20 May 2024

Banconista, direttore tecnico offresi per regione Lombardia

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Simona
Telefono: info@travelconfigurator.it
Email:
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • ,


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio con esperienza come BANCONISTA e responsabile punto vendita da più di 20 anni, in possesso di patentino di DIRETTORE TECNICO per la Regione Lombardia, ottima conoscenza crs SABRE, GALILEO, SIPAX, sistemi gestionali AS400, SFERA, SIAP ATLANTE PLUS, vendita pacchetti individuali, di gruppo e viaggi su misura, emissione di tutte le biglietterie, disponibile sia come addetta vendite sia come consulente o copertura titolo. Zona di lavoro prov. MONZA e BRIANZA e Nord Milano.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry sarda per il network Virtuoso: l'hotel Abi d'Oru di Porto Rotondo porta a sei gli indirizzi sardi compresi nel portfolio della rete agenziale specializzata nel lusso, su un totale di 154 strutture in Italia.  L'Abi d'Oru, in sardo Ape d’Oro, ha aperto le porte della sua ospitalità nel 1963, a soli quattro chilometri da Porto Rotondo ed è affacciato direttamente sul golfo di Marinella. Nel 2023 ha inaugurato le nuove camere e suite e la nuova piscina con pool bar, per un totale di 130 stanze di tipologie diverse inserite nell'architettura realizzata da Antonio Simon Mossa, architetto, politologo e scrittore sardo oltre 60 anni fa. Pilastro dell'ospitalità di Abi d'Oru è il forte legame con il territorio e per questo l'invito agli ospiti è quello di scoprire i caratteri e le personalità sarde nelle suite Al mare con: dalla giudicessa Eleonora d'Arborea al premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda; da Antonio Gramsci alla grande artista Maria Lai e da Eva Mameli, madre di Italo Calvino e prima donna in Italia a insegnare botanica all'università, alla designer Edina Altara. Con i suoi tre diversi ristoranti, quest'anno l'Abi d'Oru è pronto a riaprire il 16 maggio, con una nuova offerta gastronomica. “E’ una soddisfazione annunciare l'ingresso dell'Abi d'Oru nel network Virtuoso, risultato dovuto al grande lavoro del team commerciale, con a capo Nicola Monello, e di tutto il personale dell'hotel, che riesce anno dopo anno a rendere felici gli ospiti, anche i più esigenti - spiega l'amministratore delegato dell'hotel Abi d'Oru, Diana Zuncheddu -. Grazie agli investimenti e agli interventi di restyling intrapresi negli ultimi anni, la struttura ha raggiunto il livello di ospitalità che ci siamo prefissati e oggi ancora di più anche a livello internazionale, grazie a Virtuoso. Credo che questa affiliazione sia meritata da una destinazione come la Sardegna e da un hotel pioniere e icona dell'alta ospitalità, come il nostro". [post_title] => Il sardo Abi d'Oru entra nel network Virtuoso [post_date] => 2024-05-17T11:23:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715945022000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467026 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con l'acquisizione dell'ex Salesianum Don Bosco di Como, il gruppo Villa d'Este si appresta a lanciare un Hospitality campus: un luogo di formazione, attrazione e crescita di giovani talenti che vogliano lavorare e specializzarsi nel settore dell’ospitalità. Fino al 2010 sede di una comunità religiosa e da allora in disuso, il Salesianum di Tavernola fu realizzato nel 1964 e si è caratterizzato come casa di spiritualità, di cultura religiosa e sociale, per gruppi ecclesiali. Nato come centro di formazione e di aggiornamento per i Salesiani, si è poi allargato, aprendosi all'esterno e accogliendo nei suoi ampi locali interni ed esterni incontri di spiritualità per gruppi e per singole persone, senza escludere convegni e congressi. Ora con l’acquisizione da parte di Villa d’Este, si vuole dare al Salesianum nuova vita, riportandolo in un certo qual modo alla sua funzione originaria. Il progetto è infatti quello di intraprendere un’importante ristrutturazione degli spazi ,per realizzare alloggi a disposizione perlopiù dei dipendenti della società, dove svolgere attività di sviluppo e formazione nell’ambito dell’attività alberghiera e della ristorazione.   "La struttura dovrebbe diventare un campus per i dipendenti, non con lo scopo di sola accoglienza ai fini lavorativi, ma con l’idea di creare un ambiente di crescita e professionalizzazione  - spiega il presidente del consiglio di amministrazione di Villa d’Este, Giuseppe Fontana -: sale conferenze, aree training dove sviluppare una Academy e corsi ad hoc per sala, cucina e housekeeping. Inoltre, per prenderci cura dei nostri dipendenti anche durante il loro tempo libero vorremmo adibire degli spazi ad aree svago ed intrattenimento come sala cinema, palestra, sale multimediali/tv e biblioteca: spazi di aggregazione dove abbiano l’opportunità di conoscersi e riscoprirsi. Il nostro capitale umano è il patrimonio più prezioso da tutelare, e crescere insieme la più importante responsabilità”. [post_title] => Villa d'Este acquisisce l'ex Salesianum Don Bosco di Como. Diventerà un Hospitality campus [post_date] => 2024-05-10T09:31:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715333491000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466578 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bellagio, la perla del Lago di Como, è conosciuta  in tutto il mondo per la sua incantevole posizione tra i due rami del lago, per le antiche e suggestive abitazioni del vecchio borgo, i misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate dove sfilano eleganti vetrine, tra hotel di gran classe e tipici ristoranti. La navigazione e il Lago di Como sono un binomio imprescindibile per la varietà di itinerari, escursioni, passeggiate e visite ai suoi splendidi tesori dal lago o da terra. Non per niente a  Bellagio, nella pittoresca frazione di San Giovanni, sorge un affascinante museo nautico, che raccoglie una ricchissima collezione di oggetti, reperti, manufatti, documenti che raccontano e certificano la storia e l’evoluzione del “navigato” nelle cristalline acque del Lago (e del mare in generale). Il ‘Museo degli strumenti per la navigazione” è la prestigiosa raccolta di introvabili strumenti e oggetti di navigazione. Per la sua unicità è stata inserita tra i luoghi della cultura del Ministero della Cultura. Insieme a Villa Melzi è uno dei due Musei di Bellagio. Fondato dal grande appassionato di barche d’epoca Gianni Gini (è stato negli anni Settanta proprietario di Bona Fide, un Cutter aurico progettato nel 1899, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi del 1900, nonché dello scafo Victory 83 che ha partecipato all'edizione del 1983 della Coppa America), espone al suo interno una collezione di oltre 600 oggetti e strumenti legati alla navigazione, acquisiti in 40 anni di minuziosa ricerca: strumenti di varie epoche che hanno permesso all’uomo di orientarsi e oggetti legati alla navigazione. Datati a partire dal 1500, non mancano bussole, astrolabi, cannocchiali settecenteschi di produzione veneziana, cronometri di marina, orologi solari, una sfera armillare (un modello della sfera celeste), diari di bordo dell’Ottocento, un planetario in ottone, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione. La collezione è esposta sui 3 piani di un caratteristico edificio (un’antica abitazione a torre totalmente ristrutturata) con gli oggetti collocati in base alla loro funzione: al primo piano sono trovano posto gli strumenti per la determinazione della latitudine; al secondo piano quelli per la longitudine e al terzo piano i diari di bordo e gli strumenti per il carteggio. Fu il 14 giugno 1968 con l’acquisto di un grafometro veneziano, che ebbe inizio la collezione degli strumenti di marina. Gianni Gini, in vacanza a Cannes. lo vide risplendere in una vetrina sulla Croisette. Da allora la sua passione per gli strumenti nautici l’ha portato a collezionarne oltre 600 custoditi nel museo che ha aperto i battenti Il 21 giugno del 2001 nell’antica casa torre di San Giovanni a Bellagio. Che sia dunque un soggiorno, un weekend o una toccata e fuga al lago, ritagliarsi uno spazio per visitare qualcosa di unico come  il “Museo degli strumenti per la navigazione” è assolutamente consigliato. Il Museo degli Strumenti per la Navigazione è aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 (tranne il lunedì ); visite pomeridiane disponibili solo su prenotazione. 5 euro tariffa intera (previste riduzioni per gruppi)   [post_title] => Bellagio, focus sul Museo degli Strumenti per la Navigazione [post_date] => 2024-05-02T11:49:54+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714650594000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465774 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia guarda avanti, con l'obiettivo di superare quest'anno i 2 milioni di passeggeri, con almeno 200 milioni di euro di ricavi e una compagine di dipendenti destinata a crescere in parallelo fino a contare 400 lavoratori. Sono alcuni degli impegni messi in evidenza dalla compagnia aerea, come spiegato ieri in un incontro a Roma dal presidente Marc Bourgade, e dall'amministratore delegato Gaetano Intrieri; incontro che ha visto la partecipazione del presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma ed è stato occasione per presentare la rivista di bordo, Dolcevita, un nome che evoca il prestigio del Made in Italy e che farà rivivere l’atmosfera e l’accoglienza ottimizzando l’esperienza di volo. Il vettore ha chiuso il bilancio 2023 con ricavi per circa 131 milioni di euro (+415% rispetto al 2022), un ebitda di 9,7 milioni (+1160% rispetto al 2022). L’utile prima delle imposte si è attestato a 6,9 milioni di euro, + 3284% (pari a 33 volte il risultato registrato nel 2022. «Aver dato lavoro a tante persone in cassaintegrazione è stata la mia mission» ha dichiarato Intrieri, evidenziando non solo la crescita dell'azienda ma anche il suo impatto sociale positivo. La recente acquisizione di una compagnia regionale in Romania segna un significativo avanzamento nel percorso di crescita dell'azienda, che si prevede supererà i due milioni di passeggeri nel 2024. «Spero che entro fine anno si possa arrivare a contare su 400 dipendenti, dando sempre priorità a chi proviene dalla cassa integrazione, per cogliere le loro esperienze professionali». Aeroitalia è pronta a valorizzare anche la collaborazione con il trade, attraverso una credit card riservata che verrà presentata a maggio nel corso di una convention rivolta alle 3.000 agenzie di viaggi che già operano col vettore. Focus anche sul traffico bt con una card per le aziende, il Corporate Pass, con una serie di vantaggi tra web check-in, scelta gratuita del posto, cambi data, priorità all’imbarco, check in gratuito in aeroporto.  [post_title] => Aeroitalia punta ai 2 milioni di passeggeri nel 2024 e guarda al trade [post_date] => 2024-04-18T09:51:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713433900000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464515 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'operazione che si aggirerebbe attorno ai 3,5 miliardi di euro. A tanto potrebbe ammontare la vendita del gruppo B&B Hotels, a cui secondo alcune voci raccolte da Bloomberg starebbe pensando Goldman Sachs, attuale proprietaria della compagnia francese. I consulenti della società d'investimento Usa sarebbero infatti al lavoro al fine di identificare potenziali acquirenti, dopo aver completato un rifinanziamento da 1,25 miliardi di euro in questo mese di marzo. La delibera sarebbe tuttavia ancora nelle sue fasi iniziali. Se le eventuali offerte non dovessero rispondere alle aspettative, Goldman Sachs potrebbe quindi decidere di mantenere l'attività. B&B Hotels è stata fondata a Brest nel 1990 da François Branellec tramite la società Galaxy. Quest'ultima è stata acquisita nel 2003 dal fondo britannico Duke Street Capital, che ha sua volta l'ha ceduta due anni più tardi ai francesi di Eurazeo. Nel 2010 a rilevare il B&B è stato quindi l'americano Carlyle Group. Il gruppo è poi passato nel 2015 al private equity parigino Pai. L'avvento di Goldman Sachs risale infine al 2019, quando la compagnia alberghiera era stata valutata 1,9 miliardi di euro. B&B Hotels vanta oggi un portfolio di oltre 770 strutture situate in Francia, Germania, Italia e altri paesi europei. Recentemente ha anche aperto il suo primo indirizzo Usa, a Orlando, in Florida, debuttando al contempo nel Regno Unito, nei pressi dello scalo londinese di Heathrow. [post_title] => B&B Hotels: Goldman Sachs valuta la vendita [post_date] => 2024-03-28T11:56:11+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711626971000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. "Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani". I WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale". Bwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia. [post_title] => Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione [post_date] => 2024-03-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711367702000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Bad Moos Aqua Spa Resort di Sesto, in Alto Adige, è un paradiso per gli sportivi che possono praticare escursioni in quota e arrampicate, rilassanti passeggiate e tour in bicicletta ma anche per chi vuole abbandonarsi ad una vacanza tutta relax. Il Parco Naturale delle Dolomiti di Sesto offre uno scenario unico per le avventure all’aria aperta.   Per chi non vuole organizzare tutto da solo, la soluzione perfetta è affidarsi al programma Move & Balance del Bad Moos Aqua Spa Resort. Tante attività outdoor ogni giorno diverse che permettono di conoscere il territorio e mantenersi in forma, provare sport nuovi e godersi la bellezza dei paesaggi alpini. Praticare yoga all’aria aperta, passeggiare a piedi nudi per sollecitare i sensi, addentrarsi nel silenzio del bosco e respirare l’aria pura. Le escursioni più belle partono direttamente dall’hotel e permettono di scoprire l’incontaminata Val Fiscalina seguendo i sentieri che si snodano sotto le imponenti Dolomiti di Sesto. Appena fuori dal Bad Moos, inoltre, parte la funivia che porta ai Prati di Croda Rossa: in poco tempo e senza alcuno sforzo si raggiungono i 1900 m di altitudine. Da qui un percorso suggestivo e panoramico di un’ora e mezza permette di immergersi nella bellezza di questi paesaggi naturali. La passeggiata è ideale anche per famiglie con bambini, lungo il percorso infatti si possono ammirare luoghi affascinanti per i più piccoli, tra cui un covo di bracconieri e una casa delle streghe, ma anche un fantastico parco giochi. Per il pranzo si può scegliere la formula del picnic all’aria aperta una sosta rinfrancante in rifugio. Il territorio delle Dolomiti di Sesto si presta ad essere percorso in sella alla bicicletta. Il Bad Moos Aqua Spa Resort mette a disposizione degli ospiti gratuitamente mountain bike, city bike, caschi, mentre per il noleggio di e-bike il costo giornaliero è di 45 euro. I più allenati potranno mettersi alla prova con il Giro Bike-Tour, un percorso che permette di attraversare 5 cime per un totale di ca. 3.500 m di dislivello. Il segreto è servirsi degli impianti di risalita per coprire la maggior parte del dislivello e risparmiare così le energie per il divertimento della discesa. Il tour giornaliero inizia con la salita in funivia al Monte Elmo a 2.040m e si conclude sul trail tecnico “Croda Rossa” che termina alla stazione a valle della Croda Rossa, proprio davanti all’hotel. Molto apprezzato dai professionisti è lo Stoneman-Trail, un tour sulle Dolomiti lungo 120 km con più di 4.000 m di dislivello. Non mancano le proposte per i meno allenati che amano i percorsi in bicicletta, senza dover affrontare necessariamente grossi dislivelli. È il caso ad esempio della ciclabile che conduce fino a Lienz in Austria. Il percorso, che segue la Drava, con partenza da San Candido è lungo 44 km, che si percorrono senza difficoltà, sempre in leggera discesa. Si pedala in mezzo alla natura con vista sulle montagne e posticini tranquilli lungo la strada per le meritate soste. All’arrivo a Lienz ci si può dedicare a una visita della città per poi ritornare comodamente in treno. [post_title] => Bad Moos Aqua Spa Resort, primavera sportiva in Alto Adige tra escursioni e bicicletta [post_date] => 2024-03-25T11:24:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711365845000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463557 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bolzano è una città sorprendente: collocata alle pendici delle Dolomiti, si trova entro un’antica conca di origine vulcanica percorsa da tre fiumi, che ne mitiga le temperature. La sua storia racconta di dominazioni e di mercanti; di viaggiatori e di artisti; di antiche tradizioni e di leggende. Sul territorio si parlano tre lingue, l’italiano, il tedesco e il ladino, e si ricordano periodi storici complessi. Il Parkhotel Laurin - WorldHotels Elite (gruppo Bwh) racchiude in sé l’anima della città e le sue tante sfaccettature. Costruito nel 1910 dal capostipite della famiglia Staffler, ha visto succedersi tre generazioni che si sono tramandate una missione d'accoglienza e di amore per l’arte. Curato dagli architetti Ludwig, già nel 1911 venne decorato dagli affreschi di Bruno Goldschmitt. I dipinti, realizzati in uno stile moderno e ricco di colori, sono una significativa testimonianza del Liberty altoatesino e raccontano episodi della saga del re dei nani Laurin e del suo amore infelice. La vocazione artistica della famiglia Staffler è testimoniata anche dalla decisione della proprietà di acquistare delle opere d’arte per ciascuna camera. Oggi il Laurin ha una collezione di oltre 200 opere su carta, realizzate a partire dal primo ‘900 in un’area che va da Vienna all’Italia del Nord. Alla consegna della chiave l’ospite riceve le informazioni sull’opera che troverà nella sua camera. Il Parkhotel Laurin ospita 100 camere e sette suite: si affacciano sui 4 mila metri quadrati del parco privato dell’albergo, sulla piscina riscaldata aperta da maggio a settembre, sul campanile del Duomo di Bolzano e sulle vicine montagne. Andreas Flückiger, direttore del Parkhotel Laurin, tratteggia alcune della caratteristiche uniche dell’hotel storico, come la sua collocazione, in centro-città, entro un vasto parco che si trasforma, una stagione dopo l’altra. «L’ospite può trovare la storia del Parkhotel Laurin in ogni dettaglio – afferma –: nell’arte, negli spazi rinnovati a partire dagli anni ‘90, ma che ancora conservano il loro aspetto originale e ne trasmettono le emozioni; è una struttura adatta sia all’ospite leisure che a quello business. Il Laurin sa entrare nel cuore delle persone e ciascuno trova la propria modalità per vivere la permanenza, magari partecipando ai numerosi momenti di musica dal vivo che proponiamo già da 30 anni tra ottobre e maggio e che richiamano gli ospiti dell’hotel e tanti appassionati esterni, creando una vibrante comunità». In primo piano anche l’attenzione per la proposta gastronomica: l’executive chef del Laurin è Dario Tornatore. Grazie alle sue esperienze italiane ed europee, Tornatore ha portato a Bolzano una filosofia culinaria inedita, che si sviluppa a partire dall'essenza di ogni ingrediente. Le sue interpretazioni gastronomiche narrano in chiave contemporanea emozioni e tradizioni, con una particolare attenzione per i prodotti dell’Alto Adige. I suoi piatti si possono gustare all’interno del ristorante Laurin, storica sala mitteleuropea dove il Liberty italiano incontra lo Jugendstil austriaco e il tocco contemporaneo dell'artista Marilù Eustachio. Oppure nella glasshouse ConTanima, collocata nel vasto giardino dell’hotel. Il Park Hotel Laurin è quotidianamente impegnato in un duplice obiettivo di comfort e sostenibilità, che si declina nella conservazione del patrimonio, nell’impegno sociale e nella conservazione ambientale. Per questo nel giugno del 2023 ha ottenuto la certificazione Global sustainable tourism council - Gstc. «Siamo anche molto impegnati rispetto alla comunità in cui viviamo e alla sua gente. - conclude Andreas Flückiger -. Lavoriamo con molti prodotti locali, tra cui una grande parte dei vini conservati nella nostra vasta cantina. Risparmiamo acqua ed elettricità. Rispettiamo e tuteliamo i lavoratori impegnati nell’hotel. E anche i nostri investimenti nell’arte e nella cultura del territorio aiutano a creare una città sostenibile». [post_title] => Il Parkhotel Laurin di Bolzano: un elegante hotel storico che racconta la sua città [post_date] => 2024-03-15T11:50:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710503445000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463416 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_463420" align="alignleft" width="300"] Il Tapestry di Perugia[/caption] Cresce la presenza della collezione Tapestry in Italia. Il soft brand del segmento upscale di casa Hilton conterà infatti presto tre nuovi hotel a Roma, Napoli e Perugia, che si aggiungeranno alle 36 proprietà del gruppo Usa già presenti nella penisola, tra cui l’Ambasciatori Hotel Venice Mestre, Tapestry Collection, di recente apertura. “I nostri piani di sviluppo nel paese sono molto ambiziosi e siamo entusiasti di vedere un forte interesse da parte dei proprietari e una domanda solida da parte degli ospiti", sottolinea il senior vice president of development Emea Hilton, Patrick Fitzgibbon. Situato nel cuore di Roma, a pochi metri dai musei Vaticani, lo Spring House Hotel Rome Vatican, Tapestry Collection by Hilton, sarà il secondo hotel di questo brand nella capitale dopo l’apertura del Cosmopolita Hotel Rome nel 2022. La struttura disporrà di un ristorante e bar, un’area benessere, una terrazza all’aperto e 73 camere. I lavori dell’hotel, che dovrebbero essere completati all’inizio del 2025, fanno seguito a un accordo di franchising con Spring House, di proprietà di Stefano Gabbani e della sua famiglia, che gestisce la struttura dal 1969. Napoli accoglierà il suo primo hotel Tapestry grazie a un accordo di franchising con Ownco, che ha già visto l’apertura del Britannique Naples, Curio Collection by Hilton nel 2020. Palazzo Caracciolo Naples, Tapestry Collection, un antico palazzo del tredicesimo secolo, fu la prima dimora di Gioacchino Murat quando arrivò a Napoli prima di diventarne il re. Con il suo stile e il design rinascimentale ancora oggi visibile, l’hotel continuerà ad accogliere gli ospiti durante i lavori di ristrutturazione e sarà completamente ribattezzato Tapestry in primavera. La proprietà conta 145 camere, un ristorante, un bar, una palestra e un’area benessere, e si trova a pochi passi dalla costa. Situato nel cuore di Perugia, la Rosetta Hotel Tapestry Collection sarà il primo hotel Hilton ad aprire in questa zona. Con parti della struttura originariamente costruite nel quindicesimo secolo, la struttura, che dispone di 74 camere, vanta soffitti dipinti a mano, mobili in legno e opere d’arte sulle pareti. Il completamento dell’hotel è previsto per la seconda metà del 2025 e segue un accordo di franchising con una società di proprietà dei membri della famiglia di Simone Fittuccia e Rodolfa Mencarelli. [post_title] => Hilton spinge il brand Tapestry: tre new entry in Italia a Roma, Napoli e Perugia [post_date] => 2024-03-14T10:11:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710411113000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1960" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":89,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry sarda per il network Virtuoso: l'hotel Abi d'Oru di Porto Rotondo porta a sei gli indirizzi sardi compresi nel portfolio della rete agenziale specializzata nel lusso, su un totale di 154 strutture in Italia.  L'Abi d'Oru, in sardo Ape d’Oro, ha aperto le porte della sua ospitalità nel 1963, a soli quattro chilometri da Porto Rotondo ed è affacciato direttamente sul golfo di Marinella. Nel 2023 ha inaugurato le nuove camere e suite e la nuova piscina con pool bar, per un totale di 130 stanze di tipologie diverse inserite nell'architettura realizzata da Antonio Simon Mossa, architetto, politologo e scrittore sardo oltre 60 anni fa.\r\n\r\nPilastro dell'ospitalità di Abi d'Oru è il forte legame con il territorio e per questo l'invito agli ospiti è quello di scoprire i caratteri e le personalità sarde nelle suite Al mare con: dalla giudicessa Eleonora d'Arborea al premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda; da Antonio Gramsci alla grande artista Maria Lai e da Eva Mameli, madre di Italo Calvino e prima donna in Italia a insegnare botanica all'università, alla designer Edina Altara. Con i suoi tre diversi ristoranti, quest'anno l'Abi d'Oru è pronto a riaprire il 16 maggio, con una nuova offerta gastronomica.\r\n\r\n“E’ una soddisfazione annunciare l'ingresso dell'Abi d'Oru nel network Virtuoso, risultato dovuto al grande lavoro del team commerciale, con a capo Nicola Monello, e di tutto il personale dell'hotel, che riesce anno dopo anno a rendere felici gli ospiti, anche i più esigenti - spiega l'amministratore delegato dell'hotel Abi d'Oru, Diana Zuncheddu -. Grazie agli investimenti e agli interventi di restyling intrapresi negli ultimi anni, la struttura ha raggiunto il livello di ospitalità che ci siamo prefissati e oggi ancora di più anche a livello internazionale, grazie a Virtuoso. Credo che questa affiliazione sia meritata da una destinazione come la Sardegna e da un hotel pioniere e icona dell'alta ospitalità, come il nostro\".","post_title":"Il sardo Abi d'Oru entra nel network Virtuoso","post_date":"2024-05-17T11:23:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715945022000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467026","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con l'acquisizione dell'ex Salesianum Don Bosco di Como, il gruppo Villa d'Este si appresta a lanciare un Hospitality campus: un luogo di formazione, attrazione e crescita di giovani talenti che vogliano lavorare e specializzarsi nel settore dell’ospitalità. Fino al 2010 sede di una comunità religiosa e da allora in disuso, il Salesianum di Tavernola fu realizzato nel 1964 e si è caratterizzato come casa di spiritualità, di cultura religiosa e sociale, per gruppi ecclesiali. Nato come centro di formazione e di aggiornamento per i Salesiani, si è poi allargato, aprendosi all'esterno e accogliendo nei suoi ampi locali interni ed esterni incontri di spiritualità per gruppi e per singole persone, senza escludere convegni e congressi.\r\n\r\nOra con l’acquisizione da parte di Villa d’Este, si vuole dare al Salesianum nuova vita, riportandolo in un certo qual modo alla sua funzione originaria. Il progetto è infatti quello di intraprendere un’importante ristrutturazione degli spazi ,per realizzare alloggi a disposizione perlopiù dei dipendenti della società, dove svolgere attività di sviluppo e formazione nell’ambito dell’attività alberghiera e della ristorazione.\r\n\r\n \r\n\r\n\"La struttura dovrebbe diventare un campus per i dipendenti, non con lo scopo di sola accoglienza ai fini lavorativi, ma con l’idea di creare un ambiente di crescita e professionalizzazione  - spiega il presidente del consiglio di amministrazione di Villa d’Este, Giuseppe Fontana -: sale conferenze, aree training dove sviluppare una Academy e corsi ad hoc per sala, cucina e housekeeping. Inoltre, per prenderci cura dei nostri dipendenti anche durante il loro tempo libero vorremmo adibire degli spazi ad aree svago ed intrattenimento come sala cinema, palestra, sale multimediali/tv e biblioteca: spazi di aggregazione dove abbiano l’opportunità di conoscersi e riscoprirsi. Il nostro capitale umano è il patrimonio più prezioso da tutelare, e crescere insieme la più importante responsabilità”.","post_title":"Villa d'Este acquisisce l'ex Salesianum Don Bosco di Como. Diventerà un Hospitality campus","post_date":"2024-05-10T09:31:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715333491000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466578","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bellagio, la perla del Lago di Como, è conosciuta  in tutto il mondo per la sua incantevole posizione tra i due rami del lago, per le antiche e suggestive abitazioni del vecchio borgo, i misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate dove sfilano eleganti vetrine, tra hotel di gran classe e tipici ristoranti.\r\n\r\nLa navigazione e il Lago di Como sono un binomio imprescindibile per la varietà di itinerari, escursioni, passeggiate e visite ai suoi splendidi tesori dal lago o da terra.\r\nNon per niente a  Bellagio, nella pittoresca frazione di San Giovanni, sorge un affascinante museo nautico, che raccoglie una ricchissima collezione di oggetti, reperti, manufatti, documenti che raccontano e certificano la storia e l’evoluzione del “navigato” nelle cristalline acque del Lago (e del mare in generale).\r\n\r\nIl ‘Museo degli strumenti per la navigazione” è la prestigiosa raccolta di introvabili strumenti e oggetti di navigazione. Per la sua unicità è stata inserita tra i luoghi della cultura del Ministero della Cultura. Insieme a Villa Melzi è uno dei due Musei di Bellagio.\r\nFondato dal grande appassionato di barche d’epoca Gianni Gini (è stato negli anni Settanta proprietario di Bona Fide, un Cutter aurico progettato nel 1899, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi del 1900, nonché dello scafo Victory 83 che ha partecipato all'edizione del 1983 della Coppa America), espone al suo interno una collezione di oltre 600 oggetti e strumenti legati alla navigazione, acquisiti in 40 anni di minuziosa ricerca: strumenti di varie epoche che hanno permesso all’uomo di orientarsi e oggetti legati alla navigazione.\r\nDatati a partire dal 1500, non mancano bussole, astrolabi, cannocchiali settecenteschi di produzione veneziana, cronometri di marina, orologi solari, una sfera armillare (un modello della sfera celeste), diari di bordo dell’Ottocento, un planetario in ottone, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione. La collezione è esposta sui 3 piani di un caratteristico edificio (un’antica abitazione a torre totalmente ristrutturata) con gli oggetti collocati in base alla loro funzione: al primo piano sono trovano posto gli strumenti per la determinazione della latitudine; al secondo piano quelli per la longitudine e al terzo piano i diari di bordo e gli strumenti per il carteggio.\r\n\r\nFu il 14 giugno 1968 con l’acquisto di un grafometro veneziano, che ebbe inizio la collezione degli strumenti di marina. Gianni Gini, in vacanza a Cannes. lo vide risplendere in una vetrina sulla Croisette. Da allora la sua passione per gli strumenti nautici l’ha portato a collezionarne oltre 600 custoditi nel museo che ha aperto i battenti Il 21 giugno del 2001 nell’antica casa torre di San Giovanni a Bellagio.\r\n\r\nChe sia dunque un soggiorno, un weekend o una toccata e fuga al lago, ritagliarsi uno spazio per visitare qualcosa di unico come  il “Museo degli strumenti per la navigazione” è assolutamente consigliato.\r\nIl Museo degli Strumenti per la Navigazione è aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 (tranne il lunedì ); visite pomeridiane disponibili solo su prenotazione. 5 euro tariffa intera (previste riduzioni per gruppi)\r\n\r\n ","post_title":"Bellagio, focus sul Museo degli Strumenti per la Navigazione","post_date":"2024-05-02T11:49:54+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1714650594000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465774","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia guarda avanti, con l'obiettivo di superare quest'anno i 2 milioni di passeggeri, con almeno 200 milioni di euro di ricavi e una compagine di dipendenti destinata a crescere in parallelo fino a contare 400 lavoratori.\r\n\r\nSono alcuni degli impegni messi in evidenza dalla compagnia aerea, come spiegato ieri in un incontro a Roma dal presidente Marc Bourgade, e dall'amministratore delegato Gaetano Intrieri; incontro che ha visto la partecipazione del presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma ed è stato occasione per presentare la rivista di bordo, Dolcevita, un nome che evoca il prestigio del Made in Italy e che farà rivivere l’atmosfera e l’accoglienza ottimizzando l’esperienza di volo.\r\n\r\nIl vettore ha chiuso il bilancio 2023 con ricavi per circa 131 milioni di euro (+415% rispetto al 2022), un ebitda di 9,7 milioni (+1160% rispetto al 2022). L’utile prima delle imposte si è attestato a 6,9 milioni di euro, + 3284% (pari a 33 volte il risultato registrato nel 2022.\r\n\r\n«Aver dato lavoro a tante persone in cassaintegrazione è stata la mia mission» ha dichiarato Intrieri, evidenziando non solo la crescita dell'azienda ma anche il suo impatto sociale positivo. La recente acquisizione di una compagnia regionale in Romania segna un significativo avanzamento nel percorso di crescita dell'azienda, che si prevede supererà i due milioni di passeggeri nel 2024. «Spero che entro fine anno si possa arrivare a contare su 400 dipendenti, dando sempre priorità a chi proviene dalla cassa integrazione, per cogliere le loro esperienze professionali».\r\n\r\nAeroitalia è pronta a valorizzare anche la collaborazione con il trade, attraverso una credit card riservata che verrà presentata a maggio nel corso di una convention rivolta alle 3.000 agenzie di viaggi che già operano col vettore. Focus anche sul traffico bt con una card per le aziende, il Corporate Pass, con una serie di vantaggi tra web check-in, scelta gratuita del posto, cambi data, priorità all’imbarco, check in gratuito in aeroporto. ","post_title":"Aeroitalia punta ai 2 milioni di passeggeri nel 2024 e guarda al trade","post_date":"2024-04-18T09:51:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713433900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464515","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'operazione che si aggirerebbe attorno ai 3,5 miliardi di euro. A tanto potrebbe ammontare la vendita del gruppo B&B Hotels, a cui secondo alcune voci raccolte da Bloomberg starebbe pensando Goldman Sachs, attuale proprietaria della compagnia francese. I consulenti della società d'investimento Usa sarebbero infatti al lavoro al fine di identificare potenziali acquirenti, dopo aver completato un rifinanziamento da 1,25 miliardi di euro in questo mese di marzo. La delibera sarebbe tuttavia ancora nelle sue fasi iniziali. Se le eventuali offerte non dovessero rispondere alle aspettative, Goldman Sachs potrebbe quindi decidere di mantenere l'attività.\r\n\r\nB&B Hotels è stata fondata a Brest nel 1990 da François Branellec tramite la società Galaxy. Quest'ultima è stata acquisita nel 2003 dal fondo britannico Duke Street Capital, che ha sua volta l'ha ceduta due anni più tardi ai francesi di Eurazeo. Nel 2010 a rilevare il B&B è stato quindi l'americano Carlyle Group. Il gruppo è poi passato nel 2015 al private equity parigino Pai. L'avvento di Goldman Sachs risale infine al 2019, quando la compagnia alberghiera era stata valutata 1,9 miliardi di euro. B&B Hotels vanta oggi un portfolio di oltre 770 strutture situate in Francia, Germania, Italia e altri paesi europei. Recentemente ha anche aperto il suo primo indirizzo Usa, a Orlando, in Florida, debuttando al contempo nel Regno Unito, nei pressi dello scalo londinese di Heathrow.","post_title":"B&B Hotels: Goldman Sachs valuta la vendita","post_date":"2024-03-28T11:56:11+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711626971000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. \"Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani\". \r\nI WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale\". \r\nBwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia.\r\n","post_title":"Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione","post_date":"2024-03-25T11:55:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711367702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Bad Moos Aqua Spa Resort di Sesto, in Alto Adige, è un paradiso per gli sportivi che possono praticare escursioni in quota e arrampicate, rilassanti passeggiate e tour in bicicletta ma anche per chi vuole abbandonarsi ad una vacanza tutta relax.\r\n\r\nIl Parco Naturale delle Dolomiti di Sesto offre uno scenario unico per le avventure all’aria aperta.\r\n\r\n \r\n\r\nPer chi non vuole organizzare tutto da solo, la soluzione perfetta è affidarsi al programma Move & Balance del Bad Moos Aqua Spa Resort. Tante attività outdoor ogni giorno diverse che permettono di conoscere il territorio e mantenersi in forma, provare sport nuovi e godersi la bellezza dei paesaggi alpini. Praticare yoga all’aria aperta, passeggiare a piedi nudi per sollecitare i sensi, addentrarsi nel silenzio del bosco e respirare l’aria pura.\r\n\r\nLe escursioni più belle partono direttamente dall’hotel e permettono di scoprire l’incontaminata Val Fiscalina seguendo i sentieri che si snodano sotto le imponenti Dolomiti di Sesto. Appena fuori dal Bad Moos, inoltre, parte la funivia che porta ai Prati di Croda Rossa: in poco tempo e senza alcuno sforzo si raggiungono i 1900 m di altitudine. Da qui un percorso suggestivo e panoramico di un’ora e mezza permette di immergersi nella bellezza di questi paesaggi naturali. La passeggiata è ideale anche per famiglie con bambini, lungo il percorso infatti si possono ammirare luoghi affascinanti per i più piccoli, tra cui un covo di bracconieri e una casa delle streghe, ma anche un fantastico parco giochi. Per il pranzo si può scegliere la formula del picnic all’aria aperta una sosta rinfrancante in rifugio.\r\n\r\nIl territorio delle Dolomiti di Sesto si presta ad essere percorso in sella alla bicicletta. Il Bad Moos Aqua Spa Resort mette a disposizione degli ospiti gratuitamente mountain bike, city bike, caschi, mentre per il noleggio di e-bike il costo giornaliero è di 45 euro.\r\n\r\nI più allenati potranno mettersi alla prova con il Giro Bike-Tour, un percorso che permette di attraversare 5 cime per un totale di ca. 3.500 m di dislivello. Il segreto è servirsi degli impianti di risalita per coprire la maggior parte del dislivello e risparmiare così le energie per il divertimento della discesa. Il tour giornaliero inizia con la salita in funivia al Monte Elmo a 2.040m e si conclude sul trail tecnico “Croda Rossa” che termina alla stazione a valle della Croda Rossa, proprio davanti all’hotel.\r\n\r\nMolto apprezzato dai professionisti è lo Stoneman-Trail, un tour sulle Dolomiti lungo 120 km con più di 4.000 m di dislivello.\r\n\r\nNon mancano le proposte per i meno allenati che amano i percorsi in bicicletta, senza dover affrontare necessariamente grossi dislivelli. È il caso ad esempio della ciclabile che conduce fino a Lienz in Austria. Il percorso, che segue la Drava, con partenza da San Candido è lungo 44 km, che si percorrono senza difficoltà, sempre in leggera discesa. Si pedala in mezzo alla natura con vista sulle montagne e posticini tranquilli lungo la strada per le meritate soste. All’arrivo a Lienz ci si può dedicare a una visita della città per poi ritornare comodamente in treno.","post_title":"Bad Moos Aqua Spa Resort, primavera sportiva in Alto Adige tra escursioni e bicicletta","post_date":"2024-03-25T11:24:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1711365845000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463557","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bolzano è una città sorprendente: collocata alle pendici delle Dolomiti, si trova entro un’antica conca di origine vulcanica percorsa da tre fiumi, che ne mitiga le temperature. La sua storia racconta di dominazioni e di mercanti; di viaggiatori e di artisti; di antiche tradizioni e di leggende. Sul territorio si parlano tre lingue, l’italiano, il tedesco e il ladino, e si ricordano periodi storici complessi. Il Parkhotel Laurin - WorldHotels Elite (gruppo Bwh) racchiude in sé l’anima della città e le sue tante sfaccettature. Costruito nel 1910 dal capostipite della famiglia Staffler, ha visto succedersi tre generazioni che si sono tramandate una missione d'accoglienza e di amore per l’arte. \r\nCurato dagli architetti Ludwig, già nel 1911 venne decorato dagli affreschi di Bruno Goldschmitt. I dipinti, realizzati in uno stile moderno e ricco di colori, sono una significativa testimonianza del Liberty altoatesino e raccontano episodi della saga del re dei nani Laurin e del suo amore infelice. La vocazione artistica della famiglia Staffler è testimoniata anche dalla decisione della proprietà di acquistare delle opere d’arte per ciascuna camera. Oggi il Laurin ha una collezione di oltre 200 opere su carta, realizzate a partire dal primo ‘900 in un’area che va da Vienna all’Italia del Nord. \r\nAlla consegna della chiave l’ospite riceve le informazioni sull’opera che troverà nella sua camera. Il Parkhotel Laurin ospita 100 camere e sette suite: si affacciano sui 4 mila metri quadrati del parco privato dell’albergo, sulla piscina riscaldata aperta da maggio a settembre, sul campanile del Duomo di Bolzano e sulle vicine montagne. \r\nAndreas Flückiger, direttore del Parkhotel Laurin, tratteggia alcune della caratteristiche uniche dell’hotel storico, come la sua collocazione, in centro-città, entro un vasto parco che si trasforma, una stagione dopo l’altra. «L’ospite può trovare la storia del Parkhotel Laurin in ogni dettaglio – afferma –: nell’arte, negli spazi rinnovati a partire dagli anni ‘90, ma che ancora conservano il loro aspetto originale e ne trasmettono le emozioni; è una struttura adatta sia all’ospite leisure che a quello business. Il Laurin sa entrare nel cuore delle persone e ciascuno trova la propria modalità per vivere la permanenza, magari partecipando ai numerosi momenti di musica dal vivo che proponiamo già da 30 anni tra ottobre e maggio e che richiamano gli ospiti dell’hotel e tanti appassionati esterni, creando una vibrante comunità». \r\nIn primo piano anche l’attenzione per la proposta gastronomica: l’executive chef del Laurin è Dario Tornatore. Grazie alle sue esperienze italiane ed europee, Tornatore ha portato a Bolzano una filosofia culinaria inedita, che si sviluppa a partire dall'essenza di ogni ingrediente. Le sue interpretazioni gastronomiche narrano in chiave contemporanea emozioni e tradizioni, con una particolare attenzione per i prodotti dell’Alto Adige. I suoi piatti si possono gustare all’interno del ristorante Laurin, storica sala mitteleuropea dove il Liberty italiano incontra lo Jugendstil austriaco e il tocco contemporaneo dell'artista Marilù Eustachio. Oppure nella glasshouse ConTanima, collocata nel vasto giardino dell’hotel. \r\nIl Park Hotel Laurin è quotidianamente impegnato in un duplice obiettivo di comfort e sostenibilità, che si declina nella conservazione del patrimonio, nell’impegno sociale e nella conservazione ambientale. Per questo nel giugno del 2023 ha ottenuto la certificazione Global sustainable tourism council - Gstc. «Siamo anche molto impegnati rispetto alla comunità in cui viviamo e alla sua gente. - conclude Andreas Flückiger -. Lavoriamo con molti prodotti locali, tra cui una grande parte dei vini conservati nella nostra vasta cantina. Risparmiamo acqua ed elettricità. Rispettiamo e tuteliamo i lavoratori impegnati nell’hotel. E anche i nostri investimenti nell’arte e nella cultura del territorio aiutano a creare una città sostenibile».\r\n","post_title":"Il Parkhotel Laurin di Bolzano: un elegante hotel storico che racconta la sua città","post_date":"2024-03-15T11:50:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710503445000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463416","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_463420\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Tapestry di Perugia[/caption]\r\n\r\nCresce la presenza della collezione Tapestry in Italia. Il soft brand del segmento upscale di casa Hilton conterà infatti presto tre nuovi hotel a Roma, Napoli e Perugia, che si aggiungeranno alle 36 proprietà del gruppo Usa già presenti nella penisola, tra cui l’Ambasciatori Hotel Venice Mestre, Tapestry Collection, di recente apertura. “I nostri piani di sviluppo nel paese sono molto ambiziosi e siamo entusiasti di vedere un forte interesse da parte dei proprietari e una domanda solida da parte degli ospiti\", sottolinea il senior vice president of development Emea Hilton, Patrick Fitzgibbon.\r\nSituato nel cuore di Roma, a pochi metri dai musei Vaticani, lo Spring House Hotel Rome Vatican, Tapestry Collection by Hilton, sarà il secondo hotel di questo brand nella capitale dopo l’apertura del Cosmopolita Hotel Rome nel 2022. La struttura disporrà di un ristorante e bar, un’area benessere, una terrazza all’aperto e 73 camere. I lavori dell’hotel, che dovrebbero essere completati all’inizio del 2025, fanno seguito a un accordo di franchising con Spring House, di proprietà di Stefano Gabbani e della sua famiglia, che gestisce la struttura dal 1969.\r\n\r\nNapoli accoglierà il suo primo hotel Tapestry grazie a un accordo di franchising con Ownco, che ha già visto l’apertura del Britannique Naples, Curio Collection by Hilton nel 2020. Palazzo Caracciolo Naples, Tapestry Collection, un antico palazzo del tredicesimo secolo, fu la prima dimora di Gioacchino Murat quando arrivò a Napoli prima di diventarne il re. Con il suo stile e il design rinascimentale ancora oggi visibile, l’hotel continuerà ad accogliere gli ospiti durante i lavori di ristrutturazione e sarà completamente ribattezzato Tapestry in primavera. La proprietà conta 145 camere, un ristorante, un bar, una palestra e un’area benessere, e si trova a pochi passi dalla costa.\r\n\r\nSituato nel cuore di Perugia, la Rosetta Hotel Tapestry Collection sarà il primo hotel Hilton ad aprire in questa zona. Con parti della struttura originariamente costruite nel quindicesimo secolo, la struttura, che dispone di 74 camere, vanta soffitti dipinti a mano, mobili in legno e opere d’arte sulle pareti. Il completamento dell’hotel è previsto per la seconda metà del 2025 e segue un accordo di franchising con una società di proprietà dei membri della famiglia di Simone Fittuccia e Rodolfa Mencarelli.","post_title":"Hilton spinge il brand Tapestry: tre new entry in Italia a Roma, Napoli e Perugia","post_date":"2024-03-14T10:11:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710411113000]}]}}