3 March 2024

Val d’Ega, con Be the First la neve per veri sciatori

[ 0 ]

L_Valdega_-_ObereggenBe the first in Val D’Ega. Dall’1 marzo 2016, alla conquista della prima neve della giornata, sulle piste ancora compatte di Carezza e Obereggen. Grazie all’originale offerta della Val d’Ega trovarsi di fronte ad una distesa candida che nessuno ha ancora solcato è un regalo reale che solo chi sa interpretare i desideri degli sciatori poteva infiocchettare.
Per chi è in possesso di uno skipass plurigiornaliero o stagionale, oppure acquista il giornaliero o la tessera di tre ore (solo a Carezza) la mattina stessa, ogni mercoledì, dal 2 al 30 marzo 2016, sarà possibile arrivare sulla neve di Obereggen, e ogni martedì, dall’1 al 29 marzo 2016, su quella di Carezza prima di tutti gli altri. Le piste, per chi vorrà e riuscirà a cogliere al volo l’occasione, saranno aperte già dalle 7.00 del mattino, con la possibilità di fare colazione sospesi nel vuoto, direttamente in cabinovia, grazie al Flying Breakfast, che diventa un’esperienza nell’esperienza.
La cronaca di Be the First a Carezza prevede l’incontro presso la partenza della cabinovia di Nova Levante alle 7.00, Flying Breakfast con caffè e brioche durante la salita, sciata privilegiata sulle piste Re Laurino in compagnia dei maestri di sci fino alle 8.30 e, alle 9.00, colazione tipica sulla Laurins Lounge. Il programma si ripete a Obereggen, con la differenza che l’appuntamento è presso la stazione a valle del Platzl, il Breakfast non è in volo, le piste sono quelle di Absam-Maierl e la colazione tipica si gusta presso la Malga Mayrl Alm. Per usufruire del servizio è necessario prenotarsi almeno entro le 17 del giorno prima. Il prezzo di 12 euro a persona.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre il prossimo 21 marzo con nove delle undici ville private completamente rinnovate il toscano Rosewood Castiglion del Bosco. Situata nel cuore del parco naturale della val D'Orcia, sito protetto dall'Unesco,  l'omonima tenuta si sviluppa per più di 2 mila ettari, le cui origini risalgono a circa 900 anni fa. Questa racchiude le antiche rovine del castello del 1100 d.C., una chiesa medievale del quattordicesimo secolo e il borgo, lo storico villaggio che oggi costituisce il cuore pulsante del resort gestito da Rosewood Hotels & Resorts, nel quale sorgono le 42 suite, abbracciate dalla campagna senese e in mezzo alla quale si trovano le 11 ville della proprietà. Queste ultime, vere residenze private, hanno tutte una forte identità; ognuna è diversa, offrono piscine a sfioro riscaldate, cucine realizzate del designer fiorentino Riccardo Barthel, terrazze e giardini con vista sul paesaggio circostante. Novità per la stagione 2024, ogni villa è dotata di un Land Rover Defender (sette posti) o fuoristrada 4x4, che gli ospiti possono guidare per tutta la durata del loro soggiorno, per esplorare la regione o semplicemente scoprire la tenuta. Nata come destinazione per gli amanti del vino e della gastronomia, la proprietà ospita due ristoranti, l'Osteria la Canonica e il ristorante Campo del Drago, 1 stella Michelin, guidato dallo chef Matteo Temperini. La tenuta comprende pure una spa dai toni della terra e della sfumature naturali, nonché un campo da golf a 18 buche progettato da Tom Weiskopf: unico golf club privato d'Italia prevede un accesso privilegiato per gli ospiti del Rosewood Castiglion del Bosco. A loro disposizione c'è pure la cantina storica della proprietà, dove si produce Brunello di Montalcino. Il resort sarà aperto fino al 7 gennaio 2025, con una programmazione per il periodo festivo ricca d'iniziative. [post_title] => Il Rosewood Castiglion del Bosco riapre il 21 marzo con nove ville ristrutturate [post_date] => 2024-03-01T10:56:30+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709290590000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462570 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462572" align="alignleft" width="300"] L'Ovolo South Yarra[/caption] Si rinnova la partnership tra il soft brand Small Luxury Hotels of the World e il gruppo Ovolo Hotels: compagnia di hotel di design situati nella regione Asia - Pacifico, tra Hong Kong, Australia e Bali. "Siamo entusiasti di collaborare con Small Luxury Hotels of the World - sottolinea il ceo di Ovolo, Dave Baswal -. Questa unione non solo rafforza la nostra presenza nei principali mercati globali, pur mantenendo lo spirito e le qualità di realtà indipendenti, ma ci permette anche di mostrare il nostro carattere distintivo e l'innovazione che ci definisce". A entrare in Slh saranno in inizialmente il Woolloomooloo di Sydney, lo South Yarra di Melbourne, il The Valley di Brisbane, il Nishi di Canberra e il Central di Hong Kong. A seguire abreve saranno i by Ovolo Collection Laneways di Melbourne e Mamaka di Bali. "Siamo entusiasti di dare nuovamente il benvenuto a Ovolo Hotels all'interno di Slh - ragiona il senior vice president Asia Pacific del soft brand, Mark Wong -. La rinnovata alleanza con loro offre maggiori prospettive promozionali e incrementa la nostra presenza in Australia e nelle varie località degli hotel della compagnia". [post_title] => Small Luxury Hotels of the World: torna la partnership con Ovolo Hotels [post_date] => 2024-03-01T10:18:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709288315000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462380 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via in Liguria al progetto "Turismo Scolastico delle Radici 2024" realizzato da Massimo Ruggero, project manager e presidente del Club per Unesco di Genova Metropolitana in collaborazione con l'Associazione dei Liguri nel Mondo. Si tratta del progetto internazionale tra Genova e Mar del Plata che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova e che gode del patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica di Argentina in Italia, del Consolato d'Italia di Mar del Plata, della Direzione scolastica delle Circoscrizioni consolari di Buenos Aires e Mar del Plata, di Acaesit (Asociación Civil Asistencia Escuelas Italianas Mar Del Plata) e di Regione Liguria che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova. Le attività proposte valorizzano gli scambi interculturali tra le scuole metropolitane liguri e le rappresentanze istituzionali di Argentina finalizzati alla costituzione dell'Ecomuseo italiano internazionale storico-antropologico delle Radici della città di Mar del Plata. Nell'ampio ed articolato programma di eventi italo argentini sono previsti accordi e scambi di best practices tra le scuole Italiane della rete Acaesit di Mar del Plata ed alcuni Istituti scolastici metropolitani genovesi e dei territori dell'Ecomuseo dei territori limitrofi colombiani e dell'emigrazione ligure che ad oggi si rivolgono ad alcune amministrazioni delle aree tra la Val Fontanabuona e i territori limitrofi del Chiavarese. «Con questo progetto entriamo nel vivo di quelle che saranno le tante iniziative previste per quest'anno, dichiarato dal Ministero della Cultura e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale 'Anno delle radici' – spiega Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo - L'Argentina è il Paese in cui la stragrande maggioranza degli emigrati liguri si recarono all'inizio del secolo scorso alla ricerca di un futuro migliore: non posso quindi che essere felice di presentare questo progetto che consolida lo storico legame tra le due terre e che prevede percorsi turistico-esperienziali nel genovesato e a Mar del Plata».  «Il turismo scolastico delle radici non solo punta a far conoscere luoghi tra loro molto lontani che hanno però un legame tra loro, ma favorisce lo scambio culturale tra studenti: un'esperienza di grande valore che porta numerosi benefici sia a livello personale che sociale - aggiunge Simona Ferro, assessore regionale alla Scuola e all'Università - Quando i ragazzi hanno l'opportunità di interagire con persone provenienti da differenti contesti culturali possono ampliare i propri orizzonti, imparare nuove prospettive e confrontarsi con punti di vista diversi. È un processo di arricchimento reciproco che favorisce la crescita personale. In questo caso il rapporto che si crea è arricchito dal fatto che c’è qualcosa in più da condividere: le proprie origini». «Il collegamento tra Genova e Mar del Plata si è rafforzato circa un anno fa nell’ambito del progetto Iurc che ha portato alla sottoscrizione delle best practice del turismo tra le due città e presenziare oggi alla presentazione di questo progetto, che rappresenta l’evoluzione della predetta cooperazione, mi fa davvero molto piacere – sottolinea Alessandra Bianchi, assessore al Turismo del Comune di Genova - Attraverso percorsi didattici, laboratori, conferenze, seminari, viaggi e tante altre attività, il progetto 'Turismo Scolastico delle Radici 2024' si configura, per tutti i giovani che ne prenderanno parte, come un percorso non solo di riscoperta delle proprie origini e delle proprie radici ma più in generale della propria identità storico-culturale».   [post_title] => Liguria, al via il progetto Unesco "Turismo scolastico delle radici 2024" [post_date] => 2024-02-28T12:17:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709122638000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462399 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno quattro le crociere di spedizione mediterranee di Swan Hellenic previste per l'ultima parte dell'estate 2024. A ospitarle sarà la nave boutique Diana, dopo il viaggio di dieci notti Mysteries of Carthage and the Moors (10-20 agosto 2024), che la vedrà navigare da Lisbona a Palermo, attraverso lo stretto di Gibilterra, le colonne d'Ercole del mondo antico, e la costa nordafricana di Annibale. Secrets of Sicily dal 20 al 28 agosto 2024: partenza da Palermo per una circumnavigazione di otto notti dell'isola. Gli scali previsti sono Trapani, vicino alle rovine di Selinunte del VII secolo a.C.; Mazara del Vallo, uno straordinario mix di tutte le culture che hanno lasciato traccia in Sicilia; Porto Empedocle con il sito di Agrigento, patrimonio dell'Unesco, e successivo excursus internazionale nella città fortificata di La Valletta a Malta. La Diana salperà da lì per Siracusa, una delle città più grandi e potenti del mondo antico, Giardini Naxos vicino alla pittoresca Taormina e infine Lipari, la più grande isola delle Eolie, prima di completare questa rara circumnavigazione a Palermo. La crociera fa parte del programma Swan Hellenic’s Maris Culinary Discovery at Sea Series in collaborazione con Jre-Jeunes Restaurateurs, l'organizzazione gastronomica che raggruppa gli chef under 40 che hanno già ottenuto riconoscimenti internazional From Magna Graecia to Greece dal 28 agosto al 5 settembre. La spedizione parte da Palermo per un viaggio di otto notti nel cuore del Mediterraneo. Si naviga verso le isole vulcaniche di Lipari e Stromboli, per fare successivamente rotta verso Giardini Naxos e Crotone con il suo castello del sedicesimo secolo e il parco archeologico di Capo Colonna. A Seguire Otranto, famosa per il castello aragonese del quindicesimo secolo, la bella cattedrale e le ricche rovine bizantine, e Sarandë, in Albania, amata per le spiagge, la vita notturna e per i numerosi siti antichi Unesco che si trovano nelle vicinanze. La Diana condurrà poi i suoi ospiti nella città di Preveza, in Grecia, all'imbocco del golfo di Azio, vicino alla città imperiale di Nikopolis, che Ottaviano fondò nel 31 a.C. per celebrare la sua vittoria su Antonio e Cleopatra. Itea è il penultimo porto di scalo, a pochi passi dall'antica Delfi, nota per il suo oracolo, prima di concludere il viaggio presso il Pireo, porto di Atene. Questa spedizione è inserita nel programma Explore Space at Sea Series in collaborazione con il Seti Institute e ospiterà Mark Showalter, famoso astronomo planetario, che accompagnerà gli ospiti durante il viaggio. Inoltre, questa crociera fa anche parte della Chopra Explore & Restore Series ,in collaborazione con l'azienda specializzata nel settore della salute integrativa fondata dal dottor Deepak Chopra. Colors of the Eastern Mediterranean dal 5 al 16 settembre 2024. Si salpa per un'odissea di 11 notti dal Pireo, facendo scalo a Monemvasia, una delle città medievali meglio conservate d'Europa, ad Adama sull'isola vulcanica di Milos, nota per le sue catacombe paleocristiane e per il suo teatro antico, e a Rethymnon a Creta, con vestigia storiche risalenti alle dominazioni di Veneziani e Ottomani fino alla civiltà Minoica. Seguono Mandraki, sulla suggestiva isola di Nisyros, la piccola Symi, con una storia sorprendente per le sue dimensioni, e Rodi, rinomata per il suo Colosso perduto, una delle sette meraviglie del mondo antico, e per la sua Città Vecchia, tutelata dall'Unesco, costruita dai cavalieri di San Giovanni nel quattordicesimo secolo. A seguire, l'isola di Patmos, la cui storia religiosa è legata al libro delle Rivelazioni, seguita da Kusadasi, sulla terraferma turca, che confina con i resti della città romana di Efeso. Tornando all'isola, la Diana farà scalo a Chios, città natale del poeta Omero, e a Mitilene, capoluogo di Lesbo, prima di raggiungere Canakkale, porta dei Dardanelli e nei pressi della antica città di Troia, cantata e resa nell'Iliade di Omero. L'ultimo giorno intero sarà dedicato alla navigazione nei Dardanelli prima dell’approdo a Istanbul, ultima tappa di questa spedizione. Cultures of the East Mediterranean dal 16 al 24 settembre 2024. La Diana parte da Istanbul per trascorrere otto notti lungo le coste della Grecia e della Turchia verso Cipro. Ci sarà modo di esplorare i segreti di Kavála, nota nell'antichità come Neopolis, la cui cittadella bizantina è oggi circondata dai tortuosi vicoli della città vecchia ottomana. I porti di scalo successivi saranno Salonicco, la seconda città della Grecia moderna, con un'imponente presenza di monumenti di tutte le epoche; Volos, patria del Centauro e luogo di nascita di Giasone e dei suoi Argonauti; Chios, che deve la propria fama a Omero; Kusadasi, con Efeso fondata nell'undicesimo secolo a.C. e l'anfiteatro dove predicò San Paolo. A seguire, Heraklion, attuale capoluogo di Creta e nell’antichità importante centro della civiltà minoica, nota per il palazzo di Cnosso che fu sede, secondo il mito, del labirinto e del Minotauro. Infine Rodi e Limassol, la seconda città per importanza di Cipro, situata tra gli antichi siti di Amathous e Kourion. [post_title] => Swan Hellenic: tutti i dettagli delle quattro crociere mediterranee di fine estate [post_date] => 2024-02-28T11:53:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709121214000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462332 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche quest'anno l’Ente Nazionale per il Turismo Thailandese incontra il trade italiano con l’Amazing Thailand Roadshow che farà tappa a Milano, il prossimo 28 febbraio, presso The Westin Palace. Protagonista della giornata sarà l’Associazione Albergatori di Phuket che, con 35 albergatori a rappresentarla, incontrerà gli operatori italiani. L’edizione 2024 del roadshow segna un ottimo riscontro di partecipazione: oltre a 35 realtà importanti dell’ospitalità di Phuket, l’evento vedrà la partecipazione di 5 compagnie aeree e 34 tour operator italiani. «Il roadshow pone l’accento su esperienze turistiche di qualità in Thailandia, concentrandosi in particolare sulla vasta gamma di prodotti e servizi offerti a Phuket e nelle vicine aree costiere delle Andamane - commenta Sandro Botticelli, marketing manager dell’Ente in Italia -. Siamo sempre molto lieti di riscontrare l’entusiasmo dei seller thailandesi per il mercato italiano. Così come di constatare che la fiducia verso la Thailandia come destinazione autorevole e affidabile cresca con il passare degli anni nell’immaginario dei turisti italiani».     [post_title] => La Thailandia incontra il trade a Milano il 28 febbraio: focus sull'offerta ricettiva di Phuket [post_date] => 2024-02-28T09:15:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709111735000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462320 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continua la marcia indietro di Ryanair sulle agenzie online. Infatti  il vettore ha siglato un accordo anche con On the Beach, una delle principali agenzie di viaggi online del Regno Unito. Grazie a ciò sarà autorizzata ad offrire voli e servizi complementari della compagnia aerea irlandese. Si impegna a non addebitare prezzi eccessivi, a garantire ai viaggiatori l'accesso diretto al proprio account myRyanair e a fornire l'indirizzo e-mail di ciascun cliente. Questa è la quarta ota a firmare con Ryanair dopo che la compagnia aerea ha bandito tutti gli intermediari turistici. Dara Brady, portavoce della low cost, sottolinea che “i clienti On the Beach ora possono prenotare voli e servizi complementari all'interno del loro pacchetto vacanza con la garanzia di avere totale trasparenza nel prezzo (senza sovrapprezzi o margini nascosti) e che riceveranno direttamente tutte le informazioni sul loro volo, oltre ad avere accesso alla loro prenotazione tramite il loro account myRyanair." Shaun Morton, amministratore delegato di On the Beach Group, sottolinea che "questo accordo consente ad entrambe le parti di lasciarsi alle spalle le controversie pendenti". "Non vediamo l'ora di lavorare a stretto contatto con il nostro nuovo partner", osserva. [post_title] => Anche On the Beach, la ota inglese, sigla un accordo con Ryanair [post_date] => 2024-02-27T12:28:52+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709036932000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462275 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nove itinerari in India e Nepal per assistere al Maha Kumbh Mela di Allahabad, il 3 febbraio 2025. Li propone Kel 12 per chi vuole partecipare al più grande raduno religioso al mondo, che va in scena ogni 12 anni sulle rive del Gange, in una della quattro città più sacre del paese: un rito antichissimo, uno dei più grandi spettacoli umani che esistano, in cui i fedeli arrivano per purificarsi attraverso il bagno nel fiume; milioni di persone che superano divisioni di casta, religione e provenienza. “Niente è come il Maha Kumbh Mela. E per poter vivere questa esperienza, questo viaggio nell’anima più intima e profonda dell’India, abbiamo studiato nove differenti tour che convergeranno tutti ad Allahabad tra il 2 e 3 febbraio - spiega la product manager Kel 12 - Viaggi Levi, Rosanna Locati -. Sette proposte sono già online, mentre altre due sono di prossima uscita e prevedono tour sul Gange a bordo di una barca in esclusiva: viaggi evento nell’evento, con partenza garantita, studiati per poter far scoprire l’anima più autentica e spirituale di questo paese. Ad Allahabad i nostri gruppi, per un totale di 200 persone, avranno la possibilità di sostare per tre giorni in un campo tendato dotato di una tenda-ristorante e di tende con più ambienti, provviste di veri e propri letti, lenzuola, coperte, bagno privato con doccia, veranda ed elettricità. Ogni gruppo manterrà la propria autonomia organizzativa nella gestione delle giornate, tranne che per i momenti dei pasti". [post_title] => Kel 12: nove itinerari per assistere in India al più grande raduno religioso al mondo [post_date] => 2024-02-27T09:25:22+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709025922000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460009" align="alignleft" width="300"] La Norwegian Dawn al largo di Port Louis (foto di repertorio)[/caption] Brutta avventura per i circa 2 mila passeggeri e mille componenti dell'equipaggio della Norwegian Dawn. La nave è stata infatti posta in quarantena al largo delle coste di Mauritius, a causa di una serie di disturbi di stomaco che avrebbero colpito le persone a bordo. Stando a quanto appreso da un giornalista di Usa Today, il timore è che si possa trattare di colera. Lo stop agli sbarchi è stato imposto ieri e dovrebbe essere mantenuto in via precauzionale sino a domani. La Dawn era impegnata in una crociera di 12 giorni tra Cape Town e Port Louis salpata lo scorso 13 febbraio. "Durante il viaggio - si legge in una nota ufficiale Ncl - un piccolo numero di passeggeri ha sperimentato lievi sintomi di mal di stomaco. Durante l'avvicinamento a Port Louis, la direzione della nave ha incontrato le autorità locali per organizzare le misure precauzionali atte ad assicurare la salute di tutti a bordo. A seguito della richiesta ufficialr di una serie di esami addizionali, il governo di Mauritius ha imposto il rinvio degli sbarchi di due giorni, sino al 27 febbraio". Ncl sta garantendo ai passeggeri che avrebbero dovuto partire per la crociera successiva, in calendario per lo stesso 25 febbraio, le necessarie sistemazioni alberghiere. Per chi si trova invece ancora a bordo, la compagnia sta gestendo i programmi di viaggio per il rientro a casa dopo lo sbarco.    [post_title] => La Norwegian Dawn bloccata al largo di Mauritius: timore colera [post_date] => 2024-02-26T13:09:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708952965000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462108 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una Parma da scoprire leggendo: sabato 2 e domenica 3 marzo 2024, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma organizza “I like Parma. Un patrimonio da vivere”. L’evento, giunto alla sua undicesima edizione, sarà dedicato al territorio e alle opere letterarie di autori parmigiani (e non solo) che lo raccontano. Sono sette i luoghi cardine aperti in via eccezionale per questa edizione: la Chiesa e Convento della Santissima Annunziata; la Sala del Bacio di Palazzo Ducale coi suoi bellissimi affreschi; la Fondazione Bertolucci; il Convitto Maria Luigia; il Torrione Visconteo; la Corale Verdi, infine sarà aperto per la prima volta l’Archivio Storico Comunale, che metterà in mostra importanti documenti: dalla cartografia storica ai cimeli risorgimentali, dalle poesie dialettali alle fotografie della Parma di un tempo. Le visite ai luoghi, saranno anche arricchite da letture di brani letterari dedicati alla città e ai personaggi che ne hanno fatto la storia, da Renzo Pezzani, a Matteo Maria Boiardo, da Attilio Bertolucci, alla corrispondenza tra Cesare Zavattini e Giovannino Guareschi, da Bruno Barilli fino a Fra’ Salimbene. Grazie al ricco programma di aperture straordinarie e gratuite di palazzi, chiese e monumenti e percorsi guidati, insieme a mostre e musei visitabili con ingresso speciale per l’occasione, il pubblico potrà immergersi nel patrimonio storico di Parma. Un weekend quindi tra storia, arte e letteratura alla scoperta di luoghi e personaggi raccontati attraverso significative e curiose pagine d’autore. Un’occasione, con “I like Parma”, per scoprire la città dal Medioevo ad oggi: tra scrittori e poeti, sfogliando una storia che si legge come un romanzo.  Non poteva non ricordare, nella sua “Cronica”, Parma: Fra Salimbene de Adam, è famoso per essere stato uno dei più importanti cronisti medievali nelle case dove oggi si trova il Palazzo Dalla Rosa Prati, a fianco del Battistero dove venne battezzato nel 1221. Ed è una sorpresa scoprire che poco distante visse il Petrarca. Imboccando Borgo del Correggio, si trova proprio la via a lui dedicata. Parma fu per il poeta luogo privilegiato di ritiro, qui vive per 10 anni dal 1341; qui viene a sapere della morte dell’amata Laura, qui scrive tra le più belle poesie del Canzoniere. Abitava in corrispondenza del civico 9 e sopra il balcone del primo piano è visibile ancora oggi una lapide con un piccolo busto. Proseguendo alla scoperta di Parma, di poeta in poeta, con un salto cronologico di 5 secoli ci si ritrova in Oltretorrente, attraversando il torrente Parma dal Ponte di Mezzo alla scoperta di Renzo Pezzani, che ha scritto volumi di letture per bambini e per le scuole elementari, poesie in lingua e in dialetto parmigiano, testi per opere musicali. Ma Parma è anche protagonista della vita letteraria e culturale del Novecento italiano.  “Nel cuore di Parma c'è un palcoscenico", così amava ripetere Alberto Bevilacqua a proposito della sua città natale, fonte inesauribile di ispirazione per la sua produzione letteraria e cinematografica. Autore di romanzi, poeta, regista, molti dei suoi libri sono ambientati a Parma.  Un inviato molto speciale è stato Luca Goldoni, giornalista e scrittore, una carriera da grande viaggiatore e acuto osservatore di costume. E tra i molti personaggi di cui si appassionò, un posto speciale lo riservò alla sua concittadina Maria Luigia d’Austria, duchessa e moglie di Napoleone Uno dei maggiori poeti italiani del ‘900 e figura centrale nella tradizione letteraria della città, è stato Attilio Bertolucci (padre dei registi Giuseppe e Bernardo), e spesso Parma ed il parmense sono fonte di ispirazione, come la casa, dove amava rifugiarsi con la famiglia. Bertolucci fu grande amico di Cesare Zavattini (una delle figure più significative del secolo, cui si devono libri come “I poveri sono matti”, “Io sono il diavolo” e film indimenticabili come “Sciuscià” e “Ladri di biciclette”) e che, nonostante i natali in quel di Luzzara vicino a Reggio Emilia, fu molto legato alla città ducale dove strinse anche un profondo rapporto di amicizia con Giovannino Guareschi. Guareschi porta alla scoperta della Bassa parmense, patria dello scrittore e giornalista, papà di Don Camillo e Peppone e proprio qui ha ambientato il “Mondo piccolo” di quei racconti inseriti in quella “fettaccia di terra che sta tra il Po e l’Appennino”.         [post_title] => I Like Parma, dal 2 al 3 marzo itinerari alla scoperta del territorio e degli autori [post_date] => 2024-02-23T10:23:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708683789000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "val dega be the first la neve veri sciatori" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":37,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1124,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre il prossimo 21 marzo con nove delle undici ville private completamente rinnovate il toscano Rosewood Castiglion del Bosco. Situata nel cuore del parco naturale della val D'Orcia, sito protetto dall'Unesco,  l'omonima tenuta si sviluppa per più di 2 mila ettari, le cui origini risalgono a circa 900 anni fa. Questa racchiude le antiche rovine del castello del 1100 d.C., una chiesa medievale del quattordicesimo secolo e il borgo, lo storico villaggio che oggi costituisce il cuore pulsante del resort gestito da Rosewood Hotels & Resorts, nel quale sorgono le 42 suite, abbracciate dalla campagna senese e in mezzo alla quale si trovano le 11 ville della proprietà.\r\n\r\nQueste ultime, vere residenze private, hanno tutte una forte identità; ognuna è diversa, offrono piscine a sfioro riscaldate, cucine realizzate del designer fiorentino Riccardo Barthel, terrazze e giardini con vista sul paesaggio circostante. Novità per la stagione 2024, ogni villa è dotata di un Land Rover Defender (sette posti) o fuoristrada 4x4, che gli ospiti possono guidare per tutta la durata del loro soggiorno, per esplorare la regione o semplicemente scoprire la tenuta.\r\n\r\nNata come destinazione per gli amanti del vino e della gastronomia, la proprietà ospita due ristoranti, l'Osteria la Canonica e il ristorante Campo del Drago, 1 stella Michelin, guidato dallo chef Matteo Temperini. La tenuta comprende pure una spa dai toni della terra e della sfumature naturali, nonché un campo da golf a 18 buche progettato da Tom Weiskopf: unico golf club privato d'Italia prevede un accesso privilegiato per gli ospiti del Rosewood Castiglion del Bosco. A loro disposizione c'è pure la cantina storica della proprietà, dove si produce Brunello di Montalcino. Il resort sarà aperto fino al 7 gennaio 2025, con una programmazione per il periodo festivo ricca d'iniziative.","post_title":"Il Rosewood Castiglion del Bosco riapre il 21 marzo con nove ville ristrutturate","post_date":"2024-03-01T10:56:30+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709290590000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462570","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462572\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'Ovolo South Yarra[/caption]\r\n\r\nSi rinnova la partnership tra il soft brand Small Luxury Hotels of the World e il gruppo Ovolo Hotels: compagnia di hotel di design situati nella regione Asia - Pacifico, tra Hong Kong, Australia e Bali. \"Siamo entusiasti di collaborare con Small Luxury Hotels of the World - sottolinea il ceo di Ovolo, Dave Baswal -. Questa unione non solo rafforza la nostra presenza nei principali mercati globali, pur mantenendo lo spirito e le qualità di realtà indipendenti, ma ci permette anche di mostrare il nostro carattere distintivo e l'innovazione che ci definisce\".\r\n\r\nA entrare in Slh saranno in inizialmente il Woolloomooloo di Sydney, lo South Yarra di Melbourne, il The Valley di Brisbane, il Nishi di Canberra e il Central di Hong Kong. A seguire abreve saranno i by Ovolo Collection Laneways di Melbourne e Mamaka di Bali. \"Siamo entusiasti di dare nuovamente il benvenuto a Ovolo Hotels all'interno di Slh - ragiona il senior vice president Asia Pacific del soft brand, Mark Wong -. La rinnovata alleanza con loro offre maggiori prospettive promozionali e incrementa la nostra presenza in Australia e nelle varie località degli hotel della compagnia\".","post_title":"Small Luxury Hotels of the World: torna la partnership con Ovolo Hotels","post_date":"2024-03-01T10:18:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709288315000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462380","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via in Liguria al progetto \"Turismo Scolastico delle Radici 2024\" realizzato da Massimo Ruggero, project manager e presidente del Club per Unesco di Genova Metropolitana in collaborazione con l'Associazione dei Liguri nel Mondo.\r\n\r\nSi tratta del progetto internazionale tra Genova e Mar del Plata che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova e che gode del patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica di Argentina in Italia, del Consolato d'Italia di Mar del Plata, della Direzione scolastica delle Circoscrizioni consolari di Buenos Aires e Mar del Plata, di Acaesit (Asociación Civil Asistencia Escuelas Italianas Mar Del Plata) e di Regione Liguria che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova.\r\n\r\nLe attività proposte valorizzano gli scambi interculturali tra le scuole metropolitane liguri e le rappresentanze istituzionali di Argentina finalizzati alla costituzione dell'Ecomuseo italiano internazionale storico-antropologico delle Radici della città di Mar del Plata.\r\n\r\nNell'ampio ed articolato programma di eventi italo argentini sono previsti accordi e scambi di best practices tra le scuole Italiane della rete Acaesit di Mar del Plata ed alcuni Istituti scolastici metropolitani genovesi e dei territori dell'Ecomuseo dei territori limitrofi colombiani e dell'emigrazione ligure che ad oggi si rivolgono ad alcune amministrazioni delle aree tra la Val Fontanabuona e i territori limitrofi del Chiavarese.\r\n\r\n«Con questo progetto entriamo nel vivo di quelle che saranno le tante iniziative previste per quest'anno, dichiarato dal Ministero della Cultura e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale 'Anno delle radici' – spiega Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo - L'Argentina è il Paese in cui la stragrande maggioranza degli emigrati liguri si recarono all'inizio del secolo scorso alla ricerca di un futuro migliore: non posso quindi che essere felice di presentare questo progetto che consolida lo storico legame tra le due terre e che prevede percorsi turistico-esperienziali nel genovesato e a Mar del Plata». \r\n\r\n«Il turismo scolastico delle radici non solo punta a far conoscere luoghi tra loro molto lontani che hanno però un legame tra loro, ma favorisce lo scambio culturale tra studenti: un'esperienza di grande valore che porta numerosi benefici sia a livello personale che sociale - aggiunge Simona Ferro, assessore regionale alla Scuola e all'Università - Quando i ragazzi hanno l'opportunità di interagire con persone provenienti da differenti contesti culturali possono ampliare i propri orizzonti, imparare nuove prospettive e confrontarsi con punti di vista diversi. È un processo di arricchimento reciproco che favorisce la crescita personale. In questo caso il rapporto che si crea è arricchito dal fatto che c’è qualcosa in più da condividere: le proprie origini».\r\n\r\n«Il collegamento tra Genova e Mar del Plata si è rafforzato circa un anno fa nell’ambito del progetto Iurc che ha portato alla sottoscrizione delle best practice del turismo tra le due città e presenziare oggi alla presentazione di questo progetto, che rappresenta l’evoluzione della predetta cooperazione, mi fa davvero molto piacere – sottolinea Alessandra Bianchi, assessore al Turismo del Comune di Genova - Attraverso percorsi didattici, laboratori, conferenze, seminari, viaggi e tante altre attività, il progetto 'Turismo Scolastico delle Radici 2024' si configura, per tutti i giovani che ne prenderanno parte, come un percorso non solo di riscoperta delle proprie origini e delle proprie radici ma più in generale della propria identità storico-culturale».\r\n\r\n ","post_title":"Liguria, al via il progetto Unesco \"Turismo scolastico delle radici 2024\"","post_date":"2024-02-28T12:17:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709122638000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462399","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno quattro le crociere di spedizione mediterranee di Swan Hellenic previste per l'ultima parte dell'estate 2024. A ospitarle sarà la nave boutique Diana, dopo il viaggio di dieci notti Mysteries of Carthage and the Moors (10-20 agosto 2024), che la vedrà navigare da Lisbona a Palermo, attraverso lo stretto di Gibilterra, le colonne d'Ercole del mondo antico, e la costa nordafricana di Annibale.\r\n\r\nSecrets of Sicily dal 20 al 28 agosto 2024: partenza da Palermo per una circumnavigazione di otto notti dell'isola. Gli scali previsti sono Trapani, vicino alle rovine di Selinunte del VII secolo a.C.; Mazara del Vallo, uno straordinario mix di tutte le culture che hanno lasciato traccia in Sicilia; Porto Empedocle con il sito di Agrigento, patrimonio dell'Unesco, e successivo excursus internazionale nella città fortificata di La Valletta a Malta. La Diana salperà da lì per Siracusa, una delle città più grandi e potenti del mondo antico, Giardini Naxos vicino alla pittoresca Taormina e infine Lipari, la più grande isola delle Eolie, prima di completare questa rara circumnavigazione a Palermo. La crociera fa parte del programma Swan Hellenic’s Maris Culinary Discovery at Sea Series in collaborazione con Jre-Jeunes Restaurateurs, l'organizzazione gastronomica che raggruppa gli chef under 40 che hanno già ottenuto riconoscimenti internazional\r\n\r\nFrom Magna Graecia to Greece dal 28 agosto al 5 settembre. La spedizione parte da Palermo per un viaggio di otto notti nel cuore del Mediterraneo. Si naviga verso le isole vulcaniche di Lipari e Stromboli, per fare successivamente rotta verso Giardini Naxos e Crotone con il suo castello del sedicesimo secolo e il parco archeologico di Capo Colonna. A Seguire Otranto, famosa per il castello aragonese del quindicesimo secolo, la bella cattedrale e le ricche rovine bizantine, e Sarandë, in Albania, amata per le spiagge, la vita notturna e per i numerosi siti antichi Unesco che si trovano nelle vicinanze. La Diana condurrà poi i suoi ospiti nella città di Preveza, in Grecia, all'imbocco del golfo di Azio, vicino alla città imperiale di Nikopolis, che Ottaviano fondò nel 31 a.C. per celebrare la sua vittoria su Antonio e Cleopatra. Itea è il penultimo porto di scalo, a pochi passi dall'antica Delfi, nota per il suo oracolo, prima di concludere il viaggio presso il Pireo, porto di Atene. Questa spedizione è inserita nel programma Explore Space at Sea Series in collaborazione con il Seti Institute e ospiterà Mark Showalter, famoso astronomo planetario, che accompagnerà gli ospiti durante il viaggio. Inoltre, questa crociera fa anche parte della Chopra Explore & Restore Series ,in collaborazione con l'azienda specializzata nel settore della salute integrativa fondata dal dottor Deepak Chopra.\r\n\r\nColors of the Eastern Mediterranean dal 5 al 16 settembre 2024. Si salpa per un'odissea di 11 notti dal Pireo, facendo scalo a Monemvasia, una delle città medievali meglio conservate d'Europa, ad Adama sull'isola vulcanica di Milos, nota per le sue catacombe paleocristiane e per il suo teatro antico, e a Rethymnon a Creta, con vestigia storiche risalenti alle dominazioni di Veneziani e Ottomani fino alla civiltà Minoica. Seguono Mandraki, sulla suggestiva isola di Nisyros, la piccola Symi, con una storia sorprendente per le sue dimensioni, e Rodi, rinomata per il suo Colosso perduto, una delle sette meraviglie del mondo antico, e per la sua Città Vecchia, tutelata dall'Unesco, costruita dai cavalieri di San Giovanni nel quattordicesimo secolo. A seguire, l'isola di Patmos, la cui storia religiosa è legata al libro delle Rivelazioni, seguita da Kusadasi, sulla terraferma turca, che confina con i resti della città romana di Efeso. Tornando all'isola, la Diana farà scalo a Chios, città natale del poeta Omero, e a Mitilene, capoluogo di Lesbo, prima di raggiungere Canakkale, porta dei Dardanelli e nei pressi della antica città di Troia, cantata e resa nell'Iliade di Omero. L'ultimo giorno intero sarà dedicato alla navigazione nei Dardanelli prima dell’approdo a Istanbul, ultima tappa di questa spedizione.\r\n\r\nCultures of the East Mediterranean dal 16 al 24 settembre 2024. La Diana parte da Istanbul per trascorrere otto notti lungo le coste della Grecia e della Turchia verso Cipro. Ci sarà modo di esplorare i segreti di Kavála, nota nell'antichità come Neopolis, la cui cittadella bizantina è oggi circondata dai tortuosi vicoli della città vecchia ottomana. I porti di scalo successivi saranno Salonicco, la seconda città della Grecia moderna, con un'imponente presenza di monumenti di tutte le epoche; Volos, patria del Centauro e luogo di nascita di Giasone e dei suoi Argonauti; Chios, che deve la propria fama a Omero; Kusadasi, con Efeso fondata nell'undicesimo secolo a.C. e l'anfiteatro dove predicò San Paolo. A seguire, Heraklion, attuale capoluogo di Creta e nell’antichità importante centro della civiltà minoica, nota per il palazzo di Cnosso che fu sede, secondo il mito, del labirinto e del Minotauro. Infine Rodi e Limassol, la seconda città per importanza di Cipro, situata tra gli antichi siti di Amathous e Kourion.","post_title":"Swan Hellenic: tutti i dettagli delle quattro crociere mediterranee di fine estate","post_date":"2024-02-28T11:53:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709121214000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462332","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche quest'anno l’Ente Nazionale per il Turismo Thailandese incontra il trade italiano con l’Amazing Thailand Roadshow che farà tappa a Milano, il prossimo 28 febbraio, presso The Westin Palace. Protagonista della giornata sarà l’Associazione Albergatori di Phuket che, con 35 albergatori a rappresentarla, incontrerà gli operatori italiani.\r\n\r\nL’edizione 2024 del roadshow segna un ottimo riscontro di partecipazione: oltre a 35 realtà importanti dell’ospitalità di Phuket, l’evento vedrà la partecipazione di 5 compagnie aeree e 34 tour operator italiani.\r\n\r\n«Il roadshow pone l’accento su esperienze turistiche di qualità in Thailandia, concentrandosi in particolare sulla vasta gamma di prodotti e servizi offerti a Phuket e nelle vicine aree costiere delle Andamane - commenta Sandro Botticelli, marketing manager dell’Ente in Italia -. Siamo sempre molto lieti di riscontrare l’entusiasmo dei seller thailandesi per il mercato italiano. Così come di constatare che la fiducia verso la Thailandia come destinazione autorevole e affidabile cresca con il passare degli anni nell’immaginario dei turisti italiani».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"La Thailandia incontra il trade a Milano il 28 febbraio: focus sull'offerta ricettiva di Phuket","post_date":"2024-02-28T09:15:35+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709111735000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462320","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continua la marcia indietro di Ryanair sulle agenzie online. Infatti  il vettore ha siglato un accordo anche con On the Beach, una delle principali agenzie di viaggi online del Regno Unito. Grazie a ciò sarà autorizzata ad offrire voli e servizi complementari della compagnia aerea irlandese.\r\n\r\nSi impegna a non addebitare prezzi eccessivi, a garantire ai viaggiatori l'accesso diretto al proprio account myRyanair e a fornire l'indirizzo e-mail di ciascun cliente. Questa è la quarta ota a firmare con Ryanair dopo che la compagnia aerea ha bandito tutti gli intermediari turistici.\r\n\r\nDara Brady, portavoce della low cost, sottolinea che “i clienti On the Beach ora possono prenotare voli e servizi complementari all'interno del loro pacchetto vacanza con la garanzia di avere totale trasparenza nel prezzo (senza sovrapprezzi o margini nascosti) e che riceveranno direttamente tutte le informazioni sul loro volo, oltre ad avere accesso alla loro prenotazione tramite il loro account myRyanair.\"\r\n\r\nShaun Morton, amministratore delegato di On the Beach Group, sottolinea che \"questo accordo consente ad entrambe le parti di lasciarsi alle spalle le controversie pendenti\". \"Non vediamo l'ora di lavorare a stretto contatto con il nostro nuovo partner\", osserva.","post_title":"Anche On the Beach, la ota inglese, sigla un accordo con Ryanair","post_date":"2024-02-27T12:28:52+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709036932000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462275","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nove itinerari in India e Nepal per assistere al Maha Kumbh Mela di Allahabad, il 3 febbraio 2025. Li propone Kel 12 per chi vuole partecipare al più grande raduno religioso al mondo, che va in scena ogni 12 anni sulle rive del Gange, in una della quattro città più sacre del paese: un rito antichissimo, uno dei più grandi spettacoli umani che esistano, in cui i fedeli arrivano per purificarsi attraverso il bagno nel fiume; milioni di persone che superano divisioni di casta, religione e provenienza.\r\n\r\n“Niente è come il Maha Kumbh Mela. E per poter vivere questa esperienza, questo viaggio nell’anima più intima e profonda dell’India, abbiamo studiato nove differenti tour che convergeranno tutti ad Allahabad tra il 2 e 3 febbraio - spiega la product manager Kel 12 - Viaggi Levi, Rosanna Locati -. Sette proposte sono già online, mentre altre due sono di prossima uscita e prevedono tour sul Gange a bordo di una barca in esclusiva: viaggi evento nell’evento, con partenza garantita, studiati per poter far scoprire l’anima più autentica e spirituale di questo paese. Ad Allahabad i nostri gruppi, per un totale di 200 persone, avranno la possibilità di sostare per tre giorni in un campo tendato dotato di una tenda-ristorante e di tende con più ambienti, provviste di veri e propri letti, lenzuola, coperte, bagno privato con doccia, veranda ed elettricità. Ogni gruppo manterrà la propria autonomia organizzativa nella gestione delle giornate, tranne che per i momenti dei pasti\".","post_title":"Kel 12: nove itinerari per assistere in India al più grande raduno religioso al mondo","post_date":"2024-02-27T09:25:22+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709025922000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462256","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460009\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Norwegian Dawn al largo di Port Louis (foto di repertorio)[/caption]\r\n\r\nBrutta avventura per i circa 2 mila passeggeri e mille componenti dell'equipaggio della Norwegian Dawn. La nave è stata infatti posta in quarantena al largo delle coste di Mauritius, a causa di una serie di disturbi di stomaco che avrebbero colpito le persone a bordo. Stando a quanto appreso da un giornalista di Usa Today, il timore è che si possa trattare di colera. Lo stop agli sbarchi è stato imposto ieri e dovrebbe essere mantenuto in via precauzionale sino a domani. La Dawn era impegnata in una crociera di 12 giorni tra Cape Town e Port Louis salpata lo scorso 13 febbraio.\r\n\r\n\"Durante il viaggio - si legge in una nota ufficiale Ncl - un piccolo numero di passeggeri ha sperimentato lievi sintomi di mal di stomaco. Durante l'avvicinamento a Port Louis, la direzione della nave ha incontrato le autorità locali per organizzare le misure precauzionali atte ad assicurare la salute di tutti a bordo. A seguito della richiesta ufficialr di una serie di esami addizionali, il governo di Mauritius ha imposto il rinvio degli sbarchi di due giorni, sino al 27 febbraio\".\r\n\r\nNcl sta garantendo ai passeggeri che avrebbero dovuto partire per la crociera successiva, in calendario per lo stesso 25 febbraio, le necessarie sistemazioni alberghiere. Per chi si trova invece ancora a bordo, la compagnia sta gestendo i programmi di viaggio per il rientro a casa dopo lo sbarco.   ","post_title":"La Norwegian Dawn bloccata al largo di Mauritius: timore colera","post_date":"2024-02-26T13:09:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708952965000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462108","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una Parma da scoprire leggendo: sabato 2 e domenica 3 marzo 2024, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma organizza “I like Parma. Un patrimonio da vivere”.\r\n\r\nL’evento, giunto alla sua undicesima edizione, sarà dedicato al territorio e alle opere letterarie di autori parmigiani (e non solo) che lo raccontano. Sono sette i luoghi cardine aperti in via eccezionale per questa edizione: la Chiesa e Convento della Santissima Annunziata; la Sala del Bacio di Palazzo Ducale coi suoi bellissimi affreschi; la Fondazione Bertolucci; il Convitto Maria Luigia; il Torrione Visconteo; la Corale Verdi, infine sarà aperto per la prima volta l’Archivio Storico Comunale, che metterà in mostra importanti documenti: dalla cartografia storica ai cimeli risorgimentali, dalle poesie dialettali alle fotografie della Parma di un tempo. Le visite ai luoghi, saranno anche arricchite da letture di brani letterari dedicati alla città e ai personaggi che ne hanno fatto la storia, da Renzo Pezzani, a Matteo Maria Boiardo, da Attilio Bertolucci, alla corrispondenza tra Cesare Zavattini e Giovannino Guareschi, da Bruno Barilli fino a Fra’ Salimbene.\r\n\r\nGrazie al ricco programma di aperture straordinarie e gratuite di palazzi, chiese e monumenti e percorsi guidati, insieme a mostre e musei visitabili con ingresso speciale per l’occasione, il pubblico potrà immergersi nel patrimonio storico di Parma. Un weekend quindi tra storia, arte e letteratura alla scoperta di luoghi e personaggi raccontati attraverso significative e curiose pagine d’autore. Un’occasione, con “I like Parma”, per scoprire la città dal Medioevo ad oggi: tra scrittori e poeti, sfogliando una storia che si legge come un romanzo. \r\n\r\nNon poteva non ricordare, nella sua “Cronica”, Parma: Fra Salimbene de Adam, è famoso per essere stato uno dei più importanti cronisti medievali nelle case dove oggi si trova il Palazzo Dalla Rosa Prati, a fianco del Battistero dove venne battezzato nel 1221.\r\n\r\nEd è una sorpresa scoprire che poco distante visse il Petrarca. Imboccando Borgo del Correggio, si trova proprio la via a lui dedicata. Parma fu per il poeta luogo privilegiato di ritiro, qui vive per 10 anni dal 1341; qui viene a sapere della morte dell’amata Laura, qui scrive tra le più belle poesie del Canzoniere. Abitava in corrispondenza del civico 9 e sopra il balcone del primo piano è visibile ancora oggi una lapide con un piccolo busto.\r\n\r\nProseguendo alla scoperta di Parma, di poeta in poeta, con un salto cronologico di 5 secoli ci si ritrova in Oltretorrente, attraversando il torrente Parma dal Ponte di Mezzo alla scoperta di Renzo Pezzani, che ha scritto volumi di letture per bambini e per le scuole elementari, poesie in lingua e in dialetto parmigiano, testi per opere musicali.\r\n\r\nMa Parma è anche protagonista della vita letteraria e culturale del Novecento italiano. \r\n\r\n“Nel cuore di Parma c'è un palcoscenico\", così amava ripetere Alberto Bevilacqua a proposito della sua città natale, fonte inesauribile di ispirazione per la sua produzione letteraria e cinematografica. Autore di romanzi, poeta, regista, molti dei suoi libri sono ambientati a Parma. \r\n\r\nUn inviato molto speciale è stato Luca Goldoni, giornalista e scrittore, una carriera da grande viaggiatore e acuto osservatore di costume. E tra i molti personaggi di cui si appassionò, un posto speciale lo riservò alla sua concittadina Maria Luigia d’Austria, duchessa e moglie di Napoleone\r\n\r\nUno dei maggiori poeti italiani del ‘900 e figura centrale nella tradizione letteraria della città, è stato Attilio Bertolucci (padre dei registi Giuseppe e Bernardo), e spesso Parma ed il parmense sono fonte di ispirazione, come la casa, dove amava rifugiarsi con la famiglia.\r\n\r\nBertolucci fu grande amico di Cesare Zavattini (una delle figure più significative del secolo, cui si devono libri come “I poveri sono matti”, “Io sono il diavolo” e film indimenticabili come “Sciuscià” e “Ladri di biciclette”) e che, nonostante i natali in quel di Luzzara vicino a Reggio Emilia, fu molto legato alla città ducale dove strinse anche un profondo rapporto di amicizia con Giovannino Guareschi.\r\n\r\nGuareschi porta alla scoperta della Bassa parmense, patria dello scrittore e giornalista, papà di Don Camillo e Peppone e proprio qui ha ambientato il “Mondo piccolo” di quei racconti inseriti in quella “fettaccia di terra che sta tra il Po e l’Appennino”.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I Like Parma, dal 2 al 3 marzo itinerari alla scoperta del territorio e degli autori","post_date":"2024-02-23T10:23:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708683789000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti