18 April 2024

Gabriella Gentile confermata alla guida di Federcongressi&eventi

[ 0 ]

Gabriella Gentile

Federcongressi&eventi, l’associazione italiana dell’industria dei congressi e degli eventi, ha confermato Gabriella Gentile alla presidenza. L’elezione della presidente si è svolta nel corso della XV Convention nazionale dell’associazione che, svoltasi dal 23 al 24 febbraio a Roma, ha visto la partecipazione di oltre 300 professionisti del turismo congressuale.

Gentile vanta competenze a 360 gradi nel settore dei congressi e degli eventi, è socia fondatrice di Meeting consultants, società di consulenza per lo sviluppo nel Mice. 

«Ringrazio tutti i soci per la fiducia che mi hanno riconfermata. I 2 anni del mio primo mandato hanno visto l’associazione sostenere la ripresa post Covid della meeting industry nazionale e consolidare presso istituzioni e stakeholder il suo ruolo di interlocutore di riferimento per l’identificazione di strategie a sostegno del turismo congressuale. Sono certa che, con il sempre fattivo sostegno dei soci e dei rappresentanti del Consiglio direttivo, Federcongressi&eventi potrà ancora crescere e affiancare le imprese nell’affrontare e superare le nuove sfide», commenta Gabriella Gentile.

«Continueremo a lavorare in maniera seria, con pragmatismo e determinazione, senza stancarci mai di percorrere nuove strade, di avere il coraggio di cambiare interpretando i tempi che viviamo, di sviluppare nuove progettualità, di proporre al Governo e alle istituzioni nuove idee e proposte, per evolvere e continuare a far crescere l’intera filiera, così come le singole imprese che la rappresentano».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465765 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465766" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Gabriele Ferri e Pier Ezhaya[/caption] Il binomio viaggi e tecnologia, nella fattispecie AI e Generative AI, ma anche i nuovi trend di mercato e la sostenibilità sono i temi che sono stati al centro dell'incontro fra i rappresentanti di Boston Consulting Group e gli associati di Astoi Confindustria Viaggi. «In Astoi consideriamo strategico e irrinunciabile il tema della formazione e, oggi più che mai, sentiamo la responsabilità di accendere un faro sui nuovi scenari che potranno profilarsi a breve - afferma il presidente Astoi, Pier Ezhaya -. La vera sfida per gli operatori è infatti riuscire a leggere per tempo il futuro che verrà e dotarsi di strumenti per utilizzare al meglio le nuove tecnologie come, ad esempio, l’IA generativa e le sue declinazioni. Dobbiamo iniziare seriamente ad interrogarci su come queste straordinarie e rivoluzionarie tecnologie cambieranno a breve le abitudini, i bisogni dei viaggiatori e l’attività degli stessi operatori del settore. Comprendere tempestivamente come maneggiare questi strumenti e, soprattutto, capire come potranno essere utilizzati dalle nuove generazioni è la ricetta per restare sul mercato e continuare a competere, intercettando in modo più efficace i consumatori. I principi alla base del concetto di sostenibilità ambientale, sociale ed economica sono divenuti ormai i pilastri fondamentali di un nuovo modello di sviluppo che le aziende non possono ignorare. In quest’ottica, la sostenibilità dovrà integrarsi sempre di più nella pianificazione strategica degli operatori. Crediamo sia molto importante l’aver offerto ai nostri associati questo momento formativo a cura di un gruppo di grande valore come BCG e siamo intenzionati ad andare avanti su questa strada moltiplicando occasioni di incontro volte alla crescita ed alla consapevolezza delle imprese che rappresentiamo». Gabriele Ferri, managing director e partner della società di consulenza strategica, aggiunge: «Il mercato dei viaggi organizzati - che in Italia vale circa 9 miliardi di euro - si conferma estremamente resiliente e in crescita, e ha già recuperato e superato in valore il dato 2019 pre-covid. La crescita futura sarà trainata da un’offerta di valore, attenta all’esperienza di viaggio in ogni suo aspetto, dalla pianificazione fino al supporto nel caso di imprevisti, e passerà sempre di più attraverso i canali di vendita on-line, sia diretti che intermediati. Gli Italiani mostrano sempre maggiore interesse verso prodotti turistici più evoluti, come viaggi attivi, spedizioni, che presentano maggiore complessità organizzativa e offrono anche maggiori opportunità di socializzazione e di effettuare esperienze uniche e memorabili. Per rimanere competitivi e continuare a crescere, i tour operator oggi devono quindi sviluppare la capacità di offrire esperienze complesse e fortemente personalizzate, adottando una strategia omnicanale utilizzando al meglio il patrimonio di dati a loro disposizione, oltre che perseguire concretamente obiettivi di sostenibilità». [post_title] => Astoi e Boston Consulting Group: formazione focalizzata su nuove tecnologie e sostenibilità [post_date] => 2024-04-17T15:24:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713367473000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465636 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Esperienze, esperienze, esperienze. E' questo quello che si cerca oggi da un viaggio. Soprattutto nel nostro paese. Parola di Michela Trevisan, una delle fondatrici di Missing Italia: operatore incoming con base in provincia di Padova incontrato da noi di Travel Quotidiano in occasione dalla presentazione del digital hub ItaliAbsolutely al Las Vegas Travel Agent Forum: "Le persone non vogliono più soltanto essere visitatori, guardare e basta come se fossero al cinema; desiderano fare parte del film. In poche parole, fare esperienze, come per esempio incontrare una famiglia e far da mangiare insieme, imparare a fare la pasta... Ma l'esperienza può anche essere organizzare un giro in collina in bicicletta, piuttosto che in montagna o da un'altra parte. Insomma, non è più soltanto questione di cooking class. Siamo noi stessi che dobbiamo aprire i nostri prodotti a nuove opportunità". Nato nel 2004, per volontà di cinque socie, Missing Italia è cresciuto nel tempo continuando però e essere fedele alla propria mission: gestire viaggi incoming solo ed esclusivamente verso la nostra penisola. "I nostri mercati di riferimento sono la Francia per i tour organizzati e di gruppo. Tutto il mondo anglofono, e soprattutto gli Usa, con in più un pizzico di Far East è invece più interessato ai viaggi individuali e ai piccoli gruppi. Noi ci sforziamo ogni volta di curare ogni tipo di dettaglio e di essere disponibili sette giorni su sette, h24". Dopo il periodo del Covid, la domanda è tornata a crescere in maniera esponenziale, "quasi persino troppo velocemente - ammette Michela Trevisan -. Anche perché non sempre le pubbliche amministrazioni sono pienamente collaborative con chi fa turismo. E poi certo, i prezzi sono aumenti. A volte anche in maniera eccessiva rispetto a un livello di servizi che non sempre è cresciuto di conseguenza. Noi in ogni caso continuiamo a impegnarci a fare del nostro meglio, perché crediamo moltissimo nel futuro dell'incoming. E lo dimostra anche la nostra presenza qui a Las Vegas". (q.f.) [post_title] => Missing Italia: experience, experience, experience è ciò che cerca chi viene da noi [post_date] => 2024-04-16T13:17:12+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713273432000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465609 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una stagione ricca di iniziative ed eventi per il Grand Hotel Bristol del gruppo R Collection. La struttura 5 stelle sulla Portofino Coast offre agli ospiti un concetto di Dolce Vita ridefinito, che coinvolge tutti i cinque sensi per garantire esperienze di sensazioni studiate dal Lifestyle Concierge. Gli ospiti possono vivere esperienze di benessere presso la Erre Spa, la più grande spa in un hotel della Liguria. L'offerta di ristorazione comprende una varietà di soluzioni quali il fine dining Le Cupole, situato sul rooftop, il bistrot italiano La Veranda, The Silk Lounge bar e il Flamingo Pool Bar&Pizzeria gourmet a bordo piscina. «Il nostro obiettivo – spiega  Ludovica Rocchi, Brand Director R Collection - è garantire un modello di ospitalità esperienziale all’ospite in sintonia con l’anima, la storia, i profumi e i sapori del territorio con proposte esclusive che possano sorprenderlo. La centralità dell’ospite è il tratto distintivo della nostra ospitalità. La nostra accoglienza è italiana e su misura». Dalla musica nelle aree comuni, alle esperienze culinari e genuine della tradizione ligure con la cucina dello chef Andrea Cannalire, alla migliore vista su Portofino Coast, alle esperienze uniche che coinvolgono direttamente gli ospiti, come il Wine&Art Class, un’esclusiva degustazione vini realizzata in una galleria d’arte moderna e intervallata da vernissage di opere, la degustazione di olio EVO e l’iconica Masterclass di Pesto: il Grand Hotel Bristol è la destinazione ideale per i luxury travellers, dalle coppie, le famiglie, ai gruppi di amici, pensato per ospiti che sono alla ricerca di autenticità. Continua la collaborazione tra Nuar Gallery, fondata da Valentina Ferrari e Flaminia Ciattini, e il Grand Hotel, che vede le due realtà impegnate in una programmazione di eventi d’arte in calendario per la stagione estiva. Con l’apertura di una galleria d’arte permanente all’interno dell’hotel, l’arte diventa epicentro per nuovi stimoli esperienziali con mostre e attività di live painting. Prosegue inoltre la partnership con il Festival Sibelius, grazie alla quale il Grand Hotel Bristol accoglierà artisti internazionali per tutta la stagione con appuntamenti musicali e culturali. La direzione artistica del Sibelius Festival è affidata a Giulia Erminio, con due concerti in programma nelle giornate del 9 giugno 2024 e dell’8 settembre 2024. [post_title] => Grand Hotel Bristol, dalle attività personalizzate al Festival Sibelius per un’ospitalità esperienziale [post_date] => 2024-04-16T11:53:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713268382000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457993" align="alignleft" width="300"] Michele Diamantini[/caption] Nel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni. Nel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience. “Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”. [post_title] => Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso [post_date] => 2024-04-16T11:26:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713266762000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465418 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ecco la risposta di eDreams alle parole di Ryanair e a quelle di Michael O'Leary. «Ryanair sta mentendo ed è chiaramente in preda al panico dopo essere stata messa alle strette dalle autorità di regolamentazione. Si comportano spudoratamente come se fossero al di sopra della legge, ma non lo sono e saranno ritenuti responsabili nella misura massima consentita dalla legge. Il loro attacco frontale minaccioso  e senza precedenti contro l'Autorità garante della concorrenza italiana, a seguito delle conclusioni preliminari dell'autorità di regolamentazione sull'abuso di posizione dominante da parte della compagnia aerea, insieme alla loro infondata campagna di manipolazioni volte a screditare l'indagine, le autorità italiane (Enac, Agcom) e i concorrenti, mette in luce il vero carattere di Ryanair. Ryanair non dettare lezioni Questo comportamento è inaccettabile e dimostra il disprezzo di Ryanair nei confronti delle autorità di regolamentazione e di controllo e dei consumatori da loro tutelati. L'Agcom sta adempiendo al suo mandato e Ryanair non può dettare le azioni di questo o di qualsiasi altro regolatore: Ryanair deve smettere di mentire e rispettare la legge, una volta per tutte.     Sosteniamo inequivocabilmente l’Agcom e il suo presidente nei loro sforzi per difendere i diritti dei consumatori e garantire la concorrenza leale in tutta Italia».   [post_title] => eDreams: Ryanair è alle strette dalle autorità di regolamentazioni [post_date] => 2024-04-12T11:27:27+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712921247000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465396 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Impiego del biocarburante Hvo (olio vegetale idrotrattato); riduzione dell’uso della plastica grazie al filtro Uv installato sulle houseboat; pompa dell’acqua per gestire le risorse naturali in modo più responsabile. Sono le nuove misure introdotte da Le Boat, specialista delle vacanza in barca lungo fiumi, laghi e canali d’Europa e Canada, per migliorare ulteriormente la sostenibilità ambientale della propria offerta. Le novità saranno inizialmente lanciate nella base di Douelle, nel dipartimento del Lot della regione francese dell'Occitania. L'olio vegetale idrotrattato è in particolare un combustibile rinnovabile e biodegradabile al 100%, sintetizzato da grassi riutilizzati e scarti vegetali, che riduce le emissioni di carbonio del 90%. Il filtro Uv consente invece di avere a disposizione acqua purificata e sicura a bordo per l’intera durata del viaggio. La funzionalità del sistema viene controllata durante la preparazione della barca prima di ogni noleggio, attività che si integra con la disinfezione completa dell'intero impianto idrico prima all’inizio di ogni stagione. In considerazione dei problemi di siccità e di scarsità dell’acqua dettati dai cambiamenti climatici e con l’obiettivo di gestire le risorse idriche il modo più responsabile, Le Boat ha infine installato nella base di Douelle una pompa per utilizzare l’acqua del fiume nelle operazioni di pulizia delle houseboat. [post_title] => Le Boat sempre più green: nuovi biocarburanti e sistemi per la riduzione dell'uso di acqua e plastica [post_date] => 2024-04-12T10:36:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712918197000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465215 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un sistema geotermico, una centrale di cogenerazione e un sistema di accumulo a glicole, insieme ad altre tecnologie avanzate di termoregolazione, per massimizzare i risparmi energetici e ridurre al minimo l'impatto ambientale. E' il cuore della vocazione green di Habita79, hotel di Pompei parte della collezione MGallery di casa Accor.  Si tratta infatti di una combinazione di soluzioni pensata per riscaldare, raffreddare e generare energia in modo efficiente e sostenibile. L'hotel sfrutta in particolare una falda acquifera sotterranea come serbatoio termico per una centrale termofrigorifera a pompa di calore. Ciò consente di utilizzare l'energia naturale del suolo per riscaldare e raffreddare l'edificio, riducendo così il consumo di energia tradizionale e le emissioni di carbonio. Data l'impossibilità di installare impianti fotovoltaici o solari termici, l'hotel implementa inoltre un sistema di trigenerazione. Questo produce energia elettrica, termica e frigorifera in modo combinato, garantendo un utilizzo efficiente delle risorse e una maggiore autonomia energetica. Il sistema di accumulo di ghiaccio permette poi di gestire meglio la domanda di energia elettrica, riducendo la potenza di picco richiesta e utilizzando le risorse durante le ore più convenienti. Non solo: un sistema Ddc (Direct digital control) gestisce e ottimizza tutte le operazioni degli impianti, monitorando i parametri operativi e regolando i set point, sempre con l'obiettivo di massimizzare l'efficienza e ridurre i costi energetici. Habita79 promuove infine la sostenibilità anche nella mobilità, offrendo due postazioni di ricarica per auto elettriche gestite da Enel X.     [post_title] => All'MGallery Habita79 di Pompei la sostenibilità fa rima con tecnologia [post_date] => 2024-04-10T12:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712750629000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465216 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Raddoppio su Genova per Lufthansa sulla rotta per Monaco di Baviera: il secondo volo giornaliero è operato tutti i giorni da Air Dolomiti con aeromobili Embraer 190 e 195. La seconda frequenza giornaliera che si affianca a quello già da tempo operato a centro giornata, amplia notevolmente il ventaglio delle destinazioni collegate attraverso l’hub di Monaco e rappresenta una grande opportunità per potenziare i flussi turistici dalla Germania e dal resto del mondo verso la nostra regione. I viaggiatori in partenza da Genova possono così raggiungere, con un solo scalo, oltre 130 destinazioni del network di Lufthansa, tra cui Amburgo, Berlino, Düsseldorf, Hannover, Colonia, Copenaghen, Oslo, Zurigo, Praga, Atene, Stoccolma, Bruxelles, Helsinki, Sofia, Basilea, Chicago, Seul e Pechino.  "Investire sull’Italia e sul potenziamento dei collegamenti al servizio dei nostri viaggiatori italiani è una priorità fondamentale della strategia di crescita globale del Gruppo Lufthansa. La nuova frequenza per collegare Genova e il nostro hub di Monaco è un’opportunità ulteriore per permettere ai nostri clienti italiani di usufruire di tutte le destinazioni del network Lufthansa nel mondo e, parimenti, incrementare i flussi turistici a beneficio di tutto il territorio" commenta Gabriella Galantis, senior director sales Southern Europe Lufthansa Group. "Il ritorno del doppio volo giornaliero sulla Genova-Monaco è un’ottima notizia e conferma il rapporto privilegiato che da anni lega il vettore tedesco all’Aeroporto di Genova – aggiunge Francesco D’Amico, direttore generale di Aeroporto di Genova - Questo collegamento consente di migliorare la connettività del nostro aeroporto, consentendo di sfruttare al massimo il network di Lufthansa dall’hub di Monaco. Si tratta di una grande opportunità per chi viaggia per lavoro, che può contare su un ventaglio di destinazioni sempre più ampio e tempi di transito su Monaco più brevi. Allo stesso tempo, questo collegamento incrementa le possibilità, per i turisti tedeschi e non solo, di raggiungere la Liguria. Siamo anche fiduciosi che le compagnie croceristiche possano utilizzare questo collegamento per i loro passeggeri provenienti da tutto il mondo che si imbarcano nei porti della Liguria".   [post_title] => Lufthansa aggiunge un secondo volo giornaliero sulla Genova-Monaco, operato da Air Dolomiti [post_date] => 2024-04-10T11:49:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712749789000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro.  Questo è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio. Sindacato Ma si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool).  Tutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema. Giuseppe Aloe [post_title] => Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato [post_date] => 2024-04-10T11:00:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712746816000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gabriella gentile federcongressieventi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":34,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":505,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465765","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465766\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Gabriele Ferri e Pier Ezhaya[/caption]\r\nIl binomio viaggi e tecnologia, nella fattispecie AI e Generative AI, ma anche i nuovi trend di mercato e la sostenibilità sono i temi che sono stati al centro dell'incontro fra i rappresentanti di Boston Consulting Group e gli associati di Astoi Confindustria Viaggi.\r\n«In Astoi consideriamo strategico e irrinunciabile il tema della formazione e, oggi più che mai, sentiamo la responsabilità di accendere un faro sui nuovi scenari che potranno profilarsi a breve - afferma il presidente Astoi, Pier Ezhaya -. La vera sfida per gli operatori è infatti riuscire a leggere per tempo il futuro che verrà e dotarsi di strumenti per utilizzare al meglio le nuove tecnologie come, ad esempio, l’IA generativa e le sue declinazioni. Dobbiamo iniziare seriamente ad interrogarci su come queste straordinarie e rivoluzionarie tecnologie cambieranno a breve le abitudini, i bisogni dei viaggiatori e l’attività degli stessi operatori del settore. Comprendere tempestivamente come maneggiare questi strumenti e, soprattutto, capire come potranno essere utilizzati dalle nuove generazioni è la ricetta per restare sul mercato e continuare a competere, intercettando in modo più efficace i consumatori.\r\nI principi alla base del concetto di sostenibilità ambientale, sociale ed economica sono divenuti ormai i pilastri fondamentali di un nuovo modello di sviluppo che le aziende non possono ignorare. In quest’ottica, la sostenibilità dovrà integrarsi sempre di più nella pianificazione strategica degli operatori. Crediamo sia molto importante l’aver offerto ai nostri associati questo momento formativo a cura di un gruppo di grande valore come BCG e siamo intenzionati ad andare avanti su questa strada moltiplicando occasioni di incontro volte alla crescita ed alla consapevolezza delle imprese che rappresentiamo».\r\nGabriele Ferri, managing director e partner della società di consulenza strategica, aggiunge: «Il mercato dei viaggi organizzati - che in Italia vale circa 9 miliardi di euro - si conferma estremamente resiliente e in crescita, e ha già recuperato e superato in valore il dato 2019 pre-covid. La crescita futura sarà trainata da un’offerta di valore, attenta all’esperienza di viaggio in ogni suo aspetto, dalla pianificazione fino al supporto nel caso di imprevisti, e passerà sempre di più attraverso i canali di vendita on-line, sia diretti che intermediati. Gli Italiani mostrano sempre maggiore interesse verso prodotti turistici più evoluti, come viaggi attivi, spedizioni, che presentano maggiore complessità organizzativa e offrono anche maggiori opportunità di socializzazione e di effettuare esperienze uniche e memorabili. Per rimanere competitivi e continuare a crescere, i tour operator oggi devono quindi sviluppare la capacità di offrire esperienze complesse e fortemente personalizzate, adottando una strategia omnicanale utilizzando al meglio il patrimonio di dati a loro disposizione, oltre che perseguire concretamente obiettivi di sostenibilità».","post_title":"Astoi e Boston Consulting Group: formazione focalizzata su nuove tecnologie e sostenibilità","post_date":"2024-04-17T15:24:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713367473000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465636","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Esperienze, esperienze, esperienze. E' questo quello che si cerca oggi da un viaggio. Soprattutto nel nostro paese. Parola di Michela Trevisan, una delle fondatrici di Missing Italia: operatore incoming con base in provincia di Padova incontrato da noi di Travel Quotidiano in occasione dalla presentazione del digital hub ItaliAbsolutely al Las Vegas Travel Agent Forum: \"Le persone non vogliono più soltanto essere visitatori, guardare e basta come se fossero al cinema; desiderano fare parte del film. In poche parole, fare esperienze, come per esempio incontrare una famiglia e far da mangiare insieme, imparare a fare la pasta... Ma l'esperienza può anche essere organizzare un giro in collina in bicicletta, piuttosto che in montagna o da un'altra parte. Insomma, non è più soltanto questione di cooking class. Siamo noi stessi che dobbiamo aprire i nostri prodotti a nuove opportunità\".\r\n\r\nNato nel 2004, per volontà di cinque socie, Missing Italia è cresciuto nel tempo continuando però e essere fedele alla propria mission: gestire viaggi incoming solo ed esclusivamente verso la nostra penisola. \"I nostri mercati di riferimento sono la Francia per i tour organizzati e di gruppo. Tutto il mondo anglofono, e soprattutto gli Usa, con in più un pizzico di Far East è invece più interessato ai viaggi individuali e ai piccoli gruppi. Noi ci sforziamo ogni volta di curare ogni tipo di dettaglio e di essere disponibili sette giorni su sette, h24\".\r\n\r\nDopo il periodo del Covid, la domanda è tornata a crescere in maniera esponenziale, \"quasi persino troppo velocemente - ammette Michela Trevisan -. Anche perché non sempre le pubbliche amministrazioni sono pienamente collaborative con chi fa turismo. E poi certo, i prezzi sono aumenti. A volte anche in maniera eccessiva rispetto a un livello di servizi che non sempre è cresciuto di conseguenza. Noi in ogni caso continuiamo a impegnarci a fare del nostro meglio, perché crediamo moltissimo nel futuro dell'incoming. E lo dimostra anche la nostra presenza qui a Las Vegas\". (q.f.)","post_title":"Missing Italia: experience, experience, experience è ciò che cerca chi viene da noi","post_date":"2024-04-16T13:17:12+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713273432000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465609","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una stagione ricca di iniziative ed eventi per il Grand Hotel Bristol del gruppo R Collection.\r\n\r\nLa struttura 5 stelle sulla Portofino Coast offre agli ospiti un concetto di Dolce Vita ridefinito, che coinvolge tutti i cinque sensi per garantire esperienze di sensazioni studiate dal Lifestyle Concierge. Gli ospiti possono vivere esperienze di benessere presso la Erre Spa, la più grande spa in un hotel della Liguria. L'offerta di ristorazione comprende una varietà di soluzioni quali il fine dining Le Cupole, situato sul rooftop, il bistrot italiano La Veranda, The Silk Lounge bar e il Flamingo Pool Bar&Pizzeria gourmet a bordo piscina.\r\n\r\n«Il nostro obiettivo – spiega  Ludovica Rocchi, Brand Director R Collection - è garantire un modello di ospitalità esperienziale all’ospite in sintonia con l’anima, la storia, i profumi e i sapori del territorio con proposte esclusive che possano sorprenderlo. La centralità dell’ospite è il tratto distintivo della nostra ospitalità. La nostra accoglienza è italiana e su misura».\r\n\r\nDalla musica nelle aree comuni, alle esperienze culinari e genuine della tradizione ligure con la cucina dello chef Andrea Cannalire, alla migliore vista su Portofino Coast, alle esperienze uniche che coinvolgono direttamente gli ospiti, come il Wine&Art Class, un’esclusiva degustazione vini realizzata in una galleria d’arte moderna e intervallata da vernissage di opere, la degustazione di olio EVO e l’iconica Masterclass di Pesto: il Grand Hotel Bristol è la destinazione ideale per i luxury travellers, dalle coppie, le famiglie, ai gruppi di amici, pensato per ospiti che sono alla ricerca di autenticità.\r\n\r\nContinua la collaborazione tra Nuar Gallery, fondata da Valentina Ferrari e Flaminia Ciattini, e il Grand Hotel, che vede le due realtà impegnate in una programmazione di eventi d’arte in calendario per la stagione estiva. Con l’apertura di una galleria d’arte permanente all’interno dell’hotel, l’arte diventa epicentro per nuovi stimoli esperienziali con mostre e attività di live painting.\r\n\r\nProsegue inoltre la partnership con il Festival Sibelius, grazie alla quale il Grand Hotel Bristol accoglierà artisti internazionali per tutta la stagione con appuntamenti musicali e culturali. La direzione artistica del Sibelius Festival è affidata a Giulia Erminio, con due concerti in programma nelle giornate del 9 giugno 2024 e dell’8 settembre 2024.","post_title":"Grand Hotel Bristol, dalle attività personalizzate al Festival Sibelius per un’ospitalità esperienziale","post_date":"2024-04-16T11:53:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713268382000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457993\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Diamantini[/caption]\r\n\r\nNel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni.\r\n\r\nNel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience.\r\n\r\n“Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”.","post_title":"Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso","post_date":"2024-04-16T11:26:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713266762000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465418","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ecco la risposta di eDreams alle parole di Ryanair e a quelle di Michael O'Leary.\r\n«Ryanair sta mentendo ed è chiaramente in preda al panico dopo essere stata messa alle strette dalle autorità di regolamentazione. Si comportano spudoratamente come se fossero al di sopra della legge, ma non lo sono e saranno ritenuti responsabili nella misura massima consentita dalla legge.\r\nIl loro attacco frontale minaccioso  e senza precedenti contro l'Autorità garante della concorrenza italiana, a seguito delle conclusioni preliminari dell'autorità di regolamentazione sull'abuso di posizione dominante da parte della compagnia aerea, insieme alla loro infondata campagna di manipolazioni volte a screditare l'indagine, le autorità italiane (Enac, Agcom) e i concorrenti, mette in luce il vero carattere di Ryanair.\r\n\r\nRyanair non dettare lezioni\r\nQuesto comportamento è inaccettabile e dimostra il disprezzo di Ryanair nei confronti delle autorità di regolamentazione e di controllo e dei consumatori da loro tutelati.\r\nL'Agcom sta adempiendo al suo mandato e Ryanair non può dettare le azioni di questo o di qualsiasi altro regolatore: Ryanair deve smettere di mentire e rispettare la legge, una volta per tutte.\r\n   \r\nSosteniamo inequivocabilmente l’Agcom e il suo presidente nei loro sforzi per difendere i diritti dei consumatori e garantire la concorrenza leale in tutta Italia».\r\n ","post_title":"eDreams: Ryanair è alle strette dalle autorità di regolamentazioni","post_date":"2024-04-12T11:27:27+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712921247000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465396","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Impiego del biocarburante Hvo (olio vegetale idrotrattato); riduzione dell’uso della plastica grazie al filtro Uv installato sulle houseboat; pompa dell’acqua per gestire le risorse naturali in modo più responsabile. Sono le nuove misure introdotte da Le Boat, specialista delle vacanza in barca lungo fiumi, laghi e canali d’Europa e Canada, per migliorare ulteriormente la sostenibilità ambientale della propria offerta. Le novità saranno inizialmente lanciate nella base di Douelle, nel dipartimento del Lot della regione francese dell'Occitania.\r\n\r\nL'olio vegetale idrotrattato è in particolare un combustibile rinnovabile e biodegradabile al 100%, sintetizzato da grassi riutilizzati e scarti vegetali, che riduce le emissioni di carbonio del 90%. Il filtro Uv consente invece di avere a disposizione acqua purificata e sicura a bordo per l’intera durata del viaggio. La funzionalità del sistema viene controllata durante la preparazione della barca prima di ogni noleggio, attività che si integra con la disinfezione completa dell'intero impianto idrico prima all’inizio di ogni stagione. In considerazione dei problemi di siccità e di scarsità dell’acqua dettati dai cambiamenti climatici e con l’obiettivo di gestire le risorse idriche il modo più responsabile, Le Boat ha infine installato nella base di Douelle una pompa per utilizzare l’acqua del fiume nelle operazioni di pulizia delle houseboat.","post_title":"Le Boat sempre più green: nuovi biocarburanti e sistemi per la riduzione dell'uso di acqua e plastica","post_date":"2024-04-12T10:36:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712918197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465215","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un sistema geotermico, una centrale di cogenerazione e un sistema di accumulo a glicole, insieme ad altre tecnologie avanzate di termoregolazione, per massimizzare i risparmi energetici e ridurre al minimo l'impatto ambientale. E' il cuore della vocazione green di Habita79, hotel di Pompei parte della collezione MGallery di casa Accor. \r\n\r\nSi tratta infatti di una combinazione di soluzioni pensata per riscaldare, raffreddare e generare energia in modo efficiente e sostenibile. L'hotel sfrutta in particolare una falda acquifera sotterranea come serbatoio termico per una centrale termofrigorifera a pompa di calore. Ciò consente di utilizzare l'energia naturale del suolo per riscaldare e raffreddare l'edificio, riducendo così il consumo di energia tradizionale e le emissioni di carbonio.\r\n\r\nData l'impossibilità di installare impianti fotovoltaici o solari termici, l'hotel implementa inoltre un sistema di trigenerazione. Questo produce energia elettrica, termica e frigorifera in modo combinato, garantendo un utilizzo efficiente delle risorse e una maggiore autonomia energetica.\r\n\r\nIl sistema di accumulo di ghiaccio permette poi di gestire meglio la domanda di energia elettrica, riducendo la potenza di picco richiesta e utilizzando le risorse durante le ore più convenienti. Non solo: un sistema Ddc (Direct digital control) gestisce e ottimizza tutte le operazioni degli impianti, monitorando i parametri operativi e regolando i set point, sempre con l'obiettivo di massimizzare l'efficienza e ridurre i costi energetici. Habita79 promuove infine la sostenibilità anche nella mobilità, offrendo due postazioni di ricarica per auto elettriche gestite da Enel X.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"All'MGallery Habita79 di Pompei la sostenibilità fa rima con tecnologia","post_date":"2024-04-10T12:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712750629000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465216","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Raddoppio su Genova per Lufthansa sulla rotta per Monaco di Baviera: il secondo volo giornaliero è operato tutti i giorni da Air Dolomiti con aeromobili Embraer 190 e 195.\r\n\r\nLa seconda frequenza giornaliera che si affianca a quello già da tempo operato a centro giornata, amplia notevolmente il ventaglio delle destinazioni collegate attraverso l’hub di Monaco e rappresenta una grande opportunità per potenziare i flussi turistici dalla Germania e dal resto del mondo verso la nostra regione.\r\n\r\nI viaggiatori in partenza da Genova possono così raggiungere, con un solo scalo, oltre 130 destinazioni del network di Lufthansa, tra cui Amburgo, Berlino, Düsseldorf, Hannover, Colonia, Copenaghen, Oslo, Zurigo, Praga, Atene, Stoccolma, Bruxelles, Helsinki, Sofia, Basilea, Chicago, Seul e Pechino. \r\n\r\n\"Investire sull’Italia e sul potenziamento dei collegamenti al servizio dei nostri viaggiatori italiani è una priorità fondamentale della strategia di crescita globale del Gruppo Lufthansa. La nuova frequenza per collegare Genova e il nostro hub di Monaco è un’opportunità ulteriore per permettere ai nostri clienti italiani di usufruire di tutte le destinazioni del network Lufthansa nel mondo e, parimenti, incrementare i flussi turistici a beneficio di tutto il territorio\" commenta Gabriella Galantis, senior director sales Southern Europe Lufthansa Group.\r\n\r\n\"Il ritorno del doppio volo giornaliero sulla Genova-Monaco è un’ottima notizia e conferma il rapporto privilegiato che da anni lega il vettore tedesco all’Aeroporto di Genova – aggiunge Francesco D’Amico, direttore generale di Aeroporto di Genova - Questo collegamento consente di migliorare la connettività del nostro aeroporto, consentendo di sfruttare al massimo il network di Lufthansa dall’hub di Monaco. Si tratta di una grande opportunità per chi viaggia per lavoro, che può contare su un ventaglio di destinazioni sempre più ampio e tempi di transito su Monaco più brevi. Allo stesso tempo, questo collegamento incrementa le possibilità, per i turisti tedeschi e non solo, di raggiungere la Liguria. Siamo anche fiduciosi che le compagnie croceristiche possano utilizzare questo collegamento per i loro passeggeri provenienti da tutto il mondo che si imbarcano nei porti della Liguria\".\r\n\r\n ","post_title":"Lufthansa aggiunge un secondo volo giornaliero sulla Genova-Monaco, operato da Air Dolomiti","post_date":"2024-04-10T11:49:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712749789000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro. \r\n\r\nQuesto è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio.\r\nSindacato\r\nMa si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool). \r\n\r\nTutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato","post_date":"2024-04-10T11:00:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712746816000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti