14 June 2024

Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione

[ 0 ]

“Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo.

L’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio.

Ogni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico.

Per raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo.

La regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano.

L’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne.

L’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori.

Il percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469435 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dievole Wine Resort è un punto di riferimento dell’ospitalità d’autore nel cuore del Chianti Classico. Di recente sono state inaugurate 14 nuove camere e suite ricavate nel Colombaio, uno degli edifici che compongono il borgo, situato in una posizione panoramica con vista sui vigneti della storica tenuta di Castelnuovo Berardenga (SI). Presentate dopo un attento restauro, le nuove dimore (una Superior suite, due suite e 11 camere tra Deluxe e Classic) sono curate nei minimi dettagli, con travi a vista, marmo di travertino nei bagni e arredi in stile inglese country chic, nei toni del bianco, tortora e beige. Con queste nuove aggiunte, salgono a 32 le camere del Dievole Wine Resort, dislocate tra la Villa Padronale, che risale al XVIII secolo, e gli altri edifici del borgo. Tutto intorno, 600 ettari scanditi da boschi, oliveti, cipressi e vigneti a perdita d'occhio. A Dievole gli ospiti possono vivere esperienze en plein air rilassandosi negli splendidi giardini all’italiana, nuotando nelle due piscine panoramiche, oppure percorrendo il Natural Path che si snoda per 7 chilometri nella tenuta, ideale per praticare sport (dal trekking alla mountain bike) e ammirare scorci meravigliosi del Chianti Classico. E poi c’è il Percorso Vita, di poco meno di 2 chilometri, una sorta di palestra a cielo aperto per allenarsi nella natura. A completare l’offerta, Il ristorante Novecento che si affaccia sul Giardino delle Rose dove, con la bella stagione, vengono apparecchiati i tavoli per il pranzo e la cena. I piatti preparati con passione dalla Chef Monika Filipinska sono una festa di sapori e un tributo alla tradizione, un gioco di abbinamenti creativi ma anche la dimostrazione che si può lasciare il segno puntando sulla semplicità. Ad esaltare le pietanze, l’uso sapiente dell’olio extra vergine di oliva di Dievole, e la gamma dei vini dell’azienda che raccontano il Chianti Classico nel bicchiere. Dievole wine resort è la base perfetta per partire alla scoperta di città d’arte come Siena e Firenze e degli affascinanti borghi toscani. Un luogo fuori dal tempo, che da quest’anno sarà Adult only, immerso nella splendida natura del Chianti Classico. Wine Tour, degustazioni guidate degli olii, pic-nic tra le vigne: sono tante le esperienze che si possono vivere a Dievole. [post_title] => Dievole Wine Resort, nuove camere e suite con vista sui vigneti [post_date] => 2024-06-13T12:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718281962000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469376 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche per questa edizione degli Europei i passeggeri delle navi Costa in navigazione nei mari del Mediterraneo e del Nord Europa potranno assistere alle partite del torneo, grazie alla trasmissione via satellite con un'ampia copertura. I match saranno disponibili gratuitamente sui maxi-schermi delle aree pubbliche. Oltre a godersi le partite del Campionato Europeo di calcio, gli ospiti Costa potranno inoltre sperimentare la grande novità dell'anno, le Sea Destinations, nonché la ricca offerta gastronomica, con i piatti a firma di tre grandi chef, Bruno Barbieri, Hélène Darroze e Ángel León, che interpretano i sapori dei luoghi compresi negli itinerari. A ciò si aggiunge l'intrattenimento a bordo, con spettacoli dal vivo, musica e feste a tema, caratterizzato in base agli itinerari, per offrire sempre un tocco locale. [post_title] => Gli Europei di calcio 2024 saranno sui maxi-schermi delle navi Costa [post_date] => 2024-06-13T09:49:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718272155000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469323 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sulla scia del grande successo della versione invernale, la Val d’Ega Summer Challenge aggiunge un pizzico di sana competitività alle vacanze estive. Rivolta ad amanti dell’escursionismo di qualsiasi ordine e grado, la sfida ha come scenario il cuore delle Dolomiti (BZ) e prevede il completamento,durante la stagione estiva, di sei suggestivi obiettivi, per rendere il soggiorno una conquista di benessere all’insegna di natura, ecologia e gusto.  Si può cominciare prendendo posto in almeno uno dei cinema di montagna, nome sotto il quale vengono riuniti sei punti panoramici lungo i sentieri escursionistici di Nova Ponente, Obereggen, Collepietra e Nova Levante-Carezza.  Per restare in argomento panoramico, il Latemar.360° è il sentiero tematico che conduce a una piattaforma in larice unica nel proprio genere, posta a 2.200 metri di altitudine. Se gli spunti per guardarsi intorno sono infiniti, forse è il caso di cambiare prospettiva e alzare lo sguardo verso l’infinito, inoltrandosi sul Sentiero dei Pianeti di San Valentino in Campo, fiore all’occhiello del primo Astrovillaggio d’Europa. Poiché aderire alla missione ecosostenibile della Val d’Ega è di massima importanza, una delle tappe della sfida non poteva che riguardare il rispetto dell’ambiente. Il viaggio in autobus, che è oltretutto gratuito grazie al Guest Pass ricevuto in omaggio all’arrivo, diventa dunque una delle prove da sostenere e testimoniare con una fotografia. E vale senza dubbio la fatica e un’immagine l’aquila bronzea che, al termine del sentiero Masarè di fronte alle pareti del massiccio del Catinaccio, ricorda fieramente Theodor Christomannos, pioniere del turismo nelle Dolomiti e ideatore della strada che porta da Nova Levante a Cortina. L’ultima delle tappe è anche la più buona, perché ha a che fare con le delizie della tavola che la Val d’Ega ha da offrire a chi ama i sapori genuini. Il raggiungimento di ognuna delle sei tappe, da conseguire in 10 giorni totali, dovrà essere certificato da altrettante fotografie caricate sul sito eggental.com, in virtù delle quali sarà possibile recarsi presso uno degli uffici turistici della valle e ricevere un premio.     [post_title] => Val d'Ega Summer Challenge, la sfida estiva in sei tappe [post_date] => 2024-06-12T10:49:38+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718189378000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469077 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand One&Only raddoppia in Grecia con l'apertura ufficiale del Kéa Island alle Cicladi, nel cuore dell'Egeo, a soli 45 minuti di speedboat da Atene. La novità segue il One&Only Aesthesis, ad Atene, aperto nel 2023. Posizionato su un promontorio e su una spiaggia di 65 ettari lungo la costa occidentale dell’isola di Kéa, il complesso comprende 63 Cliff villa da una o due camere da letto con viste sul paesaggio dell’isola e sul mare. Sul versante opposto della baia, si trova una selezione di 40 One&Only private homes disponibili per l’acquisto. Tutte le soluzioni di soggiorno sono state progettate dall'architetto John Heah, rispettando lo stile tradizionale di Kéa, utilizzando pietra locale e marmo greco. Il resort mira a valorizzare la cucina locale collaborando con artigiani, agricoltori e pescatori per offrire prodotti stagionali e tradizioni dell'isola. Il ristorante Atria offre piatti greci sofisticati, mentre il lounge Kosmos serve bevande e cocktail con vista sul mare. Al bar a bordo piscina Kaiki, gli ospiti possono gustare snack e cocktail con vista sull'Egeo; al wine bar Èpicora vengono proposti formaggi, salumi e una selezione di vini pregiati. Il bar speakeasy Incognito, inoltre, offre una selezione esclusiva di rum e whisky. Il Bond Beach Club regala poi agli ospiti un'atmosfera vivace sulla spiaggia, con una varietà di sapori mediterranei, cocktail, musica curata e dj set. Il resort organizza anche serate Panigiri all'aperto, ispirate alle tradizionali feste estive greche, con musica dal vivo e specialità di carne alla griglia. La One&Only Spa, in collaborazione con Subtle Energies, propone poi una vasta gamma di servizi, tra cui vasche per la terapia watsu, piscine fredde, saune e una piscina con vista sul mare, con la possibilità di scegliere anche tra numerosi trattamenti ispirati alla mitologia greca. Per i soggiorni attivi, il Club One offre servizi fitness, campi da tennis e padel, mentre il KidsOnly Club organizza attività creative per i giovani ispirate alle leggende dell'isola. [post_title] => One&Only raddoppia in Grecia con il Kéa Island alle Cicladi [post_date] => 2024-06-07T12:22:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717762920000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nella Terra dello Slow Mix,  con Visit Emilia, tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, un itinerario unico nel regno del libro, si può percorrere un itinerario a tappe nel mondo dell’editoria tra antico e contemporaneo, ammirando biblioteche storiche, musei che svelano gli albori della stampa, collezioni di editori illuminati, arti tipografiche, codici medievali ma anche innovative produzioni editoriali moderne. A Parma, il viaggio nell’editoria può cominciare dal Complesso Monumentale della Pilotta, dove il Museo Bodoniano vanta di essere il più antico museo della stampa in Italia. È intitolato al tipografo Giambattista Bodoni ed ospita una fabbrica del libro con strumenti da lavoro dell’officina tipografica originali, edizioni uniche e rare anche in seta e pergamena, un carteggio di 12mila lettere, 80mila pezzi della stamperia Bodoni, e tantissimi documenti. Sempre alla Pilotta c’è un altro luogo straordinario: la Biblioteca Palatina, dove Franco Maria Ricci (1937-2020), celebre editore e collezionista d’arte, incontrò Giambattista Bodoni, innamorandosi della sua arte, a cui rese omaggio con la ristampa del Manuale tipografico, l’abbecedario sublime che inaugurerà il catalogo della casa editrice sognata. Oggi le sue opere sono custodite in un monumento unico nel suo genere: il Labirinto della Masone, il più grande labirinto al mondo che si trova a Fontanellato. Ancora a Parma, bisogna visitare la splendida Biblioteca monumentale benedettina dell’Abbazia di San Giovanni. La sala principale offre alla vista affreschi cinquecenteschi sulle volte, ritraenti un complesso panorama della sapienza umana e della giustizia. Le pitture parietali riproducono carte geografiche tra cui una del Ducato di Parma e Piacenza celebrativa della Signoria dei Farnese. Spostandosi a Noceto (PR) si scopre un altro tesoro: il Museo della Tipografia Fernando Libassi, dove ammirare antiche attrezzature, macchine da stampa solo italiane (una particolarità per il periodo) costruite artigianalmente. A Piacenza, l’itinerario nel mondo dell’editoria può proseguire al Museo della Stampa del quotidiano Libertà, giornale piacentino tra i più antichi d’Italia, con gli strumenti tipografici utilizzati fino agli anni ’80 e poi caduti in disuso, fra cui le storiche macchine compositrici, come Linotypes, Nebitype, Ludlow e tante chicche. Un vero e proprio gioiello editoriale si trova nella storica Biblioteca Passerini Landi di Piacenza: il Codice Landiano 190, considerato il manoscritto più antico di data certa della Divina Commedia di Dante. Un’ altra perla rara è il Codice 65 o Libro del Maestro, da scoprire nel bellissimo Museo Kronos della Cattedrale di Piacenza, seguendo il percorso che conduce verso la cupola affrescata da Guercino. Si tratta di un manoscritto pergamenaceo del XII secolo, tra i più importanti d’Europa e noto per la liturgia a livello internazionale.  Nel borgo di Bobbio (PC), uno dei Borghi più Belli d’Italia, l’Abbazia di San Colombano espone antichi codici e un nuovo Scriptorium, ricostruito sull'impronta di quelli originali e la digitalizzazione di 15 codici trascritti da monaci bobbiensi e collocati nella biblioteca Ambrosiana di Milano, che si possono “sfogliare” in un’ottima risoluzione. Tra i piacentini che si sono distinti in ambito editoriale, Giana Anguissola è sicuramente tra le scrittrici contemporanee più amate. A lei è dedicato il concorso letterario nazionale omonimo a Travo, in Val Trebbia, incentrato sulla letteratura per ragazzi, ed anche la biblioteca comunale per ragazzi di Piacenza. A Reggio Emilia, dove il contemporaneo è in continuo dialogo con la storia, la Biblioteca comunale dedicata ad Antonio Panizzi, esule reggiano che attorno alla metà del secolo scorso organizzò la prestigiosa biblioteca del British Museum a Londra, si rivela non solo come luogo molto amato dagli abitanti della città, ma anche location di eventi, esposizioni ed incontri. A Luzzara (RE) sulle rive del fiume Po, c’è il Centro Culturale Zavattini, che dal 2015 ha preso il testimone della biblioteca comunale, nata grazie ad una importante donazione, oggi Fondo Zavattini. Dedicato al celebre scrittore, pittore e motivatore culturale Cesare Zavattini, considerato il maggior rappresentante del Neorealismo italiano, il Centro Culturalepromuove una vasta serie di rassegne ed eventi culturali, percorsi e laboratori didattici, progetti espositivi, pubblicazioni, oltre al servizio di biblioteca. La diffusione dell’opera di Cesare Zavattini è uno dei principali obiettivi di Fondazione Un Paese, che consapevole dell’importanza della conservazione storica, riflette sulla contemporaneità.   ­ [post_title] => Visit Emilia, tour alla scoperta del mondo dell'editoria nella Terra dello Slow Mix [post_date] => 2024-06-07T08:44:35+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717749875000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468967 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Una presenta il rinnovato Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. Dopo un’attenta operazione di renaming e restyling il piccolo boutique hotel 4 stelle di design, già Hotel Art by the Spanish Steps, propone ai propri ospiti una nuova esperienza negli spazi ricavati da un collegio religioso, dove il sacro incontra il profano, l’antico il moderno. La direttrice Francesca Fiumanò ripercorre l’operazione: "Il nome rende giustizia all’hotel per tre motivi: maison è il temine internazionale per casa e parla di un’accoglienza familiare; nell’agio e nell’eleganza i nostri ospiti trovano un’attenzione personalizzata e dedicata. L’esperienza è parte del brand, perché ogni soggiorno è un’occasione unica e irripetibile. La location, Roma Piazza di Spagna, non ha infine bisogno di presentazioni. L’albergo si trova in una posizione eccezionale: a metà strada tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, affacciato su via Margutta, la storica via degli artisti e degli artigiani. Sin dal momento dell’arrivo i nostri ospiti apprezzano la pace e la serenità della zona, anche se è vicinissima alle attrazioni principali della città". Fiumanò è stata scelta dal gruppo per guidare questa nuova avventura “per il suo human touch e per il suo gusto e capacità di interpretare il genius loci", sottolinea l’a.d. del Gruppo Una Giorgio Marchegiani. Il Maison Roma dispone di 46 camere di diverse categorie, adatte a soddisfare le esigenze degli ospiti che scelgono il nostro hotel per una vacanza da soli o con la famiglia, ma anche per un soggiorno di lavoro. La hall, un tempo la cappella dell’istituto, viene utilizzata per molteplici scopi: dai cocktail conviviali proposti dal bar Margutta agli interessanti workshop organizzati dall’associazione Botteghiamo per scoprire le arti antiche, come la pittura con l’oro. Ogni mattina Maison Roma si concentra sul momento della colazione, richiamando il concetto di casa. "Una delle caratteristiche della nostra compagnia è il sottolineare l’importanza dei prodotti autentici, come i dolci appena sfornati dalla nostra cuoca - aggiunge Francesca Fiumanò -. La struttura offre poi una bellissima corte che può ospitare colazioni, aperitivi ed eventi di ogni genere e anche uno spazio meeting non convenzionale adatto a piccole riunioni». "Con il Maison Roma sono diventati quattro gli hotel del nostro gruppo nella capitale - riprende Marchegiani -. Fino al 2021 avevamo solo il Decò, vicino alla stazione Termini, quindi sono stati inseriti l'Art (oggi appunto Maison Roma), l’Empire (dietro a Via Veneto) e nel 2022 è stato aperto l’hotel di Trastevere, con la sua splendida terrazza. Roma è una città molto importante per noi, così come per il turismo italiano. Grazie alla posizione dei nostri hotel vogliamo portare valori come il legame con il territorio accogliendo nei diversi rioni del centro storico i turisti italiani e quelli stranieri, che rappresentano circa la metà del flusso turistico. Roma è un pezzetto del Gruppo Una, oggi composto da 53 strutture esclusivamente in Italia: 34 gestite direttamente da noi e 19 in franchising, a cui presto se ne aggiungeranno altre due: una a Siracusa, vicino al castello Maniace, l’apertura è prevista tra qualche settimana, l’altra vicino a Matera. Con le nostre 5.800 camere siamo la più grande catena di hotellerie italiana per dimensione. Nel 2023 abbiamo registrato un fatturato di 208 milioni di euro, con un utile netto di 25 milioni". [gallery ids="468968,468976,468975,468973,468971,468970"] [post_title] => Una Esperienze: dal restyling dell'Art nasce il nuovo Maison Roma [post_date] => 2024-06-06T13:27:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717680455000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468906" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Eric Hsueh, direttore Eva Air in Italia, ed Elmer G. Cato, Console generale delle Filippine a Milano[/caption] Non soltanto Taiwan: Eva Air accende i riflettori sulla destinazione Filippine, ben collegata dall'Italia grazie ai voli via Taipei operati dalla compagnia aerea. Compagnia che proprio recentemente è stata nominata 'official airline partner' del Consolato Generale delle Filippine di Milano. Il network di Eva Air prevede "tre voli giornalieri da Taipei per Manila, un volo per Cebu e un volo per Clark entrambi quotidiani - ricorda Eric Hsueh, direttore del branch Italia del vettore - parliamo quindi di 5 collegamenti al giorno in grado di soddisfare molteplici esigenze e target di passeggeri. Dall'Italia, in particolare, puntiamo ad un traffico leisure attratto da una destinazione dalle grandi potenzialità, ma anche vfr e corporate. E non solo di turisti italiani, ma anche di filippini di seconda e terza generazione, desiderosi di scoprire le loro radici: questi rappresentano un nostro target privilegiato". Per certo, la comunità filippina in Italia "è la più grande dell'Unione europea e conta circa 200.000 persone, che possono diventare loro stessi una nostra 'sales force' aggiuntiva nel promuovere la destinazione" aggiunge il Console Generale delle Filippine di Milano, Elmer G. Cato. Meta balneare d'eccellenza ma anche un arcipelago da scoprire attraverso le tradizioni e la popolazione, le Filippine "nel 2023 hanno accolto quasi 23.000 visitatori italiani rispetto ai circa 40.000 del 2019, ma il recupero è costante e siamo fiduciosi che questa collaborazione con Eva Air contribuirà alla crescita".  Ecco quindi la nuova campagna di promozione turistica Love the Philippines, parte del più vasto progetto “Bagong Pilipinas” che punta a trasformare il Paese in una destinazione di livello internazionale.  "Questo rapporto di collaborazione sarà a lungo termine - prosegue Hsueh – e andrà ad utilizzare le nostre risorse in modo scambievole al fine di raggiungere scopi e successi comuni".  Eva Air collega Milano Malpensa a Taipei dall'0ttobre 2022, "un decollo  posticipato a causa della pandemia rispetto all’iniziale partenza programma per il 2020; abbiamo iniziato con due voli settimanali, ora sono quattro e i risultati sono positivi: lo scorso anno il load factor si è attestato al 90%. Certo,, non è ancora al 100% quindi possiamo ancora migliorare". Quanto all'aggiunta di ulteriori frequenze, "il progetto c'è, ma dipende da numerosi fattori, dal contesto geopolitico alla disponibilità di aeromobili". [post_title] => Eva Air punta i riflettori sulle Filippine: partnership con il Consolato di Milano [post_date] => 2024-06-06T09:25:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717665953000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468792 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La news era già stata anticipata lo scorso marzo, anche se all'epoca sembrava che il marchio coinvolto fosse Radisson Collection. Ora però arriva l'annuncio dell'apertura ufficiale: sarà il soft brand Radisson Individuals a debuttare in Sardegna con il Veridia Resort Sardinia. Situato sulla baia di Chia con la sua torre saracena, il nuovo indirizzo include sei residenze disposte intorno all'edificio centrale e dispone di 172 camere e di una spiaggia privata di circa 250 metri.  L'offerta gastronomica spazia dall'Alima, il ristorante principale che sposa i sapori tradizionali con la modernità mediterranea, a La Gardiana, un grill restaurant che propone cene all'aperto sotto le stelle, fino al Tanura, un bistrot che serve piatti leggeri e salutari durante tutta la giornata. Chi desidera rilassarsi ulteriormente può godere dell'ampia piscina a sfioro di 800 mq con bar, di due campi da tennis e di una serie di attività ed escursioni, tra cui gite in barca e visite ai monumenti storici locali. La novità è frutto di un accordo con Fattore Italia, OpCo che alla fine dell’anno scorso ha a sua volta siglato un contratto di locazione per il sardo parco Torre di Chia, precedentemente operato da Th Resorts, con l’obiettivo di riposizionarne l’offerta dal segmento midscale a quello a 5 stelle. [post_title] => Esordio sardo per il brand Radisson Individuals con il Veridia Resort [post_date] => 2024-06-04T14:43:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717512186000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468755 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In una nota FTI Touristick, che ha presentato istanza di fallimento ieri,  ha fatto sapere che l’azienda sta lavorando per garantire che i viaggi già iniziati possano essere completati come previsto. A questo fine, interverrà la Cassa tedesca per l’assicurazione viaggi, lanciata nel 2021. Se un fornitore di viaggi fallisce la Cassa Deutsche Reisesicherungsfonds dovrebbe occuparsi del rimborso degli acconti dei clienti e anche del trasporto di ritorno dei vacanzieri bloccati e del loro alloggio fino al trasporto di ritorno. Il fondo, organizzato dall’industria turistica tedesca e supervisionato dal ministero federale della Giustizia, è stato fondato dopo il fallimento del gruppo di viaggi Thomas Cook nel settembre 2019. L'impatto del  fallimento di FT Touristik sarà però molto inferiore a quello provocato dalla chiusura di Thomas Cook. La prima differenza notevole risiede nelle dimensioni di ciascuna azienda. Thomas Cook ha raggiunto un fatturato annuo di 12.000 milioni di euro, tre volte superiore a quello di FTI, il cui tetto è di 4.100 milioni.  Un altro fattore positivo è che la maggior parte dei fornitori, consapevole del rischio, richiede da tempo un pagamento anticipato a FTI, il che riduce l'impatto del loro fallimento. D'altronde, lo stesso management del gruppo assicura che questa sfiducia è stata una delle ragioni che ne hanno causato il crollo, per mancanza di liquidità. Allarmi Allo stesso modo, dall'inizio dell'anno, quando sono iniziati i primi allarmi sulla situazione del gruppo, le riserve hanno cominciato a crollare. Come ha pubblicato Preferente , lo scorso marzo le agenzie di viaggio del paese, in una dichiarazione insolita e poco frequente, hanno chiesto maggiore trasparenza alla FTI riguardo alla sua situazione finanziaria, avvertendo che "esiste il rischio di mancato pagamento". Fondamentale è invece la data in cui è stato dichiarato il fallimento. Thomas Cook ha cessato le attività dopo l'alta stagione estiva (23 settembre 2019), chiudendo senza pagare ingenti importi dovuti a una moltitudine di fornitori, molti dei quali spagnoli. FTI, invece, lo ha fatto questo lunedì 3 giugno, il che contribuisce a ridurne l'impatto. Infine, resta da vedere se FTI riuscirà a superare questa situazione. Comunque c'è anche la possibilità che venga salvata, anche dal Governo tedesco.   [post_title] => Fti: i viaggi iniziati possono essere completati. Differenze con Thomas Cook [post_date] => 2024-06-04T11:14:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717499665000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "scopri italia non sapevi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":19,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":356,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469435","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dievole Wine Resort è un punto di riferimento dell’ospitalità d’autore nel cuore del Chianti Classico.\r\n\r\nDi recente sono state inaugurate 14 nuove camere e suite ricavate nel Colombaio, uno degli edifici che compongono il borgo, situato in una posizione panoramica con vista sui vigneti della storica tenuta di Castelnuovo Berardenga (SI). Presentate dopo un attento restauro, le nuove dimore (una Superior suite, due suite e 11 camere tra Deluxe e Classic) sono curate nei minimi dettagli, con travi a vista, marmo di travertino nei bagni e arredi in stile inglese country chic, nei toni del bianco, tortora e beige.\r\n\r\nCon queste nuove aggiunte, salgono a 32 le camere del Dievole Wine Resort, dislocate tra la Villa Padronale, che risale al XVIII secolo, e gli altri edifici del borgo. Tutto intorno, 600 ettari scanditi da boschi, oliveti, cipressi e vigneti a perdita d'occhio.\r\n\r\nA Dievole gli ospiti possono vivere esperienze en plein air rilassandosi negli splendidi giardini all’italiana, nuotando nelle due piscine panoramiche, oppure percorrendo il Natural Path che si snoda per 7 chilometri nella tenuta, ideale per praticare sport (dal trekking alla mountain bike) e ammirare scorci meravigliosi del Chianti Classico. E poi c’è il Percorso Vita, di poco meno di 2 chilometri, una sorta di palestra a cielo aperto per allenarsi nella natura.\r\n\r\nA completare l’offerta, Il ristorante Novecento che si affaccia sul Giardino delle Rose dove, con la bella stagione, vengono apparecchiati i tavoli per il pranzo e la cena. I piatti preparati con passione dalla Chef Monika Filipinska sono una festa di sapori e un tributo alla tradizione, un gioco di abbinamenti creativi ma anche la dimostrazione che si può lasciare il segno puntando sulla semplicità. Ad esaltare le pietanze, l’uso sapiente dell’olio extra vergine di oliva di Dievole, e la gamma dei vini dell’azienda che raccontano il Chianti Classico nel bicchiere.\r\n\r\nDievole wine resort è la base perfetta per partire alla scoperta di città d’arte come Siena e Firenze e degli affascinanti borghi toscani. Un luogo fuori dal tempo, che da quest’anno sarà Adult only, immerso nella splendida natura del Chianti Classico. Wine Tour, degustazioni guidate degli olii, pic-nic tra le vigne: sono tante le esperienze che si possono vivere a Dievole.","post_title":"Dievole Wine Resort, nuove camere e suite con vista sui vigneti","post_date":"2024-06-13T12:32:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718281962000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469376","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche per questa edizione degli Europei i passeggeri delle navi Costa in navigazione nei mari del Mediterraneo e del Nord Europa potranno assistere alle partite del torneo, grazie alla trasmissione via satellite con un'ampia copertura. I match saranno disponibili gratuitamente sui maxi-schermi delle aree pubbliche.\r\n\r\nOltre a godersi le partite del Campionato Europeo di calcio, gli ospiti Costa potranno inoltre sperimentare la grande novità dell'anno, le Sea Destinations, nonché la ricca offerta gastronomica, con i piatti a firma di tre grandi chef, Bruno Barbieri, Hélène Darroze e Ángel León, che interpretano i sapori dei luoghi compresi negli itinerari. A ciò si aggiunge l'intrattenimento a bordo, con spettacoli dal vivo, musica e feste a tema, caratterizzato in base agli itinerari, per offrire sempre un tocco locale.","post_title":"Gli Europei di calcio 2024 saranno sui maxi-schermi delle navi Costa","post_date":"2024-06-13T09:49:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718272155000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469323","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sulla scia del grande successo della versione invernale, la Val d’Ega Summer Challenge aggiunge un pizzico di sana competitività alle vacanze estive.\r\n\r\nRivolta ad amanti dell’escursionismo di qualsiasi ordine e grado, la sfida ha come scenario il cuore delle Dolomiti (BZ) e prevede il completamento,durante la stagione estiva, di sei suggestivi obiettivi, per rendere il soggiorno una conquista di benessere all’insegna di natura, ecologia e gusto. \r\n\r\nSi può cominciare prendendo posto in almeno uno dei cinema di montagna, nome sotto il quale vengono riuniti sei punti panoramici lungo i sentieri escursionistici di Nova Ponente, Obereggen, Collepietra e Nova Levante-Carezza.  Per restare in argomento panoramico, il Latemar.360° è il sentiero tematico che conduce a una piattaforma in larice unica nel proprio genere, posta a 2.200 metri di altitudine.\r\n\r\nSe gli spunti per guardarsi intorno sono infiniti, forse è il caso di cambiare prospettiva e alzare lo sguardo verso l’infinito, inoltrandosi sul Sentiero dei Pianeti di San Valentino in Campo, fiore all’occhiello del primo Astrovillaggio d’Europa.\r\n\r\nPoiché aderire alla missione ecosostenibile della Val d’Ega è di massima importanza, una delle tappe della sfida non poteva che riguardare il rispetto dell’ambiente. Il viaggio in autobus, che è oltretutto gratuito grazie al Guest Pass ricevuto in omaggio all’arrivo, diventa dunque una delle prove da sostenere e testimoniare con una fotografia.\r\n\r\nE vale senza dubbio la fatica e un’immagine l’aquila bronzea che, al termine del sentiero Masarè di fronte alle pareti del massiccio del Catinaccio, ricorda fieramente Theodor Christomannos, pioniere del turismo nelle Dolomiti e ideatore della strada che porta da Nova Levante a Cortina.\r\n\r\nL’ultima delle tappe è anche la più buona, perché ha a che fare con le delizie della tavola che la Val d’Ega ha da offrire a chi ama i sapori genuini.\r\n\r\nIl raggiungimento di ognuna delle sei tappe, da conseguire in 10 giorni totali, dovrà essere certificato da altrettante fotografie caricate sul sito eggental.com, in virtù delle quali sarà possibile recarsi presso uno degli uffici turistici della valle e ricevere un premio.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Val d'Ega Summer Challenge, la sfida estiva in sei tappe","post_date":"2024-06-12T10:49:38+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1718189378000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469077","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand One&Only raddoppia in Grecia con l'apertura ufficiale del Kéa Island alle Cicladi, nel cuore dell'Egeo, a soli 45 minuti di speedboat da Atene. La novità segue il One&Only Aesthesis, ad Atene, aperto nel 2023. Posizionato su un promontorio e su una spiaggia di 65 ettari lungo la costa occidentale dell’isola di Kéa, il complesso comprende 63 Cliff villa da una o due camere da letto con viste sul paesaggio dell’isola e sul mare. Sul versante opposto della baia, si trova una selezione di 40 One&Only private homes disponibili per l’acquisto. Tutte le soluzioni di soggiorno sono state progettate dall'architetto John Heah, rispettando lo stile tradizionale di Kéa, utilizzando pietra locale e marmo greco.\r\n\r\nIl resort mira a valorizzare la cucina locale collaborando con artigiani, agricoltori e pescatori per offrire prodotti stagionali e tradizioni dell'isola. Il ristorante Atria offre piatti greci sofisticati, mentre il lounge Kosmos serve bevande e cocktail con vista sul mare. Al bar a bordo piscina Kaiki, gli ospiti possono gustare snack e cocktail con vista sull'Egeo; al wine bar Èpicora vengono proposti formaggi, salumi e una selezione di vini pregiati. Il bar speakeasy Incognito, inoltre, offre una selezione esclusiva di rum e whisky.\r\n\r\nIl Bond Beach Club regala poi agli ospiti un'atmosfera vivace sulla spiaggia, con una varietà di sapori mediterranei, cocktail, musica curata e dj set. Il resort organizza anche serate Panigiri all'aperto, ispirate alle tradizionali feste estive greche, con musica dal vivo e specialità di carne alla griglia. La One&Only Spa, in collaborazione con Subtle Energies, propone poi una vasta gamma di servizi, tra cui vasche per la terapia watsu, piscine fredde, saune e una piscina con vista sul mare, con la possibilità di scegliere anche tra numerosi trattamenti ispirati alla mitologia greca. Per i soggiorni attivi, il Club One offre servizi fitness, campi da tennis e padel, mentre il KidsOnly Club organizza attività creative per i giovani ispirate alle leggende dell'isola.","post_title":"One&Only raddoppia in Grecia con il Kéa Island alle Cicladi","post_date":"2024-06-07T12:22:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717762920000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468988","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nella Terra dello Slow Mix,  con Visit Emilia, tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, un itinerario unico nel regno del libro, si può percorrere un itinerario a tappe nel mondo dell’editoria tra antico e contemporaneo, ammirando biblioteche storiche, musei che svelano gli albori della stampa, collezioni di editori illuminati, arti tipografiche, codici medievali ma anche innovative produzioni editoriali moderne.\r\n\r\nA Parma, il viaggio nell’editoria può cominciare dal Complesso Monumentale della Pilotta, dove il Museo Bodoniano vanta di essere il più antico museo della stampa in Italia. È intitolato al tipografo Giambattista Bodoni ed ospita una fabbrica del libro con strumenti da lavoro dell’officina tipografica originali, edizioni uniche e rare anche in seta e pergamena, un carteggio di 12mila lettere, 80mila pezzi della stamperia Bodoni, e tantissimi documenti. Sempre alla Pilotta c’è un altro luogo straordinario: la Biblioteca Palatina, dove Franco Maria Ricci (1937-2020), celebre editore e collezionista d’arte, incontrò Giambattista Bodoni, innamorandosi della sua arte, a cui rese omaggio con la ristampa del Manuale tipografico, l’abbecedario sublime che inaugurerà il catalogo della casa editrice sognata. Oggi le sue opere sono custodite in un monumento unico nel suo genere: il Labirinto della Masone, il più grande labirinto al mondo che si trova a Fontanellato.\r\n\r\n Ancora a Parma, bisogna visitare la splendida Biblioteca monumentale benedettina dell’Abbazia di San Giovanni. La sala principale offre alla vista affreschi cinquecenteschi sulle volte, ritraenti un complesso panorama della sapienza umana e della giustizia. Le pitture parietali riproducono carte geografiche tra cui una del Ducato di Parma e Piacenza celebrativa della Signoria dei Farnese. Spostandosi a Noceto (PR) si scopre un altro tesoro: il Museo della Tipografia Fernando Libassi, dove ammirare antiche attrezzature, macchine da stampa solo italiane (una particolarità per il periodo) costruite artigianalmente.\r\n\r\nA Piacenza, l’itinerario nel mondo dell’editoria può proseguire al Museo della Stampa del quotidiano Libertà, giornale piacentino tra i più antichi d’Italia, con gli strumenti tipografici utilizzati fino agli anni ’80 e poi caduti in disuso, fra cui le storiche macchine compositrici, come Linotypes, Nebitype, Ludlow e tante chicche. Un vero e proprio gioiello editoriale si trova nella storica Biblioteca Passerini Landi di Piacenza: il Codice Landiano 190, considerato il manoscritto più antico di data certa della Divina Commedia di Dante.\r\n\r\nUn’ altra perla rara è il Codice 65 o Libro del Maestro, da scoprire nel bellissimo Museo Kronos della Cattedrale di Piacenza, seguendo il percorso che conduce verso la cupola affrescata da Guercino. Si tratta di un manoscritto pergamenaceo del XII secolo, tra i più importanti d’Europa e noto per la liturgia a livello internazionale. \r\n\r\n Nel borgo di Bobbio (PC), uno dei Borghi più Belli d’Italia, l’Abbazia di San Colombano espone antichi codici e un nuovo Scriptorium, ricostruito sull'impronta di quelli originali e la digitalizzazione di 15 codici trascritti da monaci bobbiensi e collocati nella biblioteca Ambrosiana di Milano, che si possono “sfogliare” in un’ottima risoluzione. Tra i piacentini che si sono distinti in ambito editoriale, Giana Anguissola è sicuramente tra le scrittrici contemporanee più amate. A lei è dedicato il concorso letterario nazionale omonimo a Travo, in Val Trebbia, incentrato sulla letteratura per ragazzi, ed anche la biblioteca comunale per ragazzi di Piacenza.\r\n\r\nA Reggio Emilia, dove il contemporaneo è in continuo dialogo con la storia, la Biblioteca comunale dedicata ad Antonio Panizzi, esule reggiano che attorno alla metà del secolo scorso organizzò la prestigiosa biblioteca del British Museum a Londra, si rivela non solo come luogo molto amato dagli abitanti della città, ma anche location di eventi, esposizioni ed incontri.\r\n\r\nA Luzzara (RE) sulle rive del fiume Po, c’è il Centro Culturale Zavattini, che dal 2015 ha preso il testimone della biblioteca comunale, nata grazie ad una importante donazione, oggi Fondo Zavattini. Dedicato al celebre scrittore, pittore e motivatore culturale Cesare Zavattini, considerato il maggior rappresentante del Neorealismo italiano, il Centro Culturalepromuove una vasta serie di rassegne ed eventi culturali, percorsi e laboratori didattici, progetti espositivi, pubblicazioni, oltre al servizio di biblioteca. La diffusione dell’opera di Cesare Zavattini è uno dei principali obiettivi di Fondazione Un Paese, che consapevole dell’importanza della conservazione storica, riflette sulla contemporaneità.\r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Visit Emilia, tour alla scoperta del mondo dell'editoria nella Terra dello Slow Mix","post_date":"2024-06-07T08:44:35+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1717749875000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468967","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Una presenta il rinnovato Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. Dopo un’attenta operazione di renaming e restyling il piccolo boutique hotel 4 stelle di design, già Hotel Art by the Spanish Steps, propone ai propri ospiti una nuova esperienza negli spazi ricavati da un collegio religioso, dove il sacro incontra il profano, l’antico il moderno.\r\n\r\nLa direttrice Francesca Fiumanò ripercorre l’operazione: \"Il nome rende giustizia all’hotel per tre motivi: maison è il temine internazionale per casa e parla di un’accoglienza familiare; nell’agio e nell’eleganza i nostri ospiti trovano un’attenzione personalizzata e dedicata. L’esperienza è parte del brand, perché ogni soggiorno è un’occasione unica e irripetibile. La location, Roma Piazza di Spagna, non ha infine bisogno di presentazioni. L’albergo si trova in una posizione eccezionale: a metà strada tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, affacciato su via Margutta, la storica via degli artisti e degli artigiani. Sin dal momento dell’arrivo i nostri ospiti apprezzano la pace e la serenità della zona, anche se è vicinissima alle attrazioni principali della città\".\r\n\r\nFiumanò è stata scelta dal gruppo per guidare questa nuova avventura “per il suo human touch e per il suo gusto e capacità di interpretare il genius loci\", sottolinea l’a.d. del Gruppo Una Giorgio Marchegiani. Il Maison Roma dispone di 46 camere di diverse categorie, adatte a soddisfare le esigenze degli ospiti che scelgono il nostro hotel per una vacanza da soli o con la famiglia, ma anche per un soggiorno di lavoro. La hall, un tempo la cappella dell’istituto, viene utilizzata per molteplici scopi: dai cocktail conviviali proposti dal bar Margutta agli interessanti workshop organizzati dall’associazione Botteghiamo per scoprire le arti antiche, come la pittura con l’oro. Ogni mattina Maison Roma si concentra sul momento della colazione, richiamando il concetto di casa.\r\n\r\n\"Una delle caratteristiche della nostra compagnia è il sottolineare l’importanza dei prodotti autentici, come i dolci appena sfornati dalla nostra cuoca - aggiunge Francesca Fiumanò -. La struttura offre poi una bellissima corte che può ospitare colazioni, aperitivi ed eventi di ogni genere e anche uno spazio meeting non convenzionale adatto a piccole riunioni».\r\n\r\n\"Con il Maison Roma sono diventati quattro gli hotel del nostro gruppo nella capitale - riprende Marchegiani -. Fino al 2021 avevamo solo il Decò, vicino alla stazione Termini, quindi sono stati inseriti l'Art (oggi appunto Maison Roma), l’Empire (dietro a Via Veneto) e nel 2022 è stato aperto l’hotel di Trastevere, con la sua splendida terrazza. Roma è una città molto importante per noi, così come per il turismo italiano. Grazie alla posizione dei nostri hotel vogliamo portare valori come il legame con il territorio accogliendo nei diversi rioni del centro storico i turisti italiani e quelli stranieri, che rappresentano circa la metà del flusso turistico. Roma è un pezzetto del Gruppo Una, oggi composto da 53 strutture esclusivamente in Italia: 34 gestite direttamente da noi e 19 in franchising, a cui presto se ne aggiungeranno altre due: una a Siracusa, vicino al castello Maniace, l’apertura è prevista tra qualche settimana, l’altra vicino a Matera. Con le nostre 5.800 camere siamo la più grande catena di hotellerie italiana per dimensione. Nel 2023 abbiamo registrato un fatturato di 208 milioni di euro, con un utile netto di 25 milioni\".\r\n\r\n[gallery ids=\"468968,468976,468975,468973,468971,468970\"]","post_title":"Una Esperienze: dal restyling dell'Art nasce il nuovo Maison Roma","post_date":"2024-06-06T13:27:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717680455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468897","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468906\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Eric Hsueh, direttore Eva Air in Italia, ed Elmer G. Cato, Console generale delle Filippine a Milano[/caption]\r\nNon soltanto Taiwan: Eva Air accende i riflettori sulla destinazione Filippine, ben collegata dall'Italia grazie ai voli via Taipei operati dalla compagnia aerea. Compagnia che proprio recentemente è stata nominata 'official airline partner' del Consolato Generale delle Filippine di Milano.\r\nIl network di Eva Air prevede \"tre voli giornalieri da Taipei per Manila, un volo per Cebu e un volo per Clark entrambi quotidiani - ricorda Eric Hsueh, direttore del branch Italia del vettore - parliamo quindi di 5 collegamenti al giorno in grado di soddisfare molteplici esigenze e target di passeggeri. Dall'Italia, in particolare, puntiamo ad un traffico leisure attratto da una destinazione dalle grandi potenzialità, ma anche vfr e corporate. E non solo di turisti italiani, ma anche di filippini di seconda e terza generazione, desiderosi di scoprire le loro radici: questi rappresentano un nostro target privilegiato\".\r\n\r\nPer certo, la comunità filippina in Italia \"è la più grande dell'Unione europea e conta circa 200.000 persone, che possono diventare loro stessi una nostra 'sales force' aggiuntiva nel promuovere la destinazione\" aggiunge il Console Generale delle Filippine di Milano, Elmer G. Cato. Meta balneare d'eccellenza ma anche un arcipelago da scoprire attraverso le tradizioni e la popolazione, le Filippine \"nel 2023 hanno accolto quasi 23.000 visitatori italiani rispetto ai circa 40.000 del 2019, ma il recupero è costante e siamo fiduciosi che questa collaborazione con Eva Air contribuirà alla crescita\". \r\n\r\nEcco quindi la nuova campagna di promozione turistica Love the Philippines, parte del più vasto progetto “Bagong Pilipinas” che punta a trasformare il Paese in una destinazione di livello internazionale. \r\n\"Questo rapporto di collaborazione sarà a lungo termine - prosegue Hsueh – e andrà ad utilizzare le nostre risorse in modo scambievole al fine di raggiungere scopi e successi comuni\". \r\nEva Air collega Milano Malpensa a Taipei dall'0ttobre 2022, \"un decollo  posticipato a causa della pandemia rispetto all’iniziale partenza programma per il 2020; abbiamo iniziato con due voli settimanali, ora sono quattro e i risultati sono positivi: lo scorso anno il load factor si è attestato al 90%. Certo,, non è ancora al 100% quindi possiamo ancora migliorare\". Quanto all'aggiunta di ulteriori frequenze, \"il progetto c'è, ma dipende da numerosi fattori, dal contesto geopolitico alla disponibilità di aeromobili\".","post_title":"Eva Air punta i riflettori sulle Filippine: partnership con il Consolato di Milano","post_date":"2024-06-06T09:25:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717665953000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468792","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La news era già stata anticipata lo scorso marzo, anche se all'epoca sembrava che il marchio coinvolto fosse Radisson Collection. Ora però arriva l'annuncio dell'apertura ufficiale: sarà il soft brand Radisson Individuals a debuttare in Sardegna con il Veridia Resort Sardinia. Situato sulla baia di Chia con la sua torre saracena, il nuovo indirizzo include sei residenze disposte intorno all'edificio centrale e dispone di 172 camere e di una spiaggia privata di circa 250 metri. \r\n\r\nL'offerta gastronomica spazia dall'Alima, il ristorante principale che sposa i sapori tradizionali con la modernità mediterranea, a La Gardiana, un grill restaurant che propone cene all'aperto sotto le stelle, fino al Tanura, un bistrot che serve piatti leggeri e salutari durante tutta la giornata. Chi desidera rilassarsi ulteriormente può godere dell'ampia piscina a sfioro di 800 mq con bar, di due campi da tennis e di una serie di attività ed escursioni, tra cui gite in barca e visite ai monumenti storici locali.\r\n\r\nLa novità è frutto di un accordo con Fattore Italia, OpCo che alla fine dell’anno scorso ha a sua volta siglato un contratto di locazione per il sardo parco Torre di Chia, precedentemente operato da Th Resorts, con l’obiettivo di riposizionarne l’offerta dal segmento midscale a quello a 5 stelle.","post_title":"Esordio sardo per il brand Radisson Individuals con il Veridia Resort","post_date":"2024-06-04T14:43:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717512186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468755","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In una nota FTI Touristick, che ha presentato istanza di fallimento ieri,  ha fatto sapere che l’azienda sta lavorando per garantire che i viaggi già iniziati possano essere completati come previsto. A questo fine, interverrà la Cassa tedesca per l’assicurazione viaggi, lanciata nel 2021. Se un fornitore di viaggi fallisce la Cassa Deutsche Reisesicherungsfonds dovrebbe occuparsi del rimborso degli acconti dei clienti e anche del trasporto di ritorno dei vacanzieri bloccati e del loro alloggio fino al trasporto di ritorno. Il fondo, organizzato dall’industria turistica tedesca e supervisionato dal ministero federale della Giustizia, è stato fondato dopo il fallimento del gruppo di viaggi Thomas Cook nel settembre 2019.\r\n\r\nL'impatto del  fallimento di FT Touristik sarà però molto inferiore a quello provocato dalla chiusura di Thomas Cook.\r\n\r\nLa prima differenza notevole risiede nelle dimensioni di ciascuna azienda. Thomas Cook ha raggiunto un fatturato annuo di 12.000 milioni di euro, tre volte superiore a quello di FTI, il cui tetto è di 4.100 milioni. \r\n\r\nUn altro fattore positivo è che la maggior parte dei fornitori, consapevole del rischio, richiede da tempo un pagamento anticipato a FTI, il che riduce l'impatto del loro fallimento. D'altronde, lo stesso management del gruppo assicura che questa sfiducia è stata una delle ragioni che ne hanno causato il crollo, per mancanza di liquidità.\r\nAllarmi\r\nAllo stesso modo, dall'inizio dell'anno, quando sono iniziati i primi allarmi sulla situazione del gruppo, le riserve hanno cominciato a crollare. Come ha pubblicato Preferente , lo scorso marzo le agenzie di viaggio del paese, in una dichiarazione insolita e poco frequente, hanno chiesto maggiore trasparenza alla FTI riguardo alla sua situazione finanziaria, avvertendo che \"esiste il rischio di mancato pagamento\".\r\n\r\nFondamentale è invece la data in cui è stato dichiarato il fallimento. Thomas Cook ha cessato le attività dopo l'alta stagione estiva (23 settembre 2019), chiudendo senza pagare ingenti importi dovuti a una moltitudine di fornitori, molti dei quali spagnoli. FTI, invece, lo ha fatto questo lunedì 3 giugno, il che contribuisce a ridurne l'impatto.\r\n\r\nInfine, resta da vedere se FTI riuscirà a superare questa situazione. Comunque c'è anche la possibilità che venga salvata, anche dal Governo tedesco.\r\n\r\n ","post_title":"Fti: i viaggi iniziati possono essere completati. Differenze con Thomas Cook","post_date":"2024-06-04T11:14:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717499665000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti