16 April 2024

982

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

TOUR OPERATOR VIAGGI " TAILOR MADE ", MILANO, RICERCA PROMOTER PLURIMANDATARIO ZONA PIEMONTE. PLURIENNALE ESPERIENZA E CONOSCENZA RETE AGENZIE VIAGGIO.
INVIARE CURRICULUM A : info@ilviaggio.biz


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457993" align="alignleft" width="300"] Michele Diamantini[/caption] Nel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni. Nel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience. “Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”. [post_title] => Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso [post_date] => 2024-04-16T11:26:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713266762000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%). "Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere". Da qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: "Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato". A tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert. Alla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi. Infine una parola sul budget 2024: "L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel".   [post_title] => Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit [post_date] => 2024-04-11T13:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843814000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Carnival ha chiuso a fine febbraio un primo trimestre fiscale sopra le aspettative e si prepara  a vedere finalmente il proprio bilancio tornare in territorio positivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. "E' stato un fantastico inizio d'anno - sottolinea il ceo, Josh Weinstein -. I risultati del primo trimestre hanno superato le nostre previsioni in ogni voce contabile, con una wave saeson che ha garantito prenotazioni record a tariffe su livelli considerevolmente superiori a quelli passati. Tutto ciò ci porta a modificare le nostre stime per il 2023-2034, alzando le aspettative di miglioramento dei nostri rendimenti attesi di un punto percentuale, fino ad arrivare quasi alla doppia cifra". Nel dettaglio, il fatturato totale Carnival tra dicembre e febbraio ha raggiunto i 5,4 miliardi di dollari (4,4 mld nello stesso periodo dell'anno precedente), con profitti operativi per 276 milioni (vs -172 mln). Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), a quota 871 milioni: una cifra di oltre 70 mln sopra le stime dello scorso dicembre (erano 382 mln 12 mesi prima). Ancora in negativo invece la bottom line con gli utili netti rettificati in rosso per 214 milioni. Un risultato comunque migliore di quanto stimato a inizio anno fiscale, nonché nettamente superiore ai -693 mln registrati tra dicembre 2022 e febbraio 2023. Il dato è comunque destinato a migliorare nei prossimi mesi, visto che tradizionalmente il primo trimestre è il periodo meno profittevole per l'industria crocieristica. [post_title] => Prosegue il percorso del gruppo Carnival verso il nero in bottom line [post_date] => 2024-03-28T11:04:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711623849000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461543 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte col botto il 2024 di Valturm che annuncia una nuova gestione diretta, frutto di un accordo pluriennale, la seconda dopo il Cristallo di Cortina: il Baia del Gusmay Beach Resort si trova nel Gargano, in una  posizione strategica trai borghi sul mare di Vieste e Peschici. La struttura dispone di 182 camere e si sviluppa in quattro corpi distinti: il Gusmay, in posizione panoramica, include il ricevimento, le 62 stanze Superior, la spa, il ristorante panoramico per la prima colazione e la piscina relax; l’area Cala del Turco è invece dedicata alle 90 camere Comfort, distribuite in sei edifici di due piani. A completare l'offerta, il corpo con le 20 suite le Dune, a pochi metri dal mare, e l’area con le dieci beach suite le Dune, a ridosso dalla spiaggia lunga ben 300 metri, in cui si trovano anche il ristorante il Ginepro e il beach bar bistrot il Trabucco. Nel cuore del resort, ci sono, invece, il ristorante La Fenice e l’area congressi. In prossimità, lo spazio riservata al divertimento e allo sport con piscina, bar, anfiteatro e l’area miniclub. Complessivamente, gli ospiti avranno a disposizione quattro ristoranti, di cui uno in spiaggia, altrettanti bar, con un raffinato beach bar bistrot, due piscine, di cui una relax, un campo da calcetto, due da tennis, area beach volley, area dedicata al tiro con l’arco, nonché spazio fitness esterno panoramico a pochi metri dal mare. Il centro meeting comprende infine una sala da 500 posti, una da 100 e un spazio più ridotto per riunioni riservate da 15 persone. "Questa struttura è uno dei complessi architettonicamente più significativi di tutto il Mediterraneo e siamo davvero orgogliosi di essere riusciti a portarla nella nostra programmazione, in qualità di secondo resort a gestione diretta - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Saremo protagonisti in prima persona di un progetto pluriennale: in partnership con la proprietà, infatti, la famiglia Casarano, è previsto nei prossimi anni un imponente piano di upgrade del resort alla categoria 5 stelle. Il progetto prende il via questa estate e ci vedrà offrire alla distribuzione e agli ospiti un raro microcosmo di incanto”. “Grazie alla varietà delle dotazioni e alla presenza di un centro meeting all’avanguardia, saremo in grado di esprimere al meglio la nostra vision di hospitality company, anche in funzione della destagionalizzazione, andando a lavorare sia su alcuni mercati esteri e sui gruppi sia sul segmento prettamente mice, che potrà godere di uno hortus conclusus in cui organizzare eventi a effetto wow”, gli fa eco Giuseppe Cavallo, amministratore dell’hospitality company del gruppo. [post_title] => Il pugliese Baia del Gusmay secondo resort a gestione diretta Valtur [post_date] => 2024-02-15T11:17:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707995859000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461324 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo.  La compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica. «Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili». Le entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.   «Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività». Play ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che "un diverso profilo di aeromobile è più adatto" per la crescita futura. «Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.   [post_title] => Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento [post_date] => 2024-02-13T09:15:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707815751000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461129 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo appuntamento ieri a Milano per l'Ufficio Nazionale Israeliano per il Turismo, con il consueto Premio stampa. Israel, land of Creation, è apparsa su oltre 1000 uscite, 987 giornali senza contare la parte social. Per questo il premio stampa "Israele nel cuore" ogni anno vuole premiare i reportage più emozionanti e approfonditi. La categoria spiritualità la vince Elio Buonsignore per il programma televisivo che appare sulle reti Mediaset, i Viaggi del Cuore con un fervido racconto di Gerusalemme e della Terra Santa. La categoria culturale la vince Roberto Sveva Burchiello con il programma Moto Excape. La categoria natura la vincono Domenico Gambardella per Kilimangiaro e ancora Daniela Rainaldi produttore e Angela Costantino autore per Linea Verde Life, Leopoldo Gasparotto per Little Big Italy. Per la categoria sport vince il premio Lorenzo Franculli di Gazzetta dello Sport, per la categoria content creator è premiata Camilla Gullà. Menzione speciale per Canale 5 a Giancarlo Scheri ed Emiliano Facchinetti per lo straordinario concerto dalla Torre di Davide a Gerusalemme. Ritornata due mesi fa, infine, Rosa Stella Brienza di Panorama, è stata la prima giornalista ad andare in Israele dopo lo scoppio della guerra.  [post_title] => "Israele nel cuore": torna anche quest'anno il premio stampa dedicato ai reportage più emozionanti [post_date] => 2024-02-08T13:56:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707400567000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Turchia chiude ufficialmente un 2023 da record con entrate per 54,3 miliardi di dollari, in crescita del 16,9%, mentre gli arrivi di turisti stranieri sono aumentati di oltre il 10%, raggiungendo i 49,2 milioni. «In linea con le previsioni del programma a medio termine, ci aspettiamo che il numero di visitatori raggiunga quest'anno i 59,4 milioni e le entrate turistiche salgano fino a 59,6 miliardi di dollari» ha dichiarato il Ministro del Tesoro e delle Finanze, Mehmet Şimşek. Mentre le spese individuali hanno costituito 41 miliardi di dollari del totale delle entrate turistiche, altri 13,25 miliardi di dollari provengono dalle spese per i pacchetti turistici, secondo l'Istituto turco di statistica (TÜİK). La spesa media pro capite dei turisti è stata di 952 dollari nel 2023, rispetto ai 905 dollari dell'anno precedente. La spesa media per notte è aumentata di quasi il 12% dal 2022 a 99 dollari. La spesa alimentare dei turisti è aumentata del 33,2% rispetto al 2022, mentre l'aumento della spesa per l'alloggio è stato del 27%. Lo scorso anno, 49,2 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia: includendo i cittadini turchi residenti all'estero, la destinazione ha accolto 56,7 milioni di visitatori. I gruppi più numerosi di turisti provengono da Russia e Germania.       [post_title] => Turchia: le entrate turistiche hanno superato quota 54,3 miliardi di euro nel 2023 [post_date] => 2024-02-01T10:11:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706782296000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459264 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aegean ha chiuso il 2023 con 15,5 milioni di passeggeri trasportati, 3,2 milioni in più rispetto al 2022, in altre parole una crescita del 26%, che segna un nuovo record per il vettore greco. Lo scorso anno la compagnia ha offerto 18,5 milioni di posti, di cui 11,1 milioni sulle rotte internazionali, 2 milioni in più rispetto al 2022 e 800.000 in più rispetto al 2019. Il network contava un totale di 180 destinazioni in 49 Paesi con 307 rotte operate con 76 aeromobili, incluse le 9 consegne di nuovi aeromobili Airbus 320/321 neo. Il load factor medio si è attestato all'83,4%, in aumento del 4,4% rispetto all'anno precedente. Sempre sul network internazionale la compagnia ha trasportato 9,2 milioni di passeggeri, il 29% in più rispetto al 2022. "Il 2023 è stato un altro anno positivo per Aegean e per il turismo greco - ha affermato Dimitris Gerogiannis, ceo del vettore -. Continueremo a lavorare costantemente per offrire più scelte ai nostri passeggeri, per migliorare l'esperienza di viaggio, ma anche per diffondere il prodotto turistico, in modo da mantenere il ritmo dinamico dell'azienda e del Paese anche nel nuovo anno, nonostante le sfide". [post_title] => Aegean archivia il 2023 con 15,5 mln di passeggeri, in aumento del 26% [post_date] => 2024-01-12T09:06:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705050418000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento. E' questa la fotografia del mercato open-air scattata dal progetto del gruppo Titanka!, CampingVillage.Marketing, sulla base dei dati delle centinaia di migliaia di richieste che i turisti hanno rivolto alle strutture tramite il proprio network di portali nel 2023. L'anno scorso le vacanze con durata maggiore sono state  in particolare quelle di luglio, con una media di 9,2 notti contro le 6,8 di agosto. Una tendenza che si discosta molto da quello del 2022, quando la durata dei soggiorni medi per i due mesi clou dell’estate era identica (nove notti). Probabilmente l’aumento dei listini che molti camping hanno applicato nell’anno appena trascorso ha influito su questo scenario. I turisti, inoltre, si muovono sempre con maggiore anticipo nella prenotazione della propria vacanza. La booking window media è passata dai 69 giorni del 2022 ai 72 del 2023. Nel dettaglio, richieste per giugno sono arrivate con ben 64 giorni di anticipo in media. Ciò significa che le strutture a marzo devono essere già pronte per affrontare la nuova stagione e accogliere tutte le richieste degli ospiti. Infine, il numero di componenti del nucleo familiare è in crescita. La media di persone per richiesta è infatti arrivata a 3,65: un trend in crescita dato dall’aumento del numero di bambini per nucleo familiare in vacanza. [post_title] => Titanka!: durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento nell'open air [post_date] => 2024-01-05T14:28:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704464936000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "982" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":66,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457993\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Diamantini[/caption]\r\n\r\nNel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni.\r\n\r\nNel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience.\r\n\r\n“Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”.","post_title":"Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso","post_date":"2024-04-16T11:26:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713266762000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%).\r\n\r\n\"Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere\".\r\n\r\nDa qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: \"Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre\", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato\".\r\n\r\nA tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert.\r\n\r\nAlla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi.\r\n\r\nInfine una parola sul budget 2024: \"L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel\".\r\n\r\n ","post_title":"Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit","post_date":"2024-04-11T13:56:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712843814000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Carnival ha chiuso a fine febbraio un primo trimestre fiscale sopra le aspettative e si prepara  a vedere finalmente il proprio bilancio tornare in territorio positivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. \"E' stato un fantastico inizio d'anno - sottolinea il ceo, Josh Weinstein -. I risultati del primo trimestre hanno superato le nostre previsioni in ogni voce contabile, con una wave saeson che ha garantito prenotazioni record a tariffe su livelli considerevolmente superiori a quelli passati. Tutto ciò ci porta a modificare le nostre stime per il 2023-2034, alzando le aspettative di miglioramento dei nostri rendimenti attesi di un punto percentuale, fino ad arrivare quasi alla doppia cifra\".\r\n\r\nNel dettaglio, il fatturato totale Carnival tra dicembre e febbraio ha raggiunto i 5,4 miliardi di dollari (4,4 mld nello stesso periodo dell'anno precedente), con profitti operativi per 276 milioni (vs -172 mln). Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), a quota 871 milioni: una cifra di oltre 70 mln sopra le stime dello scorso dicembre (erano 382 mln 12 mesi prima). Ancora in negativo invece la bottom line con gli utili netti rettificati in rosso per 214 milioni. Un risultato comunque migliore di quanto stimato a inizio anno fiscale, nonché nettamente superiore ai -693 mln registrati tra dicembre 2022 e febbraio 2023. Il dato è comunque destinato a migliorare nei prossimi mesi, visto che tradizionalmente il primo trimestre è il periodo meno profittevole per l'industria crocieristica.","post_title":"Prosegue il percorso del gruppo Carnival verso il nero in bottom line","post_date":"2024-03-28T11:04:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711623849000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461543","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte col botto il 2024 di Valturm che annuncia una nuova gestione diretta, frutto di un accordo pluriennale, la seconda dopo il Cristallo di Cortina: il Baia del Gusmay Beach Resort si trova nel Gargano, in una  posizione strategica trai borghi sul mare di Vieste e Peschici. La struttura dispone di 182 camere e si sviluppa in quattro corpi distinti: il Gusmay, in posizione panoramica, include il ricevimento, le 62 stanze Superior, la spa, il ristorante panoramico per la prima colazione e la piscina relax; l’area Cala del Turco è invece dedicata alle 90 camere Comfort, distribuite in sei edifici di due piani. A completare l'offerta, il corpo con le 20 suite le Dune, a pochi metri dal mare, e l’area con le dieci beach suite le Dune, a ridosso dalla spiaggia lunga ben 300 metri, in cui si trovano anche il ristorante il Ginepro e il beach bar bistrot il Trabucco.\r\n\r\nNel cuore del resort, ci sono, invece, il ristorante La Fenice e l’area congressi. In prossimità, lo spazio riservata al divertimento e allo sport con piscina, bar, anfiteatro e l’area miniclub. Complessivamente, gli ospiti avranno a disposizione quattro ristoranti, di cui uno in spiaggia, altrettanti bar, con un raffinato beach bar bistrot, due piscine, di cui una relax, un campo da calcetto, due da tennis, area beach volley, area dedicata al tiro con l’arco, nonché spazio fitness esterno panoramico a pochi metri dal mare. Il centro meeting comprende infine una sala da 500 posti, una da 100 e un spazio più ridotto per riunioni riservate da 15 persone.\r\n\r\n\"Questa struttura è uno dei complessi architettonicamente più significativi di tutto il Mediterraneo e siamo davvero orgogliosi di essere riusciti a portarla nella nostra programmazione, in qualità di secondo resort a gestione diretta - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Saremo protagonisti in prima persona di un progetto pluriennale: in partnership con la proprietà, infatti, la famiglia Casarano, è previsto nei prossimi anni un imponente piano di upgrade del resort alla categoria 5 stelle. Il progetto prende il via questa estate e ci vedrà offrire alla distribuzione e agli ospiti un raro microcosmo di incanto”.\r\n\r\n“Grazie alla varietà delle dotazioni e alla presenza di un centro meeting all’avanguardia, saremo in grado di esprimere al meglio la nostra vision di hospitality company, anche in funzione della destagionalizzazione, andando a lavorare sia su alcuni mercati esteri e sui gruppi sia sul segmento prettamente mice, che potrà godere di uno hortus conclusus in cui organizzare eventi a effetto wow”, gli fa eco Giuseppe Cavallo, amministratore dell’hospitality company del gruppo.","post_title":"Il pugliese Baia del Gusmay secondo resort a gestione diretta Valtur","post_date":"2024-02-15T11:17:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707995859000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461324","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo. \r\n\r\nLa compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica.\r\n\r\n«Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili».\r\n\r\nLe entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.\r\n\r\n \r\n\r\n«Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività».\r\n\r\nPlay ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che \"un diverso profilo di aeromobile è più adatto\" per la crescita futura.\r\n\r\n«Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025\". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.\r\n\r\n ","post_title":"Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento","post_date":"2024-02-13T09:15:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707815751000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461129","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo appuntamento ieri a Milano per l'Ufficio Nazionale Israeliano per il Turismo, con il consueto Premio stampa. Israel, land of Creation, è apparsa su oltre 1000 uscite, 987 giornali senza contare la parte social. Per questo il premio stampa \"Israele nel cuore\" ogni anno vuole premiare i reportage più emozionanti e approfonditi.\r\nLa categoria spiritualità la vince Elio Buonsignore per il programma televisivo che appare sulle reti Mediaset, i Viaggi del Cuore con un fervido racconto di Gerusalemme e della Terra Santa. La categoria culturale la vince Roberto Sveva Burchiello con il programma Moto Excape. La categoria natura la vincono Domenico Gambardella per Kilimangiaro e ancora Daniela Rainaldi produttore e Angela Costantino autore per Linea Verde Life, Leopoldo Gasparotto per Little Big Italy.\r\nPer la categoria sport vince il premio Lorenzo Franculli di Gazzetta dello Sport, per la categoria content creator è premiata Camilla Gullà. Menzione speciale per Canale 5 a Giancarlo Scheri ed Emiliano Facchinetti per lo straordinario concerto dalla Torre di Davide a Gerusalemme. Ritornata due mesi fa, infine, Rosa Stella Brienza di Panorama, è stata la prima giornalista ad andare in Israele dopo lo scoppio della guerra. ","post_title":"\"Israele nel cuore\": torna anche quest'anno il premio stampa dedicato ai reportage più emozionanti","post_date":"2024-02-08T13:56:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707400567000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Turchia chiude ufficialmente un 2023 da record con entrate per 54,3 miliardi di dollari, in crescita del 16,9%, mentre gli arrivi di turisti stranieri sono aumentati di oltre il 10%, raggiungendo i 49,2 milioni.\r\n\r\n«In linea con le previsioni del programma a medio termine, ci aspettiamo che il numero di visitatori raggiunga quest'anno i 59,4 milioni e le entrate turistiche salgano fino a 59,6 miliardi di dollari» ha dichiarato il Ministro del Tesoro e delle Finanze, Mehmet Şimşek.\r\n\r\nMentre le spese individuali hanno costituito 41 miliardi di dollari del totale delle entrate turistiche, altri 13,25 miliardi di dollari provengono dalle spese per i pacchetti turistici, secondo l'Istituto turco di statistica (TÜİK).\r\n\r\nLa spesa media pro capite dei turisti è stata di 952 dollari nel 2023, rispetto ai 905 dollari dell'anno precedente. La spesa media per notte è aumentata di quasi il 12% dal 2022 a 99 dollari.\r\n\r\nLa spesa alimentare dei turisti è aumentata del 33,2% rispetto al 2022, mentre l'aumento della spesa per l'alloggio è stato del 27%.\r\n\r\nLo scorso anno, 49,2 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia: includendo i cittadini turchi residenti all'estero, la destinazione ha accolto 56,7 milioni di visitatori. I gruppi più numerosi di turisti provengono da Russia e Germania.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Turchia: le entrate turistiche hanno superato quota 54,3 miliardi di euro nel 2023","post_date":"2024-02-01T10:11:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706782296000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459264","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aegean ha chiuso il 2023 con 15,5 milioni di passeggeri trasportati, 3,2 milioni in più rispetto al 2022, in altre parole una crescita del 26%, che segna un nuovo record per il vettore greco.\r\n\r\nLo scorso anno la compagnia ha offerto 18,5 milioni di posti, di cui 11,1 milioni sulle rotte internazionali, 2 milioni in più rispetto al 2022 e 800.000 in più rispetto al 2019. Il network contava un totale di 180 destinazioni in 49 Paesi con 307 rotte operate con 76 aeromobili, incluse le 9 consegne di nuovi aeromobili Airbus 320/321 neo. Il load factor medio si è attestato all'83,4%, in aumento del 4,4% rispetto all'anno precedente.\r\n\r\nSempre sul network internazionale la compagnia ha trasportato 9,2 milioni di passeggeri, il 29% in più rispetto al 2022.\r\n\r\n\"Il 2023 è stato un altro anno positivo per Aegean e per il turismo greco - ha affermato Dimitris Gerogiannis, ceo del vettore -. Continueremo a lavorare costantemente per offrire più scelte ai nostri passeggeri, per migliorare l'esperienza di viaggio, ma anche per diffondere il prodotto turistico, in modo da mantenere il ritmo dinamico dell'azienda e del Paese anche nel nuovo anno, nonostante le sfide\".","post_title":"Aegean archivia il 2023 con 15,5 mln di passeggeri, in aumento del 26%","post_date":"2024-01-12T09:06:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705050418000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458946","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento. E' questa la fotografia del mercato open-air scattata dal progetto del gruppo Titanka!, CampingVillage.Marketing, sulla base dei dati delle centinaia di migliaia di richieste che i turisti hanno rivolto alle strutture tramite il proprio network di portali nel 2023. L'anno scorso le vacanze con durata maggiore sono state  in particolare quelle di luglio, con una media di 9,2 notti contro le 6,8 di agosto. Una tendenza che si discosta molto da quello del 2022, quando la durata dei soggiorni medi per i due mesi clou dell’estate era identica (nove notti). Probabilmente l’aumento dei listini che molti camping hanno applicato nell’anno appena trascorso ha influito su questo scenario.\r\n\r\nI turisti, inoltre, si muovono sempre con maggiore anticipo nella prenotazione della propria vacanza. La booking window media è passata dai 69 giorni del 2022 ai 72 del 2023. Nel dettaglio, richieste per giugno sono arrivate con ben 64 giorni di anticipo in media. Ciò significa che le strutture a marzo devono essere già pronte per affrontare la nuova stagione e accogliere tutte le richieste degli ospiti. Infine, il numero di componenti del nucleo familiare è in crescita. La media di persone per richiesta è infatti arrivata a 3,65: un trend in crescita dato dall’aumento del numero di bambini per nucleo familiare in vacanza.","post_title":"Titanka!: durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento nell'open air","post_date":"2024-01-05T14:28:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1704464936000]}]}}

Lascia un commento