21 May 2024

1817

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Siramani t.o. ricerca figura commerciale inquadramento Enasarco per le seguenti regioni: Lombardia, Lazio, Piemonte.
E’ richiesta esperienza.
Riferimento e mail: commerciale@siramani.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467192 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alto i profitti del gruppo Emirates che negli ultimi due anni ha addirittura superato le perdite accumulate durante il periodo della pandemia. Per l'intero anno, chiuso lo scorso 31 marzo, il gruppo ha totalizzato utili per 18,7 miliardi di Dhs (5,1 miliardi di dollari), dei quali ben 17,2 miliardi di Dhs (4,7 miliardi di dollari) imputabili alla sola Emirates Airline, con un aumento di oltre il 60%. La compagnia aerea ha trasportato 51,9 milioni di passeggeri, con una capacità posti cresciuta del 21,4%; il load factor è salito al 79,9% rispetto al 79,5% dell'anno scorso. «Le prospettive di business sono positive, con proiezioni di una domanda forte e sostenuta per il trasporto aereo e i viaggi internazionali» ha affermato il presidente e amministratore delegato Ahmed bin Saeed Al Maktoum. «Emirates riceverà 10 nuovi aeromobili A350 nel 2024-25, che andranno ad arricchire la nostra flotta e a sostenere la prossima fase di crescita del suo network. dnata continuerà a sfruttare le sinergie e a espandersi tra le sue divisioni di business per far crescere la sua presenza e le sue capacità. Parallelamente, stiamo investendo risorse per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale, accrescere il nostro personale, prenderci cura dei nostri clienti e delle comunità che serviamo».  Il portfolio ordini di Emirates ammonta a 310 aeromobili, dopo aver annunciato al Dubai Airshow del 2023 ordini per un valore complessivo di 58 miliardi di dollari, per l’acquisto di 110 unità aggiuntive di Boeing 777, 787 e Airbus A350.  [post_title] => Emirates Group vola più alto che mai con profitti per oltre 5,1 miliardi di dollari [post_date] => 2024-05-13T12:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715603463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465682 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Palladium debutta negli Emirati con un Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences. La struttura alberghiera si trova sull'isola di Al Marjan a Ras Al Khaimah, una delle principali destinazioni turistiche e di investimento della regione. Comprenderà un club sulla spiaggia, un ristorante e una piscina a sfioro, tutti situati accanto Wynn Resort Island e con vista sul golfo d’Arabia. Il progetto annunciato sarà realizzato in collaborazione con Al Marjan e Almal Real Estate Development. "Questo è un triplo traguardo per l'azienda, poiché annunciamo il nostro debutto nella Penisola arabica, la crescita di un marchio emblematico per noi e il primo ingresso del gruppo nel segmento delle branded residences", commenta il ceo di Palladium Hotel Group, Jesús Sobrino. La novità segna anche il primo step di una prossima evoluzione del brand Ushuaïa Unexpected Hotels. Nato a Ibiza nel 2011 darà il via al marchio The Unexpected Hotels & Residences. Il processo sarà realizzato gradualmente a partire dalla fine di questa stagione estiva, culminando con la ristrutturazione entro il 2025 della Ushuaïa Tower, che sarà ribattezzata The Unexpected Ibiza Hotel. A partire dall'estate 2025 lo stabilimento di Playa d'en Bossa (Ibiza) sarà così caratterizzato dal rinnovato The Unexpected Ibiza Hotel, con 181 camere e suite, nonché dall'Ushuaïa Ibiza Beach Hotel, con 234 camere e suite. Successivamente il brand darà il benvenuto al suo primo progetto internazionale, con l’apertura dei The Unexpected Al Marjan Island Hotel e The Unexpected Al Marjan Island Residences, previste per il 2026. [post_title] => Palladium sbarca negli Emirati con il brand Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences [post_date] => 2024-04-17T09:33:30+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713346410000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani. In termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.   “Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari. [post_title] => Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection [post_date] => 2024-04-10T12:23:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712751830000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465016 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il treno storico di Trenord compie 100 anni nel 2024 e festeggia con una nuova meta: oltre al lago Maggiore è infatti possibile raggiungere da Milano anche il Lago di Como. Sarà domenica 14 aprile la prima corsa del treno storico, che tornerà sui binari per riproporre ai passeggeri nuovi viaggi da trascorrere nell’atmosfera degli anni ’20, sui sedili di velluto rosso delle carrozze di prima classe dagli interni in legno, in compagnia di personaggi in costume d’epoca che svolgeranno performance teatrali. A Laveno Mombello Lago, destinazione proposta nell’edizione 2023, quest’anno si aggiungerà quella nuova di Como Lago, stazione affacciata sulle rive del Lario. Restaurato nel biennio 2021-2022, il treno storico è composto da tre carrozze di prima classe AZ 130-136-137, costruite negli anni 1924-25, dal locomotore E 600-3, realizzato da OM-CGE nel 1928, e dal locomotore E 610-04, prodotto dalla Breda-CGE nel 1949, tutti completamente restaurati. Il biglietto speciale dedicato all’iniziativa comprende, al costo di 15,60 euro, il percorso di andata e ritorno sul treno storico, più il viaggio di andata e ritorno su treni Trenord da qualunque stazione della Lombardia a Milano, Saronno o Varese, per le corse dirette a Laveno. Per i ragazzi fino ai 13 anni il viaggio è gratuito. La corsa Milano-Como di domenica 14 aprile Il primo treno storico della stagione, domenica 14 aprile, partirà da Milano Cadorna alle ore 9.40; e arriverà alle ore 11.30 alla stazione di Como Lago, a pochi passi dalla riva del Lario. La fermata intermedia a Saronno è prevista alle 10.28, con ripartenza alle 10.35. Da Como, la corsa di rientro partirà alle ore 16.30, con fermata a Saronno alle ore 17.22 e arrivo a Milano Cadorna alle ore 18.17.   [post_title] => Trenord celebra i 100 anni del treno storico, da Milano ai laghi Maggiore e di Como [post_date] => 2024-04-08T10:36:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712572562000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464874 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una crescita della domanda globale di passeggeri del 21,5% (misurata in Rpk): i dati della Iata dello scorso febbraio confermano la parabola positiva del trasporto aereo rispetto allo stesso mese del 2023. La capacità totale, misurata in chilometri di posti disponibili (Ask), è aumentata del 18,7% rispetto all'anno precedente e il load factor di febbraio è stato dell'80,6% (+1,9 punti percentuali rispetto a febbraio 2023). «Il forte inizio del 2024 è proseguito a febbraio, con tutti i mercati ad eccezione del Nord America che hanno registrato una crescita a due cifre del traffico passeggeri - osserva il direttore generale, Willie Walsh -. Ci sono buone ragioni per essere ottimisti sulle prospettive del settore nel 2024, dato che le compagnie aeree accelerano gli investimenti nella decarbonizzazione e la domanda dei passeggeri mostra una certa resistenza di fronte alle incertezze geopolitiche ed economiche. È fondamentale che i politici resistano alla tentazione di fare cassa con nuove tasse che potrebbero destabilizzare questa traiettoria positiva e rendere i viaggi più costosi. In particolare, l'Europa è preoccupante perché sembra determinata a bloccare la sua lenta ripresa economica con proposte fiscali non competitive». In particolare, la domanda internazionale è aumentata del 26,3% rispetto all'anno scorso e la capacità è aumentata del 25,5%; il load factor è migliorato al 79,3% (+0,5 punti percentuali su febbraio 2023). La domanda nazionale è aumentata del 15,0% rispetto a febbraio 2023 a fronte di una crescita della capacità del 9,4% su base annua e il load factor è stato dell'82,6% (+4 punti percentuali rispetto a febbraio 2023). La nota dell'associazione delle compagnie aeree ricorda comunque che il 2024 è un anno bisestile e dunque febbraio contava un giorno in più rispetto al febbraio 2023: «Ciò amplifica leggermente la crescita della domanda e della capacità».     [post_title] => Iata: i dati di febbraio confermano il trend positivo, domanda di viaggio a +21,5% [post_date] => 2024-04-04T12:25:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712233530000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Proseguono i piani di espansione di B&B Hotels in Italia, che punta a superare quota 80 indirizzi nella Penisola già entro la fine di quest'anno. "Al momento siamo a 71 strutture, capaci di generare circa il 13% del fatturato totale del nostro gruppo", ha spiegato Liliana Comitini, ceo e presidente Italia, Slovenia e Ungheria della compagnia francese, in occasione dell'Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano. La sua divisione ha in particolare raggiunto nel 2023 un giro d'affari di 152 milioni di euro, con una marginalità pari a quasi il 30% (ebitda: 43,5 mln. Nel 2022 i valori erano 117 mln e 25 mln rispettivamente, ndr). A livello globale B&B Hotels è invece arrivata a 1,2 miliardi dai 945 milioni dell'anno precedente. Tra gli obiettivi di sviluppo in Italia del gruppo da qualche tempo ci sono anche le destinazioni leisure: "Recentemente abbiamo aperto a Bari, Trapani e Catania e vogliamo continuare lungo questa direzione. Cerchiamo però strutture in grado di rimanere aperte almeno una decina di mesi all'anno. Stiamo guardando alla montagna ma anche alle coste. Pensiamo in particolare che al Sud ci siano parecchie opportunità da esplorare". Con la prima recente apertura negli Usa, e prossimamente nel Regno Unito, gli obiettivi di B&B Hotel sono ambiziosi: superare la soglia dei 3 mila indirizzi a livello globale entro il 2030, di cui 150 solo in Italia. "Dall'anno scorso siamo aperti anche al franchising - ha aggiunto Liliana Comitini -. Certo, il nostro modello di sviluppo principale rimane quello delle gestioni dirette, ma in determinati contesti possiamo ora pensare anche alle affiliazioni commerciali. Nella nostra Penisola al momento  ne abbiamo già due. In linea generale cerchiamo strutture di dimensione compresa tra le 80 e le 120 camere. Ma anche a questo riguardo siamo piuttosto flessibili: non escludiamo infatti la possibilità di aggiungere al nostro portfolio alberghi più piccoli, soprattutto se si trovano in centro città e godono di ottimi livelli di occupazione. Allo stesso modo siamo disponibili anche a operare hotel più grandi, sempre che ci siano le condizioni per farlo". [post_title] => B&B Hotels si apre all'opzione leisure in Italia: focus sul Sud [post_date] => 2024-03-25T13:48:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711374495000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463824 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lo aveva già anticipato il direttore commerciale e marketing Stefano Maria Simei lo scorso giugno, quando la struttura era ancora in soft opening, ma ora arriva l'annuncio ufficiale: il prossimo maggio aprirà a Marsa Alam la prima proprietà a marchio Th Group in Egitto. Lo ha rivelato, nel corso della seconda edizione dell’Hotellerie Summit organizzato da Pambianco nella sede della Borsa di Milano, Graziano Debellini: "Portare all'estero le nostre gestioni è da tempo tra i nostri obiettivi. E in questo ci sta dando una mano anche il nostro tour operator Baobab", ha spiegato il presidente della compagnia. Th è il infatti già il gruppo leader della montagna italiana, con un fatturato che nel segmento genera più di 50 milioni di euro all'anno. Buona anche la presenza sul mare. "Ora vogliamo perciò espanderci soprattutto nelle città d'arte italiane ed europee, con il piano di sviluppare a breve anche un prodotto a 5 