30 May 2024

Germania: la Techno di Berlino tra i 6 nuovi elementi riconosciuti Patrimonio Unesco

[ 0 ]

Culturatechno FeelFestival c- Hinrich Carstensen_2017 – Kopie

La Germania conta oggi sei nuovi elementi del Patrimonio culturale immateriale dell’umanità riconosciuti dall’Unesco: in particolare, si tratta della cultura techno di Berlino, del canto corale a cappella di Finsterwalde, delle tradizionali maschere del Perchtenlauf di Kirchseeon, del ricamo in bianco di Schwalm, del sidro Viez e dell’alpinismo in Sassonia.

Salgono così a 16 gli elementi del Patrimonio immateriale, che vanno ad aggiungersi ai 52 siti Unesco del Paese, che la destinazione promuove anche nel 2024 con le proposte di “52 World Heritage Sites”. Proposte che l’Ente Nazionale Germanico per il Turismo arricchisce costantemente con nuove idee e informazioni concrete: un tesoro fatto sia di capolavori d’arte e di cultura, sia di paesaggi unici e straordinari collegati fra loro da itinerari tematici percorribili anche con i mezzi del trasporto pubblico all’insegna dei principi della sostenibilità e dell’iniziativa “Stay Longer” per ridurre l’impronta di CO2.

Gli altri dieci elementi a oggi inclusi dall’Unesco nel Patrimonio culturale immateriale nazionale e trans­nazionale della Germania sono gli antichi mestieri degli zattieri e della produzione manuale del vetro, la danza moderna, l’antica istituzione delle “venerande fabbriche” delle cattedrali, la cultura delle cooperative, l’antica arte tintoria della stampa blaudruck, l’arte organaria e la musica per organo, l’antica arte della falconeria, l’irrigazione tradizionale e l’ostetricia con le sue conoscenze, pratiche e abilità.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468476 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Italia è un paese ricco di storia, cultura e paesaggi mozzafiato. Tra le sue innumerevoli attrazioni, le vie storiche che collegano antiche città e castelli rappresentano una delle esperienze più affascinanti per chi desidera esplorare il passato attraverso itinerari suggestivi e panoramici. Questo viaggio permette di immergersi in un'epoca passata, scoprendo le meraviglie architettoniche e storiche che hanno plasmato il Bel Paese. Dalle maestose rovine romane di Roma ai canali incantati di Venezia, passando per le strade medievali di Siena e le colline di Perugia, ogni tappa del percorso offre un'occasione unica per vivere la storia in prima persona. Prepararsi adeguatamente per un viaggio su queste strade antiche è fondamentale per garantire un'esperienza piacevole e senza intoppi. Roma: il cuore dell'Impero Roma, la città eterna, è il punto di partenza ideale per un viaggio attraverso le vie storiche d'Italia. Con le sue imponenti rovine, Roma offre un affascinante scorcio sul glorioso passato dell'Impero Romano. I fori imperiali, il Colosseo e il Pantheon sono solo alcune delle meraviglie architettoniche che testimoniano la grandezza di questa città. Preparare la propria auto per esplorare Roma richiede alcune accortezze. La città è famosa per il traffico intenso e le strade strette del centro storico. È consigliabile parcheggiare in zone periferiche e utilizzare i mezzi pubblici o camminare per visitare i principali siti storici. La manutenzione regolare dell'auto è essenziale, in particolare il controllo dei freni e degli pneumatici, poiché il pavé e le strade irregolari possono mettere a dura prova il veicolo. Venezia: la Serenissima Lasciando Roma, il viaggio può proseguire verso nord, in direzione di Venezia. Questa città unica al mondo, con i suoi canali e ponti, è un vero gioiello architettonico. Venezia è una destinazione pedonale, quindi è importante trovare un parcheggio sicuro per l'auto fuori dal centro storico. Tronchetto e Piazzale Roma sono due opzioni comuni per il parcheggio. Secondo auto-doc.it i pneumatici per auto devono essere in ottime condizioni per affrontare il viaggio fino a Venezia, specialmente se si percorrono strade di montagna o autostrade. Una volta parcheggiata l'auto, il miglior modo per esplorare la città è a piedi o con il vaporetto, il servizio di trasporto pubblico che naviga i canali veneziani. Siena: il fascino medievale Proseguendo il viaggio verso sud-ovest, si arriva a Siena, una città che conserva intatto il suo carattere medievale. Il centro storico di Siena è famoso per la sua piazza del Campo, dove si tiene il celebre Palio, e per la cattedrale gotica che domina il panorama cittadino. Le strade strette e tortuose di Siena richiedono una guida attenta e una buona conoscenza del sistema di parcheggi. Siena è una città collinare, quindi la manutenzione dell'auto, in particolare del motore e dei freni, è cruciale per affrontare le salite e le discese. È consigliabile utilizzare parcheggi situati ai margini del centro storico e muoversi a piedi per esplorare le attrazioni principali. Perugia: tra colline e storia Il viaggio prosegue verso l'Umbria, con una tappa a Perugia. Questa città, adagiata su una collina, offre una vista spettacolare sulla campagna circostante e una ricca eredità storica e culturale. Il centro storico di Perugia è un labirinto di strade acciottolate, palazzi storici e chiese antiche. Per visitare Perugia è importante assicurarsi che l'auto sia in perfette condizioni, specialmente per quanto riguarda gli pneumatici e l'olio motore, per affrontare le strade collinari senza problemi. Parcheggiare può essere una sfida, ma ci sono parcheggi a pagamento vicino al centro storico che permettono di lasciare l'auto in sicurezza e esplorare la città a piedi. Consigli per il viaggio Viaggiare attraverso le vie storiche d'Italia richiede una buona preparazione. È fondamentale assicurarsi che l'auto sia in condizioni ottimali per affrontare lunghi tragitti e strade impegnative. Oltre alla manutenzione regolare, come il controllo dell'olio motore e degli pneumatici, è utile avere a disposizione accessori come un kit di emergenza e un navigatore satellitare. Le strade di montagna e le vie strette delle città antiche possono rappresentare una sfida, ma con la giusta preparazione e attenzione, il viaggio diventa un'esperienza indimenticabile. È consigliabile informarsi sui parcheggi disponibili e sui regolamenti locali per evitare problemi e godersi appieno le bellezze storiche e culturali dell'Italia. Ogni tappa del viaggio offre un'opportunità unica per immergersi nella storia e nella cultura italiana. Dal cuore dell'impero romano alle città medievali e rinascimentali, le vie storiche d'Italia sono un tesoro da esplorare con cura e rispetto. La preparazione e la manutenzione dell'auto sono elementi chiave per garantire un viaggio sicuro e piacevole, permettendo di concentrarsi sulle meraviglie che ogni città ha da offrire. Le strade che collegano queste antiche città e castelli non sono solo vie di comunicazione, ma percorsi attraverso la storia, che offrono una prospettiva unica sul passato e sul presente dell'Italia. Viaggiare lungo queste vie storiche è un'esperienza che arricchisce e affascina, lasciando ricordi indelebili e una profonda connessione con la storia e la cultura del paese. Approfondimenti sicurezza auto: Indice di velocità delle gomme: cosa sapere e come scegliere - auto-doc.it I.P. [post_title] => Vie storiche d'Italia:  viaggio tra antiche città e castelli [post_date] => 2024-05-30T11:33:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => autodoc [1] => vie-storiche-ditalia [2] => vie-storiche-perugia [3] => vie-storiche-roma [4] => vie-storiche-siena [5] => vie-storiche-venezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => autodoc [1] => vie storiche d'Italia [2] => vie storiche perugia [3] => vie storiche roma [4] => vie storiche siena [5] => vie storiche venezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717068818000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468431 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Torna l’annuale appuntamento con l’Assemblea Generale di Cittaslow International, che festeggia il 25° anniversario della sua fondazione nel 1999. In programma dal 21 al 23 giugno 2024 a Città Sant’Angelo in Abruzzo, l’Assemblea vedrà la partecipazione dei Sindaci delle Cittaslow italiane e mondiali per confrontarsi su temi fondamentali e di attualità.  Tra gli argomenti in agenda, in prima fila quest’anno il dramma delle microplastiche nei cicli vitali e i cambiamenti climatici da fronteggiare con comportamenti quotidiani. E ancora, focus su agroforestazione, Arts and Slow living e una position paper su “Democracy e Cohesion” presentata dal Vicepresidente tedesco. Nuovi temi si affiancano a progetti storici, che Cittaslow da anni porta avanti, come ad esempio Cittaslow Metropolis nei quartieri delle grandi città, Education nelle scuole di ogni ordine, Cittaslow Tourism e CittaslowBee, in difesa degli insetti impollinatori.  Nel corso dell’Assemblea l’Università di Parma - partner scientifico di Cittaslow International - illustrerà due ricerche, una su “Green washing” e una su “Green skills e green jobs”. L’Assemblea sarà anche l’occasione per presentare la nuova piattaforma web di Cittaslow International del tutto riprogettata: il nuovo ecosistema del sito utilizzerà l’Intelligenza Artificiale e consentirà la promozione dei pacchetti di Cittaslow Tourism. Durante l’assemblea verrà inoltre assegnato il premio Cittaslow Chiocciola Orange Awards 2024 per i migliori progetti realizzati a livello mondiale. L’appuntamento con l’Assemblea Generale è anche l’occasione per scoprire le Cittaslow del territorio. Quest’anno l’Abruzzo è protagonista con Città Sant’Angelo e le altre 7 Cittaslow: Pianella, Penne, Guardiagrele, Francavilla al Mare, Giuliano Teatino, Controguerra e Pineto.  L'obiettivo delle Città del Buon Vivere, il cui slogan è “innovation by tradition”, è quello di preservare lo spirito della comunità, trasmettendo memoria e conoscenza alle nuove generazioni, per renderle consapevoli del loro patrimonio culturale. Ma anche promuovere e applicare innovazione tecnologica, di sistema e gestione, a favore della sostenibilità.  Oggi Cittaslow è un marchio di qualità presente in 88 comuni italiani, connessi alla rete internazionale di 300 città, distribuite in 33 paesi. Un circuito di eccellenza, che vede ogni anno la realizzazione di progetti che concretamente migliorano la vita dei cittadini e del pianeta.    ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => CittàSlow, 25 anni di attività, 88 comuni connessi alla rete internazionale di 300 città distribuite in 33 paesi [post_date] => 2024-05-30T10:52:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717066340000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468443 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Buoni auspici anche dal Forum economico mondiale. Infatti il  settore dei viaggi e del turismo è in miglioramento su scala globale e e grazie all'esplosione di una domanda "compressa" durante la pandemia, quest'anno sia gli arrivi che il contributo al Pil globale torneranno ai livelli pre-pandemici. Tuttavia le infrastrutture aeree e quelle turistiche, assieme ai servizi, restano al di sotto dei livelli pre-Covid. Un quadro nel quale l'Italia migliora ed è nella top ten delle destinazioni, anche se indietro rispetto a Usa, Giappone, Cina e diversi Paesi europei. E' quello che emerge dalla classifica del Travel & Tourism Development Index 2024 pubblicata dal Forum economico mondiale (Wef), un indice globale che "misura l'insieme di fattori e politiche volti allo sviluppo sostenibile e resiliente del settore viaggi e turismo, che a sua volta contribuisce allo sviluppo di un Paese". Pil Il turismo internazionale e il contributo del settore viaggi e turismo al Pil globale dovrebbero tornare ai livelli pre-pandemici quest'anno, spiega il rapporto biennale Wef. Aiuta l'aver rimosso gran parte delle restrizioni ai viaggi legate al Covid-19 e una "forte domanda compressa" negli anni pandemici, che ora sta rimbalzando. In cima alla classifica dei Paesi stilata dall'organizzazione ginevrina ci sono nell'ordine Stati Uniti, Spagna, Giappone, Francia, Australia, Germania, Gran Bretagna, Cina, Italia, Svizzera. L'Italia è dunque nona e guadagna tre posizioni rispetto al rapporto precedente, in una classifica che rispecchia, al di là del numero degli arrivi, una serie di fattori in cui la Penisola ha il punteggio più alto (6,74) per risorse culturali, fa bene (sopra 5) su servizi sanitari e igiene, sostenibilità ambientale e infrastrutture aeroportuali, sicurezza. Non brilla, invece, quanto a competitività di prezzo (3,15) dove il primato negativo va a Islanda e Svizzera e 'impatto socio-economico dei viaggi e turismo', ossia il contributo del settore all'economia, ai salari e alla parità salariale di genere. [post_title] => Italia al 9° posto per il Forum economico. Ma i prezzi sono ancora alti [post_date] => 2024-05-30T10:25:40+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717064740000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via alla Spezia la mostra “Imago. Volti di antichi Romani” (Museo Civico Archeologico U. Formentini), un’esposizione temporanea che è un vero e proprio viaggio storico-artistico nell’evoluzione del ritratto di età romana, dalla tarda età repubblicana fino al III secolo d.C. «Una nuova mostra temporanea che ci consentirà di approfondire le nostre conoscenze sulla fiorente produzione artistica del ritratto romano e le tecniche scultoree di lavorazione del marmo in uso. – dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini – La collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale e Parco archeologico di Luni, così come il dialogo e la collaborazione con gli altri musei cittadini e, in questo caso, nello specifico con il Museo “A. Lia”, mira ad offrire al pubblico una più ampia fruibilità delle nostre bellezze artistiche e una maggiore valorizzazione del patrimonio culturale territoriale nella sua interezza». Dopo l’inaugurazione della mostra al pubblico, che si terrà venerdì 30 maggio alle ore 17.30, sarà possibile assistere ad una visita guidata gratuita sui ritratti in età romana a cura della conservatrice del museo e curatrice della mostra Donatella Alessi. L’idea dell’esposizione è nata in occasione della richiesta di prestito di cinque opere di proprietà del Museo Civico in occasione di due mostre molto importanti: la prima realizzata dalla Direzione Musei della Liguria e dai Musei Nazionali di Genova, in collaborazione con il Museo Nazionale Romano, che si tiene a Palazzo Reale, Teatro del Falcone dal titolo “La pietra di Luna. Dalle cave di marmo di Luni alla Roma imperiale”, e la seconda dal Comune di Carrara per l’allestimento presso l’edificio del CARMI (Museo Carrara e Michelangelo) della mostra “Romana marmora. La scoperta della cava di Fossacava a Carrara". In questa virtuosa collaborazione progettuale si è inserita la partecipazione del Museo Civico “Amedeo Lia” con il contributo del direttore Andrea Marmori, che conserva nella sua collezione una significativa sezione di opere di età classica, tra cui alcune notevoli teste e busti di età romana; in questo modo, si è venuta ad esplicitare la stretta collaborazione e sinergia della rete museale spezzina.   Contestualmente all’inaugurazione dell’esposizione, sarà possibile visitare il mosaico romano da Luni restaurato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze nella sua collocazione definitiva posto nei suggestivi ambienti del Castello risalenti alla fase medievale.   [post_title] => "Imago. Volti di antichi Romani", una mostra alla Spezia per valorizzare il patrimonio territoriale [post_date] => 2024-05-30T10:00:10+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717063210000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => South African Airways ha scelto Discover the World per la rappresentanza in Italia, Paesi Nordici, Francia, Spagna e Svizzera; questi mercati si aggiungono a quelli di Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Germania dove lo stesso gsa rappresenta già il vettore. «È un onore essere selezionato per rappresentare South African Airways nei nuovi mercati. Ciò riflette l’ottima relazione tra SAA e Discover the World» ha commentato Aiden Walsh, responsabile dello sviluppo della compagnia aerea di Discover the World. «I mercati europei sono cruciali per Saa in quanto svolgono un ruolo significativo nella strategia internazionale della compagnia e nel piano complessivo di ripresa aziendale - ha dichiaratoTebogo Tsimane, direttore commerciale del vettore sudafricano -. South African sta analizzando la propria rete di rotte per ottimizzare la connettività. I mercati europei sono vitali per noi grazie al loro significativo contributo al turismo e ai viaggi d’affari, che sono essenziali per le operazioni di Saa e per la sostenibilità complessiva». Attualmente South African Airways vola da Johannesburg ad Abidjan, Accra, Città del Capo, Durban, Gqeberha, Harare, Lusaka, Lagos, Mauritius, San Paolo, Windhoek, Cascate Vittoria e recentemente ha reintrodotto un servizio per Perth.   [post_title] => South African Airways si affida a Discover The World per la rappresentanza in Italia [post_date] => 2024-05-30T09:33:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717061607000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468348 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La voglia di viaggio degli italiani non accenna a diminuire. Anzi. Secondo l'ultima edizione dell'Holiday Barometer del gruppo Europ Assistance, l'80% dei nostri connazionali è entusiasta di viaggiare, con il 69% che pianifica almeno una vacanza estiva e il 39% che intende fare più di un'esperienza fuori casa, posizionandosi tra i viaggiatori più attivi in Europa. La Penisola si conferma la meta prediletta per le vacanze, con il 42% degli italiani che sceglie di trascorrere le ferie nel Belpaese. Le città d'arte, come Firenze, Roma e Venezia, continuano ad attirare turisti per il loro patrimonio storico e artistico e le coste, da quelle frastagliate della Liguria alle lunghe spiagge della Puglia, vedono un incremento del 9% delle preferenze, con il mare che domina le scelte di viaggio del 72% degli italiani. Anche la montagna registra però un interesse crescente, con il 25% del campione che sceglie questa tipologia di destinazione per godere di aria fresca e panorami, riflettendo una crescente voglia di natura e tranquillità. L’Italia è anche la destinazione più amata dai viaggiatori di tutti i paesi Europei e di quelli del Nord America. All’estero, le mete preferite dagli italiani continuano a essere quelle del bacino del Mediterraneo. La Spagna guida la classifica con il 13% delle preferenze, seguita dalla Francia con il 10%. La Grecia, con le sue isole pittoresche, attira il 7% dei viaggiatori italiani, consolidando il suo status di meta estiva per eccellenza. L'interesse per il turismo slow e sostenibile è in forte crescita: il 78% degli italiani desidera sperimentare lo slow tourism nei prossimi anni, preferendo ritmi di viaggio più lenti. Il 74% è disposto a visitare destinazioni meno convenzionali, evitando le folle e cercando un contatto più autentico con le culture locali. Questo impegno verso il turismo responsabile è ulteriormente evidenziato dal 93% degli italiani che si dimostra più incline ad adottare comportamenti sostenibili durante i viaggi, con un'attenzione particolare alla tutela delle risorse locali e alla riduzione dell'impatto ambientale. Il desiderio di relax è poi una delle principali motivazioni per le vacanze degli italiani, con il 65% che cerca tranquillità e riposo. Il tempo trascorso con la famiglia e gli amici è importante per il 58%, mentre il 53% è motivato dalla scoperta di nuove culture. Un significativo 38% attribuisce importanza all'apprendimento di cose nuove, che arricchiscano l'esperienza di viaggio.   [post_title] => Europ Assistance, Holiday Barometer: non cala la voglia di viaggiare degli italiani [post_date] => 2024-05-29T10:41:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716979279000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Compie 100 anni il Consorzio Turistico per la Valle dello Stubai. Comprende 1.600 soci, perché per legge ogni impresa della valle fa parte del consorzio e partecipa con un contributo stabilito in base al reddito e al legame diretto dell’attività con il turismo. «La legge che ha consentito la nascita del consorzio - spiega il Gebhard Schopf, delegato amministrativo - oggi non sarebbe istituibile ma esiste da allora e fornisce oggi i mezzi per il funzionamento del turismo nella vallata». La funzione specifica del Consorzio è quella di investire il budget di 10 milioni a disposizione, per rafforzare i servizi e l’accoglienza. «Un terzo del budget viene dedicato alle infrastrutture, un terzo nel marketing e il restante nel personale. Non solo, ma resta fondamentale tenere viva la relazione con i locali per far capire il valore del turismo. Per esempio, se il consorzio investe sui collegamenti, questo va a vantaggio di tutti gli abitanti, non solo dei turisti». Il consorzio non dispone di finanziamenti dal Governo, ma gestisce il contributo dei soci e l’introito dei 2,80 euro della tassa di soggiorno. «La vallata ha 14 mila abitanti e 2 mila persone impiegate tra hotel e impianti di risalita. Quattro sono i comprensori sciistici (il ghiacciaio dello Stubai allunga molto la stagione invernale) e 1 milione e 800 mila i pernottamenti annuali». L’Italia occupa la quarta posizione (il 5% del totale) nella Valle dello Stubai, dopo Germania, Olanda e Polonia. «I turisti italiani sono più concentrati nel periodo estivo, quando rappresentano il 20% del totale. A vantaggio del mercato Italia c’è la vicinanza delle città del Nord Italia, anche se sono comunque numerosi i turisti da Roma. In generale la maggior parte sono famiglie che apprezzano molto la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata». [post_title] => Austria, Consorzio Val Stubai: da 100 anni focus su servizi ed accoglienza [post_date] => 2024-05-29T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716975958000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468249 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   Il Tempio Ionico di Siracusa, noto anche come Artemision, torna visitabile con rinnovati servizi di fruizione per il pubblico, gestiti da Civita Sicilia e dall’Associazione Proodo. L’area, che si estende al di sotto del Palazzo di Città (Palazzo Vermexio) tra piazza Minerva e piazza Duomo, è un tassello del mosaico architettonico, storico e archeologico che compone l’acropoli della città antica, naturalmente collocata in corrispondenza del punto topograficamente più alto dell’isola di Ortigia. Questo tassello è, a sua volta, composto da ulteriori frammenti che, attraverso millenni di storia si materializzano nei resti e nelle strutture che il visitatore incontrerà nel percorso di visita. Il percorso di visita è stato arricchito di elementi che, con la leggerezza di pannelli trasparenti, aiutano il visitatore a leggere i resti e le strutture che osserva, lo orientano e lo informano. Nella riprogettazione, particolare attenzione è stata posta all’accessibilità fisica e alle informazioni da parte degli utenti con disabilità. L’audioguida che accompagna i visitatori è disponibile anche in lingua inglese e sostituita da QR code che rimandano a testi scritti per i non udenti. Nel corso della visita si scoprono i nomi di coloro che hanno contribuito a portare alla luce gli indizi che oggi ricompongono la storia del sito e che hanno contribuito a renderlo oggi fruibile e affascinante: da Paolo Orsi con le sue scoperte in piazza Minerva agli inizi del Novecento, agli scavi di Gino Vinicio Gentili e Paola Pelagatti, ai dati e alle esplorazioni di Giuseppe Voza nell’area dell’acropoli della città in piazza Duomo, alle ultime scoperte di Lorenzo Guzzardi, fino al padiglione architettonico di Vincenzo Latina.   [post_title] => Siracusa, riapre Artemision, il Tempio Ionico, con nuovi percorsi e servizi [post_date] => 2024-05-29T09:10:03+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716973803000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468262 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A partire dal fatto che la si può raggiungere comodamente e in pochi minuti da Bolzano, una delle qualità migliori della Val d’Ega (BZ) è che consente di vivere esperienze straordinarie a piccoli e grandi camminatori. Il Re Laurin Tour è ad esempio un’esperienza imprescindibile per tutta la famiglia. Partendo dalla Cabinovia Laurin I a Nova Levante, l’itinerario è un concentrato di avventura e panorami strepitosi che conduce a un’altitudine notevole, dove i terrazzi dei rifugi permettono di abbracciare una vista infinita e inimmaginabile, per poi specchiarsi sulla superficie cangiante del Lago di Carezza. Fra i pascoli in quota, il LATEMAR.ALP è una facile escursione che regala agli occhi autentiche gioie della natura e ai bambini tante informazioni utili e curiosità grazie alle stazioni con audio-giochi interattivi. Sempre in quota Latemarium, il nome stesso di LATEMAR.360° suggerisce quanto anche questa proposta escursionistica abbia a che fare con scorci spettacolari e vette alpine, ingredienti di un’emozionante salita che vanta ben quattro piattaforme (una delle quali è parte del famoso rifugio Oberholz) per farsi travolgere dalla bellezza dal Patrimonio dell’Umanità UNESCO.  L’escursione dal rifugio Paolina al rifugio Roda di Vael è una camminata in alta quota su sentieri panoramici, consigliata per tutta la famiglia. Il punto culminante dell’intero percorso, con partenza da Carezza, è la visita al Monumento Christomannos, un’aquila di bronzo che fu eretta in onore di Theodor Christomannos, geniale pioniere del turismo nelle Dolomiti: da lì, ci si gode una vista meravigliosa sulla Val di Fassa e la Val d’Ega fino al gruppo del Latemar. Adatta alle gambe meno abituate alla salita e perfino ai passeggini è l’escursione all’osservatorio Max Valier e all’osteria Untereggerhof, vicino a San Valentino di Sopra, con parco giochi e zoo di animali domestici. Una parte dell’itinerario corre lungo il Sentiero dei Pianeti, cosicché la vista non è solo su una delle meraviglie della Terra ma anche sullo spettacolo dell’universo. A concludere questa possibile selezione di passeggiate facili, la stupenda camminata verso la chiesetta di Sant’Elena, famosa per gli affreschi che rappresentano una delle testimonianze più interessanti della pittura gotica della regione.      ­ ­ ­ [post_title] => Val d'Ega, alla scoperta dei sentieri adatti a piccoli e grandi camminatori [post_date] => 2024-05-29T09:09:27+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716973767000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "germania la techno di berlino tra i 6 nuovi elementi riconosciuti patrimonio unesco" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":95,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1662,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468476","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Italia è un paese ricco di storia, cultura e paesaggi mozzafiato. Tra le sue innumerevoli attrazioni, le vie storiche che collegano antiche città e castelli rappresentano una delle esperienze più affascinanti per chi desidera esplorare il passato attraverso itinerari suggestivi e panoramici. Questo viaggio permette di immergersi in un'epoca passata, scoprendo le meraviglie architettoniche e storiche che hanno plasmato il Bel Paese.\r\n\r\nDalle maestose rovine romane di Roma ai canali incantati di Venezia, passando per le strade medievali di Siena e le colline di Perugia, ogni tappa del percorso offre un'occasione unica per vivere la storia in prima persona. Prepararsi adeguatamente per un viaggio su queste strade antiche è fondamentale per garantire un'esperienza piacevole e senza intoppi.\r\nRoma: il cuore dell'Impero\r\nRoma, la città eterna, è il punto di partenza ideale per un viaggio attraverso le vie storiche d'Italia. Con le sue imponenti rovine, Roma offre un affascinante scorcio sul glorioso passato dell'Impero Romano. I fori imperiali, il Colosseo e il Pantheon sono solo alcune delle meraviglie architettoniche che testimoniano la grandezza di questa città.\r\n\r\nPreparare la propria auto per esplorare Roma richiede alcune accortezze. La città è famosa per il traffico intenso e le strade strette del centro storico. È consigliabile parcheggiare in zone periferiche e utilizzare i mezzi pubblici o camminare per visitare i principali siti storici. La manutenzione regolare dell'auto è essenziale, in particolare il controllo dei freni e degli pneumatici, poiché il pavé e le strade irregolari possono mettere a dura prova il veicolo.\r\nVenezia: la Serenissima\r\nLasciando Roma, il viaggio può proseguire verso nord, in direzione di Venezia. Questa città unica al mondo, con i suoi canali e ponti, è un vero gioiello architettonico. Venezia è una destinazione pedonale, quindi è importante trovare un parcheggio sicuro per l'auto fuori dal centro storico. Tronchetto e Piazzale Roma sono due opzioni comuni per il parcheggio.\r\n\r\nSecondo auto-doc.it i pneumatici per auto devono essere in ottime condizioni per affrontare il viaggio fino a Venezia, specialmente se si percorrono strade di montagna o autostrade. Una volta parcheggiata l'auto, il miglior modo per esplorare la città è a piedi o con il vaporetto, il servizio di trasporto pubblico che naviga i canali veneziani.\r\nSiena: il fascino medievale\r\nProseguendo il viaggio verso sud-ovest, si arriva a Siena, una città che conserva intatto il suo carattere medievale. Il centro storico di Siena è famoso per la sua piazza del Campo, dove si tiene il celebre Palio, e per la cattedrale gotica che domina il panorama cittadino. Le strade strette e tortuose di Siena richiedono una guida attenta e una buona conoscenza del sistema di parcheggi.\r\n\r\nSiena è una città collinare, quindi la manutenzione dell'auto, in particolare del motore e dei freni, è cruciale per affrontare le salite e le discese. È consigliabile utilizzare parcheggi situati ai margini del centro storico e muoversi a piedi per esplorare le attrazioni principali.\r\nPerugia: tra colline e storia\r\nIl viaggio prosegue verso l'Umbria, con una tappa a Perugia. Questa città, adagiata su una collina, offre una vista spettacolare sulla campagna circostante e una ricca eredità storica e culturale. Il centro storico di Perugia è un labirinto di strade acciottolate, palazzi storici e chiese antiche.\r\n\r\nPer visitare Perugia è importante assicurarsi che l'auto sia in perfette condizioni, specialmente per quanto riguarda gli pneumatici e l'olio motore, per affrontare le strade collinari senza problemi. Parcheggiare può essere una sfida, ma ci sono parcheggi a pagamento vicino al centro storico che permettono di lasciare l'auto in sicurezza e esplorare la città a piedi.\r\nConsigli per il viaggio\r\nViaggiare attraverso le vie storiche d'Italia richiede una buona preparazione. È fondamentale assicurarsi che l'auto sia in condizioni ottimali per affrontare lunghi tragitti e strade impegnative. Oltre alla manutenzione regolare, come il controllo dell'olio motore e degli pneumatici, è utile avere a disposizione accessori come un kit di emergenza e un navigatore satellitare.\r\n\r\nLe strade di montagna e le vie strette delle città antiche possono rappresentare una sfida, ma con la giusta preparazione e attenzione, il viaggio diventa un'esperienza indimenticabile. È consigliabile informarsi sui parcheggi disponibili e sui regolamenti locali per evitare problemi e godersi appieno le bellezze storiche e culturali dell'Italia.\r\n\r\nOgni tappa del viaggio offre un'opportunità unica per immergersi nella storia e nella cultura italiana. Dal cuore dell'impero romano alle città medievali e rinascimentali, le vie storiche d'Italia sono un tesoro da esplorare con cura e rispetto. La preparazione e la manutenzione dell'auto sono elementi chiave per garantire un viaggio sicuro e piacevole, permettendo di concentrarsi sulle meraviglie che ogni città ha da offrire.\r\n\r\nLe strade che collegano queste antiche città e castelli non sono solo vie di comunicazione, ma percorsi attraverso la storia, che offrono una prospettiva unica sul passato e sul presente dell'Italia. Viaggiare lungo queste vie storiche è un'esperienza che arricchisce e affascina, lasciando ricordi indelebili e una profonda connessione con la storia e la cultura del paese.\r\n\r\nApprofondimenti sicurezza auto:\r\n\r\nIndice di velocità delle gomme: cosa sapere e come scegliere - auto-doc.it\r\n\r\nI.P.","post_title":"Vie storiche d'Italia:  viaggio tra antiche città e castelli","post_date":"2024-05-30T11:33:38+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["autodoc","vie-storiche-ditalia","vie-storiche-perugia","vie-storiche-roma","vie-storiche-siena","vie-storiche-venezia"],"post_tag_name":["autodoc","vie storiche d'Italia","vie storiche perugia","vie storiche roma","vie storiche siena","vie storiche venezia"]},"sort":[1717068818000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468431","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Torna l’annuale appuntamento con l’Assemblea Generale di Cittaslow International, che festeggia il 25° anniversario della sua fondazione nel 1999. In programma dal 21 al 23 giugno 2024 a Città Sant’Angelo in Abruzzo, l’Assemblea vedrà la partecipazione dei Sindaci delle Cittaslow italiane e mondiali per confrontarsi su temi fondamentali e di attualità. \r\n\r\nTra gli argomenti in agenda, in prima fila quest’anno il dramma delle microplastiche nei cicli vitali e i cambiamenti climatici da fronteggiare con comportamenti quotidiani. E ancora, focus su agroforestazione, Arts and Slow living e una position paper su “Democracy e Cohesion” presentata dal Vicepresidente tedesco. Nuovi temi si affiancano a progetti storici, che Cittaslow da anni porta avanti, come ad esempio Cittaslow Metropolis nei quartieri delle grandi città, Education nelle scuole di ogni ordine, Cittaslow Tourism e CittaslowBee, in difesa degli insetti impollinatori. \r\n\r\nNel corso dell’Assemblea l’Università di Parma - partner scientifico di Cittaslow International - illustrerà due ricerche, una su “Green washing” e una su “Green skills e green jobs”. L’Assemblea sarà anche l’occasione per presentare la nuova piattaforma web di Cittaslow International del tutto riprogettata: il nuovo ecosistema del sito utilizzerà l’Intelligenza Artificiale e consentirà la promozione dei pacchetti di Cittaslow Tourism. Durante l’assemblea verrà inoltre assegnato il premio Cittaslow Chiocciola Orange Awards 2024 per i migliori progetti realizzati a livello mondiale.\r\n\r\nL’appuntamento con l’Assemblea Generale è anche l’occasione per scoprire le Cittaslow del territorio. Quest’anno l’Abruzzo è protagonista con Città Sant’Angelo e le altre 7 Cittaslow: Pianella, Penne, Guardiagrele, Francavilla al Mare, Giuliano Teatino, Controguerra e Pineto. \r\n\r\nL'obiettivo delle Città del Buon Vivere, il cui slogan è “innovation by tradition”, è quello di preservare lo spirito della comunità, trasmettendo memoria e conoscenza alle nuove generazioni, per renderle consapevoli del loro patrimonio culturale. Ma anche promuovere e applicare innovazione tecnologica, di sistema e gestione, a favore della sostenibilità. \r\n\r\nOggi Cittaslow è un marchio di qualità presente in 88 comuni italiani, connessi alla rete internazionale di 300 città, distribuite in 33 paesi. Un circuito di eccellenza, che vede ogni anno la realizzazione di progetti che concretamente migliorano la vita dei cittadini e del pianeta. \r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"CittàSlow, 25 anni di attività, 88 comuni connessi alla rete internazionale di 300 città distribuite in 33 paesi","post_date":"2024-05-30T10:52:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1717066340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468443","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Buoni auspici anche dal Forum economico mondiale. Infatti il  settore dei viaggi e del turismo è in miglioramento su scala globale e e grazie all'esplosione di una domanda \"compressa\" durante la pandemia, quest'anno sia gli arrivi che il contributo al Pil globale torneranno ai livelli pre-pandemici.\r\nTuttavia le infrastrutture aeree e quelle turistiche, assieme ai servizi, restano al di sotto dei livelli pre-Covid. Un quadro nel quale l'Italia migliora ed è nella top ten delle destinazioni, anche se indietro rispetto a Usa, Giappone, Cina e diversi Paesi europei.\r\nE' quello che emerge dalla classifica del Travel & Tourism Development Index 2024 pubblicata dal Forum economico mondiale (Wef), un indice globale che \"misura l'insieme di fattori e politiche volti allo sviluppo sostenibile e resiliente del settore viaggi e turismo, che a sua volta contribuisce allo sviluppo di un Paese\".\r\nPil\r\nIl turismo internazionale e il contributo del settore viaggi e turismo al Pil globale dovrebbero tornare ai livelli pre-pandemici quest'anno, spiega il rapporto biennale Wef. Aiuta l'aver rimosso gran parte delle restrizioni ai viaggi legate al Covid-19 e una \"forte domanda compressa\" negli anni pandemici, che ora sta rimbalzando. In cima alla classifica dei Paesi stilata dall'organizzazione ginevrina ci sono nell'ordine Stati Uniti, Spagna, Giappone, Francia, Australia, Germania, Gran Bretagna, Cina, Italia, Svizzera.\r\n\r\nL'Italia è dunque nona e guadagna tre posizioni rispetto al rapporto precedente, in una classifica che rispecchia, al di là del numero degli arrivi, una serie di fattori in cui la Penisola ha il punteggio più alto (6,74) per risorse culturali, fa bene (sopra 5) su servizi sanitari e igiene, sostenibilità ambientale e infrastrutture aeroportuali, sicurezza.\r\n\r\nNon brilla, invece, quanto a competitività di prezzo (3,15) dove il primato negativo va a Islanda e Svizzera e 'impatto socio-economico dei viaggi e turismo', ossia il contributo del settore all'economia, ai salari e alla parità salariale di genere.","post_title":"Italia al 9° posto per il Forum economico. Ma i prezzi sono ancora alti","post_date":"2024-05-30T10:25:40+00:00","category":["senza-categoria"],"category_name":["Senza categoria"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1717064740000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via alla Spezia la mostra “Imago. Volti di antichi Romani” (Museo Civico Archeologico U. Formentini), un’esposizione temporanea che è un vero e proprio viaggio storico-artistico nell’evoluzione del ritratto di età romana, dalla tarda età repubblicana fino al III secolo d.C.\r\n\r\n«Una nuova mostra temporanea che ci consentirà di approfondire le nostre conoscenze sulla fiorente produzione artistica del ritratto romano e le tecniche scultoree di lavorazione del marmo in uso. – dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini – La collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale e Parco archeologico di Luni, così come il dialogo e la collaborazione con gli altri musei cittadini e, in questo caso, nello specifico con il Museo “A. Lia”, mira ad offrire al pubblico una più ampia fruibilità delle nostre bellezze artistiche e una maggiore valorizzazione del patrimonio culturale territoriale nella sua interezza».\r\n\r\nDopo l’inaugurazione della mostra al pubblico, che si terrà venerdì 30 maggio alle ore 17.30, sarà possibile assistere ad una visita guidata gratuita sui ritratti in età romana a cura della conservatrice del museo e curatrice della mostra Donatella Alessi.\r\n\r\nL’idea dell’esposizione è nata in occasione della richiesta di prestito di cinque opere di proprietà del Museo Civico in occasione di due mostre molto importanti: la prima realizzata dalla Direzione Musei della Liguria e dai Musei Nazionali di Genova, in collaborazione con il Museo Nazionale Romano, che si tiene a Palazzo Reale, Teatro del Falcone dal titolo “La pietra di Luna. Dalle cave di marmo di Luni alla Roma imperiale”, e la seconda dal Comune di Carrara per l’allestimento presso l’edificio del CARMI (Museo Carrara e Michelangelo) della mostra “Romana marmora. La scoperta della cava di Fossacava a Carrara\".\r\n\r\nIn questa virtuosa collaborazione progettuale si è inserita la partecipazione del Museo Civico “Amedeo Lia” con il contributo del direttore Andrea Marmori, che conserva nella sua collezione una significativa sezione di opere di età classica, tra cui alcune notevoli teste e busti di età romana; in questo modo, si è venuta ad esplicitare la stretta collaborazione e sinergia della rete museale spezzina.\r\n\r\n \r\n\r\nContestualmente all’inaugurazione dell’esposizione, sarà possibile visitare il mosaico romano da Luni restaurato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze nella sua collocazione definitiva posto nei suggestivi ambienti del Castello risalenti alla fase medievale.\r\n\r\n ","post_title":"\"Imago. Volti di antichi Romani\", una mostra alla Spezia per valorizzare il patrimonio territoriale","post_date":"2024-05-30T10:00:10+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1717063210000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468423","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"South African Airways ha scelto Discover the World per la rappresentanza in Italia, Paesi Nordici, Francia, Spagna e Svizzera; questi mercati si aggiungono a quelli di Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Germania dove lo stesso gsa rappresenta già il vettore.\r\n\r\n«È un onore essere selezionato per rappresentare South African Airways nei nuovi mercati. Ciò riflette l’ottima relazione tra SAA e Discover the World» ha commentato Aiden Walsh, responsabile dello sviluppo della compagnia aerea di Discover the World.\r\n\r\n«I mercati europei sono cruciali per Saa in quanto svolgono un ruolo significativo nella strategia internazionale della compagnia e nel piano complessivo di ripresa aziendale - ha dichiaratoTebogo Tsimane, direttore commerciale del vettore sudafricano -. South African sta analizzando la propria rete di rotte per ottimizzare la connettività. I mercati europei sono vitali per noi grazie al loro significativo contributo al turismo e ai viaggi d’affari, che sono essenziali per le operazioni di Saa e per la sostenibilità complessiva».\r\n\r\nAttualmente South African Airways vola da Johannesburg ad Abidjan, Accra, Città del Capo, Durban, Gqeberha, Harare, Lusaka, Lagos, Mauritius, San Paolo, Windhoek, Cascate Vittoria e recentemente ha reintrodotto un servizio per Perth.\r\n\r\n ","post_title":"South African Airways si affida a Discover The World per la rappresentanza in Italia","post_date":"2024-05-30T09:33:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717061607000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468348","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La voglia di viaggio degli italiani non accenna a diminuire. Anzi. Secondo l'ultima edizione dell'Holiday Barometer del gruppo Europ Assistance, l'80% dei nostri connazionali è entusiasta di viaggiare, con il 69% che pianifica almeno una vacanza estiva e il 39% che intende fare più di un'esperienza fuori casa, posizionandosi tra i viaggiatori più attivi in Europa.\r\n\r\nLa Penisola si conferma la meta prediletta per le vacanze, con il 42% degli italiani che sceglie di trascorrere le ferie nel Belpaese. Le città d'arte, come Firenze, Roma e Venezia, continuano ad attirare turisti per il loro patrimonio storico e artistico e le coste, da quelle frastagliate della Liguria alle lunghe spiagge della Puglia, vedono un incremento del 9% delle preferenze, con il mare che domina le scelte di viaggio del 72% degli italiani. Anche la montagna registra però un interesse crescente, con il 25% del campione che sceglie questa tipologia di destinazione per godere di aria fresca e panorami, riflettendo una crescente voglia di natura e tranquillità. L’Italia è anche la destinazione più amata dai viaggiatori di tutti i paesi Europei e di quelli del Nord America.\r\n\r\nAll’estero, le mete preferite dagli italiani continuano a essere quelle del bacino del Mediterraneo. La Spagna guida la classifica con il 13% delle preferenze, seguita dalla Francia con il 10%. La Grecia, con le sue isole pittoresche, attira il 7% dei viaggiatori italiani, consolidando il suo status di meta estiva per eccellenza.\r\n\r\nL'interesse per il turismo slow e sostenibile è in forte crescita: il 78% degli italiani desidera sperimentare lo slow tourism nei prossimi anni, preferendo ritmi di viaggio più lenti. Il 74% è disposto a visitare destinazioni meno convenzionali, evitando le folle e cercando un contatto più autentico con le culture locali. Questo impegno verso il turismo responsabile è ulteriormente evidenziato dal 93% degli italiani che si dimostra più incline ad adottare comportamenti sostenibili durante i viaggi, con un'attenzione particolare alla tutela delle risorse locali e alla riduzione dell'impatto ambientale.\r\n\r\nIl desiderio di relax è poi una delle principali motivazioni per le vacanze degli italiani, con il 65% che cerca tranquillità e riposo. Il tempo trascorso con la famiglia e gli amici è importante per il 58%, mentre il 53% è motivato dalla scoperta di nuove culture. Un significativo 38% attribuisce importanza all'apprendimento di cose nuove, che arricchiscano l'esperienza di viaggio.\r\n\r\n ","post_title":"Europ Assistance, Holiday Barometer: non cala la voglia di viaggiare degli italiani","post_date":"2024-05-29T10:41:19+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1716979279000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468238","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Compie 100 anni il Consorzio Turistico per la Valle dello Stubai. Comprende 1.600 soci, perché per legge ogni impresa della valle fa parte del consorzio e partecipa con un contributo stabilito in base al reddito e al legame diretto dell’attività con il turismo.\r\n\r\n«La legge che ha consentito la nascita del consorzio - spiega il Gebhard Schopf, delegato amministrativo - oggi non sarebbe istituibile ma esiste da allora e fornisce oggi i mezzi per il funzionamento del turismo nella vallata».\r\n\r\nLa funzione specifica del Consorzio è quella di investire il budget di 10 milioni a disposizione, per rafforzare i servizi e l’accoglienza.\r\n\r\n«Un terzo del budget viene dedicato alle infrastrutture, un terzo nel marketing e il restante nel personale. Non solo, ma resta fondamentale tenere viva la relazione con i locali per far capire il valore del turismo. Per esempio, se il consorzio investe sui collegamenti, questo va a vantaggio di tutti gli abitanti, non solo dei turisti».\r\n\r\nIl consorzio non dispone di finanziamenti dal Governo, ma gestisce il contributo dei soci e l’introito dei 2,80 euro della tassa di soggiorno.\r\n\r\n«La vallata ha 14 mila abitanti e 2 mila persone impiegate tra hotel e impianti di risalita. Quattro sono i comprensori sciistici (il ghiacciaio dello Stubai allunga molto la stagione invernale) e 1 milione e 800 mila i pernottamenti annuali».\r\n\r\nL’Italia occupa la quarta posizione (il 5% del totale) nella Valle dello Stubai, dopo Germania, Olanda e Polonia.\r\n\r\n«I turisti italiani sono più concentrati nel periodo estivo, quando rappresentano il 20% del totale. A vantaggio del mercato Italia c’è la vicinanza delle città del Nord Italia, anche se sono comunque numerosi i turisti da Roma. In generale la maggior parte sono famiglie che apprezzano molto la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata».","post_title":"Austria, Consorzio Val Stubai: da 100 anni focus su servizi ed accoglienza","post_date":"2024-05-29T09:45:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716975958000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468249","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nIl Tempio Ionico di Siracusa, noto anche come Artemision, torna visitabile con rinnovati servizi di fruizione per il pubblico, gestiti da Civita Sicilia e dall’Associazione Proodo.\r\n\r\nL’area, che si estende al di sotto del Palazzo di Città (Palazzo Vermexio) tra piazza Minerva e piazza Duomo, è un tassello del mosaico architettonico, storico e archeologico che compone l’acropoli della città antica, naturalmente collocata in corrispondenza del punto topograficamente più alto dell’isola di Ortigia. Questo tassello è, a sua volta, composto da ulteriori frammenti che, attraverso millenni di storia si materializzano nei resti e nelle strutture che il visitatore incontrerà nel percorso di visita.\r\n\r\nIl percorso di visita è stato arricchito di elementi che, con la leggerezza di pannelli trasparenti, aiutano il visitatore a leggere i resti e le strutture che osserva, lo orientano e lo informano. Nella riprogettazione, particolare attenzione è stata posta all’accessibilità fisica e alle informazioni da parte degli utenti con disabilità. L’audioguida che accompagna i visitatori è disponibile anche in lingua inglese e sostituita da QR code che rimandano a testi scritti per i non udenti.\r\n\r\nNel corso della visita si scoprono i nomi di coloro che hanno contribuito a portare alla luce gli indizi che oggi ricompongono la storia del sito e che hanno contribuito a renderlo oggi fruibile e affascinante: da Paolo Orsi con le sue scoperte in piazza Minerva agli inizi del Novecento, agli scavi di Gino Vinicio Gentili e Paola Pelagatti, ai dati e alle esplorazioni di Giuseppe Voza nell’area dell’acropoli della città in piazza Duomo, alle ultime scoperte di Lorenzo Guzzardi, fino al padiglione architettonico di Vincenzo Latina.\r\n\r\n ","post_title":"Siracusa, riapre Artemision, il Tempio Ionico, con nuovi percorsi e servizi","post_date":"2024-05-29T09:10:03+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716973803000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468262","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A partire dal fatto che la si può raggiungere comodamente e in pochi minuti da Bolzano, una delle qualità migliori della Val d’Ega (BZ) è che consente di vivere esperienze straordinarie a piccoli e grandi camminatori.\r\n\r\nIl Re Laurin Tour è ad esempio un’esperienza imprescindibile per tutta la famiglia. Partendo dalla Cabinovia Laurin I a Nova Levante, l’itinerario è un concentrato di avventura e panorami strepitosi che conduce a un’altitudine notevole, dove i terrazzi dei rifugi permettono di abbracciare una vista infinita e inimmaginabile, per poi specchiarsi sulla superficie cangiante del Lago di Carezza.\r\n\r\nFra i pascoli in quota, il LATEMAR.ALP è una facile escursione che regala agli occhi autentiche gioie della natura e ai bambini tante informazioni utili e curiosità grazie alle stazioni con audio-giochi interattivi. Sempre in quota Latemarium, il nome stesso di LATEMAR.360° suggerisce quanto anche questa proposta escursionistica abbia a che fare con scorci spettacolari e vette alpine, ingredienti di un’emozionante salita che vanta ben quattro piattaforme (una delle quali è parte del famoso rifugio Oberholz) per farsi travolgere dalla bellezza dal Patrimonio dell’Umanità UNESCO. \r\n\r\nL’escursione dal rifugio Paolina al rifugio Roda di Vael è una camminata in alta quota su sentieri panoramici, consigliata per tutta la famiglia. Il punto culminante dell’intero percorso, con partenza da Carezza, è la visita al Monumento Christomannos, un’aquila di bronzo che fu eretta in onore di Theodor Christomannos, geniale pioniere del turismo nelle Dolomiti: da lì, ci si gode una vista meravigliosa sulla Val di Fassa e la Val d’Ega fino al gruppo del Latemar.\r\n\r\nAdatta alle gambe meno abituate alla salita e perfino ai passeggini è l’escursione all’osservatorio Max Valier e all’osteria Untereggerhof, vicino a San Valentino di Sopra, con parco giochi e zoo di animali domestici. Una parte dell’itinerario corre lungo il Sentiero dei Pianeti, cosicché la vista non è solo su una delle meraviglie della Terra ma anche sullo spettacolo dell’universo.\r\n\r\nA concludere questa possibile selezione di passeggiate facili, la stupenda camminata verso la chiesetta di Sant’Elena, famosa per gli affreschi che rappresentano una delle testimonianze più interessanti della pittura gotica della regione. \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Val d'Ega, alla scoperta dei sentieri adatti a piccoli e grandi camminatori","post_date":"2024-05-29T09:09:27+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716973767000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti