3 March 2024

Polemica Santanchè-Garavaglia. Ha ragione (più o meno) l’attuale ministro

[ 0 ]

Daniela Santanchè

Una piccola polemica ma che ci dice del clima che c’è nell’attuale coalizione che regge il governo. Alle parole (per la verità un po’ roboanti, visto che le hanno pronunciate tutti i ministri che sono passati su quella sedia. A questo proposito ricordo quelle di Franceschini che disse: Il turismo e i beni culturali sono il vero ministero dell’economia italiano (sic)) di Daniela Santanchè che ha sostenuto ufficialmente: «Ho l’ambizione di rendere il turismo la prima azienda italiana, non solo a parole come è stato fatto fino ad adesso», l’ex ministro Garavaglia ha risposto piccato.

Massimo Garavaglia

Secondo il sottoscritto erano le parole di prassi di chiunque sieda in quel ministero da poco tempo. Invece l’ex ministro del turismo, Massimo Garavaglia si è sentito punto sul vivo e quindi ha replicato: «Potrebbe sembrare un attacco al ministro precedente. Dal ministero del turismo direttamente».

Quale risentimento?

Il che tutto sommato è vero. Nel senso che in effetti Garavaglia ha promesso molto e fatto poco (per esempio: pochissimi soldi per il turismo organizzato – 39 milioni – per giunta non arrivati quando lui era ancora ministro). Ma ugualmente si è risentito. Risentito di cosa? Garavaglia è andato ovunque, ha promesso di tutto, ogni fiera, ogni convegno, ogni meeting, ogni sagra paesana lo hanno visto protagonista. E alla fine il risultato qual è stato? Niente.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462480" align="alignleft" width="300"] Alessandra Priante[/caption] Alessandra Priante è il nuovo presidente di Enit spa. Già direttore europa dello Unwto, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di turismo a livello globale.  «Onorata - dichiara Alessandra Priante presidente Enit spa - del ruolo di grande responsabilità che mi viene riconosciuto e sono entusiasta di poter contribuire allo sviluppo e alla promozione del nostro meraviglioso Paese come destinazione turistica di eccellenza. Avremo l’obiettivo comune, sotto la regia del ministero del turismo e del ministro Daniela Santanchè, di valorizzare e promuovere le bellezze dell’Italia, al fine di attrarre un numero sempre maggiore di turisti provenienti da tutto il mondo. Per raggiungere questo obiettivo, mi impegnerò a collaborare con le istituzioni locali, le associazioni di categoria e gli operatori turistici, al fine di creare sinergie e promuovere un turismo sostenibile e responsabile. Inoltre, intendo puntare sull’innovazione e sulla digitalizzazione del settore turistico, per rendere l’Italia sempre più accessibile e attrattiva per i viaggiatori. Sarà mia priorità anche potenziare la formazione e la qualificazione professionale degli operatori turistici, al fine di offrire servizi di alta qualità e garantire un’esperienza indimenticabile ai visitatori. Mi impegnerò a promuovere la valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese, per preservarlo e tramandarlo alle generazioni future. L’Italia ha tanto da offrire e sono convinta che, lavorando insieme, possiamo fare dell’Italia una destinazione turistica irrinunciabile. Grazie per la fiducia che mi avete dimostrato e sono sicuro che, con il vostro sostegno, riusciremo a raggiungere traguardi ambiziosi per il turismo italiano». «Con il nuovo presidente si completa l’iter di avvio della nuova struttura di Enit pronta a mettere in campo il nuovo assetto a servizio dell’Italia e della promozione dell’immagine dell'Italia nel mondo, lavoreremo insieme per poter dare sempre maggiore valore e dignità ad un lavoro complesso che richiede una narrazione differente. Ci concentreremo anche sugli aspetti di modernizzazione e di attualizzazione del comparto iniziandolo ad un approccio ancora più performante e professionalizzante» commenta Ivana Jelinic amministratore delegato di Enit dando il benvenuto al nuovo presidente. Si completa quindi il Consiglio di amministrazione di Enit composto così dal presidente Alessandra Priante, dall’amministratore delegato Ivana Jelinic e dal consigliere Sandro Pappalardo. [post_title] => Alessandra Priante è il nuovo presidente dell'Enit [post_date] => 2024-02-29T10:48:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709203720000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462244 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Intervenendo a 24 Mattino a Radio 24, il presidente di Fto, Franco Gattinoni ha rincarato la dose sulla questione dei passaporti e lo ha fatto con una forza finalmente adeguata alla follia di questa situazione. “È una cosa incomprensibile che in un Paese moderno come il nostro - ha affermato Gattinoni -. Non è nemmeno pensabile, è uno schifo inimmaginabile. Nel nostro settore abbiamo perso circa 300 milioni di fatturato ed a questo punto chiederemo i danni al ministero dell'interno, qualcosa dovranno pur fare». E già questo fatto di usare la parola schifo per uno schifo come quello dei passaporti è un passo avanti. Segnalazioni «Abbiamo segnalato il problema un anno e mezzo fa. Quello che mi fa arrabbiare, per non dire incazzare, possibile che non si riesca a intervenire? E’ comprensibile un po' di mesi perché si torni a regime ma dopo un anno e mezzo essere ancora a questo punto, assolutamente no. Abbiamo segnalato al ministero del turismo che so che è intervenuto in diverse occasioni, adesso abbiamo scritto direttamente, la settimana scorsa, per l’ennesima volta, a Piantedosi. Noi e tutte le associazioni del turismo italiano, ci aspettiamo almeno una risposta ma più che una risposta ci aspettiamo una risoluzione dei problemi».  Ecco il linguaggio con questi qua della politica deve essere questo: Siamo profondamente incazzati e vogliamo che la questione venga risolta subito. [post_title] => Gattinoni sui passaporti: «Chiederemo i danni al ministero dell'interno» [post_date] => 2024-02-26T12:38:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708951126000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462089 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Novità in casa Community.Travel, che ha formalizzato la partnership con l'azienda di consulenza e marketing Kirby, azienda con base operativa in Spagna ma operativa a livello globale: “Lavoriamo con soddisfazione da circa un anno a stretto contatto con il team di Kirby su altri fronti che rimarranno operativi - spiega Lea Cardinali, sales director di Adalte, di cui Community.Travel rappresenta la naturale evoluzione -. Siamo però estremamente soddisfatti dell’opportunità di poter ulteriormente ampliare e consolidare la nostra collaborazione. In questo modo prevediamo di espandere ulteriormente la nostra rete di dmc, sia per l'Italia, sia per gli altri mercati di interesse per i tour operator che collaborano con noi". La partnership così costituita sarà in particolare funzionale nei prossimi mesi per ottimizzare l’attuale processo di gestione delle dmc invitate dai tour operator. Mirerà inoltre a sviluppare prodotto per i nuovi mercati, permettendo di incrementare ulteriormente il processo di internazionalizzazione. "Noi abbiamo creato l'infrastruttura Community.Travel per supportare le necessità tecnologiche degli attori che vendono tour e soggiorni - specifica il ceo di Adalte, Davide Galleri -. È stato però deciso sin da subito di operare nel rispetto dei canali tradizionali, consentendo la registrazione solo a realtà con un collegamento tecnologico alla tecnologia Adalte (quindi società con potenziale sicuramente importante), oppure invitate dalle dmc stesse. Questo per evitare di aprire anche solo inavvertitamente la registrazione a utenti agenziali clienti dei tour operator registrati come buyer. Nei primi anni la maggior parte dei fruitori erano wholesaler e tour operator online che desideravano un collegamento con il marketplace Community.Travel, così da poter ampliare una già vastissima offerta di altri servizi turistici. Quasi tutti i buyer sono stati da subito altamente convinti della potenzialità del prodotto, ma erano distributori di pacchetti turistici online, poco avvezzi alla vendita delle proposte distribuite dalle nostre dmc partner". Negli anni il trend si è invertito. "E la strategia si è dimostrata vincente - conclude Galleri - perché oggi nel marketplace Community.Travel i tour operator registrati (che hanno nella distribuzione agenziale la loro forza) hanno superato quelli che operano una commercializzazione puramente online via canali tecnologici. Se oggi siamo diventati la piattaforma di booking online dei product manager italiani che vendono tour dobbiamo quindi ringraziare in primis le nostri partner dmc che, sin dall’inizio, ci hanno sostenuto, quando abbiamo deciso di applicare una politica protettiva nei confronti dei loro stessi clienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, le dmc sono infatti le prime a non voler lavorare con decine (se non centinaia) di piccoli clienti, a cui probabilmente già possono vendere servizi tramite i loro clienti”. [post_title] => Community.Travel amplia le sinergie internazionali: partnership con la spagnola Kirby [post_date] => 2024-02-22T12:25:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708604719000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Abbiamo passato tre anni in difesa. Ora è giunto il momento di tornare all'attacco". E' il solito, vulcanico Massimo Diana a presentare i risultati 2023 e piani 2024 di Ota Viaggi. Il to capitolino ha chiuso gli ultimi 12 mesi con un fatturato complessivo poco sopra gli 81 milioni di euro, per un decremento dell'1,75% rispetto al 2022. "Ma nel 2023 avevamo un'offerta a scaffale di circa il 10% inferiore a quella dell'anno precedente - racconta il direttore commerciale -. Non possiamo inoltre dimenticare che lo scorso è stato il primo anno di completa apertura delle frontiere. Dopo tanto tempo il mare Italia si è trovato a competere con un mercato molto più vasto. Infine, dobbiamo pure ricordare l'incendio che ha colpito la nostra sede agli inizi di giugno. Evento a cui abbiamo fatto fronte immediatamente, ma che ovviamente ha condizionato temporaneamente la nostra attività". Ora però è venuto appunto il tempo di passare alla controffensiva. Il nuovo catalogo Ota Viaggi, attualmente in distribuzione tra le agenzie, comprende infatti 95 strutture, 21 in più rispetto all'anno scorso. "E un'ulteriore decina è in fase di trattativa, per contratti che dovremo chiudere a breve". Nel dettaglio, Sicilia e Sardegna rimangono chiaramente il core business del to, ma a crescere quest'anno è soprattutto il prodotto Puglia, Calabria e Basilicata, "come ci chiedevano da tempo le agenzie di viaggio". La strategia di Ota rimane inoltre quella di lavorare a fondo sul lato pricing, in modo da far pesare il meno possibile i costi dell'inflazione sul consumatore finale: un approccio che l'anno scorso ha permesso all'operatore romano di mantenere il prezzo medio per pratica praticamente sugli stessi livelli del 2022 (2.400 euro contro 2.390). Il tutto in un contesto che al contrario ha registrato un aumento generalizzato delle tariffe, come hanno dimostrato bene le polemiche sorte questa estate in merito alla competitività di destinazioni alternative al mare Italia, quali l'Albania e Creta. A livello commerciale, il to pensa quindi a una policy di advance booking più articolata rispetto al passato. La classica campagna di prenotazioni anticipate, con la garanzia assoluta di una tariffa che non scenderà mai sotto il suo livello, sarà infatti seguita dopo il 31 marzo da incentivazioni a scalare valide sino al mese di giugno. "Abbiamo inoltre lavorato ulteriormente con i network, affinando una strategia che punterà a veicolare le richieste dalle loro agenzie verso determinate strutture. In accordo con le loro direzioni commerciali, questo nuovo approccio dovrebbe garantirci un incremento del 5%-7%".   [post_title] => Diana, Ota Viaggi: "Torniamo all'attacco". Il 2023 un anno di consolidamento [post_date] => 2024-02-12T14:53:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707749626000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461122 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lo scorso dicembre, in occasione della presentazione della partnership con Bit Milano, Adriano Apicella, amministratore delegato Welcome Travel Group, aveva dichiarato: “È la nostra prima convention dopo il Covid, sarà un evento senza precedenti, dove Bit non sarà solo il contesto, ma anche il coprotagonista e un attrattore d’eccellenza della nostra Convention sulla quale puntiamo molto” . E i risultati ottenuti oggi confermano la sua previsione. Superate le aspettative, dunque, per un evento senza eguali nella Travel Industry. Per  la prima volta, infatti, una Convention è stata organizzata in concomitanza e in partnership con una fiera, coinvolgendo oltre 2000 addetti ai lavori per tutta la durata della manifestazione. “In OrBita  - Insieme verso il turismo di domani” il tema dell’edizione 2024, scelto perché rappresenta perfettamente l’equilibrio tra il Network, paragonabile al pianeta al centro dell’orbita, che aggrega i Partner commerciali ed eroga le attività di marketing, i servizi, le soluzioni tecnologiche, l’assistenza e il supporto alle Agenzie che vi orbitano intorno beneficiando dell’equilibrio, della sicurezza e della protezione garantita dalla rotazione intorno al "pianeta" giusto. Durante la Convention si sono svolte due sessioni plenarie moderate una da Matteo Caccia, conosciuto attore teatrale, autore e conduttore radiofonico e l’altra da Marco Berry, conduttore televisivo, mago, illusionista ed escapologo. Adriano Apicella, affiancato da Simona Greco, direttore delle manifestazioni di Fiera Milano, ha dato il via ai lavori con l’apertura della sessione plenaria del primo giorno che ha visto la presenza del Ministro del Turismo on. Daniela Santanchè e l’intervento di Nicola Minasi, Capo dell'Unità di Crisi della Farnesina che, sul tema della sicurezza, ha manifestato grande vicinanza alle Agenzie di Viaggio e lo ha fatto direttamente dal luogo in cui si trova attualmente in missine speciale per la tutela e il salvataggio di bambini coinvolti nel conflitto Medio Orientale. Dopo il momento dedicato alle Istituzioni, sono saliti sul palco Gabriele Burgio, Presidente e Amministratore Delegato di Alpitour World e Mario Zanetti Amministratore Delegato di Costa Crociere. Neos, la compagnia aerea del Gruppo, Allianz Partners, ITA Airways, Amex e Sekurest, si sono poi intrattenuti con Adriano Apicella in un interessante talk show per delineare l’evoluzione del mercato turistico e la sua inevitabile trasformazione. La seconda giornata di lavori ha visto come protagonisti i vertici delle direzioni generali e commerciali di Alpitour World e Costa Crociere, quindi, il ceo Adriano Apicella, insieme al direttore network Dante Colitta e al chief information officer Ludovico Baiano, ha condiviso il percorso del Network presentando iniziative, progetti e servizi. Il focus è stato posto sulla chiara visione del futuro e sugli strumenti messi in campo per sostenere le Agenzie Welcome e Geo nel processo di cambiamento e nell'evoluzione del ruolo della rete nei prossimi anni. Un processo che andrà gestito con l’impegno e la collaborazione di tutti e dunque: “ InOrbita insieme verso il turismo di domani”. A chiudere la Convention, è stato l'eccezionale intervento di Maurizio Cheli, Ufficiale pilota, è stato il primo Astronauta nella storia dell'Aeronautica Militare a partecipare a un volo di ricerca scientifica a bordo dello Shuttle, in qualità di specialista della missione. Pur consapevole dei rischi e pericoli di una missione spaziale, ha eseguito i delicati compiti con determinazione, slancio e altissima competenza, guadagnandosi l'apprezzamento della pubblica opinione e dando lustro all'Aeronautica Militare e all'intera Nazione. Attraverso il suo motivante intervento, Cheli è riuscito a coinvolgere la platea, portando davvero "in Orbita" tutti i presenti con messaggi efficaci su come interpretare al meglio il cambiamento e mostrando fantastiche immagini dallo spazio degli angoli più celebri della terra, noti in particolare agli Agenti per i quali quei luoghi sono i “prodotti in vendita” e suscitando in essi  grande emozione e apprezzamento. [post_title] => Grande perfomance della Convention del gruppo Welcome [post_date] => 2024-02-08T12:14:46+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707394486000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461016 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riflettori accesi sulla provincia di Jiangsu, in Cina, durante l'ultima Bit. E' un incontro affascinante quello con il Sud-est della Cina, famosa per le molteplici risorse turistiche, il patrimonio culturale unico e la deliziosa cucina locale. Allo stand "Water Charm Jiangsu", i grandi distici della calligrafia cinese rossa hanno attirato l'attenzione dei visitatori sui fantastici poster e sull'avviso della politica di viaggio senza visto della Cina per i turisti italiani. [gallery ids="461018,461022,461021,461057,461055,461056"] Allo stand era presente un'incredibile varietà di informazioni sulle guide turistiche della provincia di Jiangsu: dai pittoreschi giardini di Suzhou, alle storiche mura della città di Nanchino, alla tranquilla bellezza del lago occidentale di Yangzhou. Per non parlare di quei progetti di rare e preziose esperienze interattive sul patrimonio culturale immateriale che permettono di scoprire la cultura Jiangsu, o di assistere ad uno spettacolo di opera Kunqu dal vivo in giardino, assaggiare una tazza di profumato tè Suzhou Biluochun. [caption id="attachment_461026" align="aligncenter" width="300"] Tè Suzhou Biluochun[/caption] Oltre ai paesaggi naturali e alle esperienze culturali, anche le specialità gastronomiche dello Jiangsu rappresentano un elemento distintivo del viaggio: dal delizioso riso fritto di Yangzhou agli imperdibili noodles fino alla tradizionale anatra salata di Nanchino. Ciascuna prelibatezza racconta la storia e la cultura della località per assaggi indimenticabili. [caption id="attachment_461028" align="aligncenter" width="200"] Riso fritto di Yangzhou[/caption] Lo stand di Jiangsu in Bit non è stato solo un luogo in cui mostrare le risorse turistiche di Jiangsu, ma anche una finestra aperta su cultura, storia e cibo di Jiangsu. Ha catturato con successo l'attenzione di un appassionato pubblico di viaggiatori: la provincia non è soltanto un'esperienza di viaggio, ma anche un incontro approfondito con il patrimonio storico, il fascino culturale e gli splendidi paesaggi del luogo. [caption id="attachment_461024" align="aligncenter" width="300"] Zhouzhuang, antica città acquatica nella provincia di Jiangsu[/caption] [caption id="attachment_461025" align="aligncenter" width="300"] Xinghua Qianduo: mar dei fiori di colza di Jiangsu[/caption] I visitatori dello stand di Jiangsu si sono convinti che la provincia di Jiangsu è un luogo da visitare almeno una volta nella vita di ogni viaggiatore: per immergersi nella bellezza dei giardini tradizionali cinesi, per comprendere più a fondo il patrimonio culturale immateriale della Cina o semplicemente per assaggiare le prelibatezze gastronomiche locali. Jiangsu soddisfa tutte le aspettative. Credo che tutti coloro che leggeranno questo articolo saranno attratti dal fascino unico del Jiangsu e forse nel prossimo futuro sperimenteranno personalmente l'offerta di questa bellissima terra e qui vivranno momenti meravigliosi e indimenticabili. Jiangsu, una provincia ricca di storia, cultura e tradizione gastronomiche, aspetta i turisti da tutto il mondo per scoprire il suo fascino unico. [gallery ids="461035,461036,461034"]   Contatta il nostro ufficio di rappresentanza in Italia: responsabile dell’ufficio: Tan mingming +39 3886949925 e-mail: jiangsutourism@gmail.com Charm of Jiangsu ti dà il benvenuto!   [post_title] => Cina: lo Jiangsu più bello in mostra alla Bit 2024 [post_date] => 2024-02-07T15:25:26+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707319526000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460998" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Kalanit Goren, Daniela Santanchè e l'ad Enit, Ivana Jelinic[/caption] “Siamo qui perché Israele era e rimane una destinazione molto amata dagli italiani”: Kalanit Goren, direttrice dell’Ufficio nazionale israeliano del turismo nel nostro Paese, commenta la recente partecipazione alla Bit di Milano, dove lo stand di Israele ha ricevuto anche la visita del ministro del turismo Daniela Santanchè. La direttrice ha ribadito come in questi mesi “stiamo comunque lavorando per essere pronti a quando potremo di nuovo accogliere i visitatori italiani. Ricordo che l’Italia è per noi il sesto mercato più importante". Non si interrompe il rapporto con il trade, “continuiamo a fare formazione e abbiamo ricevuto conferma che la prossima convention Fto sarà proprio in Israele, a inizio 2025”. Un segnale importante, che si unisce a quello che nelle ultime settimane è arrivato dalle compagnie aeree che sono tornate a inserire nei propri operativi la destinazione. “Da Ryanair a easyJet e Wizz Air, ma anche Ita Airways, che dall’inizio di marzo tornerà a Tel Aviv, e Neos: tutto ciò dimostra la fiducia del mercato Italia verso una prossima ripresa”. [post_title] => Israele: "Continuiamo a lavorare per essere pronti ad accogliere nuovamente i turisti" [post_date] => 2024-02-07T12:27:08+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707308828000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460967 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Davanti ad una platea sterminata di agenti di viaggio (circa 1600 o giù di lì) riunite per la grandiosa performance di Welcome Travel durante la Bit, il ministro del turismo Daniela Santanchè ha fatto un'altra gaffe. Vediamo di cosa si tratta. Quegli agenti sono soprattutto specializzati in outgoing, che significa (per chi ancora non l'abbia capito) che cercano di mandare in viaggio gli italiani fuori dai confini nazionali. Naturalmente il ministro, che da quando lo ascolto fa sempre lo stesso discorso indifferente a chi gli stia davanti, ha ripreso la sua tiritera. E cioè: “Mi raccomando fate arrivare più stranieri così l'Italia ritornerà ad essere il primo paese al mondo". E diceva questa cosa con un certo entusiasmo, tanto che alcuni agenti erano presi da una specie di convulsione per evitare di ridere in modo fragoroso. Curricula Non contenta ha continuato: "Vi abbiamo tolto il reddito di cittadinanza così vi arrivano di nuovo i curricula (si dice curriculum anche al plurale. Come si dice i quorum, i referendum, ecc ecc ndr) sulla scrivania". Un agente dietro di me a queste parole ha fatto il gesto tipico degli italiani, convergendo tutte le dita sul pollice e muovendo il braccio come a dire: ma che dici?  Giuseppe Aloe [post_title] => Qualcuno spieghi al ministro la differenza fra incoming e outgoing [post_date] => 2024-02-07T10:50:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707303038000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460750 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il benessere è la chiave per destagionalizzare l'offerta turistica italiana. È questo il messaggio che arriva da Thermalia: l'area espositiva realizzata da Federterme all'interno della Bit. Lo ha ribadito anche il presidente dell'associazione legata a Confindustria, Massimo Caputi: "Sto riscontrando un grandissimo fermento tra i buyer. La gente oggi non solo vuole vivere di più, ma soprattutto vuole vivere bene: il benessere, le terme e lo stile di vita italiano è quindi l'asset principale sul quale basare qualsiasi strategia di destagionalizzazione". La domanda del benessere sta crescendo ovunque, ma in particolar modo nel Nord Europa, ha ribadito il ministro del Turismo, Daniela Santanchè: occorre quindi promuovere di più le nostre terme e alzare la qualità dei servizi, perché il viaggiatore di oggi è sempre più esigente. "Per tanto tempo abbiamo creduto che i turisti in Italia ci finissero dentro da soli - ha concluso la ceo di Enit, Ivana Jelinic -. Non è così. Occorre lavorare. E lavorare a fianco delle imprese. Finalmente il turismo medicale ha preso piede anche da noi. È un elemento importante, anche per attirare la nuova domanda dei giovani. E questo, in particolare, proprio grazie alla ricchezza delle nostre acque e dei nostri fanghi'. [post_title] => Caputi, Federterme: il benessere chiave del turismo italiano [post_date] => 2024-02-05T08:48:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707122889000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "polemica santanche garavaglia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":33,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":381,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462480\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alessandra Priante[/caption]\r\n\r\nAlessandra Priante è il nuovo presidente di Enit spa. Già direttore europa dello Unwto, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di turismo a livello globale. \r\n\r\n«Onorata - dichiara Alessandra Priante presidente Enit spa - del ruolo di grande responsabilità che mi viene riconosciuto e sono entusiasta di poter contribuire allo sviluppo e alla promozione del nostro meraviglioso Paese come destinazione turistica di eccellenza.\r\nAvremo l’obiettivo comune, sotto la regia del ministero del turismo e del ministro Daniela Santanchè, di valorizzare e promuovere le bellezze dell’Italia, al fine di attrarre un numero sempre maggiore di turisti provenienti da tutto il mondo. Per raggiungere questo obiettivo, mi impegnerò a collaborare con le istituzioni locali, le associazioni di categoria e gli operatori turistici, al fine di creare sinergie e promuovere un turismo sostenibile e responsabile.\r\n\r\nInoltre, intendo puntare sull’innovazione e sulla digitalizzazione del settore turistico, per rendere l’Italia sempre più accessibile e attrattiva per i viaggiatori. Sarà mia priorità anche potenziare la formazione e la qualificazione professionale degli operatori turistici, al fine di offrire servizi di alta qualità e garantire un’esperienza indimenticabile ai visitatori. Mi impegnerò a promuovere la valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese, per preservarlo e tramandarlo alle generazioni future. L’Italia ha tanto da offrire e sono convinta che, lavorando insieme, possiamo fare dell’Italia una destinazione turistica irrinunciabile. Grazie per la fiducia che mi avete dimostrato e sono sicuro che, con il vostro sostegno, riusciremo a raggiungere traguardi ambiziosi per il turismo italiano».\r\n\r\n«Con il nuovo presidente si completa l’iter di avvio della nuova struttura di Enit pronta a mettere in campo il nuovo assetto a servizio dell’Italia e della promozione dell’immagine dell'Italia nel mondo, lavoreremo insieme per poter dare sempre maggiore valore e dignità ad un lavoro complesso che richiede una narrazione differente. Ci concentreremo anche sugli aspetti di modernizzazione e di attualizzazione del comparto iniziandolo ad un approccio ancora più performante e professionalizzante» commenta Ivana Jelinic amministratore delegato di Enit dando il benvenuto al nuovo presidente.\r\nSi completa quindi il Consiglio di amministrazione di Enit composto così dal presidente Alessandra Priante, dall’amministratore delegato Ivana Jelinic e dal consigliere Sandro Pappalardo.","post_title":"Alessandra Priante è il nuovo presidente dell'Enit","post_date":"2024-02-29T10:48:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709203720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462244","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Intervenendo a 24 Mattino a Radio 24, il presidente di Fto, Franco Gattinoni ha rincarato la dose sulla questione dei passaporti e lo ha fatto con una forza finalmente adeguata alla follia di questa situazione.\r\n\r\n“È una cosa incomprensibile che in un Paese moderno come il nostro - ha affermato Gattinoni -. Non è nemmeno pensabile, è uno schifo inimmaginabile. Nel nostro settore abbiamo perso circa 300 milioni di fatturato ed a questo punto chiederemo i danni al ministero dell'interno, qualcosa dovranno pur fare». E già questo fatto di usare la parola schifo per uno schifo come quello dei passaporti è un passo avanti.\r\nSegnalazioni\r\n«Abbiamo segnalato il problema un anno e mezzo fa. Quello che mi fa arrabbiare, per non dire incazzare, possibile che non si riesca a intervenire? E’ comprensibile un po' di mesi perché si torni a regime ma dopo un anno e mezzo essere ancora a questo punto, assolutamente no. Abbiamo segnalato al ministero del turismo che so che è intervenuto in diverse occasioni, adesso abbiamo scritto direttamente, la settimana scorsa, per l’ennesima volta, a Piantedosi. Noi e tutte le associazioni del turismo italiano, ci aspettiamo almeno una risposta ma più che una risposta ci aspettiamo una risoluzione dei problemi». \r\n\r\nEcco il linguaggio con questi qua della politica deve essere questo: Siamo profondamente incazzati e vogliamo che la questione venga risolta subito.","post_title":"Gattinoni sui passaporti: «Chiederemo i danni al ministero dell'interno»","post_date":"2024-02-26T12:38:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708951126000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462089","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Novità in casa Community.Travel, che ha formalizzato la partnership con l'azienda di consulenza e marketing Kirby, azienda con base operativa in Spagna ma operativa a livello globale: “Lavoriamo con soddisfazione da circa un anno a stretto contatto con il team di Kirby su altri fronti che rimarranno operativi - spiega Lea Cardinali, sales director di Adalte, di cui Community.Travel rappresenta la naturale evoluzione -. Siamo però estremamente soddisfatti dell’opportunità di poter ulteriormente ampliare e consolidare la nostra collaborazione. In questo modo prevediamo di espandere ulteriormente la nostra rete di dmc, sia per l'Italia, sia per gli altri mercati di interesse per i tour operator che collaborano con noi\".\r\n\r\nLa partnership così costituita sarà in particolare funzionale nei prossimi mesi per ottimizzare l’attuale processo di gestione delle dmc invitate dai tour operator. Mirerà inoltre a sviluppare prodotto per i nuovi mercati, permettendo di incrementare ulteriormente il processo di internazionalizzazione. \"Noi abbiamo creato l'infrastruttura Community.Travel per supportare le necessità tecnologiche degli attori che vendono tour e soggiorni - specifica il ceo di Adalte, Davide Galleri -. È stato però deciso sin da subito di operare nel rispetto dei canali tradizionali, consentendo la registrazione solo a realtà con un collegamento tecnologico alla tecnologia Adalte (quindi società con potenziale sicuramente importante), oppure invitate dalle dmc stesse. Questo per evitare di aprire anche solo inavvertitamente la registrazione a utenti agenziali clienti dei tour operator registrati come buyer. Nei primi anni la maggior parte dei fruitori erano wholesaler e tour operator online che desideravano un collegamento con il marketplace Community.Travel, così da poter ampliare una già vastissima offerta di altri servizi turistici. Quasi tutti i buyer sono stati da subito altamente convinti della potenzialità del prodotto, ma erano distributori di pacchetti turistici online, poco avvezzi alla vendita delle proposte distribuite dalle nostre dmc partner\".\r\n\r\nNegli anni il trend si è invertito. \"E la strategia si è dimostrata vincente - conclude Galleri - perché oggi nel marketplace Community.Travel i tour operator registrati (che hanno nella distribuzione agenziale la loro forza) hanno superato quelli che operano una commercializzazione puramente online via canali tecnologici. Se oggi siamo diventati la piattaforma di booking online dei product manager italiani che vendono tour dobbiamo quindi ringraziare in primis le nostri partner dmc che, sin dall’inizio, ci hanno sostenuto, quando abbiamo deciso di applicare una politica protettiva nei confronti dei loro stessi clienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, le dmc sono infatti le prime a non voler lavorare con decine (se non centinaia) di piccoli clienti, a cui probabilmente già possono vendere servizi tramite i loro clienti”.","post_title":"Community.Travel amplia le sinergie internazionali: partnership con la spagnola Kirby","post_date":"2024-02-22T12:25:19+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708604719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461318","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Abbiamo passato tre anni in difesa. Ora è giunto il momento di tornare all'attacco\". E' il solito, vulcanico Massimo Diana a presentare i risultati 2023 e piani 2024 di Ota Viaggi. Il to capitolino ha chiuso gli ultimi 12 mesi con un fatturato complessivo poco sopra gli 81 milioni di euro, per un decremento dell'1,75% rispetto al 2022. \"Ma nel 2023 avevamo un'offerta a scaffale di circa il 10% inferiore a quella dell'anno precedente - racconta il direttore commerciale -. Non possiamo inoltre dimenticare che lo scorso è stato il primo anno di completa apertura delle frontiere. Dopo tanto tempo il mare Italia si è trovato a competere con un mercato molto più vasto. Infine, dobbiamo pure ricordare l'incendio che ha colpito la nostra sede agli inizi di giugno. Evento a cui abbiamo fatto fronte immediatamente, ma che ovviamente ha condizionato temporaneamente la nostra attività\".\r\n\r\nOra però è venuto appunto il tempo di passare alla controffensiva. Il nuovo catalogo Ota Viaggi, attualmente in distribuzione tra le agenzie, comprende infatti 95 strutture, 21 in più rispetto all'anno scorso. \"E un'ulteriore decina è in fase di trattativa, per contratti che dovremo chiudere a breve\". Nel dettaglio, Sicilia e Sardegna rimangono chiaramente il core business del to, ma a crescere quest'anno è soprattutto il prodotto Puglia, Calabria e Basilicata, \"come ci chiedevano da tempo le agenzie di viaggio\".\r\n\r\nLa strategia di Ota rimane inoltre quella di lavorare a fondo sul lato pricing, in modo da far pesare il meno possibile i costi dell'inflazione sul consumatore finale: un approccio che l'anno scorso ha permesso all'operatore romano di mantenere il prezzo medio per pratica praticamente sugli stessi livelli del 2022 (2.400 euro contro 2.390). Il tutto in un contesto che al contrario ha registrato un aumento generalizzato delle tariffe, come hanno dimostrato bene le polemiche sorte questa estate in merito alla competitività di destinazioni alternative al mare Italia, quali l'Albania e Creta.\r\n\r\nA livello commerciale, il to pensa quindi a una policy di advance booking più articolata rispetto al passato. La classica campagna di prenotazioni anticipate, con la garanzia assoluta di una tariffa che non scenderà mai sotto il suo livello, sarà infatti seguita dopo il 31 marzo da incentivazioni a scalare valide sino al mese di giugno. \"Abbiamo inoltre lavorato ulteriormente con i network, affinando una strategia che punterà a veicolare le richieste dalle loro agenzie verso determinate strutture. In accordo con le loro direzioni commerciali, questo nuovo approccio dovrebbe garantirci un incremento del 5%-7%\".\r\n\r\n ","post_title":"Diana, Ota Viaggi: \"Torniamo all'attacco\". Il 2023 un anno di consolidamento","post_date":"2024-02-12T14:53:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707749626000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461122","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lo scorso dicembre, in occasione della presentazione della partnership con Bit Milano, Adriano Apicella, amministratore delegato Welcome Travel Group, aveva dichiarato: “È la nostra prima convention dopo il Covid, sarà un evento senza precedenti, dove Bit non sarà solo il contesto, ma anche il coprotagonista e un attrattore d’eccellenza della nostra Convention sulla quale puntiamo molto” . E i risultati ottenuti oggi confermano la sua previsione.\r\n\r\nSuperate le aspettative, dunque, per un evento senza eguali nella Travel Industry. Per  la prima volta, infatti, una Convention è stata organizzata in concomitanza e in partnership con una fiera, coinvolgendo oltre 2000 addetti ai lavori per tutta la durata della manifestazione.\r\n\r\n“In OrBita  - Insieme verso il turismo di domani” il tema dell’edizione 2024, scelto perché rappresenta perfettamente l’equilibrio tra il Network, paragonabile al pianeta al centro dell’orbita, che aggrega i Partner commerciali ed eroga le attività di marketing, i servizi, le soluzioni tecnologiche, l’assistenza e il supporto alle Agenzie che vi orbitano intorno beneficiando dell’equilibrio, della sicurezza e della protezione garantita dalla rotazione intorno al \"pianeta\" giusto.\r\n\r\nDurante la Convention si sono svolte due sessioni plenarie moderate una da Matteo Caccia, conosciuto attore teatrale, autore e conduttore radiofonico e l’altra da Marco Berry, conduttore televisivo, mago, illusionista ed escapologo.\r\n\r\nAdriano Apicella, affiancato da Simona Greco, direttore delle manifestazioni di Fiera Milano, ha dato il via ai lavori con l’apertura della sessione plenaria del primo giorno che ha visto la presenza del Ministro del Turismo on. Daniela Santanchè e l’intervento di Nicola Minasi, Capo dell'Unità di Crisi della Farnesina che, sul tema della sicurezza, ha manifestato grande vicinanza alle Agenzie di Viaggio e lo ha fatto direttamente dal luogo in cui si trova attualmente in missine speciale per la tutela e il salvataggio di bambini coinvolti nel conflitto Medio Orientale.\r\n\r\nDopo il momento dedicato alle Istituzioni, sono saliti sul palco Gabriele Burgio, Presidente e Amministratore Delegato di Alpitour World e Mario Zanetti Amministratore Delegato di Costa Crociere.\r\n\r\nNeos, la compagnia aerea del Gruppo, Allianz Partners, ITA Airways, Amex e Sekurest, si sono poi intrattenuti con Adriano Apicella in un interessante talk show per delineare l’evoluzione del mercato turistico e la sua inevitabile trasformazione.\r\n\r\nLa seconda giornata di lavori ha visto come protagonisti i vertici delle direzioni generali e commerciali di Alpitour World e Costa Crociere, quindi, il ceo Adriano Apicella, insieme al direttore network Dante Colitta e al chief information officer Ludovico Baiano, ha condiviso il percorso del Network presentando iniziative, progetti e servizi. Il focus è stato posto sulla chiara visione del futuro e sugli strumenti messi in campo per sostenere le Agenzie Welcome e Geo nel processo di cambiamento e nell'evoluzione del ruolo della rete nei prossimi anni.\r\n\r\nUn processo che andrà gestito con l’impegno e la collaborazione di tutti e dunque: “ InOrbita insieme verso il turismo di domani”.\r\n\r\nA chiudere la Convention, è stato l'eccezionale intervento di Maurizio Cheli, Ufficiale pilota, è stato il primo Astronauta nella storia dell'Aeronautica Militare a partecipare a un volo di ricerca scientifica a bordo dello Shuttle, in qualità di specialista della missione. Pur consapevole dei rischi e pericoli di una missione spaziale, ha eseguito i delicati compiti con determinazione, slancio e altissima competenza, guadagnandosi l'apprezzamento della pubblica opinione e dando lustro all'Aeronautica Militare e all'intera Nazione.\r\n\r\nAttraverso il suo motivante intervento, Cheli è riuscito a coinvolgere la platea, portando davvero \"in Orbita\" tutti i presenti con messaggi efficaci su come interpretare al meglio il cambiamento e mostrando fantastiche immagini dallo spazio degli angoli più celebri della terra, noti in particolare agli Agenti per i quali quei luoghi sono i “prodotti in vendita” e suscitando in essi  grande emozione e apprezzamento.","post_title":"Grande perfomance della Convention del gruppo Welcome","post_date":"2024-02-08T12:14:46+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707394486000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461016","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riflettori accesi sulla provincia di Jiangsu, in Cina, durante l'ultima Bit. E' un incontro affascinante quello con il Sud-est della Cina, famosa per le molteplici risorse turistiche, il patrimonio culturale unico e la deliziosa cucina locale. Allo stand \"Water Charm Jiangsu\", i grandi distici della calligrafia cinese rossa hanno attirato l'attenzione dei visitatori sui fantastici poster e sull'avviso della politica di viaggio senza visto della Cina per i turisti italiani.\r\n\r\n[gallery ids=\"461018,461022,461021,461057,461055,461056\"]\r\n\r\nAllo stand era presente un'incredibile varietà di informazioni sulle guide turistiche della provincia di Jiangsu: dai pittoreschi giardini di Suzhou, alle storiche mura della città di Nanchino, alla tranquilla bellezza del lago occidentale di Yangzhou. Per non parlare di quei progetti di rare e preziose esperienze interattive sul patrimonio culturale immateriale che permettono di scoprire la cultura Jiangsu, o di assistere ad uno spettacolo di opera Kunqu dal vivo in giardino, assaggiare una tazza di profumato tè Suzhou Biluochun.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461026\" align=\"aligncenter\" width=\"300\"] Tè Suzhou Biluochun[/caption]\r\n\r\nOltre ai paesaggi naturali e alle esperienze culturali, anche le specialità gastronomiche dello Jiangsu rappresentano un elemento distintivo del viaggio: dal delizioso riso fritto di Yangzhou agli imperdibili noodles fino alla tradizionale anatra salata di Nanchino. Ciascuna prelibatezza racconta la storia e la cultura della località per assaggi indimenticabili.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461028\" align=\"aligncenter\" width=\"200\"] Riso fritto di Yangzhou[/caption]\r\n\r\nLo stand di Jiangsu in Bit non è stato solo un luogo in cui mostrare le risorse turistiche di Jiangsu, ma anche una finestra aperta su cultura, storia e cibo di Jiangsu. Ha catturato con successo l'attenzione di un appassionato pubblico di viaggiatori: la provincia non è soltanto un'esperienza di viaggio, ma anche un incontro approfondito con il patrimonio storico, il fascino culturale e gli splendidi paesaggi del luogo.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461024\" align=\"aligncenter\" width=\"300\"] Zhouzhuang, antica città acquatica nella provincia di Jiangsu[/caption]\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461025\" align=\"aligncenter\" width=\"300\"] Xinghua Qianduo: mar dei fiori di colza di Jiangsu[/caption]\r\n\r\nI visitatori dello stand di Jiangsu si sono convinti che la provincia di Jiangsu è un luogo da visitare almeno una volta nella vita di ogni viaggiatore: per immergersi nella bellezza dei giardini tradizionali cinesi, per comprendere più a fondo il patrimonio culturale immateriale della Cina o semplicemente per assaggiare le prelibatezze gastronomiche locali. Jiangsu soddisfa tutte le aspettative.\r\n\r\n\r\n\r\nCredo che tutti coloro che leggeranno questo articolo saranno attratti dal fascino unico del Jiangsu e forse nel prossimo futuro sperimenteranno personalmente l'offerta di questa bellissima terra e qui vivranno momenti meravigliosi e indimenticabili. Jiangsu, una provincia ricca di storia, cultura e tradizione gastronomiche, aspetta i turisti da tutto il mondo per scoprire il suo fascino unico.\r\n\r\n[gallery ids=\"461035,461036,461034\"]\r\n\r\n \r\nContatta il nostro ufficio di rappresentanza in Italia:\r\nresponsabile dell’ufficio: Tan mingming\r\n+39 3886949925 e-mail: jiangsutourism@gmail.com\r\nCharm of Jiangsu ti dà il benvenuto!\r\n ","post_title":"Cina: lo Jiangsu più bello in mostra alla Bit 2024","post_date":"2024-02-07T15:25:26+00:00","category":["estero","informazione-pr"],"category_name":["Estero","Informazione PR"],"post_tag":[]},"sort":[1707319526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460998\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Kalanit Goren, Daniela Santanchè e l'ad Enit, Ivana Jelinic[/caption]\r\n\r\n“Siamo qui perché Israele era e rimane una destinazione molto amata dagli italiani”: Kalanit Goren, direttrice dell’Ufficio nazionale israeliano del turismo nel nostro Paese, commenta la recente partecipazione alla Bit di Milano, dove lo stand di Israele ha ricevuto anche la visita del ministro del turismo Daniela Santanchè.\r\n\r\nLa direttrice ha ribadito come in questi mesi “stiamo comunque lavorando per essere pronti a quando potremo di nuovo accogliere i visitatori italiani. Ricordo che l’Italia è per noi il sesto mercato più importante\".\r\n\r\nNon si interrompe il rapporto con il trade, “continuiamo a fare formazione e abbiamo ricevuto conferma che la prossima convention Fto sarà proprio in Israele, a inizio 2025”. Un segnale importante, che si unisce a quello che nelle ultime settimane è arrivato dalle compagnie aeree che sono tornate a inserire nei propri operativi la destinazione.\r\n\r\n“Da Ryanair a easyJet e Wizz Air, ma anche Ita Airways, che dall’inizio di marzo tornerà a Tel Aviv, e Neos: tutto ciò dimostra la fiducia del mercato Italia verso una prossima ripresa”.","post_title":"Israele: \"Continuiamo a lavorare per essere pronti ad accogliere nuovamente i turisti\"","post_date":"2024-02-07T12:27:08+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707308828000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460967","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Davanti ad una platea sterminata di agenti di viaggio (circa 1600 o giù di lì) riunite per la grandiosa performance di Welcome Travel durante la Bit, il ministro del turismo Daniela Santanchè ha fatto un'altra gaffe.\r\n\r\nVediamo di cosa si tratta. Quegli agenti sono soprattutto specializzati in outgoing, che significa (per chi ancora non l'abbia capito) che cercano di mandare in viaggio gli italiani fuori dai confini nazionali. Naturalmente il ministro, che da quando lo ascolto fa sempre lo stesso discorso indifferente a chi gli stia davanti, ha ripreso la sua tiritera. E cioè: “Mi raccomando fate arrivare più stranieri così l'Italia ritornerà ad essere il primo paese al mondo\". E diceva questa cosa con un certo entusiasmo, tanto che alcuni agenti erano presi da una specie di convulsione per evitare di ridere in modo fragoroso.\r\nCurricula\r\nNon contenta ha continuato: \"Vi abbiamo tolto il reddito di cittadinanza così vi arrivano di nuovo i curricula (si dice curriculum anche al plurale. Come si dice i quorum, i referendum, ecc ecc ndr) sulla scrivania\".\r\n\r\nUn agente dietro di me a queste parole ha fatto il gesto tipico degli italiani, convergendo tutte le dita sul pollice e muovendo il braccio come a dire: ma che dici? \r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Qualcuno spieghi al ministro la differenza fra incoming e outgoing","post_date":"2024-02-07T10:50:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707303038000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460750","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il benessere è la chiave per destagionalizzare l'offerta turistica italiana. È questo il messaggio che arriva da Thermalia: l'area espositiva realizzata da Federterme all'interno della Bit. Lo ha ribadito anche il presidente dell'associazione legata a Confindustria, Massimo Caputi: \"Sto riscontrando un grandissimo fermento tra i buyer. La gente oggi non solo vuole vivere di più, ma soprattutto vuole vivere bene: il benessere, le terme e lo stile di vita italiano è quindi l'asset principale sul quale basare qualsiasi strategia di destagionalizzazione\".\r\n\r\nLa domanda del benessere sta crescendo ovunque, ma in particolar modo nel Nord Europa, ha ribadito il ministro del Turismo, Daniela Santanchè: occorre quindi promuovere di più le nostre terme e alzare la qualità dei servizi, perché il viaggiatore di oggi è sempre più esigente.\r\n\r\n\"Per tanto tempo abbiamo creduto che i turisti in Italia ci finissero dentro da soli - ha concluso la ceo di Enit, Ivana Jelinic -. Non è così. Occorre lavorare. E lavorare a fianco delle imprese. Finalmente il turismo medicale ha preso piede anche da noi. È un elemento importante, anche per attirare la nuova domanda dei giovani. E questo, in particolare, proprio grazie alla ricchezza delle nostre acque e dei nostri fanghi'.","post_title":"Caputi, Federterme: il benessere chiave del turismo italiano","post_date":"2024-02-05T08:48:09+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1707122889000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti