15 April 2024

Welcome Parma, trekking urbano in Stile Liberty nei ponti primaverili

[ 0 ]

Parma possiede un patrimonio storico e architettonico che regala sempre nuove scoperte ed emozioni: città medievale, rinascimentale, ducale e della musica. Ma anche del Liberty (o Art Nouveau) che si affermò in Italia agli inizi del Novecento, ispirato al mondo floreale, utilizzato nelle decorazioni di palazzi, di ville, di balconi, di mobili e anche in preziosi affreschi per gli interni.

 Pasqua e i ponti del 25 aprile e del 1° maggio offrono la possibilità di prendersi una vacanza di qualche giorno e dedicarsi a un “long week end” di relax. 

Il viaggio nel Liberty parmigiano non può che iniziare dal centro storico. Alle spalle del Duomo e del Battistero, fra Piazzale Salvo d’Acquisto e Via del Prato, all’ombra del monumentale Complesso di San Francesco si affaccia il Residence Liberty, già Mobilificio Guastalla, progettato da Giorgio Alessi Canosio nel 1907: incanta per i suoi elementi decorativi in ferro battuto e i motivi geometrici e fitomorfi che si intrecciano in un armonico disegno.

Pochi passi e sempre a firma dello stesso progettista, un altro palazzo Liberty tutto da ammirare. Attraversata Piazza Duomo e proseguendo verso Via Cavour, si incontra il Palazzo della Riserva dove nell’ingresso principale l’arte floreale è inconfondibile nelle decorazioni di Riccardo Del Prato. Ed è una sorpresa il vicino Palazzo delle Poste Centrali.  Nel vicino Borgo del Parmigianino, al civico 6, si affaccia Palazzo Raboni, dove l’arte floreale ritorna nei decori dei balconi e delle finestre. Mentre in Via Repubblica 43, Palazzo Lusignani è stato (ri)disegnato da Fortunato Morestori nel 1916, e gli interni sono magnificamente arredati secondo i dettami dell’Art Nouveau. Attraversando Piazzale della Pace dove domina il grande Complesso Monumentale della Pilotta, lo sguardo si sofferma sull’Ara del monumento dedicato a Giuseppe Verdi, realizzato nei primi del Novecento, opera di Ettore Ximenes e che faceva parte di un più ampio complesso, danneggiato durate la Seconda Guerra Mondiale. Attraversando Ponte Verdi ci si immerge nel fascino del Parco Ducale e del maestoso ed elegante Palazzo Ducale, per poi passeggiare sul Lungo Parma dove il fascino del Liberty conquista nelle facciate di Case Bormioli, realizzate nel 1905 su progetto dell’architetto Alfredo Provinciali. Proseguendo, all’altezza di Ponte Italia, in Viale Rustici uno degli esempi più importanti di Art Nouveau a Parma: il Villino Bonazzi. Poco lontano, in Via Frugoni, il Liberty parmigiano ritorna nelle facciate delle Case della Cooperativa La Casa, realizzate nel 1915 dall’architetto Massimo Maffei e in Palazzo Malpelli, in Piazzale Corte d’Appello. 

Anche l’Oltretorrente ha il suo capolavoro di arte floreale: tutta da ammirare in Via D’Azeglio 6, Casa Valesi, progettata nel 1911 dall’architetto Moderanno Chiavelli (lo stesso “autore” del Palazzo delle Poste), con l’elegante torretta, la facciata impreziosita dalle decorazioni floreali e dei ferri battuti fitomorfi dei balconi. 

Appena fuori Parma, a Mamiano di Traversetolo, la Fondazione Magnani Rocca, con l’elegante Villa al cui interno si può ammirare un’importante collezione d’arte e il parco secolare. E per concludere l’affascinante viaggio alla scoperta del Liberty parmense, trasferta a Salsomaggiore, a 35 km da Parma, per ammirare l’imponente facciata delle Terme Berzieri (in attesa della riapertura dei magnifici interni, in via di ristrutturazione), uno dei massimi capolavori Art Déco in Europa.

Per tradurre in una bellissima esperienza questo itinerario, si può fare riferimento ai tour guidati in bicicletta, come quello proposto da Pedalart: “Fiori di ferro e di cemento” per andare alla scoperta dei tanti esempi di Art Nouveau sia a Parma sia in provincia, ammirando la sorprendente collezione d’arte raccolta nella villa Magnani Rocca a Mamiano e proseguendo l’itinerario tra Salsomaggiore Terme e Tabiano. Restando in sella, a disposizione anche i tour ideati dal Club di Prodotto Parma by Bike come quello proposto dalla guida Elisabetta Ivaldi: un percorso di un paio d’ore, pedalando tra i viali della città, alla ricerca delle ville e dei villini Liberty, voluti dalle famiglie benestanti per primeggiare sulle altre. Chi invece preferisse scoprire il Liberty a piedi, può richiedere un tour personalizzato.