stelle. Presto faremo dei nuovi annunci". L'espansione del gruppo è ovviamente supportata dalla presenza di un partner finanziario come Cdp, entrato nella compagine padovana nel 2017: "Si tratta di un sostegno importante - ha raccontato sempre Debellini -. Fino agli anni 2000 avevamo infatti una buona marginalità. In seguito, prima l'arrivo dell'euro e poi la crisi globale innescata dal fallimento Lehman Brothers ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo quindi deciso di aprire il nostro capitale: nel 2011 è arrivo il gruppo Isa di Trento e sei anni più tardi Cdp: un fondo paziente che mira a valorizzare il territorio e che rimarrà sicuramente con noi almeno fino alle Olimpiadi invernali del 2026. Una prospettiva temporale che ci garantisce una certa sicurezza, al contrario di quello che avviene a volte con alcuni fondi internazionali che vengono da noi più da padroni che da partner". Oltra alla ristrutturazione e industrializzazione dei processi interni, l'apertura del capitale ha garantito a Th anche una crescita sostanziale dei volumi, passati dai circa 30 milioni di fatturato di inizio millennio ai 187 milioni di euro del 2023 con una marginalità del 4,7% (ebitda margin). La reddittività c'è, insomma, ma non è ancora elevatissima, "anche se chi consulta i nostri bilanci può vedere moltissimi ammortamenti - ha sottolineato Debellini -. Questo vuol dire che stiamo investendo e crescendo. Sono convinto che nel 2024 assisteremo a delle ottime sorprese. Mi aspetto un ebidta di almeno 10 milioni di euro. In fondo, negli Usa sono abituati ad aspettare cinque o sei anni prima di tirare le somme su una start-up. E noi siamo in linea da questa prospettiva". [post_title] => Debellini, Th: Cdp garantisce una stabilità sconosciuta a molti fondi stranieri [post_date] => 2024-03-19T12:55:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710852934000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1817" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":61,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467192","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volano alto i profitti del gruppo Emirates che negli ultimi due anni ha addirittura superato le perdite accumulate durante il periodo della pandemia. Per l'intero anno, chiuso lo scorso 31 marzo, il gruppo ha totalizzato utili per 18,7 miliardi di Dhs (5,1 miliardi di dollari), dei quali ben 17,2 miliardi di Dhs (4,7 miliardi di dollari) imputabili alla sola Emirates Airline, con un aumento di oltre il 60%.\r\n\r\nLa compagnia aerea ha trasportato 51,9 milioni di passeggeri, con una capacità posti cresciuta del 21,4%; il load factor è salito al 79,9% rispetto al 79,5% dell'anno scorso.\r\n\r\n«Le prospettive di business sono positive, con proiezioni di una domanda forte e sostenuta per il trasporto aereo e i viaggi internazionali» ha affermato il presidente e amministratore delegato Ahmed bin Saeed Al Maktoum.\r\n\r\n«Emirates riceverà 10 nuovi aeromobili A350 nel 2024-25, che andranno ad arricchire la nostra flotta e a sostenere la prossima fase di crescita del suo network. dnata continuerà a sfruttare le sinergie e a espandersi tra le sue divisioni di business per far crescere la sua presenza e le sue capacità. Parallelamente, stiamo investendo risorse per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale, accrescere il nostro personale, prenderci cura dei nostri clienti e delle comunità che serviamo». \r\n\r\nIl portfolio ordini di Emirates ammonta a 310 aeromobili, dopo aver annunciato al Dubai Airshow del 2023 ordini per un valore complessivo di 58 miliardi di dollari, per l’acquisto di 110 unità aggiuntive di Boeing 777, 787 e Airbus A350. ","post_title":"Emirates Group vola più alto che mai con profitti per oltre 5,1 miliardi di dollari","post_date":"2024-05-13T12:31:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715603463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465682","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Palladium debutta negli Emirati con un Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences. La struttura alberghiera si trova sull'isola di Al Marjan a Ras Al Khaimah, una delle principali destinazioni turistiche e di investimento della regione. Comprenderà un club sulla spiaggia, un ristorante e una piscina a sfioro, tutti situati accanto Wynn Resort Island e con vista sul golfo d’Arabia. Il progetto annunciato sarà realizzato in collaborazione con Al Marjan e Almal Real Estate Development. \"Questo è un triplo traguardo per l'azienda, poiché annunciamo il nostro debutto nella Penisola arabica, la crescita di un marchio emblematico per noi e il primo ingresso del gruppo nel segmento delle branded residences\", commenta il ceo di Palladium Hotel Group, Jesús Sobrino.\r\n\r\nLa novità segna anche il primo step di una prossima evoluzione del brand Ushuaïa Unexpected Hotels. Nato a Ibiza nel 2011 darà il via al marchio The Unexpected Hotels & Residences. Il processo sarà realizzato gradualmente a partire dalla fine di questa stagione estiva, culminando con la ristrutturazione entro il 2025 della Ushuaïa Tower, che sarà ribattezzata The Unexpected Ibiza Hotel. A partire dall'estate 2025 lo stabilimento di Playa d'en Bossa (Ibiza) sarà così caratterizzato dal rinnovato The Unexpected Ibiza Hotel, con 181 camere e suite, nonché dall'Ushuaïa Ibiza Beach Hotel, con 234 camere e suite. Successivamente il brand darà il benvenuto al suo primo progetto internazionale, con l’apertura dei The Unexpected Al Marjan Island Hotel e The Unexpected Al Marjan Island Residences, previste per il 2026.","post_title":"Palladium sbarca negli Emirati con il brand Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences","post_date":"2024-04-17T09:33:30+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713346410000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani.\r\n\r\nIn termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.\r\n\r\n \r\n\r\n“Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti\", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari.","post_title":"Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection","post_date":"2024-04-10T12:23:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712751830000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465016","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il treno storico di Trenord compie 100 anni nel 2024 e festeggia con una nuova meta: oltre al lago Maggiore è infatti possibile raggiungere da Milano anche il Lago di Como.\r\nSarà domenica 14 aprile la prima corsa del treno storico, che tornerà sui binari per riproporre ai passeggeri nuovi viaggi da trascorrere nell’atmosfera degli anni ’20, sui sedili di velluto rosso delle carrozze di prima classe dagli interni in legno, in compagnia di personaggi in costume d’epoca che svolgeranno performance teatrali.\r\nA Laveno Mombello Lago, destinazione proposta nell’edizione 2023, quest’anno si aggiungerà quella nuova di Como Lago, stazione affacciata sulle rive del Lario.\r\nRestaurato nel biennio 2021-2022, il treno storico è composto da tre carrozze di prima classe AZ 130-136-137, costruite negli anni 1924-25, dal locomotore E 600-3, realizzato da OM-CGE nel 1928, e dal locomotore E 610-04, prodotto dalla Breda-CGE nel 1949, tutti completamente restaurati.\r\nIl biglietto speciale dedicato all’iniziativa comprende, al costo di 15,60 euro, il percorso di andata e ritorno sul treno storico, più il viaggio di andata e ritorno su treni Trenord da qualunque stazione della Lombardia a Milano, Saronno o Varese, per le corse dirette a Laveno. Per i ragazzi fino ai 13 anni il viaggio è gratuito.\r\nLa corsa Milano-Como di domenica 14 aprile\r\nIl primo treno storico della stagione, domenica 14 aprile, partirà da Milano Cadorna alle ore 9.40; e arriverà alle ore 11.30 alla stazione di Como Lago, a pochi passi dalla riva del Lario. La fermata intermedia a Saronno è prevista alle 10.28, con ripartenza alle 10.35. Da Como, la corsa di rientro partirà alle ore 16.30, con fermata a Saronno alle ore 17.22 e arrivo a Milano Cadorna alle ore 18.17.\r\n ","post_title":"Trenord celebra i 100 anni del treno storico, da Milano ai laghi Maggiore e di Como","post_date":"2024-04-08T10:36:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712572562000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464874","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una crescita della domanda globale di passeggeri del 21,5% (misurata in Rpk): i dati della Iata dello scorso febbraio confermano la parabola positiva del trasporto aereo rispetto allo stesso mese del 2023. La capacità totale, misurata in chilometri di posti disponibili (Ask), è aumentata del 18,7% rispetto all'anno precedente e il load factor di febbraio è stato dell'80,6% (+1,9 punti percentuali rispetto a febbraio 2023).\r\n\r\n«Il forte inizio del 2024 è proseguito a febbraio, con tutti i mercati ad eccezione del Nord America che hanno registrato una crescita a due cifre del traffico passeggeri - osserva il direttore generale, Willie Walsh -. Ci sono buone ragioni per essere ottimisti sulle prospettive del settore nel 2024, dato che le compagnie aeree accelerano gli investimenti nella decarbonizzazione e la domanda dei passeggeri mostra una certa resistenza di fronte alle incertezze geopolitiche ed economiche. È fondamentale che i politici resistano alla tentazione di fare cassa con nuove tasse che potrebbero destabilizzare questa traiettoria positiva e rendere i viaggi più costosi. In particolare, l'Europa è preoccupante perché sembra determinata a bloccare la sua lenta ripresa economica con proposte fiscali non competitive».\r\n\r\nIn particolare, la domanda internazionale è aumentata del 26,3% rispetto all'anno scorso e la capacità è aumentata del 25,5%; il load factor è migliorato al 79,3% (+0,5 punti percentuali su febbraio 2023).\r\n\r\nLa domanda nazionale è aumentata del 15,0% rispetto a febbraio 2023 a fronte di una crescita della capacità del 9,4% su base annua e il load factor è stato dell'82,6% (+4 punti percentuali rispetto a febbraio 2023).\r\n\r\nLa nota dell'associazione delle compagnie aeree ricorda comunque che il 2024 è un anno bisestile e dunque febbraio contava un giorno in più rispetto al febbraio 2023: «Ciò amplifica leggermente la crescita della domanda e della capacità».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iata: i dati di febbraio confermano il trend positivo, domanda di viaggio a +21,5%","post_date":"2024-04-04T12:25:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712233530000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464238","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Proseguono i piani di espansione di B&B Hotels in Italia, che punta a superare quota 80 indirizzi nella Penisola già entro la fine di quest'anno. \"Al momento siamo a 71 strutture, capaci di generare circa il 13% del fatturato totale del nostro gruppo\", ha spiegato Liliana Comitini, ceo e presidente Italia, Slovenia e Ungheria della compagnia francese, in occasione dell'Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano.\r\n\r\nLa sua divisione ha in particolare raggiunto nel 2023 un giro d'affari di 152 milioni di euro, con una marginalità pari a quasi il 30% (ebitda: 43,5 mln. Nel 2022 i valori erano 117 mln e 25 mln rispettivamente, ndr). A livello globale B&B Hotels è invece arrivata a 1,2 miliardi dai 945 milioni dell'anno precedente.\r\n\r\nTra gli obiettivi di sviluppo in Italia del gruppo da qualche tempo ci sono anche le destinazioni leisure: \"Recentemente abbiamo aperto a Bari, Trapani e Catania e vogliamo continuare lungo questa direzione. Cerchiamo però strutture in grado di rimanere aperte almeno una decina di mesi all'anno. Stiamo guardando alla montagna ma anche alle coste. Pensiamo in particolare che al Sud ci siano parecchie opportunità da esplorare\".\r\n\r\nCon la prima recente apertura negli Usa, e prossimamente nel Regno Unito, gli obiettivi di B&B Hotel sono ambiziosi: superare la soglia dei 3 mila indirizzi a livello globale entro il 2030, di cui 150 solo in Italia. \"Dall'anno scorso siamo aperti anche al franchising - ha aggiunto Liliana Comitini -. Certo, il nostro modello di sviluppo principale rimane quello delle gestioni dirette, ma in determinati contesti possiamo ora pensare anche alle affiliazioni commerciali. Nella nostra Penisola al momento  ne abbiamo già due. In linea generale cerchiamo strutture di dimensione compresa tra le 80 e le 120 camere. Ma anche a questo riguardo siamo piuttosto flessibili: non escludiamo infatti la possibilità di aggiungere al nostro portfolio alberghi più piccoli, soprattutto se si trovano in centro città e godono di ottimi livelli di occupazione. Allo stesso modo siamo disponibili anche a operare hotel più grandi, sempre che ci siano le condizioni per farlo\".","post_title":"B&B Hotels si apre all'opzione leisure in Italia: focus sul Sud","post_date":"2024-03-25T13:48:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711374495000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463824","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lo aveva già anticipato il direttore commerciale e marketing Stefano Maria Simei lo scorso giugno, quando la struttura era ancora in soft opening, ma ora arriva l'annuncio ufficiale: il prossimo maggio aprirà a Marsa Alam la prima proprietà a marchio Th Group in Egitto. Lo ha rivelato, nel corso della seconda edizione dell’Hotellerie Summit organizzato da Pambianco nella sede della Borsa di Milano, Graziano Debellini: \"Portare all'estero le nostre gestioni è da tempo tra i nostri obiettivi. E in questo ci sta dando una mano anche il nostro tour operator Baobab\", ha spiegato il presidente della compagnia. Th è il infatti già il gruppo leader della montagna italiana, con un fatturato che nel segmento genera più di 50 milioni di euro all'anno. Buona anche la presenza sul mare. \"Ora vogliamo perciò espanderci soprattutto nelle città d'arte italiane ed europee, con il piano di sviluppare a breve anche un prodotto a 5 stelle. Presto faremo dei nuovi annunci\".\r\n\r\nL'espansione del gruppo è ovviamente supportata dalla presenza di un partner finanziario come Cdp, entrato nella compagine padovana nel 2017: \"Si tratta di un sostegno importante - ha raccontato sempre Debellini -. Fino agli anni 2000 avevamo infatti una buona marginalità. In seguito, prima l'arrivo dell'euro e poi la crisi globale innescata dal fallimento Lehman Brothers ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo quindi deciso di aprire il nostro capitale: nel 2011 è arrivo il gruppo Isa di Trento e sei anni più tardi Cdp: un fondo paziente che mira a valorizzare il territorio e che rimarrà sicuramente con noi almeno fino alle Olimpiadi invernali del 2026. Una prospettiva temporale che ci garantisce una certa sicurezza, al contrario di quello che avviene a volte con alcuni fondi internazionali che vengono da noi più da padroni che da partner\".\r\n\r\nOltra alla ristrutturazione e industrializzazione dei processi interni, l'apertura del capitale ha garantito a Th anche una crescita sostanziale dei volumi, passati dai circa 30 milioni di fatturato di inizio millennio ai 187 milioni di euro del 2023 con una marginalità del 4,7% (ebitda margin). La reddittività c'è, insomma, ma non è ancora elevatissima, \"anche se chi consulta i nostri bilanci può vedere moltissimi ammortamenti - ha sottolineato Debellini -. Questo vuol dire che stiamo investendo e crescendo. Sono convinto che nel 2024 assisteremo a delle ottime sorprese. Mi aspetto un ebidta di almeno 10 milioni di euro. In fondo, negli Usa sono abituati ad aspettare cinque o sei anni prima di tirare le somme su una start-up. E noi siamo in linea da questa prospettiva\".","post_title":"Debellini, Th: Cdp garantisce una stabilità sconosciuta a molti fondi stranieri","post_date":"2024-03-19T12:55:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1710852934000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]}]}}

Lascia un commento