25 June 2024

LEADER HOTEL DIRECTOR

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Vincenzo D'aversa
Telefono: 3291334743
Email: averuser@libero.it
Provincia: • 
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Direttore d’albergo cerca lavoro per nuova sfida professionale. Determinato dinamico intraprendente, molto motivato per raggiungere obbiettivi di rilievo. Si garantisce serietà impegno e soprattutto volontà. Offro inoltre disponibilità per lavorare come: start-up lancio nuove aperture e/o rilancio strutture già esistenti. Prego, se interessati, richiedere mio curriculum vitae con relativa documentazione in allegato.

Cell.: 329 1334743

e-mail: averuser@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470135 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Osservatorio del Turismo Outdoor, condotto da Human Company in collaborazione con Thrends, stima per il turismo open air  56,5 milioni le presenze da giugno a settembre, con il mercato estero che gioca un ruolo sempre più cruciale: si prevede infatti la miglior performance dal 2017, con circa 30 milioni di presenze (pari al 53% del totale). Questo dato ancora una volta conferma l'enorme attrattiva che le bellezze naturali, culturali e artistiche dell'Italia esercitano sui turisti stranieri, in particolare quelli provenienti da mercati europei chiave per il turismo all'aperto, come l'area DACH e il Benelux. È con queste premesse che fervono i preparativi della 15^ edizione del Salone del Camper, in programma dal 14 al 22 settembre 2024 presso le Fiere di Parma, in collaborazione con APC (Associazioni Produttori Camper) il più atteso e prestigioso di settore (primo in Italia e secondo in Europa). Con una crescita costante e un impatto economico significativo, il Salone del Camper rappresenta un'opportunità unica per esplorare le tendenze del mercato, incontrare i leader del settore e scoprire le innovazioni più recenti.  Da 15 anni il Salone del Camper ha consolidato la sua reputazione come punto di riferimento per il settore Open air e i numeri dell'ultima edizione 2023 parlano chiaro: più di 100.000 visitatori, oltre 50.000 ticket on line, più di 50.000 mezzi parcheggiati negli stalli in fiera, 5 Padiglioni per oltre 110.000 metri quadrati di superficie espositiva (+20%), più di 300 espositori (di cui 54 produttori di veicoli ricreazionali), oltre 600 veicoli ricreazionali esposti, 520 presenze tra giornalisti blogger e influencer, oltre 70 eventi che hanno garantito l'ampia offerta tra workshop, convegni, presentazioni. Il Salone del Camper non è solo una vetrina per gli appassionati del camperismo, ma è un volano economico per l'intero settore, una manifestazione indispensabile non solo alla sola filiera di settore ma anche per tutto l’indotto che vi opera. Il suo impatto economico contribuisce significativamente alla crescita del mercato del turismo open air, creando opportunità di sviluppo per le aziende, promuovendo così una maggiore partecipazione e interesse da parte del pubblico. L'Italia si posiziona come il terzo maggior produttore di camper in Europa per volumi, superata solo da Germania e Francia. Il panorama italiano vanta una ricca varietà di brand rinomati nel settore tra cui Arca, CI, Elnagh, Etrusco, Giottiline, Laika, McLouis, Mobilvetta, Rimor, Roller Team, Top Group e XGO.  Inoltre, circa il 20% di tutti i camper immatricolati annualmente in Europa ha origine proprio dall'Italia. Un mercato in continua espansione. Il camper si rivela essere il mezzo ideale per coloro che cercano un approccio al turismo sensibile alla sostenibilità, particolarmente adatto alle famiglie e ai gruppi di amici. Secondo i dati raccolti, il camper mostra la migliore efficienza energetica su un volume da 4 a 5 passeggeri, ma i suoi benefici ambientali si estendono a qualsiasi composizione di equipaggio.    [post_title] => Parma 15° Salone del Camper, dal 14 al 22 settembre focus su tendenze ed innovazione [post_date] => 2024-06-25T13:27:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719322063000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470083 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La presenza di molti marchi internazionali che stanno investendo in Malesia conferma che il paese è una destinazione molto ambita nel sud-est asiatico. Le nuove aperture hanno risvolti blasonati nel settore della ricettività: Courtyard by Marriott Melaka, Hyatt Place Kuala Lumpur, Bukit Jalil, Renaissance Kuala Lumpur Hotel & Convention Center e Four Points by Sheraton Kuala Lumpur, City Centre, The George, George Town, Penang, Courtyard by Marriott Melaka , The Estate Hulu Rening, Selangor e DoubleTree by Hilton Damai Laut Resort, Perak, The Boat House sull'isola di Tioman, The Marriott Spa & Resort sull'isola di Perhentian. Tra il 2024 – 2025, a Kuala Lumpur si prevede l’apertura di hotel lifestyle e  a servizio completo come Park Hyatt Kuala Lumpur (nelle Merdeka 118), il  Waldorf Astoria e il  The Conrad.  Altre aperture attese sono l'Hilton Burau Bay a Langkawi, l'Intercontinental Resort a Penang e lo Sheraton a Johor Bahru. La destinazione offre nuovi prodotti ed esperienze turistiche. The Borneo Cultures Museum ha un archivio di livello mondiale attrezzato con oltre un migliaio di manufatti che rappresentano la straordinaria cultura del Sarawak. Il parco fiabesco Dream Forest Langkawi, un'avventura coinvolgente e multisensoriale attraverso la magica foresta pluviale di Langkawi. La magnifica Torre Merdeka 118 a Kuala Lumpur, attualmente il secondo edificio più alto del mondo, e la visita alla città amministrativa Putrajaya con le rilassanti Cruise Tour, Catamaran o Perahu. «Ultimo, ma non meno importante – spiega Zalina Ahmad, director tourism Malaysia Paris (France, Spain, Portugal and Italy) - ci stiamo preparando per il Visit Malaysia Year (VMY) 2026, con molte iniziative per coccolare i nostri visitatori. Al momento non esiste un volo diretto dall'Italia alla Malesia, ma collaboriamo con molte compagnie di altissimo livello come Singapore Airlines, Qatar Airways, Turkish Airlines, Emirates, Eva Air, China Airlines, Korea Air e diverse altre, senza dimenticare ovviamente la nostra Malaysia Airlines che vola da Londra e Doha. Da nostre analisi interne, abbiamo raggiunto l’87% della capacità dei posti aerei pre-covid, e guardiamo al 2025 per raggiungere la piena capacità pre-covid». [post_title] => Malesia, molti hotel in apertura per potenziare l’offerta ricettiva [post_date] => 2024-06-25T12:06:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719317194000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470123 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air versus ota: anche la low cost ungherese accusa le principali agenzie di viaggio online, nello specifico Kiwi ed eDreams, di eccessivi ricarichi applicati alle tariffe base dei voli, ma anche e soprattutto al costo dei servizi aggiuntivi, come i bagagli in stiva e i posti a sedere con spazio extra per le gambe. Un'indagine condotta dalla stessa Wizz Air a giugno sulle tratte tra Italia e Regno Unito, il ricarico per i posti con maggiore spazio per le gambe su Kiwi.com raggiunge il 66%, salendo al 145% su eDreams: se questo extra costa 24 euro sul sito ufficiale della low cost, su Kiwi il prezzo sale a 40 euro e raggiunge 59 euro su eDreams. Un bagaglio da 20 kg viene venduto con un ricarico dell'83% da Kiwi.com e del 66% da eDreams. Perfino i biglietti Priority sono soggetti a significativi ricarichi, fino al 14% su Kiwi.com, mentre le tariffe base sono il 43% più alte su eDreams. Resta poi il problema che, «quando gli utenti prenotano tramite ota, condividono i loro dati con queste ultime e non con le compagnie aeree - sottolinea una nota di Wizz Air -. Infatti, le ota acquistano e rivendono i biglietti ai clienti rimanendo i titolari delle prenotazioni, impedendo alle compagnie aeree di accedere alle informazioni sui viaggiatori. Di conseguenza, ciò ostacola un supporto clienti efficiente e diretto. Wizz Air consiglia vivamente ai passeggeri di prenotare direttamente tramite il sito ufficiale della compagnia o l’app mobile: in questo modo passeggeri possono accedere alle tariffe più basse disponibili, evitare i ricarichi su tariffe e servizi aggiuntivi e ricevere un servizio clienti diretto e tempestivo». [post_title] => Wizz Air accusa le ota: «Ricarichi eccessivi di Kiwi ed eDreams su tariffe base e servizi ancillary» [post_date] => 2024-06-25T11:57:15+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719316635000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470105 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand Tribe, nato in Australia nel 2017 ed entrato a far parte del segmento midscale di Accor nel 2023, porta a Milano Malpensa un nuovo concetto di ospitalità. Il tutto in una location adatta ai viaggiatori leisure, business e bleisure, situata vicina a Rho Fiera Milano, a Milano, Varese e Como, agli outlet piemontesi e alla Svizzera. "Il pilastro fondamentale del brand è un design moderno, audace e, al tempo stesso, elegante e sofisticato - spiega Chiara Fratantonio, brand manager degli hotel Tribe in Europa, in occasione della presentazione ufficiale dell'hotel aperto lo scorso febbraio -: un mix-and-match di pezzi iconici di design con oggetti quotidiani, come libri e accessori. Oggi i viaggiatori si concentrano su quello che conta davvero: pochi servizi ma fatti bene, senza costi nascosti e alcunché di superfluo". Il cuore dell’hotel è il Social Hub: uno spazio multifunzionale dotato di diverse aree e sedute adatte a un momento di privacy o a una riunione. Un luogo per lavorare, rilassarsi, incontrare gli amici e mangiare o bere qualcosa. Anche Enrico Perari, general manager del Tribe Milano Malpensa, sottolinea l’importanza di questo ambiente: "È il cuore logistico del concept di Tribe. Mi piace definirlo una hall diffusa. Attraverso questo spazio diciamo ai nostri ospiti che non vogliamo essere solo un hotel, ma un punto di unione e inclusione per la clientela e le diverse etnie che ospitiamo". Le camere del Tribe Milano Malpensa sono 240. Per garantire prezzi accessibili (a partire da 145 euro) il marchio ha scelto di realizzarle di dimensioni comprese tra i 17 e i 22 mq di media, ma in ogni stanza prosegue il racconto del brand con il ripetersi di tre elementi: un oggetto iconico, un’opera d’arte e una sedia di design. "I prodotti che utilizziamo sono di alta qualità - aggiunge Perari -: in ogni camera sono disponibili un televisore Chromecast da 55 pollici, un asciugacapelli professionale, un ferro da stiro verticale e una macchina per il caffè espresso, oltre al bollitore per farsi una tazza di tè. Inoltre la catena offre in tutto il mondo i cosmetici del noto brand australiano Kevin Murphy". Tribe vanta anche un’importante offerta f&b, a cominciare dalla colazione. Tutto il giorno prosegue l’offerta caffetteria arricchita da cocktail di ogni genere e poi c’è il ristorante. Gli hotel Tribe hanno quattro concetti di ristorazione: american diner, asiatico e californiano e italiano. Nell’hotel ci sono anche sale riunioni che possono ospitare fino a 100 persone, una grande piscina sul rooftop, e la palestra. La sostenibilità. infine, è un altro degli impegni del gruppo. Come precisa Perari, "Tribe è quasi totalmente green: abbiamo pannelli solari per produrre l’energia necessaria alla struttura, l’acqua di scarico dei wc è quella piovana e ci stiamo impegnando nel sociale collaborando con aziende e realtà che ci sono vicine: il 30 giugno si terrà nella nostra piscina il party di chiusura del Pride con l’Associazione Pride di Varese". I dati raccolti nei quattro mesi dall’apertura di Tribe Milano Malpensa parlano di un andamento positivo, con un’occupazione che ha già raggiunto oggi il 60% - 70% per una clientela prettamente aeroportuale, per l’80% straniera. Frattanto prosegue la crescita del brand Tribe: sono 16 attualmente gli hotel aperti in dieci paesi, con 2.548 camere. Entro il 2026 se ne aggiungeranno 26 e sono nella pipeline altre 50 strutture.   [gallery ids="470107,470108,470109,470111,470110,470112"] [post_title] => Il debutto italiano di Tribe: a Malpensa un hotel di design all'insegna dell'inclusione e della socialità [post_date] => 2024-06-25T11:29:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719314974000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470085 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono partiti i lavori per la completa ristrutturazione dell'ex hotel Mondial di Roma, acquisito lo scorso autunno dal gruppo Omnia. Una volta terminato l'intervento a fine anno, la struttura riaprirà con il nome di Aria Palace, in omaggio alla lirica, considerata la stretta vicinanza con il teatro dell’Opera di Roma. L'albergo sarà dotato di camere dallo stile contemporaneo, ristorante, lounge bar e sale riunioni, con il plus di un’area benessere con palestra, un comodo garage per chi arriva in auto e un rooftop con piscina, aperto alla città di Roma. “Il nuovo Aria Palace sarà una bella novità che si aggiunge al nostro portfolio – afferma Francesco Lazzarini, ceo di Omnia Hotels -. Un progetto che ci vede impegnati da mesi insieme alla riqualificazione dell’hotel Imperiale di via Veneto e al proseguimento dei lavori allo Shangri La dell’Eur, che vedranno la riapertura dello storico ristorante insieme alla rivisitazione degli spazi esterni con una nuova piscina e ulteriori 70 camere per gli ospiti. Dall’inizio del nostro cammino, portando avanti l’eredità dei nostri genitori insieme a mio fratello Riccardo, abbiamo continuato a investire sulla città di Roma, recuperando edifici anche abbandonati, valorizzando così il quartiere di riferimento”. [post_title] => Gruppo Omnia: al via i lavori per il nuovo Aria Palace, già hotel Mondial di Roma [post_date] => 2024-06-25T10:32:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719311532000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470081 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vito Riggio si è dimesso da amministratore delegato della Gesap, la società di gestione dell'aeroporto di Palermo. La decisione è stata formalizzata ieri dal cda, che ha anche nominato Massimo Abbate nuovo direttore generale. «Mi sono dimesso in Consiglio di amministrazione ma lo avevo annunciato a ottobre scorso» ha dichiarato Riggio, ripreso da Italpress, spiegando di aver lasciato l'incarico «per ragioni personali perché ho compiuto 77 anni (...) e poi perché non capisco l'indirizzo politico del socio, che è il Comune (...9. Poi, ho finito i lavori. Abbiamo avuto un bilancio di notevole risultato e quindi mi sembrava di dover dare seguito a qualcosa che avevo già annunciato. Sei mesi di tempo, di preavviso, sono più che sufficienti perché il socio possa provvedere in un senso o in un altro». Riggio ha precisato che per ora resta consigliere di amministrazione: «Poi vedremo». [post_title] => Palermo: Vito Riggio si dimette da amministratore delegato della Gesap [post_date] => 2024-06-25T10:23:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719311005000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470060 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo alcune indiscrezioni il brand Park Hyatt raddoppierà presto la propria presenza in Italia con un nuovo indirizzo capitolino, che seguirà la struttura milanese aperta nel 2013. Situato tra via del Corso e la fontana di Trevi, di proprietà del gruppo real estate israeliano Omnam, l'albergò sarà un 5 stelle da 130 camere e sarà gestito tramite un accordo di management. La sua inaugurazione è prevista per il 2026. Hyatt sta peraltro vivendo una fase di forte espansione in Italia. Oltre alle voci sul nuovo hotel romano, sempre nella capitale è infatti atteso già per quest'anno il debutto tricolore del marchio Thompson: un altro 5 stelle da 70 camere ricavato dalla conversione dell'ex sede del Pci di via delle Botteghe Oscure. L'immobile è stato affittato da una joint venture tra Rossfin e l'operatore Ag Group, che ha a sua volta siglato  un accordo di franchising con la compagnia Usa. Sempre a Roma, l'ex Radisson Es Hotel Dovrebbe segnare a fine 2025 l'approdo in Italia anche di Hyatt Regency, grazie a un'operazione di rebranding condotta dalla società di asset management Garnet Hospitality Partners. Infine, a Siena, sono in corso i lavori di ristrutturazione di Palazzo Sozzini Malvolti. Nel 2026 ci si aspetta che entri nella collezione Unbound by Hyatt, sempre sotto la gestione Ag Group. [post_title] => Il brand Park Hyatt prepara lo sbarco a Roma. Aprirà nel 2026 [post_date] => 2024-06-24T14:22:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719238938000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470044 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Impostazione nuova e più contenuti per il catalogo 2024-2025 di CaboVerdeTime. Attualmente disponibile online sul sito dell’operatore, arriverà a breve nelle agenzie di tutto il territorio italiano. Sfogliando il volume, oltre all'inedita veste grafica, si mette subito in evidenza la nuova veste comunicativa: immagini forti e invitanti, che parlano anche a un pubblico di giovani coppie con figli piccoli e adolescenti, o ai gruppi di amici. Alla base delle nuove scelte stilistiche, il desiderio di mettere in luce l’evoluzione della destinazione, che, in particolare a Sal, anche per l’impegno diretto di CaboVerdeTime, ha visto una crescita davvero significativa dei servizi, dell’hôtellerie di livello superiore e delle opportunità di scoperta. Nella prima parte del catalogo spicca così la nuova sezione dedicata alla conoscenza delle isole dell’arcipelago con suggerimenti per apprezzare al meglio la destinazione. Un approfondimento particolare è dedicato a Sal, dove il to opera dal 1996, per raccontarne la storia e l’unicità. In quest’ottica sono state pensate anche le pagine in cui viene descritto un ipotetico itinerario di sette giorni dedicato proprio a Sal. La nuova impostazione è stata pensata per far emergere anche i vantaggi commerciali e l’idea di ospitalità di CaboVerdeTime, con pagine singole dedicate al prenota prima, alle gratuità per i bambini, agli sposi, ai viaggiatori senior, ai gruppi, alle gratuità per i single, ai consistenti contributi economici per avvicinamento all’aeroporto di partenza di Orio al Serio lasciando l’auto a casa (fino a 100 euro a persona). Pagine dedicate anche ai servizi esclusivi di CaboVerdeTime, come il volo diretto in programma da Bergamo per Sal ogni sabato, con benefit come l’ampia franchigia bagaglio e, prima di partire, il Park & Fly, con sconti dedicati per il parcheggio in aeroporto, fast track e accesso alla sala Vip. Rinnovata anche la sezione dedicata ai prodotti alberghieri. Pagine ad hoc sono state riservate, tra le altre cose, alle strutture di proprietà dell’operatore con gestione diretta: il Clubhotel Halos Casa Resort, dove è presente l'ufficio CaboVerdeTime Incoming & Pleasure, nonché il Sobrado Boutique Hotel. Tra le novità di prodotto si mette in evidenza l’hotel Dunas de Sal, struttura di design a 4 stelle, progettata dallo studio di architettura Guilherme Pàris Couto: plus meritevoli di una menzione speciale, il centro benessere e la palestra attrezzata, con corsi gratuiti di fitness e yoga. Ampio spazio infine dedicato alle escursioni, con uscite in catamarano, snorkeling, quad, benessere naturale alle saline e un’esperienza come il party al tramonto al Bikini beach club, nel cuore della di baia di Algodeiro, dotato anche di vasche idromassaggio. “Capo Verde e, in particolare, Sal sono la nostra casa e con questo nuovo catalogo abbiamo voluto raccontare la bellezza e l’eccellenza che queste isole uniche riescono a esprimere grazie a una costante evoluzione - sottolinea il responsabile commerciale e vendite di CaboVerdeTime, Pietro Dusi -. La nuova impostazione del volume è in linea con il restyling del sito e con il nostro impegno con e per l’arcipelago”. [post_title] => Pubblicato il nuovo catalogo 2024-2025 di CaboVerdeTime [post_date] => 2024-06-24T12:06:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719230807000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470037 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha festeggiato i 120 anni. Una storia iniziata nel 1904, con la costruzione di una struttura ricettiva dalla facciata d’epoca Liberty, ancora oggi elemento distintivo, che si erge tra la rigogliosa natura mediterranea della prestigiosa Portofino Coast. Il Grand Hotel Bristol è oggi un lifestyle hotel a cinque stelle, membro di Small Luxury Hotels of the World, con uno stile contemporaneo del design degli interni, che si coniuga con le caratteristiche iconiche e tradizionali della struttura. In oltre cento anni di storia, il Grand Hotel Bristol è stato fin dalla sua apertura un punto di riferimento nel panorama dell’ospitalità ligure, originariamente gestito della famiglia Costa, oggi prosegue sotto il segno della Famiglia Rocchi,Gruppo R Collection Hotels, che ha riportato glamour e allure originali alla struttura, ma in chiave contemporanea. L’hotel più moderno del Golfo del Tigullio, ha ospitato figure illustri, dal premio Nobel per la letteratura André Gide al fondatore del Bauhaus Walter Gropius, è stato luogo d’incontro scelto da Capi di Stato e potenze mondiali per firmare alcuni tra i più importanti trattati di pace, e la cornice naturale che ha accolto gli artisti Adrian Stokes e Charles Buls. Diverse star sono passate da questi saloni, dall’attrice star del cinema muto Doroty Girsh alla leggendaria cantante Mina che era solita soggiornare al Grand Hotel durante le sue tournee. In occasione delle celebrazioni per i 120 anni dall’apertura, il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha organizzato un evento in grande stile, comprensivo di red carpet e trampolieri e giocolieri che hanno accolto i numerosi ospiti attesi, tra clienti, partner, istituzioni e celebrities.    «L’idea di festeggiare questa ricorrenza dei 120 anni è quella di far rivivere tramite le installazioni e le animazioni presenti, quello che sono stati i 120 anni di servizio, dedizione, poesia e di Dolce Vita, tramite tutto quello che è passato e che passerà dal Grand Hotel Bristol - afferma Riccardo Bortolotti, General Manager Grand Hotel Bristol - Una serata evento che racchiude tutti i simboli di quello che è un ensemble di Dolce Vita, un concetto timeless e placeless, il dolce vivere all’italiana».     “     [post_title] => Grand Hotel Bristol Rapallo, 120 anni tra Dolce Vita ed ospitalità italiana [post_date] => 2024-06-24T11:47:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719229655000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "leader hotel director" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":21,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3665,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470135","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Osservatorio del Turismo Outdoor, condotto da Human Company in collaborazione con Thrends, stima per il turismo open air  56,5 milioni le presenze da giugno a settembre, con il mercato estero che gioca un ruolo sempre più cruciale: si prevede infatti la miglior performance dal 2017, con circa 30 milioni di presenze (pari al 53% del totale).\r\n\r\nQuesto dato ancora una volta conferma l'enorme attrattiva che le bellezze naturali, culturali e artistiche dell'Italia esercitano sui turisti stranieri, in particolare quelli provenienti da mercati europei chiave per il turismo all'aperto, come l'area DACH e il Benelux.\r\nÈ con queste premesse che fervono i preparativi della 15^ edizione del Salone del Camper, in programma dal 14 al 22 settembre 2024 presso le Fiere di Parma, in collaborazione con APC (Associazioni Produttori Camper) il più atteso e prestigioso di settore (primo in Italia e secondo in Europa). Con una crescita costante e un impatto economico significativo, il Salone del Camper rappresenta un'opportunità unica per esplorare le tendenze del mercato, incontrare i leader del settore e scoprire le innovazioni più recenti. \r\n\r\nDa 15 anni il Salone del Camper ha consolidato la sua reputazione come punto di riferimento per il settore Open air e i numeri dell'ultima edizione 2023 parlano chiaro: più di 100.000 visitatori, oltre 50.000 ticket on line, più di 50.000 mezzi parcheggiati negli stalli in fiera, 5 Padiglioni per oltre 110.000 metri quadrati di superficie espositiva (+20%), più di 300 espositori (di cui 54 produttori di veicoli ricreazionali), oltre 600 veicoli ricreazionali esposti, 520 presenze tra giornalisti blogger e influencer, oltre 70 eventi che hanno garantito l'ampia offerta tra workshop, convegni, presentazioni.\r\n\r\nIl Salone del Camper non è solo una vetrina per gli appassionati del camperismo, ma è un volano economico per l'intero settore, una manifestazione indispensabile non solo alla sola filiera di settore ma anche per tutto l’indotto che vi opera. Il suo impatto economico contribuisce significativamente alla crescita del mercato del turismo open air, creando opportunità di sviluppo per le aziende, promuovendo così una maggiore partecipazione e interesse da parte del pubblico.\r\nL'Italia si posiziona come il terzo maggior produttore di camper in Europa per volumi, superata solo da Germania e Francia. Il panorama italiano vanta una ricca varietà di brand rinomati nel settore tra cui Arca, CI, Elnagh, Etrusco, Giottiline, Laika, McLouis, Mobilvetta, Rimor, Roller Team, Top Group e XGO. \r\nInoltre, circa il 20% di tutti i camper immatricolati annualmente in Europa ha origine proprio dall'Italia. Un mercato in continua espansione.\r\n\r\nIl camper si rivela essere il mezzo ideale per coloro che cercano un approccio al turismo sensibile alla sostenibilità, particolarmente adatto alle famiglie e ai gruppi di amici. Secondo i dati raccolti, il camper mostra la migliore efficienza energetica su un volume da 4 a 5 passeggeri, ma i suoi benefici ambientali si estendono a qualsiasi composizione di equipaggio. \r\n\r\n ","post_title":"Parma 15° Salone del Camper, dal 14 al 22 settembre focus su tendenze ed innovazione","post_date":"2024-06-25T13:27:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719322063000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470083","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La presenza di molti marchi internazionali che stanno investendo in Malesia conferma che il paese è una destinazione molto ambita nel sud-est asiatico.\r\n\r\nLe nuove aperture hanno risvolti blasonati nel settore della ricettività: Courtyard by Marriott Melaka, Hyatt Place Kuala Lumpur, Bukit Jalil, Renaissance Kuala Lumpur Hotel & Convention Center e Four Points by Sheraton Kuala Lumpur, City Centre, The George, George Town, Penang, Courtyard by Marriott Melaka , The Estate Hulu Rening, Selangor e DoubleTree by Hilton Damai Laut Resort, Perak, The Boat House sull'isola di Tioman, The Marriott Spa & Resort sull'isola di Perhentian.\r\n\r\nTra il 2024 – 2025, a Kuala Lumpur si prevede l’apertura di hotel lifestyle e  a servizio completo come Park Hyatt Kuala Lumpur (nelle Merdeka 118), il  Waldorf Astoria e il  The Conrad.  Altre aperture attese sono l'Hilton Burau Bay a Langkawi, l'Intercontinental Resort a Penang e lo Sheraton a Johor Bahru.\r\n\r\nLa destinazione offre nuovi prodotti ed esperienze turistiche. The Borneo Cultures Museum ha un archivio di livello mondiale attrezzato con oltre un migliaio di manufatti che rappresentano la straordinaria cultura del Sarawak. Il parco fiabesco Dream Forest Langkawi, un'avventura coinvolgente e multisensoriale attraverso la magica foresta pluviale di Langkawi. La magnifica Torre Merdeka 118 a Kuala Lumpur, attualmente il secondo edificio più alto del mondo, e la visita alla città amministrativa Putrajaya con le rilassanti Cruise Tour, Catamaran o Perahu.\r\n\r\n«Ultimo, ma non meno importante – spiega Zalina Ahmad, director tourism Malaysia Paris (France, Spain, Portugal and Italy) - ci stiamo preparando per il Visit Malaysia Year (VMY) 2026, con molte iniziative per coccolare i nostri visitatori. Al momento non esiste un volo diretto dall'Italia alla Malesia, ma collaboriamo con molte compagnie di altissimo livello come Singapore Airlines, Qatar Airways, Turkish Airlines, Emirates, Eva Air, China Airlines, Korea Air e diverse altre, senza dimenticare ovviamente la nostra Malaysia Airlines che vola da Londra e Doha. Da nostre analisi interne, abbiamo raggiunto l’87% della capacità dei posti aerei pre-covid, e guardiamo al 2025 per raggiungere la piena capacità pre-covid».","post_title":"Malesia, molti hotel in apertura per potenziare l’offerta ricettiva","post_date":"2024-06-25T12:06:34+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1719317194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470123","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air versus ota: anche la low cost ungherese accusa le principali agenzie di viaggio online, nello specifico Kiwi ed eDreams, di eccessivi ricarichi applicati alle tariffe base dei voli, ma anche e soprattutto al costo dei servizi aggiuntivi, come i bagagli in stiva e i posti a sedere con spazio extra per le gambe.\r\nUn'indagine condotta dalla stessa Wizz Air a giugno sulle tratte tra Italia e Regno Unito, il ricarico per i posti con maggiore spazio per le gambe su Kiwi.com raggiunge il 66%, salendo al 145% su eDreams: se questo extra costa 24 euro sul sito ufficiale della low cost, su Kiwi il prezzo sale a 40 euro e raggiunge 59 euro su eDreams. Un bagaglio da 20 kg viene venduto con un ricarico dell'83% da Kiwi.com e del 66% da eDreams. Perfino i biglietti Priority sono soggetti a significativi ricarichi, fino al 14% su Kiwi.com, mentre le tariffe base sono il 43% più alte su eDreams.\r\nResta poi il problema che, «quando gli utenti prenotano tramite ota, condividono i loro dati con queste ultime e non con le compagnie aeree - sottolinea una nota di Wizz Air -. Infatti, le ota acquistano e rivendono i biglietti ai clienti rimanendo i titolari delle prenotazioni, impedendo alle compagnie aeree di accedere alle informazioni sui viaggiatori. Di conseguenza, ciò ostacola un supporto clienti efficiente e diretto.\r\nWizz Air consiglia vivamente ai passeggeri di prenotare direttamente tramite il sito ufficiale della compagnia o l’app mobile: in questo modo passeggeri possono accedere alle tariffe più basse disponibili, evitare i ricarichi su tariffe e servizi aggiuntivi e ricevere un servizio clienti diretto e tempestivo».","post_title":"Wizz Air accusa le ota: «Ricarichi eccessivi di Kiwi ed eDreams su tariffe base e servizi ancillary»","post_date":"2024-06-25T11:57:15+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719316635000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470105","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand Tribe, nato in Australia nel 2017 ed entrato a far parte del segmento midscale di Accor nel 2023, porta a Milano Malpensa un nuovo concetto di ospitalità. Il tutto in una location adatta ai viaggiatori leisure, business e bleisure, situata vicina a Rho Fiera Milano, a Milano, Varese e Como, agli outlet piemontesi e alla Svizzera. \"Il pilastro fondamentale del brand è un design moderno, audace e, al tempo stesso, elegante e sofisticato - spiega Chiara Fratantonio, brand manager degli hotel Tribe in Europa, in occasione della presentazione ufficiale dell'hotel aperto lo scorso febbraio -: un mix-and-match di pezzi iconici di design con oggetti quotidiani, come libri e accessori. Oggi i viaggiatori si concentrano su quello che conta davvero: pochi servizi ma fatti bene, senza costi nascosti e alcunché di superfluo\".\r\n\r\nIl cuore dell’hotel è il Social Hub: uno spazio multifunzionale dotato di diverse aree e sedute adatte a un momento di privacy o a una riunione. Un luogo per lavorare, rilassarsi, incontrare gli amici e mangiare o bere qualcosa. Anche Enrico Perari, general manager del Tribe Milano Malpensa, sottolinea l’importanza di questo ambiente: \"È il cuore logistico del concept di Tribe. Mi piace definirlo una hall diffusa. Attraverso questo spazio diciamo ai nostri ospiti che non vogliamo essere solo un hotel, ma un punto di unione e inclusione per la clientela e le diverse etnie che ospitiamo\".\r\n\r\nLe camere del Tribe Milano Malpensa sono 240. Per garantire prezzi accessibili (a partire da 145 euro) il marchio ha scelto di realizzarle di dimensioni comprese tra i 17 e i 22 mq di media, ma in ogni stanza prosegue il racconto del brand con il ripetersi di tre elementi: un oggetto iconico, un’opera d’arte e una sedia di design. \"I prodotti che utilizziamo sono di alta qualità - aggiunge Perari -: in ogni camera sono disponibili un televisore Chromecast da 55 pollici, un asciugacapelli professionale, un ferro da stiro verticale e una macchina per il caffè espresso, oltre al bollitore per farsi una tazza di tè. Inoltre la catena offre in tutto il mondo i cosmetici del noto brand australiano Kevin Murphy\".\r\n\r\nTribe vanta anche un’importante offerta f&b, a cominciare dalla colazione. Tutto il giorno prosegue l’offerta caffetteria arricchita da cocktail di ogni genere e poi c’è il ristorante. Gli hotel Tribe hanno quattro concetti di ristorazione: american diner, asiatico e californiano e italiano. Nell’hotel ci sono anche sale riunioni che possono ospitare fino a 100 persone, una grande piscina sul rooftop, e la palestra.\r\n\r\nLa sostenibilità. infine, è un altro degli impegni del gruppo. Come precisa Perari, \"Tribe è quasi totalmente green: abbiamo pannelli solari per produrre l’energia necessaria alla struttura, l’acqua di scarico dei wc è quella piovana e ci stiamo impegnando nel sociale collaborando con aziende e realtà che ci sono vicine: il 30 giugno si terrà nella nostra piscina il party di chiusura del Pride con l’Associazione Pride di Varese\".\r\n\r\nI dati raccolti nei quattro mesi dall’apertura di Tribe Milano Malpensa parlano di un andamento positivo, con un’occupazione che ha già raggiunto oggi il 60% - 70% per una clientela prettamente aeroportuale, per l’80% straniera. Frattanto prosegue la crescita del brand Tribe: sono 16 attualmente gli hotel aperti in dieci paesi, con 2.548 camere. Entro il 2026 se ne aggiungeranno 26 e sono nella pipeline altre 50 strutture.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"470107,470108,470109,470111,470110,470112\"]","post_title":"Il debutto italiano di Tribe: a Malpensa un hotel di design all'insegna dell'inclusione e della socialità","post_date":"2024-06-25T11:29:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719314974000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470085","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono partiti i lavori per la completa ristrutturazione dell'ex hotel Mondial di Roma, acquisito lo scorso autunno dal gruppo Omnia. Una volta terminato l'intervento a fine anno, la struttura riaprirà con il nome di Aria Palace, in omaggio alla lirica, considerata la stretta vicinanza con il teatro dell’Opera di Roma. L'albergo sarà dotato di camere dallo stile contemporaneo, ristorante, lounge bar e sale riunioni, con il plus di un’area benessere con palestra, un comodo garage per chi arriva in auto e un rooftop con piscina, aperto alla città di Roma.\r\n\r\n“Il nuovo Aria Palace sarà una bella novità che si aggiunge al nostro portfolio – afferma Francesco Lazzarini, ceo di Omnia Hotels -. Un progetto che ci vede impegnati da mesi insieme alla riqualificazione dell’hotel Imperiale di via Veneto e al proseguimento dei lavori allo Shangri La dell’Eur, che vedranno la riapertura dello storico ristorante insieme alla rivisitazione degli spazi esterni con una nuova piscina e ulteriori 70 camere per gli ospiti. Dall’inizio del nostro cammino, portando avanti l’eredità dei nostri genitori insieme a mio fratello Riccardo, abbiamo continuato a investire sulla città di Roma, recuperando edifici anche abbandonati, valorizzando così il quartiere di riferimento”.","post_title":"Gruppo Omnia: al via i lavori per il nuovo Aria Palace, già hotel Mondial di Roma","post_date":"2024-06-25T10:32:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719311532000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470081","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vito Riggio si è dimesso da amministratore delegato della Gesap, la società di gestione dell'aeroporto di Palermo. La decisione è stata formalizzata ieri dal cda, che ha anche nominato Massimo Abbate nuovo direttore generale.\r\n\r\n«Mi sono dimesso in Consiglio di amministrazione ma lo avevo annunciato a ottobre scorso» ha dichiarato Riggio, ripreso da Italpress, spiegando di aver lasciato l'incarico «per ragioni personali perché ho compiuto 77 anni (...) e poi perché non capisco l'indirizzo politico del socio, che è il Comune (...9. Poi, ho finito i lavori. Abbiamo avuto un bilancio di notevole risultato e quindi mi sembrava di dover dare seguito a qualcosa che avevo già annunciato. Sei mesi di tempo, di preavviso, sono più che sufficienti perché il socio possa provvedere in un senso o in un altro».\r\n\r\nRiggio ha precisato che per ora resta consigliere di amministrazione: «Poi vedremo».","post_title":"Palermo: Vito Riggio si dimette da amministratore delegato della Gesap","post_date":"2024-06-25T10:23:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1719311005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470060","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Secondo alcune indiscrezioni il brand Park Hyatt raddoppierà presto la propria presenza in Italia con un nuovo indirizzo capitolino, che seguirà la struttura milanese aperta nel 2013. Situato tra via del Corso e la fontana di Trevi, di proprietà del gruppo real estate israeliano Omnam, l'albergò sarà un 5 stelle da 130 camere e sarà gestito tramite un accordo di management. La sua inaugurazione è prevista per il 2026.\r\n\r\nHyatt sta peraltro vivendo una fase di forte espansione in Italia. Oltre alle voci sul nuovo hotel romano, sempre nella capitale è infatti atteso già per quest'anno il debutto tricolore del marchio Thompson: un altro 5 stelle da 70 camere ricavato dalla conversione dell'ex sede del Pci di via delle Botteghe Oscure. L'immobile è stato affittato da una joint venture tra Rossfin e l'operatore Ag Group, che ha a sua volta siglato  un accordo di franchising con la compagnia Usa. Sempre a Roma, l'ex Radisson Es Hotel Dovrebbe segnare a fine 2025 l'approdo in Italia anche di Hyatt Regency, grazie a un'operazione di rebranding condotta dalla società di asset management Garnet Hospitality Partners. Infine, a Siena, sono in corso i lavori di ristrutturazione di Palazzo Sozzini Malvolti. Nel 2026 ci si aspetta che entri nella collezione Unbound by Hyatt, sempre sotto la gestione Ag Group.","post_title":"Il brand Park Hyatt prepara lo sbarco a Roma. Aprirà nel 2026","post_date":"2024-06-24T14:22:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719238938000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470044","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Impostazione nuova e più contenuti per il catalogo 2024-2025 di CaboVerdeTime. Attualmente disponibile online sul sito dell’operatore, arriverà a breve nelle agenzie di tutto il territorio italiano. Sfogliando il volume, oltre all'inedita veste grafica, si mette subito in evidenza la nuova veste comunicativa: immagini forti e invitanti, che parlano anche a un pubblico di giovani coppie con figli piccoli e adolescenti, o ai gruppi di amici. Alla base delle nuove scelte stilistiche, il desiderio di mettere in luce l’evoluzione della destinazione, che, in particolare a Sal, anche per l’impegno diretto di CaboVerdeTime, ha visto una crescita davvero significativa dei servizi, dell’hôtellerie di livello superiore e delle opportunità di scoperta.\r\n\r\nNella prima parte del catalogo spicca così la nuova sezione dedicata alla conoscenza delle isole dell’arcipelago con suggerimenti per apprezzare al meglio la destinazione. Un approfondimento particolare è dedicato a Sal, dove il to opera dal 1996, per raccontarne la storia e l’unicità. In quest’ottica sono state pensate anche le pagine in cui viene descritto un ipotetico itinerario di sette giorni dedicato proprio a Sal.\r\n\r\nLa nuova impostazione è stata pensata per far emergere anche i vantaggi commerciali e l’idea di ospitalità di CaboVerdeTime, con pagine singole dedicate al prenota prima, alle gratuità per i bambini, agli sposi, ai viaggiatori senior, ai gruppi, alle gratuità per i single, ai consistenti contributi economici per avvicinamento all’aeroporto di partenza di Orio al Serio lasciando l’auto a casa (fino a 100 euro a persona). Pagine dedicate anche ai servizi esclusivi di CaboVerdeTime, come il volo diretto in programma da Bergamo per Sal ogni sabato, con benefit come l’ampia franchigia bagaglio e, prima di partire, il Park & Fly, con sconti dedicati per il parcheggio in aeroporto, fast track e accesso alla sala Vip.\r\n\r\nRinnovata anche la sezione dedicata ai prodotti alberghieri. Pagine ad hoc sono state riservate, tra le altre cose, alle strutture di proprietà dell’operatore con gestione diretta: il Clubhotel Halos Casa Resort, dove è presente l'ufficio CaboVerdeTime Incoming & Pleasure, nonché il Sobrado Boutique Hotel. Tra le novità di prodotto si mette in evidenza l’hotel Dunas de Sal, struttura di design a 4 stelle, progettata dallo studio di architettura Guilherme Pàris Couto: plus meritevoli di una menzione speciale, il centro benessere e la palestra attrezzata, con corsi gratuiti di fitness e yoga.\r\n\r\nAmpio spazio infine dedicato alle escursioni, con uscite in catamarano, snorkeling, quad, benessere naturale alle saline e un’esperienza come il party al tramonto al Bikini beach club, nel cuore della di baia di Algodeiro, dotato anche di vasche idromassaggio. “Capo Verde e, in particolare, Sal sono la nostra casa e con questo nuovo catalogo abbiamo voluto raccontare la bellezza e l’eccellenza che queste isole uniche riescono a esprimere grazie a una costante evoluzione - sottolinea il responsabile commerciale e vendite di CaboVerdeTime, Pietro Dusi -. La nuova impostazione del volume è in linea con il restyling del sito e con il nostro impegno con e per l’arcipelago”.","post_title":"Pubblicato il nuovo catalogo 2024-2025 di CaboVerdeTime","post_date":"2024-06-24T12:06:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1719230807000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470037","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha festeggiato i 120 anni. Una storia iniziata nel 1904, con la costruzione di una struttura ricettiva dalla facciata d’epoca Liberty, ancora oggi elemento distintivo, che si erge tra la rigogliosa natura mediterranea della prestigiosa Portofino Coast.\r\n\r\nIl Grand Hotel Bristol è oggi un lifestyle hotel a cinque stelle, membro di Small Luxury Hotels of the World, con uno stile contemporaneo del design degli interni, che si coniuga con le caratteristiche iconiche e tradizionali della struttura. In oltre cento anni di storia, il Grand Hotel Bristol è stato fin dalla sua apertura un punto di riferimento nel panorama dell’ospitalità ligure, originariamente gestito della famiglia Costa, oggi prosegue sotto il segno della Famiglia Rocchi,Gruppo R Collection Hotels, che ha riportato glamour e allure originali alla struttura, ma in chiave contemporanea.\r\n\r\nL’hotel più moderno del Golfo del Tigullio, ha ospitato figure illustri, dal premio Nobel per la letteratura André Gide al fondatore del Bauhaus Walter Gropius, è stato luogo d’incontro scelto da Capi di Stato e potenze mondiali per firmare alcuni tra i più importanti trattati di pace, e la cornice naturale che ha accolto gli artisti Adrian Stokes e Charles Buls. Diverse star sono passate da questi saloni, dall’attrice star del cinema muto Doroty Girsh alla leggendaria cantante Mina che era solita soggiornare al Grand Hotel durante le sue tournee.\r\n\r\nIn occasione delle celebrazioni per i 120 anni dall’apertura, il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha organizzato un evento in grande stile, comprensivo di red carpet e trampolieri e giocolieri che hanno accolto i numerosi ospiti attesi, tra clienti, partner, istituzioni e celebrities.\r\n \r\n «L’idea di festeggiare questa ricorrenza dei 120 anni è quella di far rivivere tramite le installazioni e le animazioni presenti, quello che sono stati i 120 anni di servizio, dedizione, poesia e di Dolce Vita, tramite tutto quello che è passato e che passerà dal Grand Hotel Bristol - afferma Riccardo Bortolotti, General Manager Grand Hotel Bristol - Una serata evento che racchiude tutti i simboli di quello che è un ensemble di Dolce Vita, un concetto timeless e placeless, il dolce vivere all’italiana».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n“\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Grand Hotel Bristol Rapallo, 120 anni tra Dolce Vita ed ospitalità italiana","post_date":"2024-06-24T11:47:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719229655000]}]}}