 

 

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465373 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà ufficialmente i propri battenti il prossimo 1° di maggio il nuovo boutique hotel capitolino Palazzo Venere. Situato tra le vie del Corso e del Babuino, a breve distanza da piazza del Popolo, la struttura dispone di 12 camere e suite, alcune delle quali con terrazza privata e vista sui tetti romani. Con un'atmosfera senza tempo e uno stile contemporaneo, gli interni sono stati progettati dallo studio di interior design WeConcept, sotto la guida dell’architetto Carlotta Patti. Tra i servizi dell'hotel il Vip concierge, attraverso il quale gli ospiti potranno usufruire di diverse esperienze e attività esclusive, come una visita privata ai musei Vaticani o un tour nei più preziosi atelier di restauro di Roma, organizzare aperitivi sui rooftop panoramici più belli della città, fino a concedersi un po’ di personal shopping nelle boutique più rinomate. Inoltre, per gli amanti della cucina, l’hotel propone una cooking class dedicata alla pasta, durante la quale potersi cimentare nella preparazione di uno dei classici della cucina italiana. Oltre a questa esperienza, è possibile prenotare una seduta con un’esperta di armocromia, accompagnata da un aperitivo.   [post_title] => Nuovo boutique hotel a Roma: Palazzo Venere apre il 1° maggio [post_date] => 2024-04-12T10:04:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712916280000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465311 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova pagina, tutta da scrivere, per il futuro dell'aeroporto di Parma. Sogeap, società di gestione del 'Giuseppe Verdi' ha infatti ceduto il 51% delle sue quota di Parma Aeroporto alla canadese Centerline Airport Partners Italia. L'accordo con il nuovo partner industriale è già stato siglato: «Con questo atto - spiega una nota di Parma Aeroporto - si realizza l’obiettivo di Parma Aeroporto, società interamente controllata dall’Unione Parmense degli industriali, di creare le condizioni per un consolidamento e uno sviluppo, coerente con le esigenze del territorio parmense, dell’infrastruttura aeroportuale attraverso il coinvolgimento di un partner industriale in grado di mettere a disposizione le competenze e le risorse necessarie per valorizzare al meglio le potenzialità dell’aeroporto».   [post_title] => Aeroporto Parma: ai canadesi di Centerline Airport Partners Italia il 51% delle quote [post_date] => 2024-04-11T10:51:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712832694000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465234 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ci sarà con ogni probabilità anche un'articolazione di brand, con la creazione magari di collezioni o sotto-marchi, nel futuro del gruppo Bluserena. Lo ha rivelato Marcello Cicalò, a margine della conferenza di presentazione del nuovo sito corporate. Il ceo del gruppo con base a Pescara ha sostanzialmente ribadito piani e obiettivi della compagnia, già rivelati qualche settimana fa in occasione dell’Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano. A partire dall'impegno a internazionalizzare la domanda, fino al 2022 generata per il 95% esclusivamente dal mercato domestico, e ad allungare le stagionalità delle strutture, che oggi di media rimangono aperte 130 giorni all'anno. Il tutto per una compagnia che ha chiuso il 2023 a quasi 108 milioni di euro di fatturato, rispetto ai 96 milioni di 12 mesi prima, per 1,2 milioni di presenze complessive composte per il 75% da famiglie e per la restante parte da coppie. Confermate anche le strategie di sviluppo, rafforzate dall'entrata recente della nuova business development & acquisition manager, Ilaria Picozzi. Oggi la compagnia si concentra su varie destinazioni: si va dalle coste ai laghi, passando anche per le mete montane, dove Bluserena possiede già indirizzo proprio (il Sansicario Majestic). “Attualmente abbiamo due o tre operazioni particolarmente calde“, ha rivelato Cicalò, che non esclude un domani neppure la possibilità di un’espansione in destinazioni urban resort. Il tutto, con l'idea di articolare l'architettura di brand con l'eventuale creazione di collezioni o sotto-marchi ad hoc. Proseguono infine i processi di ristrutturazione delle proprietà del gruppo già iniziati nel 2023 con un investimento di 55 milioni di euro, che ha riguardato i pugliesi Torreserena e GranSerena, il calabrese Serenè, il sardo Calaserena e il siciliano Serenusa. Per quest'anno il focus è invece sul piemontese Sansicario Majestic, dove sono state realizzate alcune nuove suite, nonché sul sardo Calaserena e sull'abruzzese Serena Majestic. "Ma sono previsti interventi anche in Puglia e Calabria - ha concluso Cicalò -. Infine, all'Is Serenas abbiamo introdotto per la prima volta la formula full all inclusive, che riguarderà tutti gli ospiti del complesso sardo". [post_title] => Cicalò, Bluserena: nel futuro pensiamo anche a un'articolazione di brand [post_date] => 2024-04-10T13:32:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712755929000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro.  Questo è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio. Sindacato Ma si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool).  Tutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema. Giuseppe Aloe [post_title] => Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato [post_date] => 2024-04-10T11:00:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712746816000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465165 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Era lo scorso 2 aprile, quando Idee per Viaggiare annunciava che la sua prossima Unconvention si sarebbe svolta a settembre lungo i cammini della via Francigena: "Un modo nuovo di condividere il viaggio - aveva dichiarato il ceo, Danilo Curzi -, un ritorno all’essenziale scandito dal tempo lento dei propri passi guidati da esperti di meditazione e mindfulness”. All'epoca dell'annuncio, l'operatore capitolino aveva però pensato a uno scherzo giocoso, in onore al tradizionale pesce d'aprile. Il problema è che, oltre molte testate, noi compresi, a cascare nella rete del pescatore sono stati oltre 150 agenti di viaggio, che si sono pre-iscritti tramite un apposito modulo online. "Pensavamo di aver fatto un bel pesce d’aprile - commenta ora Curzi -. Invece le agenzie di viaggio lo hanno fatto a noi! Nonostante l’annuncio sia stato lanciato a ridosso del primo aprile, il mercato ha dimostrato grande fiducia nella Palma, tanto da farci credere che davvero tutto sia possibile. Lo scherzo che avevamo organizzato nasceva dall’intenzione di esprimere con un gioco la necessità, soprattutto dopo un intenso periodo di alta stagione, di restituire spazio ai silenzi, di riconquistare la pazienza, di recuperare il valore della lentezza. Di scoprire il bello delle relazioni e il sano divertimento che sono il cuore del nostro lavoro”. Visti i positivi riscontri ricevuti con le innumerevoli adesioni Idee per Viaggiare sta quindi valutando l’effettiva possibilità di organizzare questa particolarissima occasione di incontro.   [post_title] => Curzi, IpV: la Unconvention sulla via Francigena? Un pesce d'aprile sfuggito di mano che diventa realtà [post_date] => 2024-04-09T13:26:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712669171000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465121 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_445125" align="alignright" width="300"] Il porto di Bari[/caption] Al via la VI edizione di  Italian Port Days – Opening port life and culture to people nei porti italiani. Il progetto  anche quest’anno è diviso in due sessioni a causa degli innumerevoli eventi e attività programmate dalle AdSP.   Numerosi gli eventi già dall’11 aprile in occasione della Giornata Nazionale del Mare e della Cultura Marinara fino ad arrivare al 30 maggio prossimo - Giornata Marittima Europea. A questa prima sessione si aggiunge una seconda che va dal 20 settembre al 20 ottobre, periodo dedicato in particolare alle studentesse e agli studenti delle scuole di tutti gli ordini e gradi. Il tema individuato per l’edizione del 2024 riguarda l’inclusione con focus sulle disabilità (in linea con l’obiettivo n.10 di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite). Nella sessione autunnale si celebrerà anche l’anniversario del Patto per la Parità di Genere. Italian Port Days è stata candidata ed ammessa tra le iniziative di rilievo europeo facenti parte di EMD in My country della Commissione Europea. Si tratta di una convinta azione di comunicazione con le comunità che vivono intorno ai porti che vede gli scali impegnati proprio nella promozione dei rapporti con i territori circostanti. Durante il primo periodo dedicato, nei vari porti si terranno eventi, webinar, mostre e tanto altro ancora per far conoscere quanto possibile le attività portuali alle persone che vivono intorno agli scali. «L’obiettivo di Italian Port Days, fortemente voluta dalle AdSP - spiega il Presidente di Assoporti Rodolfo Giampieri -  è quello di incentivare una migliore integrazione tra aree portuali e comunità. Il tema di quest’anno è molto attuale e riguarda tutti. L’inclusione come tema generale è uno degli obiettivi previsti anche nel PNRR che oggi vede le AdSP impegnate in maniera strutturale. Riteniamo che il focus sulle disabilità sia un argomento molto delicato e importante. Da qui anche una connessione forte con i territori, aprendo i porti per quanto possibile, creando un dialogo con il territorio e consentendo a tutti di prendere coscienza delle loro attività. Come Assoporti, riteniamo che occorrerà sempre di più dedicarsi a questo tema, perché lo sviluppo di un porto deve avvenire con la condivisione delle comunità con un forte richiamo all’inclusione in tutte le sue accezioni. Si tratta di un’attività complessa e variegata che riguarda delle competenze trasversali. In questo contesto, anche quest’anno l’iniziativa si svolge in due sessioni, questa primaverile e un’altra in autunno». [post_title] => Italian Port Days, al via la VI Edizione: focus su integrazione tra aree portuali e comunità [post_date] => 2024-04-09T12:12:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712664760000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'estate 2024 di United Airlines accelera da Napoli dove la compagnia anticipa di quasi un mese rispetto al 2023 la data di aperta del collegamento stagionale per il New York - Newark Liberty International. Con un doppio volo giornaliero durante il picco estivo, United collegherà Napoli a New York/Newark fino al 26 ottobre 2024. E durante la summer la compagnia Usa opererà fino a 11 collegamenti giornalieri non stop dall'Italia agli Stati Uniti. Oltre ai voli da Capodichino ci sono infatti i collegamenti giornalieri tutto l’anno da Roma e da Milano per New York/Newark e quelli stagionali giornalieri da Roma a Chicago O’Hare, Washington Dulles e San Francisco, da Milano per Chicago O’Hare (la cui apertura, anche in questo caso, è stata anticipata rispetto al 2023) e da Venezia a New York/Newark. «Siamo entusiasti di tornare a volare da Napoli con un operativo più esteso, consentendo ai nostri clienti nel Sud Italia di prenotare il loro viaggio negli Stati Uniti anche prima quest’anno - ha affermato Walter Cianciusi, country sales manager Italia -. Per l'estate 2024, United offrirà il più grande operativo intercontinentale di sempre, offrendo ancora più opzioni di viaggio grazie ai collegamenti, dai nostri hub statunitensi, per tutto il continente americano». «L’anticipo del volo Napoli/Newark di United, prima major americana a volare da Napoli a New York, dimostra la forte richiesta e l’enorme connessione tra le due città, che condividono vivacità culturale e latitudine - ha commentato Roberto Barbieri, amministratore delegato di Gesac -. Il grande successo di questi anni ha portato la compagnia a raddoppiare le frequenze giornaliere durante il picco estivo e a puntare su un prodotto spiccatamente business, scelte pienamente in linea con la strategia di Gesac di offrire voli di qualità in grado di garantire un’elevata