26 May 2024

Mazzali (Lombardia): il turismo responsabile del caro-affitto.

[ 0 ]

Barbara Mazzali

L’assessore al turismo della regione Lombardia ha fatto una scoperta sensazionale, alla quale nessuno aveva pensato (sic). E’ riuscita a capire che anche il turismo ha la sua parte di responsabilità nella folle corsa al rialzo dei prezzi degli affitti.

«Nell’emergenza caro-affitti, per la quale sono mobilitati migliaia di studenti in tutta Italia, una parte del mondo turistico ha responsabilità – ha dichiarato Barbara Mazzali, assessore a turismo, marketing territoriale e moda della regione Lombardia -. Parlo della commercializzazione delle case secondo la modalità dei cosiddetti ‘ affitti brevi’ – ha proseguito – che è tra le cause della corsa dei prezzi nelle grandi città».

Poi ha aggiunto: «È evidente che ai proprietari di immobili nei centri storici in particolare, conviene di più affittare ai turisti per soggiorni-lampo piuttosto che ai locali per lunghi periodi».

Bene comune, questo sconosciuto

Chiaramente in un’ottica neoliberista in cui ciascuno pensa al suo (consiglio di rileggere o di leggere Guicciardini e la sua polemica sul particulare) è normale pensare esclusivamente al bene proprio. Ma questo pensiero diffuso che è sempre più imperante nasce dal fatto semplice che non esiste più fra i proprietari di casa, fra gli imprenditori, insomma nella classe agiata e dirigente, il senso del bene comune. Della socialità che serve a sviluppare bene il Paese.

Mazzali ha osservato inoltre che «la tipologia di turismo degli affitti brevi è uno strumento che va bene, ma deve essere contestualizzato in realtà specifiche, come i piccoli borghi, ad esempio, dove il costo degli alberghi non è sostenibile”. Sottolineando che “nessuno criminalizza alcuna attività”, l’assessore ha chiuso ricordando che “con il governo, stiamo studiando un testo unico per regolamentare il turistico degli ‘affitti brevi’, che il visitatore deve poter scegliere, ma che necessita di regole”.

Sarebbe opportuna una legge che stabilisca un numero massimo di case ad affitto breve per la vacanza. E che venga rispettata con rigore. perché non si tratta solo di studenti, ma anche di giovani che arrivano in città o per lavoro, o di coloro che vogliono sposarsi e non hanno una casa neanche in affitto. Uno Stato che si rispetta è vicino a tutti non solo a chi dispone di beni mobili e immobili. 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la "revisione" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana.  Ennesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio. La trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita). Cessione Come anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%. In altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow).  [post_title] => Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte [post_date] => 2024-05-20T12:59:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716209966000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Promozione Turistica ha pubblicato il terzo numero del report su arrivi e presenze, curato dal Dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari. L’analisi (che per la prima volta è ottenuta integrando vari strumenti) si articola in varie categorie: arrivi e presenze turistiche 2022 e 2023 a confronto, sentiment medio, suddiviso per i comparti di attrazioni, ristorazione, ricettività e affitti brevi, tariffe e saturazione dei comparti ricettivi, sempre a confronto con il 2022. Tra le novità l'analisi  delle presenze per ambito sulla base delle celle telefoniche e un focus sull‘andamento degli arrivi da alcuni specifici paesi di provenienza - in particolare Stati Uniti, Francia e Germania. I dati puntano a delineare l’andamento dei flussi in regione e di compiere un bilancio complessivo per il 2023 e confrontarlo con quello dell’anno precedente. Arrivi e presenze. Viene evidenziato anzitutto un aumento medio degli arrivi del 21% rispetto al 2022, marcato soprattutto nei mesi invernali (+67% a gennaio). Riguardo alle presenze l’aumento medio si attesta a quasi il 18%, con punte nel trimestre gennaio-marzo. Il periodo estivo resta quello col maggior afflusso di visitatori. Rispetto alla provenienza, il turismo domestico ha evidenziato lievi aumenti sia degli arrivi (+3,09%) che delle presenze (+3,32%) in confronto al 2022 con punte nel primo quadrimestre ed una diminuzione a partire dal mese di      maggio. Il dato di quello internazionale è sensibilmente più elevato: +56% gli arrivi e +42% le presenze con un aumento costante a partire da aprile. Una mappa con differenti colorazioni indica la distribuzione media annuale dei punti di interesse per provincia rispetto ai comparti  ricettività, affitti brevi, attrazioni e ristorazione. La provincia con la maggior densità è Firenze. Seguono Pisa, Siena e Livorno.  Il report fa poi un’analisi più dettagliata per gli ambiti turistici più popolari. Dati celle telefoniche. Consentono di tracciare i movimenti dei telefoni cellulari ed essere utilizzati per analizzare i flussi dei turisti, identificare le rotte di viaggio preferite e comprendere i comportamenti di movimento dei visitatori in determinate aree turistiche. Il report indica aumenti da aprile a settembre e picchi di ricezione durante la stagione estiva, in particolare nei mesi di luglio e agosto. Gli arrivi del 2023 mostrano come le provenienze degli arrivi e delle presenze sono in gran parte Statunitensi (16,1 e 14,7), a seguire Tedeschi (12,3 e 18,6) e Francesi (6,9 e 6,2). [post_title] => Toscana, focus sui arrivi e presenze: una nuova analisi che integra vari strumenti [post_date] => 2024-05-16T11:33:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715859238000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467288 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il caro voli potrebbe incidere sulle performance degli hotel italiani, specialmente dei resort. E' l'allarme lanciato da Ray Lo Faso: "Il trend degli hotel italiani è certamente positivo - spiega il direttore generale del gruppo Bulgarella -. In termini di performance crescono in particolare le strutture di città, ma nel lungo periodo i resort potrebbero risentire dei prezzi attuati dai vettori. Il governo non sta valutando con attenzione l’impatto che hanno le tariffe aeree, che danneggia la competitività dei resort italiani rispetto al mercato estero”. Il gruppo attualmente è concentrato sulla riqualificazione della colonia Olivetti di Sarzana e a brevissimo partiranno i lavori relativi alla ristrutturazione dell’ex Motel Agip di Palermo. “Guardiamo sempre con interesse alla piazza milanese e attendiamo gli esiti di un ricorso riguardante l’aggiudicazione della gara di Palazzo dei Portici Meridionali, affacciato su piazza del Duomo a Milano”, aggiunge Lo Faso. Nonostante le opportunità che possono sorgere in mercati stranieri limitrofi, il gruppo prevede, al momento, uno sviluppo tutto italiano: “Resta il palcoscenico ideale per i nostri piani. Il mercato delle strutture alberghiere sta vivendo un momento frizzante, come dimostra anche l’interesse crescente da parte di investitori internazionali nei confronti di operazioni real estate su vari cluster, dal city al countryside, dai resort balneari a soluzioni ibride che garantiscono una resa maggiore in termini di metri quadrati”.   [post_title] => Lo Faso del gruppo Bulgarella lancia l'allarme caro voli per gli hotel italiani [post_date] => 2024-05-14T11:15:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715685309000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466724 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_456450" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio di Roma[/caption] Novità in casa Lhm, che annuncia sulle colonne del Sole 24 Ore l'acquisizione in portfolio di un nuovo hotel a Roma, in zona Parlamento. La new entry si andrà ad aggiungere a Palazzo Velabro, albergo mixed-use a brand Design Hotels inaugurato a marzo dello scorso anno. Il nuovo indirizzo avrà 25 camere, un'area fitness, spazi comuni per favorire l'incontro delle persone e un'offerta retail al piano terra. L'asset appartiene a una famiglia romana e sarà sottoposto a un'operazione di conversione, i cui lavori dovrebbero partire a breve per concludersi possibilmente entro la fine del 2025. L'idea del gruppo Lhm, che ora cerca ulteriori opportunità a Bologna, Napoli e Venezia, è quella di valorizzare un patrimonio immobiliare spesso poco considerato dagli investitori istituzionali, ha spiegato la fondatrice e ceo della compagnia, Cristina Paini. La società, che al momento gestisce un totale di tre alberghi tra Roma e Milano, guarda quindi soprattutto a strutture medio-piccole, da 33-35 camere, situate in posizione centrale e possibilmente adattabili a un'offerta mixed-use tra camere e appartamenti. Una formula che al momento garantirebbe alla compagnia marginalità operative lorde al netto degli affitti (ebidtar) pari a oltre il 35%, con l'obiettivo di giungere in futuro al 40%. [post_title] => Lhm sale a quota due a Roma e punta su Bologna, Napoli e Venezia [post_date] => 2024-05-06T11:23:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714994622000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466639 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un momento d'oro per l'Oriente. E non solo per Cina e Giappone. Lo testimoniano anche le performance di Exotic Tour: l'operatore specializzato in Indonesia, Malesia e altre destinazioni del Sud-Est del continente di casa Quality Group si appresta infatti a superare il record di fatturato e passeggeri del 2023, registrando una crescita a doppia cifra percentuale per il secondo anno consecutivo. “I risultati raggiunti sono davvero importanti. È un momento significativo che premia il nostro lavoro meticoloso", spiega il general manager del to, Diego Firenze -. Controlliamo costantemente ogni anno strutture e itinerari: solo nel 2023 abbiamo eseguito più di 60 site inspection”. I viaggi di nozze rappresentano il target più importante in termini quantitativi della clientela Exotic Tour. Tra le tendenze emergenti si rileva un incremento delle richieste per itinerari culturali e naturalistici, che danno spazio preponderante alla scoperta del territorio. “Inoltre osserviamo una sempre maggiore richiesta per soggiorni nell’arcipelago di Gili, che promuoviamo con convinzione da molti anni”. Il caro prezzi è stato in parte calmierato dal lavoro svolto nel tempo dall’operatore che è riuscito ad assicurarsi importanti allotment, anche sull’alta stagione: “Per il periodo estivo abbiamo 13 partenze con quotazioni molto competitive, oggetto di una campagna promozionale in atto proprio in questi giorni. Abbiamo inoltre riservato per quest’anno per gli agenti di viaggio tariffe molto vantaggiose per Bali". Exotic Tour consolida poila programmazione 2024 aggiungendo un nuovo itinerario naturalistico e culturale, Flores Overland, con guida in italiano e un resort di prestigio nel nord a Lombok, il Seven Secrets, isolato in un tratto di mare di estrema bellezza. Se i tour a Bali continuano ad essere i più desiderati dalla clientela, per il Grand Tour Indonesia sono state aggiunge nuove date partenza, in modo da soddisfare le numerose richieste di prenotazione. Si registra anche un significativo incremento delle prenotazioni del tour Malesia-Singapore-Indonesia, che prevede l’accompagnamento di una guida parlante italiano. Exotic Tour ha infine recentemente rafforzato il proprio team andando a inserire una figura di esperienza al booking e programmazione. [post_title] => Exotic Tour cavalca l'onda del momento d'oro dell'Oriente. Previsto fatturato record nel 2024 [post_date] => 2024-05-03T10:11:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714731068000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466586 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sebastian Ebel, amministratore delegato del più grande tour operator del mondo, Tui, afferma in una dichiarazione alla pubblicazione tedesca FVW che le proteste nelle Isole Canarie non sono contro il turismo ma piuttosto per la carenza di alloggi e la mancanza di regolamentazione delle piattaforme online come Airbnb. Ebel spiega che “le persone protestano a favore di un turismo socialmente responsabile e di successo economico per la popolazione locale”. Aggiunge che “la buona immagine del turismo non dovrebbe essere danneggiata dal tipo di eccessi che si stanno verificando. "Le Isole Canarie sono da anni una delle destinazioni preferite dei nostri clienti." Edilizia turistica Il manager spiega che l'edilizia turistica “non solo riduce l'offerta di alloggi ma aumenta anche i prezzi di quelli non destinati al turismo. Mentre un albergo deve avere un'autorizzazione, in pratica chiunque può accedere a queste piattaforme. Gli hotel forniscono lavoro e offrono opportunità alla gente del posto”. Le dichiarazioni di Ebel sono state riprese dai più importanti media turistici perché si tratta di una delle prime reazioni forti del più grande operatore europeo, con il quale le destinazioni turistiche, soprattutto quelle spagnole, hanno sempre avuto un rapporto stretto e pacifico. Ebel rivela che sta negoziando con il governo delle Isole Canarie per fornire alloggi a coloro che lavorano nel settore del turismo nell'arcipelago. E dice che qualcosa di simile sta accadendo in Grecia, dove anche lui è in trattativa. “Offriamo posti di lavoro reali e investimenti reali nella destinazione. E oltre a ciò, siamo quelli che hanno il maggior numero di regolamenti”, una questione che lo preoccupa. [post_title] => Tui: overtourism? La responsabilità è tutta degli affitti turistici [post_date] => 2024-05-02T11:08:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714648113000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466475 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue il rilancio di Room Mate, che lancia un nuovo brand dedicato alle strutture 4 stelle plus dotate di meno di 80 camere. Un prodotto, per quei clienti che chiedono "un lusso tranquillo, lontano da eccessi o ostentazioni - spiega il presidente Kike Sarasola -. I Room Mate Collection garantiranno la stessa essenza del nostro brand originario, ma con un arredamento più sereno ed elegante e un’attenzione al cliente più personalizzata, senza perdere le altre caratteristiche della nostra catena, come la posizione in centro città". Per il momento saranno due le strutture a entrare a far parte della Room Mate Collection: il Gerard da 66 camere di Barcellona e il Giulia da 85 stanze di Milano. Il gruppo sta inoltre analizzando nuove opportunità di sviluppo, sotto forma di acquisto, di affitto o di gestione, ed è impegnata in trattative per incorporare nuove unità alla fine del 2024 o all'inizio del 2025 nel Regno Unito (Londra), in Francia (Parigi), in Italia (Sicilia, Roma e Milano) e in Germania (Berlino, Amburgo e Monaco di Baviera), con l'obiettivo di crescere soprattutto in Europa. "Il 50% circa delle nuove aperture dovrebbe peraltro riguardare nuovi hotel Collection", aggiunge Sarasola. La compagnia, che dallo scorso anno è di proprietà del fondo statunitense Angelo Gordon e della società di gestione americana Westmont Hospitality, ha chiuso il 2023 non solo con zero debiti, ma anche con una crescita del 37% delle vendite e un fatturato normalizzato di 106,5 milioni di euro. I margini operativi lordi (ebitda) sono stati di 15,7 milioni di euro, per una marginalità vicina al 15%. Ottime le previsioni anche per il 2024, che stimano un ebitda di 24,1 milioni di euro (+53,5%) e un fatturato di circa 150 milioni di euro. Il primo trimestre dell'anno è infatti partito molto bene con le vendite che sono risultate tra il 4% e il 5% sopra alle previsioni, e oltre il 10% più alte rispetto allo stesso periodo del 2023. Bene soprattutto le strutture spagnole (Malaga +27% e Madrid +21%), ma anche Milano sta registrando crescite in doppia cifra percentuale. [post_title] => Nasce la Room Mate Collection per gli hotel 4 stelle plus con meno di 80 camere [post_date] => 2024-04-30T11:20:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714476025000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466439 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Cinque Terre si confermano le più gettonate nei Ponti Primaverili, con le strutture occupate per circa il 90% delle disponibilità in particolare a Vernazza e Corniglia e il Ponente segue a poca distanza con l'85% delle disponibilità esaurite, è Genova a registrare dati record: oltre il 94% delle strutture ricettive del capoluogo ligure risulta sold-out. Per quanto riguarda le altre località liguri, affluenza significativa di turisti italiani e stranieri a Sestri Levante, Camogli, Portofino, Ventimiglia, Alassio e Finale Ligure. «Quest'anno - commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - l'incertezza meteorologica favorisce le decisioni last minute. Tuttavia, ciò non ha affatto scoraggiato i turisti, principalmente italiani, che considerano la Liguria una destinazione ideale per le proprie vacanze, che siano di due giorni o di una settimana. Genova, poi, merita una particolare menzione poiché continua ad attrarre visitatori grazie alla sua vivace offerta di attività e eventi culturali, confermando il successo delle politiche turistiche di una regione in costante espansione a prescindere dal meteo». «Malgrado un meteo incerto la Liguria continua a essere una meta molto richiesta merito sia delle politiche promozionali messe in atto dalla Regione sia anche per una maggiore facilità a raggiungere le nostre località - aggiunge l'assessore al Turismo e ai Trasporti Augusto Sartori - Ricordo che da un paio di settimane sono attivi i 'Treni del Mare' che garantiscono nuovi collegamenti in più per la Liguria con la Lombardia e il Piemonte. Per quel che riguarda la Lombardia sono ventuno i collegamenti aggiuntivi: dieci il sabato e undici nei giorni festivi grazie alla collaborazione fra Trenitalia, Trenord, Regione Liguria e Regione Lombardia. Per quel che riguarda il Piemonte sono 18 i collegamenti 'Ponente Line' programmati da Trenitalia con la Regione Piemonte tra Torino, Savona, Albenga e Imperia che si sommano ai 18 collegamenti giornalieri tra il capoluogo piemontese e Savona (di cui 6 proseguono fino a Ventimiglia con fermate nelle località della riviera di Ponente) e ai due treni in più per il 24 giugno tra Torino e Imperia». [post_title] => Liguria, Genova e le Cinque Terre le più richieste nei ponti primaverili [post_date] => 2024-04-30T10:23:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714472589000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466348 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il general manager del St. Regis Rome, Giuseppe De Martino è il nuovo presidente della sezione turismo e tempo libero di Unindustria. L'elezione si svolta la settimana scorsa presso la sede romana dell'associazione e ha visto anche la nomina a vicepresidente di Veronica Pamio, vp external relations and sustainability gruppo Aeroporti di Roma per il periodo 2024-2027. Inoltre, al consigliere direttivo eletto Serafino Lo Piano, responsabile sales Av Trenitalia - Ferrovie dello Stato, lo stesso presidente ha affidato la delega per le relazioni istituzionali. La sezione è composta da 91 aziende operanti in tutta la filiera, appartenenti nello specifico alle seguenti categorie: alberghi, sport & leisure, infrastrutture e trasporti, mice, agenzie di viaggi e tour operator, attività culturali, termale e ristorazione, per un totale di 8.422 dipendenti. Le altre nomine vedono Alessandra Sensi delle Terme dei Papi in qualità di vice presidente, mentre nel consiglio direttivo, oltre a Lo Piano, sono presenti Marta Abete della Gebart, Sergio Arienzo della Twis, Sergio Berlenghi del gruppo Aeroporti di Roma, Alessandro Cabella del Rome Cavalieri Hilton, The Waldorf Astoria Collection, Michela Camillo di Nh Italia, Federica Catalucci di Triumph Group International, Mirko Cattini dell'hotel Eden, Magno Cristiani del Fiuggi Palace, Flavia De Marchis della Alfa Fcm, Vincenzo Falcone del Bulgari Roma, Stefano Fiori della Univers, Anna Gricini di Rocco Forte Family (Rome), Mario Liguori dello studio Ega, Lorenzo Marzoli della Sport e Salute, Lorenzo Nencini di Starhotels, Pietro Notarbartolo della Aim Italy e Simone Ponziani dell'hotel Residence Oasi di Kufra [post_title] => Giuseppe De Martino nuovo presidente turismo di Unindustria. A Lo Piano le relazioni istituzionali [post_date] => 2024-04-29T10:43:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714387437000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "mazzali caro affitto" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":19,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":280,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la \"revisione\" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana. \r\n\r\nEnnesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio.\r\n\r\nLa trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita).\r\nCessione\r\nCome anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%.\r\n\r\nIn altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow). \r\n\r\n","post_title":"Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte","post_date":"2024-05-20T12:59:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1716209966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Promozione Turistica ha pubblicato il terzo numero del report su arrivi e presenze, curato dal Dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari.\r\n\r\nL’analisi (che per la prima volta è ottenuta integrando vari strumenti) si articola in varie categorie: arrivi e presenze turistiche 2022 e 2023 a confronto, sentiment medio, suddiviso per i comparti di attrazioni, ristorazione, ricettività e affitti brevi, tariffe e saturazione dei comparti ricettivi, sempre a confronto con il 2022. Tra le novità l'analisi  delle presenze per ambito sulla base delle celle telefoniche e un focus sull‘andamento degli arrivi da alcuni specifici paesi di provenienza - in particolare Stati Uniti, Francia e Germania.\r\nI dati puntano a delineare l’andamento dei flussi in regione e di compiere un bilancio complessivo per il 2023 e confrontarlo con quello dell’anno precedente.\r\n\r\nArrivi e presenze. Viene evidenziato anzitutto un aumento medio degli arrivi del 21% rispetto al 2022, marcato soprattutto nei mesi invernali (+67% a gennaio). Riguardo alle presenze l’aumento medio si attesta a quasi il 18%, con punte nel trimestre gennaio-marzo. Il periodo estivo resta quello col maggior afflusso di visitatori. Rispetto alla provenienza, il turismo domestico ha evidenziato lievi aumenti sia degli arrivi (+3,09%) che delle presenze (+3,32%) in confronto al 2022 con punte nel primo quadrimestre ed una diminuzione a partire dal mese di      maggio. Il dato di quello internazionale è sensibilmente più elevato: +56% gli arrivi e +42% le presenze con un aumento costante a partire da aprile.\r\n\r\nUna mappa con differenti colorazioni indica la distribuzione media annuale dei punti di interesse per provincia rispetto ai comparti  ricettività, affitti brevi, attrazioni e ristorazione. La provincia con la maggior densità è Firenze. Seguono Pisa, Siena e Livorno.  Il report fa poi un’analisi più dettagliata per gli ambiti turistici più popolari.\r\n\r\nDati celle telefoniche. Consentono di tracciare i movimenti dei telefoni cellulari ed essere utilizzati per analizzare i flussi dei turisti, identificare le rotte di viaggio preferite e comprendere i comportamenti di movimento dei visitatori in determinate aree turistiche. Il report indica aumenti da aprile a settembre e picchi di ricezione durante la stagione estiva, in particolare nei mesi di luglio e agosto.\r\n\r\nGli arrivi del 2023 mostrano come le provenienze degli arrivi e delle presenze sono in gran parte Statunitensi (16,1 e 14,7), a seguire Tedeschi (12,3 e 18,6) e Francesi\r\n(6,9 e 6,2).","post_title":"Toscana, focus sui arrivi e presenze: una nuova analisi che integra vari strumenti","post_date":"2024-05-16T11:33:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715859238000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467288","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il caro voli potrebbe incidere sulle performance degli hotel italiani, specialmente dei resort. E' l'allarme lanciato da Ray Lo Faso: \"Il trend degli hotel italiani è certamente positivo - spiega il direttore generale del gruppo Bulgarella -. In termini di performance crescono in particolare le strutture di città, ma nel lungo periodo i resort potrebbero risentire dei prezzi attuati dai vettori. Il governo non sta valutando con attenzione l’impatto che hanno le tariffe aeree, che danneggia la competitività dei resort italiani rispetto al mercato estero”.\r\n\r\nIl gruppo attualmente è concentrato sulla riqualificazione della colonia Olivetti di Sarzana e a brevissimo partiranno i lavori relativi alla ristrutturazione dell’ex Motel Agip di Palermo. “Guardiamo sempre con interesse alla piazza milanese e attendiamo gli esiti di un ricorso riguardante l’aggiudicazione della gara di Palazzo dei Portici Meridionali, affacciato su piazza del Duomo a Milano”, aggiunge Lo Faso.\r\n\r\nNonostante le opportunità che possono sorgere in mercati stranieri limitrofi, il gruppo prevede, al momento, uno sviluppo tutto italiano: “Resta il palcoscenico ideale per i nostri piani. Il mercato delle strutture alberghiere sta vivendo un momento frizzante, come dimostra anche l’interesse crescente da parte di investitori internazionali nei confronti di operazioni real estate su vari cluster, dal city al countryside, dai resort balneari a soluzioni ibride che garantiscono una resa maggiore in termini di metri quadrati”.\r\n\r\n ","post_title":"Lo Faso del gruppo Bulgarella lancia l'allarme caro voli per gli hotel italiani","post_date":"2024-05-14T11:15:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715685309000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466724","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_456450\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio di Roma[/caption]\r\n\r\nNovità in casa Lhm, che annuncia sulle colonne del Sole 24 Ore l'acquisizione in portfolio di un nuovo hotel a Roma, in zona Parlamento. La new entry si andrà ad aggiungere a Palazzo Velabro, albergo mixed-use a brand Design Hotels inaugurato a marzo dello scorso anno. Il nuovo indirizzo avrà 25 camere, un'area fitness, spazi comuni per favorire l'incontro delle persone e un'offerta retail al piano terra. L'asset appartiene a una famiglia romana e sarà sottoposto a un'operazione di conversione, i cui lavori dovrebbero partire a breve per concludersi possibilmente entro la fine del 2025.\r\n\r\nL'idea del gruppo Lhm, che ora cerca ulteriori opportunità a Bologna, Napoli e Venezia, è quella di valorizzare un patrimonio immobiliare spesso poco considerato dagli investitori istituzionali, ha spiegato la fondatrice e ceo della compagnia, Cristina Paini. La società, che al momento gestisce un totale di tre alberghi tra Roma e Milano, guarda quindi soprattutto a strutture medio-piccole, da 33-35 camere, situate in posizione centrale e possibilmente adattabili a un'offerta mixed-use tra camere e appartamenti. Una formula che al momento garantirebbe alla compagnia marginalità operative lorde al netto degli affitti (ebidtar) pari a oltre il 35%, con l'obiettivo di giungere in futuro al 40%.","post_title":"Lhm sale a quota due a Roma e punta su Bologna, Napoli e Venezia","post_date":"2024-05-06T11:23:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1714994622000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466639","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un momento d'oro per l'Oriente. E non solo per Cina e Giappone. Lo testimoniano anche le performance di Exotic Tour: l'operatore specializzato in Indonesia, Malesia e altre destinazioni del Sud-Est del continente di casa Quality Group si appresta infatti a superare il record di fatturato e passeggeri del 2023, registrando una crescita a doppia cifra percentuale per il secondo anno consecutivo.\r\n\r\n“I risultati raggiunti sono davvero importanti. È un momento significativo che premia il nostro lavoro meticoloso\", spiega il general manager del to, Diego Firenze -. Controlliamo costantemente ogni anno strutture e itinerari: solo nel 2023 abbiamo eseguito più di 60 site inspection”. I viaggi di nozze rappresentano il target più importante in termini quantitativi della clientela Exotic Tour. Tra le tendenze emergenti si rileva un incremento delle richieste per itinerari culturali e naturalistici, che danno spazio preponderante alla scoperta del territorio. “Inoltre osserviamo una sempre maggiore richiesta per soggiorni nell’arcipelago di Gili, che promuoviamo con convinzione da molti anni”. Il caro prezzi è stato in parte calmierato dal lavoro svolto nel tempo dall’operatore che è riuscito ad assicurarsi importanti allotment, anche sull’alta stagione: “Per il periodo estivo abbiamo 13 partenze con quotazioni molto competitive, oggetto di una campagna promozionale in atto proprio in questi giorni. Abbiamo inoltre riservato per quest’anno per gli agenti di viaggio tariffe molto vantaggiose per Bali\".\r\n\r\nExotic Tour consolida poila programmazione 2024 aggiungendo un nuovo itinerario naturalistico e culturale, Flores Overland, con guida in italiano e un resort di prestigio nel nord a Lombok, il Seven Secrets, isolato in un tratto di mare di estrema bellezza. Se i tour a Bali continuano ad essere i più desiderati dalla clientela, per il Grand Tour Indonesia sono state aggiunge nuove date partenza, in modo da soddisfare le numerose richieste di prenotazione. Si registra anche un significativo incremento delle prenotazioni del tour Malesia-Singapore-Indonesia, che prevede l’accompagnamento di una guida parlante italiano. Exotic Tour ha infine recentemente rafforzato il proprio team andando a inserire una figura di esperienza al booking e programmazione.","post_title":"Exotic Tour cavalca l'onda del momento d'oro dell'Oriente. Previsto fatturato record nel 2024","post_date":"2024-05-03T10:11:08+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714731068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466586","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sebastian Ebel, amministratore delegato del più grande tour operator del mondo, Tui, afferma in una dichiarazione alla pubblicazione tedesca FVW che le proteste nelle Isole Canarie non sono contro il turismo ma piuttosto per la carenza di alloggi e la mancanza di regolamentazione delle piattaforme online come Airbnb.\r\n\r\nEbel spiega che “le persone protestano a favore di un turismo socialmente responsabile e di successo economico per la popolazione locale”. Aggiunge che “la buona immagine del turismo non dovrebbe essere danneggiata dal tipo di eccessi che si stanno verificando. \"Le Isole Canarie sono da anni una delle destinazioni preferite dei nostri clienti.\"\r\nEdilizia turistica\r\nIl manager spiega che l'edilizia turistica “non solo riduce l'offerta di alloggi ma aumenta anche i prezzi di quelli non destinati al turismo. Mentre un albergo deve avere un'autorizzazione, in pratica chiunque può accedere a queste piattaforme. Gli hotel forniscono lavoro e offrono opportunità alla gente del posto”.\r\n\r\nLe dichiarazioni di Ebel sono state riprese dai più importanti media turistici perché si tratta di una delle prime reazioni forti del più grande operatore europeo, con il quale le destinazioni turistiche, soprattutto quelle spagnole, hanno sempre avuto un rapporto stretto e pacifico.\r\n\r\nEbel rivela che sta negoziando con il governo delle Isole Canarie per fornire alloggi a coloro che lavorano nel settore del turismo nell'arcipelago. E dice che qualcosa di simile sta accadendo in Grecia, dove anche lui è in trattativa. “Offriamo posti di lavoro reali e investimenti reali nella destinazione. E oltre a ciò, siamo quelli che hanno il maggior numero di regolamenti”, una questione che lo preoccupa.","post_title":"Tui: overtourism? La responsabilità è tutta degli affitti turistici","post_date":"2024-05-02T11:08:33+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714648113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466475","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue il rilancio di Room Mate, che lancia un nuovo brand dedicato alle strutture 4 stelle plus dotate di meno di 80 camere. Un prodotto, per quei clienti che chiedono \"un lusso tranquillo, lontano da eccessi o ostentazioni - spiega il presidente Kike Sarasola -. I Room Mate Collection garantiranno la stessa essenza del nostro brand originario, ma con un arredamento più sereno ed elegante e un’attenzione al cliente più personalizzata, senza perdere le altre caratteristiche della nostra catena, come la posizione in centro città\".\r\n\r\nPer il momento saranno due le strutture a entrare a far parte della Room Mate Collection: il Gerard da 66 camere di Barcellona e il Giulia da 85 stanze di Milano. Il gruppo sta inoltre analizzando nuove opportunità di sviluppo, sotto forma di acquisto, di affitto o di gestione, ed è impegnata in trattative per incorporare nuove unità alla fine del 2024 o all'inizio del 2025 nel Regno Unito (Londra), in Francia (Parigi), in Italia (Sicilia, Roma e Milano) e in Germania (Berlino, Amburgo e Monaco di Baviera), con l'obiettivo di crescere soprattutto in Europa. \"Il 50% circa delle nuove aperture dovrebbe peraltro riguardare nuovi hotel Collection\", aggiunge Sarasola.\r\n\r\nLa compagnia, che dallo scorso anno è di proprietà del fondo statunitense Angelo Gordon e della società di gestione americana Westmont Hospitality, ha chiuso il 2023 non solo con zero debiti, ma anche con una crescita del 37% delle vendite e un fatturato normalizzato di 106,5 milioni di euro. I margini operativi lordi (ebitda) sono stati di 15,7 milioni di euro, per una marginalità vicina al 15%. Ottime le previsioni anche per il 2024, che stimano un ebitda di 24,1 milioni di euro (+53,5%) e un fatturato di circa 150 milioni di euro. Il primo trimestre dell'anno è infatti partito molto bene con le vendite che sono risultate tra il 4% e il 5% sopra alle previsioni, e oltre il 10% più alte rispetto allo stesso periodo del 2023. Bene soprattutto le strutture spagnole (Malaga +27% e Madrid +21%), ma anche Milano sta registrando crescite in doppia cifra percentuale.","post_title":"Nasce la Room Mate Collection per gli hotel 4 stelle plus con meno di 80 camere","post_date":"2024-04-30T11:20:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1714476025000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466439","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Cinque Terre si confermano le più gettonate nei Ponti Primaverili, con le strutture occupate per circa il 90% delle disponibilità in particolare a Vernazza e Corniglia e il Ponente segue a poca distanza con l'85% delle disponibilità esaurite, è Genova a registrare dati record: oltre il 94% delle strutture ricettive del capoluogo ligure risulta sold-out. Per quanto riguarda le altre località liguri, affluenza significativa di turisti italiani e stranieri a Sestri Levante, Camogli, Portofino, Ventimiglia, Alassio e Finale Ligure.\r\n\r\n«Quest'anno - commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - l'incertezza meteorologica favorisce le decisioni last minute. Tuttavia, ciò non ha affatto scoraggiato i turisti, principalmente italiani, che considerano la Liguria una destinazione ideale per le proprie vacanze, che siano di due giorni o di una settimana. Genova, poi, merita una particolare menzione poiché continua ad attrarre visitatori grazie alla sua vivace offerta di attività e eventi culturali, confermando il successo delle politiche turistiche di una regione in costante espansione a prescindere dal meteo».\r\n\r\n«Malgrado un meteo incerto la Liguria continua a essere una meta molto richiesta merito sia delle politiche promozionali messe in atto dalla Regione sia anche per una maggiore facilità a raggiungere le nostre località - aggiunge l'assessore al Turismo e ai Trasporti Augusto Sartori - Ricordo che da un paio di settimane sono attivi i 'Treni del Mare' che garantiscono nuovi collegamenti in più per la Liguria con la Lombardia e il Piemonte. Per quel che riguarda la Lombardia sono ventuno i collegamenti aggiuntivi: dieci il sabato e undici nei giorni festivi grazie alla collaborazione fra Trenitalia, Trenord, Regione Liguria e Regione Lombardia. Per quel che riguarda il Piemonte sono 18 i collegamenti 'Ponente Line' programmati da Trenitalia con la Regione Piemonte tra Torino, Savona, Albenga e Imperia che si sommano ai 18 collegamenti giornalieri tra il capoluogo piemontese e Savona (di cui 6 proseguono fino a Ventimiglia con fermate nelle località della riviera di Ponente) e ai due treni in più per il 24 giugno tra Torino e Imperia».","post_title":"Liguria, Genova e le Cinque Terre le più richieste nei ponti primaverili","post_date":"2024-04-30T10:23:09+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1714472589000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466348","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il general manager del St. Regis Rome, Giuseppe De Martino è il nuovo presidente della sezione turismo e tempo libero di Unindustria. L'elezione si svolta la settimana scorsa presso la sede romana dell'associazione e ha visto anche la nomina a vicepresidente di Veronica Pamio, vp external relations and sustainability gruppo Aeroporti di Roma per il periodo 2024-2027. Inoltre, al consigliere direttivo eletto Serafino Lo Piano, responsabile sales Av Trenitalia - Ferrovie dello Stato, lo stesso presidente ha affidato la delega per le relazioni istituzionali. La sezione è composta da 91 aziende operanti in tutta la filiera, appartenenti nello specifico alle seguenti categorie: alberghi, sport & leisure, infrastrutture e trasporti, mice, agenzie di viaggi e tour operator, attività culturali, termale e ristorazione, per un totale di 8.422 dipendenti.\r\n\r\nLe altre nomine vedono Alessandra Sensi delle Terme dei Papi in qualità di vice presidente, mentre nel consiglio direttivo, oltre a Lo Piano, sono presenti Marta Abete della Gebart, Sergio Arienzo della Twis, Sergio Berlenghi del gruppo Aeroporti di Roma, Alessandro Cabella del Rome Cavalieri Hilton, The Waldorf Astoria Collection, Michela Camillo di Nh Italia, Federica Catalucci di Triumph Group International, Mirko Cattini dell'hotel Eden, Magno Cristiani del Fiuggi Palace, Flavia De Marchis della Alfa Fcm, Vincenzo Falcone del Bulgari Roma, Stefano Fiori della Univers, Anna Gricini di Rocco Forte Family (Rome), Mario Liguori dello studio Ega, Lorenzo Marzoli della Sport e Salute, Lorenzo Nencini di Starhotels, Pietro Notarbartolo della Aim Italy e Simone Ponziani dell'hotel Residence Oasi di Kufra","post_title":"Giuseppe De Martino nuovo presidente turismo di Unindustria. A Lo Piano le relazioni istituzionali","post_date":"2024-04-29T10:43:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1714387437000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti