24 April 2024

Ricerchiamo

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: job@promotiontourism.it
Provincia: • 
Comune: • ,

Settore: • 
Mansione: • , , ,


Testo dell'annuncio

Si ricerca da Subito
2 figure da inserire con mansione
Booking Tour Operator con esperienza nella vendita b2b. Conoscenza lingua inglese e biglietteria traghetti e volato
1 figura con mansione contabile /amministrazione con conoscenza contabilità tour operator 74 ter e fatturazione elettronica
1 figura jolly di supporto al booking con conoscenza almeno come agente di viaggio con esperienza
Assunzioni con Contratto nazionale Fiavet
Full time con indeterminato dopo prova di 15 g


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono molti i partner del gruppo Gattinoni che si sono alternati sul palco della convention di Istanbul. Tra questi, alcuni protagonisti della kermesse hanno svelato piccole e grandi novità che li riguardano da vicino. A cominciare dal chief commerciale officer di Alpitour World, Alessandro Seghi, che ha parlato dei prossimi obiettivi del gruppo a caccia di nuove destinazioni supportate dai voli Neos: "Abbiamo nel mirino Cartagena e la Repubblica Dominicana, ma stiamo cercando opportunità anche nella parte sud del Madagascar". Leonardo Massa, managing director Italia Msc, ha invece confermato l'impegno della propria compagnia nel Mediterraneo, con la novità dello scalo a Istanbul per la prima volta anche d'inverno. Nuovo sito in arrivo a breve invece per Futura Vacanze: "Sarà più veloce, trasparente e preciso", ha spiegato il direttore commerciale dell'operatore capitolino, Belinda Coccia. Infine il direttore generale di KappaViaggi, Michele Mazzini, ha svelato l'inedita strategia del gruppo Ng Travel, di cui l'operatore romano è uno dei brand: "Ci siamo recentemente lanciati nella gestione di hotel di proprietà. Abbiamo aperto recentemente a Bali, stiamo costruendo un'ulteriore struttura a Zanzibar e cerchiamo attivamente occasioni di sviluppo in Marocco. In tutti i nostri progetti un aspetto fondamentale è la sostenibilità soprattutto sociale, nei confronti dei territori in cui andiamo a operare. Un concetto che ovviamente applichiamo anche a tutte le altre nostre attività". [post_title] => Convention Gattinoni: tutte le novità annunciate da Alpitour, Msc, Futura e KappaViaggi [post_date] => 2024-04-22T12:29:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713788977000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465493 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quella di Qc Spa of Wonders è una realtà in continuo divenire, che fino al 21 aprile si racconterà negli spazi di Casa Qc sui Navigli, interagendo con gli ospiti della Milano Design Week e presentando la nuova campagna Wonder makes memories realizzata con gli artisti Jacopo di Cera e Pietro Terzini. Qc persegue quello che è stato sempre il suo obiettivo: portare qualità di vita ai propri ospiti. «Cerchiamo contenuti originali per arricchire le persone con un approccio umanista - afferma Andrea Quadrio Curzio, a.d. della società - A partire dall’aspetto biologico, siamo andati sempre più verso quello psicologico e sociale, guardando alla persona nella sua interezza. Lasciamo a ciascuno la possibilità di trovare il proprio spazio. Per questo siamo efficaci tra le diverse generazioni: partiamo dalla consapevolezza che ciascuno di noi vive un’evoluzione interiore, un cambiamento delle esigenze di benessere». Frattanto Qc Spa of Wonders continua a crescere, realizzando progetti che declinano il benessere in modo diverso. «A fine anno è in previsione l’apertura di un albergo a Milano in via Sabotino. È un Qc Room, secondo il nostro concetto di smart-hotel. L’appendice o il prologo ideale da aggiungere a Terme Milano, che sono a soli 800 metri. Intendiamo sviluppare il concetto di smart-hotel e investire in questa direzione, anche alla luce della diminuzione della manodopera e delle maestranze. L’industry dell’ospitalità è stata fortemente penalizzata dai lockdown. Tuttora c’è una situazione di affaticamento nel trovare il personale. Abbiamo quindi selezionato i servizi per noi più importanti e li abbiamo resi più efficienti, automatizzandoli dove possibile, come nel check-in e check-out. Le camere sono molto belle, di livello 4, 5 stelle, sempre con grande comfort, in chiave esperienziale. Offriamo tutto quello che serve all’ospite, perché la cosa che sappiamo fare bene è realizzare delle esperienze di benessere. Al momento abbiamo sei alberghi. La grande richiesta di camere ci consente di ampliare la catchment-area, rispondendo alle esigenze di chi non vive in prossimità delle strutture e vuole fare una breve vacanza congeniale al tipo di vita che abbiamo adesso. È un trend molto forte nel pubblico di ogni età, che cerca un equilibrio tra i tempi privati e il lavoro. Una tendenza che è stata favorita dallo smart working». Numerosi i progetti in corso: «È in stato avanzato un progetto sul lago di Como: la ristrutturazione di un vellutificio storico del 1700 che affaccia direttamente sul lago. Nella prima parte del 2025 apriremo a Salsomaggiore Terme: è un lavoro molto impegnativo con il recupero dello stabilimento Berzieri: un’icona del liberty in Italia e una struttura storica monumentale. Dopo questa espansione in Emilia, verso la fine dell’anno prossimo apriremo in Svizzera, a Pontresina, e anche a Ponzano Veneto, dove sta prendendo il via un progetto in un’antica villa veneta, che oggi è un albergo e verrà ristrutturata. Sono previsti anche dei lavori di allargamento nelle strutture già esistenti - conclude Quadrio Curzio -. All’estero il prossimo mese di luglio raddoppieremo a New York, aprendo un secondo edificio e stiamo guardando due location a Parigi».   [post_title] => Prosegue la crescita di Qc Spa of Wonders: tutti i progetti in cantiere [post_date] => 2024-04-17T09:16:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713345381000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465484 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fino al 21 aprile, in occasione della Milano Design Week, Casa Qc di Qc Spa of Wonders accoglie i propri ospiti nel cuore dei Navigli e li accompagna in un viaggio sensoriale: «La meraviglia è la nostra cifra identitaria e la raccontiamo anche attraverso lo sguardo di due artisti. - afferma Andrea Quadrio Curzio, a.d. della compagnia -. Pietro Terzini (artista, designer e creativo contemporaneo) e Jacopo di Cera (fotografo, artista, founder & ceo della Bside Communication Agency) sono stati capaci di leggere la nostra realtà con la scrittura e con la fotografia, cambiando prospettiva. Il loro approccio originale ci consente di portare contenuti capaci di offrire spunti e arricchire le persone. Crediamo che il benessere sia anche frutto di esperienze, momenti da portare a casa come ricordi». Qc Spa of Wonders ha scelto e unito i due artisti per creare la nuova campagna, dove la grafica fresca e vivace di Terzini incontra le immagini catturate dall’alto di Cera. «La frase Wonder makes memories di Terzini ben rappresenta il nostro desiderio di creare nelle persone un ricordo che renda meravigliosa tutta l’esperienza che viene fatta all’interno delle nostre realtà - aggiunge Alessandro Bolis, art director di Qc –. Le immagini di di Cera portano poi un punto di vista originale e insolito: quello dall’alto. L’artista ha anche realizzato delle cinemagraph: delle immagini in movimento che sono una ripresa reale della wonder-experience di Qc». «Casa Qc è anche un modo per interagire con la città di Milano e i suoi visitatori: è la prima volta che apriamo uno spazio nella Design Week - sottolinea Simona Sbarbaro, responsabile marketing di Qc Spa of Wonders -. Speriamo che questo diventi un punto di incontro e di condivisione, anche grazie all’ampio tabellone presente all’interno del temporary store, dove ciascun visitatore potrà scrivere la propria risposta alla domanda Which is your wonder memory?, creando una ricca collezione delle più belle memorie». I temi della bellezza, dell’arte e dell’innovazione sono propri di Qc: «Il design è fondamentale nel nostro lavoro. Per questo è bello essere presenti in questa settimana, per raccontare come attraverso l’arte, cerchiamo di valorizzare la bellezza artistica e storica che si trova all’interno dei nostri centri» racconta Bolis e Sbarbaro completa le sue parole aggiungendo: “L’arte è un valore che ha sempre fatto parte del nostro percorso. Siamo meraviglia, siamo poesia, siamo una tavolozza di emozioni e gli artisti per noi sono un valore. Il nostro è un percorso di ricerca continuo e tanti i brand e artisti vorrebbero entrare a far parte del nostro mondo: perché chi entra nelle location di Qc sta per ore immerso nel bello ed è felice. Questa soddisfazione può aumentare interagendo con l’arte». Un’interazione che, in questa campagna, trova una nuova lettura:  «Il mio è un punto di vista artistico alternativo: quello dall’alto, dove tutti veniamo messi sullo stesso piano. Dove non c’è la prospettiva ma un’attenzione a quello che succede. - racconta Di Cera - Ho iniziato questo percorso nel 2016, quando il primo drone ha iniziato a volare, permettendomi di percorrere il territorio del nostro paese osservandolo dall’alto. Da un anno e mezzo racconto con Qc un mondo diverso, fatto di wonders e di memories che si uniscono in un ambiente unico e speciale. È una realtà accessibile a tutti, con un grandissimo rispetto per l’ambiente». Pietro Terzini, architetto formato nel marketing e a lungo impegnato nel mondo della moda, scrive pensieri e idee. Il lettering delle sue parole e il font sono diventati una firma riconoscibile dopo essere arrivati sul web ed essere stati condivisi da molti: «È stato molto bello collaborare con Qc, perché il tema del wonder e della meraviglia è un loro pilastro identitario e di comunicazione e si trova nell’esperienza che viene venduta nelle strutture, nell’architettura e nel servizio. Con le tre parole Wonder makes memories ho voluto unire il tema della meraviglia legandolo a quello del ricordo. Perché la meraviglia crea dei bei ricordi che si portano con sé tutta la vita, dei ricordi che si costruiscono con le persone a cui si vuole bene». [post_title] => Wonder makes memories: Casa Qc racconta la meraviglia durante la Milano Design Week 2024 [post_date] => 2024-04-15T12:44:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713185057000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465322 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Gran Bretagna si conferma destinazione prediletta per i turisti italiani, e neppure le problematiche legate all'ottenimento dei passaporti nel nostro Paese sembrano influenzare le scelte dei nostri connazionali.  «Una eventuale 'limitazione' potrebbe essere vista in termini di costi - spiega Silvia Bocciarelli, communication manager di VisitBritain Italia (nella foto) -: sicuramente per una famiglia con magari figli piccoli l'iter risulta più complesso come tempi e impegnativo economicamente. Anche per questo attualmente il target cui ci rivolgiamo principalmente è quello di coppie o magari gruppi di amici, di età fra i 30 e i 45 anni, che tendenzialmente sono già in possesso del documento». Le previsioni 2024 puntano ad accogliere 2 milioni di visitatori dall'Italia - il 90% del volume 2019 - con una spesa di 1,2 miliardi di sterline (il 6% in più rispetto al 2019): in pratica è atteso per il 2025 il ritorno del mercato italiano ai numeri pre-Covid. I focus della promozione per il 2024 si concentrano sul «turismo cinematografico, oggetto di una campagna specifica che - benché non includerà l'Italia - troverà grande visibilità»; sulla sostenibilità, oggetto di grandi attenzioni da parte di VisitBritain: «Un tema cui teniamo particolarmente e che va di pari passo alla destagionalizzazione delle destinazioni: di fatto ci sono mete che non promuoviamo più durante l'estate tanto soffrono di overtourism. Ad esempio la Cornovaglia in Inghilterra, il Loch Ness in Scozia e l'isola di Skye, e ancora il Lake District. Cerchiamo di trovare nuove chiavi di lettura che rendano attrattivi questi luoghi al di fuori dei periodi di picco». Sempre in quest'ottica, ma anche per una proposta economicamente più sostenibile si inserisce «la promozione di esperienze rurali o comunque fuori dalle grandi città dove testare l'accoglienza britannica a prezzi più accessibili. Il suggerimento è quello di evitare, comunque, le città durante i grandi eventi, scegliendo di alloggiare in mete alternative, come potrebbe essere Brighton per Londra, che a meno di un'ora dalla capitale è certamente più a buon mercato». Infine, «lavoreremo molto sull'accoglienza dei turisti e daremo grande visibilità alle proposte 'food and drink', che esaltano le eccellenze dal paese, con numerosi prodotti a km zero». [post_title] => Gran Bretagna: grandi attese dall'Italia malgrado le sfide, dai passaporti all'overtourism [post_date] => 2024-04-11T12:22:31+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712838151000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Proseguono i piani di espansione di B&B Hotels in Italia, che punta a superare quota 80 indirizzi nella Penisola già entro la fine di quest'anno. "Al momento siamo a 71 strutture, capaci di generare circa il 13% del fatturato totale del nostro gruppo", ha spiegato Liliana Comitini, ceo e presidente Italia, Slovenia e Ungheria della compagnia francese, in occasione dell'Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano. La sua divisione ha in particolare raggiunto nel 2023 un giro d'affari di 152 milioni di euro, con una marginalità pari a quasi il 30% (ebitda: 43,5 mln. Nel 2022 i valori erano 117 mln e 25 mln rispettivamente, ndr). A livello globale B&B Hotels è invece arrivata a 1,2 miliardi dai 945 milioni dell'anno precedente. Tra gli obiettivi di sviluppo in Italia del gruppo da qualche tempo ci sono anche le destinazioni leisure: "Recentemente abbiamo aperto a Bari, Trapani e Catania e vogliamo continuare lungo questa direzione. Cerchiamo però strutture in grado di rimanere aperte almeno una decina di mesi all'anno. Stiamo guardando alla montagna ma anche alle coste. Pensiamo in particolare che al Sud ci siano parecchie opportunità da esplorare". Con la prima recente apertura negli Usa, e prossimamente nel Regno Unito, gli obiettivi di B&B Hotel sono ambiziosi: superare la soglia dei 3 mila indirizzi a livello globale entro il 2030, di cui 150 solo in Italia. "Dall'anno scorso siamo aperti anche al franchising - ha aggiunto Liliana Comitini -. Certo, il nostro modello di sviluppo principale rimane quello delle gestioni dirette, ma in determinati contesti possiamo ora pensare anche alle affiliazioni commerciali. Nella nostra Penisola al momento  ne abbiamo già due. In linea generale cerchiamo strutture di dimensione compresa tra le 80 e le 120 camere. Ma anche a questo riguardo siamo piuttosto flessibili: non escludiamo infatti la possibilità di aggiungere al nostro portfolio alberghi più piccoli, soprattutto se si trovano in centro città e godono di ottimi livelli di occupazione. Allo stesso modo siamo disponibili anche a operare hotel più grandi, sempre che ci siano le condizioni per farlo". [post_title] => B&B Hotels si apre all'opzione leisure in Italia: focus sul Sud [post_date] => 2024-03-25T13:48:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711374495000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462907 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462915" align="alignleft" width="300"] Claudia Santolin[/caption] Abbiamo incontrato Claudia Santolin di Nti, Network Turismo Italia, all'Itb di Berlino. "La nostra è una rete d'impresa nata del 2022, al nostro interno abbiamo delle strutture aderenti che riguardano sia produttori e fornitori inerenti al settore ricettivo turistico, ma anche una serie di strutture alberghiere.  Noi diamo tutta una serie di servizi e questo ci ha dato la possibilità di presentarci come tour operator, anche perché abbiamo una copertura piuttosto ampia nel territorio italiano". Quindi unite produttori e fornitori di servizi turistici in tutta Italia? "Sì in tutta Italia. Nella nostra azienda abbiamo strutture marittime, montane e di lago, stiamo entrando nelle città d'arte, abbiamo qualcosa già nel nord Italia, e insieme siamo in grado di offrire un pacchetto integrato e completo, in quanto ogni struttura ricettiva ha delle sue specificità, e per questo la rete d'impresa lavora per fornire una collaborazione fra le aziende. Ci si unisce per un obiettivo comune, che è quello di rendere il settore solido. Nasce da questa idea e quest'anno, pur essendo relativamente giovani, siamo soddisfatti del lavoro che ci consente di essere qui alla fiera di Berlino". Quali sono i mercati di riferimento? "Noi promuoviamo l'Italia e puntiamo a rappresentarla in tutto il mondo. In questo momento, essendo il primo anno da tour operator, cerchiamo di raccogliere quanto più e di far conoscere il nostro Paese da quante più parti possibili". [post_title] => Network Turismo Italia all'Itb di Berlino con i suoi prodotti [post_date] => 2024-03-06T10:54:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709722495000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461582 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. "A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel". Target, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su La compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. "I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali". Roi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie Interessante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. "Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e". Lìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo Il gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi. Un'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica "In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo". Massimiliano Sarti       [post_title] => L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa [post_date] => 2024-02-15T13:23:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708003402000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460277 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457993" align="alignleft" width="300"] Michele Diamantini[/caption] In salita la domanda di affitti brevi e in particolare quella dei soggiorni medio-lunghi. Nel 2023, anno che ha visto la ripresa del turismo nel nostro Paese con oltre 445 milioni di presenze, trainate dagli stranieri (quasi 230 milioni), superando di otto milioni i livelli record pre-pandemici del 2019, la richiesta di short-rental aumenta del 15% e quella di mid-long term del 30%, confermando la tendenza del 2022. A scattare la fotografia è uno studio di Halldis, storico operatore italiano degli affitti brevi. In tale settore, giro d’affari di quasi 1,5 miliardi, 600 mila proprietà coinvolte, di cui quasi 120 mila gestite da operatori professionali (property manager), gli immobili destinati a tale formula crescono in tutte le città italiane: 20 mila a Roma (+17%), 18 mila a Milano (+10%), 10 mila a Firenze (+21%), 6.700 a Venezia (+17%), 3.400 a Bologna (+10%). “Le generazioni più giovani – afferma Vincenzo Cella, general manager Halldis - hanno meno propensione all’acquisto della casa, perché immaginano un futuro lavorativo meno stanziale, con possibili spostamenti della propria residenza anche a causa di lavori meno duraturi. Le città metropolitane esprimono una maggiore richiesta di affitti medi e lunghi proprio perché offrono più opportunità professionali. Spicca Milano, ma pure centri come Roma, Firenze e Bologna sono sotto pressione. Anche perché alle nuove generazioni del lavoro si affiancano professionisti affermati che operano per più mesi all’estero o decidono di abbinare occupazione e piacere, nonché gli studenti universitari fuori sede”. “Come property manager – aggiunge Michele Diamantini, ceo Halldis – da diversi anni cerchiamo di mettere a fuoco questa domanda, capirne le necessità e integrarle con quelle tipiche degli short rental (da meno di 30 giorni al fine settimana): chi soggiorna per un periodo medio-lungo apprezza più le comodità degli immobili e delle amenities di chi lo fa per uno breve. Il residenziale in affitto in Italia è storicamente una prerogativa dei privati, tuttavia nuovi stili di vita, esigenze abitative e concentrazione nelle grandi città, attraggono sempre più investitori istituzionali. Per questo stiamo assistendo all’esigenza di creare un prodotto moderno che soddisfi le richieste degli utilizzatori e porti nuovi importanti volumi di investimenti. Il settore è in crescita e sta vivendo una fase di organizzazione e miglioramento. L’obbligo per le piattaforme online di operare da sostituti d’imposta, finalmente esecutivo anche per Airbnb (nel 2022 sono stati versati 3,3 miliardi di euro allo Stato con la cedolare secca) è un passaggio di questa migliore regolamentazione, così come la normativa Dac7 e il processo di unificazione dei codici regionali in un unico nazionale Cin”. [post_title] => Halldis: il mercato cambia volto; cresce la domanda per affitti temporanei di medio - lungo termine [post_date] => 2024-01-29T11:35:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706528125000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460077 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460079" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Denise Galbusera e Mariana Ardito[/caption] Parole chiave, flessibilità, dialogo, tecnologia che si traducono in efficienza, efficacia e professionalità. Travel Experience To, il tour operator di casa Gwart Group di cui fanno parte anche Nuovevacanze, EasyCrs e Aria Web Agency, cresce e cerca nuovi product manager. L'obiettivo è rafforzare il business, con un raggio di azione internazionale che spazia dall’America all’Asia, dal Pacifico all’Estremo Oriente. “Nel cuore della nostra filosofia di viaggio si cela un impegno profondo: progettiamo ogni itinerario con cura e amore, con l'obiettivo di offrire un'immersione autentica nelle bellezze del mondo - spiega la product manager, Mariana Ardito -. Ogni passo di questo processo è intriso di dedizione, poiché crediamo che viaggiare debba essere più di una semplice traversata di luoghi, ma un'autentica scoperta dell'anima del mondo. Per poter operare seguendo queste linee guida, soddisfacendo il crescente numero di agenzie di viaggio che ci sceglie, abbiamo bisogno di potenziare la nostra squadra”. “La nostra attenzione alla cura si manifesta attraverso una pianificazione attenta, dove ogni dettaglio è ponderato con precisione - le fa eco Denise Galbusera, product manager esperta delle destinazioni Asia, Africa e Oceania -. Ogni luogo che selezioniamo per i nostri itinerari è scelto con cura, tenendo conto delle sue peculiarità, della sua storia e della sua autenticità. Un approccio che si è rivelato vincente. Per la nostra crescita cerchiamo perciò persone che lo condividano da una prospettiva dinamica e aperta all’innovazione”. [post_title] => Travel Experience To cresce e cerca nuovi product manager [post_date] => 2024-01-25T10:08:18+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706177298000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ricerchiamo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":10,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":69,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono molti i partner del gruppo Gattinoni che si sono alternati sul palco della convention di Istanbul. Tra questi, alcuni protagonisti della kermesse hanno svelato piccole e grandi novità che li riguardano da vicino. A cominciare dal chief commerciale officer di Alpitour World, Alessandro Seghi, che ha parlato dei prossimi obiettivi del gruppo a caccia di nuove destinazioni supportate dai voli Neos: \"Abbiamo nel mirino Cartagena e la Repubblica Dominicana, ma stiamo cercando opportunità anche nella parte sud del Madagascar\".\r\n\r\nLeonardo Massa, managing director Italia Msc, ha invece confermato l'impegno della propria compagnia nel Mediterraneo, con la novità dello scalo a Istanbul per la prima volta anche d'inverno. Nuovo sito in arrivo a breve invece per Futura Vacanze: \"Sarà più veloce, trasparente e preciso\", ha spiegato il direttore commerciale dell'operatore capitolino, Belinda Coccia.\r\n\r\nInfine il direttore generale di KappaViaggi, Michele Mazzini, ha svelato l'inedita strategia del gruppo Ng Travel, di cui l'operatore romano è uno dei brand: \"Ci siamo recentemente lanciati nella gestione di hotel di proprietà. Abbiamo aperto recentemente a Bali, stiamo costruendo un'ulteriore struttura a Zanzibar e cerchiamo attivamente occasioni di sviluppo in Marocco. In tutti i nostri progetti un aspetto fondamentale è la sostenibilità soprattutto sociale, nei confronti dei territori in cui andiamo a operare. Un concetto che ovviamente applichiamo anche a tutte le altre nostre attività\".","post_title":"Convention Gattinoni: tutte le novità annunciate da Alpitour, Msc, Futura e KappaViaggi","post_date":"2024-04-22T12:29:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713788977000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465493","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quella di Qc Spa of Wonders è una realtà in continuo divenire, che fino al 21 aprile si racconterà negli spazi di Casa Qc sui Navigli, interagendo con gli ospiti della Milano Design Week e presentando la nuova campagna Wonder makes memories realizzata con gli artisti Jacopo di Cera e Pietro Terzini. Qc persegue quello che è stato sempre il suo obiettivo: portare qualità di vita ai propri ospiti. \r\n«Cerchiamo contenuti originali per arricchire le persone con un approccio umanista - afferma Andrea Quadrio Curzio, a.d. della società - A partire dall’aspetto biologico, siamo andati sempre più verso quello psicologico e sociale, guardando alla persona nella sua interezza. Lasciamo a ciascuno la possibilità di trovare il proprio spazio. Per questo siamo efficaci tra le diverse generazioni: partiamo dalla consapevolezza che ciascuno di noi vive un’evoluzione interiore, un cambiamento delle esigenze di benessere». \r\nFrattanto Qc Spa of Wonders continua a crescere, realizzando progetti che declinano il benessere in modo diverso. «A fine anno è in previsione l’apertura di un albergo a Milano in via Sabotino. È un Qc Room, secondo il nostro concetto di smart-hotel. L’appendice o il prologo ideale da aggiungere a Terme Milano, che sono a soli 800 metri. Intendiamo sviluppare il concetto di smart-hotel e investire in questa direzione, anche alla luce della diminuzione della manodopera e delle maestranze. L’industry dell’ospitalità è stata fortemente penalizzata dai lockdown. Tuttora c’è una situazione di affaticamento nel trovare il personale. Abbiamo quindi selezionato i servizi per noi più importanti e li abbiamo resi più efficienti, automatizzandoli dove possibile, come nel check-in e check-out. Le camere sono molto belle, di livello 4, 5 stelle, sempre con grande comfort, in chiave esperienziale. Offriamo tutto quello che serve all’ospite, perché la cosa che sappiamo fare bene è realizzare delle esperienze di benessere. Al momento abbiamo sei alberghi. La grande richiesta di camere ci consente di ampliare la catchment-area, rispondendo alle esigenze di chi non vive in prossimità delle strutture e vuole fare una breve vacanza congeniale al tipo di vita che abbiamo adesso. È un trend molto forte nel pubblico di ogni età, che cerca un equilibrio tra i tempi privati e il lavoro. Una tendenza che è stata favorita dallo smart working». \r\nNumerosi i progetti in corso: «È in stato avanzato un progetto sul lago di Como: la ristrutturazione di un vellutificio storico del 1700 che affaccia direttamente sul lago. Nella prima parte del 2025 apriremo a Salsomaggiore Terme: è un lavoro molto impegnativo con il recupero dello stabilimento Berzieri: un’icona del liberty in Italia e una struttura storica monumentale. Dopo questa espansione in Emilia, verso la fine dell’anno prossimo apriremo in Svizzera, a Pontresina, e anche a Ponzano Veneto, dove sta prendendo il via un progetto in un’antica villa veneta, che oggi è un albergo e verrà ristrutturata. Sono previsti anche dei lavori di allargamento nelle strutture già esistenti - conclude Quadrio Curzio -. All’estero il prossimo mese di luglio raddoppieremo a New York, aprendo un secondo edificio e stiamo guardando due location a Parigi».\r\n ","post_title":"Prosegue la crescita di Qc Spa of Wonders: tutti i progetti in cantiere","post_date":"2024-04-17T09:16:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713345381000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465484","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fino al 21 aprile, in occasione della Milano Design Week, Casa Qc di Qc Spa of Wonders accoglie i propri ospiti nel cuore dei Navigli e li accompagna in un viaggio sensoriale: «La meraviglia è la nostra cifra identitaria e la raccontiamo anche attraverso lo sguardo di due artisti. - afferma Andrea Quadrio Curzio, a.d. della compagnia -. Pietro Terzini (artista, designer e creativo contemporaneo) e Jacopo di Cera (fotografo, artista, founder & ceo della Bside Communication Agency) sono stati capaci di leggere la nostra realtà con la scrittura e con la fotografia, cambiando prospettiva. Il loro approccio originale ci consente di portare contenuti capaci di offrire spunti e arricchire le persone. Crediamo che il benessere sia anche frutto di esperienze, momenti da portare a casa come ricordi». \r\nQc Spa of Wonders ha scelto e unito i due artisti per creare la nuova campagna, dove la grafica fresca e vivace di Terzini incontra le immagini catturate dall’alto di Cera. «La frase Wonder makes memories di Terzini ben rappresenta il nostro desiderio di creare nelle persone un ricordo che renda meravigliosa tutta l’esperienza che viene fatta all’interno delle nostre realtà - aggiunge Alessandro Bolis, art director di Qc –. Le immagini di di Cera portano poi un punto di vista originale e insolito: quello dall’alto. L’artista ha anche realizzato delle cinemagraph: delle immagini in movimento che sono una ripresa reale della wonder-experience di Qc». \r\n«Casa Qc è anche un modo per interagire con la città di Milano e i suoi visitatori: è la prima volta che apriamo uno spazio nella Design Week - sottolinea Simona Sbarbaro, responsabile marketing di Qc Spa of Wonders -. Speriamo che questo diventi un punto di incontro e di condivisione, anche grazie all’ampio tabellone presente all’interno del temporary store, dove ciascun visitatore potrà scrivere la propria risposta alla domanda Which is your wonder memory?, creando una ricca collezione delle più belle memorie».\r\nI temi della bellezza, dell’arte e dell’innovazione sono propri di Qc: «Il design è fondamentale nel nostro lavoro. Per questo è bello essere presenti in questa settimana, per raccontare come attraverso l’arte, cerchiamo di valorizzare la bellezza artistica e storica che si trova all’interno dei nostri centri» racconta Bolis e Sbarbaro completa le sue parole aggiungendo: “L’arte è un valore che ha sempre fatto parte del nostro percorso. Siamo meraviglia, siamo poesia, siamo una tavolozza di emozioni e gli artisti per noi sono un valore. Il nostro è un percorso di ricerca continuo e tanti i brand e artisti vorrebbero entrare a far parte del nostro mondo: perché chi entra nelle location di Qc sta per ore immerso nel bello ed è felice. Questa soddisfazione può aumentare interagendo con l’arte». \r\nUn’interazione che, in questa campagna, trova una nuova lettura:  «Il mio è un punto di vista artistico alternativo: quello dall’alto, dove tutti veniamo messi sullo stesso piano. Dove non c’è la prospettiva ma un’attenzione a quello che succede. - racconta Di Cera - Ho iniziato questo percorso nel 2016, quando il primo drone ha iniziato a volare, permettendomi di percorrere il territorio del nostro paese osservandolo dall’alto. Da un anno e mezzo racconto con Qc un mondo diverso, fatto di wonders e di memories che si uniscono in un ambiente unico e speciale. È una realtà accessibile a tutti, con un grandissimo rispetto per l’ambiente». \r\nPietro Terzini, architetto formato nel marketing e a lungo impegnato nel mondo della moda, scrive pensieri e idee. Il lettering delle sue parole e il font sono diventati una firma riconoscibile dopo essere arrivati sul web ed essere stati condivisi da molti: «È stato molto bello collaborare con Qc, perché il tema del wonder e della meraviglia è un loro pilastro identitario e di comunicazione e si trova nell’esperienza che viene venduta nelle strutture, nell’architettura e nel servizio. Con le tre parole Wonder makes memories ho voluto unire il tema della meraviglia legandolo a quello del ricordo. Perché la meraviglia crea dei bei ricordi che si portano con sé tutta la vita, dei ricordi che si costruiscono con le persone a cui si vuole bene».\r\n","post_title":"Wonder makes memories: Casa Qc racconta la meraviglia durante la Milano Design Week 2024","post_date":"2024-04-15T12:44:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713185057000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465322","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Gran Bretagna si conferma destinazione prediletta per i turisti italiani, e neppure le problematiche legate all'ottenimento dei passaporti nel nostro Paese sembrano influenzare le scelte dei nostri connazionali. \r\n\r\n«Una eventuale 'limitazione' potrebbe essere vista in termini di costi - spiega Silvia Bocciarelli, communication manager di VisitBritain Italia (nella foto) -: sicuramente per una famiglia con magari figli piccoli l'iter risulta più complesso come tempi e impegnativo economicamente. Anche per questo attualmente il target cui ci rivolgiamo principalmente è quello di coppie o magari gruppi di amici, di età fra i 30 e i 45 anni, che tendenzialmente sono già in possesso del documento».\r\n\r\nLe previsioni 2024 puntano ad accogliere 2 milioni di visitatori dall'Italia - il 90% del volume 2019 - con una spesa di 1,2 miliardi di sterline (il 6% in più rispetto al 2019): in pratica è atteso per il 2025 il ritorno del mercato italiano ai numeri pre-Covid.\r\n\r\nI focus della promozione per il 2024 si concentrano sul «turismo cinematografico, oggetto di una campagna specifica che - benché non includerà l'Italia - troverà grande visibilità»; sulla sostenibilità, oggetto di grandi attenzioni da parte di VisitBritain: «Un tema cui teniamo particolarmente e che va di pari passo alla destagionalizzazione delle destinazioni: di fatto ci sono mete che non promuoviamo più durante l'estate tanto soffrono di overtourism. Ad esempio la Cornovaglia in Inghilterra, il Loch Ness in Scozia e l'isola di Skye, e ancora il Lake District. Cerchiamo di trovare nuove chiavi di lettura che rendano attrattivi questi luoghi al di fuori dei periodi di picco».\r\n\r\nSempre in quest'ottica, ma anche per una proposta economicamente più sostenibile si inserisce «la promozione di esperienze rurali o comunque fuori dalle grandi città dove testare l'accoglienza britannica a prezzi più accessibili. Il suggerimento è quello di evitare, comunque, le città durante i grandi eventi, scegliendo di alloggiare in mete alternative, come potrebbe essere Brighton per Londra, che a meno di un'ora dalla capitale è certamente più a buon mercato».\r\n\r\nInfine, «lavoreremo molto sull'accoglienza dei turisti e daremo grande visibilità alle proposte 'food and drink', che esaltano le eccellenze dal paese, con numerosi prodotti a km zero».","post_title":"Gran Bretagna: grandi attese dall'Italia malgrado le sfide, dai passaporti all'overtourism","post_date":"2024-04-11T12:22:31+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1712838151000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464238","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Proseguono i piani di espansione di B&B Hotels in Italia, che punta a superare quota 80 indirizzi nella Penisola già entro la fine di quest'anno. \"Al momento siamo a 71 strutture, capaci di generare circa il 13% del fatturato totale del nostro gruppo\", ha spiegato Liliana Comitini, ceo e presidente Italia, Slovenia e Ungheria della compagnia francese, in occasione dell'Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano.\r\n\r\nLa sua divisione ha in particolare raggiunto nel 2023 un giro d'affari di 152 milioni di euro, con una marginalità pari a quasi il 30% (ebitda: 43,5 mln. Nel 2022 i valori erano 117 mln e 25 mln rispettivamente, ndr). A livello globale B&B Hotels è invece arrivata a 1,2 miliardi dai 945 milioni dell'anno precedente.\r\n\r\nTra gli obiettivi di sviluppo in Italia del gruppo da qualche tempo ci sono anche le destinazioni leisure: \"Recentemente abbiamo aperto a Bari, Trapani e Catania e vogliamo continuare lungo questa direzione. Cerchiamo però strutture in grado di rimanere aperte almeno una decina di mesi all'anno. Stiamo guardando alla montagna ma anche alle coste. Pensiamo in particolare che al Sud ci siano parecchie opportunità da esplorare\".\r\n\r\nCon la prima recente apertura negli Usa, e prossimamente nel Regno Unito, gli obiettivi di B&B Hotel sono ambiziosi: superare la soglia dei 3 mila indirizzi a livello globale entro il 2030, di cui 150 solo in Italia. \"Dall'anno scorso siamo aperti anche al franchising - ha aggiunto Liliana Comitini -. Certo, il nostro modello di sviluppo principale rimane quello delle gestioni dirette, ma in determinati contesti possiamo ora pensare anche alle affiliazioni commerciali. Nella nostra Penisola al momento  ne abbiamo già due. In linea generale cerchiamo strutture di dimensione compresa tra le 80 e le 120 camere. Ma anche a questo riguardo siamo piuttosto flessibili: non escludiamo infatti la possibilità di aggiungere al nostro portfolio alberghi più piccoli, soprattutto se si trovano in centro città e godono di ottimi livelli di occupazione. Allo stesso modo siamo disponibili anche a operare hotel più grandi, sempre che ci siano le condizioni per farlo\".","post_title":"B&B Hotels si apre all'opzione leisure in Italia: focus sul Sud","post_date":"2024-03-25T13:48:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711374495000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462907","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462915\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Claudia Santolin[/caption]\r\n\r\nAbbiamo incontrato Claudia Santolin di Nti, Network Turismo Italia, all'Itb di Berlino.\r\n\r\n\"La nostra è una rete d'impresa nata del 2022, al nostro interno abbiamo delle strutture aderenti che riguardano sia produttori e fornitori inerenti al settore ricettivo turistico, ma anche una serie di strutture alberghiere.  Noi diamo tutta una serie di servizi e questo ci ha dato la possibilità di presentarci come tour operator, anche perché abbiamo una copertura piuttosto ampia nel territorio italiano\".\r\n\r\nQuindi unite produttori e fornitori di servizi turistici in tutta Italia?\r\n\r\n\"Sì in tutta Italia. Nella nostra azienda abbiamo strutture marittime, montane e di lago, stiamo entrando nelle città d'arte, abbiamo qualcosa già nel nord Italia, e insieme siamo in grado di offrire un pacchetto integrato e completo, in quanto ogni struttura ricettiva ha delle sue specificità, e per questo la rete d'impresa lavora per fornire una collaborazione fra le aziende. Ci si unisce per un obiettivo comune, che è quello di rendere il settore solido. Nasce da questa idea e quest'anno, pur essendo relativamente giovani, siamo soddisfatti del lavoro che ci consente di essere qui alla fiera di Berlino\".\r\n\r\nQuali sono i mercati di riferimento?\r\n\r\n\"Noi promuoviamo l'Italia e puntiamo a rappresentarla in tutto il mondo. In questo momento, essendo il primo anno da tour operator, cerchiamo di raccogliere quanto più e di far conoscere il nostro Paese da quante più parti possibili\".","post_title":"Network Turismo Italia all'Itb di Berlino con i suoi prodotti","post_date":"2024-03-06T10:54:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709722495000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461582","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. \"A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel\".\r\n\r\nTarget, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su\r\n\r\nLa compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. \"I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali\".\r\n\r\nRoi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie\r\n\r\nInteressante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. \"Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e\".\r\n\r\nLìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo\r\n\r\nIl gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi.\r\n\r\nUn'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica\r\n\r\n\"In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo\".\r\n\r\nMassimiliano Sarti\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa","post_date":"2024-02-15T13:23:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708003402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460277","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457993\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Diamantini[/caption]\r\n\r\nIn salita la domanda di affitti brevi e in particolare quella dei soggiorni medio-lunghi. Nel 2023, anno che ha visto la ripresa del turismo nel nostro Paese con oltre 445 milioni di presenze, trainate dagli stranieri (quasi 230 milioni), superando di otto milioni i livelli record pre-pandemici del 2019, la richiesta di short-rental aumenta del 15% e quella di mid-long term del 30%, confermando la tendenza del 2022. A scattare la fotografia è uno studio di Halldis, storico operatore italiano degli affitti brevi. In tale settore, giro d’affari di quasi 1,5 miliardi, 600 mila proprietà coinvolte, di cui quasi 120 mila gestite da operatori professionali (property manager), gli immobili destinati a tale formula crescono in tutte le città italiane: 20 mila a Roma (+17%), 18 mila a Milano (+10%), 10 mila a Firenze (+21%), 6.700 a Venezia (+17%), 3.400 a Bologna (+10%).\r\n\r\n“Le generazioni più giovani – afferma Vincenzo Cella, general manager Halldis - hanno meno propensione all’acquisto della casa, perché immaginano un futuro lavorativo meno stanziale, con possibili spostamenti della propria residenza anche a causa di lavori meno duraturi. Le città metropolitane esprimono una maggiore richiesta di affitti medi e lunghi proprio perché offrono più opportunità professionali. Spicca Milano, ma pure centri come Roma, Firenze e Bologna sono sotto pressione. Anche perché alle nuove generazioni del lavoro si affiancano professionisti affermati che operano per più mesi all’estero o decidono di abbinare occupazione e piacere, nonché gli studenti universitari fuori sede”.\r\n\r\n“Come property manager – aggiunge Michele Diamantini, ceo Halldis – da diversi anni cerchiamo di mettere a fuoco questa domanda, capirne le necessità e integrarle con quelle tipiche degli short rental (da meno di 30 giorni al fine settimana): chi soggiorna per un periodo medio-lungo apprezza più le comodità degli immobili e delle amenities di chi lo fa per uno breve. Il residenziale in affitto in Italia è storicamente una prerogativa dei privati, tuttavia nuovi stili di vita, esigenze abitative e concentrazione nelle grandi città, attraggono sempre più investitori istituzionali. Per questo stiamo assistendo all’esigenza di creare un prodotto moderno che soddisfi le richieste degli utilizzatori e porti nuovi importanti volumi di investimenti. Il settore è in crescita e sta vivendo una fase di organizzazione e miglioramento. L’obbligo per le piattaforme online di operare da sostituti d’imposta, finalmente esecutivo anche per Airbnb (nel 2022 sono stati versati 3,3 miliardi di euro allo Stato con la cedolare secca) è un passaggio di questa migliore regolamentazione, così come la normativa Dac7 e il processo di unificazione dei codici regionali in un unico nazionale Cin”.","post_title":"Halldis: il mercato cambia volto; cresce la domanda per affitti temporanei di medio - lungo termine","post_date":"2024-01-29T11:35:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706528125000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460077","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460079\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Denise Galbusera e Mariana Ardito[/caption]\r\n\r\nParole chiave, flessibilità, dialogo, tecnologia che si traducono in efficienza, efficacia e professionalità. Travel Experience To, il tour operator di casa Gwart Group di cui fanno parte anche Nuovevacanze, EasyCrs e Aria Web Agency, cresce e cerca nuovi product manager. L'obiettivo è rafforzare il business, con un raggio di azione internazionale che spazia dall’America all’Asia, dal Pacifico all’Estremo Oriente.\r\n\r\n“Nel cuore della nostra filosofia di viaggio si cela un impegno profondo: progettiamo ogni itinerario con cura e amore, con l'obiettivo di offrire un'immersione autentica nelle bellezze del mondo - spiega la product manager, Mariana Ardito -. Ogni passo di questo processo è intriso di dedizione, poiché crediamo che viaggiare debba essere più di una semplice traversata di luoghi, ma un'autentica scoperta dell'anima del mondo. Per poter operare seguendo queste linee guida, soddisfacendo il crescente numero di agenzie di viaggio che ci sceglie, abbiamo bisogno di potenziare la nostra squadra”.\r\n\r\n“La nostra attenzione alla cura si manifesta attraverso una pianificazione attenta, dove ogni dettaglio è ponderato con precisione - le fa eco Denise Galbusera, product manager esperta delle destinazioni Asia, Africa e Oceania -. Ogni luogo che selezioniamo per i nostri itinerari è scelto con cura, tenendo conto delle sue peculiarità, della sua storia e della sua autenticità. Un approccio che si è rivelato vincente. Per la nostra crescita cerchiamo perciò persone che lo condividano da una prospettiva dinamica e aperta all’innovazione”.","post_title":"Travel Experience To cresce e cerca nuovi product manager","post_date":"2024-01-25T10:08:18+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706177298000]}]}}