3 March 2024

Centinaio: «Grave che il governo neghi lo stato di crisi al turismo»

[ 0 ]

Aspra critica al governo da parte di alcuni esponenti della Lega in merito al turismo. 

«Il governo ha negato il riconoscimento dello stato di crisi del turismo. Motivo? Se lo concede a un comparto, dovrebbe riconoscerlo anche a tutti gli altri. Parliamo di un settore che fattura 232 miliardi di euro all’anno, contribuendo per il 13 per cento al nostro Pil e il 15 per cento all’occupazione. Franceschini si ricorda sempre di chiedere puntualmente all’Ue – com’è giusto che sia – i fondi per il settore cultura, ma si dimentica di sana pianta di essere anche il ministro del turismo. Un’amnesia tanto singolare quanto grave, che la dice lunga in che mani sia finito non solo il nostro settore turistico, ormai abbandonato al proprio destino, ma l’Italia intera».
Così i parlamentari della Lega Giorgia Latini, vicepresidente della commissione cultura della Camera, e Gian Marco Centinaio, responsabile del dipartimento turismo della Lega.
Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un mercato che ha recuperato i volumi e che continua a crescere. E’ fiducioso Adriano Apicella, amministratore delegato Welcome Travel Group,  intervistato da Travel Quotidiano, nei giorni scorsi. «Attualmente Welcome comprende 2.500 adv – spiega Alpicella – ed entro l’anno cresceremo ancora di un centinaio di associati. Ma l'obiettivo è crescere anche nel fatturato: nel 2023 abbiamo registrato un +20% e prevediamo di crescere ancora del 10%. I nostri volumi sono aumentati a fronte di una diminuzione del personale del 30%. E questo è un grande ostacolo. Un particolare però è importante – aggiunge Alpicella – La nostra crescita è stata molto più alta rispetto al mercato in generale: questo evidenzia l’attrattiva delle nostre agenzie». Negli ultimi anni la clientela si è trasformata ed ha sviluppato nuove esigenze. «Ci sono molti più giovani – commenta Alpicella – che prima si rivolgevano ad altri canali. Non solo, ma la clientela vuole un’assistenza completa ed ormai l’80% delle vacanze hanno copertura assicurativa». L’Agenzia è vista come un canale da utilizzare per questo è importante sostenere l’evoluzione delle agenzie. «Evolvere significa investire in tecnologia – sottolinea l’ad – Per quanto concerne l’intelligenza artificiale si tratta di uno strumento importante da affiancare al valore del professionista. Può essere molto utile, per esempio, per automatizzare i passaggi ripetitivi che rallentano il lavoro». Alpicella è ancora fiducioso quando afferma che il settore è sano, florido e performante: proprio per questo occorre puntare sul Turismo e chiedere alle istituzioni maggiore attenzione a quelle che sono le reali necessità. «Chiediamo aiuto alle istituzioni per promuovere il ricambio generazionale – conclude Alpicella - Bisogna attrarre i giovani per questo servono un contratto di apprendistato o misure di integrazione salariale. Per quanto riguarda la scuole, come il Turistico, è necessario un cambio di programma per fare in modo che sia più facile per i ragazzi proporsi alle adv». [post_title] => Apicella, la crescita del 20% evidenzia l'attrattiva delle nostre agenzie [post_date] => 2024-03-01T10:21:40+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709288500000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462413 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tradizioni popolari, sacre rappresentazioni, tesori d’arte e fede: nel periodo pasquale la provincia di Brescia è uno scrigno di sorprese, che arricchiscono un territorio impreziosito dai laghi di Garda, Iseo e Idro, dai monti della Valle Camonica, della Valle Sabbia e della Valle Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta, dalla verde pianura solcata dallo scorrere lento del fiume Oglio. Nel romanico Duomo Vecchio o Rotonda di Brescia (fra le poche chiese a pianta circolare d’Italia) durante la Quaresima si ha la rara possibilità di ammirare per un giorno, il venerdì che precede il Venerdì Santo (quest’anno venerdì 22 marzo) il Tesoro delle Sante Croci. Preziosissimo, comprende antichi capolavori di oreficeria sacra e viene custodito in un forziere nella cappella detta appunto delle Sante Croci, nel transetto nord dell’edificio. Il periodo pasquale è un momento ideale per ammirare capolavori d’arte e fede legati al mistero della morte e resurrezione di Cristo. Fra i molti di cui è ricca la provincia di Brescia, spicca per la sua eccezionalità il Santuario della Via Crucis che sorge accanto alla chiesa parrocchiale del piccolo borgo di Cerveno, in Valle Camonica. Il Santuario (le Capèle in dialetto camuno) si inserisce nella tradizione lombardo-piemontese dei Sacri Monti. Le 14 cappelle della Via Crucis, sono disposte lungo un corridoio a gradoni che culmina alla sommità con la cappella della Deposizione. Ogni dieci anni, in maggio, gli abitanti di Cerveno inscenano la Santa Crus, sacra rappresentazione vivente della Passione con oltre 100 figuranti, ispirandosi ai personaggi delle sculture di Beniamino Simoni. Quest’anno si tiene domenica 26 maggio e verrà replicata il 2 giugno, in suggestivi percorsi ambientati nel centro storico e nella campagna circostante il paese. La sua particolarità è di non essere legata ai riti della Pasqua, ma al 3 maggio, giorno in cui il calendario, prima della riforma ecclesiastica, ricordava il ritrovamento della Santa Croce. La documentazione video e fotografica, gli oggetti di scena e gli abiti utilizzati durante le varie edizioni sono visibili al Museo Civico, dove si trova anche una collezione etnografica che ricostruisce il vissuto delle genti camune. Il Venerdì Santo, 29 marzo, suggestiva e carica di pathos è la Via Crucis Vivente di Ome, in Franciacorta, che si tiene la sera a partire dalle 20.30 e coinvolge un centinaio di figuranti in costume. La sacra rappresentazione ha origini antiche ed è stata riscoperta e valorizzata dal Gruppo Alpini dal 1986, quando rischiava di scomparire. Partecipatissima dall’intero paese, si apre con la rievocazione dell'Ultima Cena, del processo, della condanna, della flagellazione e dell'incoronazione con le spine nei giardini davanti al Municipio e termina sul Colle San Michele, snodandosi lungo un percorso di circa un chilometro segnato dalle stazioni della Via Crucis. È legato alla Pasqua il dolce tipico della Valle Camonica, la rustica Spongada, una deliziosa focaccia ricoperta di zucchero, che nel giorno della Domenica delle Palme, il 24 marzo, viene celebrata con la Fèra della Spongada a Breno, antica località dominata dalla possente sagoma del Castello che si staglia sullo sfondo di vette maestose. Nella piazza principale vengono allestiti stand in cui assaggiare innanzitutto la sua variante brenese, ovvero la Spongada con il salame, con un effetto “dolce / non dolce” davvero interessante. Oltre alla Spongada, sono in vendita prodotti tipici. A fare da contorno, tour nei più suggestivi luoghi brenesi, mercatini dell’usato e dell’artigianato. A Pisogne, sul lago d’Iseo, il 1 aprile la Pro Loco organizza in piazza Öf, böch e salam nostrà, la tipica merenda di Pasquetta a base di salame nostrano, uova sode e  böch, una verdura stagionale e la tradizionale focaccina pasquale. Sempre su lago d’Iseo, il 6 e 7 aprile, un’altra tradizionale sagra primaverile, la Festa del Salame di Monte Isola, che si svolgerà nel Borgo di Cure di questa bella isola che spicca al centro del lago. Il giorno di Pasquetta, le Cacce al Tesoro organizzate al Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera sul lago di Garda (dimora di Gabriele D’Annunzio) e nella Casa Museo Zani di Cellatica (dimora del grande collezionista Paolo Zani) nell’immediata periferia di Brescia, sono l’occasione per visitare due fra le più affascinanti Case-Museo del Bresciano. Al Vittoriale degli Italiani torna la Caccia al Tesoro Botanico, firmata Grandi Giardini Italiani: i bambini dai 4 ai 13 anni possono partecipare a questo avvincente gioco due gradi di difficoltà in base all'età, alla scoperta delle varie e meravigliose specie vegetali che popolano e colorano il giardino botanico del complesso. ­   ­ [post_title] => Brescia, la Pasqua tra eventi, natura, tradizioni in città e dintorni [post_date] => 2024-02-28T13:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125387000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462292 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Catalogna conferma il proprio ruolo strategico per il turismo spagnolo, contribuendo per il 21,2% al numero di arrivi stranieri nel Paese: in altre parole, la regione nel 2023 ha accolto 25,7 milioni di visitatori, per una crescita del 15,5% sul 2022. Con 1.283.254 viaggiatori, l’Italia occupa il 5° posto, l'equivalente del 7,1% del totale degli arrivi internazionali, con una spesa media a persona di 688,3 euro (per un volume totale di 883,3 milioni di euro). Fa eccezione il mese di dicembre 2023, quando il turismo italiano in Catalogna è balzato al 2° posto, dietro soltanto alla Francia, con 91.414 turisti (il 9% del totale). Nella classifica statale della spesa turistica estera totale, infine, la Catalogna è terza dopo la capitale spagnola Madrid e le Isole Canarie. Forte del successo ottenuto nel 2023, la regione punta a migliorare ulteriormente la propria performance con strategie di appeal turistico che si basano sulla destagionalizzazione e diversificazione dell'offerta, grazie alla partecipazione alle principali fiere, eventi, workshop e manifestazioni di settore e Mice, e al rafforzamento dei punti d'attrattiva chiave della destinazione: cultura, enogastronomia, eventi, sport, attività all'aria aperta e gli itinerari del Grand Tour della Catalogna. Le attività outdoor, dal cicloturismo all'escursionismo e il turismo nautico, saranno protagoniste con un'ospitalità dedicata (camping, glamping e bike hotel) e il link agli eventi iconici in programma nel 2024 come l'America’s Cup, la 103ª Volta Ciclista a Catalunya, il Monster Energy MotoGP Grand Prix Barcelona e la Formula 1 AWS GP Catalunya Barcelona. Quest'anno anche la cultura sarà in pole position, con le celebrazioni per il centenario dalla nascita di Antoni Tàpies, il grande artista catalano omaggiato con una serie di appuntamenti, mostre ed esposizioni che avranno come fulcro la Fondazione Antoni Tàpies a Barcellona, e l'avvicinarsi degli eventi per il millenario di Montserrat, che cadrà nel 2025 per ricordare i mille anni dalla fondazione dell'importante Monastero benedettino di Santa Maria. Infine, in attesa della nomina della Catalogna a Regione Mondiale della Gastronomia nel 2025, non potrà mancare il focus sull'enogastronomia.    [post_title] => Catalogna: arrivi record nel 2023. E quest'anno si punta su outdoor e cultura [post_date] => 2024-02-27T10:45:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709030705000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462089 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Novità in casa Community.Travel, che ha formalizzato la partnership con l'azienda di consulenza e marketing Kirby, azienda con base operativa in Spagna ma operativa a livello globale: “Lavoriamo con soddisfazione da circa un anno a stretto contatto con il team di Kirby su altri fronti che rimarranno operativi - spiega Lea Cardinali, sales director di Adalte, di cui Community.Travel rappresenta la naturale evoluzione -. Siamo però estremamente soddisfatti dell’opportunità di poter ulteriormente ampliare e consolidare la nostra collaborazione. In questo modo prevediamo di espandere ulteriormente la nostra rete di dmc, sia per l'Italia, sia per gli altri mercati di interesse per i tour operator che collaborano con noi". La partnership così costituita sarà in particolare funzionale nei prossimi mesi per ottimizzare l’attuale processo di gestione delle dmc invitate dai tour operator. Mirerà inoltre a sviluppare prodotto per i nuovi mercati, permettendo di incrementare ulteriormente il processo di internazionalizzazione. "Noi abbiamo creato l'infrastruttura Community.Travel per supportare le necessità tecnologiche degli attori che vendono tour e soggiorni - specifica il ceo di Adalte, Davide Galleri -. È stato però deciso sin da subito di operare nel rispetto dei canali tradizionali, consentendo la registrazione solo a realtà con un collegamento tecnologico alla tecnologia Adalte (quindi società con potenziale sicuramente importante), oppure invitate dalle dmc stesse. Questo per evitare di aprire anche solo inavvertitamente la registrazione a utenti agenziali clienti dei tour operator registrati come buyer. Nei primi anni la maggior parte dei fruitori erano wholesaler e tour operator online che desideravano un collegamento con il marketplace Community.Travel, così da poter ampliare una già vastissima offerta di altri servizi turistici. Quasi tutti i buyer sono stati da subito altamente convinti della potenzialità del prodotto, ma erano distributori di pacchetti turistici online, poco avvezzi alla vendita delle proposte distribuite dalle nostre dmc partner". Negli anni il trend si è invertito. "E la strategia si è dimostrata vincente - conclude Galleri - perché oggi nel marketplace Community.Travel i tour operator registrati (che hanno nella distribuzione agenziale la loro forza) hanno superato quelli che operano una commercializzazione puramente online via canali tecnologici. Se oggi siamo diventati la piattaforma di booking online dei product manager italiani che vendono tour dobbiamo quindi ringraziare in primis le nostri partner dmc che, sin dall’inizio, ci hanno sostenuto, quando abbiamo deciso di applicare una politica protettiva nei confronti dei loro stessi clienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, le dmc sono infatti le prime a non voler lavorare con decine (se non centinaia) di piccoli clienti, a cui probabilmente già possono vendere servizi tramite i loro clienti”. [post_title] => Community.Travel amplia le sinergie internazionali: partnership con la spagnola Kirby [post_date] => 2024-02-22T12:25:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708604719000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come avevamo ampiamente previsto tutte le norme, le normette, le ideuzze i proclami delle istituzioni che affermavano di aver risolto o in via di risoluzione il problema dei passaporti sono falliti. I tempi non si sono ridotti, anzi. Per questo il turismo organizzato ha scritto al ministro dell'interno per sollecitare il dossier, per evidenziare il mancato guadagno da questa incomprensibile questione, e per capire i motivi. Vediamo cosa risponderà il ministero dell'interno e se risponderà.  Ecco la nota del turismo organizzato. Sono stati eliminati i contributi di tutti i presidenti delle associazioni perché sostanzialmente dicevano tutti la stessa cosa. «Non sono bastati servizi di Striscia la notizia e Report, centinaia di articoli sulla carta stampata, scandali su truffe ai danni dei cittadini, comunicazioni accorate di appello per trovare una soluzione a una burocrazia che fa male ai cittadini e alle imprese dei viaggi, rimaste inascoltate. Il nodo dei tempi di rilascio o rinnovo dei passaporti italiani, a due anni dall'uscita dell'emergenza Covid, rimane purtroppo scandalosamente inaccettabile. Come se non bastasse, anche per l’emissione delle carte di identità elettroniche si verificano problemi analoghi. Piantedosi Il turismo organizzato, già proiettato sulla vendita delle vacanze estive, a nome dei presidenti delle principali associazioni di categoria, chiede ancora una volta al ministro dell’interno, Matteo Piantedosi, a cui ha inviato due giorni fa una ulteriore lettera sollecitando un incontro, di intervenire per tutelare il diritto degli italiani di viaggiare e a difesa degli imprenditori del comparto che continuano a perdere fatturato a causa della burocrazia. Secondo una stima effettuata, i tempi lunghi o lunghissimi per ottenere o rinnovare un passaporto hanno, infatti, mandato in fumo nel biennio 2022-2023 167mila viaggi internazionali per un giro d'affari di 300 milioni di euro. Purtroppo, anche la soluzione “Polis”, che riguarda esclusivamente i comuni con meno di 15mila abitanti, rischia di essere una ulteriore comunicazione priva di efficacia reale e rappresentare solo una proroga di questa agonia legata alla pubblica amministrazione».     [post_title] => Passaporti: i tempi sono ancora scandalosamente inaccettabili [post_date] => 2024-02-22T10:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598210000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461761 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo sciopero domani, 20 febbraio, per il personale di terra di Lufthansa: il sindacato tedesco Ver.di ha infatti indetto una mobilitazione che coinvolgerà sette aeroporti del Paese e precisamente quelli di Francoforte e Monaco, i due hub principali della compagnia aerea, insieme a Berlino, Duesseldorf, Amburgo, Colonia-Bonn e Stoccarda. Lo sciopero si svolgerà dalle 4:00 di martedì alle 7:10 di mercoledì. Lo scorso 7 febbraio un altro sciopero di 27 ore in cinque degli stessi aeroporti aveva indotto Lufthansa a cancellare centinaia di voli. Questa volta, secondo le stime, le cancellazioni riguarderanno tra l'80% e il 90% dei voli programmati da Lufthansa. Tra le richieste del sindacato ci sono aumenti salariali del 12,5%, o almeno 500 euro in più al mese, nelle trattative per circa 25.000 dipendenti, compreso il personale addetto al check-in, alla movimentazione delle aeromobili, alla manutenzione e al trasporto merci.  [post_title] => Lufthansa: sciopero del personale di terra domani, 20 febbraio, in sette aeroporti tedeschi [post_date] => 2024-02-19T09:29:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708334967000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461579 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair ha svelato  il network con cui debutterà nei collegamenti dalla nuova base di Reggio Calabria (la 19esima, e il 31° aeroporto in Italia) dove sarà posizionato un velivolo. Dal prossimo 1° aprile saranno otto le destinazioni in decollo, di cui ben cinque internazionali invece delle 4 previste, e 3 domestiche.  La rete nazionale include le città di Torino, Venezia e Bologna, mentre a livello internazionale da Reggio Calabria saranno raggiungibili Manchester, Marsiglia, Berlino, Barcellona e Tirana, garantendo collegamenti diretti con capitali e importanti città europee. Complessivamente, l'estate Ryanair sulla Calabria prevede 10 nuove rotte in tutti e 3 gli aeroporti (Lamezia, Crotone e Reggio). Il lancio della nuova base a Reggio Calabria creerà fino a 200 nuovi posti di lavoro insieme a un investimento sostanziale di 100 milioni di dollari in nuovi aeromobili. Da Lamezia la low cost aprirà una nuova rotta per Valencia (18 in totale) e oltre 180 voli settimanali, mentre da Crotone decollerà un nuovo collegamento per Torino (4 totali) e oltre 30 voli settimanali, con una crescita della connettività nei due scali rispettivamente del 13% e del 33%. Obiettivo della compagnia è quello di trasportare fino a 1,3 milioni di passeggeri sulla Calabria per la summer 2024, per una crescita del +20%. "Questa importante espansione segna l'inizio di una strategia a lungo termine con il presidente Occhiuto e la Regione per posizionare la Calabria come destinazione leader in Europa e far crescere il turismo in entrata, la connettività e l'occupazione, offrendo al contempo tariffe basse ai cittadini/visitatori - ha dichiarato il ceo del vettore, Eddie Wilson -. La Calabria è una destinazione tutta da scoprire sia in Italia che in Europa, e merita più connettività, più turismo tutto l'anno e più posti di lavoro. La Calabria godrà ora di un boom del turismo in entrata grazie alla crescita spettacolare fornita da Ryanair, (già sperimentata da altre regioni italiane come la Puglia e la Sardegna), con tariffe competitive e una maggiore connettività". "Ryanair ha deciso di investire in Calabria centinaia di milioni di euro, porterà 10 nuove rotte, verranno creati tanti nuovi posti di lavoro, si svilupperanno ulteriormente i nostri tre aeroporti: Reggio Calabria, Lamezia Terme e Crotone - ha commentato il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto -. Il traffico aereo nella nostra Regione nel 2023 è stato di circa 3,3 milioni di passeggeri. Nel 2024 puntiamo a 4 milioni. L’obiettivo è quello di avere in Calabria entro qualche anno 6 milioni di passeggeri: raddoppiando di fatto il dato del 2023. La sfida adesso è anche quella di migliorare la ricettività delle nostre strutture alberghiere". [post_title] => Ryanair a Reggio Calabria con la nuova base e 8 destinazioni, 5 internazionali [post_date] => 2024-02-15T12:10:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707999026000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461324 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo.  La compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica. «Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili». Le entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.   «Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività». Play ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che "un diverso profilo di aeromobile è più adatto" per la crescita futura. «Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.   [post_title] => Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento [post_date] => 2024-02-13T09:15:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707815751000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461202 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “I dati ci indicano che gli effetti della pandemia sono superati e che sta tornando una clientela alto spendente a sostegno di ricavi reali”. Così Francesco Tapinassi, direttore di Toscana Promozione Turistica (nella foto), inquadra clima e strategie con cui la regione si affaccia al 2024. "Il 2023 è stato caratterizzato da un significativo ritorno di flussi dal Nord Europa e dalla Gran Bretagna e da un gran recupero delle città d’arte. E i primi mesi del 2024 confermano questa tendenza, anche se le incognite delle vicende internazionali non sono governabili e non consentono proiezioni a lungo termine”. E’ una Toscana versatile, a tratti inaspettata, quella che si è presentata alla Bit con 18 ambiti territoriali mettendo in gioco anche l’offerta di zone meno conosciute, ma altrettanto affascinanti. “Se sostenibilità e turismo culturale restano i punti fermi delle strategie 2024 - dichiara Tapinassi - l’obiettivo è di individuare sempre di più tematiche verticali  per sviluppare campagne dedicate: Famiglie e bambini, artigianato d’autore, turismo industriale e quello alla scoperta dell’animo femminile  della Toscana (a cui Lonely Planet ha dedicato una mini guida digitale, ndr), i percorsi  lenti dei cammini come quelli da scoprire a cavallo o in bici, un’enogastronomia attenta alla qualità e che esprima l’identità dei territori e una rinnovata offerta termale”. In occasione del centenario della morte di Giacomo Puccini, nel 2024 saranno molte le iniziative mirate a valorizzare le varie aree della provincia di Lucca legate a vita e opere di un compositore tra i più apprezzati al mondo. [post_title] => Toscana Promozione: "Torna il turista alto spendente. Campagne dedicate a tematiche verticali" [post_date] => 2024-02-09T11:34:17+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707478457000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "centinaio" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":10,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":170,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462541","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un mercato che ha recuperato i volumi e che continua a crescere. E’ fiducioso Adriano Apicella, amministratore delegato Welcome Travel Group,  intervistato da Travel Quotidiano, nei giorni scorsi.\r\n\r\n«Attualmente Welcome comprende 2.500 adv – spiega Alpicella – ed entro l’anno cresceremo ancora di un centinaio di associati. Ma l'obiettivo è crescere anche nel fatturato: nel 2023 abbiamo registrato un +20% e prevediamo di crescere ancora del 10%. I nostri volumi sono aumentati a fronte di una diminuzione del personale del 30%. E questo è un grande ostacolo. Un particolare però è importante – aggiunge Alpicella – La nostra crescita è stata molto più alta rispetto al mercato in generale: questo evidenzia l’attrattiva delle nostre agenzie».\r\n\r\nNegli ultimi anni la clientela si è trasformata ed ha sviluppato nuove esigenze. «Ci sono molti più giovani – commenta Alpicella – che prima si rivolgevano ad altri canali. Non solo, ma la clientela vuole un’assistenza completa ed ormai l’80% delle vacanze hanno copertura assicurativa».\r\n\r\nL’Agenzia è vista come un canale da utilizzare per questo è importante sostenere l’evoluzione delle agenzie.\r\n\r\n«Evolvere significa investire in tecnologia – sottolinea l’ad – Per quanto concerne l’intelligenza artificiale si tratta di uno strumento importante da affiancare al valore del professionista. Può essere molto utile, per esempio, per automatizzare i passaggi ripetitivi che rallentano il lavoro».\r\n\r\nAlpicella è ancora fiducioso quando afferma che il settore è sano, florido e performante: proprio per questo occorre puntare sul Turismo e chiedere alle istituzioni maggiore attenzione a quelle che sono le reali necessità.\r\n\r\n«Chiediamo aiuto alle istituzioni per promuovere il ricambio generazionale – conclude Alpicella - Bisogna attrarre i giovani per questo servono un contratto di apprendistato o misure di integrazione salariale. Per quanto riguarda la scuole, come il Turistico, è necessario un cambio di programma per fare in modo che sia più facile per i ragazzi proporsi alle adv».","post_title":"Apicella, la crescita del 20% evidenzia l'attrattiva delle nostre agenzie","post_date":"2024-03-01T10:21:40+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709288500000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462413","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tradizioni popolari, sacre rappresentazioni, tesori d’arte e fede: nel periodo pasquale la provincia di Brescia è uno scrigno di sorprese, che arricchiscono un territorio impreziosito dai laghi di Garda, Iseo e Idro, dai monti della Valle Camonica, della Valle Sabbia e della Valle Trompia, dalle dolci colline della Franciacorta, dalla verde pianura solcata dallo scorrere lento del fiume Oglio.\r\n\r\nNel romanico Duomo Vecchio o Rotonda di Brescia (fra le poche chiese a pianta circolare d’Italia) durante la Quaresima si ha la rara possibilità di ammirare per un giorno, il venerdì che precede il Venerdì Santo (quest’anno venerdì 22 marzo) il Tesoro delle Sante Croci. Preziosissimo, comprende antichi capolavori di oreficeria sacra e viene custodito in un forziere nella cappella detta appunto delle Sante Croci, nel transetto nord dell’edificio.\r\n\r\nIl periodo pasquale è un momento ideale per ammirare capolavori d’arte e fede legati al mistero della morte e resurrezione di Cristo. Fra i molti di cui è ricca la provincia di Brescia, spicca per la sua eccezionalità il Santuario della Via Crucis che sorge accanto alla chiesa parrocchiale del piccolo borgo di Cerveno, in Valle Camonica. Il Santuario (le Capèle in dialetto camuno) si inserisce nella tradizione lombardo-piemontese dei Sacri Monti. Le 14 cappelle della Via Crucis, sono disposte lungo un corridoio a gradoni che culmina alla sommità con la cappella della Deposizione.\r\nOgni dieci anni, in maggio, gli abitanti di Cerveno inscenano la Santa Crus, sacra rappresentazione vivente della Passione con oltre 100 figuranti, ispirandosi ai personaggi delle sculture di Beniamino Simoni. Quest’anno si tiene domenica 26 maggio e verrà replicata il 2 giugno, in suggestivi percorsi ambientati nel centro storico e nella campagna circostante il paese. La sua particolarità è di non essere legata ai riti della Pasqua, ma al 3 maggio, giorno in cui il calendario, prima della riforma ecclesiastica, ricordava il ritrovamento della Santa Croce. La documentazione video e fotografica, gli oggetti di scena e gli abiti utilizzati durante le varie edizioni sono visibili al Museo Civico, dove si trova anche una collezione etnografica che ricostruisce il vissuto delle genti camune.\r\n\r\nIl Venerdì Santo, 29 marzo, suggestiva e carica di pathos è la Via Crucis Vivente di Ome, in Franciacorta, che si tiene la sera a partire dalle 20.30 e coinvolge un centinaio di figuranti in costume. La sacra rappresentazione ha origini antiche ed è stata riscoperta e valorizzata dal Gruppo Alpini dal 1986, quando rischiava di scomparire. Partecipatissima dall’intero paese, si apre con la rievocazione dell'Ultima Cena, del processo, della condanna, della flagellazione e dell'incoronazione con le spine nei giardini davanti al Municipio e termina sul Colle San Michele, snodandosi lungo un percorso di circa un chilometro segnato dalle stazioni della Via Crucis.\r\n\r\nÈ legato alla Pasqua il dolce tipico della Valle Camonica, la rustica Spongada, una deliziosa focaccia ricoperta di zucchero, che nel giorno della Domenica delle Palme, il 24 marzo, viene celebrata con la Fèra della Spongada a Breno, antica località dominata dalla possente sagoma del Castello che si staglia sullo sfondo di vette maestose. Nella piazza principale vengono allestiti stand in cui assaggiare innanzitutto la sua variante brenese, ovvero la Spongada con il salame, con un effetto “dolce / non dolce” davvero interessante. Oltre alla Spongada, sono in vendita prodotti tipici. A fare da contorno, tour nei più suggestivi luoghi brenesi, mercatini dell’usato e dell’artigianato.\r\n\r\nA Pisogne, sul lago d’Iseo, il 1 aprile la Pro Loco organizza in piazza Öf, böch e salam nostrà, la tipica merenda di Pasquetta a base di salame nostrano, uova sode e  böch, una verdura stagionale e la tradizionale focaccina pasquale. Sempre su lago d’Iseo, il 6 e 7 aprile, un’altra tradizionale sagra primaverile, la Festa del Salame di Monte Isola, che si svolgerà nel Borgo di Cure di questa bella isola che spicca al centro del lago.\r\n\r\nIl giorno di Pasquetta, le Cacce al Tesoro organizzate al Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera sul lago di Garda (dimora di Gabriele D’Annunzio) e nella Casa Museo Zani di Cellatica (dimora del grande collezionista Paolo Zani) nell’immediata periferia di Brescia, sono l’occasione per visitare due fra le più affascinanti Case-Museo del Bresciano. Al Vittoriale degli Italiani torna la Caccia al Tesoro Botanico, firmata Grandi Giardini Italiani: i bambini dai 4 ai 13 anni possono partecipare a questo avvincente gioco due gradi di difficoltà in base all'età, alla scoperta delle varie e meravigliose specie vegetali che popolano e colorano il giardino botanico del complesso.\r\n\r\n­\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Brescia, la Pasqua tra eventi, natura, tradizioni in città e dintorni","post_date":"2024-02-28T13:03:07+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1709125387000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462292","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Catalogna conferma il proprio ruolo strategico per il turismo spagnolo, contribuendo per il 21,2% al numero di arrivi stranieri nel Paese: in altre parole, la regione nel 2023 ha accolto 25,7 milioni di visitatori, per una crescita del 15,5% sul 2022.\r\n\r\nCon 1.283.254 viaggiatori, l’Italia occupa il 5° posto, l'equivalente del 7,1% del totale degli arrivi internazionali, con una spesa media a persona di 688,3 euro (per un volume totale di 883,3 milioni di euro). Fa eccezione il mese di dicembre 2023, quando il turismo italiano in Catalogna è balzato al 2° posto, dietro soltanto alla Francia, con 91.414 turisti (il 9% del totale). Nella classifica statale della spesa turistica estera totale, infine, la Catalogna è terza dopo la capitale spagnola Madrid e le Isole Canarie.\r\n\r\nForte del successo ottenuto nel 2023, la regione punta a migliorare ulteriormente la propria performance con strategie di appeal turistico che si basano sulla destagionalizzazione e diversificazione dell'offerta, grazie alla partecipazione alle principali fiere, eventi, workshop e manifestazioni di settore e Mice, e al rafforzamento dei punti d'attrattiva chiave della destinazione: cultura, enogastronomia, eventi, sport, attività all'aria aperta e gli itinerari del Grand Tour della Catalogna.\r\n\r\nLe attività outdoor, dal cicloturismo all'escursionismo e il turismo nautico, saranno protagoniste con un'ospitalità dedicata (camping, glamping e bike hotel) e il link agli eventi iconici in programma nel 2024 come l'America’s Cup, la 103ª Volta Ciclista a Catalunya, il Monster Energy MotoGP Grand Prix Barcelona e la Formula 1 AWS GP Catalunya Barcelona.\r\n\r\nQuest'anno anche la cultura sarà in pole position, con le celebrazioni per il centenario dalla nascita di Antoni Tàpies, il grande artista catalano omaggiato con una serie di appuntamenti, mostre ed esposizioni che avranno come fulcro la Fondazione Antoni Tàpies a Barcellona, e l'avvicinarsi degli eventi per il millenario di Montserrat, che cadrà nel 2025 per ricordare i mille anni dalla fondazione dell'importante Monastero benedettino di Santa Maria.\r\n\r\nInfine, in attesa della nomina della Catalogna a Regione Mondiale della Gastronomia nel 2025, non potrà mancare il focus sull'enogastronomia. \r\n\r\n ","post_title":"Catalogna: arrivi record nel 2023. E quest'anno si punta su outdoor e cultura","post_date":"2024-02-27T10:45:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709030705000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462089","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Novità in casa Community.Travel, che ha formalizzato la partnership con l'azienda di consulenza e marketing Kirby, azienda con base operativa in Spagna ma operativa a livello globale: “Lavoriamo con soddisfazione da circa un anno a stretto contatto con il team di Kirby su altri fronti che rimarranno operativi - spiega Lea Cardinali, sales director di Adalte, di cui Community.Travel rappresenta la naturale evoluzione -. Siamo però estremamente soddisfatti dell’opportunità di poter ulteriormente ampliare e consolidare la nostra collaborazione. In questo modo prevediamo di espandere ulteriormente la nostra rete di dmc, sia per l'Italia, sia per gli altri mercati di interesse per i tour operator che collaborano con noi\".\r\n\r\nLa partnership così costituita sarà in particolare funzionale nei prossimi mesi per ottimizzare l’attuale processo di gestione delle dmc invitate dai tour operator. Mirerà inoltre a sviluppare prodotto per i nuovi mercati, permettendo di incrementare ulteriormente il processo di internazionalizzazione. \"Noi abbiamo creato l'infrastruttura Community.Travel per supportare le necessità tecnologiche degli attori che vendono tour e soggiorni - specifica il ceo di Adalte, Davide Galleri -. È stato però deciso sin da subito di operare nel rispetto dei canali tradizionali, consentendo la registrazione solo a realtà con un collegamento tecnologico alla tecnologia Adalte (quindi società con potenziale sicuramente importante), oppure invitate dalle dmc stesse. Questo per evitare di aprire anche solo inavvertitamente la registrazione a utenti agenziali clienti dei tour operator registrati come buyer. Nei primi anni la maggior parte dei fruitori erano wholesaler e tour operator online che desideravano un collegamento con il marketplace Community.Travel, così da poter ampliare una già vastissima offerta di altri servizi turistici. Quasi tutti i buyer sono stati da subito altamente convinti della potenzialità del prodotto, ma erano distributori di pacchetti turistici online, poco avvezzi alla vendita delle proposte distribuite dalle nostre dmc partner\".\r\n\r\nNegli anni il trend si è invertito. \"E la strategia si è dimostrata vincente - conclude Galleri - perché oggi nel marketplace Community.Travel i tour operator registrati (che hanno nella distribuzione agenziale la loro forza) hanno superato quelli che operano una commercializzazione puramente online via canali tecnologici. Se oggi siamo diventati la piattaforma di booking online dei product manager italiani che vendono tour dobbiamo quindi ringraziare in primis le nostri partner dmc che, sin dall’inizio, ci hanno sostenuto, quando abbiamo deciso di applicare una politica protettiva nei confronti dei loro stessi clienti. Nella stragrande maggioranza dei casi, le dmc sono infatti le prime a non voler lavorare con decine (se non centinaia) di piccoli clienti, a cui probabilmente già possono vendere servizi tramite i loro clienti”.","post_title":"Community.Travel amplia le sinergie internazionali: partnership con la spagnola Kirby","post_date":"2024-02-22T12:25:19+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708604719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come avevamo ampiamente previsto tutte le norme, le normette, le ideuzze i proclami delle istituzioni che affermavano di aver risolto o in via di risoluzione il problema dei passaporti sono falliti. I tempi non si sono ridotti, anzi. Per questo il turismo organizzato ha scritto al ministro dell'interno per sollecitare il dossier, per evidenziare il mancato guadagno da questa incomprensibile questione, e per capire i motivi. Vediamo cosa risponderà il ministero dell'interno e se risponderà. \r\nEcco la nota del turismo organizzato. Sono stati eliminati i contributi di tutti i presidenti delle associazioni perché sostanzialmente dicevano tutti la stessa cosa.\r\n«Non sono bastati servizi di Striscia la notizia e Report, centinaia di articoli sulla carta stampata, scandali su truffe ai danni dei cittadini, comunicazioni accorate di appello per trovare una soluzione a una burocrazia che fa male ai cittadini e alle imprese dei viaggi, rimaste inascoltate. Il nodo dei tempi di rilascio o rinnovo dei passaporti italiani, a due anni dall'uscita dell'emergenza Covid, rimane purtroppo scandalosamente inaccettabile. Come se non bastasse, anche per l’emissione delle carte di identità elettroniche si verificano problemi analoghi.\r\n\r\nPiantedosi\r\nIl turismo organizzato, già proiettato sulla vendita delle vacanze estive, a nome dei presidenti delle principali associazioni di categoria, chiede ancora una volta al ministro dell’interno, Matteo Piantedosi, a cui ha inviato due giorni fa una ulteriore lettera sollecitando un incontro, di intervenire per tutelare il diritto degli italiani di viaggiare e a difesa degli imprenditori del comparto che continuano a perdere fatturato a causa della burocrazia.\r\nSecondo una stima effettuata, i tempi lunghi o lunghissimi per ottenere o rinnovare un passaporto hanno, infatti, mandato in fumo nel biennio 2022-2023 167mila viaggi internazionali per un giro d'affari di 300 milioni di euro.\r\nPurtroppo, anche la soluzione “Polis”, che riguarda esclusivamente i comuni con meno di 15mila abitanti, rischia di essere una ulteriore comunicazione priva di efficacia reale e rappresentare solo una proroga di questa agonia legata alla pubblica amministrazione».\r\n \r\n ","post_title":"Passaporti: i tempi sono ancora scandalosamente inaccettabili","post_date":"2024-02-22T10:36:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708598210000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461761","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo sciopero domani, 20 febbraio, per il personale di terra di Lufthansa: il sindacato tedesco Ver.di ha infatti indetto una mobilitazione che coinvolgerà sette aeroporti del Paese e precisamente quelli di Francoforte e Monaco, i due hub principali della compagnia aerea, insieme a Berlino, Duesseldorf, Amburgo, Colonia-Bonn e Stoccarda.\r\n\r\nLo sciopero si svolgerà dalle 4:00 di martedì alle 7:10 di mercoledì. Lo scorso 7 febbraio un altro sciopero di 27 ore in cinque degli stessi aeroporti aveva indotto Lufthansa a cancellare centinaia di voli.\r\n\r\nQuesta volta, secondo le stime, le cancellazioni riguarderanno tra l'80% e il 90% dei voli programmati da Lufthansa.\r\n\r\nTra le richieste del sindacato ci sono aumenti salariali del 12,5%, o almeno 500 euro in più al mese, nelle trattative per circa 25.000 dipendenti, compreso il personale addetto al check-in, alla movimentazione delle aeromobili, alla manutenzione e al trasporto merci. ","post_title":"Lufthansa: sciopero del personale di terra domani, 20 febbraio, in sette aeroporti tedeschi","post_date":"2024-02-19T09:29:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708334967000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461579","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair ha svelato  il network con cui debutterà nei collegamenti dalla nuova base di Reggio Calabria (la 19esima, e il 31° aeroporto in Italia) dove sarà posizionato un velivolo. Dal prossimo 1° aprile saranno otto le destinazioni in decollo, di cui ben cinque internazionali invece delle 4 previste, e 3 domestiche. \r\n\r\nLa rete nazionale include le città di Torino, Venezia e Bologna, mentre a livello internazionale da Reggio Calabria saranno raggiungibili Manchester, Marsiglia, Berlino, Barcellona e Tirana, garantendo collegamenti diretti con capitali e importanti città europee.\r\n\r\nComplessivamente, l'estate Ryanair sulla Calabria prevede 10 nuove rotte in tutti e 3 gli aeroporti (Lamezia, Crotone e Reggio).\r\n\r\nIl lancio della nuova base a Reggio Calabria creerà fino a 200 nuovi posti di lavoro insieme a un investimento sostanziale di 100 milioni di dollari in nuovi aeromobili. Da Lamezia la low cost aprirà una nuova rotta per Valencia (18 in totale) e oltre 180 voli settimanali, mentre da Crotone decollerà un nuovo collegamento per Torino (4 totali) e oltre 30 voli settimanali, con una crescita della connettività nei due scali rispettivamente del 13% e del 33%.\r\n\r\nObiettivo della compagnia è quello di trasportare fino a 1,3 milioni di passeggeri sulla Calabria per la summer 2024, per una crescita del +20%.\r\n\"Questa importante espansione segna l'inizio di una strategia a lungo termine con il presidente Occhiuto e la Regione per posizionare la Calabria come destinazione leader in Europa e far crescere il turismo in entrata, la connettività e l'occupazione, offrendo al contempo tariffe basse ai cittadini/visitatori - ha dichiarato il ceo del vettore, Eddie Wilson -. La Calabria è una destinazione tutta da scoprire sia in Italia che in Europa, e merita più connettività, più turismo tutto l'anno e più posti di lavoro. La Calabria godrà ora di un boom del turismo in entrata grazie alla crescita spettacolare fornita da Ryanair, (già sperimentata da altre regioni italiane come la Puglia e la Sardegna), con tariffe competitive e una maggiore connettività\".\r\n\"Ryanair ha deciso di investire in Calabria centinaia di milioni di euro, porterà 10 nuove rotte, verranno creati tanti nuovi posti di lavoro, si svilupperanno ulteriormente i nostri tre aeroporti: Reggio Calabria, Lamezia Terme e Crotone - ha commentato il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto -. Il traffico aereo nella nostra Regione nel 2023 è stato di circa 3,3 milioni di passeggeri. Nel 2024 puntiamo a 4 milioni. L’obiettivo è quello di avere in Calabria entro qualche anno 6 milioni di passeggeri: raddoppiando di fatto il dato del 2023. La sfida adesso è anche quella di migliorare la ricettività delle nostre strutture alberghiere\".","post_title":"Ryanair a Reggio Calabria con la nuova base e 8 destinazioni, 5 internazionali","post_date":"2024-02-15T12:10:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707999026000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461324","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo. \r\n\r\nLa compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica.\r\n\r\n«Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili».\r\n\r\nLe entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.\r\n\r\n \r\n\r\n«Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività».\r\n\r\nPlay ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che \"un diverso profilo di aeromobile è più adatto\" per la crescita futura.\r\n\r\n«Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025\". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.\r\n\r\n ","post_title":"Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento","post_date":"2024-02-13T09:15:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707815751000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461202","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“I dati ci indicano che gli effetti della pandemia sono superati e che sta tornando una clientela alto spendente a sostegno di ricavi reali”. Così Francesco Tapinassi, direttore di Toscana Promozione Turistica (nella foto), inquadra clima e strategie con cui la regione si affaccia al 2024.\r\n\r\n\"Il 2023 è stato caratterizzato da un significativo ritorno di flussi dal Nord Europa e dalla Gran Bretagna e da un gran recupero delle città d’arte. E i primi mesi del 2024 confermano questa tendenza, anche se le incognite delle vicende internazionali non sono governabili e non consentono proiezioni a lungo termine”.\r\n\r\nE’ una Toscana versatile, a tratti inaspettata, quella che si è presentata alla Bit con 18 ambiti territoriali mettendo in gioco anche l’offerta di zone meno conosciute, ma altrettanto affascinanti. “Se sostenibilità e turismo culturale restano i punti fermi delle strategie 2024 - dichiara Tapinassi - l’obiettivo è di individuare sempre di più tematiche verticali  per sviluppare campagne dedicate: Famiglie e bambini, artigianato d’autore, turismo industriale e quello alla scoperta dell’animo femminile  della Toscana (a cui Lonely Planet ha dedicato una mini guida digitale, ndr), i percorsi  lenti dei cammini come quelli da scoprire a cavallo o in bici, un’enogastronomia attenta alla qualità e che esprima l’identità dei territori e una rinnovata offerta termale”.\r\n\r\nIn occasione del centenario della morte di Giacomo Puccini, nel 2024 saranno molte le iniziative mirate a valorizzare le varie aree della provincia di Lucca legate a vita e opere di un compositore tra i più apprezzati al mondo.","post_title":"Toscana Promozione: \"Torna il turista alto spendente. Campagne dedicate a tematiche verticali\"","post_date":"2024-02-09T11:34:17+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707478457000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti