28 May 2024

889

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Banconista con pluriennale esperienza con titolo di direttore tecnico, vendita pacchetti t.o., creazione viaggi su misura, prenotazioni alberghiere, aeree e marittime. Offresi per lavoro in agenzia zona Milano e provincia.
Contatto: 339 32 85 821.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467480 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riu Hotels & Resorts ha ridotto significativamente il proprio peso nell'azionariato di Tui. Dal 2005, quando controllava il 3,6%, ha subito un forte calo fino a attestarsi all'1,1% a fine 2023, secondo il rapporto annuale del colosso tedesco. Fonti della catena spiegano che la loro progressiva riduzione del capitale di Tui risponde al fatto che uno dei tre aumenti di capitale è coinciso con l'esborso di 670 milioni di euro per acquisire il 49% di un portafoglio di 19 hotel che condivideva con Tui. Lo ha fatto attraverso una joint venture che è stata assorbita nel 2021 dalla compagnia alberghiera spagnola. Sebbene Riu abbia diluito il capitale di Tui negli ultimi anni, l'alleanza tra i due continua a svolgere un ruolo cruciale. "Ogni volta che Riu acquista o firma un albergo, chiede a Tui se è interessato a gestirlo in comune", spiegano ai media citati fonti della società alberghiera. Consiglio di sorveglianza Inoltre, il calo della partecipazione non impedisce ad un membro della famiglia Riu di mantenere il suo posto nel consiglio di sorveglianza di Tui, che comprende 20 membri. Fino al 2019 la rappresentante era Carmen Riu, ora in pensione. Da allora l'incarico è ricoperto dal figlio, Joan Trian Riu, che resterà almeno fino al 2028. La pubblicazione di queste informazioni coincide con la presentazione dei risultati trimestrali di Tui. Nonostante il suo fatturato sia salito del 15,8%, a 3.650 milioni di euro, il colosso del turismo continua a perdere denaro. Conclude i tre mesi con un saldo negativo di 189 milioni, che rappresenta un miglioramento del 22,1% rispetto ai 242 milioni di un anno fa. Spicca però il buon ritmo delle prenotazioni per l'estate, in aumento del 5% rispetto al 2023, mentre i prezzi crescono del 4%. Per destinazione, le Isole Baleari restano sul podio insieme a Grecia e Turchia. «Tutti in crescita rispetto all'estate precedente», rivela il gruppo. [post_title] => Riu Hotels riduce la propria partecipazione nel capitale Tui [post_date] => 2024-05-16T10:47:18+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715856438000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroporti di Puglia chiude i primi quattro mesi del 2024 con 2.558.886, passeggeri su Bari e Brindisi, pari a una crescita del +3,3% rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno, quando i passeggeri sono stati 2.477.544. Solo ad aprile i passeggeri in transito nell’aeroporto di Bari sono stati 625.993 (rispetto ai 566.681 dello stesso periodo del 2023), facendo registrare un aumento del 10,47%; a Brindisi invece dove i passeggeri sono stati 284.355, l’incremento è del 5,58% rispetto allo stesso periodo del 2023 quando i passeggeri sono stati 269.314. L’incremento totale di passeggeri tra Bari e Brindisi solo ad aprile è dell’8,89%. Inoltre, il traffico di linea internazionale, sempre ad aprile è cresciuto del 17,6% su Bari e del 15,7% su Brindisi. «In questi quattro mesi del 2024 – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile - abbiamo registrato con orgoglio ed entusiasmo un notevole aumento del traffico passeggeri. Questi numeri, che non sono solo tali e hanno un grande significato per noi, dimostrano una crescente fiducia nel vasto ventaglio di collegamenti disponibili e anche nei servizi offerti ai passeggeri che sono in costante miglioramento. Nonostante la situazione geopolitica che in questo momento merita una seria riflessione, perché sta determinando una grande incertezza e preoccupazione per quella che potrà essere l’evoluzione delle crisi internazionali in corso, guardiamo con fiducia a quanto di positivo potrà ancora arrivare. I dati in crescita per gli aeroporti pugliesi riflettono il lavoro che Aeroporti di Puglia sta mettendo in campo in sinergia con la Regione e che si produce positivi effetti sui miglioramenti infrastrutturali che sono in corso nei nostri scali. Tutto questo è il risultato del nostro impegno costante nel fornire servizi di alta qualità e nell'investire nella crescita e nello sviluppo della rete aeroportuale pugliese». [post_title] => Aeroporti di Puglia: passeggeri a +3,3% nel primo quadrimestre 2024 [post_date] => 2024-05-08T10:43:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715165011000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465699 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Lufthansa ha abbassato le previsioni di utile operativo per il 2024, citando effetti "ancora imprevedibili" dalla situazione in Medio Oriente e dopo una perdita nel primo trimestre di 849 milioni di euro dovuta all'impatto degli scioperi. Il gruppo aereo tedesco stima ora un utile operativo rettificato di circa 2,2 miliardi di euro per l'anno, rispetto ai 2,68 miliardi di euro precedentemente previsti per il 2023. Questa nuova previsione potrebbe essere ulteriormente erosa dagli "effetti ancora imprevedibili della recente escalation del conflitto in Medio Oriente e dalle nuove incertezze geopolitiche", che "rappresentano dei rischi per le prospettive del gruppo per l'intero anno", precisa una nota del gruppo. Da un punto di vista operativo, il Gruppo Lufthansa ha subito una "perdita superiore al previsto da gennaio a marzo a causa di vari scioperi" dei dipendenti del gruppo e dei suoi partner. Questi scioperi hanno avuto un impatto negativo sugli utili di "circa 350 milioni di euro".  Nel complesso, le prenotazioni sono "in linea con le aspettative iniziali, in particolare per i mesi di vacanza estivi, il che supporta le prospettive del gruppo per la seconda metà dell'anno", che da sola dovrebbe superare il 2023. [post_title] => Lufthansa Group: scioperi e tensioni geopolitiche costringono a rivedere le stime di utile [post_date] => 2024-04-17T10:12:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713348763000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457993" align="alignleft" width="300"] Michele Diamantini[/caption] Nel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni. Nel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience. “Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”. [post_title] => Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso [post_date] => 2024-04-16T11:26:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713266762000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465005 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Transavia ha fatto il suo debutto all'aeroporto di Milano Malpensa con l'apertura della rotta per Parigi Orly. Si amplia così la proposta dello scalo verso la capitale francese, con le sei frequenze alla settimana (tutti i giorni tranne il sabato) operate dalla compagnia del gruppo Air France-Klm, con un Boeing 737 configurato con 189 passeggeri in classe unica (economy). Sempre sullo scalo francese, Transavia ha inaugurato anche un nuovo collegamento da Bergen, che viene operato due volte alla settimana, il martedì e il sabato.     [post_title] => Transavia collega Milano Malpensa con Parigi Orly con sei frequenze settimanali [post_date] => 2024-04-08T09:49:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712569792000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464513 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Lo sviluppo sia economico che finanziario è stato la chiave fondamentale che ha consentito all’azienda di crescere»: Antonino Turicchi, presidente di Ita Airways, commenta il bilancio 2023 della compagnia aerea, che ha riservato più di una buona notizia. Di fatto Ita ha raggiunto il breakeven con un anno di anticipo rispetto alle previsioni del piano industriale, per chiudere poi all'ultima riga di bilancio con una perdita di soli 5 milioni di euro: dato praticamente azzerato se paragonato al rosso di 481 milioni sul 2022. Nel 2023 Ita Airways ha operato oltre 124,000 voli e trasportato 15 milioni di passeggeri (+47% rispetto al 2022), e per i primi mesi del 2024 Turicchi ha sottolineato che l’andamento positivo sta continuando con l’80.5% di regolarità e 88.9% di puntualità, mentre la customer satisfaction, sempre nello stesso periodo, è pari a 80,5%. E non si fermerà la crescita quest’anno, ha spiegato Andrea Benassi, direttore generale Ita Airways, «grazie all’ingresso nella flotta di 26 nuovi aeromobili, portiamo il numero complessivo - dopo l’uscita di velivoli di vecchia generazione - a 96, di cui 22 wide body e 74 narrow body, e con il 67% di aerei di nuova generazione». Per l’estate la compagnia opererà su 57 destinazioni di cui 16 domestiche, 28 internazionali e 15 intercontinentali e con l’introduzione di nuovi collegamenti su Nord America con Chicago, Africa con Accra e Dakar, e Medio Oriente, con Riyadh, Gedda e Kuwait City. Inoltre, sempre durante l'estate, Ita introdurrà voli stagionali verso 11 destinazioni tra le meta più richieste del Mediterraneo tra cui Grecia, Spagna, Croazia e le isole italiane. Le nozze con Lufthansa Commentando l’attesa per la via libera all’accordo con Lufthansa, ancora in fase di discussione all’Unione europea, Turicchi ha lasciato trapelare una buona dose di ottimismo: «Questa non è un’operazione per il salvataggio di Ita, l’azionista Mef la vede come un’operazione di mercato per fare crescere la compagnia. Non abbiano un 'Piano B', l’accordo si farà. Io credo fortemente nel piano A, cioè in questo matrimonio che vede Ita come la promessa sposa». Turicchi ha concluso con l’auspicio che venga rispettata la scadenza del 6 giugno per la decisione ultima della Commissione, «anche se potrebbe slittare al 26-27 giugno». [post_title] => Ita Airways, conti in netto miglioramento. Turicchi su Lh: «L'accordo si farà» [post_date] => 2024-03-28T11:43:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711626221000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463817 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato un 2023 record per Club Med, che ha chiuso l'anno con un volume d'affari pari a 1,981 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto al 2022 ma soprattutto del 16% sopra i livelli pre-Covid del 2019. E tutto questo nonostante un catalogo dalla capienza del 2,3% inferiore a quella di quattro anni prima. L'utile operativo dei resort è inoltre ammontato a 174 milioni di euro, con un aumento del 64% rispetto al 2022 e di oltre il 70% rispetto al 2019. Il 97% delle camere è ormai Premium o Exclusive Collection Il risultato netto è stato quindi di 99 milioni di euro, di cui 40 milioni non ricorrenti, mentre l'ebitda corrente (i margini operativi lordi) hanno raggiunto i 389 milioni. La capienza delle strutture del gruppo, pur rimanendo ancora sotto i livelli del 2019, è inoltre aumentata del 6% rispetto ai 12 mesi precedenti, con il 97% delle camere ormai parte dei resort Premium o della Exclusive Collection (in aumento di 10 punti percentuali anno su anno). Adr in crescita dell'8% A livello di arrivi, sono stati più di 1,5 milioni di clienti che hanno trascorso le vacanze in un Club Med. Dato in crescita del 16% rispetto al 2022, soprattutto grazie alla ripresa dell'Asia dopo le restrizioni dovute alla pandemia. Il tasso medio di occupazione ha perciò raggiunto il 70%, con un aumento di 3,4 punti percentuali rispetto al 2022. Il free cash-flow è raddoppiato rispetto al 2019 e ammonta a 100 milioni di euro. L'indebitamento netto ammontava a fine dicembre a 189 milioni, vicino al livello pre-pandemia di 178 milioni. In un contesto di forte inflazione, di continuo spostamento verso la fascia alta del mercato e di accelerazione della crescita delle vacanze sulla neve, è stata infine registrata un'ulteriore crescita della tariffa media giornaliera, che si è attestata a 220 euro, per un incremento dell’8% rispetto al 2022. Nel 2024 terminerà il processo di riposizionamento verso l'alto dell'offerta "Dopo essere tornata ai livelli pre-pandemici già nel 2022, Club Med ha raggiunto quasi 2 miliardi di euro di volume d'affari per la prima volta nella sua storia - commenta il presidente, Henri Giscard d'Estaing -. Il 2024 segnerà la finalizzazione dello spostamento verso l'alto del nostro portafoglio". Quest'anno, la compagnia aprirà in particolare quattro nuovi resort del segmento Premium: i completamente rinnovati Club Med Vittel Ermitage e Club Med Serre Chevalier in Francia, nonché le new entry cinesi Club Med Joyview Heilongtan e Club Med Forlong. I dati Italia: domina il lungo raggio Scorporando le cifre della compagnia a livello italiano, le destinazioni a lungo raggio sono state le preferite da sette viaggiatori tricolori su dieci. Il fatturato totale della penisola ha poi registrato un incremento del 6% rispetto all’anno precedente. La destinazione più amata è stata quella delle Maldive (20%), mentre a livello di volumi, i tre resort che hanno ricevuto più prenotazioni sono stati il Kani e il Seychelles (con un aumento dell’11%), nonché il Turkoise (+69%). Anche le Antille francesi, dove si può viaggiare senza passaporto, sono state una destinazione particolarmente apprezzata dagli italiani, con il Club Med Boucaniers, in Martinica, che ha messo a segno un incremento dell’8% di ospiti tricolori rispetto al 2022. Cefalù sugli scudi. Bene anche Pragelato e St. Moritz Il Club Med Cefalù rimane invece in cima alla classifica delle destinazioni a corto raggio, supportando l’8% del business totale e il 46% di quello delle destinazioni a corto raggio. Il secondo pillar per l’Italia è stata la montagna, che nel 2023 ha registrato un incremento del 31% rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, i due resort ad alta quota più amati dagli italiani sono stati il Pragelato Sestriere e il St Moritz, che rappresentano il 47% del business del segmento mountain. Entrambi hanno registrato una forte crescita (Pragelato Sestriere +16%; St Moritz +6%). [post_title] => Club Med da record nel 2023: volumi sopra i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-03-19T11:11:18+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710846678000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prenotano con un anticipo di almeno un mese e scelgono principalmente il soggiorno in hotel; si dedicano allo sci ed in generale ad attività sportive, a passeggiate e ad esperienze legate ad eventi enogastronomici; sono pronti a rinunciare a località troppo care per via della minore capacità di spesa, ma non alla possibilità di fare un soggiorno in montagna, magari aggiustando il tiro per evitare di sforare con il budget; prediligono le destinazioni del Nord Italia soprattutto per la settimana bianca; per lo sci nel week end le località montane del Centro Sud recuperano, laddove la performance è stata penalizzata dalle scarse nevicate sull’Appennino. Ma soprattutto: solo il 4,5% di essi ha scelto di recarsi all’estero. Questa la fotografia del movimento turistico degli italiani in occasione delle vacanze sulla neve secondo il rapporto realizzato da Tecnè per conto della Federalberghi. Tra coloro che hanno dedicato alla propria vacanza un’intera settimana (6,5 milioni) e quelli che invece hanno deciso di sciare solo nel week end (2,4 milioni), è certo che l’appuntamento con la neve per gli italiani non è andato deserto. «Per noi è una bella conferma che arriva a ridosso della Pasqua, il che fa ben sperare. Abbiamo avuto momenti di difficoltà, temendo che il turismo invernale potesse essere penalizzato in termini di performance dalle scarse nevicate. La diretta conseguenza è evidente soprattutto per ciò che riguarda l’Appennino. Attualmente le cime sono ben innevate e lo scenario potrebbe cambiare.  Di certo siamo sempre più ammirati del fatto che i nostri concittadini continuano a prediligere mete italiane nel progettare il proprio viaggio». Cosi ha commentato la ricerca di Tecnè il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca. «La soluzione in hotel resta la favorita nel periodo delle settimane bianche, una bella boccata di ossigeno per le nostre imprese – ha proseguito Bocca - Tutto questo è di ottimo auspicio». “Ciò che gioca contro la prospettiva di vacanza, di qualsiasi periodo si voglia parlare, è purtroppo l’impatto della minore capacità di spesa – ha concluso il presidente di Federalberghi – Secondo la nostra indagine, sette italiani su dieci hanno dovuto fare i conti con i rincari, orientando diversamente le proprie scelte. E per noi questa non potrà mai essere una buona notizia”. [post_title] => Federalberghi: 8,9 milioni di italiani hanno scelto la montagna [post_date] => 2024-03-15T11:31:53+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710502313000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462538 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia amplia il network da Comiso con l'introduzione, dal prossimo 30 marzo, della rotta per Milano Linate che sarà servita con due frequenze alla settimana, il sabato e la domenica. Questo nuovo collegamento si aggiunge alle altre rotte già servite dalla compagnia dallo scalo Ibleo: Roma Fiumicino, Milano Bergamo, Bologna e Pisa. Sulla rotta sarà impiegato un Boeing 737-800 da 189 posti con il seguente operativo: decollo il sabato da Comiso alle 18,10 e rientro dal city airport milanese alle 20,50; partenza la domenica da Comiso alle 9,10 e da Linate alle 11,50. [post_title] => Aeroitalia aggiunge Milano Linate all'operativo estivo da Comiso [post_date] => 2024-02-29T14:22:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709216542000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "889" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":60,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467480","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riu Hotels & Resorts ha ridotto significativamente il proprio peso nell'azionariato di Tui. Dal 2005, quando controllava il 3,6%, ha subito un forte calo fino a attestarsi all'1,1% a fine 2023, secondo il rapporto annuale del colosso tedesco.\r\n\r\nFonti della catena spiegano che la loro progressiva riduzione del capitale di Tui risponde al fatto che uno dei tre aumenti di capitale è coinciso con l'esborso di 670 milioni di euro per acquisire il 49% di un portafoglio di 19 hotel che condivideva con Tui. Lo ha fatto attraverso una joint venture che è stata assorbita nel 2021 dalla compagnia alberghiera spagnola.\r\n\r\nSebbene Riu abbia diluito il capitale di Tui negli ultimi anni, l'alleanza tra i due continua a svolgere un ruolo cruciale. \"Ogni volta che Riu acquista o firma un albergo, chiede a Tui se è interessato a gestirlo in comune\", spiegano ai media citati fonti della società alberghiera.\r\nConsiglio di sorveglianza\r\nInoltre, il calo della partecipazione non impedisce ad un membro della famiglia Riu di mantenere il suo posto nel consiglio di sorveglianza di Tui, che comprende 20 membri. Fino al 2019 la rappresentante era Carmen Riu, ora in pensione. Da allora l'incarico è ricoperto dal figlio, Joan Trian Riu, che resterà almeno fino al 2028.\r\n\r\nLa pubblicazione di queste informazioni coincide con la presentazione dei risultati trimestrali di Tui. Nonostante il suo fatturato sia salito del 15,8%, a 3.650 milioni di euro, il colosso del turismo continua a perdere denaro. Conclude i tre mesi con un saldo negativo di 189 milioni, che rappresenta un miglioramento del 22,1% rispetto ai 242 milioni di un anno fa.\r\n\r\nSpicca però il buon ritmo delle prenotazioni per l'estate, in aumento del 5% rispetto al 2023, mentre i prezzi crescono del 4%. Per destinazione, le Isole Baleari restano sul podio insieme a Grecia e Turchia. «Tutti in crescita rispetto all'estate precedente», rivela il gruppo.","post_title":"Riu Hotels riduce la propria partecipazione nel capitale Tui","post_date":"2024-05-16T10:47:18+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1715856438000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466896","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroporti di Puglia chiude i primi quattro mesi del 2024 con 2.558.886, passeggeri su Bari e Brindisi, pari a una crescita del +3,3% rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno, quando i passeggeri sono stati 2.477.544. Solo ad aprile i passeggeri in transito nell’aeroporto di Bari sono stati 625.993 (rispetto ai 566.681 dello stesso periodo del 2023), facendo registrare un aumento del 10,47%; a Brindisi invece dove i passeggeri sono stati 284.355, l’incremento è del 5,58% rispetto allo stesso periodo del 2023 quando i passeggeri sono stati 269.314. L’incremento totale di passeggeri tra Bari e Brindisi solo ad aprile è dell’8,89%. Inoltre, il traffico di linea internazionale, sempre ad aprile è cresciuto del 17,6% su Bari e del 15,7% su Brindisi.\r\n\r\n«In questi quattro mesi del 2024 – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile - abbiamo registrato con orgoglio ed entusiasmo un notevole aumento del traffico passeggeri. Questi numeri, che non sono solo tali e hanno un grande significato per noi, dimostrano una crescente fiducia nel vasto ventaglio di collegamenti disponibili e anche nei servizi offerti ai passeggeri che sono in costante miglioramento. Nonostante la situazione geopolitica che in questo momento merita una seria riflessione, perché sta determinando una grande incertezza e preoccupazione per quella che potrà essere l’evoluzione delle crisi internazionali in corso, guardiamo con fiducia a quanto di positivo potrà ancora arrivare. I dati in crescita per gli aeroporti pugliesi riflettono il lavoro che Aeroporti di Puglia sta mettendo in campo in sinergia con la Regione e che si produce positivi effetti sui miglioramenti infrastrutturali che sono in corso nei nostri scali. Tutto questo è il risultato del nostro impegno costante nel fornire servizi di alta qualità e nell'investire nella crescita e nello sviluppo della rete aeroportuale pugliese».","post_title":"Aeroporti di Puglia: passeggeri a +3,3% nel primo quadrimestre 2024","post_date":"2024-05-08T10:43:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1715165011000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465699","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Lufthansa ha abbassato le previsioni di utile operativo per il 2024, citando effetti \"ancora imprevedibili\" dalla situazione in Medio Oriente e dopo una perdita nel primo trimestre di 849 milioni di euro dovuta all'impatto degli scioperi.\r\n\r\nIl gruppo aereo tedesco stima ora un utile operativo rettificato di circa 2,2 miliardi di euro per l'anno, rispetto ai 2,68 miliardi di euro precedentemente previsti per il 2023. Questa nuova previsione potrebbe essere ulteriormente erosa dagli \"effetti ancora imprevedibili della recente escalation del conflitto in Medio Oriente e dalle nuove incertezze geopolitiche\", che \"rappresentano dei rischi per le prospettive del gruppo per l'intero anno\", precisa una nota del gruppo.\r\n\r\nDa un punto di vista operativo, il Gruppo Lufthansa ha subito una \"perdita superiore al previsto da gennaio a marzo a causa di vari scioperi\" dei dipendenti del gruppo e dei suoi partner. Questi scioperi hanno avuto un impatto negativo sugli utili di \"circa 350 milioni di euro\". \r\n\r\nNel complesso, le prenotazioni sono \"in linea con le aspettative iniziali, in particolare per i mesi di vacanza estivi, il che supporta le prospettive del gruppo per la seconda metà dell'anno\", che da sola dovrebbe superare il 2023.","post_title":"Lufthansa Group: scioperi e tensioni geopolitiche costringono a rivedere le stime di utile","post_date":"2024-04-17T10:12:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713348763000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457993\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Diamantini[/caption]\r\n\r\nNel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni.\r\n\r\nNel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience.\r\n\r\n“Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”.","post_title":"Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso","post_date":"2024-04-16T11:26:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713266762000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465005","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Transavia ha fatto il suo debutto all'aeroporto di Milano Malpensa con l'apertura della rotta per Parigi Orly. Si amplia così la proposta dello scalo verso la capitale francese, con le sei frequenze alla settimana (tutti i giorni tranne il sabato) operate dalla compagnia del gruppo Air France-Klm, con un Boeing 737 configurato con 189 passeggeri in classe unica (economy).\r\n\r\nSempre sullo scalo francese, Transavia ha inaugurato anche un nuovo collegamento da Bergen, che viene operato due volte alla settimana, il martedì e il sabato.\r\n \r\n ","post_title":"Transavia collega Milano Malpensa con Parigi Orly con sei frequenze settimanali","post_date":"2024-04-08T09:49:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712569792000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464513","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Lo sviluppo sia economico che finanziario è stato la chiave fondamentale che ha consentito all’azienda di crescere»: Antonino Turicchi, presidente di Ita Airways, commenta il bilancio 2023 della compagnia aerea, che ha riservato più di una buona notizia.\r\n\r\nDi fatto Ita ha raggiunto il breakeven con un anno di anticipo rispetto alle previsioni del piano industriale, per chiudere poi all'ultima riga di bilancio con una perdita di soli 5 milioni di euro: dato praticamente azzerato se paragonato al rosso di 481 milioni sul 2022.\r\n\r\nNel 2023 Ita Airways ha operato oltre 124,000 voli e trasportato 15 milioni di passeggeri (+47% rispetto al 2022), e per i primi mesi del 2024 Turicchi ha sottolineato che l’andamento positivo sta continuando con l’80.5% di regolarità e 88.9% di puntualità, mentre la customer satisfaction, sempre nello stesso periodo, è pari a 80,5%. E non si fermerà la crescita quest’anno, ha spiegato Andrea Benassi, direttore generale Ita Airways, «grazie all’ingresso nella flotta di 26 nuovi aeromobili, portiamo il numero complessivo - dopo l’uscita di velivoli di vecchia generazione - a 96, di cui 22 wide body e 74 narrow body, e con il 67% di aerei di nuova generazione».\r\n\r\nPer l’estate la compagnia opererà su 57 destinazioni di cui 16 domestiche, 28 internazionali e 15 intercontinentali e con l’introduzione di nuovi collegamenti su Nord America con Chicago, Africa con Accra e Dakar, e Medio Oriente, con Riyadh, Gedda e Kuwait City. Inoltre, sempre durante l'estate, Ita introdurrà voli stagionali verso 11 destinazioni tra le meta più richieste del Mediterraneo tra cui Grecia, Spagna, Croazia e le isole italiane.\r\n\r\nLe nozze con Lufthansa\r\n\r\nCommentando l’attesa per la via libera all’accordo con Lufthansa, ancora in fase di discussione all’Unione europea, Turicchi ha lasciato trapelare una buona dose di ottimismo: «Questa non è un’operazione per il salvataggio di Ita, l’azionista Mef la vede come un’operazione di mercato per fare crescere la compagnia. Non abbiano un 'Piano B', l’accordo si farà. Io credo fortemente nel piano A, cioè in questo matrimonio che vede Ita come la promessa sposa».\r\n\r\nTuricchi ha concluso con l’auspicio che venga rispettata la scadenza del 6 giugno per la decisione ultima della Commissione, «anche se potrebbe slittare al 26-27 giugno».","post_title":"Ita Airways, conti in netto miglioramento. Turicchi su Lh: «L'accordo si farà»","post_date":"2024-03-28T11:43:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711626221000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463817","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stato un 2023 record per Club Med, che ha chiuso l'anno con un volume d'affari pari a 1,981 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto al 2022 ma soprattutto del 16% sopra i livelli pre-Covid del 2019. E tutto questo nonostante un catalogo dalla capienza del 2,3% inferiore a quella di quattro anni prima. L'utile operativo dei resort è inoltre ammontato a 174 milioni di euro, con un aumento del 64% rispetto al 2022 e di oltre il 70% rispetto al 2019.\r\n\r\nIl 97% delle camere è ormai Premium o Exclusive Collection\r\n\r\nIl risultato netto è stato quindi di 99 milioni di euro, di cui 40 milioni non ricorrenti, mentre l'ebitda corrente (i margini operativi lordi) hanno raggiunto i 389 milioni. La capienza delle strutture del gruppo, pur rimanendo ancora sotto i livelli del 2019, è inoltre aumentata del 6% rispetto ai 12 mesi precedenti, con il 97% delle camere ormai parte dei resort Premium o della Exclusive Collection (in aumento di 10 punti percentuali anno su anno).\r\n\r\nAdr in crescita dell'8%\r\n\r\nA livello di arrivi, sono stati più di 1,5 milioni di clienti che hanno trascorso le vacanze in un Club Med. Dato in crescita del 16% rispetto al 2022, soprattutto grazie alla ripresa dell'Asia dopo le restrizioni dovute alla pandemia. Il tasso medio di occupazione ha perciò raggiunto il 70%, con un aumento di 3,4 punti percentuali rispetto al 2022. Il free cash-flow è raddoppiato rispetto al 2019 e ammonta a 100 milioni di euro. L'indebitamento netto ammontava a fine dicembre a 189 milioni, vicino al livello pre-pandemia di 178 milioni. In un contesto di forte inflazione, di continuo spostamento verso la fascia alta del mercato e di accelerazione della crescita delle vacanze sulla neve, è stata infine registrata un'ulteriore crescita della tariffa media giornaliera, che si è attestata a 220 euro, per un incremento dell’8% rispetto al 2022.\r\n\r\nNel 2024 terminerà il processo di riposizionamento verso l'alto dell'offerta\r\n\r\n\"Dopo essere tornata ai livelli pre-pandemici già nel 2022, Club Med ha raggiunto quasi 2 miliardi di euro di volume d'affari per la prima volta nella sua storia - commenta il presidente, Henri Giscard d'Estaing -. Il 2024 segnerà la finalizzazione dello spostamento verso l'alto del nostro portafoglio\". Quest'anno, la compagnia aprirà in particolare quattro nuovi resort del segmento Premium: i completamente rinnovati Club Med Vittel Ermitage e Club Med Serre Chevalier in Francia, nonché le new entry cinesi Club Med Joyview Heilongtan e Club Med Forlong.\r\n\r\nI dati Italia: domina il lungo raggio\r\n\r\nScorporando le cifre della compagnia a livello italiano, le destinazioni a lungo raggio sono state le preferite da sette viaggiatori tricolori su dieci. Il fatturato totale della penisola ha poi registrato un incremento del 6% rispetto all’anno precedente. La destinazione più amata è stata quella delle Maldive (20%), mentre a livello di volumi, i tre resort che hanno ricevuto più prenotazioni sono stati il Kani e il Seychelles (con un aumento dell’11%), nonché il Turkoise (+69%). Anche le Antille francesi, dove si può viaggiare senza passaporto, sono state una destinazione particolarmente apprezzata dagli italiani, con il Club Med Boucaniers, in Martinica, che ha messo a segno un incremento dell’8% di ospiti tricolori rispetto al 2022.\r\n\r\nCefalù sugli scudi. Bene anche Pragelato e St. Moritz\r\n\r\nIl Club Med Cefalù rimane invece in cima alla classifica delle destinazioni a corto raggio, supportando l’8% del business totale e il 46% di quello delle destinazioni a corto raggio. Il secondo pillar per l’Italia è stata la montagna, che nel 2023 ha registrato un incremento del 31% rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, i due resort ad alta quota più amati dagli italiani sono stati il Pragelato Sestriere e il St Moritz, che rappresentano il 47% del business del segmento mountain. Entrambi hanno registrato una forte crescita (Pragelato Sestriere +16%; St Moritz +6%).","post_title":"Club Med da record nel 2023: volumi sopra i livelli pre-Covid","post_date":"2024-03-19T11:11:18+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1710846678000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prenotano con un anticipo di almeno un mese e scelgono principalmente il soggiorno in hotel; si dedicano allo sci ed in generale ad attività sportive, a passeggiate e ad esperienze legate ad eventi enogastronomici; sono pronti a rinunciare a località troppo care per via della minore capacità di spesa, ma non alla possibilità di fare un soggiorno in montagna, magari aggiustando il tiro per evitare di sforare con il budget; prediligono le destinazioni del Nord Italia soprattutto per la settimana bianca; per lo sci nel week end le località montane del Centro Sud recuperano, laddove la performance è stata penalizzata dalle scarse nevicate sull’Appennino. Ma soprattutto: solo il 4,5% di essi ha scelto di recarsi all’estero.\r\n\r\nQuesta la fotografia del movimento turistico degli italiani in occasione delle vacanze sulla neve secondo il rapporto realizzato da Tecnè per conto della Federalberghi.\r\n\r\nTra coloro che hanno dedicato alla propria vacanza un’intera settimana (6,5 milioni) e quelli che invece hanno deciso di sciare solo nel week end (2,4 milioni), è certo che l’appuntamento con la neve per gli italiani non è andato deserto.\r\n\r\n«Per noi è una bella conferma che arriva a ridosso della Pasqua, il che fa ben sperare. Abbiamo avuto momenti di difficoltà, temendo che il turismo invernale potesse essere penalizzato in termini di performance dalle scarse nevicate. La diretta conseguenza è evidente soprattutto per ciò che riguarda l’Appennino. Attualmente le cime sono ben innevate e lo scenario potrebbe cambiare.  Di certo siamo sempre più ammirati del fatto che i nostri concittadini continuano a prediligere mete italiane nel progettare il proprio viaggio». Cosi ha commentato la ricerca di Tecnè il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.\r\n\r\n«La soluzione in hotel resta la favorita nel periodo delle settimane bianche, una bella boccata di ossigeno per le nostre imprese – ha proseguito Bocca - Tutto questo è di ottimo auspicio».\r\n\r\n“Ciò che gioca contro la prospettiva di vacanza, di qualsiasi periodo si voglia parlare, è purtroppo l’impatto della minore capacità di spesa – ha concluso il presidente di Federalberghi – Secondo la nostra indagine, sette italiani su dieci hanno dovuto fare i conti con i rincari, orientando diversamente le proprie scelte. E per noi questa non potrà mai essere una buona notizia”.","post_title":"Federalberghi: 8,9 milioni di italiani hanno scelto la montagna","post_date":"2024-03-15T11:31:53+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710502313000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462538","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\nAeroitalia amplia il network da Comiso con l'introduzione, dal prossimo 30 marzo, della rotta per Milano Linate che sarà servita con due frequenze alla settimana, il sabato e la domenica.\r\n\r\nQuesto nuovo collegamento si aggiunge alle altre rotte già servite dalla compagnia dallo scalo Ibleo: Roma Fiumicino, Milano Bergamo, Bologna e Pisa.\r\n\r\n\r\nSulla rotta sarà impiegato un Boeing 737-800 da 189 posti con il seguente operativo: decollo il sabato da Comiso alle 18,10 e rientro dal city airport milanese alle 20,50; partenza la domenica da Comiso alle 9,10 e da Linate alle 11,50.\r\n\r\n\r\n","post_title":"Aeroitalia aggiunge Milano Linate all'operativo estivo da Comiso","post_date":"2024-02-29T14:22:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709216542000]}]}}

Lascia un commento