importanti momenti di formazione, di condivisione e di aggregazione. La prima sessione dell’Academy è stata molto apprezzata, lo dimostrano i numeri complessivi e soprattutto l’elevata partecipazione di agenzie che hanno seguito per intero il percorso. Sicuramente la ripeteremo in autunno, per dare contenuti e stimoli sempre nuovi – continua Ferrari -. A Cortina abbiamo voluto invitare una ventina di agenti che si sono distinti per il particolare impegno profuso nel corso dell’Academy; sono stati tre giorni di workshop e momenti di team building, con cene e attività speciali a corredo. Una conclusione in grande stile del percorso iniziato lo scorso settembre”.

Nelle giornate ampezzane sono stati organizzati due workshopBye Bias dedicato alla scoperta dei principali pregiudizi cognitivi ed errori nel modo di pensare, soprattutto in situazioni di forte stress condizione che si verifica frequentemente in agenzia, di fronte ai clienti sempre più esigenti; Culture Mapping in cui si sono tracciate le sfide e le opportunità di un corretto “culture management”.

I momenti di lavoro sono stati alternati da attività pratiche e coinvolgenti come il curling presso lo stadio Olimpico di Cortina, lo starwatching all’osservatorio astronomico, la passeggiata nel bosco serale a lume di torcia e la salita al rifugio Mietres con relax nella vasca termale all’aperto. Non potevano mancare pranzi e cene speciali presso ristoranti molto rinomati come quello dello chef e sommelier Fabio Pompanin – chiamato dal CONI per gli atleti delle Olimpiadi- o in rifugi ad alta quota raggiungibili in funivia come il Col Druscié, a 1778 metri d’altezza, che si affaccia direttamente sulle Tofane e offre una vista panoramica a 360° sulla vallata di Cortina e sulle piste della Coppa del Mondo.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468730 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468736" align="alignleft" width="300"] Sabrina Nadaletti[/caption] Lanciato nel 2013, il progetto Best Performer del gruppo Gattinoni,  si è evoluto negli anni, concretizzando con sempre maggiore vigore alcuni cardini del business: la forza di contrattazione dell’azienda nei confronti dei partner, la libertà delle agenzie del network di aderire o meno al piano, l’indipendenza di chi aderisce nello scegliere con chi concentrare i propri volumi, il riconoscimento di una doppia over, da parte dei partner e da parte del Gruppo.    Le agenzie hanno sposato con convinzione il Best Performer: dalle 600 adesioni del 2019 - anno pre pandemia – sono passate a 800 nel 2023. I partner, dal canto loro, sono aumentati da 19 a 24 (di cui 20 tour operator), includendo brand di nicchia e specialisti. Oltre al prodotto messo a disposizione dai fornitori, le agenzie del network Gattinoni hanno accesso alle linee interne. Una rosa così ampia di prodotto e di partnership ha consentito anche un’operazione decisiva: l’attuazione, nel corso del 2023, di oltre 90 campagne trade e consumer sul mercato, alcune delle quali in esclusiva per il Gruppo Gattinoni. Campagne che riservavano sconti fino a 400 euro a pratica, frutto di accordi con i vari partner del network, per un ammontare complessivo di circa 300.000 euro.    I risultati economici del Best Performer 2023 hanno segnato l’erogazione tramite la sede network di circa 400.000 euro di over commission alle agenzie. Commenta Sabrina Nadaletti, Head of Leisure Gattinoni Travel: “Questi incentivi sono stati un ulteriore stimolo per le agenzie, che hanno colto nuove opportunità di incremento della loro marginalità. La multicanalità non è più un’opzione, ma una necessità all’interno del network. Da un lato questa si integra con l’attuazione di molteplici campagne mirate per le agenzie, dall’altro con i piani di incentivazione, primo tra tutti il Best Performer, che nel 2023 ha registrato uno dei migliori risultati commerciali degli ultimi 10 anni”.    Per il 2024 Gattinoni ha pianificato un programma di incentivazione ancora più ambizioso. Best Performer e MyChallenge 2024 ha già ottenuto l’adesione di oltre 800 agenzie e 24 fornitori disposti a fare rete riconoscendo condizioni commerciali particolarmente favorevoli. Il progetto si sviluppa nell’intero anno, coprendo ogni mese, aggiungendo alle programmazioni sempre disponibili molte iniziative accattivanti, come i Summer Days, attualmente attivi, e la Campagna Sposi, con una dozzina di partner e top partner aderenti. [post_title] => Gattinoni Best Performer: 400 mila euro di over commission alle adv nel 2023 [post_date] => 2024-06-04T10:29:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717496978000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' l'intelligenza artificiale la prossima frontiera di CartOrange. "Dovremmo riuscire a presentare una prima applicazione dedicata entro la fine di quest'anno - spiega l'amministratore delegato e fondatore della rete consulenziale, Gianpaolo Romano -. Ci stiamo lavorando da più di un anno: sarà uno strumento in esclusiva per i nostri clienti. Investire sull'Ai significa svolgere un'attività molto pionieristica: un lavoro di frontiera…". D'altronde la vocazione pionieristica a CartOrange certo non manca. Nata nel 1998, agli albori di Internet in Italia, la rete si è posta sin da subito come una novità di mercato, che portava gli agenti direttamente a casa dei clienti od ovunque questi preferissero incontrarsi. Il tutto con un importante focus sulla componente digitale declinata in senso phygital. Un modo di intendere il business dei viaggi che allora era ai primordi, ma che oggi è diventato obbligatorio per chiunque operi in un mondo in cui i confini tra online e offline si fanno sempre più sfumati. E dopo la parentesi Covid, anche i numeri sono tornati a sorridere al gruppo: CartOrange ha infatti chiuso il 2023 a circa 40 milioni di euro di fatturato, per un incremento del 91% rispetto all'anno precedente. Ma soprattutto sono aumentati i margini operativi lordi (ebitda), saliti di ben il 200%, tanto da raggiungere un livello del 30% superiore al 2019 pre-pandemia. E anche il 2024 è partito sotto ottimi auspici, visto che i primi due mesi dell'anno hanno registrato un venduto pari a 9 milioni, per un +20% sullo stesso bimestre 2023. Una crescita che si rispecchia anche nel numero dei consulenti attivi: "Oggi siamo tornati a superare quota 400. L'idea è quella di crescere ancora, soprattutto nel Sud Italia, per arrivare attorno a quota 500 tra 2025 e 2026". La rete è composta da un buon numero di ex agenti di viaggio. "Possiamo però contare anche su una academy interna, che ci permette non solo di fornire una formazione costante a tutti i nostri collaboratori, ma anche di avvicinare i giovani a questo mestiere. Il training è un aspetto importantissimo della nostra realtà e lo decliniamo in moltissime attività, compresi gli educational. Negli ultimi tre mesi abbiamo per esempio fatto viaggiare una settantina di nostri consulenti alla scoperta di alcune delle nostre destinazioni più importanti". Oltre a ciò, la rete offre una serie di strumenti ad hoc, tra cui un sistema di presentazione del preventivo all'avanguardia, utilizzabile sia via mail, sia di persona: "Lo abbiamo chiamato Mike, in onore di Mike Bongiorno: sfrutta la componente emozionale dei viaggi, grazie a un'accorta combinazione di video, foto, mappe e testi, fruibili in maniera intuitivamente interattiva. E poi ci sono i nostri spazi di co-working: ne abbiamo una quindicina ma non si tratta di agenzie tradizionali. Nessuno di loro è infatti al piano strada con vetrine, se si eccettua il nostro flagstore di Milano. Sono luoghi personalizzati pensati per permettere al cliente che lo desideri di andare a chiudere il contratto o ad assistere a una presentazione dedicata". Da non dimenticare è pure il tour operator interno: creato sette-otto anni fa, propone soprattutto prodotti di nicchia dal taglio tailor made, spesso dedicati a quei viaggi e servizi non reperibili dai partner tradizionali. Il target di riferimento principale di CartOrange è rappresentato dai viaggi di nozze, che pesano per circa il 35% del giro d'affari complessivo. "La parte rimanente è generata tendenzialmente da una clientela di livello medio - alto, in termini sia di spending, sia di approccio - conclude Romano -. Il ticket medio delle nostre pratiche si aggira sugli 8 mila euro per i viaggi di nozze e sui 4-5 mila per il resto della nostra offerta".     [post_title] => CartOrange: Ai, ultima frontiera. Entro fine anno un tool ad hoc [post_date] => 2024-06-03T13:40:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717422059000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468402 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal accende i riflettori sul trade con i tradizionali Tap Awards, che anche nel 2024 hanno premiato gli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nella vendita di biglietti del vettore nei principali mercati in cui opera la compagnia aerea portoghese.   L'evento, presieduto dal presidente e ceo della compagnia Luís Rodrigues, ha visto la partecipazione adv provenienti da Portogallo, Brasile, Stati Uniti e dai principali mercati europei. L'attore portoghese e ambasciatore Tap, Ricardo Pereira, è stato il maestro di cerimonie della serata, che si è conclusa con un'esibizione musicale della cantante di fado portoghese Cuca Roseta.   I riconoscimenti sono stati assegnati agli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nel 2023 per il volume di vendite realizzate sui voli Tap, che ha così rafforzato il riconoscimento dell'importanza dei propri partner commerciali privilegiati nello sviluppo dell'attività e nel potenziamento dell'industria dei viaggi e del turismo e del contributo che questi danno al consolidamento delle vendite e della sostenibilità del vettore.   Per l’Italia, i premi sono stati assegnati a Gattinoni, in qualità di Top Seller, e a Welcome Travel Group, in qualità di Top Seller Business Class.   [post_title] => I Tap Awards hanno premiato quest'anno Gattinoni e Welcome Travel Group [post_date] => 2024-05-30T09:25:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717061127000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467855 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467856" align="alignleft" width="300"] Elena Carlino[/caption] È trascorso poco più di un anno dall’apertura della filiale Business Travel a Treviso. Era il febbraio 2023, con tre persone dedicate. Oggi le risorse sono salite a 17, di cui tre commerciali. Un anno fa è stato fatto l’investimento, che conteneva anche una scommessa, guadagnare la fiducia di un tessuto fortemente produttivo, composto da piccole e medie imprese, in gran parte storiche. Gattinoni Business Travel non solo ha vinto la scommessa ma non si aspettava che avvenisse in tempi così rapidi. Una delle chiavi del successo è stata la presenza di persone molto conosciute - e stimate - in ambito regionale, a partire da Alessandra Trevisan, area manager triveneto. La presenza fisica, la conoscenza delle dinamiche, il coordinamento locale si sono rivelati valore aggiunto agli occhi delle aziende. Commenta Elena Carlino, direttrice commerciale Gattinoni Business Travel: «Siamo riusciti ad acquisire ampie quote di mercato, anche grazie alle ottime referenze ricevute, che sul territorio hanno una forte valenza. In questa parte d’Italia c’è grande spazio per fare un buon lavoro e i nostri progetti sono di espanderci e crescere». Obiettivo In tema di numeriche, nel 2023 il fatturato di Gattinoni Business Travel Triveneto è aumentato del 51% rispetto al 2022; l’obiettivo è far sì che questi notevoli risultati siano sono l’inizio, e che nell’arco del triennio la business unit conquisti una significativa quota di mercato delle aziende presenti nel territorio. Gattinoni Business Travel ha rotto gli schemi, penetrando un sentiment di leggera ritrosia attraverso competenza e serietà, apportando la visibilità di un brand sempre più forte a livello nazionale e la capacità sul campo.  Continua Elena Carlino: «Il Triveneto è punteggiato da piccole e medie imprese, ma noi abbiamo adottato le modalità che applichiamo alle grandi aziende; abbiamo garantito interlocutori e referenti costanti, con un approccio molto diretto e molto umano. Con questa convinzione avevamo inaugurato la filiale di Treviso e il passaparola è stato più rapido rispetto ai nostri piani. Un segnale molto incoraggiante che ci fa guardare al 2024 con ottimismo. «Un ringraziamento speciale va a tutto lo staff operativo di Gattinoni Business Travel, il cui impegno, dedizione e professionalità sono stati fondamentali per il successo finora conquistato su questo importante territorio. Senza il loro costante sforzo e la loro passione, non avremmo potuto raggiungere questi risultati straordinari. La loro competenza e il loro spirito di squadra hanno permesso di superare le sfide e di creare solide relazioni con le aziende locali, contribuendo in modo significativo alla nostra crescita e affermazione sul mercato». [post_title] => Gattinoni Business: in Triveneto il fatturata è cresciuto del 51% [post_date] => 2024-05-22T12:13:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716380039000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467660" align="alignleft" width="300"] Il cda di Terme di Sirmione[/caption] Cresce il fatturato di Terme di Sirmione. La controllata del gruppo Franco Gnutti Holding ha infatti chiuso il 2023 a quota 43,7 milioni di euro, pari a un +8,7% rispetto al 2022. L’utile è stato di 3,5 milioni, al netto di ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti per 3,4 milioni e imposte per 1,4 milioni. Margini operativi lordi (ebitda) per 9,1 milioni di euro, pari al 20,89% dei ricavi, completano il quadro dell’esercizio. Tutte le aree di business hanno contribuito alla crescita del fatturato. In particolare il settore salute, comparto che prima del Covid aveva sofferto di un progressivo declino e che la pandemia aveva particolarmente colpito, ha chiuso in sensibile miglioramento . Nonostante i numeri positivi, l’esercizio 2023 è stato comunque negativamente influenzato da alcuni fattori esogeni: la riduzione degli arrivi dalla Germania, mercato primario sul lago di Garda; eventi atmosferici non favorevoli; e soprattutto l’ormai cronica difficoltà di reperimento del personale. Per essere attrattiva in un mercato ancora caratterizzato da lavoro sommerso, Terme di Sirmione continua perciò a investire nella stabilizzazione del personale, che ha raggiunto una punta massima di 462 dipendenti di cui 270 a tempo indeterminato, nonché nella formazione attraverso una academy aziendale. E' stato anche mplementato un piano di welfare dedicato e rinnovate le certificazioni integrate di qualità, ambiente e sicurezza. Nel 2023, l'azienda ha effettuato investimenti pari a 4,3 milioni di euro, destinati per la maggior parte al completo restyling dello storico hotel Fonte Boiola e del reparto termale fortemente legato alla salute e alla cura. Ulteriori investimenti sono in corso nel comparto benessere e particolare attenzione è riservata all’area digitale e all’information technology, che governano non solo le attività di gestione e controllo ma sono sempre più connesse alle attività di marketing e comunicazione, oltre che di vendita con il supporto del sistema crm Salesforce in piena funzione ed efficacia di azione. Ad oggi tale strumento ha permesso di mappare quasi 800 mila clienti e di raggiungere 3,8 milioni di contatti in un anno. Superano i 14 milioni le pagine del sito visualizzate. [post_title] => Cresce il fatturato di Terme di Sirmione. Marginalità operative al 20,89% [post_date] => 2024-05-20T11:25:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716204345000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'opportunità per il team di sperimentare il learning by doing attraverso attività pratiche e moduli di formazione, focalizzati anche sulle soft skills. Termina oggi l'Academy Th Group, che ha riunito per dieci giorni a Ostuni tutta l’azienda con un obiettivo importante: plasmare il futuro della stagione estiva attraverso un intenso programma di formazione. “Con lo scopo di portare a nuove vette l'esperienza dell'ospite, stimolare la crescita del team e offrire servizi a valore aggiunto, questa Academy è stata molto più di una semplice preparazione per la stagione – spiega il direttore operations e hr di Th Group, Lorenzo Bighin -. È stato un viaggio di apprendimento, condivisione e crescita personale e professionale”. Oltre a lavorare sul prodotto, ogni settore ha affinato le proprie competenze relazionali, di leadership e motivazionali, grazie alla guida di 30 formatori. Sono stati oltre 560 i partecipanti distribuiti in 23 classi tra comparti alberghieri e animazione. Anche quest’anno alcuni dei contenuti erogati nella settimana sono stati curati dalla Scuola italiana di ospitalità. “Abbiamo partecipato con piacere come partner all'Academy di Th perché è l'occasione di collaborare con un'azienda che da sempre valorizza le risorse umane formandole sia negli aspetti tecnici sia in quelli umani”, sottolinea il direttore Giulio Contini. Ma l'Academy non è stato solo lavoro: ha offerto anche momenti di convivialità e condivisione, inclusi eventi gastronomici, sessioni di team building e spettacoli. È stata un'occasione per conoscere i colleghi, condividere esperienze e prepararsi insieme per l'avventura della nuova stagione estiva che vedrà l’azienda impegnata nell’apertura e gestione di 17 strutture al mare e dieci sull’arco alpino, a cui si aggiungono i tre indirizzi urban a Lazise sul lago di Garda, a Roma e ad Assisi.   [post_title] => Si e chiusa oggi l'Academy Th: 560 i partecipanti alla dieci giorni di Ostuni [post_date] => 2024-05-16T14:55:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715871322000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467026 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con l'acquisizione dell'ex Salesianum Don Bosco di Como, il gruppo Villa d'Este si appresta a lanciare un Hospitality campus: un luogo di formazione, attrazione e crescita di giovani talenti che vogliano lavorare e specializzarsi nel settore dell’ospitalità. Fino al 2010 sede di una comunità religiosa e da allora in disuso, il Salesianum di Tavernola fu realizzato nel 1964 e si è caratterizzato come casa di spiritualità, di cultura religiosa e sociale, per gruppi ecclesiali. Nato come centro di formazione e di aggiornamento per i Salesiani, si è poi allargato, aprendosi all'esterno e accogliendo nei suoi ampi locali interni ed esterni incontri di spiritualità per gruppi e per singole persone, senza escludere convegni e congressi. Ora con l’acquisizione da parte di Villa d’Este, si vuole dare al Salesianum nuova vita, riportandolo in un certo qual modo alla sua funzione originaria. Il progetto è infatti quello di intraprendere un’importante ristrutturazione degli spazi ,per realizzare alloggi a disposizione perlopiù dei dipendenti della società, dove svolgere attività di sviluppo e formazione nell’ambito dell’attività alberghiera e della ristorazione.   "La struttura dovrebbe diventare un campus per i dipendenti, non con lo scopo di sola accoglienza ai fini lavorativi, ma con l’idea di creare un ambiente di crescita e professionalizzazione  - spiega il presidente del consiglio di amministrazione di Villa d’Este, Giuseppe Fontana -: sale conferenze, aree training dove sviluppare una Academy e corsi ad hoc per sala, cucina e housekeeping. Inoltre, per prenderci cura dei nostri dipendenti anche durante il loro tempo libero vorremmo adibire degli spazi ad aree svago ed intrattenimento come sala cinema, palestra, sale multimediali/tv e biblioteca: spazi di aggregazione dove abbiano l’opportunità di conoscersi e riscoprirsi. Il nostro capitale umano è il patrimonio più prezioso da tutelare, e crescere insieme la più importante responsabilità”. [post_title] => Villa d'Este acquisisce l'ex Salesianum Don Bosco di Como. Diventerà un Hospitality campus [post_date] => 2024-05-10T09:31:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715333491000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467007 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue l’impegno di Aci blueteam nel sociale, con particolare attenzione per l’iniziativa promossa nel 2022 a sostegno di Soleterre Onlus per l’emergenza in Ucraina. Durante questi due anni, il progetto ha ottenuto risultati tangibili, incluso il recupero di un ex convitto a Novoyarychiv, nella regione di Leopoli, che ha restituito una casa a trenta famiglie colpite dal conflitto, nonché l'apertura di un centro per la riabilitazione fisica e psicologica di bambini e ragazzi feriti dalla guerra. Quest’ultimo progetto, denominato Unbroken Kids, ha comportato la ristrutturazione di un edificio di sette piani e 4 mila metri quadrati all’interno del Saint Nicholas Hospital di Leopoli, dove pazienti pediatrici hanno potuto ricevere cure mediche, tra cui chirurgia ricostruttiva, ortopedia, protesi robotiche e riabilitazione fisica. Un successo reso possibile anche grazie al prezioso contributo volontario di numerosi clienti della travel management company e della travel industry, che hanno aderito all'iniziativa. Anche nel 2024, Aci blueteam continuerà quindi a collaborare con Soleterre, per affrontare la crisi umanitaria in corso dovuta alla guerra, che purtroppo ancora oggi coinvolge il territorio ucraino; è dunque fondamentale mantenere alta l'attenzione su questa situazione, evitando che diventi normalità. Pertanto, l'attività di sensibilizzazione verso l'intera filiera turistica proseguirà per sostenere non solo il territorio ucraino, ma soprattutto i numerosi bambini che vengono privati della loro infanzia. Aci blueteam ha infatti sempre fatto della tutela e del sostegno alle nuove generazioni una priorità, istituendo da diversi anni una Academy interna per formare giovani risorse e offrire loro l’opportunità di inserirsi nel mondo del lavoro. Quest'anno, in linea con questa filosofia, la tmc ha deciso di ampliare la propria responsabilità in ambito sociale attraverso una nuova collaborazione con l'associazione Cometa di Como, che sostiene numerose famiglie del territorio attraverso una vasta gamma di servizi sociali ed educativi rivolti a bambini e ragazzi. I dipendenti Aci blueteam saranno coinvolti direttamente, dedicando parte del loro tempo (monte ore) ad aiutare attivamente nell'educazione dei ragazzi durante le attività quotidiane. “Di fronte a quanto sta accadendo in Ucraina, Medioriente, Marocco e in tante altre aree nel mondo non possiamo rimanere fermi a guardare, ma abbiamo il dovere di agire, per quanto è nelle nostre possibilità - sottolinea il marketing director di Aci blueteam, Piergiorgio Reggio -. Con il continuo impegno verso il sostegno alle comunità internazionali e locali confermiamo la nostra dedizione nel contribuire a promuovere un settore turistico inclusivo, sensibile e consapevole”. [post_title] => Dall'Ucraina alle giovani generazioni, si amplia l'impegno csr di Aci Blueteam [post_date] => 2024-05-09T12:15:58+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715256958000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466489 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair a caccia di piloti in Italia: la low cost ha varato il nuovo programma di formazione dedicato, Future Flyer Academy, in collaborazione con la scuola di volo internazionale Aviomar Flight Academy, con sede in Italia: verranno formati oltre 400 aspiranti piloti che si uniranno al gruppo come secondi ufficiali nei prossimi 4 anni. La Future Flyer Academy offre agli aspiranti piloti l'opportunità di avviare la loro carriera aeronautica con una compagnia aerea commerciale attraverso un percorso di livello internazionale che include lezioni in aula, simulatore e formazione pratica in preparazione all'impiego come secondi ufficiali presso il gruppo Ryanair. La low cost irlandese punta a trasportare oltre 300 milioni di passeggeri all'anno su una flotta di 800 velivoli entro il 2034. Da diversi anni Aviomar forma gli aspiranti piloti secondo uno standard che permette loro di completare il corso Type Rating per operare su aerei Boeing 737 o Airbus A320 di Ryanair. La formazione iniziale è combinata con la qualifica Type Rating per accelerare la progressione della formazione dei piloti. Infine, Ryanair garantisce ai candidati un lavoro come pilota commerciale presso la compagnia al completamento del programma (offerta di lavoro condizionata, basata sul completamento dell’intera formazione e sui relativi controlli). [post_title] => Ryanair, 400 nuovi piloti in Italia in 4 anni: il nuovo programma della Future Flyer Academy [post_date] => 2024-04-30T11:48:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714477682000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "academy gattinoni" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":27,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":190,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468730","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_468736\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sabrina Nadaletti[/caption]\r\n\r\nLanciato nel 2013, il progetto Best Performer del gruppo Gattinoni,  si è evoluto negli anni, concretizzando con sempre maggiore vigore alcuni cardini del business: la forza di contrattazione dell’azienda nei confronti dei partner, la libertà delle agenzie del network di aderire o meno al piano, l’indipendenza di chi aderisce nello scegliere con chi concentrare i propri volumi, il riconoscimento di una doppia over, da parte dei partner e da parte del Gruppo. \r\n\r\n \r\nLe agenzie hanno sposato con convinzione il Best Performer: dalle 600 adesioni del 2019 - anno pre pandemia – sono passate a 800 nel 2023. I partner, dal canto loro, sono aumentati da 19 a 24 (di cui 20 tour operator), includendo brand di nicchia e specialisti. Oltre al prodotto messo a disposizione dai fornitori, le agenzie del network Gattinoni hanno accesso alle linee interne. Una rosa così ampia di prodotto e di partnership ha consentito anche un’operazione decisiva: l’attuazione, nel corso del 2023, di oltre 90 campagne trade e consumer sul mercato, alcune delle quali in esclusiva per il Gruppo Gattinoni. Campagne che riservavano sconti fino a 400 euro a pratica, frutto di accordi con i vari partner del network, per un ammontare complessivo di circa 300.000 euro. \r\n \r\nI risultati economici del Best Performer 2023 hanno segnato l’erogazione tramite la sede network di circa 400.000 euro di over commission alle agenzie. Commenta Sabrina Nadaletti, Head of Leisure Gattinoni Travel: “Questi incentivi sono stati un ulteriore stimolo per le agenzie, che hanno colto nuove opportunità di incremento della loro marginalità. La multicanalità non è più un’opzione, ma una necessità all’interno del network. Da un lato questa si integra con l’attuazione di molteplici campagne mirate per le agenzie, dall’altro con i piani di incentivazione, primo tra tutti il Best Performer, che nel 2023 ha registrato uno dei migliori risultati commerciali degli ultimi 10 anni”. \r\n \r\nPer il 2024 Gattinoni ha pianificato un programma di incentivazione ancora più ambizioso. Best Performer e MyChallenge 2024 ha già ottenuto l’adesione di oltre 800 agenzie e 24 fornitori disposti a fare rete riconoscendo condizioni commerciali particolarmente favorevoli. Il progetto si sviluppa nell’intero anno, coprendo ogni mese, aggiungendo alle programmazioni sempre disponibili molte iniziative accattivanti, come i Summer Days, attualmente attivi, e la Campagna Sposi, con una dozzina di partner e top partner aderenti.","post_title":"Gattinoni Best Performer: 400 mila euro di over commission alle adv nel 2023","post_date":"2024-06-04T10:29:38+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1717496978000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' l'intelligenza artificiale la prossima frontiera di CartOrange. \"Dovremmo riuscire a presentare una prima applicazione dedicata entro la fine di quest'anno - spiega l'amministratore delegato e fondatore della rete consulenziale, Gianpaolo Romano -. Ci stiamo lavorando da più di un anno: sarà uno strumento in esclusiva per i nostri clienti. Investire sull'Ai significa svolgere un'attività molto pionieristica: un lavoro di frontiera…\".\r\n\r\nD'altronde la vocazione pionieristica a CartOrange certo non manca. Nata nel 1998, agli albori di Internet in Italia, la rete si è posta sin da subito come una novità di mercato, che portava gli agenti direttamente a casa dei clienti od ovunque questi preferissero incontrarsi. Il tutto con un importante focus sulla componente digitale declinata in senso phygital. Un modo di intendere il business dei viaggi che allora era ai primordi, ma che oggi è diventato obbligatorio per chiunque operi in un mondo in cui i confini tra online e offline si fanno sempre più sfumati.\r\n\r\nE dopo la parentesi Covid, anche i numeri sono tornati a sorridere al gruppo: CartOrange ha infatti chiuso il 2023 a circa 40 milioni di euro di fatturato, per un incremento del 91% rispetto all'anno precedente. Ma soprattutto sono aumentati i margini operativi lordi (ebitda), saliti di ben il 200%, tanto da raggiungere un livello del 30% superiore al 2019 pre-pandemia. E anche il 2024 è partito sotto ottimi auspici, visto che i primi due mesi dell'anno hanno registrato un venduto pari a 9 milioni, per un +20% sullo stesso bimestre 2023. Una crescita che si rispecchia anche nel numero dei consulenti attivi: \"Oggi siamo tornati a superare quota 400. L'idea è quella di crescere ancora, soprattutto nel Sud Italia, per arrivare attorno a quota 500 tra 2025 e 2026\".\r\n\r\nLa rete è composta da un buon numero di ex agenti di viaggio. \"Possiamo però contare anche su una academy interna, che ci permette non solo di fornire una formazione costante a tutti i nostri collaboratori, ma anche di avvicinare i giovani a questo mestiere. Il training è un aspetto importantissimo della nostra realtà e lo decliniamo in moltissime attività, compresi gli educational. Negli ultimi tre mesi abbiamo per esempio fatto viaggiare una settantina di nostri consulenti alla scoperta di alcune delle nostre destinazioni più importanti\".\r\n\r\nOltre a ciò, la rete offre una serie di strumenti ad hoc, tra cui un sistema di presentazione del preventivo all'avanguardia, utilizzabile sia via mail, sia di persona: \"Lo abbiamo chiamato Mike, in onore di Mike Bongiorno: sfrutta la componente emozionale dei viaggi, grazie a un'accorta combinazione di video, foto, mappe e testi, fruibili in maniera intuitivamente interattiva. E poi ci sono i nostri spazi di co-working: ne abbiamo una quindicina ma non si tratta di agenzie tradizionali. Nessuno di loro è infatti al piano strada con vetrine, se si eccettua il nostro flagstore di Milano. Sono luoghi personalizzati pensati per permettere al cliente che lo desideri di andare a chiudere il contratto o ad assistere a una presentazione dedicata\". Da non dimenticare è pure il tour operator interno: creato sette-otto anni fa, propone soprattutto prodotti di nicchia dal taglio tailor made, spesso dedicati a quei viaggi e servizi non reperibili dai partner tradizionali.\r\n\r\nIl target di riferimento principale di CartOrange è rappresentato dai viaggi di nozze, che pesano per circa il 35% del giro d'affari complessivo. \"La parte rimanente è generata tendenzialmente da una clientela di livello medio - alto, in termini sia di spending, sia di approccio - conclude Romano -. Il ticket medio delle nostre pratiche si aggira sugli 8 mila euro per i viaggi di nozze e sui 4-5 mila per il resto della nostra offerta\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"CartOrange: Ai, ultima frontiera. Entro fine anno un tool ad hoc","post_date":"2024-06-03T13:40:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717422059000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468402","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal accende i riflettori sul trade con i tradizionali Tap Awards, che anche nel 2024 hanno premiato gli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nella vendita di biglietti del vettore nei principali mercati in cui opera la compagnia aerea portoghese.\r\n \r\nL'evento, presieduto dal presidente e ceo della compagnia Luís Rodrigues, ha visto la partecipazione adv provenienti da Portogallo, Brasile, Stati Uniti e dai principali mercati europei. L'attore portoghese e ambasciatore Tap, Ricardo Pereira, è stato il maestro di cerimonie della serata, che si è conclusa con un'esibizione musicale della cantante di fado portoghese Cuca Roseta.\r\n \r\nI riconoscimenti sono stati assegnati agli agenti di viaggio che si sono maggiormente distinti nel 2023 per il volume di vendite realizzate sui voli Tap, che ha così rafforzato il riconoscimento dell'importanza dei propri partner commerciali privilegiati nello sviluppo dell'attività e nel potenziamento dell'industria dei viaggi e del turismo e del contributo che questi danno al consolidamento delle vendite e della sostenibilità del vettore.\r\n \r\nPer l’Italia, i premi sono stati assegnati a Gattinoni, in qualità di Top Seller, e a Welcome Travel Group, in qualità di Top Seller Business Class.\r\n ","post_title":"I Tap Awards hanno premiato quest'anno Gattinoni e Welcome Travel Group","post_date":"2024-05-30T09:25:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717061127000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467855","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467856\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Elena Carlino[/caption]\r\nÈ trascorso poco più di un anno dall’apertura della filiale Business Travel a Treviso. Era il febbraio 2023, con tre persone dedicate. Oggi le risorse sono salite a 17, di cui tre commerciali.\r\nUn anno fa è stato fatto l’investimento, che conteneva anche una scommessa, guadagnare la fiducia di un tessuto fortemente produttivo, composto da piccole e medie imprese, in gran parte storiche. Gattinoni Business Travel non solo ha vinto la scommessa ma non si aspettava che avvenisse in tempi così rapidi.\r\nUna delle chiavi del successo è stata la presenza di persone molto conosciute - e stimate - in ambito regionale, a partire da Alessandra Trevisan, area manager triveneto. La presenza fisica, la conoscenza delle dinamiche, il coordinamento locale si sono rivelati valore aggiunto agli occhi delle aziende.\r\nCommenta Elena Carlino, direttrice commerciale Gattinoni Business Travel: «Siamo riusciti ad acquisire ampie quote di mercato, anche grazie alle ottime referenze ricevute, che sul territorio hanno una forte valenza. In questa parte d’Italia c’è grande spazio per fare un buon lavoro e i nostri progetti sono di espanderci e crescere».\r\n\r\nObiettivo\r\nIn tema di numeriche, nel 2023 il fatturato di Gattinoni Business Travel Triveneto è aumentato del 51% rispetto al 2022; l’obiettivo è far sì che questi notevoli risultati siano sono l’inizio, e che nell’arco del triennio la business unit conquisti una significativa quota di mercato delle aziende presenti nel territorio.\r\nGattinoni Business Travel ha rotto gli schemi, penetrando un sentiment di leggera ritrosia attraverso competenza e serietà, apportando la visibilità di un brand sempre più forte a livello nazionale e la capacità sul campo.  Continua Elena Carlino: «Il Triveneto è punteggiato da piccole e medie imprese, ma noi abbiamo adottato le modalità che applichiamo alle grandi aziende; abbiamo garantito interlocutori e referenti costanti, con un approccio molto diretto e molto umano. Con questa convinzione avevamo inaugurato la filiale di Treviso e il passaparola è stato più rapido rispetto ai nostri piani. Un segnale molto incoraggiante che ci fa guardare al 2024 con ottimismo.\r\n«Un ringraziamento speciale va a tutto lo staff operativo di Gattinoni Business Travel, il cui impegno, dedizione e professionalità sono stati fondamentali per il successo finora conquistato su questo importante territorio. Senza il loro costante sforzo e la loro passione, non avremmo potuto raggiungere questi risultati straordinari. La loro competenza e il loro spirito di squadra hanno permesso di superare le sfide e di creare solide relazioni con le aziende locali, contribuendo in modo significativo alla nostra crescita e affermazione sul mercato».","post_title":"Gattinoni Business: in Triveneto il fatturata è cresciuto del 51%","post_date":"2024-05-22T12:13:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1716380039000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467660\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il cda di Terme di Sirmione[/caption]\r\n\r\nCresce il fatturato di Terme di Sirmione. La controllata del gruppo Franco Gnutti Holding ha infatti chiuso il 2023 a quota 43,7 milioni di euro, pari a un +8,7% rispetto al 2022. L’utile è stato di 3,5 milioni, al netto di ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti per 3,4 milioni e imposte per 1,4 milioni. Margini operativi lordi (ebitda) per 9,1 milioni di euro, pari al 20,89% dei ricavi, completano il quadro dell’esercizio. Tutte le aree di business hanno contribuito alla crescita del fatturato. In particolare il settore salute, comparto che prima del Covid aveva sofferto di un progressivo declino e che la pandemia aveva particolarmente colpito, ha chiuso in sensibile miglioramento .\r\n\r\nNonostante i numeri positivi, l’esercizio 2023 è stato comunque negativamente influenzato da alcuni fattori esogeni: la riduzione degli arrivi dalla Germania, mercato primario sul lago di Garda; eventi atmosferici non favorevoli; e soprattutto l’ormai cronica difficoltà di reperimento del personale. Per essere attrattiva in un mercato ancora caratterizzato da lavoro sommerso, Terme di Sirmione continua perciò a investire nella stabilizzazione del personale, che ha raggiunto una punta massima di 462 dipendenti di cui 270 a tempo indeterminato, nonché nella formazione attraverso una academy aziendale. E' stato anche mplementato un piano di welfare dedicato e rinnovate le certificazioni integrate di qualità, ambiente e sicurezza.\r\n\r\nNel 2023, l'azienda ha effettuato investimenti pari a 4,3 milioni di euro, destinati per la maggior parte al completo restyling dello storico hotel Fonte Boiola e del reparto termale fortemente legato alla salute e alla cura. Ulteriori investimenti sono in corso nel comparto benessere e particolare attenzione è riservata all’area digitale e all’information technology, che governano non solo le attività di gestione e controllo ma sono sempre più connesse alle attività di marketing e comunicazione, oltre che di vendita con il supporto del sistema crm Salesforce in piena funzione ed efficacia di azione. Ad oggi tale strumento ha permesso di mappare quasi 800 mila clienti e di raggiungere 3,8 milioni di contatti in un anno. Superano i 14 milioni le pagine del sito visualizzate.","post_title":"Cresce il fatturato di Terme di Sirmione. Marginalità operative al 20,89%","post_date":"2024-05-20T11:25:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716204345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'opportunità per il team di sperimentare il learning by doing attraverso attività pratiche e moduli di formazione, focalizzati anche sulle soft skills. Termina oggi l'Academy Th Group, che ha riunito per dieci giorni a Ostuni tutta l’azienda con un obiettivo importante: plasmare il futuro della stagione estiva attraverso un intenso programma di formazione. “Con lo scopo di portare a nuove vette l'esperienza dell'ospite, stimolare la crescita del team e offrire servizi a valore aggiunto, questa Academy è stata molto più di una semplice preparazione per la stagione – spiega il direttore operations e hr di Th Group, Lorenzo Bighin -. È stato un viaggio di apprendimento, condivisione e crescita personale e professionale”.\r\n\r\nOltre a lavorare sul prodotto, ogni settore ha affinato le proprie competenze relazionali, di leadership e motivazionali, grazie alla guida di 30 formatori. Sono stati oltre 560 i partecipanti distribuiti in 23 classi tra comparti alberghieri e animazione. Anche quest’anno alcuni dei contenuti erogati nella settimana sono stati curati dalla Scuola italiana di ospitalità. “Abbiamo partecipato con piacere come partner all'Academy di Th perché è l'occasione di collaborare con un'azienda che da sempre valorizza le risorse umane formandole sia negli aspetti tecnici sia in quelli umani”, sottolinea il direttore Giulio Contini.\r\n\r\nMa l'Academy non è stato solo lavoro: ha offerto anche momenti di convivialità e condivisione, inclusi eventi gastronomici, sessioni di team building e spettacoli. È stata un'occasione per conoscere i colleghi, condividere esperienze e prepararsi insieme per l'avventura della nuova stagione estiva che vedrà l’azienda impegnata nell’apertura e gestione di 17 strutture al mare e dieci sull’arco alpino, a cui si aggiungono i tre indirizzi urban a Lazise sul lago di Garda, a Roma e ad Assisi.\r\n\r\n ","post_title":"Si e chiusa oggi l'Academy Th: 560 i partecipanti alla dieci giorni di Ostuni","post_date":"2024-05-16T14:55:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715871322000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467026","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con l'acquisizione dell'ex Salesianum Don Bosco di Como, il gruppo Villa d'Este si appresta a lanciare un Hospitality campus: un luogo di formazione, attrazione e crescita di giovani talenti che vogliano lavorare e specializzarsi nel settore dell’ospitalità. Fino al 2010 sede di una comunità religiosa e da allora in disuso, il Salesianum di Tavernola fu realizzato nel 1964 e si è caratterizzato come casa di spiritualità, di cultura religiosa e sociale, per gruppi ecclesiali. Nato come centro di formazione e di aggiornamento per i Salesiani, si è poi allargato, aprendosi all'esterno e accogliendo nei suoi ampi locali interni ed esterni incontri di spiritualità per gruppi e per singole persone, senza escludere convegni e congressi.\r\n\r\nOra con l’acquisizione da parte di Villa d’Este, si vuole dare al Salesianum nuova vita, riportandolo in un certo qual modo alla sua funzione originaria. Il progetto è infatti quello di intraprendere un’importante ristrutturazione degli spazi ,per realizzare alloggi a disposizione perlopiù dei dipendenti della società, dove svolgere attività di sviluppo e formazione nell’ambito dell’attività alberghiera e della ristorazione.\r\n\r\n \r\n\r\n\"La struttura dovrebbe diventare un campus per i dipendenti, non con lo scopo di sola accoglienza ai fini lavorativi, ma con l’idea di creare un ambiente di crescita e professionalizzazione  - spiega il presidente del consiglio di amministrazione di Villa d’Este, Giuseppe Fontana -: sale conferenze, aree training dove sviluppare una Academy e corsi ad hoc per sala, cucina e housekeeping. Inoltre, per prenderci cura dei nostri dipendenti anche durante il loro tempo libero vorremmo adibire degli spazi ad aree svago ed intrattenimento come sala cinema, palestra, sale multimediali/tv e biblioteca: spazi di aggregazione dove abbiano l’opportunità di conoscersi e riscoprirsi. Il nostro capitale umano è il patrimonio più prezioso da tutelare, e crescere insieme la più importante responsabilità”.","post_title":"Villa d'Este acquisisce l'ex Salesianum Don Bosco di Como. Diventerà un Hospitality campus","post_date":"2024-05-10T09:31:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715333491000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467007","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue l’impegno di Aci blueteam nel sociale, con particolare attenzione per l’iniziativa promossa nel 2022 a sostegno di Soleterre Onlus per l’emergenza in Ucraina. Durante questi due anni, il progetto ha ottenuto risultati tangibili, incluso il recupero di un ex convitto a Novoyarychiv, nella regione di Leopoli, che ha restituito una casa a trenta famiglie colpite dal conflitto, nonché l'apertura di un centro per la riabilitazione fisica e psicologica di bambini e ragazzi feriti dalla guerra. Quest’ultimo progetto, denominato Unbroken Kids, ha comportato la ristrutturazione di un edificio di sette piani e 4 mila metri quadrati all’interno del Saint Nicholas Hospital di Leopoli, dove pazienti pediatrici hanno potuto ricevere cure mediche, tra cui chirurgia ricostruttiva, ortopedia, protesi robotiche e riabilitazione fisica.\r\n\r\nUn successo reso possibile anche grazie al prezioso contributo volontario di numerosi clienti della travel management company e della travel industry, che hanno aderito all'iniziativa. Anche nel 2024, Aci blueteam continuerà quindi a collaborare con Soleterre, per affrontare la crisi umanitaria in corso dovuta alla guerra, che purtroppo ancora oggi coinvolge il territorio ucraino; è dunque fondamentale mantenere alta l'attenzione su questa situazione, evitando che diventi normalità. Pertanto, l'attività di sensibilizzazione verso l'intera filiera turistica proseguirà per sostenere non solo il territorio ucraino, ma soprattutto i numerosi bambini che vengono privati della loro infanzia.\r\n\r\nAci blueteam ha infatti sempre fatto della tutela e del sostegno alle nuove generazioni una priorità, istituendo da diversi anni una Academy interna per formare giovani risorse e offrire loro l’opportunità di inserirsi nel mondo del lavoro. Quest'anno, in linea con questa filosofia, la tmc ha deciso di ampliare la propria responsabilità in ambito sociale attraverso una nuova collaborazione con l'associazione Cometa di Como, che sostiene numerose famiglie del territorio attraverso una vasta gamma di servizi sociali ed educativi rivolti a bambini e ragazzi. I dipendenti Aci blueteam saranno coinvolti direttamente, dedicando parte del loro tempo (monte ore) ad aiutare attivamente nell'educazione dei ragazzi durante le attività quotidiane.\r\n\r\n“Di fronte a quanto sta accadendo in Ucraina, Medioriente, Marocco e in tante altre aree nel mondo non possiamo rimanere fermi a guardare, ma abbiamo il dovere di agire, per quanto è nelle nostre possibilità - sottolinea il marketing director di Aci blueteam, Piergiorgio Reggio -. Con il continuo impegno verso il sostegno alle comunità internazionali e locali confermiamo la nostra dedizione nel contribuire a promuovere un settore turistico inclusivo, sensibile e consapevole”.","post_title":"Dall'Ucraina alle giovani generazioni, si amplia l'impegno csr di Aci Blueteam","post_date":"2024-05-09T12:15:58+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1715256958000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466489","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair a caccia di piloti in Italia: la low cost ha varato il nuovo programma di formazione dedicato, Future Flyer Academy, in collaborazione con la scuola di volo internazionale Aviomar Flight Academy, con sede in Italia: verranno formati oltre 400 aspiranti piloti che si uniranno al gruppo come secondi ufficiali nei prossimi 4 anni.\r\n\r\nLa Future Flyer Academy offre agli aspiranti piloti l'opportunità di avviare la loro carriera aeronautica con una compagnia aerea commerciale attraverso un percorso di livello internazionale che include lezioni in aula, simulatore e formazione pratica in preparazione all'impiego come secondi ufficiali presso il gruppo Ryanair. La low cost irlandese punta a trasportare oltre 300 milioni di passeggeri all'anno su una flotta di 800 velivoli entro il 2034.\r\n\r\nDa diversi anni Aviomar forma gli aspiranti piloti secondo uno standard che permette loro di completare il corso Type Rating per operare su aerei Boeing 737 o Airbus A320 di Ryanair. La formazione iniziale è combinata con la qualifica Type Rating per accelerare la progressione della formazione dei piloti.\r\n\r\nInfine, Ryanair garantisce ai candidati un lavoro come pilota commerciale presso la compagnia al completamento del programma (offerta di lavoro condizionata, basata sul completamento dell’intera formazione e sui relativi controlli).","post_title":"Ryanair, 400 nuovi piloti in Italia in 4 anni: il nuovo programma della Future Flyer Academy","post_date":"2024-04-30T11:48:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1714477682000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti