2 October 2022

Esperto settore Mice con conoscenza Gds

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 380 5163537
Email:
Provincia:
Comune:

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Professionista settore eventi e congressi con pluriennale esperienza biglietteria crs Galileo/Amadeus/Sipax, iscritto nelle liste di mobilità, offresi per lavoro anche a tempo determinato. Telefonare 380 5163537.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431245 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato. Progettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023. [post_title] => Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking [post_date] => 2022-09-28T11:08:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664363326000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453). Sono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia). «La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati». Tra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali. Passando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca. «Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente». [post_title] => All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo [post_date] => 2022-09-28T10:06:57+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664359617000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France spalanca le porte all'inverno 2022-2023 con un network di 171 destinazioni, di cui 86 a lungo raggio e 85 a corto e medio raggio. L'intera flotta della compagnia sarà in funzione e i livelli di capacità sfioreranno quelli dell'inverno 2019. La fine dell'anno vedrà inoltre il lancio delle nuove cabine di Air France per il lungo raggio. In linea con la strategia di posizionamento up-level del vettore, verrà installata una nuova poltrona Business che si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi 2 metri su 12 Boeing 777-300 ER. Una nuova porta scorrevole permette di privatizzare completamente l'area del sedile. Il primo volo avrà luogo nelle prossime settimane a New York Jfk. Tra le principali novità sulla rete lungo raggio, spicca un ulteriore rafforzamento delle connessioni verso gli Stati Uniti: Air France lancerà un volo giornaliero non-stop tra Parigi-Charles de Gaulle e New York-Newark il 12 dicembre 2022. Il collegamento, operato con Boeing 777-200 ER, segna il ritorno del vettore a Newark, storica destinazione della compagnia aerea servita direttamente fino al 2012. Si aggiungerà al servizio "Shuttle" disponibile tra Parigi Cdg e New York Jfk con 6 voli giornalieri operati da Air France e dal partner Skyteam, Delta Air Lines. Infine, la rotta estiva Parigi Charles de Gaulle - Dallas sarà estesa per la stagione invernale con 3 voli settimanali operati da 777-200 ER. Intanto, nell'ambito della graduale riapertura delle frontiere giapponesi, Air France ha ripreso i voli tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda con 5 voli settimanali operati con Boeing 787-9. Quest'inverno, la compagnia volerà da Parigi verso entrambi gli aeroporti di Tokyo, con un massimo di 5 voli settimanali verso Tokyo-Narita da Parigi Cgd. Sul corto e medio raggio, debuttano 4 nuove rotte stagionali da Parigi Charles de Gaulle verso Austria, Norvegia e Finlandia: Kittilä (Finlandia) e Tromsø (Norvegia) saranno entrambe servite una volta alla settimana rispettivamente da A320 e Airbus A319. Innsbruck e Salisburgo, con rispettivamente 2 e 1 volo settimanale operato con Embraer 190, saranno attive dal 10 dicembre. Dal 30 ottobre 2022, decollerà la Parigi-Orly e Casablanca, con un volo giornaliero operato con Airbus A320. Nella stessa data, la rotta Nizza-Londra Heathrow (Regno Unito), finora operata solo durante il picco estivo, diventerà un servizio annuale, con un volo giornaliero operato da Airbus A320. Lanciata nel 2021, la rotta stagionale Parigi-Charles de Gaulle-Rovaniemi (Finlandia) riprenderà quest'anno a partire dal 27 novembre con un volo giornaliero operato da Airbus A320 durante il periodo natalizio.   [post_title] => Air France investe sull'inverno con capacità che sfiora i livelli 2019. Nuovo focus sugli Stati Uniti [post_date] => 2022-09-21T11:14:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663758898000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430794 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Massaggi, tour, degustazioni: nel mese di novembre un’esclusiva esperienza multisensoriale intorno all’extravergine firmata dal luxury resort di Riva del Garda. L' Olio del Garda DOP è una raffinatezza prodotta in piccole quantità che il Lido Palace di Riva del Garda celebra per tutto il mese di novembre, periodo della raccolta, offrendo esclusive esperienze multisensoriali ai propri ospiti. La CXI SPA propone il massaggio corpo antiossidante all’Olio d’oliva del Garda e vapore, un lungo momento rigenerante che sfrutta le indiscusse virtù dell’olio lasciando una pelle vellutata, elastica, rinnovata. (80 minuti, 180 euro) Ed è chiaramente DOP del Garda l’olio prescelto dall’Executive Chef del Ristorante gourmet Re della Busa, David Cattoi, che dalla ricerca sui prodotti più autentici del territorio ha composto una carta indimenticabile. Come un’opera d’arte da conoscere e interpretare, l’olio arriva al buffet della colazione, dove un esperto di degustazione propone assaggi guidati, insegna a riconoscerne gusto, colore, purezza e suggerisce abbinamenti utili a sprigionare il bouquet aromatico dell’extravergine. Per chi invece volesse conoscere il terroir di provenienza ancor più da vicino, il Lido Palace organizza un tour enogastronomico con visita guidata e degustazioni avendo selezionato con cura quattro frantoi e produttori della zona tra Riva e Arco: sono Olio Cru, Frantoio di Riva, Maso Bòtes e Madonna delle Vittorie, ognuno con il proprio prodotto esclusivo da far conoscere agli ospiti. Infine, per chi soggiorna al Lido durante il mese di novembre, un prezioso omaggio che fa portare anche a casa il sapore dell’autunno sul Lago: una bottiglia da 0,25 cl di olio 46° parallelo Blend del Frantoio di Riva. Per chi invece cena al ristorante gourmet Il Re della Busa, in omaggio una bottiglietta da 0,10 cl.   [post_title] => Lido Palace Riva del Garda, è l'olio il vero protagonista delle proposte autunnali [post_date] => 2022-09-21T09:54:30+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663754070000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430424 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'industria delle crociere sta progressivamente tornando alla "normalità" pre-Covid. A testimoniarlo, anche la mossa di Oceania Cruises che ha appena annunciato la reintroduzione, nel 2025, del suo viaggio intorno al mondo da 180 giorni. Alla luce della crescente richiesta di crociere lunghe, il brand del gruppo Norwegian Cruise Line Holdings ha anche inserito in programmazione una serie di Grand Voyages della durata compresa tra i 50 e i 111 giorni. La crociera intorno al mondo è in programma in particolare da Miami con partenza il 5 gennaio 2025. L'itinerario toccherà 32 Paesi e 89 porti totali. Sarà la Insignia, da 656 ospiti di capienza totali, a salpare verso il Brasile, prima di attraversare l'Atlantico per raggiungere l'Africa, dove tra le altre tappe si fermerà nell'isola vulcanica disabitata di  Tristan da Cunha. Il viaggio proseguirà poi verso l'Asia, con toccate alle Comore, alle Maldive e alle Seychells. Dopo aver visitato Paesi come il Myanmar, la Thailandia, il Vietnam, il Giappone e l'Indonesia, la Insignia navigherà quindi verso la costa occidentale dell'Australia, per poi muoversi in direzione della Polinesia francese. Il viaggio terminerà infine alle Hawaii [post_title] => Oceania Cruises: ripartono i viaggi attorno al mondo. Cresce la domanda per le crociere lunghe [post_date] => 2022-09-14T09:39:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663148353000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429909 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il prossimo 10 settembre a Gardaland arriva la Light Night: la prima edizione della festa di fine estate al parco saluta un periodo fatto di alte temperature e tuffi rinfrescanti e dà il via a una serie di appuntamenti all’insegna del divertimento, delle tradizioni e della pura magia. La Gardaland Light