17 June 2024

Sales executive per Saudi Arabian Airlines

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: fzinanni@saudiairlines.com aromeo@saudiairlines.com
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

SAUDI ARABIAN AIRLINES is looking for a “SALES EXECUTIVE” for its offices in Rome.
The requested candidate’s profile will have the following main requisites:
· Age max 35 years old
· A minimum of 5 years experience in Airlines or Travel Agencies sales field.
· Preferably university degree
· Excellent verbal and written Italian and English language skills
· Good communication and persuasive skills
· Ability to work under high pressure, fast moving and challenging environment
· Good knowledge of GDS Amadeus, BSP analysis system (E-SMAH, CPS, MIDT).
· Good knowledge of Office Suite
· Willing to travel in Italy and abroad
· Own car
We offer a full time 1 year contract, with an initial assignment to category C-2 (LEVEL 4) of FAIRO contract.
Candidates having the above qualifications may submit their C.V. in English at the following e-mail accounts:
fzinanni@saudiairlines.com
aromeo@saudiairlines.com
ref: SV Offer 001/2013/SR
last day to submit: 23 January 2013


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468206 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggiando dal sud del Marocco verso Marrakech si raggiunge Ouarzazate, punto di passaggio delle carovane che attraversano il deserto del Sahara. È una città ricca di sorprese, dove la storia e le tradizioni del Marocco più antico incontrano una contemporaneità inaspettata che ha al suo centro il mondo del cinema e pellicole molto famose. Alle porte del centro abitato si trova il vasto alveo dove in passato si incontravano due fiumi - il Dades e del Draa. Oggi è completamente asciutto, perché in Marocco non piove in modo significativo da 7 anni. La confluenza delle acque creava una barriera difensiva intorno ad Ait-Ben-Haddou, una “ksar” o città fortificata costruita lungo la rotta carovaniera che dal Sahara portava ai rilievi dell’Atlante e poi al mare. Dal 1987 è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le sue prime costruzioni in terracotta risalgono all’XI secolo, ma le attuali torri, decorate con fregi geometrici, sono più tarde, del XVII secolo. È un luogo incantato, ricco di fascino e silenzio, oggi abitato solo da poche famiglie e segnato dal terremoto del 2023. Da Ait-Ben-Haddou si raggiunge Ouarzazate, cresciuta negli anni ‘20, quando i francesi ne fecero un centro militare e amministrativo. Al centro della città si trova lo stupefacente complesso della Kasbah Taourirt, il “castello della collina”. Costruita nel 1754 da una tribù berbera è una delle meglio conservate del paese. La kasbah del Marocco corrisponde al nostro castello. Vi abitava il pascià, ovvero il feudatario che coordinava il caravanserraglio riscuotendo le tasse di passaggio e controllando il lavoro dei suoi vassalli: i califfi. La kasbah, costruita in mattoni di fango essiccato al sole ricoperti di un composto isolante di paglia e fango, è quasi un labirinto di stanze di tutte le dimensioni, un tempo adornate da tappeti e vasi. Nella kasbah Taourirt ha vissuto fino al 1930 l'ultimo pascià, che aveva 19 mogli: la favorita - madre del primo maschio - 4 mogli ufficiali e 14 concubine. La costruzione viene regolarmente restaurata per preservare le mura dal passare del tempo e per accogliere i numerosi turisti. Oltre a tanti ricordi storici e a un artigianato fatto di tappeti, gioielli berberi e una ricca offerta d’accoglienza turistica fatta di infrastrutture, hotel, e guest house, Ouarzazate offre al visitatore un tuffo nel mondo dei sogni: il cinema. Sin dagli anni ‘50 i cineasti di Hollywood furono conquistati dalla luce e dalla bellezza di una terra dove era possibile girare tutto l'anno. Nel 1954 fu realizzato “Alì Babà e i 40 ladroni” con Fernandel, data invece 1962 “Lawrence d’Arabia” con Omar Sharif e, da allora sono stati girati grandi film, capolavori della storia del cinema. Il territorio offre infatti deserto, oasi, alture, città antiche, kasbah ... Tra le pellicole girate: “L’uomo che volle farsi re”, “L’uomo che sapeva troppo”, “Il gioiello del Nilo”, “007 - Zona pericolo”, “L’ultima tentazione di Cristo”, “Il té nel deserto” e anche “La Mummia”, “Il Gladiatore” I e II, “Alexander”, “Le Crociate”, “Sahara”, “Babel” e “Inception”. Inoltre le Kasbah e i paesaggi desertici hanno permesso di riprodurre l'immaginario regno di Westeros della serie “Game of Thrones” e del prequel “House of Dragon”. Nel 2007 è stato aperto di fronte alla kasbah un interessante museo che racconta la storia del cinema a Ouarzazate e testimonia il successo di un settore che ha portato ricchezza all’area con la nascita di istituti specializzati, oltre alla richiesta di accoglienza e anche di tante comparse! Sin dal 2001 queste pellicole vengono celebrate nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Marrakech, creato dal Re Mohammed VI. [gallery ids="468208,468214,468213"] [post_title] => Marocco, Ouarzazate: dove la storia più antica incontra il mondo del cinema [post_date] => 2024-05-28T08:58:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716886731000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467571 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467574" align="alignleft" width="300"] Alberto Piantoni[/caption] Una sala gremita presso l’ambasciata italiana a Pechino ha ospitato ieri la presentazione della prima edizione di 1000 Miglia Experience China: l'evento che dal 14 al 17 novembre 2024 porterà per la prima volta la Freccia Rossa nel Paese del Dragone. Alla presenza del primo consigliere dell’ambasciata, Marco Midolo, l’amministratore delegato e il direttore generale di 1000 Miglia, Alberto Piantoni e Francesca Parolin, hanno siglato l’accordo di licenza con i rappresentanti della Federation Classic Car China che organizzerà la manifestazione per i prossimi due anni. La 1000 Miglia Experience China 2024 si svilupperà nella provincia di Guangdong, la prima regione cinese ad avere relazioni commerciali con l’Europa, e più precisamente nell’area di Canton (o Guangzhou), e sarà aperta a sei diverse classi di auto, a partire da quelle appartenenti alla classe 1000 Miglia Era che comprende gli esemplari e i modelli che hanno preso parte alla 1000 Miglia di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. In occasione della presentazione, e per i prossimi due giorni, uno degli edifici più rappresentativi di Canton rimarrà illuminato con i simboli della 1000 Miglia e dell'evento, le cui iscrizioni apriranno a breve. [post_title] => La 1000 Miglia sbarca in Cina: la corsa si terrà a novembre nel Guangdong [post_date] => 2024-05-17T10:56:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715943412000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467188 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oggi Tirolo è una località di vacanza molto richiesta, con tante strutture ricettive, pregiati ristoranti, di cui 1 stellato (Castel fine dining, 2 stelle Michelin) e moltissimi servizi per i turisti come segnalazioni per sentieri escursionistici, la funivia dell’Alta Muta. La seggiovia monoposto che collega Tirolo a Merano, autobus di linea puntuali ed efficienti, campi sportivi per praticare tennis, beach volley, minigolf, una piscina, parchi e un meraviglioso spazio per gli eventi che si susseguono uno dietro l’altro dalla primavera all’autunno. Nel 2024, Tirolo vanta ben 5.724 posti letto e 886.578 pernottamenti (dato del 2023). Il recente libro scritto da J. Christian Rainer, “Saluti da Tirolo” offre un’interessante panoramica sul turismo a Tirolo e sulla sua evoluzione. Tirolo non ha beneficiato della piena espansione turistica di Merano negli anni Settanta del 1800. I turisti, infatti, giungevano a Tirolo solo per una gita al Castello e la situazione rimase così fino al Secondo Dopoguerra. All’inizio degli anni Cinquanta a Tirolo ancora non esistevano strade asfaltate. Coloro che cercavano una camera o un letto per dormire, si dovevano rivolgere al Segretario comunale, che contattava i principali masi contadini per trovare una stanza. La nascita Il 10 febbraio 1954, nacque però la Verschönerungsverein, un’associazione per l’abbellimento e la valorizzazione del paese, il cui scopo era quello di aprire a Tirolo la strada per diventare una destinazione turistica. Rapidamente Tirolo divenne così una delle mete più amate dai vacanzieri tedeschi, i quali, dopo il trauma della guerra, erano in cerca soprattutto di un luogo tranquillo. Il lavoro della Verschönerungsverein modificò presto le tendenze e abitudini dei turisti. Se nell’anno della sua fondazione (1954), Tirolo disponeva di 60 posti letto per gli ospiti, solo un anno più tardi se ne contavano già 300 e il numero dei pernottamenti, circa 10.000, aveva per la prima volta raggiunto le cinque cifre. Un numero che, nei quattro anni successivi, aumentò di ben dieci volte: già nel 1959, Tirolo tagliò il traguardo dei 100.000 pernottamenti. Se all’inizio degli anni Cinquanta, nel borgo contadino, i turisti erano ancora una rarità, alla fine del decennio erano diventati parte integrante dell’immagine del paese, influenzandone lo sviluppo in modo decisivo. [post_title] => Tirolo, destinazione turistica dal 1954, oggi meta ricca di servizi [post_date] => 2024-05-14T10:01:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715680892000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466578 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bellagio, la perla del Lago di Como, è conosciuta  in tutto il mondo per la sua incantevole posizione tra i due rami del lago, per le antiche e suggestive abitazioni del vecchio borgo, i misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate dove sfilano eleganti vetrine, tra hotel di gran classe e tipici ristoranti. La navigazione e il Lago di Como sono un binomio imprescindibile per la varietà di itinerari, escursioni, passeggiate e visite ai suoi splendidi tesori dal lago o da terra. Non per niente a  Bellagio, nella pittoresca frazione di San Giovanni, sorge un affascinante museo nautico, che raccoglie una ricchissima collezione di oggetti, reperti, manufatti, documenti che raccontano e certificano la storia e l’evoluzione del “navigato” nelle cristalline acque del Lago (e del mare in generale). Il ‘Museo degli strumenti per la navigazione” è la prestigiosa raccolta di introvabili strumenti e oggetti di navigazione. Per la sua unicità è stata inserita tra i luoghi della cultura del Ministero della Cultura. Insieme a Villa Melzi è uno dei due Musei di Bellagio. Fondato dal grande appassionato di barche d’epoca Gianni Gini (è stato negli anni Settanta proprietario di Bona Fide, un Cutter aurico progettato nel 1899, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi del 1900, nonché dello scafo Victory 83 che ha partecipato all'edizione del 1983 della Coppa America), espone al suo interno una collezione di oltre 600 oggetti e strumenti legati alla navigazione, acquisiti in 40 anni di minuziosa ricerca: strumenti di varie epoche che hanno permesso all’uomo di orientarsi e oggetti legati alla navigazione. Datati a partire dal 1500, non mancano bussole, astrolabi, cannocchiali settecenteschi di produzione veneziana, cronometri di marina, orologi solari, una sfera armillare (un modello della sfera celeste), diari di bordo dell’Ottocento, un planetario in ottone, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione. La collezione è esposta sui 3 piani di un caratteristico edificio (un’antica abitazione a torre totalmente ristrutturata) con gli oggetti collocati in base alla loro funzione: al primo piano sono trovano posto gli strumenti per la determinazione della latitudine; al secondo piano quelli per la longitudine e al terzo piano i diari di bordo e gli strumenti per il carteggio. Fu il 14 giugno 1968 con l’acquisto di un grafometro veneziano, che ebbe inizio la collezione degli strumenti di marina. Gianni Gini, in vacanza a Cannes. lo vide risplendere in una vetrina sulla Croisette. Da allora la sua passione per gli strumenti nautici l’ha portato a collezionarne oltre 600 custoditi nel museo che ha aperto i battenti Il 21 giugno del 2001 nell’antica casa torre di San Giovanni a Bellagio. Che sia dunque un soggiorno, un weekend o una toccata e fuga al lago, ritagliarsi uno spazio per visitare qualcosa di unico come  il “Museo degli strumenti per la navigazione” è assolutamente consigliato. Il Museo degli Strumenti per la Navigazione è aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 (tranne il lunedì ); visite pomeridiane disponibili solo su prenotazione. 5 euro tariffa intera (previste riduzioni per gruppi)   [post_title] => Bellagio, focus sul Museo degli Strumenti per la Navigazione [post_date] => 2024-05-02T11:49:54+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714650594000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466350 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con Evolution Travel una miriade di possibilità ed esperienze per esplorare la terra del Sol Levante da tanti e nuovi punti di vista. Per i viaggiatori che non hanno molto tempo a disposizione, Evolution Travel propone diverse opportunità, che si possono personalizzare a seconda delle richieste: un tour guidato di gruppo di una settimana (6 notti) per conoscere gli aspetti più tipici del Giappone, a partire dalla splendida Tokyo, gli affascinanti templi, i giardini zen e le eleganti geishe di Kyoto, Nara, città Patrimonio UNESCO (prezzo a partire da 1800 euro a persona in hotel 3 o 4 stelle, voli esclusi); un viaggio culturale individuale di 8 giorni e 6 notti con la presenza di un assistente locale in lingua italiana per immergersi tra le principali località del Giappone, con esperienze come la salita in funivia sul Monte Fuji da Hakone e una giornata dedicata alla scoperta dei paesaggi montagnosi del vulcano e dell’Open Air Museum (da 1750 euro a persona con soggiorno in struttura 4 stelle); oppure un itinerario “smart & easy” con la possibilità di scegliere liberamente tra visite guidate ed escursioni a partire da Kyoto con i suoi patrimoni storici, artistici e culturali, per poi scoprire Hiroshima, punto di partenza per visitare l’isola di Miyajima e il suo santuario sul mare, e poi la vivace Osaka e Kyoto (da 1290 euro a persona per 9 giorni e 8 notti).  Per chi vuole concedersi un viaggio più lungo e sperimentare anche rotte insolite, con Evolution Travel hanno solo l’imbarazzo della scelta. Il “Tour insolito lungo”, un itinerario di 11 giorni e 10 notti guidato prevede un programma coinvolgente che esplora l’essenza spirituale del Giappone, ma anche quella culturale e moderna, a partire da Kyoto e la sua storia millenaria, le passeggiate nell’antico quartiere Bikan di Kurashiki, la scoperta di Nara, con il Todai-ji, più grande edificio in legno del mondo, che custodisce una statue in bronzo del Buddha di 16 metri, le visite a Hiroshima e Miyajima. Il prezzo, volo escluso, è a partire da 4260 euro a persona con soggiorno in hotel 3 o 4 stelle. Un altro viaggio di gruppo con voli inclusi è tra “i panorami del Sol Levante”: 14 giorni e 12 notti con guida in italiano per inoltrarsi nella cultura giapponese. Tra le tappe, le meraviglie tecnologiche di Tokyo e Osaka, le antiche tradizioni popolari di Takayama, piccolo centro sulle Alpi giapponesi conosciuto per l’artigianato del legno e Kanazawa, famoso per i distretti di epoca Edo, i musei d’arte, i giardini idilliaci. E poi, lo spettacolo della natura del Fujiyama, di Nara e della Valle di Kiso (Tsumago e Magome) e tantissime curiosità. Il viaggio è a partire da 4120 euro a persona in hotel di livello con la possibilità di pernottare nel tipico ryokan e nella foresteria di un monastero, con guida in italiano e pasti inclusi.  Chi è alla ricerca di un itinerario insolito, con Evolution Travel può partecipare al viaggio guidato di 11 giorni e 9 notti riservato a massimo 16 persone nelle località nipponiche più affascinanti. Oltre a scoprire gli aspetti meno noti di Tokyo e Kyoto, i viaggiatori fanno tappa alle tradizionali Takayama e Kanazawa e al villaggio rurale di Shirakawa. Tra le visite previste, la meravigliosa zona termale di Hirayu e il castello di Matsumoto, ma anche la piccola isola di Enoshima, collegata alla terraferma da un ponte di 400 metri. Sono compresi i voli, la guida in italiano, le colazioni e una cena tipica. Il soggiorno è in hotel 4 stelle con un pernottamento in ryokan. Il prezzo è a partire da 4250 euro a persona.   [post_title] => Evolution Travel, il magico Giappone tra tour guidati ed itinerari insoliti [post_date] => 2024-04-29T10:58:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714388313000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Uzbekistan Airways è tornata a collegare Roma con Tashkent e Urgench, dopo la pausa forzata causata dalla pandemia. La compagnia di bandiera uzbeka, da ieri 7 aprile, opera un nuovo volo verso Tashkent e Urgench, rispettivamente capitale del Paese e capitake della regione del Koresm e porta di ingresso principale per chi vuole viaggiare lungo l’Antica via della Seta. Il nuovo volo si aggiunge a quelli già operati da Uzbekistan Airways, per un totale di tre voli settimanali dall’Italia. Sulla Roma Fiumicino-Urgench l'operativo prevede ogni domenica partenza alle 21.20 e arrivo alle 06.20 del mattino successivo; il volo di ritorno decolla dalla capitale uzbeka alle 14.00 locali, fa uno stop a Urgench da cui riparte alle 16.45 ed atterra a Roma alle 19.50 italiane. L’orario dei voli è stato pensato per venire incontro alle esigenze di coloro che vogliano visitare l’Uzbekistan con il massimo della comodità. Arrivare a Tashkent e ripartire da Urgench significa infatti poter accedere alle bellezze della Via della Seta, evitando costi e tempistiche necessari per gli spostamenti interni in Uzbekistan. Inoltre, i voli sono anche pensati per permettere comode coincidenze con voli domestici Ita Airways, dando così la possibilità di partire con un solo biglietto dalla propria città di residenza. «Con il collegamento con Roma, salgono a tre i nostri voli settimanali per l’Uzbekistan dall’Italia - afferma Sergey Shirov, regional manager della compagnia aerea -. L’Italia è uno dei mercati chiave per Uzbekistan Airways, non solo per il traffico outbound verso l’Uzbekistan, per noi importantissimo, ma anche per il crescente numero di passeggeri uzbechi e asiatici che scelgono di volare con Uzbekistan Airways per visitare il vostro bel paese. Siamo fiduciosi che alla luce dei risultati positivi di questa stagione estiva, Uzbekistan Airways attiverà frequenze aggiuntive da/per L’Italia e Roma in futuro». «L’Uzbekistan è una destinazione affascinante, ricca di storia, architettura e tappa fondamentale sulla Via della Seta - sottolinea Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma -. Questo collegamento diretto con Tashkent rappresenterà un fattore di stimolo per gli scambi economici, turistici e commerciali che intercorrono tra i due Paesi, creando nuove opportunità di sviluppo e crescita». [post_title] => Uzbekistan Airways torna nei cieli di Roma con il volo per Tashkent e Urgench [post_date] => 2024-04-08T11:40:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712576412000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464269 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Global Gsa è il nuovo rappresentante esclusivo sul mercato italiano del gruppo Dmc Arabia – Kurban Tours – Plaza Tours. Si occuperà di tutte le attività marketing e commerciali sul territorio per conto della destination management company. “Siamo orgogliosi di rappresentare questo operatore turistico attivo negli Emirati, nonché in Arabia Saudita, Oman, Libano e Giordania - commenta Manlio Olivero, presidente & ceo del gsa milanese -. La nuova collaborazione consentirà al trade di fornire ai propri clienti pacchetti vantaggiosi, facendo affidamento a dmc in possesso di conoscenze e competenze locali su mercati di particolare interesse". La dmc Arabia – Kurban Tours, con oltre 70 anni di esperienza, è specializzata in Medio Oriente. Fondata nel 1952 a Beirut, la società ha negli anni diversificato la propria attività in Libano, Emirati Arabi, Oman e Arabia Saudita. Il gruppo è inoltre specializzato in viaggi mice (meeting, incentive, conferenze ed eventi). Plaza Tours è invece una compagnia nata nel 1990 ad Amman, in Giordania, specializzata nell’organizzazione di tour individuali e di gruppo, con guide in lingua Italiana. Alle partenze garantite, l’operatore affianca la costruzione di viaggi personalizzati, comprensivi di tutti i servizi locali, cuciti su misura. Attraverso il portale di prenotazione b2b dedicato al trade, le agenzie di viaggio e i tour operator possono esplorare una vasta gamma di pacchetti disponibili, prenotare strutture, trasferimenti, escursioni, e pianificare itinerari su misura con guide in italiano. La linea telefonica di Global Gsa dedicata a Dmc Arabia – Kurban Tours – Plaza Tours è 02 36212225; l’indirizzo e-mail: italy@dmcarabia.com. [post_title] => Global Gsa rappresentante esclusivo in Italia del gruppo Dmc Arabia – Kurban Tours – Plaza Tours [post_date] => 2024-03-26T09:59:18+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator [1] => video ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator [1] => Travel Video Web ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711447158000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. "Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani". I WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale". Bwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia. [post_title] => Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione [post_date] => 2024-03-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711367702000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Bad Moos Aqua Spa Resort di Sesto, in Alto Adige, è un paradiso per gli sportivi che possono praticare escursioni in quota e arrampicate, rilassanti passeggiate e tour in bicicletta ma anche per chi vuole abbandonarsi ad una vacanza tutta relax. Il Parco Naturale delle Dolomiti di Sesto offre uno scenario unico per le avventure all’aria aperta.   Per chi non vuole organizzare tutto da solo, la soluzione perfetta è affidarsi al programma Move & Balance del Bad Moos Aqua Spa Resort. Tante attività outdoor ogni giorno diverse che permettono di conoscere il territorio e mantenersi in forma, provare sport nuovi e godersi la bellezza dei paesaggi alpini. Praticare yoga all’aria aperta, passeggiare a piedi nudi per sollecitare i sensi, addentrarsi nel silenzio del bosco e respirare l’aria pura. Le escursioni più belle partono direttamente dall’hotel e permettono di scoprire l’incontaminata Val Fiscalina seguendo i sentieri che si snodano sotto le imponenti Dolomiti di Sesto. Appena fuori dal Bad Moos, inoltre, parte la funivia che porta ai Prati di Croda Rossa: in poco tempo e senza alcuno sforzo si raggiungono i 1900 m di altitudine. Da qui un percorso suggestivo e panoramico di un’ora e mezza permette di immergersi nella bellezza di questi paesaggi naturali. La passeggiata è ideale anche per famiglie con bambini, lungo il percorso infatti si possono ammirare luoghi affascinanti per i più piccoli, tra cui un covo di bracconieri e una casa delle streghe, ma anche un fantastico parco giochi. Per il pranzo si può scegliere la formula del picnic all’aria aperta una sosta rinfrancante in rifugio. Il territorio delle Dolomiti di Sesto si presta ad essere percorso in sella alla bicicletta. Il Bad Moos Aqua Spa Resort mette a disposizione degli ospiti gratuitamente mountain bike, city bike, caschi, mentre per il noleggio di e-bike il costo giornaliero è di 45 euro. I più allenati potranno mettersi alla prova con il Giro Bike-Tour, un percorso che permette di attraversare 5 cime per un totale di ca. 3.500 m di dislivello. Il segreto è servirsi degli impianti di risalita per coprire la maggior parte del dislivello e risparmiare così le energie per il divertimento della discesa. Il tour giornaliero inizia con la salita in funivia al Monte Elmo a 2.040m e si conclude sul trail tecnico “Croda Rossa” che termina alla stazione a valle della Croda Rossa, proprio davanti all’hotel. Molto apprezzato dai professionisti è lo Stoneman-Trail, un tour sulle Dolomiti lungo 120 km con più di 4.000 m di dislivello. Non mancano le proposte per i meno allenati che amano i percorsi in bicicletta, senza dover affrontare necessariamente grossi dislivelli. È il caso ad esempio della ciclabile che conduce fino a Lienz in Austria. Il percorso, che segue la Drava, con partenza da San Candido è lungo 44 km, che si percorrono senza difficoltà, sempre in leggera discesa. Si pedala in mezzo alla natura con vista sulle montagne e posticini tranquilli lungo la strada per le meritate soste. All’arrivo a Lienz ci si può dedicare a una visita della città per poi ritornare comodamente in treno. [post_title] => Bad Moos Aqua Spa Resort, primavera sportiva in Alto Adige tra escursioni e bicicletta [post_date] => 2024-03-25T11:24:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711365845000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1950" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":47,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468206","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Viaggiando dal sud del Marocco verso Marrakech si raggiunge Ouarzazate, punto di passaggio delle carovane che attraversano il deserto del Sahara. È una città ricca di sorprese, dove la storia e le tradizioni del Marocco più antico incontrano una contemporaneità inaspettata che ha al suo centro il mondo del cinema e pellicole molto famose.\r\n\r\nAlle porte del centro abitato si trova il vasto alveo dove in passato si incontravano due fiumi - il Dades e del Draa. Oggi è completamente asciutto, perché in Marocco non piove in modo significativo da 7 anni. La confluenza delle acque creava una barriera difensiva intorno ad Ait-Ben-Haddou, una “ksar” o città fortificata costruita lungo la rotta carovaniera che dal Sahara portava ai rilievi dell’Atlante e poi al mare. Dal 1987 è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le sue prime costruzioni in terracotta risalgono all’XI secolo, ma le attuali torri, decorate con fregi geometrici, sono più tarde, del XVII secolo.\r\n\r\nÈ un luogo incantato, ricco di fascino e silenzio, oggi abitato solo da poche famiglie e segnato dal terremoto del 2023. Da Ait-Ben-Haddou si raggiunge Ouarzazate, cresciuta negli anni ‘20, quando i francesi ne fecero un centro militare e amministrativo. Al centro della città si trova lo stupefacente complesso della Kasbah Taourirt, il “castello della collina”. Costruita nel 1754 da una tribù berbera è una delle meglio conservate del paese.\r\n\r\nLa kasbah del Marocco corrisponde al nostro castello. Vi abitava il pascià, ovvero il feudatario che coordinava il caravanserraglio riscuotendo le tasse di passaggio e controllando il lavoro dei suoi vassalli: i califfi. La kasbah, costruita in mattoni di fango essiccato al sole ricoperti di un composto isolante di paglia e fango, è quasi un labirinto di stanze di tutte le dimensioni, un tempo adornate da tappeti e vasi. Nella kasbah Taourirt ha vissuto fino al 1930 l'ultimo pascià, che aveva 19 mogli: la favorita - madre del primo maschio - 4 mogli ufficiali e 14 concubine. La costruzione viene regolarmente restaurata per preservare le mura dal passare del tempo e per accogliere i numerosi turisti. \r\n\r\nOltre a tanti ricordi storici e a un artigianato fatto di tappeti, gioielli berberi e una ricca offerta d’accoglienza turistica fatta di infrastrutture, hotel, e guest house, Ouarzazate offre al visitatore un tuffo nel mondo dei sogni: il cinema. Sin dagli anni ‘50 i cineasti di Hollywood furono conquistati dalla luce e dalla bellezza di una terra dove era possibile girare tutto l'anno. Nel 1954 fu realizzato “Alì Babà e i 40 ladroni” con Fernandel, data invece 1962 “Lawrence d’Arabia” con Omar Sharif e, da allora sono stati girati grandi film, capolavori della storia del cinema. Il territorio offre infatti deserto, oasi, alture, città antiche, kasbah ... Tra le pellicole girate: “L’uomo che volle farsi re”, “L’uomo che sapeva troppo”, “Il gioiello del Nilo”, “007 - Zona pericolo”, “L’ultima tentazione di Cristo”, “Il té nel deserto” e anche “La Mummia”, “Il Gladiatore” I e II, “Alexander”, “Le Crociate”, “Sahara”, “Babel” e “Inception”. Inoltre le Kasbah e i paesaggi desertici hanno permesso di riprodurre l'immaginario regno di Westeros della serie “Game of Thrones” e del prequel “House of Dragon”.\r\n\r\nNel 2007 è stato aperto di fronte alla kasbah un interessante museo che racconta la storia del cinema a Ouarzazate e testimonia il successo di un settore che ha portato ricchezza all’area con la nascita di istituti specializzati, oltre alla richiesta di accoglienza e anche di tante comparse! Sin dal 2001 queste pellicole vengono celebrate nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Marrakech, creato dal Re Mohammed VI.\r\n\r\n[gallery ids=\"468208,468214,468213\"]","post_title":"Marocco, Ouarzazate: dove la storia più antica incontra il mondo del cinema","post_date":"2024-05-28T08:58:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716886731000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467571","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467574\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Piantoni[/caption]\r\n\r\nUna sala gremita presso l’ambasciata italiana a Pechino ha ospitato ieri la presentazione della prima edizione di 1000 Miglia Experience China: l'evento che dal 14 al 17 novembre 2024 porterà per la prima volta la Freccia Rossa nel Paese del Dragone. Alla presenza del primo consigliere dell’ambasciata, Marco Midolo, l’amministratore delegato e il direttore generale di 1000 Miglia, Alberto Piantoni e Francesca Parolin, hanno siglato l’accordo di licenza con i rappresentanti della Federation Classic Car China che organizzerà la manifestazione per i prossimi due anni.\r\n\r\nLa 1000 Miglia Experience China 2024 si svilupperà nella provincia di Guangdong, la prima regione cinese ad avere relazioni commerciali con l’Europa, e più precisamente nell’area di Canton (o Guangzhou), e sarà aperta a sei diverse classi di auto, a partire da quelle appartenenti alla classe 1000 Miglia Era che comprende gli esemplari e i modelli che hanno preso parte alla 1000 Miglia di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. In occasione della presentazione, e per i prossimi due giorni, uno degli edifici più rappresentativi di Canton rimarrà illuminato con i simboli della 1000 Miglia e dell'evento, le cui iscrizioni apriranno a breve.","post_title":"La 1000 Miglia sbarca in Cina: la corsa si terrà a novembre nel Guangdong","post_date":"2024-05-17T10:56:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1715943412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467188","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Oggi Tirolo è una località di vacanza molto richiesta, con tante strutture ricettive, pregiati ristoranti, di cui 1 stellato (Castel fine dining, 2 stelle Michelin) e moltissimi servizi per i turisti come segnalazioni per sentieri escursionistici, la funivia dell’Alta Muta.\r\n\r\nLa seggiovia monoposto che collega Tirolo a Merano, autobus di linea puntuali ed efficienti, campi sportivi per praticare tennis, beach volley, minigolf, una piscina, parchi e un meraviglioso spazio per gli eventi che si susseguono uno dietro l’altro dalla primavera all’autunno. Nel 2024, Tirolo vanta ben 5.724 posti letto e 886.578 pernottamenti (dato del 2023).\r\n\r\nIl recente libro scritto da J. Christian Rainer, “Saluti da Tirolo” offre un’interessante panoramica sul turismo a Tirolo e sulla sua evoluzione.\r\n\r\nTirolo non ha beneficiato della piena espansione turistica di Merano negli anni Settanta del 1800. I turisti, infatti, giungevano a Tirolo solo per una gita al Castello e la situazione rimase così fino al Secondo Dopoguerra. All’inizio degli anni Cinquanta a Tirolo ancora non esistevano strade asfaltate.\r\n\r\nColoro che cercavano una camera o un letto per dormire, si dovevano rivolgere al Segretario comunale, che contattava i principali masi contadini per trovare una stanza.\r\nLa nascita\r\nIl 10 febbraio 1954, nacque però la Verschönerungsverein, un’associazione per l’abbellimento e la valorizzazione del paese, il cui scopo era quello di aprire a Tirolo la strada per diventare una destinazione turistica.\r\n\r\nRapidamente Tirolo divenne così una delle mete più amate dai vacanzieri tedeschi, i quali, dopo il trauma della guerra, erano in cerca soprattutto di un luogo tranquillo.\r\n\r\nIl lavoro della Verschönerungsverein modificò presto le tendenze e abitudini dei turisti. Se nell’anno della sua fondazione (1954), Tirolo disponeva di 60 posti letto per gli ospiti, solo un anno più tardi se ne contavano già 300 e il numero dei pernottamenti, circa 10.000, aveva per la prima volta raggiunto le cinque cifre.\r\n\r\nUn numero che, nei quattro anni successivi, aumentò di ben dieci volte: già nel 1959, Tirolo tagliò il traguardo dei 100.000 pernottamenti. Se all’inizio degli anni Cinquanta, nel borgo contadino, i turisti erano ancora una rarità, alla fine del decennio erano diventati parte integrante dell’immagine del paese, influenzandone lo sviluppo in modo decisivo.","post_title":"Tirolo, destinazione turistica dal 1954, oggi meta ricca di servizi","post_date":"2024-05-14T10:01:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715680892000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466578","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bellagio, la perla del Lago di Como, è conosciuta  in tutto il mondo per la sua incantevole posizione tra i due rami del lago, per le antiche e suggestive abitazioni del vecchio borgo, i misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate dove sfilano eleganti vetrine, tra hotel di gran classe e tipici ristoranti.\r\n\r\nLa navigazione e il Lago di Como sono un binomio imprescindibile per la varietà di itinerari, escursioni, passeggiate e visite ai suoi splendidi tesori dal lago o da terra.\r\nNon per niente a  Bellagio, nella pittoresca frazione di San Giovanni, sorge un affascinante museo nautico, che raccoglie una ricchissima collezione di oggetti, reperti, manufatti, documenti che raccontano e certificano la storia e l’evoluzione del “navigato” nelle cristalline acque del Lago (e del mare in generale).\r\n\r\nIl ‘Museo degli strumenti per la navigazione” è la prestigiosa raccolta di introvabili strumenti e oggetti di navigazione. Per la sua unicità è stata inserita tra i luoghi della cultura del Ministero della Cultura. Insieme a Villa Melzi è uno dei due Musei di Bellagio.\r\nFondato dal grande appassionato di barche d’epoca Gianni Gini (è stato negli anni Settanta proprietario di Bona Fide, un Cutter aurico progettato nel 1899, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi del 1900, nonché dello scafo Victory 83 che ha partecipato all'edizione del 1983 della Coppa America), espone al suo interno una collezione di oltre 600 oggetti e strumenti legati alla navigazione, acquisiti in 40 anni di minuziosa ricerca: strumenti di varie epoche che hanno permesso all’uomo di orientarsi e oggetti legati alla navigazione.\r\nDatati a partire dal 1500, non mancano bussole, astrolabi, cannocchiali settecenteschi di produzione veneziana, cronometri di marina, orologi solari, una sfera armillare (un modello della sfera celeste), diari di bordo dell’Ottocento, un planetario in ottone, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione. La collezione è esposta sui 3 piani di un caratteristico edificio (un’antica abitazione a torre totalmente ristrutturata) con gli oggetti collocati in base alla loro funzione: al primo piano sono trovano posto gli strumenti per la determinazione della latitudine; al secondo piano quelli per la longitudine e al terzo piano i diari di bordo e gli strumenti per il carteggio.\r\n\r\nFu il 14 giugno 1968 con l’acquisto di un grafometro veneziano, che ebbe inizio la collezione degli strumenti di marina. Gianni Gini, in vacanza a Cannes. lo vide risplendere in una vetrina sulla Croisette. Da allora la sua passione per gli strumenti nautici l’ha portato a collezionarne oltre 600 custoditi nel museo che ha aperto i battenti Il 21 giugno del 2001 nell’antica casa torre di San Giovanni a Bellagio.\r\n\r\nChe sia dunque un soggiorno, un weekend o una toccata e fuga al lago, ritagliarsi uno spazio per visitare qualcosa di unico come  il “Museo degli strumenti per la navigazione” è assolutamente consigliato.\r\nIl Museo degli Strumenti per la Navigazione è aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 (tranne il lunedì ); visite pomeridiane disponibili solo su prenotazione. 5 euro tariffa intera (previste riduzioni per gruppi)\r\n\r\n ","post_title":"Bellagio, focus sul Museo degli Strumenti per la Navigazione","post_date":"2024-05-02T11:49:54+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1714650594000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466350","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con Evolution Travel una miriade di possibilità ed esperienze per esplorare la terra del Sol Levante da tanti e nuovi punti di vista.\r\n\r\nPer i viaggiatori che non hanno molto tempo a disposizione, Evolution Travel propone diverse opportunità, che si possono personalizzare a seconda delle richieste: un tour guidato di gruppo di una settimana (6 notti) per conoscere gli aspetti più tipici del Giappone, a partire dalla splendida Tokyo, gli affascinanti templi, i giardini zen e le eleganti geishe di Kyoto, Nara, città Patrimonio UNESCO (prezzo a partire da 1800 euro a persona in hotel 3 o 4 stelle, voli esclusi); un viaggio culturale individuale di 8 giorni e 6 notti con la presenza di un assistente locale in lingua italiana per immergersi tra le principali località del Giappone, con esperienze come la salita in funivia sul Monte Fuji da Hakone e una giornata dedicata alla scoperta dei paesaggi montagnosi del vulcano e dell’Open Air Museum (da 1750 euro a persona con soggiorno in struttura 4 stelle); oppure un itinerario “smart & easy” con la possibilità di scegliere liberamente tra visite guidate ed escursioni a partire da Kyoto con i suoi patrimoni storici, artistici e culturali, per poi scoprire Hiroshima, punto di partenza per visitare l’isola di Miyajima e il suo santuario sul mare, e poi la vivace Osaka e Kyoto (da 1290 euro a persona per 9 giorni e 8 notti). \r\n\r\nPer chi vuole concedersi un viaggio più lungo e sperimentare anche rotte insolite, con Evolution Travel hanno solo l’imbarazzo della scelta. Il “Tour insolito lungo”, un itinerario di 11 giorni e 10 notti guidato prevede un programma coinvolgente che esplora l’essenza spirituale del Giappone, ma anche quella culturale e moderna, a partire da Kyoto e la sua storia millenaria, le passeggiate nell’antico quartiere Bikan di Kurashiki, la scoperta di Nara, con il Todai-ji, più grande edificio in legno del mondo, che custodisce una statue in bronzo del Buddha di 16 metri, le visite a Hiroshima e Miyajima. Il prezzo, volo escluso, è a partire da 4260 euro a persona con soggiorno in hotel 3 o 4 stelle.\r\n\r\n Un altro viaggio di gruppo con voli inclusi è tra “i panorami del Sol Levante”: 14 giorni e 12 notti con guida in italiano per inoltrarsi nella cultura giapponese. Tra le tappe, le meraviglie tecnologiche di Tokyo e Osaka, le antiche tradizioni popolari di Takayama, piccolo centro sulle Alpi giapponesi conosciuto per l’artigianato del legno e Kanazawa, famoso per i distretti di epoca Edo, i musei d’arte, i giardini idilliaci. E poi, lo spettacolo della natura del Fujiyama, di Nara e della Valle di Kiso (Tsumago e Magome) e tantissime curiosità. Il viaggio è a partire da 4120 euro a persona in hotel di livello con la possibilità di pernottare nel tipico ryokan e nella foresteria di un monastero, con guida in italiano e pasti inclusi. \r\n\r\nChi è alla ricerca di un itinerario insolito, con Evolution Travel può partecipare al viaggio guidato di 11 giorni e 9 notti riservato a massimo 16 persone nelle località nipponiche più affascinanti. Oltre a scoprire gli aspetti meno noti di Tokyo e Kyoto, i viaggiatori fanno tappa alle tradizionali Takayama e Kanazawa e al villaggio rurale di Shirakawa. Tra le visite previste, la meravigliosa zona termale di Hirayu e il castello di Matsumoto, ma anche la piccola isola di Enoshima, collegata alla terraferma da un ponte di 400 metri. Sono compresi i voli, la guida in italiano, le colazioni e una cena tipica. Il soggiorno è in hotel 4 stelle con un pernottamento in ryokan. Il prezzo è a partire da 4250 euro a persona.\r\n\r\n ","post_title":"Evolution Travel, il magico Giappone tra tour guidati ed itinerari insoliti","post_date":"2024-04-29T10:58:33+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714388313000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465035","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Uzbekistan Airways è tornata a collegare Roma con Tashkent e Urgench, dopo la pausa forzata causata dalla pandemia. La compagnia di bandiera uzbeka, da ieri 7 aprile, opera un nuovo volo verso Tashkent e Urgench, rispettivamente capitale del Paese e capitake della regione del Koresm e porta di ingresso principale per chi vuole viaggiare lungo l’Antica via della Seta. Il nuovo volo si aggiunge a quelli già operati da Uzbekistan Airways, per un totale di tre voli settimanali dall’Italia.\r\n\r\nSulla Roma Fiumicino-Urgench l'operativo prevede ogni domenica partenza alle 21.20 e arrivo alle 06.20 del mattino successivo; il volo di ritorno decolla dalla capitale uzbeka alle 14.00 locali, fa uno stop a Urgench da cui riparte alle 16.45 ed atterra a Roma alle 19.50 italiane. L’orario dei voli è stato pensato per venire incontro alle esigenze di coloro che vogliano visitare l’Uzbekistan con il massimo della comodità. Arrivare a Tashkent e ripartire da Urgench significa infatti poter accedere alle bellezze della Via della Seta, evitando costi e tempistiche necessari per gli spostamenti interni in Uzbekistan. Inoltre, i voli sono anche pensati per permettere comode coincidenze con voli domestici Ita Airways, dando così la possibilità di partire con un solo biglietto dalla propria città di residenza.\r\n\r\n«Con il collegamento con Roma, salgono a tre i nostri voli settimanali per l’Uzbekistan dall’Italia - afferma Sergey Shirov, regional manager della compagnia aerea -. L’Italia è uno dei mercati chiave per Uzbekistan Airways, non solo per il traffico outbound verso l’Uzbekistan, per noi importantissimo, ma anche per il crescente numero di passeggeri uzbechi e asiatici che scelgono di volare con Uzbekistan Airways per visitare il vostro bel paese. Siamo fiduciosi che alla luce dei risultati positivi di questa stagione estiva, Uzbekistan Airways attiverà frequenze aggiuntive da/per L’Italia e Roma in futuro».\r\n\r\n«L’Uzbekistan è una destinazione affascinante, ricca di storia, architettura e tappa fondamentale sulla Via della Seta - sottolinea Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma -. Questo collegamento diretto con Tashkent rappresenterà un fattore di stimolo per gli scambi economici, turistici e commerciali che intercorrono tra i due Paesi, creando nuove opportunità di sviluppo e crescita».","post_title":"Uzbekistan Airways torna nei cieli di Roma con il volo per Tashkent e Urgench","post_date":"2024-04-08T11:40:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712576412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464269","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Global Gsa è il nuovo rappresentante esclusivo sul mercato italiano del gruppo Dmc Arabia – Kurban Tours – Plaza Tours. Si occuperà di tutte le attività marketing e commerciali sul territorio per conto della destination management company. “Siamo orgogliosi di rappresentare questo operatore turistico attivo negli Emirati, nonché in Arabia Saudita, Oman, Libano e Giordania - commenta Manlio Olivero, presidente & ceo del gsa milanese -. La nuova collaborazione consentirà al trade di fornire ai propri clienti pacchetti vantaggiosi, facendo affidamento a dmc in possesso di conoscenze e competenze locali su mercati di particolare interesse\".\r\n\r\nLa dmc Arabia – Kurban Tours, con oltre 70 anni di esperienza, è specializzata in Medio Oriente. Fondata nel 1952 a Beirut, la società ha negli anni diversificato la propria attività in Libano, Emirati Arabi, Oman e Arabia Saudita. Il gruppo è inoltre specializzato in viaggi mice (meeting, incentive, conferenze ed eventi). Plaza Tours è invece una compagnia nata nel 1990 ad Amman, in Giordania, specializzata nell’organizzazione di tour individuali e di gruppo, con guide in lingua Italiana. Alle partenze garantite, l’operatore affianca la costruzione di viaggi personalizzati, comprensivi di tutti i servizi locali, cuciti su misura.\r\n\r\nAttraverso il portale di prenotazione b2b dedicato al trade, le agenzie di viaggio e i tour operator possono esplorare una vasta gamma di pacchetti disponibili, prenotare strutture, trasferimenti, escursioni, e pianificare itinerari su misura con guide in italiano. La linea telefonica di Global Gsa dedicata a Dmc Arabia – Kurban Tours – Plaza Tours è 02 36212225; l’indirizzo e-mail: italy@dmcarabia.com.","post_title":"Global Gsa rappresentante esclusivo in Italia del gruppo Dmc Arabia – Kurban Tours – Plaza Tours","post_date":"2024-03-26T09:59:18+00:00","category":["tour_operator","video"],"category_name":["Tour Operator","Travel Video Web"],"post_tag":[]},"sort":[1711447158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. \"Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani\". \r\nI WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale\". \r\nBwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia.\r\n","post_title":"Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione","post_date":"2024-03-25T11:55:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711367702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Bad Moos Aqua Spa Resort di Sesto, in Alto Adige, è un paradiso per gli sportivi che possono praticare escursioni in quota e arrampicate, rilassanti passeggiate e tour in bicicletta ma anche per chi vuole abbandonarsi ad una vacanza tutta relax.\r\n\r\nIl Parco Naturale delle Dolomiti di Sesto offre uno scenario unico per le avventure all’aria aperta.\r\n\r\n \r\n\r\nPer chi non vuole organizzare tutto da solo, la soluzione perfetta è affidarsi al programma Move & Balance del Bad Moos Aqua Spa Resort. Tante attività outdoor ogni giorno diverse che permettono di conoscere il territorio e mantenersi in forma, provare sport nuovi e godersi la bellezza dei paesaggi alpini. Praticare yoga all’aria aperta, passeggiare a piedi nudi per sollecitare i sensi, addentrarsi nel silenzio del bosco e respirare l’aria pura.\r\n\r\nLe escursioni più belle partono direttamente dall’hotel e permettono di scoprire l’incontaminata Val Fiscalina seguendo i sentieri che si snodano sotto le imponenti Dolomiti di Sesto. Appena fuori dal Bad Moos, inoltre, parte la funivia che porta ai Prati di Croda Rossa: in poco tempo e senza alcuno sforzo si raggiungono i 1900 m di altitudine. Da qui un percorso suggestivo e panoramico di un’ora e mezza permette di immergersi nella bellezza di questi paesaggi naturali. La passeggiata è ideale anche per famiglie con bambini, lungo il percorso infatti si possono ammirare luoghi affascinanti per i più piccoli, tra cui un covo di bracconieri e una casa delle streghe, ma anche un fantastico parco giochi. Per il pranzo si può scegliere la formula del picnic all’aria aperta una sosta rinfrancante in rifugio.\r\n\r\nIl territorio delle Dolomiti di Sesto si presta ad essere percorso in sella alla bicicletta. Il Bad Moos Aqua Spa Resort mette a disposizione degli ospiti gratuitamente mountain bike, city bike, caschi, mentre per il noleggio di e-bike il costo giornaliero è di 45 euro.\r\n\r\nI più allenati potranno mettersi alla prova con il Giro Bike-Tour, un percorso che permette di attraversare 5 cime per un totale di ca. 3.500 m di dislivello. Il segreto è servirsi degli impianti di risalita per coprire la maggior parte del dislivello e risparmiare così le energie per il divertimento della discesa. Il tour giornaliero inizia con la salita in funivia al Monte Elmo a 2.040m e si conclude sul trail tecnico “Croda Rossa” che termina alla stazione a valle della Croda Rossa, proprio davanti all’hotel.\r\n\r\nMolto apprezzato dai professionisti è lo Stoneman-Trail, un tour sulle Dolomiti lungo 120 km con più di 4.000 m di dislivello.\r\n\r\nNon mancano le proposte per i meno allenati che amano i percorsi in bicicletta, senza dover affrontare necessariamente grossi dislivelli. È il caso ad esempio della ciclabile che conduce fino a Lienz in Austria. Il percorso, che segue la Drava, con partenza da San Candido è lungo 44 km, che si percorrono senza difficoltà, sempre in leggera discesa. Si pedala in mezzo alla natura con vista sulle montagne e posticini tranquilli lungo la strada per le meritate soste. All’arrivo a Lienz ci si può dedicare a una visita della città per poi ritornare comodamente in treno.","post_title":"Bad Moos Aqua Spa Resort, primavera sportiva in Alto Adige tra escursioni e bicicletta","post_date":"2024-03-25T11:24:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1711365845000]}]}}