28 May 2024

923

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Società di servizi aeroportuali, cerca agenti da inserire nella biglietteria di Roma Fiumicino e Venezia Galileo Galilei. Si richiede ottima conoscenza inglese parlato e scritto, predisposizione ai rapporti con il pubblico e problem solving, conoscenza ed uso dei sistemi di prenotazione e regolamentazioni Iata. Il lavoro sarà svolto su turni dal lunedi alla domenica. Inviare curriculum a: info@aregroup.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466710 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Etihad Airways ha varato cinque nuovi accordi di interlinea, ampliando le opzioni di viaggio per i passeggeri del proprio network. La compagnia aerea di Abu Dhabi ha siglato partnership con Kam Air in Afghanistan, ky express in Grecia, Rex Airlines in Australia, Jeju Air in Corea e Myanmar Airways International. Gli accordi di interlinea offrono ai passeggeri di tutte le compagnie aeree coinvolte una maggiore connettività verso le destinazioni dei rispettivi network consentendo agli ospiti di prenotare l'intero viaggio con un unico biglietto e di imbarcare il proprio bagaglio sino alla destinazione finale. «Continuiamo ad ampliare la portata del nostro network consentendo una connessione senza soluzione di continuità attraverso la nostra rete, offrendo ai nostri ospiti una più ampia gamma di opzioni di viaggio - ha commentato Arik De, chief revenue and commercial officer di Etihad -. Questi cinque accordi interlinea rendono la vita più facile agli ospiti di tutte le compagnie aeree coinvolte». All'aeroporto internazionale Zayed di Abu Dhabi gli ospiti di tutto il mondo possono prendere la coincidenza con il volo Kam Air per Kabul e proseguire il viaggio in Afghanistan. I viaggiatori che volano con i voli Etihad due volte al giorno per Atene, possono collegarsi con Sky express a 28 destinazioni in Grecia e alle sue isole del Mediterraneo. Rex Airlines offre ai passeggeri un accesso facile dai gateway di Etihad a Sydney e Melbourne a 22 destinazioni in Australia, tra cui Adelaide, Hobart, Canberra, Brisbane e Gold Coast. Con Jeju Air gli ospiti possono continuare il loro viaggio da Seoul verso 27 destinazioni in sette Paesi dell'Asia nord-orientale. I collegamenti con Myanmar Airways International consentiranno un migliore accesso a Yangon e Mandalay attraverso i gateway di Etihad in Asia meridionale. Etihad conta ora 123 partnership interline, codeshare e strategiche con compagnie aeree di tutto il mondo. [post_title] => Etihad Airways: decollano cinque nuovi accordi di interline [post_date] => 2024-05-06T10:31:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714991479000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono Leonardo Massa, vice presidente Southern Europe della divisione crociere di Msc, Danilo Curzi, ceo  e fondatore di Idee per Viaggiare, Maria Paola De Rosa, responsabile vendita corporate, trade e digital di Av Trenitalia, Tommaso Fumelli, vice president sales Italy di Ita Airways, e Domenico Aprea, ceo di Ota Viaggi i  protagonisti del panel in programma in occasione di Obiettivo X: l'evento che lo stesso operatore capitolino Ota Viaggi organizza dal 17 al 19 maggio al CdsHotels Porto Giardino in Puglia. A loro si aggiungerà anche la partecipazione straordinaria di Carlo Alberto Carnevale-Maffè, docente della Bocconi. La convention, giunta alla sua quarta edizione, ha ottenuto inoltre anche quest’anno il sostegno istituzionale da parte dell'Ente nazionale italiano per il turismo (Enit): un patrocinio importante per una manifestazione che si propone di essere un palcoscenico per innovazione, networking e partnership coinvolgendo tutti i protagonisti del panorama turistico italiano. A partecipare alla tre giorni saranno 298 agenzie di viaggi, 123 ospiti e 74 tra componenti dello staff e collaboratori, tutti provenienti da 16 regioni italiane [post_title] => Obiettivo X: tutti i protagonisti del panel dell'evento griffato Ota Viaggi [post_date] => 2024-05-06T10:19:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714990777000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_466225" align="alignleft" width="300"] Tomas Kunzmann, ceo di Allianz Partner[/caption] Allianz Partners ha annunciato i risultati dell'esercizio 2023, con 9,3 miliardi di euro di ricavi totali, e un utile operativo di 301,2 milioni di euro. Si tratta della migliore performance finanziaria nella storia di Allianz Partners. Tutte le linee di business hanno registrato una crescita sostenuta, grazie all'impennata dei viaggi internazionali, alla crescita a due cifre di Mobility & Assistance e alla crescita record del 23,4% del business Health. «Il 2023 è stato un altro anno record per Allianz Partners in termini di ricavi e utili totali, dopo i risultati record del 2022 - ha commentato Tomas Kunzmann, ceo di Allianz Partner -. Il business Travel continua a prosperare, quello Health ha registrato un'enorme crescita e il nostro business Mobility & Assistance ha avuto un ottimo slancio a livello globale. Di conseguenza, la nostra continua crescita si basa su solide fondamenta, poiché investiamo nella digitalizzazione dei nostri servizi, garantendo al contempo quello human touch che