Night farà del parco una location ancora più emozionante e suggestiva da vivere fino all'1 di notte. Protagonisti della serata saranno la buona musica e il divertimento, ma anche gli innumerevoli giochi di luce che hanno ispirato e dato il nome all’evento pensato ad hoc per salutare l’estate 2022. Un maestoso palco realizzato con oltre 50 metri quadrati di ledwall outdoor svetterà in particolare nella grande piazza Jumanji, main stage dell’evento, rendendo gli ospiti i veri protagonisti della serata grazie a una passerella che, per ben 12 metri, accompagnerà artisti del calibro di Merk&Kremont, Teo Mandrelli, Marco Carpentieri, Tommy Vee e Mauro Ferrucci direttamente in mezzo a essi, tutti accompagnati dalla voce di Aryfashion, pronta a far scatenare i presenti a ritmo delle hit estive, per una notte tutta da ricordare. Gli appuntamenti proseguono poi dal 17 settembre al 2 ottobre con il Gardaland Oktoberfest, l’evento ispirato al tradizionale festival di Monaco di Baviera, diventato ormai da tempo di rilievo internazionale con festeggiamenti in ogni parte del mondo. Restando fedele alle più antiche tradizioni dell’originale festa celebrata con cibo, birra di Monaco e innumerevoli attrazioni, Gardaland duplica il divertimento per i suoi visitatori e, oltre alle 40 attrazioni disponibili al parco, offre anche diverse specialità eno-gastronomiche della tradizione bavarese: profumi, sapori e balli ma anche decorazioni speciali come giganteschi boccali di birra, pretzel, balle di fieno e bandierine caratterizzeranno le vie del parco per un’esperienza ancor più magica, un vero viaggio nel tempo. Proprio dal palco di piazza Jumanji, nei giorni di sabato e domenica, la mascotte Prezzemolo insieme alla bella Aurora apriranno infatti tra le altre cose i festeggiamenti con una rievocazione storica dell’evento che ha dato inizio alla tradizione dell’Oktoberfest: nell’ottobre 1810 l’allora principe Ludovico, sposò la principessa Teresa di Sassonia e tutti i cittadini di Monaco vennero invitati ai festeggiamenti che prevedevano spettacoli, ricchi banchetti e …. fiumi di birra! Nei giorni feriali l’orario di apertura del parco sarà dalle ore 10 alle 17, mentre il sabato l’apertura si estenderà fino alle 21 e la domenica fino alle 20. [post_title] => A Gardaland arriva la festa di fine estate e poi... l'Oktoberfest! [post_date] => 2022-09-05T11:26:29+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662377189000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429713 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Uniontour di Mondo Travel da sempre attento a promuovere le città italiane, con un’attenzione alla cultura e alle tradizioni, inaugura con Livorno gli itinerari autunnali. Il 9 ottobre sarà infatti la volta della città toscana, le cui origini risalgono al tempo dei romani. Il porto di Livorno  venne costruito sotto Cosimo I granduca di Toscana, perché il porto di Pisa si stava insabbiando. La città “ideale“ venne progettata dall’architetto Bernardo Buontalenti che progettò un nuovo centro fortificato con un imponente sistema di fossati e bastioni, intorno al vecchio nucleo abitativo. Nel 1700 vi proliferò l’editoria, qui vennero pubblicati Dei Delitti e delle Pene di Cesare Beccaria e, nel 1770 la terza edizione dell’Encyclopédie di Diderot e D'Alembert. Nel 1800 divenne una delle mete turistiche fra le più apprezzate grazie alla realizzazione di bei progetti urbanistici e architettonici. Il tour dei Fossi Medicei offre quindi la possibilità di far scoprire una Livorno insolita, dalle angolazioni più interessanti e particolari navigando attraverso i quartieri più antichi e in una parte del porto Mediceo. Il tour prevede anche il pranzo in ristorante per gustare il famoso caciucco livornese. Nel pomeriggio visita guidata di Villa Mimbelli, che ospita una ricca raccolta di pittori macchiaioli e post macchiaioli fra cui Giovanni Fattori. La quota (a partire da 104 euro per un gruppo di 40 persone) comprende bus, pranzo, accompagnatore, guida, tour in battello, entrata in Villa Mimbelli, wisper, assicurazione. [post_title] => Uniontour inaugura con Livorno gli itinerari autunnali alla scoperta dell’Italia [post_date] => 2022-08-31T12:57:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1661950666000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429687 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cominciano finalmente a prendere forma concreta gli aiuti promessi alle imprese del turismo, e in particolare della ricettività, secondo le indicazioni contenute nel Piano nazionale di riprese e resilienza (Pnrr). Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, l’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), Dario Scannapieco, e il direttore generale dell’Associazione bancaria italiana (Abi), Giovanni Sabatini, hanno infatti appena firmato una convenzione che disciplina la concessione dei finanziamenti agevolati a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca (Fri), in linea appunto con le finalità del Pnrr. Obiettivo dichiarato dell'operazione è quello di incentivare la riqualificazione e valorizzazione delle imprese turistiche finanziando i programmi di investimento in transizione energetica, sostenibilità ambientale e innovazione digitale per rendere il settore più attrattivo e competitivo sia in Italia sia all’estero. Con la firma della convenzione, e il successivo coinvolgimento operativo del settore bancario, sarà quindi possibile dare avvio all’iter di presentazione delle domande di accesso alla misura da parte delle imprese, a partire dalla data che sarà definita con successivo provvedimento del ministero del Turismo. Le agevolazioni sono previste nella forma del contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi. Gli incentivi potranno essere riconosciuti alle imprese alberghiere, alle strutture ricettive all’aria aperta e che svolgono attività agrituristica, alle imprese del comparto ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici e i parchi tematici. I programmi di investimento dovranno avere un ammontare di spese ammissibili compreso tra 500 mila e 10 milioni, coerenti con il principio comunitario Dnsh (Do no significant harm) di non arrecare alcun danno significativo all'ambiente.   [post_title] => Al ricettivo 1,4 mld: prendono forma le agevolazioni promesse con il Pnrr [post_date] => 2022-08-31T09:49:11+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1661939351000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429608 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E’ considerato uno tra i più bei musei etruschi sia per la ricchezza degli oggetti esposti che per il suggestivo allestimento. Il museo archeologico di Chianciano Terme è un vero e proprio gioiello, una tappa imperdibile per chi visita la rinomata località termale. Il museo, una mostra sulla civiltà etrusca, è ospitato all’interno di un vecchio granaio dei primi dell’ottocento, e si sviluppa su quattro piani, a cominciare dalla cantina con galleria scavata nella roccia. La visita è organizzata per sezioni tematiche che illustrano tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscana, attraverso reperti, suggestive ricostruzioni, descrizioni, immagini e brevi video. «La struttura museale nasce nel 1997 – spiega Roberto Betti, presidente dell’associazione Geo-Archeologica -  a seguito di un lungo lavoro svolto dai volontari della nostra divisione locale. Tutto quello che c’è, è stato trovato e restaurato dai volontari. L’obiettivo era proprio quello di mostrare attraverso gli oggetti e il contesto chi erano gli etruschi, popolo che ha lasciato poche testimonianze scritte. Si tratta comunque di scavi moderni iniziati nel 1986». Tra le chicche, la scoperta di un tomba principesca  del VII secolo a.C. ricostruita nella prima sala del museo. Molto suggestivo il percorso nella cantina ipogea del 1800, tra tombe etrusche ricostruite, che mostrano ricchi corredi e misteriosi vasi cinerari a forma umana, detti canopi. Al di fuori del suo orario di apertura, il museo è visitabile su prenotazione per gruppi di minimo 20 persone. [post_title] => Chianciano Terme rilancia il museo archelogico Etrusco [post_date] => 2022-08-31T09:10:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1661937054000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1890" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":20,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":180,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431245","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato.\r\n\r\nProgettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023.","post_title":"Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking","post_date":"2022-09-28T11:08:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664363326000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453).\r\n\r\nSono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia).\r\n\r\n«La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati».\r\n\r\nTra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali.\r\n\r\nPassando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca.\r\n\r\n«Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente».","post_title":"All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo","post_date":"2022-09-28T10:06:57+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664359617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430852","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France spalanca le porte all'inverno 2022-2023 con un network di 171 destinazioni, di cui 86 a lungo raggio e 85 a corto e medio raggio. L'intera flotta della compagnia sarà in funzione e i livelli di capacità sfioreranno quelli dell'inverno 2019.\r\n\r\nLa fine dell'anno vedrà inoltre il lancio delle nuove cabine di Air France per il lungo raggio. In linea con la strategia di posizionamento up-level del vettore, verrà installata una nuova poltrona Business che si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi 2 metri su 12 Boeing 777-300 ER. Una nuova porta scorrevole permette di privatizzare completamente l'area del sedile. Il primo volo avrà luogo nelle prossime settimane a New York Jfk.\r\n\r\nTra le principali novità sulla rete lungo raggio, spicca un ulteriore rafforzamento delle connessioni verso gli Stati Uniti: Air France lancerà un volo giornaliero non-stop tra Parigi-Charles de Gaulle e New York-Newark il 12 dicembre 2022. Il collegamento, operato con Boeing 777-200 ER, segna il ritorno del vettore a Newark, storica destinazione della compagnia aerea servita direttamente fino al 2012. Si aggiungerà al servizio \"Shuttle\" disponibile tra Parigi Cdg e New York Jfk con 6 voli giornalieri operati da Air France e dal partner Skyteam, Delta Air Lines. Infine, la rotta estiva Parigi Charles de Gaulle - Dallas sarà estesa per la stagione invernale con 3 voli settimanali operati da 777-200 ER.\r\n\r\nIntanto, nell'ambito della graduale riapertura delle frontiere giapponesi, Air France ha ripreso i voli tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda con 5 voli settimanali operati con Boeing 787-9. Quest'inverno, la compagnia volerà da Parigi verso entrambi gli aeroporti di Tokyo, con un massimo di 5 voli settimanali verso Tokyo-Narita da Parigi Cgd.\r\n\r\nSul corto e medio raggio, debuttano 4 nuove rotte stagionali da Parigi Charles de Gaulle verso Austria, Norvegia e Finlandia: Kittilä (Finlandia) e Tromsø (Norvegia) saranno entrambe servite una volta alla settimana rispettivamente da A320 e Airbus A319. Innsbruck e Salisburgo, con rispettivamente 2 e 1 volo settimanale operato con Embraer 190, saranno attive dal 10 dicembre.\r\n\r\nDal 30 ottobre 2022, decollerà la Parigi-Orly e Casablanca, con un volo giornaliero operato con Airbus A320. Nella stessa data, la rotta Nizza-Londra Heathrow (Regno Unito), finora operata solo durante il picco estivo, diventerà un servizio annuale, con un volo giornaliero operato da Airbus A320. Lanciata nel 2021, la rotta stagionale Parigi-Charles de Gaulle-Rovaniemi (Finlandia) riprenderà quest'anno a partire dal 27 novembre con un volo giornaliero operato da Airbus A320 durante il periodo natalizio.\r\n\r\n ","post_title":"Air France investe sull'inverno con capacità che sfiora i livelli 2019. Nuovo focus sugli Stati Uniti","post_date":"2022-09-21T11:14:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663758898000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430794","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Massaggi, tour, degustazioni: nel mese di novembre un’esclusiva esperienza multisensoriale intorno all’extravergine firmata dal luxury resort di Riva del Garda.\r\nL' Olio del Garda DOP è una raffinatezza prodotta in piccole quantità che il Lido Palace di Riva del Garda celebra per tutto il mese di novembre, periodo della raccolta, offrendo esclusive esperienze multisensoriali ai propri ospiti.\r\n\r\nLa CXI SPA propone il massaggio corpo antiossidante all’Olio d’oliva del Garda e vapore, un lungo momento rigenerante che sfrutta le indiscusse virtù dell’olio lasciando una pelle vellutata, elastica, rinnovata. (80 minuti, 180 euro)\r\n\r\nEd è chiaramente DOP del Garda l’olio prescelto dall’Executive Chef del Ristorante gourmet Re della Busa, David Cattoi, che dalla ricerca sui prodotti più autentici del territorio ha composto una carta indimenticabile.\r\n\r\nCome un’opera d’arte da conoscere e interpretare, l’olio arriva al buffet della colazione, dove un esperto di degustazione propone assaggi guidati, insegna a riconoscerne gusto, colore, purezza e suggerisce abbinamenti utili a sprigionare il bouquet aromatico dell’extravergine.\r\n\r\nPer chi invece volesse conoscere il terroir di provenienza ancor più da vicino, il Lido Palace organizza un tour enogastronomico con visita guidata e degustazioni avendo selezionato con cura quattro frantoi e produttori della zona tra Riva e Arco: sono Olio Cru, Frantoio di Riva, Maso Bòtes e Madonna delle Vittorie, ognuno con il proprio prodotto esclusivo da far conoscere agli ospiti.\r\n\r\nInfine, per chi soggiorna al Lido durante il mese di novembre, un prezioso omaggio che fa portare anche a casa il sapore dell’autunno sul Lago: una bottiglia da 0,25 cl di olio 46° parallelo Blend del Frantoio di Riva. Per chi invece cena al ristorante gourmet Il Re della Busa, in omaggio una bottiglietta da 0,10 cl.\r\n\r\n ","post_title":"Lido Palace Riva del Garda, è l'olio il vero protagonista delle proposte autunnali","post_date":"2022-09-21T09:54:30+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663754070000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430424","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'industria delle crociere sta progressivamente tornando alla \"normalità\" pre-Covid. A testimoniarlo, anche la mossa di Oceania Cruises che ha appena annunciato la reintroduzione, nel 2025, del suo viaggio intorno al mondo da 180 giorni. Alla luce della crescente richiesta di crociere lunghe, il brand del gruppo Norwegian Cruise Line Holdings ha anche inserito in programmazione una serie di Grand Voyages della durata compresa tra i 50 e i 111 giorni.\r\n\r\nLa crociera intorno al mondo è in programma in particolare da Miami con partenza il 5 gennaio 2025. L'itinerario toccherà 32 Paesi e 89 porti totali. Sarà la Insignia, da 656 ospiti di capienza totali, a salpare verso il Brasile, prima di attraversare l'Atlantico per raggiungere l'Africa, dove tra le altre tappe si fermerà nell'isola vulcanica disabitata di  Tristan da Cunha. Il viaggio proseguirà poi verso l'Asia, con toccate alle Comore, alle Maldive e alle Seychells.\r\n\r\nDopo aver visitato Paesi come il Myanmar, la Thailandia, il Vietnam, il Giappone e l'Indonesia, la Insignia navigherà quindi verso la costa occidentale dell'Australia, per poi muoversi in direzione della Polinesia francese. Il viaggio terminerà infine alle Hawaii","post_title":"Oceania Cruises: ripartono i viaggi attorno al mondo. Cresce la domanda per le crociere lunghe","post_date":"2022-09-14T09:39:13+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663148353000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429909","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il prossimo 10 settembre a Gardaland arriva la Light Night: la prima edizione della festa di fine estate al parco saluta un periodo fatto di alte temperature e tuffi rinfrescanti e dà il via a una serie di appuntamenti all’insegna del divertimento, delle tradizioni e della pura magia. La Gardaland Light Night farà del parco una location ancora più emozionante e suggestiva da vivere fino all'1 di notte. Protagonisti della serata saranno la buona musica e il divertimento, ma anche gli innumerevoli giochi di luce che hanno ispirato e dato il nome all’evento pensato ad hoc per salutare l’estate 2022.\r\n\r\nUn maestoso palco realizzato con oltre 50 metri quadrati di ledwall outdoor svetterà in particolare nella grande piazza Jumanji, main stage dell’evento, rendendo gli ospiti i veri protagonisti della serata grazie a una passerella che, per ben 12 metri, accompagnerà artisti del calibro di Merk&Kremont, Teo Mandrelli, Marco Carpentieri, Tommy Vee e Mauro Ferrucci direttamente in mezzo a essi, tutti accompagnati dalla voce di Aryfashion, pronta a far scatenare i presenti a ritmo delle hit estive, per una notte tutta da ricordare.\r\n\r\nGli appuntamenti proseguono poi dal 17 settembre al 2 ottobre con il Gardaland Oktoberfest, l’evento ispirato al tradizionale festival di Monaco di Baviera, diventato ormai da tempo di rilievo internazionale con festeggiamenti in ogni parte del mondo.\r\nRestando fedele alle più antiche tradizioni dell’originale festa celebrata con cibo, birra di Monaco e innumerevoli attrazioni, Gardaland duplica il divertimento per i suoi visitatori e, oltre alle 40 attrazioni disponibili al parco, offre anche diverse specialità eno-gastronomiche della tradizione bavarese: profumi, sapori e balli ma anche decorazioni speciali come giganteschi boccali di birra, pretzel, balle di fieno e bandierine caratterizzeranno le vie del parco per un’esperienza ancor più magica, un vero viaggio nel tempo.\r\n\r\nProprio dal palco di piazza Jumanji, nei giorni di sabato e domenica, la mascotte Prezzemolo insieme alla bella Aurora apriranno infatti tra le altre cose i festeggiamenti con una rievocazione storica dell’evento che ha dato inizio alla tradizione dell’Oktoberfest: nell’ottobre 1810 l’allora principe Ludovico, sposò la principessa Teresa di Sassonia e tutti i cittadini di Monaco vennero invitati ai festeggiamenti che prevedevano spettacoli, ricchi banchetti e …. fiumi di birra!\r\n\r\nNei giorni feriali l’orario di apertura del parco sarà dalle ore 10 alle 17, mentre il sabato l’apertura si estenderà fino alle 21 e la domenica fino alle 20.","post_title":"A Gardaland arriva la festa di fine estate e poi... l'Oktoberfest!","post_date":"2022-09-05T11:26:29+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662377189000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429713","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Uniontour di Mondo Travel da sempre attento a promuovere le città italiane, con un’attenzione alla cultura e alle tradizioni, inaugura con Livorno gli itinerari autunnali. Il 9 ottobre sarà infatti la volta della città toscana, le cui origini risalgono al tempo dei romani.\r\n\r\nIl porto di Livorno  venne costruito sotto Cosimo I granduca di Toscana, perché il porto di Pisa si stava insabbiando. La città “ideale“ venne progettata dall’architetto Bernardo Buontalenti che progettò un nuovo centro fortificato con un imponente sistema di fossati e bastioni, intorno al vecchio nucleo abitativo. Nel 1700 vi proliferò l’editoria, qui vennero pubblicati Dei Delitti e delle Pene di Cesare Beccaria e, nel 1770 la terza edizione dell’Encyclopédie di Diderot e D'Alembert. Nel 1800 divenne una delle mete turistiche fra le più apprezzate grazie alla realizzazione di bei progetti urbanistici e architettonici. Il tour dei Fossi Medicei offre quindi la possibilità di far scoprire una Livorno insolita, dalle angolazioni più interessanti e particolari navigando attraverso i quartieri più antichi e in una parte del porto Mediceo.\r\n\r\nIl tour prevede anche il pranzo in ristorante per gustare il famoso caciucco livornese. Nel pomeriggio visita guidata di Villa Mimbelli, che ospita una ricca raccolta di pittori macchiaioli e post macchiaioli fra cui Giovanni Fattori. La quota (a partire da 104 euro per un gruppo di 40 persone) comprende bus, pranzo, accompagnatore, guida, tour in battello, entrata in Villa Mimbelli, wisper, assicurazione.","post_title":"Uniontour inaugura con Livorno gli itinerari autunnali alla scoperta dell’Italia","post_date":"2022-08-31T12:57:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1661950666000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429687","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cominciano finalmente a prendere forma concreta gli aiuti promessi alle imprese del turismo, e in particolare della ricettività, secondo le indicazioni contenute nel Piano nazionale di riprese e resilienza (Pnrr). Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, l’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), Dario Scannapieco, e il direttore generale dell’Associazione bancaria italiana (Abi), Giovanni Sabatini, hanno infatti appena firmato una convenzione che disciplina la concessione dei finanziamenti agevolati a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca (Fri), in linea appunto con le finalità del Pnrr. Obiettivo dichiarato dell'operazione è quello di incentivare la riqualificazione e valorizzazione delle imprese turistiche finanziando i programmi di investimento in transizione energetica, sostenibilità ambientale e innovazione digitale per rendere il settore più attrattivo e competitivo sia in Italia sia all’estero.\r\n\r\nCon la firma della convenzione, e il successivo coinvolgimento operativo del settore bancario, sarà quindi possibile dare avvio all’iter di presentazione delle domande di accesso alla misura da parte delle imprese, a partire dalla data che sarà definita con successivo provvedimento del ministero del Turismo.\r\n\r\nLe agevolazioni sono previste nella forma del contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi. Gli incentivi potranno essere riconosciuti alle imprese alberghiere, alle strutture ricettive all’aria aperta e che svolgono attività agrituristica, alle imprese del comparto ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici e i parchi tematici.\r\n\r\nI programmi di investimento dovranno avere un ammontare di spese ammissibili compreso tra 500 mila e 10 milioni, coerenti con il principio comunitario Dnsh (Do no significant harm) di non arrecare alcun danno significativo all'ambiente.\r\n\r\n ","post_title":"Al ricettivo 1,4 mld: prendono forma le agevolazioni promesse con il Pnrr","post_date":"2022-08-31T09:49:11+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1661939351000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429608","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E’ considerato uno tra i più bei musei etruschi sia per la ricchezza degli oggetti esposti che per il suggestivo allestimento. Il museo archeologico di Chianciano Terme è un vero e proprio gioiello, una tappa imperdibile per chi visita la rinomata località termale.\r\n\r\nIl museo, una mostra sulla civiltà etrusca, è ospitato all’interno di un vecchio granaio dei primi dell’ottocento, e si sviluppa su quattro piani, a cominciare dalla cantina con galleria scavata nella roccia.\r\n\r\nLa visita è organizzata per sezioni tematiche che illustrano tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscana, attraverso reperti, suggestive ricostruzioni, descrizioni, immagini e brevi video.\r\n\r\n«La struttura museale nasce nel 1997 – spiega Roberto Betti, presidente dell’associazione Geo-Archeologica -  a seguito di un lungo lavoro svolto dai volontari della nostra divisione locale. Tutto quello che c’è, è stato trovato e restaurato dai volontari. L’obiettivo era proprio quello di mostrare attraverso gli oggetti e il contesto chi erano gli etruschi, popolo che ha lasciato poche testimonianze scritte. Si tratta comunque di scavi moderni iniziati nel 1986».\r\n\r\nTra le chicche, la scoperta di un tomba principesca  del VII secolo a.C. ricostruita nella prima sala del museo. Molto suggestivo il percorso nella cantina ipogea del 1800, tra tombe etrusche ricostruite, che mostrano ricchi corredi e misteriosi vasi cinerari a forma umana, detti canopi. Al di fuori del suo orario di apertura, il museo è visitabile su prenotazione per gruppi di minimo 20 persone.","post_title":"Chianciano Terme rilancia il museo archelogico Etrusco","post_date":"2022-08-31T09:10:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1661937054000]}]}}