28 September 2022

Folgaria: “Sciare skitest” consumer 2017/18 fio al 19 marzo

[ 0 ]

gruppo_consumer_skitest_sciareDa oggi al 19 marzo a Folgaria andranno in scena le prove degli sci 2017/2018 dedicate ai lettori di Sciare.
A disposizione gli sci race Carve gigante, slalom, pista All Mountain Armada, Atomic, Blizzard, Blossom, Dynastar, Duel, Elan, Fischer, Head, K2, Nordica, Pirelli, Rossignol, Salomon, Völkl, Wedze. Si ripete la positiva esperienza dell’anno scorso, a Folgaria sulle piste del comprensorio Alpe Cimbra.
La formula, ormai collaudata di questo test prevede la suddivisione dei testatori in gruppi con un massimo di 10 sciatori guidati da un testatore professionista della rivista. Si potranno provare i nuovi modelli delle categorie “race carve gs” “race carve sl” e gli ”all mountanin” (pista e fuoripista). Ogni giorno dalle 9.00 alle 13.00 ogni gruppo proverà una categoria, con il capogruppo che darà tutti i consigli per poter sfruttare al meglio lo sci e migliorare la propria tecnica. Al termine delle prove sulla neve ci si fermerà in quota per un caratteristico pranzo nei vari rifugi dell’Alpe Cimbra. Il pomeriggio sono previsti seminari tecnici e di approfondimento oltre che incontri con le aziende ed esperti. Ovviamente non mancheranno momenti conviviali e di divertimento perché i Test Consumer sono la festa dello sci e degli sciatori. Presente anche l’Associazione e Scuola Italiana Skiman che oltre a garantire la sempre puntuale assistenza ai box, si renderà protagonista di alcune lezioni sulla preparazione degli sci. La base logistica di Sciare Skitest Consumer è alla partenza della seggiovia della pista Salizzona a Fondo Grande. Per Sciare Skitest Consumer www.sciarecampus.it




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430998 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Solo pesce fresco dell'Alaska, certificato e sostenibile. Holland America Line è la prima e unica compagnia di crociera ad aver ricevuto il bollino Responsible fisheries management (Rfm). Lo rivela un comunicato Gioco Viaggi, gsa in Italia del brand parte del gruppo Carnival. L'Rfm è un programma che certifica la pesca in mare aperto ed è in linea con il Codice di condotta per la pesca responsabile della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni unite per l'alimentazione e l'agricoltura: una eco-etichetta viene applicata su ogni esemplare pescato in Alaska e ne certifica l’origine e l'intero percorso e processo di lavorazione alimentare, dal pescatore al piatto servito a bordo della nave. Il riconoscimento è stato assegnato a tutte e sei le navi della compagnia che operano in Alaska (Eurodam, Koningsdam, Nieuw Amsterdam, Noordam, Westerdam e Zuiderdam) L'annuncio della certificazione Rfm arriva peraltro sulla scia della nuova partnership di Holland America Line con l'Alaska Seafood Marketing Institute (Asmi): entrambi condividono infatti l’impegno di servire pesce dell'Alaska, di provenienza sostenibile. Inoltre la compagnia ha recentemente presentato nuovi piatti di pesce sviluppati da chef Ethan Stowell dell’Holland America’s Culinary Council e Asmi, che vengono servite nei ristoranti delle sei unità attive in Alaska. A bordo gli ospiti potranno per esempio assaporare un panino con merluzzo dell'Alaska fritto, aioli e cavolo, una cotoletta di salmone dell'Alaska con cetriolo, pomodoro, avocado, pancetta e fagioli verdi, nonché un halibut in crosta di finocchio con carciofi e olive taggiasche. [post_title] => Sulle navi Holland America si serve solo pesce fresco dell'Alaska sostenibile. Lo certifica Rfm [post_date] => 2022-09-23T10:07:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663927677000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Siamo arrivati al punto che anche Confindustria di Carlo Bonomi inizia a lodare il turismo. Lo studio dell'Ufficio studi di Confindustria parte con le note negative. Se il caro gas dovesse persistere anche nel 2023 in Italia sarebbero a rischio fino a 582 mila posti di lavoro.  In dettaglio, si afferma, sono state condotte due simulazioni econometriche per il prezzo del gas che rimanga fino a fine 2023. Tuttavia, fa notare l'Ufficio studi di Confindustria, rientrano i prezzi di varie commodity. Perché è più fiacca l'economia mondiale. L'Italia, invece, resiste grazie a più mobilità e turismo e alla crescita (minore) delle costruzioni. Recupero Gli indicatori qualitativi, prosegue Confindustria, sono "peggiorati". In agosto il Pmi è sceso ancora più in territorio negativo (48,0), segnalando recessione. Anche i giudizi sugli ordini Istat sono in flessione, anticipando minor domanda. La fiducia delle imprese ha subito un ulteriore calo, su livelli ridotti. Però il recupero del turismo in Italia sostiene anche l'industria. La spesa dei viaggiatori stranieri ha ormai azzerato il gap dal pre-Covid: -0,9% a giugno (era -21% in aprile). La maggiore spesa per servizi (+5,3% nel secondo trimestre, ma ancora -4,5% il gap) ha trainato i consumi, soprattutto acquisti fuori casa, grazie alla fine delle restrizioni. [post_title] => Confindustria: il recupero del turismo sostiene anche l'industria [post_date] => 2022-09-19T10:52:55+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663584775000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430571 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo importante riconoscimento green per il gruppo Delphina. La brand manager della compagnia, Elena Muntoni, ha infatti ricevuto il premio speciale per l'impegno ambientale, in occasione