assicura i massimi livelli di soddisfazione dei clienti». Da un'analisi più approfondita delle aree di business di Allianz Partners emerge che: il business Health lo scorso anno ha registrato una crescita sostanziale, pari al 23,4%, con ricavi pari a 2,959 miliardi di euro. Doppia cifra Il business ha continuato a registrare una crescita dei ricavi a doppia cifra, grazie a una combinazione di crescita organica, al rafforzamento della presenza nel segmento delle piccole e medie imprese (PMI) in tutto il mondo e a nuove partnership con assicuratori locali per ampliare la copertura dei clienti. L'assicurazione sanitaria transfrontaliera, i servizi e l'amministrazione sono stati rafforzati da un significativo aumento della presenza locale attraverso ulteriori centri di supporto operativo per i clienti delle aree Asia Pacific e Middle East. Insieme al lancio di servizi di assistenza sanitaria digitale attraverso l'ecosistema Lumi Health, di cui hanno beneficiato oltre 1 milione di utenti solo nel 2023, questi cambiamenti pongono il business in una posizione forte per continuare a crescere. Il business Travel Insurance è cresciuto dell'8%, con ricavi pari a 3,297 miliardi di euro nel 2023. Questo incremento significativo è frutto dalla crescita in APAC, Nord America ed Europa. La ripresa dei viaggi in Australia e Nuova Zelanda, con la fine di tutte le restrizioni per i viaggiatori in entrata e in uscita, ha alimentato la crescita dei viaggi in APAC. Confermate le buone performance dei viaggi in Nord America, che hanno contribuito a un ulteriore aumento dei canali offline e del business B2C. La crescita europea è stata trainata principalmente dal settore dei servizi finanziari nel Regno Unito, oltre che dalle compagnie aeree e dalle agenzie di viaggio in Francia. Con il recente lancio dell'applicazione mobile allyz, Allianz Partners continua la sua espansione e i suoi investimenti nelle piattaforme digitali dedicate ai clienti. «Grazie a questa forte performance finanziaria - ha concluso Kunzmann -, Allianz Partners è in prima linea nella trasformazione del settore assicurativo. Continuiamo a innovare e a investire in modo significativo nella trasformazione digitale - come dimostra anche il lancio della nostra piattaforma digitale leader di mercato, allyz - in tutte le nostre linee di business. Grazie all'impegno del nostro team di oltre 22.000 dipendenti in tutto il mondo, sono molto ottimista sulle prospettive per i prossimi anni e sul fatto che siamo sulla buona strada per raggiungere il nostro obiettivo di raddoppiare i ricavi entro il 2030". [post_title] => Allianz Partners: record su ogni segmento. 9,3 miliardi di ricavi [post_date] => 2024-04-24T10:48:30+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713955710000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il presidente e ceo, Marcello Mangia, lo aveva anticipato poche settimane fa: il gruppo siciliano si apprestava a entrare nel segmento degli urban hotel con un 5 stelle lusso. Detto, fatto. E' di sabato infatti la notizia dell'acquisizione del Grand Hotel et Des Palmes dal parte del gruppo Mangia's: storica struttura del centro di Palermo. Stando alle voci raccolte dal Sole 24 Ore, l'operazione si sarebbe conclusa per un valore attorno ai 30 milioni di euro, anche grazie al supporto di UniCredit. L'hotel era stato rilevato nel 2018 dal fondo Algebris per 12 milioni, tramite la società Zyx e nell'ambito delle procedure di dismissione di Acqua Marcia. Era stato poi affidato alla gestione del gruppo Corvaia. Il passaggio alla conduzione Mangia's è ora atteso per la fine dell'anno. Situato a poca distanza dal teatro Massimo, il Des Palmes dispone di 123 camere. [post_title] => Colpo Mangia's: acquisito il Grand Hotel et Des Palmes di Palermo [post_date] => 2024-04-15T10:18:03+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713176283000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%). "Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere". Da qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: "Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato". A tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert. Alla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi. Infine una parola sul budget 2024: "L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel".   [post_title] => Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit [post_date] => 2024-04-11T13:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843814000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464729 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Toscana si conferma come location preferita dagli stranieri che scelgono l’Italia per il fatidico ‘sì’: 2.600 i matrimoni internazionali nel 2023, il 12,5% in più rispetto al 2022, per un giro di affari cresciuto del 29,5%, sfiorando la quota di 170 milioni di euro, per una spesa media di 65 mila euro, ovvero il 15,3% in più rispetto al 2022. I numeri emergono dall’aggiornamento dell’osservatorio Destination weddings in Tuscany effettuato dal Centro studi turistici per Toscana Promozione Turistica e certificano il successo del bando triennale con cui Tuscany for Weddings, divisione di Destination Florence convention & visitors bureau per la promozione dell’offerta wedding della Toscana, ha operato per conto dell’agenzia regionale. Una collaborazione che oggi si rinnova con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti, che amplia ulteriormente l’accordo tra Destination Florence Cvb e Tpt: oltre al wedding, il nuovo protocollo, deliberato dall’assessorato al Turismo della regione Toscana, prevede un lavoro in tandem sul turismo congressuale. «Sale il numero di cittadini stranieri che eleggono la Toscana come destinazione dove celebrare le nozze – commenta il presidente, Eugenio Giani -: un risultato che ci riempie di soddisfazione. La decisione, maturata alcuni anni fa, di creare un progetto ad hoc, Tuscany for Weddings, grazie alla collaborazione tra Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau per promuovere l’offerta wedding, si è rivelata vincente. Ritengo che per lo sviluppo di questo segmento turistico la Toscana abbia tutto quello che occorre: luoghi autentici in scenari suggestivi abbinati a un’organizzazione impeccabile». «Da diversi anni – aggiunge l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras - la Toscana è tra le mete più scelte da cittadini stranieri per celebrare il proprio matrimonio. Il lavoro portato avanti in questi anni con Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau con il progetto Tuscany for Weddings, e che oggi si amplia anche al turismo congressuale, è dunque un punto di forza su cui continuare a puntare. Il costante incremento di coloro che scelgono questa regione per unirsi in matrimonio è la conferma della bontà di questa collaborazione». «Gli ottimi dati sul segmento del wedding – prosegue il direttore di Tpt, Francesco Tapinassi - vanno di pari passo con la necessità di valorizzare il comparto del turismo congressuale. È da qui che nasce un protocollo d’intesa che conferma e amplia il rapporto tra Toscana Promozione Turistica e il Destination Florence convention & visitors bureau, impegnato su entrambi i segmenti wedding e mice. Da considerare, inoltre, il ruolo del Destination Florence Cvb nell’organizzazione della Grand Départ del Tour de France da Firenze a giugno: un ulteriore elemento di connessione tra l’azione del bureau e la nostra agenzia, considerando l’impegno di Tpt nella valorizzazione del comparto cicloturistico». A scegliere la Toscana per sposarsi sono soprattutto coppie provenienti da Stati Uniti e Regno Unito (60%), mentre per quanto riguarda il tipo di celebrazione, il rito simbolico è ancora quello preferito (66,3%), con quello civile e religioso che si attestano rispettivamente al 22,4% e all’11,3%. Il 9,3% dei riti civili e simbolici riguarda inoltre unioni civili celebrate tra persone dello stesso sesso. Quasi una coppia su due, ovvero il 48,2% del totale, si è affidata a un wedding planner per coronare il proprio sogno d’amore (+5% rispetto al 2022), mentre per quanto riguarda il periodo scelto, l’89% delle celebrazioni si sono svolte tra aprile e settembre. Anche se è calata leggermente la durata media della permanenza degli invitati (3,2 notti contro le 3,3 del 2022), i pernottamenti nelle strutture ricettive sono saliti a 496 mila (+14,5%) e il volume di affari complessivo ha raggiunto i 168,7 milioni di euro (+29,5%). È cresciuto anche il numero medio degli invitati (60,6 contro i 56 rilevati nel 2022) ed è aumentato del 25% il numero di celebrazioni con un numero di invitati compreso tra 51 e 100, che rappresentano il 63% del totale. Anche per il 2024 le aspettative del settore sono di un’ulteriore crescita del mercato, con un incremento stimato intorno al 9,1%. I principali arrivi resteranno ancora quelli extra Ue, ma si consoliderà la domanda proveniente da coppie scandinave, tedesche, svizzere, olandesi, austriache, spagnole e francesi. Nel 2023 si sono rivolte alle imprese della filiera anche 630 coppie italiane provenienti da altre regioni, che hanno scelto la Toscana per il fatidico “sì”, generando un fatturato complessivo di 25 milioni di euro. [post_title] => Toscana: in aumento gli stranieri che scelgono la regione per il fatidico "sì" [post_date] => 2024-04-03T09:24:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712136286000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464621 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dieci milioni di passeggeri per una crescita del 5% rispetto allo scorso anno: queste le previsioni di Trenitalia per la Pasqua alle porte. Festività che vedono protagonista il Sud Italia, che traina le prenotazioni dei treni a lunga percorrenza, con Puglia, Calabria e Campania in cima alla lista delle mete preferite. Tanti gli italiani che hanno deciso di spostarsi verso città d’arte come Venezia. Quanti ai treni regionali a fare la parte del leone sono invece i borghi e siti di interesse culturale, in particolare in Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Campania e Sicilia   Per un weekend lungo, o una gita fuori porta, il 27 e 28 marzo e l’1 e 2 aprile, torna il Frecciarossa notturno tra il Nord Italia e la Calabria, che viaggia di notte con il comfort e i servizi Frecciarossa consentendo di raggiungere la propria meta già al mattino. Partenze da Milano alle 21:20 e da Reggio Calabria alle 22:19. Fermate anche a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Firenze S.M.N., Paola, Lamezia Centrale, Rosarno, Villa S. Giovanni. Forte risalto all'offerta intermodale garantita da FrecciaLink - il servizio integrato treno+bus di Trenitalia che nel periodo pasquale ha potenziato i propri collegamenti per permettere alle persone di viaggiare con comodità. Quest’anno, i viaggi in FrecciaLink sono cresciuti del 90% rispetto al 2022, e oltre 1 milione di passeggeri ha acquistato un biglietto per utilizzare i 123 Link del Regionale. Sempre nel 2023 sono stati oltre 40.000 i biglietti acquistati per raggiungere la Sicilia con collegamenti treno+nave che, dal 10 dicembre, sono ancora più green poiché il traghettamento viene effettuato utilizzando locomotori alimentati a batterie. [post_title] => Trenitalia: 10 milioni di passeggeri scelgono il treno per le vacanze di Pasqua [post_date] => 2024-03-29T10:32:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711708341000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo: in nessuno degli altri paesi di cui sono responsabile abbiamo così tanta capacità” Javier Roig, market director Europe di Finnair (per i paesi di Italia, Spagna, Francia, Portogallo e Svezia), sintetizza così la strategicità del mercato italiano, dove nei giorni scorsi è stato annunciato il nuovo investimento su Venezia. La compagnia, fresca delle celebrazioni dei suoi primi 100 anni di vita (è nata nel novembre 1923 ma il primo volo è stato operato proprio il 20 marzo del 1924) collega infatti "Helsinki da Milano Malpensa con due voli giornalieri, così come da Roma Fiumicino, e poi - esattamente da un anno - anche Milano Linate, con quattro frequenze a settimana che vorremmo tanto diventassero giornaliere. Oltre a Venezia, annuale da quest’anno, Bologna, e agli stagionali su Napoli e Verona. Questi ultimi sono voli prettamente incoming”. Con circa 12 milioni di passeggeri trasportati all'anno a livello globale, Finnair non prevede al momento “aperture di nuovi scali” ma l’Italia rappresenta comunque il terzo mercato in Europa, dopo Germania e Regno Unito, con un load factor medio sulle rotte che nel 2023 si è attestato all’80%. Archiviato un 2023 con una performance nettamente positiva, le attese per l’anno in corso altrettanto buone, “con una domanda che resta molto elevata” e questo consente al vettore di essere fiducioso malgrado il persistere del conflitto tra Russia e Ucraina con la conseguente chiusura dello spazio aereo della prima, e la preclusione a quelle rotte verso il Giappone che costituivano un vantaggio competitivo non indifferente per Finnair per i collegamenti dall’Europa. "Non avendo date certe sulla riapertura, abbiamo riorganizzato il nostro network con altri voli di lungo raggio, introducendo nuove destinazioni soprattutto negli Stati Uniti, e rafforzando l’operatività sul Medio Oriente”. E sempre in quest'ottica di ottimizzazione dei ricavi, la compagnia porta avanti  alcune operazioni di wet lease, "iniziate durante il Covid con Eurowings, cui avevamo affittato tre A350 per volare negli Usa, che sono già rientrati, come pure i quattro A320 che erano in wet lease a British Airways e che sono tornati a supporto della nostra maggiore offerta sulle rotte europee. Sono invece in corso i wet lease di tre velivoli a Qatar Airways per un periodo di 4 anni, che utilizza tutti i giorni da Doha per Helsinki, Copenaghen e Stoccolma; e il più recente con Qantas sulla rotta da Singapore a Sydney, mentre da fine mese un secondo aereo sarà utilizzato sempre dal vettore australiano sulla Bangkok-Sydney. In totale sono 7-8 aeromobili impiegati in questo modo". Il passaggio a Ndc Un processo "irreversibile" quello nel solco di Ndc per Finnair, che come già annunciato da fine 2025 uscirà completamente dai canali gds. Un percorso quello che conduce alla data fatidica "non semplice" ammette il manager, poiché "molti sono ancora refrattari al cambiamento, che comunque riconosco non sia semplice. Attualmente il 66% delle vendite Finnair arriva dai nostri canali diretti, quindi il sito e Ndc. Gli agenti di viaggio cominciano a capire che devono intraprendere questa strada, progressivamente stiamo rendendo disponibile in esclusiva su Ndc sempre più prodotto: se si cerca ad esempio una tratta Helsinki-Rovaniemi non la si strova più sui gds. E in aprile usciranno anche destinazioni come Turchia e Grecia. Questo per far capire che il processo è irreversibile”. [post_title] => Finnair, Roig: "L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo" [post_date] => 2024-03-21T11:10:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711019443000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi». La crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico. «Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano». Jnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari. Il Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino. [gallery ids="462614,462615,462613"]   [post_title] => Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno [post_date] => 2024-03-01T11:55:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709294138000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "923" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":57,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466710","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Etihad Airways ha varato cinque nuovi accordi di interlinea, ampliando le opzioni di viaggio per i passeggeri del proprio network. La compagnia aerea di Abu Dhabi ha siglato partnership con Kam Air in Afghanistan, ky express in Grecia, Rex Airlines in Australia, Jeju Air in Corea e Myanmar Airways International.\r\n\r\nGli accordi di interlinea offrono ai passeggeri di tutte le compagnie aeree coinvolte una maggiore connettività verso le destinazioni dei rispettivi network consentendo agli ospiti di prenotare l'intero viaggio con un unico biglietto e di imbarcare il proprio bagaglio sino alla destinazione finale.\r\n\r\n«Continuiamo ad ampliare la portata del nostro network consentendo una connessione senza soluzione di continuità attraverso la nostra rete, offrendo ai nostri ospiti una più ampia gamma di opzioni di viaggio - ha commentato Arik De, chief revenue and commercial officer di Etihad -. Questi cinque accordi interlinea rendono la vita più facile agli ospiti di tutte le compagnie aeree coinvolte».\r\n\r\nAll'aeroporto internazionale Zayed di Abu Dhabi gli ospiti di tutto il mondo possono prendere la coincidenza con il volo Kam Air per Kabul e proseguire il viaggio in Afghanistan. I viaggiatori che volano con i voli Etihad due volte al giorno per Atene, possono collegarsi con Sky express a 28 destinazioni in Grecia e alle sue isole del Mediterraneo.\r\n\r\nRex Airlines offre ai passeggeri un accesso facile dai gateway di Etihad a Sydney e Melbourne a 22 destinazioni in Australia, tra cui Adelaide, Hobart, Canberra, Brisbane e Gold Coast. Con Jeju Air gli ospiti possono continuare il loro viaggio da Seoul verso 27 destinazioni in sette Paesi dell'Asia nord-orientale. I collegamenti con Myanmar Airways International consentiranno un migliore accesso a Yangon e Mandalay attraverso i gateway di Etihad in Asia meridionale.\r\n\r\nEtihad conta ora 123 partnership interline, codeshare e strategiche con compagnie aeree di tutto il mondo.","post_title":"Etihad Airways: decollano cinque nuovi accordi di interline","post_date":"2024-05-06T10:31:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1714991479000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono Leonardo Massa, vice presidente Southern Europe della divisione crociere di Msc, Danilo Curzi, ceo  e fondatore di Idee per Viaggiare, Maria Paola De Rosa, responsabile vendita corporate, trade e digital di Av Trenitalia, Tommaso Fumelli, vice president sales Italy di Ita Airways, e Domenico Aprea, ceo di Ota Viaggi i  protagonisti del panel in programma in occasione di Obiettivo X: l'evento che lo stesso operatore capitolino Ota Viaggi organizza dal 17 al 19 maggio al CdsHotels Porto Giardino in Puglia. A loro si aggiungerà anche la partecipazione straordinaria di Carlo Alberto Carnevale-Maffè, docente della Bocconi.\r\n\r\nLa convention, giunta alla sua quarta edizione, ha ottenuto inoltre anche quest’anno il sostegno istituzionale da parte dell'Ente nazionale italiano per il turismo (Enit): un patrocinio importante per una manifestazione che si propone di essere un palcoscenico per innovazione, networking e partnership coinvolgendo tutti i protagonisti del panorama turistico italiano. A partecipare alla tre giorni saranno 298 agenzie di viaggi, 123 ospiti e 74 tra componenti dello staff e collaboratori, tutti provenienti da 16 regioni italiane","post_title":"Obiettivo X: tutti i protagonisti del panel dell'evento griffato Ota Viaggi","post_date":"2024-05-06T10:19:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714990777000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_466225\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Tomas Kunzmann, ceo di Allianz Partner[/caption]\r\n\r\nAllianz Partners ha annunciato i risultati dell'esercizio 2023, con 9,3 miliardi di euro di ricavi totali, e un utile operativo di 301,2 milioni di euro. Si tratta della migliore performance finanziaria nella storia di Allianz Partners. Tutte le linee di business hanno registrato una crescita sostenuta, grazie all'impennata dei viaggi internazionali, alla crescita a due cifre di Mobility & Assistance e alla crescita record del 23,4% del business Health.\r\n\r\n«Il 2023 è stato un altro anno record per Allianz Partners in termini di ricavi e utili totali, dopo i risultati record del 2022 - ha commentato Tomas Kunzmann, ceo di Allianz Partner -. Il business Travel continua a prosperare, quello Health ha registrato un'enorme crescita e il nostro business Mobility & Assistance ha avuto un ottimo slancio a livello globale. Di conseguenza, la nostra continua crescita si basa su solide fondamenta, poiché investiamo nella digitalizzazione dei nostri servizi, garantendo al contempo quello human touch che assicura i massimi livelli di soddisfazione dei clienti».\r\n\r\nDa un'analisi più approfondita delle aree di business di Allianz Partners emerge che: il business Health lo scorso anno ha registrato una crescita sostanziale, pari al 23,4%, con ricavi pari a 2,959 miliardi di euro.\r\nDoppia cifra\r\nIl business ha continuato a registrare una crescita dei ricavi a doppia cifra, grazie a una combinazione di crescita organica, al rafforzamento della presenza nel segmento delle piccole e medie imprese (PMI) in tutto il mondo e a nuove partnership con assicuratori locali per ampliare la copertura dei clienti. L'assicurazione sanitaria transfrontaliera, i servizi e l'amministrazione sono stati rafforzati da un significativo aumento della presenza locale attraverso ulteriori centri di supporto operativo per i clienti delle aree Asia Pacific e Middle East. Insieme al lancio di servizi di assistenza sanitaria digitale attraverso l'ecosistema Lumi Health, di cui hanno beneficiato oltre 1 milione di utenti solo nel 2023, questi cambiamenti pongono il business in una posizione forte per continuare a crescere.\r\nIl business Travel Insurance è cresciuto dell'8%, con ricavi pari a 3,297 miliardi di euro nel 2023.\r\nQuesto incremento significativo è frutto dalla crescita in APAC, Nord America ed Europa. La ripresa dei viaggi in Australia e Nuova Zelanda, con la fine di tutte le restrizioni per i viaggiatori in entrata e in uscita, ha alimentato la crescita dei viaggi in APAC. Confermate le buone performance dei viaggi in Nord America, che hanno contribuito a un ulteriore aumento dei canali offline e del business B2C. La crescita europea è stata trainata principalmente dal settore dei servizi finanziari nel Regno Unito, oltre che dalle compagnie aeree e dalle agenzie di viaggio in Francia. Con il recente lancio dell'applicazione mobile allyz, Allianz Partners continua la sua espansione e i suoi investimenti nelle piattaforme digitali dedicate ai clienti.\r\n\r\n«Grazie a questa forte performance finanziaria - ha concluso Kunzmann -, Allianz Partners è in prima linea nella trasformazione del settore assicurativo. Continuiamo a innovare e a investire in modo significativo nella trasformazione digitale - come dimostra anche il lancio della nostra piattaforma digitale leader di mercato, allyz - in tutte le nostre linee di business. Grazie all'impegno del nostro team di oltre 22.000 dipendenti in tutto il mondo, sono molto ottimista sulle prospettive per i prossimi anni e sul fatto che siamo sulla buona strada per raggiungere il nostro obiettivo di raddoppiare i ricavi entro il 2030\".","post_title":"Allianz Partners: record su ogni segmento. 9,3 miliardi di ricavi","post_date":"2024-04-24T10:48:30+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1713955710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465498","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il presidente e ceo, Marcello Mangia, lo aveva anticipato poche settimane fa: il gruppo siciliano si apprestava a entrare nel segmento degli urban hotel con un 5 stelle lusso. Detto, fatto. E' di sabato infatti la notizia dell'acquisizione del Grand Hotel et Des Palmes dal parte del gruppo Mangia's: storica struttura del centro di Palermo. Stando alle voci raccolte dal Sole 24 Ore, l'operazione si sarebbe conclusa per un valore attorno ai 30 milioni di euro, anche grazie al supporto di UniCredit.\r\n\r\nL'hotel era stato rilevato nel 2018 dal fondo Algebris per 12 milioni, tramite la società Zyx e nell'ambito delle procedure di dismissione di Acqua Marcia. Era stato poi affidato alla gestione del gruppo Corvaia. Il passaggio alla conduzione Mangia's è ora atteso per la fine dell'anno. Situato a poca distanza dal teatro Massimo, il Des Palmes dispone di 123 camere.","post_title":"Colpo Mangia's: acquisito il Grand Hotel et Des Palmes di Palermo","post_date":"2024-04-15T10:18:03+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713176283000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%).\r\n\r\n\"Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere\".\r\n\r\nDa qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: \"Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre\", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato\".\r\n\r\nA tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert.\r\n\r\nAlla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi.\r\n\r\nInfine una parola sul budget 2024: \"L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel\".\r\n\r\n ","post_title":"Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit","post_date":"2024-04-11T13:56:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712843814000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464729","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Toscana si conferma come location preferita dagli stranieri che scelgono l’Italia per il fatidico ‘sì’: 2.600 i matrimoni internazionali nel 2023, il 12,5% in più rispetto al 2022, per un giro di affari cresciuto del 29,5%, sfiorando la quota di 170 milioni di euro, per una spesa media di 65 mila euro, ovvero il 15,3% in più rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri emergono dall’aggiornamento dell’osservatorio Destination weddings in Tuscany effettuato dal Centro studi turistici per Toscana Promozione Turistica e certificano il successo del bando triennale con cui Tuscany for Weddings, divisione di Destination Florence convention & visitors bureau per la promozione dell’offerta wedding della Toscana, ha operato per conto dell’agenzia regionale. Una collaborazione che oggi si rinnova con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti, che amplia ulteriormente l’accordo tra Destination Florence Cvb e Tpt: oltre al wedding, il nuovo protocollo, deliberato dall’assessorato al Turismo della regione Toscana, prevede un lavoro in tandem sul turismo congressuale.\r\n\r\n«Sale il numero di cittadini stranieri che eleggono la Toscana come destinazione dove celebrare le nozze – commenta il presidente, Eugenio Giani -: un risultato che ci riempie di soddisfazione. La decisione, maturata alcuni anni fa, di creare un progetto ad hoc, Tuscany for Weddings, grazie alla collaborazione tra Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau per promuovere l’offerta wedding, si è rivelata vincente. Ritengo che per lo sviluppo di questo segmento turistico la Toscana abbia tutto quello che occorre: luoghi autentici in scenari suggestivi abbinati a un’organizzazione impeccabile».\r\n\r\n«Da diversi anni – aggiunge l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras - la Toscana è tra le mete più scelte da cittadini stranieri per celebrare il proprio matrimonio. Il lavoro portato avanti in questi anni con Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau con il progetto Tuscany for Weddings, e che oggi si amplia anche al turismo congressuale, è dunque un punto di forza su cui continuare a puntare. Il costante incremento di coloro che scelgono questa regione per unirsi in matrimonio è la conferma della bontà di questa collaborazione».\r\n\r\n«Gli ottimi dati sul segmento del wedding – prosegue il direttore di Tpt, Francesco Tapinassi - vanno di pari passo con la necessità di valorizzare il comparto del turismo congressuale. È da qui che nasce un protocollo d’intesa che conferma e amplia il rapporto tra Toscana Promozione Turistica e il Destination Florence convention & visitors bureau, impegnato su entrambi i segmenti wedding e mice. Da considerare, inoltre, il ruolo del Destination Florence Cvb nell’organizzazione della Grand Départ del Tour de France da Firenze a giugno: un ulteriore elemento di connessione tra l’azione del bureau e la nostra agenzia, considerando l’impegno di Tpt nella valorizzazione del comparto cicloturistico».\r\n\r\n A scegliere la Toscana per sposarsi sono soprattutto coppie provenienti da Stati Uniti e Regno Unito (60%), mentre per quanto riguarda il tipo di celebrazione, il rito simbolico è ancora quello preferito (66,3%), con quello civile e religioso che si attestano rispettivamente al 22,4% e all’11,3%. Il 9,3% dei riti civili e simbolici riguarda inoltre unioni civili celebrate tra persone dello stesso sesso. Quasi una coppia su due, ovvero il 48,2% del totale, si è affidata a un wedding planner per coronare il proprio sogno d’amore (+5% rispetto al 2022), mentre per quanto riguarda il periodo scelto, l’89% delle celebrazioni si sono svolte tra aprile e settembre.\r\n\r\nAnche se è calata leggermente la durata media della permanenza degli invitati (3,2 notti contro le 3,3 del 2022), i pernottamenti nelle strutture ricettive sono saliti a 496 mila (+14,5%) e il volume di affari complessivo ha raggiunto i 168,7 milioni di euro (+29,5%). È cresciuto anche il numero medio degli invitati (60,6 contro i 56 rilevati nel 2022) ed è aumentato del 25% il numero di celebrazioni con un numero di invitati compreso tra 51 e 100, che rappresentano il 63% del totale.\r\n\r\nAnche per il 2024 le aspettative del settore sono di un’ulteriore crescita del mercato, con un incremento stimato intorno al 9,1%. I principali arrivi resteranno ancora quelli extra Ue, ma si consoliderà la domanda proveniente da coppie scandinave, tedesche, svizzere, olandesi, austriache, spagnole e francesi.\r\n\r\nNel 2023 si sono rivolte alle imprese della filiera anche 630 coppie italiane provenienti da altre regioni, che hanno scelto la Toscana per il fatidico “sì”, generando un fatturato complessivo di 25 milioni di euro.","post_title":"Toscana: in aumento gli stranieri che scelgono la regione per il fatidico \"sì\"","post_date":"2024-04-03T09:24:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712136286000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464621","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dieci milioni di passeggeri per una crescita del 5% rispetto allo scorso anno: queste le previsioni di Trenitalia per la Pasqua alle porte.\r\n\r\nFestività che vedono protagonista il Sud Italia, che traina le prenotazioni dei treni a lunga percorrenza, con Puglia, Calabria e Campania in cima alla lista delle mete preferite. Tanti gli italiani che hanno deciso di spostarsi verso città d’arte come Venezia.\r\n\r\nQuanti ai treni regionali a fare la parte del leone sono invece i borghi e siti di interesse culturale, in particolare in Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Campania e Sicilia\r\n\r\n \r\n\r\nPer un weekend lungo, o una gita fuori porta, il 27 e 28 marzo e l’1 e 2 aprile, torna il Frecciarossa notturno tra il Nord Italia e la Calabria, che viaggia di notte con il comfort e i servizi Frecciarossa consentendo di raggiungere la propria meta già al mattino. Partenze da Milano alle 21:20 e da Reggio Calabria alle 22:19. Fermate anche a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Firenze S.M.N., Paola, Lamezia Centrale, Rosarno, Villa S. Giovanni.\r\n\r\nForte risalto all'offerta intermodale garantita da FrecciaLink - il servizio integrato treno+bus di Trenitalia che nel periodo pasquale ha potenziato i propri collegamenti per permettere alle persone di viaggiare con comodità. Quest’anno, i viaggi in FrecciaLink sono cresciuti del 90% rispetto al 2022, e oltre 1 milione di passeggeri ha acquistato un biglietto per utilizzare i 123 Link del Regionale. Sempre nel 2023 sono stati oltre 40.000 i biglietti acquistati per raggiungere la Sicilia con collegamenti treno+nave che, dal 10 dicembre, sono ancora più green poiché il traghettamento viene effettuato utilizzando locomotori alimentati a batterie.","post_title":"Trenitalia: 10 milioni di passeggeri scelgono il treno per le vacanze di Pasqua","post_date":"2024-03-29T10:32:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711708341000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464001","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo: in nessuno degli altri paesi di cui sono responsabile abbiamo così tanta capacità” Javier Roig, market director Europe di Finnair (per i paesi di Italia, Spagna, Francia, Portogallo e Svezia), sintetizza così la strategicità del mercato italiano, dove nei giorni scorsi è stato annunciato il nuovo investimento su Venezia.\r\n\r\nLa compagnia, fresca delle celebrazioni dei suoi primi 100 anni di vita (è nata nel novembre 1923 ma il primo volo è stato operato proprio il 20 marzo del 1924) collega infatti \"Helsinki da Milano Malpensa con due voli giornalieri, così come da Roma Fiumicino, e poi - esattamente da un anno - anche Milano Linate, con quattro frequenze a settimana che vorremmo tanto diventassero giornaliere. Oltre a Venezia, annuale da quest’anno, Bologna, e agli stagionali su Napoli e Verona. Questi ultimi sono voli prettamente incoming”.\r\n\r\nCon circa 12 milioni di passeggeri trasportati all'anno a livello globale, Finnair non prevede al momento “aperture di nuovi scali” ma l’Italia rappresenta comunque il terzo mercato in Europa, dopo Germania e Regno Unito, con un load factor medio sulle rotte che nel 2023 si è attestato all’80%.\r\n\r\nArchiviato un 2023 con una performance nettamente positiva, le attese per l’anno in corso altrettanto buone, “con una domanda che resta molto elevata” e questo consente al vettore di essere fiducioso malgrado il persistere del conflitto tra Russia e Ucraina con la conseguente chiusura dello spazio aereo della prima, e la preclusione a quelle rotte verso il Giappone che costituivano un vantaggio competitivo non indifferente per Finnair per i collegamenti dall’Europa. \"Non avendo date certe sulla riapertura, abbiamo riorganizzato il nostro network con altri voli di lungo raggio, introducendo nuove destinazioni soprattutto negli Stati Uniti, e rafforzando l’operatività sul Medio Oriente”.\r\n\r\nE sempre in quest'ottica di ottimizzazione dei ricavi, la compagnia porta avanti  alcune operazioni di wet lease, \"iniziate durante il Covid con Eurowings, cui avevamo affittato tre A350 per volare negli Usa, che sono già rientrati, come pure i quattro A320 che erano in wet lease a British Airways e che sono tornati a supporto della nostra maggiore offerta sulle rotte europee. Sono invece in corso i wet lease di tre velivoli a Qatar Airways per un periodo di 4 anni, che utilizza tutti i giorni da Doha per Helsinki, Copenaghen e Stoccolma; e il più recente con Qantas sulla rotta da Singapore a Sydney, mentre da fine mese un secondo aereo sarà utilizzato sempre dal vettore australiano sulla Bangkok-Sydney. In totale sono 7-8 aeromobili impiegati in questo modo\".\r\n\r\nIl passaggio a Ndc\r\n\r\nUn processo \"irreversibile\" quello nel solco di Ndc per Finnair, che come già annunciato da fine 2025 uscirà completamente dai canali gds. Un percorso quello che conduce alla data fatidica \"non semplice\" ammette il manager, poiché \"molti sono ancora refrattari al cambiamento, che comunque riconosco non sia semplice. Attualmente il 66% delle vendite Finnair arriva dai nostri canali diretti, quindi il sito e Ndc. Gli agenti di viaggio cominciano a capire che devono intraprendere questa strada, progressivamente stiamo rendendo disponibile in esclusiva su Ndc sempre più prodotto: se si cerca ad esempio una tratta Helsinki-Rovaniemi non la si strova più sui gds. E in aprile usciranno anche destinazioni come Turchia e Grecia. Questo per far capire che il processo è irreversibile”.","post_title":"Finnair, Roig: \"L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo\"","post_date":"2024-03-21T11:10:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711019443000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n«L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi».\r\n\r\nLa crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico.\r\n\r\n«Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano».\r\n\r\nJnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari.\r\n\r\nIl Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino.\r\n\r\n[gallery ids=\"462614,462615,462613\"]\r\n ","post_title":"Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno","post_date":"2024-03-01T11:55:38+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709294138000]}]}}

Lascia un commento