connettività. Oltre New York, il collegamento con Newark, hub di United, consentirà ai passeggeri di Napoli e del Sud Italia di raggiungere più facilmente tutto il continente americano». Il network transatlantico di Unite per l'estate prevede collegamenti senza scalo da 37 destinazioni: l’offerta più ricca di sempre per il vettore e l’offerta di destinazioni maggiore rispetto a tutti gli altri vettori statunitensi. United è l'unica compagnia aerea a collegare direttamente gli Stati Uniti con Dubrovnik, Malaga, Maiorca e Tenerife. L'operativo 2024 include anche nuovi collegamenti da Marrakech a New York/Newark (soggetto ad approvazione delle autorità), da Atene a Chicago O'Hare, da Barcellona a San Francisco, la ripresa del volo stagionale Reykjavik-New York/Newark, nonché voli aggiuntivi da Roma. United incrementerà ulteriormente il volo stagionale estivo Malaga-New York/Newark anticipando il collegamento al 3 maggio 2024.  Inoltre, la compagnia aerea ripristinerà le rotte stagionali più popolari da Nizza, Lisbona, Barcellona, Roma e Milano per offrire ai clienti più tempo e flessibilità per esplorare le destinazioni negli Stati Uniti. [post_title] => United Airlines insiste su Napoli: lo stagionale per New York decolla quasi un mese prima [post_date] => 2024-04-09T11:47:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712663220000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465090 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sicurezza per gli ospiti, tutela dei sentieri sui muretti a secco e qualità dell’esperienza di visita. Ecco gli obiettivi che hanno dettato le misure del Parco Nazionale delle Cinque Terre per gestire i flussi turistici. Il Parco Nazionale Cinque Terre nel corso del 2023 ha commissionato alla società MIC HUB uno studio preliminare sulla mobilità e l’accessibilità al Parco, che ha delineato un quadro conoscitivo strutturato, ipotizzando soluzioni progettuali - per le giornate di picco - a mitigare l’impatto turistico già dalla stagione in corso. I giorni da “bollino rosso” sono coincidenti con i ponti festivi per cui il Parco attiverà una serie di misure straordinarie, potenziando il coordinamento con personale, volontari e addetti al controllo all’informazione e alla sicurezza e monitorando con attenzione la soglia oltre cui la pressione antropica può rappresentare una minaccia. Gli amanti del trekking e delle camminate in visita nell’area protetta possono scegliere tra decine di sentieri a libero accesso per un totale di 130 km, con diversi livelli di difficoltà e punti di interesse. Molte le soluzioni strategiche scaturite dallo studio di MIC HUB, come strumenti per la gestione del turismo sostenibile nelle giornate di picco. In base alle previsioni sulla pressione nelle giornate di maggiore affluenza, sarà reintrodotto il “senso unico” per fasce orarie. Miglioramento con interventi di straordinaria manutenzione dell’infrastruttura della rete senti eristica. A questo si aggiunge l’appalto integrato di interventi straordinari sulla stessa rete escursionistica. Totem informativi – contapersone: saranno posti nei principali ingressi dei sentieri totem digitali con informazioni in tempo reale o eventuali messaggi di allerta. I totem opereranno in rete con i contapersone. Revisione tariffa carta trekking card: solo nei giorni in cui è previsto un flusso turistico di picco verrà rivista la tariffa delle Trekking card per incentivare la fruizione della rete sentieristica nelle altre giornate di bassa affluenza.  Riduzione tariffa Carta Parco integrata per operatori certificati CTES (con Carta Europea per il Turismo Sostenibile). Sviluppo estensione certificazione CETS: ulteriori tour operator sono oggi coinvolti nell’iter di certificazione CETS in modo da perseguire una visione comune di turismo sostenibile nell’area del Parco. Nuovo Wayfinding del Parco: è stato avviato il progetto complessivo relativo alla viabilità carrabile di collegamento del Parco delle Cinque Terre. Si tratta della progettazione e collocazione della nuova segnaletica per l’orientamento dei fruitori del Parco. Piano biennale Digitale (2024 – 2025) del Parco: i principali obiettivi di tale piano sono digitalizzare alcune procedure vitali per la gestione efficace del Parco e una sua corretta fruizione nonché integrare i dati per costruire una visione unitaria, che renda più efficace la gestione dei flussi e migliori la qualità e la tempestività delle informazioni. «Le azioni di contenimento e controllo dei flussi sui sentieri del Parco nascono dalla duplice esigenza di garantire tutela del patrimonio ecologico e sicurezza degli ospiti – dichiara la Presidente del Parco, Donatella Bianchi – Tra queste azioni si inserisce in particolare l'aumento della Cinque Terre Card Trekking per l’accesso al Sentiero SVA Monterosso Corniglia Vernazza nelle 16 giornate di picco. È una misura straordinaria che riguarda la necessità di proteggere il territorio e di conseguenza anche la stessa esperienza di visita del camminatore, spesso deluso nelle aspettative proprio a causa degli affollamenti. Tale misura risponde a una esigenza del Parco di tutela dei turisti in visita che, siamo sicuri, saranno più coinvolti nel rispetto di quella fragilità intrinseca all’unicità e alla bellezza delle Cinque Terre». [post_title] => Parco 5 Terre, obiettivo sicurezza, tutela ambiente e qualità dell’esperienza di visita [post_date] => 2024-04-09T09:59:17+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712656757000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465099 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Servizi su misura per andare incontro alle esigenze di tutti i passeggeri: questo l'obiettivo di Ita Airways con l'introduzione di una serie di nuovi servizi per la clientela. Ecco quindi Poltrona Comfort Economy sugli aeromobili Airbus A330-900 e A350-900, Poltrona Top e Poltrona Anteriore per un viaggio più confortevole e veloce, lounge negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Linate e Catania Fontanarossa, la connettività wi-fi a bordo dei voli di lungo raggio e un nuovo menù di bordo firmato dallo chef stellato Giancarlo Morelli.  Esperienza di viaggio più comoda e personalizzata per chi sceglie di volare in classe Comfort Economy sugli aeromobili di lungo raggio Airbus A330-900 e A350-900: oltre alla poltrona più confortevole a disposizione dei passeggeri ci sono anche un insieme di servizi come imbarco e sbarco prioritari, cappelliere riservate per il bagaglio a mano, maggiore spazio per le gambe. Oltre a ciò, è anche possibile scegliere di viaggiare sulla Poltrona Top posizionata in corrispondenza delle uscite di emergenza garantendo maggior comfort e sulla Poltrona Anteriore situata subito dopo la classe Business/Superior che permette di scendere ancora più rapidamente dall’aeromobile. A bordo di tutti gli aeromobili di lungo raggio A350-900 e A330-900 è possibile accedere al servizio wi-fi raggiungibile dal portale Ita Airways, per rimanere connessi con il mondo anche durante il volo. Per tutti i passeggeri sono disponibili 30 minuti gratuiti per inviare messaggi sulle piattaforme di messaggistica preferite ed è inoltre possibile acquistare il pacchetto più adatto alle proprie esigenze. Le lounge firmate da Ita sono cinque: a Roma Fiumicino la “Hangar Lounge” dedicata ai passeggeri in partenza verso destinazioni domestiche ed internazionali dell’area Schengen e la Lounge “Piazza di Spagna” situata nell’area imbarchi E, dedicate ai passeggeri di classe business/superior, ai soci Volare Executive e Premium e ai soci Elite Plus Skyteam,  oltre alla “Lounge Fantasia” dedicata ai minori non accompagnati; a Milano Linate c’è la lounge “Piazza della Scala” situata al primo piano dell’area imbarchi Schengen mentre a Catania troviamo la Lounge “Piazza Bellini” inaugurata lo scorso dicembre. A bordo di tutti i voli intercontinentali del network della compagnia s in partenza dall’Italia, i clienti viaggiano attraverso nuovi profumi e nuovi sapori ispirati alle eccellenze del nostro Paese, in uno stile semplice ed elegante contraddistinto dal talento degli chef italiani che si alternano a bordo della compagnia.  Il vettore ha lanciato il nuovo menù di business class sui voli intercontinentali in uscita dall’Italia disegnato dallo chef Giancarlo Morelli, sei ristoranti e numerosi riconoscimenti nell’alta cucina mondiale, tra cui una stella Michelin. Nella proposta dello chef la stagionalità, la freschezza e la delicatezza dei colori delle verdure primaverili sono protagoniste, insieme alle sue radici lombarde. Un menù studiato per regalare un viaggio attraverso i profumi, i sapori ed i colori delle eccellenze del nostro Paese e per portare in tutto il mondo il gusto italiano. [post_title] => Ita Airways, focus sulla qualità: la Comfort Economy Class debutta sul lungo raggio [post_date] => 2024-04-09T09:56:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712656597000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "welcome parma trekking urbano stile liberty nei ponti primaverili" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":60,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1232,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465373","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà ufficialmente i propri battenti il prossimo 1° di maggio il nuovo boutique hotel capitolino Palazzo Venere. Situato tra le vie del Corso e del Babuino, a breve distanza da piazza del Popolo, la struttura dispone di 12 camere e suite, alcune delle quali con terrazza privata e vista sui tetti romani. Con un'atmosfera senza tempo e uno stile contemporaneo, gli interni sono stati progettati dallo studio di interior design WeConcept, sotto la guida dell’architetto Carlotta Patti.\r\n\r\nTra i servizi dell'hotel il Vip concierge, attraverso il quale gli ospiti potranno usufruire di diverse esperienze e attività esclusive, come una visita privata ai musei Vaticani o un tour nei più preziosi atelier di restauro di Roma, organizzare aperitivi sui rooftop panoramici più belli della città, fino a concedersi un po’ di personal shopping nelle boutique più rinomate. Inoltre, per gli amanti della cucina, l’hotel propone una cooking class dedicata alla pasta, durante la quale potersi cimentare nella preparazione di uno dei classici della cucina italiana. Oltre a questa esperienza, è possibile prenotare una seduta con un’esperta di armocromia, accompagnata da un aperitivo.\r\n\r\n ","post_title":"Nuovo boutique hotel a Roma: Palazzo Venere apre il 1° maggio","post_date":"2024-04-12T10:04:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712916280000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465311","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova pagina, tutta da scrivere, per il futuro dell'aeroporto di Parma. Sogeap, società di gestione del 'Giuseppe Verdi' ha infatti ceduto il 51% delle sue quota di Parma Aeroporto alla canadese Centerline Airport Partners Italia.\r\n\r\nL'accordo con il nuovo partner industriale è già stato siglato: «Con questo atto - spiega una nota di Parma Aeroporto - si realizza l’obiettivo di Parma Aeroporto, società interamente controllata dall’Unione Parmense degli industriali, di creare le condizioni per un consolidamento e uno sviluppo, coerente con le esigenze del territorio parmense, dell’infrastruttura aeroportuale attraverso il coinvolgimento di un partner industriale in grado di mettere a disposizione le competenze e le risorse necessarie per valorizzare al meglio le potenzialità dell’aeroporto».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporto Parma: ai canadesi di Centerline Airport Partners Italia il 51% delle quote","post_date":"2024-04-11T10:51:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712832694000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465234","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ci sarà con ogni probabilità anche un'articolazione di brand, con la creazione magari di collezioni o sotto-marchi, nel futuro del gruppo Bluserena. Lo ha rivelato Marcello Cicalò, a margine della conferenza di presentazione del nuovo sito corporate. Il ceo del gruppo con base a Pescara ha sostanzialmente ribadito piani e obiettivi della compagnia, già rivelati qualche settimana fa in occasione dell’Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano. A partire dall'impegno a internazionalizzare la domanda, fino al 2022 generata per il 95% esclusivamente dal mercato domestico, e ad allungare le stagionalità delle strutture, che oggi di media rimangono aperte 130 giorni all'anno. Il tutto per una compagnia che ha chiuso il 2023 a quasi 108 milioni di euro di fatturato, rispetto ai 96 milioni di 12 mesi prima, per 1,2 milioni di presenze complessive composte per il 75% da famiglie e per la restante parte da coppie.\r\n\r\nConfermate anche le strategie di sviluppo, rafforzate dall'entrata recente della nuova business development & acquisition manager, Ilaria Picozzi. Oggi la compagnia si concentra su varie destinazioni: si va dalle coste ai laghi, passando anche per le mete montane, dove Bluserena possiede già indirizzo proprio (il Sansicario Majestic). “Attualmente abbiamo due o tre operazioni particolarmente calde“, ha rivelato Cicalò, che non esclude un domani neppure la possibilità di un’espansione in destinazioni urban resort. Il tutto, con l'idea di articolare l'architettura di brand con l'eventuale creazione di collezioni o sotto-marchi ad hoc.\r\n\r\nProseguono infine i processi di ristrutturazione delle proprietà del gruppo già iniziati nel 2023 con un investimento di 55 milioni di euro, che ha riguardato i pugliesi Torreserena e GranSerena, il calabrese Serenè, il sardo Calaserena e il siciliano Serenusa. Per quest'anno il focus è invece sul piemontese Sansicario Majestic, dove sono state realizzate alcune nuove suite, nonché sul sardo Calaserena e sull'abruzzese Serena Majestic. \"Ma sono previsti interventi anche in Puglia e Calabria - ha concluso Cicalò -. Infine, all'Is Serenas abbiamo introdotto per la prima volta la formula full all inclusive, che riguarderà tutti gli ospiti del complesso sardo\".","post_title":"Cicalò, Bluserena: nel futuro pensiamo anche a un'articolazione di brand","post_date":"2024-04-10T13:32:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712755929000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro. \r\n\r\nQuesto è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio.\r\nSindacato\r\nMa si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool). \r\n\r\nTutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato","post_date":"2024-04-10T11:00:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712746816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465165","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Era lo scorso 2 aprile, quando Idee per Viaggiare annunciava che la sua prossima Unconvention si sarebbe svolta a settembre lungo i cammini della via Francigena: \"Un modo nuovo di condividere il viaggio - aveva dichiarato il ceo, Danilo Curzi -, un ritorno all’essenziale scandito dal tempo lento dei propri passi guidati da esperti di meditazione e mindfulness”. All'epoca dell'annuncio, l'operatore capitolino aveva però pensato a uno scherzo giocoso, in onore al tradizionale pesce d'aprile. Il problema è che, oltre molte testate, noi compresi, a cascare nella rete del pescatore sono stati oltre 150 agenti di viaggio, che si sono pre-iscritti tramite un apposito modulo online.\r\n\r\n\"Pensavamo di aver fatto un bel pesce d’aprile - commenta ora Curzi -. Invece le agenzie di viaggio lo hanno fatto a noi! Nonostante l’annuncio sia stato lanciato a ridosso del primo aprile, il mercato ha dimostrato grande fiducia nella Palma, tanto da farci credere che davvero tutto sia possibile. Lo scherzo che avevamo organizzato nasceva dall’intenzione di esprimere con un gioco la necessità, soprattutto dopo un intenso periodo di alta stagione, di restituire spazio ai silenzi, di riconquistare la pazienza, di recuperare il valore della lentezza. Di scoprire il bello delle relazioni e il sano divertimento che sono il cuore del nostro lavoro”. Visti i positivi riscontri ricevuti con le innumerevoli adesioni Idee per Viaggiare sta quindi valutando l’effettiva possibilità di organizzare questa particolarissima occasione di incontro.\r\n\r\n ","post_title":"Curzi, IpV: la Unconvention sulla via Francigena? Un pesce d'aprile sfuggito di mano che diventa realtà","post_date":"2024-04-09T13:26:11+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712669171000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465121","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_445125\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Il porto di Bari[/caption]\r\n\r\nAl via la VI edizione di  Italian Port Days – Opening port life and culture to people nei porti italiani. Il progetto  anche quest’anno è diviso in due sessioni a causa degli innumerevoli eventi e attività programmate dalle AdSP.  \r\n\r\nNumerosi gli eventi già dall’11 aprile in occasione della Giornata Nazionale del Mare e della Cultura Marinara fino ad arrivare al 30 maggio prossimo - Giornata Marittima Europea. A questa prima sessione si aggiunge una seconda che va dal 20 settembre al 20 ottobre, periodo dedicato in particolare alle studentesse e agli studenti delle scuole di tutti gli ordini e gradi.\r\n\r\nIl tema individuato per l’edizione del 2024 riguarda l’inclusione con focus sulle disabilità (in linea con l’obiettivo n.10 di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite). Nella sessione autunnale si celebrerà anche l’anniversario del Patto per la Parità di Genere.\r\n\r\nItalian Port Days è stata candidata ed ammessa tra le iniziative di rilievo europeo facenti parte di EMD in My country della Commissione Europea.\r\n\r\nSi tratta di una convinta azione di comunicazione con le comunità che vivono intorno ai porti che vede gli scali impegnati proprio nella promozione dei rapporti con i territori circostanti. Durante il primo periodo dedicato, nei vari porti si terranno eventi, webinar, mostre e tanto altro ancora per far conoscere quanto possibile le attività portuali alle persone che vivono intorno agli scali.\r\n\r\n«L’obiettivo di Italian Port Days, fortemente voluta dalle AdSP - spiega il Presidente di Assoporti Rodolfo Giampieri -  è quello di incentivare una migliore integrazione tra aree portuali e comunità. Il tema di quest’anno è molto attuale e riguarda tutti. L’inclusione come tema generale è uno degli obiettivi previsti anche nel PNRR che oggi vede le AdSP impegnate in maniera strutturale. Riteniamo che il focus sulle disabilità sia un argomento molto delicato e importante. Da qui anche una connessione forte con i territori, aprendo i porti per quanto possibile, creando un dialogo con il territorio e consentendo a tutti di prendere coscienza delle loro attività. Come Assoporti, riteniamo che occorrerà sempre di più dedicarsi a questo tema, perché lo sviluppo di un porto deve avvenire con la condivisione delle comunità con un forte richiamo all’inclusione in tutte le sue accezioni. Si tratta di un’attività complessa e variegata che riguarda delle competenze trasversali. In questo contesto, anche quest’anno l’iniziativa si svolge in due sessioni, questa primaverile e un’altra in autunno».","post_title":"Italian Port Days, al via la VI Edizione: focus su integrazione tra aree portuali e comunità","post_date":"2024-04-09T12:12:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712664760000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'estate 2024 di United Airlines accelera da Napoli dove la compagnia anticipa di quasi un mese rispetto al 2023 la data di aperta del collegamento stagionale per il New York - Newark Liberty International.\r\nCon un doppio volo giornaliero durante il picco estivo, United collegherà Napoli a New York/Newark fino al 26 ottobre 2024. E durante la summer la compagnia Usa opererà fino a 11 collegamenti giornalieri non stop dall'Italia agli Stati Uniti.\r\nOltre ai voli da Capodichino ci sono infatti i collegamenti giornalieri tutto l’anno da Roma e da Milano per New York/Newark e quelli stagionali giornalieri da Roma a Chicago O’Hare, Washington Dulles e San Francisco, da Milano per Chicago O’Hare (la cui apertura, anche in questo caso, è stata anticipata rispetto al 2023) e da Venezia a New York/Newark.\r\n«Siamo entusiasti di tornare a volare da Napoli con un operativo più esteso, consentendo ai nostri clienti nel Sud Italia di prenotare il loro viaggio negli Stati Uniti anche prima quest’anno - ha affermato Walter Cianciusi, country sales manager Italia -. Per l'estate 2024, United offrirà il più grande operativo intercontinentale di sempre, offrendo ancora più opzioni di viaggio grazie ai collegamenti, dai nostri hub statunitensi, per tutto il continente americano».\r\n«L’anticipo del volo Napoli/Newark di United, prima major americana a volare da Napoli a New York, dimostra la forte richiesta e l’enorme connessione tra le due città, che condividono vivacità culturale e latitudine - ha commentato Roberto Barbieri, amministratore delegato di Gesac -. Il grande successo di questi anni ha portato la compagnia a raddoppiare le frequenze giornaliere durante il picco estivo e a puntare su un prodotto spiccatamente business, scelte pienamente in linea con la strategia di Gesac di offrire voli di qualità in grado di garantire un’elevata connettività. Oltre New York, il collegamento con Newark, hub di United, consentirà ai passeggeri di Napoli e del Sud Italia di raggiungere più facilmente tutto il continente americano».\r\nIl network transatlantico di Unite per l'estate prevede collegamenti senza scalo da 37 destinazioni: l’offerta più ricca di sempre per il vettore e l’offerta di destinazioni maggiore rispetto a tutti gli altri vettori statunitensi.\r\nUnited è l'unica compagnia aerea a collegare direttamente gli Stati Uniti con Dubrovnik, Malaga, Maiorca e Tenerife. L'operativo 2024 include anche nuovi collegamenti da Marrakech a New York/Newark (soggetto ad approvazione delle autorità), da Atene a Chicago O'Hare, da Barcellona a San Francisco, la ripresa del volo stagionale Reykjavik-New York/Newark, nonché voli aggiuntivi da Roma. United incrementerà ulteriormente il volo stagionale estivo Malaga-New York/Newark anticipando il collegamento al 3 maggio 2024.  Inoltre, la compagnia aerea ripristinerà le rotte stagionali più popolari da Nizza, Lisbona, Barcellona, Roma e Milano per offrire ai clienti più tempo e flessibilità per esplorare le destinazioni negli Stati Uniti.","post_title":"United Airlines insiste su Napoli: lo stagionale per New York decolla quasi un mese prima","post_date":"2024-04-09T11:47:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712663220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465090","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sicurezza per gli ospiti, tutela dei sentieri sui muretti a secco e qualità dell’esperienza di visita. Ecco gli obiettivi che hanno dettato le misure del Parco Nazionale delle Cinque Terre per gestire i flussi turistici.\r\n\r\nIl Parco Nazionale Cinque Terre nel corso del 2023 ha commissionato alla società MIC HUB uno studio preliminare sulla mobilità e l’accessibilità al Parco, che ha delineato un quadro conoscitivo strutturato, ipotizzando soluzioni progettuali - per le giornate di picco - a mitigare l’impatto turistico già dalla stagione in corso. I giorni da “bollino rosso” sono coincidenti con i ponti festivi per cui il Parco attiverà una serie di misure straordinarie, potenziando il coordinamento con personale, volontari e addetti al controllo all’informazione e alla sicurezza e monitorando con attenzione la soglia oltre cui la pressione antropica può rappresentare una minaccia.\r\n\r\nGli amanti del trekking e delle camminate in visita nell’area protetta possono scegliere tra decine di sentieri a libero accesso per un totale di 130 km, con diversi livelli di difficoltà e punti di interesse.\r\n\r\nMolte le soluzioni strategiche scaturite dallo studio di MIC HUB, come strumenti per la gestione del turismo sostenibile nelle giornate di picco.\r\n\r\nIn base alle previsioni sulla pressione nelle giornate di maggiore affluenza, sarà reintrodotto il “senso unico” per fasce orarie. Miglioramento con interventi di straordinaria manutenzione dell’infrastruttura della rete senti eristica. A questo si aggiunge l’appalto integrato di interventi straordinari sulla stessa rete escursionistica.\r\n\r\nTotem informativi – contapersone: saranno posti nei principali ingressi dei sentieri totem digitali con informazioni in tempo reale o eventuali messaggi di allerta. I totem opereranno in rete con i contapersone. Revisione tariffa carta trekking card: solo nei giorni in cui è previsto un flusso turistico di picco verrà rivista la tariffa delle Trekking card per incentivare la fruizione della rete sentieristica nelle altre giornate di bassa affluenza.  Riduzione tariffa Carta Parco integrata per operatori certificati CTES (con Carta Europea per il Turismo Sostenibile). Sviluppo estensione certificazione CETS: ulteriori tour operator sono oggi coinvolti nell’iter di certificazione CETS in modo da perseguire una visione comune di turismo sostenibile nell’area del Parco.\r\n\r\nNuovo Wayfinding del Parco: è stato avviato il progetto complessivo relativo alla viabilità carrabile di collegamento del Parco delle Cinque Terre. Si tratta della progettazione e collocazione della nuova segnaletica per l’orientamento dei fruitori del Parco.\r\n\r\nPiano biennale Digitale (2024 – 2025) del Parco: i principali obiettivi di tale piano sono digitalizzare alcune procedure vitali per la gestione efficace del Parco e una sua corretta fruizione nonché integrare i dati per costruire una visione unitaria, che renda più efficace la gestione dei flussi e migliori la qualità e la tempestività delle informazioni.\r\n\r\n«Le azioni di contenimento e controllo dei flussi sui sentieri del Parco nascono dalla duplice esigenza di garantire tutela del patrimonio ecologico e sicurezza degli ospiti – dichiara la Presidente del Parco, Donatella Bianchi – Tra queste azioni si inserisce in particolare l'aumento della Cinque Terre Card Trekking per l’accesso al Sentiero SVA Monterosso Corniglia Vernazza nelle 16 giornate di picco. È una misura straordinaria che riguarda la necessità di proteggere il territorio e di conseguenza anche la stessa esperienza di visita del camminatore, spesso deluso nelle aspettative proprio a causa degli affollamenti. Tale misura risponde a una esigenza del Parco di tutela dei turisti in visita che, siamo sicuri, saranno più coinvolti nel rispetto di quella fragilità intrinseca all’unicità e alla bellezza delle Cinque Terre».","post_title":"Parco 5 Terre, obiettivo sicurezza, tutela ambiente e qualità dell’esperienza di visita","post_date":"2024-04-09T09:59:17+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712656757000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465099","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Servizi su misura per andare incontro alle esigenze di tutti i passeggeri: questo l'obiettivo di Ita Airways con l'introduzione di una serie di nuovi servizi per la clientela. Ecco quindi Poltrona Comfort Economy sugli aeromobili Airbus A330-900 e A350-900, Poltrona Top e Poltrona Anteriore per un viaggio più confortevole e veloce, lounge negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Linate e Catania Fontanarossa, la connettività wi-fi a bordo dei voli di lungo raggio e un nuovo menù di bordo firmato dallo chef stellato Giancarlo Morelli. \r\nEsperienza di viaggio più comoda e personalizzata per chi sceglie di volare in classe Comfort Economy sugli aeromobili di lungo raggio Airbus A330-900 e A350-900: oltre alla poltrona più confortevole a disposizione dei passeggeri ci sono anche un insieme di servizi come imbarco e sbarco prioritari, cappelliere riservate per il bagaglio a mano, maggiore spazio per le gambe. Oltre a ciò, è anche possibile scegliere di viaggiare sulla Poltrona Top posizionata in corrispondenza delle uscite di emergenza garantendo maggior comfort e sulla Poltrona Anteriore situata subito dopo la classe Business/Superior che permette di scendere ancora più rapidamente dall’aeromobile.\r\nA bordo di tutti gli aeromobili di lungo raggio A350-900 e A330-900 è possibile accedere al servizio wi-fi raggiungibile dal portale Ita Airways, per rimanere connessi con il mondo anche durante il volo. Per tutti i passeggeri sono disponibili 30 minuti gratuiti per inviare messaggi sulle piattaforme di messaggistica preferite ed è inoltre possibile acquistare il pacchetto più adatto alle proprie esigenze.\r\nLe lounge firmate da Ita sono cinque: a Roma Fiumicino la “Hangar Lounge” dedicata ai passeggeri in partenza verso destinazioni domestiche ed internazionali dell’area Schengen e la Lounge “Piazza di Spagna” situata nell’area imbarchi E, dedicate ai passeggeri di classe business/superior, ai soci Volare Executive e Premium e ai soci Elite Plus Skyteam,  oltre alla “Lounge Fantasia” dedicata ai minori non accompagnati; a Milano Linate c’è la lounge “Piazza della Scala” situata al primo piano dell’area imbarchi Schengen mentre a Catania troviamo la Lounge “Piazza Bellini” inaugurata lo scorso dicembre.\r\nA bordo di tutti i voli intercontinentali del network della compagnia s in partenza dall’Italia, i clienti viaggiano attraverso nuovi profumi e nuovi sapori ispirati alle eccellenze del nostro Paese, in uno stile semplice ed elegante contraddistinto dal talento degli chef italiani che si alternano a bordo della compagnia. \r\nIl vettore ha lanciato il nuovo menù di business class sui voli intercontinentali in uscita dall’Italia disegnato dallo chef Giancarlo Morelli, sei ristoranti e numerosi riconoscimenti nell’alta cucina mondiale, tra cui una stella Michelin. Nella proposta dello chef la stagionalità, la freschezza e la delicatezza dei colori delle verdure primaverili sono protagoniste, insieme alle sue radici lombarde. Un menù studiato per regalare un viaggio attraverso i profumi, i sapori ed i colori delle eccellenze del nostro Paese e per portare in tutto il mondo il gusto italiano.","post_title":"Ita Airways, focus sulla qualità: la Comfort Economy Class debutta sul lungo raggio","post_date":"2024-04-09T09:56:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712656597000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti