24 February 2024

Lo Skal di Roma avvia il gemellaggio con lo Skal Costa Azzurra

[ 0 ]

Al via il gemellaggio fra  Skal International Côte d’Azur e Skal International Roma celebrato recentemente a Cannes in occasione del 90° anniversario di Skal International Côte d’Azur, alla presenza  dei rispettivi presidenti Nicolle Martin e di Luigi Sciarra, di Juan Steta e Hulya Aslantas,  past presidenti di Skal International e di numerosi skalleghi europei  e di Nizza.

“L’iniziativa – precisa Luigi Sciarra –  mira a mettere in campo la promozione turistica reciproca di Roma e Nizza   attraverso creazioni di progetti comuni e vuole istituire fra i due club  un pensatoio di leaders del Turismo al fine di scambiare esperienze e collaborare nell’ambito di una visione culturale più ampia.  L’ appuntamento del gemellaggio,  vuole confermare il ruolo dello Skal Roma, quale Ambassador del territorio di Roma e dei suoi attrattori turistici puntando sull’incoming”.

Il Gemellaggio

Nell’ambito delle attività dello Skal International, il gemellaggio è una delle iniziative previste al fine di intensificare i rapporti fra i singoli club con l’obiettivo di sviluppare progetti comuni e di approfondire la conoscenza della propria città verso tutti gli iscritti  agli Skal Club presenti.

E’ per questo che lo Skal Roma  ha al suo attivo 13 città gemellate e nello specifico i club di  Accra, Berlino, Budapest, Bucarest, Città del Messico, Girona, Istanbul, Madrid, Northern New Jersey, Parigi , Praga, Stoccolma  e ora anche Nizza – Côte d’Azur. 

Un gemellaggio che  consente di aprire ancora di più un canale di amicizia e di business, cardini su cui si fonda lo spirito associativo di Skal International nel rispetto del motto “Doing Business among Friends”

“Guardando al futuro – conclude, Luigi Sciarra – ci auguriamo che questa partnership continui a crescere e a prosperare, portando con sé nuove opportunità di scambio culturale e di sviluppo turistico. Condividiamo l’aspirazione a rendere il nostro impegno nei confronti di Skal International sempre più significativo e duraturo”.

Skal.org

Sfoglia la nuova brochure di Skal Roma

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462177 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari globale destinato a passare dai 172 miliardi di dollari del 2019 ai quasi 328 miliardi del 2028. E questo relativamente a un settore che in Italia contribuisce per poco meno del 20% della spesa turistica internazionale, grazie a un totale di 2,1 milioni di arrivi da oltre confine, di visitatori esclusivamente interessati a fare acquisti nel nostro Paese (+7% rispetto al 2019). Sono alcuni dei numeri più impressionanti sullo shopping tourism tricolore compresi nel tradizionale report realizzato da Risposte Turismo, presentato oggi a Milano in occasione del forum annuale dedicato a questo segmento di mercato. Montenapoleone la via dello shopping europea con il canone d'affitto più alto Una domanda in crescita, insomma, a cui l'Italia risponde con un'offerta parimenti importante, che pone tra le altre cose la nostra Penisola al secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito, per numero di outlet: 27, con una superficie commerciale complessiva di oltre 725 mila metri quadrati, destinata a crescere quest'anno ancora del 4%, nonché del 7% entro il 2027. "A ciò vanno poi aggiunte più di 80 vie dello shopping e associazioni dedicate, nonché oltre 70 department store, per una superficie totale di più di 280 mila metri quadrati - spiega il presidente di Risposte Turismo, Francesco di Cesare -. Non solo: se prendiamo in considerazione la top 20 delle vie europee dello shopping, per valore dell'affitto medio, ne troviamo ben sette italiane, con la milanesissima Montenapoleone a svettare su tutte, grazie ai suoi 18 mila euro di canone all'anno per metro quadrato". Cresce anche l'interesse per i "semplici" centri commerciali Non va poi naturalmente sottovalutato il fenomeno del travel retail, ossia della possibilità di fare acquisti all'interno di stazioni, aeroporti e altre infrastrutture dei trasporti turistici. "Da segnalare sono pure i quasi 1.300 centri commerciali sparsi per la nostra Penisola che, pur essendo pensati soprattutto per la clientela domestica, stanno diventando sempre più meta anche di visitatori internazionali", prosegue di Cesare. La spinta agli acquisti driver del record di arrivi internazionali in Lombardia nel 2023 Spostando poi il focus sulla Lombardia e su Milano, città ospitante il forum, non sorprende poi scoprire come lo shopping sia stato uno dei driver principali della straordinaria ripresa d'appeal della destinazione nel 2023: "L'anno scorso ha fatto segnare nuovi record assoluti - rivela il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano -. In regione abbiamo infatti totalizzato ben 19 milioni di arrivi per oltre 51 milioni di presenze complessive: un dato superiore di oltre il 20% rispetto al livello pre-Covid del 2019. E a contribuire a tale risultato, oltre all'enogastronomia, allo sport e alla crescente vocazione leisure del nostro capoluogo, un ruolo fondamentale lo ha senz'altro giocato il fattore shopping. Tanto che anche la stagionalità dei flussi è cambiata notevolmente. Fino a poco tempo fa i picchi della domanda si registravano infatti soprattutto nel periodo delle fiere, nei primi mesi dell'anno e in quelli primaverili. Oggi a Milano, invece, si contano persino più turisti nel quadrimestre compreso tra settembre e dicembre, quando variabili come il Black Friday o le festività natalizie esercitano un appeal considerevole, ancora una volta spesso legato agli acquisti". Serve però un'offerta non omologata, ma dal carattere fortemente italiano Parole, quelle di Primerano, sostanzialmente condivise anche da un protagonista del retail italiano quale il ceo della Rinascente, Pierluigi Cocchini: "Il nostro store milanese è sicuramente il flagship del gruppo. E lì la componente turistica pesa tra il 35% e il 40% del fatturato totale del negozio, supportato da una domanda che è sostanzialmente presente per 365 giorni all'anno. Alla base di tale successo, credo che ci sia anche il nostro sforzo verso la creazione di un'offerta non omologata. In fondo, qualsiasi turista, per quanto remota sia la sua provenienza, è in grado di trovare i brand di lusso più celebri in ogni angolo del mondo. A partire dagli aeroporti. Il nostro obiettivo non può quindi essere quello di replicare una proposta standardizzata. La chiave, al contrario, è quella di proporci come un luogo fortemente caratterizzato in senso italiano ma con allure internazionale. Il tutto, essere pur sempre inseriti in un contesto urbano di qualità. Perché è il brand Milano ad attirare i viaggiatori da oltre confine e mai potrà esserlo la singola proposta retail".   [post_title] => Risposte Turismo: lo shopping tourism chiave dell'incoming tricolore [post_date] => 2024-02-23T15:25:51+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708701951000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462168 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_426254" align="alignleft" width="241"] Massimiliano Masaracchia[/caption] Nuova partnership strategica tra Volonline Tour Operator e il broker internazionale Spencer & Carter. “Siamo contenti di poter annoverare il gruppo milanese tra i nostri clienti  ̶  sottolinea il direttore commerciale di Spencer & Carter, Massimiliano Masaracchia - . La loro visione, professionalità e approccio alla tecnologia si allineano perfettamente con la nostra visione di business. Siamo certi che questa collaborazione ci porterà grandi soddisfazioni. Come broker assicurativo internazionale, ci impegniamo a fornire soluzioni all'avanguardia, unendo sempre la competenza assicurativa e la tecnologia al servizio del cliente". “Abbiamo trovato in Spencer & Carter un partner con il quale condividiamo non soltanto la visione ma anche la missione aziendale - gli fa eco il fondatore e ceo di Volonline, Luigi Deli - . Se noi siamo vicini agli agenti di viaggi nel loro lavoro quotidiano, Spencer & Carter è al nostro fianco con la personalizzazione dei prodotti assicurativi in funzione delle nostre esigenze”. Spencer & Carter sarà presente alla Btm di Bari, in programma dal 27 al 29 febbraio 2024, con un prorio spazio espositivo, confermando l'importanza attribuita alle attività che facilitino l'incontro e il confronto con il trade. [post_title] => Spencer & Carter sigla una partnership strategica con il gruppo Volonline [post_date] => 2024-02-23T12:46:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708692414000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462089 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Novità in casa Community.Travel, che ha formalizzato la partnership con l'azienda di consulenza e marketing Kirby, azienda con base operativa in Spagna ma operativa a livello globale: “Lavoriamo con soddisfazione da circa un anno a stretto contatto con il team di Kirby su altri fronti che rimarranno operativi - spiega Lea Cardinali, sales director di Adalte, di cui Community.Travel rappresenta la naturale evoluzione -. Siamo però estremamente soddisfatti dell’opportunità di poter ulteriormente ampliare e consolidare la nostra collaborazione. In questo modo prevediamo di espandere ulteriormente la nostra rete di dmc, sia per l'Italia, sia per gli altri mercati di interesse per i tour operator che collaborano con noi". La partnership così costituita sarà in particolare funzionale nei prossimi mesi per ottimizzare l’attuale processo di gestione delle dmc invitate dai tour operator. Mirerà inoltre a sviluppare prodotto per i nuovi mercati, permettendo di incrementare ulteriormente il processo di internazionalizzazione. "Noi abbiamo creato l'infrastruttura Community.Travel per supportare le necessità tecnologiche degli attori che vendono tour e soggiorni - specifica il ceo di Adalte, Davide Galleri -. È stato però deciso sin da subito di operare nel rispetto dei canali tradizionali, consentendo la registrazione solo a realtà con un collegamento tecnologico alla tecnologia Adalte (quindi società con potenziale sicuramente importante), oppure invitate dalle dmc stesse. Questo per evitare di aprire anche solo inavvertitamente la registrazione a utenti agenziali clienti dei tour operator registrati come buyer. Nei primi anni la maggior parte dei fruitori erano wholesaler e tour operator online che desideravano un collegamento con il marketplace Community.Travel, così da poter ampliare una già vastissima offerta di altri servizi turistici. Quasi tutti i buyer sono stati da subito altamente convinti della potenzialità del prodotto, ma erano distributori di pacchetti turistici online, poco avvezzi alla vendita delle proposte distribuite dalle nostre dmc partner". Negli anni il trend si è invertito. "E la strategia si è dimostrata vincente - conclude Galleri - perché oggi nel marketplace Community.Travel i tour operator registrati (che hanno nella distribuzione agenziale la loro forza) hanno superato quelli che operano una commercializzazione puramente online via canali tecnologici. Se oggi siamo diventati la piattaforma di booking online dei product manager italiani che vendono tour dobbiamo quindi ringraziare in primis le nostri partner dmc che, sin dall’inizio, ci hanno sostenuto, quando abbiamo deciso di applicare una politica protettiva nei confronti dei loro stessi clienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, le dmc sono infatti le prime a non voler lavorare con decine (se non centinaia) di piccoli clienti, a cui probabilmente già possono vendere servizi tramite i loro clienti”. [post_title] => Community.Travel amplia le sinergie internazionali: partnership con la spagnola Kirby [post_date] => 2024-02-22T12:25:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708604719000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462081 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462083" align="alignleft" width="300"] Il presidente di Astoi Pier Ezhaya con Emiliana Limosani cco di Ita Airways[/caption] Ita Airways e Astoi confermano la collaborazione nata con l’avvio operativo della compagnia italiana di riferimento e rinnovata con la proroga del protocollo d’intesa per tutto il 2024.  Nel protocollo sono riconosciute le specificità commerciali dei pacchetti turistici e condizioni agevolate per i tour operator dell’associazione. «Siamo particolarmente lieti della prosecuzione nel tempo di questa importante partnership con Ita Airways che, attraverso il rinnovo del Protocollo, riconosce le nostre specifiche prerogative e sancisce il riconoscimento del ruolo e del valore dei tour operator nella filiera e nel mercato - commenta Andrea Mele, vicepresidente e responsabile dei rapporti con i vettori di Astoi - . Le condizioni previste dall’accordo si traducono in una serie di garanzie importanti per il consumatore finale: chi viaggia con i tour operator Astoi e Ita Airways beneficia di assistenza, tutele robuste e rimborsi anche in caso di eventi di forza maggiore». Il protocollo, rinnovato anche per il 2024, attesta il riconoscimento del ruolo degli operatori tramite condizioni di favore e si sanciscono benefici per i consumatori. Nell’accordo tra il vettore e l’associazione, spiccano alcuni aspetti: la possibilità di pagare i biglietti aerei con carta di credito, previa registrazione del numero della carta presso i sistemi Iata; ticket time limit dedicati; prenotazione di gruppi sul sistema gso senza alcun costo iniziale e creazione di un servizio top trade dedicato. Il protocollo d’intesa anche quest’anno contempla la cessione del contratto di pacchetto turistico da un passeggero ad un altro, adempiendo pienamente alla Direttiva europea sui pacchetti turistici nonché all’art. 38 Codice del turismo. «Per il quarto anno consecutivo firmiamo il protocollo Astoi e questa rinnovata collaborazione testimonia la forte volontà di trovare soluzioni sinergiche ed attente alle esigenze del mercato – dichiara Emiliana Limosani, cco di Ita Airways e ceo di Volare – Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni dove abbiamo trasportato 15 milioni di passeggeri, raddoppiando il dato del 2022 e raggiungendo crescite importanti sui coefficienti di riempimento. Per noi la fiducia accordatoci dai Tour Operator, player fondamentali per la soddisfazione dei clienti, è motivo di orgoglio ed è decisiva per la nostra strategia commerciale.  Anche nel 2024 puntiamo a raggiungere i nostri obiettivi in strettissima collaborazione con i partner agenziali». Rinnovata anche la modalità di gestione dell’annullamento dei pacchetti dovuto a causa di forza maggiore: in questi casi Ita Airways anche per tutto il 2024 riconoscerà ai tour operator aderenti ad Astoi il rimborso totale di quanto dagli stessi rimborsato ai passeggeri, senza trattenere alcuna spesa.         [post_title] => Astoi e Ita Airways rinnovano il protocollo d'intesa [post_date] => 2024-02-22T11:22:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708600947000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461995 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%. Nel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023. “Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”. Tra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero. [post_title] => Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid [post_date] => 2024-02-21T11:52:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708516329000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461983" align="alignleft" width="300"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption] L'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022. Con gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno). Al Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo. [post_title] => CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu [post_date] => 2024-02-21T10:54:38+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512878000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461877 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali. I numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore. Tra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera. Un evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«. «Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«. Nei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.   ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori [post_date] => 2024-02-21T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509719000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461948 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Etihad Airways ha lanciato una nuova collezione di amenity kit e loungewear creata in collaborazione con Giorgio Armani e con il marchio di benessere di lusso Espa.  L'incontro tra la raffinata eleganza di Giorgio Armani e la rinomata ospitalità emiratina di Etihad offrirà un'esperienza di volo senza precedenti agli ospiti che volano in classe The Residence, First e Business. La nuova gamma di prodotti di stile comprende amenity kit su misura per ogni cabina premium, oltre a loungewear e pantofole di lusso firmate. I kit saranno progressivamente introdotti a bordo a partire dalla fine di febbraio. La partnership estende la pluripremiata collaborazione di Etihad con Armani/Casa, lanciata a bordo nel 2023 e caratterizzata da stoviglie e arredi morbidi a marchio congiunto nella classe Business di Etihad. «Oltre a offrire comodità, stile e lusso in volo, i nostri ospiti porteranno a casa la propria amenity bag co-brandizzata Giorgio Armani da utilizzare in viaggio o a casa - ha affermato Turky Al Hammadi, head of product and hospitality della compagnia di Abu Dhabi -. Queste ricercate borse sono disponibili in colori e stili da collezione, il che significa che i frequent flyer possono costruire la loro personale collezione 'Giorgio Armani'. Abbiamo anche introdotto una gamma gratuita di tote bag eleganti e funzionali per i nostri ospiti dei voli più lunghi in Economy. Queste borse non solo saranno un pratico regalo, ma ci aiuteranno a ridurre ulteriormente la plastica monouso». [post_title] => Etihad Airways: Giorgio Armani firma il nuovo, lussuoso amenity kit del vettore [post_date] => 2024-02-21T09:30:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708507831000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gemellaggio lo skal roma lo skal costa azzurra partnership successo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":41,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2160,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462177","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari globale destinato a passare dai 172 miliardi di dollari del 2019 ai quasi 328 miliardi del 2028. E questo relativamente a un settore che in Italia contribuisce per poco meno del 20% della spesa turistica internazionale, grazie a un totale di 2,1 milioni di arrivi da oltre confine, di visitatori esclusivamente interessati a fare acquisti nel nostro Paese (+7% rispetto al 2019). Sono alcuni dei numeri più impressionanti sullo shopping tourism tricolore compresi nel tradizionale report realizzato da Risposte Turismo, presentato oggi a Milano in occasione del forum annuale dedicato a questo segmento di mercato.\r\n\r\nMontenapoleone la via dello shopping europea con il canone d'affitto più alto\r\n\r\nUna domanda in crescita, insomma, a cui l'Italia risponde con un'offerta parimenti importante, che pone tra le altre cose la nostra Penisola al secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito, per numero di outlet: 27, con una superficie commerciale complessiva di oltre 725 mila metri quadrati, destinata a crescere quest'anno ancora del 4%, nonché del 7% entro il 2027. \"A ciò vanno poi aggiunte più di 80 vie dello shopping e associazioni dedicate, nonché oltre 70 department store, per una superficie totale di più di 280 mila metri quadrati - spiega il presidente di Risposte Turismo, Francesco di Cesare -. Non solo: se prendiamo in considerazione la top 20 delle vie europee dello shopping, per valore dell'affitto medio, ne troviamo ben sette italiane, con la milanesissima Montenapoleone a svettare su tutte, grazie ai suoi 18 mila euro di canone all'anno per metro quadrato\".\r\n\r\nCresce anche l'interesse per i \"semplici\" centri commerciali\r\n\r\nNon va poi naturalmente sottovalutato il fenomeno del travel retail, ossia della possibilità di fare acquisti all'interno di stazioni, aeroporti e altre infrastrutture dei trasporti turistici. \"Da segnalare sono pure i quasi 1.300 centri commerciali sparsi per la nostra Penisola che, pur essendo pensati soprattutto per la clientela domestica, stanno diventando sempre più meta anche di visitatori internazionali\", prosegue di Cesare.\r\n\r\nLa spinta agli acquisti driver del record di arrivi internazionali in Lombardia nel 2023\r\n\r\nSpostando poi il focus sulla Lombardia e su Milano, città ospitante il forum, non sorprende poi scoprire come lo shopping sia stato uno dei driver principali della straordinaria ripresa d'appeal della destinazione nel 2023: \"L'anno scorso ha fatto segnare nuovi record assoluti - rivela il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano -. In regione abbiamo infatti totalizzato ben 19 milioni di arrivi per oltre 51 milioni di presenze complessive: un dato superiore di oltre il 20% rispetto al livello pre-Covid del 2019. E a contribuire a tale risultato, oltre all'enogastronomia, allo sport e alla crescente vocazione leisure del nostro capoluogo, un ruolo fondamentale lo ha senz'altro giocato il fattore shopping. Tanto che anche la stagionalità dei flussi è cambiata notevolmente. Fino a poco tempo fa i picchi della domanda si registravano infatti soprattutto nel periodo delle fiere, nei primi mesi dell'anno e in quelli primaverili. Oggi a Milano, invece, si contano persino più turisti nel quadrimestre compreso tra settembre e dicembre, quando variabili come il Black Friday o le festività natalizie esercitano un appeal considerevole, ancora una volta spesso legato agli acquisti\".\r\n\r\nServe però un'offerta non omologata, ma dal carattere fortemente italiano\r\n\r\nParole, quelle di Primerano, sostanzialmente condivise anche da un protagonista del retail italiano quale il ceo della Rinascente, Pierluigi Cocchini: \"Il nostro store milanese è sicuramente il flagship del gruppo. E lì la componente turistica pesa tra il 35% e il 40% del fatturato totale del negozio, supportato da una domanda che è sostanzialmente presente per 365 giorni all'anno. Alla base di tale successo, credo che ci sia anche il nostro sforzo verso la creazione di un'offerta non omologata. In fondo, qualsiasi turista, per quanto remota sia la sua provenienza, è in grado di trovare i brand di lusso più celebri in ogni angolo del mondo. A partire dagli aeroporti. Il nostro obiettivo non può quindi essere quello di replicare una proposta standardizzata. La chiave, al contrario, è quella di proporci come un luogo fortemente caratterizzato in senso italiano ma con allure internazionale. Il tutto, essere pur sempre inseriti in un contesto urbano di qualità. Perché è il brand Milano ad attirare i viaggiatori da oltre confine e mai potrà esserlo la singola proposta retail\".\r\n\r\n ","post_title":"Risposte Turismo: lo shopping tourism chiave dell'incoming tricolore","post_date":"2024-02-23T15:25:51+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708701951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462168","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_426254\" align=\"alignleft\" width=\"241\"] Massimiliano Masaracchia[/caption]\r\n\r\nNuova partnership strategica tra Volonline Tour Operator e il broker internazionale Spencer & Carter. “Siamo contenti di poter annoverare il gruppo milanese tra i nostri clienti  ̶  sottolinea il direttore commerciale di Spencer & Carter, Massimiliano Masaracchia - . La loro visione, professionalità e approccio alla tecnologia si allineano perfettamente con la nostra visione di business. Siamo certi che questa collaborazione ci porterà grandi soddisfazioni. Come broker assicurativo internazionale, ci impegniamo a fornire soluzioni all'avanguardia, unendo sempre la competenza assicurativa e la tecnologia al servizio del cliente\".\r\n\r\n“Abbiamo trovato in Spencer & Carter un partner con il quale condividiamo non soltanto la visione ma anche la missione aziendale - gli fa eco il fondatore e ceo di Volonline, Luigi Deli - . Se noi siamo vicini agli agenti di viaggi nel loro lavoro quotidiano, Spencer & Carter è al nostro fianco con la personalizzazione dei prodotti assicurativi in funzione delle nostre esigenze”. Spencer & Carter sarà presente alla Btm di Bari, in programma dal 27 al 29 febbraio 2024, con un prorio spazio espositivo, confermando l'importanza attribuita alle attività che facilitino l'incontro e il confronto con il trade.","post_title":"Spencer & Carter sigla una partnership strategica con il gruppo Volonline","post_date":"2024-02-23T12:46:54+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708692414000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462089","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Novità in casa Community.Travel, che ha formalizzato la partnership con l'azienda di consulenza e marketing Kirby, azienda con base operativa in Spagna ma operativa a livello globale: “Lavoriamo con soddisfazione da circa un anno a stretto contatto con il team di Kirby su altri fronti che rimarranno operativi - spiega Lea Cardinali, sales director di Adalte, di cui Community.Travel rappresenta la naturale evoluzione -. Siamo però estremamente soddisfatti dell’opportunità di poter ulteriormente ampliare e consolidare la nostra collaborazione. In questo modo prevediamo di espandere ulteriormente la nostra rete di dmc, sia per l'Italia, sia per gli altri mercati di interesse per i tour operator che collaborano con noi\".\r\n\r\nLa partnership così costituita sarà in particolare funzionale nei prossimi mesi per ottimizzare l’attuale processo di gestione delle dmc invitate dai tour operator. Mirerà inoltre a sviluppare prodotto per i nuovi mercati, permettendo di incrementare ulteriormente il processo di internazionalizzazione. \"Noi abbiamo creato l'infrastruttura Community.Travel per supportare le necessità tecnologiche degli attori che vendono tour e soggiorni - specifica il ceo di Adalte, Davide Galleri -. È stato però deciso sin da subito di operare nel rispetto dei canali tradizionali, consentendo la registrazione solo a realtà con un collegamento tecnologico alla tecnologia Adalte (quindi società con potenziale sicuramente importante), oppure invitate dalle dmc stesse. Questo per evitare di aprire anche solo inavvertitamente la registrazione a utenti agenziali clienti dei tour operator registrati come buyer. Nei primi anni la maggior parte dei fruitori erano wholesaler e tour operator online che desideravano un collegamento con il marketplace Community.Travel, così da poter ampliare una già vastissima offerta di altri servizi turistici. Quasi tutti i buyer sono stati da subito altamente convinti della potenzialità del prodotto, ma erano distributori di pacchetti turistici online, poco avvezzi alla vendita delle proposte distribuite dalle nostre dmc partner\".\r\n\r\nNegli anni il trend si è invertito. \"E la strategia si è dimostrata vincente - conclude Galleri - perché oggi nel marketplace Community.Travel i tour operator registrati (che hanno nella distribuzione agenziale la loro forza) hanno superato quelli che operano una commercializzazione puramente online via canali tecnologici. Se oggi siamo diventati la piattaforma di booking online dei product manager italiani che vendono tour dobbiamo quindi ringraziare in primis le nostri partner dmc che, sin dall’inizio, ci hanno sostenuto, quando abbiamo deciso di applicare una politica protettiva nei confronti dei loro stessi clienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, le dmc sono infatti le prime a non voler lavorare con decine (se non centinaia) di piccoli clienti, a cui probabilmente già possono vendere servizi tramite i loro clienti”.","post_title":"Community.Travel amplia le sinergie internazionali: partnership con la spagnola Kirby","post_date":"2024-02-22T12:25:19+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708604719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462081","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462083\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il presidente di Astoi Pier Ezhaya con Emiliana Limosani cco di Ita Airways[/caption]\r\n\r\nIta Airways e Astoi confermano la collaborazione nata con l’avvio operativo della compagnia italiana di riferimento e rinnovata con la proroga del protocollo d’intesa per tutto il 2024.\r\n\r\n Nel protocollo sono riconosciute le specificità commerciali dei pacchetti turistici e condizioni agevolate per i tour operator dell’associazione.\r\n\r\n«Siamo particolarmente lieti della prosecuzione nel tempo di questa importante partnership con Ita Airways che, attraverso il rinnovo del Protocollo, riconosce le nostre specifiche prerogative e sancisce il riconoscimento del ruolo e del valore dei tour operator nella filiera e nel mercato - commenta Andrea Mele, vicepresidente e responsabile dei rapporti con i vettori di Astoi - . Le condizioni previste dall’accordo si traducono in una serie di garanzie importanti per il consumatore finale: chi viaggia con i tour operator Astoi e Ita Airways beneficia di assistenza, tutele robuste e rimborsi anche in caso di eventi di forza maggiore».\r\n\r\nIl protocollo, rinnovato anche per il 2024, attesta il riconoscimento del ruolo degli operatori tramite condizioni di favore e si sanciscono benefici per i consumatori.\r\n\r\nNell’accordo tra il vettore e l’associazione, spiccano alcuni aspetti: la possibilità di pagare i biglietti aerei con carta di credito, previa registrazione del numero della carta presso i sistemi Iata; ticket time limit dedicati; prenotazione di gruppi sul sistema gso senza alcun costo iniziale e creazione di un servizio top trade dedicato.\r\n\r\nIl protocollo d’intesa anche quest’anno contempla la cessione del contratto di pacchetto turistico da un passeggero ad un altro, adempiendo pienamente alla Direttiva europea sui pacchetti turistici nonché all’art. 38 Codice del turismo.\r\n\r\n«Per il quarto anno consecutivo firmiamo il protocollo Astoi e questa rinnovata collaborazione testimonia la forte volontà di trovare soluzioni sinergiche ed attente alle esigenze del mercato – dichiara Emiliana Limosani, cco di Ita Airways e ceo di Volare – Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni dove abbiamo trasportato 15 milioni di passeggeri, raddoppiando il dato del 2022 e raggiungendo crescite importanti sui coefficienti di riempimento. Per noi la fiducia accordatoci dai Tour Operator, player fondamentali per la soddisfazione dei clienti, è motivo di orgoglio ed è decisiva per la nostra strategia commerciale.  Anche nel 2024 puntiamo a raggiungere i nostri obiettivi in strettissima collaborazione con i partner agenziali».\r\n\r\nRinnovata anche la modalità di gestione dell’annullamento dei pacchetti dovuto a causa di forza maggiore: in questi casi Ita Airways anche per tutto il 2024 riconoscerà ai tour operator aderenti ad Astoi il rimborso totale di quanto dagli stessi rimborsato ai passeggeri, senza trattenere alcuna spesa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Astoi e Ita Airways rinnovano il protocollo d'intesa","post_date":"2024-02-22T11:22:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708600947000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461995","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%.\r\n\r\nNel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023.\r\n\r\n“Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”.\r\n\r\nTra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero.","post_title":"Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid","post_date":"2024-02-21T11:52:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708516329000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461983\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption]\r\n\r\nL'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022.\r\n\r\nCon gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno).\r\n\r\nAl Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo.","post_title":"CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu","post_date":"2024-02-21T10:54:38+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708512878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461877","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali.\r\n\r\nI numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore.\r\n\r\nTra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera.\r\n\r\nUn evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«.\r\n\r\n«Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«.\r\n\r\nNei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.\r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori","post_date":"2024-02-21T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708509719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461948","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Etihad Airways ha lanciato una nuova collezione di amenity kit e loungewear creata in collaborazione con Giorgio Armani e con il marchio di benessere di lusso Espa. \r\n\r\nL'incontro tra la raffinata eleganza di Giorgio Armani e la rinomata ospitalità emiratina di Etihad offrirà un'esperienza di volo senza precedenti agli ospiti che volano in classe The Residence, First e Business. La nuova gamma di prodotti di stile comprende amenity kit su misura per ogni cabina premium, oltre a loungewear e pantofole di lusso firmate. I kit saranno progressivamente introdotti a bordo a partire dalla fine di febbraio.\r\n\r\nLa partnership estende la pluripremiata collaborazione di Etihad con Armani/Casa, lanciata a bordo nel 2023 e caratterizzata da stoviglie e arredi morbidi a marchio congiunto nella classe Business di Etihad.\r\n\r\n«Oltre a offrire comodità, stile e lusso in volo, i nostri ospiti porteranno a casa la propria amenity bag co-brandizzata Giorgio Armani da utilizzare in viaggio o a casa - ha affermato Turky Al Hammadi, head of product and hospitality della compagnia di Abu Dhabi -. Queste ricercate borse sono disponibili in colori e stili da collezione, il che significa che i frequent flyer possono costruire la loro personale collezione 'Giorgio Armani'. Abbiamo anche introdotto una gamma gratuita di tote bag eleganti e funzionali per i nostri ospiti dei voli più lunghi in Economy. Queste borse non solo saranno un pratico regalo, ma ci aiuteranno a ridurre ulteriormente la plastica monouso».","post_title":"Etihad Airways: Giorgio Armani firma il nuovo, lussuoso amenity kit del vettore","post_date":"2024-02-21T09:30:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708507831000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti