13 June 2024

Gattinoni (Fto) al ministro Orlando: «Il Fis deve essere più semplice»

[ 0 ]

Franco Gattinoni, presidente Fto

«Chiedo a nome dei miei associati e dell’intero comparto che il pagamento diretto del Fis venga attivato a richiesta del datore di lavoro senza necessità di produrre ulteriore documentazione (relazioni, indici liquidità, etc), un aggravio che potrebbe allungare i tempi di deposito e valutazione della domanda e che si riverbererebbe sui tempi di ricezione del beneficio da parte dei lavoratori». È questo l’appello che Franco Gattinoni, presidente Fto di Confcommercio, lancia al ministro del lavoro, Andrea Orlando.

Fto esprime un forte disappunto per la circolare Inps n. 18/2022 che riguarda il riordino degli ammortizzatori e le misure di integrazione salariale in favore dei datori operanti in settori in crisi, soprattutto alla luce delle novità contenute nel Decreto Ristori Ter. E chiede una decisa semplificazione della procedura, per cui «non sia necessario allegare alle domande la relazione tecnica relativa alle ragioni che hanno determinato la sospensione o riduzione dell’attività lavorativa: la causale sarà di fatto uguale per tutte le imprese del turismo poiché esse continuano a subire gli effetti negativi del protrarsi della situazione pandemica, con quasi il 90% delle prenotazioni cancellate».

Secondo Gattinoni, «gli adempimenti richiesti dalla normativa vigente non sono stati in precedenza esperiti dalle aziende – quasi tutte microimprese, con meno di 5 dipendenti – poiché esse, alla luce della evidente situazione di blocco del turismo, hanno contato su una possibile proroga”, mai arrivata in realtà, “della cassa Covid». Al ministro Orlando suggerisce poi «l’emanazione di un’ulteriore comunicazione con cui venga specificato che, per il settore turismo, ci si trova in presenza di un Evento Oggettivamente Non Evitabile, semplificando così la procedura e superando la necessità di allegare la relazione tecnica e indice liquidità a supporto della richiesta». Infine, spiega il presidente Gattinoni, «è di cruciale importanza poter attivare senza oneri aggiuntivi e ritardi l’accesso al Fondo e il pagamento diretto dei dipendenti».
 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In linea con il potenziamento della strategia di comunicazione per rafforzare l’identità turistica della città, Ravenna sceglie di raccontarsi con la formula della web serie: 10 episodi video per promuovere la città attraverso gli occhi di cinque ragazze di diverse nazionalità e culture, che per motivi di studio hanno scelto questo territorio come spazio di crescita professionale e umana. Le cinque protagoniste percorrono 10 itinerari esplorativi (due per ciascuna), immergendosi nel tessuto urbano, interagendo con l’ambiente e le persone e scoprendo così le bellezze della città e dei suoi dintorni, con un unico obiettivo: raccontare Ravenna attraverso le sue “texture”, le sue superfici, dal ciottolato delle vie del centro ai dettagli dei mosaici. E come in un mosaico, attraverso i 10 episodi, le impressioni, le visioni e i racconti delle ragazze danno forma all’immagine della città. Nel primo, Haimanot, 25 anni dall’Etiopia, guida lo spettatore in un percorso tra il Battistero degli Ariani, piazza San Francesco, la zona del silenzio, la Biblioteca Classense, la Darsena di Città e il Parco Teodorico. Gli episodi, della durata di circa 4 minuti ciascuno, saranno pubblicati ogni quindici giorni sul canale YouTube di Ravenna Tourism e sul sito turismo.ra.it, dal 12 giugno al 30 ottobre 2024. La web serie sarà inoltre promossa sui canali social e sostenuta da una campagna digitale sulle piattaforme Google e Meta. La serie è prodotta dal Comune di Ravenna, con il coordinamento del Servizio Turismo, la direzione creativa di Studiowiki  e realizzata da Artescienza con la regia di Samuele Wurtz. Il progetto vede l’ampio coinvolgimento della Città, a partire dalla stretta collaborazione il CdS internazionale I-CONTACT – International Cooperation on Human Rights and Intercultural Heritage, Dipartimento di Beni Culturali, Università di Bologna e con Fondazione Flaminia. «Attraverso questa web serie, Ravenna si presenta ancora una volta come destinazione in grado di ispirare, non solo da esplorare ma con cui connettersi profondamente, perché offre un'esperienza di vita arricchita da uno straordinario patrimonio storico e culturale, dal dinamismo contemporaneo e dall'impegno per la sostenibilità e l'accoglienza - commenta Giacomo Costantini, Assessore al Turismo del Comune di Ravenna - È questo un nuovo tassello di una più ampia strategia di comunicazione e promozione turistica, che mette al centro l’innovazione, la creatività e il digitale, per raggiungere un pubblico sempre più ampio». Per rafforzare ulteriormente la comunicazione alle soglie della stagione estiva, è online anche il nuovo portale dedicato a Ravenna Città del Mosaico.   La web serie, il nuovo portale e la campagna pubblicitaria rientrano nelle attività finanziate dal Ministero del Turismo con il bando dedicato al progetto Città del Mosaico, di cui hanno fatto parte anche le campagne legate a iniziative quali Biennale del Mosaico, mostra BurriRavennaOro, itinerari e laboratori didattici e Mosaico di Notte, che si sono articolate tra agosto 2023 e gennaio 2024. [post_title] => Ravenna Città del Mosaico, una web serie per raccontare la destinazione [post_date] => 2024-06-12T12:07:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718194075000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il "Linate Airport District", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo. L'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac. Per la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione.  Il progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept "ChorusLife" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario "verde e blu" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo. «Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini». [post_title] => Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027 [post_date] => 2024-06-12T10:58:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718189917000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Thailandia fa retromarcia sull'introduzione della controversa tassa turistica di 300 baht (poco più di 8 dollari) che ogni visitatore avrebbe dovuto pagare all'arrivo nel Paese. Il primo ministro, Srettha Thavisin, ieri ha revocato la decisione proposta sin dallo scorso anno, che si è sistematicamente scontrata con la resistenza da parte delle imprese private. L'introduzione di una tassa d'ingresso per i turisti stranieri è stata per anni all'ordine del giorno dell'attuale e del precedente governo, ma non c'è mai stato un consenso su come attuarla al meglio senza intaccare il flusso degli arrivi. Il premier ha dichiarato mentre la riscossione di una tassa di 300 baht a persona potrebbe generare entrate a breve termine, una prospettiva più ampia suggerisce che se si permettesse a un maggior numero di viaggiatori di entrare senza questa tassa, probabilmente spenderebbero in shopping e altre attività, il che potrebbe stimolare l'economia e potenzialmente generare più entrate per il governo rispetto alla tassa stessa.   [post_title] => La Thailandia fa marcia indietro: nessuna tassa d'ingresso per i turisti internazionali [post_date] => 2024-06-11T11:36:06+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718105766000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giorgia e Daniela. Qualche giorno fa La Stampa ha annunciato come imminente un cambio al ministero del turismo. Al posto della Santanchè dovrebbe arrivare Gianluca Caramanna, che, secondo il giornale torinese sarebbe il vero baluardo dei balneari. La decisione sarebbe già stata presa dal presidente del consiglio Girogia Meloni. Ecco, Giorgia, per noi questo cambio sarebbe una iattura. Anzi ti chiedo di non farlo. Perché mai, come in questi quasi due anni, ci siamo tanto divertiti. La Santanchè per noi rappresenta un must. Una che fa sempre notizia appena si mette a parlare. Articoli che si scrivono da sè. Di cosa scriveremo se ci togli la fonte di tutte le nostre invettive e degli sfottò? Abbiamo riempito post e pagine sulle sue interpretazioni del mondo del turismo (tutte sue naturalmente). Ci ha dato spunti meravigliosi durante i momenti più tediosi, che come tu sai, nelle redazioni sono sempre presenti. Bastava leggere una dichiarazione della Santanchè per avere automaticamente un articolo che sollevava il morale a tutti. Come se l'articolo si scrivesse da sè. Allora cara Giorgia, presidente del consiglio dei ministri, non farci questo. Lasciaci Daniela. Lasciala continuare il suo lavoro che è la maggiore fonte del nostro lavoro. Giuseppe Aloe [post_title] => Giorgia, please, lascia la Santanchè al turismo! Se va via ci togli il lavoro [post_date] => 2024-06-11T11:03:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718103801000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 97% dei turisti internazionali in vacanza in Spagna nel 2023 si è dichiarato ‘soddisfatto’ o ‘molto soddisfatto’ della propria esperienza: questo il dato che emerge dall'inchiesta elaborata da Turespaña. Livello di soddisfazione che è cresciuto quindi del 2,3% rispetto al 2022. E chi ha dato il voto massimo alla sua vacanza passa dal 62,7% del 2022 al 65% del 2023. Aumenta anche il punteggio globale della Spagna come destinazione turistica, passando da 4,59 punti su 5 del 2022 a 4,62 dell’anno scorso. “Sono dati che riflettono la posizione apicale che la Spagna ha come destinazione sostenibile, sicura ed eccellente - commenta il ministro di Industria e Turismo Jordi Hereu -. E dimostrano l’elevata fedeltà del turista internazionale che, dopo aver visitato la Spagna, ci torna proprio per la qualità e differenziazione dello svago, dell’economia, della ristorazione d’avanguardia e la magnifica rete di trasporto tra differenti regioni e comunità”. Proprio il trasporto pubblico è il tema che più soddisfa i turisti italiani, che tra soddisfatti e molto soddisfatti arrivano al 97%. Riguardo alla ‘fedeltà’ dei turisti, nel 2023 il 78% dei viaggiatori era già stato almeno una volta in Spagna e il 65,9% (il 57,69% nel 2022) pensava di tornarci entro un anno. E’ il frutto dell’investimento di 3,5 miliardi di euro che ha rimodernato le destinazioni turistiche, gli accessi, la digitalizzazione e la qualità generale delle proposte locali e regionali. E’ sempre il clima il motivo del ritorno in Spagna rispetto ad altri Paesi (26%); poi la cultura (15,7%) e una visita a familiari o amici per il 12,6%. I Paesi con il più alto livello di soddisfazione sono Regno Unito, vari Paesi iberoamericani, Polonia e Stati Uniti. E sono maggiormente soddisfatte le donne rispetto agli uomini. Il livello di istruzione vede primeggiare con oltre l’80% gli studi superiori, al 17,5% livelli secondari e meno del 2% con titoli di scuola primaria o nessuno; insomma, dallo studio risulta che maggiore è il livello di studio, più alta è la soddisfazione della visita. [post_title] => Spagna: turisti internazionali sempre più soddisfatti, italiani inclusi [post_date] => 2024-06-11T09:15:22+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718097322000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469172 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la creazione del suo primo parco nazionale marino, l’Irlanda fa un importante passo avanti nel percorso per la tutela del proprio patrimonio ambientale: il Páirc Náisiúnta na Mara sulla Wild Atlantic Way, è l’ottavo parco nazionale irlandese e si estende per circa 290 ettari, tra il mare e la terra ferma della penisola di Corca Dhuibhne, nella contea di Kerry. Nel suo perimetro rientrano siti iconici come le Isole Skellig, di cui fa parte l’isolotto - Patrimonio dell'Umanità Unesco - di Skellig Michael, famoso per i suoi edifici monastici del VI secolo. Anche il Conor Pass, che, con la sua strada stretta e tortuosa, anche se è alto solo meno di 500 metri, dà molta soddisfazione anche ai ciclisti più esperti, si trova all'interno del parco, così come Mount Brandon, una delle montagne più alte d'Irlanda e un'area ideale per le escursioni.    La designazione marina riflette il fatto che la maggior parte dell'area del parco è quella oceanica, comprese le acque atlantiche intorno alle isole Blasket e le barriere calcaree di Kerry Head Shoals, area in cui è facile avvistare i delfini anche dalla terra ferma. Oltre a possedere diverse aree di straordinaria bellezza naturale, il parco include anche alcuni dei luoghi di maggior valore ecologico d'Europa: tutti i siti inclusi nell’area del Páirc Náisiúnta na Mara sono, infatti, aree speciali di conservazione ai sensi della Direttiva Habitat dell'Ue, aree di protezione speciale ai sensi della Direttiva Uccelli dell'Ue o riserve naturali. Con la nascita del Páirc Náisiúnta na Mara la Wild Atlantic Way aggiunge un ulteriore prezioso elemento alla sua unicità, che renderà ancora più forte la tutela del suo patrimonio naturalistico, storico e umano: risorsa di immenso valore per gli irlandesi e per tutti gli amanti dell’isola di smeraldo. [post_title] => Irlanda: il Páirc Náisiúnta na Mara sulla Wild Atlantic Way è il primo parco nazionale marino [post_date] => 2024-06-10T12:05:06+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718021106000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469141 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un braccio di ferro quello tra l'Antitrust dell'Unione europea e Lufthansa che potrebbe essere arrivato alla stretta finale: all'indomani delle elezioni europee, i tedeschi avrebbero presentato un'ultima offerta a Bruxelles, contenente ulteriori garanzie sulla concorrenza in particolare sulle rotte di lungo raggio da Roma Fiumicino verso gli Stati Uniti. Lufthansa tiene il punto sulla sua proposta - avanzata a inizio maggio e considerata una linea rossa dall'ad Carsten Spohr - di congelare per due anni l'ingresso di Ita nella joint venture transatlantica formata con United Airlines ed Air Canada. Ora, nell'estremo tentativo di mediazione, Francoforte avrebbe inviato garanzie aggiuntive mirate a rassicurare Bruxelles sulla volontà del vettore tedesco di mantenere una concorrenza aperta e trasparente.  Soluzione credibile La richiesta della squadra negoziale comunitaria però si ripete da settimane netta: la soluzione finale deve essere "credibile" e "sufficientemente solida" affinché le due compagnie non intacchino l'equilibrio della concorrenza. Per questo viene chiesto a Lufthansa di mantenere temporaneamente separate le operazioni con l'alleata United per i voli che dallo scalo romano partono con destinazione Chicago, Washington, San Francisco e Toronto. Le nuove garanzie delineate dal vettore tedesco saranno nelle prossime ore sotto la lente Ue. Il finale è ancora tutto da scrivere e una prima decisione informale è comunque attesa dopo il voto. Nella visione del ministro Giancarlo Giorgetti servirebbe soltanto "usare un po' di buon senso" per salvare un'operazione che "è nell'interesse di tutti".     [post_title] => Lufthansa-Ita: nuove concessioni all'Ue sulle rotte Usa e Canada [post_date] => 2024-06-10T11:28:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718018934000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo operatore in Italia a rispondere presente sia alle richieste del documento di sintesi degli Stati generali sul diabete 2024, sia alle indicazioni del ministero dell’Istruzione in merito agli studenti con Disturbi specifici dell’apprendimento. Trinity ViaggiStudio organizza soggiorni all’estero finalizzati all’apprendimento delle lingue straniere anche per giovani con dm1 o dsa. Viene così raccolto l’invito lanciato quest’anno da Fesdi, l’Alleanza per il diabete, unitamente all’intergruppo parlamentare obesità, Diabete e Ncd. Il nono capitolo del documento licenziato, Tutelare i diritti della persona con diabete, prende infatti in considerazione sia l’ambito dell’attività lavorativa, sia scolastica e sportiva, col fine di garantire “il pieno accesso all’informazione, all’educazione terapeutica, alla sana alimentazione, ai corretti stili di vita e al supporto psicologico”. Analoghe raccomandazioni sono state incluse nel decreto Scuola 2024 per quanto attiene i Disturbi specifici di apprendimento. Solo questi ultimi, nell’ultimo rilievo mim condotto in Italia, sarebbero oltre 326 mila dal primo ciclo d’istruzione fino alle scuole superiori, incidendo su più del 5% della popolazione studentesca nazionale. Situazione ancor più complessa sul fronte del diabete mellito 1, in forte crescita fra i più giovani da dopo la pandemia di Covid19, con un tasso di diagnosi balzato al 27% nel 2019-2021, rispetto all’appena 2-4% degli anni precedenti, e destinato ad aumentare con incidenza ancor maggiore negli anni a venire. Grazie a sette accorgimenti fondamentali, il programma che ha sviluppato Trinity ViaggiStudio è quindi in grado di perseguire strategie educative che consentono di ottenere miglioramenti individuali notevoli e rafforzamento della motivazione, puntando sul coinvolgimento, la fiducia in se stessi, ma anche su una serie di lezioni in laboratorio informatico compreso nel pacchetto. In particolare, il personale Trinity provvede a: organizzare un ambiente di studio adatto; pianificare i task di apprendimento; facilitare le attività; prediligere lo speaking al writing e al reading; stimolare la curiosità; valorizzare i successi; sviluppare la capacità di concentrazione. Per quanto riguarda i pacchetti dm1, perfezionati sin dal 2016, la sicurezza dei ragazzi viene garantita attraverso la costante presenza di un medico e di un accompagnatore dedicato, affinché l’assistenza possa essere prestata in qualsiasi circostanza: dalle attività didattiche a quelle ricreative, dalle escursioni ai pasti, mettendo a disposizione medici che possano controllare la glicemia anche di notte e dormendo in prossimità dei ragazzi. Una terza offerta prevede infine un programma gluten friendly, basato sulla selezione di università che preparano cibi seguendo processi standardizzati, sicuri e pluritestati, in modo tale da poter condividere i pasti in compagnia di ogni altro partecipante, evitando code o lunghe attese per la consegna di piatti specifici non contaminati: col pacchetto Trinity, questi sono tutti serviti in un’area esclusiva, ma dove sia possibile anche sedere accanto ai propri amici di ogni giorno.   [post_title] => Trinity ViaggiStudio nel segno dell’inclusività: i programmi per studenti dsa, dm1 e celiaci [post_date] => 2024-06-10T11:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718018886000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469052 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates decollerà alla volta del Madagascar il prossimo 3 settembre: i voli tra Dubai e Antananarivo saranno operati quattro volte alla settimana, via Seychelles. Per incrementare i viaggi internazionali da e per il Madagascar, gli orari dei voli sono stati programmati per ottimizzare le connessioni da e per i punti chiave in Europa, Estremo Oriente, Asia occidentale e Medio Oriente/Gcc. Il volo EK707 partirà da Dubai per le Seychelles alle 0855h, con arrivo a Mahe alle 1335h*, e proseguirà per Antananarivo per atterrare alle 1650h. Il volo di ritorno EK708 parte da Antananarivo alle 1835h e atterra a Mahe alle 2220h. Il volo decolla poi da Mahe alle 2350 per Dubai, atterrando alle 0420 del giorno successivo. I collegamenti saranno operativi nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica e sulla nuova rotta sarà impiegato un Boeing 777-300Er, con 8 suite di Prima Classe, 42 posti in Business Class e 310 posti in Economy.  Il turismo è un pilastro fondamentale dell'economia del Madagascar e contribuisce alla creazione di migliaia di opportunità di lavoro che sostengono l'obiettivo del Paese di attrarre un milione di turisti entro il 2028. La nuova rotta di Emirates fornirà connettività da oltre 140 punti del suo network globale, sostenendo la strategia del Ministero del Turismo di diversificare i mercati di destinazione e di far conoscere ai viaggiatori internazionali le numerose attrazioni naturali dell'isola. Emirates sta inoltre discutendo con Air Madagascar per offrire ulteriore connettività globale per promuovere il turismo e il commercio. [post_title] => Emirates volerà in Madagascar, dal prossimo 3 settembre, via Seychelles [post_date] => 2024-06-10T09:15:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718010936000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gattinoni fto al ministro orlando" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":25,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1268,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469343","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In linea con il potenziamento della strategia di comunicazione per rafforzare l’identità turistica della città, Ravenna sceglie di raccontarsi con la formula della web serie: 10 episodi video per promuovere la città attraverso gli occhi di cinque ragazze di diverse nazionalità e culture, che per motivi di studio hanno scelto questo territorio come spazio di crescita professionale e umana.\r\n\r\nLe cinque protagoniste percorrono 10 itinerari esplorativi (due per ciascuna), immergendosi nel tessuto urbano, interagendo con l’ambiente e le persone e scoprendo così le bellezze della città e dei suoi dintorni, con un unico obiettivo: raccontare Ravenna attraverso le sue “texture”, le sue superfici, dal ciottolato delle vie del centro ai dettagli dei mosaici. E come in un mosaico, attraverso i 10 episodi, le impressioni, le visioni e i racconti delle ragazze danno forma all’immagine della città.\r\n\r\nNel primo, Haimanot, 25 anni dall’Etiopia, guida lo spettatore in un percorso tra il Battistero degli Ariani, piazza San Francesco, la zona del silenzio, la Biblioteca Classense, la Darsena di Città e il Parco Teodorico.\r\n\r\nGli episodi, della durata di circa 4 minuti ciascuno, saranno pubblicati ogni quindici giorni sul canale YouTube di Ravenna Tourism e sul sito turismo.ra.it, dal 12 giugno al 30 ottobre 2024. La web serie sarà inoltre promossa sui canali social e sostenuta da una campagna digitale sulle piattaforme Google e Meta.\r\n\r\nLa serie è prodotta dal Comune di Ravenna, con il coordinamento del Servizio Turismo, la direzione creativa di Studiowiki  e realizzata da Artescienza con la regia di Samuele Wurtz.\r\n\r\nIl progetto vede l’ampio coinvolgimento della Città, a partire dalla stretta collaborazione il CdS internazionale I-CONTACT – International Cooperation on Human Rights and Intercultural Heritage, Dipartimento di Beni Culturali, Università di Bologna e con Fondazione Flaminia.\r\n\r\n«Attraverso questa web serie, Ravenna si presenta ancora una volta come destinazione in grado di ispirare, non solo da esplorare ma con cui connettersi profondamente, perché offre un'esperienza di vita arricchita da uno straordinario patrimonio storico e culturale, dal dinamismo contemporaneo e dall'impegno per la sostenibilità e l'accoglienza - commenta Giacomo Costantini, Assessore al Turismo del Comune di Ravenna - È questo un nuovo tassello di una più ampia strategia di comunicazione e promozione turistica, che mette al centro l’innovazione, la creatività e il digitale, per raggiungere un pubblico sempre più ampio».\r\n\r\nPer rafforzare ulteriormente la comunicazione alle soglie della stagione estiva, è online anche il nuovo portale dedicato a Ravenna Città del Mosaico.\r\n\r\n \r\n\r\nLa web serie, il nuovo portale e la campagna pubblicitaria rientrano nelle attività finanziate dal Ministero del Turismo con il bando dedicato al progetto Città del Mosaico, di cui hanno fatto parte anche le campagne legate a iniziative quali Biennale del Mosaico, mostra BurriRavennaOro, itinerari e laboratori didattici e Mosaico di Notte, che si sono articolate tra agosto 2023 e gennaio 2024.","post_title":"Ravenna Città del Mosaico, una web serie per raccontare la destinazione","post_date":"2024-06-12T12:07:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1718194075000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il \"Linate Airport District\", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo.\r\n\r\nL'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac.\r\n\r\nPer la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione. \r\n\r\nIl progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept \"ChorusLife\" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario \"verde e blu\" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo.\r\n\r\n«Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini».","post_title":"Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027","post_date":"2024-06-12T10:58:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718189917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469252","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Thailandia fa retromarcia sull'introduzione della controversa tassa turistica di 300 baht (poco più di 8 dollari) che ogni visitatore avrebbe dovuto pagare all'arrivo nel Paese. Il primo ministro, Srettha Thavisin, ieri ha revocato la decisione proposta sin dallo scorso anno, che si è sistematicamente scontrata con la resistenza da parte delle imprese private.\r\n\r\nL'introduzione di una tassa d'ingresso per i turisti stranieri è stata per anni all'ordine del giorno dell'attuale e del precedente governo, ma non c'è mai stato un consenso su come attuarla al meglio senza intaccare il flusso degli arrivi.\r\n\r\nIl premier ha dichiarato mentre la riscossione di una tassa di 300 baht a persona potrebbe generare entrate a breve termine, una prospettiva più ampia suggerisce che se si permettesse a un maggior numero di viaggiatori di entrare senza questa tassa, probabilmente spenderebbero in shopping e altre attività, il che potrebbe stimolare l'economia e potenzialmente generare più entrate per il governo rispetto alla tassa stessa.\r\n\r\n ","post_title":"La Thailandia fa marcia indietro: nessuna tassa d'ingresso per i turisti internazionali","post_date":"2024-06-11T11:36:06+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718105766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giorgia e Daniela. Qualche giorno fa La Stampa ha annunciato come imminente un cambio al ministero del turismo. Al posto della Santanchè dovrebbe arrivare Gianluca Caramanna, che, secondo il giornale torinese sarebbe il vero baluardo dei balneari.\r\n\r\nLa decisione sarebbe già stata presa dal presidente del consiglio Girogia Meloni. Ecco, Giorgia, per noi questo cambio sarebbe una iattura. Anzi ti chiedo di non farlo. Perché mai, come in questi quasi due anni, ci siamo tanto divertiti. La Santanchè per noi rappresenta un must. Una che fa sempre notizia appena si mette a parlare.\r\nArticoli che si scrivono da sè.\r\nDi cosa scriveremo se ci togli la fonte di tutte le nostre invettive e degli sfottò? Abbiamo riempito post e pagine sulle sue interpretazioni del mondo del turismo (tutte sue naturalmente). Ci ha dato spunti meravigliosi durante i momenti più tediosi, che come tu sai, nelle redazioni sono sempre presenti. Bastava leggere una dichiarazione della Santanchè per avere automaticamente un articolo che sollevava il morale a tutti. Come se l'articolo si scrivesse da sè.\r\n\r\nAllora cara Giorgia, presidente del consiglio dei ministri, non farci questo. Lasciaci Daniela. Lasciala continuare il suo lavoro che è la maggiore fonte del nostro lavoro.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Giorgia, please, lascia la Santanchè al turismo! Se va via ci togli il lavoro","post_date":"2024-06-11T11:03:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718103801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469187","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 97% dei turisti internazionali in vacanza in Spagna nel 2023 si è dichiarato ‘soddisfatto’ o ‘molto soddisfatto’ della propria esperienza: questo il dato che emerge dall'inchiesta elaborata da Turespaña. Livello di soddisfazione che è cresciuto quindi del 2,3% rispetto al 2022.\r\n\r\nE chi ha dato il voto massimo alla sua vacanza passa dal 62,7% del 2022 al 65% del 2023. Aumenta anche il punteggio globale della Spagna come destinazione turistica, passando da 4,59 punti su 5 del 2022 a 4,62 dell’anno scorso.\r\n\r\n“Sono dati che riflettono la posizione apicale che la Spagna ha come destinazione sostenibile, sicura ed eccellente - commenta il ministro di Industria e Turismo Jordi Hereu -. E dimostrano l’elevata fedeltà del turista internazionale che, dopo aver visitato la Spagna, ci torna proprio per la qualità e differenziazione dello svago, dell’economia, della ristorazione d’avanguardia e la magnifica rete di trasporto tra differenti regioni e comunità”.\r\n\r\nProprio il trasporto pubblico è il tema che più soddisfa i turisti italiani, che tra soddisfatti e molto soddisfatti arrivano al 97%. Riguardo alla ‘fedeltà’ dei turisti, nel 2023 il 78% dei viaggiatori era già stato almeno una volta in Spagna e il 65,9% (il 57,69% nel 2022) pensava di tornarci entro un anno. E’ il frutto dell’investimento di 3,5 miliardi di euro che ha rimodernato le destinazioni turistiche, gli accessi, la digitalizzazione e la qualità generale delle proposte locali e regionali.\r\n\r\nE’ sempre il clima il motivo del ritorno in Spagna rispetto ad altri Paesi (26%); poi la cultura (15,7%) e una visita a familiari o amici per il 12,6%. I Paesi con il più alto livello di soddisfazione sono Regno Unito, vari Paesi iberoamericani, Polonia e Stati Uniti. E sono maggiormente soddisfatte le donne rispetto agli uomini. Il livello di istruzione vede primeggiare con oltre l’80% gli studi superiori, al 17,5% livelli secondari e meno del 2% con titoli di scuola primaria o nessuno; insomma, dallo studio risulta che maggiore è il livello di studio, più alta è la soddisfazione della visita.","post_title":"Spagna: turisti internazionali sempre più soddisfatti, italiani inclusi","post_date":"2024-06-11T09:15:22+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718097322000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469172","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con la creazione del suo primo parco nazionale marino, l’Irlanda fa un importante passo avanti nel percorso per la tutela del proprio patrimonio ambientale: il Páirc Náisiúnta na Mara sulla Wild Atlantic Way, è l’ottavo parco nazionale irlandese e si estende per circa 290 ettari, tra il mare e la terra ferma della penisola di Corca Dhuibhne, nella contea di Kerry.\r\n\r\nNel suo perimetro rientrano siti iconici come le Isole Skellig, di cui fa parte l’isolotto - Patrimonio dell'Umanità Unesco - di Skellig Michael, famoso per i suoi edifici monastici del VI secolo. Anche il Conor Pass, che, con la sua strada stretta e tortuosa, anche se è alto solo meno di 500 metri, dà molta soddisfazione anche ai ciclisti più esperti, si trova all'interno del parco, così come Mount Brandon, una delle montagne più alte d'Irlanda e un'area ideale per le escursioni.   \r\n\r\nLa designazione marina riflette il fatto che la maggior parte dell'area del parco è quella oceanica, comprese le acque atlantiche intorno alle isole Blasket e le barriere calcaree di Kerry Head Shoals, area in cui è facile avvistare i delfini anche dalla terra ferma.\r\n\r\nOltre a possedere diverse aree di straordinaria bellezza naturale, il parco include anche alcuni dei luoghi di maggior valore ecologico d'Europa: tutti i siti inclusi nell’area del Páirc Náisiúnta na Mara sono, infatti, aree speciali di conservazione ai sensi della Direttiva Habitat dell'Ue, aree di protezione speciale ai sensi della Direttiva Uccelli dell'Ue o riserve naturali.\r\n\r\nCon la nascita del Páirc Náisiúnta na Mara la Wild Atlantic Way aggiunge un ulteriore prezioso elemento alla sua unicità, che renderà ancora più forte la tutela del suo patrimonio naturalistico, storico e umano: risorsa di immenso valore per gli irlandesi e per tutti gli amanti dell’isola di smeraldo.","post_title":"Irlanda: il Páirc Náisiúnta na Mara sulla Wild Atlantic Way è il primo parco nazionale marino","post_date":"2024-06-10T12:05:06+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718021106000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469141","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un braccio di ferro quello tra l'Antitrust dell'Unione europea e Lufthansa che potrebbe essere arrivato alla stretta finale: all'indomani delle elezioni europee, i tedeschi avrebbero presentato un'ultima offerta a Bruxelles, contenente ulteriori garanzie sulla concorrenza in particolare sulle rotte di lungo raggio da Roma Fiumicino verso gli Stati Uniti.\r\n\r\nLufthansa tiene il punto sulla sua proposta - avanzata a inizio maggio e considerata una linea rossa dall'ad Carsten Spohr - di congelare per due anni l'ingresso di Ita nella joint venture transatlantica formata con United Airlines ed Air Canada. Ora, nell'estremo tentativo di mediazione, Francoforte avrebbe inviato garanzie aggiuntive mirate a rassicurare Bruxelles sulla volontà del vettore tedesco di mantenere una concorrenza aperta e trasparente. \r\nSoluzione credibile\r\nLa richiesta della squadra negoziale comunitaria però si ripete da settimane netta: la soluzione finale deve essere \"credibile\" e \"sufficientemente solida\" affinché le due compagnie non intacchino l'equilibrio della concorrenza. Per questo viene chiesto a Lufthansa di mantenere temporaneamente separate le operazioni con l'alleata United per i voli che dallo scalo romano partono con destinazione Chicago, Washington, San Francisco e Toronto.\r\n\r\nLe nuove garanzie delineate dal vettore tedesco saranno nelle prossime ore sotto la lente Ue. Il finale è ancora tutto da scrivere e una prima decisione informale è comunque attesa dopo il voto. Nella visione del ministro Giancarlo Giorgetti servirebbe soltanto \"usare un po' di buon senso\" per salvare un'operazione che \"è nell'interesse di tutti\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Lufthansa-Ita: nuove concessioni all'Ue sulle rotte Usa e Canada","post_date":"2024-06-10T11:28:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718018934000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo operatore in Italia a rispondere presente sia alle richieste del documento di sintesi degli Stati generali sul diabete 2024, sia alle indicazioni del ministero dell’Istruzione in merito agli studenti con Disturbi specifici dell’apprendimento. Trinity ViaggiStudio organizza soggiorni all’estero finalizzati all’apprendimento delle lingue straniere anche per giovani con dm1 o dsa. Viene così raccolto l’invito lanciato quest’anno da Fesdi, l’Alleanza per il diabete, unitamente all’intergruppo parlamentare obesità, Diabete e Ncd.\r\n\r\nIl nono capitolo del documento licenziato, Tutelare i diritti della persona con diabete, prende infatti in considerazione sia l’ambito dell’attività lavorativa, sia scolastica e sportiva, col fine di garantire “il pieno accesso all’informazione, all’educazione terapeutica, alla sana alimentazione, ai corretti stili di vita e al supporto psicologico”. Analoghe raccomandazioni sono state incluse nel decreto Scuola 2024 per quanto attiene i Disturbi specifici di apprendimento.\r\n\r\nSolo questi ultimi, nell’ultimo rilievo mim condotto in Italia, sarebbero oltre 326 mila dal primo ciclo d’istruzione fino alle scuole superiori, incidendo su più del 5% della popolazione studentesca nazionale. Situazione ancor più complessa sul fronte del diabete mellito 1, in forte crescita fra i più giovani da dopo la pandemia di Covid19, con un tasso di diagnosi balzato al 27% nel 2019-2021, rispetto all’appena 2-4% degli anni precedenti, e destinato ad aumentare con incidenza ancor maggiore negli anni a venire.\r\n\r\nGrazie a sette accorgimenti fondamentali, il programma che ha sviluppato Trinity ViaggiStudio è quindi in grado di perseguire strategie educative che consentono di ottenere miglioramenti individuali notevoli e rafforzamento della motivazione, puntando sul coinvolgimento, la fiducia in se stessi, ma anche su una serie di lezioni in laboratorio informatico compreso nel pacchetto. In particolare, il personale Trinity provvede a: organizzare un ambiente di studio adatto; pianificare i task di apprendimento; facilitare le attività; prediligere lo speaking al writing e al reading; stimolare la curiosità; valorizzare i successi; sviluppare la capacità di concentrazione.\r\n\r\nPer quanto riguarda i pacchetti dm1, perfezionati sin dal 2016, la sicurezza dei ragazzi viene garantita attraverso la costante presenza di un medico e di un accompagnatore dedicato, affinché l’assistenza possa essere prestata in qualsiasi circostanza: dalle attività didattiche a quelle ricreative, dalle escursioni ai pasti, mettendo a disposizione medici che possano controllare la glicemia anche di notte e dormendo in prossimità dei ragazzi.\r\n\r\nUna terza offerta prevede infine un programma gluten friendly, basato sulla selezione di università che preparano cibi seguendo processi standardizzati, sicuri e pluritestati, in modo tale da poter condividere i pasti in compagnia di ogni altro partecipante, evitando code o lunghe attese per la consegna di piatti specifici non contaminati: col pacchetto Trinity, questi sono tutti serviti in un’area esclusiva, ma dove sia possibile anche sedere accanto ai propri amici di ogni giorno.\r\n\r\n ","post_title":"Trinity ViaggiStudio nel segno dell’inclusività: i programmi per studenti dsa, dm1 e celiaci","post_date":"2024-06-10T11:28:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718018886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469052","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates decollerà alla volta del Madagascar il prossimo 3 settembre: i voli tra Dubai e Antananarivo saranno operati quattro volte alla settimana, via Seychelles.\r\n\r\nPer incrementare i viaggi internazionali da e per il Madagascar, gli orari dei voli sono stati programmati per ottimizzare le connessioni da e per i punti chiave in Europa, Estremo Oriente, Asia occidentale e Medio Oriente/Gcc. Il volo EK707 partirà da Dubai per le Seychelles alle 0855h, con arrivo a Mahe alle 1335h*, e proseguirà per Antananarivo per atterrare alle 1650h. Il volo di ritorno EK708 parte da Antananarivo alle 1835h e atterra a Mahe alle 2220h. Il volo decolla poi da Mahe alle 2350 per Dubai, atterrando alle 0420 del giorno successivo.\r\n\r\nI collegamenti saranno operativi nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica e sulla nuova rotta sarà impiegato un Boeing 777-300Er, con 8 suite di Prima Classe, 42 posti in Business Class e 310 posti in Economy. \r\n\r\nIl turismo è un pilastro fondamentale dell'economia del Madagascar e contribuisce alla creazione di migliaia di opportunità di lavoro che sostengono l'obiettivo del Paese di attrarre un milione di turisti entro il 2028. La nuova rotta di Emirates fornirà connettività da oltre 140 punti del suo network globale, sostenendo la strategia del Ministero del Turismo di diversificare i mercati di destinazione e di far conoscere ai viaggiatori internazionali le numerose attrazioni naturali dell'isola. Emirates sta inoltre discutendo con Air Madagascar per offrire ulteriore connettività globale per promuovere il turismo e il commercio.","post_title":"Emirates volerà in Madagascar, dal prossimo 3 settembre, via Seychelles","post_date":"2024-06-10T09:15:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718010936000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti