7 December 2022

Agente di viaggio, direttore tecnico, consulente offresi regione Lombardia

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 347 8820943
Email:
Provincia: • , ,
Comune: • , ,

Settore: • 
Mansione: • , , ,


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio con esperienza come banconista e responsabile punto vendita da più di 20 anni, in possesso di patentino di dirttore tecnico per la Regione Lombardia, ottima conoscenza crs SABRE, GALILEO, SIPAX, sistemi gestionali AS400, SFERA, SIAP ATLANTE PLUS, vendita pacchetti individuali, di gruppo e viaggi su misura, emissione di tutte le biglietterie, disponibile sia come addetta vendite sia come consulente o copertura titolo. Zona di lavoro prov. MONZA e BRIANZA e Nord Milano. Simona. cell. 347 8820943.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone. «L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano». Il Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre. [post_title] => Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione [post_date] => 2022-12-02T09:38:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669973931000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434833 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo. L’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio. Ogni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico. Per raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo. La regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano. L’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne. L’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori. Il percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni. [post_title] => Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione [post_date] => 2022-11-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669377302000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ogni mercoledì fino al 9 dicembre, i viaggiatori che hanno scelto Originaltour per scoprire l'Oman saranno ospiti di una festa con tanto di torta nel campo tendato Desert Night Camp: 5 stelle del Wahiba Sands, una vallata circondata da sabbia dorata. Proprio il prossimo 9 dicembre l'operatore compie infatti 33 anni di attività. E ha deciso di festeggiare sul campo. Originaltour è stato fondato da Loredana Arcangeli e Luciano Paparelli nel lontano 1989, proponendo viaggi in Medio ed Estremo Oriente, in Australia e Pacifico. Nel 1999 ha iniziato per primo in Italia a programmare viaggi di gruppo e individuali in Oman, meta sconosciuta agli più, e oggi è uno degli operatori riconosciuti come specialista della destinazione, con tanto di ufficio a Muscat, la capitale del Sultanato. Con Originaltour sia gli individuali, sia i gruppi visitano il paese a bordo di fuoristrada, mezzo ideale per raggiungere i luoghi più remoti e segreti del Sultanato. Con il tempo, la programmazione si è arricchita di numerose mete, concentrate in Estremo Oriente, oceano Indiano, Medio Oriente, Australia & Pacifico e Asia centrale. A metà degli anni Novanta il to ha lanciato anche una linea di viaggi per subacquei ed è stato tra i primi a proporre il mar Rosso e a portare gli italiani appassionati di immersione da Sipadan a Layang Layang in Malesia, a Manado e Derawan in Indonesia. “Da allora il mercato è profondamente cambiato - commenta Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore -: oggi c’è molta più concorrenza e soprattutto notiamo un appiattimento da parte dei competitor delle proposte per l’Oman, che è il Paese per il quale siamo riconosciuti come specialisti. Sia per l’Oman, ma lo stesso vale anche per altre mete che proponiamo, come per esempio gli Emirati Arabi, l’Uzbekistan, le isole del Pacifico, l’Indonesia e la Malesia, abbiamo sempre cercato di proporre non tanto il meglio, ma quello che secondo noi può piacere alle mutate esigenze di chi viaggia. Oggi il valore di un viaggio è dato dalle esperienze che si possono fare sul posto; quelle vere che consentono di entrare in contatto con le persone, emozionarsi sotto le stelle nel deserto, nel silenzio più completo. Non è un caso se i tour che sono tra i più richiesti in Oman siano quelli della linea Adventure, dove si dorme in campi mobili e fissi nel deserto, si viaggia soltanto in fuoristrada e alcuni pasti sono al sacco: chi viaggia vuole emozionarsi e noi offriamo l’opportunità di farlo ma con la sicurezza e la garanzia di un operatore che conosce la destinazione nei minimi dettagli”. [post_title] => Originaltour compie 33 anni e li festeggia in Oman con una festa nel Desert Night Camp [post_date] => 2022-11-22T12:04:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669118682000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_434559" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Laurent Gardinier e Philippe Gombert[/caption] “Intendo lavorare su tre punti fondamentali: la riduzione dell'impronta ambientale con l'implementazione di soluzioni economicamente realistiche; la tutela della diversità, in particolare sotto l'impulso degli chef; il rispetto per ognuno dei nostri dipendenti e una maggiore responsabilità sociale, mantenendo al contempo gli equilibri finanziari dell’associazione". Si presenta in questo modo il nuovo presidente di Relais & Châteaux, Laurent Gardinier. L’imprenditore francese è stato eletto a Venezia lo scorso 14 novembre, in occasione del cinquantaduesimo congresso annuale dell’associazione. Succederà a Philippe Gombert a partire dal 1° gennaio 2023, al termine di un periodo di transizione di sei settimane. Gardinier è comproprietario insieme ai fratelli del Relais & Châteaux Domaine Les Crayères in Champagne e del ristorante parigino Relais & Châteaux Le Taillevent (2 stelle Michelin). Fino a oggi è stato attivo nell’associazione come delegato per la Francia ed è membro del consiglio di amministrazione da 17 anni. [caption id="attachment_434562" align="alignright" width="200"] Danilo Guerrini[/caption] Laurent Gardinier ha già formato il proprio comitato esecutivo con il quale garantirà la governance dell'associazione. Sarà composto da otto membri, quattro dei quali nuovi. Cinque sono uomini, tre le donne: Mauro Colagreco del ristorante Relais & Châteaux Mirazur (3 stelle Michelin a Mentone) entra per la prima volta a fare parte del comitato esecutivo in qualità di vicepresidente chef e guiderà il World culinary council, il gruppo di lavoro composto da 18 cuochi provenienti da tutto il mondo incaricati di ispirare lo sviluppo dell’associazione nel perimetro di una cucina sempre più locale, etica e sostenibile. A rappresentare gli associati del Vecchio continente è stato chiamato ancora una volta Vito Cinque, proprietario del Relais & Châteaux il San Pietro di Positano; mantiene il ruolo di vicepresidente Europa che ricopre dal 2017. Il board italiano In occasione dell’appuntamento annuale di Venezia, gli associati sono stati chiamati a eleggere anche i loro rappresentanti a livello locale. Danilo Guerrini, direttore e maitre de Maison del Relais & Châteaux Hotel Borgo San Felice di Castelnuovo Berardenga, è stato riconfermato alla guida della delegazione italiana. Nel ruolo di delegato Italia, che ricopre dal 2019, avrà il compito di guidare la crescita dell’associazione validando l’action plan annuale e coordinando con il management lo sviluppo dei servizi offerti agli associati italiani in ambito sales, hr e marketing, ma soprattutto di ispirare gli altri associati a essere parte attiva di un movimento di cambiamento, applicando nelle loro dimore scelte più etiche e sostenibili nei confronti del territorio, dell’ambiente e delle persone. Al suo fianco per i prossimi cinque anni ci saranno Vincenzo Bianconi, proprietario del Relais & Châteaux Palazzo Seneca di Norcia, che ricoprirà il ruolo di vicedelegato, ed Emanuele Scarello del ristorante Relais & Châteaux agli Amici dal 1887 (2 stelle Michelin a Godia) che, in qualità di chef rappresentante, sarà anche il portavoce della rete locale degli chef all’interno del World culinary council. [post_title] => Relais & Châteaux: Laurent Gardinier è il nuovo presidente [post_date] => 2022-11-22T11:48:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669117706000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433139 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Centoquindici destinazioni in 39 Paesi: in altre parole, l'operativo invernale più ampio di sempre per l'aeroporto di Milano Bergamo, che sarà in vigore dal prossimo 30 ottobre. La novità più rilevante è l’ingresso nel network dei collegamenti di Aeroitalia, che dal 14 novembre opererà i voli con Roma Fiumicino e farà rotta anche su Catania e Bacau, e, dal 5 dicembre su Londra Heathrow, impiegando aeromobili B737-800 da 189 posti. Il programma invernale di Ryanair prevede 94 rotte, tra cui due nuove (Baden-Baden e Lodz) e tre aperte nella summer ’22 e confermate (Francoforte Hahn, Madera e Newcastle). In totale, la low cost irlandese offrirà più voli e posti rispetto all’operativo invernale 2019-2020. Sempre dal 30 ottobre, easyJet vola a Lisbona tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, in aggiunta ai collegamenti con Amsterdam, Parigi Charles De Gaulle e Londra Gatwick. Confermati anche i voli operati da Eurowings con Dusseldorf, Transavia con Rotterdam e Vueling con Parigi Orly, come pure l’offerta di voli per Istanbul Sabiha, garantita dal collegamento giornaliero di Anadolujet (del gruppo Turkish Airlines) e da Pegasus Airlines con un totale di dieci frequenze settimanali (volo giornaliero con aggiunta della seconda frequenza nei giorni di mercoledì, venerdì e domenica). Anche Albawings conferma il collegamento con Tirana, per la prima volta nel proprio operativo invernale, che sarà garantito tre volte a settimana (martedì, giovedì e domenica). Altra nuova rotta dall’Aeroporto di Bergamo sarà inaugurata il 7 dicembre da Air Arabia che, in aggiunta alle destinazioni di Casablanca e Alessandria in Egitto, opererà il primo volo diretto con gli Emirati Arabi Uniti con quattro frequenze settimanali raggiungendo l'Aeroporto Internazionale di Sharjah, situato a pochi km dal centro cittadino ed a soli venti minuti da Dubai.   [post_title] => Il caldo inverno dell'aeroporto di Milano Bergamo: 115 destinazioni in 39 paesi [post_date] => 2022-10-28T09:20:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666948816000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al TTG Travel Experience le Regioni italiane hanno presentato gli sviluppi della strategia di promozione turistica “Scopri l’Italia che non sapevi” facente parte del Piano di Promozione Nazionale 2020 del Ministero del Turismo. Il progetto, lanciato prima dell’estate e nato da un accordo di programma tra il Ministero del Turismo e la Commissione Politiche per il Turismo – coordinata dalla Regione Abruzzo - della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, in collaborazione con ENIT, continua il suo percorso attraverso nuove fasi che le Regioni Umbria, Marche, Emilia-Romagna  - in qualità di capofila – stanno portando avanti per la valorizzazione degli asset quali i borghi, il turismo lento e quello turismo attivo. Il progetto prosegue con il coinvolgimento di 21 creators internazionali presenti in 189 borghi provenienti da Germania, Austria, UK, USA, Francia e Spagna che per 210 giorni visiteranno le regioni italiane partecipando ad attività esperienziali ai fini di realizzare contenuti inediti e autentici, a partire dai social (#viaggioitaliano e @viaggio.italia.it). Produrranno 21 articoli adv pubblicati sui loro siti e 63 contenuti multimediali che andranno ad arricchire il portale ufficiale del progetto “Scopri l’Italia che non sapevi”. Inoltre fanno parte del progetto 21 video-ricette per raccontare l’enogastronomia regionale e una mini-guida online edita da Lonely Planet Italia. Si è concluso il contest #LitaliaCheNonSapevi: a partecipare sono stati in 676 con 4436 opere tra foto, video, racconti e podcast. Continuano le visite sul portale viaggio.italia.it con contenuti inediti che le Regioni hanno fornito e che presto, grazie al lavoro strategico della Regione Abruzzo, verranno migrati sul Tourism Digital Hub (TDH). Si tratta di un’attività volta a uniformare e standardizzare i contenuti, per una vera raccolta digitale dell’offerta nazionale. A tal fine è iniziata una fase preliminare di content management su: borghi, cammini, paesaggi, sapori e vacanza attiva.  #LitaliaCheNonSapevi [post_title] => “Scopri l’Italia che non sapevi”, prosegue il progetto con content sul turismo esperienziale [post_date] => 2022-10-13T10:28:59+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665656939000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 100 milioni di euro di investimenti sulle marine già avviati o in programma entro il 2024. E’ quanto emerge dal report di ricerca di Risposte Turismo che contiene anche un approfondimento sul turismo nautico nei sette paesi che si affacciano sull’Adriatico. Con riferimento alle nuove marine in arrivo e agli investimenti in programma, tra la seconda parte del 2022 e il 2024 in Adriatico vedrà nuovi ormeggi in nove strutture (sette nuove e due progetti di espansione) per un totale di oltre 3 mila nuovi posti barca, con investimenti superiori ai 100 milioni di euro, tra Italia, Croazia e Albania. Dall’analisi delle marine nel versante italiano, oltre al completamento del porto turistico di San Pietro a Termoli, che prevede di aggiungere circa 100 ormeggi, e del porto turistico di San Foca (Lecce), il cui obiettivo è triplicare i 183 ormeggi attualmente disponibili, è prevista la costruzione di un nuovo porto turistico per superyacht (fino a 100 metri) a Bari, a fronte di un investimento di 36 milioni di euro, nell'ambito del progetto di riqualificazione del molo San Cataldo. Sul fronte croato, i lavori di costruzione del nuovo Aci Marina a Novalja, che ospiterà circa 300 posti barca, dovrebbero completarsi entro la fine di quest’anno. Mentre, entro la metà del 2023, la società croata Aci-Gitone dovrebbe iniziare i lavori di realizzazione del nuovo porto turistico di Porto Baroš a Fiume, che ospiterà 230 ormeggi e dovrebbe diventare operativo nel 2024. In completamento entro i prossimi due anni anche i progetti di espansione di Marina Korkyra a Vela Luka, che dovrebbe ampliare la sua capacità da 132 a 177 ormeggi, e di Marina Polesana a Pula, che dovrebbe dotarsi di 1.150 posti barca aggiuntivi. In Albania, dovrebbero portarsi a compimento il complesso di lusso Porto Albania nella penisola di Kalaja e Turrës, dotato di un porto turistico con oltre 700 ormeggi, nonché il nuovo progetto “Durres, Yachts and Marina” nel porto turistico di Durazzo. Un progetto che verrà presentato oggi nel corso di Adriatic Sea Forum e che si estenderà su 44 ettari e che prevede riqualificazioni turistiche e waterfront per ulteriori 140 milioni di euro. Analizzando la distribuzione geografica di strutture e posti barca, tra i Paesi che si affacciano sull’area l’Italia mantiene saldamente la propria leadership con 189 marine (56,1% del totale) e 48.677 posti barca (61,5% del totale). Sul secondo gradino del podio la Croazia (126 marine – 37,4% del totale – e quasi 21.000 posti barca – 26,4% del totale) davanti al Montenegro (3.545 posti barca – 4,5% del totale – e 8 marine – 2,4% del totale). «Con il nostro lavoro di ricerca – commenta Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - abbiamo rilevato informazioni che ci consentono di tratteggiare un 2023 in crescita rispetto al 2022 per tutto il maritime tourism in Adriatico. Cresce l’offerta, cresce la domanda, frutto di investimenti, di rapidità da parte degli operatori a riprendere gli assetti pre-pandemici, così come di desiderio da parte dei turisti di tornare a fare vacanza. Tuttavia, i volumi non torneranno quelli registrati nel 2019. Questo vale per la crocieristica, che in Adriatico sconta anche l’accesso limitato delle navi a Venezia, vale per il traffico traghetti e aliscafi che, se da un lato non mostrerà differenze rilevanti rispetto al 2019, continua a non accelerare sul fronte dei collegamenti disponibili, e vale per la nautica dal momento che il numero di strutture disponibili lungo le coste dell’Adriatico, nonché il potenziale attrattivo delle diverse mete dell’area, potrebbero generare un traffico ben più ampio dell’attuale”. [post_title] => Turismo nautico in Adriatico, 100 milioni di investimenti tra Italia, Croazia e Albania entro il 2024 [post_date] => 2022-10-07T15:25:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665156340000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431245 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato. Progettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023. [post_title] => Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking [post_date] => 2022-09-28T11:08:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664363326000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453). Sono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia). «La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati». Tra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali. Passando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca. «Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente». [post_title] => All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo [post_date] => 2022-09-28T10:06:57+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664359617000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1889" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":78,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone.\r\n\r\n«L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano».\r\n\r\nIl Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre.","post_title":"Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione","post_date":"2022-12-02T09:38:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669973931000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434833","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo.\r\nL’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio.\r\nOgni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico.\r\nPer raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo.\r\nLa regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano.\r\nL’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne.\r\nL’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori.\r\nIl percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni.","post_title":"Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione","post_date":"2022-11-25T11:55:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669377302000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ogni mercoledì fino al 9 dicembre, i viaggiatori che hanno scelto Originaltour per scoprire l'Oman saranno ospiti di una festa con tanto di torta nel campo tendato Desert Night Camp: 5 stelle del Wahiba Sands, una vallata circondata da sabbia dorata. Proprio il prossimo 9 dicembre l'operatore compie infatti 33 anni di attività. E ha deciso di festeggiare sul campo. Originaltour è stato fondato da Loredana Arcangeli e Luciano Paparelli nel lontano 1989, proponendo viaggi in Medio ed Estremo Oriente, in Australia e Pacifico. Nel 1999 ha iniziato per primo in Italia a programmare viaggi di gruppo e individuali in Oman, meta sconosciuta agli più, e oggi è uno degli operatori riconosciuti come specialista della destinazione, con tanto di ufficio a Muscat, la capitale del Sultanato.\r\n\r\nCon Originaltour sia gli individuali, sia i gruppi visitano il paese a bordo di fuoristrada, mezzo ideale per raggiungere i luoghi più remoti e segreti del Sultanato. Con il tempo, la programmazione si è arricchita di numerose mete, concentrate in Estremo Oriente, oceano Indiano, Medio Oriente, Australia & Pacifico e Asia centrale. A metà degli anni Novanta il to ha lanciato anche una linea di viaggi per subacquei ed è stato tra i primi a proporre il mar Rosso e a portare gli italiani appassionati di immersione da Sipadan a Layang Layang in Malesia, a Manado e Derawan in Indonesia.\r\n\r\n“Da allora il mercato è profondamente cambiato - commenta Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore -: oggi c’è molta più concorrenza e soprattutto notiamo un appiattimento da parte dei competitor delle proposte per l’Oman, che è il Paese per il quale siamo riconosciuti come specialisti. Sia per l’Oman, ma lo stesso vale anche per altre mete che proponiamo, come per esempio gli Emirati Arabi, l’Uzbekistan, le isole del Pacifico, l’Indonesia e la Malesia, abbiamo sempre cercato di proporre non tanto il meglio, ma quello che secondo noi può piacere alle mutate esigenze di chi viaggia. Oggi il valore di un viaggio è dato dalle esperienze che si possono fare sul posto; quelle vere che consentono di entrare in contatto con le persone, emozionarsi sotto le stelle nel deserto, nel silenzio più completo. Non è un caso se i tour che sono tra i più richiesti in Oman siano quelli della linea Adventure, dove si dorme in campi mobili e fissi nel deserto, si viaggia soltanto in fuoristrada e alcuni pasti sono al sacco: chi viaggia vuole emozionarsi e noi offriamo l’opportunità di farlo ma con la sicurezza e la garanzia di un operatore che conosce la destinazione nei minimi dettagli”.","post_title":"Originaltour compie 33 anni e li festeggia in Oman con una festa nel Desert Night Camp","post_date":"2022-11-22T12:04:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669118682000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_434559\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Laurent Gardinier e Philippe Gombert[/caption]\r\n\r\n“Intendo lavorare su tre punti fondamentali: la riduzione dell'impronta ambientale con l'implementazione di soluzioni economicamente realistiche; la tutela della diversità, in particolare sotto l'impulso degli chef; il rispetto per ognuno dei nostri dipendenti e una maggiore responsabilità sociale, mantenendo al contempo gli equilibri finanziari dell’associazione\". Si presenta in questo modo il nuovo presidente di Relais & Châteaux, Laurent Gardinier. L’imprenditore francese è stato eletto a Venezia lo scorso 14 novembre, in occasione del cinquantaduesimo congresso annuale dell’associazione. Succederà a Philippe Gombert a partire dal 1° gennaio 2023, al termine di un periodo di transizione di sei settimane. Gardinier è comproprietario insieme ai fratelli del Relais & Châteaux Domaine Les Crayères in Champagne e del ristorante parigino Relais & Châteaux Le Taillevent (2 stelle Michelin). Fino a oggi è stato attivo nell’associazione come delegato per la Francia ed è membro del consiglio di amministrazione da 17 anni.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_434562\" align=\"alignright\" width=\"200\"] Danilo Guerrini[/caption]\r\n\r\nLaurent Gardinier ha già formato il proprio comitato esecutivo con il quale garantirà la governance dell'associazione. Sarà composto da otto membri, quattro dei quali nuovi. Cinque sono uomini, tre le donne: Mauro Colagreco del ristorante Relais & Châteaux Mirazur (3 stelle Michelin a Mentone) entra per la prima volta a fare parte del comitato esecutivo in qualità di vicepresidente chef e guiderà il World culinary council, il gruppo di lavoro composto da 18 cuochi provenienti da tutto il mondo incaricati di ispirare lo sviluppo dell’associazione nel perimetro di una cucina sempre più locale, etica e sostenibile.\r\nA rappresentare gli associati del Vecchio continente è stato chiamato ancora una volta Vito Cinque, proprietario del Relais & Châteaux il San Pietro di Positano; mantiene il ruolo di vicepresidente Europa che ricopre dal 2017.\r\n\r\nIl board italiano\r\n\r\nIn occasione dell’appuntamento annuale di Venezia, gli associati sono stati chiamati a eleggere anche i loro rappresentanti a livello locale. Danilo Guerrini, direttore e maitre de Maison del Relais & Châteaux Hotel Borgo San Felice di Castelnuovo Berardenga, è stato riconfermato alla guida della delegazione italiana. Nel ruolo di delegato Italia, che ricopre dal 2019, avrà il compito di guidare la crescita dell’associazione validando l’action plan annuale e coordinando con il management lo sviluppo dei servizi offerti agli associati italiani in ambito sales, hr e marketing, ma soprattutto di ispirare gli altri associati a essere parte attiva di un movimento di cambiamento, applicando nelle loro dimore scelte più etiche e sostenibili nei confronti del territorio, dell’ambiente e delle persone. Al suo fianco per i prossimi cinque anni ci saranno Vincenzo Bianconi, proprietario del Relais & Châteaux Palazzo Seneca di Norcia, che ricoprirà il ruolo di vicedelegato, ed Emanuele Scarello del ristorante Relais & Châteaux agli Amici dal 1887 (2 stelle Michelin a Godia) che, in qualità di chef rappresentante, sarà anche il portavoce della rete locale degli chef all’interno del World culinary council.","post_title":"Relais & Châteaux: Laurent Gardinier è il nuovo presidente","post_date":"2022-11-22T11:48:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669117706000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433139","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Centoquindici destinazioni in 39 Paesi: in altre parole, l'operativo invernale più ampio di sempre per l'aeroporto di Milano Bergamo, che sarà in vigore dal prossimo 30 ottobre.\r\n\r\nLa novità più rilevante è l’ingresso nel network dei collegamenti di Aeroitalia, che dal 14 novembre opererà i voli con Roma Fiumicino e farà rotta anche su Catania e Bacau, e, dal 5 dicembre su Londra Heathrow, impiegando aeromobili B737-800 da 189 posti.\r\n\r\nIl programma invernale di Ryanair prevede 94 rotte, tra cui due nuove (Baden-Baden e Lodz) e tre aperte nella summer ’22 e confermate (Francoforte Hahn, Madera e Newcastle). In totale, la low cost irlandese offrirà più voli e posti rispetto all’operativo invernale 2019-2020.\r\n\r\nSempre dal 30 ottobre, easyJet vola a Lisbona tre volte a settimana, il lunedì, il giovedì e la domenica, in aggiunta ai collegamenti con Amsterdam, Parigi Charles De Gaulle e Londra Gatwick. Confermati anche i voli operati da Eurowings con Dusseldorf, Transavia con Rotterdam e Vueling con Parigi Orly, come pure l’offerta di voli per Istanbul Sabiha, garantita dal collegamento giornaliero di Anadolujet (del gruppo Turkish Airlines) e da Pegasus Airlines con un totale di dieci frequenze settimanali (volo giornaliero con aggiunta della seconda frequenza nei giorni di mercoledì, venerdì e domenica). Anche Albawings conferma il collegamento con Tirana, per la prima volta nel proprio operativo invernale, che sarà garantito tre volte a settimana (martedì, giovedì e domenica).\r\n\r\nAltra nuova rotta dall’Aeroporto di Bergamo sarà inaugurata il 7 dicembre da Air Arabia che, in aggiunta alle destinazioni di Casablanca e Alessandria in Egitto, opererà il primo volo diretto con gli Emirati Arabi Uniti con quattro frequenze settimanali raggiungendo l'Aeroporto Internazionale di Sharjah, situato a pochi km dal centro cittadino ed a soli venti minuti da Dubai.\r\n\r\n ","post_title":"Il caldo inverno dell'aeroporto di Milano Bergamo: 115 destinazioni in 39 paesi","post_date":"2022-10-28T09:20:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666948816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al TTG Travel Experience le Regioni italiane hanno presentato gli sviluppi della strategia di promozione turistica “Scopri l’Italia che non sapevi” facente parte del Piano di Promozione Nazionale 2020 del Ministero del Turismo.\r\n\r\nIl progetto, lanciato prima dell’estate e nato da un accordo di programma tra il Ministero del Turismo e la Commissione Politiche per il Turismo – coordinata dalla Regione Abruzzo - della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, in collaborazione con ENIT, continua il suo percorso attraverso nuove fasi che le Regioni Umbria, Marche, Emilia-Romagna  - in qualità di capofila – stanno portando avanti per la valorizzazione degli asset quali i borghi, il turismo lento e quello turismo attivo.\r\n\r\nIl progetto prosegue con il coinvolgimento di 21 creators internazionali presenti in 189 borghi provenienti da Germania, Austria, UK, USA, Francia e Spagna che per 210 giorni visiteranno le regioni italiane partecipando ad attività esperienziali ai fini di realizzare contenuti inediti e autentici, a partire dai social (#viaggioitaliano e @viaggio.italia.it). Produrranno 21 articoli adv pubblicati sui loro siti e 63 contenuti multimediali che andranno ad arricchire il portale ufficiale del progetto “Scopri l’Italia che non sapevi”. Inoltre fanno parte del progetto 21 video-ricette per raccontare l’enogastronomia regionale e una mini-guida online edita da Lonely Planet Italia.\r\nSi è concluso il contest #LitaliaCheNonSapevi: a partecipare sono stati in 676 con 4436 opere tra foto, video, racconti e podcast.\r\n\r\nContinuano le visite sul portale viaggio.italia.it con contenuti inediti che le Regioni hanno fornito e che presto, grazie al lavoro strategico della Regione Abruzzo, verranno migrati sul Tourism Digital Hub (TDH). Si tratta di un’attività volta a uniformare e standardizzare i contenuti, per una vera raccolta digitale dell’offerta nazionale. A tal fine è iniziata una fase preliminare di content management su: borghi, cammini, paesaggi, sapori e vacanza attiva.\r\n\r\n #LitaliaCheNonSapevi","post_title":"“Scopri l’Italia che non sapevi”, prosegue il progetto con content sul turismo esperienziale","post_date":"2022-10-13T10:28:59+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1665656939000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431846","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oltre 100 milioni di euro di investimenti sulle marine già avviati o in programma entro il 2024. E’ quanto emerge dal report di ricerca di Risposte Turismo che contiene anche un approfondimento sul turismo nautico nei sette paesi che si affacciano sull’Adriatico.\r\n\r\nCon riferimento alle nuove marine in arrivo e agli investimenti in programma, tra la seconda parte del 2022 e il 2024 in Adriatico vedrà nuovi ormeggi in nove strutture (sette nuove e due progetti di espansione) per un totale di oltre 3 mila nuovi posti barca, con investimenti superiori ai 100 milioni di euro, tra Italia, Croazia e Albania.\r\n\r\nDall’analisi delle marine nel versante italiano, oltre al completamento del porto turistico di San Pietro a Termoli, che prevede di aggiungere circa 100 ormeggi, e del porto turistico di San Foca (Lecce), il cui obiettivo è triplicare i 183 ormeggi attualmente disponibili, è prevista la costruzione di un nuovo porto turistico per superyacht (fino a 100 metri) a Bari, a fronte di un investimento di 36 milioni di euro, nell'ambito del progetto di riqualificazione del molo San Cataldo.\r\n\r\nSul fronte croato, i lavori di costruzione del nuovo Aci Marina a Novalja, che ospiterà circa 300 posti barca, dovrebbero completarsi entro la fine di quest’anno. Mentre, entro la metà del 2023, la società croata Aci-Gitone dovrebbe iniziare i lavori di realizzazione del nuovo porto turistico di Porto Baroš a Fiume, che ospiterà 230 ormeggi e dovrebbe diventare operativo nel 2024. In completamento entro i prossimi due anni anche i progetti di espansione di Marina Korkyra a Vela Luka, che dovrebbe ampliare la sua capacità da 132 a 177 ormeggi, e di Marina Polesana a Pula, che dovrebbe dotarsi di 1.150 posti barca aggiuntivi.\r\n\r\nIn Albania, dovrebbero portarsi a compimento il complesso di lusso Porto Albania nella penisola di Kalaja e Turrës, dotato di un porto turistico con oltre 700 ormeggi, nonché il nuovo progetto “Durres, Yachts and Marina” nel porto turistico di Durazzo. Un progetto che verrà presentato oggi nel corso di Adriatic Sea Forum e che si estenderà su 44 ettari e che prevede riqualificazioni turistiche e waterfront per ulteriori 140 milioni di euro.\r\n\r\nAnalizzando la distribuzione geografica di strutture e posti barca, tra i Paesi che si affacciano sull’area l’Italia mantiene saldamente la propria leadership con 189 marine (56,1% del totale) e 48.677 posti barca (61,5% del totale). Sul secondo gradino del podio la Croazia (126 marine – 37,4% del totale – e quasi 21.000 posti barca – 26,4% del totale) davanti al Montenegro (3.545 posti barca – 4,5% del totale – e 8 marine – 2,4% del totale).\r\n\r\n«Con il nostro lavoro di ricerca – commenta Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - abbiamo rilevato informazioni che ci consentono di tratteggiare un 2023 in crescita rispetto al 2022 per tutto il maritime tourism in Adriatico. Cresce l’offerta, cresce la domanda, frutto di investimenti, di rapidità da parte degli operatori a riprendere gli assetti pre-pandemici, così come di desiderio da parte dei turisti di tornare a fare vacanza. Tuttavia, i volumi non torneranno quelli registrati nel 2019. Questo vale per la crocieristica, che in Adriatico sconta anche l’accesso limitato delle navi a Venezia, vale per il traffico traghetti e aliscafi che, se da un lato non mostrerà differenze rilevanti rispetto al 2019, continua a non accelerare sul fronte dei collegamenti disponibili, e vale per la nautica dal momento che il numero di strutture disponibili lungo le coste dell’Adriatico, nonché il potenziale attrattivo delle diverse mete dell’area, potrebbero generare un traffico ben più ampio dell’attuale”.","post_title":"Turismo nautico in Adriatico, 100 milioni di investimenti tra Italia, Croazia e Albania entro il 2024","post_date":"2022-10-07T15:25:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665156340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431245","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato.\r\n\r\nProgettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023.","post_title":"Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking","post_date":"2022-09-28T11:08:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664363326000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453).\r\n\r\nSono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia).\r\n\r\n«La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati».\r\n\r\nTra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali.\r\n\r\nPassando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca.\r\n\r\n«Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente».","post_title":"All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo","post_date":"2022-09-28T10:06:57+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664359617000]}]}}