della cerimonia di consegna dei Norn Awards: il riconoscimento internazionale per le imprese e i professionisti ad alto tasso di innovazione, il cui evento finale si è svolto per la prima volta in Italia, al Grand Hotel Parco dei Principi di Roma. Elena Muntoni è stata così l'unica italiana nel mondo del turismo a ricevere il premio insieme a Wee Wei Ling, executive director del gruppo alberghiero internazionale Pan Pacific Hotels Group, al presidente di Gulf Craft, Mohammed AlShaali, e ad aziende come Booking, Turkish Airlines e Wizz Air. Tra le altre imprese a ricevere il riconoscimento per i leader globali dell’innovazione e della sostenibilità anche Asus, Audi, Cisco, Hitachi e Volvo Penta. "Per l’impegno concreto nel preservare la natura unica della Sardegna e averne fatto una risorsa primaria per offrire una vacanza sempre più ecosostenibile alla scoperta delle tradizioni e della cucina genuina dell’isola nel rispetto del protocollo We are green - recita la motivazione della giuria -: Delphina hotels & resorts è la prima catena alberghiera italiana a utilizzare energia 100% verde certificata proveniente da fonti rinnovabili." “Questo riconoscimento ci riempie di orgoglio - commenta quindi Elena Muntoni -. La strada intrapresa 30 anni fa si è dimostrata visionaria e giusta; continuiamo a seguirla con sempre più importanti azioni volte alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente e della natura che ci accoglie. Negli ultimi cinque anni abbiamo risparmiato 16.918 tonnellate di Co2, l’equivalente della Co2 assorbita da 119.612 alberi in un anno intero; portiamo avanti importanti politiche nella limitazione dell’uso della plastica, come l’eliminazione delle bottiglie di plastica per tutti i collaboratori Delphina a favore di una borraccia da ricaricare nelle fontanelle, con un risparmio di 68.700 bottiglie all'anno. Abbiamo investito nella mobilità sostenibile con veicoli elettrici per lo spostamento degli ospiti all’interno dei resort e con colonnine di ricarica per le auto elettriche; utilizziamo prodotti certificati eco-bio e privi di parabeni nella linea cortesia e nei centri thalasso & spa, oltre a sensibilizzare collaboratori, partner e ospiti per un uso consapevole dei detergenti e per diminuire il consumo di acqua, risorsa preziosa soprattutto nelle isole. Siamo sicuri che fare turismo rispettando l’ambiente sia uno dei modi per creare valore". [post_title] => A Elena Muntoni di Delphina il premio speciale per la sostenibilità dei Norn Awards [post_date] => 2022-09-16T10:08:46+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663322926000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio ai vertici di Bwh Hotel Group Italia. A partire dal prossimo ottobre Giovanna Manzi lascerà infatti la guida del gruppo per un prestigioso incarico e un nuovo percorso professionale. Nuova chief executive officer sarà quindi Sara Digiesi, mentre Gianmarco Ricci diventerà chief financial & operating officer.  Già chief marketing officer e chief sustainability officer del gruppo, Sara Digiesi fin dal suo ingresso in azienda in qualità di responsabile marketing ha assunto la guida di diverse funzioni: dalle attività promozionali alle vendite alla distribuzione, dall’innovazione alla strategia, sviluppando da sempre i temi della sostenibilità. La sua crescita si è nel tempo consolidata anche in comitati e contesti internazionali. Oggi rappresenta l’intero gruppo Bwh Hotel Group a livello globale nel Sustainability leadership council di Gbta, come unica rappresentante italiana, e nel Planet committee della Sustainable hospitality alliance. “Sono onorata del nuovo incarico, ringrazio il presidente Walter Marcheselli, i vicepresidenti Luca Boccato e Giovanni Simonetto, l’intero consiglio di amministrazione per la fiducia unanime - commenta Sara Digiesi - Sono inoltre grata a Giovanna Manzi per avermi scelta al suo fianco e aver accompagnato la mia crescita, sfida dopo sfida, con insegnamenti e opportunità, anche nei contesti globali. Un ulteriore pensiero speciale di gratitudine e stima va a ciascuno dei colleghi con cui ho lavorato negli anni, tra cui Gianmarco con cui avrò il privilegio di procedere. I successi che hanno permesso la mia nomina oggi sono frutto di talento e lavoro di squadra. Lo stesso spirito sarà indispensabile per il prosieguo del percorso che costruiremo, dedicando ai nostri soci, al loro staff, ai partner e agli ospiti che ci scelgono energia e passione”. Gianmarco Ricci, già cfo del gruppo, amplia perciò le proprie responsabilità con la guida delle operations. Riferimento del consiglio di amministrazione per la governance della cooperativa e il suo assetto finanziario è stato braccio destro di Giovanna Manzi e protagonista dell’evoluzione di Bwh, assicurando stabilità delle dinamiche finanziarie e della governance. “Sono grato a Giovanna Manzi per avere costruito una squadra valida e pronta a guardare in alto con obiettivi sempre nuovi – sottolinea lo stesso Ricci - Confido nel fatto che con Sara sapremo affrontare le nuove sfide e disegnare nuovi percorsi e sono certo di poter dare un contributo determinante nei miei nuovi ambiti di responsabilità". “Lasciare dopo Bwh dopo quasi 19 anni è difficilissimo - conclude infine proprio Giovanna Manzi - Il lavoro però non è come una relazione d’amore: occorre lasciarsi all’apice della carriera e, ove possibile, con una legacy duratura. Dopo aver traghettato l’azienda fuori dalla pandemia, con una previsione di chiusura di anno appena inferiore al 2019 e aver ottenuto prestigiosi riconoscimenti personali e aziendali, oggi per me è il momento di lasciare per testimoniare ciò che da sempre affermo: occorre scegliere sul desiderio e non sulla necessità, testimoniando in prima persona che bisogna essere il cambiamento che si vuole vedere negli altri. Sara e Gianmarco, insieme, sapranno portare avanti un sogno e un progetto che ha ancora moltissime potenzialità”. [post_title] => Sara Digiesi nuovo ceo di Bwh Italia; Gianmarco Ricci assume la guida delle operations [post_date] => 2022-09-16T09:46:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663321593000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430285 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo grido d'allarme da parte delle associazioni di categoria dell'industria dei viaggi, comprensibilmente preoccupate per una congiuntura che rischia di assommare a breve gli effetti di tre variabili potenzialmente dirompenti: i costi energetici fuori controllo, il contesto geopolitico instabile e la situazione politica di stallo. “Il turismo nazionale e internazionale – afferma Enzo Carella, paresidente di FederTerziario Turismo - continua a mostrare segni di una ripresa costante dall'impatto della pandemia, nonostante le crescenti sfide economiche e geopolitiche che minacciano di far precipitare la filiera del turismo in una crisi strutturale senza precedenti. Da un lato il turismo nazionale ha visto un forte rimbalzo negli ultimi quattro mesi, segnando risultati in linea o superiori al pari periodo del 2019. Dall’altro, però, costi energetici fuori controllo, prezzi delle materie prime alle stelle e situazione politica in stallo rischiano di aggravare irrimediabilmente la salute di imprese che avevano appena assaporato una ventata di ripresa. In questo contesto, complice l’imminente tornata elettorale del 25 settembre, molti imprenditori hanno deciso di sospendere la propria attività o di chiudere anticipatamente la stagione estiva per limitare i costi, con un grave danno per imprese, territori e lavoratori”. Autunno e inverno alle porte si presentano quindi ricchi di incognite, con molte destinazioni che rischiano di fare i conti con impianti di risalita fermi, innevamento artificiale sospeso e strutture alberghiere chiuse. Allo stato attuale, il potenziale di perdite per il comparto turistico, generato dall’innalzamento dei costi energetici e dall’inflazione, diventa insostenibile, mettendo a rischio un’intera filiera e migliaia di lavoratori. “Alcuni temi sono diventati improrogabili – prosegue Carella -. Se non affrontati immediatamente, rischiano di provocare uno smottamento insostenibile per la filiera e per l'intera economia italiana che ha beneficiato di un bonus di entusiasmo estivo. L'industria turistica deve poter esprimere la propria forza per 12 mesi all’anno e in tutti i territori. In un panorama complicato come quello che si intravede, stridono gli annunci trionfalistici che parlano di stagione record. Siamo tutti felici per gli ottimi segnali riscontrati in estate; siamo altrettanto preoccupati per le nubi all'orizzonte e per i conti economici delle imprese. Ora l'agenda politica non dimentichi che abbiamo bisogno di un ministero del Turismo forte, animato da risorse competenti, in grado di riprendere il filo dei dossier abbozzati e interrotti: energia, riduzione del cuneo fiscale, agenda digitale, qualificazione delle strutture alberghiere sono solo alcuni dei temi che non possono essere sacrificati sull'altare degli equilibrismi politici”. Le imprese del comparto turistico, per competere stabilmente nei mercati internazionali, hanno bisogno di risorse qualificate in grado di erogare servizi di eccellenza e rafforzare il posizionamento dell'industria turistica italiana. “La stagione estiva appena conclusa – conclude Carella - ha evidenziato da debolezza di un sistema che necessita di interventi strutturali in ambito formativo e sul fronte dei contratti di lavoro. La competitività delle imprese turistiche dovrà passare anche per un riequilibrio delle competenze Stato – regioni e per un piano strategico di sviluppo che contempli il contributo di tutte le professionalità della filiera, spesso dimenticate”. [post_title] => Federterziario Turismo: inverno a rischio; stridono i trionfalismi sull'estate [post_date] => 2022-09-12T11:20:41+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662981641000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430280 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Adler raddoppia in Ecoluxury Retreats e dopo il resort siciliano di Siculiana porta nella collezione green dei Viaggi dell'Elefante anche il Lodge Ritten di Soprabolzano. Situato nell’altipiano del Renon, con vista spettacolare sulle Dolomiti, l’Adler Lodge Ritten è stato ideato secondo i più moderni criteri di bio-edilizia e costruito con materiali naturali autoctoni. Secondo il concept della “foresta”, si fonde perfettamente con il paesaggio circostante, sfruttando la naturale pendenza del terreno. “Siamo molto contenti di avere nella nostra collection anche l’Adler Lodge Ritten, una struttura che rispecchia perfettamente la particolare attenzione della famiglia Sanoner per l’ambiente - sottolinea Enrico Ducrot, ceo di Ecoluxury e a.d. dei Viaggi dell’Elefante -. Volevano costruire un rifugio che si nascondesse nel bosco e sono riusciti a creare un luogo incantevole di grande comfort, dove è possibile rilassarsi in un ambiente familiare, elegante e discreto. Con il Lodge Ritten ampliamo la nostra offerta includendo i suggestivi paesaggi alpini del Trentino-Alto Adige, una delle regioni più attente alle buone pratiche di turismo sostenibile". Il main lodge si sviluppa in particolare su tre piani e comprende l’area wellness con la spa al piano terra, la reception e la zona lounge al piano superiore e, all’ultimo piano, il suggestivo ristorante panoramico con tetto vetrato, per cenare sotto le stelle. Due strutture vicine ospitano poi 20 junior suite e una Panorama, tutte dotate di biosauna e ampi balconi. Intorno a un laghetto naturale sorgono poi alcuni dei 20 chalet dotati di grandi vetrate, sauna e caminetto compresi nel complesso. A disposizione degli ospiti anche l’esclusiva Forest spa, un'ulteriore area benessere costruita nel bosco, con sauna finlandese, biosauna aromatica e una saletta relax. L’Adler Ritten e l’Adler Resort & Spa Sicilia saranno presenti all’Ecoluxury Fair, in programma dal 10 al 12 novembre a Roma, presso Palazzo Taverna.   [post_title] => Un altro Adler in Ecoluxury Retreats che accoglie il Lodge Ritten di Soprabolzano [post_date] => 2022-09-12T10:31:29+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662978689000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430123 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inaugura a Roma, al sesto piano dello storico 5 stelle Aleph hotel, l'Organics Skygarden, secondo locale biologico firmato Red Bull in Italia, dopo la terrazza al tredicesimo piano dell'Hyatt Centric Milan Centrale. Location amata da romani e dal jet set internazionale, il rooftop rappresenta l’anima più autentica delle terrazze capitoline incorniciata da una scenografica piscina a sfioro dove vivere momenti di relax e svago. Lo stile è contemporaneo e ricercato, caratterizzato da un design essenziale e da colori neutri. Ampia l’offerta dei signature cocktail a opera di Daniele Gentili, mixologist di punta che, insieme al bartender Lorenzo Politano, crea drink unici e innovativi dall’equilibrio perfetto, miscelati con i soft drink The Organics by Red Bull, le bevande bio con ingredienti di origine naturale al 100%. Ad accompagnare i cocktail, vengono serviti piatti della tradizione italiana reinterpretati in chiave contemporanea dallo chef Carmine Buonanno: sapori mediterranei, materie prime d’eccellenza abbinate al pragmatismo anglosassone e al food design più creativo. All’ora dell’aperitivo, dal mercoledì al sabato, la terrazza propone dj set che scalda l’ambiente con musicalità contemporanee in un mix di suoni e ritmi tradizionali contaminati da sonorità innovative. [post_title] => Apre all'Aleph di Roma il secondo Organics Skygarden by Red Bull in Italia [post_date] => 2022-09-08T09:41:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662630107000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Occorre introdurre al più presto al prezzo del gas, altrimenti si rischia di compromettere la stagione neve e rendere vani i buoni risultati dell'estate. Non si può aspettare il nuovo governo. E il credito d'imposta da solo non basta. A lanciare l'allarme è Graziano Debellini, intervistato da Andkronos/Labitalia. I tempi del turismo invernale, sottolinea il presidente di Th Resorts, non possono infatti attendere. A novembre, quando verosimilmente si insedierà il nuovo governo, le prenotazioni sono già state fatte. Ma le imprese non possono prendere impegni nella situazione di incertezza che stiamo vivendo. Una delle questioni più delicate è in particolare quella degli impianti di risalita. C'è infatti la reale preoccupazione che qualcuno possa decidere di non aprire a causa del caro bollette. E senza la possibilità di sciare, gli hotel di montagna non sono nelle condizioni di lavorare. A consolare la compagnia con sede a Padova sono comunque per ora i dati dell'estate. Durante la stagione calda Th Resorts ha registrato un giro d'affari superiore del 42% rispetto ai risultati del 2019. E si tratta di un dato ancora provvisorio, che non include l'ultimo mese dell'estate.   [post_title] => Debellini, Th: serve un tetto al prezzo del gas. E bisogna fare presto [post_date] => 2022-09-06T12:27:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662467224000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429924 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vacanze di fine estate pensando alla Natura, ai Vini, ai Mercatini di Natale e al Capodanno. Per Nicko Cruises è tempo di programmazioni ma anche di iniziative di co-marketing con alcune agenzie del territorio per proporre tour personalizzati.  Ancora una volta la compagnia ha scelto l’agenzia genovese Superba Viaggi – All That World per poter supportare maggiormente la pianificazione autunnale ed invernale. «La collaborazione con le agenzie è fondamentale – commenta Salvatore Obino che rappresenta in Italia Nicko Cruises – si tratta infatti di supportare gli agenti che sono gli unici referenti sul mercato.  Il rapporto avviato con La Superba dimostra l’attenzione verso un prodotto che offre alle adv ampi margini di crescita”. Nicko Cruises per le crociere fluviali post estate e autunnali privilegia i motivi tematici, dai Fiori ai Vini, fino ai mercatini di Natale e alle Feste di Fine Anno.Tra le proposte le Crociere della Floriade, alla scoperta della più importante esposizione internazionale decennale del verde: dai fiori all’architettura bio: 4 giorni a partire da settembre, Colonia-Amsterdam Colonia, con mn Rhein Symphonie , replicabile nell'ultima crociera utile (la mostra termina il prox 9 ottobre e poi non si terrà più per altri 10 anni) di 7 giorni con mn Nicko Spirit, 26 sett.-3 ott., Francoforte-Amsterdam-Francoforte; - crociere 7 gg dei vini, su Reno-Mosella da Colonia o Francoforte, da € 949; Rodano da Lione da € 749 p.p., Douro da Porto, da € 599 p.p.; - 29 mini-crociere 3-5 gg dei mercatini di Natale su Reno, Canale Meno-Danubio e Danubio, da € 299; - 10 crociere di Natale e Capodanno su Reno, canale Meno-Danubio e Danubio, da € 679 p.p.   [post_title] => Nicko Cruises, it’s “time to discover” per le crociere fluviali autunnali, di Natale e Capodanno [post_date] => 2022-09-05T12:20:56+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662380456000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "folgaria sciare skitest consumer 201718 fio al 19 marzo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":61,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":331,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430998","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Solo pesce fresco dell'Alaska, certificato e sostenibile. Holland America Line è la prima e unica compagnia di crociera ad aver ricevuto il bollino Responsible fisheries management (Rfm). Lo rivela un comunicato Gioco Viaggi, gsa in Italia del brand parte del gruppo Carnival. L'Rfm è un programma che certifica la pesca in mare aperto ed è in linea con il Codice di condotta per la pesca responsabile della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni unite per l'alimentazione e l'agricoltura: una eco-etichetta viene applicata su ogni esemplare pescato in Alaska e ne certifica l’origine e l'intero percorso e processo di lavorazione alimentare, dal pescatore al piatto servito a bordo della nave. Il riconoscimento è stato assegnato a tutte e sei le navi della compagnia che operano in Alaska (Eurodam, Koningsdam, Nieuw Amsterdam, Noordam, Westerdam e Zuiderdam)\r\n\r\nL'annuncio della certificazione Rfm arriva peraltro sulla scia della nuova partnership di Holland America Line con l'Alaska Seafood Marketing Institute (Asmi): entrambi condividono infatti l’impegno di servire pesce dell'Alaska, di provenienza sostenibile. Inoltre la compagnia ha recentemente presentato nuovi piatti di pesce sviluppati da chef Ethan Stowell dell’Holland America’s Culinary Council e Asmi, che vengono servite nei ristoranti delle sei unità attive in Alaska. A bordo gli ospiti potranno per esempio assaporare un panino con merluzzo dell'Alaska fritto, aioli e cavolo, una cotoletta di salmone dell'Alaska con cetriolo, pomodoro, avocado, pancetta e fagioli verdi, nonché un halibut in crosta di finocchio con carciofi e olive taggiasche.","post_title":"Sulle navi Holland America si serve solo pesce fresco dell'Alaska sostenibile. Lo certifica Rfm","post_date":"2022-09-23T10:07:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663927677000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Siamo arrivati al punto che anche Confindustria di Carlo Bonomi inizia a lodare il turismo. Lo studio dell'Ufficio studi di Confindustria parte con le note negative. Se il caro gas dovesse persistere anche nel 2023 in Italia sarebbero a rischio fino a 582 mila posti di lavoro.  In dettaglio, si afferma, sono state condotte due simulazioni econometriche per il prezzo del gas che rimanga fino a fine 2023.\r\n\r\nTuttavia, fa notare l'Ufficio studi di Confindustria, rientrano i prezzi di varie commodity. Perché è più fiacca l'economia mondiale. L'Italia, invece, resiste grazie a più mobilità e turismo e alla crescita (minore) delle costruzioni.\r\nRecupero\r\nGli indicatori qualitativi, prosegue Confindustria, sono \"peggiorati\". In agosto il Pmi è sceso ancora più in territorio negativo (48,0), segnalando recessione. Anche i giudizi sugli ordini Istat sono in flessione, anticipando minor domanda. La fiducia delle imprese ha subito un ulteriore calo, su livelli ridotti.\r\n\r\nPerò il recupero del turismo in Italia sostiene anche l'industria. La spesa dei viaggiatori stranieri ha ormai azzerato il gap dal pre-Covid: -0,9% a giugno (era -21% in aprile). La maggiore spesa per servizi (+5,3% nel secondo trimestre, ma ancora -4,5% il gap) ha trainato i consumi, soprattutto acquisti fuori casa, grazie alla fine delle restrizioni.","post_title":"Confindustria: il recupero del turismo sostiene anche l'industria","post_date":"2022-09-19T10:52:55+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1663584775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430571","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo importante riconoscimento green per il gruppo Delphina. La brand manager della compagnia, Elena Muntoni, ha infatti ricevuto il premio speciale per l'impegno ambientale, in occasione della cerimonia di consegna dei Norn Awards: il riconoscimento internazionale per le imprese e i professionisti ad alto tasso di innovazione, il cui evento finale si è svolto per la prima volta in Italia, al Grand Hotel Parco dei Principi di Roma.\r\n\r\nElena Muntoni è stata così l'unica italiana nel mondo del turismo a ricevere il premio insieme a Wee Wei Ling, executive director del gruppo alberghiero internazionale Pan Pacific Hotels Group, al presidente di Gulf Craft, Mohammed AlShaali, e ad aziende come Booking, Turkish Airlines e Wizz Air. Tra le altre imprese a ricevere il riconoscimento per i leader globali dell’innovazione e della sostenibilità anche Asus, Audi, Cisco, Hitachi e Volvo Penta.\r\n\r\n\"Per l’impegno concreto nel preservare la natura unica della Sardegna e averne fatto una risorsa primaria per offrire una vacanza sempre più ecosostenibile alla scoperta delle tradizioni e della cucina genuina dell’isola nel rispetto del protocollo We are green - recita la motivazione della giuria -: Delphina hotels & resorts è la prima catena alberghiera italiana a utilizzare energia 100% verde certificata proveniente da fonti rinnovabili.\"\r\n\r\n“Questo riconoscimento ci riempie di orgoglio - commenta quindi Elena Muntoni -. La strada intrapresa 30 anni fa si è dimostrata visionaria e giusta; continuiamo a seguirla con sempre più importanti azioni volte alla sostenibilità e al rispetto dell’ambiente e della natura che ci accoglie. Negli ultimi cinque anni abbiamo risparmiato 16.918 tonnellate di Co2, l’equivalente della Co2 assorbita da 119.612 alberi in un anno intero; portiamo avanti importanti politiche nella limitazione dell’uso della plastica, come l’eliminazione delle bottiglie di plastica per tutti i collaboratori Delphina a favore di una borraccia da ricaricare nelle fontanelle, con un risparmio di 68.700 bottiglie all'anno. Abbiamo investito nella mobilità sostenibile con veicoli elettrici per lo spostamento degli ospiti all’interno dei resort e con colonnine di ricarica per le auto elettriche; utilizziamo prodotti certificati eco-bio e privi di parabeni nella linea cortesia e nei centri thalasso & spa, oltre a sensibilizzare collaboratori, partner e ospiti per un uso consapevole dei detergenti e per diminuire il consumo di acqua, risorsa preziosa soprattutto nelle isole. Siamo sicuri che fare turismo rispettando l’ambiente sia uno dei modi per creare valore\".","post_title":"A Elena Muntoni di Delphina il premio speciale per la sostenibilità dei Norn Awards","post_date":"2022-09-16T10:08:46+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663322926000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio ai vertici di Bwh Hotel Group Italia. A partire dal prossimo ottobre Giovanna Manzi lascerà infatti la guida del gruppo per un prestigioso incarico e un nuovo percorso professionale. Nuova chief executive officer sarà quindi Sara Digiesi, mentre Gianmarco Ricci diventerà chief financial & operating officer. \r\n\r\nGià chief marketing officer e chief sustainability officer del gruppo, Sara Digiesi fin dal suo ingresso in azienda in qualità di responsabile marketing ha assunto la guida di diverse funzioni: dalle attività promozionali alle vendite alla distribuzione, dall’innovazione alla strategia, sviluppando da sempre i temi della sostenibilità. La sua crescita si è nel tempo consolidata anche in comitati e contesti internazionali. Oggi rappresenta l’intero gruppo Bwh Hotel Group a livello globale nel Sustainability leadership council di Gbta, come unica rappresentante italiana, e nel Planet committee della Sustainable hospitality alliance. “Sono onorata del nuovo incarico, ringrazio il presidente Walter Marcheselli, i vicepresidenti Luca Boccato e Giovanni Simonetto, l’intero consiglio di amministrazione per la fiducia unanime - commenta Sara Digiesi - Sono inoltre grata a Giovanna Manzi per avermi scelta al suo fianco e aver accompagnato la mia crescita, sfida dopo sfida, con insegnamenti e opportunità, anche nei contesti globali. Un ulteriore pensiero speciale di gratitudine e stima va a ciascuno dei colleghi con cui ho lavorato negli anni, tra cui Gianmarco con cui avrò il privilegio di procedere. I successi che hanno permesso la mia nomina oggi sono frutto di talento e lavoro di squadra. Lo stesso spirito sarà indispensabile per il prosieguo del percorso che costruiremo, dedicando ai nostri soci, al loro staff, ai partner e agli ospiti che ci scelgono energia e passione”.\r\n\r\nGianmarco Ricci, già cfo del gruppo, amplia perciò le proprie responsabilità con la guida delle operations. Riferimento del consiglio di amministrazione per la governance della cooperativa e il suo assetto finanziario è stato braccio destro di Giovanna Manzi e protagonista dell’evoluzione di Bwh, assicurando stabilità delle dinamiche finanziarie e della governance. “Sono grato a Giovanna Manzi per avere costruito una squadra valida e pronta a guardare in alto con obiettivi sempre nuovi – sottolinea lo stesso Ricci - Confido nel fatto che con Sara sapremo affrontare le nuove sfide e disegnare nuovi percorsi e sono certo di poter dare un contributo determinante nei miei nuovi ambiti di responsabilità\".\r\n\r\n“Lasciare dopo Bwh dopo quasi 19 anni è difficilissimo - conclude infine proprio Giovanna Manzi - Il lavoro però non è come una relazione d’amore: occorre lasciarsi all’apice della carriera e, ove possibile, con una legacy duratura. Dopo aver traghettato l’azienda fuori dalla pandemia, con una previsione di chiusura di anno appena inferiore al 2019 e aver ottenuto prestigiosi riconoscimenti personali e aziendali, oggi per me è il momento di lasciare per testimoniare ciò che da sempre affermo: occorre scegliere sul desiderio e non sulla necessità, testimoniando in prima persona che bisogna essere il cambiamento che si vuole vedere negli altri. Sara e Gianmarco, insieme, sapranno portare avanti un sogno e un progetto che ha ancora moltissime potenzialità”.","post_title":"Sara Digiesi nuovo ceo di Bwh Italia; Gianmarco Ricci assume la guida delle operations","post_date":"2022-09-16T09:46:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663321593000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430285","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo grido d'allarme da parte delle associazioni di categoria dell'industria dei viaggi, comprensibilmente preoccupate per una congiuntura che rischia di assommare a breve gli effetti di tre variabili potenzialmente dirompenti: i costi energetici fuori controllo, il contesto geopolitico instabile e la situazione politica di stallo. “Il turismo nazionale e internazionale – afferma Enzo Carella, paresidente di FederTerziario Turismo - continua a mostrare segni di una ripresa costante dall'impatto della pandemia, nonostante le crescenti sfide economiche e geopolitiche che minacciano di far precipitare la filiera del turismo in una crisi strutturale senza precedenti. Da un lato il turismo nazionale ha visto un forte rimbalzo negli ultimi quattro mesi, segnando risultati in linea o superiori al pari periodo del 2019. Dall’altro, però, costi energetici fuori controllo, prezzi delle materie prime alle stelle e situazione politica in stallo rischiano di aggravare irrimediabilmente la salute di imprese che avevano appena assaporato una ventata di ripresa. In questo contesto, complice l’imminente tornata elettorale del 25 settembre, molti imprenditori hanno deciso di sospendere la propria attività o di chiudere anticipatamente la stagione estiva per limitare i costi, con un grave danno per imprese, territori e lavoratori”.\r\n\r\nAutunno e inverno alle porte si presentano quindi ricchi di incognite, con molte destinazioni che rischiano di fare i conti con impianti di risalita fermi, innevamento artificiale sospeso e strutture alberghiere chiuse. Allo stato attuale, il potenziale di perdite per il comparto turistico, generato dall’innalzamento dei costi energetici e dall’inflazione, diventa insostenibile, mettendo a rischio un’intera filiera e migliaia di lavoratori. “Alcuni temi sono diventati improrogabili – prosegue Carella -. Se non affrontati immediatamente, rischiano di provocare uno smottamento insostenibile per la filiera e per l'intera economia italiana che ha beneficiato di un bonus di entusiasmo estivo. L'industria turistica deve poter esprimere la propria forza per 12 mesi all’anno e in tutti i territori. In un panorama complicato come quello che si intravede, stridono gli annunci trionfalistici che parlano di stagione record. Siamo tutti felici per gli ottimi segnali riscontrati in estate; siamo altrettanto preoccupati per le nubi all'orizzonte e per i conti economici delle imprese. Ora l'agenda politica non dimentichi che abbiamo bisogno di un ministero del Turismo forte, animato da risorse competenti, in grado di riprendere il filo dei dossier abbozzati e interrotti: energia, riduzione del cuneo fiscale, agenda digitale, qualificazione delle strutture alberghiere sono solo alcuni dei temi che non possono essere sacrificati sull'altare degli equilibrismi politici”.\r\n\r\nLe imprese del comparto turistico, per competere stabilmente nei mercati internazionali, hanno bisogno di risorse qualificate in grado di erogare servizi di eccellenza e rafforzare il posizionamento dell'industria turistica italiana.\r\n“La stagione estiva appena conclusa – conclude Carella - ha evidenziato da debolezza di un sistema che necessita di interventi strutturali in ambito formativo e sul fronte dei contratti di lavoro. La competitività delle imprese turistiche dovrà passare anche per un riequilibrio delle competenze Stato – regioni e per un piano strategico di sviluppo che contempli il contributo di tutte le professionalità della filiera, spesso dimenticate”.","post_title":"Federterziario Turismo: inverno a rischio; stridono i trionfalismi sull'estate","post_date":"2022-09-12T11:20:41+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1662981641000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430280","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Adler raddoppia in Ecoluxury Retreats e dopo il resort siciliano di Siculiana porta nella collezione green dei Viaggi dell'Elefante anche il Lodge Ritten di Soprabolzano. Situato nell’altipiano del Renon, con vista spettacolare sulle Dolomiti, l’Adler Lodge Ritten è stato ideato secondo i più moderni criteri di bio-edilizia e costruito con materiali naturali autoctoni. Secondo il concept della “foresta”, si fonde perfettamente con il paesaggio circostante, sfruttando la naturale pendenza del terreno.\r\n\r\n“Siamo molto contenti di avere nella nostra collection anche l’Adler Lodge Ritten, una struttura che rispecchia perfettamente la particolare attenzione della famiglia Sanoner per l’ambiente - sottolinea Enrico Ducrot, ceo di Ecoluxury e a.d. dei Viaggi dell’Elefante -. Volevano costruire un rifugio che si nascondesse nel bosco e sono riusciti a creare un luogo incantevole di grande comfort, dove è possibile rilassarsi in un ambiente familiare, elegante e discreto. Con il Lodge Ritten ampliamo la nostra offerta includendo i suggestivi paesaggi alpini del Trentino-Alto Adige, una delle regioni più attente alle buone pratiche di turismo sostenibile\".\r\n\r\nIl main lodge si sviluppa in particolare su tre piani e comprende l’area wellness con la spa al piano terra, la reception e la zona lounge al piano superiore e, all’ultimo piano, il suggestivo ristorante panoramico con tetto vetrato, per cenare sotto le stelle. Due strutture vicine ospitano poi 20 junior suite e una Panorama, tutte dotate di biosauna e ampi balconi. Intorno a un laghetto naturale sorgono poi alcuni dei 20 chalet dotati di grandi vetrate, sauna e caminetto compresi nel complesso. A disposizione degli ospiti anche l’esclusiva Forest spa, un'ulteriore area benessere costruita nel bosco, con sauna finlandese, biosauna aromatica e una saletta relax.\r\n\r\nL’Adler Ritten e l’Adler Resort & Spa Sicilia saranno presenti all’Ecoluxury Fair, in programma dal 10 al 12 novembre a Roma, presso Palazzo Taverna.\r\n\r\n ","post_title":"Un altro Adler in Ecoluxury Retreats che accoglie il Lodge Ritten di Soprabolzano","post_date":"2022-09-12T10:31:29+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662978689000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430123","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inaugura a Roma, al sesto piano dello storico 5 stelle Aleph hotel, l'Organics Skygarden, secondo locale biologico firmato Red Bull in Italia, dopo la terrazza al tredicesimo piano dell'Hyatt Centric Milan Centrale. Location amata da romani e dal jet set internazionale, il rooftop rappresenta l’anima più autentica delle terrazze capitoline incorniciata da una scenografica piscina a sfioro dove vivere momenti di relax e svago. Lo stile è contemporaneo e ricercato, caratterizzato da un design essenziale e da colori neutri.\r\n\r\nAmpia l’offerta dei signature cocktail a opera di Daniele Gentili, mixologist di punta che, insieme al bartender Lorenzo Politano, crea drink unici e innovativi dall’equilibrio perfetto, miscelati con i soft drink The Organics by Red Bull, le bevande bio con ingredienti di origine naturale al 100%. Ad accompagnare i cocktail, vengono serviti piatti della tradizione italiana reinterpretati in chiave contemporanea dallo chef Carmine Buonanno: sapori mediterranei, materie prime d’eccellenza abbinate al pragmatismo anglosassone e al food design più creativo. All’ora dell’aperitivo, dal mercoledì al sabato, la terrazza propone dj set che scalda l’ambiente con musicalità contemporanee in un mix di suoni e ritmi tradizionali contaminati da sonorità innovative.","post_title":"Apre all'Aleph di Roma il secondo Organics Skygarden by Red Bull in Italia","post_date":"2022-09-08T09:41:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1662630107000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nOccorre introdurre al più presto al prezzo del gas, altrimenti si rischia di compromettere la stagione neve e rendere vani i buoni risultati dell'estate. Non si può aspettare il nuovo governo. E il credito d'imposta da solo non basta. A lanciare l'allarme è Graziano Debellini, intervistato da Andkronos/Labitalia. I tempi del turismo invernale, sottolinea il presidente di Th Resorts, non possono infatti attendere. A novembre, quando verosimilmente si insedierà il nuovo governo, le prenotazioni sono già state fatte. Ma le imprese non possono prendere impegni nella situazione di incertezza che stiamo vivendo.\r\n\r\nUna delle questioni più delicate è in particolare quella degli impianti di risalita. C'è infatti la reale preoccupazione che qualcuno possa decidere di non aprire a causa del caro bollette. E senza la possibilità di sciare, gli hotel di montagna non sono nelle condizioni di lavorare.\r\n\r\nA consolare la compagnia con sede a Padova sono comunque per ora i dati dell'estate. Durante la stagione calda Th Resorts ha registrato un giro d'affari superiore del 42% rispetto ai risultati del 2019. E si tratta di un dato ancora provvisorio, che non include l'ultimo mese dell'estate.\r\n\r\n ","post_title":"Debellini, Th: serve un tetto al prezzo del gas. E bisogna fare presto","post_date":"2022-09-06T12:27:04+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1662467224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429924","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vacanze di fine estate pensando alla Natura, ai Vini, ai Mercatini di Natale e al Capodanno.\r\n\r\nPer Nicko Cruises è tempo di programmazioni ma anche di iniziative di co-marketing con alcune agenzie del territorio per proporre tour personalizzati.  Ancora una volta la compagnia ha scelto l’agenzia genovese Superba Viaggi – All That World per poter supportare maggiormente la pianificazione autunnale ed invernale.\r\n\r\n«La collaborazione con le agenzie è fondamentale – commenta Salvatore Obino che rappresenta in Italia Nicko Cruises – si tratta infatti di supportare gli agenti che sono gli unici referenti sul mercato.  Il rapporto avviato con La Superba dimostra l’attenzione verso un prodotto che offre alle adv ampi margini di crescita”.\r\n\r\nNicko Cruises per le crociere fluviali post estate e autunnali privilegia i motivi tematici, dai Fiori ai Vini, fino ai mercatini di Natale e alle Feste di Fine Anno.Tra le proposte le Crociere della Floriade, alla scoperta della più importante esposizione internazionale decennale del verde: dai fiori all’architettura bio: 4 giorni a partire da settembre, Colonia-Amsterdam Colonia, con mn Rhein Symphonie , replicabile nell'ultima crociera utile (la mostra termina il prox 9 ottobre e poi non si terrà più per altri 10 anni) di 7 giorni con mn Nicko Spirit, 26 sett.-3 ott., Francoforte-Amsterdam-Francoforte; - crociere 7 gg dei vini, su Reno-Mosella da Colonia o Francoforte, da € 949; Rodano da Lione da € 749 p.p., Douro da Porto, da € 599 p.p.; - 29 mini-crociere 3-5 gg dei mercatini di Natale su Reno, Canale Meno-Danubio e Danubio, da € 299; - 10 crociere di Natale e Capodanno su Reno, canale Meno-Danubio e Danubio, da € 679 p.p.\r\n\r\n ","post_title":"Nicko Cruises, it’s “time to discover” per le crociere fluviali autunnali, di Natale e Capodanno","post_date":"2022-09-05T12:20:56+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662380456000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti