28 January 2023

Forbes: Basilicata fra le prime 5 destinazioni italiane nel 2023

[ 0 ]

Forbes, una fra le più importanti riviste internazionali, posiziona la Basilicata fra le prime cinque destinazioni turistiche in Italia da raggiungere nel 2023. Nei giorni scorsi Vogue aveva inserito la Basilicata tra le 12 migliori destinazioni al mondo da visitare nel 2023 inserendola nella sua speciale short list insieme a Giappone, Scozia, Patagonia e Singapore.

d esprimere un nuovo giudizio positivo oggi è il magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle: Forbes. La giornalista della rivista Catherine Sabino riserva la sua attenzione ai due mari della Basilicata, dal Tirreno, con Maratea, alla costa Metapontina.

Per il presidente della regione Basilicata, Vito Bardi, “l’impegno profuso per la promozione del brand Basilicata consta di azioni che giorno dopo giorno, come sistema regionale, stiamo mettendo in campo. è un lavoro sostenuto da risorse straordinarie mobilitate via via dai diversi dipartimenti, e che sta portando i suoi risultati grazie alla passione e competenza di tutti gli attori di un settore strategico come il turismo, e di cui tutti dobbiamo ritenerci orgogliosi”. 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437953 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è chiuso un buon 2022 per Grandi Navi Veloci che ha movimentato un numero di passeggeri maggiore rispetto al 2019, anno a cui risale il precedente record della compagnia. È stato inoltre registrato un incremento del 46% dei viaggiatori trasportati durante l’arco della stagione rispetto al 2021. Sono cresciute in particolare le destinazioni Sicilia e Sardegna, che messo rispettivamente a segno un +22% e un +45% rispetto all’anno precedente. Per le adv, l’incremento delle prenotazioni è stato del 37%. Per il 2023 Gnv conferma quindi la programmazione del 2022, rinnovando la già capillare presenza sul mercato italiano. Sulla Sardegna la compagnia sarà presente con la linea tra Civitavecchia e Olbia, con sei partenze a settimana da entrambi i porti, oltre ad aumentate l’offerta con quattro navi sulle tratte Genova-Olbia e Genova-Torres, con due partenze al giorno per entrambe le linee; in Sicilia ci saranno i collegamenti giornalieri da e per Palermo con Genova e Napoli, le linee da Civitavecchia per Palermo e Termini Imerese, nonché il collegamento Napoli-Termini Imerese, con un’offerta che consente di collegare l’isola ai porti più importanti dell’arco tirrenico. Confermata inoltre la presenza in Spagna, nelle Baleari con quattro navi con partenze tutti i giorni da e per i porti di Barcellona e Valencia per Minorca, Palma di Maiorca e Ibiza, garantendo così collegamenti quotidiani per tutte le isole, nonché l’operatività in Marocco dove Gnv sarà presente con sei linee da e per Italia, Spagna e Francia, offrendo una rete completa verso tutti i maggiori porti mediterranei con i collegamenti bi e tri settimanali Genova-Tangeri, Civitavecchia-Tangeri, Barcellona-Tangeri e Barcellona-Nador, Sète-Tangeri e Sète-Nador, oltre alla linea Almeria-Nador inaugurata la scorsa estate. Continuano infine gli investimenti nel collegamento giornaliero verso l’Albania, della linea Bari-Durazzo, e vengono confermati anche per il 2023 le partenze dai porti di Genova, Civitavecchia e Palermo per Tunisi. [post_title] => Gnv: nel 2022 il numero di passeggeri ha superato i livelli pre-Covid [post_date] => 2023-01-26T10:49:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674730177000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Annunciata già a fine agosto, viene finalmente messa a terra la parte degli aiuti previsti dal Pnrr per le imprese del ricettivo, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo del turismo (Fri-Tur). Si tratta di un contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi. Santanché: dal 2023 il sorpasso sui dati pre-pandemici "E' una leva finanziaria necessaria per il turismo, perché dobbiamo alzare l'asticella - ha commentato il ministro del Turismo, Daniela Santanché, in occasione di una conferenza stampa a Roma -. La richiesta è sempre più alta, il target sempre più esigente. Dobbiamo quindi aumentare la qualità dei nostri servizi per competere. La nuova leva si inserisce peraltro in un momento buono per l'industria dei viaggi: il 2023 sarà l'anno del sorpasso rispetto ai dati pre-pandemici". Da qualche minuto è peraltro già attivo il sito con tutte le informazioni sulla misura, ha contestualmente rivelato Luigi Gallo, responsabile area innovazione di Invitalia, che gestirà la piattaforma: "Dal prossimo 30 gennaio sarà invece possibile accedere e scaricare la domanda che si potrà poi inviare a partire dal 1° di marzo". Focus sugli investimenti da 500 mila a 10 milioni di euro La misura si rivolge, tra gli altri, ad alberghi, agriturismi, stabilimenti balnearie e termali, strutture ricettive all'aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale. Sono richiesti investimenti medio-grandi, compresi tra 500 mila e 10 milioni di euro, che puntano sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione, in particolare sulla riqualificazione energetica e antisismica. Altri interventi agevolabili riguardano l'eliminazione delle barriere architettoniche, la manutenzione straordinaria, la realizzazione di piscine termali, l'acquisto o il rinnovo di arredi. Due le forme di agevolazione previste: il contributo diretto alla spesa, concessi dal ministero del Turismo, e un finanziamento agevolato, concesso da Cassa Depositi e Prestiti. Entrambe le agevolazioni verranno concesse sulla base della valutazione dei progetti affidata a Invitalia. Al finanziamento agevolato dovrà essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca che aderisce all'apposita convenzione firmata da dicastero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cdp.   [post_title] => Pnrr: arrivano 1,4 miliardi per le imprese del ricettivo [post_date] => 2023-01-25T12:38:35+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674650315000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437921 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_230160" align="alignleft" width="300"] Dana Dunne[/caption] eDreams Odigeo ha annunciato oggi l'espansione della sua rete di Tech Hub con il lancio di un nuovo centro di innovazione a Milano. Il nuovo Tech Hub di Milano ha avviato le attività con un team iniziale di 60 persone. L'azienda prevede di assumere altri 100 professionisti in ambito tecnologico quest'anno in tutti i tech hub che gestisce in Europa, e Milano è una delle sedi in cui si stanno concentrando gli sforzi di reclutamento. Chi è interessato potrà trovare l’elenco delle selezioni attive sul sito dell’azienda dedicato, edreamsodigeocareers.com. I principali profili ricercati sono al momento: Data Scientist Technical Support Engineer Lead Engineer Java software engineer Frontend software engineer iOS Software engineer Android software engineer Java developer Frontend developer PHP Software engineer Espansione in Europa L'annuncio arriva mentre l'azienda continua a puntare su nuovi centri di sviluppo in tutta Europa, come nel caso dei recenti annunci per i Tech Hub di Porto, Barcellona, Madrid, Palma di Maiorca, Alicante e Budapest. Nominata dalla rivista Forbes una delle "Migliori aziende per cui lavorare nel 2022", eDreams Odigeo, solo l’anno scorso, a livello globale ha aggiunto 250 nuovi membri del team che sono stati inseriti nei dipartimenti tecnologici per supportare la crescita del suo servizio di abbonamento Prime, con l’obiettivo di raggiungere 7,25 milioni di membri Prime entro il 2025. Dana Dunne, amministratore delegato di eDreams Odigeo, ha dichiarato. «Con la continua crescita della domanda di viaggi leasure e di servizi in abbonamento, siamo in una posizione ideale per intraprendere la prossima fase del nostro viaggio. Garantire ai nostri clienti un'esperienza soddisfacente è la chiave del nostro successo e, a tal fine, stiamo investendo nell'espansione della nostra rete di Tech Hub in tutta Europa e nel reclutamento di talenti di prim’ordine che si uniscano al nostro team e ci aiutino a continuare a rivoluzionare il settore dei viaggi. I nostri Tech Hub svolgono un ruolo cruciale nel sostenere la nostra continua crescita come azienda con modello di abbonamento. Il loro contributo avrà un impatto significativo sulle abitudini d’acquisto di milioni di viaggiatori in tutto il mondo. Siamo ansiosi di vedere il brillante futuro che attende eDreams Odigeo".   [post_title] => eDreams apre il nuovo Tech hub a Milano e ricerca personale [post_date] => 2023-01-25T11:43:16+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674646996000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437817 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Forbes, una fra le più importanti riviste internazionali, posiziona la Basilicata fra le prime cinque destinazioni turistiche in Italia da raggiungere nel 2023. Nei giorni scorsi Vogue aveva inserito la Basilicata tra le 12 migliori destinazioni al mondo da visitare nel 2023 inserendola nella sua speciale short list insieme a Giappone, Scozia, Patagonia e Singapore. d esprimere un nuovo giudizio positivo oggi è il magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle: Forbes. La giornalista della rivista Catherine Sabino riserva la sua attenzione ai due mari della Basilicata, dal Tirreno, con Maratea, alla costa Metapontina. Per il presidente della regione Basilicata, Vito Bardi, "l'impegno profuso per la promozione del brand Basilicata consta di azioni che giorno dopo giorno, come sistema regionale, stiamo mettendo in campo. è un lavoro sostenuto da risorse straordinarie mobilitate via via dai diversi dipartimenti, e che sta portando i suoi risultati grazie alla passione e competenza di tutti gli attori di un settore strategico come il turismo, e di cui tutti dobbiamo ritenerci orgogliosi".  [post_title] => Forbes: Basilicata fra le prime 5 destinazioni italiane nel 2023 [post_date] => 2023-01-24T11:31:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674559878000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437767 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Th Costa Rei - Free Beach Resort il nuovo indirizzo sardo del gruppo Th, che sale in questo modo a quota 16 strutture mare, undici montagna e quattro urban, tutte localizzate in Italia. La nuova acquisizione è stata condotta in partnership con Iti Marina Hotels & Resorts e riguarda l'ex Free Beach Resort, già di proprietà di Giovanni Nonne, ex presidente Gestitur. Il complesso, situato in una delle aree più suggestive della costa sudorientale dell'isola, è dotato di 400 camere disposte in un anfiteatro naturale e immerse nella macchia mediterranea di fronte alla spiaggia di Costa Rei. “Quella che festeggiamo oggi è una tappa importante - spiega il presidente del gruppo Th, Graziano Debellini -: il Th Costa Rei - Free Beach Resort era nei nostri obiettivi da tempo e consolida ulteriormente il nostro posizionamento e la nostra presenza sull’isola". Dopo il Th Chia - Parco Torre Chia, la compagnia padovana torna quindi a investire in Sardegna, dove gestisce anche il Th San Teodoro - Liscia Eldi e il Tci La Maddalena, nel nord dell’isola. “Questi anni sono stati una grande sfida che ci sentiamo di aver vinto con grande sacrificio, flessibilità, fiducia e un forte spirito di squadra, che caratterizza da sempre la famiglia Th - aggiunge l’amministratore del gruppo, Giuliano Gaiba -. L’entrata nel nostro portfolio sardo di questo importante e storico villaggio vacanze, molto apprezzato a livello internazionale, rientra nel nostro progetto di crescita ed espansione, che vede tra i tanti obiettivi l’acquisizione di un altro resort entro i prossimi mesi”. “Il poter annoverare, dopo 45 anni di attività sul territorio, lo storico e rinomato Free Beach Resort tra le nostre 35 proprietà è, per me e la mia famiglia, motivo di forte orgoglio e sentita soddisfazione professionale, oltreché personale - conclude infine Piero Loi, direttore generale Iti Marina Hotels & Resorts. [post_title] => Th Resorts cresce in Sardegna con lo storico Free Beach Resort [post_date] => 2023-01-23T11:55:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674474947000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437755 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_425237" align="alignleft" width="300"] Luigi Ferraris, ad del gruppo Fs[/caption] Gruppo Ferrovie dello Stato e Guardia di finanza hanno siglato un accordo per prevenire i tentativi di infiltrazione criminale nei settori economici legali, per la tutela della regolarità e della trasparenza degli appalti promossi dal Gruppo FS e per il contrasto alle frodi, alla corruzione e agli illeciti in genere, con particolare riguardo agli interventi previsti nell’ambito del Pnrr. l protocollo - spiega la nota - è stato firmato dall’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris e dal gen. Giuseppe Zafarana e suggella un rapporto di collaborazione tra il corpo e il gruppo, attivando anche un capillare monitoraggio delle infrastrutture strategiche di Ferrovie dello Stato, attraverso riprese e rilievi fotografici effettuati con l’ausilio di mezzi aerei della Guardia di Finanza. Prosegue dunque l’impegno per la legalità e la trasparenza del Gruppo FS e la sua fitta collaborazione con le Forze dell’Ordine. L’accordo raggiunto con la Guardia di Finanza, infatti, arriva dopo altri due importanti intese siglate nei mesi scorsi dal Gruppo guidato da Luigi Ferraris. La prima con l’Arma dei Carabinieri è stata finalizzata ad avviare una collaborazione duratura e strutturata a difesa della legalità, a contrastare le infiltrazioni criminali e promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri delle opere infrastrutturali gestite dal Gruppo. Il tutto con un’attenzione particolare al rispetto delle leggi in materia di collocamento di manodopera, previdenza e sicurezza sui luoghi di lavoro. Sicurezza ed efficacia delle operazioni di soccorso sono, invece, al centro del protocollo firmato dal Gruppo FS con i Vigili del Fuoco, con cui è stato condiviso anche l’obiettivo di promuovere la formazione degli operatori incaricati di gestire le emergenze, studiare un sistema di monitoraggio delle infrastrutture, svolgere attività di prevenzione, in particolare degli incendi, analizzare e monitorare potenziali scenari di rischio, agevolare la gestione delle emergenze, individuare possibili sedi di nuovi presidi per i Vigili del Fuoco in prossimità della rete ferroviaria. [post_title] => Fs e Guardia di finanza siglano un'intesa per evitare infiltrazioni nell'attuazione del Pnrr [post_date] => 2023-01-23T11:01:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674471660000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437717 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescono le presenze nelle strutture R Collection e si definiscono i gusti della clientela. "La stagione 2022 si è conclusa con un grande successo per il gruppo – sottolinea Ludovica Rocchi, brand director della compagnia - con risultati oltre a quanto programmato, raggiungendo un 35% in più rispetto al 2021. Le tendenze che si sono confermate nella stagione appena passata sono state il forte interesse per la ristorazione e per il benessere: due asset fondamentali che poniamo ai primi posti della nostra vision, insieme a un modello di ospitalità esperienziale in sintonia con l’anima, la storia, i profumi e i sapori del territorio". Molte le novità per quanto concerne le strutture. Sul lago di Como, il Grand Hotel Victoria amplierà i propri servizi grazie al nuovo investimento nella gestione del lido di Menaggio, mentre l’hotel Royal Victoria e Villa Cipressi a Varenna presenteranno nuove proposte f&b, accompagnate dal rinnovamento dell’interior design degli spazi della ristorazione e da una veranda inedita, che consentirà di godere di una vista ancora migliore sul lago. Continueranno quindi i lavori a Cernobbio per l’apertura nella primavera del 2024 del Regina Olga. "Spostandoci sulla Portofino Coast in Liguria – conclude Ludovica Rocchi -, il Grand Hotel Bristol riaprirà le proprie porte il prossimo 10 marzo come una struttura lifestyle a 5 stelle, forte della recente affiliazione al brand Small Luxury Hotels of the World. Miriamo così a declinare il modello Dolce vita in un concetto contemporaneo di ospitalità, valorizzando comfort esclusivi e servizi di qualità». [post_title] => Rocchi, R Collection: cresce l'interesse per benessere, ristorazione e vacanza esperienziale [post_date] => 2023-01-23T10:17:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674469037000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437678 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mettere a rete le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, dare loro la possibilità di acquisire i prodotti migliori, di confrontarsi, di colloquiare con agenzie e tour operator, ma anche di incontrare guide, traduttori e tutti i professionisti e le imprese che ruotano attorno al mondo del turismo. E' questo il senso di un evento come TuttoHotel, secondo Vincenzo Schiavo. Il vicepresidente nazionale di Confesercenti era presente alla fiera napoletana organizzata da Squisito Eventi, Ticketlab e D&d Group in concomitanza con il convegno “Evoluzione del fenomeno extralberghiero: costumer experience e normativa”, realizzato proprio dalla stessa confederazione datoriale. "Per noi di Confesercenti, l'industria dei viaggi e dell'ospitalità è un elemento chiave, tanto che al nostro interno abbiamo una realtà ad hoc, Assoturismo, che rappresenta l'intera categoria - prosegue Schiavo -. Il nostro impegno per le imprese è quotidiano e si declina tra le altre cose in un supporto assicurativo ad hoc, nonché nel dare la possibilità ai nostri associati di accedere a forme di finanziamento agevolate e tarate sulle loro specifiche esigenze. Non si può infatti pensare di attendere sei mesi per ricevere i capitali necessari ad avviare un progetto. E' per questo che noi garantiamo finanza in tempi ragionevoli, attorno ai 20-30 giorni dalla presentazione della richiesta". Ma il lavoro di Confesercenti va naturalmente anche oltre: "I nostri rappresentanti di categoria, presidenti e coordinatori, vengono nominati tutti tra chi opera quotidianamente nel settore e sono in grado di contribuire allo sviluppo non solo del comparto ma dall'intera economia nazionale - conclude Schiavo -. A una condizione però: che le istituzioni ci ascoltino. Perché il turismo è un comparto in grado di cambiare alla radice l'asset industriale di un territorio". [post_title] => Schiavo, Confesercenti: "Il turismo è in grado di cambiare l'economia di un territorio" [post_date] => 2023-01-20T13:01:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674219687000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "forbes basilicata" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":18,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":550,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437953","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è chiuso un buon 2022 per Grandi Navi Veloci che ha movimentato un numero di passeggeri maggiore rispetto al 2019, anno a cui risale il precedente record della compagnia. È stato inoltre registrato un incremento del 46% dei viaggiatori trasportati durante l’arco della stagione rispetto al 2021. Sono cresciute in particolare le destinazioni Sicilia e Sardegna, che messo rispettivamente a segno un +22% e un +45% rispetto all’anno precedente. Per le adv, l’incremento delle prenotazioni è stato del 37%.\r\n\r\nPer il 2023 Gnv conferma quindi la programmazione del 2022, rinnovando la già capillare presenza sul mercato italiano. Sulla Sardegna la compagnia sarà presente con la linea tra Civitavecchia e Olbia, con sei partenze a settimana da entrambi i porti, oltre ad aumentate l’offerta con quattro navi sulle tratte Genova-Olbia e Genova-Torres, con due partenze al giorno per entrambe le linee; in Sicilia ci saranno i collegamenti giornalieri da e per Palermo con Genova e Napoli, le linee da Civitavecchia per Palermo e Termini Imerese, nonché il collegamento Napoli-Termini Imerese, con un’offerta che consente di collegare l’isola ai porti più importanti dell’arco tirrenico.\r\n\r\nConfermata inoltre la presenza in Spagna, nelle Baleari con quattro navi con partenze tutti i giorni da e per i porti di Barcellona e Valencia per Minorca, Palma di Maiorca e Ibiza, garantendo così collegamenti quotidiani per tutte le isole, nonché l’operatività in Marocco dove Gnv sarà presente con sei linee da e per Italia, Spagna e Francia, offrendo una rete completa verso tutti i maggiori porti mediterranei con i collegamenti bi e tri settimanali Genova-Tangeri, Civitavecchia-Tangeri, Barcellona-Tangeri e Barcellona-Nador, Sète-Tangeri e Sète-Nador, oltre alla linea Almeria-Nador inaugurata la scorsa estate. Continuano infine gli investimenti nel collegamento giornaliero verso l’Albania, della linea Bari-Durazzo, e vengono confermati anche per il 2023 le partenze dai porti di Genova, Civitavecchia e Palermo per Tunisi.","post_title":"Gnv: nel 2022 il numero di passeggeri ha superato i livelli pre-Covid","post_date":"2023-01-26T10:49:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674730177000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Annunciata già a fine agosto, viene finalmente messa a terra la parte degli aiuti previsti dal Pnrr per le imprese del ricettivo, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo del turismo (Fri-Tur). Si tratta di un contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi.\r\nSantanché: dal 2023 il sorpasso sui dati pre-pandemici\r\n\"E' una leva finanziaria necessaria per il turismo, perché dobbiamo alzare l'asticella - ha commentato il ministro del Turismo, Daniela Santanché, in occasione di una conferenza stampa a Roma -. La richiesta è sempre più alta, il target sempre più esigente. Dobbiamo quindi aumentare la qualità dei nostri servizi per competere. La nuova leva si inserisce peraltro in un momento buono per l'industria dei viaggi: il 2023 sarà l'anno del sorpasso rispetto ai dati pre-pandemici\".\r\n\r\nDa qualche minuto è peraltro già attivo il sito con tutte le informazioni sulla misura, ha contestualmente rivelato Luigi Gallo, responsabile area innovazione di Invitalia, che gestirà la piattaforma: \"Dal prossimo 30 gennaio sarà invece possibile accedere e scaricare la domanda che si potrà poi inviare a partire dal 1° di marzo\".\r\nFocus sugli investimenti da 500 mila a 10 milioni di euro\r\nLa misura si rivolge, tra gli altri, ad alberghi, agriturismi, stabilimenti balnearie e termali, strutture ricettive all'aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale. Sono richiesti investimenti medio-grandi, compresi tra 500 mila e 10 milioni di euro, che puntano sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione, in particolare sulla riqualificazione energetica e antisismica. Altri interventi agevolabili riguardano l'eliminazione delle barriere architettoniche, la manutenzione straordinaria, la realizzazione di piscine termali, l'acquisto o il rinnovo di arredi.\r\n\r\nDue le forme di agevolazione previste: il contributo diretto alla spesa, concessi dal ministero del Turismo, e un finanziamento agevolato, concesso da Cassa Depositi e Prestiti. Entrambe le agevolazioni verranno concesse sulla base della valutazione dei progetti affidata a Invitalia. Al finanziamento agevolato dovrà essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca che aderisce all'apposita convenzione firmata da dicastero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cdp.\r\n\r\n ","post_title":"Pnrr: arrivano 1,4 miliardi per le imprese del ricettivo","post_date":"2023-01-25T12:38:35+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674650315000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437921","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_230160\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dana Dunne[/caption]\r\n\r\neDreams Odigeo ha annunciato oggi l'espansione della sua rete di Tech Hub con il lancio di un nuovo centro di innovazione a Milano. Il nuovo Tech Hub di Milano ha avviato le attività con un team iniziale di 60 persone. L'azienda prevede di assumere altri 100 professionisti in ambito tecnologico quest'anno in tutti i tech hub che gestisce in Europa, e Milano è una delle sedi in cui si stanno concentrando gli sforzi di reclutamento. Chi è interessato potrà trovare l’elenco delle selezioni attive sul sito dell’azienda dedicato, edreamsodigeocareers.com. I principali profili ricercati sono al momento:\r\n\r\nData Scientist\r\n\r\nTechnical Support Engineer\r\n\r\nLead Engineer\r\n\r\nJava software engineer\r\n\r\nFrontend software engineer\r\n\r\niOS Software engineer\r\n\r\nAndroid software engineer\r\n\r\nJava developer\r\n\r\nFrontend developer\r\n\r\nPHP Software engineer\r\nEspansione in Europa\r\nL'annuncio arriva mentre l'azienda continua a puntare su nuovi centri di sviluppo in tutta Europa, come nel caso dei recenti annunci per i Tech Hub di Porto, Barcellona, Madrid, Palma di Maiorca, Alicante e Budapest. Nominata dalla rivista Forbes una delle \"Migliori aziende per cui lavorare nel 2022\", eDreams Odigeo, solo l’anno scorso, a livello globale ha aggiunto 250 nuovi membri del team che sono stati inseriti nei dipartimenti tecnologici per supportare la crescita del suo servizio di abbonamento Prime, con l’obiettivo di raggiungere 7,25 milioni di membri Prime entro il 2025.\r\n\r\nDana Dunne, amministratore delegato di eDreams Odigeo, ha dichiarato. «Con la continua crescita della domanda di viaggi leasure e di servizi in abbonamento, siamo in una posizione ideale per intraprendere la prossima fase del nostro viaggio. Garantire ai nostri clienti un'esperienza soddisfacente è la chiave del nostro successo e, a tal fine, stiamo investendo nell'espansione della nostra rete di Tech Hub in tutta Europa e nel reclutamento di talenti di prim’ordine che si uniscano al nostro team e ci aiutino a continuare a rivoluzionare il settore dei viaggi.\r\n\r\nI nostri Tech Hub svolgono un ruolo cruciale nel sostenere la nostra continua crescita come azienda con modello di abbonamento. Il loro contributo avrà un impatto significativo sulle abitudini d’acquisto di milioni di viaggiatori in tutto il mondo. Siamo ansiosi di vedere il brillante futuro che attende eDreams Odigeo\".\r\n\r\n ","post_title":"eDreams apre il nuovo Tech hub a Milano e ricerca personale","post_date":"2023-01-25T11:43:16+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1674646996000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437817","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Forbes, una fra le più importanti riviste internazionali, posiziona la Basilicata fra le prime cinque destinazioni turistiche in Italia da raggiungere nel 2023. Nei giorni scorsi Vogue aveva inserito la Basilicata tra le 12 migliori destinazioni al mondo da visitare nel 2023 inserendola nella sua speciale short list insieme a Giappone, Scozia, Patagonia e Singapore.\r\n\r\nd esprimere un nuovo giudizio positivo oggi è il magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle: Forbes. La giornalista della rivista Catherine Sabino riserva la sua attenzione ai due mari della Basilicata, dal Tirreno, con Maratea, alla costa Metapontina.\r\n\r\nPer il presidente della regione Basilicata, Vito Bardi, \"l'impegno profuso per la promozione del brand Basilicata consta di azioni che giorno dopo giorno, come sistema regionale, stiamo mettendo in campo. è un lavoro sostenuto da risorse straordinarie mobilitate via via dai diversi dipartimenti, e che sta portando i suoi risultati grazie alla passione e competenza di tutti gli attori di un settore strategico come il turismo, e di cui tutti dobbiamo ritenerci orgogliosi\". ","post_title":"Forbes: Basilicata fra le prime 5 destinazioni italiane nel 2023","post_date":"2023-01-24T11:31:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674559878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437767","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Th Costa Rei - Free Beach Resort il nuovo indirizzo sardo del gruppo Th, che sale in questo modo a quota 16 strutture mare, undici montagna e quattro urban, tutte localizzate in Italia. La nuova acquisizione è stata condotta in partnership con Iti Marina Hotels & Resorts e riguarda l'ex Free Beach Resort, già di proprietà di Giovanni Nonne, ex presidente Gestitur. Il complesso, situato in una delle aree più suggestive della costa sudorientale dell'isola, è dotato di 400 camere disposte in un anfiteatro naturale e immerse nella macchia mediterranea di fronte alla spiaggia di Costa Rei.\r\n\r\n“Quella che festeggiamo oggi è una tappa importante - spiega il presidente del gruppo Th, Graziano Debellini -: il Th Costa Rei - Free Beach Resort era nei nostri obiettivi da tempo e consolida ulteriormente il nostro posizionamento e la nostra presenza sull’isola\". Dopo il Th Chia - Parco Torre Chia, la compagnia padovana torna quindi a investire in Sardegna, dove gestisce anche il Th San Teodoro - Liscia Eldi e il Tci La Maddalena, nel nord dell’isola.\r\n\r\n“Questi anni sono stati una grande sfida che ci sentiamo di aver vinto con grande sacrificio, flessibilità, fiducia e un forte spirito di squadra, che caratterizza da sempre la famiglia Th - aggiunge l’amministratore del gruppo, Giuliano Gaiba -. L’entrata nel nostro portfolio sardo di questo importante e storico villaggio vacanze, molto apprezzato a livello internazionale, rientra nel nostro progetto di crescita ed espansione, che vede tra i tanti obiettivi l’acquisizione di un altro resort entro i prossimi mesi”. “Il poter annoverare, dopo 45 anni di attività sul territorio, lo storico e rinomato Free Beach Resort tra le nostre 35 proprietà è, per me e la mia famiglia, motivo di forte orgoglio e sentita soddisfazione professionale, oltreché personale - conclude infine Piero Loi, direttore generale Iti Marina Hotels & Resorts.","post_title":"Th Resorts cresce in Sardegna con lo storico Free Beach Resort","post_date":"2023-01-23T11:55:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674474947000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437755","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_425237\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luigi Ferraris, ad del gruppo Fs[/caption]\r\n\r\nGruppo Ferrovie dello Stato e Guardia di finanza hanno siglato un accordo per prevenire i tentativi di infiltrazione criminale nei settori economici legali, per la tutela della regolarità e della trasparenza degli appalti promossi dal Gruppo FS e per il contrasto alle frodi, alla corruzione e agli illeciti in genere, con particolare riguardo agli interventi previsti nell’ambito del Pnrr.\r\n\r\nl protocollo - spiega la nota - è stato firmato dall’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris e dal gen. Giuseppe Zafarana e suggella un rapporto di collaborazione tra il corpo e il gruppo, attivando anche un capillare monitoraggio delle infrastrutture strategiche di Ferrovie dello Stato, attraverso riprese e rilievi fotografici effettuati con l’ausilio di mezzi aerei della Guardia di Finanza. Prosegue dunque l’impegno per la legalità e la trasparenza del Gruppo FS e la sua fitta collaborazione con le Forze dell’Ordine. L’accordo raggiunto con la Guardia di Finanza, infatti, arriva dopo altri due importanti intese siglate nei mesi scorsi dal Gruppo guidato da Luigi Ferraris. La prima con l’Arma dei Carabinieri è stata finalizzata ad avviare una collaborazione duratura e strutturata a difesa della legalità, a contrastare le infiltrazioni criminali e promuovere la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri delle opere infrastrutturali gestite dal Gruppo. Il tutto con un’attenzione particolare al rispetto delle leggi in materia di collocamento di manodopera, previdenza e sicurezza sui luoghi di lavoro.\r\n\r\nSicurezza ed efficacia delle operazioni di soccorso sono, invece, al centro del protocollo firmato dal Gruppo FS con i Vigili del Fuoco, con cui è stato condiviso anche l’obiettivo di promuovere la formazione degli operatori incaricati di gestire le emergenze, studiare un sistema di monitoraggio delle infrastrutture, svolgere attività di prevenzione, in particolare degli incendi, analizzare e monitorare potenziali scenari di rischio, agevolare la gestione delle emergenze, individuare possibili sedi di nuovi presidi per i Vigili del Fuoco in prossimità della rete ferroviaria.","post_title":"Fs e Guardia di finanza siglano un'intesa per evitare infiltrazioni nell'attuazione del Pnrr","post_date":"2023-01-23T11:01:00+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674471660000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437717","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Crescono le presenze nelle strutture R Collection e si definiscono i gusti della clientela. \"La stagione 2022 si è conclusa con un grande successo per il gruppo – sottolinea Ludovica Rocchi, brand director della compagnia - con risultati oltre a quanto programmato, raggiungendo un 35% in più rispetto al 2021. Le tendenze che si sono confermate nella stagione appena passata sono state il forte interesse per la ristorazione e per il benessere: due asset fondamentali che poniamo ai primi posti della nostra vision, insieme a un modello di ospitalità esperienziale in sintonia con l’anima, la storia, i profumi e i sapori del territorio\".\r\n\r\nMolte le novità per quanto concerne le strutture. Sul lago di Como, il Grand Hotel Victoria amplierà i propri servizi grazie al nuovo investimento nella gestione del lido di Menaggio, mentre l’hotel Royal Victoria e Villa Cipressi a Varenna presenteranno nuove proposte f&b, accompagnate dal rinnovamento dell’interior design degli spazi della ristorazione e da una veranda inedita, che consentirà di godere di una vista ancora migliore sul lago. Continueranno quindi i lavori a Cernobbio per l’apertura nella primavera del 2024 del Regina Olga. \"Spostandoci sulla Portofino Coast in Liguria – conclude Ludovica Rocchi -, il Grand Hotel Bristol riaprirà le proprie porte il prossimo 10 marzo come una struttura lifestyle a 5 stelle, forte della recente affiliazione al brand Small Luxury Hotels of the World. Miriamo così a declinare il modello Dolce vita in un concetto contemporaneo di ospitalità, valorizzando comfort esclusivi e servizi di qualità».","post_title":"Rocchi, R Collection: cresce l'interesse per benessere, ristorazione e vacanza esperienziale","post_date":"2023-01-23T10:17:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674469037000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437678","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mettere a rete le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, dare loro la possibilità di acquisire i prodotti migliori, di confrontarsi, di colloquiare con agenzie e tour operator, ma anche di incontrare guide, traduttori e tutti i professionisti e le imprese che ruotano attorno al mondo del turismo. E' questo il senso di un evento come TuttoHotel, secondo Vincenzo Schiavo. Il vicepresidente nazionale di Confesercenti era presente alla fiera napoletana organizzata da Squisito Eventi, Ticketlab e D&d Group in concomitanza con il convegno “Evoluzione del fenomeno extralberghiero: costumer experience e normativa”, realizzato proprio dalla stessa confederazione datoriale.\r\n\r\n\"Per noi di Confesercenti, l'industria dei viaggi e dell'ospitalità è un elemento chiave, tanto che al nostro interno abbiamo una realtà ad hoc, Assoturismo, che rappresenta l'intera categoria - prosegue Schiavo -. Il nostro impegno per le imprese è quotidiano e si declina tra le altre cose in un supporto assicurativo ad hoc, nonché nel dare la possibilità ai nostri associati di accedere a forme di finanziamento agevolate e tarate sulle loro specifiche esigenze. Non si può infatti pensare di attendere sei mesi per ricevere i capitali necessari ad avviare un progetto. E' per questo che noi garantiamo finanza in tempi ragionevoli, attorno ai 20-30 giorni dalla presentazione della richiesta\".\r\n\r\nMa il lavoro di Confesercenti va naturalmente anche oltre: \"I nostri rappresentanti di categoria, presidenti e coordinatori, vengono nominati tutti tra chi opera quotidianamente nel settore e sono in grado di contribuire allo sviluppo non solo del comparto ma dall'intera economia nazionale - conclude Schiavo -. A una condizione però: che le istituzioni ci ascoltino. Perché il turismo è un comparto in grado di cambiare alla radice l'asset industriale di un territorio\".","post_title":"Schiavo, Confesercenti: \"Il turismo è in grado di cambiare l'economia di un territorio\"","post_date":"2023-01-20T13:01:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674219687000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti