2 March 2024

Brambilla: ora dobbiamo imparare la lezione

[ 0 ]

«L’industria turistica italiana opera in stato di sofferenza e bisogna correre ai ripari al più presto». Il sottosegretario Michela Vittoria Brambilla di fronte ai dati resi noti dall’Osservatorio nazionale del turismo ha espresso forte preoccupazione per la performance estiva del settore che, oltre ai prevedibili fattori congiunturali ha mostrato di soffrire anche di pecche strutturali che ne impediscono il ruolo di volano per l’economia italiana. Oltre al calo dei turisti provenienti dagli Usa e gli effetti dello scandalo dei rifiuti nel napoletano si sono verificati infatti altri fenomeni inattesi come la diminuzione di alcuni flussi turistici consolidati per il nostro paese – tedesco, austriaco e svizzero – e la defezione dei viaggiatori provenienti dal Sud Est asiatico. «Lo stato di sofferenza del settore è dovuto a problemi strutturali quali la mancanza di programmazione, che si estende anche al settore delle infrastrutture e dei trasporti e impedisce una efficace individuazione degli assets su cui puntare – ha spiegato il sottosegretario -. Poi ci sono ostacoli di ordine burocratico come paletti fiscali e leggi che impediscono l’afflusso di capitali utili per una riqualificazione dell’offerta e, non ultima, c’è una mancanza di professionalità che non ci fa essere competitivi».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462570 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462572" align="alignleft" width="300"] L'Ovolo South Yarra[/caption] Si rinnova la partnership tra il soft brand Small Luxury Hotels of the World e il gruppo Ovolo Hotels: compagnia di hotel di design situati nella regione Asia - Pacifico, tra Hong Kong, Australia e Bali. "Siamo entusiasti di collaborare con Small Luxury Hotels of the World - sottolinea il ceo di Ovolo, Dave Baswal -. Questa unione non solo rafforza la nostra presenza nei principali mercati globali, pur mantenendo lo spirito e le qualità di realtà indipendenti, ma ci permette anche di mostrare il nostro carattere distintivo e l'innovazione che ci definisce". A entrare in Slh saranno in inizialmente il Woolloomooloo di Sydney, lo South Yarra di Melbourne, il The Valley di Brisbane, il Nishi di Canberra e il Central di Hong Kong. A seguire abreve saranno i by Ovolo Collection Laneways di Melbourne e Mamaka di Bali. "Siamo entusiasti di dare nuovamente il benvenuto a Ovolo Hotels all'interno di Slh - ragiona il senior vice president Asia Pacific del soft brand, Mark Wong -. La rinnovata alleanza con loro offre maggiori prospettive promozionali e incrementa la nostra presenza in Australia e nelle varie località degli hotel della compagnia". [post_title] => Small Luxury Hotels of the World: torna la partnership con Ovolo Hotels [post_date] => 2024-03-01T10:18:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709288315000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462462 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Regione Liguria finanzia con 3,7 milioni di euro "Sanremo Verde", la strategia territoriale della 'Città dei Fiori' per preservare la biodiversità urbana e mitigare gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici.  «Undici gli interventi che produrranno importanti e positive ricadute su Sanremo - spiega l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana - In particolare, con gli interventi promossi intendiamo aumentare da un lato le superfici verdi e dall'altro diminuire le superfici impermeabili, sostituendo l'asfalto con pavimentazioni drenanti e a prato». Gli interventi sono distribuiti lungo la fascia litoranea che costeggia la pista ciclabile, con alcuni piccoli sconfinamenti sui versanti collinari.  Partendo dal ponente cittadino, dove è prevista la realizzazione di un nuovo percorso verde in via Grande Torino, nel quale poter anche svolgere attività fisica outdoor, e la trasformazione green, con de-impermeabilizzazione del suolo e nuove alberature per ombreggiare il vicino parcheggio esistente e la confinante pista ciclabile.  Passando per il centro, dove è prevista la trasformazione verde della piazza antistante il Mercato Annonario, ai piedi del nucleo antico della Pigna, con eliminazione delle superfici in asfalto e nuove alberature, il potenziamento e l’estensione del filare alberato in Corso Nino Bixio e Corso Orazio Raimondo, la riqualificazione degli adiacenti giardini Trento e Trieste e la realizzazione di un nuovo parco lineare lungo la Passeggiata Salvo D’Acquisto, in ampliamento dei giardini esistenti.  Arrivando al levante, dove è prevista la riqualificazione, con implementazione e diversificazione del verde, del Parco San Martino e dell’adiacente parcheggio di via Scoglio, entrambi con accessi diretti dalla pista ciclabile.  A questi interventi lungo la costa, si affiancano la sistemazione a verde con spazi di sosta e orti urbani di due piccole aree abbandonate a servizio dei quartieri collinari. [post_title] => Sanremo più green, 3,7 milioni dalla Regione per preservare la biodiversità urbana [post_date] => 2024-02-29T10:37:56+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709203076000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462467 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da San Biagio Platani ad Aragona, da Prizzi a Giuliana, il nuovo network di realtà sicane, Sicani Villages, raccoglie e presenta i principali eventi e manifestazioni che si tengono nel periodo di Pasqua e che permettono di scoprire parte delle meraviglie di questa regione. Con l'avvicinarsi delle vacanze pasquali i Borghi Sicani, 29 comuni tra le province di Agrigento e Palermo, si vestono infatti a festa e si preparano a celebrare storiche tradizioni siciliane: dagli Archi di Pasqua a San Biagio Platani alle vestizioni dei San Paoloni ad Aragona, passando per il ballo dei Diavoli a Prizzi. Dopo 75 anni di assenza, grazie alla ricostruzione compiuta dal dialogo con un novantenne abitante del borgo, torna in particolare a Giuliana a Paci: "Due piccoli angeli, portati a mano dai ragazzi, vanno in giro tra la folla annunciando la resurrezione - spiega l'accompagnatrice turistica di Live Sicani, Stefania Arcuri -: la Madonna appresa la notizia, lascia cadere il mantello nero e corre verso Gesù che si trova al centro della piazza”. Un rito che promette di rigenerare la vita attraverso la morte, connesso, stando ai commenti di alcuni studiosi, con alcune celebrazioni perpetuate in Siria, in onore del dio Adone. I visitatori avranno l'opportunità di immergersi nell'atmosfera di questi eventi, partecipando alle processioni sacre, assistendo a spettacoli folkloristici e gustando prelibatezze enogastronomiche locali come il Taganu di Aragona, tradizionale pietanza dalle origini contadine. A San Biagio Platani i magazzini-laboratori sono poi al lavoro da settimane per dar vita a uno spettacolo unico al mondo per il gran ritorno degli Archi di Pasqua: unico esempio di arte popolare collettiva in Sicilia, che ha come fulcro lo svelamento delle imponenti architetture effimere, realizzate con materiali naturali e collocate lungo il corso principale del piccolo comune di 3 mila abitanti.  Per i più sportivi che desiderano pianificare un intero fine settimana di attività a Prizzi, paesino famoso per le danze concitate dei Diavoli e della Morte, simbolo dell’eterna lotta tra il bene e il male, sono inoltre disponibili diverse offerte, tra cui le esperienze di turismo equestre proposte da Sikani Horse Trek, oppure soggiorni presso l'Ostello della Gioventù Terr@Terra, che promuove anche il turismo accessibile. “Ci piace portare fuori dalla nostra azienda agricola gli ospiti, proponendo esperienze a cavallo o passeggiate alla scoperta delle bellezze naturali, dei prodotti enogastronomici tipici e delle tradizioni dei diversi borghi”, commenta Francesco Traina, fondatore di Sikani Horse Trek. [post_title] => La Sicilia della tradizione protagonista delle proposte pasquali di Sicani Villages [post_date] => 2024-02-29T10:27:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709202428000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_415903" align="alignleft" width="300"] Salvatore Ombra[/caption] L'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali. Tra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia. “Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.  “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”. [post_title] => L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer [post_date] => 2024-02-29T09:23:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709198628000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462380 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via in Liguria al progetto "Turismo Scolastico delle Radici 2024" realizzato da Massimo Ruggero, project manager e presidente del Club per Unesco di Genova Metropolitana in collaborazione con l'Associazione dei Liguri nel Mondo. Si tratta del progetto internazionale tra Genova e Mar del Plata che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova e che gode del patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica di Argentina in Italia, del Consolato d'Italia di Mar del Plata, della Direzione scolastica delle Circoscrizioni consolari di Buenos Aires e Mar del Plata, di Acaesit (Asociación Civil Asistencia Escuelas Italianas Mar Del Plata) e di Regione Liguria che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova. Le attività proposte valorizzano gli scambi interculturali tra le scuole metropolitane liguri e le rappresentanze istituzionali di Argentina finalizzati alla costituzione dell'Ecomuseo italiano internazionale storico-antropologico delle Radici della città di Mar del Plata. Nell'ampio ed articolato programma di eventi italo argentini sono previsti accordi e scambi di best practices tra le scuole Italiane della rete Acaesit di Mar del Plata ed alcuni Istituti scolastici metropolitani genovesi e dei territori dell'Ecomuseo dei territori limitrofi colombiani e dell'emigrazione ligure che ad oggi si rivolgono ad alcune amministrazioni delle aree tra la Val Fontanabuona e i territori limitrofi del Chiavarese. «Con questo progetto entriamo nel vivo di quelle che saranno le tante iniziative previste per quest'anno, dichiarato dal Ministero della Cultura e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale 'Anno delle radici' – spiega Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo - L'Argentina è il Paese in cui la stragrande maggioranza degli emigrati liguri si recarono all'inizio del secolo scorso alla ricerca di un futuro migliore: non posso quindi che essere felice di presentare questo progetto che consolida lo storico legame tra le due terre e che prevede percorsi turistico-esperienziali nel genovesato e a Mar del Plata».  «Il turismo scolastico delle radici non solo punta a far conoscere luoghi tra loro molto lontani che hanno però un legame tra loro, ma favorisce lo scambio culturale tra studenti: un'esperienza di grande valore che porta numerosi benefici sia a livello personale che sociale - aggiunge Simona Ferro, assessore regionale alla Scuola e all'Università - Quando i ragazzi hanno l'opportunità di interagire con persone provenienti da differenti contesti culturali possono ampliare i propri orizzonti, imparare nuove prospettive e confrontarsi con punti di vista diversi. È un processo di arricchimento reciproco che favorisce la crescita personale. In questo caso il rapporto che si crea è arricchito dal fatto che c’è qualcosa in più da condividere: le proprie origini». «Il collegamento tra Genova e Mar del Plata si è rafforzato circa un anno fa nell’ambito del progetto Iurc che ha portato alla sottoscrizione delle best practice del turismo tra le due città e presenziare oggi alla presentazione di questo progetto, che rappresenta l’evoluzione della predetta cooperazione, mi fa davvero molto piacere – sottolinea Alessandra Bianchi, assessore al Turismo del Comune di Genova - Attraverso percorsi didattici, laboratori, conferenze, seminari, viaggi e tante altre attività, il progetto 'Turismo Scolastico delle Radici 2024' si configura, per tutti i giovani che ne prenderanno parte, come un percorso non solo di riscoperta delle proprie origini e delle proprie radici ma più in generale della propria identità storico-culturale».   [post_title] => Liguria, al via il progetto Unesco "Turismo scolastico delle radici 2024" [post_date] => 2024-02-28T12:17:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709122638000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462394 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti. Molteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità. I primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social. La metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti. [post_title] => Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca [post_date] => 2024-02-28T11:35:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709120135000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462385 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che "un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio". Un rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana. La tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, "mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione". Il rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea. [post_title] => Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione [post_date] => 2024-02-28T10:43:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709117038000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462339 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates Skywards fa coppia con Visa attraverso un'alleanza strategica pluriennale che rafforzerà la collaborazione tra il programma di fidelizzazione della compagnia e altri co-brand partner in tutto il Gulf Cooperation Council; inoltre, migliorerà la digitalizzazione e l'innovazione e aumenterà la scelta di premi e prodotti offerti dalle carte co-brand.   La partnership strategica tra due marchi globali favorirà la crescita di entrambe le organizzazioni, aumenterà gli investimenti nel programma di co-brand e aprirà nuove opportunità per Emirates Skywards di lavorare a stretto contatto con partner finanziari in tutta la regione. I membri beneficeranno di premi personalizzati e di maggiori opportunità di viaggio grazie all'uso ottimizzato di dati, tecnologia e risorse. I titolari di carte co-branded Emirates Skywards e Visa potranno contare su un percorso migliorato e su offerte esclusive, tra cui l'accelerazione delle opportunità di accumulo di Miglia, promozioni ad hoc e altre esperienze personalizzate in base alle preferenze dei soci. Con oltre 30 milioni di soci in tutto il mondo, Emirates Skywards è uno dei programmi fedeltà più presenti a livello mondiale e offre quattro livelli di appartenenza - Blu, Argento, Oro e Platino - a cui corrispondono privilegi esclusivi, tra i quali: upgrade istantaneo dei voli, check-in e imbarco prioritari, selezione gratuita dei posti a sedere, franchigia bagaglio in eccesso, opzioni Cash+Miles per prodotti accessori e internet wi-fi gratuito a bordo. [post_title] => Emirates Skywards: siglata una partnership esclusiva con Visa [post_date] => 2024-02-28T09:45:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709113553000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_426641" align="alignleft" width="300"] Domenico Pellegrino presidente Aidit[/caption] Aidit, l’associazione delle agenzie di viaggio aderente a Federturismo Confindustria, ha siglato una partnership con Btm Italia, l’evento dedicato al turismo ospitato alla Fiera del Levante con il patrocinio della regione Puglia, giunto alla sua decima edizione. La partnership consentirà ad Aidit di fornire un valido contributo all’organizzazione del workshop b2c Btm travel trade, organizzato quest’anno per la prima volta con l’obiettivo di favorire l’incontro fra tour operator, compagnie aeree, marittime e servizi annessi con le agenzie di viaggio outgoing della Puglia, per rinsaldare i loro rapporti di business nell’ambito dell’evento organizzato alla Fiera del Levante dal 27 al 29 febbraio. L’accordo ha validità per le prossime edizioni e nasce sulla spinta degli imprenditori pugliesi del turismo Stefania Mandurino e Giovanni Serafino e del presidente nazionale di Aidit, Domenico Pellegrino. “Sarà un momento di forte aggregazione – spiega Stefania Mandurino, consigliera nazionale Aidit - del quale si ha il dovere di essere protagonisti per dimostrare che il comparto sta reagendo alla crisi con spirito di abnegazione, impegno e volontà ed anche per rinsaldare i contatti, con l’unico obiettivo comune di rilanciare definitivamente il turismo organizzato ed, aggiungo, anche di farne capire il valore in termini economici ma anche e soprattutto di tutela e garanzia del cliente”. “Abbiamo inteso cogliere l’opportunità che ci ha concesso l’organizzazione di Btm, nel cercare di organizzare al meglio il workshop dedicato al trade, offrendo il nostro supporto per la scelta di partner strategici (tour operator, compagnie aeree, assicurazioni, compagnie navali, ecc.) di fondamentale interesse per il mercato del sud Italia. – aggiunge Giuseppe Abbatepaolo, presidente di Aidit Puglia - Nell’ambito della manifestazione organizzata presso la Fiera del Levante di Bari, verrà allestito un vero e proprio Villaggio outgoing. Si tratta di un’area collettiva che ospiterà i numerosi operatori aderenti pronti a presentare le proprie novità e proposte di destinazioni nazionali ed internazionali alle numerose agenzie di viaggio presenti”. [post_title] => Aidit sigla una partnership con la Btm di Bari [post_date] => 2024-02-27T11:22:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709032971000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "brambilla ora dobbiamo imparare la lezione" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":34,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1013,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462570","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462572\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'Ovolo South Yarra[/caption]\r\n\r\nSi rinnova la partnership tra il soft brand Small Luxury Hotels of the World e il gruppo Ovolo Hotels: compagnia di hotel di design situati nella regione Asia - Pacifico, tra Hong Kong, Australia e Bali. \"Siamo entusiasti di collaborare con Small Luxury Hotels of the World - sottolinea il ceo di Ovolo, Dave Baswal -. Questa unione non solo rafforza la nostra presenza nei principali mercati globali, pur mantenendo lo spirito e le qualità di realtà indipendenti, ma ci permette anche di mostrare il nostro carattere distintivo e l'innovazione che ci definisce\".\r\n\r\nA entrare in Slh saranno in inizialmente il Woolloomooloo di Sydney, lo South Yarra di Melbourne, il The Valley di Brisbane, il Nishi di Canberra e il Central di Hong Kong. A seguire abreve saranno i by Ovolo Collection Laneways di Melbourne e Mamaka di Bali. \"Siamo entusiasti di dare nuovamente il benvenuto a Ovolo Hotels all'interno di Slh - ragiona il senior vice president Asia Pacific del soft brand, Mark Wong -. La rinnovata alleanza con loro offre maggiori prospettive promozionali e incrementa la nostra presenza in Australia e nelle varie località degli hotel della compagnia\".","post_title":"Small Luxury Hotels of the World: torna la partnership con Ovolo Hotels","post_date":"2024-03-01T10:18:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709288315000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462462","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Regione Liguria finanzia con 3,7 milioni di euro \"Sanremo Verde\", la strategia territoriale della 'Città dei Fiori' per preservare la biodiversità urbana e mitigare gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici. \r\n\r\n«Undici gli interventi che produrranno importanti e positive ricadute su Sanremo - spiega l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana - In particolare, con gli interventi promossi intendiamo aumentare da un lato le superfici verdi e dall'altro diminuire le superfici impermeabili, sostituendo l'asfalto con pavimentazioni drenanti e a prato».\r\n\r\nGli interventi sono distribuiti lungo la fascia litoranea che costeggia la pista ciclabile, con alcuni piccoli sconfinamenti sui versanti collinari. \r\n\r\nPartendo dal ponente cittadino, dove è prevista la realizzazione di un nuovo percorso verde in via Grande Torino, nel quale poter anche svolgere attività fisica outdoor, e la trasformazione green, con de-impermeabilizzazione del suolo e nuove alberature per ombreggiare il vicino parcheggio esistente e la confinante pista ciclabile. \r\n\r\nPassando per il centro, dove è prevista la trasformazione verde della piazza antistante il Mercato Annonario, ai piedi del nucleo antico della Pigna, con eliminazione delle superfici in asfalto e nuove alberature, il potenziamento e l’estensione del filare alberato in Corso Nino Bixio e Corso Orazio Raimondo, la riqualificazione degli adiacenti giardini Trento e Trieste e la realizzazione di un nuovo parco lineare lungo la Passeggiata Salvo D’Acquisto, in ampliamento dei giardini esistenti. \r\n\r\nArrivando al levante, dove è prevista la riqualificazione, con implementazione e diversificazione del verde, del Parco San Martino e dell’adiacente parcheggio di via Scoglio, entrambi con accessi diretti dalla pista ciclabile. \r\n\r\nA questi interventi lungo la costa, si affiancano la sistemazione a verde con spazi di sosta e orti urbani di due piccole aree abbandonate a servizio dei quartieri collinari.","post_title":"Sanremo più green, 3,7 milioni dalla Regione per preservare la biodiversità urbana","post_date":"2024-02-29T10:37:56+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709203076000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462467","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da San Biagio Platani ad Aragona, da Prizzi a Giuliana, il nuovo network di realtà sicane, Sicani Villages, raccoglie e presenta i principali eventi e manifestazioni che si tengono nel periodo di Pasqua e che permettono di scoprire parte delle meraviglie di questa regione. Con l'avvicinarsi delle vacanze pasquali i Borghi Sicani, 29 comuni tra le province di Agrigento e Palermo, si vestono infatti a festa e si preparano a celebrare storiche tradizioni siciliane: dagli Archi di Pasqua a San Biagio Platani alle vestizioni dei San Paoloni ad Aragona, passando per il ballo dei Diavoli a Prizzi.\r\n\r\nDopo 75 anni di assenza, grazie alla ricostruzione compiuta dal dialogo con un novantenne abitante del borgo, torna in particolare a Giuliana a Paci: \"Due piccoli angeli, portati a mano dai ragazzi, vanno in giro tra la folla annunciando la resurrezione - spiega l'accompagnatrice turistica di Live Sicani, Stefania Arcuri -: la Madonna appresa la notizia, lascia cadere il mantello nero e corre verso Gesù che si trova al centro della piazza”. Un rito che promette di rigenerare la vita attraverso la morte, connesso, stando ai commenti di alcuni studiosi, con alcune celebrazioni perpetuate in Siria, in onore del dio Adone.\r\n\r\nI visitatori avranno l'opportunità di immergersi nell'atmosfera di questi eventi, partecipando alle processioni sacre, assistendo a spettacoli folkloristici e gustando prelibatezze enogastronomiche locali come il Taganu di Aragona, tradizionale pietanza dalle origini contadine. A San Biagio Platani i magazzini-laboratori sono poi al lavoro da settimane per dar vita a uno spettacolo unico al mondo per il gran ritorno degli Archi di Pasqua: unico esempio di arte popolare collettiva in Sicilia, che ha come fulcro lo svelamento delle imponenti architetture effimere, realizzate con materiali naturali e collocate lungo il corso principale del piccolo comune di 3 mila abitanti.  Per i più sportivi che desiderano pianificare un intero fine settimana di attività a Prizzi, paesino famoso per le danze concitate dei Diavoli e della Morte, simbolo dell’eterna lotta tra il bene e il male, sono inoltre disponibili diverse offerte, tra cui le esperienze di turismo equestre proposte da Sikani Horse Trek, oppure soggiorni presso l'Ostello della Gioventù Terr@Terra, che promuove anche il turismo accessibile. “Ci piace portare fuori dalla nostra azienda agricola gli ospiti, proponendo esperienze a cavallo o passeggiate alla scoperta delle bellezze naturali, dei prodotti enogastronomici tipici e delle tradizioni dei diversi borghi”, commenta Francesco Traina, fondatore di Sikani Horse Trek.","post_title":"La Sicilia della tradizione protagonista delle proposte pasquali di Sicani Villages","post_date":"2024-02-29T10:27:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709202428000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_415903\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Salvatore Ombra[/caption]\r\n\r\nL'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali.\r\n\r\nTra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia.\r\n\r\n“Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.\r\n\r\n “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”.","post_title":"L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer","post_date":"2024-02-29T09:23:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709198628000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462380","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via in Liguria al progetto \"Turismo Scolastico delle Radici 2024\" realizzato da Massimo Ruggero, project manager e presidente del Club per Unesco di Genova Metropolitana in collaborazione con l'Associazione dei Liguri nel Mondo.\r\n\r\nSi tratta del progetto internazionale tra Genova e Mar del Plata che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova e che gode del patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica di Argentina in Italia, del Consolato d'Italia di Mar del Plata, della Direzione scolastica delle Circoscrizioni consolari di Buenos Aires e Mar del Plata, di Acaesit (Asociación Civil Asistencia Escuelas Italianas Mar Del Plata) e di Regione Liguria che condividerà i programmi ecomuseali italo-argentini di internazionalizzazione della Rete ligure di Club Unesco Genova.\r\n\r\nLe attività proposte valorizzano gli scambi interculturali tra le scuole metropolitane liguri e le rappresentanze istituzionali di Argentina finalizzati alla costituzione dell'Ecomuseo italiano internazionale storico-antropologico delle Radici della città di Mar del Plata.\r\n\r\nNell'ampio ed articolato programma di eventi italo argentini sono previsti accordi e scambi di best practices tra le scuole Italiane della rete Acaesit di Mar del Plata ed alcuni Istituti scolastici metropolitani genovesi e dei territori dell'Ecomuseo dei territori limitrofi colombiani e dell'emigrazione ligure che ad oggi si rivolgono ad alcune amministrazioni delle aree tra la Val Fontanabuona e i territori limitrofi del Chiavarese.\r\n\r\n«Con questo progetto entriamo nel vivo di quelle che saranno le tante iniziative previste per quest'anno, dichiarato dal Ministero della Cultura e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale 'Anno delle radici' – spiega Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo - L'Argentina è il Paese in cui la stragrande maggioranza degli emigrati liguri si recarono all'inizio del secolo scorso alla ricerca di un futuro migliore: non posso quindi che essere felice di presentare questo progetto che consolida lo storico legame tra le due terre e che prevede percorsi turistico-esperienziali nel genovesato e a Mar del Plata». \r\n\r\n«Il turismo scolastico delle radici non solo punta a far conoscere luoghi tra loro molto lontani che hanno però un legame tra loro, ma favorisce lo scambio culturale tra studenti: un'esperienza di grande valore che porta numerosi benefici sia a livello personale che sociale - aggiunge Simona Ferro, assessore regionale alla Scuola e all'Università - Quando i ragazzi hanno l'opportunità di interagire con persone provenienti da differenti contesti culturali possono ampliare i propri orizzonti, imparare nuove prospettive e confrontarsi con punti di vista diversi. È un processo di arricchimento reciproco che favorisce la crescita personale. In questo caso il rapporto che si crea è arricchito dal fatto che c’è qualcosa in più da condividere: le proprie origini».\r\n\r\n«Il collegamento tra Genova e Mar del Plata si è rafforzato circa un anno fa nell’ambito del progetto Iurc che ha portato alla sottoscrizione delle best practice del turismo tra le due città e presenziare oggi alla presentazione di questo progetto, che rappresenta l’evoluzione della predetta cooperazione, mi fa davvero molto piacere – sottolinea Alessandra Bianchi, assessore al Turismo del Comune di Genova - Attraverso percorsi didattici, laboratori, conferenze, seminari, viaggi e tante altre attività, il progetto 'Turismo Scolastico delle Radici 2024' si configura, per tutti i giovani che ne prenderanno parte, come un percorso non solo di riscoperta delle proprie origini e delle proprie radici ma più in generale della propria identità storico-culturale».\r\n\r\n ","post_title":"Liguria, al via il progetto Unesco \"Turismo scolastico delle radici 2024\"","post_date":"2024-02-28T12:17:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709122638000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462394","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti.\r\n\r\nMolteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità.\r\n\r\nI primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social.\r\n\r\nLa metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti.","post_title":"Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca","post_date":"2024-02-28T11:35:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709120135000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462385","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che \"un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio\".\r\n\r\nUn rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana.\r\n\r\nLa tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, \"mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione\".\r\n\r\nIl rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea.","post_title":"Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione","post_date":"2024-02-28T10:43:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709117038000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462339","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates Skywards fa coppia con Visa attraverso un'alleanza strategica pluriennale che rafforzerà la collaborazione tra il programma di fidelizzazione della compagnia e altri co-brand partner in tutto il Gulf Cooperation Council; inoltre, migliorerà la digitalizzazione e l'innovazione e aumenterà la scelta di premi e prodotti offerti dalle carte co-brand.\r\n \r\nLa partnership strategica tra due marchi globali favorirà la crescita di entrambe le organizzazioni, aumenterà gli investimenti nel programma di co-brand e aprirà nuove opportunità per Emirates Skywards di lavorare a stretto contatto con partner finanziari in tutta la regione. I membri beneficeranno di premi personalizzati e di maggiori opportunità di viaggio grazie all'uso ottimizzato di dati, tecnologia e risorse.\r\nI titolari di carte co-branded Emirates Skywards e Visa potranno contare su un percorso migliorato e su offerte esclusive, tra cui l'accelerazione delle opportunità di accumulo di Miglia, promozioni ad hoc e altre esperienze personalizzate in base alle preferenze dei soci.\r\nCon oltre 30 milioni di soci in tutto il mondo, Emirates Skywards è uno dei programmi fedeltà più presenti a livello mondiale e offre quattro livelli di appartenenza - Blu, Argento, Oro e Platino - a cui corrispondono privilegi esclusivi, tra i quali: upgrade istantaneo dei voli, check-in e imbarco prioritari, selezione gratuita dei posti a sedere, franchigia bagaglio in eccesso, opzioni Cash+Miles per prodotti accessori e internet wi-fi gratuito a bordo.","post_title":"Emirates Skywards: siglata una partnership esclusiva con Visa","post_date":"2024-02-28T09:45:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709113553000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_426641\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Domenico Pellegrino presidente Aidit[/caption]\r\n\r\nAidit, l’associazione delle agenzie di viaggio aderente a Federturismo Confindustria, ha siglato una partnership con Btm Italia, l’evento dedicato al turismo ospitato alla Fiera del Levante con il patrocinio della regione Puglia, giunto alla sua decima edizione.\r\n\r\nLa partnership consentirà ad Aidit di fornire un valido contributo all’organizzazione del workshop b2c Btm travel trade, organizzato quest’anno per la prima volta con l’obiettivo di favorire l’incontro fra tour operator, compagnie aeree, marittime e servizi annessi con le agenzie di viaggio outgoing della Puglia, per rinsaldare i loro rapporti di business nell’ambito dell’evento organizzato alla Fiera del Levante dal 27 al 29 febbraio. L’accordo ha validità per le prossime edizioni e nasce sulla spinta degli imprenditori pugliesi del turismo Stefania Mandurino e Giovanni Serafino e del presidente nazionale di Aidit, Domenico Pellegrino.\r\n\r\n“Sarà un momento di forte aggregazione – spiega Stefania Mandurino, consigliera nazionale Aidit - del quale si ha il dovere di essere protagonisti per dimostrare che il comparto sta reagendo alla crisi con spirito di abnegazione, impegno e volontà ed anche per rinsaldare i contatti, con l’unico obiettivo comune di rilanciare definitivamente il turismo organizzato ed, aggiungo, anche di farne capire il valore in termini economici ma anche e soprattutto di tutela e garanzia del cliente”.\r\n\r\n“Abbiamo inteso cogliere l’opportunità che ci ha concesso l’organizzazione di Btm, nel cercare di organizzare al meglio il workshop dedicato al trade, offrendo il nostro supporto per la scelta di partner strategici (tour operator, compagnie aeree, assicurazioni, compagnie navali, ecc.) di fondamentale interesse per il mercato del sud Italia. – aggiunge Giuseppe Abbatepaolo, presidente di Aidit Puglia - Nell’ambito della manifestazione organizzata presso la Fiera del Levante di Bari, verrà allestito un vero e proprio Villaggio outgoing. Si tratta di un’area collettiva che ospiterà i numerosi operatori aderenti pronti a presentare le proprie novità e proposte di destinazioni nazionali ed internazionali alle numerose agenzie di viaggio presenti”.","post_title":"Aidit sigla una partnership con la Btm di Bari","post_date":"2024-02-27T11:22:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709032971000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti