29 January 2023

Assoturismo: escalation di arrivi. Ma manca il personale

[ 0 ]

Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti

Con l’arrivo del solstizio, inizia ufficialmente l’estate, questa volta (quasi) senza restrizioni. Ma per il turismo la stagione è già partita da tempo, e con buone prospettive: tra giugno e agosto, si prevedono 44,7 milioni di arrivi e un totale di 187,7 milioni di pernottamenti, 23,5 milioni in più rispetto al 2021.

E’ quanto emerge dall’indagine di Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro Studi Turistici di Firenze su un campione di 1.589 imprenditori della ricettività in Italia. L’estate 2022 segna dunque un deciso cambio di passo dopo i due anni della pandemia: rispetto alla passata stagione le stime indicano una crescita del +16,6% degli arrivi e del +14,3% dei pernottamenti. Un netto balzo in avanti, anche se i numeri non sono ancora sufficienti a raggiungere i livelli dell’estate pre-pandemia (-12,2% di presenze).

A crescere sono soprattutto i flussi di visitatori esteri, le cui presenze segnano un aumento del +25,7% rispetto al 2021, per un totale di circa 72,2 milioni, un livello per ancora inferiore al 2019 (-28,3%). Per quanto riguarda le singole nazionalità straniere di chi sceglie l’Italia per le vacanze estive, il trend registrato è quello di una conferma dei mercati tradizionali europei. Segnalazioni di aumenti sono stati registrati per i flussi tedeschi, francesi, olandesi, svizzeri, austriaci, britannici, belgi, Paesi dell’Est, spagnoli e scandinavi.

Lavoro

«Le imprese del turismo si aspettano molto dal trimestre estivo – commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. L’estate 2022 si prospetta come una vera e propria boccata di ossigeno dopo due anni di enorme difficoltà, con migliaia di attività che hanno chiuso definitivamente i battenti. Certo speravamo in un contesto meno complicato tra conflitto in Ucraina, aumento di costi fissi e bollette e, soprattutto, mancanza di personale. Se la domanda di lavoratori non riuscirà ad essere soddisfatta, sono a rischio l’offerta di servizi e 6,5 miliardi di euro di spesa turistica nel nostro Paese. A questo si aggiungono le cancellazioni dei voli estivi da parte delle compagnie aeree low cost: un fenomeno inqualificabile che crea un danno enorme a viaggiatori e imprese e sul quale è necessario intervenire con urgenza».

Tra i mercati extraeuropei in aumento l’unica segnalazione rilevata è per il mercato statunitense. Anche gli italiani – nonostante le maggiori possibilità di viaggiare all’estero – continuano a scegliere il Belpaese per le vacanze estive. Nessuna fuga all’estero, dunque, ma anzi numeri in crescita: le presenze italiane stimate per quest’estate si attesterebbero a 115,5 milioni, il +2,3% rispetto all’estate 2019. Anche per questo, in questa stagione rimarrà ampiamente maggioritaria la domanda italiana con una quota di mercato del 61,6%, contro il 38,4% della domanda estera. Nel 2019 i valori erano rispettivamente 52,9% e 47,1%.

Nel trimestre estivo saranno le imprese ricettive che operano nelle città d’arte e d’affari e nei centri minori a registrare l’incremento maggiore dei flussi: +23,2%. Anche per le località dei laghi si prevede un aumento rilevante della domanda (+22,3%), trainata soprattutto dalle richieste degli stranieri. Bene anche le imprese delle aree rurali e di collina (+19,8%) e delle località termali (+14,6%). Per le imprese delle località marine e montane, che nel 2021 registrarono valori molto positivi, la variazione stimata e’ del +9%. Per tutte le aree del nostro Paese e’ atteso un incremento della domanda: +16,5% e +14,4% rispettivamente per il Nord Ovest e il Nord Est, mentre per il Centro e il Sud-Isole la variazione attesa e’ del +13%.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438116 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi. Focus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel. A marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale. “L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.” [post_title] => La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade [post_date] => 2023-01-27T15:04:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674831844000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438095 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438100" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio di Como[/caption] Prosegue l'espansione dei brand internazionali in Italia. Stando ad alcune fonti, sarebbero in particolare in arrivo un Tribute (Marriott) sul waterfront di Pietrarsa, e un Mama Shelter (Accor) a Como. In Campania, il progetto riguarderebbe un complesso alberghiero in corso di realizzazione, che interessa le strutture edilizie parte dell'antica Villa Monaco. All’interno della tenuta sono già operativi un ristorante, la Casa Colonica, e un bar, Le Cabine, la cui apertura risale a dicembre del 2021. Secondo fonti di bilancio il programma di investimento totale ammonterebbe a 21,9 milioni di euro. Una volta ultimato, il complesso sarebbe quindi destinato a essere brandizzato Tribute Portfolio. Il marchio è sbarcato in Italia nel 2020 con il Regency Rome, 4 stelle da 40 camere; nel triennio 2023-25 sono peraltro in pipeline ulteriori sei alberghi Tribute nella nostra Penisola per un totale di oltre 700 stanze. Alcune indiscrezioni sostengono inoltre che a Como sarebbe in fase di sviluppo un nuovo Mama Shelter. Al momento non sono però ancora note la dimensione della struttura, né l’esatta localizzazione e la presunta data di apertura. Il primo hotel di questo brand lifestyle di casa Accor in Italia è stato il Mama Shelter Roma, aperto a luglio del 2021.   [post_title] => Anticipazioni: in arrivo un Tribute a Pietrarsa e un Mama Shelter a Como [post_date] => 2023-01-27T12:44:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674823487000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438098 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "A Venezia le grandi navi di ultima generazione non possono entrare, perché pesano 190 mila tonnellate e non sono compatibili con il naviglio e il nostro nuovo approccio più sostenibile, ma questo non significherà che le navi più piccole che arriveranno siano meno attente all'ambiente". Lo ha detto stamane il presidente dell'Autorità di sistema portuale della città lagunare, Fulvio Lino Di Blasio, in merito all'avvio della stagione crocieristica 2023.   Confronto con Msc   "Noi siamo molto avanti con i blue flag, - ha aggiunto Di Blasio - abbiamo stabilito un preciso protocollo di attenzioni particolari alla laguna.Di certo stiamo continuando a confrontarci con Msc sulla categoria di navi in arrivo da noi. Il tema sarà anche al centro di alcuni convegni che ci saranno al Seatrade a Miami, a cui andremo come Autorità di sistema. Avendo Venezia tanta richiesta, - ha concluso - ci andremo con l'idea di portare anche noi qualche innovazione". [post_title] => Venezia: le grandi navi di ultima generazione non possono entrare [post_date] => 2023-01-27T12:23:04+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674822184000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438031 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova operazione immobiliare in Trentino e l’ottimizzazione del prodotto con investimenti mirati sia nei servizi, sia nel look delle strutture. Per Garibaldi Hotels crescere significa anche incrementare la patrimonializzazione del gruppo nell’anno in cui ricorre il decimo anniversario dalla nascita del marchio. «L’operazione in Trentino ci permetterà di consolidare la nostra presenza sul segmento montagna (estate e inverno) – spiega il direttore generale, Fabrizio Prete, senza però poter al momento svelare ulteriori dettagli sulla novità in arrivo -. Nel corso del 2022 abbiamo inoltre acquisito l’immobile che ospita la nostra nuova sede di Ostuni, già ristrutturata parzialmente, e contiamo di completare i lavori a ridosso dell’estate. Il nostro piano di investimenti prosegue peraltro anche con l’albergo diffuso Dimora Sant’Anna di Carovigno, nel brindisino, per il quale abbiamo rilevato ulteriori immobili storici nel centro del paese, da trasformare in camere aggiuntive già a partire dai prossimi mesi». Uno sviluppo, quello di Garibaldi Hotels, favorito anche dalle buone performance del 2022, che si è chiuso con un incremento del 29% rispetto al fatturato dell’anno precedente. «Tali risultati rischiano tuttavia di essere vanificati dai continui rincari – ammette Prete -. Si tratta di aumenti che vanno a colpire gli sforzi commerciali fatti per crescere, poiché erodono le marginalità. In termini di tendenze, quello che è emerso in questi ultimi tempi è poi una maggiore sensibilità dei clienti per le prenotazioni last minute o comunque a ridosso delle date, nonché una maggiore attenzione verso la flessibilità delle condizioni di prenotazione». [post_title] => Garibaldi Hotels si espande in Trentino e chiude un buon 2022. Ma preoccupano i rincari [post_date] => 2023-01-27T10:12:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674814328000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438054 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Futura Vacanze inaugura la stagione estiva con una serie di eventi dedicati alle agenzie di viaggio. «A tu per tu è il nome della nostra campagna, che vuole rappresentare un rilancio diretto a contatto con le persone - spiega il direttore vendite, Francesco Maio - Iniziamo da Milano, dove sono presenti circa 80 adv, e proseguiremo poi in tutto il Nord Italia (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto), per spostarci quindi a marzo nelle regioni del Centro-Sud. Nel frattempo, a gennaio, sono partiti anche diversi educational». Fra le novità, l’uscita dei nuovi cataloghi: tre cartacei (Mare Italia, Club e Club Estero), a cui se ne aggiungono altrettanti online (Neve, Benessere, Monti Estivi), più un ulteriore in arrivo. Da segnalare pure la new entry del sardo Cala Fiorita, che va a potenziare il prodotto Italia. «Contiamo su una rete di 3.500 agenzie con cui lavoriamo in maniera meritocratica e per cluster, tramite undici venditori attivi in tutta Italia e quattro in telemarketing, che vanno a coprire ogni regione - aggiunge Maio –. Grazie ai molti feedback positivi beneficiamo di un ottimo trend di advance booking e di una buona percentuale di repeater». E la pandemia ha in qualche modo accelerato il processo di crescita di Futura. «Oggi è un dato di fatto che stiamo entrando sempre più nel novero dei maggiori player italiani del tour operating per fatturato, numero di prodotti e viaggiatori – sottolinea il direttore commerciale trade, Belinda Coccia –. Da una criticità come la pandemia abbiamo colto un’opportunità: le agenzie avevano bisogno di prodotti, di rassicurazioni… Abbiamo avvicinato non soltanto il cliente del mare Italia, ma anche chi era abituato ai viaggi all’estero e si è ritrovato a riscoprire il nostro Paese». I costi per l’adeguamento delle strutture ai decreti sull’emergenza sanitaria e i rincari energetici del 2022 sembra non abbiano insomma rallentato il cammino della compagnia, anche se sono andati un po’ a discapito delle marginalità. Le cifre dicono infatti che nel 2022 il to ha trasportato 150 mila passeggeri, ma soprattutto che il suo fatturato è cresciuto del 40% rispetto ai 53 milioni di euro del 2019. E per il futuro l’operatore capitolino conta di migliorare ulteriormente, anche tramite il contributo del prodotto estero, che si punta a portare al 30% del giro d’affari complessivo sfruttando la qualità dell’offerta Egitto e del combinato su Madeira. [post_title] => Coccia, Futura Vacanze: siamo tra i top player del settore [post_date] => 2023-01-27T09:36:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674812180000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più. Tra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: "L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso". Un'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: "Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione". Hilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: "Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità". Infine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019). [post_title] => Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso [post_date] => 2023-01-27T09:26:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674811589000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo marchio per Eurostar dalla fine del 2023: l'annuncio del rinnovato brand, che prevede la fusione tra Thalys ed Eurostar, arriva mentre la società rende noto di voler raggiungere i 30 milioni di passeggeri trasportati all'anno entro il 2030, rispetto ai 19 milioni del 2019. Una decisione che segue il già avviato processo di integrazione delle due realtà sotto la holding Gruppo Eurostar, varato il 1° maggio 2022. In pratica, i treni che oggi collegano Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Colonia cambieranno nome a favore di Eurostar. Attualmente, però, Eurostar trasporta il 30% di passeggeri in meno sui treni tra il Regno Unito e Parigi: secondo Gwendoline Cazenave, ceo della società, il risultato negativo è conseguenza dei controlli di frontiera post-Brexit e degli attuali livelli del personale di frontiera, che creano "colli di bottiglia" nelle stazioni. Sono 14 i servizi giornalieri tra Londra e Parigi, rispetto ai 18 del 2019 e la ceo anticipa che la compagnia potrebbe non ripristinare alcuni collegamenti sospesi lo scorso anno. "Abbiamo problemi nei principali terminal Eurostar a causa delle nuove condizioni di imbarco tra Regno Unito e Unione europea, ma anche per le conseguenze del Covid, e con il personale operativo nelle stazioni" ha affermato la ceo, ripresa da Bbc News, sottolineando le tante iniziative in corso per trovare soluzioni, tra cui un maggior numero di persone in servizio alle frontiere. L'anno scorso Eurostar aveva annunciato l'interruzione del servizio diretto da Londra a Disneyland Paris nonché la sospensione dei servizi con scalo nelle stazioni internazionali di Ebbsfleet e Ashford. [post_title] => Eurostar: nuovo marchio entro l'autunno, sparirà il brand Thalys [post_date] => 2023-01-25T13:34:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674653641000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Annunciata già a fine agosto, viene finalmente messa a terra la parte degli aiuti previsti dal Pnrr per le imprese del ricettivo, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo del turismo (Fri-Tur). Si tratta di un contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi. Santanché: dal 2023 il sorpasso sui dati pre-pandemici "E' una leva finanziaria necessaria per il turismo, perché dobbiamo alzare l'asticella - ha commentato il ministro del Turismo, Daniela Santanché, in occasione di una conferenza stampa a Roma -. La richiesta è sempre più alta, il target sempre più esigente. Dobbiamo quindi aumentare la qualità dei nostri servizi per competere. La nuova leva si inserisce peraltro in un momento buono per l'industria dei viaggi: il 2023 sarà l'anno del sorpasso rispetto ai dati pre-pandemici". Da qualche minuto è peraltro già attivo il sito con tutte le informazioni sulla misura, ha contestualmente rivelato Luigi Gallo, responsabile area innovazione di Invitalia, che gestirà la piattaforma: "Dal prossimo 30 gennaio sarà invece possibile accedere e scaricare la domanda che si potrà poi inviare a partire dal 1° di marzo". Focus sugli investimenti da 500 mila a 10 milioni di euro La misura si rivolge, tra gli altri, ad alberghi, agriturismi, stabilimenti balnearie e termali, strutture ricettive all'aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale. Sono richiesti investimenti medio-grandi, compresi tra 500 mila e 10 milioni di euro, che puntano sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione, in particolare sulla riqualificazione energetica e antisismica. Altri interventi agevolabili riguardano l'eliminazione delle barriere architettoniche, la manutenzione straordinaria, la realizzazione di piscine termali, l'acquisto o il rinnovo di arredi. Due le forme di agevolazione previste: il contributo diretto alla spesa, concessi dal ministero del Turismo, e un finanziamento agevolato, concesso da Cassa Depositi e Prestiti. Entrambe le agevolazioni verranno concesse sulla base della valutazione dei progetti affidata a Invitalia. Al finanziamento agevolato dovrà essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca che aderisce all'apposita convenzione firmata da dicastero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cdp.   [post_title] => Pnrr: arrivano 1,4 miliardi per le imprese del ricettivo [post_date] => 2023-01-25T12:38:35+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674650315000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "assoturismo escalation di arrivi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":26,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1646,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438116","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi.\r\n\r\nFocus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel.\r\n\r\nA marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale.\r\n\r\n“L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.”","post_title":"La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade","post_date":"2023-01-27T15:04:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674831844000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438095","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438100\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio di Como[/caption]\r\n\r\nProsegue l'espansione dei brand internazionali in Italia. Stando ad alcune fonti, sarebbero in particolare in arrivo un Tribute (Marriott) sul waterfront di Pietrarsa, e un Mama Shelter (Accor) a Como.\r\n\r\nIn Campania, il progetto riguarderebbe un complesso alberghiero in corso di realizzazione, che interessa le strutture edilizie parte dell'antica Villa Monaco. All’interno della tenuta sono già operativi un ristorante, la Casa Colonica, e un bar, Le Cabine, la cui apertura risale a dicembre del 2021. Secondo fonti di bilancio il programma di investimento totale ammonterebbe a 21,9 milioni di euro. Una volta ultimato, il complesso sarebbe quindi destinato a essere brandizzato Tribute Portfolio. Il marchio è sbarcato in Italia nel 2020 con il Regency Rome, 4 stelle da 40 camere; nel triennio 2023-25 sono peraltro in pipeline ulteriori sei alberghi Tribute nella nostra Penisola per un totale di oltre 700 stanze.\r\n\r\nAlcune indiscrezioni sostengono inoltre che a Como sarebbe in fase di sviluppo un nuovo Mama Shelter. Al momento non sono però ancora note la dimensione della struttura, né l’esatta localizzazione e la presunta data di apertura. Il primo hotel di questo brand lifestyle di casa Accor in Italia è stato il Mama Shelter Roma, aperto a luglio del 2021.\r\n\r\n ","post_title":"Anticipazioni: in arrivo un Tribute a Pietrarsa e un Mama Shelter a Como","post_date":"2023-01-27T12:44:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674823487000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438098","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"A Venezia le grandi navi di ultima generazione non possono entrare, perché pesano 190 mila tonnellate e non sono compatibili con il naviglio e il nostro nuovo approccio più sostenibile, ma questo non significherà che le navi più piccole che arriveranno siano meno attente all'ambiente\".\r\nLo ha detto stamane il presidente dell'Autorità di sistema portuale della città lagunare, Fulvio Lino Di Blasio, in merito all'avvio della stagione crocieristica 2023.\r\n \r\nConfronto con Msc\r\n \r\n\"Noi siamo molto avanti con i blue flag, - ha aggiunto Di Blasio - abbiamo stabilito un preciso protocollo di attenzioni particolari alla laguna.Di certo stiamo continuando a confrontarci con Msc sulla categoria di navi in arrivo da noi. Il tema sarà anche al centro di alcuni convegni che ci saranno al Seatrade a Miami, a cui andremo come Autorità di sistema. Avendo Venezia tanta richiesta, - ha concluso - ci andremo con l'idea di portare anche noi qualche innovazione\".","post_title":"Venezia: le grandi navi di ultima generazione non possono entrare","post_date":"2023-01-27T12:23:04+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1674822184000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438031","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova operazione immobiliare in Trentino e l’ottimizzazione del prodotto con investimenti mirati sia nei servizi, sia nel look delle strutture. Per Garibaldi Hotels crescere significa anche incrementare la patrimonializzazione del gruppo nell’anno in cui ricorre il decimo anniversario dalla nascita del marchio. «L’operazione in Trentino ci permetterà di consolidare la nostra presenza sul segmento montagna (estate e inverno) – spiega il direttore generale, Fabrizio Prete, senza però poter al momento svelare ulteriori dettagli sulla novità in arrivo -. Nel corso del 2022 abbiamo inoltre acquisito l’immobile che ospita la nostra nuova sede di Ostuni, già ristrutturata parzialmente, e contiamo di completare i lavori a ridosso dell’estate. Il nostro piano di investimenti prosegue peraltro anche con l’albergo diffuso Dimora Sant’Anna di Carovigno, nel brindisino, per il quale abbiamo rilevato ulteriori immobili storici nel centro del paese, da trasformare in camere aggiuntive già a partire dai prossimi mesi».\r\n\r\nUno sviluppo, quello di Garibaldi Hotels, favorito anche dalle buone performance del 2022, che si è chiuso con un incremento del 29% rispetto al fatturato dell’anno precedente. «Tali risultati rischiano tuttavia di essere vanificati dai continui rincari – ammette Prete -. Si tratta di aumenti che vanno a colpire gli sforzi commerciali fatti per crescere, poiché erodono le marginalità. In termini di tendenze, quello che è emerso in questi ultimi tempi è poi una maggiore sensibilità dei clienti per le prenotazioni last minute o comunque a ridosso delle date, nonché una maggiore attenzione verso la flessibilità delle condizioni di prenotazione».","post_title":"Garibaldi Hotels si espande in Trentino e chiude un buon 2022. Ma preoccupano i rincari","post_date":"2023-01-27T10:12:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674814328000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438054","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Futura Vacanze inaugura la stagione estiva con una serie di eventi dedicati alle agenzie di viaggio. «A tu per tu è il nome della nostra campagna, che vuole rappresentare un rilancio diretto a contatto con le persone - spiega il direttore vendite, Francesco Maio - Iniziamo da Milano, dove sono presenti circa 80 adv, e proseguiremo poi in tutto il Nord Italia (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto), per spostarci quindi a marzo nelle regioni del Centro-Sud. Nel frattempo, a gennaio, sono partiti anche diversi educational».\r\n\r\nFra le novità, l’uscita dei nuovi cataloghi: tre cartacei (Mare Italia, Club e Club Estero), a cui se ne aggiungono altrettanti online (Neve, Benessere, Monti Estivi), più un ulteriore in arrivo. Da segnalare pure la new entry del sardo Cala Fiorita, che va a potenziare il prodotto Italia.\r\n\r\n«Contiamo su una rete di 3.500 agenzie con cui lavoriamo in maniera meritocratica e per cluster, tramite undici venditori attivi in tutta Italia e quattro in telemarketing, che vanno a coprire ogni regione - aggiunge Maio –. Grazie ai molti feedback positivi beneficiamo di un ottimo trend di advance booking e di una buona percentuale di repeater».\r\n\r\nE la pandemia ha in qualche modo accelerato il processo di crescita di Futura. «Oggi è un dato di fatto che stiamo entrando sempre più nel novero dei maggiori player italiani del tour operating per fatturato, numero di prodotti e viaggiatori – sottolinea il direttore commerciale trade, Belinda Coccia –. Da una criticità come la pandemia abbiamo colto un’opportunità: le agenzie avevano bisogno di prodotti, di rassicurazioni… Abbiamo avvicinato non soltanto il cliente del mare Italia, ma anche chi era abituato ai viaggi all’estero e si è ritrovato a riscoprire il nostro Paese».\r\n\r\nI costi per l’adeguamento delle strutture ai decreti sull’emergenza sanitaria e i rincari energetici del 2022 sembra non abbiano insomma rallentato il cammino della compagnia, anche se sono andati un po’ a discapito delle marginalità. Le cifre dicono infatti che nel 2022 il to ha trasportato 150 mila passeggeri, ma soprattutto che il suo fatturato è cresciuto del 40% rispetto ai 53 milioni di euro del 2019. E per il futuro l’operatore capitolino conta di migliorare ulteriormente, anche tramite il contributo del prodotto estero, che si punta a portare al 30% del giro d’affari complessivo sfruttando la qualità dell’offerta Egitto e del combinato su Madeira.","post_title":"Coccia, Futura Vacanze: siamo tra i top player del settore","post_date":"2023-01-27T09:36:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674812180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438050","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più.\r\n\r\nTra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: \"L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso\".\r\n\r\nUn'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: \"Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione\".\r\n\r\nHilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: \"Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità\".\r\n\r\nInfine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019).","post_title":"Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso","post_date":"2023-01-27T09:26:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674811589000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo marchio per Eurostar dalla fine del 2023: l'annuncio del rinnovato brand, che prevede la fusione tra Thalys ed Eurostar, arriva mentre la società rende noto di voler raggiungere i 30 milioni di passeggeri trasportati all'anno entro il 2030, rispetto ai 19 milioni del 2019. Una decisione che segue il già avviato processo di integrazione delle due realtà sotto la holding Gruppo Eurostar, varato il 1° maggio 2022. In pratica, i treni che oggi collegano Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Colonia cambieranno nome a favore di Eurostar.\r\n\r\nAttualmente, però, Eurostar trasporta il 30% di passeggeri in meno sui treni tra il Regno Unito e Parigi: secondo Gwendoline Cazenave, ceo della società, il risultato negativo è conseguenza dei controlli di frontiera post-Brexit e degli attuali livelli del personale di frontiera, che creano \"colli di bottiglia\" nelle stazioni. Sono 14 i servizi giornalieri tra Londra e Parigi, rispetto ai 18 del 2019 e la ceo anticipa che la compagnia potrebbe non ripristinare alcuni collegamenti sospesi lo scorso anno.\r\n\r\n\"Abbiamo problemi nei principali terminal Eurostar a causa delle nuove condizioni di imbarco tra Regno Unito e Unione europea, ma anche per le conseguenze del Covid, e con il personale operativo nelle stazioni\" ha affermato la ceo, ripresa da Bbc News, sottolineando le tante iniziative in corso per trovare soluzioni, tra cui un maggior numero di persone in servizio alle frontiere.\r\n\r\nL'anno scorso Eurostar aveva annunciato l'interruzione del servizio diretto da Londra a Disneyland Paris nonché la sospensione dei servizi con scalo nelle stazioni internazionali di Ebbsfleet e Ashford.","post_title":"Eurostar: nuovo marchio entro l'autunno, sparirà il brand Thalys","post_date":"2023-01-25T13:34:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674653641000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Annunciata già a fine agosto, viene finalmente messa a terra la parte degli aiuti previsti dal Pnrr per le imprese del ricettivo, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo del turismo (Fri-Tur). Si tratta di un contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi.\r\nSantanché: dal 2023 il sorpasso sui dati pre-pandemici\r\n\"E' una leva finanziaria necessaria per il turismo, perché dobbiamo alzare l'asticella - ha commentato il ministro del Turismo, Daniela Santanché, in occasione di una conferenza stampa a Roma -. La richiesta è sempre più alta, il target sempre più esigente. Dobbiamo quindi aumentare la qualità dei nostri servizi per competere. La nuova leva si inserisce peraltro in un momento buono per l'industria dei viaggi: il 2023 sarà l'anno del sorpasso rispetto ai dati pre-pandemici\".\r\n\r\nDa qualche minuto è peraltro già attivo il sito con tutte le informazioni sulla misura, ha contestualmente rivelato Luigi Gallo, responsabile area innovazione di Invitalia, che gestirà la piattaforma: \"Dal prossimo 30 gennaio sarà invece possibile accedere e scaricare la domanda che si potrà poi inviare a partire dal 1° di marzo\".\r\nFocus sugli investimenti da 500 mila a 10 milioni di euro\r\nLa misura si rivolge, tra gli altri, ad alberghi, agriturismi, stabilimenti balnearie e termali, strutture ricettive all'aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale. Sono richiesti investimenti medio-grandi, compresi tra 500 mila e 10 milioni di euro, che puntano sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione, in particolare sulla riqualificazione energetica e antisismica. Altri interventi agevolabili riguardano l'eliminazione delle barriere architettoniche, la manutenzione straordinaria, la realizzazione di piscine termali, l'acquisto o il rinnovo di arredi.\r\n\r\nDue le forme di agevolazione previste: il contributo diretto alla spesa, concessi dal ministero del Turismo, e un finanziamento agevolato, concesso da Cassa Depositi e Prestiti. Entrambe le agevolazioni verranno concesse sulla base della valutazione dei progetti affidata a Invitalia. Al finanziamento agevolato dovrà essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca che aderisce all'apposita convenzione firmata da dicastero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cdp.\r\n\r\n ","post_title":"Pnrr: arrivano 1,4 miliardi per le imprese del ricettivo","post_date":"2023-01-25T12:38:35+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674650315000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti