22 April 2024

Giuseppe Ciminnisi è il nuovo presidente di Fiavet-Confcommercio

[ 0 ]

Giuseppe Ciminnisi, presidente di Fiavet nazionale

È Giuseppe Ciminnisi (presidente di Fiavet Sicilia) il presidente di Fiavet-Confcommercio nazionale, eletto nell’Assemblea in Confcommercio per i prossimi cinque anni, fino al 2028.

La Giunta  è composta da: Luana De Angelis, (attuale vice presidente vicario di Fiavet Lazio)  che sarà vice presidente vicario con delega alla formazione, Andrea Babbi (delegato Emilia Romagna e Marche) che sarà vice presidente con delega al bilancio, Cinzia Chiaramonti  (vice presidente Fiavet Toscana)  che avrà la delega ai trasporti e agli  eventi, Gabriella Aires (presidente Fiavet Piemonte) che avrà la delega alla comunicazione, Giampiero Campajola (presidente Fiavet Friuli Venezia Giulia) che avrà la delega all’incoming e all’innovazione digitale e Annalisa De Luca  (vice presidente Fiavet Abruzzo e Molise) che avrà la delega al tour operating e alle  convenzioni.

A salutare l’assemblea Carlo Sangalli, presidente Confcommercio e Donatella Prampolini vice presidente.

Programma

«Il cuore del mio programma si basa sulla Federazione che da sempre rappresenta e tutela le agenzie di viaggi e i tour operator. Su queste basi, come presidente, il mio scopo è, e sarà sempre, quello teso all’unità, ovvero alla collaborazione, alla condivisone, alla partecipazione e alla crescita della vita associativa – ha affermato il neo presidente Giuseppe Ciminnisi -. Fare parte di Fiavet significa andare aventi tutti nella stessa direzione: il mio programma siete voi, le singole federazioni regionali e le loro necessità».

Tra i temi salienti del programma presentato da Giuseppe Ciminnisi la formazione, la sinergia e la comunicazione tra le regionali, le relazioni istituzionali, la lotta all’abusivismo, il proseguimento del processi di internazionalizzazione avviato nel precedente mandato.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto. «Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti». Lo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara. Personale scolastico In particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione». Le associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie». Le rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo. [post_title] => “Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione” [post_date] => 2024-04-22T10:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713782796000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà tutta nel segno delle esperienze, autentiche, la prima estate del Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort, che prenderà il via il prossimo 21 giugno. Un'apertura immaginata come un dialogo tra l’originalità del format del resort, con dotazioni speciali quali i campi da padel più alti d’Europa, e l’identità alpina della destinazione, che anche in estate rappresenta la magnificenza della montagna nella sua forma più pura, capace di declinare felicemente l’essenza del turismo slow. Senza dimenticare le attività sulla neve, che sul Plateau Rosà, raggiungibile da Cervinia sci ai piedi, possono essere praticate anche durante la stagione più calda. “Le aspettative per questa nuova apertura sono alte e non vediamo l’ora di accogliere i nostri primi clienti in arrivo da tutto il mondo per il debutto estivo in montagna della nuova Valtur - commenta Giuseppa Pagliara, amministratore delegato del Gruppo Nicolaus -. Siamo molto soddisfatti del palinsesto di attività a cui stiamo lavorando senza sosta dall’anno scorso e che è espressione precisa della nostra filosofia di accoglienza votata all’interpretazione dei desideri del singolo ospite. Abbiamo preso il meglio che solo un luogo unico come Cervinia può esprimere e lo abbiamo fatto dialogare con l’unicità del nostro format e con la nostra visione dell’Italian Lifestyle per offrire ai potenziali ospiti una motivazione, un sogno, la possibilità di dire in primis a sé stessi: io desidero”. L’ambizione di Valtur per la sua prima stagione estiva ad alta quota è stata quella di creare le condizioni ideali per i potenziali target sensibili all’eredità unica di Cervinia, diventando un volano per l’attrattiva della destinazione. Il programma di attività e iniziative è un ponte tra interno ed esterno del resort con tre macro-aree: sport, intrattenimento e scoperta, modulati in modo originale e nuovo davvero per tutte le età. “La rivoluzione del Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort è proprio data dall’incontro tra un’identità territoriale straordinariamente potente e una nuova visione di hôtellerie upper upscale che, dopo l’ospitalità in chiave invernale all’insegna dell’Italian Lifestyle, si appresta a mettere in scena l’interpretazione estiva, con una gamma quasi infinita di possibilità per target differenti - conclude Giuseppe Cavallo, amministratore dell'Hospitality Company del Gruppo Nicolaus -. Asse portante l’autenticità delle esperienze, dentro e fuori dal perimetro del resort, che aprendo la porta della montagna, la apre anche alle aspirazioni di grandi e bambini”. [post_title] => Il Valtur Cervinia Cristallo apre all'estate nel segno delle esperienze [post_date] => 2024-04-19T10:33:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713522803000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore. Si è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato. Procedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri. Anche le ota Oltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.   Fulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”. Cessare i comportanti Nel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie. Fiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi. Entrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.   Pronunzia A breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo. “Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.   [post_title] => Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair [post_date] => 2024-04-19T10:14:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713521697000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465830 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fiavet-Confcommercio non si ferma  nella sua battaglia contro la politica “zero commission” sulla biglietteria aerea. A seguito della vittoria del contenzioso contro Lufthansa, che ha consentito a tutte le agenzie, non solo le associate Fiavet-Confcommercio,  di  avviare la richiesta di differenza per le commissioni non pagate, la Federazione  ha verificato tutte le posizioni delle compagnie aeree che negli ultimi dieci anni hanno comunicato l’azzeramento della commissione, decisione puntualmente contestata da Fiavet-Confcommercio  nell’interesse dei propri associati, partendo dal presupposto normativo che l’intermediazione ha un valore e va riconosciuto.  “Stiamo concretizzando anni di battaglie: avendo da sempre un rapporto commerciale di vendita di biglietteria  aerea per conto dei vettori, contestiamo la decisione unilaterale, da parte loro, della improvvisa politica a commissioni zero” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi. Fiavet-Confcommercio ha ripreso in mano tutte le posizioni in cui era stata contestata come illegittima la riduzione a zero della commissione, fornendo ai suoi associati uno schema di richiesta da inviare per poter ottenere il rispetto del principio espresso nella causa di Lufthansa. “Ci aspettiamo che le compagnie aeree prendano atto di questa situazione e, piuttosto che arroccarsi in posizioni di difesa ad oltranza per non riconoscere i diritti delle agenzie di viaggio, versino il dovuto e finalmente concordino con le associazioni di categoria un livello commissionale minimo” afferma Giuseppe Ciminnisi. I vettori che hanno applicato la “zero commission” si vedranno quindi recapitare, nei prossimi giorni, una imponente quantità di richieste di riportare la commissione all’1%  o al maggiore valore prima dell’azzeramento, con restituzione della commissione non versata. “È una richiesta legittima -  afferma Federico Lucarelli, consulente legale Fiavet che ha seguito il contenzioso con Lufthansa  - in quanto si fonda sul principio espresso nel giudizio Lufthansa, in particolare sulla nullità dichiarata in quel contenzioso della clausola disciplinante il regime commissionale del PSAA, che è il contratto uniforme che lega i vettori alle Agenzie IATA per la vendita della biglietteria aerea, e quindi replicabile per tutti i rapporti tra compagnie aeree e agenti di viaggio IATA”. [post_title] => Fiavet: continua la battaglia contro i vettori a commissioni zero [post_date] => 2024-04-18T12:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => ryanair ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Ryanair ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713443094000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465780 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà l’elegante Venaria Reale, gioiello nel cuore del Piemonte, la protagonista della grande partenza della 107° edizione del Giro d’Italia 2024 il prossimo 4 maggio. La città, che nel 2025 sarà anche Capitale europea dello sport, offre una combinazione unica di patrimonio culturale e natura, da scoprire in occasione del grande appuntamento sportivo (e non solo) con itinerari da percorrere a piedi o in bici. Si parte all’esplorazione della città dalla Reggia di Venaria Reale, grandioso complesso che con i suoi 80mila metri quadrati di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, è uno dei luoghi iconici del nostro Paese. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997, è aperta al pubblico dal 2007 dopo essere stata il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali. La Reggia vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale: l'incantevole scenario della Sala di Diana progettato da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con l’immenso complesso delle Scuderie, opere settecentesche di Filippo Juvarra, le fastose decorazioni, il celebre Bucintoro e la spettacolare Fontana del Cervo nella Corte d’onore rappresentano la cornice ideale del Teatro di Storia e Magnificenza, il percorso espositivo dedicato ai Savoia che accompagna il visitatore lungo quasi 2.000 metri, tra piano interrato e piano nobile della Reggia. In occasione della partenza del Giro d’Italia la Reggia di Venaria propone per la visita delle tariffe speciali. La visita prosegue nel centro storico: uscendo dalla Torre dell’orologio della Reggia, si attraversa Piazza a Esedra (oggi Piazza della Repubblica) e ci si incammina lungo via Mensa, animata da locali e caffè dove sostare per uno spuntino o assaggiare i prodotti enogastronomici del territorio. Da qui si giunge nella Piazza della SS. Annunziata, elegante piazza e cuore del seicentesco borgo di Venaria Reale. La piazza è dedicata all’Annunciazione di Maria, rappresentata dalle due statue, opera di Giuseppe Maria e Giovanni Domenico Carlone (1678), scultori luganesi, autori anche delle statue dei quattro Evangelisti collocate sempre sulla piazza. Sulla piazza un tempo si affacciavano due locali: Nuova Cernaia (tutt’oggi in attività) e Vecchia Cernaia (ora scomparso), denominati così in ricordo della guerra di Crimea, poiché l'artiglieria impegnata nel conflitto era partita proprio da Venaria. E' possibile spingersi alla scoperta delle vie che si snodano dal centro, cercando i molti scorsi ancora autentici della cittadina. In particolare Via Boglione, che era la sede di alcune attività artigianali com il maniscalco, la tipografia e l’erboristeria, e Via Pavesio, dove ci si immerge ancora una volta nel tempo passato camminando lungo l’edificio delle Corte pagliere, le scuderie e la Cavallerizza Lamarmora. In alternativa chi ama passeggiare nel verde urbano può percorrere i sentieri lungo la Ceronda, l’ampio torrente affluente della Stura che bagna Venaria. Un’esperienza totally green è il Parco della Mandria, un vasto parco naturale che offre splendide opportunità per escursioni, e osservazione della fauna selvatica e rappresenta il principale polmone verde dell’area torinese. Si tratta del più antico e conservato esempio di bosco planiziale (cioè in pianura) del Piemonte. Per la sera non mancano le proposte, tra cui spicca il Teatro della Concordia, cuore culturale dell’intero territorio nord ovest di Torino che compie venti anni di attività proprio nel 2024. Il suo cartellone spazia dalla stand up comedy alla grande prosa, dagli spettacoli per famiglie ai concerti. Ma non manca una tappa per i più golosi. Impossibile partire da Venaria Reale senza aver assaggiato il Canestrello di Altessano, dolce povero ma saporito che già un secolo fa faceva parlare di sé politici e letterati come Michele Lessona, venariese doc e senatore del Regno.         [post_title] => Venaria Reale, meta insolita da scoprire sulla scia del Giro d'Italia [post_date] => 2024-04-18T10:58:22+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713437902000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465638 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fiavet-Confcommercio scrive all’Associazione nazionale presidi esternando le sue  preoccupazioni per la diffusione della lettera pubblicata su diversi media che incita alla preparazione del viaggio di istruzione senza agenzie di viaggio. “Mi chiedo cosa penserebbe l’opinione pubblica se da domani gli agenti di viaggio cominciassero ad insegnare filosofia nelle scuole al posto dei professori” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi. ”E cosa penserebbero le famiglie degli studenti in viaggio sapendo che i loro figli viaggiano senza le coperture assicurative, l’assistenza  costante delle agenzie di viaggi ed in generale senza tutte le tutele previste per i pacchetti di viaggio organizzati, perché la scuola ha deciso di privarsi del supporto professionale delle imprese che per legge organizzano viaggi in questo Paese ed in tutto il mondo”. Normativa Fiavet-Confcommercio è preoccupata soprattutto per la mancanza di conoscenza, anche nel mondo della a scuola, delle normativa sui viaggi di istruzione, che allo stato vengono affidati sulla base della normativa dei Contratti pubblici, con una selezione comparativa qualità/prezzo, con obblighi stringenti e con una contratto formale di pacchetto turistico disciplinato dal Codice del Turismo. “Mi auguro – conclude Ciminnisi - che la scelta fai da te non sia presa ad esempio, non perché dobbiamo difendere una inesistente “posizione dominante” della categoria, ma perché sarebbe una pratica illegittima e soprattutto dannosa per le Scuole e gli studenti. Dietro ad una offerta per un viaggio di istruzione ci sono mesi di lavoro, studio delle location, acquisizione di preventivi e disponibilità dei fornitori, pianificazione degli itinerari, incontri con i Dirigenti e i Professori, risoluzione di problematiche particolari, solo per ricordare alcune attività. Non credo che si possa barattare un ipotetico risparmio, con la privazione degli studenti delle garanzie di legge e del servizio professionale degli Agenti di viaggio”. [post_title] => Fiavet ai presidi: evitare che i viaggi d'istruzione vengano fatti da abusivi [post_date] => 2024-04-16T13:17:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713273472000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465311 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova pagina, tutta da scrivere, per il futuro dell'aeroporto di Parma. Sogeap, società di gestione del 'Giuseppe Verdi' ha infatti ceduto il 51% delle sue quota di Parma Aeroporto alla canadese Centerline Airport Partners Italia. L'accordo con il nuovo partner industriale è già stato siglato: «Con questo atto - spiega una nota di Parma Aeroporto - si realizza l’obiettivo di Parma Aeroporto, società interamente controllata dall’Unione Parmense degli industriali, di creare le condizioni per un consolidamento e uno sviluppo, coerente con le esigenze del territorio parmense, dell’infrastruttura aeroportuale attraverso il coinvolgimento di un partner industriale in grado di mettere a disposizione le competenze e le risorse necessarie per valorizzare al meglio le potenzialità dell’aeroporto».   [post_title] => Aeroporto Parma: ai canadesi di Centerline Airport Partners Italia il 51% delle quote [post_date] => 2024-04-11T10:51:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712832694000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro.  Questo è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio. Sindacato Ma si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool).  Tutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema. Giuseppe Aloe [post_title] => Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato [post_date] => 2024-04-10T11:00:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712746816000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464642 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Mangia’s Pollina Resort sorge su un promontorio da cui si osserva Cefalù, la roccia “a forma di testa” immersa nel mare, da “Cefalòs” che in greco significa proprio testa. La città fu centro di commercio fin dal passato più remoto perché l'istmo raccoglieva al suo interno preziosa acqua dolce che poteva essere barattata con i naviganti venuti da lontano, acquisendo merci utili e rare. Sono le prime informazioni che si raccolgono in uno dei numerosi tour organizzati dallo staff della struttura che ha recentemente ospitato l’edizione 2024 della Mangia’s Academy, il Pollina Resort, per accompagnare gli ospiti alla scoperta del ricco territorio siciliano. I percorsi conducono anche all’Etna, all’antica Taormina, alle verdi Madonie, a Palermo, alla Valle dei templi di Agrigento, alla Sicilia sconosciuta dell'entroterra e delle tradizioni e alle isole Eolie, oltre a proporre momenti sportivi di ogni tipo: dal Discovery 4x4 al parapendio. Mario, un vero divulgatore, è la guida perfetta per accompagnare gli ospiti all’incontro con Cefalù, dove Ruggero fece voto di costruire una chiesa dopo essersi salvato da una tempesta. La cattedrale, i cui campanili erano un tempo delle torri difensive, è simbolo di tolleranza: Ruggero governava una terra dove convivevano arabi, bizantini e latini, quindi volle concedere a ciascuno spazio per il proprio credo. In accordo con papa Urbano II l’abside venne costruita rivolta alla Mecca, secondo la quibla araba; i bizantini ottennero la costruzione di una chiesa a pianta centrale, raggruppata attorno al quadrato per la preghiera che divenne il transetto; infine, per avere le tre navate della basilica latina, nacque l’innesto tra la chiesa latina, quella bizantina e il mirhab arabo. Il simbolismo interno alla cattedrale è davvero forte. Ma Cefalù è anche la porta delle Madonie: l’ingresso a un territorio protetto che ha tanto da raccontare. La destinazione ha un microclima ricco di biodiversità che porta a quattro fioriture annuali, come quella delle profumate zagare degli aranci. Qui si trova anche il noto albero della manna: una qualità di frassino la cui linfa, dopo aver nutrito le foglie, scende lungo il fusto e i rami formando dei dolci cannoli che già gli arabi utilizzavano anche a scopo curativo e oggi sono un ingrediente della pasticceria siciliana. Nell’anno Mille erano tanti gli arabi che abitavano infatti la Sicilia, formandone tradizioni culturali e gastronomiche, ma nel tredicesimo secolo l'imperatore Federico II portò a Corleone migliaia di Lombardi (italiano del Nord, ndr). Tra le antiche storie locali c’è quella secondo la quale i lombardi, ispirati alle tradizioni arabe, iniziarono a cucinare delle speciali brioches con la buccia d’arancia e la cannella, che sarebbero poi diventate il panettone lombardo. 0. Una delle produzioni più rinomate di panettoni e colombe è così quella di Fiasconaro, la cui arte dolciaria si è unita da tempo alla creatività di Dolce&Gabbana per realizzare prodotti unici. Fiasconaro si trova a Castelbuono, nel cuore delle Madonie: un luogo un tempo incantato e coperto di foreste ricche di vita. Sin dall’antichità gli abitanti scendevano sulla costa per pescare e, la sera, risalivano sulle alture per non ammalarsi nelle pericolose piane malariche. Per questo venne costruito un borgo intorno al castello dei Ventimiglia, detto Castello del buon aere, che è oggi Castelbuono. Al suo interno si trova la suggestiva cappella Palatina dove, vicino agli stucchi su fondo in oro zecchino di Giuseppe e Giacomo Serpotta, viene conservata una preziosa reliquia di S. Anna, patrona della città. Si dice che le Madonie siano state spogliate di parte delle foreste a opera degli spagnoli, per realizzare le caravelle di Cristoforo Colombo. L’abbattimento degli alberi ha però portato nel tempo alla scoperta delle sottostanti argille, oggi imprescindibili nella produzione delle colorate ceramiche siciliane. Come quelle realizzate da Lillo Brogato, nel suo affascinante negozio A Lumera. Le Madonie hanno ottenuto il riconoscimento dell’Unesco di Geopark europeo perché sono un polmone verde. La Sicilia è davvero un mondo da scoprire, senza dimenticare il miele saporito delle resistenti api nere e l’olio prodotto da olivi secolari come quelli della tenuta Bergi, dove imparare come riconoscere e conservare l’olio più buono. [gallery ids="464653,464645,464646,464647,464651,464648"] [post_title] => Partire dal Mangia’s Pollina Resort per scoprire la Sicilia [post_date] => 2024-04-08T11:53:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712577233000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "giuseppe ciminnisi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":25,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":222,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto.\r\n\r\n«Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti».\r\n\r\nLo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara.\r\nPersonale scolastico\r\nIn particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione».\r\n\r\nLe associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie».\r\n\r\nLe rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo.","post_title":"“Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione”","post_date":"2024-04-22T10:46:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1713782796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465903","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà tutta nel segno delle esperienze, autentiche, la prima estate del Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort, che prenderà il via il prossimo 21 giugno.\r\n\r\nUn'apertura immaginata come un dialogo tra l’originalità del format del resort, con dotazioni speciali quali i campi da padel più alti d’Europa, e l’identità alpina della destinazione, che anche in estate rappresenta la magnificenza della montagna nella sua forma più pura, capace di declinare felicemente l’essenza del turismo slow. Senza dimenticare le attività sulla neve, che sul Plateau Rosà, raggiungibile da Cervinia sci ai piedi, possono essere praticate anche durante la stagione più calda.\r\n\r\n“Le aspettative per questa nuova apertura sono alte e non vediamo l’ora di accogliere i nostri primi clienti in arrivo da tutto il mondo per il debutto estivo in montagna della nuova Valtur - commenta Giuseppa Pagliara, amministratore delegato del Gruppo Nicolaus -. Siamo molto soddisfatti del palinsesto di attività a cui stiamo lavorando senza sosta dall’anno scorso e che è espressione precisa della nostra filosofia di accoglienza votata all’interpretazione dei desideri del singolo ospite. Abbiamo preso il meglio che solo un luogo unico come Cervinia può esprimere e lo abbiamo fatto dialogare con l’unicità del nostro format e con la nostra visione dell’Italian Lifestyle per offrire ai potenziali ospiti una motivazione, un sogno, la possibilità di dire in primis a sé stessi: io desidero”.\r\n\r\nL’ambizione di Valtur per la sua prima stagione estiva ad alta quota è stata quella di creare le condizioni ideali per i potenziali target sensibili all’eredità unica di Cervinia, diventando un volano per l’attrattiva della destinazione. Il programma di attività e iniziative è un ponte tra interno ed esterno del resort con tre macro-aree: sport, intrattenimento e scoperta, modulati in modo originale e nuovo davvero per tutte le età.\r\n\r\n“La rivoluzione del Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort è proprio data dall’incontro tra un’identità territoriale straordinariamente potente e una nuova visione di hôtellerie upper upscale che, dopo l’ospitalità in chiave invernale all’insegna dell’Italian Lifestyle, si appresta a mettere in scena l’interpretazione estiva, con una gamma quasi infinita di possibilità per target differenti - conclude Giuseppe Cavallo, amministratore dell'Hospitality Company del Gruppo Nicolaus -. Asse portante l’autenticità delle esperienze, dentro e fuori dal perimetro del resort, che aprendo la porta della montagna, la apre anche alle aspirazioni di grandi e bambini”.","post_title":"Il Valtur Cervinia Cristallo apre all'estate nel segno delle esperienze","post_date":"2024-04-19T10:33:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713522803000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465897","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore.\r\nSi è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato.\r\nProcedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri.\r\nAnche le ota\r\nOltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.  \r\nFulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”.\r\nCessare i comportanti\r\nNel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie.\r\nFiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi.\r\nEntrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.  \r\n\r\nPronunzia\r\nA breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo.\r\n“Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.\r\n ","post_title":"Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair","post_date":"2024-04-19T10:14:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713521697000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465830","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fiavet-Confcommercio non si ferma  nella sua battaglia contro la politica “zero commission” sulla biglietteria aerea.\r\n\r\nA seguito della vittoria del contenzioso contro Lufthansa, che ha consentito a tutte le agenzie, non solo le associate Fiavet-Confcommercio,  di  avviare la richiesta di differenza per le commissioni non pagate, la Federazione  ha verificato tutte le posizioni delle compagnie aeree che negli ultimi dieci anni hanno comunicato l’azzeramento della commissione, decisione puntualmente contestata da Fiavet-Confcommercio  nell’interesse dei propri associati, partendo dal presupposto normativo che l’intermediazione ha un valore e va riconosciuto.\r\n\r\n “Stiamo concretizzando anni di battaglie: avendo da sempre un rapporto commerciale di vendita di biglietteria  aerea per conto dei vettori, contestiamo la decisione unilaterale, da parte loro, della improvvisa politica a commissioni zero” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi.\r\n\r\nFiavet-Confcommercio ha ripreso in mano tutte le posizioni in cui era stata contestata come illegittima la riduzione a zero della commissione, fornendo ai suoi associati uno schema di richiesta da inviare per poter ottenere il rispetto del principio espresso nella causa di Lufthansa.\r\n\r\n“Ci aspettiamo che le compagnie aeree prendano atto di questa situazione e, piuttosto che arroccarsi in posizioni di difesa ad oltranza per non riconoscere i diritti delle agenzie di viaggio, versino il dovuto e finalmente concordino con le associazioni di categoria un livello commissionale minimo” afferma Giuseppe Ciminnisi.\r\n\r\nI vettori che hanno applicato la “zero commission” si vedranno quindi recapitare, nei prossimi giorni, una imponente quantità di richieste di riportare la commissione all’1%  o al maggiore valore prima dell’azzeramento, con restituzione della commissione non versata.\r\n\r\n“È una richiesta legittima -  afferma Federico Lucarelli, consulente legale Fiavet che ha seguito il contenzioso con Lufthansa  - in quanto si fonda sul principio espresso nel giudizio Lufthansa, in particolare sulla nullità dichiarata in quel contenzioso della clausola disciplinante il regime commissionale del PSAA, che è il contratto uniforme che lega i vettori alle Agenzie IATA per la vendita della biglietteria aerea, e quindi replicabile per tutti i rapporti tra compagnie aeree e agenti di viaggio IATA”.","post_title":"Fiavet: continua la battaglia contro i vettori a commissioni zero","post_date":"2024-04-18T12:24:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza","ryanair"],"post_tag_name":["In evidenza","Ryanair"]},"sort":[1713443094000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465780","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà l’elegante Venaria Reale, gioiello nel cuore del Piemonte, la protagonista della grande partenza della 107° edizione del Giro d’Italia 2024 il prossimo 4 maggio.\r\n\r\nLa città, che nel 2025 sarà anche Capitale europea dello sport, offre una combinazione unica di patrimonio culturale e natura, da scoprire in occasione del grande appuntamento sportivo (e non solo) con itinerari da percorrere a piedi o in bici.\r\n\r\nSi parte all’esplorazione della città dalla Reggia di Venaria Reale, grandioso complesso che con i suoi 80mila metri quadrati di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, è uno dei luoghi iconici del nostro Paese. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997, è aperta al pubblico dal 2007 dopo essere stata il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali. La Reggia vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale: l'incantevole scenario della Sala di Diana progettato da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con l’immenso complesso delle Scuderie, opere settecentesche di Filippo Juvarra, le fastose decorazioni, il celebre Bucintoro e la spettacolare Fontana del Cervo nella Corte d’onore rappresentano la cornice ideale del Teatro di Storia e Magnificenza, il percorso espositivo dedicato ai Savoia che accompagna il visitatore lungo quasi 2.000 metri, tra piano interrato e piano nobile della Reggia. In occasione della partenza del Giro d’Italia la Reggia di Venaria propone per la visita delle tariffe speciali.\r\n\r\nLa visita prosegue nel centro storico: uscendo dalla Torre dell’orologio della Reggia, si attraversa Piazza a Esedra (oggi Piazza della Repubblica) e ci si incammina lungo via Mensa, animata da locali e caffè dove sostare per uno spuntino o assaggiare i prodotti enogastronomici del territorio.\r\n\r\nDa qui si giunge nella Piazza della SS. Annunziata, elegante piazza e cuore del seicentesco borgo di Venaria Reale. La piazza è dedicata all’Annunciazione di Maria, rappresentata dalle due statue, opera di Giuseppe Maria e Giovanni Domenico Carlone (1678), scultori luganesi, autori anche delle statue dei quattro Evangelisti collocate sempre sulla piazza. Sulla piazza un tempo si affacciavano due locali: Nuova Cernaia (tutt’oggi in attività) e Vecchia Cernaia (ora scomparso), denominati così in ricordo della guerra di Crimea, poiché l'artiglieria impegnata nel conflitto era partita proprio da Venaria.\r\n\r\nE' possibile spingersi alla scoperta delle vie che si snodano dal centro, cercando i molti scorsi ancora autentici della cittadina. In particolare Via Boglione, che era la sede di alcune attività artigianali com il maniscalco, la tipografia e l’erboristeria, e Via Pavesio, dove ci si immerge ancora una volta nel tempo passato camminando lungo l’edificio delle Corte pagliere, le scuderie e la Cavallerizza Lamarmora.\r\n\r\nIn alternativa chi ama passeggiare nel verde urbano può percorrere i sentieri lungo la Ceronda, l’ampio torrente affluente della Stura che bagna Venaria.\r\n\r\nUn’esperienza totally green è il Parco della Mandria, un vasto parco naturale che offre splendide opportunità per escursioni, e osservazione della fauna selvatica e rappresenta il principale polmone verde dell’area torinese. Si tratta del più antico e conservato esempio di bosco planiziale (cioè in pianura) del Piemonte.\r\n\r\nPer la sera non mancano le proposte, tra cui spicca il Teatro della Concordia, cuore culturale dell’intero territorio nord ovest di Torino che compie venti anni di attività proprio nel 2024. Il suo cartellone spazia dalla stand up comedy alla grande prosa, dagli spettacoli per famiglie ai concerti.\r\n\r\nMa non manca una tappa per i più golosi. Impossibile partire da Venaria Reale senza aver assaggiato il Canestrello di Altessano, dolce povero ma saporito che già un secolo fa faceva parlare di sé politici e letterati come Michele Lessona, venariese doc e senatore del Regno.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Venaria Reale, meta insolita da scoprire sulla scia del Giro d'Italia","post_date":"2024-04-18T10:58:22+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713437902000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465638","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fiavet-Confcommercio scrive all’Associazione nazionale presidi esternando le sue  preoccupazioni per la diffusione della lettera pubblicata su diversi media che incita alla preparazione del viaggio di istruzione senza agenzie di viaggio.\r\n\r\n“Mi chiedo cosa penserebbe l’opinione pubblica se da domani gli agenti di viaggio cominciassero ad insegnare filosofia nelle scuole al posto dei professori” afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi. ”E cosa penserebbero le famiglie degli studenti in viaggio sapendo che i loro figli viaggiano senza le coperture assicurative, l’assistenza  costante delle agenzie di viaggi ed in generale senza tutte le tutele previste per i pacchetti di viaggio organizzati, perché la scuola ha deciso di privarsi del supporto professionale delle imprese che per legge organizzano viaggi in questo Paese ed in tutto il mondo”.\r\nNormativa\r\nFiavet-Confcommercio è preoccupata soprattutto per la mancanza di conoscenza, anche nel mondo della a scuola, delle normativa sui viaggi di istruzione, che allo stato vengono affidati sulla base della normativa dei Contratti pubblici, con una selezione comparativa qualità/prezzo, con obblighi stringenti e con una contratto formale di pacchetto turistico disciplinato dal Codice del Turismo.\r\n\r\n“Mi auguro – conclude Ciminnisi - che la scelta fai da te non sia presa ad esempio, non perché dobbiamo difendere una inesistente “posizione dominante” della categoria, ma perché sarebbe una pratica illegittima e soprattutto dannosa per le Scuole e gli studenti. Dietro ad una offerta per un viaggio di istruzione ci sono mesi di lavoro, studio delle location, acquisizione di preventivi e disponibilità dei fornitori, pianificazione degli itinerari, incontri con i Dirigenti e i Professori, risoluzione di problematiche particolari, solo per ricordare alcune attività. Non credo che si possa barattare un ipotetico risparmio, con la privazione degli studenti delle garanzie di legge e del servizio professionale degli Agenti di viaggio”.","post_title":"Fiavet ai presidi: evitare che i viaggi d'istruzione vengano fatti da abusivi","post_date":"2024-04-16T13:17:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713273472000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465311","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova pagina, tutta da scrivere, per il futuro dell'aeroporto di Parma. Sogeap, società di gestione del 'Giuseppe Verdi' ha infatti ceduto il 51% delle sue quota di Parma Aeroporto alla canadese Centerline Airport Partners Italia.\r\n\r\nL'accordo con il nuovo partner industriale è già stato siglato: «Con questo atto - spiega una nota di Parma Aeroporto - si realizza l’obiettivo di Parma Aeroporto, società interamente controllata dall’Unione Parmense degli industriali, di creare le condizioni per un consolidamento e uno sviluppo, coerente con le esigenze del territorio parmense, dell’infrastruttura aeroportuale attraverso il coinvolgimento di un partner industriale in grado di mettere a disposizione le competenze e le risorse necessarie per valorizzare al meglio le potenzialità dell’aeroporto».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporto Parma: ai canadesi di Centerline Airport Partners Italia il 51% delle quote","post_date":"2024-04-11T10:51:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712832694000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro. \r\n\r\nQuesto è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio.\r\nSindacato\r\nMa si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool). \r\n\r\nTutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato","post_date":"2024-04-10T11:00:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712746816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464642","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Mangia’s Pollina Resort sorge su un promontorio da cui si osserva Cefalù, la roccia “a forma di testa” immersa nel mare, da “Cefalòs” che in greco significa proprio testa. La città fu centro di commercio fin dal passato più remoto perché l'istmo raccoglieva al suo interno preziosa acqua dolce che poteva essere barattata con i naviganti venuti da lontano, acquisendo merci utili e rare. Sono le prime informazioni che si raccolgono in uno dei numerosi tour organizzati dallo staff della struttura che ha recentemente ospitato l’edizione 2024 della Mangia’s Academy, il Pollina Resort, per accompagnare gli ospiti alla scoperta del ricco territorio siciliano. \r\nI percorsi conducono anche all’Etna, all’antica Taormina, alle verdi Madonie, a Palermo, alla Valle dei templi di Agrigento, alla Sicilia sconosciuta dell'entroterra e delle tradizioni e alle isole Eolie, oltre a proporre momenti sportivi di ogni tipo: dal Discovery 4x4 al parapendio. Mario, un vero divulgatore, è la guida perfetta per accompagnare gli ospiti all’incontro con Cefalù, dove Ruggero fece voto di costruire una chiesa dopo essersi salvato da una tempesta. La cattedrale, i cui campanili erano un tempo delle torri difensive, è simbolo di tolleranza: Ruggero governava una terra dove convivevano arabi, bizantini e latini, quindi volle concedere a ciascuno spazio per il proprio credo. In accordo con papa Urbano II l’abside venne costruita rivolta alla Mecca, secondo la quibla araba; i bizantini ottennero la costruzione di una chiesa a pianta centrale, raggruppata attorno al quadrato per la preghiera che divenne il transetto; infine, per avere le tre navate della basilica latina, nacque l’innesto tra la chiesa latina, quella bizantina e il mirhab arabo. Il simbolismo interno alla cattedrale è davvero forte. \r\nMa Cefalù è anche la porta delle Madonie: l’ingresso a un territorio protetto che ha tanto da raccontare. La destinazione ha un microclima ricco di biodiversità che porta a quattro fioriture annuali, come quella delle profumate zagare degli aranci. Qui si trova anche il noto albero della manna: una qualità di frassino la cui linfa, dopo aver nutrito le foglie, scende lungo il fusto e i rami formando dei dolci cannoli che già gli arabi utilizzavano anche a scopo curativo e oggi sono un ingrediente della pasticceria siciliana. \r\nNell’anno Mille erano tanti gli arabi che abitavano infatti la Sicilia, formandone tradizioni culturali e gastronomiche, ma nel tredicesimo secolo l'imperatore Federico II portò a Corleone migliaia di Lombardi (italiano del Nord, ndr). Tra le antiche storie locali c’è quella secondo la quale i lombardi, ispirati alle tradizioni arabe, iniziarono a cucinare delle speciali brioches con la buccia d’arancia e la cannella, che sarebbero poi diventate il panettone lombardo. 0.\r\nUna delle produzioni più rinomate di panettoni e colombe è così quella di Fiasconaro, la cui arte dolciaria si è unita da tempo alla creatività di Dolce&Gabbana per realizzare prodotti unici. Fiasconaro si trova a Castelbuono, nel cuore delle Madonie: un luogo un tempo incantato e coperto di foreste ricche di vita. Sin dall’antichità gli abitanti scendevano sulla costa per pescare e, la sera, risalivano sulle alture per non ammalarsi nelle pericolose piane malariche. Per questo venne costruito un borgo intorno al castello dei Ventimiglia, detto Castello del buon aere, che è oggi Castelbuono. Al suo interno si trova la suggestiva cappella Palatina dove, vicino agli stucchi su fondo in oro zecchino di Giuseppe e Giacomo Serpotta, viene conservata una preziosa reliquia di S. Anna, patrona della città. Si dice che le Madonie siano state spogliate di parte delle foreste a opera degli spagnoli, per realizzare le caravelle di Cristoforo Colombo. L’abbattimento degli alberi ha però portato nel tempo alla scoperta delle sottostanti argille, oggi imprescindibili nella produzione delle colorate ceramiche siciliane. Come quelle realizzate da Lillo Brogato, nel suo affascinante negozio A Lumera. Le Madonie hanno ottenuto il riconoscimento dell’Unesco di Geopark europeo perché sono un polmone verde. La Sicilia è davvero un mondo da scoprire, senza dimenticare il miele saporito delle resistenti api nere e l’olio prodotto da olivi secolari come quelli della tenuta Bergi, dove imparare come riconoscere e conservare l’olio più buono.\r\n[gallery ids=\"464653,464645,464646,464647,464651,464648\"]","post_title":"Partire dal Mangia’s Pollina Resort per scoprire la Sicilia","post_date":"2024-04-08T11:53:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712577233000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti