16 October 2021

Genova, New York e Cina, tre mostre dedicate a Gaetano Pesce grande designer italiano

[ 0 ]

Dal 24 settembre fino al 9 gennaio 2022 Il Museo di Villa Croce di Genova dedica una grande esposizione a Gaetano Pesce, uno dei maestri del design e architettura contemporanea, internazionalmente celebrato . Artista, architetto scultore e designer, spezzino di nascita ma ormai stabilmente a New York, dove vive dal 1980, Pesce si è sempre contraddistinto come autore eccentrico ed ecclettico, espressione dell’ala più innovativa e radicale dell’Italian Design degli anni ’60. 

Le sue opere sono pezzi unici, con una propria individualità che li distingue l’uno dall’altro perché, secondo Pesce “ La democrazia deve garantire e proteggere la diversità, non l’uguaglianza”. La variazione e la pluridisciplinarietà sono gli elementi fondamentali del suo modo di procedere e del suo fare arte, un arte che vuole essere “attiva” per portare un cambio positivo nella società contemporanea. 

La mostra intreccia sui i due piani della villa lavori storici e rivisitati, come l’iconica poltrona Up5&6 che si impone nello spazio che accoglie i visitatori al piano terra, con le sue forme antropomorfe ingigantite da dea della fertilità che, nello stesso tempo, denunciano la condizione della donna, ancora oggi vittima di violenze, o Moloch del 1972, una versione macro della celebre lampada da tavolo L1, nata nel 1937 grazie al designer Jacob Jacobsen, con i lavori più recenti come le Pelli (Industrial Skin) in resina sottile come uno strato di epidermide, appesi al soffitto della grande stanza decorata al primo piano, i Vasi, che sembrano sciogliersi come cera colorata fusa, i tavoli e le sedie, alcune come la serie Pratt chair iniziate già negli anni ‘80 e le lampade, il Pulcinella e la Donna applique di papier maché ricoperto di resina poliuretanica. 

Il progetto non si conclude negli spazi chiusi del museo ma esplode all’esterno, con quattro sculture fuori scala che punteggiano il centro della città: si parte da piazza Fontane Marose con la Maestà tradita per giungere a Piazza De Ferrari dove si impone la Up di stracci gigante a cui fa eco la Sedia Portaritratti in piazza Matteotti. Il percorso si conclude nuovamente a Villa Croce dove, nel parco, di fronte al nuovo profilo del waterfront in piena trasformazione, domina una scultura totalmente inedita, La Crocefissione della manualità, realizzata da Pesce nel 2020, durante il periodo del lockdown ed esposta per la prima volta in occasione della mostra di Genova. 

Le sue opere sono parte delle collezioni di prestigiosi musei nazionali e internazionali come il Triennale Design Museum di Milano, il MoMa di New York, il Victoria e Albert Museum di Londra, il Centre Pompidou di Pargi, il Canadian Center for Architecture in Montreal e il  Metropolitan Museum in New York.

Questo anno, a pochi giorni dall’inaugurazione della mostra di Genova, Il Design Society di Shezen in Cina e la galleria Salon94, a New York, gli dedicheranno un’ampia retrospettiva. 

 

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti