29 February 2024

Sala: “Bisogna ridurre gli affitti brevi a Milano”. Lo faccia lui e la sua giunta

[ 0 ]

Il sindaco di Milano Beppe Sala

Il sindaco di Milano Beppe Sala con una dichiarazione ha voluto mettere di nuovo al centro del dibattito il problema delle case destinate al turismo, che naturalmente non possono essere utilizzate come abitazioni. Se la prende con il ministro del turismo Santanchè, asserendo che di tutto quello che era stato promesso non è successo niente. 

E in effetti ha ragione. A Milano c’è stato addirittura un aumento degli affitti brevi che sono passati da 20 mila a 23 mila in pochi mesi. La questione però, secondo noi, non si può ridurre al solito lamento del dirigente locale (sebbene sindaco di Milano) rispetto al potere centrale. Bisogna fare qualcosa di più. Infatti Sala ha detto:”Milano vorrebbe fare una cosa simile a quella di New York” cioè ridurre in modo significativo il potere di Airbnb e rafforzare l’interesse pubblico su quello privato. 

Previsione e consiglio

Siamo d’accordo. Il punto è che Milano aspetta dal governo il via libera per avere più autonomia su questo argomento molto complesso. Da queste pagine si può dare una previsione e un consiglio.

La previsione: il governo centrale non darà mai il permesso di intaccare gli interessi privati. E’ un governo nato appositamente per difendere e accrescere gli interessi privati (basta vedere quello che succede alla pompa di benzina, mentre il petrolio costa 87 dollari al barile). Il consiglio: invece di lamentarsi faccia il provvedimento come hanno fatto Barcellona, Amsterdam, New York. Cioè se crede di essere davvero la capitale finanziaria di questo Paese, lo dimostri.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023. L'importanza dei loyalty program "Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro". Il post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina I primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: "Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: "Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente". Aumentano i contratti di management e franchising L'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. "Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.   Migliora la qualità dell'offerta f&b romana In tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: "Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa". Nel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo Per il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. "Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo".   [post_title] => Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo [post_date] => 2024-02-28T13:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125429000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462405 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462406" align="alignleft" width="300"] Davide Rosi[/caption] Rivoluzione in casa Mister Holiday, che diventa Mrh Group accrescendo al contempo il proprio portfolio di nuove business unit. La novità è stata annunciata durante la convention del network, svoltasi a bordo della Costa Smeralda, durante il festival di Sanremo, alla quale ha partecipato il 90% delle agenzie affiliate, a tutt’oggi oltre 80 punti vendita. Mrh Group, che fa capo al gruppo Volonline, nasce dunque da una completa riorganizzazione della rete, che ha visto anche l’ingresso, in qualità di amministratore di Davide Rosi, che affiancherà Laura Sandrini e Fabio Bignotti. “La dimensione di Mister Holiday necessitava di un’ulteriore spinta alla crescita e di una presenza capillare in tutti i canali di distribuzione possibili al fine di raggiungere il consumatore finale - commenta lo stesso Rosi -. Il progetto è stato strutturato secondo alcune linee di business che vedono in primo piano una crescita della rete di agenzie fisiche in franchising e dei consulenti di viaggi, lo sviluppo di partnership commerciali, il presidio di canali e-commerce e social attraverso una divisione focalizzata sugli strumenti di nuova generazione e la formazione continua e puntuale”. Mrh Group è ora l’ombrello sotto il quale si trovano le business unit multicanale: Mister Holiday, rete di agenzie di viaggi con la formula di affiliazione in franchising e centrale di acquisto; Yodi, Your Destination Identity, rete di consulenti di viaggi senza agenzia fisica; Travel Life, business unit flessibile per presidiare il mondo digital e per adattarsi a nuovi modelli tecnologici e distributivi, Puoy e Uniqueborn, per lo sviluppo di viaggi di gruppo con esperti accompagnatori e viaggi per social traveller. “Tutte le business unit hanno importanti obiettivi di crescita da qui ai prossimi cinque anni - prosegue Rosi -. Nel breve-medio periodo contiamo di raggiungere le 200 agenzie di viaggi fisiche e di aumentare considerevolmente il numero dei consulenti di viaggi. Stiamo implementando diversi strumenti di marketing territoriale e tecnologici per sostenere sempre di più i punti vendita e i consulenti, rendendoli sempre più competitivi e preparati di fronte a un mercato e un cliente in continuo cambiamento”. Prevista pure l’istituzione di una Academy con corsi di formazione continua e una rete di promotori sul territorio, che lavoreranno a stretto contatto con le agenzie incentivando anche nuovi ingressi [post_title] => Volonline riorganizza la rete Mister Holiday che diventa Mrh Group [post_date] => 2024-02-28T12:09:46+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709122186000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462394 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti. Molteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità. I primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social. La metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti. [post_title] => Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca [post_date] => 2024-02-28T11:35:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709120135000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462385 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che "un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio". Un rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana. La tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, "mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione". Il rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea. [post_title] => Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione [post_date] => 2024-02-28T10:43:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709117038000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aria di rinnovamento all’interno dello storico hotel Metropole di Montecarlo con l’apertura del salon Méditerranée. Luogo opera del designer e architetto parigino Jacque Garcia, si tratta di uno spazio elegante e raffinato adatto per feste private, cene eleganti o meeting aziendali. L’area misura 120 mq ed è dotata di wifi, video proiettore, televisione, aria condizionata, line telefonica privata, bloc notes e penne per i convegni. La capienza, che varia anche in base alla disposizione degli arredi da definire in base all’evento, raggiunge le 60 persone. L’atmosfera del salone è resa calda e accogliente dalla luce solare che filtra dalle ampie finestre presenti lungo la parete interna, irradiando gli affreschi decorativi disegnati da Delphine Nény, definita Miglior artigiana di Francia. Queste opere adornano dei pannelli presenti nella stanza che possono essere aperti, permettendo agli ospiti di ammirare la brigata di cucina all’opera. Particolare attenzione ricade sui green events, ossia eventi organizzabili all’interno dell’albergo durante i quali, tramite misure ad hoc, viene ridotto al minimo il consumo di plastiche grazie all’utilizzo di materiali riciclabili: dalle bottiglie d’acqua alle capsule per il caffè. Il Metropole offre inoltre alcune brevi attività interamente sostenibili da svolgere nelle pause dei seminari di business. In particolare, sarà possibile frequentare alcuni corsi di pasticceria a opera del pastry chef Patrick Mesiano, utilizzando solo ingredienti di stagione, oppure svolgere una pedalata per Monaco grazie alle apposite biciclette elettriche. Il servizio catering durante questi eventi è guidato da Christophe Cussac, head chef in grado di incontrare tutte le richieste degli ospiti, dai vegetariani ai gluten-free. Come per le classi di pasticceria, anche nella cucina il rispetto della stagionalità è d’obbligo nella scelta degli ingredienti, preservati e serviti senza l’utilizzo di confezioni o box di plastica. Si affianca il servizio del barman, in particolare durante i cocktail party. Tramite l’acquisto di due cocktail pensati dal Metropole, è tra l'altro possibile raccogliere fondi da trasferire in piani di riforestazione per la tutela e crescita del cosiddetto Polmone verde. [post_title] => Al Metropole di Montecarlo apre il salon Méditerranée per feste ed eventi [post_date] => 2024-02-28T10:40:01+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709116801000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462317 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con 70 anni di carriera nel mondo del turismo, Gino Campanella, titolare dell’agenzia palermitana Conca D’Oro Viaggi, non solo ha un’esperienza a 360 gradi ma ha affinato una sensibilità grazie alla quale capisce le necessità del cliente e fa di tutto per farlo crescere culturalmente. Campanella, in occasione della 28 esima edizione dei Protagonisti del Mare di Costa Crociere, ha ricevuto, oltre al riconoscimento per le vendite delle crociere Costa, il Premio “Piero Pagni” alla carriera. «La mia attività comincia 70 anni fa – spiega Gino Campanella – come agente di navigazione della Siosa Line che lanciò con la motonave Ausonia il primo Tour delle 7 Perle del Mediterraneo. Ho iniziato con le provvigioni e dopo ho cominciato a fare attività turistica con i piccoli gruppi. Nel 1980 abbiamo aperto l’agenzia in piazza Indipendenza a Palermo: l’obiettivo era, ed è tuttora, quello di promuovere un turismo qualificato. Per questo abbiamo raccolto una clientela di grande valore umano e sociale. L’agenzia deve essere un Centro Culturale: l’adv con la propria esperienza deve essere in grado di stimolare il cliente, creando un rapporto duraturo di confronto, un rapporto che non sia solo finalizzato alla vendita del viaggio ma alla crescita personale e culturale del cliente stesso». Un’esperienza acquisita sul campo, occupando diversi ruoli, dall’agente di navigazione che assisteva i naviganti/emigranti in tutte le procedure di partenza fino all’organizzazione di piccoli gruppi. «Ci tengo a sottolineare che la mia agenzia si distingue dalle altre – aggiunge Campanella – perché puntiamo subito a capire il motivo per il quale il cliente intende fare la vacanza, in modo tale da dare sempre al viaggio un valore di crescita culturale ed umana. Il rapporto con il cliente è crescita anche per noi agenti: l’obiettivo non deve essere quello di vendere il viaggio ma di arricchire culturalmente chi sceglie di viaggiare. Questa è la giusta dimensione dell’Agente di Viaggio». Per questo l’agenzia di Gino Campanella è un vero e proprio Centro Culturale che rappresenta tutta la passione del suo fondatore per le tradizioni, lo scambio tra culture ed il confronto sempre aperto con chi sceglie di entrare in agenzia. All’interno dell’Agenzia di Piazza Indipendenza c’è una Sala dedicata ai Pupi Siciliani, con una collezione di 350 pezzi e la possibilità di assistere a piccoli spettacoli. Grande l’esperienza di Campanella anche nel settore delle Crociere. «Prima la crociera non apparteneva alla gente media ma solo all’elite – commenta Campanella – Piano piano abbiamo assistito alla trasformazione: la crociera entusiasmava perché dava la possibilità di vedere posti diversi, anche se piuttosto rapidamente. I costi delle crociere sono scesi ed hanno attirato anche le persone con meno possibilità che potevano scegliere di non fare escursioni e godere della nave come di un Villaggio. Per fortuna di anno in anno le tappe nei porti si sono allungate e c’è chi affitta la macchina per visitare meglio e autonomamente le località. Le navi sono vere e proprie opere d’arte, frutto del lavoro di ingegneri ed architetti». [post_title] => Conca D'Oro Palermo, i 70 anni di carriera di Gino Campanella [post_date] => 2024-02-27T13:25:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709040342000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462269 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tgv Inoui ha aperto le vendite dei biglietti per le tratte interne tra Milano, Torino e Oulx: il nuovo servizio rappresenta un'importante novità per i passeggeri, che potranno sperimentare il comfort e la convenienza del viaggio con tariffe a partire da 10 euro. Da oggi, un collegamento giornaliero è operativo in entrambe le direzioni tra Milano, Torino e Oulx. La partenza è alle 14:10 dalla stazione di Milano Porta Garibaldi, con arrivo a Oulx alle 16:33 e fermata intermedia a Torino Porta Susa prevista alle 15:41. Nella direzione opposta, la partenza da Oulx è programmata per le 20:52, con arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 23:10 e fermata a Torino Porta Susa alle 21:48. Con la riapertura della linea, interrotta a seguito della frana nella Valle della Maurienne, saranno disponibili ben tre collegamenti al giorno. Inoltre, sempre da oggi, Sncf Voyageurs ha esteso la disponibilità dei biglietti della tratta internazionale con il servizio sostitutivo anche per le partenze primaverili sottolineando la continuità dell’offerta ferroviaria Tgv Inoui tra l’Italia e la Francia. Il servizio, già attivo dal 10 gennaio, ha permesso di ripristinare  il collegamento parziale Milano-Torino-Parigi, dopo quattro mesi dalla frana verificatasi nella Valle della Maurienne il 27 agosto 2023. Per venire incontro alle richieste sempre più numerose dei viaggiatori, giunte sin dalla riapertura del servizio, è infatti possibile prenotare il viaggio tra i due Paesi anche per il periodo dal 25 marzo al 22 maggio; dal mese di marzo inoltre le vendite saranno prolungate anche per la stagione estiva. «La nuova connessione Milano, Torino e Oulx rappresenta un passo avanti nell’ampliamento dei nostri servizi e  permette di posizionare Tgv Inoui come una valida alternativa all’auto per gli spostamenti di breve distanza ad un prezzo accessibile e a basso impatto ambientale - ha commentato Jean-Francois Ancora, amministratore delegato di Sncf Voyages Italia -. Inoltre l’estensione della vendita dei biglietti del servizio sostitutivo a partire dal 25 marzo, riflette la nostra volontà di soddisfare al meglio le esigenze dei nostri passeggeri. La riapertura del collegamento e la continuità del servizio resa possibile grazie al lavoro di squadra del personale Sncf in Italia e in Francia, rappresenta per noi la dimostrazione dell’impegno al servizio dei nostri clienti e della sostenibilità».      [post_title] => Tgv Inoui: in vendita i biglietti dei collegamenti giornalieri fra Milano, Torino e Oulx [post_date] => 2024-02-26T14:45:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708958738000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462239 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si svolgerà a Genova il 23 marzo la finale del X° Campionato mondiale di pesto genovese al mortaio® con una gara aperta al pubblico a Palazzo Ducale. In 17 anni Il Campionato è riuscito ad affermarsi in tutto il mondo attraverso eventi e comunicazione, ha disegnato il perimetro di “cosa è o non è Pesto Genovese” (la ricetta ufficiale del Campionato é diventata il modello di riferimento a livello globale), ha contribuito ad una maggiore consapevolezza dei consumatori e quindi alla affermazione delle DOP liguri e infine ha causato un “effetto grilletto” riuscendo a dare voce e immagine all’intero territorio e alle sue eccellenze. Così la finale del Campionato del 23 marzo 2024 sarà la festa che è sempre stata ma anche la riconferma del suo presidio di identità culturale ed economica cui punta la Camera di Commercio di Genova e l’occasione di guardare al futuro (IGP, Sostenibilità, Marketing). Il copione è quello consolidato: in 100 si sfidano al mattino e in 10 nel pomeriggio per la superfinalissima che eleggerà il Campione del mondo di turno. 30 giudici fra giornalisti, esperti e opinion leader del settore. Le attività collaterali sono confermate con il Campionato dei Bambini, l’esposizione delle DOP liguri nel Salone del Minor Consiglio, la settimana dei ristoratori che avranno l’occasione di proporre ricette con l’uso del pesto oltre al condimento della pasta (fenomeno che si sta diffondendo in tutto il mondo), l’incontro nella “sala della trasparenza” della Regione in piazza De Ferrari su IGP, sostenibilità e marketing  internazionale, e tutte le altre iniziative grandi e piccole (visita all’orto botanico, corsi di Pesto al mortaio “last minute”, una esposizione di pesti “diversi”, la mostra dei mortai antichi, il consuetudinario annullo postale, la visita guidata del Centro storico e delle botteghe artigiane). Ancora il “Pesto Party” organizzato da Genova Gourmet chiuderà in bellezza e bontà la finalissima del prossimo 23 marzo. E poi c’è il tour itinerante rappresentato da un grosso mortaio su una chiatta galleggiante per promuovere il pesto nelle principali città d’Europa, a partire dalla prima tappa di Londra, ha attraversato il Tamigi nel novembre scorso. La presenza di Roberto Panizza e del Campionato Mondiale a Londra e la diffusione capillare del pesto genovese confermano la costante dedizione della Liguria nel promuovere il territorio e la ricchezza culturale della regione e incentivare il turismo. L’entusiasmo e l’accoglienza dimostrate sottolineano ulteriormente l’importanza della collaborazione internazionale nell’incoraggiare e promuovere l’identità culturale e gastronomica delle regioni italiane, sottolineando la Liguria come una destinazione di spicco per gli appassionati di cibo e cultura in ogni angolo del mondo. Il Campionato del Pesto è un marchio della Camera di Commercio di Genova per la promozione del territorio, ed è organizzato dall'Associazione Culturale Palatifini, ed è promossa dalla Regione Liguria e dal Comune di Genova. [post_title] => Genova, X° Campionato Mondiale del Pesto tra gare, eventi e mostre [post_date] => 2024-02-26T12:39:16+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708951156000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462233 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Debutto italiano per Kimpton, il brand acquisito dal gruppo Ihg nel 2018 per 430 milioni di dollari. L'apertura tricolore è in programma per la seconda metà del 2025 in Sicilia ed è frutto di un accordo di gestione con la Società Turistica Alberghiera Taorminese. Situata nell'omonima località, nella zona collinare sulla costa orientale dell'isola, si tratta di un boutique hotel da 59 camere con un'offerta gastronomica pensata sia per il pubblico internazionale, sia i residenti. La struttura avrà anche a disposizione una sala colazione e una terrazza bar con vista panoramica, nonché un giardino mediterraneo all'aperto, una piscina di 20 metri e un campo da tennis. “L’Italia è una delle destinazioni ideali per i viaggi di lusso - sottolinea Willemijn Geels, vp development Europe di Ihg Hotels & Resorts -. La nostra strategia di crescita nel Bel Paese nasce con l’obiettivo di completare e arricchire ulteriormente l’offerta già disponibile. Dopo la crescita esponenziale del 2023, che ci ha visto più che raddoppiare la nostra offerta di lusso e lifestyle in questo mercato, siamo ora entusiasti di collaborare con la Società Turistica Alberghiera Taorminese per espandere ulteriormente la nostra presenza in Italia con questa struttura boutique e lifestyle sul territorio siciliano”. Il Kimpton in Sicilia sarà il trentesimo hotel in Italia di Ihg e andrà ad aggiungersi al portfolio di otto strutture del brand nel Regno Unito e in Europa continentale. La novità si aggiunge alle più recenti aperture e strutture in pipeline del segmento  lusso e lifestyle di Ihg nel nostro paese. Tra queste, il primo urban resort di Six Senses inaugurato a Roma, l’InterContinental Rome Ambasciatori Palace e l’Hotel Indigo Florence. Altri due Indigo apriranno inoltre a Torino e a Trieste nei prossimi anni, seguiti dal primo Vignette Collection, l’hotel Alexandra, a Roma nel 2025.   [post_title] => Ihg: il brand Kimpton sbarca in Italia. Approdo in Sicilia nella seconda metà del 2025 [post_date] => 2024-02-26T12:36:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708951019000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "sala ridurre gli affitti brevi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":25,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1333,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023.\r\n\r\nL'importanza dei loyalty program\r\n\r\n\"Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro\".\r\n\r\nIl post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina\r\n\r\nI primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: \"Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello\". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: \"Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente\".\r\n\r\nAumentano i contratti di management e franchising\r\n\r\nL'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. \"Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising\", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.  \r\n\r\nMigliora la qualità dell'offerta f&b romana\r\n\r\nIn tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: \"Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa\".\r\n\r\nNel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo\r\n\r\nPer il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. \"Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo\".\r\n\r\n ","post_title":"Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo","post_date":"2024-02-28T13:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709125429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462405","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462406\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Davide Rosi[/caption]\r\n\r\nRivoluzione in casa Mister Holiday, che diventa Mrh Group accrescendo al contempo il proprio portfolio di nuove business unit. La novità è stata annunciata durante la convention del network, svoltasi a bordo della Costa Smeralda, durante il festival di Sanremo, alla quale ha partecipato il 90% delle agenzie affiliate, a tutt’oggi oltre 80 punti vendita. Mrh Group, che fa capo al gruppo Volonline, nasce dunque da una completa riorganizzazione della rete, che ha visto anche l’ingresso, in qualità di amministratore di Davide Rosi, che affiancherà Laura Sandrini e Fabio Bignotti.\r\n“La dimensione di Mister Holiday necessitava di un’ulteriore spinta alla crescita e di una presenza capillare in tutti i canali di distribuzione possibili al fine di raggiungere il consumatore finale - commenta lo stesso Rosi -. Il progetto è stato strutturato secondo alcune linee di business che vedono in primo piano una crescita della rete di agenzie fisiche in franchising e dei consulenti di viaggi, lo sviluppo di partnership commerciali, il presidio di canali e-commerce e social attraverso una divisione focalizzata sugli strumenti di nuova generazione e la formazione continua e puntuale”.\r\n\r\nMrh Group è ora l’ombrello sotto il quale si trovano le business unit multicanale: Mister Holiday, rete di agenzie di viaggi con la formula di affiliazione in franchising e centrale di acquisto; Yodi, Your Destination Identity, rete di consulenti di viaggi senza agenzia fisica; Travel Life, business unit flessibile per presidiare il mondo digital e per adattarsi a nuovi modelli tecnologici e distributivi, Puoy e Uniqueborn, per lo sviluppo di viaggi di gruppo con esperti accompagnatori e viaggi per social traveller.\r\n\r\n“Tutte le business unit hanno importanti obiettivi di crescita da qui ai prossimi cinque anni - prosegue Rosi -. Nel breve-medio periodo contiamo di raggiungere le 200 agenzie di viaggi fisiche e di aumentare considerevolmente il numero dei consulenti di viaggi. Stiamo implementando diversi strumenti di marketing territoriale e tecnologici per sostenere sempre di più i punti vendita e i consulenti, rendendoli sempre più competitivi e preparati di fronte a un mercato e un cliente in continuo cambiamento”. Prevista pure l’istituzione di una Academy con corsi di formazione continua e una rete di promotori sul territorio, che lavoreranno a stretto contatto con le agenzie incentivando anche nuovi ingressi","post_title":"Volonline riorganizza la rete Mister Holiday che diventa Mrh Group","post_date":"2024-02-28T12:09:46+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709122186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462394","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti.\r\n\r\nMolteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità.\r\n\r\nI primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social.\r\n\r\nLa metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti.","post_title":"Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca","post_date":"2024-02-28T11:35:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709120135000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462385","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che \"un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio\".\r\n\r\nUn rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana.\r\n\r\nLa tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, \"mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione\".\r\n\r\nIl rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea.","post_title":"Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione","post_date":"2024-02-28T10:43:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709117038000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462382","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aria di rinnovamento all’interno dello storico hotel Metropole di Montecarlo con l’apertura del salon Méditerranée. Luogo opera del designer e architetto parigino Jacque Garcia, si tratta di uno spazio elegante e raffinato adatto per feste private, cene eleganti o meeting aziendali. L’area misura 120 mq ed è dotata di wifi, video proiettore, televisione, aria condizionata, line telefonica privata, bloc notes e penne per i convegni. La capienza, che varia anche in base alla disposizione degli arredi da definire in base all’evento, raggiunge le 60 persone.\r\n\r\nL’atmosfera del salone è resa calda e accogliente dalla luce solare che filtra dalle ampie finestre presenti lungo la parete interna, irradiando gli affreschi decorativi disegnati da Delphine Nény, definita Miglior artigiana di Francia. Queste opere adornano dei pannelli presenti nella stanza che possono essere aperti, permettendo agli ospiti di ammirare la brigata di cucina all’opera.\r\n\r\nParticolare attenzione ricade sui green events, ossia eventi organizzabili all’interno dell’albergo durante i quali, tramite misure ad hoc, viene ridotto al minimo il consumo di plastiche grazie all’utilizzo di materiali riciclabili: dalle bottiglie d’acqua alle capsule per il caffè. Il Metropole offre inoltre alcune brevi attività interamente sostenibili da svolgere nelle pause dei seminari di business. In particolare, sarà possibile frequentare alcuni corsi di pasticceria a opera del pastry chef Patrick Mesiano, utilizzando solo ingredienti di stagione, oppure svolgere una pedalata per Monaco grazie alle apposite biciclette elettriche.\r\n\r\nIl servizio catering durante questi eventi è guidato da Christophe Cussac, head chef in grado di incontrare tutte le richieste degli ospiti, dai vegetariani ai gluten-free. Come per le classi di pasticceria, anche nella cucina il rispetto della stagionalità è d’obbligo nella scelta degli ingredienti, preservati e serviti senza l’utilizzo di confezioni o box di plastica. Si affianca il servizio del barman, in particolare durante i cocktail party. Tramite l’acquisto di due cocktail pensati dal Metropole, è tra l'altro possibile raccogliere fondi da trasferire in piani di riforestazione per la tutela e crescita del cosiddetto Polmone verde.","post_title":"Al Metropole di Montecarlo apre il salon Méditerranée per feste ed eventi","post_date":"2024-02-28T10:40:01+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709116801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462317","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con 70 anni di carriera nel mondo del turismo, Gino Campanella, titolare dell’agenzia palermitana Conca D’Oro Viaggi, non solo ha un’esperienza a 360 gradi ma ha affinato una sensibilità grazie alla quale capisce le necessità del cliente e fa di tutto per farlo crescere culturalmente.\r\n\r\nCampanella, in occasione della 28 esima edizione dei Protagonisti del Mare di Costa Crociere, ha ricevuto, oltre al riconoscimento per le vendite delle crociere Costa, il Premio “Piero Pagni” alla carriera.\r\n\r\n«La mia attività comincia 70 anni fa – spiega Gino Campanella – come agente di navigazione della Siosa Line che lanciò con la motonave Ausonia il primo Tour delle 7 Perle del Mediterraneo. Ho iniziato con le provvigioni e dopo ho cominciato a fare attività turistica con i piccoli gruppi. Nel 1980 abbiamo aperto l’agenzia in piazza Indipendenza a Palermo: l’obiettivo era, ed è tuttora, quello di promuovere un turismo qualificato. Per questo abbiamo raccolto una clientela di grande valore umano e sociale. L’agenzia deve essere un Centro Culturale: l’adv con la propria esperienza deve essere in grado di stimolare il cliente, creando un rapporto duraturo di confronto, un rapporto che non sia solo finalizzato alla vendita del viaggio ma alla crescita personale e culturale del cliente stesso».\r\n\r\nUn’esperienza acquisita sul campo, occupando diversi ruoli, dall’agente di navigazione che assisteva i naviganti/emigranti in tutte le procedure di partenza fino all’organizzazione di piccoli gruppi.\r\n\r\n«Ci tengo a sottolineare che la mia agenzia si distingue dalle altre – aggiunge Campanella – perché puntiamo subito a capire il motivo per il quale il cliente intende fare la vacanza, in modo tale da dare sempre al viaggio un valore di crescita culturale ed umana. Il rapporto con il cliente è crescita anche per noi agenti: l’obiettivo non deve essere quello di vendere il viaggio ma di arricchire culturalmente chi sceglie di viaggiare. Questa è la giusta dimensione dell’Agente di Viaggio».\r\n\r\nPer questo l’agenzia di Gino Campanella è un vero e proprio Centro Culturale che rappresenta tutta la passione del suo fondatore per le tradizioni, lo scambio tra culture ed il confronto sempre aperto con chi sceglie di entrare in agenzia.\r\n\r\nAll’interno dell’Agenzia di Piazza Indipendenza c’è una Sala dedicata ai Pupi Siciliani, con una collezione di 350 pezzi e la possibilità di assistere a piccoli spettacoli.\r\n\r\nGrande l’esperienza di Campanella anche nel settore delle Crociere.\r\n\r\n«Prima la crociera non apparteneva alla gente media ma solo all’elite – commenta Campanella – Piano piano abbiamo assistito alla trasformazione: la crociera entusiasmava perché dava la possibilità di vedere posti diversi, anche se piuttosto rapidamente. I costi delle crociere sono scesi ed hanno attirato anche le persone con meno possibilità che potevano scegliere di non fare escursioni e godere della nave come di un Villaggio. Per fortuna di anno in anno le tappe nei porti si sono allungate e c’è chi affitta la macchina per visitare meglio e autonomamente le località. Le navi sono vere e proprie opere d’arte, frutto del lavoro di ingegneri ed architetti».","post_title":"Conca D'Oro Palermo, i 70 anni di carriera di Gino Campanella","post_date":"2024-02-27T13:25:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709040342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462269","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tgv Inoui ha aperto le vendite dei biglietti per le tratte interne tra Milano, Torino e Oulx: il nuovo servizio rappresenta un'importante novità per i passeggeri, che potranno sperimentare il comfort e la convenienza del viaggio con tariffe a partire da 10 euro.\r\nDa oggi, un collegamento giornaliero è operativo in entrambe le direzioni tra Milano, Torino e Oulx. La partenza è alle 14:10 dalla stazione di Milano Porta Garibaldi, con arrivo a Oulx alle 16:33 e fermata intermedia a Torino Porta Susa prevista alle 15:41. Nella direzione opposta, la partenza da Oulx è programmata per le 20:52, con arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 23:10 e fermata a Torino Porta Susa alle 21:48. Con la riapertura della linea, interrotta a seguito della frana nella Valle della Maurienne, saranno disponibili ben tre collegamenti al giorno.\r\nInoltre, sempre da oggi, Sncf Voyageurs ha esteso la disponibilità dei biglietti della tratta internazionale con il servizio sostitutivo anche per le partenze primaverili sottolineando la continuità dell’offerta ferroviaria Tgv Inoui tra l’Italia e la Francia. Il servizio, già attivo dal 10 gennaio, ha permesso di ripristinare  il collegamento parziale Milano-Torino-Parigi, dopo quattro mesi dalla frana verificatasi nella Valle della Maurienne il 27 agosto 2023.\r\nPer venire incontro alle richieste sempre più numerose dei viaggiatori, giunte sin dalla riapertura del servizio, è infatti possibile prenotare il viaggio tra i due Paesi anche per il periodo dal 25 marzo al 22 maggio; dal mese di marzo inoltre le vendite saranno prolungate anche per la stagione estiva.\r\n«La nuova connessione Milano, Torino e Oulx rappresenta un passo avanti nell’ampliamento dei nostri servizi e  permette di posizionare Tgv Inoui come una valida alternativa all’auto per gli spostamenti di breve distanza ad un prezzo accessibile e a basso impatto ambientale - ha commentato Jean-Francois Ancora, amministratore delegato di Sncf Voyages Italia -. Inoltre l’estensione della vendita dei biglietti del servizio sostitutivo a partire dal 25 marzo, riflette la nostra volontà di soddisfare al meglio le esigenze dei nostri passeggeri. La riapertura del collegamento e la continuità del servizio resa possibile grazie al lavoro di squadra del personale Sncf in Italia e in Francia, rappresenta per noi la dimostrazione dell’impegno al servizio dei nostri clienti e della sostenibilità». \r\n \r\n ","post_title":"Tgv Inoui: in vendita i biglietti dei collegamenti giornalieri fra Milano, Torino e Oulx","post_date":"2024-02-26T14:45:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708958738000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462239","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si svolgerà a Genova il 23 marzo la finale del X° Campionato mondiale di pesto genovese al mortaio® con una gara aperta al pubblico a Palazzo Ducale.\r\n\r\nIn 17 anni Il Campionato è riuscito ad affermarsi in tutto il mondo attraverso eventi e comunicazione, ha disegnato il perimetro di “cosa è o non è Pesto Genovese” (la ricetta ufficiale del Campionato é diventata il modello di riferimento a livello globale), ha contribuito ad una maggiore consapevolezza dei consumatori e quindi alla affermazione delle DOP liguri e infine ha causato un “effetto grilletto” riuscendo a dare voce e immagine all’intero territorio e alle sue eccellenze.\r\n\r\nCosì la finale del Campionato del 23 marzo 2024 sarà la festa che è sempre stata ma anche la riconferma del suo presidio di identità culturale ed economica cui punta la Camera di Commercio di Genova e l’occasione di guardare al futuro (IGP, Sostenibilità, Marketing).\r\n\r\nIl copione è quello consolidato: in 100 si sfidano al mattino e in 10 nel pomeriggio per la superfinalissima che eleggerà il Campione del mondo di turno. 30 giudici fra giornalisti, esperti e opinion leader del settore. Le attività collaterali sono confermate con il Campionato dei Bambini, l’esposizione delle DOP liguri nel Salone del Minor Consiglio, la settimana dei ristoratori che avranno l’occasione di proporre ricette con l’uso del pesto oltre al condimento della pasta (fenomeno che si sta diffondendo in tutto il mondo), l’incontro nella “sala della trasparenza” della Regione in piazza De Ferrari su IGP, sostenibilità e marketing  internazionale, e tutte le altre iniziative grandi e piccole (visita all’orto botanico, corsi di Pesto al mortaio “last minute”, una esposizione di pesti “diversi”, la mostra dei mortai antichi, il consuetudinario annullo postale, la visita guidata del Centro storico e delle botteghe artigiane). Ancora il “Pesto Party” organizzato da Genova Gourmet chiuderà in bellezza e bontà la finalissima del prossimo 23 marzo.\r\n\r\nE poi c’è il tour itinerante rappresentato da un grosso mortaio su una chiatta galleggiante per promuovere il pesto nelle principali città d’Europa, a partire dalla prima tappa di Londra, ha attraversato il Tamigi nel novembre scorso.\r\n\r\nLa presenza di Roberto Panizza e del Campionato Mondiale a Londra e la diffusione capillare del pesto genovese confermano la costante dedizione della Liguria nel promuovere il territorio e la ricchezza culturale della regione e incentivare il turismo. L’entusiasmo e l’accoglienza dimostrate sottolineano ulteriormente l’importanza della collaborazione internazionale nell’incoraggiare e promuovere l’identità culturale e gastronomica delle regioni italiane, sottolineando la Liguria come una destinazione di spicco per gli appassionati di cibo e cultura in ogni angolo del mondo.\r\n\r\nIl Campionato del Pesto è un marchio della Camera di Commercio di Genova per la promozione del territorio, ed è organizzato dall'Associazione Culturale Palatifini, ed è promossa dalla Regione Liguria e dal Comune di Genova.","post_title":"Genova, X° Campionato Mondiale del Pesto tra gare, eventi e mostre","post_date":"2024-02-26T12:39:16+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708951156000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462233","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Debutto italiano per Kimpton, il brand acquisito dal gruppo Ihg nel 2018 per 430 milioni di dollari. L'apertura tricolore è in programma per la seconda metà del 2025 in Sicilia ed è frutto di un accordo di gestione con la Società Turistica Alberghiera Taorminese. Situata nell'omonima località, nella zona collinare sulla costa orientale dell'isola, si tratta di un boutique hotel da 59 camere con un'offerta gastronomica pensata sia per il pubblico internazionale, sia i residenti. La struttura avrà anche a disposizione una sala colazione e una terrazza bar con vista panoramica, nonché un giardino mediterraneo all'aperto, una piscina di 20 metri e un campo da tennis.\r\n\r\n“L’Italia è una delle destinazioni ideali per i viaggi di lusso - sottolinea Willemijn Geels, vp development Europe di Ihg Hotels & Resorts -. La nostra strategia di crescita nel Bel Paese nasce con l’obiettivo di completare e arricchire ulteriormente l’offerta già disponibile. Dopo la crescita esponenziale del 2023, che ci ha visto più che raddoppiare la nostra offerta di lusso e lifestyle in questo mercato, siamo ora entusiasti di collaborare con la Società Turistica Alberghiera Taorminese per espandere ulteriormente la nostra presenza in Italia con questa struttura boutique e lifestyle sul territorio siciliano”.\r\n\r\nIl Kimpton in Sicilia sarà il trentesimo hotel in Italia di Ihg e andrà ad aggiungersi al portfolio di otto strutture del brand nel Regno Unito e in Europa continentale. La novità si aggiunge alle più recenti aperture e strutture in pipeline del segmento  lusso e lifestyle di Ihg nel nostro paese. Tra queste, il primo urban resort di Six Senses inaugurato a Roma, l’InterContinental Rome Ambasciatori Palace e l’Hotel Indigo Florence. Altri due Indigo apriranno inoltre a Torino e a Trieste nei prossimi anni, seguiti dal primo Vignette Collection, l’hotel Alexandra, a Roma nel 2025.\r\n\r\n ","post_title":"Ihg: il brand Kimpton sbarca in Italia. Approdo in Sicilia nella seconda metà del 2025","post_date":"2024-02-26T12:36:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708951019000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti