2 October 2022

Direttore tecnico solo copertura regione Marche

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: NICO62006@LIBERO.IT
Provincia: • 
Comune:

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Offro direzione tecnica agenzia di viaggi, solo a copertura, per l’intero territorio nazionale. Iscritta all’albo regione Marche dal 1998. Disponibile subito, compenso modico.

 

 


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430723 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani. «Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi». Il visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali. Un territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico. Infine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana. [post_title] => La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia [post_date] => 2022-09-20T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663667158000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430417 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines festeggia 80 anni dall'apertura dei suoi primi voli verso il Messico: nel 1942, la compagnia aerea lanciò il collegamento da Dallas a Città del Messico, operato da un Douglas DC-3, facendo prima scalo a Monterrey per il rifornimento. Con questo volo, il Messico divenne la seconda destinazione internazionale della compagnia aerea, dopo il Canada (aperta nel 1941). Oggi il Messico rappresenta la più grande destinazione internazionale di American, con oltre 500 voli settimanali verso 27 città. E proprio quest'anno, il vettore ha registrato una crescita record nel Paese, con un aumento di oltre il 40% della capacità rispetto al 2019. Oltre a operare le rotte maggiormente strategiche con aeromobili più grandi, la compagnia aerea ha anche aperto nuove rotte, come quella da Austin a Cozumel e, a partire da novembre, un nuovo collegamento da Città del Messico e Monterrey a New York. American conta più di 1.100 membri dipendenti basati in Messico, il maggior numero al di fuori degli Stati Uniti; due uffici prenotazioni a Città del Messico e Monterrey, quattro centri di vendita biglietti a Città del Messico, Monterrey, Guadalajara e León, e un Admirals Club all'aeroporto internazionale Benito Juárez di Città del Messico. [post_title] => American celebra 80 anni di voli in Messico. Capacità a +40% rispetto al 2019 [post_date] => 2022-09-14T09:05:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663146350000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tradizione, accoglienza e rinnovamento. Ecco gli ingredienti fondamentali per accogliere i propri ospiti in oltre 60 anni di attività. Per l’Hotel Villa Ricci di Chianciano Terme accogliere significa andare incontro a tutte le esigenze della clientela. La famiglia proprietaria della struttura ha cominciato a muovere i primi passi nel turismo nel lontano 1958. «Mia nonna Elide – spiega Simonetta Mencarelli, proprietaria – ha iniziato come affittacamere, seguendo una tendenza che spingeva nuovi “investitori” a passare dalla terra all’accoglienza dei primi turisti. La struttura odierna risale al 1981 e comprende 90 camere. Da allora abbiamo fatto molti investimenti: nel 1986 abbiamo inaugurato una sala Convegni da 250 posti, nel 2008 abbiamo aperto il Centro Benessere Olistico ulteriormente arricchito nel 2011». L’area di Chianciano è conosciuta per il prodotto termale, che negli anni si è trasformato. «La provincia di Siena è l’unica al mondo – aggiunge Mencarelli – a proporre un circuito di 9 centri termali. Un’offerta di grande livello in un contesto paesaggistico, culturale e storico di eccellenza che attira anche chi punta sull’enogastronomia, i percorsi in bike e in moto». Una lungimiranza di tutto rispetto che negli anni ha aiutato la proprietà del Villa Ricci a comprendere le necessità del mercato, ovvero le diverse fasi che il settore termale ha attraversato. «Abbiamo comunque una clientela che continua a sceglierci negli anni – commenta Mencarelli – ma siamo riusciti a trovare nuovi filoni, come quello olistico sul quale abbiamo investito molto». Il Villa Ricci comprende anche il ristorante La Coccola, aperto anche agli esterni, punto di forza dell’offerta con una vasta scelta di piatti della tradizione toscana, con ingredienti a Km O. Per quanto riguarda l’offerta Benessere, il Villa Ricci si distingue per l’eccellenza dei trattamenti e dei servizi. «Il Salone dell’Acqua – conclude Mencarelli - è il cuore pulsante del nostro Centro Benessere Olistico, grande vasca di 80mq, con acqua riscaldata a temperatura costante di 34°C. Una volta immersi è possibile sperimentare un vero e proprio trattamento benessere grazie ad una combinazione di percorsi di idromassaggio accompagnati da cromoterapia e musicoterapia. C’è anche una grande area dedicata con 4 cabine trattamenti, dove l’acqua “elemento primordiale” è utilizzata in tutte le sue forme. Una rivisitazione moderna di ancestrali metodi di cura per favorire salute e benessere».         [post_title] => Hotel Villa Ricci, il focus è su benessere e tradizione [post_date] => 2022-09-07T09:43:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662543819000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429608 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E’ considerato uno tra i più bei musei etruschi sia per la ricchezza degli oggetti esposti che per il suggestivo allestimento. Il museo archeologico di Chianciano Terme è un vero e proprio gioiello, una tappa imperdibile per chi visita la rinomata località termale. Il museo, una mostra sulla civiltà etrusca, è ospitato all’interno di un vecchio granaio dei primi dell’ottocento, e si sviluppa su quattro piani, a cominciare dalla cantina con galleria scavata nella roccia. La visita è organizzata per sezioni tematiche che illustrano tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscana, attraverso reperti, suggestive ricostruzioni, descrizioni, immagini e brevi video. «La struttura museale nasce nel 1997 – spiega Roberto Betti, presidente dell’associazione Geo-Archeologica -  a seguito di un lungo lavoro svolto dai volontari della nostra divisione locale. Tutto quello che c’è, è stato trovato e restaurato dai volontari. L’obiettivo era proprio quello di mostrare attraverso gli oggetti e il contesto chi erano gli etruschi, popolo che ha lasciato poche testimonianze scritte. Si tratta comunque di scavi moderni iniziati nel 1986». Tra le chicche, la scoperta di un tomba principesca  del VII secolo a.C. ricostruita nella prima sala del museo. Molto suggestivo il percorso nella cantina ipogea del 1800, tra tombe etrusche ricostruite, che mostrano ricchi corredi e misteriosi vasi cinerari a forma umana, detti canopi. Al di fuori del suo orario di apertura, il museo è visitabile su prenotazione per gruppi di minimo 20 persone. [post_title] => Chianciano Terme rilancia il museo archelogico Etrusco [post_date] => 2022-08-31T09:10:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1661937054000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428987 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà il prossimo 24 settembre il Mandarin Oriental Palace, Luzern. Ricavato dalla ristrutturazione del palazzo simbolo della Belle Époque della città svizzera, l'hotel si trova a due passi dal centro storico con vista sulle Alpi. Dietro il restyling c'è lo studio locale Iwan Bühler Architekten e gli interior designer londinesi Jestico + Whiles, che hanno creato un design contemporaneo, ispirato alla bellezza dei paesaggi svizzeri, pur preservando la storia dell’edificio. Il risultato finale è anche un omaggio all'imprenditore svizzero Franz Josef Bucher, che realizzò il suo sogno di rifugio mediterraneo quando costruì questo palazzo nel 1906. L'hotel dispone di 136 camere, tra cui 48 suite tra le più grandi di Lucerna, come le due rooftop con terrazza panoramica e vista a 360 gradi sul lago e sulle montagne, nonché la presidenziale che si sviluppa su una superficie 133 metri quadrati. La struttura include anche quattro ristoranti e bar guidati dallo chef stellato Gilad Peled. La spa Bellefontaine mira a essere un vero santuario di benessere che offre trattamenti viso e corpo firmati dal brand svizzero leader nel settore della skincare di alta gamma. L'area wellness comprende inoltre sauna, bagno turco, docce emozionali e una zona relax. In aggiunta, una sala fitness all'avanguardia con attrezzature Life Fitness è disponibile 24 ore al giorno. A completare l'offerta, quattro spazi mice recentemente rinnovate con luce naturale,  tra cui il salon Alpine, un gioello storico con decorazioni originali della Belle Époque risalenti al 1906, e la Edelweiss ballroom con vista sul lago e sul giardino. [post_title] => Sarà inaugurato il prossimo 24 settembre il Mandarin Oriental Palace, Luzern [post_date] => 2022-07-27T14:29:46+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658932186000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428611 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Irlanda, dopo due anni di chiusura dovuti alla pandemia, ha riaperto alle visite alcune delle attrazioni imperdibili dell’Isola. Tra le riaperture più significative c’è quella del centro visitatori di Céide Fields, uno dei monumenti dell'età della pietra più estesi al mondo, posizionato lungo la Wild Atlantic Way. C'è poi la camera funeraria di Newgrange, il più antico osservatorio solare del mondo: nella contea di Meath, alla periferia di Dublino, si trova una delle aree archeologiche più spettacolari dell'isola. Più antica delle piramidi di Giza, questa necropoli risale al Neolitico ed è considerata un antico tempio di grande importanza astronomica, spirituale e cerimoniale. Skellig Michael, l'ultimo rifugio di Luke Skywalker: nel sud-ovest dell'isola, nelle acque al largo della contea di Kerry, si trovano le due isole Skellig. La più grande è Skellig Michael, imponente piramide rocciosa che tocca i 220 metri di altitudine, dichiarata dal 1996 Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e nota per essere stata l'ambientazione di alcuni episodi della saga di Star Wars. Dopo la chiusura per la pandemia, è di nuovo accessibile ai visitatori fino al 1° ottobre.  Uno dei simboli dell'Irlanda del Nord è il ponte di corda di Carrick-a-Rede, nella contea di Antrim. Costruito da pescatori nel 1755 è oggi una delle principali attrazioni turistiche dell’area a nord dell'Isola di Smeraldo, anche grazie al successo di Game of Thrones, a cui ha prestato la propria scenografica ed esile campata. Un altro dei più importanti monumenti della storia irlandese che ha recentemente riaperto i battenti è la Martello Tower, nota anche come James Joyce Towe and Museum. Situata appena fuori dall’area prettamente urbana di Dublino, a Sandycove, è dedicata al famoso e importante scrittore irlandese. [post_title] => Irlanda: di nuovo visitabili alcuni dei siti più rappresentativi dell'Isola [post_date] => 2022-07-20T12:03:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658318628000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il brand del gruppo Marriott (già Starwood prima della fusione con la compagnia del Maryland), inizialmente nata proprio per valorizzare le proprietà della più famosa realtà dell'ospitalità di lusso italiana, continua infatti a perdere pezzi pregiati del proprio portfolio originario. Dopo il Danieli, che nel 2025 passerà sotto l'egida Four Seasons è questa la volta del Cristallo di Cortina, mentre per la fine del prossimo inverno si attende la decisione sul destino dei tre gioielli della Costa Smeralda: Pitrizza, Romazzino e Cala di Volpe. Il gruppo Mandarin ha appena annunciato di aver siglato un accordo di lungo termine con Attestor Capital, già proprietaria del Mandarin Oriental, Lago di Como, ex Casta Diva, per il rebranding e la gestione del Cristallo. La società di investment management con base a Londra ha infatti acquisito la struttura dolomitica esattamente un anno fa. Dopo la chiusura nel secondo trimestre del 2023, l'hotel sarà sottoposto a una sostanziale ristrutturazione e riaprirà come Mandarin Oriental resort nell'estate del 2025, in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. I lavori prevedono anche un importante ampliamento a cura degli architetti Herzog e deMeuron. Il Mandarin Oriental Cristallo, Cortina sarà il primo resort alpino del gruppo ed espanderà ulteriormente la presenza della compagnia in Italia. Alla riapertura, la struttura disporrà di 83 stanze per gli ospiti, molte delle quali dotate di balcone, tra cui 30 suite con vista sulle Dolomiti. Il resort offrirà una serie di ristoranti e bar, ambienti flessibili per l’intrattenimento e gli eventi, oltre a un’ampia struttura spa e wellness, con una piscina di collegamento tra gli spazi interni ed esterni. L'hotel farà inoltre da cornice a una vasta gamma di esperienze, sci e golf, passeggiate e trekking di fondo, tennis, pattinaggio sul ghiaccio, mountain climbing e offrirà anche un Kid’s club attrezzato. Il Cristallo fu costruito nel 1901 in stile Art Nouveau dalla famiglia Menardi e negli anni Trenta è stato una destinazione sciistica popolare per la colta élite europea. Dopo i Giochi Olimpici del 1956, l'hotel entrò nel suo periodo d'oro di rinomata destinazione sciistica, ospitando reali e celebrità, tra cui Peter Sellers, Frank Sinatra, Saul Bellow e Vladimir Nabokov. Il Cristallo ha anche fatto da cornice a numerosi film premiati, mantenendo il fascino storico di un grand hotel dei primi del Novecento [post_title] => C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il Cristallo di Cortina diventa Mandarin [post_date] => 2022-06-14T14:40:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655217606000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426429 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo Tribute in arrivo in Italia. Dopo il debutto di Roma dello scorso anno, arriva infatti ora la notizia di una nuova apertura del brand di casa Marriott a Cortina (mentre un terzo sarebbe in pipeline a Milano, tramite il rebranding del Four Points by Sheraton Milan Center, ndr). A occuparsi delle operazioni, nonché del rilancio e del restyling dell'hotel Dolomiti, sarà la white label company italiana Ppn Hospitality. La ristrutturazione avverrà sotto la guida tecnica e progettuale degli architetti dello studio Gris e Dainese. Lo storico albergo ampezzano si prepara così a diventare protagonista anche delle Olimpiadi invernali di Cortina del 2026. Progettato dall'architetto Edoardo Gellner proprio in vista dei Giochi del 1956, l'hotel verrà ribattezzato Cortina e vanterà 75 camere, una spa, un ristorante gourmet e un rooftop con vista sulle Dolomiti. Il tutto distribuito su una superficie di oltre 6.600 metri quadrati totali. L'apertura è prevista per dicembre 2024. Ey ha assistito la proprietà, il fondo Banor Special Situation che ha acquisito la struttura a luglio 2020, nella selezione dell'operatore. “Siamo felici di poter guidare il nuovo corso di una delle realtà alberghiere più storiche e importanti di Cortina d’Ampezzo - commenta il ceo di Ppn Hospitality, Filippo Cavandoli -. Siamo pronti quindi a raccogliere questa nuova sfida con la certezza che il nuovo hotel diventerà una cornice ideale per un turismo d’élite anche in occasione delle Olimpiadi che si svolgeranno a Cortina nel 2026". [post_title] => A Cortina arriva un Tribute. Lo gestirà Ppn Hospitality [post_date] => 2022-06-10T13:52:44+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1654869164000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426145 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Poco dopo aver superato il confine tra l’Italia e la Svizzera si incontra la Ferrovia Monte Generoso: una cremagliera nata nel 1890 e ancora attiva grazie all’impegno del fondatore della Migros Gottlieb Duttweiler, che la acquistò nel 1941 per salvarla dallo smantellamento a cui era destinata a causa della necessità di materiali della Seconda Guerra Mondiale. La Ferrovia e il vicino Camping sono da allora economicamente sostenuti dal Percento culturale Migros, che ha affidato all’architetto ticinese Mario Botta la progettazione del suggestivo “Fiore di pietra” in vetta al Monte Generoso: un’accogliente struttura con ristoranti e sale meeting. Uno dei focus prioritari della Ferrovia Monte Generoso è diventare un’azienda equa e sostenibile. «La filosofia green e la sostenibilità fanno parte del nostro dna - spiega Monica Besomi, head of marketing & communication and vice director della Ferrovia -. La nostra strategia di sviluppo sostenibile si diversifica in quattro aree: Clima & Energia, Economia circolare, Assortimento e Coesione sociale». La salvaguardia delle zone verdi intorno alla Ferrovia e il loro rinverdimento, insieme con l’ottimizzazione energetica – data dalla riduzione delle emissioni di CO2 e dall’installazione di pannelli solari - rientrano nell’area “Clima & Energia”. L’”Economia Circolare” riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro pesatura, con l’obiettivo di ottenere il terzo livello del label “Swisstainable” di Svizzera Turismo. L’utilizzo di prodotti a km zero e una proposta enogastronomica attenta alle peculiarità del territorio sono legate al tema dell’”Assortimento”, mentre la “Coesione sociale” parla dell’attenzione al tema della disabilità e dell’impegno nei confronti dei collaboratori. Il simbolo di questa strategia di sviluppo sostenibile per il 2022 è la Tisana Monte Generoso: una miscela di erbe biologiche e stelle alpine coltivate ai piedi del Monte Generoso e poi trasformate in una bevanda unica da aziende locali.    [post_title] => Svizzera: al Monte Generoso la sostenibilità si fa in quattro [post_date] => 2022-06-07T11:36:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1654601795000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1946" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":79,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430723","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nLa Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani.\r\n\r\n«Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi».\r\n\r\nIl visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali.\r\n\r\nUn territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico.\r\n\r\nInfine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana.","post_title":"La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia","post_date":"2022-09-20T09:45:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663667158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430417","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"American Airlines festeggia 80 anni dall'apertura dei suoi primi voli verso il Messico: nel 1942, la compagnia aerea lanciò il collegamento da Dallas a Città del Messico, operato da un Douglas DC-3, facendo prima scalo a Monterrey per il rifornimento. Con questo volo, il Messico divenne la seconda destinazione internazionale della compagnia aerea, dopo il Canada (aperta nel 1941).\r\n\r\nOggi il Messico rappresenta la più grande destinazione internazionale di American, con oltre 500 voli settimanali verso 27 città. E proprio quest'anno, il vettore ha registrato una crescita record nel Paese, con un aumento di oltre il 40% della capacità rispetto al 2019. Oltre a operare le rotte maggiormente strategiche con aeromobili più grandi, la compagnia aerea ha anche aperto nuove rotte, come quella da Austin a Cozumel e, a partire da novembre, un nuovo collegamento da Città del Messico e Monterrey a New York.\r\n\r\nAmerican conta più di 1.100 membri dipendenti basati in Messico, il maggior numero al di fuori degli Stati Uniti; due uffici prenotazioni a Città del Messico e Monterrey, quattro centri di vendita biglietti a Città del Messico, Monterrey, Guadalajara e León, e un Admirals Club all'aeroporto internazionale Benito Juárez di Città del Messico.","post_title":"American celebra 80 anni di voli in Messico. Capacità a +40% rispetto al 2019","post_date":"2022-09-14T09:05:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663146350000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430035","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tradizione, accoglienza e rinnovamento. Ecco gli ingredienti fondamentali per accogliere i propri ospiti in oltre 60 anni di attività. Per l’Hotel Villa Ricci di Chianciano Terme accogliere significa andare incontro a tutte le esigenze della clientela.\r\n\r\nLa famiglia proprietaria della struttura ha cominciato a muovere i primi passi nel turismo nel lontano 1958. «Mia nonna Elide – spiega Simonetta Mencarelli, proprietaria – ha iniziato come affittacamere, seguendo una tendenza che spingeva nuovi “investitori” a passare dalla terra all’accoglienza dei primi turisti. La struttura odierna risale al 1981 e comprende 90 camere. Da allora abbiamo fatto molti investimenti: nel 1986 abbiamo inaugurato una sala Convegni da 250 posti, nel 2008 abbiamo aperto il Centro Benessere Olistico ulteriormente arricchito nel 2011».\r\n\r\nL’area di Chianciano è conosciuta per il prodotto termale, che negli anni si è trasformato.\r\n\r\n«La provincia di Siena è l’unica al mondo – aggiunge Mencarelli – a proporre un circuito di 9 centri termali. Un’offerta di grande livello in un contesto paesaggistico, culturale e storico di eccellenza che attira anche chi punta sull’enogastronomia, i percorsi in bike e in moto».\r\n\r\nUna lungimiranza di tutto rispetto che negli anni ha aiutato la proprietà del Villa Ricci a comprendere le necessità del mercato, ovvero le diverse fasi che il settore termale ha attraversato. «Abbiamo comunque una clientela che continua a sceglierci negli anni – commenta Mencarelli – ma siamo riusciti a trovare nuovi filoni, come quello olistico sul quale abbiamo investito molto».\r\n\r\nIl Villa Ricci comprende anche il ristorante La Coccola, aperto anche agli esterni, punto di forza dell’offerta con una vasta scelta di piatti della tradizione toscana, con ingredienti a Km O.\r\n\r\nPer quanto riguarda l’offerta Benessere, il Villa Ricci si distingue per l’eccellenza dei trattamenti e dei servizi. «Il Salone dell’Acqua – conclude Mencarelli - è il cuore pulsante del nostro Centro Benessere Olistico, grande vasca di 80mq, con acqua riscaldata a temperatura costante di 34°C. Una volta immersi è possibile sperimentare un vero e proprio trattamento benessere grazie ad una combinazione di percorsi di idromassaggio accompagnati da cromoterapia e musicoterapia. C’è anche una grande area dedicata con 4 cabine trattamenti, dove l’acqua “elemento primordiale” è utilizzata in tutte le sue forme. Una rivisitazione moderna di ancestrali metodi di cura per favorire salute e benessere».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Hotel Villa Ricci, il focus è su benessere e tradizione","post_date":"2022-09-07T09:43:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1662543819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429608","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E’ considerato uno tra i più bei musei etruschi sia per la ricchezza degli oggetti esposti che per il suggestivo allestimento. Il museo archeologico di Chianciano Terme è un vero e proprio gioiello, una tappa imperdibile per chi visita la rinomata località termale.\r\n\r\nIl museo, una mostra sulla civiltà etrusca, è ospitato all’interno di un vecchio granaio dei primi dell’ottocento, e si sviluppa su quattro piani, a cominciare dalla cantina con galleria scavata nella roccia.\r\n\r\nLa visita è organizzata per sezioni tematiche che illustrano tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscana, attraverso reperti, suggestive ricostruzioni, descrizioni, immagini e brevi video.\r\n\r\n«La struttura museale nasce nel 1997 – spiega Roberto Betti, presidente dell’associazione Geo-Archeologica -  a seguito di un lungo lavoro svolto dai volontari della nostra divisione locale. Tutto quello che c’è, è stato trovato e restaurato dai volontari. L’obiettivo era proprio quello di mostrare attraverso gli oggetti e il contesto chi erano gli etruschi, popolo che ha lasciato poche testimonianze scritte. Si tratta comunque di scavi moderni iniziati nel 1986».\r\n\r\nTra le chicche, la scoperta di un tomba principesca  del VII secolo a.C. ricostruita nella prima sala del museo. Molto suggestivo il percorso nella cantina ipogea del 1800, tra tombe etrusche ricostruite, che mostrano ricchi corredi e misteriosi vasi cinerari a forma umana, detti canopi. Al di fuori del suo orario di apertura, il museo è visitabile su prenotazione per gruppi di minimo 20 persone.","post_title":"Chianciano Terme rilancia il museo archelogico Etrusco","post_date":"2022-08-31T09:10:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1661937054000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428987","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà il prossimo 24 settembre il Mandarin Oriental Palace, Luzern. Ricavato dalla ristrutturazione del palazzo simbolo della Belle Époque della città svizzera, l'hotel si trova a due passi dal centro storico con vista sulle Alpi. Dietro il restyling c'è lo studio locale Iwan Bühler Architekten e gli interior designer londinesi Jestico + Whiles, che hanno creato un design contemporaneo, ispirato alla bellezza dei paesaggi svizzeri, pur preservando la storia dell’edificio. Il risultato finale è anche un omaggio all'imprenditore svizzero Franz Josef Bucher, che realizzò il suo sogno di rifugio mediterraneo quando costruì questo palazzo nel 1906.\r\n\r\nL'hotel dispone di 136 camere, tra cui 48 suite tra le più grandi di Lucerna, come le due rooftop con terrazza panoramica e vista a 360 gradi sul lago e sulle montagne, nonché la presidenziale che si sviluppa su una superficie 133 metri quadrati. La struttura include anche quattro ristoranti e bar guidati dallo chef stellato Gilad Peled. La spa Bellefontaine mira a essere un vero santuario di benessere che offre trattamenti viso e corpo firmati dal brand svizzero leader nel settore della skincare di alta gamma. L'area wellness comprende inoltre sauna, bagno turco, docce emozionali e una zona relax. In aggiunta, una sala fitness all'avanguardia con attrezzature Life Fitness è disponibile 24 ore al giorno. A completare l'offerta, quattro spazi mice recentemente rinnovate con luce naturale,  tra cui il salon Alpine, un gioello storico con decorazioni originali della Belle Époque risalenti al 1906, e la Edelweiss ballroom con vista sul lago e sul giardino.","post_title":"Sarà inaugurato il prossimo 24 settembre il Mandarin Oriental Palace, Luzern","post_date":"2022-07-27T14:29:46+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1658932186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428611","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n L'Irlanda, dopo due anni di chiusura dovuti alla pandemia, ha riaperto alle visite alcune delle attrazioni imperdibili dell’Isola. Tra le riaperture più significative c’è quella del centro visitatori di Céide Fields, uno dei monumenti dell'età della pietra più estesi al mondo, posizionato lungo la Wild Atlantic Way.\r\n\r\nC'è poi la camera funeraria di Newgrange, il più antico osservatorio solare del mondo: nella contea di Meath, alla periferia di Dublino, si trova una delle aree archeologiche più spettacolari dell'isola. Più antica delle piramidi di Giza, questa necropoli risale al Neolitico ed è considerata un antico tempio di grande importanza astronomica, spirituale e cerimoniale.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nSkellig Michael, l'ultimo rifugio di Luke Skywalker: nel sud-ovest dell'isola, nelle acque al largo della contea di Kerry, si trovano le due isole Skellig. La più grande è Skellig Michael, imponente piramide rocciosa che tocca i 220 metri di altitudine, dichiarata dal 1996 Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e nota per essere stata l'ambientazione di alcuni episodi della saga di Star Wars. Dopo la chiusura per la pandemia, è di nuovo accessibile ai visitatori fino al 1° ottobre. \r\n\r\nUno dei simboli dell'Irlanda del Nord è il ponte di corda di Carrick-a-Rede, nella contea di Antrim. Costruito da pescatori nel 1755 è oggi una delle principali attrazioni turistiche dell’area a nord dell'Isola di Smeraldo, anche grazie al successo di Game of Thrones, a cui ha prestato la propria scenografica ed esile campata.\r\n\r\nUn altro dei più importanti monumenti della storia irlandese che ha recentemente riaperto i battenti è la Martello Tower, nota anche come James Joyce Towe and Museum. Situata appena fuori dall’area prettamente urbana di Dublino, a Sandycove, è dedicata al famoso e importante scrittore irlandese.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Irlanda: di nuovo visitabili alcuni dei siti più rappresentativi dell'Isola","post_date":"2022-07-20T12:03:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1658318628000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426591","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il brand del gruppo Marriott (già Starwood prima della fusione con la compagnia del Maryland), inizialmente nata proprio per valorizzare le proprietà della più famosa realtà dell'ospitalità di lusso italiana, continua infatti a perdere pezzi pregiati del proprio portfolio originario. Dopo il Danieli, che nel 2025 passerà sotto l'egida Four Seasons è questa la volta del Cristallo di Cortina, mentre per la fine del prossimo inverno si attende la decisione sul destino dei tre gioielli della Costa Smeralda: Pitrizza, Romazzino e Cala di Volpe.\r\n\r\nIl gruppo Mandarin ha appena annunciato di aver siglato un accordo di lungo termine con Attestor Capital, già proprietaria del Mandarin Oriental, Lago di Como, ex Casta Diva, per il rebranding e la gestione del Cristallo. La società di investment management con base a Londra ha infatti acquisito la struttura dolomitica esattamente un anno fa. Dopo la chiusura nel secondo trimestre del 2023, l'hotel sarà sottoposto a una sostanziale ristrutturazione e riaprirà come Mandarin Oriental resort nell'estate del 2025, in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. I lavori prevedono anche un importante ampliamento a cura degli architetti Herzog e deMeuron.\r\n\r\nIl Mandarin Oriental Cristallo, Cortina sarà il primo resort alpino del gruppo ed espanderà ulteriormente la presenza della compagnia in Italia. Alla riapertura, la struttura disporrà di 83 stanze per gli ospiti, molte delle quali dotate di balcone, tra cui 30 suite con vista sulle Dolomiti. Il resort offrirà una serie di ristoranti e bar, ambienti flessibili per l’intrattenimento e gli eventi, oltre a un’ampia struttura spa e wellness, con una piscina di collegamento tra gli spazi interni ed esterni. L'hotel farà inoltre da cornice a una vasta gamma di esperienze, sci e golf, passeggiate e trekking di\r\nfondo, tennis, pattinaggio sul ghiaccio, mountain climbing e offrirà anche un Kid’s club attrezzato.\r\n\r\nIl Cristallo fu costruito nel 1901 in stile Art Nouveau dalla famiglia Menardi e negli anni Trenta è stato una destinazione sciistica popolare per la colta élite europea. Dopo i Giochi Olimpici del 1956, l'hotel entrò nel suo periodo d'oro di rinomata destinazione sciistica, ospitando reali e celebrità, tra cui Peter Sellers, Frank Sinatra, Saul Bellow e Vladimir Nabokov. Il Cristallo ha anche fatto da cornice a numerosi film premiati, mantenendo il fascino storico di un grand hotel dei primi del Novecento","post_title":"C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il Cristallo di Cortina diventa Mandarin","post_date":"2022-06-14T14:40:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1655217606000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426429","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo Tribute in arrivo in Italia. Dopo il debutto di Roma dello scorso anno, arriva infatti ora la notizia di una nuova apertura del brand di casa Marriott a Cortina (mentre un terzo sarebbe in pipeline a Milano, tramite il rebranding del Four Points by Sheraton Milan Center, ndr). A occuparsi delle operazioni, nonché del rilancio e del restyling dell'hotel Dolomiti, sarà la white label company italiana Ppn Hospitality. La ristrutturazione avverrà sotto la guida tecnica e progettuale degli architetti dello studio Gris e Dainese.\r\n\r\nLo storico albergo ampezzano si prepara così a diventare protagonista anche delle Olimpiadi invernali di Cortina del 2026. Progettato dall'architetto Edoardo Gellner proprio in vista dei Giochi del 1956, l'hotel verrà ribattezzato Cortina e vanterà 75 camere, una spa, un ristorante gourmet e un rooftop con vista sulle Dolomiti. Il tutto distribuito su una superficie di oltre 6.600 metri quadrati totali. L'apertura è prevista per dicembre 2024. Ey ha assistito la proprietà, il fondo Banor Special Situation che ha acquisito la struttura a luglio 2020, nella selezione dell'operatore.\r\n\r\n“Siamo felici di poter guidare il nuovo corso di una delle realtà alberghiere più\r\nstoriche e importanti di Cortina d’Ampezzo - commenta il ceo di Ppn Hospitality, Filippo Cavandoli -. Siamo pronti quindi a raccogliere questa nuova sfida con la certezza che il nuovo hotel diventerà una cornice ideale per un turismo d’élite anche in occasione delle Olimpiadi che si svolgeranno a Cortina nel 2026\".","post_title":"A Cortina arriva un Tribute. Lo gestirà Ppn Hospitality","post_date":"2022-06-10T13:52:44+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1654869164000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426145","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nPoco dopo aver superato il confine tra l’Italia e la Svizzera si incontra la Ferrovia Monte Generoso: una cremagliera nata nel 1890 e ancora attiva grazie all’impegno del fondatore della Migros Gottlieb Duttweiler, che la acquistò nel 1941 per salvarla dallo smantellamento a cui era destinata a causa della necessità di materiali della Seconda Guerra Mondiale. La Ferrovia e il vicino Camping sono da allora economicamente sostenuti dal Percento culturale Migros, che ha affidato all’architetto ticinese Mario Botta la progettazione del suggestivo “Fiore di pietra” in vetta al Monte Generoso: un’accogliente struttura con ristoranti e sale meeting.\r\n\r\nUno dei focus prioritari della Ferrovia Monte Generoso è diventare un’azienda equa e sostenibile. «La filosofia green e la sostenibilità fanno parte del nostro dna - spiega Monica Besomi, head of marketing & communication and vice director della Ferrovia -. La nostra strategia di sviluppo sostenibile si diversifica in quattro aree: Clima & Energia, Economia circolare, Assortimento e Coesione sociale».\r\n\r\nLa salvaguardia delle zone verdi intorno alla Ferrovia e il loro rinverdimento, insieme con l’ottimizzazione energetica – data dalla riduzione delle emissioni di CO2 e dall’installazione di pannelli solari - rientrano nell’area “Clima & Energia”. L’”Economia Circolare” riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro pesatura, con l’obiettivo di ottenere il terzo livello del label “Swisstainable” di Svizzera Turismo. L’utilizzo di prodotti a km zero e una proposta enogastronomica attenta alle peculiarità del territorio sono legate al tema dell’”Assortimento”, mentre la “Coesione sociale” parla dell’attenzione al tema della disabilità e dell’impegno nei confronti dei collaboratori. Il simbolo di questa strategia di sviluppo sostenibile per il 2022 è la Tisana Monte Generoso: una miscela di erbe biologiche e stelle alpine coltivate ai piedi del Monte Generoso e poi trasformate in una bevanda unica da aziende locali. \r\n\r\n ","post_title":"Svizzera: al Monte Generoso la sostenibilità si fa in quattro","post_date":"2022-06-07T11:36:35+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1654601795000]}]}}