16 June 2024

Confesercenti: mancano 300 mila figure professionali. La causa: i contratti pirata

[ 0 ]

Nel 2022 sono mancate circa 300 mila figure professionali nei settori del turismo e ristorazione, che sperimentano “difficoltà di reperimento di lavoratori”, secondo l’analisi di Confesercenti. Solo per l’ultimo trimestre del 2022 potrebbero essere tra 55 e 60 mila i lavoratori “mancanti” nei due comparti.

L’associazione segnala come una “piaga” i contratti ‘pirata’ che “generano dumping e creano di fatto difficoltà occupazionali legate anche ad un Reddito di cittadinanza che sino ad ora ha fornito alternativa ai bassi salari determinati da questi contratti”. Per il settore turistico l’associazione vede una “ripartenza” ma “ancora insufficiente”, avviata dalla scorsa primavera.

«Nonostante la buona ripresa, tra gennaio e agosto di quest’anno – afferma – le presenze si sono fermate a 292 milioni: un aumento del 46% sul 2021, ma ancora l’11,5% in meno rispetto al 2019. A mancare soprattutto le presenze straniere, ferme al -15,5% dai livelli pre-pandemia. Neanche la domanda italiana è del tutto recuperata, con il 7,6% di presenze in meno rispetto al 2019». Dunque, si riparte ma – sottolinea Confesercenti – i livelli pre-pandemia sono ancora lontani.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469128 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A causa dell'elevato numero di richieste pervenute, chiude in Liguria dopo solo quattro giorni di apertura lo sportello online dedicato ai bonus assunzionali nell'ambito della settima edizione del Patto per il Lavoro nel settore del Turismo. Sono state presentate infatti oltre 500 domande per un totale di circa 9 milioni di euro richiesti per una media di circa 18 mila euro a domanda. La settima edizione del Patto per il lavoro nel settore del Turismo è stata firmata a fine 2023 tra Regione Liguria, organizzazioni sindacali regionali, confederali e di settore, e categorie datoriali (Cgil, Filcams Cgil, Cisl, Fisascat Cisl, Uil, Uiltucs, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato) per l’attuazione degli interventi a sostegno delle imprese del comparto per il 2024. I bonus sono erogati per assunzioni a decorrere dal 1° gennaio con contratti di durata non inferiore a otto mesi (con la sola eccezione degli stabilimenti balneari per i quali è previsto un incentivo anche a fronte dei sette mesi, a causa delle peculiarità di un settore che dipende, oltre che dal clima, da decisioni autonome degli enti locali di riferimento). Le altre novità dell'edizione 2024 riguardano l'innalzamento dei bonus occupazionali previsti per la stipula di contratti a tempo indeterminato dai precedenti 6 mila a 8 mila euro; l'incremento dei bonus per i contratti a tempo determinato di 500 euro rispetto alla precedente annualità arrivando così a 3.500 euro per i contratti di 8 mesi (2.500 per i contratti dei balneari la cui durata minima resta di 7 mesi); la nascita di un sistema di monitoraggio in tempo reale dell’andamento dell’intervento, che prevede l’invio automatico da parte del sistema applicativo di informazioni circa la quantità e la tipologia di contratti incentivati.   [post_title] => Liguria, boom di richieste per i bonus del Patto per il Lavoro nel Turismo [post_date] => 2024-06-10T11:02:47+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718017367000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468779 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_287979" align="alignleft" width="300"] Vittorio Messina, presidente Assoturismo[/caption] "Istat e ministero del turismo hanno ufficialmente confermato che il 2023 ha finalmente superato i livelli turistici pre-pandemia, come avevamo previsto già a gennaio. Questo risultato dimostra ancora una volta al paese che il turismo è uno dei settori più dinamici e performanti dell'economia italiana. Anche per questa estate, le nostre previsioni indicano un trend positivo, con 216 milioni di presenze nei tre mesi estivi". Ad affermarlo Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti. "Un settore che produce tali risultati deve essere sostenuto e guidato verso nuovi e più importanti obiettivi. Grazie anche agli sforzi rinnovati nella promozione, l'anno scorso è stato molto positivo, soprattutto per quanto riguarda le presenze di turisti stranieri. Tuttavia, è necessario intervenire affinché la crescita delle presenze turistiche sia uniforme su tutto il territorio nazionale, poiché il sud e le isole registrano ancora un incremento più lento rispetto alle regioni del nord. Un altro aspetto da considerare è il cambiamento climatico, che se da un lato allunga la stagionalità, dall'altro introduce un'incertezza che può influire sulle prenotazioni." [post_title] => Messina (Assoturismo): "Il turismo è uno dei settori più dinamici del Paese" [post_date] => 2024-06-04T13:11:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717506668000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466194 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Apprezziamo con piena condivisione l’analisi del Governo sul sistema balneare italiano contenuta nel Piano del Mare: fotografa in maniera assolutamente reale la drammaticità e precarietà della situazione, per questo è anzitutto indispensabile accelerare il percorso riformatore che riguarda il sistema turistico balneare italiano”. Così Maurizio Rustignoli, presidente di Fiba Confesercenti, durante il suo intervento nel corso dell’audizione “Turismo del mare” svoltasi presso la Sala polifunzionale della presidenza del consiglio dei ministri.  “Le oltre 30.000 imprese del turismo balneare - prosegue il presidente - costituiscono la spina dorsale del comparto e non è più procrastinabile un intervento dell’esecutivo italiano volto a riordinare e semplificare la disciplina in materia di concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali per finalità turistico-ricreative”. Impegno “Vogliamo evidenziare - aggiunge Rustignoli - l'importanza dell’impegno in corso del tavolo tecnico inerente la mappatura delle coste italiane: il lavoro svolto dal MIT ci permette, dopo ben 15 anni, di avere una mappatura ufficiale ed un primo importante esito è l’aver individuato la percentuale delle coste occupate, ovvero il 33%. Riteniamo, perciò, che adesso sia fondamentale elaborare rapidamente una normativa basata sui dati della mappatura e contemporaneamente avviare una nuova programmazione del demanio marittimo”. “Occorre inoltre - sottolinea il presidente - che venga dato adeguato riconoscimento al principio della congrua remunerazione di tutti i beni materiali e immateriali appartenenti all’impresa balneare, e non solo degli investimenti non ancora ammortizzati: migliaia di famiglie hanno speso tutta la loro vita in questo lavoro, con cospicui investimenti di cui beneficia il sistema e il cui valore è giusto sia riconosciuto in capo ai titolari delle aziende”. Erosione costiera “Altro tema fondamentale da affrontare per rafforzare il sistema balneare italiano - conclude Rustignoli - è quello della erosione costiera, che necessita di competenze ed interventi diretti: è indispensabile una progettazione idonea per andare a ricostruire l'arenile individuando nuove tipologie di intervento, che vadano oltre le classiche scogliere a protezione della costa. Ci riferiamo soprattutto alle nuove tipologie di ‘Reef Ball’, barriere frangiflutto sommerse per antierosione e ricostruzione costiera e per il ripopolamento ittico”. [post_title] => Balneari Confesercenti: «Bene il Piano del Mare ma bisogna affrettarsi» [post_date] => 2024-04-26T11:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714129248000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto. «Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti». Lo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara. Personale scolastico In particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione». Le associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie». Le rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo. [post_title] => “Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione” [post_date] => 2024-04-22T10:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713782796000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465778 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Le agenzie di viaggio fisiche, e non le ‘ota pirata’, hanno inviato una segnalazione all’Antitrust per la condotta scorretta di Ryanair che, fra l’altro, fa leva sulla sua posizione dominante detenuta sui mercati del trasporto aereo per estendere il suo potere di mercato all’offerta di altri servizi turistici. Autorità che ha successivamente deliberato l’avvio del procedimento cautelare contro la compagnia aerea, ritenendo che ci siano i presupposti per arrecare un danno grave alle agenzie di viaggio fisiche e dunque agli stessi consumatori, precludendo di fatto la possibilità di avere un accesso libero, effettivo e trasparente ai voli Ryanair presso le agenzie fisiche. Dunque, è il vettore aereo che limita il mercato e non viceversa”. Queste le parole di Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi Confesercenti, alla vigilia dell’audizione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. “Si tratta dunque di agenzie di viaggio regolarmente autorizzate in Italia ad operare - prosegue Rebecchi - è necessario quindi innanzitutto distinguere tra online travel agency, agenzie di viaggi online, dal settore retail distributivo di servizi turistici. Assistenza "Le agenzie fisiche offrono, infatti, una consulenza specifica anche a quei clienti - ad esempio la fascia di viaggiatori più anziana - che necessitano di assistenza proprio durante la fase di prenotazione di un volo o di specifici servizi turistici online, perché non hanno dimestichezza con le procedure o non vogliono utilizzare la carta di credito. "Un servizio specializzato per districarsi tra le complessità, i vincoli penali e le numerose limitazioni previste sulla piattaforma web, come il piano tariffario esposto sul sito della compagnia aerea e soprattutto per l’acquisto dei biglietti aerei introducendo, in fase di prenotazione, anche elementi di altre tipologie di servizi come le assicurazioni, o ancora piani tariffari relativi ai bagagli da imbarcare o meno con numerose distinzioni. Check-in online "Infine, il servizio del check-in online e la stampa della carta d’imbarco, poiché una volta arrivati al banco della compagnia aerea in aeroporto se non si è fatto il check-in anticipatamente, si paga un costo aggiuntivo. Ed, infine, l’assistenza diretta con un esperto nel caso di modifica della data di un biglietto aereo o la cancellazione di un volo, altrimenti affidata ad una chat spesso irraggiungibile con nessuna assistenza effettiva nel caso di prenotazione”. “Una consulenza ad ampio spettro - conclude il presidente - che attraverso un agente di viaggio, pianifica e vende i servizi turistici più competitivi ed adeguati alle esigenze del proprio cliente, e che per questo non può essere limitata nel giusto rispetto della concorrenza tra imprese e dei consumatori”. [post_title] => Rebecchi: "Le agenzie fisiche hanno segnalato Ryanair non le ota" [post_date] => 2024-04-18T10:01:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713434502000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464153 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Comune della Spezia, su proposta di Confesercenti, Confartigianato, Cna e Confcommercio, ha finanziato quattro corsi di formazione e approfondimento per il personale delle aziende turistiche. Il progetto “Nice Welcome”, che si è concluso nei mesi scorsi, mirava all'acquisizione di conoscenze nei settori richiesti dal mercato del lavoro, in particolare nel campo del turismo, con l’obiettivo di stimolare e sostenere la crescita del tessuto socio economico del territorio. I quattro corsi sono stati erogati da Formimpresa e riguardavano: digital marketing, inglese avanzato, cameriere ai piani (housekeeping) e aggiornamento per guide turistiche. Nello specifico sono state svolte 30 ore di formazione, con accesso libero previa iscrizione obbligatoria, e prevedevano un massimo di 15 partecipanti ciascuno. «Il progetto "Nice Welcome" è il risultato di una stretta collaborazione tra il Comune e le associazioni di categoria – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - Sostenere la crescita dei settori legati al turismo è una priorità, considerando l'importante aumento di visitatori che il nostro territorio ha registrato. Con questo progetto abbiamo dato la possibilità di acquisire nuove conoscenze utili grazie ai corsi tenuti da esperti di settori fondamentali per lo sviluppo della filiera turistica». «Per la prima volta, il Comune della Spezia - aggiunge l’Assessore al Turismo Maria Grazia Frija - ha sostenuto la formazione professionale su proposta delle associazioni di categoria coinvolte nel tavolo del turismo. Oggi, considerati i dati di affluenza dei visitatori particolarmente elevati, è cruciale lavorare per aumentare la qualità dei servizi offerti, la quale passa anche attraverso la formazione professionale degli operatori e dei lavoratori del settore. Questo progetto testimonia l'attenzione dell'Amministrazione verso lo sviluppo di un settore cruciale per la nostra economia e la volontà di promuovere la crescita del tessuto socio-economico e produttivo locale». [post_title] => La Spezia Nice Welcome, concluso il progetto per migliorare l'offerta turistica [post_date] => 2024-03-25T10:35:30+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711362930000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464107 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 19 marzo, dopo la mancata modifica alla Camera dell'art. 85 del Codice della strada che avrebbe dovuto mettere fine ad una palese persecuzione nei confronti delle imprese NCC, è stata anche annullata la riunione al MIT del tavolo con le associazioni di categoria per l'esame e la discussione delle bozze dei decreti attuativi della legge di settore.   A pochi mesi dall'inizio del Giubileo e a ridosso della stagione turistica che partirà in concomitanza con la Pasqua, il comparto del Noleggio Con Conducente attende dal Governo Meloni un segnale rassicurante a salvaguardia della sopravvivenza delle aziende e a tutela del lavoro e del futuro di migliaia di lavoratori nel settore.   Il Governo non può rimanere sordo davanti alla crescente domanda dell'utenza che rivendica il diritto alla mobilità e attende da oltre tre decenni un cambio di passo. E non regge la scusa che è colpa dei comuni e delle regioni perché il problema vero risiede in una legge obsoleta che non riesce più a regolare il trasporto pubblico non di linea e impedisce agli autoservizi di essere funzionali ossia integrare e supportare il trasporto di linea a discapito dell'utenza. Preoccupazione Federnoleggio e le altre sigle di rappresentanza NCC chiedono l'abrogazione della sanzione accessoria del fermo del veicolo previsto dall'art. 85 comma 4 e comma 4 bis per chi è in possesso di regolare autorizzazione NCC, una "norma in bianco" che consente all'agente accertatore, di fatto, di bloccare un'attività economica da due a otto mesi, caso unico in Italia, anche per piccole infrazioni. Tra le bozze dei decreti ricevute dal Mit, quello che desta maggiore preoccupazione è quelli relativo al Foglio di Servizio Elettronico.   Le associazioni di rappresentanza NCC sono concordi nel ritenere che tale bozza di decreto contenga elementi incomprensibili e inapplicabili, un aggravio burocratico che impatterà negativamente sull'operatività del servizio di NCC con ripercussioni pesantissime sull'erogazione di servizi specialmente di quelli destinati ai turisti e ai pellegrini. Il rischio per la privacy degli utenti (imprenditori, artisti, politici, amministratori pubblici e privati, ecc.) è minata dalla raccolta di dati per futuri "dossieraggi".   Federnoleggio Confesercenti è pronta a continuare a collaborare fattivamente con il ministero dei trasporti per attuare una reale rivisitazione della normativa relativa al servizio NCC alla luce delle numerose e ripetute segnalazioni e pronunciamenti di Antitrust, Consiglio di Stato, Corte Costituzionale e della Corte di Giustizia dell'UE. Si potrà evitare, così, uno stato di agitazione del settore che potrebbe causare notevoli disagi. [post_title] => Federnoleggio: Il Governo Meloni fermi la persecuzione contro gli Ncc [post_date] => 2024-03-22T11:22:15+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711106535000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462781 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non possiamo non parlare ancora del caos passaporti. Sono arrivati infatti i dati di Assoviaggi che rendono il panorama ancora più fosco. Sono in gioco 52 mila prenotazioni di viaggi internazionali. A segnalarlo è un'indagine del Centro studi turistici di Firenze per Assoviaggi Confesercenti, in esclusiva per l'Adnkronos. "Se in alcuni capoluoghi di provincia i tempi di attesa per gli appuntamenti con gli Uffici delle Questure sono migliorati - fa sapere il presidente di Assoviaggi Gianni Rebecchi - in tante altre realtà invece sembrano addirittura aumentati. Se non si interviene con decisione, con le festività pasquali e dei ponti di primavera alle porte, periodo in cui aumenta la domanda turistica anche per i viaggi internazionali, tra marzo e giugno 2024 si rischia di veder annullare altre 52mila prenotazioni e circa 75 milioni di euro di mancati introiti per le imprese del turismo organizzato". Ostacoli Rinnovare un passaporto oppure richiederne uno ex-novo è un vero e proprio percorso ad ostacoli. Nei primi due mesi del 2024 si stima siano state oltre 6 mila le prenotazioni di viaggi internazionali annullate o rimandate in Italia a causa dei ritardi nel rilascio dei passaporti scaduti, smarriti o richiesti per la prima volta dai cittadini italiani. Con una ricaduta pesante sul settore delle agenzie di viaggio e dei tour operator: 8,8 milioni di euro il giro d'affari andato in fumo. [post_title] => Assoviaggi: 52 mila prenotazioni in bilico per il caos passaporti [post_date] => 2024-03-05T10:50:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709635857000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461029 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_445817" align="alignleft" width="300"] Vittorio Messina[/caption] Il turismo italiano torna a correre: secondo le stime di Cst per Assoturismo Confesercenti, il 2023 ha chiuso con oltre 445 milioni di presenze, segnando un’accelerazione del +8,1% sull’anno precedente e superando i livelli pre-pandemia. Ma è una ripresa a velocità differenziate: nel Meridione e nelle Isole, infatti, l’incremento delle presenze dovrebbe fermarsi a +4,4%. Un ritmo di crescita sostanzialmente dimezzato rispetto alla media nazionale. A pesare sulle performance dell’Italia meridionale nell’anno appena trascorso - oltre ai soliti problemi infrastrutturali - il rallentamento della spesa dei turisti italiani, che è stata la vera componente in frenata. Ha pesato, però, anche la ripartenza di alcune importanti mete balneari estere competitor nella zona mediterranea, a partire dall’Egitto. Una combinazione che ha frenato la crescita del mercato turistico di queste regioni, dove la componente interna e il turismo balneare danno un contributo fondamentale alla domanda. “In questa fase, la crescita delle presenze è essenziale per il comparto - così Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. I bilanci delle imprese sono ancora sotto pressione per gli aumenti dei costi: quelli dell’energia sono ancora più alti dei livelli del 2019, e l’incremento dei tassi di interesse ha avuto un impatto rilevante su un sistema uscito indebitato dal Covid. Sarebbe quindi importante valorizzare le potenzialità di crescita del turismo delle regioni meridionali, che avrebbero un effetto positivo su tutto il sistema economico territoriale: se la performance del Mezzogiorno fosse stata in linea con quella nazionale, avremmo avuto 2,9 milioni di presenze e oltre 400 milioni di consumi turistici in più”. [post_title] => Assoturismo: crescita forte del turismo italiano (+8,1%) [post_date] => 2024-02-07T13:54:14+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707314054000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "confesercenti" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":18,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":64,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469128","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A causa dell'elevato numero di richieste pervenute, chiude in Liguria dopo solo quattro giorni di apertura lo sportello online dedicato ai bonus assunzionali nell'ambito della settima edizione del Patto per il Lavoro nel settore del Turismo. Sono state presentate infatti oltre 500 domande per un totale di circa 9 milioni di euro richiesti per una media di circa 18 mila euro a domanda.\r\n\r\nLa settima edizione del Patto per il lavoro nel settore del Turismo è stata firmata a fine 2023 tra Regione Liguria, organizzazioni sindacali regionali, confederali e di settore, e categorie datoriali (Cgil, Filcams Cgil, Cisl, Fisascat Cisl, Uil, Uiltucs, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato) per l’attuazione degli interventi a sostegno delle imprese del comparto per il 2024. I bonus sono erogati per assunzioni a decorrere dal 1° gennaio con contratti di durata non inferiore a otto mesi (con la sola eccezione degli stabilimenti balneari per i quali è previsto un incentivo anche a fronte dei sette mesi, a causa delle peculiarità di un settore che dipende, oltre che dal clima, da decisioni autonome degli enti locali di riferimento).\r\n\r\nLe altre novità dell'edizione 2024 riguardano l'innalzamento dei bonus occupazionali previsti per la stipula di contratti a tempo indeterminato dai precedenti 6 mila a 8 mila euro; l'incremento dei bonus per i contratti a tempo determinato di 500 euro rispetto alla precedente annualità arrivando così a 3.500 euro per i contratti di 8 mesi (2.500 per i contratti dei balneari la cui durata minima resta di 7 mesi); la nascita di un sistema di monitoraggio in tempo reale dell’andamento dell’intervento, che prevede l’invio automatico da parte del sistema applicativo di informazioni circa la quantità e la tipologia di contratti incentivati.\r\n\r\n ","post_title":"Liguria, boom di richieste per i bonus del Patto per il Lavoro nel Turismo","post_date":"2024-06-10T11:02:47+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718017367000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468779","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_287979\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Messina, presidente Assoturismo[/caption]\r\n\"Istat e ministero del turismo hanno ufficialmente confermato che il 2023 ha finalmente superato i livelli turistici pre-pandemia, come avevamo previsto già a gennaio. Questo risultato dimostra ancora una volta al paese che il turismo è uno dei settori più dinamici e performanti dell'economia italiana. Anche per questa estate, le nostre previsioni indicano un trend positivo, con 216 milioni di presenze nei tre mesi estivi\". Ad affermarlo Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti.\r\n\"Un settore che produce tali risultati deve essere sostenuto e guidato verso nuovi e più importanti obiettivi. Grazie anche agli sforzi rinnovati nella promozione, l'anno scorso è stato molto positivo, soprattutto per quanto riguarda le presenze di turisti stranieri. Tuttavia, è necessario intervenire affinché la crescita delle presenze turistiche sia uniforme su tutto il territorio nazionale, poiché il sud e le isole registrano ancora un incremento più lento rispetto alle regioni del nord. Un altro aspetto da considerare è il cambiamento climatico, che se da un lato allunga la stagionalità, dall'altro introduce un'incertezza che può influire sulle prenotazioni.\"","post_title":"Messina (Assoturismo): \"Il turismo è uno dei settori più dinamici del Paese\"","post_date":"2024-06-04T13:11:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1717506668000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466194","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Apprezziamo con piena condivisione l’analisi del Governo sul sistema balneare italiano contenuta nel Piano del Mare: fotografa in maniera assolutamente reale la drammaticità e precarietà della situazione, per questo è anzitutto indispensabile accelerare il percorso riformatore che riguarda il sistema turistico balneare italiano”.\r\nCosì Maurizio Rustignoli, presidente di Fiba Confesercenti, durante il suo intervento nel corso dell’audizione “Turismo del mare” svoltasi presso la Sala polifunzionale della presidenza del consiglio dei ministri. \r\n“Le oltre 30.000 imprese del turismo balneare - prosegue il presidente - costituiscono la spina dorsale del comparto e non è più procrastinabile un intervento dell’esecutivo italiano volto a riordinare e semplificare la disciplina in materia di concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali per finalità turistico-ricreative”.\r\n\r\nImpegno\r\n“Vogliamo evidenziare - aggiunge Rustignoli - l'importanza dell’impegno in corso del tavolo tecnico inerente la mappatura delle coste italiane: il lavoro svolto dal MIT ci permette, dopo ben 15 anni, di avere una mappatura ufficiale ed un primo importante esito è l’aver individuato la percentuale delle coste occupate, ovvero il 33%. Riteniamo, perciò, che adesso sia fondamentale elaborare rapidamente una normativa basata sui dati della mappatura e contemporaneamente avviare una nuova programmazione del demanio marittimo”.\r\n“Occorre inoltre - sottolinea il presidente - che venga dato adeguato riconoscimento al principio della congrua remunerazione di tutti i beni materiali e immateriali appartenenti all’impresa balneare, e non solo degli investimenti non ancora ammortizzati: migliaia di famiglie hanno speso tutta la loro vita in questo lavoro, con cospicui investimenti di cui beneficia il sistema e il cui valore è giusto sia riconosciuto in capo ai titolari delle aziende”.\r\n\r\nErosione costiera\r\n“Altro tema fondamentale da affrontare per rafforzare il sistema balneare italiano - conclude Rustignoli - è quello della erosione costiera, che necessita di competenze ed interventi diretti: è indispensabile una progettazione idonea per andare a ricostruire l'arenile individuando nuove tipologie di intervento, che vadano oltre le classiche scogliere a protezione della costa. Ci riferiamo soprattutto alle nuove tipologie di ‘Reef Ball’, barriere frangiflutto sommerse per antierosione e ricostruzione costiera e per il ripopolamento ittico”.","post_title":"Balneari Confesercenti: «Bene il Piano del Mare ma bisogna affrettarsi»","post_date":"2024-04-26T11:00:48+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1714129248000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto.\r\n\r\n«Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti».\r\n\r\nLo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara.\r\nPersonale scolastico\r\nIn particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione».\r\n\r\nLe associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie».\r\n\r\nLe rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo.","post_title":"“Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione”","post_date":"2024-04-22T10:46:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713782796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465778","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Le agenzie di viaggio fisiche, e non le ‘ota pirata’, hanno inviato una segnalazione all’Antitrust per la condotta scorretta di Ryanair che, fra l’altro, fa leva sulla sua posizione dominante detenuta sui mercati del trasporto aereo per estendere il suo potere di mercato all’offerta di altri servizi turistici. Autorità che ha successivamente deliberato l’avvio del procedimento cautelare contro la compagnia aerea, ritenendo che ci siano i presupposti per arrecare un danno grave alle agenzie di viaggio fisiche e dunque agli stessi consumatori, precludendo di fatto la possibilità di avere un accesso libero, effettivo e trasparente ai voli Ryanair presso le agenzie fisiche. Dunque, è il vettore aereo che limita il mercato e non viceversa”.\r\nQueste le parole di Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi Confesercenti, alla vigilia dell’audizione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.\r\n“Si tratta dunque di agenzie di viaggio regolarmente autorizzate in Italia ad operare - prosegue Rebecchi - è necessario quindi innanzitutto distinguere tra online travel agency, agenzie di viaggi online, dal settore retail distributivo di servizi turistici.\r\n\r\nAssistenza\r\n\"Le agenzie fisiche offrono, infatti, una consulenza specifica anche a quei clienti - ad esempio la fascia di viaggiatori più anziana - che necessitano di assistenza proprio durante la fase di prenotazione di un volo o di specifici servizi turistici online, perché non hanno dimestichezza con le procedure o non vogliono utilizzare la carta di credito.\r\n\"Un servizio specializzato per districarsi tra le complessità, i vincoli penali e le numerose limitazioni previste sulla piattaforma web, come il piano tariffario esposto sul sito della compagnia aerea e soprattutto per l’acquisto dei biglietti aerei introducendo, in fase di prenotazione, anche elementi di altre tipologie di servizi come le assicurazioni, o ancora piani tariffari relativi ai bagagli da imbarcare o meno con numerose distinzioni.\r\n\r\nCheck-in online\r\n\"Infine, il servizio del check-in online e la stampa della carta d’imbarco, poiché una volta arrivati al banco della compagnia aerea in aeroporto se non si è fatto il check-in anticipatamente, si paga un costo aggiuntivo. Ed, infine, l’assistenza diretta con un esperto nel caso di modifica della data di un biglietto aereo o la cancellazione di un volo, altrimenti affidata ad una chat spesso irraggiungibile con nessuna assistenza effettiva nel caso di prenotazione”.\r\n“Una consulenza ad ampio spettro - conclude il presidente - che attraverso un agente di viaggio, pianifica e vende i servizi turistici più competitivi ed adeguati alle esigenze del proprio cliente, e che per questo non può essere limitata nel giusto rispetto della concorrenza tra imprese e dei consumatori”.","post_title":"Rebecchi: \"Le agenzie fisiche hanno segnalato Ryanair non le ota\"","post_date":"2024-04-18T10:01:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713434502000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464153","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Comune della Spezia, su proposta di Confesercenti, Confartigianato, Cna e Confcommercio, ha finanziato quattro corsi di formazione e approfondimento per il personale delle aziende turistiche. Il progetto “Nice Welcome”, che si è concluso nei mesi scorsi, mirava all'acquisizione di conoscenze nei settori richiesti dal mercato del lavoro, in particolare nel campo del turismo, con l’obiettivo di stimolare e sostenere la crescita del tessuto socio economico del territorio.\r\n\r\nI quattro corsi sono stati erogati da Formimpresa e riguardavano: digital marketing, inglese avanzato, cameriere ai piani (housekeeping) e aggiornamento per guide turistiche. Nello specifico sono state svolte 30 ore di formazione, con accesso libero previa iscrizione obbligatoria, e prevedevano un massimo di 15 partecipanti ciascuno.\r\n\r\n«Il progetto \"Nice Welcome\" è il risultato di una stretta collaborazione tra il Comune e le associazioni di categoria – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - Sostenere la crescita dei settori legati al turismo è una priorità, considerando l'importante aumento di visitatori che il nostro territorio ha registrato. Con questo progetto abbiamo dato la possibilità di acquisire nuove conoscenze utili grazie ai corsi tenuti da esperti di settori fondamentali per lo sviluppo della filiera turistica».\r\n\r\n«Per la prima volta, il Comune della Spezia - aggiunge l’Assessore al Turismo Maria Grazia Frija - ha sostenuto la formazione professionale su proposta delle associazioni di categoria coinvolte nel tavolo del turismo. Oggi, considerati i dati di affluenza dei visitatori particolarmente elevati, è cruciale lavorare per aumentare la qualità dei servizi offerti, la quale passa anche attraverso la formazione professionale degli operatori e dei lavoratori del settore. Questo progetto testimonia l'attenzione dell'Amministrazione verso lo sviluppo di un settore cruciale per la nostra economia e la volontà di promuovere la crescita del tessuto socio-economico e produttivo locale».","post_title":"La Spezia Nice Welcome, concluso il progetto per migliorare l'offerta turistica","post_date":"2024-03-25T10:35:30+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1711362930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464107","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 19 marzo, dopo la mancata modifica alla Camera dell'art. 85 del Codice della strada che avrebbe dovuto mettere fine ad una palese persecuzione nei confronti delle imprese NCC, è stata anche annullata la riunione al MIT del tavolo con le associazioni di categoria per l'esame e la discussione delle bozze dei decreti attuativi della legge di settore.\r\n \r\nA pochi mesi dall'inizio del Giubileo e a ridosso della stagione turistica che partirà in concomitanza con la Pasqua, il comparto del Noleggio Con Conducente attende dal Governo Meloni un segnale rassicurante a salvaguardia della sopravvivenza delle aziende e a tutela del lavoro e del futuro di migliaia di lavoratori nel settore.\r\n \r\nIl Governo non può rimanere sordo davanti alla crescente domanda dell'utenza che rivendica il diritto alla mobilità e attende da oltre tre decenni un cambio di passo. E non regge la scusa che è colpa dei comuni e delle regioni perché il problema vero risiede in una legge obsoleta che non riesce più a regolare il trasporto pubblico non di linea e impedisce agli autoservizi di essere funzionali ossia integrare e supportare il trasporto di linea a discapito dell'utenza.\r\nPreoccupazione\r\nFedernoleggio e le altre sigle di rappresentanza NCC chiedono l'abrogazione della sanzione accessoria del fermo del veicolo previsto dall'art. 85 comma 4 e comma 4 bis per chi è in possesso di regolare autorizzazione NCC, una \"norma in bianco\" che consente all'agente accertatore, di fatto, di bloccare un'attività economica da due a otto mesi, caso unico in Italia, anche per piccole infrazioni.\r\nTra le bozze dei decreti ricevute dal Mit, quello che desta maggiore preoccupazione è quelli relativo al Foglio di Servizio Elettronico. \r\n \r\nLe associazioni di rappresentanza NCC sono concordi nel ritenere che tale bozza di decreto contenga elementi incomprensibili e inapplicabili, un aggravio burocratico che impatterà negativamente sull'operatività del servizio di NCC con ripercussioni pesantissime sull'erogazione di servizi specialmente di quelli destinati ai turisti e ai pellegrini. Il rischio per la privacy degli utenti (imprenditori, artisti, politici, amministratori pubblici e privati, ecc.) è minata dalla raccolta di dati per futuri \"dossieraggi\".\r\n \r\nFedernoleggio Confesercenti è pronta a continuare a collaborare fattivamente con il ministero dei trasporti per attuare una reale rivisitazione della normativa relativa al servizio NCC alla luce delle numerose e ripetute segnalazioni e pronunciamenti di Antitrust, Consiglio di Stato, Corte Costituzionale e della Corte di Giustizia dell'UE.\r\nSi potrà evitare, così, uno stato di agitazione del settore che potrebbe causare notevoli disagi.","post_title":"Federnoleggio: Il Governo Meloni fermi la persecuzione contro gli Ncc","post_date":"2024-03-22T11:22:15+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1711106535000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462781","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non possiamo non parlare ancora del caos passaporti. Sono arrivati infatti i dati di Assoviaggi che rendono il panorama ancora più fosco. Sono in gioco 52 mila prenotazioni di viaggi internazionali. A segnalarlo è un'indagine del Centro studi turistici di Firenze per Assoviaggi Confesercenti, in esclusiva per l'Adnkronos.\r\n\r\n\"Se in alcuni capoluoghi di provincia i tempi di attesa per gli appuntamenti con gli Uffici delle Questure sono migliorati - fa sapere il presidente di Assoviaggi Gianni Rebecchi - in tante altre realtà invece sembrano addirittura aumentati. Se non si interviene con decisione, con le festività pasquali e dei ponti di primavera alle porte, periodo in cui aumenta la domanda turistica anche per i viaggi internazionali, tra marzo e giugno 2024 si rischia di veder annullare altre 52mila prenotazioni e circa 75 milioni di euro di mancati introiti per le imprese del turismo organizzato\".\r\nOstacoli\r\nRinnovare un passaporto oppure richiederne uno ex-novo è un vero e proprio percorso ad ostacoli. Nei primi due mesi del 2024 si stima siano state oltre 6 mila le prenotazioni di viaggi internazionali annullate o rimandate in Italia a causa dei ritardi nel rilascio dei passaporti scaduti, smarriti o richiesti per la prima volta dai cittadini italiani. Con una ricaduta pesante sul settore delle agenzie di viaggio e dei tour operator: 8,8 milioni di euro il giro d'affari andato in fumo.","post_title":"Assoviaggi: 52 mila prenotazioni in bilico per il caos passaporti","post_date":"2024-03-05T10:50:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709635857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461029","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_445817\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Messina[/caption]\r\n\r\nIl turismo italiano torna a correre: secondo le stime di Cst per Assoturismo Confesercenti, il 2023 ha chiuso con oltre 445 milioni di presenze, segnando un’accelerazione del +8,1% sull’anno precedente e superando i livelli pre-pandemia. Ma è una ripresa a velocità differenziate: nel Meridione e nelle Isole, infatti, l’incremento delle presenze dovrebbe fermarsi a +4,4%. Un ritmo di crescita sostanzialmente dimezzato rispetto alla media nazionale.\r\n\r\nA pesare sulle performance dell’Italia meridionale nell’anno appena trascorso - oltre ai soliti problemi infrastrutturali - il rallentamento della spesa dei turisti italiani, che è stata la vera componente in frenata. Ha pesato, però, anche la ripartenza di alcune importanti mete balneari estere competitor nella zona mediterranea, a partire dall’Egitto. Una combinazione che ha frenato la crescita del mercato turistico di queste regioni, dove la componente interna e il turismo balneare danno un contributo fondamentale alla domanda.\r\n\r\n“In questa fase, la crescita delle presenze è essenziale per il comparto - così Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. I bilanci delle imprese sono ancora sotto pressione per gli aumenti dei costi: quelli dell’energia sono ancora più alti dei livelli del 2019, e l’incremento dei tassi di interesse ha avuto un impatto rilevante su un sistema uscito indebitato dal Covid. Sarebbe quindi importante valorizzare le potenzialità di crescita del turismo delle regioni meridionali, che avrebbero un effetto positivo su tutto il sistema economico territoriale: se la performance del Mezzogiorno fosse stata in linea con quella nazionale, avremmo avuto 2,9 milioni di presenze e oltre 400 milioni di consumi turistici in più”.","post_title":"Assoturismo: crescita forte del turismo italiano (+8,1%)","post_date":"2024-02-07T13:54:14+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707314054000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti